SocialMediaWeb2.0PubblicaAmministrazione

274 views
213 views

Published on

Published in: Technology, Design
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
274
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
8
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

SocialMediaWeb2.0PubblicaAmministrazione

  1. 1. Aspetti giuridici della Pubblica Amministrazione 2.0 Fernanda Faini Foto di relax design, Flickr #d2droma #wister
  2. 2. Evoluzione in senso partecipativo del Web Vengono meno i confini del web 1.0 (staticità e contrapposizione fornitori/ utenti) → i concetti fondamentali sono partecipazione e interazione. • web 1.0 → servizi offerti in maniera unilaterale all’utente, siti statici senza interazione di utente eccetto navigazione, mail e motori di ricerca. Web 1.0 → visione passiva ↓ • web 2.0 → servizi telematici e applicazioni che garantiscono alto livello di interazione sito-utente. Piattaforme e servizi permettono la partecipazione e si avvalgono in maniera sostanziale dei contributi forniti dagli utenti. Web 2.0 → web attivo, vivente, iperrete ↓ Web come testo “riscrivibile”, tutti possono partecipare alla sua evoluzione, i contenuti prodotti dagli utenti (user-generated content) occupano parte sempre più consistente. #d2droma #wister
  3. 3. Web 2.0 Web 2.0 → sfrutta l’intelligenza collettiva ossia comprende, gestisce e risponde a un enorme mole di dati prodotti dagli utenti, che diventano i principali fornitori di contenuti. Collaborazione paritetica → gli utenti aggiungono valore, cessano di essere passivi e diventano attori principali, cooperazione senza asimmetrie, condivisione. Web 2.0 ha reso disponibili nuovi e migliori strumenti accessibili gratuitamente e dotati di maggiori funzionalità → gli utenti hanno cominciato a riscrivere la rete. Di conseguenza si è avuta rapida e enorme crescita di informazioni, contenuti, contributi. Cambia il modo di avere e creare conoscenza. Tutto ciò ha inciso nelle comunicazioni e relazioni interpersonali, più rapide e semplici. Fonte immagine: http://farm1.staticflickr.com/172/384349474_051ce145c2.jpg #d2droma #wister
  4. 4. Nuovo modello di impresa  anni ’60-70 → impresa tipica IBM → produce e mette sul mercato hardware.  anni ’80-’90 → Microsoft → produce e rilascia tipicamente software proprietari con licenza d’uso.  web 2.0 → Google → non offre né hardware né software, ma servizi → motore di ricerca affiancato da numerosi altri servizi e applicazioni (YouTube, GoogleDrive, Google-Maps, G-Mail, Google calendar etc.). Logica cloud computing. I servizi sono offerti gratuitamente, i proventi di Google derivano in gran parte dalla pubblicità tramite il meccanismo AdWords (interessati possono acquistare parole il cui utilizzo attiverà la visualizzazione sullo schermo del proprio link). Utenti non solo fruiscono dei servizi, ma contribuiscono a fornire i dati e co-producono i servizi → Google estrae infatti dalla rete le informazioni per far funzionare i propri servizi (es. motore di ricerca indicizza pagine e ne determina la rilevanza e conseguente ranking, ossia ordine di presentazione dei risultati della ricerca). #d2droma #wister
  5. 5. Strumenti Web 2.0  social network → servizi basati sul web che consentono 3 funzioni fondamentali (così D.M. Boyd e N.B. Ellison): 1. aspetto dell’identità → costruzione del proprio profilo. 2. aspetto relazionale → condivisione connessioni, lista contatti, identità sociale. 3. aspetto della comunità Numerose reti sociali dotate di diverse finalità (es. Linkedin finalità professionale). La comunicazione interpersonale si sposta sui social network.  piattaforme per la condivisione dei contenuti, raccolte di contenuti online → esempi YouTube (per condividere filmati e tracce musicali, possibilità di inserire commenti e valutazioni), Flickr (per condividere le foto), SSRN (per condividere contributi accademici, anche per avere commenti e suggerimenti prima dell’eventuale pubblicazione su rivista scientifica). #d2droma #wister
