Il racconto della nuova energia
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Like this? Share it with your network

Share
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
2,755
On Slideshare
2,755
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
103
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide
  • Localement et globalement

Transcript

  • 1. Il racconto della nuova energia a cura di Mario Agostinelli www.marioagostinelli.it www.energiafelice.it
  • 2. EMPEDOCLE: I 4 ELEMENTI Aria, acqua, terra e fuoco , i quattro elementi fondamentali impiegati da Empedocle per descrivere il mondo in cui viviamo, sono tra loro interconnessi. Il fuoco – l’energia – viene oggi utilizzato dall’uomo e consumato cos ì dissennatamente, in particolare dalle sue fonti fossili e fissili , da compromettere i cicli della biosfera, dando luogo ad un inarrestabile degrado dell’aria, dell’acqua, della terra.
  • 3. ENERGIA E VITA: calendario cosmico Miliardi anni milia
  • 4. CI SON VOLUTI 13 MILIARDI DI ANNI…
  • 5. … PER LA SPECIE E LA CIVILTA’ UMANA
  • 6. Consumatori di energia
  • 7.
    • LE FONTI DI ENERGIA DEL PIANETA
    • CARBONE
    • FOSSILE DI PROCESSO RINNOVABILE
    • PETROLIO
    • GAS
    • NUCLEARE
    • IDROGENO
    • RISPARMIO ENERGETICO
    • GEOTERMIA
    • BIOGAS
    • SOLARE
    • IDRAULICA
    • EOLICA
    • BIOMASSA
  • 8.
    • L’energia è potenza, velocità, calore
    • L’energia serve all’uomo per alimentare le sue “protesi artificiali”.
    • L’energia è sviluppo, crescita, consumo produzione, ed è “motore” del mercato.
    COS’E’ L’ENERGIA per il “senso comune” ?
  • 9.
    • L’energia è una risorsa finita e degradabile.
    • La biosfera si mantiene in equilibrio dentro una finestra energetica molto limitata .
    • L’energia è diritto alla vita e, quindi, un bene comune.
    COS’E’ L’ENERGIA per gli “osservatori viventi”?
  • 10. Ci vuole energia…
  • 11. EFFETTI SULLA VITA!
    • Pochi gradi T ± °C cambiano tutto!
    ± 2°C
  • 12. IL CICLO ENTROPICO: economia e vita: output=godimento della vita Tempo Ordine e Crescita Rifiuti Materia Ordinata Disordine Energia Nobile Energia Termica
  • 13. VITA E ECONOMIA 1
    • Sertori 8
  • 14. VITA E ECONOMIA 2
    • Sertori 7
  • 15. Il pianeta di notte
  • 16. Consumi di energia primaria pro capite nel mondo nel 2009 (Tep/pro capite)
  • 17. Riserve di energia solare (annuali) > 2130 TWh entro il 2020 Africa > 450 TWh Asia – Oceania > 270 TWh Latin America > 270 TWh Middle East > 200 TWh India: > 180 TWh Australia – Japan - NZ > 130 TWh Europe > 90 TWh North America > 180 TWh China > 220 TWh East Europe – Ex URSS > 130 TWh Based on data from B. Dessus & UNESCO ’s Summer School of rural electrification Yearly kWh by m² 1200 1700 1950 2450 850 600
  • 18. COSA C’E’ DIETRO LA SPINA?
  • 19. RETI, CENTRALI , ELETTRODOTTI
  • 20. LA GEOPOLITICA DEI FOSSILI
    • CONCENTRAZIONE DI CAPITALI, DOMINIO FINANZIARIO DELLE MULTINAZIONALI, CAUSA CRISI
    • TENSIONE INTERNAZIONALE RISORSE
    • 40% ENERGIA PRIMARIA CONSUMATA IN TRASFORMAZIONI
    • + ENERGIA IMMESSA IN GUERRE, CONTROLLO, RIPARAZIONE DEI DANNI
  • 21. Curva di Hubbert per Petrolio
  • 22. Curva di Hubbert per uranio
  • 23. PER QUANTO TEMPO?
