Your SlideShare is downloading. ×
Il consumo: tracce di un percorso multidisciplinare per i LICEI ECONOMICO SOCIALI
Il consumo: tracce di un percorso multidisciplinare per i LICEI ECONOMICO SOCIALI
Il consumo: tracce di un percorso multidisciplinare per i LICEI ECONOMICO SOCIALI
Il consumo: tracce di un percorso multidisciplinare per i LICEI ECONOMICO SOCIALI
Il consumo: tracce di un percorso multidisciplinare per i LICEI ECONOMICO SOCIALI
Il consumo: tracce di un percorso multidisciplinare per i LICEI ECONOMICO SOCIALI
Il consumo: tracce di un percorso multidisciplinare per i LICEI ECONOMICO SOCIALI
Il consumo: tracce di un percorso multidisciplinare per i LICEI ECONOMICO SOCIALI
Il consumo: tracce di un percorso multidisciplinare per i LICEI ECONOMICO SOCIALI
Il consumo: tracce di un percorso multidisciplinare per i LICEI ECONOMICO SOCIALI
Il consumo: tracce di un percorso multidisciplinare per i LICEI ECONOMICO SOCIALI
Il consumo: tracce di un percorso multidisciplinare per i LICEI ECONOMICO SOCIALI
Il consumo: tracce di un percorso multidisciplinare per i LICEI ECONOMICO SOCIALI
Il consumo: tracce di un percorso multidisciplinare per i LICEI ECONOMICO SOCIALI
Il consumo: tracce di un percorso multidisciplinare per i LICEI ECONOMICO SOCIALI
Il consumo: tracce di un percorso multidisciplinare per i LICEI ECONOMICO SOCIALI
Il consumo: tracce di un percorso multidisciplinare per i LICEI ECONOMICO SOCIALI
Il consumo: tracce di un percorso multidisciplinare per i LICEI ECONOMICO SOCIALI
Il consumo: tracce di un percorso multidisciplinare per i LICEI ECONOMICO SOCIALI
Il consumo: tracce di un percorso multidisciplinare per i LICEI ECONOMICO SOCIALI
Il consumo: tracce di un percorso multidisciplinare per i LICEI ECONOMICO SOCIALI
Il consumo: tracce di un percorso multidisciplinare per i LICEI ECONOMICO SOCIALI
Il consumo: tracce di un percorso multidisciplinare per i LICEI ECONOMICO SOCIALI
Il consumo: tracce di un percorso multidisciplinare per i LICEI ECONOMICO SOCIALI
Il consumo: tracce di un percorso multidisciplinare per i LICEI ECONOMICO SOCIALI
Il consumo: tracce di un percorso multidisciplinare per i LICEI ECONOMICO SOCIALI
Il consumo: tracce di un percorso multidisciplinare per i LICEI ECONOMICO SOCIALI
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Il consumo: tracce di un percorso multidisciplinare per i LICEI ECONOMICO SOCIALI

280

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
280
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Il consumo Piste per un percorso multidisciplinare1
  • 2. Il consumo come tema multidisciplinare• Si propone qui una breve pista di indagine su alcuni aspetti connessi al tema del “consumo”, al fine di: o individuare un tema di natura economica; o leggere le sue articolazioni in rapporto prevalente con le altre scienze umane; o proporre un esempio di attività multidisciplinare da svolgere nel LES, in particolare nel 5^ anno.2
  • 3. Il consumo come tema multidisciplinareIl consumo è studiato:• dalle scienze umane presenti nel LES (economia, diritto, antropologia, sociologia, psicologia, metodologia della ricerca);• dalle discipline umanistiche (filosofia, storia).3
  • 4. Cenni di storia del consumo in Occidente: il mondo anticoNel mondo antico e per gran parte medievale il consumo eraconsiderato nel contesto di una natura limitata, dalle risorsefinite, dall’ordine stabilito.Da qui:• l’ideale di un uso regolato dei beni;• l’accumulo di denaro (mezzo, mai fine) come contro natura;• il ricorso alla ricchezza per il bene della famiglia e della polis, non come interesse esclusivamente privato;• un’idea di virtù come uso regolato dei beni.(vedi Aristotele, Etica Nicomachea, Libro IV)4
