Descrizione delle opere
1) SCAVI, MOVIMENTI DI TERRA E REINTERRIComprendono tutti gli scavi ed i movimenti di terra, sia per la costruzione degli ...
Le caratteristiche costruttive della struttura, così come i carichi permanenti edaccidentali da prevedere sui vari impalca...
I pavimenti dei box e dei corselli saranno formati da massetto in calcestruzzo spessorecm. 10 con annegata rete elettrosal...
vigente normativa dalle Ditte Produttrici, la stessa certificazione dovrà essere         fornita per tutti i componenti le...
6.5.    I balconi saranno impermeabilizzati con una guaina armata con vetro spessore        4 mm.6.6.   I solai di copertu...
8.3.    Serramenti di finestre esterne e porte esterne del vano scala verso corte e dellecantinole a vasistas ove previste...
I plafoni e le pareti non rivestite delle cucine e dei bagni saranno rifinite ad intonacocivile.12) PAVIMENTISaranno dei s...
13) RIVESTIMENTILe pareti dei bagni e della cucina saranno rivestite con ceramica smaltata di prima sceltacommerciale 20x2...
gocciolatoio ove occorrente, coste in vista levigate e lucidate;  - Copertine muri di contenimento percorsi giardini in la...
di ogni accessorio così come previsto dalla vigente normativa, verniciati a       smalto color testa di moro;  - Il teleco...
I gradini, come in precedenza detto saranno rivestiti in serizzo cinese, con       parapetto in ferro a lavorazione sempli...
- Nelle piazzette ribassate, saranno ricavate aiuole delimitate da cordoli di       cemento, all’interno delle quali, verr...
Gli scarichi sub orizzontali all’interno delle unità immobiliari saranno in tubi di PVC.16.1.            Dotazione dell’ap...
attuazione, secondo il progetto esecutivo redatto da tecnico qualificato.          Tutti imateriali avranno il marchio IMQ...
- n°1 punto luce centrale comandato da 3 punti;   - n° punto luce a parete comandato da 3 punti (solo per i piani mansarda...
- n°1 punto luce centrale comandato da 3 punti;  - n° punto luce a parete comandato da 3 punti (solo per i piani mansarda)...
- n°1 punto presa 10 A (cestello 503);17.1.11        Ripostiglio (eventuale):   - n°1 punto luce a parete comandato da 1 p...
- punto allacciamento quadro di comando e sgancio motore d’apertura       basculante;   - n°1 punto presa da 10A.17.1.18 I...
20.1.4 Cronotermostato ambiente per la regolazione della temperatura anche nel            locale soffitta, ove previsto;20...
novembre 1987 n°586 e D.M. n°587 del 9 dicembre 1987 e al D.P.R. n°162 del 30aprile 1999 e tutti i loro componenti dovrann...
Per gli appartamenti al quarto piano con soprastante soffitta, è prevista lapredisposizione delle tubazioni vuote per la p...
29) OPERE ESTERNE E VERDE DI VICINATOSistemazione a prato con piantumazione di media altezza ove consentito dallo strato d...
1) Le attestazioni di conformità dovranno essere comprovate da idonee   certificazioni e/o documentazioni rilasciate da la...
sospensione dei lavori, disponendone la ripresa quando siano cessate le   ragioni che determinarono la sospensione.7) Per ...
Peschiera Borromeo, 14/01/2008                                 26
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Capitolato peschiera

408

Published on

Published in: Real Estate
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
408
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Capitolato peschiera

  1. 1. Descrizione delle opere
  2. 2. 1) SCAVI, MOVIMENTI DI TERRA E REINTERRIComprendono tutti gli scavi ed i movimenti di terra, sia per la costruzione degli edificisia per la formazione delle rampe, dei corselli e dei box esterni alla proiezione delfabbricato, nonché per le opere complementari: recinzioni, canalizzazioni, fognature,pozzi perdenti, fosse ascensori, intercapedini ove previste, con carico e trasporto deimateriali di risulta, eccedenti quelli riutilizzabili per il reinterro, alla pubbliche discariche.Gli scavi verranno realizzati per la maggior parte a macchina, dovranno essere senecessario armati ed avranno le dimensioni e le quote previste in progetto.Completati i lavori di scavo e le opere di fondazione in C.A. si dovrà procedere alleopere di reinterro secondo quanto previsto in progetto.Per il riempimento si potrà usare: per le parti basse materiale sano proveniente dagliscavi e superiormente terreno di coltura per almeno 30 cm. di spessore.Sopra le coperture piane dei box e sotto le tubazioni correnti sulle stesse, prima distendere la terra di coltura dovrà essere posizionato un materassino filtrante edrenante di pvc, che consenta alle acque piovane o di irrigazione di confluire neibocchettoni di scarico protetti da pozzetti drenanti, fasciati da tessuto non tessuto. 2) STRUTTURE PORTANTI DELL’ EDIFICIOLe strutture portanti dell’edificio saranno realizzate in C.A. gettato in opera, sulla basedel progetto strutturale esecutivo.Le murature perimetrali contro terra, quelle del vano scala, del vano ascensore,verranno realizzate in C.A., cosi come le strutture verticali ed orizzontali: pilastri, travi,coree, ripiani e scale.Gli impalcati saranno realizzati come segue: a) Quelli di copertura del piano seminterrato compresi quelli sui box e corselli esterni in elementi predalles con solettina inferiore di cm. 5 atta a garantire un REI 120. b) Tutti gli altri, saranno del tipo misto di laterocemento con soprastante solettina spessore cm. 4 ed annegata rete elettrosaldata. 2
