• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
Non tutti hanno scelto il bene
 

Non tutti hanno scelto il bene

on

  • 247 views

Presentazione del mio percorso interdisciplinare per la maturità

Presentazione del mio percorso interdisciplinare per la maturità

Statistics

Views

Total Views
247
Views on SlideShare
247
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
1
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

CC Attribution-NonCommercial-ShareAlike LicenseCC Attribution-NonCommercial-ShareAlike LicenseCC Attribution-NonCommercial-ShareAlike License

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Non tutti hanno scelto il bene Non tutti hanno scelto il bene Presentation Transcript

    • Percorso interdisciplinare per l’Esame di Statodi Emmanuela PioliScuola Italiana di Tripoli Al MaziriQUANDO LA VIOLENZA E’ PARTE DELL’IO
    • Nel 1962 Anthony Burgess pubblicava “A Clockwork Orange”, unopera tagliente esconcertante per la sua immediatezza; a distanza di quasi mezzo secolo le sueparole suonano ancora tremendamente attuali in un mondo dove il libero arbitrio nonè sempre realmente "libero" e la violenza, talvolta, è quasi un gioco, un passatempo.Le vicende di Alex, sebbene portate allestremo, offrono lo spunto per diverseriflessioni: limportanza di poter scegliere, fra "bene" e "male" ma anche riguardo allapropria identità e le proprie idee, andando contro i principi di un sistema che ci vuolegli uni simili agli altri, imponendoci modelli da seguire, e crea in noi i medesimibisogni, condizionando, appunto, le nostre scelte e la sciandoci credere che sianorealmente "nostre"; il vero significato e i veri effetti della violenza, a cui lentamente lenuove generazioni si stanno desensibilizzando e che, nella sua forma distorta, diventaoggetto di divertimento, che non ha in sè nulla di negativo. La realtà in cui siamoimmersi è, per certi versi, poco lontana da quella rappresentata da Burgess: è perquesto motivo che ho scelto di iniziare il mio percorso con letteratura inglese,analizzando un passo di "A Clockwork Orange", oltre alle sue tematiche generali;astrarrò poi il problema della libertà e presenterò le diverse soluzioni di Kant e Fichte;come esempio storico, fra i tanti, di violenza consapevole e "liberamente" scelta,approfondirò largomento delle foibe del nord-est Italia, su cui in passato si èmantenuto il silenzio; mi collegherò con un altro tipo di violenza, verbale, teorizzata daMarinetti nel suo "Manifesto del futurismo"; concluderò infine con letteratura latina,presentando il ritratto di Cesare proposto da Lucano nel “Bellum Civile”.
    • 5. LATINORitratto diCesare nelBellum Civile4. ITALIANOMarinetti e ilManifesto delfuturismo3. STORIALe foibenell’Istria deldopoguerra2. FILOSOFIALibertàsecondo Kant eFichte1. INGLESEAnthonyBurgess e AClockworkOrangep
    • “When a man cannot choose he ceases tobe a man”Anthony Burgess........Anthony Burgess The Plot Main themes Extract
    • John Anthony Burgess Wilson was born from an English Catholic family in Manchester, on25th February 1917.His first important interest was music, which became a real profession: Burgess worked asa composer and after declared that he discovered writing only when he was 35.During the Second World War he worked as a musical director of plays that entertainedEnglish troups in Europe and in 1954 he started working as a civil servant assigned toliterature and phonetics teaching in Malesia and Borneo.In 1959 he came back to England after the diagnosis – then revealed a mistake – of abrain cancer. They told him he had only one year to live and he spent it writing frenetically.The tone of his novels, in that period, was comical-satirical, a sharp critic of modernsociety.In 1962 he wrote his most famous novel, “A Clockwork orange" from which Stanley Kubricktook inspiration in 1971 for the homonymous film that increased Burgess’ fame in thewhole world.In 1968 Burgess left England moving at first in Malta, then in USA, Italy and France.Anthony Burgess died in France on 22nd November 1993.
