Uploaded on

VERSO UNA NEUROPSICOPATOLOGIA …

VERSO UNA NEUROPSICOPATOLOGIA
Padova 11 maggio 2012

  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
675
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
14
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. LE NEUROSCIENZE TRA SPIEGAZIONE DELLA VITA E CURA DELLA MENTE 11 maggio 2012 Università di Padova Aula Nievo, Palazzo del Bo, via VIII Febbraio VERSO UNA NEUROPSICOPATOLOGIA Davide Liccione UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI SCUOLA LOMBARDA DI PAVIA PSICOTERAPIA PAVIA-PADOVA WWW.SLOP.ITvenerdì 11 maggio 2012
  • 2. Scienza & Filosofia La natura, sia quella fisica sia quella psichica, risponde nell’esperimento sempre e soltanto a ciò che le si chiede.venerdì 11 maggio 2012
  • 3. Il filosofo deve vedere dietro le spalle del fisico ciò che lo stesso fisico non vede… Ma è pericoloso lasciare troppa libertà al filosofo… Come non interessarsi dunque alla scienza (esperienza nella sua forma più regolata) per sapere che cosa sia la natura?venerdì 11 maggio 2012
  • 4. venerdì 11 maggio 2012
  • 5. venerdì 11 maggio 2012
  • 6. • Cos’è una condizione psicopatologica? • Quando dovremmo adottare una spiegazione causale vs. motivazionale? • Quali sono le intuizioni o i principi (regole) che spingono gli psichiatri a scegliere tra spiegazioni causali e non causali? • Qual è il limite tra cause e motivi? Meynen, G. & Verburgt, J (2009).venerdì 11 maggio 2012
  • 7. CAUSA SPIEGAZIO MENTE CERVELLO (CORPO) FUNZION ORGANIC MOTIVO COMPRENvenerdì 11 maggio 2012
  • 8. Quale causa ? • Concetto humeano di causa – Gli antecedenti e i conseguenti sono logicamente indipendenti es: fiammifero – esplosione (SE UN FIAMMIFERO DA FUOCO A UN ESPLOSIVO IO POSSO DESCRIVERE PERFETTAMENTE IL FIAMMIFERO SENZA DESCRIVERE L’ESPLOSIONE) • Intenzione & Azione – Motivo & Progetto – Non posso enunciare i motivi della mia azione, senza collegare questi motivi all’azione di cui essi sono il motivo. Il motivo è al tempo stesso mozione del volere e giustificazione (es.: adesso vado a studiare perché domani avrò l’esame e mivenerdì 11 maggio 2012
  • 9. Causa del decesso ? Il signor Rossi sta consumando la sua colazione tranquillamente seduto all’aperto nel bar della piazza. A un certo punto due uomini armati entrano nel bar, estraggono le pistole e iniziano a sparare verso il proprietario del locale. Nel corso della sparatoria un proiettile vagante perfora il cranio del signorvenerdì 11 maggio 2012
  • 10. Causa del decesso ? Il signor Rossi è seduto al bar della piazza quando, improvvisamente, si alza in piedi e si spara un colpo al cranio procurandosi lesioni cranio-cerebrali mortali.venerdì 11 maggio 2012
  • 11. Causa vs. motivo spiegare vs. comprenderevenerdì 11 maggio 2012
  • 12. Causa vs. motivo spiegare vs. comprendere Dilthey: scienza della natura, scienza dello spirito. La vita ha in se stessa la capacità di superarsi tramite significati. La vita coglie la vita solo attraverso le unità di significato che si elevano al di sopra del flusso storico.venerdì 11 maggio 2012
  • 13. Causa vs. motivo spiegare vs. comprenderevenerdì 11 maggio 2012
