Il senso dell'evoluzione
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Il senso dell'evoluzione

on

  • 1,133 views

 

Statistics

Views

Total Views
1,133
Views on SlideShare
1,133
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
8
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft Word

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Il senso dell'evoluzione Il senso dell'evoluzione Document Transcript

  • IL SENSO DELLEVOLUZIONEEBOOK DI EDOARDO BUSOFUKUYAMA,LA FINE DELLA STORIAFrancis Fukuyama fu uno dei pochi ad aver tentato di scrivere una storia dellumanità chevertesse verso una finalistica positiva,come lui stesso amette nel suo libro La fine della storia edlultimo uomo spesso le vecchie storie universali dellumanità erano costruite in base al principiociclico ed non deterministico lineare ed finalistico.Fukuyama vede il fine ultimo dellumanità come il raggiungimento della democrazia liberale,che èlo stadio più perfetto di organizzazione sociale,in quanto la democrazia ed solo la democrazialiberale garantisce i diritti fondamentali al proseguo della specie umana ed allaccrescimento diricchezza ed di benessere attraverso la dottrina del liberoscambismo od delleconomia dimercato,garantiti allinterno di questa economia diritti quali la libertà di parola,la proprietàprivata,la libertà di religione ed di culto,la libertà di stampa ed di manifestazione.Fukuyama nella sua opera La fine della storia,parla anche di "format" liberalistici,ai quali undeterminato stato dovrebbe attennersi per essere considerato veramente Liberale in economiaquali la presenza di un equilibrio tra impiego privato ed pubblico nel quale nellultimo non si supericerte soglie occupazionali.Fukuyama asserisce che il Motore della storia sia lIsotimia cioè il bisogno di "essere riconosciuti"nel proprio valore umano,cioè in quanto essere,esistente,ed dpositario di diritti intraspecifici diogni singolo individuo,come di ogni gruppo di individui,arrivando ad ogni gruppo nazionale.Lastoria giustamente dimostra che lunica forma di governo che fino ad adesso ha garantito questidiritti,libertà di esistere,di parlare,di pensare,di produrre,ed di detenere una proprietà è stata lademocrazia liberale.Ma Fukuyama che da un senso evolutivo finalistico alla società liberale democratica,(fine dellastoria) distingue tra democrazia formale ed democrazia reale.Nella democrazia formale sono garantiti i diritti individuali fondamentali,da non confondere questacon la democrazia reale,o concreta,che dovrebbe garantire i diritti sociali,ma come diceFukuyama esiste un conflitto tra le due democrazie.Garantire diritti sociali può essere volano diun irrigidimento contro i primi diritti,quelli individuali ed quelli alla libera impresa,che distinguonosocietà liberale da società dirigista,(fascista,comunista,socialista,teocratica,monarchica),ed questiquindi possono essere riconosciuti solo grazie al progresso finalistico verso la Meta dellademocrazia globale,dopo un certo periodo di sola democrazia formale.Fukuyama ha fatto un analisi giusta,dal punto di vista proprio economico,diritti individuali comelibertà di impresa ed di accumulo capitalistico ed insieme ad un economia capitalistica i dirittiindividuali di pensiero,non possono essere garantiti se vi si sovrappone una sorta di dirigismoper soddisfare razionalmente i bisogni sociali,infatti nel marxismo che predicavache gli unici bisogni delluomo fossero quelli sociali,ed metteva tutto il resto nell"armadio" della"alienazione",in quanto determinismo storico materialistico,il marxismo quindi faceva sua la teoriadella "dittatura del proletariato" che avrebbe portato attraverso il cedimento delle sovrastrutturefilosofiche alla liberazione totale delluomo.Fukuyama però non si rende conto di quanto fragili siano i diritti individuali ed di quanto fragile siala loro fruizione ed il loro utilizzo,in un mondo utilitaristico,infatti Fukuyama non si rende conto cheil capitalismo liberale è di per sè utilitarismo,pensiamo per esempio che di fronte ad uncapitalismo liberale che certamente è uno stadio avanzato del progresso di impostazionesociale,si possono inserire lobby criminali come la mafia che avrebbero linteresse ad fornire"diritti sociali" che lo stato liberale non fornisce,cosi facendo venire meno attraverso la piagadellomertà i diritti individuali che sono alla base della democrazia,o altrimenti pensiamo (ed di
  • questo non si preoccupa Fukuyama)al fatto che la democrazia liberale può subire gravi colpimortali in quanto non è un sistema ontologico finalistico,come i sistemi religiosi odfilosofici(socialismo,marxismo),(islam,buddhismo,cristianesimo,ebraismo),da un ritorno di fervorereligioso da parte di intere comunità formate da individui che chiedono nel "Pieno regno dellalibertà ed dellUguaglianza(intesa non in senso materiale)"di essere guidati da una sorta di leadercarismatico ed essere condizionati,od autocondizionarsi,in quanto non riescono ad vivereper il loro retroterra psicologico in una società soltanto economicistica anche se la stessagarantisce le libertà individuali che i vecchi sistemi totalitari non consideravano.Basta questo per dire che la storia è finita?Il senso religioso dellevoluzioneIn questi nostri tempi si da un nuovo senso allevoluzione delluomo,molti gruppi religiosi nonconsiderano luomo uno scimmione addomesticato ed molti studiosi danno un senso che superail vecchio "Creazionismo" allevoluzione umana,ma una sorta di "creazionismo più fine edingegneristico" quello dellintelligent design.Disegno intelligenteDa Wikipedia, lenciclopedia libera.Se hai problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.Il disegno intelligente (in inglese intelligent design - ID) o progetto intelligente, altrimenti notocome creazionismo evolutivo e creazionismo scientifico, è la corrente di pensiero secondo laquale «alcune caratteristiche delluniverso e delle cose viventi sono spiegabili meglio attraversouna causa intelligente, non attraverso un processo non pilotato come la selezione naturale».[1][2]Si tratta di una forma moderna del tradizionale argomento teleologico dellesistenza di Dio,modificato per evitare di spiegare la natura o lidentità del "progettista".[3][4] I suoi sostenitoriprincipali sono associati al Center for Science and Culture del Discovery Institute,[5][6] i cuimembri ritengono che il disegnatore sia identificabile in Dio.[7] I promotori del disegno intelligenteaffermano che si tratti di una teoria scientifica,[8] e cercano di ridefinire la scienza in modo dafarle accettare anche spiegazioni soprannaturali, oltre a quelle naturali. [9]Il consenso della comunità scientifica è che il disegno intelligente non sia scienza.[10] Peresempio, lAccademia Nazionale delle Scienze degli Stati Uniti ha affermato che il disegnointelligente, e altre posizioni sullintervento di forze soprannaturali nellorigine della vita, non sonoscienza, perché non possono essere provate con esperimenti scientifici, non fanno predizioni enon propongono nuove ipotesi proprie.[11] Analogamente, lAmerican Association for theAdvancement of Science e la National Science Teachers Association hanno definito il disegnointelligente una pseudoscienza;[12] Il disegno intelligente ebbe origine in risposta ad unasentenza del 1987 della Corte Suprema degli Stati Uniti, riguardo al principio costituzionale dellaseparazione tra stato e chiesa.[13] Il suo primo utilizzo significativo in una pubblicazione avvennein Of Pandas and People, un libro di testo per i corsi di biologia nella scuole superiori del 1989.[14] Lanno successivo venne fondato il Discovery Institute, i cui membri iniziarono a promuoverelinclusione del disegno intelligente nei corsi delle scuole pubbliche.[15] La visibilità del"movimento per il disegno intelligente" crebbe negli anni novanta e agli inizi del primo decenniodel XXI secolo, fino a culminare nel "processo Dover" del 2005, che mise sotto giudizio lalegittimità dellinsegnamento del disegno intelligente nei corsi di scienze delle scuole pubbliche.Nel processo Kitzmiller v. Dover Area School District, un gruppo di genitori di studenti dellesuperiori contestarono lobbligo per i professori delle scuole pubbliche del distretto a leggere,allinizio dei corsi di biologia, una comunicazione nella quale si informavano gli studentidellesistenza del Disegno Intelligente come spiegazione alternativa dellorigine della vita,reindirizzando chi fosse eventualmente interessato al libro Of Pandas and People presente nella
  • biblioteca dellistituto[16][17]. Il giudice distrettuale John E. Jones III sentenziò che il disegnointelligente non è scienza, che «non può distinguersi dai suoi predecessori creazionisti, e quindireligiosi», e concluse quindi che la sua promozione da parte del distretto scolastico violava laclausola di riconoscimento del Primo Emendamento della Costituzione degli Stati UnitiLe argomentazioni del disegno intelligente sono formulate con termini secolari emetodologicamente non attribuiscono unidentità al progettista. Malgrado ciò, la stragrandemaggioranza dei sostenitori sono credenti.Phillip Johnson ha dichiarato esplicitamente che ciò è necessario per evitare sottintesi dicreazionismo teistico in un campo ampiamente dominato dal naturalismo ateleologico. Quindisecondo Johnson, un cristiano rinato, «la prima cosa che deve essere fatta è tirare la Bibbia fuoridalla discussione. [...] Ciò non equivale a dire che le questioni bibliche non siano importanti; ilpunto è piuttosto che il momento di affrontarle verrà dopo che abbiamo separato il pregiudiziomaterialista dai fatti scientifici».[32] Di conseguenza Johnson invita esplicitamente i propositoridel disegno intelligente a non utilizzare nel dibattito le loro motivazioni religiose: «Il disegnointelligente è un movimento intellettuale, e la strategia del cuneo [la wedge strategy] smette difunzionare quando veniamo visti solo come in modo diverso di impacchettare il messaggiocristiano evangelico. [...] Gli evangelisti fanno il loro lavoro molto bene, e spero che il nostrolavoro gli apra alcune porte che sono state chiuse».[33]La maggioranza dei principali sostenitori del Disegno intelligente (compresi Michael Behe,William Dembski, Jonathan Wells, e Stephen Meyer) sono cristiani e hanno dichiarato chesecondo loro il progettista della vita è chiaramente Dio.[34] Nel suo libro The Design Inference,[35] Dembski elenca diverse possibili opzioni per lidentità del progettista, come Dio o una "forzavitale aliena"; al contrario, nel suo libroIntelligent Design; the Bridge Between Science andTheology Dembski dichiara che «Cristo è indispensabile per qualsiasi teoria scientifica, anche sechi la pratica non ha indizi su di lui. La pragmatica di una teoria scientifica può, per essere certa,essere portata aventi senza ricorrere a Cristo. Ma la validità concettuale della teoria può esserecollocata in definitiva solo in Cristo».[36] Dembski dichiara inoltre «Il disegno intelligente è partedella rivelazione generale di Dio [...] Non solo il disegno intelligente ci libera da questa ideologia[materialismo], che soffoca lo spirito umano, ma secondo la mia personale esperienza, ho trovatoche apre la strada per cui la gente possa giungere a Cristo».[37]http://it.wikipedia.org/wiki/Disegno_intelligenteSta di fatto che il disegno intelligente,non si discosta molto da una visione creativa,ed ad unordine nellUniverso,ad una creazione da parte di un intelligenza Superiore,che veniva codificatanel mito della Genesi nella Bibbia,ed in vari altri modi nelle altre religioni od nelle altre forme dimisticismo.Ma alla fine sorge sempre la domanda,esiste un metodo per contattare questa entità,perchè essanon si mostra?ed luomo secolarizzato che vive circondato da Macchine ed di oggetti materiali,lostesso uomo che Fukuyama dice essere arrivato"allo stadio sociale migliore ai fine evolutivi"attraverso la Democrazia liberale capitalista,(cioè una teoria materialista ed economica),puòcredere ancora con certezza ad un Essere Creatore,od ad una sorta di provvidenza?Ed questoessere Superiore quale fine avrebbe per lUomo,ed per lUniverso?Ed allora ritornando aFukuyama non è un pò infantile credere che la storia sia finita con il liberalismo ed lademocrazia?La democrazia può essere veramente considerata una forma universalistica dipensiero?od il fine evolutivo è ontologico ed trascende la democrazia stessa cioè lavvento di unaColettività di pensiero ed di Azione ARMONICA,dove esista lAMORE ed il RISPETTO tra tutti?
  • INCONTRI RAVVICINATIRicordo una scena paradigmatica del film cult Incontri ravvicinati del terzo tipo,molti di noi,quandovidero il film si sentivano come il protagonista,per tutta la vita eravamo alla ricerca di qualcosa,madi cosa?La felicità materiale ci poteva bastare?la religione ed le sue forme ed la preghiera cipotevano bastare,ed dare un senso alla nostra vita fino allora ultima della nostra morte?lascienza decretava già la nostra morte biologica ed il Nulla,il Nulla della Vita ed il Nulla del dopomorte,anzi la Vita appariva a noi come una presa in giro,un giardino di bellezze,spessoimpossibili da acquisire,ma che non davano la Verità ed la Pienezza Spirituale.Qui mi discostodalla concezione dellImmortalità,in quanto mi chiedo,Se esiste un paradiso da qualche partedopo la morte,ed se questo paradiso consiste nellassoluta verità ed realizzazione spirituale,chesenso ha prolungare questa sensazione allinfinito?Il paradiso però può essere anche un Ritrovotra cari defunti,una Famiglia Unita per sempre,ed questa è una concezione di tutto rispetto.(vediMormoni).Ma quella scena rimmarra sempre impressa in me,quando lo psicologo ClaudeLacombe,interpretato dal noto sociologo francese Francois Truffat,disse "Questo è un fattosociologico" ed diede la mano agli extratterrestri.Il fine dellevoluzione umana è un incontro con esseri perfetti?Incontri ravvicinati del terzo tipo (Close Encounters of the Third Kind) è un film di fantascienza del1977 diretto e sceneggiato da Steven Spielberg, nel quale viene narrato un possibile primocontatto tra lumanità ed entità extraterrestri.Il titolo deriva dalla classificazione degli incontri ravvicinati elaborata dallastrofisico e ricercatoreufologico Josef Allen Hynek nel 1972, in cui un "incontro ravvicinato del terzo tipo" indica unaosservazione di "esseri animati" in associazione con un avvistamento di UFO.Vincitore di vari premi tra cui due premi Oscar e un David di Donatello, nel 2007 il film è statoselezionato per la preservazione nel National Film Registry della Biblioteca del Congresso degliStati Uniti dAmerica.[1]Nel deserto di Sonora lo scienziato francese Claude Lacombe e il suo interprete americano DavidLaughlin, insieme ad altri ricercatori scientifici, ritrovano uno squadrone di aerei perso durante laseconda guerra mondiale. Gli aerei sono intatti e operativi, ma non vi è alcuna traccia dei piloti.Su questo e altri strani eventi si inizia ad indagare nel tentativo di trovare una spiegazione. AMuncie, nellIndiana, un bambino di tre anni, Barry Guiler, si sveglia improvvisamente nella nottequando i suoi giocattoli iniziano a muoversi da soli. Affascinato, lui si alza dal letto e corre fuoricasa, costringendo la madre, Jillian, ad inseguirlo.Nel frattempo, durante un intervento di manutenzione, laddetto al controllo delle linee elettricheRoy Neary rimane coinvolto in un inseguimento della polizia di quattro UFO, vivendo così a bordodella sua auto un "incontro ravvicinato". Durante la stessa notte incontra sulla strada anche Jillianche è riuscita a raggiungere il piccolo Barry per riportarlo a casa. Roy, dopo lincontro ravvicinato,rimane sconvolto, e inizia subito a sviluppare unossessione da immagini mentali dalla formasimile a quella di una montagna, che cerca in tutti i modi di riprodurre. Stessa ossessione chesviluppa Jillian dopo che anche lei vive un incontro ravvicinato presso la sua abitazione, nel corsodel quale il piccolo Barry rimane vittima di un rapimento alieno.Torre del Diavolo, WyomingLattività ufologica non riguarda però solo lIndiana o solo gli Stati Uniti, ma è in intensificazione intutto il mondo. Nel corso delle indagini il professor Lacombe e i suoi assistenti si accorgono che
  • durante gli incontri i testimoni raccontano di una particolare sequenza musicale emessa dagliUFO. Ulteriori indagini ed elaborazioni traducono tali sequenze in precise coordinate, secondoLacombe il luogo in cui le entità extraterrestri vogliono incontrarsi con lumanità. Tale luogocorrisponde alla Torre del Diavolo, nel Wyoming, così che si decide di isolare la zona e prepararsialleccezionale evento. Le autorità governative decidono di tenere il tutto segreto e di farevacuare le zone circostanti diffondendo la falsa notizia di una fuoriuscita di gas tossico da untreno in passaggio. I telegiornali, riportando tale notizia, fanno vedere la Torre del Diavolo, che hala stessa struttura dellimmagine che ossessiona Roy Neary, Jillian, e molti di coloro che hannoavuto esperienze di incontri ravvicinati, che vedendola, intuiscono di dover assolutamente recarsiin tale luogo. La maggior parte delle persone che tentano di avvicinarsi sono bloccate dalleautorità, ma Jillian e Roy, che affrontano lavventura insieme, riescono ad arrivarci. Nel cielonotturno improvvisamente appaiono decine di UFO con una navicella che si avvicina presso laTorre del Diavolo. Gli scienziati provano a comunicare attraverso luci colorate e suoni, ai quali glialieni sembrano rispondere allo stesso modo.Poco dopo la navicella atterra liberando le persone rapite nel corso degli anni, che appaiono felicie non invecchiate. Tra questi cè anche il piccolo Barry che riabbraccia la propria madre. Dallanavicella escono anche diversi alieni, che rispondono alla sequenza musicale mimata con lamano da Lacombe. Nel frattempo i funzionari del governo avevano selezionato un gruppo dipersone per farle interagire con gli extraterrestri. Questi, a cui si aggiunge Roy, vengono portatidavanti la navicella, ma solo Roy viene scelto per andare con loro. La navicella si chiude edecolla sparendo nel cielo.UFOLOGIA PREISTORICAIL PARADOSSO ED LINCONSCIOSe il senso dellevoluzione non è nellextranaturale od nel Divino,allora non può essere dentro dinoi,nellinconscio.Il senso dellevoluzione starebbe nello sfruttare la nostra Fantasia Creativa,edcreare Mondi a partire dal mondo reale.Questa concezione starebbe alla base di un Alzhaimer Psico Sociale,ed post razionalista,che èmolto buono per i romanzieri ed gli sceneggiatori ma un pò deleterio per la Coesione ed tenutasociale.Immaginiamo un mondo di post-logicità ed di illogici,che pensassero solo alle lorofantasie irrazionali,da un momento allaltro crollerebbe tutta limpalcatura che ci sostiene ed cinutre,noi umani abbiamo bisogno di cibo ed acqua tutti i giorni,senza dimenticare il caffè...Nelle teorie complottistiche si afferma che una sorta di "massoneria giudaica" tenterebbe datempo attraverso un piano sintetizzato in un antico documento,il Protocollo degli Anziani diSion,di creare discordia sociale,scordinare la società,destabilizzarla,frammentarla,ed distruggerenegli uomini il pensiero logico,attraverso lutilizzo di mezzi mass mediali portando luomo adessere assoggettato agli istinti irrazionali più bassi.
  • Però linconscio è uno strumento privilegiato già da Omero,fino a Lovercraft,allhorror,al fantasyed alla fantascienza,veicolo di messaggi positivi.Chesterton scrisse nel suo libro parlando agli annoiati ed nichilisti privi di fantasia che erano iricoverati nella pensione (Casa Beacon) dove Innocenzo Smith,il protagonista si trova quasicome una Mary Poppins,ad cercare di cambiare la mentalità di questi negativisti,ed ad portare unmessaggio di salvezza.Il libro è diviso in due parti. La prima Lenigma di Innocenzo Smith, narra larrivo del protagonistaa Casa Beacon e i molteplici enigmi che egli causa ai residenti del posto. La seconda Lespiegazioni di Innocenzo Smith, è una sentenza di tribunale nella quale il protagonista vienemesso sotto accusa dallo scienziato, dottor Warton e dallesperto di criminologia, dottor Pym.TramaInnocent Smith è un uomo fuori dal comune, non parla quasi mai e sembra non saperlo fare, maè un uomo che compie atti strani, come arrampicarsi su di un albero e compiervi movimenti follioppure entrare in casa dalla finestra piuttosto che dalla porta. Questo suo comportamento ravvivagli animi tristi degli abitanti di casa Beacon, in particolar modo quello di Michael Moon, il qualetrova nel nuovo arrivato qualcosa che lo attira e che lo spinge a seguirlo. Questo cambiamentospinge Michael Moon a dichiarare il suo amore alla signora Rosamund ed anche il triste signorInglewood, trova il coraggio di chiedere alla proprietaria di casa Beacon, Diana Duke, di sposarlo.Lunico personaggio scettico nei confronti di Smith è il dottor Warton, il quale come scienziato nonriesce a capire la ragionevolezza del comportamento di Innocent. In questa felice atmosferaavviene un fatto inaspettato, leccentrico Smith spara alcuni colpi con il suo revolver al dottorWarton ma senza ferirlo. A questo punto del romanzo interviene il dottor Pym, il quale comeesperto di criminologia, afferma che Innocenzo Smith è un pericoloso assassino ed è pronto adarrestarlo. Michael Moon ed Inglewood decidono di difendere Innocent ed inizia quindi una speciedi sentenza di tribunale in cui il dottor Warton ed il dottor Pym accusano Smith di numerosi delittida cui viene scagionato dai due amici. Le imputazioni mosse dai dottori sono molte: omicidio,latrocinio, abbandono della famiglia e poligamia ma tutte le accuse si rivelano senza fondamento.MoraleIl modo in cui limputato viene scagionato è particolarmente interessante e le numerose arringhedella difesa, fanno capire leccezionalità di quellUomo Vivo. Siccome egli non sente il bisogno diuccidere, ma di riconciliare la gente con la vita, una pistola nelle sue mani diventa strumento divita. E poiché non sente il bisogno di rubare Innocenzo, riscopre il valore delle sue coseprovando cupidigia per i suoi stessi beni[1]. Innocenzo non è quindi un criminale ma è un uomoche osserva i comandamenti e che vuole trasmettere agli altri la stessa felicità che egli prova. Ilsuo comportamento rientra quindi nella morale cristiana. Il personaggio di Innocenzo Smith è lasintesi perfetta del pensiero di Chesterton egli infatti, sostiene che luomo è più se stesso quandoin lui la gioia è fondamentale e per lui il gigantesco segreto del Cristiano è proprio questa gioia[2].http://it.wikipedia.org/wiki/Le_avventure_di_un_uomo_vivoChesterton il cultore dei paradossi scrive a pagina 61,"Voi credete nellHome Rule perlIrlanda,ma io credo nellHome Rule per le famiglie,sarebbe meglio che ogni padre potesseuccidere il proprio figlio,come fu già presso gli antichi romani,sarebbe meglio,perchè nessunoallora sarebbe ucciso.Qui nel giardino possiamo coltivare ortaggi a sufficienza da sostentarci,equando verrà lagente delle tasse,facciamogli sapere che siamo autonomi e mettiamo ibn azionecontro di lui la pompa da innaffiare"Ed poi ancora:"Quale sarebbe il merito delloro se non di brillare?e perchè dovrebbe importarci una sterline nera
  • o un sole nero?Tanto varrebbe,allora un bottone nero"Smettete di comprare ed vendere e cominciate a guardare!Aprite gli occhi ed vi sveglierete nellaNuova Gerusalemme...I MORMONIIl paradiso può essere anche un Ritrovo tra cari defunti,una Famiglia Unita per sempre,ed questaè una concezione di tutto rispetto.http://it.thomasmonson.com/61/cosa-pensano-i-mormoni-delle-famiglieCosa pensano i mormoni delle famiglie?febbraio 24th, 2011 by adminI mormoni credono che la famiglia sia l’unità fondamentale, nel piano di Dio, durante il nostrotempo sulla terra. Le famiglie sono considerate come ordinate da Dio e create per aiutarci araggiungere i nostri obiettivi eterni.I mormoni hanno un credo familiare che è molto singolare e che è di conforto a coloro che sonoin lutto, dopo la morte di un caro. Le credenze mormoni insegnano che le famiglie sono destinatea durare per sempre.Dio ha destinato, per ciascun matrimonio, il potenziale di durare per sempre. Egli non sostiene ildivorzio, salvo in circostanze particolari, come l’abuso o l’infedeltà. In circostanze normali, Eglivuole che le coppie lavorino sodo, per rendere le loro famiglie di successo e, non essendo unsostenitore del divorzio, non farebbe mai sciogliere un matrimonio degno, dopo la morte di unodei coniugi:4 Ed egli, rispondendo, disse loro: «Non avete letto che colui che li ha fatti al principio, li fecemaschio e femmina,5 E disse: Per questo l’uomo lascerà suo padre e sua madre e si unirà a sua moglie ei duesaranno una carne sola?6 Perciò essi non sono più due, ma una carne sola. Quello dunque che Dio ha congiunto, l’uomonon lo separi (Matteo 19, traduzione di Re Giacomo della Sacra Bibbia).Gesù ha spiegato che Mosè ha permesso il divorzio a causa della durezza dei cuori del suopopolo, ma che Dio non lo aveva, in precedenza, permesso. Il divorzio non è un’invenzione di Dioe chi lo sceglie leggermente, sarà ritenuto responsabile.Né Dio toglierebbe una persona dalla famiglia che lui o lei ama. Molti di noi hanno avutol’esperienza di essere in un posto meraviglioso provando una sensazione di nostalgia, perchéavremmo voluto che le nostre famiglie fossero lì a condividere l’esperienza. In qualche modo, nonavendoli con noi, proviamo meno gioia.Dio ci ha promesso che in cielo ci sarà più felicità di quanto avremmo mai immaginato. Chi di noi,che ama qualcuno, potrebbe essere più felice di quanto avesse mai immaginato, senza lepersone che amiamo? Quando andiamo in Paradiso, saremo noi stessi e avremo con noi ciò cheè nei nostri cuori e nelle menti, compreso il nostro amore. Saremo in grado di vivere insiemecome famiglie, come abbiamo fatto sulla terra, condividendo le gioie dell’eternità insieme.La maggior parte delle persone, anche coloro che pensano di non credere nelle famiglie eterne,sanno la verità, nel profondo del loro cuore. E viene alla luce quando qualcuno muore, e dicono:“Almeno mamma e papà sono di nuovo insieme” oppure consolano un bambino con la promessache “la tua mamma è in cielo e un giorno tu la rivedrai”. Il loro cuore sa ciò che il mondo ha
  • cercato di togliere razionalmente, che un Dio amorevole ci darà l’opportunità di stare insieme, persempre. Accettare di sposare qualcuno per l’eternità, è una garanzia potente dell’amore che duepersone hanno uno per l’altra ed è un conforto per i loro figli. I bambini possono crescere con unasensazione di sicurezza, sapendo che i loro genitori saranno sempre con loro.Di seguito sono riportati alcuni pensieri che il profeta mormone, Thomas S. Monson, ha detto sultema della famiglia eterna.Costruire una dimora eternaUna casa è molto più di una casa costruita di legname, mattoni o pietra. Una casa è fatta diamore, sacrificio e rispetto. Siamo responsabili per le case che costruiamo. Le dobbiamocostruire con saggezza, per l’eternità, non per un viaggio breve. Ci sarà calma e vento, la luce delsole e le ombre, gioia e dolore. Ma se ci proviamo davvero, la nostra casa può essere un po’ dicielo qui, sulla terra. I pensieri che pensiamo, le azioni che facciamo, la vita che viviamo, non soloinfluenzano il successo del nostro cammino terreno, ma segnano anche la strada per i nostriobiettivi eterni.Alcune famiglie di Santi degli Ultimi Giorni sono composte da madre, padre e figli, tutti a casa,mentre altri hanno assistito alla partenza di uno, poi di un altro, poi di un altro dei loro membri. Avolte un singolo individuo è una famiglia. Qualunque sia la sua composizione, la famiglia puòessere per sempre.Possiamo imparare dal maestro architetto, il Signore. Egli ci ha insegnato come la dobbiamocostruire. Egli ha dichiarato: “Ogni … casa non deve essere divisa contro se stessa” (Mt 12,25).In seguito ha ammonito: «Ecco, la mia casa è una casa d’ordine … e non una casa diconfusione” (DeA 132:8).In una rivelazione data al profeta Joseph Smith, a Kirtland, Ohio, il 27 dicembre 1832, il Maestroconsigliò: «Organizzate voi stessi; preparare ogni cosa necessaria e istituite una casa, anche unacasa di preghiera, una casa di digiuno, una casa di fede, una casa di istruzione, una casa digloria, una casa d’ordine, una casa di Dio» (DeA 88:119; vedere anche DeA 109:8).Dove troviamo un modello più adatto, con cui costruire saggiamente e correttamente? Una casa,come si delinea in Matteo, è costruita “sulla roccia” (Matteo 7:24, 25; vedi anche Luca 06:48; 3Nefi 14:24,25). Una casa in grado di resistere alle piogge delle avversità, alle inondazionidell’opposizione e il vento del dubbio, sempre presenti nel nostro mondo mutevole e stimolante.Thomas S. Monson, “Case paradisiache, famiglie eterne”, Liahona, giugno 2006, 66-71Il tesoro più importante di una madreUna dolce, pacata madre era deceduta. Ella lasciò ai suoi coraggiosi figli e alle sue belle figlienessuna ricchezza finanziaria, ma, piuttosto, un patrimonio di ricchezza di esempi di sacrifici e diobbedienza. Dopo che vennero pronunciati gli elogi funebri e la strada per il cimitero vennepercorsa, la famiglia si riunì a guardare i miseri averi che la madre aveva lasciato. Louis scoprìuna nota ed anche una chiave. La nota diceva: “Nella camera da letto, in fondo al cassetto dellamia credenza, c’è una scatola molto piccola. Contiene il tesoro del mio cuore. Questa chiave aprela scatola.” Un altro figlio domandò: “Che cosa potrebbe avere un valore sufficiente ad esseremesso sotto chiave, per nostra madre?” Una sorella commentò: “Papà è andato via, da anni, emamma ha avuto ben poco, da questo mondo materiale.”La scatola venne rimossa dal suo posto, nel cassetto del comò, e venne aperta con attenzione,con l’aiuto della chiave. Che cosa conteneva? Niente soldi, nessun atto, nessun anello prezioso ogioielli. Louis prese, dalla scatola, una fotografia sbiadita di suo padre. Sul retro della fotografiac’era scritto il seguente messaggio: “Il mio caro marito ed io, siamo stati suggellati per il tempo e
  • l’eternità nella Casa del Signore, a Salt Lake City, il 12 dicembre 1891.”Poi, trovarono una singola foto di ogni bambino, con il nome e la data di nascita. Infine, Louismise alla luce un biglietto di San Valentino, fatto in casa. In una calligrafia infantile, che egliriconobbe come propria, Louis lesse le parole che aveva scritto 60 anni prima: “Cara mamma, tiamo.”I cuori battevano veloci, le voci erano sommesse e gli occhi umidi. Il tesoro della mamma, era lasua famiglia eterna. La sua forza era fondata sulla roccia del “ti amo”.Thomas S. Monson, “La Porta dell’Amore”, La Stella, ottobre 1996, 2Sicurezza alla morte di una famiglia eternaContemplando questioni di tale portata, riflettiamo sul senso di impotenza di un bambino appenanato. Non c’è nessun esempio migliore, di dipendenza totale. Per un bambino, è necessario sia ilnutrimento per il corpo, che l’amore per l’anima. La madre li fornisce entrambi. Lei che, con lamano nella mano di Dio, scende nella “valle dell’ombra della morte” (Sal 23,4), affinchè io e tepossiamo nascere alla vita e non viene mai abbandonata da Dio, nella sua missione materna.Diversi anni fa, i giornali di Salt Lake City pubblicarono un necrologio di una cara amica, unamadre e una moglie, presa dalla morte, nel fiore della sua vita. Visitai la camera mortuaria e miunii ad una moltitudine di persone, che si era riunita per esprimere cordoglio al marito e aibambini senza madre. Improvvisamente la bambina più piccola, Kelly, mi riconobbe e prese lamia mano, nella sua.“Vieni con me» disse, e mi portò accanto alla bara in cui riposava il corpo della sua amata madre.“Non sto piangendo, fratello Monson, e nemmeno devo. La mia mamma mi ha parlato molte voltedella morte e della vita, con il Padre celeste. Io appartengo alla mia mamma e al mio papà.Saremo di nuovo tutti insieme.”Attraverso gli occhi bagnati di lacrime, ho riconosciuto un sorriso bello e pieno di fede. Per la miagiovane amica, la cui minuscola mano stringeva ancora la mia, non ci sarebbe mai stata un’albasenza speranza. Sostenuti dalla sua testimonianza infallibile, sapendo che la vita continua al di làdella tomba, lei, suo padre, i fratelli, le sorelle, e in effetti tutti coloro che condividono questaconoscenza della verità divina, possono dichiarare al mondo “Il pianto può durare per una notte,ma viene il giubilo del mattino” (Sal 30:5).Thomas S. Monson, “Invito all’esaltazione”, La Stella, maggio 1988, 53http://thomasmonson.com/645/thomas-monson-on-the-mormon-welfare-programThomas Monsone il programma di benessere mormoneThomas S. Monson è l’attuale profeta mormone. Nel mese di ottobre del 1977, prima che eglidiventasse un profeta, parlò del programma di benessere mormone.Leggi “La via del Signore”.I Mormoni hanno un programma di benessere unico, che è stato lodato da Ronald Reagan.Questo sistema permette ad ogni persona, nella Chiesa, di contribuire a un fondo speciale,denominato “offerta di digiuno”, per prendersi cura dei mormoni che ne hanno bisogno. Ci sonoanche volontari che offrono il loro tempo, per aiutare. Poi, se questi dovessero trovarsi innecessità, un giorno, possono utilizzare questo fondo, contribuendo con ore di servizioaggiuntivo, per “pagare” per quello che ricevono. Questo permette loro di conservare la loroautostima e l’autosufficienza.