    • The novel is divided into three parts, which correspond to each stage of development ofAlex’s life. Each part begins with exactly the same phrase: “What’s it going to be then,eh?”.The first part describes Alex’s and his friends indulging in all sorts of gratuitous violence,until one night, after beating a woman to death, Alex is caught by the police because hisgang betrayed him, and sentenced him to fourteen years in prison.The second part describes Alex’s rehabilitation process, which is meant to eliminate hisviolent impulses; the method consists in making him watch films of brutality whilst listeningto classical music, which he loved: what gave him pleasure before now makes him sick.Also because he has been given injections that produce nausea.In the third part Alex is changed and he is able to enter society again. He is, ironically,subjected to all that kind of violence he committed in the past and by the same people heonce assaulted. When he is rescued by three policemen he finds that two of them areformer members of his own gang and the third the former leader of a rival gang, and theyalso beat him up savagely. Half-dead, Alex reaches a cottage that was the scene of thecrime that sent him to prison. The man still lives there and he uses Alex as an instrument inhis propaganda against the government. The man submits him to massive doses ofclassical music until he attempts suicide. He survives and the government decide tocounteract the bad publicy by restoring his old nature. In the end Alex is again his old self.
    • ► The language used by Alex immediately strikes the reader: it is slang invented byBurgess and called nadsat (a Russian suffix equivalent to the English –teen). Words comefron different languages: Russian («horrorshow» is an English altered pronunciation of«karasho» which means «good»), English slang of the 60s («rozz», a member of the upperclass, comes from «rozzer», meaning «policeman») and Italian or Latin («viddy» for «see»or «nochy» for «night»)►Juvenile violence which was a serious problem of the 60s. In his novel, Burgess goesagainst the theories of B. F. Skinner, an American psychologist who foundedbehaviourism: according to this theory, human actions were the response to a stimulusand this process could be adopted to most human activities; with the right stimuluspeople’s mind could be conditioned. They used this method in American prisons and itwas similar to what happens to Alex: associating the sight of violence with a sense ofsickness and rejecting it because of conditioning.►Struggle between good and evil and the way modern society copes with it; while Alexcommits violence, because he likes it, society hides its plans of domination and control ofthe mass behind big sounding words.► Depriving man of free will is the risk of using such methods, which Burgess consideredsinful. In this way Burgess is both modern and traditional: modern because these methodsrisk to cause more uniformity in a world already conditioned by mass media; traditionalbecause Christian doctrine stresses the importance of free will.
    • “But, brothers, this biting of their toe-nails over what is thecause of badness is what turns me into a fine laughingmalchick. They don’t go into the cause of goodness, so whythe other shop? If lewdies are good that’s because they likeit, and I wouldn’t ever interfere with their pleasures, and soof the other shop. And I was patronizing the other shop.More, badness is of the self, the one, the you or me on ouroddy knockies, and that self is made by old Bog or God andis his great pride and radosty. But the not-self cannot havethe bad, meaning they of the government and the judgesand the schools cannot allow the bad because they cannotallow the self. And is not our modern history, my brothers,the story of brave malenky selves fighting these bigmachines? I am serious with you, brothers, over this. Butwhat I do I do because I like to do.”(A. Burgess, A Clockwork Orange, Part one, Chapter 4)
    • “Non vale la pena esser e liber ise quest o non implica esser e liber i di sbagliare”Mahat ma GandhiImmanuel Kant Johann Gottlieb Fichte Libertá per Kant Libertá per Fichte Extract..........
    • Immanuel Kant nacque nel 1724 a Königsberg, capoluogo dell’allora Prussia orientale, dafamiglia di origine scozzese. Fu educato nel Collegium Fridericianum, nello spirito religiosodel pietismo; in seguito, nel 1740 entrò nelll’Univesità di Königsberg, dove il suo maestroMartin Knutzen lo avviò agli studi di filosofia, matematica e fisica Newtoniana.Nel 1770 fu nominato professore ordinario di logica e metafisica in quella stessaUniversità; Herder, suo scolaro tra il 1762 e il 1774, ci lascia questa immagine di lui:«aveva sempre pronto lo scherzo, l’arguzia e l’umorismo, e la sua lezione erudita aveval’andamento più divertente [...] Nulla che fosse degno di esser conosciuto gli eraindifferente [...] Egli incoraggiava docilmente a pensare da sè; il dispotismo era estraneo alsuo spirito».L’esistenza di Kant è stata interamente concentrata su un continuo sforzo di pensiero,accompagnato da un rigidissimo stile di vita. Non fu tuttavia estraneo agli avvenimenti delsuo tempo: simpatizzò con gli americani nella loro guerra d’indipendenza e con i francesinella loro rivoluzione, giudicandola volta a realizzare l’ideale della libertà politica. Il suoidale politico, che Kant delineò nello scritto Per la pace perpetua, era una costituzionerepubblicana «fondata in primo luogo sul principio di libertà dei membri di una società,come uomini; in secondo luogo sul principio d’indipendenza di tutti, come sudditi; in terzoluogo sulla legge dell’eguaglianza, come cittadini».Negli ultimi anni Kant fu preso da una debolezza senile che lo portò a perderegradualmente tutte le sue facoltà. Mori nel 1804, mormorando «Es ist gut» (sta bene).Sulla sua tomba furono incise le parole, tratte dalla Critica della ragion pura, «Il cielostellato sopra di me, la legge morale dentro di me».