  3. 3. Le caratteristiche costruttive della struttura, così come i carichi permanenti edaccidentali da prevedere sui vari impalcati, sulle scale e sui balconi così come laqualità ed il dosaggio dei materiali da impiegare, saranno desunti dal progettoesecutivo dei C.A.3) RAMPE, CORSELLI, BOX E VANI DI SERVIZIOL’accessibilità ai box posti al piano seminterrato avverrà a mezzo di n° rampe a cielo 3aperto larghe m. 5,50, munite di percorso pedonale aggiuntivo largo m. 0,60, chepartendo dal piano marciapiedi, raggiungeranno con andamento rettilineo i corselli alpiano seminterrato (2 partiranno dalla strada privata corrente a nord dell’intervento, eduna dalla Via Umbria su aree di proprietà dei fabbricati 3/ABC e 3/DEF, in servitù attivadi transito e passo con ogni mezzo a favore dei fabbricati 1-2 del Comparto 3).La pavimentazione delle rampe sarà realizzata a “spina di pesce” fresco su fresco inpastina di quarzo sferoidale, su massetto di calcestruzzo spessore cm. 10, conannegata rete elettrosaldata, e formazione di giunti strutturali e di ritiro sigillati conresina polipropilenica.Il dislivello fra il piano seminterrato ed il primo piano fuori terra, verrà superatomediante le scale dei fabbricati e relativi ascensori, mentre quello fra la quotamarciapiede e la quota del cortile ribassato verrà vinto mediante scala supplementareposta a lato della rampa di accesso al cortile, nonché da 1 ascensore esternoutilizzabile dalle persone anziane e dai portatori di handicap.Le porte d’accesso dai corselli agli atrii dovranno essere in ferro REI 120 con molla dichiusura, verniciate a smalto color panna, munite di maniglione antipanico e finestrelleda 40x60 munite di vetro ignistop.Le porte di chiusura delle cantinole, escluse quelle sopra menzionate, saranno inlamiera zincata verniciata con polvere epossidica color panna della Ditta Sibel, emunite di serratura.Le porte basculanti dei box avranno larghezza differenziata secondo il vano utilerisultante dalle strutture laterali di C.A., ed altezza corrispondente al vano rusticodedotto lo spazio tecnico e di aerazione, l’apertura sarà elettrica con radiocomando.I box saranno divisi da tavolati in lecablocchi spessore cm. 8, REI 90 posati con maltabastarda e giunti stilati, lo stesso tavolato sarà utilizzato per la formazione dei locali diservizio, e per le cantinole. 3
  4. 4. I pavimenti dei box e dei corselli saranno formati da massetto in calcestruzzo spessorecm. 10 con annegata rete elettrosaldata, superficie di finitura in pastina di quarzosferoidale.Le pareti dei vani scala così come i sottorampa e i frontalini, saranno finite conintonaco pronto e rasatura a gesso tinteggiate a tempera.I plafoni e le pareti dei corselli e dei box esterni, così come quelli sotto i fabbricaticompresi i vani di servizio, le cantinole ecc., saranno tinteggiati con pittura a temperadirettamente sull’intradosso dei solai in predalles.I locali di servizio, le cantinole ed i relativi spazi di disimpegno saranno pavimentati conpiastrelle di gres rosso 7,5 x 15 o di prodotto di uguale valore approvato dalla D.L.Lungo le pareti dei disimpegni, delle cantine e dei corselli dei box verrà posto in operazoccolino battiscopa dello stesso materiale.4) TAVOLATI, MURATURE INTERNE E RELATIVA COIBENTAZIONETutti i componenti della costruzione dovranno rispondere alla normativa vigente, siaper quanto riguarda il risparmio energetico, sia per quanto riguarda la coibentazioneacustica.4.1. I tavolati di divisione dei locali d’abitazione saranno eseguiti in mattoni forati spessore cm. 8.4.2. I tavolati di divisione fra i locali d’abitazione ed i bagni saranno eseguiti in mattoni forati spessore cm. 12, relativamente alla parete che accoglie la cassetta di scarico dell’acqua del wc.4.3. I tavolati esterni ed interni, verranno realizzati con scatole di mattoni forati di dimensioni cm. 8 x 24 x 24 e 12 x 24 x 24 e ove occorrenti con tavelle spessore cm. 4.5. I laterizi dovranno rispondere ai requisiti di accettazione secondo le norme vigenti. Le malte dovranno essere confezionate a mezzo di adeguate ed idonee macchine con componenti costantemente pesati al fine di garantire il dovuto dosaggio degli impasti e l’uniformità dei dosaggi stessi, potranno essere usate malte premiscelate munite di regolari certificati di atossicità e conformità alla 4
  5. 5. vigente normativa dalle Ditte Produttrici, la stessa certificazione dovrà essere fornita per tutti i componenti le murature e la loro coibentazione.5) TETTI E LORO COIBENTAZIONE Saranno realizzati a due falde (capanna) o a più falde (padiglione), con struttura portante in C.A., con sovrastante barriera al vapore, coibentazione con pannelli in polistirene tipo Stiradach spessore cm. 10, muniti di listelli in lamiera forata, copertura con tegole di cotto alla Portoghese.5.1. Le lattonerie necessarie: pluviali, canali di gronda, scossaline, converse, raccordi e quanto altro occorrente verranno realizzate in rame spessore 8/10.5.2. Sulle falde di copertura delle mansarde e delle soffitte dovranno essere forniti e posti in opera lucernari della Ditta Velux, con telaio in legno, vetri termopan antisfondamento, secondo quanto indicato nei tipi di progetto, prevedendo la possibile apertura elettrica mediante tubazioni di collegamento al quadro elettrico. Tutti i componenti la formazione del tetto dovranno essere muniti delle regolari certificazioni sulla loro atossicità e rispondenza alle vigenti disposizioni di legge.6) IMPERMEABILIZZAZIONE, COIBENTAZIONI, CONTROSOFFITTATURE6.1. Sarà prevista l’impermeabilizzazione della platea di fondazione, della fossa extracorsa degli ascensori, dei muri controterra delle cantine e dei box mediante posa di teli di bentonite sodica o doppia guaina elastomerica.6.2. L’isolamento termico ed acustico degli edifici verrà realizzato in ottemperanza alle vigenti leggi nazionali e regionali in materia.6.3. Sull’estradosso del solaio di copertura del tetto a falde, sarà applicata come barriera al vapore in cartonfeltro bitumato.6.4. I terrazzi delle mansarde saranno impermeabilizzati con doppia guaina armata con vetro da 4 Kg./mq. La coibentazione sarà realizzata con doppio pannello Vebofon in polistirene espanso, resistente alla compressione (70 kg./pa), spessore cm. 8. A protezione sia della guaina che della coibentazione, previa posa di strato separatore, verrà gettata una caldana in sabbia e cemento armata con rete di rinforzo, atta ad accogliere il pavimento di ceramica antigeliva. 6 5