  • Il programma di benessere mormone comincia con le offerte di digiuno. Una volta al mese, imormoni, volontariamente, non assumono cibo o bevande, per 24 ore. Questo viene solitamentefatto la prima Domenica di ogni mese e, in realtà, richiede solo di evitare due pasti. Durantequesto periodo, che è chiamato “digiuno”, essi pregano e cercano di concentrare il più possibilesulle cose spirituali. La Bibbia ci insegna che il digiuno può aumentare la nostra spiritualità. Sipuò ricordare che Gesù digiunò, all’inizio della sua missione. La Domenica donano almeno laquantità di denaro risparmiato evitando di mangiare o di bere, al fondo per l’offerta di digiuno.Questo denaro viene utilizzato esclusivamente per la cura dei mormoni che sono nel bisogno.(Un fondo separato, attraverso il programma di aiuti umanitari, fornisce assistenza alle personeche non sono SUG).I mormoni sono incoraggiati a fare tutto il possibile, per aiutare sè stessi. Un modo è quello dicreare un approvvigionamento di un anno, di tutto ciò di cui si potrebbe aver bisogno, persopravvivere per tale periodo, in caso di disoccupazione o di altre difficoltà. Essi sono inoltreinvitati ad assistere le proprie famiglie. Tuttavia, se i mormoni esauriscono le loro risorsepersonali e i familiari non li possono aiutare, possono chiedere assistenza alla chiesa mormone.Si incontrano con il loro vescovo (simile ad un pastore) per determinare i loro bisogni e perdiscutere i loro bilanci. I mormoni, nei momenti difficili, non sono aiutati a mantenere il propriotenore di vita precedente, ma solo a sopravvivere e vivere ragionevolmente tranquilli. Essi sonotenuti a fare dei tagli, al loro bilancio, nel maggior modo possibile, prima di chiedere aiuto. Ilvescovo determina, poi, ciò che è necessario e lo autorizza. Non vengono dati soldi. Vengono,invece, pagate le bollette e viene compilato un modulo di autorizzazione per il magazzino delvescovo.I magazzini del vescovo sono di importanza centrale, per questo programma. Sembrano deipiccoli negozi di alimentari, ma non c’è un registratore di cassa. I destinatari selezionano la spesadi cui hanno bisogno, da un elenco, e il vescovo apporta le modifiche necessarie. (Tali modifichepotrebbero dare loro di meno, ma altrettanto spesso dà loro più di quanto hanno chiesto, se sonostati troppo prudenti). Prendono il modulo per il magazzino, con cui i volontari li aiutano aprendere le cose dagli scaffali, raccogliendo gli oggetti che sono stati approvati. Questi possonoessere frutta di alta qualità, latte, succhi di frutta, verdure, carni, forniture cotte, materiali perl’igiene e la pulizia, i prodotti per bambini e altre cose necessarie, per soddisfare i bisogni dellafamiglia. Ne vengono dati a sufficienza, per durare due settimane. Invece di un registratore dicassa, viene dato l’elenco ad una volontaria che si assicura che essi non abbiano dimenticatonulla, sulla loro lista. Il cibo in più, viene donato alle banche di cibo della comunità locale. Inoltre,ciò che serve per conservare il cibo viene spesso donato ad altre organizzazioni, come la CroceRossa, per utilizzarle al servizio della popolazione in genere.In cambio di questi servizi, i mormoni sono invitati a fare del volontariato, se sono in grado. Moltilavorano per un’ora presso il magazzino, prima di riempire il proprio ordine. Molti volontari aiutanoin incarichi per il benessere, la Chiesa gestisce in proprio le sue aziende che servono aconservare il cibo, in molte zone, e questo lavoro è svolto da volontari che fanno anche altri tipi diservizio. Il servizio non è uguale a ciò che hanno ricevuto, ma dà loro la sensazione di avercontribuito al loro proprio benessere e permette loro di sentirsi a loro agio, nell’accettare un aiuto.E, naturalmente, hanno contribuito al benessere delle altre persone bisognose, durante i lorotempi più prosperi.In aggiunta a questi servizi, i mormoni possono imparare a trovare un lavoro, migliorare le propriecompetenze linguistiche e sviluppare altre abilità che li aiuti a prendersi cura di sè stessi nelfuturo, in modo migliore.Thomas Monson ha detto, del programma:Nessun membro della Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni, che ha inscatolatopiselli, pulito barbabietole, trainato del fieno o spalato il carbone, in una causa così, dimentica onon rimpiange l’esperienza di aiutare a provvedere a chi è nel bisogno. Uomini e donne
  • contribuiscono al funzionamento di questo programma, vasto ed ispirato. In realtà, il piano nonavrebbe mai successo con il solo sforzo, questo programma opera attraverso la fede nel Signore.Il presidente Monson ha offerto un esempio del comandamento biblico di condividere quello cheabbiamo con gli altri, anche con grandi sacrifici per noi stessi. In 1 Re, leggiamo di una umilevedova, nel bel mezzo di una terribile siccità. Era quasi senza cibo, con appena un ultimo pastomagro per sé e suo figlio e poi avrebbero semplicemente aspettato la morte. In questo momentocritico, il profeta Elia arrivò e le chiese di preparargli un pasto. Ella spiegò la loro situazione, malui insistette.Non temere, vai e fai come hai detto: prepara una piccola stiacciata per prima, e portamela, edopo ne farai per te e per tuo figlio.“Perchè così dice il Signore Dio d’Israele, il barile della farina non si svuoti e non si asciughil’orcio dell’olio, non fino al giorno in cui il Signore manderà la pioggia sulla terra.“Ed ella andò e fece secondo la parola di Elia: e lei, e lui, e la sua casa, mangiarono per moltotempo.“Il vaso della farina non si esaurì e nemmeno l’orcio dell’olio”. (1 Re 17:9-11, 13-16).Il presidente Monson ci chiede di immaginare il coraggio di questa vedova, di trovarsi nella suacasa e fare quello che le veniva chiesto, sapendo che era l’ultimo pasto. Questa volontà diprendersi cura degli altri, con grande sacrificio, è una componente necessaria di qualsiasi sforzoumanitario. Per i mormoni, se scelgono di dare ciò che hanno messo da parte, con il digiuno, nonvi è alcuna perdita finanziaria, ma vi è un sacrificio fisico, che viene dal non mangiare. Lamaggior parte dei mormoni sceglie di dare più di quanto ha messo da parte, immaginando chenon abbiano partecipato ad una festa, in quel periodo di digiuno.Ha raccontato di quando, una volta, un uomo lo aveva contattato, quando era vescovo, peravvisare che stava arrivando un camion carico di prodotti, provenienti dalla sua azienda, per ilmagazzino. Egli voleva che sapessero che stava arrivando in modo da potersi preparare, ma nonvoleva che qualcuno sapesse chi era a mandarlo.Egli racconta di quando visitò un amico disabile, anziano, e scoprì che la sua casa era fredda,perché l’uomo non poteva permettersi il riscaldamento e la casa stava cadendo a pezzi. Eglicontattò un vescovo locale, per vedere se ci fossero volontari disponibili ad aiutarlo. Il vescovo,rapidamente, chiamò della gente desiderosa di contribuire a quel progetto. Un mese dopo, ilpresidente Monson tornò a visitarlo:I marciapiedi, che erano stati rovinati dalle radici di grandi alberi di pioppo, erano stati sostituiti, ilportico della casa era stato ricostruito, c’era una nuova scintillante porta, i soffitti sistemati, lepareti tappezzate, il legno verniciato, il tetto sostituito e le dispense piene. Non era più la casafredda e poco invitante. Ora sembrava sussurrare un caloroso benvenuto. Lou, ormai salvatodopo l’ultima visita, mi mostrò con orgoglio e gioia che, sul suo letto, c’era un bel plaid trapuntato,con lo stemma del suo clan familiare: i McDonald. Era stato fatto, con amorevole cura, dalledonne della Società di Soccorso. Prima di partire, ho scoperto che ogni settimana i giovani adultigli portavano una cena calda e condividevano una serata con lui. Il calore aveva sostituito ilfreddo; le riparazioni avevano trasformato l’usura degli anni, ma più significativamente, lasperanza aveva dissipato la disperazione e ora l’amore trionfava.Tutti coloro che hanno partecipato a questo dramma commovente, della vita reale, avevanoscoperto un nuovo apprezzamento personale sull’insegnamento del Maestro: “Vi è più gioia neldare che nel ricevere.” (Atti 20:35).La differenza tra un programma di benessere del governo e un programma dei SUG è l’amore. I
  • mormoni danno quello che hanno, a chi è nel bisogno, a causa del loro amore per le altrepersone. Coloro che ricevono fanno quello che possono per restituire ciò che viene loro dato eper dare agli altri qualcosa in cambio. Si tratta di un ciclo unitario di persone che volontariamenteaiutano le persone.VIVERE CON IL VUOTOIn un forum http://buddhismoitalia.forumcommunity.net/?t=50625138,praticanti il buddhismo siconfrontano.Lobiettivo è sintetizzato da ciò che scrive lutente ad altri utenti,Vivo con il vuoto dietro ogni cosaDietro Ogni cosa vedo il NullaVedo la Vacuità dietro il TuttoVedo il mondo come Vuotolutente scrive:"mi chiedevo se per aiutarsi a coltivare il "non attaccamento" è utile ripetersi ognitanto queste frasi (?!) [sottintendendo che prima serve anche una certa consapevolezza,altrimenti sono solo litanie a vuoto]"La dottrina della vacuità negli Āgama-Nikāya del Buddhismo dei Nikāya e del BuddhismoTheravādaLa presenza nelle più antiche scritture buddhiste dellattribuzione al Buddha Śākyamunidellinsegnamento della "vacuità" è indubitabile come è indubitabile, in queste stesse scritture, lapreoccupazione del fondatore del Buddhismo che questo insegnamento potesse essereaddirittura dimenticato. Così afferma il Buddha Śākyamuni nel Samyutta-nikāya del Canone pāli: « I monaci non vorranno più ascoltare e studiare i sutta proclamati dal Tathāgata,profondi profondi nel significato, che giungono oltre il mondo e riguardano la "vacuità"(sunnatapatismyutta) ma presteranno solo ascolto ai sutta profani proclamati dai discepoli,composti dai poeti, poetici e adornati di belle parole e sillabe »(Samyutta-nikāya, 20,7.[1])Ma se nel Majjhima-nikāya [2],il Buddha Śākyamuni indica lirrealtà, la vacuità delle cose, comecostantemente nei vari agama-nikaya espone linsegnamento dellanatta ovvero della "vacuità"intesa come inesistenza di una sostanzialità inerente al soggetto che percepisce i fenomeni, è nelCulasuññata Sutta[3], dove il Buddha Śākyamuni entra nel dettaglio di questa dottrina comeesperienza interiore quando, rispondendo ad Ānanda su una sua precedente affermazione nellaquale sosteneva di "dimorare pienamente in uno stato di vacuità" afferma: « Certamente, o Ānanda, tu hai ben udito, ben appreso, ben inteso e ben ritenuto le mieparole. Adesso, come allora, o Ānanda, io dimoro pienamente in uno stato di vacuità. Così comequesto palazzo della madre di Migara è ora vuoto di elefanti, di buoi, di cavalli, vuoto doro edargento, vuoto di gruppi di uomini e di donne, e la sua sola non vacuità è questa unica cosa, lacomunità dei monaci, allo stesso modo, o Ananda, il monaco non pone mente allidea di villaggio,non pone mente allidea di uomo, ma pone mente a questunica cosa, alla foresta. Nellidea diforesta la sua mente si placa, si ferma, si libera; ed egli riconosce: Le cure (le preoccupazioni, leansie) che dipendevano dallidea di villaggio non esistono più; le cure che dipendevano dallideadi uomo non esistono più e lunica cura che rimane è quella che dipende dallidea di foresta »(Culasuññata Sutta (Piccolo discorso sulla Vacuità). Majjhima-nikāya, 121.)Nel Culasuññata Sutta il Buddha Śākyamuni non si ferma a questo "svuotamento" dalle "ansie"del mondo ma, in un incessante processo di svuotamento di tutti i riferimenti, ovvero dellidea diforesta, dell idea di terra, dell infinità dellidea di spazio, dell infinità dellidea di coscienza,della nullità, della né percezione né non percezione, del raccoglimento mentale privo di segni,
  • giunge a concludere che: « anche questo raccoglimento mentale privo di segni è coeffettuato e concepito (non è laRealtà ultima); e tutto ciò che è coeffettuato e concepito è impermanente, destinato a cessare.[...] Egli comprende che il suo pensiero è vuoto dellimpurità del desiderio, dellimpuritàdellesistenza e dellimpurità della nescienza e che lunica non vacuità è quella che dipende daquesto corpo, sestuplice sede dei sensi, conseguenza della vita. [...] In verità, o Ananda, tutticoloro, asceti o brahmana, che nel futuro otterranno una stabile dimora nella purissima, supremavacuità, raggiungeranno e dimorranno proprio in questa purissima e suprema vacuità. [...] Perciò,o Ānanda, voi vi dovete esercitare così: "Io otterrò una stabile dimora nella purissima, supremavacuità »(Culasuññata Sutta (Piccolo discorso sulla Vacuità). Majjhima-nikāya, 121.)Riccardo Venturini, in riferimento a questo sutta, nota che « il Buddha descrive come procedere verso i livelli più elevati di vacuità mediante losvuotamento della mente dai contenuti propri dei livelli progressivamente superati. Al più altolivello di vacuità basati sulla meditazione di calma, il Buddha osserva che ciò che rimane ècostituito dalla non-vacuità dei "sei campi sensoriali che, condizionati dalla vita, sono basati sulcorpo stesso" »(Riccardo Venturini. Coscienza e cambiamento. Assisi, Cittadela Editrice, 1998, pag. 435)Questo, secondo Riccardo Venturini, implica che « Il metodo usato, portato alla sua estenuazione, si rovescia nel contrario edallosservazione dei caratteri negativi della realtà fenomenica (impermanenza, insoddisfacenzae mancanza di esistenza inerente) si giunge a incontrare i caratteri positivi della Realtàincondizionata (permanenza, beatitudine, realtà), come daltra parte lestasi/vacuità si rovescianella molteplicità/pienezza: essendo ancora posizioni che si muovono nel mondo del dualismo,esse rivelano e si tramutano nel contrario »(Riccardo Venturini. Coscienza e cambiamento. Assisi, Cittadela Editrice, 1998, pag. 435.)La dottrina della vacuità nei PrajñāpāramitāsūtraBuddhismoNelumbo nucifera1.jpgMahāyānaPaesiCina • CoreaGiappone • VietnamInsegnamentiBodhisattva • BodhicittaVacuità • Karuṇā • TathātāNatura di Buddha • PrajñāTrikāya • Buddha eternoMadhyamaka • CittamātraTriplice verità • Ichinen sanzenZhǐguān • Zazen • DaimokuSutraPrajñāpāramitā• Sutra del Loto • Avataṃsaka • Mahāyāna Mahāparinirvāṇa• Vimalakīrti • Laṅkâvatāra • Ratnakūṭa • Tathāgatagarbha • SaṃdhinirmocanaMaestriNāgārjuna • Āryadeva • Asanga • Vasubandhu • Kumārajīva • Zhìyǐ • Bodhidharma • Saichō •Eisai • Dōgen • Nichiren • HakuinScuoleSanlun • Faxiang • TiantaiHuayan • Chan • Terra Pura
  • Sanron • Hosso • Kegon • Tendai • Zen • Nichirenvedi • disc. • mod.Nei trentotto testi che costituiscono linsieme dei Prajñāpāramitāsūtra (composti tra il I secolo a.C.e il VII secolo d.C.), la dottrina della vacuità riveste un ruolo centrale e fondamentale. Si puòsostenere che fin dai Prajñāpāramitāsūtra più antichi, lestensore degli stessi, che potrebbe volerriportare degli insegnamenti dello stesso Buddha Śākyamuni non accolti negli Āgama-Nikāya ,accompagni la dottrina della vacuità con la pāramitā prajñā ritenuta lultima e la più importante giànelle scuole del Buddhismo dei Nikāya (scuola Sarvāstivāda).Nel complesso la letteratura dei Prajñāpāramitāsūtra elenca venti tipi di vacuità (sanscrito viṃśatiśūnyatā): Vacuità degli organi di senso (adhyatana śūnyatā). Vacuità dei fenomeni percepiti (bahirdhā śūnyatā). Vacuità degli organi di senso e dei fenomeni percepiti (adhyatanabahirdhā śūnyatā). Vacuità della vacuità (śūnyatā śūnyatā). Vacuità dello spazio (mahā śūnyatā). Vacuità dellassoluto (paramārtha śūnyatā). Vacuità dei fenomeni condizionati (saṃskṛta śūnyatā ). Vacuità dei fenomeni non condizionati (asaṃskṛta śūnyatā ). Vacuità di ciò che è al di là delleterno e del nulla (atyanta śūnyatā ). Vacuità di ciò né inizia né termina, del Samsara (anavaraga śūnyatā). Vacuità di ciò che degli insegnamenti che vanno accolti (anavakara śūnyatā ). Vacuità dellintima natura dei fenomeni (prakṛti śūnyatā). Vacuità di qualsiasi fenomeno o dharma (sarvadharma śūnyatā ). Vacuità delle carattetistiche di ogni singolo dharma (svalakṣaṇa śūnyatā). Vacuità dellinconcepibile (anupalambha śūnyatā). Vacuità dei fenomeni privi di identità (abhāvasvabhāva śūnyatā ). Vacuità dei fenomeni che posseggono delle sostanzialità (bhāva śūnyatā). Vacuità di ciò che è privo di sostanzialità (abhāva śūnyatā). Vacuità dellidentità (svabhāva śūnyatā). Vacuità della natura trascendente (parabhāva śūnyatā).Tali "vacuità" stanno ad indicare che ogni forma, esistenza o non esistenza, è vacuità e ognivacuità è ognuna di queste.Così come recita uno dei Prajñāpāramitāsūtra più noti, il Prajñāpāramitā Hṛdaya sūtra (Il Sutradel Cuore della perfezione di saggezza):(SA)« Iha Śāriputro rūpaṃ śūnyatā, śūnyataiva rūpam rūpānna p ṛthak śūnyatā, śūnyatāyā na p ṛthagrūpam yadrūpaṃ sā śūnyatā, yā śūnyatā tadrūpam eva ṃ vedanāsa ṃj ñāsaṃskāravijñānāni » (IT)« Qui, O Sariputra, la forma è vacuità e la vacuità è forma; la vacuità non differisce dalla forma, laforma non differisce dalla vacuità; qualsivoglia cosa sia forma, quella è vacuità; qualsivoglia cosasia vacuità, quella è forma, stessa cosa riguarda le sensazioni, le percezioni, le pulsioni e lacoscienza »(Prajñāpāramitā Hṛdaya sūtra III 9-16)Linsieme del corpus scritturale dei Prajñāpāramitāsūtra sembrerebbe contenere una serratacritica della dottrina dei dharma delle scuole del Buddhismo dei Nikāya, segnatamente dellascuola Sarvāstivāda, le quali assegnavano esistenza reale ai costituenti (dharma) dei fenomeni,anche se le stesse denunciavano la vacuità del soggetto che questi fenomeni percepiva, ovveronegavano la soggettività, lio individuale (dottrina dellanātman). Questa "doppia vacuità" (vacuitàdel soggetto percipiente,anātman, e dei fenomeni percepiti) dei Prajñāpāramitāsūtra andava adunque a criticare i contenuti abhidharmici della scuola Sarvāstivāda, la quale giungeva asostenere la presenza, nel soggetto che percepisce, di un dharma particolare, il prapti, che
  • fungeva da ricettacolo per la sua retribuzione karmica. È chiaro che la dottrina della vacuità deiPrajñāpāramitāsūtra ha dei precisi fondamenti, come abbiamo visto, negli Āgama-Nikāya ,tuttavia essa intende radicalizzare questi fondamenti come il cuore (h ṛd) della dottrina del BuddhaŚākyamuni (Buddhadharma).In un altro famoso Prajñāpāramitāsūtra, il Vajracchedikā-prajñāpāramitā-sūtra (Sutra dellaperfezione della saggezza che recide come un diamante, o più brevemente Sutra del diamante)si giunge, peraltro coerentemente, a sostenere che(SA)« bhagavānasyaitadavocat-iha subhūte bodhisattvayānasa ṁprasthitenaivacittamutpādayitavyam-yāvantaḥ subhūte sattvāḥ sattvadhātau sattvasa ṁgraheṇa sa ṁg ṛhītāaṇḍajā vā jarāyujā vā saṁsvedajā vā aupapādukā vā rūpiṇo vā arūpiṇo vā sa ṁj ñino vāasaṁjñino vā naivasaṁjñino nāsaṁjñino vā, yāvān kaścitsattvadhātuḥ prajñapyamānaḥprajñapyate, te ca mayā sarvenupadhiśeṣe nirvāṇadhātau parinirvāpayitavyāḥevamaparimāṇānapi sattvān parinirvāpya na kaścitsattva ḥ parinirvāpito bhavati tatkasya heto ḥ ?sacetsubhūte bodhisattvasya sattvasaṁjñā pravarteta, na sa bodhisattva iti vaktavyaḥ tatkasyahetoḥ ? na sa subhūte bodhisattvo vaktavyo yasya sattvasa ṁj ñā pravarteta, jīvasaṁjñā vāpudgalasaṁjñā va pravarteta » (IT)« Il Signore disse: "Ecco Subhuti, chi decide di entrare nel veicolo del bodhisattva(bodhisattvayana) dovrebbe concepire un pensiero di questo genere: "Per quanti esseri senzientici sono nellintero universo di esseri senzienti, nati da un uovo, nati da un utero, nati dalla umidità,o nati per mezzo di un miracolo, con forma o senza forma, in grado di percepire o non in grado dipercepire, per come sia concepibile una forma concepibile di esseri senzienti, tutti questi iocondurrò verso il Nirvāṇa, nella dimensione del Nirvāṇa che estingue ogni cosa. Nonostantequesto per quanto siano innumerevoli gli esseri senzienti guidati verso il Nirvā ṇa proprio nessunessere senziente è stato guidato verso il Nirvāṇa. Perché? Se in un bodhisattva dovesseintervenire la concezione di un "essere senziente", egli non potrebbe venire chiamatobodhisattva. E perché? Non si dovrà chiamare bodhisattva colui nel quale interviene laconcezione di un "essere senziente" (sattva), o la concezione di un "anima vivente" (jīva) o laconcezione una "persona" (pudgala) »(Vajracchedikā-prajñāpāramitā-sūtra, 3)La dottrina della vacuità nelle scuole Mahāyāna Madhyamaka e CittamātraLa scuola Madhyamaka è stata fondata da Nāgārjuna nel II d.C. È dibattuto se, per quantoconcerne il periodo del suo fondatore, essa possa essere inserita nel contesto degli insegnamentiMahāyāna. La ragione di questi dubbi è fondata sul fatto che nelle opere attribuite con sufficientecontezza al filosofo indiano, non compare mai lutilizzo del termine Mahāyāna né i riferimenti aiPrajñāpāramitāsūtra.Lopinione di molti studiosi, tuttavia, si fonda sulla natura di queste opere che sono didattiche enon polemiche. Intendono dimostrare la validità dei propri contenuti piuttosto che svilirelautorevolezza delle fonti avversarie magari facendo leva su altre fonti. È possibile quindi cheNāgārjuna abbia volontariamente evitato qualsivoglia riferimento ai Prajñāpāramitāsūtra perevitare di discutere con i suoi interlocutori Sarvāstivāda sulla loro autorevolezza.Daltronde è innegabile, che a partire dalla sua opera maggiore, il Madhyamakakārikā [4], eglinon fa che ribadire la dottrina della vacuità esattamente come insegnata nei Prajñāpāramitāsūtra.Nāgārjuna si presenta dunque come un maestro buddhista che vuole dimostrare la fondatezzadella critica dei Prajñāpāramitāsūtra allAbhidharma Sarvastivada. Per Nāgārjuna, come per iPrajñāpāramitāsūtra, il Buddha Śākyamuni aveva indicato, oltre limpermanenza temporale(anitya), una ulteriore qualità, il śūnyatā di tutti i fenomeni: essi erano vuoti anche di una stessaloro identità in quanto dipendevano uno dallaltro sul piano temporale del presente,dellimmediato: esiste A solo in quanto esiste anche un non A[5].