    • J.G. Fichte nacque a Rammenau il 19 maggio 1762 da una famiglia poverissima. Compìstudi di teologia a Jena e Lipsia; fece poi il precettore in case private in Germania e aZurigo, dove conobbe Johanna Rahn, che divenne sua moglie nel 1793.Nel 1790 Fichte venne per la prima volta in contatto con la filosofia kantiana, dalla qualerimase folgorato; l’anno dopo si recò a Königsberg per far leggere a Kant il manoscrittodella sua prima opera, Ricerca di una critica della rivelazione, composto in pieno spiritokantiano, tanto da essere scambiato, al momento della pubblicazione anonima, per unoscritto del filosofo; fu lo stesso Kant a rivelare il vero nome dell’autore.Nel 1794 Fichte divenne professore a Jena, dove rimase fino al 1799, quando scoppiò lacosiddetta «polemica sull’ateismo»: in segiuto a un articolo pubblicato sul «Giornalefilosofico» nel quale identificava Dio con l’ordine morale del mondo, Fichte fu accusato diateismo e il governo prussiano chiese a quello di Weimar di punirlo, con la minaccia che inmancanza avrebbe proibito ai suoi sudditi la frequenza all’Università di Jena; Fichte fuinvitato a dare le sue dimissioni e si recò a Königsberg, al momento dell’invasionenapoleonica.Mentre la città era ancora occupata dalle truppe francesi, Fichte pronunciò a Berlino iDiscorsi alla nazione tedesca (1807-1808) nei quali presentava come mezzo dirisollevamento della nazione la servitù politica, oltre a una nuova forma di educazione el’affermazione del primato tedesco.Morì il 29 gennaio 1814 per una febbre infettiva contagiatagli dalla moglie, la quale l’avevacontratta curando soldati feriti.
    • Kant ha affrontato il problema della libertà più volte nella sua produzione.Nella Critica della ragion pura, più precisamente nella Dialettica trascendentale, il filosofoha formulato quattro antinomie, veri e propri «conflitti della ragione con se stessa»,consistenti in coppie di affermazioni opposte, dove l’una afferma (tesi) e l’altra nega(antitesi). Queste sono nate come critica ai metafisici, che pretendono di fare discorsiintorno alla totalità del mondo quando non si può avere la totalità dell’esperienza, cadendoquindi in contraddizione. La terza antinomia, in particolare, è costruita sulle dueaffermazioni opposte: «Vi sono nel mondo delle cause con libertà » e «Non vi è libertà,tutto invece è natura»: Kant parla quindi di un mondo dove la libertà potrebbe non esisterema fra le due ipotesi è impossibile decidersi perchè entrambe sono dimostrabilirazionalmente.Nella Critica della ragion pratica compare un postulato – proposizione non dimostrabile –sulla libertà, in cui essa viene definita come condizione stessa dell’etica che, nel momentoin cui prescrive un dovere, presuppone anche che si possa agire in maniera opposta;«devi, dunque puoi» afferma Kant. La deduzione della libertà si basa quindi sullapresenza, nell’uomo, della legge morale, che è un fatto e dunque non ha bisogno di esserededotta. Pur non sapendo cosa sia la libertà nè trovandone affermazione scientifica, ilfilosofo è certo della sua realtà.Discutendo la terza antinomia Kant ha sostenuto che se nel mondo fenomenico vige ildeterminismo, nel mondo della cosa in sè potrebbe trovar posto la libertà.
    • Fichte basa la sua definizione di libertà sull’Io e sull’azione. Possiamo affermare chequalcosa esiste solo rapportandolo alla nostra coscienza, ossia rendendolo unessere-per-noi. allo stesso modo la coscienza è tale solo quando è coscienza di sémedesima, quindi è autocoscienza. Il principio supremo della conoscenza risultaessere l’Io, che non è posto dagli altri, ma posto da sé, è autocreazione. l’esseredell’Io risulta essere il risultato della sua azione e della sua libertà, termini che perFichte hanno lo stesso significato.Alla domanda «l’uomo è libero?» Fichte non dà risposta ma, nei Discorsi alla nazionetedesca, fornisce indicazioni pratiche in proposito: se ne ha coraggio, l’uomo puòscegliere la libertà e quindi essere libero.