  6. 6. 6.5. I balconi saranno impermeabilizzati con una guaina armata con vetro spessore 4 mm.6.6. I solai di copertura dei box e dei corselli esterni ai fabbricati saranno impermeabilizzati con doppia membrana elastoplastomerica da 4 mm. di spessore, superiore massetto protettivo, posa di pavimento in elementi autobloccanti su sabbia lungo i percorsi pedonali, o con finitura a giardino pensile negli altri casi.7) SERRAMENTI ESTERNI IN LEGNOLe finestre saranno del tipo monoblocco in legno lamellare Pino di Svezia mordenzatocolor scuro, spessore m/m. 58x70, complete di vetri basso emissivi costituiti da vetrostratificato (mm. 4 + 4) – pellicola pvb silente – gas argon 90% mm. 12 - vetro mm. 6della Ditta Saint Gobain o marca dello stesso pregio, mentre le portefinestre avranno lestesse caratteristiche con vetri basso emissivi antinfortunistici, maniglie in ottonesatinato.Gelosie a ventola in legno lamellare Pino di Svezia mordenzato scuro.I serramenti esterni per quanto riguarda l’isolamento acustico, la tenuta all’acqua edall’aria, la resistenza al vento, la resistenza meccanica, dovranno rispettare la vigentenormativa in materia, con la relativa certificazione.Tutti i serramenti saranno dotati di predisposizione per la posa di zanzariera e dicassonetto laterale per la posa di cancelletti di sicurezza a scomparsa tipo Pastore(zanzariere e cancelletti esclusi).8) SERRAMENTI ESTERNI IN FERRO E ALLUMINIO8.1. Impennate d’ingresso atrii in tubolari di ferro (tipo quadrifoglio), complete di inferriate, vetri antinfortunistici, verniciatura a smalto colore testa di moro, maniglioni antipanico interni elettromagnetici, maniglia esterna quadrifoglio e serratura elettrica;8.2. Serramenti di finestre e porte di collegamento fra il vano scala e il disimpegno appartamenti, in alluminio elettrocolorato color panna, vetro antinfortunistico.
  7. 7. 8.3. Serramenti di finestre esterne e porte esterne del vano scala verso corte e dellecantinole a vasistas ove previste in alluminio elettrocolorato color testa di moro, vetro antinfortunistico e apertura a vasistas per le prime e con maniglione antipanico per le seconde. 8.4. Serramenti in alluminio elettrocolorato color testa di moro a chiusura vano satellite teleriscaldamento e aspirapolvere centralizzato, con sottostante vano aperto per motore climatizzatore.8.5. Porta d’accesso dalle soffitte al terrazzo sopra il vano scale in alluminio elettrocolorato color testa di moro, serratura, maniglie, vetri termopan antinfortunistici, protetto da inferriata apribile di ferro, verniciata color testa di moro, munita di serratura di sicurezza della Corbin Company. I serramenti per quanto riguarda l’isolamento acustico, la tenuta all’acqua ed all’aria, la resistenza al vento, la resistenza meccanica, dovranno rispettare le vigenti normative in materia ed essere muniti dei relativi certificati. 9) PORTE INTERNE IN LEGNO 9.1. Porte interne complete di stipiti e coprifili telescopici ad incastro, serratura con chiave tipo Patent e maniglia con rosetta ottonata. Tre lati dell’anta bordati in noce Tanganica (anta piena). 9.2. Portoncini di primo ingresso: blindato (marca ALIAS), (color noce modello STEEL/RS), con serratura di sicurezza con cilindro europeo blindato e maniglia in ottone satinato e con possibilità di avere il pannello interno di diverso colore. 10) SERRAMENTI INTERNI IN FERROPorte in ferro REI 120 – REI 90 – REI 60 al piano box, così come indicato nei tipi diprogetto dei V.V.F.F., munite ove previsto di maniglioni antipanico e verniciate asmalto color panna. 11) FINITURA PARETI E PLAFONITutte le pareti ed i plafoni dei locali saranno trattati con intonaco tipo “Pronto” esovrastante rasatura a gesso. 8 7
  8. 8. I plafoni e le pareti non rivestite delle cucine e dei bagni saranno rifinite ad intonacocivile.12) PAVIMENTISaranno dei seguenti tipi:12.1 Soggiorno, ingressi, cucine: Piastrelle in gres monocottura con superficie smaltata misura 30x30 delle migliori marche e qualità Marazzi.12.2 Camere e disimpegni notte: Tavolette di legno di prima scelta commerciale, incollato su sottofondo posato a correre delle seguenti essenze: Merbau, Rovere.12.3 Bagni: Piastrelle in monocottura di prima scelta 20x20 con superficie smaltata delle migliori marche e qualità Marazzi.12.4 Terrazzi: Piastrelle in gres porcellanato antigelivo e antisdrucciolo formato 10x20 color cuoio, delle migliori marche e qualità Marazzi.12.5 Zoccolino: I pavimenti in tavolette di legno avranno lo zoccolino in ramino mordenzato tinta noce in tonalità coerente con le essenze dei pavimenti posati.12.6 Sottotetti senza permanenza di persone: Saranno pavimentate con parquet prefinito.12.7 Scale di accesso al sottotetto s.p.p.: Tali scale avranno alzata e pedata, anche a piè d’oca rivestite in legno, incollate sulla struttura in C.A., corredate di zoccolino della stessa natura, parapetti in ferro. 9
  9. 9. 13) RIVESTIMENTILe pareti dei bagni e della cucina saranno rivestite con ceramica smaltata di prima sceltacommerciale 20x20, delle migliori marche e qualità Marazzi.14) FINITURE DI FACCIATALe superfici di facciata saranno finite con intonaco a civile con stabilitura fine che dovràconsentire la traspirazione naturale dell’edificio e favorire l’applicazione dellatinteggiatura, con idropittura minerale al quarzo per esterni, idrorepellente, traspirantead effetto tinta unita opaca, di tonalità identica a quella degli altri fabbricati delQuadrifoglio 4 già realizzati.15) VARIE FINITURE INTERNE ED ESTERNE15.1. Opere in pietra naturale: - Davanzali in granito cinese spessore cm. 3, coste in vista levigate e lucidate; - Soglie idem come sopra; - Contorno del vano d’accesso all’atrio composto da soglia, spalle e cappello in granito cinese spess. cm. 3; - Riquadratura dello zerbino atrio con granito cinese levigato e lucidato; - Pavimento dell’atrio fino allo sbarco dell’ascensore in lastre di granito cinese levigato e lucidato in opera; - Zoccolino h. cm. 8 in granito cinese lungo tutto il perimetro dell’atrio e dello sbarco ascensore, coste in vista levigate e lucidate; - Contorno di granito cinese delle porte, dell’ascensore e dei portoncini di primo ingresso, coste in vista levigate e lucidate;- Rivestimento pedate, alzate e ripiani scala in granito cinese levigato e lucidato, zoccolino lungo le scale dello stesso materiale su gradini e ripiani h. = cm. 8; - Copertine e soglie balconi e terrazzi in lastra di granito cinese, con doppio 10