  6. 6. Strumenti Web 2.0  blog → “diario in rete”: gestito da una persona o da un ente per condividere riflessioni, opinioni e altro. Si caratterizza per dinamicità (rapidi aggiornamenti) e accresciuta interattività con utenti (che possono commentare associando post ai messaggi). Blog può avere svariate tipologie e destinazione ristretta o ampia.  wiki → “rapido”, i contenuti sono sviluppati in collaborazione da tutti coloro che vi hanno accesso e i cui contenuti sono aggiunti, modificati e aggiornati da utilizzatori, sono strumenti di lavoro collaborativo e cooperativo volti a creare documenti e opere comuni nelle quali il contributo di ciascuno diventa indistinguibile da quello altrui. L’accesso ai wiki può essere limitato, ma molti sono aperti al pubblico. Wikipedia → grande enciclopedia multilingue formata grazie a wiki. etc. etc. #d2droma #wister
  7. 7. Mappa Web 2.0 Fonte immagine:http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/e/e5/Web_2.0_Meme_map.png #d2droma #wister
  8. 8. Web 2.0… e la Pubblica Amministrazione? Fonte immagine: http://leonardocecato.dcsolution.it/images/punto-di-domanda.png #d2droma #wister
  9. 9. Cosa dicono le norme? Norme prevedono strumenti e specifici obblighi relativi a web 1.0 (come posta elettronica e siti web istituzionali). Utilizzare strumenti web 2.0, essere presenti e attivi sui social network è una scelta per l’amministrazione, non ci sono norme specifiche che lo impongono. L’utilizzo web 2.0 si può comunque ritenere incentivato da norme specifiche: • diritto all’uso delle tecnologie (art. 3 CAD) • strumenti web 2.0 possono essere proficuamente impiegati per valutare qualità dei servizi resi e soddisfazione dell’utenza (art. 7 CAD) • utilizzo al fine di realizzare democrazia elettronica (art. 9 CAD) • maggior trasparenza e controllo democratico dei cittadini su attività pubblica. Evoluzione verso open government implementazione degli strumenti web 2.0. suggerisce proficuo utilizzo e #d2droma #wister
  10. 10. Da e-gov a open gov Lo sviluppo della società ha posto la necessità di un’evoluzione nel senso dell’apertura per rispondere alle esigenze attuali della collettività.  e-government → organizzazione delle attività delle PPAA fondata sull’adozione estesa e integrata delle ICT nello svolgimento delle funzioni e nell’erogazione dei servizi. Maturazione del concetto → deve coniugarsi ed evolversi in:  open government → i governi e le amministrazioni devono essere trasparenti a tutti i livelli e le loro attività aperte e disponibili al fine di favorire azioni efficaci e garantire un controllo pubblico del proprio operato mediante le nuove tecnologie. ↓ Gli strumenti di open government, dopo essere entrati nel dibattito pubblico e scientifico, sono approdati nel quadro normativo italiano. Fonte immagine: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/8/8b/Neon_Open_green.jpg #d2droma #wister
  11. 11. Evoluzione normativa  d.lgs. 82/2005 – Codice dell’Amministrazione digitale (CAD) e sua profonda riforma con d.lgs. 235/2010 (nuovo codice dell’amministrazione digitale) ↓  c.d. decreto Semplificazioni (d.l. 5/2012 conv. dalla legge 35/2012) → Agenda digitale italiana (art. 47) ↓  c.d. decreto Sviluppo 2012 (d.l. 83/2012 conv. dalla legge 134/2012) → norme significative su “amministrazione aperta” e open source ↓  c.d. decreto Crescita 2.0 (d.l. 179/2012 conv. dalla legge 221/2012) → pervasive modifiche all’amministrazione digitale in direzione di apertura ↓  c.d. decreto Trasparenza (d.lgs. 33/2013, in attuazione della legge 190/2012) → riordina le disposizioni e gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione delle informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni #d2droma #wister