    • La causalità in base a leggi della natura nonè l’unica da cui sia possibile far derivare tutti ifenomeni del mondo. Per la loro spiegazionesi rende necessaria l’ammissione anche diuna causalità mediante libertà.«Vi sono nel mondo delle cause con libertà »Non c’è libertà alcuna ma tutto nel mondoaccade esclusivamente in base a leggi dinatura.«Non vi è libertà, tutto invece è natura»(Immanuel Kant, Critica della ragion pura, Dialettica trascendentale, Terza antinomia)“Alla domanda generale se l’uomo sia o non sia libero, non può eserci rispostagenerale. […] Il vero tratto distintivo tra gli uomini consiste in questo: o si crede chenell’individuo ci sia un elemento assolutamente primitivo e originale, si crede nellalibertà, in una perfettibilità infinita, nel progresso eterno della razza umana, o non sicrede a nessuna di queste cose, anzi si crede di vedere e di capire chiaramente chenella vita si effettua giusto il contrario di esse”.(Johan Gottlieb Fichte, Discorsi alla nazione tedesca, VII discorso)
    • “Uccidere chi è considerato nemico non basta:occorre andare oltre, occultarne il corpo e la vita,eliminarne ogni traccia, come se non fosse mai vissuto”Gianni OlivaL’«epurazione» di Tito Stragi e superstizioni La «strage negata» Extract........
    • Il termine “foiba” geologicamente indica una tortuosa fenditura, profonda anche decine di metri,formatasi nella roccia a causa dell’erosione millenaria dell’acqua. Questo particolare elemento delpaesaggio carsico divenne tristemente famoso alla fine della seconda guerra mondiale ma ildramma delle foibe ha origini fin dal 1918, quando, a seguito della vittoria nella Grande Guerra,l’Italia ricevette la penisola dell’Istria, senza il consenso dei 500 mila slavi che la abitavano. Ilgoverno italiano impose in questi luoghi il proprio dominio, comprimendo gli usi e i costumi slavi eperfino ostacolando l’uso della stessa lingua; si crearono inevitabilmente risentimenti e movimentisovversivi.Nel 1943, nei territori dell’Istria, i partigiani delle formazioni slave, per la prima volta, fucilarono ogettarono nelle foibe centinaia di cittadini italiani, bollati come "nemici del popolo". La massimaintensità di omicidi però si ebbe nel 1945: quaranta giorni in cui la Jugoslavia occupò Trieste,Gorizia e lIstria, da aprile fino a metà giugno, quando gli anglo-americani rientrarono a Trieste,occupata dalle milizie slave. L’ordine di Tito era chiaro: «epurare subito», «punire con severitàtutti i fomentatori dello sciovinismo e dell’odio nazionale»: perché al tavolo di pace venissericonosciuta la sovranità jugoslava sul territorio giuliano occorreva che nessuna forma diopposizione ostacolasse l’annessione. Ci fu una vera e propria caccia allitaliano, che nonrisparmiò nemmeno gli antifascisti, con esecuzioni sommarie, deportazioni, infoibamenti. I criminiebbero per vittime militari e civili italiani, ma anche civili sloveni e croati, vittime di arresti, processifarsa, deportazioni, torture, fucilazioni.La mattanza finì il 9 giugno, quando Tito e il generale inglese Alexander tracciarono la linea didemarcazione Morgan, che prevedeva due zone di occupazione – la A e la B – dei territorigoriziano e triestino, confermate dal Memorandum di Londra del 1954. È la linea che ancora oggidefinisce il confine orientale dell’Italia.
