Due problemi sull’utilizzo delle Neuroscienze in Giurisprudenza
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Due problemi sull’utilizzo delle Neuroscienze in Giurisprudenza

on

  • 1,391 views

di Fausto Caruana ...

di Fausto Caruana
Dipartimento di neuroscienze
Università di Parma

Convegno "Le neuroscienze incontrano le altre discipline"
Padova, Palazzo del Bo
6 maggio 2011

Il convegno è promosso dall’Università di Padova e dal Dipartimento di Psicologia generale della stessa università, con il sostegno della Fondazione Sigma Tau e della Fondazione Giannino Bassetti.

Statistics

Views

Total Views
1,391
Views on SlideShare
1,391
Embed Views
0

Actions

Likes
1
Downloads
35
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Apple Keynote

Usage Rights

CC Attribution-NonCommercial-ShareAlike LicenseCC Attribution-NonCommercial-ShareAlike LicenseCC Attribution-NonCommercial-ShareAlike License

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment
  • \n
  • Quali sono le scienze cognitive\n Qui solleviamo alcuni problemi \n
  • \n
  • La vicenda giudiziaria riguardava la richiesta di risarcimento promossa dai genitori di un minore, Jason Daubert, affetto dalla nascita  da una grave malformazione che come in altri casi dell'epoca secondo alcune expert testimonies dovevano attribuirsi all'uso durante la gravidanza, di un farmaco il Benedictin prodotto dal Colosso Merrell Dow Pharmaceuticals e venduto in oltre 33 milioni di esemplari solo in USA. \nVari giudici avevano respinto analoghe domande assumendo che le tesi degli attori non erano supportate da convincenti studi o dati statistici e cozzavano contro la prevalente opinione dell'ambiente medico che negava ogni legame di evidenza tra le malformazioni ed il farmaco. \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • Phineas P. Gage (Lebanon, 8 luglio ? 1823 – San Francisco, 21 maggio 1860) è stato un operaio capocantiere statunitense addetto alla costruzione di ferrovie.\nÈ conosciuto per essere diventato uno dei casi di studio più famosi in neurologia (citato come "American Crowbar Case") in seguito a un incidente sul lavoro avvenuto nel pomeriggio del 13 settembre 1848 vicino alla città di Cavendish, nel Vermont, mentre inseriva una carica esplosiva in una roccia che doveva essere fatta saltare in aria perché bloccava il passaggio della linea ferroviaria in costruzione.\nA causa dell'esplosione accidentale della polvere da sparo, il ferro di pigiatura che Gage stava usando per compattarla schizzò in aria attraversando la parte anteriore del suo cranio, provocando un forte trauma cranico ai lobi frontali del cervello.\nMiracolosamente sopravvissuto all'incidente, già dopo pochi minuti Gage era di nuovo cosciente e in grado di parlare; nel giro di tre settimane poté alzarsi dal letto e uscire di casa in autonomia. La sua personalità però aveva subito radicali modifiche, al punto che gli amici non lo riconoscevano più e i vecchi datori di lavoro si rifiutarono di riprenderlo con sé.\nSi crede che l'incidente di cui fu vittima abbia causato l'enorme cambiamento nella sua personalità emotiva e relazionale, trasformandolo in una persona talmente priva di freni inibitori sul piano verbale, da risultare irosa ed asociale, ed un cambiamento della sua capacità di fare previsioni sulla base dei dati acquisiti, rendendolo incapace di valutare i rischi delle sue azioni.\nGli studi sulle condizioni di Gage hanno apportato grandi cambiamenti nella comprensione clinica e scientifica delle funzioni cerebrali e della loro localizzazione nel cervello, soprattutto per quanto riguarda le emozioni e la personalità. È anche in seguito alle riflessioni teoriche avviate in conseguenza di questo caso che, per alcuni decenni della metà del XX secolo, sono stati usati metodi, oggi in totale disuso, come la lobotomia prefrontale per curare certi tipi di disturbi del comportamento.\n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n

Due problemi sull’utilizzo delle Neuroscienze in Giurisprudenza Due problemi sull’utilizzo delle Neuroscienze in Giurisprudenza Presentation Transcript

