Your SlideShare is downloading. ×
0
Concetti di base dell’ICTConoscere e utilizzare correttamente la terminologia informatica
Information & Communication TechnologyLa risorsa informazione sta trasformando il nostro modo di vivere: i mezzi informati...
Limiti e costi umaniIn quanto macchine hanno una serie di limiti nelle aree che restano “tipicamente umane”: mancanza di ...
Il computerIl primo computer era capace di fare solo poche migliaia di addizioni al secondo, funzionavagrazie a delle valv...
Tipi di computerIn relazione al ruolo che devono svolgere, esistono diverse classi di computer che si distinguonoper dimen...
Tipi di computer PDA “personal digital assistant” o palmare: sistema tascabile che integra le funzioni deltelefono cellul...
La struttura del Personal ComputerUn Personal Computer è costituito da un contenitore (unità centrale) dove sono alloggiat...
La memoria centraleIl computer può utilizzare i dati solo quando questi si trovano nella sua memoria centrale (ècostituita...
Esecuzione dei programmiLe prestazioni del computer dipendono dalla velocità di esecuzione delle istruzioni della CPU. Apa...
Dispositivi di inputI dispositivi o periferiche di input servono ad introdurre dati e impartire comandi al computer.Le pri...
Dispositivi di inputIl mousePrende il nome dalla sua forma. Permette di: spostare un puntatore sullo schermo e associare ...
Dispositivi di inputAltri dispositivi di input sono: lettore ottico o scanner: serve a d acquisire immagini in formato di...
Dispositivi di outputIl monitorServe a visualizzare le informazioni prodotte dal computer e i dati immessi dall’utente att...
Dispositivi di outputLa stampanteUtilizza diverse tecnologie cui corrispondono diverse prestazioni in termini di prezzo, q...
Memorie di massaI dati possono essere registrati in modo permanente su unità periferiche di input/output: dischi: i dati ...
Memorie di massaHard Disk o disco fisso: è la principale memoria di massa, ha una elevata capacità dimemorizzazione e tras...
Acquistare un computerNella realizzazione dei PC è in atto un processo di standardizzazione tramite l’assemblaggiocon comp...
SoftwareIl computer è una macchina progettata per svolgere in modo versatile una serie di funzioni inmodo veloce e preciso...
Sistema operativoIl sistema operativo garantisce la corretta gestione dei componenti del sistema (memoria, CPU,unità perif...
File system e directoryOgni sistema operativo fornisce attraverso il file system una struttura di funzionamentogenerale ch...
Software applicativoE’ linsieme dei programmi che NON sono compresi nel sistema operativo, ma che sonoinstallati dallutent...
Reti informaticheLe reti funzionano in base ad architetture hardware (garantiscono la connessione fisica) eprotocolli soft...
I vantaggi delle retiAll’interno di una rete i computer possono svolgere il ruolo di: client: posto di lavoro che accede ...
La rete telefonica e i computerTra le apparecchiature che trasmettono dati attraverso la rete telefonica ci sono il telex ...
Internet: cenni storiciNegli anni 60 la Difesa USA varò un progetto per assicurare la trasmissione di messaggi anchein cas...
Internet e il World Wide WebInternet è una imponente rete di reti, una infrastruttura di reti interconnesse: connette mili...
Internet: come funzionaPerché computer diversi possano comunicare in rete è necessario un protocollo, cioè delleregole su ...
Internet: cosa permette di fareWeb 1.0 (anni ‘90) ricerca di informazioni attraverso l’ accesso ai nodi di rete (siti web...
La posta elettronicaLa posta elettronica o e-mail (elettronic mail) è la più famosa funzione resa possibile dalle reti;ser...
La posta elettronicaFasi del processo di invio di un messaggio di posta elettronica: il mittente compila il messaggio sul...
Il computer nel lavoroNel mondo del lavoro, il computer trova impiego pratico perché offre vantaggi misurabili inminori co...
Il computer nell’istruzioneNellistruzione il computer risulta utile per: giochi che aiutano il bambino a imparare a legge...
Il computer nella vita quotidianaIn casa il computer viene impiegato per molteplici attività: segreteria telefonica, fax,...
Il computer nella vita quotidianaSupermarket il sistema a codici a barre che identifica il prodotto ha introdotto la gest...
Il computer nella vita quotidianaServizio sanitarioIl computer snellisce la gestione dei servizi ambulatoriali e ospedalie...
Computer, ergonomia e saluteL‘ergonomia riguarda i fattori che servono a rendere meno faticosa lattività e non recare dann...
Information Technology & societàLutilizzo pervasivo degli strumenti informatici solleva nuovi problemi etici: diffusione ...
Sicurezza dei datiI dati possono essere protetti con password o parole dordine che riservano l’accesso ai datisolo a chi c...
Virus & malwareIl virus è un programma che si diffonde da un computer all’altro quando avviene uno scambiodi dati e progra...
Virus & malwareIl virus tende a riprodursi, perciò i file prodotti da un computer infettato trasferiscono il virus sualtri...
Protezione dei dati aziendaliUn buon sistema di protezione deve prevedere: la protezione fisica di computer e archivi li...
CopyrightIl software è equiparato a opere letterarie e artistiche e come tale protetto da copyright, ilmarchio di protezio...
PrivacyIn Italia la privacy è tutelata dalla legge 675/1996, i cui obiettivi sono: migliore protezione dei dati tutela d...