    • Fermi, perquisizioni, confische, arresti sono gli strumenti attraverso cui si affermò il controllo dei partigianislavi sul territorio dell’Istria. Di fronte a «tribunali del popolo» improvvisati, per i primi tempi, si svolseroprocessi-farsa in cui non veniva concessa difesa agli imputati e che si concludevano con una pena dimorte. «Nemico del popolo» era un’accusa sufficientemente generica da comprendere categorie moltodiverse di persone: la caccia era indiscriminata e seguiva la logica del «fare in fretta», evidentementemossa da una diffusa volontà di spazzare via chiunque ricordasse la passata amministrazione italiana.I prigionieri venivano caricati su autocarri e portati, preferibilmente di notte, nelle vicinanze di una foiba. Adessi venivano legati i polsi sul davanti e, avvicinati a gruppi sull’orlo della foiba, si procedevaall’esecuzione, sparando un colpo di arma da fuoco alla nuca, alla faccia o al petto delle vittime, chevenivano poi fatte precipitare nel baratro. Talvolta i prigionieri venivano legati insieme, ponendoli unoaffianco all’altro sul ciglio; si sparava a quelli più vicini al precipizio che, cadendo nel vuoto, trascinavanocon sé gli altri ancora vivi. Per impedire ogni futura identificazione delle vittime talvolta i prigionierivenivano condotti nudi sul luogo del delitto o, dopo l’infoibamento, venivano fatte brillare mine inprossimità dell’apertura della voragine, che provocavano un crollo della cavità.Significativa è la componente jacquerie in tutto il fenomeno, resa evidente da un macabro rituale chespesso accompagna le esecuzioni: accanto alle vittime vengono infatti infoibati uno o più cani neri, le cuicarogne saranno ritrovate vicino ai cadaveri. Si tratta di una superstizione slava secondo cui, standoall’interpretazione più diffusa, l’uccisione di un cane nero libera dalla colpa colui che si è macchiato disangue umano. La credenza deriva da una leggenda istriana che racconta di un uomo perseguitato dalsenso di colpa dopo aver commesso un omicidio; egli chiede aiuto a un vecchio saggio, il quale lo consoladicendogli che ritroverà la propria tranquillità solo dopo che avrà ucciso un cane nero, sul quale potràscaricare ogni sua colpa. Secondo un’altra versione, il cane nero impedisce all’anima del defunto accantoal quale giace di essere accolta in cielo e fare vendetta. Pur non avendo alcunchè di politico, quindi,questa superstizione popolare si è intrecciata a questioni politiche.
    • Le «foibe» e gli «infoibati» sono rimasti per più di mezzo secolo esclusi dalla memoria comune. Oggi«foibe» è un termine più diffuso ma non per questo meno vago nel rinvio storico. Quali sono state lecause che hanno spinto a mantenere il silenzio su questo avvenimento? Gianni Oliva, nel suo Foibe, lestragi negate degli italiani della Venezia Giulia e dell’Istria, analizza la questione: uno dei motivi è larottura fra Tito e Stalin nel 1948; l’Occidente in tale occasione avrebbe “dimenticato” i fatti del 1945,guardando al Maresciallo come un possibile e prezioso alleato contro l’Urss.Anche per le forze governative italiane la situazione del Nord Est costituiva un pericoloso terreno diconfronto: quando, nel 1947, entrò in vigore il trattato di pace di Parigi, all’Italia venne confiscato iltriestino, territorio che le era stato concesso nel 1918: questo divenne la zona A del Territorio Libero diTrieste, che continuò ad essere amministrata dagli alleati fino al 1954. La situazione del confinerappresentava per l’Italia una sconfitta politica; la questione della Venezia Giulia divenne perciò unargomento scomodo in quanto tradiva la debolezza della dirigenza italiana; il silenzio storico si presentòcome la risposta più facile e immediata: per non parlare del trattato di pace si rende indispensabile nonparlare degli avvenimenti del 1945.A questo si aggiunge un’altra ragione: già nel gennaio 1945 la Jugoslavia aveva chiesto la consegna dialcuni soldati italiani accusati di crimini di guerra durante l’occupazione del 1941-43. Tali richiesteimbarazzarono il governo di Roma, il quale riconosceva la legittimità delle richieste. Un atteggiamentomorbido rispetto alla questione degli «infoibati» divenne così funzionale a insabbiare le pretese jugoslave.Il PCI, infine, non aveva alcun interesse a tornare su una questione che avrebbe evidenziato la suasubordinazione al partito comunista di Tito. Il risultato complessivo è che le stragi dell’Istria non entraronoa far parte della consapevolezza storica del Paese per lungo tempo.Aldous Leonard Huxley ha scritto che «i fatti non cessano di esistere perché vengono ignorati»: le realtàtaciute sono le più pericolose perché riemergono astratte dal loro contesto e insieme chiedono ragione diciò che è accaduto e del perché si è scelto di occultarle o marginalizzarle.
    • "Di fronte ad unarazza inferiore ebarbara come laslava, non sideve seguire lapolitica che dà lozuccherino, maquella delbastone. I confinidellItalia devonoessere ilBrennero, ilNevoso e leDinariche: iocredo che sipossanosacrificare500.000 slavibarbari a 50.000italiani".Benito Mussolini“Ci fu chiesto di far andar via gliItaliani con tutti i mezzi e così fufatto"Edvard Kardelj
    • “E’ dall’Italia, che noi lanciamo pel mondoquesto nostro manifesto di violenza travolgente e incendiaria,col quale fondiamo oggi il «Futurismo»”Tommaso MarinettiTommaso Marinetti Caratteri del futurismo Manifesto tecnico Turco Pallone Frenato........