    • Includendo anche tutte le risorse speculative di tutte le tipologie di fonti energetiche si arriva a 2,5 milioni di Mtep, pari a quasi 200 volte i consumi del 2010 (13.000 Mtep).
    • Ma con un tasso di crescita del 2% nella domanda (meno di quello dal 1990 ad oggi), e una quota di rinnovabili sotto il 20%, tutte le riserve convenzionali non rinnovabili sarebbero esaurite prima del 2100 .
  • 24. L’effetto serra
  • 25. L’emergenza climatica
    • Negli ultimi 150 anni la concentrazione di CO 2 in atmosfera: da 280 a 379 ppm.
    • Ogni anno vengono rilasciati 26.4 Gton di CO2 = 7.2 Gton di C.
    • La temperatura del globo si è innalzata di 0,6 °C nel ‘900.
    • L’aumento inevitabile tra 20 anni sarà di 6 °C
    • La crescita di CO 2 al 2020 è previsto del 50%.
  • 26. I FATTI Temperatura media globale Livello del mare medio globale Copertura nevosa emisfero boreale
  • 27. PERDITE ECONOMICHE
  • 28. LA TERRA E ’ MALATA Come ferite non curate, le macchie rosse che indicano concentrazioni elevate di NO 2 (generato dalla combustione), coincidono con le zone più industrializzate: le principali città del Nord America e dell'Europa . In particolare in Italia, tutta la zona della Pianura Padana presenta valori altissimi.
  • 29. INVIVIBILITA’ / SOPRAVVIVENZA
    • Costi di “riparazione” molto elevati
    • Si alimentano le “protesi”, ma perisce la specie
    • L’economia capitalistica non assicura la sopravvivenza della civilta’
    • Il danno ambientale aumenta l’ingiustizia sociale
    • -> La biosfera al posto della geopolitica
    • Se ne può occupare la destra (Sarkozy, Formigoni?)
  • 30. IL FUTURO NON E'PIU' QUELLO DI UNA VOLTA... CONTIAMO IL TEMPO A RITROSO!
  • 31.
    • 80% riduzione
    • interna nel 2050 è
    • possibile
    • Con le attuali tecnologie
    • disponibili,
    • Con un cambiamento
    • dei comportamenti
    • indotto dai prezzi
    • Se tutti I settori economici contribuiscono
    • Percorso efficiente:
    • -25% in 2020
    • -40% in 2030
    • -60% in 2040
    • 1990 2000 2010 2020 2030 2040 2050
    • 100%
    • 40%
    • 20%
    • 80%
    • 60%
    • 0%
    • Industry
    • Transport
    • Non CO 2 Other Sectors
    • Non CO 2 Agriculture
    • Residential & Tertiary
    • Power Sector
    • Current policy
    • 40%
    • 20%
    • 60%
    • 0%
    • 80%
    • 100%
    ROAD MAP EUROPEA AL 2050
  • 32.
    • Passaggio dal costo del carburante a spesa per investimenti
    • Denaro rimane nella UE
    • 220
    • 200
    • 180
    • 160
    • 140
    • 120
    • 100
    • 40
    • 80
    • 60
    • GDP and GHG decoupling
    • 1990 2000 2010 2020 2030
    • GDP GHG emissions
    • Innovazione in settori
    • chiave per la crescita
    • cruciale per competitività
    • futura
    • Crescita PIL scollegata da
    • emissioni gas serra anche
    • dopo 2020
    • PIL più sicuro rispetto a shock energetici
    Benefici per l’economia UE
  • 33.
