Your SlideShare is downloading. ×

Consumoliquido mesa

150

Published on

-fenomeno collezionismo (generale) …

-fenomeno collezionismo (generale)
-fenomeno collezionismo (E-Bay)
-fenomeno collezionismo (Convegni)

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
150
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Mesa Elena biennio Grafica&Comunicazione CONSUMO LIQUIDO Per questo progetto ho deciso di analizzare il fenomeno del collezionismo. “Il collezionismo è un hobby che consiste nella raccolta di oggetti di una particolare categoria. Queste collezioni sono spesso molto ben organizzate, catalogate ed attrattivamente esposte”. Trovo che questa definizione fornita da wikipedia sia abbastanza limitata, poichè la pratica del collezionismo è per alcuni non solo una passione ma anche una fonte di guadagno. (come si può ben capire dall’articolo che ho riportato) Nel mio elaborato, ho deciso di prendere in considerazione il collezionismo come forma di vanto /investimento e non come un semplice passatempo. Ma cosa succede se prendiamo il fenomeno collezionismo e applichiamo i quesiti posti per lo svolgimento di questo lavoro? -Valutazione dell’individuo in base alle sue abilità di consumo Inutile dire che il collezionismo è una pratica di nicchia e spesso la serietà di un collezionista è data dal numero di “pezzi” rari o unici dei quali dispone o ai quali ambisce.
  • 2. -Assenza responsabilità nei confronti di chiunque tranne che di séLa pratica del collezionismo come soddisfazione personale e soggettiva, poichèl’ oggetto/valore collezionato muta da persona a persona.Un valore soggettivo che però diviene oggettivo durante la compravendita.-Sparizione di coercizioni sociali e visione mercificata dei rapporti umaniSpesso la compravendita degli oggetti da collezione non viene tramite via diretta ma attreversol’utilizzo di Internet.Uno dei canali più utilizzati è EBay.Nel sito Ebay è presente una pagina intera dedicata al collezionismo di ogni tipo, ritengo siainteressante confrontare le risposte precedentemente date con quelle applicate al fenomeno col-lezionismo su Ebay.-Valutazione dell’individuo in base alle sue abilità di consumoAttraverso il profilo dell’utente si possono valutare gli interessi, gli hobby e i probabili acquisti.
  • 3. -Assenza responsabilità nei confronti di chiunque tranne che di séL’utente può decidere se vendere/acquistare- acquistare-vendere e può decidere se comportarsiin maniera corretta o no vendendo prodotti in buone condizioni o no, ovviamente per evitare uncomportamente scorretto è stato introdotto il feedback che però riporta alla visionemercificata dei rapporti umani -Sparizione di coercizioni sociali e visione mer- cificata dei rapporti umani L’aquirente può decidere se acquistare un de- terminato prodotto valutando il numero di feedback e di commenti positivi nella pagina del venditore. Anche la compravendita diretta durante i convegni è una chiara dimostrazione di come vengano mercificati i rapporti umani, poi- chè nonostante il tentativo di dialogo o di collaborazione/”amicizia” lo scopo è quello di tenere buoni rapporti con un futuro ed even- tuale cliente.
  • 4. Dopo aver analizzato il fenomeno collezionismo in senso generico, ho ritenuto opportuno applicare i quesitiposti a degli articoli di giornale che ho trovato nel web.Nell’articolo di M. Straziota viene evidenziato come il collezionismo sia una pratica BEN DEFINITA ELIMITATA, in quanto richiede passione, investimenti e pazienza per la ricerca dei pezzi definiti “unici”.-Valutazione dell’individuo in base alle sue abilità di consumoNell’articolo di L. Quadarella vengono descritte le varie fasi / azioni durante i convegni internazionali nei qualii collezionisti si incontrano per comprare/vendere o mostrare i pezzi della loro collezione.Dal mio punto di vista la valutazione che viene effettuata ha due aspetti:- di colui che mostra: che valuta la capacità d’acquisto e scarta a priori i clienti che non hanno “abbastanzasoldi” per acquistare.