Your SlideShare is downloading. ×
0
Articoli 5-8 Costituzione
Articoli 5-8 Costituzione
Articoli 5-8 Costituzione
Articoli 5-8 Costituzione
Articoli 5-8 Costituzione
Articoli 5-8 Costituzione
Articoli 5-8 Costituzione
Articoli 5-8 Costituzione
Articoli 5-8 Costituzione
Articoli 5-8 Costituzione
Articoli 5-8 Costituzione
Articoli 5-8 Costituzione
Articoli 5-8 Costituzione
Articoli 5-8 Costituzione
Articoli 5-8 Costituzione
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Articoli 5-8 Costituzione

149

Published on

Ipertesto in ppt sugli articoli 5-8 della Costituzione, realizzato dai miei alunni

Ipertesto in ppt sugli articoli 5-8 della Costituzione, realizzato dai miei alunni

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
149
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Principi fondamentali della Costituzione Articolo 5 Articolo 6 Articolo 7 Articolo 8
  • 2. Articolo 5 La Repubblica, una e indivisibile, riconosce e promuove le autonomie locali; attua nei servizi che dipendono dallo Stato il più ampio decentramento amministrativo; adegua i principi ed i metodi della sua legislazione alle esigenze dell'autonomia e del decentramento approfondimento
  • 3. La Repubblica tutela con apposite norme le minoranze linguistiche 
  • 4. Articolo 7 Lo Stato e la Chiesa cattolica sono, ciascuno nel proprio ordine, indipendenti e sovrani I loro rapporti sono regolati dai Patti Lateranensi. Le modificazioni dei Patti accettate dalle due parti, non richiedono procedimento di revisione costituzionale.
  • 5. Articolo 8 Tutte le confessioni religiose sono egualmente libere davanti alla legge Le confessioni religiose diverse dalla cattolica hanno diritto di organizzarsi secondo i propri statuti, in quanto non contrastino con l'ordinamento giuridico ital . I loro rapporti con lo Stato sono regolati per legge sulla base di intese con le relative
  • 6.   La repubblica Italiana non è divisibile, cioè è solo una, dalle Alpi alla Sicilia. E’ indivisibile come il corpo umano…
  • 7. La Repubblica è «una» ma è formata da «parti» (come il corpo umano): le parti della Repubblica sono le autonomie locali, cioè le Regioni, le Province e i Comuni. La Repubblica è più forte e funziona meglio se rafforza le parti che la formano…
  • 8. Il decentramento amministrativo è la «dislocazione» dei «poteri» sul territorio: il trasferimento avviene tra centro (Stato, Roma) e la periferia (autonomie locali)…
  • 9. Principio di sussidiarietà Il decentramento amministrativo serve per far sentire lo Stato più vicino ai cittadini. Questo è anche detto principio di sussidiarietà: cioè il cittadino, quando ha bisogno, si rivolge prima al Comune, poi alla Provincia, alla Regione e solo alla fine allo Stato.
  • 10. Questo significa che la Repubblica deve, con specifiche leggi, difendere le minoranze linguistiche cioè quei gruppi di persone che parlano una lingua diversa da quelle ufficiale. ufficiale
  • 11. Stato e Chiesa sono indipendenti, cioè non interferiscono tra di loro e prendono liberamente le loro decisioni: ognuno è sovrano di se stesso
  • 12. I Patti Lateranensi sono degli accordi, firmati nel 1929 sotto il fascismo. Hanno stabilito i rapporti tra Stato e Chiesa risolvendo i contrasti che c’erano fin dall’Unità d’Italia.
  • 13. La «revisione costituzionale» è una lunga e complicata procedura fatta dal Parlamento per poter modificare anche una minima parte della Costituzione.
  • 14.   Significa che in Italia tutte le religioni sono uguali, cioè possono essere praticate senza alcuna distinzione. Non è possibile discriminare, emarginare o ostacolare chi vuole professare una religione diversa da quella cattolica
  • 15. Tutti quelli che in Italia scelgono una religione diversa da quella cattolica, hanno diritto di organizzarsi e riunirsi liberamente purché rispettino le leggi…

×