• Save
Personal Itinerary - Microsoft Surface
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Like this? Share it with your network

Share

Personal Itinerary - Microsoft Surface

  • 308 views
Uploaded on

Report del progetto

Report del progetto

More in: Design
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
308
On Slideshare
263
From Embeds
45
Number of Embeds
3

Actions

Shares
Downloads
0
Comments
0
Likes
0

Embeds 45

http://www.behance.net 37
https://www.behance.net 6
https://prosite.com 2

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. CORSO DI INTERACTION DESIGN DESIGN DELLA COMUNICAZIONEPof.sa Franca GarzottoA.A. 2009/201008/02/10 MS Surface Surface applied to the cultural heritage Personal ItineraryThe project Personal Itineray aims to create an application for Microsoft Sur-face which can help tourists find information about cultural sites in the citythey’re visiting and provide them an itinerary, complete with maps and audioguides for mobile devices. We developed a demo about Milan, but the sameapplication can be adapted for every city.Group members: 3Group leader:Laura Sansotera320 2113987laura.sansotera@gmail.comOther members:Sabrina Scurisabrina.scuri@mail.polimi.itEsther Zanonestherzanon87@hotmail.com 1
  • 2. Index Introduction...........................................................................................5 Resources..............................................................................................5 Requirements.........................................................................................5 The design of the end user experience.....................................................6 Concept.....................................................................................................6 Design scenarios....................................................................................... 12 Conceptual design..................................................................................... 15 Interaction scenarios................................................................................. 21 Protyping and Implementation design....................................................27 Discussion............................................................................................28 Conclusions..........................................................................................282 3
  • 3. Introduction Il progetto consiste nella realizzazione di una struttura Surface applicata all’ambito dei beni culturali, declinabile a tutte le città d’arte italiane, che si pone l’obiettivo di facilitare l’utente nell’individuazione di un itinerario semplice e personale. In questo caso è stata focalizzata l’attenzione sulla città di Milano. Resources Le persone coinvolte nel progetto sono tre, Laura Sansotera, Sabrina Scuri ed Esther Zanon. Il tempo complessivo dedicato al progetto è stato di circa 150 ore a persona. Il lavoro si è svolto per l’80% in compresenza. Il gruppo di lavoro è stato supportato nella fase di sviluppo del concept e di implementazione dei prototipi dai professori Franca Gar- zotto e Roberto Cavallini. Requirements OBIETTIVI Creare una user-experience forte, incentivare e promuovere l’arte di una città, legare l’esperienza artistica dell’utente all’immagine stessa del territorio. BISOGNI DELL’UTENTE Avere una visione globale dei beni artistici offerti dalla città, e la possibilità di progettare con facilità un personale itinerario d’arte. STAKEHOLDER e TARGET USERS Turisti italiani e stranieri, cultura media/medio-alta, dai 16 anni in su, familiarità con le tecnologie, amanti dell’arte. CONTESTO D’USO Le applicazione Surface verranno poste nei principali Info point, nei centri per il turismo e (se possibile) nei più visitati luoghi d’arte della città. VANTAGGI LEGATI ALL’APPLICAZIONE SURFACE Facilità di fruizione da parte dell’utente, informazioni accessibili e immediatamente re- peribili, possibilità di collaborazione, servizio personalizzato per l’utente (elaborazione di itinerari personali), sistema multilingue.4 5