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

I concetti di base dell'ICT

871

Published on

Conoscere e utilizzare correttamente la terminologia informatica (ECDL, Modulo 1)

Published in: Technology
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
871
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
50
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Transcript of "I concetti di base dell'ICT"

  1. 1. Concetti di base dell’ICTConoscere e utilizzare correttamente la terminologia informatica
  2. 2. Information & Communication TechnologyLa risorsa informazione sta trasformando il nostro modo di vivere: i mezzi informatici hannopermesso la razionalizzazione del lavoro e la riduzione dei costi di gestione, ma soprattuttohanno permesso laccumulo, gestione, indicizzazione e distribuzione delle informazioni con unavelocità e diffusione assolutamente inimmaginabiliIn generale, l’ ICT (Information & Communication Technology) è l’insieme di tecnologie(strumenti e conoscenze) che consentono la raccolta, conservazione, aggiornamento etrasmissione delle informazioni; in senso stretto l’Information Technology o informatica è la stretto, l Informationtecnologia utilizzata per progettare e realizzare i moderni computer, i quali presentano una seriedi vantaggi in alcune aree di impiego in cui possono utilmente sostituire l’uomo: elevata rapidità e precisione l t idità i i esecuzione di lavori ripetitivi e gestione di grandi quantità di informazioni capacità di integrare dati provenienti da fonti diverse possibilità di memorizzare dati per lunghi periodi di tempo© smartpixel di Enrico DellOste | web: www.smartpixel.it | email: info@smartpixel.it 2
  3. 3. Limiti e costi umaniIn quanto macchine hanno una serie di limiti nelle aree che restano “tipicamente umane”: mancanza di intelligenza autonoma e creatività, possibilità di guasti difficoltà ad affrontare problemi nuovi e lavori non ripetitivi difficoltà a gestire informazioni non strutturate (ad es. un discorso)Inoltre, le tecnologie informatiche introducono dei cambiamenti nella vita dell’individuo: stress generato da ritmi intensi e crescenti affaticamento sul posto di lavoro (importanza fattori ergonomici) riduzione dell’attività fisica e dei contatti personalii incremento delle i f t d ll informazioni e conoscenze d gestire i i da ti necessità di aggiornamento tecnico continuo nuovi problemi sulla privacy: i dati personali sono sempre più spesso presenti in databaseche possono integrarsi tra di loro creando profili completi di ogni singolo individuo nuovi problemi di sicurezza, dovuti alla facilità di accesso© smartpixel di Enrico DellOste | web: www.smartpixel.it | email: info@smartpixel.it 3
  4. 4. Il computerIl primo computer era capace di fare solo poche migliaia di addizioni al secondo, funzionavagrazie a delle valvole, pesava 30 tonnellate e occupava un’area di 160 metri quadri. Da allora lariduzione dei costi conseguente alla miniaturizzazione dei componenti elettronici e la sempremaggiore facilità di utilizzo hanno determinato la diffusione del moderno computer in cui sidistinguono due componenti fondamentali: hardware: è l’insieme di tutti i componenti fisici (circuiti elettrici ed elettronici, cavi, supportie in generale tutto ciò che si può toccare materialmente) software: è la parte intangibile formata dall’insieme dei programmi, documenti, dati einformazioni che stabiliscono le procedure di funzionamento ed utilizzo della macchina e che sitrovano memorizzati nel computert i ti l tMentre con “computer” si intende in generale l’hardware, cioè la somma delle parti fisiche che locompongono, con “programma” si intende uno specifico software necessario per istruire ilcomputer ad eseguire un determinato compito o un’insieme omogeneo di funzioni© smartpixel di Enrico DellOste | web: www.smartpixel.it | email: info@smartpixel.it 4
  5. 5. Tipi di computerIn relazione al ruolo che devono svolgere, esistono diverse classi di computer che si distinguonoper dimensioni, costi, facilità di utilizzo, disponibilità di funzioni specializzate, capacità e velocitàdi elaborazione e memorizzazione: mainframe: sono i grandi sistemi di elaborazione che gestiscono sistemi informativi ebanche dati aziendali, prestazioni e costi elevati, richiedono personale specializzato per il loro p p p pfunzionamento minicomputer: prestazioni e costi più contenuti, gestiscono i sistemi delle piccole e medieaziende,aziende personale più ridotto con minore specializzazione network computer: prestazioni e costi contenuti, collegano il singolo utente con computerdi maggiori dimensioni ai quali devono essere collegati personal computer: prestazioni e costi contenuti, capacità di elaborazione autonoma, àdedicati al singolo utente che può collegarsi ad altri computer laptop: sono i personal computer portatili, caratterizzati da ingombro ridotto e dallapossibilità di alimentazione autonoma, tramite batterie© smartpixel di Enrico DellOste | web: www.smartpixel.it | email: info@smartpixel.it 5
  6. 6. Tipi di computer PDA “personal digital assistant” o palmare: sistema tascabile che integra le funzioni deltelefono cellulare con blocco note, rubrica e agenda, internet e posta elettronica, sistemi dilocalizzazione geografica e permette elaborazioni e programmi semplici miniPc, smartphone e tablet: dispositivi mobili dotati di sistemi operativi maturi cheppermettono l’esecuzione di applicazioni anche complesse attraverso l’integrazione con le reti pp p gSimili a questi ultimi, sono i terminali selfservice usati direttamente dagli utenti finali(bancomat,(bancomat certificazioni comunali, sportelli segreterie per gli studenti universitari), i quali hanno comunali universitari)caratteristiche che migliorano il rapporto macchina-utente: interfaccia semplice e chiara con pochi dati per ogni pagina dello schermo uso di menu e schermi sensibili al tatto per l’istruzione dei comandi tastiera “virtuale” ridotta nella sua parte essenziale funzioni di aiuto in linea© smartpixel di Enrico DellOste | web: www.smartpixel.it | email: info@smartpixel.it 6
  7. 7. La struttura del Personal ComputerUn Personal Computer è costituito da un contenitore (unità centrale) dove sono alloggiati: motherboard (scheda madre) sulla quale sono montati gli altri elementi microprocessore: la CPU “Central Processing Unit” o unità centrale di elaborazione èl’insieme di circuiti elettronici responsabile delle funzioni di calcolo ed elaborazione dei dati,esegue i comandi e le operazioni richieste dai programmi caricati in memoria e provvede acontrollare il trasferimento di dati tra memoria centrale e unità periferiche memoria centrale: registra le istruzioni dei programmi e i dati su cui operare memorie di massa: H d Disk, Fl i Hard Di k Floppy Di k l Disk, lettore CD/DVD masterizzatore CD/DVD, i porte native (per il collegamento di tastiera, video e mouse) e di tipo generale come quelleseriali (COM1, COM2), parallele (LPT1, LPT2) e USB schede di rete per il collegamento alla rete telefonica o localeL unitàL’unità centrale è collegata con le unità periferiche che svolgono funzioni di comunicazione tral’ambiente esterno e il PC che riceve dati e comandi attraverso le unità di input (tastiera, mouse,scanner) e restituisce i risultati attraverso le unità di output (monitor, stampante)© smartpixel di Enrico DellOste | web: www.smartpixel.it | email: info@smartpixel.it 7
