Your SlideShare is downloading. ×
0
2 muraro sistri circ
2 muraro sistri circ
2 muraro sistri circ
2 muraro sistri circ
2 muraro sistri circ
2 muraro sistri circ
2 muraro sistri circ
2 muraro sistri circ
2 muraro sistri circ
2 muraro sistri circ
2 muraro sistri circ
2 muraro sistri circ
2 muraro sistri circ
2 muraro sistri circ
2 muraro sistri circ
2 muraro sistri circ
2 muraro sistri circ
2 muraro sistri circ
2 muraro sistri circ
2 muraro sistri circ
2 muraro sistri circ
2 muraro sistri circ
2 muraro sistri circ
2 muraro sistri circ
2 muraro sistri circ
2 muraro sistri circ
2 muraro sistri circ
2 muraro sistri circ
2 muraro sistri circ
2 muraro sistri circ
2 muraro sistri circ
2 muraro sistri circ
2 muraro sistri circ
2 muraro sistri circ
2 muraro sistri circ
2 muraro sistri circ
2 muraro sistri circ
2 muraro sistri circ
2 muraro sistri circ
2 muraro sistri circ
2 muraro sistri circ
2 muraro sistri circ
2 muraro sistri circ
2 muraro sistri circ
2 muraro sistri circ
2 muraro sistri circ
2 muraro sistri circ
2 muraro sistri circ
2 muraro sistri circ
2 muraro sistri circ
2 muraro sistri circ
2 muraro sistri circ
2 muraro sistri circ
2 muraro sistri circ
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

2 muraro sistri circ

1,508

Published on

0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
1,508
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
62
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. SISTRI LA TRACCIABILITÀ DEI RIFIUTI Schemi e analisi del d.m.17 dicembre 2009 (integrato e modificato con il d.m.15 febbraio 2010) Area Ambiente e Territorio
  • 2. Area Ambiente e Territorio COS’È IL SISTRI SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITÀ DEI RIFIUTI RIF. NORMATIVI RIF. Legge 27/12/2006, n. 296 (art.1, c.1116): in sede di riparto del Fondo unico investimenti per la difesa del suolo e tutela ambientale del Ministero dell'ambiente, riserva una quota per la realizzazione di un sistema integrato per il controllo e la tracciabilità dei rifiuti D.L. 1/07/2009, n. 78 (art.14-bis): affida al Ministro dell’Ambiente la realizzazione del sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti speciali (e di quelli urbani, limitatamente alla Regione Campania) D.Lgs.152/06, art.189, comma 3 bis: prevede l’obbligo di installazione e di utilizzo di apparecchiature elettroniche a partire dall’istituzione del sistema di tracciabilità ISTITUITO D.M. 17 dicembre 2009 (modificato con D.M. 15 febbraio 2010) GESTITO Comando Carabinieri per la Tutela dell’Ambiente SCOPO Informatizzare la filiera dei rifiuti: speciali (non pericolosi e pericolosi), a livello nazionale 2 urbani, per la Regione Campania
  • 3. Area Ambiente e Territorio LE NOVITÀ DEL SISTEMA • formulario di trasporto • registro di carico e scarico • MUD Vengono sostituiti con DISPOSITIVI ELETTRONICI attraverso i quali viene effettuata la gestione informatica degli adempimenti ed è assicurata la tracciabilità dei rifiuti 3
  • 4. Area Ambiente e Territorio I VANTAGGI DEL SISTRI LA GESTIONE INFORMATICA DELLA DOCUMENTAZIONE, COMPRESI I CERTIFICATI ANALITICI VERIFICA, IN TEMPO REALE, DEI DATI INSERITI NELLA DOCUMENTAZIONE, CON RIDUZIONE DI ERRORI SUPPORTO COSTANTE E CONTINUATIVO ALL’UTENTE CONOSCENZA, IN TEMPO REALE, DELLA MOVIMENTAZIONE DEI RIFIUTI SUL TERRITORIO, ANCHE PER QUELLI CHE PROVENGONO DA ALTRI PAESI O CHE VENGONO TRASPORTATI VERSO ALTRI PAESI 4
  • 5. Area Ambiente e Territorio OBBLIGHI E TERMINI ADESIONE ISCRIZIONE OPERATIVITA’ OBBLIGATORIA 1°gruppo 28 febbraio 13 LUGLIO prorogato di 30 giorni DI OPERATORI (30 MARZO) produttori iniziali di rifiuti pericolosi (anche trasporto in conto proprio, ex art.212, c.8 d.lgs.152/06) con più di 50 dipendenti imprese e enti produttori iniziali di rifiuti non pericolosi da lavorazioni industriali e artigianali, derivanti da attività di recupero e smaltimento di rifiuti, potabilizzazione e altri trattamenti delle acque, dalla depurazione e da abbattimento di fumi con più di 50 dipendenti commercianti e intermediari e consorzi imprese professionali di trasporto dei rifiuti (ex art.212, c.5 d.lgs.152/06) imprese e enti che effettuano operazioni di recupero e smaltimento di rifiuti Comuni, enti e imprese che gestiscono rifiuti urbani in Campania 5