  • 4. The design of the end user experience ci...).CONCEPT Più utenti possono lavorare contemporaneamente, ad esempio mentre uno si occupaIl progetto consiste nella realizzazione di una struttura Surface per la città di Milano (ma della ricerca di chiese un altro può cercare monumenti medievali, ecc.declinabile a tutte le città d’arte italiane), che dia una visione completa e globale dell’arte IPOTESI AGGIUNTIVE:presente sul territorio. Un’ulteriore criterio di ricerca che si potrebbe inserire nell’applicazione riguarda i luoghiL’applicazione Surface presenta infatti una mappa della città dalla quale sarà possibile d’arte più visitati. Questo tipo di filtro sarà reso possibile connettendo tutte le applicazioniall’utente estrapolare un itinerario. Surface in rete, dove saranno raccolti tutti gli itinerari realizzati dagli utenti, i quali verran-Sull’interfaccia di Surface sono presenti due linee temporali scorrevoli (una per utente) no elaborati per classificare i siti più graditi.indicanti tutti i periodi storico/artistici. Selezionando il periodo interessato, ad esempio Si è pensato anche alla possibilità di rendere visibile sulla mappa (sempre attraverso se-“Rinascimento”, verranno automaticamente indicati tutti i luoghi di arte rinascimentale, gnalibri estraibili) tutti quei servizi utili a un turista che si muove in città come ad esempiodando più importanza ai luoghi di maggiore rilevanza artistica (distinzione grafica). i luoghi di ristorazione, i servizi igienici pubblici, i mezzi di trasporto, i parcheggi, ecc.Su di un lato dell’interfaccia sono presenti dei segnalibri estraibili, relativi alle diversetipologie di luoghi d’arte presenti sul territorio milanese (chiese, monumenti, palazzi, mu- Sulla base di questo concept sono stati raccolti una serie di dati di esempio che andreb-sei…). Selezionando uno di questi segnalibri, ad esempio “chiese”, e trascinandolo sulla bero inseriti nell’applicazione. Un primo ostacolo si è verificato con la catalogazione dellemappa, automaticamente verranno segnalate tutte le chiese di Milano (sempre rendendo opere per periodo storico, molte chiese ad esempio sono il risultato di più periodi artistici.visibile a colpo d’occhio quelle con maggiore rilevanza artistica). Si è quindi deciso di utilizzare un criterio che punti a soddisfare i desideri dell’utente. SeSull’altro lato dell’interfaccia vi sono ulteriori segnalibri, corrispondenti ai principali artisti un luogo d’arte risalente al Medioevo presenta soprattutto elementi rinascimentali perchéitaliani le cui opere/interventi sono presenti sul territorio milanese. Selezionando un arti- ristrutturato in quel periodo sarà catalogato sotto la voce Rinascimento, in modo talesta e trascinandolo sulla mappa verranno visualizzati i luoghi in cui è possibile trovare le che ad un utente interessato a quello specifico periodo artistico vengano indicate tuttesue opere; in questo modo, il turista appassionato ad esempio di Leonardo, può crearsi le opere in cui è maggiormente presente l’impronta rinascimentale. Ovviamente nelleun itinerario che comprenda principalmente i suoi lavori. schede informative relative alla storia del luogo d’arte saranno indicate tutte le tappe diLa ricerca può essere fatta anche incrociando i sistemi di accesso: periodi storico/artistici costruzione e ristrutturazione. Se un luogo d’arte presenta invece in maniera molto di-e tipologie di luoghi d’arte presenti sul territorio. Ad esempio, selezionando “chiese” e stinta caratteri relativi a due o più periodi storici, sarà catalogata sotto entrambe le voci.trascinando il segnalibro sul periodo “Rinascimento” saranno visualizzate tutte le chiese Nelle pagine successive viene proposta una tabella che mostra un tentativo di cataloga-rinascimentali. zione. Ovviamente in un’ipotesi di realizzazione definitiva tale compito di catalogazioneUna volta presente una visualizzazione completa della ricerca effettuata dall’utente sarà sarà affidato ad esperti d’arte maggiormente competenti in materia.possibile selezionare i luoghi che si vorrebbero visitare, ingrandirli, farne scorrere imma-gini (o rappresentazioni in 3D) ed estrarne nuove schede informative, come ad esempioper una chiesa possono essere l’architetto che l’ha