  • Tutti i fenomeni (dharma) sono quindi privi di identità, sono vuoti di identità. Tutti i dharma,secondo la lettura dellinsegnamenti del Buddha da parte di Nāgārjuna, sono vuoti: poichénessun fenomeno possiede una natura indipendente, si può dire che tutto ciò che esiste è vuoto.Lesperienza della vacuità è la via che porta al "Risveglio".Ma la vacuità non può essere conosciuta con il pensiero ordinario (o "convenzionale") che trattadei fenomeni come se fossero indipendenti e stabili, dotati di natura immutabile e certa. Granparte dellopera di Nāgārjuna consiste pertanto in una critica raffinata delle diverse dottrine chesottinendono lesistenza dei fenomeni in quanto tali, e che vengono per questo ridotte allassurdo(prasaṅga). Da parte sua, Nāgārjuna non presenta alcuna dottrina: « Se io avessi qualche tesi sarei vittima di questi controsensi. Ma io non ho alcuna tesi equindi non mi si può imputare nessun controsenso »(Nāgārjuna. Vigrahavyāvartanī, 29)Poiché lesperienza della vacuità non è compatibile con alcuna costruzione filosofica. Lideastessa della vacuità rischia di essere pericolosa, se la vacuità viene entificata « La vacuità male intesa rovina luomo ottuso così come un serpente male afferrato o unaformula magica mal pronunciata »(Nāgārjuna. Madhyamakakārikā, 24, 11)http://it.wikipedia.org/wiki/%C5%9A%C5%ABnyat%C4%81Ma Vivere con il Vuoto,se è un esercizio Onorevole perchè ci fà capire in ogni momento la futilitàdelle cose materiali,allo stesso tempo questo Vuoto,spirituale ed spiritualizzato,non è alla fin fineQualcosa?qualcosa da sperimentare?Una concezione biologica del Vuoto impliccherebbe il Nullatotale,la decomposizione,la morte....ma il Vuoto religioso,non è ancora qualcosa,in quantosperimentabile attraverso i sensi dellessere vivente?SESSOEd se il senso evolutivo,la finalità dellUomo fosse il sesso?La riproduzione?Dobbiamo deciderciad dividere le due cose,il sesso dallamore.Lamore ed il sesso sono due istinti separati,almenonella loro fruizione.Altrimenti non esisterebbe un vasto mercato del sesso,spesso torbido.Il sessoè un bisogno fisiologico,mentre lamore unisce sia bisogni fisiologici che bisogni psicologici.Ma parliamo allora di sesso,partendo dalle cifre,Il fenomeno del turismo sessualeOggi il turismo sessuale costituisce un fenomeno di portata globale: il turismo di massa e i voli abasso costo facilitano viaggi verso mete lontane anche per procurarsi rapporti sessuali apagamento con le popolazioni locali, in particolare con bambini e adolescenti. Il fenomeno delturismo sessuale divide il pianeta terra in due “emisferi”: da un lato i Paesi dove la prostituzione èlegalmente riconosciuta e considerata un’attività di tipo professionale, come l’Olanda e la Spagnae, dall’altro, quei Paesi come l’Africa o il Sud America, dove la prostituzione non è regolata dauna legge specifica ma rientra in un sistema illegale.I numeri.Il turismo sessuale è un business mondiale che fattura tra gli 80 e i 100 miliardi di dollari annui
  • (Organizzazione Mondiale del Turismo, 2010). I protagonisti di questo mercato sono per l’85%uomini dai 30 ai 60 anni appartenenti a tutte le classi sociali mentre le vittime hanno in media dai13 ai 17 anni (ECPAT, End Child Prostitution Pornography and Trafficking, 2010).Le destinazioni.In linea generale, tra le destinazioni più frequentate, il Brasile, il Nepal, il Bangladesh, laColombia, l’Ucraina, la Bulgaria, la Thailandia. La primaria destinazione del turismo sessualefemminile è invece lEuropa meridionale (principalmente Italia, Ex Yugoslavia, Turchia, Grecia eSpagna), i Caraibi, parte dellAfrica, le Filippine (ECPAT, End Child Prostitution Pornography andTrafficking, 2010).La normativa.Laumento dellincidenza del fenomeno ha fatto di recente emergere, nel panoramainternazionale, lesigenza di configurare il turismo sessuale come una fattispecie di reatoautonoma. In questa prospettiva l’Italia, già all’avanguardia in tema di disposizioni contro l’abusoe lo sfruttamento sessuale dei minorigrazie a una serie di interventi legislativi che hannosostanzialmente modificato e migliorato il quadro normativo di riferimento in materia, puòconsiderarsi avvantaggiata rispetto ad altri Paesi: nella nostra legislazione nazionale vige infatti ilprincipio dell’extraterritorialità. Sulla base di questo principio, la legislazione italiana prevede lapossibilità di punire i propri cittadini per reati commessi anche al di fuori del proprio Stato: lapunibilità di un comportamento non è cioè legata al territorio dello Stato in cui è commesso ilreato ma alla nazionalità del soggetto che lo compie.16 marzo 2011http://www.pariopportunita.gov.it/index.php/quinonsitocca/1969-il-fenomeno-del-turismo-sessualeMondo, SessoA Las Vegas corsi su come fare sesso in ufficio29 novembre 2007Il Wall Street Journal ha annunciato che secondo un’indagine oltre il 40% degli impiegati USA hafatto sesso almeno una volta in ufficio. Gli incontri piccanti, e in particolare quelli extraconiugali,sarebbero consumati tra le 17 e le 19, spesso in modo da giustificare il ritardo con il partnerufficiale con la scusa di riunioni improvvise o straordinari.Un’altra indagine dell’Opinion Research, evidenzia inoltre che il 54% degli uomini e il 40% delledonne non vede nulla di male nel praticare sesso con un collega in ufficio. Si tratta di unatendenza sempre più accettata, tanto che a Las Vegas è nata una scuola che insegna come“amarsi” sul posto di lavoro, senza rovinarsi la vita e soprattutto senza violare le leggi americane,che sono fin troppo rigide nel difendere da possibili abusi sessuali sul posto di lavoro.Quella del sesso in ufficio è una trend che si sta rafforzando anche in Italia, dove il 19% loavrebbe praticato, anche se sembra che la motivazione principale sia da ricondurre alle difficoltÃeconomiche per accedere a soluzioni alternative come le stanze d’albergo.Repubblica.itRead more: http://notizie.delmondo.info/2007/11/29/a-las-vegas-corsi-su-come-fare-sesso-in-ufficio/#ixzz25KAPteZwhttp://notizie.delmondo.info/2007/11/29/a-las-vegas-corsi-su-come-fare-sesso-in-ufficio/
  • A marzo il "Mi-Sex Las Vegas": la fiera del sesso ha un nuovo lookSilvio De Rossi avatar Lunedì 8 Febbraio 2010, 16:12 in Milano eventi di Silvio De Rossimisex-lasvegas.jpgLattesa sta per finire! Torna ancora una volta il Mi-Sex, che aprirà i battenti il5-6-7 marzo 2010, come sempre al Centro Congressi Milanofiori di Assago. Ecco i numeri dacapogiro: 16 anni, 32 edizioni, circa 1.500.000 visitatori, 320 pornostar, 150 volti nuovi, 9600 oredi spettacoli non stop. Il successo che i media e il pubblico hanno decretato a Mi-Sex è in granparte da ascriversi allautoironia che pervade la manifestazione tanto che, il sesso nudo e crudo,passa in secondo piano per lasciare il posto al divertimento puro come dimostrano gliinnumerevoli gruppi di amici e amiche, colleghi e colleghe di lavoro, celebrazioni di addio alcelibato e al nubilato che sempre più spesso trovano, nella grande fiera, quella atmosfera chenon si respira nei locali deputati agli spettacoli erotici (qui le nostre video-interviste di settembre).Ogni volta agli organizzatori si presenta il problema, sempre più arduo, di offrire cose nuove alproprio affezionato pubblico, ed ogni volta, si mettono in opera azioni di restyling nei limiti diquanto consentito dalla legge. FOTO GALLERY misex2009-phsshot-1.jpg misex2009-phsshot-2.jpg misex2009-phsshot-3.jpg misex2009-phsshot-4.jpg misex2009-phsshot-5.jpg misex2009-phsshot-7.jpg misex2009-phsshot-6.jpg misex2009-phsshot-8.jpg misex2009-phsshot-9.jpg misex2009-phsshot-10.jpg.jpgQuestanno, girata la boa dei quindici anni, lo staff, nuovo per circa il 50% dopo lavvento di unacorposa modificazione della proprietà, ha deciso che un restyling non bastava più e andavaoperata una vera e propria rivoluzione. Innanzitutto gli spazi si dilatano e occuperanno anche ilpiano sottostante. Per un vero rinnovamento è stato pensato il più grande e famoso luogo didivertimento del mondo: la scelta è inevitabilmente caduta su Las Vegas e, infatti, la prossimaedizione si intitola "Mi-Sex Las Vegas".Ai consueti spettacoli sul palco e alle attrazioni offerte dagli espositori, si affiancherà un vero eproprio casinò on-line (gestito dalla famosa Società Italy Poker) dove i croupier saranno le"donnine" di Mi-sex poco vestite e sempre liete di donare un sorriso per rendere ancora più lietele vincite e meno dolorose le perdite. Unatmosfera nuova e divertente che completa, con il gioco,laltra grande passione delluomo. Ma le tante novità proseguono con la particolare attenzioneriservata alle donne (presenti in sempre maggior numero) con spettacoli a loro riservati come, peresempio una dark room, i provini e le performance di "maschietti" in una zona severamentevietata agli uomini.Madrina di questa edizione la bellissima Brigitte B. che, dai manifesti, inviterà tutti ad andare aMi-Sex ma sarà anche presente in fiera per salutare i suoi tanti fans , firmare autografi e regalareuna chicca: la celebrazione del suo matrimonio con la sua compagna. Provini a go-go sottolocchio vigile dei talent scout della ben nota Casa di produzione cinematografica MGRCommunication: alle bravissime e ai performanti potenziali attori, verrà proposto un contratto perun film di prossima realizzazione.Tra le innumerevoli novità assolute spicca "locchio indiscreto". Una serie di telecamere nascostepermetteranno di vedere, su un ampio schermo, quello che non si è mai visto a Mi-Sex: un dietrole quinte di ciò che succede nei camerini, negli spazi di riposo delle pornostar, nelle aree cambioabiti e trucco. Labirsex, porno hospital, zona pervert, camping e dark room per giocare con le
  • ragazze di Mi-Sex; area drag queen e trans, hard accademy e set provini by Morena sex.net.La macchina fotografica la cabina del lesbo, la piscina "senza acqua" e " toccami toccami" alcunedelle offerte della 32° edizione coordinata, per la prima volta, dalla simpatica e originale direzioneartistica di Ettore Wallemberg III°. La regia del palco è affidata alla lunga esperienza di KristineKlaus che affiancherà Antonella presentatrice e fulcro dello staff di Mi-Sex.Ma la fiera sarebbe zoppa se non ci fosse lallegra, simpaticissima e un po pazzerella MauriziaParadiso che sovraintenderà ciò rappresenta il cuore di Mi-Sex: lanimazione. La sempreverdissima Maurizia, con la sua carica esplosiva, coinvolgerà il pubblico perché la manifestazionediventi sempre più interattiva.Costante la presenza alla tre giorni del sesso di Delta di Venere con le sue splendide ragazze datutti definite le " bellezze di Mi-sex"."RADIO STUDIO +" sarà la voce ufficiale della manifestazione, per raccontare in diretta, aglisfortunati non presenti, ciò che avviene e quello che diranno i visitatori e le tante visitatriciincontrati nella consueta bolgia dellarena.Nellintento di realizzare ledizione record di questanno sarà presente e attiva "Canturina Viaggi"agenzia ufficiale di MORENASEX, nonché primario partner della manifestazione, che organizzanavette dai club privè del nord Italia e mette in palio due soggiorni per sognare.Ultima, ma non ultima "sex machine" una sorpresa che giunge dallAmerica e di cui, ancora nonsi sa nulla; se no che sorpresa sarebbe?Venendo alle attività di contorno al grande Mi-sex, segnaliamo per il giorno 4 marzo, la "serata digala" per linaugurazione ufficiale di Mi-sex che si terrà al LUMINAL, arcinoto locale milanese.Le Signore però devono tenere presente che il giorno dopo il Mi-sex sarà l8 marzo. Per la Festadella donna Mi-sex non vi lascerà orfane. Una mega rimpatriata presso il locale LUMINAL (ViaMonte Grappa, 14) con tanti maschietti che "vi parleranno" con i loro migliori argomenti.http://milano.blogosfere.it/2010/02/a-marzo-il-misex-las-vegas-la-fiera-del-sesso-ha-un-nuovo-look.htmlIl sesso da grande sfogo allimmagginazione,fa provare molto piacere,ma anchesso (E statovoluto cosi da quellIntelligenza Superiore di cui parlavamo?)nel tempo va esaurendosi lo stimolosessuale.Porre quindi la finalità della propria Vita,sul sesso è audacia?od voler tutto esubito,senza pensare al domani?Tra laltro il sesso come è portatore di soddisfazioni,può essereportatore di grandi delusioni come il Virus HIV,od anche nel caso delle perversionisadomasochistiche di piacevoli sofferenze,che però a lungo minano la mente ed la resistenzaindividuale causando veri e propri "malati del sesso".Ed il sesso se per alcune persone è troppo,per altre è poco od nulla.Pensiamo al dottore Brinkley John,famoso per esperimenti controversi,John R. BrinkleyDa Wikipedia, lenciclopedia liberaVai a: navigazione , ricercaJohn R. BrinkleyNato John Romolo Brinkley
  • 8 Luglio 1885Jackson County , Carolina del NordMorto 26 maggio 1942 (56 anni)San Antonio , TexasOccupazione Radio pioniere , controverso medicoNoto per la Capra ghiandola trapiantoConiugeDi Sally Wike (1907-1916),Minerva Telitha "Minnie" Jones (1913-1942)John Romolo Brinkley (poi John Richard Brinkley, 8 luglio 1885 - 26 maggio 1942) è stato unamericano controverso medico che ha sperimentato con xenotrapianti di capra ghiandole inesseri umani come mezzo per curare limpotenza maschile in cliniche in diversi stati, e unapubblicità e pioniere radiofonico che ha iniziato lera del Messico blaster bordo radio. [1] [2]Sebbene fosse spogliato della sua licenza per esercitare la professione medica in alcuni stati,Brinkley, una folla preferito e showman naturale, ancora lanciato due campagne per Kansasgovernatore, uno dei quali era quasi successo. Ascesa Brinkley alla fama e la fortuna eraprecipitosa come la sua eventuale caduta, al culmine della sua carriera aveva accumulato milionidi dollari e le auto di fantasia, ma è morto malato e quasi senza un soldo, a causa del grannumero di negligenza, omissione di soccorso e tute di frode intentata contro di lui.ContenutoPrimi anniBrinkley è nato a John Richard Brinkley, un uomo di montagna povero che praticava la medicinain North Carolina e servito come un medico per la Stati Confederati esercito durante la guerracivile americana . [1] primo matrimonio Padre Brinkley fu annullata perché era minorenne. [1 ]Dopo aver raggiunto letà adulta, si è sposato quattro volte di più, e sopravvissuto a ciascuno deisuoi giovani, mogli belle. Nel 1870, alletà di 42 anni, ha sposato Sarah T. Mingus. Più tardi, il 24-year-old nipote di Mingus si trasferì nella casa: Sarah Candice Burnett. [1] La famiglia chiama lamoglie di Brinkley è "Sally" di distinguere tra le due Sarahs. [1] Sarah Burnett ha dato alla lucefuori dal matrimonio a John Romolo Brinkley nel comune di Beta, in Contea di Jackson, Carolinadel Nord , il figlio di denominazione dopo che suo padre, e dopo Romolo , il gemello miticoallattato dai lupi. [1] Sarah Burnett morì di polmonite e tubercolosi Brinkley quando aveva cinqueanni. [3 ] Sarah T. "zia Sally" e John Brinkley si trasferì con il ragazzo a Est LaPorte allinternodella stessa contea, vicino al fiume Tuckasegee . [3] La famiglia aveva pochi soldi e vivevanovicino alla terra. John Richard Brinkley morì quando il figlio aveva dieci anni. [3] Giovane Brinkleypartecipato a una sola stanza scuola baita nella zona Tuckasegee, che si tiene ogni anno per treo quattro mesi di inverno. Lì, Brinkley Sally Margaret Wike, figlia di un benestante membro delconsiglio scolastico. [4] Quando Brinkley 13 anni, il periodo scolastico è stato allungato, e uninsegnante migliore impegnata. Brinkley terminato gli studi a 16 anni e ha iniziato a lavorareportando posta tra le città locali, e per imparare a usare un telegrafo . Avrebbe voluto, tuttavia, didiventare un medico. [4]Famiglia ed educazioneBrinkley circa 1.921Come un telegrafista, Brinkley è andato a New York a lavorare per la Western Union , dopo diche si trasferisce a New Jersey per lavorare a uno, poi un altro, azienda ferroviaria. [5] Alla finedel 1906, è tornato a casa zia Sally dopo aver sentito che era indisposto. Morì il 25 dicembre1906. [5] In seguito, è stato confortato da Sally Wike, ora 22 e un anno più di Brinkley. Si sonosposati il 27 gennaio 1907 a Sylva, Carolina del Nord . [5] Hanno viaggiato in giro spacciandosiper medici Quaker, dando città rurali di Medicine Show dove si vendeva un medicinale brevetto .[5] la prossima mossa di Brinkley era di Knoxville, Tennessee , dove ha giocato braccio destro,aiutando falco virilità "tonici" con un uomo di nome Dr. Burke. [6]
  • Nel 1907, Brinkley stabilì con la moglie a Chicago, dove hanno celebrato la nascita di una figlia, il5 novembre - Wanda Marion Brinkley. Il padre nuovo iscritto al Bennett Medical College, unascuola non accreditati con programmi discutibili focalizzata sulla medicina eclettica . [6] [7]Brinkley ha lavorato per Western Union come telegrafista durante la notte e ha frequentato lezionidurante il giorno, mentre i debiti montato dal corso, la costo di allevare una famiglia, e da Sallyegoistici capricci. Nel 1908, i Brinkleys sepolto un figlio neonato che aveva vissuto solo tre giorni.[8]A scuola, Brinkley è stato introdotto allo studio di estratti ghiandolari e dei loro effetti sul sistemaumano. Ha stabilito che questo nuovo campo dovrebbe contribuire a spostare in avanti la suacarriera. [8] Dopo due anni di studi, e sempre più profondi debiti, Brinkley raddoppiato il suocarico di lavoro estivo prendendo due turni a Western Union, ma è venuto a casa un giorno pertrovare la moglie e la figlia scomparsa. [8] di Sally ha chiesto il divorzio e sostegno ai figli, madopo due mesi di pagamenti, Brinkley rapito sua figlia e fuggì con lei in Canada. Sally Brinkley, ingrado di ottenere una estradizione ordine dal Canada, ha respinto il suo vestito per il sostegnoalimenti e bambino, permettendo Brinkley di tornare a Chicago con il bambino. La coppia riunitinel loro matrimonio roccioso. [8]Nel 1911, prima di Brinkley era finito con il suo terzo anno di studi, Sally lo ha lasciato di nuovo, egli diede unaltra figlia, Erna Maxine Brinkley, il 11 Luglio 1911 a casa nella zona di Tuckasegee.[8] Brinkley sinistra Chicago e la sua non retribuito bollette lezioni per tornare alla Carolina delNord e raggiungere la sua famiglia. Lì, ha iniziato a lavorare come "medico universitario", [8] manon è riuscito a stabilire se stesso. Si trasferì con la famiglia in giro per diverse città della Floridae North Carolina, "le valigie e andare per tutto il tempo da un luogo ad un altro". [8]Diploma mulinoNel 1912, Brinkley ha lasciato la sua famiglia per cercare di ritrovare il filo della sua formazione,questa volta in St. Louis, Missouri . Egli era in grado di pagare Bennett Medical College del corsoche doveva loro, così hanno rifiutato di trasmettere i suoi dischi scolastiche a qualsiasi dellescuole mediche che si sono avvicinati al Brinkley. [8] , invece, Brinkley ha acquistato un certificatoda un ombroso mulino diploma conosciuto come il Kansas City Università eclettica medico etornò a casa. Il 11 febbraio 1913 la figlia Naomi Beryl Brinkley è nato. [8] La famiglia di cinquepersone immediatamente si trasferisce a New York, e poco a Chicago. Quando Brinkley harifiutato di rinunciare al suo obiettivo di diventare un medico, Sally Brinkley lasciato unultimavolta, prendendo le tre ragazze a casa in North Carolina. [8]Brinkley impostare un business negozio in Greenville, Carolina del Sud con un uomo di nomeCrawford. [9] I due hanno aperto il loro negozio, in quanto le "Greenville Electro Medici Medic", eposto pubblicità per attrarre gli uomini che erano preoccupati per il loro vigore virile. [9 ] hannoiniettato acqua colorata nei loro pazienti a $ 25 un colpo ($ 600 in valore attuale), dicendo loroche era Salvarsan [9] o "medicina elettrica dalla Germania". [6] Dopo due mesi, i partner fretta halasciato la città con affitti non pagati , bollette e debiti per labbigliamento e forniturefarmaceutiche. Il giornale locale ha riferito che il duo ha lasciato circa 30 a 40 commercianti localicon assegni impagati. [6] [9] Hanno finito per Crawford, dove aveva vissuto, a Memphis,Tennessee . [9]Secondo matrimonioA Memphis, Brinkley ha incontrato 21 anni, Minerva Telitha "Minnie" Jones, amico di Crawford ela figlia di un medico locale. Il 23 agosto 1913, dopo quattro giorni di corteggiamento, [6] Brinkleye Jones sposati al Peabody Hotel , anche se lui era ancora sposato a Sally Brinkley. Minnie eJohn Brinkley luna di miele a Kansas City , Denver , Pocatello e Knoxville . Brinkley è statoarrestato a Knoxville ed estradato in Greenville dove fu messo in prigione per praticare lamedicina senza licenza e per la scrittura di assegni a vuoto. [9] Brinkley ha detto lo sceriffo cheera tutta colpa di Crawford, e ha dato gli investigatori informazioni sufficienti che erano in grado anab Crawford a Pocatello. I due ex partner incontrati di nuovo in prigione. [9]
  • Brinkley e Crawford ha deciso di risolvere in via extragiudiziale con i commercianti arrabbiatiGreenville per una somma di diverse migliaia di dollari, la maggior parte dei quali pagatiCrawford. Brinkley nuovo padre-in-law pagato cauzione Brinkley, ma solo contribuito $ 200 per ilsuo insediamento di debito fraudolenta (5.000 dollari in valore attuale.). [6] Brinkley rientratoMinnie Brinkley a Memphis. Cè, Sally Brinkley fronte la coppia, informando Minnie Brinkley chesuo marito era un bigamo . [9] Minnie e John Brinkley si trasferì a Judsonia, Arkansas , dove haancora ottenuto una "licenza studente" di praticare la medicina, la pubblicità la sua specialitàcome "malattie di donne e bambini ". [9] Ha fatto poco profitto, e si è unito lesercito di riservaMedical Corps. [9]Brinkley ha accettato lofferta di assumere la carica di un altro medico che si muoveva in un altrostato. Brinkley ha cominciato a girare un profitto modesto, ed è stato finalmente in grado dipagare Bennett Medical University limporto dovuto per linsegnamento. Nel mese di ottobre1914, i Brinkleys si trasferì a Kansas City dove si iscrive allUniversità eclettica medico di quellacittà per terminare il suo ultimo anno residuo della formazione ha iniziato a Bennett. Dopo averstudiato le irritazioni e ingrandimenti della prostata negli uomini anziani, e pagare luniversità a $100 ($ 2300 in valore attuale), Brinkley è laureato il 7 maggio 1915. Il suo diploma di mare gli hapermesso di esercitare la medicina in otto stati. [6] [9] Mentre a Kansas City, Brinkley ha preso unlavoro come medico per la Swift e la Società impianti, patch piccole ferite e studiare fisiologiaanimale. E qui che Brinkley appreso che lopinione pubblica ha dichiarato che il più sanomacellato presso lo stabilimento era la capra, cosa che si sarebbe rivelato fondamentale per lasua successiva carriera medica. [10]Per risolvere la possibilità della sua bigamia essere esposti, Minnie Brinkley ha spinto apresentare istanza di divorzio da Sally, che ha fatto nel mese di dicembre 1915. Per evitare che ilgiudice di indagatore di Sally direttamente, ha scritto che si erano sposati a New York City, e chenon sapeva il suo luogo di residenza. Il divorzio è stato finalizzato il 21 febbraio 1916. [11]Quattro giorni più tardi, Minnie e Brinkley si sono sposati di nuovo, questa volta a Liberty,Missouri . Brinkley non aveva atteso i necessari sei mesi dal divorzio al nuovo matrimoniosuccessivo. [11]Nel 1917, Brinkley, ora un riservista dellesercito, è stato chiamato per il servizio durante la primaguerra mondiale . Tuttavia, ha solo servito un po più di due mesi, la maggior parte della durata dicui era malato di una crisi di nervi, prima di essere scaricate. Nel mese di ottobre dello stessoanno, Brinkley e sua moglie si trasferì a Milford, Kansas , dopo aver visto un annuncio di giornaledicendo che la città aveva bisogno di un medico. [6]il trapianto della ghiandola GoatNel 1918, Brinkley ha aperto una clinica di 16 camere a Milford, dove ha conquistato la gente delposto immediatamente pagando un buon salario, tonificante leconomia locale e fare visite adomicilio sui pazienti affetti da lepidemia virulenta e mortale della pandemia influenzale del1918 . Per tutta la sua infamia in seguito come un ciarlatano, i conti del suo successo inallattamento vittime dellinfluenza indietro per la salute, e fino a che punto si recò a trattarli, sonostati clamorosamente positivi. [6]Come raccontato nella biografia che Brinkley aveva commissionato, ha colpito lidea ditrapiantare testicoli di capra in uomini quando un paziente è venuto a lui per chiedergli se potevarisolvere qualcuno che era "sessualmente debole". Brinkley ha risposto scherzando che ilpaziente non avrebbe alcun problema se avesse avuto "un paio di quelli [capra] buck ghiandole invoi". Il paziente poi pregò Brinkley per provare il funzionamento, che Brinkley ha fatto, per $ 150.(Il figlio del paziente in seguito ha detto al The Kansas City Star che Brinkley avevaeffettivamente offerto di pagare il suo padre "profumatamente" se fosse daccordo conlesperimento.) [10]Alla sua clinica, Brinkley ha cominciato a eseguire più operazioni, secondo lui, avrebbe