  • Due problemi sull’utilizzo delleNeuroscienze in Giurisprudenza Fausto Caruana Dipartimento di Neuroscienze Università di Parma
  • Quali sono gli ambiti in cui le Scienze Cognitive possonocontribuire al progresso della Scienza Forense?• Psicologia della Percezione• Psicologia della Memoria• Psicologia del ragionamento controfattuale• Psicologia della decisione (tutela del consumatore)• Studio dei profili di personalità• Genetica• Lie Detection• Libero ArbitrioLa scienza forense ha l’esigenza di comprendere “la mente” umana:• Attendibilità di una traccia mnemonica• Capacità percettive• Menzogna
  • Quanto è affidabile una testimonianza? Psicologia della Memoria Fleshbulb memories: ricordi correlati ad un eventopubblico significativo Intervista investigativa & “misinformation effect” (il casoMcMartin)Psicologia della PercezioneIl filtraggio spaziale nel sistema visivo e ladegradazione dell’immagine in relazionealla distanza--------------------------PsicopatologiaPsicopatia vs Comportamento AntisocialeGeneticaInnatismo vs Empirismo
  • Utilizzo delle neuroscienze in sede giudiziaria: il giudice come gatekeeperIl giudice deve valutare l’idoneità dell’oggetto della prova(a) Frye approach (Fry v. US, 54 App DC 46 1923). Nel determinare se ammettere una prova scientifica, il giudice deve considerare se la base scientifica è generalmente accettata (general acceptance) dalla comunità scientifica di riferimento.(b) Daubert approach (Daubert v. Merrell Dow Pharmaceuticals Inc. 579 1993). Il giudice deve considerare: (1) la testabilità della teoria/tecnica; (2) la peer review/ pubblicazione; (3) l’indicizzazione delle percentuali di errore; (4) gli standard di applicabilità/replicabilità In Italia, sentenza Franzese (SSUU,10 Luglio 2002 n. 30328): non è consentito dedurre automaticamente dal coefficiente di probabilità espresso dalla legge statistica la conferma, o meno, dell’ipotesi accusatoria sull’esistenza del nesso causale, poiché il giudice deve verificarne la validità nel caso concreto.
  • È auspicabile che la giurisprudenza incorpori in totole scoperte neuroscientifiche? Due problemi: (1) Il problema della libertà d’agire (2) Il problema della “neuro- mania”
  • Libero Arbitrio & Giustizia Retributiva• Giustizia Retributiva è una teoria della giustizia che considera la punizione una risposta al crimine moralmente accettabile , se proporzionata• Backward-looking• È un concetto comune a culture diverse nel mondo, ed ha rappresentato un modello anche in Italia fino a pochi anni fa (anni ’70)• È contrapposta alla teoria della Giustizia Consequenzialista, secondo la quale la punizione ha come scopo l’ottenimento del benessere futuro massimo per la società, come ad esempio la riduzione del crimine• Forward-looking• È opinione diffusa che la prima teoria è maggiormente implicata con l’assunzione del libero arbitrio
  • Il concetto di Libertà d’agire è alla base delle nozione di colpaNei Lavori Preparatori al Codice Penale del 1930 si argomenta lanecessità di porre il libero arbitrio quale presupposto filosofico dellanozione di colpa e responsabilità:“Un codice che disconosce il principio della libera facoltà diautodeterminazione delluomo sarebbe un codice banditore di immoralitàperché, distrutto il principio delle responsabilità delle azioni umanefondato sulla libera volontà, il delitto e la pena ci apparirebberonellindividuo e nello Stato come una doppia infelicitas fati e le azioniumane si affermerebbero dominate da una legge fatale, dalla qualerisulterebbe distrutto ogni concetto di bene e di male, di merito e didemerito, di virtù e di vizio, di innocenza e di colpa e perciò di premio e dicastigo, di ricompensa e di pena” (Gulotta, 2002).
  • La libertà d’agire e il concetto di azione volontaria• Le neuroscienze oggi ridefiniscono il concetto di individuo, in particolare ricollocando “la mente” nel “corpo” (concezione meccanicista e determinista)• Gli studi neuroscientifici sollevano il problema del determinismo in maniera più diretta, in due sensi (a) Specifica: le neuroscienze possono dirci se certi particolari comportamenti sono determinati (da fattori patologici, o genetici, etc) (b) Generale: la nostra volontà cosciente è causa delle nostre azioni? Aspetto Specifico È possibile studiare l’incapacità di intendere e volere mediante l’impiego di valutazioni neuroscientifiche - incapacità di distinguere il bene dal male