    • Creazione nuova occupazione
    • Breve termine: ristrutturazione edilizia, produzione di
    • materiali di isolamento, industria delle rinnovabili
    • Potenziale per creazione nuovi posti di lavoro sino a 1.5
    • milioni entro il 2020
    • Usare i ricavi delle aste del sistema UE di scambio delle
    • quote di emissione e i ricavi fiscali a seguito della riduzione
    • dei costi occupazionali e aumentare investimenti e R&S
    • Prospettive occupazionali a lungo termine dipendono da
    • condizioni favorevoli del quadro economico, p.es. Spese su ricerca e sviluppo tecnologico, innovazione, imprenditorialità,
    • nuove professioni, investimenti
    Benefici per occupazione UE
  • 34.
    • Alla base di queste riflessioni sta un necessario cambio di paradigma energetico:
    • “ sole” o “atomo”? “vita o economia
    • Non esistono terze vie
    ATOMO O SOLE?
  • 35. I flussi di energia nel sistema attuale
  • 36. Cella fotovoltaica La tecnologia fotovoltaica consente la trasformazione diretta della luce solare in energia elettrica utilizzando materiali semiconduttori (in particolare silicio). L’eleganza del flusso solare
  • 37. IL FUTURO E’ A LUME DI CANDELA?
    • SINT. CLOR. 6CO 2 + 6H 2 O -> C 6 H 12 O 6 + 6O 2
    • COMBUSTIONE C 6 H 12 O 6 + 6O 2 -> 6CO 2 + 6H 2 O
    • NUCLEARE E = m c 2
    • FOTOVOLTAICO E = h
    • EOLICO P 0 = e c . M = (1/2 v 2 ). (Av  ) = ½ A  v 3
    • LED
    • ENTROPIA
    • ENTROPIA (statistica)
  • 38. Il cubo dell’energia
  • 39. Rinascimento nucleare?
  • 40.
    • Incidente di livello 7
    Fukushima 11 Marzo 2011
  • 41. UN REATTORE E’ UN INCIDENTE IN CORSO “MODERATO”
    • La densità energetica in un reattore viene rilasciata in modo controllato
    • Il controllo di un evento altrimenti incontenibile avviene con sistemi alimentati
    • I sistemi che impediscono l’incidente in corso sono “comandati” (barre, raffreddamenti etc.)
    • Se i sistemi si bloccano l’incidente non si può contenere: la biosfera non è in grado di smaltirne gli effetti senza subirne la distruzione
    • Occorrono sistemi ridondanti
    • Se l’incidente non avviene, e gli effetti non esplodono all’istante, l’energia si smaltisce comunque in tempi lunghissimi (scorie millenarie)
  • 42.
    • Si sono contati più di 40 motivi. Citiamo solo i principali:
    Gli svantaggi del nucleare
    • I costi del nucleare
    • La centralizzazione e l’inefficienza del ciclo
    • Indipendenza e sicurezza degli approvvigionamenti
    • La sicurezza e la salute
    • Le scorie e il decommissioning
    • Le connessioni col militare
    • La vulnerabilità dei siti
    • Il contesto socio- ambientale
    • La democrazia e l’informazione
    • La non complementarietà con strategie dolci
  • 43. Quanta acqua serve al nucleare?
    • Per produrre 1.000 megawatt
    • 30.000 litri d’acqua al secondo
    • 1/3 della portata del Po a Torino
  • 44. PAROLE COME PIETRE: “ INCIDENTE CATASTROFICO”
    • “ Salireste su un’auto che in caso di incidente aumentasse l’andatura fino a disintegrarsi?”