  • 5. Cenni di storia del consumo in Occidente: la società mercantile moderna• Con il formarsi della società mercantile in Italia e nelle più avanzate regioni europee, fin dal tardo medioevo si modifica l’idea negativa dell’uso del denaro e in generale della ricchezza.• Ciò comporta: o una legittimazione via via crescente della ricchezza come valore; o un uso individuale del denaro e dei beni non più giustificato dalla sua dimensione sociale; o l’uso del tempo, del denaro, dei beni come fattore di ascesa sociale. 5
  • 6. Cenni di storia del consumo in Occidente: la società industriale • Con l’avvento della società industriale e l’affermarsi della cultura borghese la produzione di beni diventa fattore decisivo della prosperità di una nazione. • Il denaro e il consumo di beni diventano fattore trainante dell’ascesa sociale. • Si crea un circuito “virtuoso” tra produzione, ricchezza, consumo, prestigio sociale.6
  • 7. Cenni di storia del consumo in Occidente: la società post-industriale • Lo sviluppo planetario del modello industriale pone dei problemi via via crescenti, apparsi fin dalla pubblicazione de I limiti dello sviluppo, commissionato al MIT dal Club di Roma nel 1972. • In questa simulazione del processo di produzione e consumo si predicono le conseguenze della continua crescita della popolazione sullecosistema terrestre e sulla stessa sopravvivenza della specie umana. • Con lattuale tasso di crescita della popolazione, dellindustrializzazione, dellinquinamento, della produzione e dello sfruttamento delle risorse naturali, si andrà incontro a un declino improvviso e incontrollato.7
  • 8. Cenni di storia del consumo in Occidente: la società post-industrialeNel 1992 è stato pubblicato un primoaggiornamento del Rapporto e nel 2004 unsecondo aggiornamento, dal titolo Limits toGrowth: The 30-Year Update.Sposta laccento dallesaurimento dellerisorse alla degradazione dellambiente,vi si afferma che la crescita della popolazionee della produzione industriale comporta sia ilrapido consumo delle risorse, chelincontrollato inquinamento dell’ecosistema.Si riaffaccia così la consapevolezza, cheriprende in altra forma il pensiero antico, chela Terra non è infinita né come serbatoio dirisorse, né come discarica di rifiuti.8
  • 9. Le teorie economiche del consumo• Il primo economista a formulare una funzione di consumo fu linglese John Maynard Keynes, secondo il quale il reddito di cui dispongono le famiglie rappresenta la componente principale della spesa per consumi.• Altri economisti hanno evidenziato come il consumo attuale dipenda, oltre che dal reddito attuale, anche dal reddito futuro, dalle possibilità di risparmio, dalla disponibilità di credito e dagli interessi offerti dalle banche.• Secondo la teoria del ciclo vitale, che è stata formulata principalmente dalleconomista Franco Modigliani, le scelte di consumo dipendono dal reddito che si percepisce nonché dal rapporto tra gli anni che prevediamo di vivere e quelli che presumiamo di trascorrere lavorando.• La teoria del reddito permanente, elaborata dallo statunitense Milton Friedman, parte dallipotesi che non tutto il reddito guadagnato dallindividuo resta fisso nel corso dellintera vita lavorativa. Esso infatti è soggetto a fluttuazioni continue nel corso del tempo, alcune delle quali si rivelano transitorie mentre altre sono definitive. Il consumo è considerato funzione solo del reddito permanente. 9
  • 10. Il consumo come sistema simbolico• Il consumo, da elemento del sistema economico, diventa sempre più chiaramente un fattore simbolico.• Esso si collega all’immaginario e soddisfa desideri legati sempre più all’identità e sempre meno ai bisogni vitali.• La nascita e la diffusione della pubblicità accentua questa tendenza, portando sempre più alla costruzione dei bisogni e la loro saturazione tramite il consumo.• La pubblicità, da illustrazione del bene diventa progressivamente costruzione del mondo vitale che il bene pubblicizzato permette di abitare.• Dalla merce come bene pregevole alla merce come “atmosfera”. 10