  • 6. Area Ambiente e Territorio OBBLIGHI E TERMINI ADESIONE ISCRIZIONE OPERATIVITA’ OBBLIGATORIA 2°gruppo 30 marzo 12 AGOSTO prorogato di 30 giorni DI OPERATORI (29 APRILE) imprese e enti produttori iniziali di rifiuti pericolosi (anche trasporto in conto proprio, ex art.212, c.8 d.lgs.152/06) fino a 50 dipendenti produttori iniziali di rifiuti non pericolosi da lavorazioni industriali e artigianali, derivanti da attività di recupero e smaltimento di rifiuti, potabilizzazione e altri trattamenti delle acque, dalla depurazione e da abbattimento di fumi, che hanno tra i 50 e gli 11 dipendenti 6
  • 7. Area Ambiente e Territorio OBBLIGHI DI ISCRIZIONE PRODUZIONE DI RIFIUTI DERIVANTI DA ATTIVITÀ DI RECUPERO E SMALTIMENTO DI RIFIUTI, DI FANGHI PRODOTTI DALLA POTABILIZZAZIONE E DA ALTRI TRATTAMENTI DELLE ACQUE, DALLA DEPURAZIONE DELLE ACQUE REFLUE E DA ABBATTIMENTO DI FUMI (art.184, comma 3, lett.g) d.lgs.152/06) quando effettuino operazioni di recupero e di smaltimento e producano i rifiuti indicati, sono tenuti ad iscriversi al SISTRI anche come produttori indipendentemente dal numero dei dipendenti, entro i termini previsti per il primo gruppo dì operatori tali soggetti sono tenuti al pagamento del contributo per ciascuna categoria di appartenenza 7
  • 8. Area Ambiente e Territorio ADESIONE FACOLTATIVA produttori iniziali di rifiuti non pericolosi da lavorazioni industriali, da lavorazioni artigianali, derivanti da attività di recupero e smaltimento di rifiuti, potabilizzazione e altri trattamenti delle acque, dalla depurazione e da abbattimento di fumi, con meno di 10 dipendenti imprenditori agricoli (art. 2135 c.c.) che producono rifiuti non pericolosi imprese e enti produttori iniziali di rifiuti speciali non pericolosi derivanti da attività diverse da quelle industriali, da lavorazioni artigianali, derivanti da attività di recupero e smaltimento di rifiuti, potabilizzazione e altri trattamenti delle acque, dalla depurazione e da abbattimento di fumi imprese che raccolgono e trasportano i propri rifiuti non pericolosi (iscritte all’Albo ai sensi dell’art. 212, c.8 d.lgs.152/2006) POSSONO ISCRIVERSI DOPO 8 IL 12 AGOSTO
  • 9. Area Ambiente e Territorio PROCEDURA DI ISCRIZIONE Sul sito www.sistri.it ONLINE (anche invio moduli per e-mail a indirizzo iscrizionemail@sistri.it) Numero: 800 05 08 63 VIA FAX Servizio attivo 24 ore su 24 per 7 giorni alla settimana, sino alla scadenza del termine Numero verde: 800 00 38 36 Call center attivo nei giorni feriali, compreso il PER sabato, dalle 6.00 alle 22.00, sino alla scadenza TELEFONO del termine Successivamente, dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 17.30 e il sabato dalle 8.30 alle 12.30 IL SISTRI COMUNICA ENTRO 48 ORE, L’AVVENUTA RICEZIONE DEI 9 DATI E IL NUMERO DI PRATICA ASSEGNATO
  • 10. Area Ambiente e Territorio INFORMAZIONI IN SEDE DI ISCRIZIONE gli impianti o l’insieme delle unità operative ubicate in luogo diverso dalla sede legale, nel quale l’impresa NUM. UNITA’ esercita stabilmente una o più attività economiche dalle LOCALI quali sono originati i rifiuti; ovvero ciascuna sede presso la quale vengono conferiti i rifiuti per il recupero o lo smaltimento NUM. UNITA’ unità operative, all’interno dell’unità locale, da cui OPERATIVE originano in maniera autonoma rifiuti il delegato è il soggetto che, nell’ambito dell’organizzazione aziendale è delegato dall’impresa all’utilizzo ed alla custodia del dispositivo USB, al quale DELEGATI sono associate le credenziali di accesso al sistema ed è massimo 3 per attribuito il certificato per la firma elettronica. ogni USB Se non indicato, le credenziali di accesso ed il 10 certificato per la firma elettronica sono attribuiti al rappresentante legale dell’impresa.