progettata, i principali affreschi, lepale d’altare e quant’altro di rilevante la caratterizza. Per ciascun luogo d’arte sarannoinoltre forniti gli orari di ingresso, eventuali costi del biglietto, e i dati principali (telefono,indirizzo, ecc.).Durante la fase di ricerca, se un utente è intento a visualizzare le schede relative ad unsito, l’altro ha la possibilità di continuare la sua ricerca facendo scorrere o scalando tran-quillamente la mappa; questo perché ogni informazione verrà inserita su livelli differenti.L’utente può quindi scegliere quale sito gli interessa visitare; man mano che trova qualco-sa può prenderla e trascinarla in una cartella che alla fine conterrà tutti luoghi previsti dalsuo itinerario. I dati della cartella saranno consultabili e manipolabili in qualsiasi momen-to; e una volta scelti i punti di interesse Surface li elaborerà e li svilupperà in modo taleda presentare il migliore itinerario che tocca tutti i luoghi d’arte prescelti. Tale itinerariosarà infine trasferibile su mobile, eventualmente con l’integrazione di file testuali e audioche guidino e spieghino all’utente i luoghi selezionati. Per ogni sito, nel momento in cui siva a manipolare l’itinerario all’interno della cartella, sarà possibile filtrare le informazionida trasferire su mobile. Ad esempio, una volta inserito San Satiro nell’itinerario, si potràdecidere di scaricare solo le informazioni relative all’illusioni ottica dell’abside, escludendoinvece quelle storiche (date di costruzione e successive ristrutturazioni, stili architettoni- 6 7
  • 5. CHIESE San Giorgio al Palazzo Barocco MONUMENTI Colonne di San Lorenzo Paleocristiano San Giovanni in Conca (Tempio Valdese) Romanico Colonna del Verziere Barocco San Lorenzo Paleocristiano Monumento a Vittorio Emanuele II Arte moderna Martyrum (Sant’Ambrogio) Paleocristiano Monumento ad Alessandro Manzoni Realismo Apostolarum (San Nazaro) Paleocristiano Disco di Pomodoro Arte contemporanea Virginum (San Simpliciano) Paleocristiano Fontana del Piermarini Neoclassicismo San Marco Romanico Grande Scultura di Mirò Arte contemporanea San Vincenzo in Prato Romanico Monumento a Mazzini Arte moderna Santa Maria Podone Rinascimento Monumento ai caduti di Mentana Arte moderna San Cristoforo Gotico Monumento ai Bersaglieri Arte contemporanea Santo Stefano Maggiore Romanico Monumento ai Carabinieri Arte contemporanea San Sepolcro Romanico Monumento a Felice Cavallotti Scapigliatura San Gottardo in Corte Neoclassico Monumento a Cavour e La Storia Romanticismo Sant’Eustorgio Romanico Monumento ai Finanzieri Arte contemporanea Duomo Gotico Monumento a Roberto Franceschi Arte contemporanea Santa Maria delle Grazie Gotico Monumento a Giuseppe Grandi Arte moderna San Bernardino alle Monache Barocco Monumento ai fucilati di piazzale Loreto Arte contemporanea San Pietro in Gessate Romanico Monumento ai piccoli martiri Arte contemporanea Santa Maria Incoronata Gotico del bombardamento scuola di Gorla Sant’Eufemia Gotico Monumento Cinque Giornate Scapigliatura Santa Maria della Pace Gotico, Rinascimento Monumento a Francesco Baracca Arte contemporanea Santa Maria presso San Celso Rinascimento Monumento a Giuseppe Garibaldi Liberty Santa Maria presso San Satiro Rinascimento Monumento ai Marinai d’Italia Arte contemporanea Santa Maria della Passione Rinascimento Monumento a Indro Montanelli Arte contemporanea Santa Maria alla Fontana Rinascimento Monumento a Napoleone III Realismo San Maurizio al Monastero Maggiore Rinascimento Monumento a Giuseppe Missori Realismo Santa Maria al Paradiso Manierismo Monumento a Gaetano Negri Realismo San Paolo Converso Barocco Monumento a Pinocchio Arte contemporanea Sant’Antonio abate Manierismo Monumento a Claudio Varalli Arte contemporanea Santa Maria alla Porta Barocco e Giannino Zibecchi San Nicolao Barocco Monumento a Giuseppe Verdi Realismo San Vito in Pasquirolo Manierismo Monumento a Eugenio Villoresi Realismo Sant’Alessandro in Zebedia Barocco Monumento alle Vittime Realismo Sant’Angelo Barocco del bombardamento austriaco del 1916 San Barnaba e Paolo Manierismo Monumento alla Voloire Realismo San Giuseppe Barocco Monumento a Napoleone I