  8. 8. La memoria centraleIl computer può utilizzare i dati solo quando questi si trovano nella sua memoria centrale (ècostituita da chip inseriti sulla scheda madre), detta anche memoria veloce, perché garantisceelevate prestazioni di accesso ai dati:Read Only Memory (ROM)Memoria il cui contenuto non può essere modificato, è permanente, cioè dura nonostante lospegnimento; contiene il Firmware, il programma che permette l’esecuzione delle funzioni basedel computer come l avvio del software di base (BIOS “Basic Input Output System”) e la computer, l’avvio Basic System )configurazione del computer, serve per memorizzare i dati in modo permanenteRandom Access Memory (RAM)Costituisce la porzione maggiore di memoria centrale, funziona al solo passaggio di corrente, èdetta volatile perché non è in grado di mantenere in memoria i dati a computer spento (i dati p g p p (vengono persi allo spegnimento del computer) e contiene dati e istruzioni dei programmi almomento della loro esecuzione e i dati temporanei su cui lavora l’utente© smartpixel di Enrico DellOste | web: www.smartpixel.it | email: info@smartpixel.it 8
  9. 9. Esecuzione dei programmiLe prestazioni del computer dipendono dalla velocità di esecuzione delle istruzioni della CPU. Aparità di tecnologia utilizzata per la CPU, la velocità è proporzionale alla frequenza misurata inmegahertz del clock (l’orologio interno che scandisce l’esecuzione delle istruzioni): 133Mhz,266Mhz … 1,6Ghz, dove 1Mhz = 1.000.000 di istruzioni al secondoIl ciclo completo di esecuzione di un’istruzione prevede: avvio del programma e suo caricamento dal disco nella memoria centrale (ad es. avvio di delprogramma di videoscrittura) trasferimento dell’istruzione e/o dei dati su cui operare dalla memoria centrale alla CPU il microprocessore decodifica il codice operativo e si prepara ad eseguire l’istruzione esecuzione delle istruzioni del programma (i dati temporanei sono memorizzati nella RAM,ad esempio un documento di testo) trasferimento dei risultati dalla CPU alla memoria centrale© smartpixel di Enrico DellOste | web: www.smartpixel.it | email: info@smartpixel.it 9
  10. 10. Dispositivi di inputI dispositivi o periferiche di input servono ad introdurre dati e impartire comandi al computer.Le principali sono:La tastieraQuella più diffusa in Italia è la QWERTY che riproduce la tastiera di una macchina da scrivere: ogni tasto riporta due caratteri corrispondenti, per le lettere dell’alfabeto, al minuscolo e almaiuscolo o dai diversi simboli riportati; la selezione avviene con il tasto SHIFT (maiuscolo) o iltasto di controllo che bl ll h blocca il maiuscolo i l quando sono presenti altri simboli, il terzo simbolo inferiore viene selezionato premendocontemporaneamente il tasto AltGr “Alternate Group” l’invio dei dati avviene premendo il tasto ENTER (Invio) altri tasti molto utilizzati sono ESC (uscita dall’applicazione), CANC (cancella i dati) e lacombinazione CTRL + ALT + CANC (in passato riavviava - attraverso un “reset” - il computer reset computer,oggi attiva il pannello per la gestione dei processi e delle applicazioni in esecuzione)© smartpixel di Enrico DellOste | web: www.smartpixel.it | email: info@smartpixel.it 10
  11. 11. Dispositivi di inputIl mousePrende il nome dalla sua forma. Permette di: spostare un puntatore sullo schermo e associare al puntamento determinate funzionipredefinite che vengono attivate dai tasti del mouse utilizzare la tecnica “drag & drop , che da la possibilità di trascinare oggetti e rilasciarli in un drag drop”punto diverso dello schermoDispositivi con funzioni identiche al mouse sono: joystick: utilizzato nelle consolle giochi per la sua elevata manovrabilità trackball: lo spostamento del puntatore avviene facendo ruotare una sfera incastrata inposizione fissa (stazioni e terminali selfservice) touch pad: tipico dei portatili, lo spostamento del puntatore avviene facendo scorrere ilpolpastrello sopra una superficie piana presente sulla tastiera touch screen: funziona come il touch pad, solo che invece di toccare una superficie dedicata,si tocca direttamente lo schermo del dispositivo© smartpixel di Enrico DellOste | web: www.smartpixel.it | email: info@smartpixel.it 11
  12. 12. Dispositivi di inputAltri dispositivi di input sono: lettore ottico o scanner: serve a d acquisire immagini in formato digitale pronti perl’elaborazione grafica o l’archiviazione e a trasformare un testo scritto in un documento con unasequenza di caratteri utilizzabili da un programma di elaborazione testi lettore ottico di codici a barre: ha la forma di una penna o di uno scanner manuale e leggeattraverso un raggio laser i codici registrati con la codifica a barre lettore di caratteri magnetici: legge le strisce magnetiche sulle carte di riconoscimento(bancomat,(bancomat carte di credito) microfono: consente di registrare suoni per riprodurli/elaborarliI programmi di riconoscimento vocale (ad esempio “Dragon Dictation”) permettono di darecomandi al computer oppure trasformare le parole pronunciate in una sequenza di caratterippronti per essere elaborati con un programma per la gestione dei testi p p g p g© smartpixel di Enrico DellOste | web: www.smartpixel.it | email: info@smartpixel.it 12
  13. 13. Dispositivi di outputIl monitorServe a visualizzare le informazioni prodotte dal computer e i dati immessi dall’utente attraversola tastiera. Alcune sue caratteristiche sono: i monitor CRT utilizzano tecnologia analogica (tubo catodico), quelli LCD tecnologia digitale(schermi a cristalli liquidi o al plasma) la dimensione, come nei televisori, è misurata in pollici (14, 15, 17, 19) sia nel formatonormale che in quello “widescreen” l risoluzione è l quantità di pixel ( i la i l i la ià i l (picture element) espressa nel f l ) l formato “ i x colonna” in “riga l ”icui può essere suddiviso lo schermo: 640x480, 800x600, 1024x768 fino a 2048x1596 (21’) la gamma di colori rappresentabili (16, 256, fino a qualche milione) la frequenza di “refresh”, cioè quante volte in un secondo viene aggiornato il monitor, fattoreimportante per la qualità dell’immagine© smartpixel di Enrico DellOste | web: www.smartpixel.it | email: info@smartpixel.it 13