  • 11. Area Ambiente e Territorio INFORMAZIONI IN SEDE DI ISCRIZIONE modalità (posta elettronica, fax o telefono) con le quali si desidera ricevere le comunicazioni dal sistema recapiti (indirizzo di posta elettronica, numero di fax o di telefono) e persona da contattare associazione imprenditoriale delegata per il ritiro dei dispositivi 11
  • 12. Area Ambiente e Territorio MODULO DI ISCRIZIONE 12
  • 13. Area Ambiente e Territorio MODULO DI ISCRIZIONE 13
  • 14. Area Ambiente e Territorio MODULO DI ISCRIZIONE 14
  • 15. Area Ambiente e Territorio MODULO DI ISCRIZIONE 15
  • 16. Area Ambiente e Territorio MODULO DI ISCRIZIONE 16
  • 17. Area Ambiente e Territorio MODULO DI ISCRIZIONE 17
  • 18. Area Ambiente e Territorio MODULO DI ISCRIZIONE 18
  • 19. Area Ambiente e Territorio MODULO DI ISCRIZIONE 19
  • 20. Area Ambiente e Territorio MODULO DI ISCRIZIONE 20
  • 21. Area Ambiente e Territorio MODULO DI ISCRIZIONE 21
  • 22. Area Ambiente e Territorio CONTRIBUTI – PRINCIPI GENERALI IL CONTRIBUTO E’ DOVUTO PER: OGNI ATTIVITA’ DI GESTIONE SVOLTA NELL’UNITA’ LOCALE (se richiesti più dispositivi per diverse unità operative, il contributo è versato per ogni dispositivo richiesto) RACCOLTA E CONTRIBUTO PER SEDE LOCALE E PER TRASPORTO OGNI MEZZO TRASPORTO CONTRIBUTO PER CATEGORIA CONTO PROPRIO PRODUTTORE E PER OGNI MEZZO (primi 2 mezzi 100 €, poi 150 €) DOVUTO PER ANNO SOLARE (indipendentemente da effettiva fruizione) IN SEDE DI PRIMA ISCRIZIONE, POI ENTRO 31 GENNAIO DI OGNI ANNO DOPO L'INVIO AL SISTRI DEGLI ESTREMI DEL PAGAMENTO, GLI OPERATORI SONO CONTATTATI (dalle Camere di commercio,o dalle associazioni imprenditoriali, o dalle sezioni dell‘Albo gestori) PER LA CONSEGNA DEI DISPOSITIVI IN ASSENZA DELLA COMUNICAZIONE DI AVVENUTO PAGAMENTO, IL SISTRI 22 NON PROCEDE ALLE SUCCESSIVE OPERAZIONI RELATIVE ALLA CONSEGNA DEI DISPOSITIVI
  • 23. Area Ambiente e Territorio MODALITÀ PER IL PAGAMENTO DEI CONTRIBUTI PER LE IMPRESE (ad esclusione di quelle di raccolta e trasporto), il contributo, determinato in relazione alla tipologia di rifiuti (pericolosi e non pericolosi) ed alle quantità degli stessi, è dovuto: • per ciascuna unità locale e per la sede legale, qualora quest'ultima produca e/o gestisca rifiuti; • per ciascuna operazione di recupero o smaltimento svolta all'interno dell'unità locale o della sede legale, qualora quest'ultima produca e/o gestisca rifiuti. PER LE UNITA' LOCALI IN CUI INSISTANO PIU' UNITA' OPERATIVE da cui originano in maniera autonoma rifiuti per le quali è stato richiesto un dispositivo per ciascuna unità operativa, il calcolo dei contributi è effettuato: • per ciascuna unità operativa. PER LE IMPRESE CHE PRODUCONO SIA RIFIUTI PERICOLOSI CHE RIFIUTI NON PERICOLOSI: • si applica il contributo relativo ai rifiuti pericolosi PER GLI IMPIANTI CHE GESTISCONO SIA RIFIUTI PERICOLOSI SIA RIFIUTI NON PERICOLOSI, sia rifiuti urbani, il contributo dovuto: • e' dato dalla sommatoria del contributo corrispondente alla quantita' di rifiuti pericolosi, del 23 contributo corrispondente alla quantita' di rifiuti non pericolosi e del contributo corrispondente alla quantita' di rifiuti urbani (equiparati, ai fini del pagamento, ai rifiuti non pericolosi)
  • 24. Area Ambiente e Territorio MODALITÀ PER IL PAGAMENTO DEI CONTRIBUTI PER LE IMPRESE CHE RACCOLGONO E TRASPORTANO RIFIUTI, il contributo: • è dovuto per la sede legale, per le eventuali unità locali per le quali si sia scelto di richiedere il dispositivo USB e per ciascun veicolo a motore adibito al trasporto di rifiuti PER LE IMPRESE CHE TRASPORTANO SIA I RIFIUTI PERICOLOSI CHE NON PERICOLOSI, il contributo relativo alla sede legale: • è dato dalla sommatoria del contributo dovuto per il quantitativo autorizzato di rifiuti non pericolosi e del contributo dovuto per il quantitativo autorizzato di rifiuti pericolosi PER VEICOLI ADIBITI SIA AL TRASPORTO DI RIFIUTI PERICOLOSI CHE DI RIFIUTI NON PERICOLOSI, il contributo per i veicoli: • è dovuto unicamente per l'importo relativo ai rifiuti pericolosi PER LE IMPRESE CHE RACCOLGONO E TRASPORTANO I PROPRI RIFIUTI (art. 212, comma 8, d.lgs.152/06), il contributo e' dovuto: • in base alla categoria dei produttori di appartenenza • per ciascun veicolo adibito al trasporto di rifiuti (euro cento per i primi due veicoli ed euro centocinquanta oltre i due veicoli) • per i veicoli adibiti ai trasporti ai sensi dell’art.212, comma 5 d.lgs. 152/06, se l'impresa 24 utilizzi lo stesso veicolo ai sensi dei commi 5 e 8 dello stesso art.212
  • 25. Area Ambiente e Territorio MODALITÀ PER IL PAGAMENTO DEI CONTRIBUTI Il pagamento del contributo è effettuato mediante: • un unico versamento comprendente l'importo complessivo dei contributi dovuti per tutte le unità locali • in più versamenti distinti per ciascuna unità locale PER LE IMPRESE CHE RACCOLGONO E TRASPORTANO RIFIUTI • in un unico versamento, comprendente l'importo dei contributi dovuti per la sede legale e per tutti i veicoli a motore adibiti al trasporto dei rifiuti. Ciascun operatore, una volta iscritto al SISTRI, riceve un numero di pratica e nel più breve tempo possibile deve effettuare il pagamento del contributo di sua competenza per acquisire i dispositivi elettronici Dopo aver effettuato il pagamento, gli Operatori devono comunicarne al SISTRI gli estremi, via fax, al numero verde 800 05 08 63, o via e-mail all'indirizzo contributo@sistri.it 25