del Canova Neoclassicismo San Bernardino alle Ossa Barocco Il cavallo di Leonardo Arte contemporanea San Fedele Neoclassico Tempio della Vittoria Realismo San Bartolomeo Neoclassico San Carlo al Corso Neoclassico ARCHITETTU- Castello Sforzesco Gotico San Vittore al Corpo Manierismo RE E PALAZZI Certosa di Garegnano Barocco San Babila Neoromanico Broletto Nuovo Medioevo Santa Maria del Carmine Romanico Loggia degli Osii Medioevo San Calimero Neoromanico Ospedale Maggiore (Università statale) Gotico Santa Maria Annunciata in Chiesa Rossa Arte contemporanea Casa Fontana Silvestri Gotico, Rinascimento Palazzo Marino Manierismo 8 9
  • 6. Rotonda della Besana Barocco STATUE Statua a Cesare Beccaria Scapigliatura Palazzo Brera Neoclassicismo ALL’APERTO Statua a Carlo Cattaneo Realismo Palazzo Reale Neoclassicismo Statua a Giuseppe Dezza Realismo Arena Civica Neoclassicismo Statua a Francesco Hayez Realismo Pio Albergo Trivulzio Neoclassicismo Statua a padre Kolbe Arte contemporanea Teatro La Scala Neoclassicismo Statua a Luciano Manara Realismo Teatro Lirico Neoclassicismo Statua a Giuseppe Parini Realismo Cimitero Monumentale Ecletticismo Statua a Carlo Porta Realismo Galleria Vittorio Emanuele II Ecletticismo Statua a S. Calimero Manierismo Casa di riposo per musicisti Scapigliatura Statua ad Antonio Stoppani Realismo Giuseppe Verdi Monumento ad Antonio Rosmini Realismo Palazzo Castiglioni Liberty San Francesco in Piazza Sant’Angelo Arte contemporanea Palazzina Liberty Liberty Statua Romana Paleocristiano Arengario Arte moderna Statua di Leonardo Realismo Grattacielo Pirelli Realismo L’ago e il filo Arte contemporanea Torre Velasca Realismo San Francesco in Piazza Risorgimento Realismo Piccolo teatro Arte contemporanea Stazione di Milano Cadorna Arte contemporanea Teatro degli Arcimboldi Arte contemporanea Teatro Dal Verme Arte contemporanea MAGGIORI ARTISTI BergognonePORTE Porta Ticinese medievale Romanico Bramante Porta Romana Manierismo Cerano Porta Sempione – Arco della Pace Neoclassicismo Crespi Porta Garibaldi Neoclassicismo Foppa Porta Nuova Neoclassicismo Leonardo Porta Ticinese Neoclassicismo Luini Porta Venezia Neoclassicismo Maciachini Porta Magenta Neoclassicismo Michelangelo Porta Vittoria Neoclassicismo Michelozzo TiepoloMUSEI Museo d’Arte antica e Pinacoteca Paleocristiano, Rinascimento Castello Sforzesco Pinacoteca di Brera Barocco, Rinascimento, Neoclassico, Manierismo, Arte contemporanea Galleria d’Arte Moderna Arte moderna Museo del Duomo Gotico Museo Poldi Pezzoli Barocco, Rinascimento, Neoclassico, Manierismo, Arte contemporanea Pinacoteca Ambrosiana Rinascimento, Manierismo Villa Reale (PAC) Arte contemporanea, Futurismo 10 11
  • 7. DESIGN SCENARIOSPrima di procedere all’implementazione dell’applicazione, si è focalizzata l’attenzione suquale potesse essere un possibile scenario d’uso per districare eventuali problematiche.Come mostra lo storyboard nella pagine seguenti, si è ipotizzata un’interazione con laSurface tra due utenti intenti a progettare un proprio personale itinerario.In figura 1 viene mostrata come dovrebbe risultare l’interfaccia di base (poi leggermen-te modificata come mostrano gli allegati video_esplicativo.exe e video_scenario.exe); lesuccessive, figura 2, 3 e 4 evidenziano invece le diverse tipologia di ricerca che si possonoadottare per filtrare le informazioni: luoghi d’arte, periodo storico/artistico, artisti.Selezionando ad esempio il luogo d’arte “chiese” (figura 2), e trascinandolo sulla cartina,saranno evidenziate tutte le chiese (le diverse dimensioni dipendono dalla rilevanza ar- Figura 1 Figura 2tistica di ciascuna) e il segnalibro rimarrà selezionato (figura 3). Lo stesso procedimentovale per la ricerca basata sugli artisti (figura 4), mentre per quanto riguarda il periodostorico/artistico (figura 5) toccando la linea temporale viene visualizzato un segnalibro,che potrà essere fatto scorrere, e al suo rilascio sul periodo prescelto saranno evidenziatitutti i siti relativi a quel periodo. 