Dalla Business Intelligence alla Economic Intelligence.

561 views
517 views

Published on

Presentata all'evento Oracle Business Analytics svoltosi a Roma il 7 dicembre u.s.

Published in: Business
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
561
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
14
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide
  • Economic Intelligence demands easy discovery
  • Potevamo oggi come tutti, parlarvi delle 3 V: volume, velocità e varietà.Essendo in un museo, come questo, ci sarebbe stato forse più facile parlare delle tre R (Richelieu)...
  • ....o più semplicemente delle tre L (Lotto). Ma abbiamo scelto di provocare un pò di riflessione sui temi della evoluzione della Business Intelligence. Un tema meno tecnologico e speriamo più adatto ad una sessione come questa, che vuole stimolare discussione e confronto.
  • La Business Intelligence la conoscete tutti. A vari livelli di maturità è stata implementata da tutti ed ha permesso, nel corso degli ultimi 15 anni, di avere una comprensione chiara ed efficace dei propri processi interni e delle interazioni con il mondo esterno, soprattutto in termini di rapporto con la propria clientela (processi CRM e finanziari).
  • In questo ultimo periodo però tre nuove forze stanno cambiando lo scenario per le aziende e le istituzioni e permettono di guardare alle necessità analitiche in una prospettiva diversa. La prima, sicuramente, è la crisi globale. Essa sta cambiando lo scenario economico, sociale e competitivo in cui tutti noi ci muoviamo.
  • La seconda è la DISPONIBILITA’ di nuovi dati, cosa fino a poco tempo fa impensabile. Open Data, dati acquisibili da istituzioni quali la banca d’italia, l’istat, le camere di commercio, i comuni, integrati con i dati interni, con i dati acquisibili da società specializzate, ma soprattutto con dati che sono disponibili su Internet, ci permettono di fare analisi prima molto difficilmente realizzabili.
  • La seconda è la DISPONIBILITA’ di nuovi dati, cosa fino a poco tempo fa impensabile. Open Data, dati acquisibili da istituzioni quali la banca d’italia, l’istat, le camere di commercio, i comuni, integrati con i dati interni, con i dati acquisibili da società specializzate, ma soprattutto con dati che sono disponibili su Internet, ci permettono di fare analisi prima molto difficilmente realizzabili.
  • La terza è la tecnologia. La forza con cui tecnologie quali Hadoop, noSql, i sistemi ingegnerizzati, gli inMemory DBs, gli strumenti di Information Discovery stanno emergendo a partire dal loro utilizzo in aziende di successo quali Amazon, eBay, Facebook, Toyota ma anche – in Europa – alcune punte di diamante quali La Caixa in Spagna, BT e Vodafone in UK, Nykredit in Danimarca, BMW in Germania ci devono far guardare a queste tecnologie come un potenziale strumento di aumento dell’efficacia operativa da parte di tutte le aziende.
  • Le domande classiche a cui la Business Intelligence permette di rispondere sono: quali sono state le vendite del prodotto X nel corso dell’ultimo mese ? come sono distribuite sul territorio ? quali incrementi / decrementi ho avuto rispetto al medesimo periodo dell’anno scorso ? e rispetto al periodo precedente ? qual è il forecast di vendita del prossimo trimestre ?Oppure, se non volessimo parlare di vendita ma di servizi offerti al cittadino:Quante visite specialistiche sono state effettuate nel corso dell’ultimo mese ?Come sono distribuite sul territorio ? quali incrementi / decrementi ho avuto rispetto al medesimo periodo dell’anno scorso ?La BI quindi permette, in due parole, di ottenere una fotografia, meglio una serie di fotografie sullo stato della propria azienda o ente ed eventualmente proiettare questo in termini di forecast futuro.