  12. 12. Open government Quali previsioni normative hanno comportato l’evoluzione verso l’open government? Quali strumenti sono stati introdotti o incentivati dalle norme? Gli strumenti toccano l’intera fisionomia dell’amministrazione (funzionamento interno e volto esterno) e vanno a dare sostanza ai pubblica 3 pilastri del modello di open government 1. Trasparenza 2. Partecipazione 3. Collaborazione Fonte immagine: http://egorego.com/wp-content/uploads/2012/11/open-government-summit-202-partecipazione-tr-L-WepyBk.jpeg #d2droma #wister
  13. 13. Trasparenza/ apertura Trasparenza • • • si amplia nei contenuti (numerosi obblighi) si struttura e diventa omogenea (sezione sito web “amministrazione trasparente”) diventa effettiva e cogente (accesso civico, vigilanza, sanzioni) si coniuga all’apertura open data → modello di valorizzazione del patrimonio informativo pubblico, leva di nuove potenzialità economiche e sociali • • • • obiettivo dell’Agenda digitale italiana (decreto Semplificazioni) obbligo di pubblicare catalogo dati obbligo di regolamenti su accesso telematico e riutilizzo principio c.d. open data by default (decreto Crescita 2.0) Fonte immagine: http://farm9.staticflickr.com/8254/8680139063_1ee10ff13e_b.jpg #d2droma #wister
  14. 14. Partecipazione • servizi online e customer satisfaction → • servizi online incentivati • relazioni con cittadini e imprese basate su feedback immediato, continuo, sicuro con strumenti web 2.0 • servizi co-progettati e co-gestiti dagli utenti → ex ante, durante, ex post. Condivisione di necessità e scelte, segnalazione di criticità, miglioramento continuo • “contaminazione” fra mondo pubblico e privato • e-democracy → tecnologie contribuiscono al coinvolgimento nei processi decisionali, al controllo democratico, ad iniziative dirette dei cittadini (art. 9 CAD) Fonte immagine: http://www.romalive.org/wp-content/uploads/2010/04/Partecipazione-politica.jpeg #d2droma #wister
  15. 15. Collaborazione • smart communities - smart cities - comunità intelligenti → • esprimono l’essenza delle tecnologie, finalizzate al miglioramento della qualità della vita e al benessere della collettività • significano innovazione tecnologica, culturale, organizzativa, relativa alle competenze e alla governance • si nutrono di partecipazione e collaborazione degli utenti, logica user generated content • Agenzia per l’Italia digitale ha la funzione di promuoverne lo sviluppo, predisporre gli strumenti e definirne le strategie Fonte immagine: http://www.regione.calabria.it/controlli/images/stories/partec3.jpg #d2droma #wister
  16. 16. Quali norme vanno rispettate? Principali norme Oggetto Costituzione Libertà di manifestazione del pensiero (art. 21), etc. Legge 633/1941 Diritto d’autore, Titolarità dati e contenuti, Copyright Legge 241/1990 Principi azione amministrativa, procedimento amministrativo e accesso Legge 150/2000 Comunicazione pubblica, URP D.lgs. 196/2003 Privacy, Sicurezza Legge 4/2004 Accessibilità D.lgs. 82/2005 (con le importanti modifiche e integrazioni anche recenti) Codice dell’amministrazione digitale, cittadinanza digitale, e-democracy, dati pubblici, servizi online D.lgs. 163/2006 Contratti, condizioni d’uso D.lgs. 150/2009 D.lgs. 33/2013 Efficienza, trasparenza, valutazione, performance #d2droma #wister
  17. 17. Vantaggi ed opportunità PPAA sempre più utilizzano strumenti web 2.0. Ciò deriva da elementi di vantaggio e opportunità per la PA e per i cittadini. • Efficacia → raggiungere cittadini con maggiore facilità e aumentare efficacia delle azioni di comunicazione. • Costo → miglior rapporto efficienza ed efficacia nella gestione costi comunicazione, integrati a canali tradizionali. • Monitoraggio → comprensione istanze cittadini e loro punto di vista. • Ascolto, dialogo, fiducia → PA si mostra aperta e disponibile al dialogo anche solo con presenza sui social network. Attenzione a non tradire la fiducia! • Trasparenza → strumento di apertura, ancor più se collegato a politiche di open data. • Collaborazione → disponibilità del cittadino a collaborare, con impatto su efficacia, sulla relazione con l’esterno e sulla qualità percepita. Fonte: http://www.funzionepubblica.gov.it/media/982042/vademecum_pubblica_amministrazione_e_social_media.pdf #d2droma #wister