1L’immagine in figura 6, mostra invece un ipotesi di ricerca incrociata ricavato dalla sele-zione di una tipologia di luogo d’arte e di un periodo storico. È qui che si è evidenziatala prima problematica. Attraverso un’unione di selezioni (luogo d’arte U periodo storico) 1 2nascono infatti ambiguità quando gli utenti diventano due e le ricerche si intersecano:quale luogo d’arte è da intersecare con quale periodo storico se le linee temporali sono 2? 1 2Si è quindi deciso di filtrare la ricerca attraverso il trascinamento del pulsante luogo d’artesul periodo interessato, in questo modo i due utenti non rischiano di interferire l’uno nella Figura 3 Figura 4ricerca dell’altro.Le figure successive mostrano un esempio di scenario d’uso. Sono state individuati duemomenti, uno di ricerca (figure 7, 8 e 9) e uno di revisione dell’itinerario e ulteriore fil-traggio delle informazioni (figure 10, 11, 12 e 13). Infine in figura 14 l’itinerario elaborato 1dall’applicazione viene trasferito su mobile.L’allegato storyboard_mock_up.pdf presenta uno storyboard che mostra lo stesso scena-rio d’uso realizzato in una fase successiva con un primo prototipo cartaceo. 1 2 2 Figura 5 Figura 6 Il primo utente trova dei monumenti interessanti e li inserisce nell’itinerario, vgvhbhbcjads xsvcadsgcv dcdsbhcjhdsc xcbdhschdcxc cdcshdchc. il secondo approfondisce sulla Chiesa di Santa Maria presso San Satiro (storia, struttura, altare). Mentre io cerco le chiese rinascimentali, tu occupati dei monumenti del ‘900 Figura 7 Figura 8 12 13
  • 8. CONCEPTUAL DESIGN Si è cercato di evidenziare tutte le possibilità di interazione che l’applicazione può fornire attraverso schemi che mostrano una sorta di rete del sistema. Ok, rivediamo cosa abbiamo messo finora nell’itinerario...Figura 9 Figura 10 Sì è interessante, l’aggiungo all’itinerario! Io intanto ho trovato alcuni monumenti particolari! vgvhbhbcjads xsvcadsgcv dcdsbhcjhdsc xcbdhschdcxc cdcshdchc. Nella chiesa di San Satiro c’è una particolare illusione ottica creata dal Bramante, prova a darci un’occhiata!Figura 11 Figura 12 Io questo lo toglierei, non toglierei, non mi sembra Io questo lo mi sembra Perfetto! Perfetto! particolarmente interessante interessante particolarmente Possiamo andare! Possiamo andare! e poi sono tutte opere ditutte opere di autori minori. e poi sono autori minori. Dal menù principale è possibile effettuare più ricerche contemporaneamente, in questo caso le ricerche si sommeranno secondo un criterio di unione. Inoltre è possibile effettua- re, come già detto, una ricerca incrociata tramite intersezione tra tipologia di luoghi d’arte e periodo storico/artistico. Da ogni elemento generato dalle diverse ricerche è possibile aprire delle schede informative di approfondimento. L’elemento selezionato (o la scheda informativa) possono essere quindi trascinati nella cartella itinerario dove sarà elaborato l’itinerario più pertinente alle tappe selezionate. Ok, togliamolo! Bé così direi che così direi che può andare. Ok, togliamolo! Bé può andare. Lo trasferisco Lo trasferisco su mobile! su mobile! Ecco fatto! Ecco fatto! Criteri di ricercaFigura 13 Figura 14 • Linea temporale indicante periodi storico-artistici. • Segnalibri con le tipologie di luoghi d’arte (chiese, monumenti, architetture e palazzi, porte, musei, statue all’aperto). • Segnalibri con i maggiori artisti italiani (le cui opere sono presenti nel territorio). • Eventualmente siti più visitati.Le immagini si riferiscono ad una fase iniziale di definizione dello scenario d’uso, successivamente, comemostrato nelle pagine a seguire, saranno apportate alcune piccole modifiche. 14 15
  • 9. Come fare la ricerca RICERCA + VISITATI• È possibile incrociare i sistemi d’accesso relativi a periodi storici e tipologie dei luoghi d’arte. RICERCA X ARTISTA SCENA 1• È possibile selezionare contemporaneamente più periodi storici, più tipologie di luoghi (Leonardo) d’arte e più artisti.