-di colui che compra: che valuta la “validità” di un oggetto in base alla sua quota di mercato o della sua raritàche come riflesso provocherà una valutazione del venditore stesso.Colui che mostra la propria collezione verrà giudicato consono o no allo staus del compratore in base agli og-getti posseduti.-Assenza responsabilità nei confronti di chiunque tranne che di séI convegni internazionali non comportano nessun dovere d’acquisto possono essere semplicemente un puntodi ritrovo dove condividere la propria passione per il collezionismo.Solitamente questi convegni sono preparati ad accogliere moltissime persone che vogliono semplicementevendere/comprare o curiosare.-Sparizione di coercizioni sociali e visione mercificata dei rapporti umaniCome detto in precedenza il compratore che è intenzionato all’acquisto farà la sua valutazione non solo sull’og-getto ma anche su colui che mostra.Il collezionista interessato alle 50.000 Bernini I tipo serie XE ovviamente avrà un potere d’acquisto maggiore edandrà alla ricerca di “collezionisti venditori” di un certo calibro.Gli altri probabilmente non verranno valutati.
  • 5. La numismatica è un investimento? di MICHELE STRAZIOTAQualche tempo fa mentre sfogliavo una rivista economica, mi ha colpito un articolo che stilava una classificasu come far fruttare i propri risparmi investendo in alcuni beni rifugio. Al primo posto svettava l’investimentoin arte, al secondo posto quello di porcellane cinesi e al terzo! il collezionismo numismatico, mentre l’oro erarelegato addirittura al sesto posto!Anni addietro la numismatica ha vissuto momenti in cui le quotazioni stagnanti lasciavano gli addetti delsettore e gli appassionati in un misto di scetticismo e di sfiducia. Quell’articolo ha così destato il mio interesse,tanto che mi sono posto l’interrogativo se fosse giusta per un collezionista che ricerca un proprio appagamentoestetico-culturale, la pretesa di ottenere anche una soddisfazione speculativa, nel vedere la propria collezionedivenire nel tempo un piccolo tesoro che acquisisca sempre più valore.Personalmente trovo giustificata una aspettativa del genere, perché una collezione va considerata come un benein cui sono racchiusi anni di studi, di confronti, di approfondimenti, di spese e quindi di notevoli sacrifici. Inol-tre il collezionista è anche un lungimirante talent-scout che spesso colleziona pezzi inediti o poco conosciuti obeni che al momento non sono valorizzati appieno per svariati motivi quali la mancanza di approfondimentoin merito, le valutazioni superficiali, ecc.Un appassionato quindi spesso sfida le leggi di mercato spendendo somme consistenti anche per esemplaripoco ricercati in un dato momento, come sono state negli anni passati le monete medioevali, le monete delRegno di Napoli e la cartamoneta italiana. In pratica l’amore che il numismatico riversa nella propria collezionealla fine produce una gratificazione, un premio che compensa tutto l’impegno dinamico, mentale e finanziariosostenuto per anni.Quindi la risposta se sia o meno lecito considerare una collezione anche una forma di investimento, è senz’altroaffermativa e come ho potuto affermare anche nel mio intervento alla trasmissione televisiva Unomattina, il 17giugno scorso, l’investimento è una parte connaturata in qualche maniera nel campo della numismatica e pareche questi ultimi tempi i collezionisti e gli amatori più intelligenti siano stati premiati proprio su questo aspetto.Infatti l’avvento dell’euro è stato in questo lungo periodo di pace sociale un evento epocale tale da sconvolgeregli avvenimenti dell’Europa