    • Filippo Tommaso Marinetti, nasce ad Alessandria dEgitto il 22 dicembre 1876, secondogenitodellavvocato civilista Enrico Marinetti e di Amalia Grolli. Alcuni anni dopo, la famiglia torna in Italia e sistabilisce a Milano.Nel 1894 Marinetti si iscrive alla facoltà di Legge di Pavia già frequentata dal fratello maggiore Leone.Nel1902 viene pubblicato il suo primo libro in versi "La conquete des étoiles" nel quale già si scorgono i primiversi sciolti e quelle figure che caratterizzeranno la letteratura futurista.Nel 1905 fonda la rivista "Poesia", tramite la quale inizia la sua battaglia per laffermazione del versolibero, per il quale dapprima incontra unostilità diffusa. Il 20 febbraio del 1909 pubblica su "Le Figaro" ilmanifesto del Futurismo.Nel 1911 allo scoppio del conflitto in Libia, Marinetti vi si reca come corrispondente per il giornale parigino"Lintransigeant", e sui campi di battaglia trova lispirazione che consacrerà definitivamente le parole inlibertà.Nel 1913, mentre in Italia sempre più artisti aderiscono al futurismo, Marinetti parte per la Russia per unciclo di conferenze. Nel 1914 pubblica il libro parolibero "Zang Tumb tumb".Alla vigilia del primo conflitto mondiale Marinetti ed i futuristi si proclamano accesi interventisti, epartecipano al conflitto, alla fine del quale al leader futurista sono conferite due medaglie al valore militare.Il programma politico futurista affascina Mussolini trascinandolo a fare suoi molti degli innumerevoli puntidel manifesto programmatico. Nel 1920 Marinetti si allontana dal fascismo, accusandolo di reazionarietà epassatismo, rimanendo comunque una personalità rispettata e piena di considerazione da parte diMussolini.Il 1922 è lanno che vede la pubblicazione de "GlIndomabili", a cui seguiranno altri romanzi e saggi. Nel1929 viene insignito della carica di letterato dItalia.A luglio del 1942 riparte per il fronte, stavolta nella campagna di Russia. Il suo stato di salute allarrivo delrigido autunno si aggrava ulteriormente e viene rimpatriato.Il 2 dicembre 1944 a Bellagio sul Lago di Como muore a causa di una crisi cardiaca; quella stessa mattinaallalba aveva composto i suoi ultimi versi.
    • Il primo Manifesto del futurismo, scritto da Marinetti, risale al 1909; esso diede vita a ungruppo dalle esperienze sensibilmente diverse: i suoi dettami, infatti, spaziano oltre laletteratura, toccando anche scultura, pittura e teatro; sono comuni ad ogni forma diespressione futurista la contestazione e la rottura con tutti gli istituti tradizionali dellacultura, i quali danno luogo a una brusca dissoluzione delle forme poetiche tradizionali esfidano il gusto corrente – basti pensare a Turco pallone frenato, dello stesso Marinetti.Le tematiche degli scritti futuristi sono strettamente legate alla rivoluzione industriale in attonel primo Novecento: il mondo si proiettava verso l’avvenire grazie alle macchine, lavelocità, la frenesia della vita cittadina e i poeti d’avanguardia colsero il dinamismo delcambiamento, inserendo nelle loro poesie elementi come auto e treni in corsa, oggettimeccanici in movimento, ambienti urbani, ma anche la guerra e le battaglie, addobbate dicolpi di cannone e mitragliatrici, esplosioni e palloni volanti. L’intento è quello di dare allapoesia connotazioni sonore, cromatiche, olfattive.Il manifesto è strutturato come un elenco numerato di principi generali e tecnici delmovimento: energia, coraggio, audacia, movimento, schiaffo, sono le parole chiave dellaideologia futurista. Nella lotta risiede la vera bellezza e nessuna opera che non abbia uncarattere aggressivo può essere un capolavoro. Vivissimo è l’entusiasmo per il nuovosecolo, porta verso il terzo millennio, e per sfondare le “misteriose porte dell’Impossibile”non bisogna guardarsi indietro: ecco perché i futuristi glorificano la guerra, sola igiene delmondo, il militarismo, le belle idee per cui si muore, oltre al disprezzo della donna,professando la distruzione dei musei e delle biblioteche, che equivale ad eliminare ogniforma d’espressione precedente , troppo legata al “passato”.