• Per ogni sito saranno disponibili schede informative. RICERCAX TIPOLOGIA (Musei) SCHEDA 1• Se un’utente visualizza delle scheda l’altro può continuare la sua ricerca tranquilla- Si apre cliccando sul luogo selezionato mente dato che la mappa è su un altro livello. RICERCA X PERIODO (cerchio del colore del periodo (Romanico)• Da ogni ricerca effettuata è possibile tornare indietro. e icona della tipologia scelta) e si richiude cliccandoci nuovamente RICERCA INCROCIATAL’itinerario INTERFACCIA TIPO + PERIODO (Monumenti + Scapigliatura)I siti che interessano l’utente possono essere spostati in una cartella, i cui contenuti sa- Trascinamento dell’icona “monumenti” Spostamento della mappa Trascinamento sul periodo “scapigliatura” delle schede nellaranno sempre consultabili e manipolabili. e accensione sulla mappa e apertura SCHEDA 2 CARTELLA ITINERARIOScelti i siti da visitare si elaborerà l’itinerario, trasferibile su mobile. delle intersezioni (monumenti appartenentiNella cartella itininerario sarà possibile filtrare le informazioni in modo da caricare guide al periodo della scapigliatura) SCHEDA 3testuali precise sui siti. U RICERCA INCROCIATA SCHEDA 1 TIPO + PERIODO (Chiese + Rinascimento; DESELEZIONE Sculture + Rinascimento APPROFONDIMENTOSuccessivamente, sulla base di tale rete si è evidenziata un’ipotesi di percorso compren- Monumenti + Rinascimento) di sculture e monumenti (si gettano via le icone) Si clicca sulla linguetta Sul periodo “Rinascimento”dente le due scene presenti nell’applicazione, quella di ricerca (scena 1) e quella di rie- compariranno 3 linguette a lato della scheda per aprirlo e si ritira in dentro SCHEDA 2same (scena 2). In tale percorso sono state evidenziate tutte le questioni che potevano con le 3 icone la linguetta per chiuderlogenerare i maggiori dubbi sull’utilizzo della Surface in modo tale da discernere qualsiasitipo di problematica. SCENA 2 APERTURA APPROFONDIMENTO ELIMINAZIONE SCHEDA Viene trascinata fuori dall’itinerario TRASFERIMENTO SU MOBILE APERTURA SCHEDA X APERTURA ITINERARIO CHIUSURA CARTELLA - riduzione mappa Trascinamento ITINERARIO - schede (dello stesso delle schede nella - trascinamento delle schede nella cartella colore del periodo a cui CARTELLA ITINERARIO - la mappa torna delle dimensioni appartengono) ordinate originali secondo un itinerario APERTURA SCHEDA Y PASSAGGIO SCHEDA APERTURA APERTURA APPROFONDIMENTO 2 APPROFONDIMENTO 1 APPROFONDIMENTO 2 TRA UTENTI 16 17
  • 10. Ipotesi di ricerca incrociata tra 2 utenti Lo stesso procedimento è stato utilizzato per presentare quello che sarebbe poi risultato su mobile una volta trasferiti i dati.Utente 1: Rinascimento (trascina il pulsante Rinascimento della sua linea temporale sullamappa).Utente 2: monumenti (trascina il pulsante monumenti sulla mappa). Siti, guida audio Rinascimento Rinascimento monumenti U monumentiUtente 1: chiese rinascimentali (trascina il pulsante chiese sul periodo Rinascimento).Utente 2: monumenti medievali (trascina il pulsante monumenti sul periodo Medioevo). Rinascimento Chiese U Medioevo monumenti Visualizzazione itinerario Menù principale e navigazione nella mappaUtente 1: chiese rinascimentali (trascina il pulsante chiese sul periodo Rinascimento).Utente 2: chiese (trascina il pulsante chiese sulla mappa). Dal menù principale si accede: Rinascimento Chiese • alla pagina dei siti guida dai quali è possibile selezionare i file audio da scaricare su mobile; • all’itinerario visualizzato sulla mappa all’interno della quale è possibile spostarsi. È sempre possibile tornare indietro alla schermata precedente.Utente 1: chiese rinascimentali (trascina il pulsante chiese sul periodo Rinascimento). Nella pagina seguente viene mostrato un esempio della visualizzazione che risulterebbeUtente 2: Rinascimento (trascina il pulsante Rinascimento della sua linea temporale sulla su mobile.mappa). Rinascimento Chiese 18 19
  • 11. INTERACTION SCENARIOS È stato realizzato un filmato che mette in evidenza le interazioni possibili che la Surface può supportare (allegato video_esplicativo.exe). Modalità di ricerca per luoghi d’arte tramite trascinamento del segnalibro sulla mappa. Una volta rilasciato, il segnalibro rimane selezionato (estratto) e sulla mappa si accendo- no secondo una visualizzazione a pop-up le aree interessate dalla ricerca caratterizzate dallo stesso simbolo del luogo d’arte prescelto. Per disattivare la ricerca basta richiudere il segnalibro. In questo modo tutte le aree sele- zionate sulla mappa spariscono di nuovo. Modalità di ricerca per periodo storico/artistico tramite rilascio sul periodo prescelto della linea temporale del segnalibro che compare toccando la stessa. Una volta rilasciato il segnalibro (indicante un preciso periodo), sulla mappa si accendono secondo una visualizzazione a pop-up le aree interessate dalla ricerca caratterizzate dallo stesso colore del periodo prescelto.20 21