  14. 14. Dispositivi di outputLa stampanteUtilizza diverse tecnologie cui corrispondono diverse prestazioni in termini di prezzo, qualità delcolore, velocità di stampa e risoluzione grafica: aghi: modulo continuo, qualità e velocità bassa (misurata in cps: caratteri per secondo) getto d’inchiostro: foglio singolo, buona qualità,costo elevato delle cartucce d inchiostro: singolo qualità costo laser: foglio singolo, alta qualità, elevata velocità (misurata in ppm: pagine per minuto)Altri dispositivi di output sono: il plotter: è un tavolo utilizzato per il disegno tecnico comandato dal computer le casse acustiche (altoparlanti) e le cuffie per l output delle applicazioni multimediali l’output i registratori di tessere magnetiche e microfilm il sintetizzatore vocale: serve a trasformare il dato elettronico in messaggio vocale, ad es.nelle applicazioni di “phone banking” è necessario trasformare in messaggi vocali dati di naturamolto variabile (il saldo di un conto corrente)© smartpixel di Enrico DellOste | web: www.smartpixel.it | email: info@smartpixel.it 14
  15. 15. Memorie di massaI dati possono essere registrati in modo permanente su unità periferiche di input/output: dischi: i dati sono registrati tramite un’apposita testina di lettura/scrittura su superficimagnetiche/ottiche; prima del loro impiego vanno “formattati”, cioè verificati e predisposti allaregistrazione (ciò non vale per CD-ROM o DVD) nastri magnetici: i dati vengono registrati lungo una fettuccia che scorre sotto le stazioni dilettura/scrittura; sono usati in genere per fare copie di sicurezza (Back Up) dei dati. Hannoelevata capacità, sono riscrivibili e mobiliTutti i dati registrati su computer sono espressi in bit (“binary digit”, cifra binaria), sequenze di 0e 1 che però forniscono una quantità di informazioni limitata: l’unità che misura la capacitàdelle memorie di massa è il byte (raggruppamenti di 8 bit) e suoi multipli: kilobyte (KB, Kbyte): centinaia di byte megabyte (MB, Mbyte): migliaia di byte g y ( , y ) g y gigabyte (GB, Gbyte): miliardi di byte) terabyte (TB, Tbyte): migliaia di miliardi di byte© smartpixel di Enrico DellOste | web: www.smartpixel.it | email: info@smartpixel.it 15
  16. 16. Memorie di massaHard Disk o disco fisso: è la principale memoria di massa, ha una elevata capacità dimemorizzazione e trasferimento. Può essere anche un’unità esterna (simile agli USB drive)Floppy/Zip Disk: disco magnetico mobile con capacità di memorizzazione limitata a 1,44MB(floppy) e 100MB (Zip Disk) e una velocità molto bassa. Richiede un’apposita periferica di un appositalettura/scrittura e permette la protezione dei dati attraverso un sistema di perforazione: sportello chiuso: il disco non è protetto e può essere usato in scrittura sportello aperto: il di ll disco è protetto e può essere usato solo i l ò l in letturaCompact Disk (CD) e DVD (Digital Versatile Disk): richiedono apposite unità di lettura e p g ppscrittura (masterizzatore): CD-ROM (CD Read Only Memory): disco a registrazione ottica mobile di sola lettura, conbuona capacità di memorizzazione (650 Mb) CD Riscrivibile: ha le stesse caratteristiche del CD-ROM, ma può essere registrato più volte DVD: disco a registrazione ottica mobile di grandi capacità di memorizzazione (4Gb)© smartpixel di Enrico DellOste | web: www.smartpixel.it | email: info@smartpixel.it 16
  17. 17. Acquistare un computerNella realizzazione dei PC è in atto un processo di standardizzazione tramite l’assemblaggiocon componenti di produttori diversi. I vantaggi sono: scelta dei componenti migliori per qualità e prezzo possibilità di sostituite singoli componenti senza cambiare l’intero PC standardizzazione dei software su un unico ambiente hardware sviluppo della concorrenza tra i diversi produttoriI fattori che incidono sulla scelta/costo di un computer sono: destinazione d’uso, ambiente operativo, tipo (desktop, tower, portatile) caratteristiche del sistema centrale: velocità CPU dimensioni memoria capacità e velocità CPU, memoria,Hard Disk, possibilità di espansioni caratteristiche delle unità periferiche: monitor, stampante, rete software necessario (Microsoft Office, Adobe Creative Suite)© smartpixel di Enrico DellOste | web: www.smartpixel.it | email: info@smartpixel.it 17
  18. 18. SoftwareIl computer è una macchina progettata per svolgere in modo versatile una serie di funzioni inmodo veloce e preciso. In quanto macchina non specializzata, non può svolgere alcun compito,se prima non viene istruito o “programmato”EE’ attraverso il programma, cioè la sequenza di istruzioni che devono essere svolte, che ilcomputer viene preparato alla esecuzione di determinate funzioniI programmi o “ f i “software” si di id ” i dividono i 2 categorie: in i sistema operativo (software di sistema): gestisce e controlla le risorse e le attività delcomputer, include tutti programmi necessari al suo funzionamento e fornisce linterfaccia utente.Rimane sempre attivo dall’accensione del computer - momento in cui viene caricato - fino alsuo spegnimento software applicativo: ha il compito di risolvere problemi specifici dellutente che lo pp p p pacquisisce in funzione di determinate esigenze© smartpixel di Enrico DellOste | web: www.smartpixel.it | email: info@smartpixel.it 18
  19. 19. Sistema operativoIl sistema operativo garantisce la corretta gestione dei componenti del sistema (memoria, CPU,unità periferiche, ecc), controlla il caricamento e l’esecuzione degli altri programmi, interpreta edesegue i comandi dellutente; il primo sistema operativo usato su PC IBM compatibili era il DOS(Disk Operating System) che funzionava da riga di comando, richiedeva la conoscenza dellinguaggio utilizzato e perciò non era facile da utilizzareI sistemi operativi moderni – Apple OS, Microsoft Windows (nelle sue diverse versioni: 95, 98,NT, 2000, XP, Vista,NT 2000 XP Vista Se7en) e diverse distribuzioni Linux – si sono diffusi grazie alla comparsa diuna GUI, “Graphic User Interface” che permette allutente di istruire il sistema indicando qualifunzioni devono essere svolte (ciò che una volta veniva fatto da riga di comando si trasforma inoperazioni attivate dal movimento di rappresentazioni grafiche): uso di simboli standard di facile comprensione (icone e puntatori) non si devono ricordare parole e sigle di comandi gli stessi simboli possono essere usati in programmi diversi© smartpixel di Enrico DellOste | web: www.smartpixel.it | email: info@smartpixel.it 19
