• Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
141
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
0
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Dal semplice video al Diario Digitale di viaggio |Formazione Turismohttp://www.formaz ioneturismo.com/in- evidenz a/dal- semplice- video- al- diario- digitale- di- viaggio March 11, 2013Tra i tanti temi che non abbiamo ancora approfondito nella nostra rubrica di MarketingTerritoriale c’è il valore dei video e di come tutte le immagini in movimento siano fondamentalinella presentazione di un territorio.Tralasciando gli aspetti tecnici e la portata virale che un video ben costruito è in grado ditrasmettere al fruitore finale, molto ben riassunti e descritti da Nicoletta Polliotto nell’articoloVideo e Viral Market ing: Gemelli del Goal, Landexplorer vorrebbe soffermarsi su alcuneproblematiche che spesso vengono relegate in secondo piano soprattutto per mancanza ditempo nella pianificazione strategica e negli obiettivi che questa tipologia di video si prefiggono.———-Innanzitutto distinguiamo se il video è realizzat o dall’of f ert a t urist ica, in collaborazione constudi o agenzie specializzate, oppure, come accade sempre più spesso, se il video viene girat odal visit at ore del territorio con i più disparati dispositivi di cui dispone (dalla classicavideocamera alla fotocamera, senza dimenticare tablet o smartphone).Se l’ offerta turistica, privata o pubblica, decide di creare videodi promozione turistica e territoriale delle proprie zone, quasisempre decide di affidarsi ad un professionista o ad un’agenziacui spetta il compito di realizzare il prodotto video. A questopunto l’at t enzione viene rivolt a sugli aspet t i t ecnici al f inedi pot erlo sf rut t are il più possibile (video ad alta definizioneper fiere o passaggi televisivi, media/bassa definizione per ilweb, spezzoni dello stesso video assemblati per promopubblicitari, etc…) mentre che cosa f ar vedere divent a piùuna “conseguenza” che uno dei primi obiet t ivi del lavoro. Ilrisultato finale è giungere ad un ottimo video, davvero benfatto, ma… ritrae spesso e volentieri le zone già conosciut edal t urist a senza creare alt ro valore aggiunt o alladest inazione t urist ica. Al primo errore, quello cioè di mostraresolo la bella cartolina di un dato territorio, ormai molto noto achi segue questa rubrica, se ne aggiunge subito un altro: ilvisitatore non può crearsi la famosa “mappa mentale” dellazona che sta visitando e questo determina il terzo errore: ungiudizio parziale, palese e scontato. Questo ciclo si conclude, per l’operatore turistico moltoattento all’immagine del proprio territorio, a ricercare un altro partner con cui iniziare una nuovaforma di promozione territoriale!Quando un escursionista o un turista decidono, invece, di girare di propria iniziativa un video,inconsapevolmente, agiscono in due direzioni:1. document ano la loro esperienza di viaggio, le loro primissime sensazioni e dove sono stati(questi sono già alcuni indicatori sui quali bisognerà lavorare sodo nelle future stagioni turisticheperchè troppe volte “ignorati”);2. i video girati dai turisti sicuramente verranno visionat i da parent i e amici (contribuendo allaformazione del passaparola positivo o negativo!), ma, soprattutto grazie ai Social Media,verranno caricati e visionati sui vari canali di Video Sharing (pensiamo a YoutTube, Vimeo,etc…).
  • 2. In questo caso diventa importante raccogliere le informazioni che vengono chiaramenteespresse nei possibili dialoghi registrati ma anche, e soprattutto, in ciò che non viene rif erit o oviene sot t int eso.Mi spiego meglio: le st at ist iche ci “narrano” un t urist a medio, che ricerca una serie di bellezzeculturali o naturali, con particolari esigenze e, se possibile, una certa propensione di spesa.Chiaramente non ci “narrano” che cosa vuole il singolo t urist a: ecco quindi che il videospontaneo permette una raccolta maggiore di informazioni molto particolareggiate e preciseche possono diventare una fonte di conoscenza per aumentare, specialmente in piccole realtàricettive extralberghiere, la permanenza nella struttura giocando la carta della“specializzazione“.Sempre sulla tematica che oggi affrontiamo c’è da sottolineare la nascita dei primi “Diari digit alidi viaggio”, veri e propri video capaci di narrare un territorio che presentano forti componenti diMarketing Territoriale. In questo momento la regione Basilicat a è la prima a sperimentarequesta tipologia di promozione e, grazie ad una sinergia tra pubblico e privato, ha permesso lanarrazione di alcune at mosf ere poco conosciut e del proprio territorio dando spazio a 7giovani artisti internazionali di esprimere al meglio le proprie doti portando sotto la luce deiriflettori una Basilicata insolita. Digit al Diary of It aly è il canale YouTube dove è possibilereperire tutti i video, valutare il progetto nel suo complesso e votare il proprio cortometraggiopreferito che sarà scelto come video rappresentativo della Basilicata.Infine, in grado di “inserire” nella scena chi sta guardando il cortometraggio, persino facendolointeragire, non si può non citare la campagna video pubblicit aria della Svizzera che inpochissimo tempo, grazie alla portata virale, ha portato a raggiungere numeri altissimi di “Like”alla pagina ufficiale Facebook “Myswitzerland” ed un canale YouTube sempre con nuovicontenuti.Anche questa volta siamo giunti alla conclusione di questo post. Se siete interessati acomprendere se il vostro video sia in grado di narrare il t errit orio, oppure se un cliente stiacercando di proporvi qualche alternativa valida in grado di far crescere il vostro businessturistico non esitate a contattarci.Commenta il post o vieni a trovarci sul Forum o nella community Google+.Alla prossima!Samuel Piana – Landexplorer è una agenzia di web marketing territoriale turistico,specializzata nella consulenza, analisi, pianificazione e comunicazione di progetti dipromozione territoriale, strutture ricettive, PMI ed organizzazione di eventi culturali.Puoi contattarci scrivendo a info@landexplorer.it. Seguici su Facebook, twitter oppurevisita il nostro canale youtube.