  • “In some cases, the criminal justice system has accommodated well the lessons of neurobiology. If someone with epilepsy, in the course of a seizure, flails and strikes another person, that epileptic would never be considered to have criminally assaulted the person who they struck. But in earlier times, that is exactly what would have been concluded, and epilepsy was often assumed to be a case of retributive demonic possession.” R. Sapolsky, 2004"Il delitto è doloso […], quando levento dannoso […], che è il risultatodellazione […], è dallagente preveduto e voluto come conseguenza dellapropria azione" Codice Penale, art.43“Vizio totale di mente: non è imputabile chi, nel momento in cui ha commessoil fatto, era, per infermità, in tale stato di mente da escludere la capacitàdintendere o di volere” Codice Penale, art.88
  • • La corteccia prefrontale costituisce una porzione di cervello sempre maggiore quanto più si risale la scala evolutiva• Tra le sue funzioni, controllo/inibizione del comportamento• Mediante integrazione di informazioni molteplici (esperienza pregressa, vincoli sociali, afferenze viscerali).• Soppressione dei comportamenti impulsivi (connessioni inibitorie con il sistema limbico)
  • NON TUTTI SONO LIBERI?Un sistema di controllo degli impulsi danneggiato … Phineas Gage 13.XI.1848 • Lesione della corteccia prefrontale • Nessun deficit osservabile (linguistico, motorio, etc) • Buona capacità di distinguere giusto/sbagliato • Mancato controllo inibitorio (marcatore somatico) • Condotta antisociale
  • • 1969-1979. Lavora come ‘test driver’. Sposato, con figli.• 1979. Emorragia subaracnoidea da rottura di aneurisma dell’arteria comunicante anteriore. L’arteria pericallosa destra viene clippata. Dimissioni dopo 1 mese.• Riprende il lavoro, ma inizia a ‘prendere in prestito’ auto della ditta, e le abbandona vicino a casa.• È consapevole dell’illegalità, ma dice che lo fa per scherzare.• Nei successivi 17 anni, viene arrestato 8 volte. ‘Prende in prestito’ c.ca 100 auto.• Nessun deficit di linguaggio, attenzione, memoria, calcolo, coordinazione motoria, visuospaziale, ragionamento.• Normali test sulle funzioni prefrontali (decision-making)
  • • 40anni, buono stato di salute. Nessun problema sociale o coniugale.• 2000. Trovato in possesso di materiale pornografico, pedopornografia inclusa. Tutto il materiale è stato raccolto in un solo anno.• Inizia a frequentare prostitute (ma sente la cosa inaccettabile - “the pleasure principle overrode”. Fa avances sessuali alla figliastra, preadolescente. Trovato colpevole, viene assegnato ad un programma di riabilitazione per la dipendeza-sessuale, ma fa avances sessuali allo staff e a clienti del centro di riabilitazione, e viene espulso.• Prima della prigione, lamenta mal di testa. All’esame neurologico, si osservano ritardi nel movimento oculare, una modesta flessione nasolabiale e diverse risposte anormali della regione facciale. Deambulazione a base allargata. Memoria e altre funzioni cognitive intatte. Aprassia.• La MRI rivela una massa tumorale che coinvolge la corteccia orbitofrontale destra.• Dopo l’intervento, miglioramento dei sintomi fisici e porta a termine
  • Collisione:queste persone sono responsabili delle loro azioni?• Gazzaniga: “nella misura in cui il determinismo neuroscientifico è corretto, la punizione non solo è priva di senso, ma è anche immorale”.• Morse: “L’errore psicologico è credere che la causazione, in particolare se anormale, sia una scusa. Questo errore conduce a creare nuove scuse per ogni nuova ‘sindrome’ che gioca un ruolo nel comportamento. Ogni azione è causata da eventi cerebrali. Descrivere questi eventi e affermarne efficacia causale non è di interesse legale”• Sapolski. Alcuni casi sono universalmente giudicati non colpevoli. Ma esiste una differenza tra il mondo dello scienziato e quello del giudice. Lo scienziato cerca di non ragionare con categorie dai confini netti:
  • NESSUNO E’ LIBERO? La libertà d’agire e il concetto di azione volontariaAlla base della dottrina ufficiale c’è l’idea che, sebbene possaessere limitato in determinate circostanze, il nostro agire èvolontario, liberoQuando agiamo, lo facciamo sotto il controllo della nostra liberavolontà? • David Hume definisce la volontà come: “nothing but the internal impression we feel and are conscious of, when we knowingly give rise to any new motion of our body, or new perception of our mind” (1739/1888). • Tuttavia la volontà è anche considerata una forza, il motore delle nostre azioni