  • 11. Psicologia dei consumi • Sempre più la relazione che i consumatori instaurano con le marche dei prodotti è di tipo simbolico. Il consumo di certi prodotti diviene una via privilegiata per esprimere le proprie preferenze, i propri gusti, le proprie possibilità economiche. • Si costruiscono stili di vita attraverso la scelta di beni che esprimono la nostra identità. • La Psicologia dei Consumi studia i fattori e le dinamiche che spiegano gli atteggiamenti, le opinioni, le scelte e i comportamenti legati al consumo. Mira a comprendere i fenomeni di consumo studiando la percezione, lapprendimento, la memoria, gli effetti della persuasione, i processi identitari nella società Pubblicità di un’auto contemporanea.11
  • 12. Politica e consumo • Sul piano dell’identità politica emerge una strisciante trasformazione da cittadino a consumatore. La proposta politica, non solo in fase elettorale, utilizza le strategie del marketing e vende un prodotto più che aggregare in un progetto politico. • I margini di azione e la capacità di critica e controllo da parte dei cittadini è sempre più simile a quella di un consumatore rispetto al produttore (minacce di boicottaggio, class action…).12
  • 13. Produzione, consumo e deumanizzazione• Alcuni intellettuali, a partire dalla fine degli anni ’60, espressero una critica serrata alla società dei consumi. La scuola di Francoforte, e in particolare Herbert Marcuse, con L’uomo ad una dimensione (1964), critica la svolta consumistica della società tardo-industriale.• L’uomo contemporaneo si è ridotto ad una sola dimensione, quella del produrre e del consumare, avendo perso il senso di ciò che rende la vita degna di essere vissuta: l’eros, l’immaginazione, la creatività, il sentimento, l’espressione di sé.• Analogamente Erich Fromm, nel suo Avere o essere? (1976), mostra che l’uomo si trova a dover scegliere tra i valori dell’avere (possesso, consumo, denaro) e i valori dell’essere (le relazioni interpersonali, l’amore, l’apertura all’altro).• In ogni caso consumismo e produttivismo riducono l’uomo alla sola dimensione dell’agire economico, di fatto deumanizzandolo. 13
  • 14. Etica e consumo• In ambito filosofico, soprattutto dopo la riflessione di Hans Jonas (Il principio responsabilità, 1979) si affaccia il problema ecologico e il nesso con una nuova etica della responsabilità.• La potenza tecnologica espressa dall’uomo contemporaneo lo ha reso pericoloso per sé, per la natura e per gli equilibri dell’ecosistema, al punto da minacciare la stessa sopravvivenza dell’umanità su questo pianeta.• Si impone quindi un’etica responsabile verso l’ambiente e le generazioni future, garantendo a chi verrà dopo noi almeno le stesse condizioni di vita e di libertà di cui oggi godiamo.• Di fronte ai mutamenti climatici, all’esaurimento delle risorse, alla pericolosità intrinseca di certe produzioni si impone quindi una revisione degli attuali modelli di sviluppo e di consumo. 14
  • 15. Dalla crescita alla decrescita• Contro il modello di sviluppo basato su produzione e consumo si è sviluppato un complesso di idee che propone modelli culturali alternativi al consumismo.• Le proposte dei sostenitori della decrescita si sviluppano: o a livello micro con la scelta di stili di vita detti di semplicità volontaria; o a livello macro ristrutturando le attività economiche al fine di ridurre limpronta ecologica, gli sprechi energetici, limpatto ambientale, le disuguaglianze sociali. Serge Latouche• I sostenitori della decrescita affermano che la crescita economica - intesa come accrescimento costante del Prodotto Interno Lordo (PIL) - non porta a un maggior benessere.• Il miglioramento delle condizioni di vita deve quindi essere ottenuto non con laumento dei consumo di merci ma con il miglioramento dei rapporti sociali, dei servizi collettivi, della qualità ambientale. 15