  • 26. Area Ambiente e Territorio MODALITÀ PER IL PAGAMENTO DEI CONTRIBUTI IL PAGAMENTO DEI CONTRIBUTI PUÒ ESSERE EFFETTUATO PRESSO QUALSIASI UFFICIO POSTALE • mediante versamento dell'importo dovuto sul conto corrente postale n. 871012 intestato alla Tesoreria Provinciale dello Stato di Roma nella causale di versamento occorre indicare: - capo 32/Capitolo 2592/Articolo 14 - contributo SISTRI/anno 2010 - codice fiscale dell'Operatore - numero di pratica comunicato dal SISTRI, a conferma dell'avvenuta iscrizione PRESSO GLI SPORTELLI DEL PROPRIO ISTITUTO DI CREDITO: • mediante bonifico bancario (coordinate IBAN: IT88 Z010 0003 2453 4803 2259 214) nella causale di versamento occorre indicare: - contributo SISTRI/anno 2010 - codice fiscale dell'Operatore - numero di pratica comunicato dal SISTRI, a conferma dell'avvenuta iscrizione PRESSO LA TESORERIA PROVINCIALE DELLO STATO (BANCA D'ITALIA): • versando il contributo in contanti con la seguente causale di versamento: - capo 32/Capitolo 2592/Articolo 14 - contributo SISTRI/anno 2010 26 - codice fiscale dell'Operatore - numero di pratica comunicato dal SISTRI, a conferma dell'avvenuta iscrizione
  • 27. Area Ambiente e Territorio CONTRIBUTI Tra i produttori di rifiuti pericolosi rientrano anche coloro che effettuano entrambe le operazioni e cioè la produzione di rifiuti pericolosi e non pericolosi 27
  • 28. Area Ambiente e Territorio CONTRIBUTI 28
  • 29. Area Ambiente e Territorio I DISPOSITIVI ELETTRONICI USB DISPOSITIVO ELETTRONICO PER L’ACCESSO IN SICUREZZA DALLA PROPRIA POSTAZIONE AL SISTEMA INFORMATICO SERVE A: • consentire la trasmissione dei dati • firmare elettronicamente le informazioni fornite • memorizzare le informazioni fornite BLACK BOX DISPOSITIVO ELETTRONICO DA INSTALLARE SU CIASCUN VEICOLO CHE TRASPORTA RIFIUTI, CON LA FUNZIONE DI MONITORARE IL PERCORSO EFFETTUATO DISPOSITIVI DI SORVEGLIANZA TELECAMERE PER MONITORARE L’INGRESSO E L’USCITA DEGLI AUTOMEZZI DAGLI IMPIANTI DI DISCARICA E DI INCENERIMENTO N.B. 29 I dispositivi sono di proprietà del SISTRI e vengono dati in comodato d’uso
  • 30. Area Ambiente e Territorio QUANTITÀ DI DISPOSITIVI DA RICHIEDERE • 1 USB PER OGNI UNITÀ LOCALE DELL’IMPRESA E • 1 USB PER OGNI ATTIVITÀ DI GESTIONE DEI RIFIUTI SVOLTA ALL’INTERNO DELL’UNITÀ LOCALE (se sono individuati gli stessi delegati per tutte le attività di gestione, si può chiedere 1 solo dispositivo per tutte le attività attribuite agli stessi delegati) Per unità locali con più unità operative da cui originano autonomamente rifiuti SI PUÒ richiedere 1 dispositivo per ogni unità operativa PER LE ATTIVITÀ DI RACCOLTA E TRASPORTO DEI RIFIUTI • 1 USB per la sede legale dell’impresa (o anche di 1 per ogni UL) • 1 USB e 1 BLACK BOX per ogni veicolo adibito al trasporto di rifiuti 30
  • 31. Area Ambiente e Territorio CONSEGNA DEI DISPOSITIVI USB LA CONSEGNA DEI DISPOSITIVI AVVIENE PRESSO I “SITI DI DISTRIBUZIONE” Sono siti di distribuzione: Le sedi provinciali delle Camera di Commercio Industria, Artigianato e Agricoltura: consegnano i dispositivi USB a tutti gli Operatori non iscritti all’ Albo Nazionale Gestori Ambientali Le Associazioni imprenditoriali (o loro società di servizi): devono essere delegate dalle imprese ed aver sottoscritto la apposita convenzione con la Camera di Commercio Industria, Artigianato e Agricoltura Le sezioni regionali e provinciali dell’ Albo Nazionale Gestori Ambientali: consegnano i dispositivi USB agli Operatori tenuti all’iscrizione all’Albo Nazionale Gestori Ambientali LA CONSEGNA DEVE ESSERE EFFETTUATA 30 GIORNI PRIMA 31 DELL’AVVIO DELL’OPERATIVITÀ DEL SISTEMA
  • 32. Area Ambiente e Territorio CONSEGNA E INSTALLAZIONE DELLA BLACK BOX PER LE ATTIVITÀ DI RACCOLTA E TRASPORTO DI RIFIUTI SONO CONSEGNATE: • 1 USB per la sede legale dell’impresa (o anche di 1 per ogni UL) • 1 USB e 1 BLACK BOX per ogni veicolo adibito al trasporto di rifiuti LE SEZIONI DELL’ALBO CONSEGNANO: - dispositivo USB - elenco delle officine autorizzate - modulo da compilare e da consegnare all’officina per il ritiro della black box PROGRAMMANO LA CONSEGNA DELLA BLACK BOX PRESSO OFFICINA LE OFFICINE AUTORIZZATE CONSEGNANO E INSTALLANO BLACK BOX PER L’INSTALLAZIONE È NECESSARIO ACQUISTARE UNA SCHEDA SIM dati GPRS per ogni black box 32 INSERIRE NEL MODULO I DATI DELLA SIM (nome intestatario, PIN, PUK, numero) o consegnare fotocopia della SIM
  • 33. Area Ambiente e Territorio CONSEGNA E INSTALLAZIONE DELLA BLACK BOX L’OPERATORE DELL’OFFICINA AUTORIZZATA VERIFICA I DATI CONTENUTI NEL MODULO ACCERTA L’IDENTITÀ DEL RICHIEDENTE E L’EVENTUALE DELEGA AL RITIRO (carta semplice e copia documento delegante) INSERISCE LA SIM NELLA BLACK BOX INSTALLA LA BLACK BOX SUL VEICOLO ESEGUE IL TEST DI CORRETTA INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE SIGILLA LA BLACK BOX FA FIRMARE UNA DICHIARAZIONE con cui si attesta l’esito positivo delle verifiche e il corretto funzionamento dei dispositivi e l’impegno a custodire ed utilizzare correttamente i dispositivi EMETTE FATTURA (costo a carico dell’impresa) COMUNICA A SISTRI L’AVVENUTA INSTALLAZIONE E ABBINAMENTI DATI SIM E TARGHE 33