  18. 18. Utilizzo web 2.0 Esempi • siti ottimizzati per dispositivi mobili • la disponibilità di pagine personalizzabili per il cittadino • presenza sui social network, come facebook e twitter • video • mappe online • servizi che permettono segnalazione (barriere architettoniche, necessità di interventi urbani) e utilizzando la georeferenziazione consentono la visualizzazione dello stato di segnalazione (es. Comune Venezia, Comune Ferrara) • emoticon per esprimere soddisfazione sui servizi etc. etc. #d2droma #wister
  19. 19. Come muoversi? Vademecum Nell’ambito dell’amministrazione 2.0 e dei social media approfondimenti sono in Vademecum “Pubblica amministrazione e social media”, realizzato da Formez nell’ambito delle Linee Guida per i siti web della PA (2011). http://www.funzionepubblica.gov.it/media/982042/vademecum_pubblica_amministrazione_e_social_ media.pdf #d2droma #wister
  20. 20. Vademecum Pubblica amministrazione e social media Obiettivo → approfondire le modalità con le quali i social media possono essere utilizzati dalle amministrazioni per migliorare la comunicazione e il contatto diretto con i cittadini. Parte I – Il Web 2.0 e la PA Parte II – La PA sui social media Parte III – Le principiali piattaforme web 2.0 → si trattano le principali piattaforme spigando cosa sono, che uso farne, cosa prevedono i termini di servizio, gestione di un account istituzionale: • Facebook • Twitter • Youtube Nella parte III si parla anche di come deve essere garantita l’accessibilità. #d2droma #wister
  21. 21. Livelli di presenza Diversi possibili livelli di relazione con un grado di complessità e di coinvolgimento incrementali: 1. ascolto → monitorare ciò che avviene nei social network: utenti parlano della pubblica amministrazione indipendentemente dalla sua presenza, si possono verificare opinioni e qualità percepita; 2. presidio → essere presenti nei social network, utilizzarli come strumento di diffusione, andando là dove i cittadini si trovano; 3. interazione → interagire con gli utenti dei social network: va garantita costanza di presenza per costruire relazione di fiducia; 4. partecipazione → sfruttare i social network per costruire momenti di partecipazione, dinamiche di coinvolgimento democratico, e-participation. #d2droma #wister
  22. 22. Classificazione soluzioni Web 2.0 Classificazione (senza pretesa di esaustività) dei servizi disponibili e maggiormente utilizzati, suddivisi per funzione prevalente. (fonte: tabella 10 del Vademecum) #d2droma #wister
  23. 23. Integrazione fra social media Nel presidio dei social network PA deve definire:  quale strumento utilizzare  per quali funzioni  quali segmenti di pubblico Opportuno uso sinergico e coordinato dei diversi strumenti e promuovere le informazioni che si è interessati a veicolare attraverso lanci incrociati, sfruttando le caratteristiche di ogni canale. Ne deriva una matrice nella quale possono essere esplicitati gli strumenti e le funzioni, con l’indicazione puntuale delle azioni: (fonte: tabella 11 del Vademecum) #d2droma #wister
  24. 24. Social media Cosa deve fare la PA? (1) • Social media policy interna → documento a rilevanza interna volto a regolare il rapporto tra l’organizzazione e i social media, le regole di comportamento dei dipendenti e dell’organizzazione rispetto agli strumenti, le regole di gestione. Deve esserne data la più ampia conoscenza al personale interno cui è destinata. Indicherà: • informazioni generali → su filosofia e modalità di presenza in rete, regole di comportamento. • informazioni specifiche → gestione dei singoli social (Facebook, Twitter,…) In particolare conterrà: • Modalità d’uso social networking da parte del personale • Uso in rappresentanza dell’ente • Uso privato • Modalità di gestione degli account • Codice di comportamento del personale • Gestione dei contenuti #d2droma #wister