  20. 20. File system e directoryOgni sistema operativo fornisce attraverso il file system una struttura di funzionamentogenerale che consente di creare, copiare, spostare, modificare e cancellare i dati presenti sui varisupporti di memoria di massa: ogni singolo oggetto memorizzato su disco si chiama file nella forma ”nome.estensione”:deve avere un nome univoco che lo distingua all’interno del sistema e una sigla aggiuntiva g g gg(estensione) indicativa del tipo di file (ad esempio, un programma eseguibile, un’immagine, undocumento di testo, ecc) separata con un punto dal nome l’ordine dei file è creato dalle directory (cartelle) cioè contenitori che permettono di l ordine (cartelle),raccogliere i file in gruppi logicamente omogenei (a loro volta le cartelle possono contenerealtre sottocartelle)Mentre la maggior parte dei file e delle cartelle viene creata e gestita direttamente dalleapplicazioni (si tratta di file di sistema, di configurazione o di dati), l’utente deve organizzarecorrettamente il proprio lavoro, evitando di salvare i dati dove capita ma creando invece unastruttura ordinata di cartelle e sottocartelle, in modo da rintracciare velocemente i propri file edevitare cancellazioni accidentali o sprechi di spazio su disco© smartpixel di Enrico DellOste | web: www.smartpixel.it | email: info@smartpixel.it 20
  21. 21. Software applicativoE’ linsieme dei programmi che NON sono compresi nel sistema operativo, ma che sonoinstallati dallutente per svolgere compiti specifici aggiuntivi: browser web: sebbene Microsoft Windows fornisca Internet Explorer come programma dinavigazione Internet è possibile installare anche browser diversi, gratuiti e sicuri produttività: Microsoft Office (Licenza d uso), OpenOffice e StarOffice (OpenSource) d’uso),riuniscono una serie di applicativi dedicati alla videoscrittura, ai fogli di calcolo, alla realizzazionedi presentazioni multimediali, database e molto altro contabilità fatturazione, gestione magazzino, gestione del personale, disegno tecnico, ecc contabilità, fatturazione magazzino personale tecnico programmi antivirus, posta elettronica, ritocco fotografico, lettori audio/video, eccA rigore fanno parte degli applicativi anche alcune utilità già presenti in Windows come Blocconote, Calcolatrice, Paint, WordPad: si tratta di semplici programmi, non essenziali alfunzionamento della macchina, ma che offrono allutente alcune semplici applicazioni di base; se , p pp ;invece l’utente desidera un livello più specifico di funzionalità, deve installare un programmaapplicativo ad hoc, sostenendo eventualmente il costo della licenza d’uso© smartpixel di Enrico DellOste | web: www.smartpixel.it | email: info@smartpixel.it 21
  22. 22. Reti informaticheLe reti funzionano in base ad architetture hardware (garantiscono la connessione fisica) eprotocolli software (regole condivise con cui i vari sistemi trasmettono i dati) e permettono adiversi computer di dialogare e condividere informazioni, dati e risorse: LAN (Local Area Network): connettono sistemi informatici locali attraverso cavi, connessionidedicate e hardware specifico di interfaccia tra le unità e la rete p WAN (Wide Area Network): sono le “reti geografiche” in grado di connettere sistemi eterminali (spesso interaziendali) con le normali linee telefoniche MAN (Metropolitan Area Network): è una forma tra LAN e WAN (Rete Civica di Milano)I diversi tipi di rete possono essere integrate all’interno di configurazioni particolari: internet: è una rete mondiale ad accesso pubblico che collega reti locali e/o geografiche intranet è una LAN o un raggruppamento di reti locali ad accesso riservato usata dalleorganizzazioni per facilitare la comunicazione e l accesso alle informazioni l’accesso extranet: quando una parte della intranet viene resa accessibile a clienti, partner o altrerealtà esterne all’organizzazione, questa parte diventa una extranet© smartpixel di Enrico DellOste | web: www.smartpixel.it | email: info@smartpixel.it 22
  23. 23. I vantaggi delle retiAll’interno di una rete i computer possono svolgere il ruolo di: client: posto di lavoro che accede ai servizi e alle risorse messe a disposizione dal server server: amministra e fornisce ai sistemi client servizi di rete come la gestione di una retelocale e/o geografica, della posta elettronica e/o delle periferiche di stampaI principali vantaggi derivati dalluso delle reti informatiche sono: lavoro di gruppo: più utenti possono lavorare sugli stessi dati e archivi condivisi, trasmettersidocumenti e scambiarsi informazioni per posta elettronica condivisione di risorse: limita il numero di hardware e semplifica la gestione e manutenzionedi stampanti e altre unità periferiche, permette il collegamento Internet tramite un server che p p p gsvolge la funzione di “gateway”, ossia di porta di accesso al web migliore affidabilità del sistema nel suo complesso, in quanto non dipende dalfunzionamento di una singola macchina© smartpixel di Enrico DellOste | web: www.smartpixel.it | email: info@smartpixel.it 23
  24. 24. La rete telefonica e i computerTra le apparecchiature che trasmettono dati attraverso la rete telefonica ci sono il telex (ormaiobsoleto, trasmetteva sequenze di caratteri alfanumerici a bassa velocità su linee dicomunicazione specializzate) e il fax (trasmette pagine in formato immagine, riproducendole suuna apparecchiatura collegata mediante le rete telefonica)Utilizzando il computer occorre tener presente che la rete telefonica può essere di tipoanalogico o digitale: se è usata la normale rete analogica, occorre una trasformazione dei dati(modulazione) da digitali ad analogici per trasferirli tramite la rete telefonica e quindi convertirlida analogici a digitali (demodulazione)Il modem (modulatore/demodulatore) è lo strumento che effettua questa conversione: più alta ùè la velocità di trasmissione (misurata in BPS: numero di Bit per secondo), minore è il temporichiesto per inviare un messaggio. La velocità dipende dalle caratteristiche del modem e dellalinea: velocità superiori si possono ottenere usando la rete digitale ISDN (Integrated Systems ofDigital Network) o l’ADSL (Asymmetric Digital Subscriber Line) che permette accessi ad altavelocità (si parla di banda larga o broadband)© smartpixel di Enrico DellOste | web: www.smartpixel.it | email: info@smartpixel.it 24
  25. 25. Internet: cenni storiciNegli anni 60 la Difesa USA varò un progetto per assicurare la trasmissione di messaggi anchein caso di guerra atomica: nacque così ARPAnet (Advanced Research Project Agency Network),rete di nodi decentrati totalmente autonomi, prototipo dellattuale InternetMa Internet più che un progetto di ricerca o militare, è una conquista umana e culturale, perchénasce dall’impegno di studenti, ricercatori, insegnanti e funzionari pubblici che hanno saputo faruscire i loro computer dall’isolamento per creare una rete il cui scopo è “offrire a chiunque, conqualsiasi dispositivo, la possibilità di accedere alle informazioni dispositivo informazioni”L’HTML (HyperText Markup Language) è il linguaggio comune grazie al quale è possibileaccedere a tutti i siti della rete Internet attraverso il “browser” che ne interpreta il codice: l’HTMLè stato inventato da Tim Berners-Lee, ricercatore del CERN di Ginevra (Centro Europeo per laRicerca Nucleare) alla fine degli anni 80 in risposta a problemi di reperimento di informazioniche si erano manifestati presso lEnte; oggi Tim Berners-Lee è fondatore e presidente del W3C, ilconsorzio che si occupa di stabilire le tecnologie standard di riferimento per il web e diformalizzarne lutilizzo attraverso raccomandazioni definitive© smartpixel di Enrico DellOste | web: www.smartpixel.it | email: info@smartpixel.it 25