  • Le domande classiche a cui la Business Intelligence permette di rispondere sono: quali sono state le vendite del prodotto X nel corso dell’ultimo mese ? come sono distribuite sul territorio ? quali incrementi / decrementi ho avuto rispetto al medesimo periodo dell’anno scorso ? e rispetto al periodo precedente ? qual è il forecast di vendita del prossimo trimestre ?Oppure, se non volessimo parlare di vendita ma di servizi offerti al cittadino:Quante visite specialistiche sono state effettuate nel corso dell’ultimo mese ?Come sono distribuite sul territorio ? quali incrementi / decrementi ho avuto rispetto al medesimo periodo dell’anno scorso ?La BI quindi permette, in due parole, di ottenere una fotografia, meglio una serie di fotografie sullo stato della propria azienda o ente ed eventualmente proiettare questo in termini di forecast futuro.
  • Ma è sufficiente ? Non sarebbe utile chiedersi invece domande del tipo:Qual è il mio marketshare (o come lo si chiama adesso il walletshare) per il prodotto X ? Qual è la concorrenza presente sul territorio X dove le mie vendite sono in calo ? come posso estendere la mia clientela potenziale in modo da recuperare il calo di vendite ? Ci sono altri fattori che possono spiegare il mio calo di vendite ?Oppure, declinando le medesime domande in ambito servizi: ci sono fattori che spiegano il calo di richieste di visite specialistiche nella zona X e l’aumento nella zona Y ?Come posso rendere più efficiente il mio livello di servizio al cittadino ? qual è la popolazione che sta usando questo servizio e perchè ?
  • La Business Intelligence è finalizzata a supportare, e in qualche caso ad automatizzare, processi di misurazione, controllo e analisi dei risultati e delle performance aziendali (sistemi di reporting e di visualizzazione grafica di varia natura, cruscotti più o meno dinamici, sistemi di analisi storica, sistemi di "allarme" su fuori norma o eccezioni, ecc.), e processi di decisione aziendale in condizioni variabili di incertezza (sistemi di previsione, di predizione, di simulazione e di costruzione di scenari alternativi, ecc.), il tutto integrato nel classico processo generale di "misurazione, analisi, decisione, azione"
  • L’ Economic Intelligence si pone un obiettivo più ampio, e molto più sfidante: comprendere le dinamiche dell’ecosistema economico in cui l’azienda o l’istituzione si muove al fine di modulare le proprie azioni in modo da “cavalcare” le dinamiche ai propri fini.
  • Questo ora è possibile: creare un mosaico di informazioni, che a partire dai dati interni, interrelandoli con informazioni proveniente da OpenData, oppure da Internet permetta di fare analisi più profonde e di passare dal “Cosa sta accadendo ? “ al “Come sta accadendo ?” e “Perchè sta accadendo ?” .
  • Diventa però fondamentale modificare il paradigma architetturale di riferimento ed affiancare ai classici strumenti di Business Intelligence e di DWH degli strumenti più snelli, che permettano di associare facilmente, meglio automaticamente, le informazioni provenienti da fonti diverse, eterogenee, strutturate e non strutturate e navigarle con semplicità.
  • Oracle ha fatto e continua a fare grossi investimenti in questo senso: a partire dal “ringiovanire” le classiche architetture di DWH con sistemi ingegnerizzati quali Exadata e strumenti avanzati di Data Integration ...passando per la capacità di acquisizione e trasformazione di grossi moli di dati con la Big Data Appliance, che integra al suo interno Hadoop, un DB noSql e una serie di connettori per BigData... ... Ma soprattutto con una infratruttura analitica che permette di affiancare ai classici strumenti di analisi relazionale e multidimensionale, potenziati dall’ingegnerizzazione in Exalytics degli stessi con un in-Memory DB...
  • Oracle ha fatto e continua a fare grossi investimenti in questo senso: a partire dal “ringiovanire” le classiche architetture di DWH con sistemi ingegnerizzati quali Exadata e strumenti avanzati di Data Integration ...passando per la capacità di acquisizione e trasformazione di grossi moli di dati con la Big Data Appliance, che integra al suo interno Hadoop, un DB noSql e una serie di connettori per BigData... ... Ma soprattutto con una infratruttura analitica che permette di affiancare ai classici strumenti di analisi relazionale e multidimensionale, potenziati dall’ingegnerizzazione in Exalytics degli stessi con un in-Memory DB...