  • 34. Area Ambiente e Territorio CONSEGNA DEI DISPOSITIVI USB PRESSO LA CAMERA DI COMMERCIO SOGGETTI COMPETENTI E DOCUMENTAZIONE NECESSARIA PER IL RITIRO IL RITIRO DEI DISPOSITIVI USB DEVE ESSERE EFFETTUATO DAL LEGALE RAPPRESENTANTE DELL’OPERATORE (o da soggetto incaricato e delegato) Per procedere al ritiro dei dispositivi USB, vanno presentati: • copia della ricevuta di pagamento del contributo di iscrizione al SISTRI • autocertificazione resa dal legale rappresentante dei dati comunicati in fase di iscrizione (per coloro che si sono iscritti on line, va stampato e sottoscritto dal legale rappresentante il modulo che viene generato automaticamente dal sistema) • fotocopia leggibile di un documento di identità del rappresentante legale dell’azienda e del/i delegato/i • numero di pratica assegnato dal Sistema • attestato di versamento dei diritti di segreteria dovuti alle Camere di Commercio • documento di riconoscimento e delega per il ritiro scritta in carta semplice secondo il formato 34 disponibile sul sito SISTRI e firmata dal Legale Rappresentante (in caso di ritiro da parte di un soggetto diverso dal Legale Rappresentante)
  • 35. Area Ambiente e Territorio CONSEGNA DEI DISPOSITIVI USB PRESSO LA CAMERA DI COMMERCIO PROCEDURA DI RITIRO L’addetto del Sito di distribuzione: • verifica la corrispondenza dei dati visualizzati nel sistema SISTRI con quelli indicati nell’autodichiarazione presentata dal Richiedente • inserisce nel sistema gli estremi del soggetto che effettua il ritiro • verifica che i pagamenti siano stati effettuati correttamente per importi e modalità • verifica la completezza dei documenti presentati dall’incaricato al ritiro (compresa eventuale delega) Se risultino documenti mancanti o necessità di rettifiche/integrazioni, l’addetto del Sito di distribuzione concorda un nuovo appuntamento per il completamento della procedura • stampa dal Sistema e fa firmare al soggetto incaricato al ritiro (per conto dell’Operatore) : - informativa sul trattamento dei dati personali e di consenso al trattamento dei dati - la dichiarazione di impegno all’uso corretto e alla custodia dei dispositivi USB • consegna il plico al soggetto incaricato al ritiro 35
  • 36. Area Ambiente e Territorio DELEGA ALLE ASSOCIAZIONI PER IL RITIRO DEI DISPOSITIVI USB L’associazione (o la società di servizi) stipula la Convenzione con la CCIAA A seguito della sottoscrizione della Convenzione, in fase di iscrizione l’impresa puo’ delegare l’Associazione al ritiro del dispositivo USB La CCIAA comunica alle Associazioni l’elenco delle Unità locali deleganti L’Associazione ENTRO 5 g comunica l’elenco degli operatori per i quali non ricorrono le condizioni per l’erogazione del servizio L’Associazione firma la dichiarazione di presa in carico e riceve dalla CCIAA il plico sigillato L’associazione raccoglie la documentazione necessaria e forma 1 fascicolo per ogni impresa L’associazione consegna plico a impresa, il fascicolo a CCIAA e registra quotidianamente sul sistema della CCIAA gli estremi delle consegne effettuate 36 L’associazione restituisce a CCIAA plichi non consegnati
  • 37. Area Ambiente e Territorio DELEGA ALLE ASSOCIAZIONI PER IL RITIRO DEI DISPOSITIVI USB COSA FA LA CCIAA 1. Riceve i dispositivi configurati e li immagazzina 2. Acquisisce l’elenco delle Unità locali deleganti e per le quali sono stati spediti da SISTRI i dispositivi elettronici 3. Comunica alle Associazione l’elenco delle Unità locali deleganti 4. Contatta direttamente le Unità locali per le quali l’Associazione ha rifiutato la delega 5. Trasmette all’impresa una comunicazione con l’elenco dei documenti da consegnare all’Associazione 6. Consegna i dispositivi all’Associzione previa verifica del pagamento dei diritti di segreteria (anche attraverso il sistema Telemaco Pay) LA CAMERA DI COMMERCIO METTE A DISPOSIZIONE DELLE ASSOCIAZIONI UN SISTEMA INFORMATICO CHE CONSENTE: gestione calendario consegne verifica materiale da controllare al momento della raccolta della documentazione inserimento indicazione avvenuta consegna 37 stampa della ricevuta
  • 38. Area Ambiente e Territorio DELEGA ALLE ASSOCIAZIONI PER IL RITIRO DEI DISPOSITIVI USB COSA FA L’ASSOCIAZIONE 1. RICEVE DALLA CCIAA IL PLICO SIGILLATO E FIRMA LETTERA DI MANLEVA Verifica che il plico sia sigillato Nel plico sono contenuti: • Dispositivo USB • Identificativo utente • Password per accesso al sistema • PIN (Password di sblocco del dispositivo) • PUK (Codice di sblocco personale) 2. FISSA APPUNTAMENTO PER RITIRO DOCUMENTI E CONSEGNA USB Verifica documentazione • attestati di versamento contributo SISTRI • autocertificazione con dati impresa e Unità locale • copia documento legale rappresentante • dichiarazione di impegno all’uso corretto dei dispositivi • fotocopia del/i documento/i del delegato/i (massimo 3) • delega conferita all’Associazione per il ritiro dei dispositivi Registra quotidianamente avvenuta consegna Eventualmente, restituisce a CCIAA plichi non consegnati 38 3. CONSEGNA FASCICOLO A CCIAA