  10. 10. gocciolatoio ove occorrente, coste in vista levigate e lucidate; - Copertine muri di contenimento percorsi giardini in lastre di granito cinese con doppio gocciolatoio, coste in vista levigate e lucidate; - Rivestimento zoccolo esterno della casa in lastre di granito cinese piano di sega, h = cm. 40; - Zoccolo in lastre di granito cinese piano di sega lungo i percorsi esterni delle parti comuni, compreso le rampe d’accesso ai box, h = cm. 12.15.2 Opere varie in ferro: - Parapetti scale in ferro lavorato come quelli fin ora realizzati nel Quadrifoglio 4 verniciati a smalto color testa di moro, e corrimano in legno; - Parapetti balconi, parte in piattina e tubolare di ferro a formazione delle fioriere, verniciati a smalto color testa di moro, e parte in muretto di C.A. con soprastante copertina con doppio gocciolatoio in granito cinese, levigato e lucidato nelle coste a vista; - Parapetti sui muri di contenimento dei giardini privati ove necessari, in piattina di ferro e corrimano in ferro, verniciati a smalto color testa di moro; - I c an ce lli carrai di a cc ess o a i bo x, sara nn o real izza t i a due ante, completamente automatizzati con apertura a chiave e con telecomando, dotati
  11. 11. di ogni accessorio così come previsto dalla vigente normativa, verniciati a smalto color testa di moro; - Il telecomando dovrà essere quadricanale e per l’apertura sia dei box che dei cancelli carrai; - Il cancello di accesso alla rampa cortile dalla strada, sarà in ferro a due ante, quello pedonale, anch’esso a due ante con apertura elettrica collegata al videocitofono sarà in ferro verniciato a smalto color testa di moro; - Le portine di accesso ai locali immondizie saranno in ferro, di tipo stagno, e verniciate con smalto color panna e dovranno essere REI 120 secondo quanto richiesto dai VV.FF. - Il serramento di porta esterna per uscita di sicurezza dei box sul cortile, sarà in ferro completa di serratura, maniglioni antipanico, alettatura per tutta la loro altezza, verniciata color testa di moro; - Ante copribatterie contatori del gas in ferro con alette a persiana provviste di feritoia per lettura o rete e relativa serratura, verniciati a smalto color testa di moro;15.3 Canne di esalazione: Tutti gli appartamenti dovranno essere dotati delle canne previste nelle tavole delle forometrie, più precisamente: - Canna per eventuale caminetto soggiorno in tubo corrugato doppia camera, di acciaio inossidabile coibentata, e inserita in appositi vani; - Canna d’esalazione cappa cucina in tubi di PVC; - Presa d’aria esterna cucina e soggiorno per eventuale futuro caminetto, munite di silenziatore tipo Isobox della Termover; - Estrattore d’aria bagni ciechi; - Esalatori WC e lavandini; - Evacuatore fumi vano ascensore; - Presa d’aria per messa in pressione del vano disimpegno box; - Canna d’esalazione locali immondizie; Tutte le canne in batteria sfocianti sulla copertura saranno munite di comignoli, tipo Shunt.15.4 Scale: 11 12
  12. 12. I gradini, come in precedenza detto saranno rivestiti in serizzo cinese, con parapetto in ferro a lavorazione semplice verniciato a smalto color testa di moro e corrimano in legno. Le pareti saranno finite con intonaco pronto rasato a gesso, tinteggiate con idropittura.15.5. Atrii: Gli atrii avranno le pareti trattate ad intonaco pronto rasato a gesso con cornici di gesso a formazione di specchiature tinteggiate all’acqua a due colori, rivestite con boisserie in pannelli di legno h. media 1,30 circa.15.6. Opere da lattoniere: Come già indicato precedentemente, i pluviali, i canali di gronda, le scossaline, le converse, i giunti, coi relativi accessori, saranno realizzate in lamiera di rame spessore 8/10. Lo smaltimento delle acque pluviali dei balconi sarà realizzato mediante tronchetti di rame di lunghezza decrescente a partire dall’ultimo piano, in modo da ridurre il gocciolamento degli uni sugli altri.15.7 Ispezione locale servizio copertura: Ogni vano scala del Fabbricato, è munito di un vano di servizio sulla copertura raggiungibile mediante scala retrattile alla marinara e relativa botola, per l’alloggiamento delle apparecchiature TV ove previste, e per l’ispezione di tutti i tetti. Sulla copertura come in precedenza detto sarà realizzata la linea vita.15.8 Cassette postali: Ad ogni atrio, esternamente alla porta di ingresso, al coperto verrà posizionato casellario postale in alluminio elettrocolorato o legno e vetro, con scomparti dotati di serratura, e targa portanome. .15.9 Zerbini incassati: Come sopra detto di fronte alle porte di ingresso degli atrii saranno forniti zerbini di cocco naturale.15.10 Vasi di fiori: Nelle fioriere in ferro dei balconi verranno posti in opera vasi di cemento di opportuna lunghezza, atti ad accogliere i fiori di stagione, con rubinetto porta canna per lirrigazione, uno per balcone o terrazza.15.11 Sistemazione esterna:
