To Tweet or to Retweet? That Is the Question for Health Professionals on Twitter

  • 426 views
Uploaded on

 

  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
426
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
3

Actions

Shares
Downloads
4
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. To  Tweet  or  to  Retweet?  That  Is  the  Question  for  Health   Professionals  on  Twitter   Ji  Young  Lee  &  S.  Shyam  Sundar   Health  Communication  1:16,  2012     Sintesi  a  cura  di  Giuseppina  De  Angelis,  Giuseppe  Fattori.    Luglio  2013                                                         Another     tweet     in  the  wall &  Pink  Floyd  modified
  • 2. Abstract Guided by the MAIN model (Sundar, 2008), this study explored the effects of three interface cues conveying source attributes on credibility of health messages in Twitter: authority cue (whether a source is an expert or not), bandwagon cue (the number of followers that a source has—large vs. small), and source proximity cue (distance of messages from its original source—tweet vs. retweet). A significant three-way interaction effect on perceived credibility of health content was found, such that when a professional source with many followers tweets, participants tend to perceive the content to be more credible than when a layperson source with many followers tweets. For retweets, however, the exact opposite pattern was found. Results also show that for tweets, content credibility was significantly associated with the perceived expertise of proximal source, whereas for retweets, it was associated with the perceived trustworthiness of proximal source. Theoretical and practical implications are discussed. http://www.tandfonline.com/doi/full/10.1080/10410236.2012.700391 Guidato dal modello MAIN (Sundar, 2008), questo studio ha esaminato gli effetti di tre indicatori sulla credibilità percepita nei messaggi di salute su Twitter: authority cue (autorevolezza della fonte), band wagon cue (influenza), e source proximity cue (rapporto tweet vs. retweet). Internet sta diventando la via principale per la diffusione e l'accesso alle informazioni sulla salute, così come Twitter sta acquisendo sempre più popolarità; Secondo Dredze e Paolo (2011), tra i 2 miliardi di messaggi inviati tra il maggio 2009 e ottobre 2010 su Twitter, 1,5 milioni di tweet sono messaggi relativi alla salute. Data la brevità dei testi e la loro potenzialità nell’attirare l'attenzione, i tweet sono stati adottati ampiamente dal National Institutes of Health (NIH), Centers for Disease Control and Prevention (CDC), WebMD, the World Health Organization (WHO), sia per fornire informazioni sulla salute, sia per segnalare link ad articoli di salute. La potenzialità dei tweet è di sfruttare il social networking per aumentare la portata dei messaggi di salute e nel contempo di registrare la percezione pubblica dei vari temi di salute. Per far si che un tema di salute abbia rilevanza nell'Universo Twitter (Twittverse), gli utenti individualmente devono percepire i messaggi associati a tale argomento. Data la dinamicità delle fonti interpersonali e istituzionali su Twitter, non tutte le informazioni saranno ricevute allo stesso modo. Hu e Sundar (2010) ritengono che gli individui percepiscono le informazioni sanitarie on- line in modo diverso quando la fonte delle informazioni è un professionista del settore oppure no. Questo indica che l'authority cue (autorevolezza della fonte) è importante per le valutazioni
  • 3. delle informazioni sanitarie on-line da parte degli utenti. Nei social media un ulteriore insieme di spunti arriva dalle opinioni dei “non esperti” del settore che utilizzando, condividendo e appoggiando il materiale on-line, diventano i trainanti delle discussioni secondo una logica: “If others think that something is good, then I should, too”( Se altri pensano che qualcosa sia buono, anche io dovrei). Questo effetto trainante (utilizzato anche nell'e-commerce) gioca un ruolo importante per aiutare gli utenti a valutare la credibilità delle informazioni sanitarie on- line anche se bisognerebbe capire quale aspetto dia più credibilità, se l'autorevolezza (attraverso l'user name dell'utente) o appunto la band wagon cue (il numero di follower dell'individuo). Capire questo aspetto è importante sia per gli utenti, sia per i professionisti della salute che sono sempre alla ricerca di modi efficaci per fare promozione della salute attraverso mezzi online, come Twitter. Una parte della letteratura suggerisce di sottolineare le competenze mediche, cioè promuovere l'autorità (ad esempio alcuni professionisti includono titoli come Dr. o M.D nei propri profili), mentre studi recenti tendono a sottolineare anche la competenza del paziente, patient expertise o ad ogni modo le opinioni di chi non è nel settore nelle arene di discussione on line sulla salute (Kim e Sundar 2011). Infine Twitter mette a disposizione un terzo indice, il source proximity cue (rapporto tweet vs. retweet). La funzione retweet di twitter permette agli utenti di postare i tweet di altri utenti sulle proprie pagine e di condividerle con i propri follower. Questo è un altro indicatore per gli utenti sulla provenienza dell'informazione. Sundar, Xu e Oeldorf- Hirsch (2009) definiscono un indice come “un pezzo di informazione fornita da un mezzo che permette la valutazione dell'informazione, eventualmente innescando un procedimento euristico”, ed “euristiche” come generalizzazioni mentali di conoscenza basate sull'esperienza che forniscono “scorciatoie mentali” nell'elaborazione delle informazioni: ad esempio il professionista della salute può attivare una “expertise heuristic” (competenza euristica) e far si che gli individui ritengano che le informazioni da lui fornite siano credibili (Sundar, 2008). Briggs, Burford e, De Angeli, e Lynch (2002) hanno trovato che gli individui tendono a fidarsi delle organizzazioni universitarie e istituzioni di governo più di qualsiasi altro tipo di sito. È stato inoltre chiesto a studenti universitari americani, di seguire degli account Twitter. I risultati mostrano che per i tweet la credibilità dei contenuti è strettamente associata con l'expertise (competenza) della fonte mentre per i retweet con l'affidabilità della fonte.