  25. 25. Social media Cosa deve fare la PA? (2) • Social media policy esterna → illustra all’utenza le regole di comportamento da tenere negli spazi presidiati dall’amministrazione e indica contenuti e modalità di relazione che adotterà l’amministrazione. Destinato ai cittadini, volto a regolare rapporto fra cittadini e PA in ambito social. Può essere unico o più documenti per ogni social media usato. Indicherà: • Struttura responsabile che gestisce il profilo dell’ente • Finalità perseguite • Tipologia di contenuti che possono essere pubblicati e con quali licenze • Quali comportamenti sono consentiti • Contatti dell’ente • Informativa privacy #d2droma #wister
  26. 26. Social media Cosa deve fare la PA? (3) • Piano di comunicazione → amministrazione deve chiarire a cosa le serve essere online e che relazioni vuole costruire con gli utenti e i cittadini e definire di conseguenza una strategia. Presidio dei social media deve essere contestualizzato rispetto alla strategia di comunicazione e ai rapporti dell’Ente con gli utenti Pertanto: • Integrazione con piano di comunicazione → integrare canali tradizionali e canali social per creare complementarietà e sinergia • Raccordo con sistemi informativi e sito web #d2droma #wister
  27. 27. Raccomandazioni Per una strategia efficiente ed efficace 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. 8. 9. 10. definire le regole e un piano editoriale → importante pianificazione, lanci incrociati. integrare i social media nel piano di comunicazione. formulare un patto chiaro con i cittadini→ social media policy esterna. costruire account facilmente individuabili come appartenenti all’Amministrazione → i social sono pieni di fake - account falsi. osservare i termini di servizio → attenzione ai comportamenti vietati dal gestore. ascoltare le richieste dei cittadini. organizzare le informazioni ottenute dai cittadini. creare una relazione fiduciaria con la comunità. dare continuità nel tempo alla propria presenza sui social media. agire secondo una logica di beta permanente → continua valutazione e revisione. (fonte: Vademecum) #d2droma #wister
  28. 28. Precauzioni • • • • Pericoli nell’utilizzo della rete, ancor più con strumenti web 2.0: privacy, sicurezza, immagine, credibilità, etc. etc. Rischi da tenere in maggior considerazione se amministrazioni pubbliche. Aspetti fondamentali:  consapevolezza delle conseguenze derivanti dalla condivisione delle proprie informazioni, conoscenza e coscienza delle “regole del gioco” e delle condizioni di utilizzo, in modo da essere in grado di valutare le conseguenze derivanti.  prevenzione → valutazione preventiva su cosa pubblicare e utilizzo di strumenti di gestione (impostazioni privacy, filtri per oscurare informazioni e limitare accessi etc.). Moderazione dei contenuti o pagine “chiuse” ai commenti. Organizzazione interna e responsabilità chiare. Prevenire è meglio che curare… #d2droma #wister
  29. 29. Attenzione a errori gravi… …da dover provare a rimediare! Fonte immagini : http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/12/27/questura-di-roma-quando-un-tweet-razzista-sbugiarda-un-ente-pubblico/825769/ http://www.giornalettismo.com/wp-content/uploads/2013/12/questura-di-roma-tweet-rom-2.jpg #d2droma #wister
  30. 30. Regola d’oro La pianificazione e la gestione di strumenti web 2.0 da parte della Pubblica Amministrazione è una cosa seria! Fonte immagine: http://www.clandroid.it/wp-content/uploads/2012/02/pericolo-hightech.blogosfere.it_1.jpg #d2droma #wister
  31. 31. Grazie dell’attenzione Fernanda Faini • Email fernandafaini@gmail.com • Twitter @fernandafaini • Skype fernanda_pensiero #d2droma #wister

×