  • 39. Area Ambiente e Territorio RESTITUZIONE DEI DISPOSITIVI IN CASO DI: • SOSPENSIONE • CESSAZIONE ATTIVITÀ • ESTINZIONE SOGGETTI GIURIDICI (es fusione) • CHIUSURA UNITÀ LOCALE • CESSIONE RAMO D’AZIENDA deve essere inoltrata comunicazione al Sistri ENTRO 72 ORE DALLA COMUNICAZIONE AL REGISTRO DELLE IMPRESE i dispositivi devono essere restituiti ENTRO 10 GIORNI DALLA COMUNICAZIONE AL SISTRI in caso di acquisizione, l’acquirente deve iscriversi al sistri ENTRO 10 GIORNI 39 DALLA COMUNICAZIONE AL REGISTRO DELLE IMPRESE
  • 40. Area Ambiente e Territorio SOSTITUZIONE DEI DISPOSITIVI PERDITA, MANOMISSIONE O DANNEGGIAMENTO DEI DISPOSITIVI Gli Operatori devono comunicare l’evento al sistema SISTRI - entro 24 ore - e richiedere la sostituzione dei dispositivi PERDITA DELLE BLACK BOX CONSEGUENTE AL FURTO DEl VEICOLO Il richiedente deve sporgere denuncia, inviandone originale (o copia conforme) entro 24 ore Il SISTRI predispone i dispositivi sostitutivi e comunica al richiedente data e luogo dove, previo pagamento dei costi, potrà ritirare il dispositivo (o richiedere l’istallazione delle black box sostitutivi) MALFUNZIONAMENTO DEI DISPOSITIVI DOVUTI A VIZI DEI DISPOSITIVI STESSI Gli operatori devono comunicare il malfunzionamento al SISTRI Il Sistri provvederà alla rimozione del malfunzionamento e/o alla sostituzione dei dispositivi: 40 - entro 24 ore dalla comunicazione del malfunzionamento, se i vizi riguardano il software - entro 72 ore dalla comunicazione del malfunzionamento, se i vizi riguardano l’hardware
  • 41. Area Ambiente e Territorio LA SCHEDA SISTRI LA SCHEDA SISTRI È SUDDIVISA IN DUE AREE • Area Registro Cronologico L’impresa produttrice deve inserire soltanto al primo accesso i dati della produzione del rifiuto nell’Area Registro Cronologico • Area Movimentazione Rifiuto Nel momento in cui il soggetto (Produttore, Trasportatore, Gestore) movimenta un rifiuto, la scheda SISTRI – Area Movimentazione deve essere compilata esclusivamente con i dati inerenti il rifiuto: • IL PRODUTTORE INDICA: numero colli, peso da verificarsi a destino, rifiuto sottoposto a trasporto ADR, certificato analitico (se richiesto), presenza intermediario/commerciante, eventuale invio dei rifiuti all’Estero • IL TRASPORTATORE INDICA: mezzo utilizzato, conducente, targa, data della movimentazione, percorso ed eventuale tratta intermodale • IL GESTORE INDICA: spedizione accettata e quantitativo ricevuto 41
  • 42. Area Ambiente e Territorio AREA REGISTRO CRONOLOGICO Sezione compilata dal produttore/detentore dei rifiuti entro 10 giorni dalla produzione. Contiene le informazioni sulle caratteristiche qualitative e quantitative del rifiuto prodotto. Al termine della compilazione della riga del Registro Cronologico l’utente preme bottone FIRMA e inserisce PIN del dispositivo per firmare le informazioni inserite. A seguito della movimentazione dei rifiuti (dall’impianto di produzione all’impianto di destinazione) il SISTRI compila automaticamente la riga dell’Area Registro Cronologico, corrispondente alla movimentazione effettuata, di tutte le altre figure presenti nell’attività di gestione del rifiuto. 42
  • 43. Area Ambiente e Territorio AREA MOVIMENTAZIONE DEL RIFIUTO Il produttore che deve movimentare un rifiuto accede al sistema, seleziona nella scheda Area Registro Cronologico il codice CER con il corrispondente quantitativo. In automatico, il SISTRI genera una scheda Area Movimentazione, contenente le informazioni inserite precedentemente dall’utente nel suo Registro ed avente uno specifico codice identificativo che accompagnerà il rifiuto durante tutto il suo percorso. Il produttore compila gli ultimi campi previsti (numero colli, indicazione impianto di destinazione, caricamento del certificato analitico qualora previsto, ecc.). Il delegato dell’azienda di trasporto si autentica e compila la scheda Area Movimentazione, precedentemente aperta dal produttore, per la parte di sua competenza (mezzo utilizzato, conducente, targa, data della movimentazione, percorso, ecc) intermodale. Il conducente del mezzo parte dalla sua azienda con l’autoveicolo dotato della black box, del relativo dispositivo USB e di una copia della scheda SISTRI – Area Movimentazione. Si reca dal produttore per prendere in carico i rifiuti oggetto della movimentazione. Terminato il carico dei rifiuti sul mezzo, il conducente inserisce l’USB nel computer del produttore per dare il via al tracciamento del percorso. Giunto presso l’impianto di destinazione, il delegato dell’azienda accede al SISTRI, si autentica e compila la scheda – Area Movimentazione, per la parte di sua competenza (spedizione accettata e quantitativo ricevuto). Il conducente inserisce l’USB del mezzo nel computer del destinatario per l’invio al SISTRI dei dati memorizzati dalla black box durante il percorso. Il SISTRI genera automaticamente per l’azienda di trasporto la riga di scarico del Registro 43 Cronologico e compila automaticamente per il gestore dell’impianto di destinazione la riga di presa in carico dei rifiuti.