  • 14. Causa vs. motivo spiegare vs. comprendere E. Anscombe: Teoria dell’azione. EVENTI CHE SI VERIFICANO NELLA NATURA E AZIONI FATTE DAGLI UOMINI. CAUSA E RAGIONE. “WHY” E “BECAUSE OF”.venerdì 11 maggio 2012
  • 15. Causa vs. motivo spiegare vs. comprenderevenerdì 11 maggio 2012
  • 16. J. Parnas & L. Sass (2008). On Description, Understanding, and Explanation in Psychiatry. In: Philosophical issuess in psichiatry (Kendler & Parnas eds.) Criterio della Criterio della (non) comprensione. comprensione. Contenuti la cui Contenuti la cui articolazione articolazione interna interna è non è accessibile accessibile attraverso la attraverso la comprensione comprensione empatica allora si empatica allora si utilizza il dispositivo utilizza il concettuale della dispositivo spiegazione causale- concettuale della efficiente della fisica/ comprensione biologia del sistema nervosovenerdì 11 maggio 2012
  • 17. J. Parnas & L. Sass (2008). On Description, Understanding, and Explanation in Psychiatry. In: Philosophical issuess in psichiatry (Kendler & Parnas eds.) K. Jaspers Criterio della Criterio della (non) comprensione. comprensione. Contenuti la cui Contenuti la cui articolazione articolazione interna interna è non è accessibile accessibile attraverso la attraverso la comprensione comprensione empatica allora si empatica allora si utilizza il dispositivo utilizza il concettuale della dispositivo spiegazione causale- concettuale della efficiente della fisica/ comprensione biologia del sistema nervosovenerdì 11 maggio 2012
  • 18. QUANDO CONTA SOLO O QUASI LA SPIEGAZIONE CAUSALITA’ quasi lineare: Vespa di Mare (Chironex Fleckeri) Veleno cardiotossico e neurotossico…dopo la puntura…restano 2-3 MINUTI di vitavenerdì 11 maggio 2012
  • 19. QUANDO CONTA SOLO O QUASI LA SPIEGAZIONE AI FINI TERAPEUTICIvenerdì 11 maggio 2012
  • 20. QUANDO LA MOTIVAZIONE E’ INDISPENSABILE AI FINI DIAGNOSTICI E TERAPEUTICI SVILUPPO DI UN DISTURBO CLAUSTROFOBICO IN PROSSIMITA’ DEL MATRIMONIO DEPRESSIONE REATTIVA IN SEGUITO ALLA PERDITA DEL POSTO DI LAVORO ECC.venerdì 11 maggio 2012
  • 21. P. Ricoeur (Dal testo Il carattere intenzionale di un’azione è pienamente riconosciuto quando la risposta alla domanda «Che cosa?» è spiegata in funzione della domanda «Perché?». E qui deve entrare il motivo, la ragione di, non la causa. Il motivo oltre a spiegare che cosa è successo offre un insieme di sentimenti o di disposizioni personali, offre un senso all’azione, lavenerdì 11 maggio 2012
  • 22. Essere umano come Körper, come «cosa» tra le cose vs. essere umano come Leib e come «Chi?»venerdì 11 maggio 2012
  • 23. • Il corpo è al mondo nel modo del «soggetto-oggetto», risponde alle regole della natura e a quelle della personalità. • Il «corpo proprio» fonda l’incontro tra i due giochi di linguaggio • il corpo come «Io-posso», come l’insieme del potere e del non potere (Merleau-Ponty)venerdì 11 maggio 2012
  • 24. Causa vs. motivo spiegare vs. comprendere G. H. VON WRIGHT (1971) EXPLANATION AND UNDERSTANDING CONDIZIONI DELLA SPIEGAZIONE INTERVENTO INTENZIONALE NEL MONDO CONDIZIONI DELLA COMPRENSIONE L’INTENZIONE (CAUSA E INIZIATIVA DELL’AGENTE) INCLUDE IL MOTIVO PERCHE’ L’INTERVENTO NEL CORSO DELLE COSE IMPLICA CHE NOI SEGUIAMO L’ARTICOLAZIONE DEI SISTEMI NATURALIvenerdì 11 maggio 2012