  • ripristinato la virilità maschile e la fertilità attraverso limpianto le ghiandole testicolari di capre neisuoi pazienti di sesso maschile con un costo di $ 750 per il funzionamento [6] (8.700 dollari invalore attuale). Seguendo una delle sue operazioni greggio, il corpo di un paziente in genereassorbono gonadi capra come estraneo. Gli organi non sono mai stati accettati come parte delcorpo da quando sono stati semplicemente messo nel sacco testicolo umano maschio oladdome della donna, in prossimità delle ovaie. Non sorprende che, alla luce della suaformazione discutibile medico (75 per cento a completamento di una meno-che-stimabile scuolamedica), la frequenza di funzionamento in stato di ebbrezza e tuttaltro che sterili ambientioperativi, alcuni pazienti hanno sofferto di infezioni, e un numero imprecisato morì. Brinkleydovrebbe essere citato più di una dozzina di volte per omicidio colposo tra il 1930 e il 1941. [12]Poco dopo Brinkley aperto un negozio, ha segnato un colpo di stato che ha fatto pubblicità suiprincipali quotidiani vengono chiamando: la moglie del suo primo paziente, il trapianto dellaghiandola capra ha dato alla luce un bambino. Brinkley ha iniziato a promuovere ghiandole capracome una cura per 27 malattie, che vanno da demenza di enfisema a flatulenza. [6] Ha iniziatoun blitz direct mail e assunto un agente pubblicitario, che ha contribuito a Brinkley ritrarre i suoitrattamenti, come trasformare gli uomini sfortunati in "lariete che sono con ogni agnello ". [6] Lasua raffica di pubblicità e le sue stratosferiche attestazioni attirato lattenzione della AmericanMedical Association , che ha inviato un agente per la clinica di indagare sotto copertura. Lagentetrovato una donna zoppicando intorno clinica Brinkley che era stato dato ovaie capra come curaper un tumore del midollo spinale. Da allora in poi, Brinkley era sul radar del AMA, tra cui catturalocchio del medico che alla fine, sarebbe responsabile della sua rovina, Morris Fishbein , che hafatto la sua carriera esponendo frodi mediche. [6]Allo stesso tempo, altri medici sono stati anche sperimentando con il trapianto di ghiandole, tracui Serge Voronoff , che era diventato famoso per linnesto testicoli di scimmia in uomini umani.Nel 1920 Voronoff dimostrato la sua tecnica prima di molti altri medici in un ospedale di Chicago,in cui Brinkley presentati senza invito. Anche se Brinkley era sbarrata la porta, il suo aspettoelevato il suo profilo nella stampa, che alla fine ha portato nella sua dimostrazione proprio in unospedale di Chicago. Testicoli di capra Brinkley trapiantati in 34 pazienti, tra cui un giudice, unconsigliere comunale, una matrona la società e il rettore della Università di GiurisprudenzaScuola di Chicago , il tutto mentre la stampa a guardare. [6] Il suo profilo pubblico è cresciuto, ela sua attività ghiandola a Milford proseguita a ritmo sostenuto.Nel 1922, Brinkley viaggiato a Los Angeles, su invito di Harry Chandler , proprietario del LosAngeles Times , che ha sfidato Brinkley di trapiantare testicoli di capra in uno dei suoi redattori.Se loperazione è stata un successo, Chandler ha scritto, avrebbe fatto Brinkley il "chirurgo piùfamoso in America", e se poi non si dovrebbe prendere in considerazione se stesso "maledetto".[6] California non ha riconosciuto Brinkley licenza di esercitare la professione medica dal ecletticaUniversity Medical, ma Chandler tirato alcune stringhe e lo fece 30 giorni di permesso.Loperazione è stata giudicata un successo, e Brinkley ha ricevuto la sua attenzione promessa incarta di Chandler, che ha inviato molti nuovi clienti via Brinkley, tra cui alcuni di Hollywood star delcinema. [6] Brinkley è stato così preso con la città e tutti i soldi che rappresentava nel forma dipotenziali pazienti, che ha cominciato a fare piani per trasferire la sua clinica lì. Ma le suesperanze sono state deluse quando la California Medical Board ha negato la sua richiesta di unalicenza permanente di praticare la medicina, avendo trovato il suo curriculum "piena di bugie econtraddizioni" (la maggior parte dei quali sono stati scoperti e segnalato al bordo Fishbein).Brinkley tornò a Kansas imperterrito e cominciò a espandere la sua clinica a Milford. [6]Brinkley prima stazioneMentre a Los Angeles, in tour KHJ Brinkley, una stazione radio di proprietà Chandler. Egli videsubito la radio di potenza ha come mezzo pubblicitario e di marketing e decise di costruire il suoproprio per promuovere i suoi servizi, anche se al momento la pubblicità su onde radio pubblicheera molto scoraggiato. Nel 1923 aveva un capitale sufficiente per costruire KFKB ("Prima Kansas,Kansas Best" o talvolta "Gente Kansas conosco meglio") [10] [13] utilizzando un trasmettitore 1kilowatt. Nello stesso anno, il St. Luigi Stella ha pubblicato un graffiante esporre mulini diploma di
  • medico, e nel 1924 il Kansas City postale Gazzetta seguito lesempio, portando così sgraditaattenzione Brinkley. Nel mese di luglio 1924, un gran giurì a San Francisco tramandata 19 rinvii agiudizio per le persone responsabili per il conferimento false lauree in medicina, e per alcunimedici che li hanno ricevuti; Brinkley era uno, dovuta per lo più alla sua domanda discutibile peruna licenza medica California. Quando gli agenti della California vennero ad arrestare Brinkley, ilgovernatore del Kansas si rifiutò di estradarlo perché ha fatto i soldi dello stato troppo. [6]Brinkley ha portato a onde radio la sua stazione radio a cantare per la sua vittoria sul AmericanMedical Association e Fishbein, che da questo momento aveva cominciato a dare discorsi escrivendo articoli per il Journal of American Medical Association deridere Brinkley e dei suoitrattamenti come ciarlataneria . La sua attività ghiandola fatto più soldi che mai, e avevacominciato attrarre pazienti da tutto il mondo. [6]Brinkley ha parlato per ore e ore ogni giorno alla radio, in primo luogo promuovere i suoitrattamenti ghiandola capra. Egli variamente blandito, vergogna e ha fatto appello agli uomini (edonne) ego, e per il loro desiderio di essere più sessualmente attivi. Tra propri annunci Brinkley,la sua nuova stazione caratterizzato da una varietà di intrattenimento tra cui bande militari, lezionidi francese, previsioni astrologiche, racconti e curiosità, come nativi hawaiani canzoni, eAmerican musica radici anche old-time String Band, gospel e country precoce. [ 6]La pubblicità rafforzare la sua stazione radio ha dato era enorme, e Milford beneficiato pure;Brinkley pagato per un nuovo sistema fognario e marciapiedi, elettrica installata, ha costruito unchiosco per la musica e gli appartamenti per i suoi pazienti e dipendenti, così come un ufficiopostale nuovo di gestire tutta la sua posta. E stato nominato un "ammiraglio" nella MarinaKansas e sponsorizzato una squadra di baseball città natale chiamato Capre Brinkley. [10]Desideroso di migliori credenziali, nel 1925 Brinkley viaggiato in Europa in cerca di lauree honoriscausa. Dopo essere stato respinto da vari istituti nel Regno Unito , Brinkley ha trovato unpretendente disposto nelluniversità di Pavia, Italia . Ex insegnante Fishbein e Brinkley, MaxThorek , sentito il grado e la pressione sul governo italiano di risoluzione dello stesso. BenitoMussolini si revoca il grado, anche se Brinkley ha sostenuto fino alla sua morte. [6] Fishbeininteresse a porre Brinkley lattività è cresciuta e ha scritto altri articoli caratterizzati da storie dipersone che si erano ammalati o sono morti dopo aver visto Brinkley. Ma i lettori della rivista AMAè stato per lo più limitato ad altri medici, mentre la stazione radio Brinkley è versato direttamentenelle case della gente ogni giorno.Minnie Brinkley partecipazione Brinkley John Richard IIIDopo la sua nascita il 3 settembre 1927, la vocina di Brinkley, figlio di John Richard Brinkley III,soprannominato "Johnny Boy", è stato sentito nel programma radio. Notando larrivo del bambinodopo 14 anni di matrimonio, alcuni osservatori si chiese se Brinkley aveva preso il propriotrattamento ghiandola capra. Le Brinkleys negato queste voci. [14]Box domanda medicaBrinkley ha iniziato sostenendo le sue ghiandole capra potrebbe anche aiutare maschili dellaprostata problemi e ampliato la sua attività di nuovo. [6] Ha anche iniziato un nuovo segmentoradio chiamata "Box domanda Medical", dove avrebbe letto lamentele medici ascoltatori via eteree suggerire di proprietà trattamenti. Questi trattamenti sono disponibili solo a una rete di farmacieche erano membri del "Brinkley Pharmaceutical Association". Queste farmacie affiliate vendutoBrinkley i farmaci da banco a prezzi molto gonfiati, ha inviato una parte del loro profitto tornare aBrinkley e tenuto il resto. [6] Si stima che questo ha generato $ 14.000 nel risultato settimanaleper Brinkley, o circa $ 10128200 allanno valore corrente. Rapporti dei pazienti che hannoassunto Brinkley di trattamenti suggeriti mostrando malati presso lufficio un altro medico hacominciato a crescere, e, infine, Merck & Co. farmaceutico, le cui medicine Brinkley routinemisprescribed, ha chiesto Fishbein agire, lAMA ha risposto che non avevano alcun potere su diBrinkley, salva per cercare di informare il pubblico. [6]Il Kansas City Star, che possedeva una stazione radio che in concorrenza con Brinkley, corse
  • una serie sfavorevole di rapporti su di lui. Nel 1930, quando il Kansas Medical Board ha tenutounaudizione formale per decidere se licenza medica Brinkley dovrebbe essere revocata, Brinkleyaveva firmato i certificati di morte di 42 persone, molti dei quali non erano male quando si sonopresentati nella sua clinica. Non è chiaro quanti dei pazienti Brinkley potrebbe aver ammalarsi opoi morì altrove. [15] Il consiglio medico revocato la sua licenza, affermando che Brinkley "haeseguito organizzata ciarlataneria ... ben oltre linvenzione degli umili saltimbanco". [10]Sei mesi dopo aver perso la sua licenza medica, la Federal Radio Commission ha rifiutato dirinnovare la licenza di trasmissione la sua stazione, trovando che Brinkley le trasmissioni eranoper lo più pubblicità, che ha violato i trattati internazionali, che ha trasmesso materiale osceno, eche il suo medico serie Box domanda era "contrario alla linteresse pubblico ". Ha citato ingiudizio la commissione, ma il giudice ha accolto la revoca e il caso Brinkley contro FRC èdiventato un caso esemplare del diritto di trasmissione. [10] [16]Carriera politicaBrinkley ha reagito a perdere i suoi titoli di medico e trasmesso con il lancio di unofferta perdiventare il governatore del Kansas , una posizione politica che gli avrebbe permesso dinominare i suoi stessi membri della commissione medica per ritrovare il suo diritto di esercitare laprofessione medica nello stato. Ha preso il via la sua candidatura solo tre giorni dopo aver persola sua licenza medica, usando la sua stazione radio per aiutare la sua campagna. [17] Al suofianco era il più grande KFKB country star della musica, Roy Faulkner , che è salito sul palco conla chitarra e cappello in mano. Brinkley campagna su un programma vago di lavori pubblici (unlago di stato in ogni contea), listruzione (libri di testo gratuiti per gli studenti pubblici e unamaggiore opportunità educative per i neri), abbassare le tasse, e le pensioni di anzianità. Ha fattoappello al voto immigrato mettendo popolo tedesco e di lingua svedese in onda alle KFKB. Haarruolato un pilota con il suo aereo personale (che Brinkley soprannominato Il Romancer [10] )per fornire Brinkley in grande stile ai suoi comizi elettorali. In breve, Brinkley era un maestro dellatrovata pubblicitaria, quando un giornalista importante giornale ha pubblicato un articolo criticodelle proprie qualifiche per eseguire uno stato, Brinkley ha mandato una capra. [18]La sua campagna è stata condotta come indipendente scrittura nei paesi candidati, perché haaspettato a dichiarare la sua candidatura fino a settembre, dopo che le schede erano già statistampati. Tre giorni prima delle elezioni, il Kansas procuratore generale (che aveva perseguitoBrinkley prima che la commissione medica) ha annunciato che le regole che circondano write-incandidate era cambiato, e che il nome del medico non poteva che essere scritto in un modospecifico per il voto per contare (come JR Brinkley). In qualità di scrittura nei paesi candidati, haricevuto più di 180.000 voti (29,5 per cento dei voti) e perso con Harry Hines Woodring , poiFranklin Delano Roosevelt segretario s di guerra. [19] Un articolo pubblicato nel momento in DesMoines Registrati stima che tra i 30.000 e 50.000 schede elettorali sono stati squalificati in questomodo. Woodring più tardi ammise che aveva quei voti contati, Brinkley avrebbe vinto. [20] [21]Brinkley corse di nuovo nel 1932 come indipendente, ricevendo 244.607 voti (30,6 per cento deivoti), perdendo contro repubblicano Alf Landon , candidato repubblicano per la presidenza inseguito. [22]Le sue prospettive di successo in Kansas distrutta, Brinkley KFKB venduto a una compagnia diassicurazioni e ha deciso di avvicinarsi al confine con il Messico, dove avrebbe potuto operare unpotente stazione radio impunemente. Anche se non poteva più praticare la medicina in Kansas,ha mantenuto la sua clinica Milford aprire e mettere due dei suoi protetti in carica. [23] contesi trala prospettiva di essere un pesce grosso in uno stagno molto piccolo, si trasferì a Brinkley sonnoDel Rio, Texas , che si trovava proprio di fronte un ponte dal Messico.Brinkley e radioIl governo messicano, desiderosi di ottenere anche con i suoi vicini settentrionali di ripartizionedel Nord America lunghezze donda radio senza dare alcuna in Messico, ha concesso Brinkley a50.000 watt licenza radio e iniziò la costruzione di XER-AM , il suo nuovo " blaster confine
  • "attraverso il ponte da Del Rio a Villa Acuña, Coahuila (dal rinominato Ciudad Acuña ). [10] Comecostruzione ha preso il via, Fishbein e il Dipartimento di Stato disperatamente cercato un modoper chiudere Brinkley giù. Sotto forti pressioni da parte del Dipartimento di Stato, il governomessicano ha fermato la costruzione di XER-AM, ma era solo temporanea. In poche settimane,la costruzione riprese e presto due 300 piedi (91 m) ha raggiunto torri verso il cielo. [24] XER, a840 kilohertz in AM quadrante, irradiata da una antenna onda cielo , ha fatto la sua primatrasmissione nel mese di ottobre 1931. Brinkley ha chiamato il "Stazione sole tra le Nazioni".Brinkley ha usato la sua blaster nuova frontiera per riprendere la sua campagna per ilgovernatore, utilizzando il telefono per chiamare le sue trasmissioni al trasmettitore. Questoapproccio non ha funzionato, e ha perso lennesima campagna elettorale, avrebbe perso dinuovo nel 1934. Anche se licenza radio americana Brinkley era stato revocato, il segnale XERera così forte che potrebbe ancora essere sentito in Kansas. [25] Nel 1932, il governo messicanoha permesso di Brinkley la sua potenza a 150.000 watt. Alcuni mesi più tardi, Brinkley è statopermesso di salire a un milione di Watt, "fare XER di gran lunga la stazione radio più potente delpianeta", che, in una notte chiara, potrebbe essere sentito come lontano Canada. Secondo lecronache del tempo, il segnale era così forte che ha acceso fari delle automobili, fatto ronzio retiper letti, e ha causato trasmissioni a sanguinare in conversazioni telefoniche. [26] abitanti dellazona non ha nemmeno bisogno di una radio per ascoltare la stazione Brinkley di allevatori; riferitoche lhanno ricevuto attraverso le loro reti metalliche e nei loro apparecchi dentali. [27]Brinkley ha continuato il suo vecchio formato radiofonico di consigli medici corrispondono aprodotti pubblicitari. Ascoltatori maschi hanno offerto una serie di costosi intrugli checomprendeva mercurocromo iniezioni e pillole, tutti progettati per aiutarli a ritrovare la loro abilitàsessuale. Alla clinica in albergo dove ha vissuto ha anche effettuato operazioni alla prostata. Haanche iniziato a vendere tempo di trasmissione ad altri inserzionisti (a 1.700 dollari lora, $ 23.700in valore attuale), dando luogo a nuovi venditori ambulanti di prodotti scellino come "CristalliCrazy Water", "veri simulati" diamanti, assicurazioni sulla vita, e una serie di accessori religiosi ,tra cui quello che era preteso di essere immagini autografate di Gesù Cristo . Brinkley hacontinuato la sua formazione di imballaggio radio con paese up-and-coming e cantanti radici lacui carriera la sua stazione radio lancio contribuito (tra cui Patsy Montana , Red Foley , GeneAutry , Jimmie Rodgers , La famiglia Carter , e altri). Del Rio è stato conosciuto come "HillbillyHollywood". [28]Quando la FRC vietato quello che hanno chiamato "apparizioni" (lettori della mente, indovini ealtri mistici) dalle trasmissioni alla radio degli Stati Uniti nel 1932, molti di loro hanno seguito ilmodello Brinkley, aprendo i loro blaster di frontiera in Messico. Nel 1932, 11 stazioni di questiaveva aperto, tra cui XENT , XERB , XELO , XEG e XEPN . [29]Brinkley era ancora la spola avanti e indietro da Milford a Del Rio, spesso trasmettendo da XERper telefono. Ma nel 1932, il Congresso ha approvato una legge che vieta questa pratica,conosciuta come la legge Brinkley . Impassibile, Brinkley ha iniziato ad usare un po della prima "elettrica trascrizioni "- quello che oggi si chiamerebbe pre-registrazioni - di aggirare la legge. Inquesto periodo, Brinkley ha deciso di tagliare il resto dei suoi legami con Kansas, chiudendo ilsuo ospedale si e lapertura di uno nuovo in Del Rio, che occupava tre piani dell Hotel Roswell,dove viveva con la moglie. [30]Nel 1934, il Messico ha revocato la licenza di trasmissione Brinkley, il risultato delle pressionidegli Stati Uniti. I soldati dellesercito messicano è arrivato alle porte della stazione di chiuderegiù, e per un tempo che aveva a trasmettere da XEPN nelle vicinanze, si trova a Piedras Negras,Coahuila .Anche se Brinkley ha continuato a svolgere loccasionale trapianto ghiandola capra, in Texas suapratica spostato principalmente di eseguire leggermente modificati vasectomia e della prostata"rejuvenations" (per la quale ha addebitato fino a $ 1.000 per il funzionamento ($ 17.000 in valoreattuale), e prescritto le medicine proprietaria per il dopo-cura). [31] La sua attività, alimentata
  • dalla pubblicità radio e discorsi, ha continuato a prosperare, e aprì unaltra clinica a San Juan, inTexas specializzata nel colon. [32] Nel 1936, Brinkley aveva accumulato abbastanza ricchezza dacostruire un palazzo per sé e per la moglie di 16 acri (6,5 ettari) di terreno. Brinkley vantava unascuderia di una dozzina di Cadillac, una serra, un giardino fontana spumeggiante circondato da8.000 cespugli, animali esotici importati dalla isole Galapagos , e una piscina con un 10 piedi (3,0m), trampolino. [33] Brinkley ha continuato vivere ad alto contenuto di Del Rio, fino a quando nel1938 un medico rivale cominciò a tagliare in affari Brinkley, offrendo procedure analoghe moltopiù a buon mercato. Quando Del Rio anziani della città si rifiutò di mettere il concorrente fuori dalmercato, Brinkley chiuso i battenti e riaperto nel centro di Little Rock, Arkansas con un altroospedale a quello che oggi è Monastero Marylake . La concorrenza di Del Rio ha aperto unnuovo centro di cancro in Eureka Springs, Arkansas , a circa 150 miglia (240 km) a nord ovest diLittle Rock. [34]Processo e morteTomba di John R. BrinkleyNel 1938, vecchia nemesi Brinkley, Morris Fishbein, è entrato in scena ancora una volta con unavendetta, la pubblicazione di una serie di due parti chiamate "Charlatans medica moderna" checomprendeva un ripudio completo della carriera di scacchi Brinkley, oltre a esporre le suecredenziali discutibili medici. Brinkley citato Fishbein per diffamazione e $ 250.000 di danni (4,13milioni dollari in valore attuale). [35] Il processo è iniziato il 22 marzo 1939, prima di Texas giudiceRJ MacMillan . [36] Pochi giorni dopo, la giuria ha trovato per Fishbein, affermando che Brinkley"dovrebbe essere considerato un ciarlatano e un ciarlatano nellordinario, ben compresasignificato di quelle parole". [37] Il verdetto della giuria ha scatenato una raffica di cause controBrinkley, secondo alcune stime ben più di $ 3 milioni in valore totale. Anche in questo periodo, lInternal Revenue Service ha iniziato a studiare lui per frode fiscale.http://en.wikipedia.org/wiki/John_R._BrinkleyIL NICHILISMO ED LA GUERRAMa se non basta il sesso,od il denaro,od la droga,allora deve esserci un altra tappa evolutiva innegativo,o meglio disevolutiva,la guerra.Basti pensare alle interpretazioni Neodarwiniste,cheprivilegiano laspetto antidemocratico fascista,ed determinista,affermando che la vita umana nonsia altro che una lotta in cui i più forti di una specie animale prevalgono ed il resto soccombe,unavisione quanto mai cupa ed triste della realtà,che però uno scienziato come Lysenko avevasfatato già nel 900,uno scienziato ingiustamente calunniato dagli accademici borghesi perchè diprovenienza proletaria,"Fu a lungo presidente della Accademia delle scienze agricole dellUnioneSovietica, dal 1938 al 1959 e dal 1961 al 1962.Chiamato dalla stampa sovietica lo scienziato scalzo per le sue origini contadine,"Grazie ad un sito internet,possiamo esaminare in sintesi il corso delle sue ricerche ed il pensieroscientifico.La teoria dell’evoluzione gradualista di Darwin traeva origine dalla visione filosofica posta allabase della società vittoriana. Da questa particolare concezione di evoluzione sono eliminati tutti ibalzi, i bruschi cambiamenti e le trasformazioni rivoluzionarie; si tratta di una prospettivaantidialettica che ha esercitato la sua negativa influenza sulle scienze fino ai nostri giornipermettendone un uso strumentale.
  • Lo studioso Stephen Jay Gould, paleontologo dell’evoluzionismo moderno, ha espresso nelseguente modo il limite imposto dalla cultura all’avanzamento della scienza, in inconsuetasintonia (per uno studioso occidentale) con il materialismo dialettico:“Un influsso profondamente radicato nel pensiero occidentale ci predispone a ricercare lacontinuità e il cambiamento graduale.”Quasi un secolo fa, il marxista Georgij Plechanov polemizzava contro la concezione gradualistadell’evoluzione:“La filosofia idealistica tedesca si è opposta energicamente a questa caricatura dell’idea dievoluzione. Hegel l’ha crudelmente derisa, dimostrando inconfutabilmente che, nella societàumana, come nella natura, i balzi costituiscono un aspetto dell’evoluzione non meno essenzialidelle impercettibili modificazioni quantitative. Le modificazioni dell’essere non consistono soltantonel passaggio da una quantità a un’altra quantità, ma anche nel passaggio dalla qualità allaquantità e viceversa; ciascun passaggio di quest’ultimo tipo costituisce una rottura dellacontinuità e conferisce al fenomeno un nuovo aspetto, qualitativamente diverso dal precedente.““Evoluzione” e “rivoluzione” sono due facce dello stesso processo che, abbandonando ilgradualismo, permettono lo sviluppo di una spiegazione alternativa dell’evoluzione, in sintoniacon il materialismo dialettico.A quell’epoca vi era anche un’altra lunga controversia tra le interpretazioni lamarckiana edarwiniana della teoria dell’evoluzione che stava giungendo al termine con la vittoria dellaseconda, ma sia in Europa sia in America c’erano ancora molti lamarckiani convinti.Secondo Lamarck, i cambiamenti evolutivi si verificavano attraverso l’esercizio: è la teoriadell’ereditarietà dei caratteri acquisiti. I figli del fabbro ereditavano i muscoli del padre perché ilmartellare quotidiano che aveva sviluppato i muscoli al padre alterava la componente ereditabile(oggi diremmo «i geni») che questo passava alla prole. Mezzo secolo dopo, Darwin sostennel’ereditarietà dei caratteri dovuti a cambiamenti accidentali del materiale genetico; la selezionenaturale assolveva la funzione di conservare le varianti rivelatesi più efficaci attraverso unamaggiore riproduzione differenziale. Solo gli individui con i geni per una muscolatura possentediventavano buoni fabbri, per cui solo queste varianti presenti nella popolazione generalevenivano trasmesse alla generazione successiva, indipendentemente da quanto l’uso delmartello irrobustisse i muscoli del fabbro durante la sua vita. Altri cinquant’anni dopo, la nuovascienza della genetica confermò l’ipotesi di Darwin. Secondo quello che è noto oggi come«principio di Weismann» o «dogma centrale», la relazione tra il genotipo (l’insieme dei geni cheun individuo eredita dai genitori) e il fenotipo (l’insieme dei caratteri fisici che tale individuo finisceper avere) è un processo esclusivamente a senso unico: i geni influenzano il fenotipo, ma nonviceversa.