e del mondo intero. In passato, eventi come il crollo di una dinastia, lo scoppio diuna guerra, o come il passaggio dal Regno alla Repubblica nel nostro Paese, lasciavano una forte traccia nellastoria e nell’economia e conseguentemente nella numismatica. In una Europa dove da oltre mezzo secolo (for-tunatamente) non accadono sconvolgimenti del genere, solo questa rivoluzione monetaria poteva dare nuovistimoli, nuovi corsi e nostalgici amori nel campo della numismatica, apportando una serie di cambiamenti chehanno stimolato nuovamente la ricerca e la passione per le cose passate e in qualche modo perdute.Da poco più di un anno difatti, stiamo assistendo ad incredibili rialzi delle quotazioni riguardanti il settore del-la cartamoneta (non solo italiana) delle monete della Repubblica e del Regno e non ultima, la neonata passioneper l’euro.Molti si chiedono fino a quanto queste quotazioni possano salire. Io ritengo che quello che è avvenuto fino adora sia già un risultato di tutto rispetto. Ad esempio tutte le quotazioni della cartamoneta italiana sono rad-doppiate e alcuni pezzi hanno visto rialzi ancor più consistenti. Tra le “blue-chips” in vetta a questa classifica,troviamo le 20.000 Tiziano che hanno raggiunto, in FDS, un valore di oltre trenta volte superiore al nominale ele introvabili 50.000 Bernini I tipo serie XE, la più quotata di tutte le serie sostitutive, che vale circa cento volteil suo valore facciale.Nell’ambito delle monete, le serie in euro di San Marino e del Vaticano hanno raggiunto immediatamentequotazioni impensabili, fino a venti o trenta volte il prezzo di emissione, non trascurando neanche le serie Re-pubblica 1946-1947 e le monete del Regno di Vittorio Emanuele III che si sono ancora una volta affermate conquotazioni ragguardevoli e solide.
  • 6. Ricordo con soddisfazione quando tempo addietro confidando a qualche collega che l’avvento dell’euro avreb-be certamente causato una vera e propria escalation nelle quotazioni, oppure addirittura quando fin dal ‘91affermavo che la banconota di Tiziano, all’epoca trattata quasi al facciale, avrebbe avuto un grosso incrementonel corso degli anni, qualcuno mostrava scetticismo o sorrideva dubbioso.L’articolo che poneva l’investimento numismatico ai primi posti della classifica non era quindi un’assurdità;certamente si tratta un investimento atipico, con forti rischi, che segue andamenti impensabili ma che puòdare gratificazioni tali da superare notevolmente le misere percentuali di altri beni rifugio, inclusi quelli piùtradizionali come immobili e titoli. Non è però un investimento per tutti. In questo campo più di altri, sononecessari oltre ai “capitali”, la passione, l’intuito, l’intelligenza e l’amore per questi piccoli oggetti che tantoostinatamente noi numismatici continuiamo a ricercare, aiutando a conservare e a trasmettere arte, estetica estoria - quindi cultura - di cui in un mondo così arido di valori, c’è sempre più bisogno. In Germania, a caccia dei “due buoi”... di LUCA QUADARELLA“La Parigi, Maastricht, Chicago, Colonia, sono solo alcuni tra i più importanti convegni mondiali dedicatiesclusivamente alla cartamoneta. Chi tra di noi appassionati del settore, complice anche la difficoltà attuale areperire i pezzi più interessanti, non ha sognato almeno una volta di partecipare ad uno di questi importanticonvegni internazionali. A tale richiamo non ho saputo resistere neanche io e, dopo un’attenta valutazione lascelta è caduta su Colonia.Dal punto di vista numismatico indubbiamente un convegno internazionale è un paradiso per il collezionistadi cartamoneta estera, mentre le speranze del collezionista di cartamoneta italiana (come me) sono alimentatedal fatto che i prezzi del catalogo World Paper Money su cui dovrebbero basarsi i dealer internazionali sonooramai