  13. 13. - Nelle piazzette ribassate, saranno ricavate aiuole delimitate da cordoli di cemento, all’interno delle quali, verrà posta in opera terra di coltura, con impianto di alberi d’alto fusto, siepi e semina di prato. - Così come indicato in progetto saranno poste in opera panchine di graniglia e cemento. - Lungo la scala di accesso alla piazzetta, dovrà essere posto in opera da un lato, corrimano in ferro verniciato color testa di moro. - La piazzetta sarà illuminata come di seguito precisato e dotata di impianto di irrigazione automatico nelle aiuole. - I muri di contenimento dei percorsi e di sostegno, sia nei giardini privati che nelle parti comuni, saranno impermeabilizzati contro terra.15.12 Recinzione: Sarà realizzata con zoccolo in C.A. finito ad intonaco strollato verso l’esterno ed impermeabilizzato contro terra, con copertina in elementi di granito cinese munita di gocciolatoi e soprastante cancellata in ferro. Le recinzioni di delimitazione dei giardini privati di divisione delle unità immobiliari saranno realizzate con reti metalliche e paletti in ferro, con piantumazione della siepe da entrambi i lati, quelle verso gli spazi comuni con muretto e cancellata e con piantumazione della siepe solo dalla parte del lotto privato.15.13 Casseforti: In ogni appartamento, verranno incassate nella muratura perimetrale piccole casseforti con combinazione.15.14 La scala di acceso alla piazzetta ribassata, ha i gradini con alzate e contorno perimetrale della pedata in granito cinese piano di sega, zoccolo e copertine dei muri di contenimento in granito cinese levigato e lucidato sulle coste a vista, interno delle pedate in masselli di cemento autobloccante come quelli della piazzetta.16) IMPIANTO IDRICO SANITARIO —L’impianto idrico sarà conforme alla L. 46 del 05 marzo del 1990, tutti i suoicomponenti dovranno rispondere alla vigente normativa in materia.La distribuzione ai vari elementi di utilizzo sarà in tubi di polipropilene.Gli scarichi verticali saranno realizzati in tubi di polietilene ad innesto. 13
  14. 14. Gli scarichi sub orizzontali all’interno delle unità immobiliari saranno in tubi di PVC.16.1. Dotazione dell’appartamento tipo: Elementi di ceramica bianca della Ditta IDEAL STANDARD. Rubinetteria del tipo monocomando IDEAL STANDARD serie Ceramix nel bagno padronale e serie Ceraplan nel bagno di servizio.16.1.1 Bagno padronale: - vasca da bagno del tipo idromassaggio da 70 x 170, IDEAL SRANDARD mod. Praxis colore bianco Europa; - Water completo di sedile serie CONCA della IDEAL STANDARD e di cassetta ad incasso, della Valsir con doppio pulsante; - Bidet serie CONCA della IDEAL STANDARD; - Lavabo con colonna serie CONCA della IDEAL STANDARD.16.1.2 Bagno servizio: - Piatto doccia in fire – clay della IDEAL STANDARD (80x80); - Water completo di sedile serie TESI della IDEAL STANDARD e di cassetta ad incasso della Valsir con doppio pulsante; - Lavabo con colonna serie TESI della IDEAL STANDARD; - Bidet serie TESI della IDEAL STANDARD.16.1.3 Cucina: - Attacchi acqua calda e fredda e scarichi per lavelli; attacco e scarico sifonato per lavastoviglie;16.1.4 Attacco e scarico sifonato per lavatrice in alternativa in uno dei due bagni; 16.1.5 Contatore acqua per ogni unità abitativa posto nel vano tecnico adiacente all’ascensore.16.1.6 Nella soffitta degli appartamenti su due livelli sarà realizzato un bagno composto da doccia 80x80, vaso, bidet, lavabo della serie TESI della IDEAL STANDARD completi di rubinetteria serie Ceraplan della IDEAL STANDARD, attacco per la lavatrice con scarico sifonato.17) IMPIANTO ELETTRICOL’impianto elettrico sarà realizzato a regola d’arte secondo l’art. 2 della Legge n°791del 18 ottobre 1977 e l’art. 7 della Legge n° del 05 marzo 1990 e relativi decreti di 46 14
  15. 15. attuazione, secondo il progetto esecutivo redatto da tecnico qualificato. Tutti imateriali avranno il marchio IMQ che ne attesta la conformità.Le tubazioni saranno in PVC pesante flessibile ed incassate. I cavi “antifiamma” infilatinelle tubazioni saranno del tipo unipolare MO7V-U, tensione normale 450/750 v,protezione NP45.I contatori saranno posati in apposito locale nel piano interrato e protetti con porta inferro REI 120 munita di maniglia e serratura.Ogni appartamento sarà dotato di quadro di protezione con interruttore magneto-termico differenziale (salvavita) e di due circuiti luce ad uso domestico, interruttori ditipo componibile B.Ticino serie Living International, completi di placche di finiturastandard color grigio antracite.L’impianto di terra avrà i collegamenti di equipotenzialità eseguiti in base alla vigentenormativa in materia.17.1. Dotazioni:17.1.1 Ingresso: - n° punto luce centrale comandato da 2 punti; 1 - n° punto luce a parete comandato da 1 punto (solo per i piani con soffitta); 1 - n° 1 punto presa 10A; - n° punto presa telefono (compreso RJ) completo di infilaggio cavi; 1 - n° presa predisposizione (solo tubazione da montanti) presa telefonica fibra 1 ottica (tipo Fastweb o similare);17.1.2 Soggiorno: - n°2 punto luce centrale comandato da 3 punti; - n° punto luce a parete comandato da 3 punti (solo per i piani mansarda); 2 - n° punto presa 10A comandato da 1 punto (cestello 503); 1 - n°2 punto presa 10° (n°2 cestello 503); - n° punto presa 10A doppio (vicino alla presa TV) (cestello 503); 1 - n° punto presa segnale TV terrestre + satellitare (cestello 503); 1 - n° punto presa telefono (compreso RJ) completo di infilaggio cavi; 1 - n°1 punto allacciamento cronotermostato; - n° punto allacciamento unità interna condizionatore. 117.1.3 Camera matrimoniale: 15 18 16 17