  • 44. Area Ambiente e Territorio INFORMAZIONI DA FORNIRE AL SISTRI *Fonte: Ministero dell’Ambiente - Prospetto Sintetico IN CASO DI PARZIALE ACCETTAZIONE DEL CARICO O DI CARICO RESPINTO: il trasporto dei rifiuti non accettati è accompagnato da copia della scheda movimentazione stampata dal gestore LA RESPONSABILITÀ DEL PRODUTTORE DEI RIFIUTI PER IL CORRETTO RECUPERO O 44 SMALTIMENTO È ESCLUSA CON L’INVIO, DA PARTE DEL SISTRI, DELLA COMUNICAZIONE DI ACCETTAZIONE DEI RIFIUTI DA PARTE DELL’IMPIANTO DI RECUPERO O SMALTIMENTO
  • 45. Area Ambiente e Territorio PATOLOGIE DEL SISTEMA O DEI MEZZI INFORMATICI TEMPORANEA INTERRUZIONE DEL SISTEMA SISTRI I soggetti tenuti alla compilazione delle schede Area Movimentazione annotano le movimentazioni dei rifiuti su un’apposita scheda SISTRI, da scaricarsi dal sistema, e inseriscono i dati relativi alle movimentazioni dei rifiuti effettuate, entro le 24 ore dalla ripresa del funzionamento INDISPONIBILITÀ TEMPORANEA DEI MEZZI INFORMATICI SOGGETTI TENUTI ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA SISTRI CHE NON DISPONGANO TEMPORANEAMENTE DEI MEZZI INFORMATICI PER CAUSE NON IMPUTABILI ALLA LORO RESPONSABILITÀ La compilazione della scheda SISTRI – Area Movimentazione è effettuata, per conto di tale soggetto e su sua dichiarazione, dal soggetto tenuto alla compilazione della parte precedente o successiva 45
  • 46. Area Ambiente e Territorio CASI PARTICOLARI ADESIONE FACOLTATIVA NEL CASO DI IMPRESE CHE, AVENDONE FACOLTÀ, NON HANNO ADERITO AL SISTRI ATTIVITÀ DI PRODUZIONE I produttori comunicano i propri dati (necessari per compilare scheda area movimentazione) al delegato dell’impresa di trasporto che compila anche la sezione del produttore 1 copia della scheda, firmata dal produttore, è consegnata al conducente Il gestore dell’impianto di recupero o smaltimento stampa e trasmette al produttore copia della scheda Sistri completa 1 copia della scheda SISTRI rimane presso il produttore, che è tenuto a conservarla per cinque anni 46
  • 47. Area Ambiente e Territorio CASI PARTICOLARI ADESIONE FACOLTATIVA NEL CASO DI IMPRESE CHE, AVENDONE FACOLTÀ, NON HANNO ADERITO AL SISTRI ATTIVITÀ DI RACCOLTA E TRASPORTO DÌ PROPRI RIFIUTI NON PERICOLOSI (imprese iscritte all’Albo ai sensi dell’art.212, c.8 d.lgs.152/2006) viaggiano con il formulario di trasporto 47
  • 48. Area Ambiente e Territorio CASI PARTICOLARI FANGHI DI DEPURAZIONE ATTIVITÀ DI PRODUZIONE DI FANGHI DESTINATI ALLO SPANDIMENTO IN AGRICOLTURA (DECRETO LEGISLATIVO 27 GENNAIO 1992, N. 99) il produttore dei fanghi stampa e consegna la scheda Movimentazione con indicazione destinatario al conducente il destinatario firma, data e restituisce la scheda al produttore il delegato dell’azienda trasporto chiude la scheda confermando l’arrivo a destinazione del rifiuto, firma, data e restituisce la scheda al produttore 48
  • 49. Area Ambiente e Territorio CASI PARTICOLARI ATTIVITÀ DI MANUTENZIONE la scheda movimentazione è compilata dal delegato della sede legale (o u.l.) 49
  • 50. Area Ambiente e Territorio CASI PARTICOLARI CONFERIMENTO A CIRCUITI DI RACCOLTA PRODUTTORI CHE CONFERISCONO I PROPRI RIFIUTI, PREVIA CONVENZIONE AL SERVIZIO PUBBLICO O AD ALTRO CIRCUITO ORGANIZZATO DI RACCOLTA possono adempiere agli obblighi del decreto tramite il gestore del servizio di raccolta o della piattaforma di conferimento i produttori sono tenuti all’iscrizione al SISTRI, ad eccezione degli imprenditori agricoli che trasportano e/o conferiscono in modo occasionale e saltuario quantitativi < a 30 kg il gestore del servizio pubblico di raccolta o della piattaforma di conferimento si deve iscrivere al sistema SISTRI per la specifica categoria e compilare le relative schede nel caso di TRASPORTO EFFETTUATO DA TRASPORTATORI PROFESSIONALI i produttori comunicano i propri dati (necessari per compilare scheda area movimentazione) al delegato dell’impresa di trasporto che compila anche la sezione del produttore. Copia della scheda è consegnata al conducente, viene firmata dal produttore e consegnata al gestore del centro di raccolta nel caso di TRASPORTO CONTO PROPRIO RIFIUTI NON PERICOLOSI, i produttori che devono trasportare il rifiuto chiedono al gestore dell’impianto di destinazione la stampa delle schede di movimentazione (numerate e compilate con gli estremi dell’impianto). I produttori compilano le schede, accompagnano il viaggio con queste schede compilate e le 50 restituiscono al gestore dell’impianto. All’arrivo, il gestore accede al sistema ed inserisce i dati delle schede compilate
