Your SlideShare is downloading. ×
Articoli 1-4 costituzione
Articoli 1-4 costituzione
Articoli 1-4 costituzione
Articoli 1-4 costituzione
Articoli 1-4 costituzione
Articoli 1-4 costituzione
Articoli 1-4 costituzione
Articoli 1-4 costituzione
Articoli 1-4 costituzione
Articoli 1-4 costituzione
Articoli 1-4 costituzione
Articoli 1-4 costituzione
Articoli 1-4 costituzione
Articoli 1-4 costituzione
Articoli 1-4 costituzione
Articoli 1-4 costituzione
Articoli 1-4 costituzione
Articoli 1-4 costituzione
Articoli 1-4 costituzione
Articoli 1-4 costituzione
Articoli 1-4 costituzione
Articoli 1-4 costituzione
Articoli 1-4 costituzione
Articoli 1-4 costituzione
Articoli 1-4 costituzione
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Articoli 1-4 costituzione

221

Published on

Ipertesti realizzato in ppt dai miei alunni sui prima quattro articoli della Costituzione

Ipertesti realizzato in ppt dai miei alunni sui prima quattro articoli della Costituzione

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
221
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. LA COSTITUZIONE I PRIMI QUATTRO ARTICOLI Articolo 1 Articolo 2 Articolo 3 Articolo 4
  • 2. ARTICOLO 1: Che cos’è l’Italia? L'Italia è una REPUBBLICA DEMOCRATICA, fondata sul lavoro. La SOVRANITA’ appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei LIMITI DELLA COSTITUZIONE. CRITICITA’
  • 3. ARTICOLO 2: Diritti e doveri La repubblica riconosce e garantisce i DIRITTI INVIOLABILI dell‘UOMO, sia come singolo sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità, e richiede l'adempimento dei DOVERI INDEROGABILI di SOLIDARIETA’ politica, economica e sociale.
  • 4. ARTICOLO 3: Uguaglianza davanti alla legge TUTTI I CITTADINI hanno PARI DIGNITA’ sociale e sono EGUALI DAVANTI ALLA LEGGE SENZA DISTINZIONE di sesso, di RAZZA, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali. È compito della Repubblica rimuovere gli OSTACOLI di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l'effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all'organizzazione politica, economica e sociale del Paese. CRITICITA’
  • 5. ARTICOLO 4: Diritto al lavoro La Repubblica riconosce a TUTTI I CITTADINI il DIRITTO AL LAVORO e promuove le condizioni che rendano EFFETTIVO questo diritto. Ogni cittadino ha il DOVERE di svolgere, secondo le proprie possibilità e la propria scelta, un'attività o una funzione che concorra al progresso materiale o spirituale della società. CRITICITA’
  • 6. LAVORO SVOLTO DA: ELENA, SARA, ANNALISA, GLORIA, V ALENTINA
  • 7. • REPUBBLICA DEMOCRATICA: da «res publica» (cosa pubblica, cosa di tutti), «demos» e «kratia» (cioè potere del popolo). • E’ quindi una forma di governo in cui la sovranità appartiene al popolo, ed è opposta alla dittatura (in cui una sola persona, o un collegio di più persone, accentr a in sé tutti i poteri con la forza). Si precisa che la repubblica è democratica perché c’era stato l’esempio antidemocratico della Repubblica di Salò e perché stavano nascendo le democrazie popolari socialiste, che non erano per nulla democratiche.
  • 8. • SOVRANITA’: è il «potere», che in una repubblica democratica appartiene al popolo
  • 9. • LIMITI: il potere del popolo non è però illimitato perché deve rispettare le leggi e la Costituzione.
  • 10. CRITICITA’: la costituzione non è sempre rispettata; non sempre il popolo è davvero «sovrano»
  • 11. • DOVERI INDEROGABILI: doveri che non ammettono mai eccezioni (cioè «deroghe»), devono essere sempre e comunque assolti
  • 12. • DIRITTI INVIOLABILI: sono i diritti fondamentali, che si acquisiscono alla nascita e, per questo, non possono essere tolti a nessun essere umano.
  • 13. • UOMO: l’articolo si rivolge, prim’ancora che ai soli «cittadini», a tutti gli uomini • …anticipa addirittura la Dichiarazione dei Diritti dell’Uomo
  • 14. • SOLIDARIETA’: è il primo «dovere» che ogni essere umano ha verso un altro essere umano; è un «aiuto reciproco» di tipo politico, economico e sociale.
  • 15. • TUTTI I CITTADINI: «cittadini» sono coloro che hanno «diritti e doveri». Il cittadino è «libero», mentre il «suddito» no.
  • 16. • AVERE PARI DIGNITA’: «Cittadino» non è solo chi ha la cittadinanza di un Paese. • «Sopra» l’articolo 3 c’è sempre l’articolo 2, che parla dell’UOMO; quindi, anche chi è «straniero» e non ha la cittadinanza DEVE avere la STESSA DIGNITA’ di «uomo», cioè deve essere trattato come tutti gli altri davanti alla legge…e nella società!
  • 17. • Eguali davanti alla legge: l’articolo 3 non dice che dobbiamo essere «identici»; possiamo essere tutti «diversi» l’uno dall’altro (per sesso, religione, lingua, nazionalità, opinioni ecc…), ma davanti alla legge diventiamo tutti uguali… «senza distinzioni»!
  • 18. • Razza: le «razze» non esistono, ma nell’articolo 3 viene usata questa parola perché c’erano state le persecuzioni razziali e lo sterminio degli ebrei e degli zingari (considerati razze inferiori).
  • 19. • OSTACOLI: la Repubblica deve intervenire quando il primo comma non è rispettato; se un cittadino non ha i mezzi per far valere i propri diritti, è lo Stato che soccorre in aiuto.
  • 20. • CRITICITA’: L’eguaglianza davanti alla legge non è sempre rispettata. Ci sono casi di discriminazione oppure di «privilegi»; inoltre, non sempre la Repubblica riesce a intervienire a rimuovere gli ostacoli che impediscono l’uguaglianza
  • 21. • Tutti i cittadini: il diritto al lavoro è di tutti i «cittadini». Siccome l’articolo 4 viene dopo l’articolo 3 e l’articolo 2, col termine «cittadini» si intendono non solo gli italiani con la cittadinanza ma anche gli «stranieri».
  • 22. • Il lavoro è quindi un DIRITTO (cioè una «libertà», una «possibilità») ed è molto importante perché permette di vivere con DIGNITÀ.
  • 23. • effettivo: significa che la Repubblica si impegna affinché tutti abbiano «davvero» il diritto di lavorare.
  • 24. • Dovere: il lavoro è anche un «dovere» perché ognuno deve contribuire al «progresso» della società per il bene di tutti (solidarietà, art. 2). • Lavorare, però, è anche una «occasione» per realizzarsi nella vita ed essere «felici»: per questo, nell’articolo si dice che ognuno è libero di «scegliere» il lavoro che più gli piace o quello che può svolgere al meglio delle proprie «possibilità».
  • 25. • CRITICITA’: la Repubblica non riesce a «dare» a tutti il diritto al lavoro; purtroppo oggi c’è la crisi, molti sono disoccupati oppure c’è chi fa un lavoro che non ama (quindi non si impegna e non contribuisce al bene della società); molti lavori sono pure pagati pochissimo. • Inoltre, l’articolo 4 non è rispettato quando si vuole dare il diritto al lavoro solo a chi ha la cittadinanza.

×