  • Oracle ha fatto e continua a fare grossi investimenti in questo senso: a partire dal “ringiovanire” le classiche architetture di DWH con sistemi ingegnerizzati quali Exadata e strumenti avanzati di Data Integration ...passando per la capacità di acquisizione e trasformazione di grossi moli di dati con la Big Data Appliance, che integra al suo interno Hadoop, un DB noSql e una serie di connettori per BigData... ... Ma soprattutto con una infratruttura analitica che permette di affiancare ai classici strumenti di analisi relazionale e multidimensionale, potenziati dall’ingegnerizzazione in Exalytics degli stessi con un in-Memory DB...
  • ... Uno strumento di Information Discovery, Endeca, che permette di integrare dati strutturati (siano essi interni o Open o acquisiti da società specializzate) con dati non strutturati (sia file e documenti interni ma anche informazioni provenienti da siti web, da blog, da social.. E volendo anche file audio, foto, stream di informazioni...) ecc.
  • ... Uno strumento di Information Discovery, Endeca, che permette di integrare dati strutturati (siano essi interni o Open o acquisiti da società specializzate) con dati non strutturati (sia file e documenti interni ma anche informazioni provenienti da siti web, da blog, da social.. E volendo anche file audio, foto, stream di informazioni...) ecc.
  • Inconclusione, è importante valutare come questo cambiamento tecnologico e di disponibilità di dati possa essere uno strumento di innovazione e di vantaggio competitivo. Un fattore critico affinchè questa trasformazione abbia successo è sicuramente
  • Inconclusione, è importante valutare come questo cambiamento tecnologico e di disponibilità di dati possa essere uno strumento di innovazione e di vantaggio competitivo. Un fattore critico affinchè questa trasformazione abbia successo è sicuramente
  • Inconclusione, è importante valutare come questo cambiamento tecnologico e di disponibilità di dati possa essere uno strumento di innovazione e di vantaggio competitivo. Un fattore critico affinchè questa trasformazione abbia successo è sicuramente
  • Dalla Business Intelligence alla Economic Intelligence.

    1. 1. Dalla Business Intelligencealla Economic IntelligenceFlavio VenturiniSenior Director, Business AnalyticsRoma, Galleria Nazionale di Arte Moderna7 dicembre 20121 Copyright © 2012, Oracle and/or its affiliates. All rights reserved.
    2. 2. Potevamo oggi come tutti, parlarvi delle 3 V: volume, velocità e varietà. Essendo in un museo, ci sarebbe stato forse più facile parlare delle tre R di Richelieu...2 Copyright © 2012, Oracle and/or its affiliates. All rights reserved.
    3. 3. ....o più semplicemente delle L di Lorenzo Lotto. Ma abbiamo scelto di provocare un pò di riflessione sui temi della evoluzione della Business Intelligence. Un tema meno tecnologico e speriamo più adatto ad una sessione come questa, che vuole stimolare discussione e confronto.3 Copyright © 2012, Oracle and/or its affiliates. All rights reserved.
    4. 4. La Business Intelligence la conoscete tutti. A vari livelli di maturità è stataimplementata da tutti ed ha permesso, nel corso degli ultimi 15 anni, di avere una comprensione chiara ed efficace dei propri processi interni e delle interazioni con il mondo esterno, soprattutto in termini di rapporto con la propriaclientela (processi CRM e finanziari). 4 Copyright © 2012, Oracle and/or its affiliates. All rights reserved.
    5. 5. In questo ultimoperiodo però tre nuove forze stanno La prima, sicuramente, è la cambiando lo crisi globale. scenario per le aziende e le istituzioni e Essa sta cambiando lo permettono di scenario economico, sociale e guardare alle competitivo in cui tutti noi ci necessitàanalitiche in una muoviamo.. prospettiva diversa. 5 Copyright © 2012, Oracle and/or its affiliates. All rights reserved.