  • 51. Area Ambiente e Territorio IL RUOLO DELLE ASSOCIAZIONI a) LE ASSOCIAZIONI POSSONO SUPPORTARE LE AZIENDE NELLA FASE DI ISCRIZIONE b) L’IMPRESA PUO’ DELEGARE L’ASSOCIAZIONE (O LA SUA SOCIETA’ DI SERVIZI) PER: - il RITIRO DEI DISPOSITIVI (La delega può essere conferita in fase di iscrizione, dopo che l’Associazione abbia sottoscritto la apposita convenzione con la Camera di Commercio competente) - la GESTIONE DEGLI ADEMPIMENTI (La delega deve essere conferita del legale rappresentante dell’impresa, in carta semplice con firma autenticata da notaio o pubbl. uffic.) 51 La responsabilità dei dati inseriti resta in capo al soggetto delegante
  • 52. Area Ambiente e Territorio DELEGA ALLE ASSOCIAZIONI PER LA GESTIONE • le imprese che raccolgono e trasportano i propri rifiuti pericolosi (ex art. 212, c. 8 d.lgs.152/06) • gli imprenditori agricoli con un volume di affari annuo < 8000 € che producono rifiuti pericolosi • i produttori di rifiuti non pericolosi per quantitativi < 10 t/anno e di rifiuti pericolosi per quantitativi < 2 t./anno • le imprese che aderiscono volontariamente al Sistri POSSONO DELEGARE PER LA GESTIONE DEGLI ADEMPIMENTI L’ASSOCIAZIONE DI CATEGORIA (O SUA SOCIETÀ DI SERVIZI) La delega deve essere in carta semplice con firma autenticata da notaio o pubblico ufficiale L’associazione deve trasmettere al Sistri l’elenco dei deleganti L’associazione si iscrive al Sistri, paga il contributo annuale dì 100€ Sistri entro 15 g. segnala l’avvenuta configurazione delle applicazioni informatiche All'associazione imprenditoriale è assegnato un dispositivo elettronico che gli consente l'accesso al sistema e la compilazione della documentazione 52 prevista per conto di tutte le imprese deleganti
  • 53. Area Ambiente e Territorio DELEGA ALLE ASSOCIAZIONI PER LA GESTIONE CASO A: IMPRESE CHE DELEGANO L’ASSOCIAZIONE ALLA GESTIONE DEGLI ADEMPIMENTI, ADERISCONO AL SISTRI, USUFRUISCONO DELLE AGEVOLAZIONI E HANNO UN COMPUTER IN AZIENDA L’impresa delega l’Associazione alla compilazione del proprio Registro Cronologico e della scheda SISTRI – Area Movimentazione L’Associazione accede al SISTRI e compila in base alle informazioni fornite dall’impresa il Registro Cronologico – Area Movimentazione della scheda SISTRI e lo firma elettronicamente L’impresa può accedere successivamente al SISTRI e verificare i dati inseriti 53
  • 54. Area Ambiente e Territorio DELEGA ALLE ASSOCIAZIONI PER LA GESTIONE CASO B: IMPRESE CHE DELEGANO L’ASSOCIAZIONE ALLA GESTIONE DEGLI ADEMPIMENTI, ADERISCONO AL SISTRI, USUFRUISCONO DELLE AGEVOLAZIONI E NON HANNO UN COMPUTER IN AZIENDA L’impresa delega l’Associazione alla compilazione del proprio Registro Cronologico e della scheda SISTRI – Area Movimentazione. L’Associazione accede al SISTRI e compila in base alle informazioni fornite dall’impresa, il Registro Cronologico - Area Movimentazione e lo firma elettronicamente. Nel caso di movimentazione del rifiuto, l’Associazione accede al SISTRI e compila in base alle informazioni fornite dall’impresa, la scheda SISTRI - Area Movimentazione. L’Associazione contatta il trasportatore che accede al SISTRI, compila le proprie sezioni e stampa due copie della scheda SISTRI - Area Movimentazione. Il conducente si reca presso il produttore, fa firmare le due copie al produttore. Una copia rimane al produttore e l’altra accompagna il trasporto. Al rientro del mezzo in azienda il trasportatore accede al SISTRI ed inserisce data e ora di presa in carico del rifiuto da parte del conducente. 54 Per quanto riguarda il destinatario, si applicano le disposizioni contenute nel Decreto.

×