  • 16. Il consumo digitaleLa diffusione di Internet e la digitalizzazione di molti prodotticulturali hanno prodotto una nuova tipologia di consumo, quellodigitale, rivolto a prodotti riproducibili e scambiabili a costiinsignificanti.Video, musica, libri, software, ecc. possono essere condivisi:• costruendo un ambito di scambio gratuito peer to peer;• azzerando il costo del bene in fase di acquisto;• costruendo forme inedite di mercato (ad es. Spotify, noleggio in streaming);• violando le leggi vigenti sul copyright.E’ in atto un dibattito su condizioni, potenzialità e legittimità diquesto mercato, quando non è mirante alla frode ma al soloconsumo individuale.16
  • 17. Un nuovo concetto: i beni comuniI "beni comuni" (commons) sono risorse chediversi individui utilizzano per interessi privatie nella quale i diritti di proprietà non sonochiaramente definiti ed assicurati in modo dapreservarli.Ne sono un esempio, l’aria, l’acqua, ilpaesaggio, le risorse ittiche, ecc. Tale difficoltàha portato a coniare il termine “tragedia deibeni comuni” introdotto da Garrett JamesHardin in un suo famoso articolo, The Tragedyof the Commons , pubblicato su “Science” nel1968.La società dei consumi sta portando adallargare il concetto di bene comune e adefinirne un utilizzo sostenibile.17
  • 18. Le parole chiave: produzione consumo domanda-offerta teorie del consumo crescita- decrescita mercato sostenibilità18
  • 19. Le parole chiave: Status sociale Pubblicità Moda19
  • 20. Le parole chiave: diritti del consumatore class action etichette copyright beni comuni20
  • 21. Le parole chiave: rito collasso cultura materiale21
  • 22. Le parole chiave: persuasione consenso simbolo desiderio22
  • 23. Le parole chiave: natura etica ambientale deumanizzazione responsabilità23
  • 24. mercato etica ambientale responsabilità marketing moda consumosostenibilità pubblicità crescita- decrescita copyright beni comuni 24
  • 25. Verifiche e attività • Utilizzando le competenze fornite dalla Metodologia della ricerca, la classe può, oltre alle verifiche tradizionali, affrontare un’analisi sul territorio, ecc. • delle forme di consumo di determinati prodotti per settori di popolazione (bevande alcoliche, tabacco, alimenti equo-solidali, ecc.) • della diffusione di determinati comportamenti (gioco d’azzardo, • uso di social network, condivisione peer to peer di musica o video, ecc.)25
  • 26. Verifiche e attività • Costruire un video, o scrivere un racconto, o stendere un breve saggio su (ad esempio:) La merce se venduta si perde, se usata si consuma; le idee se condivise arricchiscono chi le riceve senza impoverire chi le dona.26
  • 27. Note bibliografiche• Bibliografia• Aristotele, Etica Nicomachea• Denaro e Bellezza. I Banchieri, Botticelli e il rogo delle vanità, Giunti Editore 2011• N. Olivero , V. Russo, Manuale di Psicologia dei Consumi , McGraw-Hill, Milano 2008• Garrett Hardin, The Tragedy of the Commons , Science, 162, pp.1243-1248• E. Fromm, Avere o essere?, Mondadori, Milano, 1977• H. Marcuse, L’uomo a una dimensione (1964) Einaudi, Torino 1967• Diamond, Collasso,• H. Jonas, Il principio responsabilità. Unetica per la civiltà tecnologica, (1979), Einaudi, Torino, 1990• S. Latouche Come si esce dalla società dei consumi. Corsi e percorsi della decrescita, Bollati Boringhieri, Torino, 2011• M. Pallante, Meglio e meno. Decrescere per progredire, Bruno Mondadori, Milano, 2011 27

×