  • 45. PAROLE COME PIETRE: “ SMALTIMENTO SCORIE”
    • “ Pretendono che la gente salga su un aereo per il quale non esiste nessuna pista di atterraggio”. (Uhlrich Beck)
  • 46. PAROLE COME PIETRE: “ IL NUCLEARE MILITARE”
    • “ Più uranio civile significa inevitabilmente più uranio militare e viceversa” Kubrick Stranamore
  • 47. Crisi di sostenibilità Gli attuali modelli di produzione e consumo sprecano più del 90% delle risorse e dell’energia
  • 48. Energia: conflitti vecchi e nuovi
    • Limiti fisici del ciclo auto/petrolio
    • Centralizzazione o decentramento
    • Proprietà privata e sviluppo (auto)
    • Produzione competizione riproduzione
    • Videocrazia, consumo, mercato, democrazia
  • 49. CRISI CIVILTA? (della globalizzazione)
    • Cambio di paradigma e narrazione
    • Dalla geopolitica alla biosfera
    • Dall’atlante astratto a mappe caos climatico
    • Dal biosistema tecnologico al territorio delle varieta’
    • Nuove generazioni, sopravvivenza
    • Democrazia, Rappresentanza
  • 50. DETERMINANTE E’ RIDURRE
    • Il pianeta non può smaltire il carico energetico a cui viene sottoposto
    • L’aumento dei consumi individuali peggiora salute e benessere
    • Aumenta l’ingiustizia sociale
  • 51. Decrescita sostenibile
    • Produrre di meno e consumare di meno
    • Per « vivere meglio, per salvaguardare l’ecosistema, per render possibile l’uguahlianza,
    • Per evitare la crisi.
    La decrescita non è un fine in sè
  • 52. DALLA CRESCITA ALLA DECRESCITA
    • Revisione del modo di produzione capitalistico e radicale innovazione delle politiche economiche.
    • Limiti alla speculazione finanziaria
    • Riduzione della scala dei grandi apparati
    • Limiti al commercio/produzione di beni non socialmente e ecologicamente desiderabili
    • Riduzione generalizzata orario di lavoro
    • Trasferimento tassazione dai redditi a risorse naturali
    • Sostegno fasce deboli e piena occupazione
  • 53. RIPRENDIAMOCI I BENI COMUNI!
    • La questione energetica è una questione di democrazia.
    • L’acqua, la conoscenza, la cultura sono riproducibili, pubblici, trasmissibili
    • La comunità aperta è luogo di partecipazione
    • L’energia rinnovabile può essere prodotta su scala locale in impianti di piccola e media taglia e distribuita alla rete locale, con un governo diretto delle comunità, pubblico e partecipato.
  • 54. DALLA COMPETIZIONE ALLA COOPERAZIONE
    • No alla guerra
    • Riforma istituzioni internazionali
    • Nuove istituzioni internazionali di cooperazione e redistribuzione
    • Libera circolazione conoscenze (no brevetti e royalties)
    • Valorizzazione autosostenibile beni comuni a scala territoriale
    • Diffusione Reti di Economia Solidale
  • 55. DALLA DIPENDENZA ALL’AUTONOMIA
    • Politiche culturali e educative favorenti autonomia, critica, ozio creativo e non dipendenza dalle merci
    • Riforma dei media:limiti alla pubblicità
    • Cambiamento stili di vita e consumo
  • 56. SOSTITUZIONE FOSSILI CON RINNOVABILI
    • Sostituire elettrico mondiale = 15,5 GKW
    • 2.5 milioni generatori eolici (2.5 MW)
    • 210.000 Kmquadr. pannelli fotovoltaici
    • 155.000 Kmquadr. solare termico
    • N.B.Lombardia = 23.861 Kmquadr. superficie
    • 1 mquadr pannelli fotovoltaici = 75 KWora
    • 1 ettaro pannelli termici = 10 MKWora
  • 57. SOTTRARSI AL DOMINIO DELLE MERCI
    • 1 Tep /pro capite consumo energia.
    • 1,5 Ton/anno pro capite emissione CO2.
    • 50 litri pro capite di diritto all’acqua.
    • Inversione overshoot day a 31/12 al 2030.