    • ► Distruggere la sintassi, disponendo i sostantivi a caso, come nascono.► Usare il verbo all’infinito, che rende il senso di continuità della vita e di elasticità.► Abolire l’aggettivo, in modo che il sostantivo conservi il suo colore essenziale, cosìcome l’avverbio, che conferisce alla frase una fastidiosa unità.► Ogni sostantivo deve avere il suo doppio, cioè deve essere seguito, senzacongiunzione, dal sostantivo a cui è legato per analogia. Esempio: donna-golfo, piazza-imbuto, porta-rubinetto. Bisogna dunque sopprimere il come, il così, il simile a.► Abolire la punteggiatura, naturalmente annullata dallo stile vivo che si intende creare,senza le soste assurde delle virgole e dei punti. Per accentuare certi movimentis’impiegheranno segni della matematica: + – х : › ‹ e i segni musicali.► Orchestrare le immagini disponendole secondo un maximum di disordine.► Distruggere l’«io», cioè tutta la psicologia, per sostituirlo con la materia, di cui bisognaafferrare l’essenza a colpi d’intuizione; sostituire con la psicologia dell’uomo, ormaiesaurita, l’ossessione lirica della materia.► Bisogna introdurre nella letteratura tre elementi che furono finora trascurati:Il rumore (manifestazione del dinamismo degli oggetti)Il peso (facoltà di volo degli oggetti)L’odore (facoltà di sparpagliamento degli oggetti)
    • ► Cantare lamor del pericolo, labitudineallenergia e alla temerarietà► Immeggiare alluomo che tiene il volante► Sfondare le misteriose portedell’impossibile► Glorificare la guerra - sola igiene delmondo- il militarismo, il patriottismo, il gestodistruttore dei libertari► Distruggere la sintassi disponendo isostantivi a caso► Usare i verbi allinfinito► Abolire laggettivo e lavverbio► Abolire anche la punteggiatura► Fondere direttamente loggetto conlimmagine che esso evoca mediante una solaparola essenziale► Orchestrare le immagini disponendolesecondo un maximum di disordine► Introdurre nella letteratura tre elementi chefurono trascurati:Il Rumore (manifestazione del dinamismodegli oggetti)Il Peso (facoltà di volo degli oggetti)LOdore (facoltà di sparpagliamento deglioggetti)
    • “… Pharsalia nostravivet, et a nullo tenebris damnabimur aevo”Marco Anneo LucanoMarco Anneo Lucano Il Bellum Civile I personaggi Extract........
    • Lucano nacque a Cordŏba (l’attuale Còrdova) nel 39 d.C., figlio di Marco Anneo Mela,il fratello di Seneca il filosofo. Fu allievo del filosofo stoico Anneo Cornuto e completòla sua istruzione ad Atene. Potè entrare, grazie allo zio, nella cohors amicorum diNerone, diventando questore in giovanissima età. Nel 60, durante la primacelebrazione dei Neronia, cantò le Laudes Neronis. Il favore dell’imperatore loabbandonò però dopo poco tempo, trasformandosi in aperta ostilità, tanto che gli fuimpedito di pubblicare i suoi versi; gli studiosi moderni tendono ad attribuire la causadella rottura alla posizione apertamente filorepubblicana assunta dal poeta nel BellumCivile, noto anche con il titolo di Pharsalia.Nel 65 Lucano aderì alla congiura dei pisoni contro Nerone: una volta scoperta,assieme ad altri personaggi illustri, fra cui Seneca, fu costretto, nello stesso anno, atogliersi la vita prima di compiere ventisei anni.Svetonio e Tacito riferiscono che il poeta arrivò a denunciare falsamente comecomplice della congiura la madre Acilia, con cui era da tempo cattivi rapporti, pur dievitare il suicidio obbligato.Abbiamo notizia di numerose opere perdute grazie ai biografi di Lucano e a Stazio: fraqueste, una tragedia Medea, un Iliacon sulla guerra di Troia (argomento affrontatoanche da Nerone e da Petronio) e alcune fabulae salticae, ovvero libretti dirappresentazioni pantomimiche, di qui Nerone era molto appassionato.