di gran lunga inferiori rispetto ai nostri cataloghi nazionali. Rispetto ai convegni di casa nostra dovela stragrande maggioranza degli operatori del settore è nazionale, la differenza che balza subito agli occhi è lapresenza di commercianti provenienti da tutto il mondo, evidenza del fatto che la cartamoneta mondiale inEuropa ha un mercato decisamente più florido rispetto al nostro dove viene trattato prevalentemente materialelocale. E’ possibile incontrare di persona oltre agli operatori locali anche alcuni commercianti che operano suebay come Ian Gradon, Philip Phipps o Alex Abezgauz oppure importanti commercianti d’oltreoceano comeIan Marshall e Lee Gordon o addirittura dealer provenienti da Cina, Brasile o Emirati Arabi, oltre naturalmente
  • 7. a quelli Europei inclusi i nostri Walter Nasi e Frank Spinelli. I commercianti più importanti offrono un vastocampionario di banconote di tutto il mondo, suddivise per ordine alfabetico, ma sono presenti anche tavoli chevendono esclusivamente mazzette di banconote a basso costo.All’arrivo al Senats Hotel situato di fronte alla splendida cattedrale gotica le mie aspettative erano elevate eimmediatamente mi sono tuffato sui tavoli degli espositori, sognando di pescare in mezzo ai raccoglitori e alleclassiche cassette di legno qualche 5000 lire “repubbliche marinare” o qualche liretta di Umberto o addiritturail mitico 50 lire “due buoi”, ma la realtà ha ben presto sostituito il lato onirico.Dopo ore di rastrellamento, oltre alle solite banconote degli anni 80/90 e alle immancabili 5 e 10 lire del 44, ilmassimo che sono riuscito a trovare sono state un paio di lirette della Banca nazionale nel regno, qualche pezzodella Cassa veneta dei prestiti e alcuni Reichsmark di occupazione tedesca relativi alla seconda guerra mon-diale. Piuttosto deluso allora ho cercato di capire le ragioni di questa debacle, scambiando qualche chiacchieracon Walter Nasi e con l’amico spagnolo Jose che avevo già conosciuto a Verona perché aveva il tavolo accanto almio. L’analisi che è emersa è stata interessante e ha confermato quelli che erano i miei sospetti sulla situazioneinternazionale, ovvero che in Europa non esiste più materiale italiano in circolazione e addirittura comincia adessere difficile il reperimento anche nel continente americano.Tutto ciò è determinato dal rastrellamento effettuato in questi ultimi anni sia dai nostri dealer che da quelli in-ternazionali che evidentemente non ci hanno messo molto tempo a capire che un buon pezzo italiano acquista-to ai prezzi del World Paper Money poteva essere piazzato al doppio o al triplo del prezzo pagato. Oltretutto ilcollezionista di cartamoneta italiana deve anche tenere presente che solitamente questi convegni internazionalisono preceduti da una giornata dedicata esclusivamente ai commercianti e che difficilmente quei pochi pezziche eventualmente dovessero essere presenti potrebbero sfuggire alle amorevoli attenzioni dei nostri impor-tanti operatori sicuramente presenti al convegno.E’ stato comunque un bilancio positivo il mio, non sono riuscito a reperire tutto il materiale che speravo ditrovare, ma ho fatto una esperienza nuova e ho avuto l’opportunità di visitare una città incantevole con duemilaanni di storia. Il consiglio dunque che mi sento di poter dare è di considerare il convegno come l’opportunitàper trascorrere un piacevole weekend all’estero, magari insieme alla famiglia, poi qualcosa di interessante dalpunto di vista numismatico si trova sempre, basta saper cercare e avere un pizzico di fortuna. link: http://www.youtube.com/watch?v=aA5ztSasZR4&list=UUcpEXz-6QTpyeneZpZdNrnA&i ndex=9&feature=plcp link: http://www.youtube.com/watch?v=7bTI13NirY8&list=UUcpEXz-6QTpyeneZpZdNrnA&i ndex=8&feature=plcp link: http://www.banconote.it/newsed.php?news=87

×