    6. 6. La seconda è laDisponibilità di nuovi dati, cosa fino a poco tempo fa impensabile: Open Data, dati acquisibili da istituzioni quali la Banca d’Italia, l’Istat, le Camere di Commercio, i Comuni 6 Copyright © 2012, Oracle and/or its affiliates. All rights reserved.
    7. 7. Disponibilità La seconda è la di nuovi dati, cosa fino a poco tempo fa impensabile: ... Integrati con i dati interni, con i dati acquisibili da società specializzate ma soprattutto con dati che sono disponibili su Internet, ci permettono di fare analisi prima molto difficilmente realizzabili. 7 Copyright © 2012, Oracle and/or its affiliates. All rights reserved.
    8. 8. La terza è laTecnologia i sistemi La forza con cui tecnologie quali ingegnerizzati /gli in Memory DBs appliance il linguaggio R stanno emergendo a partire dal loro utilizzo in aziende di successo quali Amazon, eBay, Facebook, Toyota ma anche – in Europa – alcune punte di diamante quali La Caixa in Spagna, BT e Vodafone in UK, Nykredit in Danimarca, BMW in Germania ci devono far guardare a queste tecnologie come un potenziale strumento di aumento dell’efficacia operativa da parte di tutte le aziende. o 8 Copyright © 2012, Oracle and/or its affiliates. All rights reserved.
    9. 9. Oppure, se non volessimoLe domande classiche a cui la parlare di vendita ma diBusiness Intelligence permette di servizi offerti al cittadino:rispondere sono: -Quante visite specialistiche-quali sono state le vendite del sono state effettuate nelprodotto X nel corso dell’ultimo corso dell’ultimo mese ?mese ? -Come sono distribuite sul- come sono distribuite sul territorio ?territorio ? - quali incrementi /- quali incrementi / decrementi ho decrementi ho avuto rispettoavuto rispetto al medesimo al medesimo periodoperiodo dell’anno scorso ? dell’anno scorso ?- e rispetto al periodo precedente ?- qual è il forecast di vendita delprossimo trimestre ? 9 Copyright © 2012, Oracle and/or its affiliates. All rights reserved.
    10. 10. La BI quindi permette, in due parole, di ottenere unafotografia, meglio una serie di fotografie sullo stato della propria azienda o ente ed eventualmente proiettare questo in termini di forecast futuro.10 Copyright © 2012, Oracle and/or its affiliates. All rights reserved.
    11. 11. Non sarebbe utile chiedersi Oppure, declinando leinvece domande del tipo: medesime domande in-Qual è il mio marketshare ambito servizi:per il prodotto X ? - ci sono fattori che- Qual è la concorrenza spiegano il calo di richiestepresente sul territorio X di visite specialistiche nelladove le mie vendite sono in zona X e l’aumento nellacalo ? zona Y ?- come posso estendere la -Come posso rendere piùmia clientela potenziale in efficiente il mio livello dimodo da recuperare il calo servizio al cittadino ?di vendite ? - qual è la popolazione che- Ci sono altri fattori che sta usando questo serviziopossono spiegare il mio calodi vendite ? Ma è sufficiente ? e perchè ? 11 Copyright © 2012, Oracle and/or its affiliates. All rights reserved.
    12. 12. La Business Intelligence è finalizzata a supportare, e inqualche caso ad automatizzare, processi di misurazione,controllo e analisi dei risultati e delle performance aziendali(sistemi di reporting e di visualizzazione grafica di varianatura, cruscotti più o meno dinamici, sistemi di analisistorica, sistemi di "allarme" su fuori norma o eccezioni,ecc.), e processi di decisione aziendale in condizioni variabilidi incertezza (sistemi di previsione, di predizione, disimulazione e di costruzione di scenari alternativi, ecc.), iltutto integrato nel classico processo generale di"misurazione, analisi, decisione, azione" 12 Copyright © 2012, Oracle and/or its affiliates. All rights reserved.
    13. 13. Economic Intelligence L’ Economic Intelligence si pone un obiettivo più ampio, e molto più sfidante: comprendere le dinamiche dell’ecosistema economico in cui l’azienda o l’istituzione si muove al fine di modulare le proprie azioni in modo da “cavalcare” le dinamiche ai propri fini.13 Copyright © 2012, Oracle and/or its affiliates. All rights reserved.