    • impronta ecologica a 1,8 ha/cap al 2030
    • Diritto e diritti del lavoro
    • Multiculturalità, “ius soli”
  • 58. LA DIMENSIONE TERRITORIALE
    • Imparare a trattare l’energia come aspetto territoriale
    • Imparare a trattare l’energia sotto il profilo della sufficienza della domanda
    • Remparare a trattare l’energia come fattore integrato al cibo, all’acqua, alla terra, all’atmosfera
  • 59. UN NUOVO SISTEMA DI RELAZIONI RETI CORTE RETI CORTE RETI CORTE RETI CORTE = RINNOVABILI RETI LUNGHE = RISPARMIO E COLLETTIVO
  • 60.
    • Potenzialità delle fonti rinnovabili
  • 61.
    • www.viviconstile.org 13
    • In quattro anni l'equivalente di
    • 3 centrali nucleari!
    • I proprietari di case (2007 – 2010) hanno investito 11 miliardi di euro per renderle + efficienti.
    • risparmio energetico, a fine 2011, pari al consumo annuale di una centrale da 1.500 Mwe.
    • 6.000 MW di eolico e 8.000 di fotovoltaico installati a fine 2011: produzione attesa a fine 2011 quasi pari all'elettricità prodotta da 2 centrali nucleari da 1.500 Mwe ciascuna.
    www.viviconstile.org 14
  • 62. Un’agricoltura a bassa intensità energetica
    • I sistemi più tradizionali di coltivazione sono oggi anche quelli più efficienti dal punto di vista energetico (Vietnam 1:10). In seguito alla rivoluzione verde iniziata negli anni ’60, con l’impiego di fertilizzanti, sistemi d’irrigazione, imballaggio dei prodotti, oggi l’energia impiegata è maggiore di quella che se ne ricava dal raccolto ( Stati Uniti 10:1). Questo sistema produce più CO2 di quanta ne possa assorbire.
  • 63.
    • In una città ecosostenibile:
    • I consumi energetici vengono ridotti al minimo.
    • Si utilizza oculatamente l’acqua potabile.
    • Si fa la raccolta differenziata dei rifiuti.
    • Si ricorre all’utilizzo di apparecchiature e sistemi a basso consumo.
    • Viene posta particolare attenzione alla costruzione degli edifici.
    • La mobilità dovrebbe a sua volta essere garantita trasferendo il più possibile lo spostamento a lunga percorrenza delle merci sulla ferrovia ed aumentando nelle grandi città l’offerta di mezzi pubblici per il trasporto di massa.
    • Per il trasporto privato il ricorso all’idrogeno da fonti rinnovabili ed alle celle a combustibile rappresenterebbero un’alternativa ai combustibili fossili.
    • Privilegiando il consumo di prodotti agricoli della filiera corta, si ridurrebbero i consumi energetici connessi al trasporto.
  • 64. Le vie per una mobilità sostenibile
    • Le soluzioni per una mobilità sostenibile
  • 65. Futuro delle reti elettriche
  • 66. UE < U.S. – Giappone Italia < UE Strategia occupazionale
  • 67. Efficienza ed occupazione
    • Un investimento di 100 MW in tecnologie per l’efficienza energetica crea 39 occupati contro i 15-20 occupati in un impianto moderno da fonti fossili per produrne altrettanti (reimpiego e occupazione diretta). Alcuni studi parlano addirittura di un fattore 4.
    • In Europa si stima che un incremento annuo dell’1% per 10 anni nell’efficienza energetica degli edifici comporta la creazione di 2.000.000 posti-uomo/anno
  • 68. Le rinnovabili generano lavoro e una redistribuzione del capitale finanziario
    • Nel 2009
    • + 550.000 posti di lavoro in Europa nel settore energie rinnovabili
    • Tra 2009 e 2010 8 miliardi di investimenti individuali di consumatori-produttori
  • 69. Comparazione occupazione per fonte energetica Settore Lavoratori necessari per produrre 1 TWh Petrolio 260 Petrolio off-shore 265 Gas naturale 250 Carbone 370 Nucleare 75 Legna per usi energetici 1.000 Idroelettrico 250 Mini-idro 120 Eolico 918 fotovoltaico 7.600 Etanolo (da barbabietola da 4.000 zucchero)
  • 70. Raggiungere gli obiettivi previsti al 2020 porterà 2,8 milioni di nuovi posti di lavoro Fonte: European Commission Europa: le prospettive occupazionali per 20/20/20
  • 71. Potenzialità occupazione (Studi a confronto)
  • 72. UNA POLITICA INDUSTRIALE IL PMS ARESE; ...EXPO 2015? Hydrogen Community Distretto energetico Distretto della Mobilità Sostenibile DSS per la gestione del traffico Idrogeno: tecnologie di produzione e distribuzione Combustibili alternativi Auto “ecologica”: propulsori ibridi, bi-fuel, a metano, a idrogeno
  • 73. Azioni virtuose in ambito locale
  • 74.