  • Pur significando un grande balzo in avanti sull’idealismo creazionista, l’evoluzionismo siimponeva attraverso tutta una serie di contraddizioni, alcune delle quali inaccettabili alla luce delmaterialismo dialettico: Darwin introduceva un consistente supplemento di conservatorismo nellesue teorie, volendo dimostrare che non si verificano salti in natura, come non si verificherebberonella storia. La dialettica invece sa molto bene che in natura e anchenel pensiero umano e nellastoria i salti sono inevitabili. Ma allo stesso tempo essa non trascura il fatto innegabile che lostesso processo ininterrotto è all’opera in tutte le fasi del cambiamento; la dialettica cerca solo dichiarire le condizioni determinate in cui un cambiamento graduale deve necessariamente portarea un balzo. Malgrado quest’errore, Darwin aveva ampiamente ragione rispetto all’interpretazionedi Lamarck sulla ereditarietà dei caratteri.Naturalmente queste diversità di interpretazione si ritrovavano riflesse e anche amplificate in altriambiti scientifici collegati, specialmente nell’ambito della biologia e della genetica, dividendoaspramente le varie correnti di pensiero che si confrontavano. E’ anche in queste contraddizioniche si trova inserita la drammatica situazione della giovane Russia rivoluzionaria: la mancanza digrano determinata dalle politiche zariste, gli strumenti arcaici di coltivazione e la freneticanecessità di aumentarne la produzione, nonché l’intervento ostile delle potenze occidentali,hanno imposto agli scienziati sovietici una dura battaglia politica anziché teorica.L’eugenetica: ovvero la repressione pseudoscientificaMa gli interessi economico-politici, a dispetto dei fatti, hanno partorito e alimentato l’eugeneticaquale strumento per diffondere teorie reazionarie i cui sostenitori colsero al volo l’opportunità perrafforzare il loro messaggio deterministico utilizzando strumentalmente studi di pedagogia (comequelli realizzati da Binet) su bambini di varie età, concludendo che l’intelligenza sarebbe stata daconsiderarsi innata e fissata ereditariamente, in stretta corrispondenza con la classe sociale el’origine razziale. Quando Lewis Terman introdusse i test Stanford-Binet negli Usa, lo fece perdimostrare che l’intelligenza limitata è molto comune tra le famiglie indo-ispaniche, messicane delsudovest, e fra i negri. Le argomentazioni furono le seguenti:“La loro ottusità sembra essere proprio della razza o, almeno, collegata alla stirpe dalla qualeprovengono... I bambini di questo gruppo dovrebbero essere segregati in classi speciali... Nonsono capaci di padroneggiare le astrazioni, ma possono frequentemente diventare degli operaiefficienti... Non c’è, al momento, alcuna possibilità di convincere la società che non dovrebbeessere loro permessa la riproduzione, nondimeno da un punto di vista eugenetico essirappresentano un grave problema, data la loro insolita prolificità.“Di simile avviso, in relazione all’uso dei test, erano anche i funzionari dirigenti dell’istruzionepubblica statunitense; il passo immediatamente successivo fu quello di estenderne l’applicazione,stabilendo uno standard per gli adulti ed individuando un rapporto tra età mentale ed età fisicaper mezzo del test del “Quoziente d’Intelligenza” (QI).In Gran Bretagna fu lo psicologo Sir Cyril Lodowic Burt a tradurre e a svolgere la stessa azione di
  • alfiere del test di Binet, con fervore addirittura maggiore rispetto ai suoi colleghi nordamericani,pretendendo di dimostrare, sulla base di millantati studi, che gli uomini sarebbero più intelligentidelle donne. Lo stesso signore proclamò di essere in possesso di prove scientifiche inoppugnabilidel fatto che i cristiani sarebbero stati più intelligenti degli ebrei, gli inglesi degli irlandesi, gliinglesi ricchi degli inglesi poveri, e così via. Guarda caso, Burt era ricco, maschio, inglese ecristiano! Così gli oppressori giustificano l’oppressione e i ricchi e i potenti giustificano i loroprivilegi: in base alla convinzione che le loro vittime siano da considerarsi “inferiori”. Per oltre 65anni, fino alla sua morte nel 1971, Burt continuò ad occuparsi di eugenetica e dei test QI,debitamente onorato e riverito per i servigi resi all’umanità. Contribuì, infatti, alla concezione ealla definizione del famigerato sistema educativo “eleven plus” che, in Gran Bretagna, segregavai bambini ripartendoli tra due tipi di scuole medie. Burt sentenziò:“La capacità deve necessariamente limitare il contenuto: come una tazza da una pinta non puòcontenere più di una pinta di latte, così un bambino non può raggiungere risultati scolasticimigliori di quanto permetta la sua capacità di apprendimento.“I test di Binet, dunque, vennero stravolti per inasprire il carattere di classe della società. Essi nonerano più volti ad aiutare i bambini, bensì a segregare gli uni dagli altri. C’era chi nasceva perlavorare in miniera e chi nasceva per dominare la società. Comunque vengano modificati, i testQI sono tutti il prodotto di uno stesso principio secondo il quale una preconcetta “intelligenza”costituirebbe il modello di riferimento a cui tutte le altre devono essere comparate. Tali test sonopesantemente influenzati dagli stereotipi culturali e sociali dominanti, in base ai quali vienedeterminato il risultato, e da criteri puramente finalizzati al rendimento scolastico.L’idea che sia possibile individuare o misurare l’intelligenza in un modo talmente rozzo èassolutamente sbagliata. Che cos’è l’intelligenza, come si può quantificare? Non si tratta dimisurare il peso o l’altezza. L’intelligenza non è statica, come sosteneva Burt, ma dinamica;inoltre il potenziale del cervello umano è illimitato. Il compito della società dovrebbe proprioessere quello di permettere che tale potenziale si esprima al meglio. Le situazioni ambientali chel’individuo incontra possono influenzare notevolmente, positivamente o negativamente, losviluppo di tale potenziale. Un bambino cresciuto in condizioni sociali disagiate non potrà essereche svantaggiato rispetto ad uno che sia cresciuto avendo a disposizione tutto ciò di cui avessebisogno.Cambiare l’ambiente sociale nel quale il bambino cresce significa cambiare il bambino: alcontrario di quello che pensano i genetisti di scuola determinista, l’intelligenza è priva dapredeterminazioni genetiche. L’ossessione di rappresentare statisticamente l’intelligenza permezzo della curva a forma di campana è un ulteriore tentativo di rafforzare il conformismosociale. Chi non rientra nella norma è ritenuto “anormale” e quindi bisognoso di “cura”. Si affermache sono i geni a determinare a quale classe o razza apparteniamo, ovvero determinare la nostravita. Ma in realtà, mentre è vero il fatto che il nostro genotipo è fisso, il fenotipo cambiacontinuamente: la perdita di un braccio o di una gamba è irreversibile, ma non geneticamentetrasmissibile; il morbo di Wilson è ereditario, ma non irreversibile se curato con i farmaciopportuni.Negli Stati Uniti, la cosiddetta “terra della libertà”, ebbe luogo il trionfo del movimento per
  • l’eugenetica con l’adozione di leggi che costringevano alla sterilizzazione gli individui ritenuti“biologicamente inferiori”. Lo stato dell’Indiana approvò per primo una legge sulla sterilizzazionenel 1907. Su segnalazione di un gruppo di esperti, tutti gli individui considerati pazzi, idioti oritardati avrebbero subìto la sterilizzazione. Settant’anni fa, John Scopes insegnava l’evoluzionedelle specie ricorrendo ad un manuale intitolato A Civic Biology, opera di G. W Hunter, cheriportava al suo interno l’infame caso di Jukes e Kallikaks. Nel capitolo Parasitism and Its Cost toSociety: the Remedy (Il parassitismo ed il suo costo sociale: la cura) l’autore affermava:“Centinaia di famiglie simili a quelle appena descritte conducono oggi la loro vita e contagiano dimalattia, immoralità e crimine ogni parte di questo paese. Il costo che l’intera società paga per laloro esistenza è molto alto. Esattamente allo stesso modo in cui alcuni animali o piante cresconocome parassiti a scapito di altri, tali famiglie sono diventate i parassiti della società. Non soloqueste famiglie danneggiano gli altri corrompendoli, rubando o diffondendo malattie, ma sonoaddirittura protette dallo stato con il denaro pubblico: gli ospizi per i poveri e i manicomi esistonoin larga misura per loro. Siamo di fronte a veri e propri parassiti.Se tali persone fossero animali inferiori probabilmente li stermineremmo così da evitarne laproliferazione. L’umanità non lo permette, ma dobbiamo comunque provvedere separando i duesessi nei manicomi o in altri posti, evitare con ogni mezzo i matrimoni tra di essi e le occasionifavorevoli alla proliferazione di tale razza inferiore e degenerata.“Nell’infame “processo delle scimmie” del 1925, Scopes fu riconosciuto colpevole di averinsegnato la teoria dell’evoluzione, in contravvenzione alle leggi dello Stato del Tennessee. Ilprocesso addirittura sostenne le leggi antievoluzioniste di quello Stato, le quali non venneroabolite fino al 1968.Non più tardi degli anni Trenta, oltre 30 stati nordamericani avevano adottato leggi sullasterilizzazione, estendendone l’applicazione a drogati ed alcolizzati e, in alcuni casi, perfino aiciechi ed ai sordi. Tale campagna raggiunse il proprio apice nel 1927, quando la Corte Suprema,con otto voti contro uno, confermò la validità della legge sulla sterilizzazione della Virginia nelcaso Buck contro Bell. Ilcaso riguardava una ragazza bianca di diciotto anni, Carrie Buck,rinchiusa contro la sua volontà nella Colonia statale per epilettici e minorati, la quale fu la primapersona ad essere sterilizzata conformemente alla nuova legge. Secondo la testimonianza diHarry Laughlin, sovrintendente dell’Ufficio del registro per l’eugenetica (il quale avrebbe volutoeliminare “quel decimo della popolazione attuale più inutile”), la ragazza fu scelta perché lei, lamadre e la sorella erano tutte mentalmente handicappate per motivi genetici. I dati provenivano ingran parte dal test QI Stanford-Binet che si rivelò poi completamente erroneo. Il giudice, tale 0.W. Holmes, sentenziò che “tre generazioni di idioti sono già sufficienti”. Anche Doris, sorella diCarrie, subì a sua insaputa lo stesso trattamento previsto dalla legge. La figlia di Carrie, Vivian,che mori nel 1932 a causa di una malattia, venne descritta dai suoi insegnanti come una bambina“brillante”.Nel gennaio 1935, circa ventimila sterilizzazioni forzate erano già state eseguite negli Usa perscopi eugenetici. Laughlin avrebbe voluto includere nella rete anche “senzatetto, barboni emendicanti”, cosa che venne attuata con maggior zelo dalla Germania nazista, dovel’Erbgesundheitsrecht portò alla sterilizzazione di circa 375 mila persone, compresi 4 mila tra
  • ciechi e sordi. Negli Usa si arrivò a 30 mila persone sterilizzate contro la loro volontà.L’eugenetica classica è stata ormai screditata ma ne sono emerse forme nuove, come lapsicochirurgia, la quale sostiene l’ipotesi che, con interventi chirurgici sul cervello, possonoessere alleviati alcuni problemi sociali, in particolare la violenza. Due psicochirurghi statunitensi,Vernon Mark e Frank Ervin, arrivarono al punto di sostenere che le rivolte urbane erano causateda cittadini con problemi mentali (Amigdala alterata) e avrebbero potuto essere affrontate permezzo di interventi di chirurgia cerebrale sui leader dei ghetti. Numerose ricerche in questosettore della biologia vengono tuttora finanziate da diversi dipartimenti della giustizia degli StatiUniti.Una lettera inviata nel 1971 al direttore degli istituti di correzione, Agenzia Relazioni Umane diSacramento, da parte del direttore delle cliniche e degli ospedali del Centro medicodell’Università della California illustra la mentalità di settori di quella comunità impropriamentedenominata “scientifica”. Cercando candidati idonei per la chirurgia mentale, vengono richiestidetenuti che abbiano dimostrato un “carattere violento, distruttivo, sospetto risultato di gravidisturbi neurologici” per compiere “procedimenti diagnostici e chirurgici... al fine di localizzare icentri neuronali, precedentemente danneggiati, dai quali possano essere partiti gli impulsi perepisodi di condotta violenta” e rimuoverli chirurgicamente. Nella risposta venne suggerito uncandidato internato e trasferito per “crescente combattività, capacità di comando e dichiarato odioper la società dei bianchi (...). È stato identificato come uno dei leader dello sciopero dell’aprile1971 (...). È inoltre provato il fatto che abbia letto, a quell’epoca, una quantità incredibile dimateriale rivoluzionario. “Idiozie ideologiche di questo tipo sono la copertura teorica della piùbecera reazione politica”.Nel 1980il dottor K. Nelson, neo-direttore dell’ospedale di Lynchburg, quello in cui Carrie Buck fusterilizzata, scoprì che erano state effettuate oltre 4.000sterilizzazioni, le ultime delle qualirisalgono al 1972. I test QI usati nel caso Buck sono stati confutati da lungo tempo, ma,nonostante ciò, le idee reazionarie che sostenevano la sterilizzazione forzata non sono affattorelegate alle “epoche oscure” del remoto passato, ma sono ancora oggi vive, sostenute da teoriepseudo-scientifiche, specialmente negli Usa. Ancora oggi, in questa nazione, leggi a favore dellasterilizzazione obbligatoria compaiono nella legislazione di 22 stati.La percentuale di detenuti sulla popolazione, negli Stati Uniti, è più che triplicata dall’inizio deglianni ‘70. In Gran Bretagna tale percentuale è a livelli da record e le prigioni sono talmente pieneche alcuni detenuti sono alloggiati presso i commissariati di polizia o rinchiusi in appositi cassonigalleggianti. “La Gran Bretagna ha la percentuale di detenuti più alta di tutti i paesi del Consigliod’Europa eccetto l’Ungheria”, scrive il Financial Times (10 marzo 1994). Ciononostante il numerodi reati gravi rimane alto in entrambi i paesi. Questa crisi ha dato spazio al fiorire di teoriereazionarie che cercano di legare il comportamento criminale a fattori biologici. “A fronte di ogniriduzione dell’1% dei reati la nazione risparmia 1,2 miliardi di dollari”, sostiene lo psicologoamericano Adrian Raine. Come conseguenza di ciò il bilancio dell’Istituto Nazionale per la Sanitàstatunitense ha accresciuto gli stanziamenti, per ricerche sulla violenza, fino alla considerevolecifra di 58 milioni di dollari. Nel dicembre 1994,inoltre, la National Science Foundation haproposto di dar vita ad un consorzio quinquennale di ricerca su questi temi, proponendo lostanziamento di altri dodici milioni di dollari. “Con il passo in avanti che contiamo di fare graziealla ricerca, saremo presto in grado di individuare molte persone che sono biologicamente inclinialla violenza”, sostiene Stuart Yudofsky, presidente del dipartimento di psichiatria presso il Baylor
  • College of Medicine, sulle pagine di Scientific American del marzo 1995.Il problema della detenzione, e soprattutto per quanto riguarda gli Usa, apre un nuovo capitolo:negli Stati Uniti le ditte commerciali che utilizzano interi penitenziari per la produzione sonoaddirittura quotate in borsa. Quindi: nuova forma di profitto, manodopera a costo zero, nessuna“riabilitazione”, incremento della repressione-detenzione.In determinati circoli di discussione sembra diventato di moda attribuire le più diverse tipologie difenomeni a disordini genetici o biologici, piuttosto di riconoscere che i problemi sociali sono fruttodelle stesse condizioni sociali. La scuola del determinismo genetico ha prodotto ogni sorta diconclusioni reazionarie, riducendo a problema di ordine genetico ogni problema sociale. Non èpassato molto tempo da quando sembrava che i ricercatori avessero scoperto in molti criminaliviolenti un cromosoma Y in più rispetto al normale corredo genetico; studi più recenti dimostranoche la relazione non è pertinente. Ora, all’ordine del giorno della ricerca in materia, c’è unapresunta minore attività riscontrata nella parte frontale della corteccia cerebrale degli assassini,subito individuata quale possibile legame fra biologia e violenza. È stata avanzata la proposta diun progetto, denominato Federal Violence Initiative, che consisterebbe nello schedare almenocentomila bambini dei sobborghi urbani “i cui sospetti difetti genetici e biochimici ereditati lipredispongono alla violenza nella vita adulta”.Il pericolo di ricerche pilotate, volte a dimostrare collegamenti tra razza e comportamentiantisociali o criminali, è sempre presente. Negli Usa solo il 12,4% della popolazione è costituitoda afroamericani, ma questi ultimi rappresentano il 44,8% delle persone arrestate per reati gravi.Queste sono le statistiche, ma da esse è facile ricavare conclusioni ingannevoli. Nello stessoarticolo di Scientific American silegge: “C’è motivo di preoccupazione nel fatto che studi biologici,che pretendono di essere obiettivi, ignorando ciecamente le differenze sociali e culturali, possanoerroneamente rafforzare gli stereotipi razziali”. A causa di questa minaccia, si sono verificatiboicottaggi in opposizione al prelievo di campioni di sangue ed urina dalle minoranze razziali.Perciò, secondo Raine, “tutti gli studi biologici e genetici condotti finora sono stati eseguiti susoggetti bianchi”.Raine continua:“Immaginate di essere il padre di un bambino di otto anni. Il dilemma etico che vi si pone èquesto: potrei dirvi: «Abbiamo effettuato un’ampia gamma di esami e possiamo prevedere, conun margine di certezza dell’80%, che vostro figlio diventerà un pericoloso criminale entro i 20anni. Possiamo offrirvi una serie di programmi di intervento a livello biologico, sociale e diapprendimento, che ridurrebbero parecchio la possibilità che diventi un pericoloso criminale».Cosa fareste? Permettereste che vostro figlio venisse iscritto in quei programmi, rischiando diidentificarlo come un criminale pericoloso anche se c’è una reale possibilità che non lo siaaffatto? O rifiutereste il trattamento, accettando il fatto che, con una probabilità dell’80%, vostrofiglio, diventando adulto, a) distrugga la sua vita; b) distrugga la vostra vita; c) distrugga la vita deisuoi fratelli; d), più importante di tutto, distrugga la vita di chi, vittima innocente, abbia a soffrireper colpa sua?“
  • In primo luogo non è assolutamente possibile prevedere un futuro comportamento criminale in unbambino, per non parlare di una previsione precisa all’80%. In secondo luogo in questo modo sifa ricadere la colpa del comportamento criminale esclusivamente sull’individuo. Una taleimpostazione reazionaria non si cura del fatto che criminalità, violenza e tutti gli altri mali socialisono il prodotto del tipo di società nel quale viviamo, basata sullo sfruttamento dell’uomo e sullamassimizzazione del profitto, che producono disoccupazione di massa, randagismo sociale epovertà diffusa, assoluta indifferenza per la vita. Sono queste condizioni sociali a loro volta cheproducono crimine, violenza e brutalità. Ciò non ha nulla a che vedere con motivazioni biologiche,bensì dipende interamente dalla barbarie della società capitalistica.I biologi deterministi sono utilizzati per puntellare idee sociali reazionarie. Essi sostengono che lacriminalità, la povertà, la disoccupazione, ecc. non sono un prodotto della società, madell’individuo che ha geni difettosi o una struttura biologica difettosa. La soluzione, diconseguenza, si trova nella neurochirurgia o nell’ingegneria genetica.Altri, per spiegare la violenza umana, puntano il dito sul livello anomalo del testosterone o sulbattito cardiaco rallentato. Alcuni scienziati puntano il dito sul basso livello di serotonina, sostanzachimica che agisce, tra le altre cose, sul funzionamento del cervello. A questo proposito C. R.Jeffery ha affermato sul Journal of Criminal Justice Education che “elevando il livello di serotoninanel cervello, è possibile ridurre il grado d’inclinazione alla violenza”; così fiale di serotonina, comel’antidepressivo Prozac, sono somministrate a pazienti per curarne l’aggressività. La falsità di taleteoria è resa evidente dal fatto che il livello di serotonina può aumentare o diminuire nelle diverseparti del cervello, in momenti diversi, con effetti diversi. Anche l’ambiente può incidere su talivariazioni. Tuttavia, questi fatti non sono ammessi nel ragionamento e non impediscono a questipersonaggi di fare proclami offensivi pur di dare sostegno alle loro teorie reazionarie. Jeffery sidichiara convinto che “la scienza deve dirci quali individui diventeranno dei criminali qualidiventeranno le vittime, e quali strategie legislative saranno più efficaci”.Yudofsky rincara la dose: “Siamo all’inizio di una rivoluzione nella medicina genetica. In futuroarriveremo a comprendere la genetica dell’aggressività e a identificare coloro che hanno maggioritendenze a diventare violenti.” È convinto del fatto che i bambini iperattivi vadano sottoposti acontrolli e, se necessario, vengano loro somministrati beta-bloccanti, anticonvulsivi o litio.Yudofsky sostiene che tali farmaci sarebbero efficienti dal punto di vista dei costi erappresenterebbero un’incredibile “opportunità per l’industria farmaceutica”.Non è difficile capire da chi prenda lo stipendio il signor Yudofsky!BRANI TRATTI DA:http://www.resistenze.org/sito/te/cu/sc/cusc8f19-003320.htmBibliografiaA chi volesse approfondire gli argomenti trattati o comunque a tutti quanti fossero interessati aduna ottima lettura raccomandiamo vivamente i libri sottoelencati, dai quali abbiamo tratto la
  • documentazione necessaria alla stesura del presente testo.Non intendiamo comunque coinvolgere nessuno nelle esposizioni, valutazioni e conclusioniriportate nel presente documento che rimangono nostre.- “Storia del pensiero filosofico e scientifico” di Ludovico Geymonat. Garzanti Editore.- “La rivolta della ragione” di A. Woods & T. Grant. AC Editoriale.- “Il libro nero del capitalismo” AAVV. Marco Tropea Editore.- "Lera di Stalin" di Anna Louise Strong. Edizioni Rapporti Sociali.Documento a cura di Roberto Zanetti - www.ezeta.net/homosapiensIL PARANORMALEAllora qualcuno si chiede Ma visto che non riusciamo ad capire se esiste un senso alla vita con lenostre capacità umane,meglio indagare se esiste un Dopo Morte,od AltraVita dopo la Morte,conmetodi "parascientifici",è lindagine che cerca di essere scientifica sul mondo Extrafisico sul qualela scienza non ha strumenti di indagine ed di misura certi come il microscopio,ma strumentiapprossimativi.Franz Anton MesmerDa Wikipedia, lenciclopedia libera.Franz Anton MesmerFranz Anton Mesmer (Moos, 23 maggio 1734 – Meersburg, 5 marzo 1815) , laureato in medicinae filosofia a Vienna, svolse la sua attività in Austria, Germania e Francia, a cavallo tra la fine delSettecento e linizio dellOttocento. Le sue teorie hanno dato vita al mesmerismo, e inoltre puòconsiderarsi il precursore dellipnosi.Franz Anton Mesmer nacque nei pressi del lago di Costanza, il mare "svevo" (come amavadefinirlo)[1], in Germania. Suo padre, Jakob, era il capocaccia di Ronald Golon, principearcivescovo di Costanza.A soli dodici anni indossò la divisa azzurra e oro di monsignor Golon in qualità di valletto a cavalloaddetto ai cani[2]. Per le sue doti nellindividuare la pista da seguire e per la sua intelligenza,larcivescovo lo nominò suo “scudiero di camera” e si impegnò a farlo istruire[3]. Lo affidò almaestro di cappella Johann Ziegler che gli insegnò a suonare il flauto dolce, il violoncello elorgano, ed il giovane dimostrò di apprendere tanto facilmente che in poco tempo ebbe lonore disuonare, nei giorni di festa, il vecchio organo della chiesa di San Giorgio di Oberzell[4]. Oltre ilgrande fiuto di cacciatore e labilità di musicista fu scoperta unaltra dote del giovane Franz,quella di rabdomante[5].Alletà di quattordici anni larcivescovo Golon lo mandò presso il seminario gesuita di Dettingenper essere meglio educato ed istruito. Sua Eminenza avrebbe voluto che il ragazzo prendesse ivoti ma questi si rifiutò: aveva fede e rispettava i servi di Dio però provava grande curiosità per ilmondo che voleva scoprire e per questo non volle diventare sacerdote. Uscì dal seminario con il
  • titolo di dottore in filosofia, fisica e matematica, così larcivescovo lo inviò alluniversità diIngolstadt per studiare teologia dove conseguì il titolo di “Emeritus studiosus”[6]. Golon, allora,decise di iscriverlo alluniversità di Vienna dove si laureò in diritto. Nella capitale Franz provavainteresse per tutto e cercò di ampliare la cerchia dei suoi conoscenti tra cui Konrad Heinlein chegli permise di essere iniziato agli alti gradi della massoneria[7].La scoperta del magnetismo (1765-1768)La tesi di Laurea in MedicinaProseguì, poi, i suoi studi iscrivendosi alla facoltà di medicina e conseguendo il dottorato il 27maggio 1766 con una tesi sullinfluenza dei pianeti Dissertatio phisico-medica de planetaruminfluxu[8]. Non fu però soddisfatto della sua discussione: nonostante il professore, barone Antonvon Störck, gli avesse consegnato solennemente il diploma di dottore in medicina, Mesmer pensòche lavesse fatto solo perché possedeva già altri titoli ma che la sua dissertazione non era statamagistrale ed istruttiva bensì oscura e poco fondata[9]. Si impegnò allora a trovare il modo diagire su quelle forze, promettendo a se stesso di perseverare in questo compito.Lidea esposta nella sua tesi di laurea gli era venuta la notte di Natale del 1765 quando, sebbenefosse stanco e appesantito dallalcol, non poté rifiutare laiuto ad un suo professore che dovevapraticare un salasso ad un malato che, dopo un colpo apoplettico, non aveva ripreso conoscenzae respirava faticosamente[10]. Mentre Franz teneva la catinella sotto il braccio del paziente, ilsangue sgorgava violentemente, così il professore gli chiese di prenderne unaltra; appena siallontanò il flusso sanguigno si indebolì ma, riavvicinandosi, il getto riprese forza, e questo siverificò più volte. Quando poi Mesmer mise a contatto il suo corpo con quello del malato, questiscosse la testa e cominciò a pronunciare qualche parola[11].In seguito altre persone riferirono strane sensazioni provate alla sua vicinanza, così eglimanifestò nella sua tesi lintenzione di dimostrare che i corpi celesti agiscono sulla nostra terra esui corpi che in essa si trovano: « Tutte le influenze delle cose sugli esseri trovano una corrispondenza reciprocanell’influenza degli esseri sulle cose e gli astri dominano gli esseri e le cose dell’universo[12]. »(Franz Anton Mesmer)Queste forze penetrano il corpo e lo armonizzano oppure, quando sono contrastate, siconcretizzano in varie malattie. Mesmer chiamò questa proprietà del corpo “gravità animale”[13].Lincontro con la baronessa Maria Anna von BoschLamico Rudolf Stupfel lo invitò presso la sua residenza di Neulingenstrasse, per permettergli diillustrare la tesi di laurea agli adepti del "Circolo dei Cavalieri e Fratelli iniziati d’Asia", di cui ancheFranz Anton faceva parte, e a numerosi altri illustri ospiti.Lesposizione fu brillante e perringraziare lamico Rudolf, Mesmer si mise al clavicembalo dimostrando di essere, oltre che unabile dottore, anche un musicista di talento. Fu, per questo, avvicinato dalla baronessa MariaAnna von Bosch, vedova del consigliere alle finanze[14]. Da quel momento Mesmer fu spessoinvitato nella sontuosa residenza in Landstrasse, dove la baronessa riuniva ospiti illustri e lopresentava come un protetto, investito di privilegi.La bellezza di Maria Anna, nonostante avesse dieci anni più di lui, non lo lasciò indifferente:suonava per lei, disquisiva di filosofia, astronomia, fisica, medicina, e decise di sposarla,nonostante ella avesse un figlio di primo letto, Franz de Paula von Bosch. La decisione gli costòlamicizia con Johann Ziegler, profondamente contrario a questo matrimonio[15]. La baronessaconsentiva a Mesmer di vivere nel lusso, situazione che contrastava con lausterità cuilarcivescovo di Costanza lo aveva educato, di essere apprezzato quale dottissimo medico, uomodi profonda cultura ed interprete di musica ricco di talento. Tutto ciò appagava il suo smisuratoorgoglio e lo introduceva in ambienti esclusivi e raffinati[16].Lamicizia con Wolfgang Amadeus MozartDurante una festa in casa del principe Dimitri Alekseevic Galitzin poté conoscere Leopold Mozarte suo figlio, Wolfgang Amadeus Mozart, il quale, nonostante la giovane età, aveva composto unasinfonia che fece ascoltare proprio in quelloccasione[17]. Nacque unamicizia con la famiglia del
  • compositore, tanto che una sera Wolfgang chiese al dottore se poteva curargli un fastidiosodolore al collo. Mesmer posò le sue mani sulle spalle del giovane che avvertì un “dolcecalore”[18] che alleviò immediatamente i sintomi, e il ragazzo gridò al miracolo. Il dottore fuinviato a trascorrere una serata in casa Mozart per festeggiare insieme la fine della composizionedellopera Bastiano e Bastiana, che Wolfgang presentò il 1º ottobre del 1768 proprio nellaresidenza di Franz Anton in Landstrasse alla presenza di numerosi quanto illustri ospiti. Fu, così,inaugurata la fama di Mesmer quale mecenate illuminato[19].Quando Mozart compose Così fan tutte (1790), nel finale del primo atto in una scena moltocomica fece riferimento al mesmerismo: Despina, travestita da medico, tocca con una calamita,definita "pietra mesmerica", la testa di due finti infermi. Franz Anton, però, non si irritò con lui,perché conosceva bene il carattere scherzoso del suo amico[20].Le controversie con Maximillian HellFranz Anton Mesmer con il magnete a forma di ferro di cavallo.In occasione della presentazione dellopera Bastiano e Bastiana di Mozart, conobbe MaximilianHell, padre gesuita, uno dei molti ecclesiastici invitati, appena nominato direttore dellosservatoriodi Vienna. Era un astronomo, astrologo, alchimista e matematico che nutriva una particolarecuriosità verso la medicina[21]. Padre Hell non ascoltò lesibizione di Mozart ma passeggiò neiviali del parco ispezionandoli scrupolosamente, poi chiese a Mesmer il permesso di occupare laterrazza del belvedere per le sue osservazioni astronomiche. Il Gesuita rifiutava molte delle teoriedi Mesmer e insisteva sul paragone tra il magnetismo della calamita e linfluenza dellagravitazione[22], concetto appena accennato nella tesi di Franz ma che lo incuriosiva molto. Ilminerale rappresentava per Padre Hell il punto di congiunzione fra lastronomia, lastrologia ed ilpotere misterioso dellalchimia e della medicina[23].Quando Padre Hell fu contattato da un Lord inglese che gli chiese un magnete per placare icrampi allo stomaco della moglie, che veniva curata in Inghilterra proprio con lapplicazione di unferro magnetizzato sullepigastrio, volle interpellare Mesmer affinché gli desse consigli sulla formada dare al magnete, relativamente allorgano colpito dalla malattia, e per avere un resocontomedico dei risultati. In realtà dopo una settimana di terapia mesmeriana la donna guarì daisintomi e Padre Hell esultò ma il dottore dimostrò una strana cautela, dissonante rispetto al suocarattere che facilmente si entusiasmava.Padre Hell aveva accolto nella fonderia del suo laboratorio Padre Marino Salva Vargas, fabbro ecostruttore di armi del convento di Quinto presso Toledo che si era trasferito a Vienna dopo lasoppressione dellordine dei Gesuiti di Spagna nel 1767. Questi realizzava i magneti per Mesmeril quale capì che il magnete non era lunico vettore del suo potere e lo incaricò di fabbricargliplacchette in oro e in argento a forma di ferro di cavallo, più piccole ma di notevole forzamagnetica[24].Il magnetismo animale(1769-1778)Il fluido universaleDecise,quindi, di provare il magnete su altri malati da lui scelti. La scoperta fu sensazionale: ungiorno, non avendo a disposizione i magneti che solitamente applicava su una giovane fanciullagravemente malata di nome Franziska Oesterling, per la quale Franz de Paula von Bosch nutrivadei sentimenti, notò che il potere delle sue mani era paragonabile a quello del magnete[25].Concluse che, non essendo egli un magnete, il suo magnetismo era provocato dal "fluidouniversale" di cui aveva parlato nella sua tesi e che aveva chiamato inizialmente “gravitazioneanimale” ed ora più precisamente definiva magnetismo animale.Quindi, il fluido che possedeva non gli proveniva dalla manipolazione dei magneti ma era un suopotere, altrimenti i malati avrebbero dovuto provare sollievo alla vicinanza del suo valletto Antonche manipolava i magneti quanto lui. Tali oggetti, però, non erano superflui perché il loromagnetismo rafforzava quello che sentiva in se stesso. Giunse, quindi, ad una conclusione: lemalattie erano provocate da una distribuzione caotica, discordante e anarchica del fluidouniversale nel corpo[26]. Curare significava ristabilire il flusso, “riarmonizzarlo” ed il magnetismoripristinava questo equilibrio attraverso una crisi violenta e convulsiva senza la quale non cisarebbe stata alcuna guarigione. Franziska, grazie alle cure di Mesmer, guarirà, sposerà Franzde Paula e gli darà tre figli[27].