  16. 16. - n°1 punto luce centrale comandato da 3 punti; - n° punto luce a parete comandato da 3 punti (solo per i piani mansarda); 1 - n°2 presa 10 A inserita nel contenitore interruttore comodino testata letto h. = 30 cm.; - n°1 punto presa 10° (n°1 cestello 503); - n° punto presa 10A doppio (vicino alla presa TV) (cestello 503); 1 - n° punto presa segnale TV terrestre + satellitare; 1 - n° punto presa telefono (compreso RJ) completo di infilaggio cavi; 1 - n° punto allacciamento unità interna condizionatore. 117.1.4 Cucina (escluso parete attrezzata): - n°1 punto luce a soffitto comandato da 1 punto; - n° punto luce a parete comandato da 1 punti (solo per i piani mansarda); 1 - n° punto presa 10A doppio (vicino alla presa TV) (cestello 503); 1 - n° punto presa segnale TV terrestre + satellitare; 1 - n° punto presa telefono (compresa RJ) completo di infilaggio cavi; 117.1.5 Parete attrezzata mobile cucina: - n°1 punto luce a parete comandato da 1 punto per luci sottopensili e affini; - n° punto presa 16 A per elettrodomestici fissi (altezza 30 cm.)(n° cestello 3 3 503); - n° punto presa 10 A per elettrodomestici su piano lavoro (altezza 110 cm.) 2 (n° cestello 503); 2 - n° punto alimentazione cappa (altezza 250 cm.) (cestello 503); 117.1.6 Camera figli con un letto: - n°1 punto luce centrale comandato da 2 punti; - n° punto luce a parete comandato da 2 punti (solo per i piani mansarda); 1 - n°1 presa 10 A inserita nel contenitore interruttore comodino testata letto (cestello 503) h.= 30 cm.; - n°1 punto presa 10A (n°1 cestello 503); - n°1 punto presa 10A doppio (vicino alla presa TV) (cestello 503); - n° punto presa segnale TV terrestre + satellitare; 1 - n° punto presa telefono (compreso RJ) completo di infilaggio cavi; 1 - n° punto allacciamento unità interna condizionatore; 117.1.7 Camera figli con due letti:
  17. 17. - n°1 punto luce centrale comandato da 3 punti; - n° punto luce a parete comandato da 3 punti (solo per i piani mansarda); 1 - n°2 presa 10 A inserita nel contenitore interruttore comodino testata letto (cestello 503) h. = 30 cm.; - n°1 punto presa 10A (n°1 cestello 503); - n° punto presa 10A doppio (vicino alla presa TV) (cestello 503); 1 - n° punto presa telefono (compreso RJ) completo di infilaggio cavi; 1 - n° punto allacciamento unità interna condizionatore; 117.1.8 Bagno padronale: - n°1 punto luce centrale comandato da 1 punto; - ° punto luce a parete comandato da 1 punto (solo per i piani mansarda) 1 - n° punto luce a parete comandato da 1 punto (per luce specchiera) (centrato 1 interasse lavandino); - n°1 presa 10 A inserita nel contenitore interruttore luce specchiera (cestello 503); - n° punto presa 16 A con sezionatore per lavatrice (cestello 503 presa schuko) 1 solo per appartamenti con un solo bagno; - n° punto allacciamento diretto a vasca idromassaggio; 1 - n°1 punto tirante campanello allarme; - n° punto allacciamento aspiratore (solo bagni senza finestre); 117.1.9 Secondo bagno (eventuale): - n°1 punto luce a soffitto comandato da 1 punto; - n° punto luce a parete comandato da 1 punto (solo per i piani mansarda); 1 - n° punto luce a parete comandato da 1 punto (per luce specchiera) (centrato 1 interasse lavandino) - n°1 presa 10 A inserita nel contenitore interruttore luce specchiera (cestello 503); - n° punto presa 16° con sezionatore per lavatrice (cestello 503 presa schko); 1 - n°1 punto tirante campanello allarme; - n° punto allacciamento aspiratore (solo bagni senza finestre); 117.1.10 Disimpegno notte: - n°1 punto luce a soffitto comandato da 3 punti; - n° punto luce a parete comandato da 3 punti (solo per i piani mansarda); 1
  18. 18. - n°1 punto presa 10 A (cestello 503);17.1.11 Ripostiglio (eventuale): - n°1 punto luce a parete comandato da 1 punto; - n°1 punto presa 10 A (cestello 503);17.1.12 Piano sottotetto: - n°2 punto luce a parete comandato da 3 punti; - n° punto luce a parte comandato da 2 punti sbarco scale; 1 - n°3 scatole di derivazione dell’impianto elettrico, telefonico, televisivo ed antintrusione; - Sensori perimetrali antintrusione su lucernari, finestre e porte; - Predisposizione apertura elettrica lucernario.17.1.13 Terrazzo e balconi: - n° punto luce a parete comandato da 2 o 3 punti secondo la dimensione 1 dell’appartamento; - n°1 plafoniera a gabbietta 60 W IP44; - punto presa 10 A stagno IP44; - punto sezionatore bipolare 230V/16 A IP44 per alimentazione satellite teleriscaldamento;17.1.14 Secondo Terrazzo (eventuale): - n°1 punto luce a parete comandato da 1 punto; - n°1 plafoniera a gabbietta 60 W IP44;17.1.15 Giardino di proprietà (solo appartamenti al piano rialzato): Punti allacciamento 24V elettrovalvole impianto irrigazione, secondo necessità; Punti luce comprensivi di apparecchi illuminanti da esterno in numero proporzionato alla dimensione del giardino (tipo lotto 4/3);17.1.16 Cantina: - n°1 punto luce a parete comandato da 1 punto; - n°1 plafoniera a gabbietta 60 W; - n°1 punto presa 10 A;17.1.17 Box auto: - n°1 punto luce a parete comandato da 1 punto; - n°1 plafoniera a gabbietta 60 W IP44;
  19. 19. - punto allacciamento quadro di comando e sgancio motore d’apertura basculante; - n°1 punto presa da 10A.17.1.18 Impianto elettrico parti comuni: Tutti gli apparecchi illuminanti dovranno essere approvati dalla D.L. Tutti i punti centrali previsti nei locali saranno realizzati ove strutturalmente possibile, in alternativa si adotteranno punti luce a parete.18) IMPIANTO ASPIRAZIONE POLVERIOgni appartamento sarà provvisto di impianto d’aspirazione polveri della DittaSYSTEM AIR. L’impianto sarà realizzato con tubazione in pvc a bicchiere seriepesante, su indicazioni della Ditta fornitrice del sistema, adatta per impianto diaspirazione polveri con due o tre prese a seconda delle dimensioni dell’appartamento –scarico d’aria, fissaggio a incollare, comprensiva di pezzi speciali e staffaggi.19) IMPIANTO ANTI BLACK OUT DELLA CORRENTEOgni appartamento sarà provvisto di apposita unità elettrica di riaggancio automaticoalla linea di corrente che interverrà in caso di black out, tipo Restart della DittaGHEWIS.20) IMPIANTO DI RISCALDAMENTO E CONDIZIONAMENTOL’im pianto di r iscaldam ento sarà a lim entato con f luido pro veniente dateleriscaldamento, sarà conforme alla Legge n° del 05 marzo 1990, alla L. 10/91, e 46D.P.R. n°412/93, tutti i suoi componenti dovranno rispondere alle regole di buonatecnica secondo normative UNI – CIG 7129. I dispositivi di sicurezza e protezionesaranno provvisti del certificato di conformità rilasciato o dall’ISPESL o dal Ministerodell’Interno (Centro studi ed Esperienze).20.1 L’impianto comprende:20.1.2 Satellite della Fen Energia;20.1.3 Circuito di distribuzione con tubazioni in rame preisolato a norma; 19