    • Le città, direttamente o indirettamente, sono responsabili del 50% delle emissioni derivanti da uso dell’energia nelle attività umane
    • Molte azioni di intervento ricadono nelle competenze dei governi locali
    • I Governi regionali e locali devono condividere insieme ai Governi Nazionali la responsabilità nella lotta ai cambiamenti climatici
    Città e Cambiamenti Climatici….
  • 75.
    • Esistono oggi 200mila impianti da fonti rinnovabili di piccola e grande taglia su tutto il territorio italiano
    • Comuni Italiani : su 8.092 Comuni – 7.661 hanno almeno un impianto – 94 % del totale
    • Comuni solari 7.273 – di cui 108 riescono a coprire interamente il loro fabbisogno di energia elettrica ( il più virtuoso San Bellino in provincia di Rovigo con 58,4 MW/1000ab
    • Solare Termico : ad oggi 56 comuni hanno superato il parametro europeo di 264mq/1000ab
    I Comuni e le Energie Rinnovabili….
  • 76. Nel Gennaio 2008 la Commissione in occasione della settimana per l’Energia Sostenibile (EUSEW 2008) ha lanciato il “Patto dei Sindaci”, un’iniziativa mirata a coinvolgere le città europee in un percorso virtuoso di sostenibilità energetica ed ambientale. Nell’ambito della Campagna SEE “Energia Sostenibile per l’Europa” il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare coordina, per l’Italia, le azioni per il coinvolgimento e sostegno delle città L’iniziativa, su base volontaria,impegna le città a ridurre del 20% le proprie emissioni di CO2 attraverso politiche e azioni condotte a livello locale che incrementino la produzione di energia da fonti rinnovabili e il risparmio energetico Totale Comuni Aderenti al Patto dei Sindaci:  EUROPA: 2653 ITALIA: 1153 CITTA’ SOSPESE: 17 su 32 totali Aggiornato a Maggio2011 Il patto dei Sindaci…
  • 77.
    • La gestione della produzione e della distribuzione locale potrebbe essere affidata a forme consortili che comprendono le Amministrazioni pubbliche ed i soggetti privati produttori di energia da fonti rinnovabili.
    Reti consortili e cooperative
  • 78. GLI OBIETTIVI E LA BELLEZZA DEI NUMERI (1)
    • 1,5 Tep /pro capite consumo energia. (da 4.7 media OCSE)
    • 2000W/pro capite disponibilità energetica
    • 1 Ton/anno pro capite emissione CO2 .(da 6 attuali)
    • Inversione overshoot day a 31/12 al 2030.
    • impronta ecologica a 1,8 ha/cap al 2030
    • 80 g CO2/Km max da auto al 2015.
  • 79. GLI OBIETTIVI E LA BELLEZZA DEI NUMERI (2)
    • > 30% risparmio al 2020.
    • >210 GKWora/anno risparmio al 2020
    • >90 MTon/anno riduzione CO2 al 2020
    • >100.000 posti lavoro anno
    • >50% riduzione spese militari
  • 80.
    • Ma la miglior centrale è quella che non dovremo costruire
    Per info: [email_address] [email_address] www.martinbuber.eu www.energiafelice.it