  • 25. L’uomo è tale perché appartiene al tempo stesso al regime della causalità e a quello della motivazione CAUSALITA’ MOTIVAZIONE SENZA SENZA MOTIVAZIONE CAUSALITA’venerdì 11 maggio 2012
  • 26. Empirically based pluralism LA MOLTEPLICITA’ DELLE CAUSE SENZA UN CRITERIO ESPLICATIVO IN GRADO DI RENDERE CONTO DEI DIVERSI MODI DI ACCEDERE AL FENOMENO NPS NON AFFRONTA IL PROBLEMA.venerdì 11 maggio 2012
  • 27. Empirically based pluralism LA MOLTEPLICITA’ DELLE CAUSE SENZA UN CRITERIO ESPLICATIVO IN GRADO DI RENDERE CONTO DEI DIVERSI MODI DI ACCEDERE AL FENOMENO NPS NON AFFRONTA IL PROBLEMA.venerdì 11 maggio 2012
  • 28. • CARNE & CORPO • DIMENSIONE TEMPORALE DELL’ESISTENZA UMANAvenerdì 11 maggio 2012
  • 29. CAUSA IMPERSONALE ATEMPORALE y=f(x) MOTIVO INDIVIDUALE TEMPORALEvenerdì 11 maggio 2012
  • 30. IL CARATTERE TEMPORALE DELL’ESPERIENZA UMANA: IL TEMPO DIVENTA TEMPO UMANO NEL MOMENTO IN CUI VIENE ESPRESSO SECONDO UN MODULO NARRATIVO IPSEITA’ CORPO IPSEITA’ CORPO IPSEITA’ CORPO CARNE CARNE CARNE RACCONT RACCONT RACCONT O DI SE’ O DI SE’ O DI SE’ IDENTITA’ NARRATIVAvenerdì 11 maggio 2012
  • 31. Neuropsicopatologia CORPO- CARNE- Patologie non Patologie Le patologie non storiche sono quelle che risultano comprensibili perlopiù alla luce della causalità fisico-biologica. Il dispositivo concettuale da utilizzarsi sarà perlopiù di tipo causale con pochi riferimenti alla specifica storia di vita del paziente. Le patologie storiche sono quelle che risultano comprensibili perlopiù alla luce della specifica storia di vita del paziente, e quindi appartengono perlopiù al dispositivo concettuale della motivazione/intenzione. DUALISMO SEMANTICOvenerdì 11 maggio 2012
  • 32. SINDROME DI DOWN CEREBROPATIA PERINATALE STORICHEvenerdì 11 maggio 2012 TRAUMA CRANIO- PATOLOGIE NON ENCEFALICO SCHIZOFRENIA CLAUSTROFOBIA DEPRESSIONE REATTIVA STORICHE PATOLOGIE SUICIDIO
  • 33. PATOLOGIE DELL’IPSEITA’ IPSEITA’ CORPO CARNE - Disturbi pervasivi dello sviluppo - Schizofrenia «Ho perduto il contatto con me stesso», «Non mi sento unito a me stesso», «Non mi sento a RACCONTO DI SE’ mio agio con me stesso». Non comprensibilità di Jaspersvenerdì 11 maggio 2012
  • 34. PATOLOGIE NON STORICHE ACQUISITE IPSEITA’ CORPO CARNE - ENCEFALITE ERPETICA (virus herpes simplex tipo 1 (HVS-1)) - SINDROME FRONTALE POST- TRAUMA CRANICO RACCONTO DI SE’ Non comprensibilità di Jaspersvenerdì 11 maggio 2012
  • 35. PATOLOGIE STORICHE DA ALTERAZIONE DELL’IDENTITA’ PERSONALE IPSEITA’ CORPO CARNE RACCONTO ES.: ipocondria: “Ho avuto paura di DI SE’ Identità avere un infarto…ero convinto di avere narrativa un infarto…”venerdì 11 maggio 2012
  • 36. PATOLOGIE STORICHE DA ALTERAZIONE DELL’IDENTITA’ PERSONALE IPSEITA’ CORPO CARNE RACCONTO DI SE’ Identità narrativa DEPRESSIONE REATTIVA: Ho perso tutto…non riesco più a uscire di casa, mi vergogno, vorrei farla finita…venerdì 11 maggio 2012
  • 37. DUALISMO SEMANTICO & NEUROPSICOLOGIA IL RAPPORTO TRA PSICOLOGIA E NEUROSCIENZE DEVE ESSERE COME UNA TRADUZIONE FRA DUE LINGUAGGI SPECIALISTICI CHE CERCANO DI DIRE DIVERSAMENTE LA STESSA COSA O QUASI LA STESSA COSA. PROPRIO IL QUASI E’ IL SENSO DELLA DIFFERENZA CHE IMPEDISCE CHE I LINGUAGGI SI RIDUCANO A UNO, SECONDO IL SOGNO POSITIVISTICO DI UNA SCIENZA UNIFICATA.venerdì 11 maggio 2012