  20. 20. 20.1.4 Cronotermostato ambiente per la regolazione della temperatura anche nel locale soffitta, ove previsto;20.1.5 Radiatori in ghisa serie Thema, anche nel locale soffitta in numero di tre, verificati secondo la legge 10/91, a elementi su mensola preferibilmente sotto finestra, saranno provvisti di certificato di omologazione che ne attesti la resa termica, accertata in base alla norma vigente.20.1.6 Tubazioni di PVC per raccolta condensa satellite.20.1.7 Impianto di condizionamento con pompa di calore con split nei locali soggiorno e camere, nonché la predisposizione dell’impianto nel locale soffitta ove previsto, della Ditta Ecoflam. soluzione a velocità fissa modello ALFA dual o trial. Nel locale soffitta predisposizione per 1 attacco. 21) IMPIANTO DI ALLARMEIn ogni appartamento verrà installato il sistema integrato marca Beghelli (mod.Intelligent Beghelli), composto da una centrale di controllo, sensori volumetrici in ognilocale abitabile e locale soffitta e perimetrali sulle finestre e su lucernari del localesoffitta. 22) IMPIANTO GASL’impianto di adduzione del gas sarà conforme alla L. n°1083 del 6 dicembre 1971 ealla L. n° del 5 marzo 1990 e norme UNI – CIG 7129 e tutti i loro componenti 46dovranno rispondere alle regole di buona tecnica.Saranno installate le tubazioni dall’allacciamento esterno, alla rete pubblica fino allesingole erogazioni, delle cucine per ogni piano, il tutto secondo le norme UNI-CIG e ifabbisogni e le richieste dell’Ente erogante. 23) IMPIANTO ASCENSORIL’impianto di sollevamento fisso avente cabina mobile fra guide verticali denominatoascensore sarà conforme al D. Ministero Coordinamento Politiche Comunitarie del 28 20
  21. 21. novembre 1987 n°586 e D.M. n°587 del 9 dicembre 1987 e al D.P.R. n°162 del 30aprile 1999 e tutti i loro componenti dovranno rispondere alle regole di buona tecnica.Gli ascensori saranno ad azionamento del tipo ecodisc a frequenza variabile, motoresincrono assiale a magneti permanenti, volano incorporato sulla puleggia di trazione,macchinario posto all’interno del vano di corsa, ancorato alle guide di scorrimento delladitta KONE o SCHINDLER S.p.A. o consociate ed avranno le seguenti caratteristiche: - Portata 480 Kg. – 6 persone; - Velocità 0.63 m/s con il livellamento di precisione; - Cabina in lamiera di acciaio, rivestita in acciaio antigraffio + specchio + illuminazione con plafoniera + pavimentazione in gomma a bolli; - Porta cabina 850 x 2000, con ante scorrevoli lateralmente rivestite come la cabina;- Porta di piano 850 x 2000 come porta cabina, con soglia spalle e cappello in granito cinese, come i portoncini di primo ingresso degli appartamenti;- Tutti gli ascensori avranno il collegam ento telefonico con la società di manutenzione e con le ditte di pronto intervento 24) IMPIANTO TV CONDOMINIALEImpianto di ricezione terrestre, satellitare e digitale terrestre, in grado di ricevere icanali TV più diffusi a livello nazionale.Per dotazione vedere impianto elettrico. 25) IMPIANTO TELEFONICOSono previste tubazioni in PVC compreso l’infilaggio dei cavi della Società telefonicascelta, dall’ingresso di ogni alloggio alle varie prese per ogni unità immobiliare, il tuttoin conformità alle disposizioni della Società telefonica, ed alla vigente normativa inmateria.Per dotazioni vedere impianto elettrico. 26) IMPIANTO VIDEOCITOFONOIn ogni appartamento è previsto un apparecchio videocitofonico con ronzatoreincorporato, conversazione bicanale e n°2 pulsanti apriporta incorporatinell’apparecchio. 22 21
  22. 22. Per gli appartamenti al quarto piano con soprastante soffitta, è prevista lapredisposizione delle tubazioni vuote per la posa di videocitofono anche al pianoquinto, collegato al corrispondente del piano quarto, per eventuale futura installazionedella linea citofonica derivata da quella sottostante.27) IMPIANTO ANTINCENDIO E SICUREZZAL’impianto antincendio sarà realizzato secondo il progetto approvato dal ComandoProvinciale dei Vigili del Fuoco di Milano, e relativi disegni allegati, che sarà integratodalle eventuali varianti.La vasca di raccolta delle acque pluviali provenienti dall’irrigazione dei giardini e dallecoperture, assicurerà l’acqua necessaria alla rete antincendio. La capacità di talevasca risulta essere sufficiente all’alimentazione degli idranti antincendio previsti.Verranno posti in opera collari antincendio REI 120 in corrispondenza ai tubi che dalpiano interrato salgono ai sovrastanti appartamenti, e lateralmente in corrispondenzadei tubi che dai box vanno verso le cantinole o i disimpegni.Nel vano idrico sarà posta in opera la elettro/moto pompa secondo le prescrizioni deiVV.FF.I box e i corselli dovranno essere corredati degli estintori previsti in progetto e dellasegnaletica di Legge.28) GIARDINO DI PROPRIETA’Sistemazione a prato con piantumazione di media altezza (da m. 3.50 a m. 4.50) oveconsentito dallo strato di terra di coltura, cespugli in zolla e formazione di siepi lungo ilperimetro di proprietà di ogni giardino.Impianto di irrigazione automatico, composto da ugelli a scomparsa, centralinaelettronica posizionata in un pozzetto con coperchio in plastica pesante di colore verde,corredato di un ulteriore rubinetto con attacco “sgancio rapido” per l’irrigazionemanuale.L’irrigazione dei giardini privati e di quelli comuni, avverrà mediante tubazioneindipendente, rispetto a quelle idriche, che distribuirà l’acqua meteorica provenientedalle coperture e stoccata in apposita vasca d’accumulo, ai vari punti di utilizzo,secondo le vigenti disposizioni della ASL.