  • La casa di cura in LandstrasseLa glassarmonica, strumento suonato da Mesmer per guarire i malati.In considerazione dei successi ottenuti, la moglie lo invitò a sperimentare le sue terapie nonsoltanto prestando servizio presso lospedale spagnolo della città ma esercitando piùregolarmente la sua professione. Linvito era motivato anche dalle impoverite risorse economichedella baronessa: feste e ricevimenti avevano depauperato il patrimonio e Mesmer accettò perchénon intendeva rinunciare allagiatezza, spinto anche dallincorreggibile venalità[28]. Trasformò lasua residenza in una casa di cura e la sua fama si diffuse ben presto: guariva paralisi, insonnia,gastralgie, febbri, tremori, convulsioni, e, per conservare il suo fluido, si fece cucire una camiciadi cuoio foderata di seta, e portava sempre un magnete appeso al collo.Per completare le sue terapie spesso suonava larmonica a cristalli (nota anche comeglassarmonica) in mezzo ai malati, e assisteva a nuove guarigioni: per curare i suoi pazientidoveva ristabilire larmonia del fluido nel corpo, e a questa armonizzazione contribuiva proprio lamusica che rappresentava per Mesmer, melomane, il piacere più completo e una delle miglioriforma di rilassamento. Così la sua residenza in Landstrasse diventò meta di pellegrinaggio[29].La tinozza magneticaMesmer fece alcuni viaggi nella sua "Svevia natale", a Berna, a Zurigo, a Monaco dove raccolsesuccessi nei vari ospedali e in sua assenza i malati venivano curati alla Landstrasse sotto ladirezione del suo valletto Anton, ma non ottenevano gli stessi risultati di quando le cure eranodispensate dallinventore del metodo. Così Franz Anton capì che doveva costruire una riserva dienergia magnetica[30].Aveva bisogno di Padre Marino che però non viveva più a Vienna; dopo alcune ricerche appreseche lavorava presso una fabbrica di tini, lo raggiunse e lo convinse a ripartire con lui. Spiegò alGesuita che voleva difendere, rafforzare e conservare il suo magnetismo per curare i malatianche senza essere presente. Padre Marino si mise al lavoro in laboratorio e progettò unatinozza dal diametro di "dieci piedi e alta diciotto pollici", perfettamente ermetica e con uncoperchio mobile chiuso con delle viti[31]. La tinozza fu foderata con vetro mescolato a siderite,limatura di ferro e sabbia; vi furono disposte venti bottiglie piene di acqua magnetizzata prelevatedalla vasca di Landstrasse e collegate tra loro. Sul coperchio furono praticati nove fori nei qualifurono inserite altrettante cannucce di ferro e corde. Mesmer riempì la tinozza di acquamagnetizzata e, per comunicare il suo magnetismo, rimase a lungo con le mani strette intornoalle cannucce. Il progetto fu sperimentato con nove malati che presero posto di fronte allecannucce metalliche e ne applicarono le estremità alle parti malate dei loro corpi. Il fluidomagnetico della tinozza dava i suoi effetti e la fama di Mesmer si accresceva sempre più[32].La guarigione del giovane Elias WikselIl ricchissimo barone slovacco von Horka, che da tre anni soffriva di crisi di soffocamento conspasmi della faringe, venuto a conoscenza dei poteri di Mesmer, lo chiamò al suo castello dovegiunsero tutti i malati della regione per farsi curare. In particolare il dottor Mesmer si preoccupò diun giovane ragazzo ebreo di nome Elias affetto da paralisi sul quale mise in pratica ilsonnambulismo che lo rendeva padrone del suo cervello[33].Seguirono sedute di ipnosi collettiva durante le quali Franz Anton scoprì che un malato, nel corsodel sonnambulismo provocato, riceveva limpressione di una volontà diversa dalla sua. Eliasvenne, quindi, profondamente addormentato, indotto a camminare, risvegliato e così via fino aquando venne risvegliato mentre camminava; fu così guarito, e guarito si definì anche il baroneper la sola presenza di Mesmer che ringraziò con una cospicua somma di denaro facendosi,però, promettere che sarebbe tornato se i sintomi si fossero ripresentati[34].Mesmer tenne nascoste per tutta la vita le possibilità terapeutiche del sonnambulismo indotto,attraverso la cui pratica risaliva il più lontano possibile nellinfanzia del paziente per estrarre dallamemoria i particolari di un sintomo, ponendo domande sulla malattia e, pur servendosi di questepratiche, non volle mai spiegarle: il suo fluido trasmesso attraverso lipnosi magneticaconsegnava i malati alla sua volontà per la durata di un sonno artificiale sul quale poteva agire efar guarire[35].Il caso di Maria Teresa Paradies
  • Grazie ai suoi straordinari poteri, che non volle mai riconoscere come soprannaturali, riuscì acurare limprovvisa cecità del più famoso pasticciere di Vienna, Eugen Kolschitzky, che gliaumentò la fama ma, soprattutto, ampliò la gamma delle patologie da lui curate con ilmagnetismo animale, tanto che venne consultato per curare una giovane musicista viennese,cieca dalletà di tre anni, Maria Teresa Paradies, figlioccia dellimperatrice Maria Teresa[36]. Ilcaso si presentò subito molto complesso: la ragazza rimase nella clinica di Landstrasse dal 17gennaio al 7 giugno del 1777 e, con non poche difficoltà, riuscì a vedere la luce ma la dimissionedalla clinica fu ben presto seguita da una ricaduta.Questo fallimento unitamente al coinvolgimento in uno scandalo provocato da una delle piùcelebri pianiste dEuropa, Jenomè la Magnifica, famosa anche per i suoi eccessi e giunta nellacapitale per esibirsi[37], lo costrinsero ad allontanarsi da Vienna per recarsi in Francia nelfebbraio del 1778[38].Il trasferimento a Parigi (1778-1781)Il grande successoPartì da Vienna e attraversò lAlsazia, fermandosi a Strasburgo dove conobbe la baronessad’Oberkirch che lo aiutò a preparare il suo arrivo a Parigi: fece pubblicare sul Journal de Parisalcuni annunci che informavano dellarrivo dell “inventore del magnetismo animale”. Certamenteil compito della baronessa non fu difficile se consideriamo che la Francia dellepoca eraaffascinata dallalchimia e dai misteri della superstizione quanto dai progressi della medicina ecredeva nel potere taumaturgico dei re[39].Mesmer, però, non cercava solo il successo e i favolosi guadagni, desiderava più di ogni altracosa lapprovazione della sua scoperta da parte dei colleghi. Avrebbe voluto il giudizio positivoanche di un solo accademico, proprio ciò che nella sua Vienna non gli era stato concesso. Inrealtà lazione del fluido magnetizzante, le crisi scatenate e il sonnambulismo provocato nonerano scientificamente comprensibili, si trattava di una “verità cui si doveva credere anche se nonsi poteva comprenderla” ma i tempi non erano maturi: le sue definizioni risultavanoincomprensibili e i pregiudizi erano troppo radicati. Per cui si scontrò con il razionalismodellepoca e fu considerato un mistificatore ed un ciarlatano. Infatti, i membri dellAccademia delleScienze quanto della Società Reale di Medicina di Parigi ebbero atteggiamenti reticenti,opponendo un rifiuto alle richieste di certificazione avanzate da Mesmer, e ciò lo irritò molto[40].Solo alcuni uomini illuminati lo difesero e lo consacrarono quale genio e grande medico.Dopo essersi trasferito ai primi di maggio da Parigi a Créteil, una località di campagna, perritrovare un po di pace e proseguire meglio le sue terapie con il magnetismo animale, fu costrettoa rientrare nella capitale francese per le continue e pressanti richieste dei malati che nonriuscivano a raggiungere facilmente la cittadina. Si stabilì, quindi, presso lhotel de Bullion[41],occupandolo interamente con i suoi pazienti che passavano dalla stanza delle tinozze a quelladel trattamento individuale con ipnotizzazione ed ancora a quella dove venivano condotti durantele crisi, sempre accompagnati dal suono di orchestrine.Le richieste aumentavano di giorno in giorno e Mesmer pensò di trovare un succedaneo chepotesse sostituire le tinozze. Scelse di magnetizzare un castagno attaccandovi delle corde e sulJournal de Paris si lesse: « Si videro più di cento persone provare gli effetti del magnetismo dopo aver abbracciatol’albero ed ottenere evacuazioni ed altri notevoli risultati[42] »(Journal de Paris)Le prime "memorie"Il 30 marzo del 1779 fece stampare un volume di annotazioni, dettate al suo segretario BachelierdAgés, dal titolo Mémoire sur la découverte du magnétisme animal (Memorie sulla scoperta delmagnetismo animale)[43]. La memoria, di ottacinque pagine, ripercorreva le tappe della suascoperta, le controversie con Padre Hell, la descrizione dei casi ed in particolare quello dellagiovane Paradies, il trasferimento a Parigi e le guarigioni dei malati. Il pubblico si divise tra coloroche acquistarono il libro affascinati dalle descrizioni dei malati curati e coloro che furono scettici,in particolare i dotti. In realtà la pubblicazione delle Memorie fece proliferare una serie
  • dimbroglioni e truffatori che si vantavano di operare anchessi guarigioni prodigiose.Il volume, a causa del “cattivo” francese di Mesmer, si prestò ad interpretazioni poco chiare, cosìil suo discepolo Deslon volle raccogliere in un fascicolo intitolato Observation sur le magnétismeanimal (Osservazioni sul magnetismo animale), pubblicato a Londra nel 1780, articoli sul metodoterapeutico di Mesmer e sulle constatazioni che aveva potuto fare personalmente. Il dottorestesso apprezzò lo sforzo e riconobbe la bravura del suo allievo ma la Facoltà di Medicinacontinuava a respingere le sue richieste. Anzi, Mesmer era stato colpito attraverso Deslon, ilquale fu radiato temporaneamente dallelenco dei medici della Facoltà per averlo sostenuto[44].Gli anni alla ricerca del riconoscimento scientifico del suo metodo (1781-1786)Il rapporto con la regina Maria AntoniettaMolto deluso decise allora di lasciare Parigi il 15 aprile 1781. La notizia si diffuse rapidamentegettando nel panico i suoi numerosissimi pazienti: duchi, principi ma anche tutti gli indigenti checurava gratuitamente. Per convincerlo a desistere dalla sua posizione fu richiesto linterventodella stessa regina Maria Antonietta che, però, non poté farlo direttamente a causa del lutto per lamorte della madre, limperatrice Maria Teresa, deceduta alcuni mesi prima: letichetta le vietavaqualsiasi incontro. Quindi la rappresentanza della regina fu affidata al capo del Consiglio del re, ilministro di stato Maurepas[45], il quale riferì che il re era disposto a concedergli, come previstonellaccordo preventivo, privilegi sociali e finanziari ma gli imponeva il controllo di tre medici cheavrebbero dovuto attestare lutilità della sua scoperta.Mesmer rifiutò in blocco tutte le proposte e scrisse una lettera alla regina: nelle sue intenzionidoveva essere un ringraziamento, invece, a causa del suo orgoglio e per il tono usato, divenneuningiuria. Nella stessa lettera, le promise che non sarebbe partito da Parigi prima del 18settembre 1781 e che, fino ad allora, avrebbe assicurato le sue cure ai malati. La regina nonrispose[46].Spa e la "Società dellArmonia"Spa, BelgioCome deciso si allontanò da Parigi e scelse la località di Spa non solo per seguire la moda, lefonti termali della località erano già molto apprezzate nellepoca romana, ma soprattutto persentirsi più vicino alla natura, nella solitudine più assoluta[47]. Qui incontrò Madame de Fleury,una marchesa che gli propose il progetto di costruire una clinica a Spa. Il progetto andò in portocon laiuto del banchiere Kornmann e del giovane e ricco avvocato Bergasse e i clienti affluironomolto numerosi. I due uomini desideravano essere istruiti da Mesmer e così ebbe origine lidea difondare una scuola di magnetismo[48].Si chiamò la Società dell’Armonia Universale perché,secondo le teorie del suo ideatore, curare significava «ristabilire l’armonia del fluido universalenel corpo del malato»[49].Il 10 marzo 1783 furono depositati presso il notaio gli statuti ed i contratti tipo che gli azionistiavrebbero dovuto sottoscrivere. La sede fu lhotel de Coigny sulla cui facciata splendeva ilsimbolo, un altare ardente sotto un cielo stellato con la luna piena, e la scritta “Omnia in pondereet mensura” ("Tutto nell’ordine e nella ponderazione"). I soci erano tutti personaggi di rilievo e traessi ci fu anche La Fayette, grande sostenitore del metodo mesmeriano[50]; essi venivano istruitiin apposite sale riservate presso lhotel de Coigny dove le guarigioni si producevano numerosesotto le mani del maestro ma, nel contempo, non mancavano le aspre critiche e le defezioniclamorose.Le commissioni reali ed il rapporto segretoAllinizio dellanno 1784 sul Journal de Paris fu annunciato larrivo nella capitale della famosaconcertista viennese, Maria Teresa Paradies. Il caso della Paradies era noto a tutti, sostenitori edoppositori di Mesmer, i quali al concerto si resero ben conto che la giovane camminavaaccompagnata da una guida e che vedeva con estrema difficoltà. Mesmer si rifiutò di risponderealle domande e si sottrasse ad ogni commento[51]. Intanto i rapporti con Deslon si erano irrigiditipoiché il suo allievo praticava, nella capitale francese, sedute di magnetismo individuale senza ilconsenso di Mesmer e per di più alla metà del prezzo chiesto dal maestro. Inoltre il suo exallievo, desideroso di essere riconfermato medico-reggente presso la Facoltà, richiese laformazione di una commissione ufficiale per riesaminare il magnetismo animale. Nel mese di
  • Marzo del 1784 furono nominate dal re due commissioni composte dai maggiori medici escienziati dellepoca, tra cui Benjamin Franklin[52].Mesmer ebbe una vera esplosione di violenzaquando seppe che gli esperimenti si sarebbe tenuti nella casa di cura di Deslon, poiché non eralui linventore del metodo.I commissari dimostrarono buona volontà e si fecero addirittura magnetizzare ma non provarononulla. Da scienziati certo non potevano riconoscere linfluenza degli astri sul corpo umano, ilparagone tra le crisi e le maree, il magnetismo del corpo umano, che non è un metallo; feceroanche un esperimento: fecero abbracciare un albero ad un malato dicendogli che eramagnetizzato, così assistettero ad una crisi convulsiva delluomo. Ne conclusero che: « L’immaginazione senza magnetismo produce convulsioni; il magnetismo senzaimmaginazione non produce nessun effetto, quindi, il magnetismo è un sistema indimostrato[53].»In un rapporto segreto inviato al re sotto forma di lettera, i commissari denunciavano il pericolorappresentato dal metodo in rapporto ai “buoni costumi”. In realtà si sottoponevano alle cure,lunghe e costose, essenzialmente donne, non veramente malate, che venivano magnetizzate dauomini; esse hanno abbastanza fascino da agire sugli uomini e viceversa. Ciò avrebbe potutocreare un “disordine dei sensi”[54] ed il medico ne avrebbe potuto approfittare, comeonestamente ammise lo stesso Deslon interrogato al riguardo.Furono stampati ventimila esemplari della relazione e diffusi tra la gente ma neanche questoennesimo attacco riuscì a fermare il flusso inarrestabile di malati desiderosi di farsi curare e diallievi che continuavano ad applicare il suo metodo con successo.Il sonnambulismo artificialeIl 24 gennaio del 1785 il marchese Puységur, allievo di Mesmer e membro della Societàdell’Armonia, andò a trovarlo insieme ad un contadino di venticinque anni affetto da gravi dolorialla testa. Voleva dimostrargli di averlo curato attraverso una “medicina dolce”[55] cioèprovocando trances più leggere senza crisi. Era convinto così di poter giungere alladimostrazione indiscutibile del sonnambulismo senza crisi, a suo dire più facilmentecomprensibile. Mesmer mostrò tutta la sua perplessità nellottenere gli stessi risultati senzapassare attraverso la violenza delle crisi ma lo mise in guardia sul pericolo che le pratiche disonnambulismo potessero così far pensare ad unorigine satanica per la capacità dei sonnambulidi «indovinare le cose, le loro malattie e persino quelle degli altri» come sosteneva lo stessomarchese[56].La "pausa" ingleseNel Febbraio del 1785, in occasione del carnevale, i cortei presentarono i due grandi temidattualità: le mongolfiere ed il magnetismo animale. Mesmer reagì molto male: il suo caratteretedesco e il suo temperamento non sopportarono quegli scherzi e così decise di allontanarsipartendo per lInghilterra[57]. Circa un anno dopo, nella primavera del 1786, preferì ripartire pertornare in Francia e lottare contro le maldicenze.Il periodo della Francia rivoluzionaria (1786-1793)Dom Pernety e l’alchimiaNel 1767 Mesmer aveva conosciuto Dom Pernety: era andato a consegnare la tesi di laureapresso la biblioteca di Federico II a Berlino dove lavorava lex benedettino, che si era dimostratomolto interessato alle sue ipotesi[58]. Il monaco era un alchimista, grande viaggiatore e menteeccelsa che aveva affascinato Franz Anton. Diciassette anni dopo, Dom Pernety era giunto aParigi e, attratto dalla fama di Franz Anton, gli aveva chiesto un appuntamento perché avevabisogno di un prestito per costruire vicino Avignone laboratori alchemici, su una collinaribattezzata monte Tabor. Mesmer gli concesse il prestito, facendosi firmare una ricevuta ma incambio gli chiese di svelargli il suo sapere. Franz Anton sperava di ottenere, attraverso lalchimia,più forza nei suoi muscoli e più lucidità per la sua mente[59].Nellestate del 1786 Mesmer apprese la triste notizia della malattia del suo amico-allievo Deslon,al quale, nonostante tutto, era rimasto molto legato. Deslon morì l8 agosto e Franz Anton, dopole esequie, partì con il suo fedele valletto Anton, per la regione di Avignone alla ricerca di Dom
  • Pernety per realizzare il suo sogno: aggiungere vita ai suoi anni. Lex monaco gli disse cheavrebbe voluto far di lui un vero alchimista, un adepto e non un “soffiatore”, un falso alchimista,che cerca solo di impossessarsi dei segreti[60]. Mesmer capì che la scienza alchimistica venivacomunicata agli adepti con parsimonia e che non era facile entrare in possesso del gran segreto.Da quel momento assunse un atteggiamento riservato e, addirittura, taciturno.Attraverso una serie di enigmi da interpretare, scritti su una pergamena che lex benedettino gliaveva consegnato, riuscì a comprendere una parte del messaggio ermetico. Per cercare dirisolvere il mistero fece molti viaggi in Svizzera, Germania e Austria.Intanto in Francia i fermenti rivoluzionari cominciarono a farsi sentire: quando il re, Luigi XVI,licenziò il ministro delle finanze Jacques Necker, i parigini si indignarono e il mese di Luglio del1789 fu veramente “caldo”. Mesmer fu invitato dai suoi amici viennesi a lasciare la capitalefrancese per lincombente pericolo ma non volle partire. Tutte le società vennero soppresse,inclusa quella dellArmonia ma il magnetismo sopravvisse, anche se la richiesta di terapie intornoalle tinozze diventò più occasionale. Il 25 aprile del 1792 la ghigliottina incominciò a funzionare:era iniziato il periodo del Terrore. Ne fu vittima anche la regina Maria Antonietta, il 12 ottobre1793, al grido «a morte l’Austriaca».Lo stesso Mesmer, accusato ingiustamente di aver pronunciato discorsi insolenti, fu arrestato il18 novembre del 1793. Rimase in carcere una sola notte[61].Gli ultimi anni (1794-1815)La preparazione dell’elisirIl 20 settembre del 1794 arrivò a Schaffhausen e, dopo aver eseguito in laboratorio le procedureper ottenere lelisir, le mani non gli tremavano più, le rughe erano sparite, i capelli erano tornatineri e la forza non gli mancava di certo[62]. Così ogni anno tornava a Schaffhausen in autunnoper prepararlo.Nel 1799 Mesmer pubblicò lultima memoria dal titolo Mémoire de Franz Anton Mesmer, docteuren mèdecine, sur ses découvertes. Unopera ben diversa dalle precedenti perché in essa lautorevolle presentare la sua scoperta come opera scientifica corredata di unampia descrizione delsonnambulismo provocato, ritenuto essenziale per la guarigione[63]. Questopera fu molto benaccolta sia in Francia ma anche in Germania ed in Svizzera.Nellanno 1802 tornò a Schaffhausen in primavera e cominciò a lavorare in laboratorio perottenere la preparazione ma, dopo la prima fase, non accadde niente. Durante la preparazione gliera apparso il volto di una donna. Appena capì che quella donna era Maria Teresa Paradies, partìper Vienna, per procurarsi il nostoc, unalga che può restare viva allinfinito, seccare e poiriprendere volume in acqua, che rappresentava lo spirito del mondo, limmagine del “fluidouniversale”[64] (il termine era stato coniato da Paracelso nel XVI secolo).Durante il viaggioincontrò una zingara, Kamilla Farkas, che gli volle predire il futuro: seppe, così, la malattia di cuiavrebbe sofferto e la data stessa della sua morte[65].La tomba di Franz Anton Mesmer, situata nel cimitero di Meersburg, composta da tre sezioni dicilindro di pietra sormontate da un prisma triangolare retto.Giunse a Vienna e qui incontrò il suo vecchio amico Rudolf Stupfel con il quale trascorse linteragiornata, ed il mattino seguente si recò da Maria Teresa Paradies. Ci fu una conversazione dicortesia e poi Mesmer si congedò. Nel giardino della Paradies raccolse il nostoc e fece ritorno aSchaffhausen dove preparò la materia, poi disseminò lalga in fondo al viale presso un muroumido. Si diresse, poi, a Frauenfeld dove il suo fedele compagno di una vita, Anton, era morente.Rimase al suo capezzale, gli somministrò lelisir cercando di guarirlo ma lesito fu negativo[66].Il trasferimento a Meersburg e la morteLasciò la casa padronale di Frauenfeld e si stabilì definitivamente a Meersburg. Qui leggeva moltilibri e riviste dalle quali apprendeva con soddisfazione che il suo magnetismo animale, passato dimoda in Francia, prosperava altrove. A Berlino nel 1811, venne istituita una cattedra dimagnetismo animale il cui titolare era Wolfart, che invitò ufficialmente Mesmer a tenere unaconferenza. Il dottore, però, rifiutò per problemi di salute ma accettò di ricevere una delegazionepresieduta da Wolfart stesso. Tra i due nacque una profonda amicizia e Mesmer gli fece alcune
  • confidenze: si accontentava di aver saputo aprire una nuova strada nella speranza che qualcunoin futuro potesse fare meglio di lui. Gli lasciò anche le sue ultime volontà per le esequie e disegnòla pietra tombale ed i simboli che dovevano essere incisi[67].Una mattina arrivò la serva che si occupava dei suoi canarini per avvertirlo che erano mortidurante la notte: Mesmer impallidì perché la profezia della zingara si stava realizzando. Questagli aveva predetto la malattia e la morte a ottantanni quando non avrebbe più potuto udire il cantodegli uccelli. I canarini erano stati acquistati proprio il giorno del suo ottantesimo compleanno.Allora si mise a letto, fece chiamare un seminarista e gli fece suonare la glassarmonica giorno enotte. Il 1º marzo ebbe un attacco di apoplessia che gli paralizzò tutto il lato destro, ma il giovaneabate continuò a suonare fino alle otto del mattino del 5 marzo 1815, quando Mesmer esalòlultimo respiro.Le teorieMesmer si interessava di scienze naturali, ma anche di alchimia e di esoterismo, e alla lucedellIlluminismo cercò di dare un indirizzo razionale alle pratiche esorcistiche e mistiche.Tentò dapprima di trovare cure per le malattie utilizzando il magnetismo minerale, applicandoferro calamitato sui pazienti. Si convinse in seguito dellesistenza di una forza, o "fluido", che sisprigionava direttamente dallorganismo umano capace di agire sugli altri organismi.Propose quindi una terapia, detta mesmerismo, basata su quattro principi fondamentali: un sottile fluido fisico, chiamato "magnetismo animale", riempie luniverso e forma un mezzo diconnessione tra luomo, la terra e i corpi celesti e tra uomo e uomo; la malattia ha origine dalla carenza di tale fluido allinterno del corpo umano; con laiuto di opportune tecniche, il fluido può essere incanalato, convogliato in altre persone; in questo modo si possono provocare "crisi" nel paziente e curare malattie.Elaborò in questo modo un metodo di cura, in un primo tempo costituito dalla sempliceapplicazione di magneti sulle parti del corpo da curare e successivamente sviluppato con moltevarianti, tra cui limposizione di mani irraggianti "energie benefiche", bagni collettivi in granditinozze contenenti "acque magnetizzate" e induzione di stati di coscienza alterati, che eglichiamava "sonnambulismo artificiale", e che possono essere considerati precursori dellipnosi.[senza fonte]Per fare luce sulle sue controverse pratiche, nel 1784 il re Luigi XVI nominò una commissione diindagine composta da grandi scienziati tra i quali Antoine Lavoisier e Benjamin Franklin (cheallepoca era in visita in Europa), che dopo alcuni mesi di indagini e di esperimenti condotti conlassenso di un allievo di Mesmer, giunse alla conclusione che gli apparenti benefici della terapiafossero dovuti esclusivamente a quello che oggi chiamiamo effetto placebo.Il rapporto della commissione anticipa la maggior parte dei metodi e delle tecniche usati ancoraoggi nelle indagini sui presunti fenomeni paranormali e sulle medicine alternative.Le sue teorie (mesmerismo) diedero vita a un importante movimento tra la fine del Settecento ela prima metà dellOttocento, ma furono sempre smentite dalla comunità scientifica, in quantoritenute prive di ogni fondamento scientifico e del tutto inefficaci sul piano terapeutico.Stefan Zweig scrisse una sua biografia nella raccolta Die Heilung durch den Geist.Sorelle FoxDa Wikipedia, lenciclopedia libera.Le sorelle Fox. Da sinistra a destra: Margaret, Kate e LeahKate Fox (1837 – 1892), Leah Fox (1814 – 1890) e Margaret (Maggie) Fox (1833 – 1893) furono