    • L’opera di Lucano è nota anche con il titolo di Pharsalia: l’argomento principale è infatti laguerra civile fra Cesare e Pompeo, che ebbe nella battaglia di Fàrsalo il suo momentodecisivo. Il poema è rimasto incompleto, in quanto la morte impedì al poeta di portarlo atermine.L’opera è impregnata dell’amaro pessimismo di Lucano: il destino ha voluto la fine dellalibertas, ossia il trionfo dell’ingiustizia e della scelleratezza, ma la reazione del poeta non èdi accettazione, conformemente alla sua adesione allo stoicismo, bensì di ribellione eprotesta. La causa della guerra è attribuita all’invĭda fatorum series, ovvero l’invidia del fatoper la grandezza di Roma che, giunta al suo culmine, avrebbe dovuto necessariamenteiniziare un declino; attribuzione questa che lo porta nuovamente in contrasto con lostoicismo. Manca totalmente l’apparato divino tradizionale, ad esempio l’ira degli dei comemotore dell’azione o il loro intervento a favore dell’una o dell’altra parte, un fatto atipico: èvero che il Bellum civile è un’opera storica, ma i poemi epico-storici fino ad allora avevanoin sé elementi «divini» mescolati ai fatti reali.Un’altro elemento particolare dell’opera è la scelta del tema trattato: i poemi storicivenivano infatti composti per esaltare Roma e le sue grandi personalità ma Lucano sidiscosta da questo, presentando il racconto di un evento funesto, la caduta rovinosa diRoma con la fine della repubblica. Nel proemio appare un elogio a Nerone, ma gli studiosi,sia antichi che moderni, la interpretano in chiave ironica o volutamente ambigua.Appare evidente un gusto nella grandiosità e nell’eccesso: vengono infatti privilegiate lecircostanze fuori dalla norma e ricche di tensione; fra queste singolare importanza ha iltema della morte, orrenda e brutale, comune alle tragedie di Seneca.
    • Caesar e Magnus sono i due personaggi principali; i loro nomisono di per sé emblema della grandiosità propria di tutta l’opera: ilprimo era divenuto, ai tempi di Lucano, il titolo che designaval’imperatore mentre il secondo allude immediatamente allagrandezza. Non esiste tuttavia un personaggio positivo tanto che sidefinisce il Bellum civile un «poema senza eroe».Cesare è presentato in luce sfavorevole dall’autore, il quale loraffigura come un genio del male, animato da una furia distruttivagrazie a cui supera ogni ostacolo ai suoi scopi criminosi. In lui sonopresenti i tratti del tiranno, il furor, la crudeltà, la superbia el’arroganza, oltre all’empietà verso la patria e gli dei.Pompeo viene presentato come difensore dei valori dellarepubblica ma appare fin dall’inizio un guerriero in declinoabbandonato dalla Fortuna e destinato alla sconfitta. Anche in casodi vittoria, comunque, non potrebbe resistere alla tentazione deldominio assoluto, proprio come Cesare.Un terzo personaggio è Catone, totalmente positivo, che incarna lalegalità repubblicana e il sapiente stoico. Non si può comunquedefinirlo protagonista, in quanto appare poche volte all’internodell’opera. Come Lucano egli imputa agli dei il motivo dellasconfitta dei giusti valori, perciò risulta essere moralmentesuperiore alle stesse divinità.
    • Sed non in Caesare tantumnomen erat nec fama ducis, sed nescia virtusstare loco solusque pudor non vincere bello:acer et indomitus, quo spes quoque ira vocasset,ferre manum et numquam temerando parcere ferro,successus urgere suos, instare favorinuminis, impellens quidquid sibi summa petentiobstaret gaudensque viam fecisse ruina.Qualiter expressum ventis per nubila fulmen.In Cesare invece non vi era soltantoil nome e la fama del condottiero, ma un valore incapacedi star fermo; sola vergogna per lui, non vincere in guerra:energico e indomabile, dovunque la speranza o lira lo chiamassero,recava il suo braccio; nessuno scrupolo di profanar la sua spada;incalzava i propri successi, pressava il favoredivino, investendo tutto ciò che ostacolasse la sua bramadel sommo potere, e godendo di aprirsi la via fra le rovine.Simile ad un fulmine sprigionato da venti fra le nubi.
    • A. Burgess, A Clockwork Orange 1962A. Cattaneo, A World of Words 1995www.biografieonline.itN. Abbagnano - G. Fornero Filosofi e filosofie nella storia, vol. II e III 1992G. Oliva Foibe 2002http://digilander.libero.it/lefoibeS. Guglielmino – H. Grosser Il sistema letterario, Novecento 1989www.biografieonline.itG. Garbarino Storia e testi della letteratura latina 2001W. Sofsky Saggio sulla violenza 1996