  23. 23. 29) OPERE ESTERNE E VERDE DI VICINATOSistemazione a prato con piantumazione di media altezza ove consentito dallo strato diterreno di coltura. L’impianto di irrigazione di tipo automatico avrà una centralinaelettronica regolabile, con erogatori a spruzzo rotante, saracinesche per la manovramanuale, alimentato come sopra detto da rete duale autonoma.Formazione di passaggi pedonali, compreso le piazzette, con pavimentazione inautobloccanti come quelli del Comparto 4/3 posati su letto di sabbia.Illuminazione eseguita nei passaggi comuni e nella piazzetta con pali e corpi illuminantidi altezza variabile, con lo stesso criterio e gli stessi materiali usati per il Comparto 4/3. 30) FOGNATUREVerranno realizzate tre reti di fognature una per le acque meteoriche provenienti dagiardini e coperture, una per la raccolta delle acque di dilavamento dei cortili e deicorselli da disoleare prima di collegarle alle acque meteoriche di cui sopra, cheandranno a scaricarsi in cavo irriguo dimesso o collettore acque bianche stradali, eduna delle acque luride da immettere nel collettore di fognatura stradale comunale postosotto i percorsi privati, fino a raggiungere quello di Via Umbria.Le acque meteoriche prima di essere smaltite in cavo irriguo perdente o nella reteacque bianche corrente sotto Via Umbria, verranno convogliate come sopra detto invasca d’accumulo e destinate all’irrigazione dei giardini, e utilizzate anche come riservaidrica per l’impianto antincendio.Le tubazioni impiegate per le reti a plafone saranno in polietilene PE-HD della Geberitcon rivestimento fonoassorbente ove necessario, complete di ogni accessorio, mentrele canalizzazioni interrate esterne all’area dei fabbricati saranno realizzate con tubi diPVC pesante posato con sottofondo, rinfianco e cappa in calcestruzzo di cemento.DISPOSIZIONI FINALI: 23
  24. 24. 1) Le attestazioni di conformità dovranno essere comprovate da idonee certificazioni e/o documentazioni rilasciate da laboratorio ufficiale;2) Secondo la vigente normativa, tutte le maestranze che opereranno all’interno del cantiere, dovranno essere munite di tesserino di riconoscimento con fotografia e di ogni altra documentazione necessaria a consentir loro di poter lavorare, rimanendo ad esclusivo carico dell’Impresa appaltatrice, la verifica da parte dei suoi assistenti, sul verificarsi delle condizioni sopra dette.3) Tutti i materiali saranno biocompatibili (ovvero senza emissione di sostanze nocive per la salute);4) Tutti i materiali avranno compatibilità chimico-fisica fra di loro;5) La Committente si riserva il diritto di apportare variazioni alle voci sopradescritte, in netto anticipo sul loro utilizzo, purché esse non incidano negativamente sul piano funzionale ed estetico, garantendo altresì le equivalenze complessive di valore degli eventuali materiali alternativi - con particolare riguardo alla realizzazione architettonica delle parti comuni, interni ed esterni degli edifici;6) La Committente potrà richiedere il completamento della presentazione del campionario dei materiali di normale commercio che riterrà opportuno, e che l’appaltatore intende impiegare, prima che vengano approvvigionati in cantiere. Previa redazione di un verbale steso in concorso con l’Appaltatore, la Direzione Lavori può prelevare campioni dei materiali approvvigionati in cantiere, da sottoporre, a prove e controlli, da eseguirsi in laboratori ufficiali, nel numero necessario al completo accertamento della rispondenza delle caratteristiche previste, a spese della Committente. Qualora cause di forza maggiore, condizioni climatologiche, ragioni di pubblico interesse o necessità, o altre simili circostanze speciali impediscano in via temporanea che i lavori procedano utilmente a regola d’arte, il Direttore dei Lavori, di propria iniziativa o su segnalazione dell’Appaltatore, può ordinare la 24
  25. 25. sospensione dei lavori, disponendone la ripresa quando siano cessate le ragioni che determinarono la sospensione.7) Per materiali bioclimatici s’intende quei materiali, prodotti e componenti occorrenti per la costruzione delle opere, realizzati con materiali e tecnologie tradizionali e/o artigianali, che provengano dalle località che l’Appaltatore riterrà di sua convenienza, preferendo se possibile quelli reperibili in loco, purché, adinsindacabile giudizio della Direzione dei Lavori, rispondano alle caratteristiche diseguito indicate: • Si privilegino i materiali naturali non nocivi, che non siano stati resi inquinanti da trasformazioni strutturali, stravolgenti la loro composizione chimica; • In ogni fase di utilizzo e trasformazione essi conservino costantemente la propria bio-ecologicità; • Possibilmente siano riciclabili; • Siano esenti da emissioni VOCs (Volatile Organic Compounds); • La rispondenza dei prodotti bioclimatici può risultare da un attestato di conformità rilasciato dal produttore e comprovato da idonea documentazione e/o certificazione come da Direttiva CEE n°89/106.8) E’ richiesto marchio CE come da DPR 21.04.93 di attuazione della direttiva 89/106/CEE per tutti i materiali da costruzione di cui allallegato A della normativa stessa.9) Prima della consegna agli utenti delle unità immobiliari, delle cantinole, dei box, e delle parti comuni, l’Impresa esecutrice dovrà provvedere a sua cura e spesa alla pulizia degli stessi da detriti, materiali e sporcizia delle opere eseguite.10) Al momento della consegna dell’appartamento, dovrà essere presente al suo interno un mq. di materiale di scorta per ogni pavimento o rivestimento fornito.11) Tutte le variazioni rispetto alla presente descrizione dei lavori che fossero richieste dagli acquirenti, dovranno essere concordate e gestite direttamente con l’Impresa Appaltatrice, escludendo la partecipazione del Direttore dei Lavori 25
  26. 26. Peschiera Borromeo, 14/01/2008 26

×