  26. 26. Internet e il World Wide WebInternet è una imponente rete di reti, una infrastruttura di reti interconnesse: connette milionidi computer tra loro, creando una rete in cui ogni computer può comunicare con un altrocomputer sino a che entrambi rimangono connessi alla rete. Le informazioni che viaggiano suInternet sono codificate in una varietà di linguaggi chiamati protocolliIl World Wide Web (o semplicemente www o web) è un modo tra i tanti di accedere a questeinformazioni sulla rete Internet: è un modello di condivisione delle informazioni che usa ilprotocollo HTTP (HyperText Transfer Protocol) per trasmettere gli ipertesti pagine web fatte di Protocol), ipertesti,testo, immagini, elementi multimediali e applicazioni che sono collegate le une alle altre permezzo di “links” universalmente riconoscibili dal puntatore della “manina”Per accedere al web viene usato il browser, un programma che interpreta il codice HTML pervisualizzare i contenuti dei siti web ai quali è possibile accedere attraverso un indirizzo URL(“Uniform Resource Locator”) formato dal protocollo HTTP; per cercare le informazioni si usano imotori di ricerca, siti web associati a banche dati che forniscono indicazioni dei siti checontengono parole chiave significative per largomento oggetto dellindagine© smartpixel di Enrico DellOste | web: www.smartpixel.it | email: info@smartpixel.it 26
  27. 27. Internet: come funzionaPerché computer diversi possano comunicare in rete è necessario un protocollo, cioè delleregole su come deve funzionare la trasmissione dei dati; il protocollo TCP/IP, inizialmentepensato per Internet, è diventato uno standard universale proprio per il successo di Internet: la componente IP (Internet Protocol) scompone i dati e li inserisce in pacchetti pronti per iltrasferimento in rete: il computer che invia i dati usa l’IP per creare i pacchetti, mentre il p p pcomputer che riceve i dati li ricostruisce dai pacchetti ricevuti la componente TCP (Transmission Control Protocol): garantisce la trasmissione e cheeventuali pacchetti danneggiati/persi vengano nuovamente inviatiInternet è un “sistema di comunicazione ridondante con tipologia a maglia”, per cui esistonosempre più percorsi alternativi per connettere due utenti: ù tutte le risorse della rete sono identificate in modo univoco da un indirizzo IP composto daquattro serie di numeri di 8 bit, ad esempio 212.48.6.38 l’indirizzo IP è tradotto in indirizzo simbolico di più facile utilizzo per l’utente (ad esempiohttp://www.rai.it/) dai server DNS (Domain Name System, sistema gerarchico di tabelle)© smartpixel di Enrico DellOste | web: www.smartpixel.it | email: info@smartpixel.it 27
  28. 28. Internet: cosa permette di fareWeb 1.0 (anni ‘90) ricerca di informazioni attraverso l’ accesso ai nodi di rete (siti web) e archivi dati, nascono iprimi forum dove gli utenti possono cercare soluzioni su temi specifici trasferimento file via FTP (File Transfer Protocol), chat e instant messaging posta elettronica, liste di distribuzione (mailing list) elettronicaWeb 2.0 (fase attuale) condivisione dei contenuti e utilizzo sociale del web (blog, social network, YouTube) geolocalizzazione e possibilità di memorizzare dati online (file sharing, cloud computing) conversazioni telefoniche VoIP (Voice over Internet Protocol) e teleconferenzaWeb 3.0 (il futuro) Internet assomiglia ad un unico database che raccoglie le informazioni che sono usate dagliutenti dall’interno di applicazioni eseguite dal sistema operativo fornito dal browser© smartpixel di Enrico DellOste | web: www.smartpixel.it | email: info@smartpixel.it 28
  29. 29. La posta elettronicaLa posta elettronica o e-mail (elettronic mail) è la più famosa funzione resa possibile dalle reti;serve a inviare comunicazioni scritte ad altri utenti in rete e ha i seguenti vantaggi: è veloce, poco costosa e asincrona, cioè non richiede la presenza reciproca è basata su testo scritto, quindi viene lasciata documentazione: si può avere conferma dilettura/ricezione mediante notifica, come per la ricevuta di ritorno della posta tradizionale permette una facile distribuzione dello stesso messaggio a più interlocutori, mediantelutilizzo in automatico delle liste di distribuzione o “mailing list” consente li l linoltro di allegati che possono poi essere elaborati e re-inoltrati ll i h i l b i i l iPer usare la posta elettronica sono necessari: p un dispositivo dotato di interfaccia di comunicazione e accesso alla rete una casella di posta elettronica presso il server che fornisce il servizio, identificata da unnome utente e una corrispondente password per gestire la casella di posta un indirizzo e-mail nella forma “utente@indirizzo.xx”, dove utente identifica il proprietariodella casella di posta elettronica e indirizzo.xx è il sito del provider© smartpixel di Enrico DellOste | web: www.smartpixel.it | email: info@smartpixel.it 29
  30. 30. La posta elettronicaFasi del processo di invio di un messaggio di posta elettronica: il mittente compila il messaggio sul proprio computer (sistema client) usando il browser o unprogramma di gestione della posta elettronica e lo invia il messaggio arriva al server SMTP (Simple Mail Transport Protocol, il protocollo ditrasmissione della posta elettronica) il server SMTP invia una richiesta al server DNS (Domain Name System) per avere lindirizzocorrispondente al nome del dominio associato al destinatario il messaggio viene i i i i inviato al server così i di id l ì individuato che svolge il ruolo di server POP (P h l l (PostOffice Protocol) che memorizza il messaggio nella casella elettronica del destinatario il destinatario, quando accede alla sua casella di posta elettronica, riceverà il messaggio cheverrà scaricato automaticamente dal server POP sul suo computerNB: In caso di mancato recapito, il server SMTP manderà una notifica al mittente indicando il recapito mittente,motivo del mancato inoltro© smartpixel di Enrico DellOste | web: www.smartpixel.it | email: info@smartpixel.it 30