  • La corteccia motoria supplementarePre-SMA (F6)• Difficilmente stimolabile;• Stimolazione: movimenti lenti e complessi del braccio• Attività precedente il movimento• Fronto-dipendente;• Connette informazioni motivazionali e comandi esecutivi• Funzione inibitoria del movimento programmato?SMA-Proper (F3)• Facilmente stimolabile;• Muscolatura prossimale e assiale• Mappa somatotopica completa (Homunculus)• Attività time-locked con il movimento• Connessioni con motoria primaria e corteccia
  • Movimenti sequenziali controllati dalla corteccia motoria supplementare (indipendente dal tipo di movimento muscolare)(B) Selettività del neurone all’ultimo passaggio della sequenza indipendentemente dal tipo di movimento(A) Selettività del neurone al tipo di sequenza
  • La corteccia motoria supplementare aumenta la sua attività primadel movimento. • La corteccia motoria supplementare inizia la sua attività c.ca 1 secondo prima dell’inizio del movimento • Questa attività rappresenta il contributo corticale alla pianificazione premotoria dell’azione volontaria • Ma quando, in relazione alla nostra intenzione di muoverci?
  • Intenzione, Movimento e Volontà Readiness PotentialBenjamin LibetIntenzione di agire:206ms prima dell’azionePiano preparatorio:
  • Attività neuroni in SMA fino a 1500msprima della decisione 256 neuroni sono sufficienti per predirela decisione nell’80% delle prove già700ms prima della decisione coscientenel soggetto
  • Le neuroscienze mostrano un quadro tale per cui il soggetto coscientecrededi essere autore di azioni le quali tuttavia hanno cause di cui non èconsapevole “Lazione inizialmente viene avviata in qualche parte del cervello, e subito partono i segnali verso i muscoli, che si fermano un istante sulla loro strada per dire a voi, lagente cosciente, che cosa succede (ma, come tutti i buoni ufficiali, fanno in modo che voi, il goffo presidente, conserviate lillusione di essere quello che ha dato il via a tutto)" Daniel Dennett• Pazienti Commissurotomizzati• Comunicazione interemisferica interrotta• Comando dato all’emisfero destro• Richiesta di spiegazione all’emisfero sinistro(dotato di linguaggio, ma inconsapevole dellamotivazione)• Spiegazione confabulatoria• In assenza di informazioni, il cervello ricostruiscespiegazioni post-hoc delle proprie azioni permantenere un quadro di coerenza globale Michael Gazzaniga
  • Il resoconto neuroscientifico influenza la nostra visione della responsabilità (e dell’assoluzione)?• ‘Noi’ ci identifichiamo con il nostro ‘io’ cosciente• Le nostre azioni (anche quelle criminali) sono programmate ed eseguite indipendentemente dal nostro ‘io’ cosciente• ‘Noi’ ne siamo gli autori?• La punizione colpisce il nostro ‘io’ cosciente
  • 1. Soluzione Anarchica: accettare tutti i risultati scientificiNon si può rifiutare un risultato scientifico esclusivamente a causa delle spiacevoli conseguenze pratiche. Una soluzione del “nessuno è colpevole”.Due possibili conseguenze:1. Tutti liberi: in nessun caso si può dire che il soggetto cosciente sia responsabile di un’azione; l’azione è sempre frutto di meccaniche inconsce. Non essendo responsabile, il soggetto non ha colpa. Quindi non è punibile.2. Abbandono del modello retributivo (e concetto di colpa, merito, responsabilità) per un modello consequenzialista. Ma è altrettanto valido?
  • 2. Soluzione Pragmatica: ignorare i risultati scientificiÈ possibile rifiutare le conclusioni del nostro ragionamento in diversi modi:1. Rifiuto dell’interpretazione del dato (“siamo liberi”)2. Compatibilismo: rifiuto dell’assunzione per cui il determinismo nega il libero arbitrio (“il concetto di libertà si applica alle azioni, non alla volontà”)3. Rifiuto della rilevanza della spiegazione della causa (la responsabilità è dell’individuo, non del cervello. L’individuo si percepisce come libero. La responsabilità è un’attribuzione sociale, non un ingrediente neurobiologico)
  • 3. Soluzione Diplomatica: accettare alcuni risultati scientificiSi potrebbe considerare il resoconto scientifico solo in certi casi.1. Ignorare il dato sulla natura pre-cosciente dell’azione (riguarda tutti gli individui)2. Considerare il dato relativo alle conseguenze del comportamento sociale di una lesione prefrontale, o ad argomenti di natura genetica (riguarda casi particolari) Questa soluzione prevede: • una maggiore comprensione del limite posto tra “determinazione” e “maggiore inclinazione” • una collaborazione tra giudice e neuroscienziato;
  • Grazie