  • tre sorelle statunitensi che giocarono un ruolo fondamentale nella nascita e diffusione nei paesianglosassoni del movimento spiritista (che si stava sviluppando parallelamente negli stessi anniin Francia e negli altri paesi latini sulla scia degli insegnamenti di Allan Kardec) e della relativachiesa.I fatti di HydesvilleNel 1848 le due sorelle minori, Kate e Margaret, abitavano in una casa situata ad Hydesville,New York, insieme con i genitori. La casa aveva la fama di essere stregata e verso la fine dimarzo di quellanno la famiglia Fox iniziò ad essere spaventata da suoni, simili a colpi o al rumoredi mobilio spostato, la cui origine sembrava essere inspiegabile.Secondo le dichiarazioni delle sorelle, durante la notte del 31 marzo, Kate avrebbe sfidato ilpresunto spirito autore dei rumori a ripetere lo schiocco delle sue dita, e dichiarò di averne avutoriscontro. Allora le sorelle gli avrebbero chiesto di battere tanti colpi quanti erano gli anni dellaloro età, e anche in questo caso, secondo loro, il presunto spirito avrebbe fatto quanto richiesto.Furono allora chiamati i vicini a testimoniare di quellevento, e nei giorni successivi vennesviluppato una sorta di codice di comunicazione in cui i battiti era utilizzati per rispondere "sì" e"no" o per indicare precise lettere dellalfabeto.Le ragazze inizialmente chiamarono il presunto spirito, con cui dichiaravano di essere entrate incomunicazione, "Mr.Splitfoot" (Signor Piede-Biforcuto, un nomignolo per indicare il Diavolo) ma inseguito la presunta entità avrebbe dichiarato di essere lo spirito di un venditore ambulante dinome Charles B. Rosma, che sarebbe stato ucciso in quella casa cinque anni prima e poi sepoltodi nascosto nella cantina. Tuttavia non si riuscì mai a identificare alcuna persona scomparsa cheportasse il nome di Charles B. Rosma.Il successo come mediumKate e Margaret furono dunque mandate nella vicina Rochester, Kate presso la sorella Leah eMargaret presso il fratello David, ma il fenomeno dei battiti le accompagnò nelle loro nuovedimore. Amy e Isaac Post, una coppia di quaccheri in rapporti di amicizia di lunga data con lafamiglia Fox, invitò le sorelle nella loro casa di Rochester. Immediatamente convinti dellagenuinità del fenomeno, i Post si adoperarono per diffonderne la notizia presso i loro conoscentiquaccheri, che divennero il primo nucleo del movimento spiritista: da questo deriva la tradizionaleassociazione tra spiritualismo e lotta per le cause politiche radicali (abolizionismo, temperanza eparità di diritti per le donne).Le sorelle Fox divennero presto famose e iniziarono a tenere sedute pubbliche a New Yorkattirando tra il pubblico personaggi di spicco come William Cullen Bryant, George Bancroft,James Fenimore Cooper, Nathaniel Parker Willis, Horace Greeley, Sojourner Truth e WilliamLloyd Garrison.Il clamore da esse suscitato fece venire allo scoperto anche tutta una serie di persone che nepresero a imitare le pratiche, o che forse fino ad allora non avevano osato rendere pubbliche leloro capacità di comunicare con il mondo degli spiriti, dando così il via allo spiritismo negli StatiUniti e, di riflesso, negli altri paesi di lingua inglese.Sia Kate che Margaret divennero medium di fama, tenendo sedute spiritiche per centinaia diinvestigatori (il nome con cui amavano chiamarsi coloro che erano interessati ai fenomenispiritici). Molte di queste prime sedute avevano un tono per lo più frivolo e il maggior interesse daparte del pubblico consisteva nellinformarsi circa il futuro andamento delle azioni ferroviarie o disituazioni amorose personali. Tuttavia limportanza religiosa della comunicazione con i defuntidivenne ben presto evidente: Horace Greeley, importante editore e uomo politico, divenne unasorta di protettore per le ragazze, introducendo le loro pratiche presso gli ambienti delle classisociali elevate. Tuttavia lindipendenza delle fanciulle dalla famiglia di origine si rivelò perniciosa,dato che entrambe le sorelle iniziarono a darsi allalcol.
  • MaturitàLeah, dopo la morte del primo marito, sposò un banchiere di successo di Wall Street. Margaretincontrò Elisha Kane, lesploratore dellArtico, nel 1852. Elisha era convinto che Margaret e Katefossero coinvolte in un imbroglio diretto dalla loro sorella Leah e cercò di tirare fuori Margaretdalle loro attività. I due si sposarono e Margaret si convertì al cattolicesimo, ma alla morte delmarito ella tornò prontamente alle attività medianiche. Nel 1876 raggiunse la sorella Kate che nelfrattempo si era trasferita in Inghilterra fin dal 1871, a spese di un facoltoso banchiere di NewYork. Il viaggio di Kate in Europa fu concepito come una sorta di missione, per cui ella tenevasedute solo per persone di spicco che accettavano in cambio di far pubblicare i loro nomi inqualità di testimoni dei fenomeni spiritici cui avevano assistito. Nel 1872 Kate aveva sposato H.D. Jencken, un avvocato di Londra che era anche entusiasta spiritista, con cui ebbe due figliprima della morte di lui avvenuta nel 1881.Kate aveva fama di essere una medium potente, capace non solo di evocare battiti, ma anchefenomeni quali luci spiritiche, scrittura diretta, la materializzazione di mani e il movimento dioggetti a distanza. Tra il 1871 e il 1874 era stata una dei tre medium esaminati dal famososcienziato William Crookes, che attestò la genuinità dei fenomeni prodotti dalla donna esottolineò la potenza delle capacità di Kate rispetto a quelle della maggioranza dei suoi colleghi.Gli ultimi anniNel corso degli anni Margaret e Kate avevano sviluppato un serio problema con lalcol. Intorno al1888 furono coinvolte in una disputa che le vedeva unite contro la sorella Leah e altri leaderspiritisti, i quali ritenevano che Kate beveva decisamente troppo per poter essere in grado diaccudire i suoi figli adeguatamente. Nel frattempo Margaret, che stava meditando un ritorno alcattolicesimo, iniziò a convincersi sempre più che i suoi poteri fossero di origine diabolica.Desiderose di ferire il più possibile loro sorella Leah, Kate e Margaret decisero dunque di recarsia New York, dove un reporter aveva loro proposto una ricompensa di 1.500 dollari in cambio dellaverità circa i loro metodi e lesclusiva sulla storia.Margaret fece una pubblica apparizione alla New York Academy of Music il 21 ottobre 1888, allapresenza della sorella Kate. Davanti a un pubblico di 2000 persone Margaret mostrò comeriusciva a produrre ad arte dei colpetti che potevano udirsi in tutto il teatro facendo schioccare learticolazioni delle dita dei piedi:i dottori presenti in platea salirono sul palco per sincerarsi dellaveridicità di quanto affermato.Margaret raccontò la sua versione circa lorigine del fenomeno dei battiti in una confessionefirmata che fu pubblicata sul New York World il 21 ottobre 1888. Questa fu la spiegazione datacirca i fatti accaduti ad Hydesville: "Quando la sera andavamo a letto legavamo una mela a uno spago, quindi lo tiravamo su e giùfacendo colpire alla mela il pavimento oppure lasciandola cadere per terra causando uno stranorumore ogni volta che la mela rimbalzava. Fu questo che nostra madre sentì per un certo periododi tempo. Non capiva cosa stava succedendo e non sospettava che noi potessimo essere autricidi un tale imbroglio data la nostra giovane età."E questo circa il presunto assassinio del venditore ambulante: "Loro [i vicini] erano convinti che qualcuno era stato assassinato in quella casa. Ci chiesero didomandarlo agli spiriti e noi battevamo un colpo se la risposta dello spirito era "sì", non tre colpicome facemmo in seguito. Essi conclusero che lomicidio doveva esser stato commesso in quellacasa. Passarono al setaccio lintera campagna circostante alla ricerca dei nomi dei precedentiproprietari della casa. Alla fine trovarono un uomo di nome Bell e affermarono che quel poveroinnocente aveva commesso un assassinio in quella casa e che i rumori provenivano dallo spiritodella vittima. Il povero signor Bell fu evitato e trattato come un assassino dallintera comunità."
  • Diede anche la seguente spiegazione di come procedettero in seguito durante la loro carriera dimedium: "Mrs Underhill, la mia sorella maggiore, portò me e Katie a Rochester. Fu là che scoprimmo unnuovo modo per far risuonare dei colpi. Mia sorella Katie fu la prima a notare che muovendo ledita poteva produrre certi suoni attraverso le nocche e le articolazioni, e che lo stesso effettopoteva essere ottenuto tramite le dita dei piedi. Una volta scoperto che potevamo creare deibattiti con i piedi, prima con uno poi con entrambi, ci allenammo fino a che fummo in grado difarlo facilmente quando la stanza era buia. Come accade per molte cose inspiegabili, èsorprendente quanto esse siano semplici una volta chiarito il mistero. I battiti sonosemplicemente il frutto di un perfetto controllo dei muscoli della gamba al di sotto del ginocchio,muscoli che governano i tendini del piede e che permettono un movimento delle dita dei piedi edelle ossa della caviglia che generalmente non è noto. Tale perfetto controllo è possibile soloquando si prende un bambino in tenera età e gli si insegna con cura e costanza ad esercitarequei muscoli, che negli anni successivi si irrigidiscono... Questa, dunque, è la semplicespiegazione dellintero metodo usato per generare colpi e battiti."Ella aggiunse anche: "Molte persone, quando sentono i battiti, immaginano immediatamente che gli spiriti li stianotoccando. È unillusione molto comune. Alcune persone molto facoltose vennero a trovarmi alcunianni or sono, quando abitavo sulla 42°Strada, e produssi qualche battito per loro. Feci battere lospirito sulla sedia e una delle signore gridò: "Sento che lo spirito mi sta toccando sulla spalla!".Naturalmente era pura immaginazione."Quella dello schioccare delle articolazioni era una delle teorie preferite degli scettici, avanzata findal 1851. Gli spiritisti che avevano familiarità con la larga varietà di battiti prodotti durante lesedute delle sorelle Fox, battiti che per di più provenivano da vari punti della stanza, non furonotanto colpiti dalla spiegazione addotta da Margaret circa lorigine dei rumori quanto dalladichiarazione di creare battiti di proposito, che creò grande delusione e sospetto tra coloro cheavevano seguito le pratiche delle sorelle.La triste fineUn anno più tardi, nel novembre del 1889, Margaret si pentì di quello che aveva fatto e cercò diritrattare la confessione. Anche le prime lettere scritte da Kate in seguito allesibizione di Margaretalla New York Academy of Music esprimevano incredulità e costernazione per il duro attaccoportato dalla sorella allo spiritismo, tuttavia ella non palesò pubblicamente il proprio disaccordo.Nel giro di cinque anni entrambe le sorelle morirono, in povertà e evitate dagli amici di un tempo.Furono seppellite in tombe destinate agli indigenti.TRANSUMANESIMO ED PRIMITIVISMODopo la rivoluzione industriale,con lavvento del socialismo scientifico,poi del liberismo scientificodella globalizzazione ed infine con il Socialismo di mercato cinese,si afferma una nuovaconcezione della finalità della Vita,che mette al primo posto la scienza,che con i robot prodottideve riuscire ad sostituire luomo nei lavori più duri ed pericolosi,ad aiutarlo se in condizioni didisabilità,ed con la genetica curare le malattie degenerative che lo opprimono.Il modello Taylorista fu la base della rivoluzione industriale,derivata dalla concezioneilluminista,che continua ad vivere in un era post-razionalista come la nostra attraverso ilmovimento transumanista.
  • Dal sito del Movimento transumanista possiamo leggere il loro manifesto:MANIFESTO DEI TRANSUMANISTI ITALIANIVersione sintetica ** Versione sintetica del Manifesto (integrale) approvato e sottoscritto dal Consiglio Nazionaledell’AIT in data 11 febbraio 2008.[ Versione sintetica: doc | pdf ]PremessaNoi transumanisti ci siamo dati un obiettivo chiaro e ambizioso: creare nel nostro paese lecondizioni per una rivoluzione morale e intellettuale di orientamento prometeico. Vorremmovedere l’Italia e l’Europa protagoniste di una nuova fase di sviluppo tecnologico, scientifico,industriale, culturale, ma anche biologico – allungamento della vita, rallentamento del processo diinvecchiamento, salute dei cittadini, potenziamento fisico e psichico di disabili e normodotati,anche oltre i limiti della nostra attuale struttura biologica.Essendo per noi un valore fondamentale l’autodeterminazione degli individui e dei popoli nonintendiamo imporre i nostri valori, ma semplicemente proporli. Per lo stesso motivo non tolleriamoche ci venga imposta con la forza o la minaccia una diversa visione del mondo e della vita.L’idea cardine del transumanesimo può essere riassunta in una formula: è possibile edauspicabile passare da una fase di evoluzione cieca ad una fase di evoluzione autodirettaconsapevole. Siamo pronti a fare ciò che oggi la scienza rende possibile: prendere in mano ilnostro destino di specie. Siamo pronti ad accettare la sfida che proviene dai risultati dellebiotecnologie, delle scienze cognitive, della robotica, della nanotecnologia e dell’intelligenzaartificiale, portando questa sfida su un piano politico e filosofico, per dare al nostro percorso unsenso e una direzione.È unidea con una solida tradizione nella storia del pensiero europeo in pensatori comeFrancesco Bacone, Tommaso Campanella, Jean Condorcet, Friedrich Nietzsche, FilippoTommaso Marinetti, Leon Trotsky, Julian Huxley, Jacques Monod e Jean-François Lyotard, percitare solo i nomi più noti. Noi, ora, stiamo semplicemente riannodando i fili del discorso, al fine dielaborare una filosofia unitaria e coerente.Il nostro progetto non può essere confuso con l’eugenetica negativa e autoritaria predicata nelXIX secolo: la sterilizzazione dei portatori di malattie ereditarie è una risposta primitiva e brutalead un problema che le nuove tecnologie permettono di superare lasciando intatta la libertà diprocreazione degli individui e il diritto alla felicità del nascituro.I fautori dell’evoluzione autodiretta, più che sfidare la natura, intendono dispiegarne le possibilità.Per chi ragiona in termini evoluzionistici, invece che fissisti, il transumanesimo non è (né puòessere) contro-natura: delinea piuttosto una nuova continuità tra cultura e natura. Per questosiamo considerati un pericoloso nemico dai nemici dell’evoluzione e della conoscenza. L’accusadi hybris (tracotanza, infrazione del limite, superamento delle Colonne d’Ercole), che ci vienetalora rivolta, è espressione di visioni del mondo pre-darwiniane: il transumano non può andarecontro-natura perché nulla di ciò che la tecnoscienza può fare si colloca fuori delle leggi dellafisica e della biologia. E perché non si è mai data una natura umana che non fosse già il prodottodi unauto-domesticazione, di una coniugazione dell’umano con l’animale e con lo strumentotecnico, e quindi non fosse in definitiva già un’evoluzione auto-diretta, seppure ancora nonconsapevole.Un movimento polimorfo e multiculturale: i pregiudizi più diffusi nei mediaPoiché l’idea centrale del transumanesimo può sposarsi con diverse visioni del mondo, nelturbinio di pubblicazioni che i media ci hanno dedicato non sono mancate distorsioni cheattribuiscono allintero movimento idee inesistenti o molto minoritarie. I falsi pregiudizi checircolano sono almeno tre.1) Il pregiudizio dell’élitarismo plutocraticoI transumanisti sarebbero un’élite di ricchi senza scrupoli, che intendono potenziarsi a livello
  • psicofisico, diventando semidei immortali, una nuova specie superumana, nel migliore dei casidisinteressandosi del resto della gente, nel peggiore al fine inconfessato di ridurre in schiavitù ilresto dellumanità.2) Il pregiudizio del cultismo pseudoreligiosoI transumanisti sarebbero una nuova setta religiosa, che persegue gli scopi malvagi sopraesposti, anche al fine di sostituire le religioni ora esistenti con un nuovo culto universale. Elementidi questa teologia sarebbero l’esistenza di un dio spirituale del quale i suoi servitori preparanol’avvento e l’incarnazione, attraverso la costruzione di sempre più sofisticati computer e robot.Per i critici atei questo dio-macchina è il dio delle religioni monoteistiche. Per i critici cristiani nonpuò che essere il demonio.3) Il pregiudizio della ciarlataneriaI transumanisti si affiderebbero alle favole della futurologia, delle utopie, della fantascienza,allontanandosi completamente dalle scienze naturali e anche da quelle sociali.Questi stereotipi affiorano perchè le frange transumaniste inclini alle posizioni ‘più strane’, purassolutamente minoritarie, sono più appetibili per media e blog: il ‘pazzo criminale plutocrate’ fapiù notizia del ‘normale cittadino che vuole l’accesso alle tecnologie’.Una strategia per il movimento transumanista italianoChiariamo allora gli obiettivi del movimento transumanista italiano, per sgombrare il campo daquesti pregiudizi. Nel far ciò rendiamo anche palesi le linee di pensiero dominanti nel movimentointernazionale. I nostri tre obiettivi fondamentali sono:1. lotta per il possesso delle conoscenze e delle tecnologie;2. lotta per la laicità delle istituzioni e della cultura;3. lotta per l’affermazione di una concezione scientifica del mondo.1. Lotta per il possesso delle conoscenze e delle tecnologie.I sondaggi interni al movimento internazionale rivelano che il pregiudizio dell’élitarismoplutocratico è del tutto caricaturale: 1) la maggioranza dei transumanisti è di sinistra; 2) anche ladestra non liberale e il centro cattolico hanno in genere un orientamento sociale, in particolare inItalia; 3) gli stessi liberali in Europa non sono pregiudizialmente contrari alle politiche socialinell’ambito della ricerca, dell’istruzione e della sanità: minarchisti e anarco-capitalisti sono unaminoranza. Ebbene: l’obiettivo dei transumanisti italiani, in linea con il sentire della maggioranzadei transumanisti nel mondo, è l’appoggio a tutti coloro che lottano contro l’esclusione dalletecnologie attuali e future, sia nelle loro società che a livello internazionale.Questo si articola su tre livelli d’intervento: libertà, sviluppo, accesso.Libertà. La priorità assoluta è una battaglia antiproibizionista per ottenere la libertà di ricercascientifica, nonché la libertà di evolvere, di mutare, di trasformare il proprio fenotipo e il propriogenotipo. Nello specifico italiano, questa libertà è oggi seriamente ipotecata dalla liberticida legge40/2004 sulla fecondazione assistita e la ricerca sulle cellule staminali. L’abrogazione o laradicale modifica di questa legge è il primo impegno concreto dei transumanisti italiani.Sviluppo. È necessario pianificare limpulso alla ricerca scientifica in modo che, pur nella suaautonomia, punti a migliorare le condizioni di salute e longevità.Accesso. Chiediamo politiche sociali per evitare che sia solo il reddito a decidere chi hal’opportunità concreta di potenziarsi, rallentare l’invecchiamento, allontanare la morte: il singolocittadino decide che fare della propria vita, ma con il sostegno della comunità cui appartiene.Laccesso alle tecnologie è pienamente giustificato dal carattere collettivo della scienza. Ogniscoperta, teoria, invenzione deve la propria esistenza allo sforzo congiunto di molte menti,operanti in luoghi e periodi storici diversi. L’inventore e lo scopritore finale meritano unriconoscimento, anche economico, ma è ingiusto e inefficiente un sistema di brevetti cheeccedendo tale finalità, non riconosce il contributo collettivo a monte dellinvenzione. Il suo effettoè un mondo in cui molti esseri umani sono ancora esclusi dai vantaggi dello sviluppo tecno-scientifico.Sosteniamo liniziativa privata nel campo delle nuove tecnologie e l’adozione di misure che lafavoriscano laddove il mercato mostra di produrre meglio e a costi più bassi. Il mercato è però
  • uno strumento che a volte fallisce: le infrastrutture fondamentali nel campo dei trasporti,dell’istruzione, della sanità, della ricerca, delle energie, delle esplorazioni spaziali richiedono ingenere interventi pubblici di regolazione e finanziamento.Per le biotecnologie già esiste in Italia un sistema sanitario a finanziamento pubblico che ha tra lesue finalità il miglioramento della salute dei cittadini e la prevenzione delle malattie: le nuoveterapie contro linvecchiamento e le tecnologie potenzianti possono essere automaticamentecomprese nelle sue finalità.Lo sviluppo tecnologico ci mostra l’inadeguatezza dello stereotipo secondo cui la tecnologiaavvantaggia i poteri già consolidati, in particolare tipo economico. Conoscenze e abilità possonosovvertire i precedenti rapporti di forza: le tecnologie informatiche in particolare, nonostantepossibili insidie, hanno favorito laccesso e la partecipazione.È ingenuo e controproducente cercare di fuggire dalla tecnologia, o evidenziarne solo il negativo,perché questa scelta ne lascia il controllo ad altri. Chi diffonde la nostalgia di un passato idilliacomai esistito o il desiderio di un impossibile e filosoficamente infondato ‘ritorno alla natura’indebolisce i popoli e li consegna alla schiavitù.2. Lotta per la laicità delle istituzioni e della culturaAtei e agnostici sono quasi sette su dieci nel movimento transumanista mondiale, ci dicono isondaggi. La percentuale di ‘non credenti’ cresce notevolmente in Europa e in Italia,raggiungendo la quasi totalità degli iscritti. Buddisti, pagani e panteisti, presenti in piccolepercentuali, non credono anchessi nel dio personale dei monoteismi. Solo l’1% pensa altransumanesimo stesso come una religione. In questo quadro, il pregiudizio cultista èsemplicemente infondato e del tutto fantasiosa l’idea di una religione o di un settarismotransumanista, a maggior ragione di tipo teista. Il transumanesimo non è una religione, anche senulla vieta di interpretarlo come un’alternativa alla religione, oppure come una visione che puòtrovare spazio all’interno di una dottrina religiosa.Duramente attaccati dalla Chiesa cattolica e da politici ed intellettuali filoclericali sin dalle nostreprime apparizioni pubbliche, abbiamo attirato soprattutto atei, agnostici e neopagani, con unorientamento generale di tipo laico o laicista. Ciò non significa che intendiamo chiudere le porte achi aderisce ad una religione, purchè non pretenda di elevarla a posizione pubblica dominante. Ilfenomeno dei cosiddetti ‘atei devoti’ dimostra peraltro che in Italia la laicità non è combattuta solodai cattolici integralisti. Per noi prioritaria è la laicità delle istituzioni pubbliche, in particolare diquelle strategiche per il nostro discorso – ovvero la scuola, l’università, i centri di ricerca, lasanità, i comitati di bioetica – e preferiamo i teisti laicisti agli atei devoti: la linea di demarcazioneresta per noi laicismo-clericalismo, piuttosto che ateismo-teismo.Esistono però conflitti filosofici profondi fra transumanesimo e antropologia cristiana. Per icristiani l’uomo è fatto a immagine e somiglianza di Dio e non può cambiare se stesso. Per noi,nietzscheanamente, l’uomo è qualcosa che dev’essere superato: luomo può cambiare se stessoed il mondo, può assumere il proprio destino impugnando la tecnoscienza, invece di rimettersialla fede e alla provvidenza. Solo con una riforma radicale della propria dottrina il cattolicesimopotrebbe integrarsi con lo sviluppo in senso evolutivo dell’uomo e delle sue tecnologie. Almomento la Chiesa Cattolica è orientata in direzione opposta, preconciliare e premoderna, contotale chiusura sui temi bioetici. Il dialogo con i cattolici, invocato da alcuni italiani che dicono diispirarsi all’estropianesimo (peraltro Max More, fondatore dell’Extropy Institute, non ha mai fattomistero delle sue posizioni non solo laiciste, ma anticlericali e antireligiose), risulta quindiimpossibile per mancanza di interlocutore: le gerarchie cattoliche hanno dichiarato i loro valoricome non negoziabili.3. Lotta per l’affermazione di una concezione scientifica del mondoI transumanisti aderiscono a diverse dottrine epistemologiche ma condividono la fiducia nellascienza. C’è chi ne esalta le possibilità cognitive e chi invece la definisce in rapporto alla suacapacità di fondare delle tecniche, ma non si trovano avversari della scienza.Per scienza intendiamo quella accademica e ufficiale, accolta dalla comunità scientificainternazionale attraverso i rigorosi processi di valutazione delle riviste specializzate e dei comitati
  • di esperti – pur consapevoli delle disfunzioni che talora distorcono tali meccanismi, o rallentanoindebitamente l’affermarsi di nuove acquisizioni teoriche, metodologiche e pratiche. La sintesidelle nostre posizioni filosofiche ed epistemologiche è dunque nel senso di una concezionescientifica del mondo. I leader del movimento transumanista lavorano nelle migliori università ecentri di ricerca del pianeta. Le accuse di ciarlataneria sono del tutto infondate.La futurologia – il tentativo di estrapolare gli sviluppi futuri dei trend ora osservabili, a cui gliintellettuali transumanisti dedicano spesso i loro scritti – è operazione del tutto razionale e utile,se il confine tra scienza e speculazione futurologica resta chiaro. La futurologia non è scienza, sioccupa di futurabilia (fatti ed enti possibili, ma non ancora esistenti), esplora i possibili scenarifuturi senza alcuna certezza e senza generare fideismi. Il transumanista ha ben chiaro il carattereipotetico e speculativo della futurologia.Poichè su questo punto sorgono continuamente equivoci, d’ora in poi eviteremo speculazionitroppo ardite nell’ambito di un discorso pubblico. Anche questa scelta rispecchia latteggiamentodella componente maggioritaria del movimento transumanista. Si consideri la diatriba longevità-immortalità: solo il 7% degli iscritti crede alla possibilità dell’immortalità terrena, mentre il 93% èconvinto della più sobria prospettiva di un radicale allungamento della vita media (trend tra l’altrogià osservabile), o di un’alterazione dell’aspettativa di vita propria alla nostra specie. Ciimpegnamo quindi a limitare drasticamente l’uso della parola ‘immortalità’. Noi non promettiamol’immortalità, né la indichiamo come nostro obiettivo perchè si allontana troppo dalle possibilitàindicate al momento dalla scienza.Lasciamo dunque alla fanta-scienza e alla fanta-teologia ipotesi come la trasformazione di tutta lamateria dell’universo in un unico essere divino e pensante. Mind-uploading e Singolarità ciinteressano come visione a largo respiro che permette di inquadrare i problemi del presente inuna prospettiva cosmica, ma non possiamo basare le politiche del presente su mere ipotesifuturibili. Rischieremmo di trasformare il transumanesimo in un nuovo opium populi: invece dilottare per ottenere l’accesso a tecnologie reali, come la fecondazione in vitro, la clonazione, gliarti cibernetici, gli organi artificiali, i farmaci genici, i cibi transgenici, nuove fonti di energia, laconnessione a banda larga, e via dicendo, potremmo limitarci ad aspettare un’improbabilesalvezza proveniente dal Dio-Computer del futuro o la sconfitta della scarsità grazie all’avventodegli assembler nanomolecolari, senza cosiderare il contesto etico, sociale, politico, nazionale edeconomico nel quale la tecnologia si sviluppa, cioè il ‘quando’ ‘dove’ e ‘per chi’ degli sviluppitecnologici futuri, che fanno tutta la differenza per le persone concrete.Concludere, per tornare all’azioneNon ci illudiamo che queste tre linee programmatiche faranno cessare gli attacchi altransumanesimo. Prevediamo anzi che prenderanno forme nuove: adesso ci accuseranno disovversione antisistema, di laicismo fondamentalista, di scientismo ingenuo. Il che ci apparecomunque preferibile alle accuse precedenti.Unultima considerazione sulla pretesa ingenuità dello scientismo. La concezione scientifica delmondo, se era ingenua quando assumeva la scienza come capace di arrivare a conoscenzecerte e definitive, ora è diventata critica. Lo scientista critico afferma che la scienza è una formadi conoscenza privilegiata e che è lecito applicare il metodo scientifico a qualsiasi aspetto dellarealtà. Gli scientisti critici rispettano la filosofia e sono consci che la stessa concezione scientificadel mondo è una filosofia. In altre parole hanno fatto tesoro delle critiche postmoderne. Con ipostmoderni di orientamento antiscientifico si sono talvolta scontrati, ma proprio queste ‘sciencewars’ hanno consentito loro di affinare il pensiero. Molti ‘scientisti’ odierni sono pronti acaratterizzarsi in senso critico e postmoderno. Se lo scientista acritico del XIX secolo era convintoche possiamo sapere tutto con certezza e lo scettico postmoderno del XX secolo era convintoche non possiamo sapere niente con certezza, lo scientista critico del XXI secolo affermasemplicemente che possiamo sapere qualcosa con sufficiente probabilità. Resta fermo checiascun transumanista può definirsi come meglio crede sul piano meta-scientifico, purchéaderisca ai tre punti cardine del programma e contribuisca alla loro realizzazione.