  31. 31. Il computer nel lavoroNel mondo del lavoro, il computer trova impiego pratico perché offre vantaggi misurabili inminori costi e tempi di produzione, maggiore precisione e tempestività, efficacia e maggiorequalità dei prodotti realizzati: automazione dufficio: insieme di strumenti hardware e software che facilitano i compitiripetitivi in ufficio e rendono più efficienti le comunicazioni (elaborazione testi, banche dati, fogli p p gdi calcolo elettronici, gestione di presentazioni, disegno tecnico e pubblicazioni) applicazioni gestionali: amministrazione, fatturazione, gestione magazzini e scorte, gestionelavori e linee di produzione paghe e stipendi produzione,Inoltre il computer permette il telelavoro, la possibilità di lavorare direttamente dalla casa, i cuivantaggi sono: per il lavoratore: flessibilità dorario, eliminazione dei tempi di trasferimento al costo peròdella riduzione dei contatti personali e di una minore partecipazione al lavoro di gruppo per lazienda: risparmi in spazi e strutture© smartpixel di Enrico DellOste | web: www.smartpixel.it | email: info@smartpixel.it 31
  32. 32. Il computer nell’istruzioneNellistruzione il computer risulta utile per: giochi che aiutano il bambino a imparare a leggere e contare, divertendosi autoistruzione, formazione a distanza, simulazione per gli studi specialistici avanzati fornisce un valido supporto per il calcolo scientifico, laricerca,ricerca il reperimento di informazioniAnche se la maggiore distanza implica l’assenza del rapporto docente-allievo, i vantaggi diqueste nuove forme di apprendimento sono: qualità della didattica: tempi di apprendimento più brevi e personalizzati in funzione dellivello di partenza e degli obiettivi da raggiungere p g gg g distribuzione capillare dellerogazione dei corsi a un costo minore possibilità di simulare situazioni non riproducibili e ripetere parti delle lezioni autovalutazione i t l t i immediata di t© smartpixel di Enrico DellOste | web: www.smartpixel.it | email: info@smartpixel.it 32
  33. 33. Il computer nella vita quotidianaIn casa il computer viene impiegato per molteplici attività: segreteria telefonica, fax, riscaldamento, sicurezza e impianti antincendio studio, ricerca informazioni, gestione corrispondenza, svago (giochi, musica, film) aggiornamento bilancio familiare, prenotazioni o acquisti da casaServizio alberghieroIl computer semplifica le operazioni amministrative connesse al ricevimento e registrazionedegli ospiti, la gestione delle prenotazioni e dei sistemi legati agli impianti di sicurezza,permette la gestione automatica di servizi come la sveglia telefonica, lavviso di comunicazionialla portineria, ecc pBancaNeiN i servizi b i i bancari il computer è presente nei servizi di sportello, l’h i t t i i i t ll l’home b ki banking, i t terminali i liself-service (bancomat) e interviene a facilitare la gestione del conto corrente, lo svolgimento ditransazioni e il trasferimento dei fondi© smartpixel di Enrico DellOste | web: www.smartpixel.it | email: info@smartpixel.it 33
  34. 34. Il computer nella vita quotidianaSupermarket il sistema a codici a barre che identifica il prodotto ha introdotto la gestione automaticadelle casse: non serve più applicare il prezzo sulle confezioni, perché i prezzi sono gestiti in unabanca dati collegata con le casse. Unico limite è la spersonalizzazione del servizio le operazioni di cassa del supermarket possono essere completate con lutilizzo della carta di l utilizzocredito per le operazioni di pagamentoAnche ll’ bi deiA h nell’ambito d i servizi bibli t i i bibliotecari si può f i i ò fare un utilizzo efficace d ll codifica a b ili ffi della difi barreper lidentificazione in automatico del libro. Vantaggi: per il personale: gestione del prestito interbibliotecario, prestiti/rientri più facili e veloci,controllo immediato delle disponibilità per l’utente: velocità del servizio, selfservice, accesso al servizio di altre bibliotecheVa infine considerato che lutilizzo degli strumenti informatici ha reso possibile leditoriaelettronica, cioé la fruizione di libri in formato elettronico su vari dispositivi di memoria© smartpixel di Enrico DellOste | web: www.smartpixel.it | email: info@smartpixel.it 34
  35. 35. Il computer nella vita quotidianaServizio sanitarioIl computer snellisce la gestione dei servizi ambulatoriali e ospedalieri, fornendo supporto per lagestione di prenotazioni e prestazioni ambulatoriali, telemedicina (possibilità di assistenza eteleconsulto), gestione di cartelle cliniche, strumenti di analisi e diagnosiPubblica AmministrazioneLa PA sta sviluppando in modo significativo i servizi telematici ai cittadini attraverso sportelliselfservice per f i i f lf i fornire informazioni e servizi senza code, snellire i di rilascio d ll pratiche e i i i i d lli iter il i delle i hsemplificare il pagamento di tasse e contributi: i dati personali sono registrati negli archivielettronici della PA e resi disponibili per l’utilizzo attraverso carte di identificazione dotate di“chip” come nel caso di Carta di identità, Patente, Libretto Sanitario o Universitario àIl computer facilita anche i portatori di handicap attraverso tastiere in Braille, lettori tramite p p p ,polpastrelli di schermi video, controllo a voce del computer, comando via computer diautomatismi per apertura porte, accensione e spegnimento luci, attivazione di allarmi© smartpixel di Enrico DellOste | web: www.smartpixel.it | email: info@smartpixel.it 35
  36. 36. Computer, ergonomia e saluteL‘ergonomia riguarda i fattori che servono a rendere meno faticosa lattività e non recare dannialla salute (dolori alla schiena dovuti a posture scorrette, affaticamento della vista, dolorimuscolari a spalle, braccia e mani, stanchezza, emicrania); il posto di lavoro ergonomico(Decreto Legge 626/94) prevede: prese e spine elettriche in buono stato, corretta distribuzione della corrente elettrica e p papparecchiature lontane da fonti di calore, acqua e umidità ambiente sufficientemente ampio con una illuminazione corretta (le finestre dovrebberoavere delle tendine regolabili per evitare riverberi e riflessi) tavolo con piano antiriflesso posto alla giusta altezza, appoggio di polsi e gomiti sedia regolabile in altezza, con schienale e braccioli, le ginocchia dovrebbero avere unospazio di manovra adeguato con i piedi leggermente sollevati dal pavimento la tastiera dovrebbe essere separata dal computer, per poterla posizionare in modo da evitaretensioni a mani e braccia lo schermo va posizionato con un’angolazione corretta in presenza di una adeguata sorgenteluminosa all’altezza degli occhi e a circa 60 cm di distanza© smartpixel di Enrico DellOste | web: www.smartpixel.it | email: info@smartpixel.it 36