    14. 14. Questo ora è possibile: creare un mosaico di informazioni, che a partire dai dati interni, interrelandoli con informazioniproveniente da OpenData, oppure da Internet permetta di fare analisi più profonde e di passare dal “Cosa sta accadendo ? “ al“Come sta accadendo ?” e “Perchè sta accadendo ?” . 14 Copyright © 2012, Oracle and/or its affiliates. All rights reserved.
    15. 15. Modificare il paradigma architetturale Transazioni Oracle SAP Qualsiasi dato, Business IntelligenceQualsiasi sorgente Decisioni basate sui dati Documenti aziendali Information Discovery Dati Social Decisioni basate su tutti i dati di interesse per l’azienda Dati Machine-Generated15 Copyright © 2012, Oracle and/or its affiliates. All rights reserved.
    16. 16. Le tecnologie abilitanti: il back end I sistemi ingegnerizzati: hardware e software perfettamente integrati Exalytics Big Data Exadata Appliance Oracle ha fatto e continua a fare grossi investimenti in questo senso: a partire dal“ringiovanire” le classiche architetture di DWH con sistemi ingegnerizzati quali Exadata e strumenti avanzati di Data Integration ... 16 Copyright © 2012, Oracle and/or its affiliates. All rights reserved.
    17. 17. Le tecnologie abilitanti: il back end I sistemi ingegnerizzati: hardware e software perfettamente integrati Exalytics Big Data Exadata Appliance ...passando per la capacità di acquisizione e trasformazione di grossi moli di dati con la BigData Appliance, che integra al suo interno Hadoop, un DB noSql e una serie di connettori per BigData... 17 Copyright © 2012, Oracle and/or its affiliates. All rights reserved.
    18. 18. Le tecnologie abilitanti: il back end I sistemi ingegnerizzati: hardware e software perfettamente integrati Exalytics Big Data Exadata Appliance... ... Ma soprattutto con una infrastruttura analitica che permette di affiancare ai classicistrumenti di analisi relazionale e multidimensionale, potenziati dall’ingegnerizzazione in Exalytics degli stessi con un in-Memory DB... 18 Copyright © 2012, Oracle and/or its affiliates. All rights reserved.
    19. 19. Le tecnologie abilitanti: il front end Endeca: strumento di analisi per la Economic Intelligence... uno strumento di Information Discovery, Endeca, che permette di integrare dati strutturati (siano essi interni o Open o acquisiti da società specializzate) con dati non strutturati (sia file e documenti interni ma anche informazioniprovenienti da siti web, da blog, da social.. E volendo anche file audio, foto, stream di informazioni...) ecc. 19 Copyright © 2012, Oracle and/or its affiliates. All rights reserved.
    20. 20. Le tecnologie abilitanti: il front end Endeca: strumento di analisi per la Economic Intelligence  Self-Service Information Discovery – Massima semplicità d’uso  Ricerca Contestuale + Analisi visuale avanzata + Navigazione reticolare – Performance In-Memory  Dati Strutturati e Non Strutturati – Analisi semantica e di sentiment del testo20 Copyright © 2012, Oracle and/or its affiliates. All rights reserved.
    21. 21. Economic Intelligence In conclusione, è importante valutare come questo cambiamento tecnologico e di disponibilità di dati possa essere uno strumento di innovazione e di vantaggio competitivo21 Copyright © 2012, Oracle and/or its affiliates. All rights reserved.
    22. 22. Economic Intelligence ...e al contempo è importante comprendere quali fattori critici di successo possano portare al compimento di questa trasformazione.22 Copyright © 2012, Oracle and/or its affiliates. All rights reserved.
    23. 23. Cordiali saluti a tutti.23 Copyright © 2012, Oracle and/or its affiliates. All rights reserved.
    24. 24. 24 Copyright © 2012, Oracle and/or its affiliates. All rights reserved.

    ×