  • 12. Per disattivare la ricerca basta richiudere il segnalibro. In questo modo tutte le aree sele- zionate sulla mappa spariscono di nuovo.Per disattivare la ricerca basta “gettare” il segnalibro fuori dalla linea temporale. In questomodo tutte le aree selezionate sulla mappa spariscono di nuovo. Modalità di ricerca incrociata luogo d’arte e periodo storico artistico tramite trascinamento del segnalibro relativo al luogo d’arte sul periodo della linea temporale interessato. Una volta rilasciato, il simbolo del luogo d’arte rimane visibile sul segnalibro che compare sulla linea temporale a indicare il periodo selezionato (a meno che il periodo non fosse già stato selezionato in precedenza e quindi già visibile come nel caso sotto). Il segnalibro del luogo d’arte non rimane estratto ed è utilizzabile anche dal secondo. Sulla mappa si accendono secondo una visualizzazione a pop-up le aree interessate dalla ricerca carat- terizzate dal colore del periodo cui si riferiscono e dal simbolo del luogo d’arte prescelto.Modalità di ricerca per artista tramite trascinamento del segnalibro sulla mappa.Una volta rilasciato, il segnalibro rimane selezionato (estratto) e sulla mappa si accendo-no secondo una visualizzazione a pop-up le aree interessate dalla ricerca caratterizzatedalla stessa icona dell’artista prescelto. 22 23
  • 13. Più simboli di luoghi d’arte possono essere presenti su uno stesso periodo, ciascuno può essere eliminato “gettando” via dal segnalibro del periodo il simbolo del luogo d’arte che non interessa più visionare. Ogni elemento presente sulla mappa può quindi essere aperto e visionato tramite schede. Inoltre è possibile inserire tutto ciò che risulta di maggiore interesse nel proprio itinerario semplicemente trascinandolo nella suddetta cartella.Per disattivare la ricerca basta “gettare” fuori dal segnalibro il simbolo del luogo d’arte.In questo modo sulla mappa rimarrà visualizzata solo la ricerca del periodo (spariranno isimboli del luogo d’arte e aumenteranno le aree delle opere relative al periodo). Per di-sattivare anche il periodo basterà “gettare” via anche il segnalibro. Una volta conclusa la ricerca è possibile riaprire la cartella itinerario e passare ad una nuova scena in cui la mappa risulta scalata in un angolo ed è possibile riesaminare le opere selezionate ed eventualmente eliminarne qualcuna semplicemente trascinandola fuori dall’area di applicazione.“Gettando” invece direttamente il segnalibro con ancora il simbolo del luogo d’arte attiva-to, l’intera ricerca incrociata sarà disattivata. 24 25
  • 14. Protyping and Implementation design Dopo aver definito precisamente il concept del progetto si è passati alla fase di protot- yping e implementation. Su consiglio dei docenti del corso si è scaricato Microsoft Surface SDK ed Expression Studio 3. Purtroppo si sono verificati alcuni problemi nell’istallazione dei programmi suc- cessivamente risolti, ma che hanno portato via del tempo all’implementazione del lavoro. Con Expression Blend (facente parte del pacchetto Expression Studio 3) si è realizzata infatti una breve animazione che visualizza il funzionamento dell’applicazione (Preliminary Prototype), ma il poco tempo a disposizione e la difficoltà nell’interagire con un program- ma nuovo, non hanno permesso di dare una rappresentazione efficace di quello che si voleva mostrare. Per questo si è realizzato anche un prototipo cartaceo che permettesse di mostrare tutte le funzionalità e interazione di cui l’applicazione doveva disporre. TaleInfine l’itinerario definitivo viene trasferito su mobile tramite sistema bluetooth con l’inte- approccio si è dimostrato poi essere una scelta azzeccata in quanto ha permesso di met-grazione di informazioni testuali e audio se desiderato. tere in luce alcune problematiche