  37. 37. Information Technology & societàLutilizzo pervasivo degli strumenti informatici solleva nuovi problemi etici: diffusione di virus informatici facilità di diffusione di false informazioni mediante la rete Internet pornografia via Internet diff i diffusione di giochi violenti i hi i l ti violazione dei diritti dautore del software accesso non autorizzato a informazioni personali o riservate comunicazioni facili per attività criminali e di spionaggioUn lt fattore importante è liU altro f tt i t t limpatto ambientale d tt bi t l dovuto alla diff i t ll diffusione d l computer: del t consumo energetico: utilizzare circuiti a basso consumo elettrico, nel caso di pauseprolungate impostare l’autospegnimento dello schermo materiali di scarto: abituarsi a sostituire quando è possibile la documentazione cartacea conquella elettronica© smartpixel di Enrico DellOste | web: www.smartpixel.it | email: info@smartpixel.it 37
  38. 38. Sicurezza dei datiI dati possono essere protetti con password o parole dordine che riservano l’accesso ai datisolo a chi conosce la password; diversa è la crittografia, sistema più sofisticato di cifraturamediante un codice segreto: i dati possano essere letti solo da parte di chi conosce il codice. E’usato soprattutto nella trasmissione dei datiQuando si digita una password occorre verificare di non essere visti da estranei e lopzione diinserimento automatico della password - prevista da alcuni programmi - va usata solo se ègarantita la sicurezza del computer (da controllare anche la cache dei browser): la password peressere efficace deve essere unica, non prevedibile (difficile da indovinare ma facile daricordare), va cambiata con frequenza e memorizzata dal proprietarioE’ inoltre buona norma fare di frequente copie dei dati sul disco sia salvando spesso (iprogrammi lo fanno in automatico), sia creando copie di backup dei dati su memorie ausiliariein modo da poter ripristinare i dati in caso di guasto o malfunzionamento del computer (vannoconservate in luogo protetto da polvere, calore e campi magnetici)© smartpixel di Enrico DellOste | web: www.smartpixel.it | email: info@smartpixel.it 38
  39. 39. Virus & malwareIl virus è un programma che si diffonde da un computer all’altro quando avviene uno scambiodi dati e programmi dovuto a: input di dati da memorie di massa mobili (supporti non verificati) importazione (download) di archivi o programmi via rete messaggi di posta elettronica pagine HTML in grado di attivare questi programmiI malware – “malicious software” - sono programmi legati all’utilizzo di Internet, creati con ilsolo scopo di causare danni più o meno gravi al computer su cui sono eseguiti. Infatti, assiemeai virus possono provocare danni temporanei o permanenti come: p p p p danneggiamento o cancellazione di dati, programmi o aree di sistema effetti grafici indesiderati sullo schermo rallentamento nel f ll t t l funzionamento d l computer i t del t segnalazione di errori o guasti inesistenti© smartpixel di Enrico DellOste | web: www.smartpixel.it | email: info@smartpixel.it 39
  40. 40. Virus & malwareIl virus tende a riprodursi, perciò i file prodotti da un computer infettato trasferiscono il virus sualtri computer. La protezione da virus e malware si attua attraverso diverse misure: prestare particolare attenzione alle fonti: non utilizzare alcun supporto o programma se nonsi è sicuri della sua provenienza installare un programma antivirus e/o antimalware (molti sono gratis e scaricabili daInternet) per riconoscere, isolare ed eliminare le intrusioni far controllare dall’antivirus/antimalware floppy, CD e gli allegati ricevuti con la postaelettronica prima del loro utilizzo eseguire con l’antivirus/antimalware scansioni periodiche del sistema aggiornare periodicamente l’antivirus/antimalware disporre di un buon sistema di backup e ripristino di dati e programmi© smartpixel di Enrico DellOste | web: www.smartpixel.it | email: info@smartpixel.it 40
  41. 41. Protezione dei dati aziendaliUn buon sistema di protezione deve prevedere: la protezione fisica di computer e archivi livelli diversi di accesso al computer (codici utenti e password) software antivirus, crittografia dei dati riservati sistema di b k d li archivi ed eventuali piani di emergenza i t backup degli hi i d t li i iPer quanto riguarda il collegamento a Internet, il sistema per proteggersi da accessi indesideratiè il firewall, un software o una configurazione hardware e software che permette il controllo ditutte le trasmissioni di dati tra il sistema aziendale e le reti esternePer limitare gli atti di pirateria informatica, la legge 547/93 punisce con la reclusione: il danneggiamento/accesso abusivo a sistemi informatici/telematici la detenzione/diffusione abusiva dei codici di accesso a tali sistemi la produzione e diffusione di virus informatici© smartpixel di Enrico DellOste | web: www.smartpixel.it | email: info@smartpixel.it 41
  42. 42. CopyrightIl software è equiparato a opere letterarie e artistiche e come tale protetto da copyright, ilmarchio di protezione dei diritti dautore: sono punibili con pene pecuniarie e la reclusione lariproduzione, detenzione, distribuzione e vendita non autorizzate di softwareMa non tutto il software è a pagamento: freeware: software fornito gratuitamente, messo a disposizione in Internet pubblico dominio: software fornito senza copyright, quindi lutente può copiarlo edistribuirlodi ib i l senza li i i se non quello di citarne l f limiti, ll i la fonte demo/trial: software distribuito in dimostrazione privo di alcune funzionalità shareware: software coperto da copyright e distribuito gratis assieme alla richiesta di p py g gregistrazione (di solito è richiesta una piccola somma) presso lautore che in cambio forniscedocumentazione e aggiornamenti software con licenza duso software coperto da copyright, distribuito dietro pagamento il d uso, copyrightcui uso è regolato da contratti di licenza (si possono fare copie solo di backup)© smartpixel di Enrico DellOste | web: www.smartpixel.it | email: info@smartpixel.it 42
  43. 43. PrivacyIn Italia la privacy è tutelata dalla legge 675/1996, i cui obiettivi sono: migliore protezione dei dati tutela della riservatezza e da utilizzi non autorizzati dei dati personali garanzia sui diritti dei soggetti proprietari dei dati obblighi per i gestori d i d ti bbli hi t i dei dati sicurezza nazionaleChiunque detenga e gestisca dati personali deve: avere ottenuto autorizzazione scritta comunicare allinteressato l fi lità d ll’ tili i lli t t le finalità dell’utilizzo d i d ti dei dati essere disponibile per verifiche su richiesta attivare procedure di protezione dei dati gestiti© smartpixel di Enrico DellOste | web: www.smartpixel.it | email: info@smartpixel.it 43
  1. A particular slide catching your eye?

    Clipping is a handy way to collect important slides you want to go back to later.

×