che altrimenti sarebbero passate inosservate. Successivamente per la fase di Advanced Prototype per mostrare l’interattività dell’appli- cazione si è dovuto scaricare Surface Simulator, ma si sono verificati problemi di incom- patibilità di sistema operativo e di risoluzione di monitor insufficiente per il funzionamento del programma. Si è tentato comunque di cimentarsi col programma nel tentativo di im- plementare un progetto che fosse interattivo. Ma il programma è risultato ostico e senza la possibilità di avere un riscontro nella silmulazione di quanto prodotto è risultato difficile se non impossibile avere un chiaro feedback del lavoro che si stava svolgendo. Il programma è stato quindi abbandonato per passare all’utilizzo del più conosciuto Ado- be Flash che permette di realizzare animazioni altrettanto esplicative del progetto che si vuole realizzare. Sono stati quindi realizzati: • uno storyboard sulla base del Preliminary Prototype cartaceo che mostra un possibile scenario d’uso in cui due utenti interagiscono con l’applicazione (allegato storybo- ard_mock_up.pdf); • un video esplicativo delle interazioni e funzionalità di cui dispone la Surface (allegato video_esplicativo.exe); • un video che presenta un possibile scenario d’uso (allegato video_scenario.exe). 26 27
  • 15. Discussion BibliographyIl maggiore problema che si è riscontrato nel corso dell’implementazione del progetto hariguardato l’aspetto di intersezione e unione delle diverse tipologie di ricerca integrato al Helen Sharp, Yvonne Rogers, and Jenny Preece “Interaction Design: Beyond Human-carattere tangible dell’applicazione. Non essendo infatti abituate a questo nuovo genere Computer Interaction” - ediz. 2 Wiley, 2007di applicazioni e non avendo mai potuto visionare e avere un’interazione diretta con unaSurface il metodo più pratico per districare ogni problema è risultato quello di un mock-up Pierluigi De Vecchi, Elda Cerchiari, “Arte nel tempo” - ediz. Bompiani, 2003cartaceo col quale interagire direttamente e concretamente. Avere una base concreta conla quale simulare delle interazioni è risultato più efficace per la definizione del progetto, Piero Adorno, Adriana Mastrangelo, “L’arte. Correnti, artisti, società” - ediz. G. D’Anna,che tenta di essere il più completo possibile, rispetto all’utilizzo di software per creare 2000animazioni o storyboard su possibili scenari d’uso che spesso rischiavano di tralasciareelementi rilevanti e questioni nodali. SitographyConclusions www.beniculturali.it/mibac/export/MiBAC/index.htmlIl progetto finale è rappresentato dai due file video video_esplicativo.exe e video_scena-rio.exe, in cui vengono mostrate le funzionalità dell’applicazione e le possibili interazioni www.milanoweb.net/chiese.htmche ne caratterizzano uno scenario d’uso.Il prodotto definitivo per essere realizzato necessiterà di una fase di ingegnerizzazione www.museimilano.orgsulla base del concept e dei prototipi realizzati e di uno studio accurato di grafica chepermetta di aver chiare all’utente le possibilità di cui dispone. www.operadartemilano.it/turismo.htmlL’obiettivo è quello di rendere il patrimonio artistico di cui disponiamo una fonte accessibi-le e di facile fruizione. Spesso non siamo neanche a conoscenza della ricchezza presentesul nostro territorio, nella nostra stessa città; grazie a questa applicazione è possibileaverne istantaneamente una visualizzazione complessiva, in modo semplice, pratico esoprattutto coinvolgente.Sarebbe infatti auspicabile riuscire in un futuro ad accedere a tutta l’arte del territorio, inquesto caso relativo alle singole città italiane, continuando ad arricchire di dati e informa-zioni queste applicazioni.Ciò che ci ha guidate in questo progetto è la consapevolezza che l’arte sia un valore eche non debba rimanere nascosta, ma diventare parte integrante di una user-experience. 28 29
  • 16. Annex report.pdf report.doc presentazione.ppt presentazione.pdf storyboard_mock_up.pdf video_esplicativo.exe video_esplicativo.avi video_scenario.exe video_scenario.avi video_scenario.wmv cartella design_scenarios cartella conceptual_design_surface cartella conceptual_design_mobile30 31