  • http://www.transumanisti.it/1.asp?idPagina=3Volete una mia riflessione su questo argomento?Rispolvero un mio articolo in rete.<<In Cina è molto diffuso comprare giocattoli su giocattoli ai bambini per farli contenti,inparticolare i bambini delle classi agiate vengono riempiti di giocattoli,si calcola che la sommaspesa dai genitori per comprare giocattoli ai figli superi la somma della somma di un intero ciclouniversitario.Potrei raccontare delle fiabe che un tempo venivano raccontata anche qui in Italia dai genitori aibambini piccoli,erano fiabe scritte in larghi libri pieni di figure ed altrettanto povere di caratteri,icaratteri erano anzi ingranditi per far sembrare la pagina riempita del tutto non solo dalleimmagini ma anche dai caratteri scritti,in particolare ne ricordo una che lessi da piccolo piùvolte,parlava di una cesta piena di giocattoli di aereoplani,macchinine,bambolotti,soldatini,ed diun bambino che non voleva più giocarci perchè convinto di essere un adulto,la notte raccontavala favola i giocattoli si rianimavano,cambiavano di posizione nella cesta,uscivano dalla cesta,edgiocavano tra loro,visto che il loro scopo unico era giocare,tanto vale lo facesseroautonomamente,a volte lo facevano litigando,dandosele ed si rompevano,facevano da soli quelloche anche i bambini con le loro mani gli facevano fare durante il giorno,quando questi giocattolinon erano spiritati ed non si animavano spontaneamente.I giocattoli che si rompevano avevano un motivo occulto di rompersi,la loro animazionenotturna,ed allo stesso tempo di giorno assumevano un valore particolare,avevano cioè valoreper il bambino anche se rotti,erano consumati dalle loro azioni spericolate ed stravaganti,inqualche modo avevano un anima,ed acquistavano più pregio,più anima se rotti.Negli anni 90 si fecero diversi film con questo argomento,in particolare ne ricordo uno che miaffascino fortementeSmall soldiers, TramaLa multinazionale americana Globotech, che si occupa sia di equipaggiamenti militari che digiocattoli, mette in produzione due serie di soldatini giocattolo: i Gorgonauti, pacifiche creaturealiene dallaspetto mostruoso, alla continua ricerca della loro terra perduta, e i Commando Elite,soldati in pieno stile americano, disposti a dare la vita per uccidere il "nemico" Gorgonauta. Perrendere più allavanguardia questi giocattoli, però, viene fatto uso di un avanzatissimo chipmilitare, in grado di interagire con tutto quello che li circonda e anche di imparare, dando a questipupazzetti una propria intelligenza artificiale. Al momento dellattivazione si scatena una vera epropria guerra tra giocattoli e a finirci in mezzo è il giovane Alan, figlio del proprietario di unpiccolo negozio di giocattoli.http://it.wikipedia.org/wiki/Small_Soldierswww.youtube.com/watch?v=sJQZ5yO1NucNella nostra società che ha quasi completamente eliminato il lavoro manuale si crea una sorta diiperutilizzo dei sensi,visivi,uditivi,ed anche in certi casi del gusto come dei sensi che fanno capoalleccittazione erotica sessuale,mentre diversi antropologi avvertono che nelle società moderneoccidentali ed industrializzate si usa ad livello minore che non nelle società "primitive" il sensoolfattivo.A volte pare che questo iperutilizzo dei sensi porti allo stesso reimbecillimento degli stessisensi,ad una narcotizzazione,di questi argomenti scrisse in diversi libri il filosofo moderno eddistopico Aldous Huxley,ma quello che urge sottolineare anche se i temi(giocattoli)ed il tema(sensazioni,sensi,società,industria,economia,sviluppo ed scienza)sembrano slegati,che tutto faparte di un ingranaggio superiore,olistico,ed è in questo iperutilizzo dei sensi che lUomo nella
  • società contemporanea sta fondando una società post-razionalista ed post-scientifica,infatti èinutile ragionare ancora in termini di razionalismo ed scienza(industriaeconomia,genetica,biologia)ed mito,leggenda,convinzioni,psicologia (che non è una scienzaesatta)il problema fondamentale di questa epoca che viviamo è che come ricordava Zichici in unsuo recente articolo http://www.ilgiornale.it/news/cultura/emer...ere-830691.html ed comepreconizzava Isaac Asimov nel suo famoso libro Io robot http://it.wikipedia.org/wiki/Io,_Robot_%28Asimov%29 ,la società in nome di paradigmi pre-tecnologici,od sociopsicologici,è dominatada gruppi "post-razionalisti",ed non sono da attribuire ai "Cultori dei Dischi Volanti" le distorsionineo-primitivistiche di questa società automatizzata ma sempre più nichilista ed che pone allabase di tutto lannientamento del desiderio.Anzi questo regresso va attribuito semmai allapressante forza di gruppi "moralistici" chiusi,che intepretano valori positivi con categorie delpassato,tra questi le diverse religioni(in particolare lebraismo)in quanto lo stesso ebraismo partedal concetto di Legge Naturale(che anchio reputo positiva ed alla base dello statodemocratico)ma allo stesso tempo lebraismo inteso in senso non laico ed quindi religioso,con lesue prospettive messianiche,Ritorno di Dio,Terra Promessa,è alla base sia di un rapido sviluppodel Progresso umano(soprattutto in campo economico finanziario,vedi marxismo edliberalismo,cioè materialismo storico,contrapposto ad idealismo ed aristocraticismo)ma allostesso tempo è alla base di un processo di disintegrazione della ricerca dellevoluzione dellaspecie in senso scientifico.La medicina asserisce se stessa come creatrice di possibilita di curaed di raggiungimento delleguaglianza,però slegandosi ed rifiutando laiuto della genetica ed dellarobotica,come anche delle tecnologie bio-genetiche.Insomma come scrive Zicchichi siamo in un era post-illuminista ed post-scientifica,anche perchèluomo in quel surrogato di visioni economiche ha perso di vista una programmazione in vistadellessenziale della propria specie,il problema che da più tempo sollevano i transumanisti ed iraeliani,cioè luomo post-moderno è nutrito in modo troppo distopico ma nemmeno in modomaterialistico economicistico da quelle che erano un tempo le ideologie dominanti marxismo edliberalismo,anzi si sta contrapponendo una nuova visione neo-feudale ed allo stesso tempoutopistica,che trova le sue radici nelle scienze come la psicologia,ma non solo in quella,cioè digovernare leconomia dopo gli eccessi del passato partendo da considerazioni "sentimentali"chesenza il Progresso tecnico scientifico diventano irrazionalità ed portano al rifiuto dellademocrazia,in nome dellaracaismo religioso (ebraico)come allo stesso tempo al rigetto delleforme di trascendentalismo utilizzando risorse tecnologiche computerizzate come può essere iltecno-buddhismo,o come i cyborg ed i tecnomaghi.Non è da negare però che i gruppi checriticano limpostazione iper economicistica ed iper tecnologica della società globalizzata nonhanno tutti i torti,almeno alla base dei loro ragionamenti è sentito il bisogno di democrazia,didiritti,di Primato dellUomo sulla scienza la tecnologia ed anche la Genetica,questo dovuto addegli eccessi che ancora esistono in relazione al Potere,già individuato dai distopici radicals chepaventano GIUSTAMENTE,il rischio di un uso statalizzato od in nome del Mercato dellagenetica,remando in modo contrario ai valori fondanti lademocrazia,Libertà,Fraternità,Uguaglianza.Sta di fatto che sono positive le rivendicazioniambientaliste,animaliste,infatti non si può pensare che la scienza (ed qui devo discostarmi dalpensiero di Zicchicchi)sia un modello anti-umano ed anti-curativo,linquinamento è un mostro delnostro tempo,ed la Scienza ha sempre cercato di regolare levoluzione della specie in vista ditraguardi che facessero in modo che la stessa specie ne determini dei vantaggi in salute edbenessere.Una concezione della scienza invece "rassegnata" fa da prodromo a questa era cheviviamo,la scienza non fà più sue le prerogative di basarsi sul pensiero Darwinista della selezionenaturale,ma di avere scopo addattativo,infatti tutte le tecnologie scoperte dalla preistoria adoggi,primo il fuco,hanno sempre avuto scopo addattativo,ed non di rassegnazione,scopo didominio sulla natura,la visione post-scientifica invece basa la sua evoluzione non sulla "ricerca"ma sullo studio astratto,ed è per questo che non produce risultati affascinanti,o se li produce glistati ed le lobby di potere mercantili sono Infantili rispetto alle proprie aspirazioni spessoantidemocratiche ed antiugualitarie nel determinarne lutilizzo sociale.Una crescita della Colettività si basa anche però su di una crescita spirituale,tornando aigiocattoli,penso che dovremmo liberarci di una impostazione Coercitiva dellEducazione,in
  • particolare rispetto al concetto di evoluzione culturale,il fatto che lUomo negli ultimi decenni siariuscito ad costruire macchine intelligenti,sta alla base del presupposto che lUomo in qualchemodo dia un Anima,un Senso,ed delle Prerogative Umane, a ciò che produce,un pò come igiocattoli,ed un forte segnale,che si slega dallottica giudaico-cristiana,ma in particolare giudaicadi un mondo Lineare dove al Caos ,allOppressione segue lAvvento di un Era messianica ed diuna Terra Promessa realizzata (non si sa da chi,ne da dove) ed che porterebbe partendo daassiomi (sentimentali)ma allo stesso tempo Statici,perchè regolati da Norme Rigide edCoercitive,al più alto grado di benessere ed riscatto per lUmanità un tempo emarginata,certolapporto del giudaismo ed degli ebrei alla Cultura Moderna ed Illuminista è da riconoscere senzase ed senza ma,lo stesso Asimov era un ebreo,ed anche la visione escatologica dellAvvento delMessianismo Ebraico è da accogliere per uno sviluppo veramente Umanistico della Scienza,mase si ritornerà ad una forte concezione "non distopica" (intesa in senso di lotta tra VecchieConcezioni ed Nuove Utopie economico scientifiche spirituali)ed anzi in senso razionalisticodemocratico libertario ed ugualitario dellutilizzo delle nuove tecnologie,dai biochip aicomputers,alla genetica per curare le malattie insieme alla medicina,allora si potra parlare diritorno ad unera di Dominio del cambiamento,di dominio che riguarda anche il singolo essereindividuale,io,te,noi,il ritorno ad quello che gli stregoni ed gli sciamani che tanto tornano in augerecentemente grazie a movimenti come la Wicca,spiegano la Vita non sulla base di un dominio diforze indirette (teologiche,economiche)già predeterminate,ma come Sfida Continua perevolversi,per costruire un Futuro Sociale,si passa da una concezione statica ad una dinamica incui anche il rapporto con gli oggetti cambia,gli oggetti come nella teoria marxista diventano addifferenza del capitalismo od del feudalesimo,fonte di benessere spirituale ed morale,non esistepiù distinzione tra Veicolo materiale(come può essere un libro,che adesso diventa un lettoremultimediale di ristrette dimensioni,che può fare in modo di farci leggere un libro od ascoltarlo)od"sperando" un Occhio,un Orecchio,che potra essere sotituito da dei pezzi di ricambio,insomma laMateria diventa Anima,Veicolo Spirituale,ed in questa dimensione assume un nuovo valore disuperamente della religione,da parte delle Nuove Scienze Spirituali,della RicercaParanormale,del contattismo ed dellastronomia.Daltronde basta andare agli albori della Civiltà per scoprire che Antichi Sciamani davano unAnima Divina ed Immortale ad ogni cosa vivente od "non vivente",un nuovo tecno-paganesimo?od tecno sciamanesimo?Si spiega cosi anche la nuova concezione che la Chiesa Cattolica ha accettato solo direcente,davanti alle spinte di diverse motivazioni,(tra laltro non solo spirituali)come lacremazione,merita qui una riflessione sulla morte ed sulla cremazione,la dispersione del propriocorpo materiale nel fuoco,nella cenere,la dispersione di tutto nellaria,nelvento,nellacqua,sarebbe meglio farsi cremare ed lasciarsi bruciare nel mare,su di una piccolaimbarcazione come è uso in Cambogia,perchè questo gesto segna la dinamicità spirituale,ilvecchio corpo che si allontana,che si disperde,i khmer rossi dicevano che lUomo viene dalletame ed dal grano,ed allora possiamo sciamnicamente pensare che anche le piante,i semi,edanche il letame abbia un "anima",il letame è pieno di batteri che hanno anchessi Vita propria,edforse su altri pianeti esistono forme di vita aliene che non riusciamo ancora ad studiare per le loromicro-dimensioni con i nostri strumenti visivi.Ieri sera a letto pensavo alla cremazione,ed arrivaialla conclusione che se devo farmi cremare tanto vale che lo faccia anche bruciando i mieioggetti più cari,gli egiziani deponevano sulla tomba del morto gli oggetti a lui più cari,non perchèli avrebbe utilizzati nellaldilà come vi hanno fatto credere a scuola,ma perchè quegli oggetti per ildeceduto avevano un "anima",tanto vale che mi faccia bruciare insieme al gorilla di peluche (quelgiocattolo che da tanto tempo utilizzo ancora "infantilmente" per addormentarmi a letto la notte edche mi rassicura)piuttosto di vederlo soffrire per la mia mancanza, vi(a proposito ricordate il filmCastaway con Tom hanks http://it.wikipedia.org/wiki/Cast_Away www.youtube.com/watch )direteche sono Pazzo?Il problema è che lAnima non può essere quella cosa statica che ci hannoinsegnato a dottrina da piccoli,lAnima è qualcosa di multiforme,versatile,che si espande,lAnimaè ciò a cui si da Anima,il gatto il cane hanno un anima parlateci insieme,(vi capiscono meglio dialtri imbecilli,come anche le piante daltronde),è difficile per il monoteismo capire che lAnima sipuò darla,non è qualcosa di predeterminato da un Entità Superiore ed Dominatrice,daltronde lo
  • stesso Cristo diceva Ama il tuo prossimo,ed Ama il tuo nemico,come dire Dai un Anima al tuoprossimo anche se non la ha.>>http://hbtb.forumcommunity.net/?t=52145649La Visione sociale opposta al transumanesimo od allindustrialismo è quella del Primitivismo,unavisione ancora più estrema dellecologismo radicale che ha tra i suoi fondatori ed propugnatoriJohn Zerzan.John ZerzanDa Wikipedia, lenciclopedia libera.John ZerzanJohn Zerzan (Salem, 1943) è un anarchico e filosofo statunitense.È un anarchico propugnatore e filosofo del primitivismo. Ha scritto numerosi articoli e saggi diopposizione radicale ad ogni forma di civilizzazione, in particolare individuandone le basi darefutare nei concetti di agricoltura, linguaggio, pensiero simbolico (numero e arte) e tempo.[1]Avversa loppressione intrinseca alla civilizzazione e propone la riconquista di una libertàprimordiale ispirata ad un modello di vita preistorico basato su caccia e raccolta. I suoi libri piùsignificativi sono: Elements of Refusal (1988), Future Primitive and Other Essays (1994), AgainstCivilization: A Reader (1998) e Running on Emptiness (2002). Zerzan individua nellavvento dellaciviltà lorigine di ogni forma di potere, ciò che ha condotto alla domesticazione luomo, gli animali,lambiente. Si tratta di una macchina sociale che ha introdotto il principio della proprietà, delladivisione del lavoro, della legge. Tale struttura si regge attraverso lausilio di alcuni artifici(reificazione) per la rappresentazione astratta della realtà, quali il tempo, il linguaggio, la scrittura,il numero, la religione (funzionali allesigenza alla classe dominante per stabilire i confini delleproprietà, i ritmi di lavoro, la codificazione delle norme ). È infatti lagricoltura una delle prime efondamentali manifestazioni della civiltà. Rispetto a una fase antecedente, nella quale uomini edonne erano liberi raccoglitori-cacciatori, essi vivono alienati, estraniati dal proprio ambiente edalla necessità di soddisfazione dei propri bisogni. La tecnologia è invece esclusivamente lostrumento di lavoro indispensabile alla produzione delle merci e della conservazionedellimpalcatura sociale. Pertanto la tecnologia non nasce come mezzo neutrale. La tecnologiainoltre modifica lambiente, il modo di vivere degli esseri umani e luomo stesso, fra laltro,rendendolo dipendente delle macchine. Per tutte queste considerazioni Zerzan differisce daipensatori anarchici della seconda metà dellOttocento e da Marx (pur condividendone lanalisi sulcapitalismo), ritenendo che essi si limitino a sostituire un modello di società con un altro, perquanto alternativo, che non scardina le strutture portanti della civiltà. Zerzan collabora con larivista di critica radicale Fifth Estate.http://it.wikipedia.org/wiki/John_ZerzanIl moderno antimondo – di John Zerzanpubblicato sul n° 40 (dic. ’04) del periodico anarchico venezuelano “El Libertario”Traduzione a cura di Anarcotico.netOggi c’è solo una civilizzazione, un’unica macchina globale di addomesticamento. I continui sforzidella Modernità per disincantare e strumentalizzare il mondo naturale non-culturale hannoprodotto una realtà in cui virtualmente nulla resta fuori dal sistema.Questa traiettoria era già visibile ai tempi delle prime città. Da quei tempi Neolitici ci siamo
  • avvicinati ancor più a completare la de-realizzazione della natura, terminando oggi in uno statod’emergenza mondiale. L’avvicinarsi alla rovina è una visione comune, il nostro ovvio non futuro.Quasi non bisogna sottolineare che nessuna delle pretese della Modernità/Illuminismo (perquanto concerne la libertà, la ragione, l’individuo) sono valide. La modernità è essenzialmenteglobalizzazione, massificazione, standardizzazione. La auto-evidente conclusione diun’inesorabile espansione indefinita delle forze produttive dà il colpo finale alla fede nelprogresso. Via via che l’industrializzazione della Cina avanza a tappe forzate, abbiamo un altrocaso davanti agli occhi.Storia della rinuncia:Dal Neolitico c’è stato un costante incremento della dipendenza dalla tecnologia, la culturamateriale della civilizzazione. Come Horkheimer e Adorno hanno segnalato, la storia dellacivilizzazione è la storia della rinuncia. Si ottiene meno di ciò che si mette. E’ questo l’ingannodella tecnocultura, cuore occulto dell’addomesticamento, impoverimento crescente dell’individuo,della società, della Terra. Nel frattempo i soggetti moderni hanno la speranza che, in qualchemaniera, la promessa di maggiore modernità curerà le ferite che li affliggono.Un aspetto che può definire il mondo presente è il disastro auto-costruito, che si annunciaquotidianamente. Ma la crisi che affronta la biosfera è ragionevolmente meno risaltata e menonota, per lo meno nel Primo Mondo, che le quotidiane alienazione, disperazione e cattura in unaroutinaria rete che controlla senza senso.L’influenza sui più piccoli eventi o circostanze ci svuota man mano che il sistema di produzione edi scambio distrugge le nostre locali peculiarità, differenze e costumi. Se ne sono andate le pre-eminenze del luogo, rimpiazzate progressivamente da ciò che Pico Ayer chiama la culturadell’aeroporto, senza radici, urbana e omogenea.La Modernità ha le sue basi originali nel colonialismo, così come la civilizzazione – ad un livellopiù fondamentale – si fonda sulla dominazione. Alcuni vorrebbero dimenticare quest’elementochiave della conquista, o trascenderlo, come nella facile nuova trans-modernità della pseudo-soluzione di Enrique Dussel (The Invention of the Americas, 1995). Scott Lash fa ricorso ad unasimulazione simile in Another Modernity: A Different Rationality (1999), un povero titolo senzasenso vista la sua riaffermazione del mondo della tecnocultura.Un fallimento più tortuoso è Alternative Modernity (1995), in cui Andrew Feenberg osservasaggiamente che la tecnologia non è un valore che uno deve scegliere a favore o contro, ma unasfida senza fine a sviluppare e moltiplicare i mondi. Il trionfante mondo della civilizzazionetecnicizzata, che conosciamo come modernizzazione, globalizzazione o capitalismo, non ha nullada temere da tali vuote evasioni.Paradossalmente la gran parte dei lavori di analisi sociale offrono un supporto a un’accusa delmondo moderno, ma falliscono nel confrontare le conseguenze del contesto che sviluppano.David Abrahams, per esempio, in The Spell of the Sensuous (1995) offre una revisione moltocritica delle radici della totalità anti-vita, solo per concludere con una annotazione assurda.Occultando le conclusioni logiche di tutto il suo libro (che dovrebbe essere un appello ad opporsiagli orribili lineamenti della tecno-civilizzazione), Abrahams decide che questo movimento versol’abisso, ad ogni modo, è fondato sulla terra ed è organico. Presto o tardi dovrà accetTare l’invitodella gravità e dovrà tornare a terra. Una maniera sorprendentemente irresponsabile diconcludere la sua analisi.Richard Stivers ha studiato l’ethos contemporaneo dominante della solitudine, della noia,dell’infermità mentale, ecc., specie nel suo Shades of Loneliness: Pathologies of TechnologicalSociety (1998). Ma il suo lavoro cade nel quietismo, così come la sua critica in Technology asMagic che termina lo stesso nello schivare: la lotta non è contro la tecnologia, che è una maniera
  • semplicista di intendere il problema, bensì contro un sistema tecnologico che adesso è il nostromezzo vitale.In The Enigma of Health (1996) Hans Georg Gadamer ci consiglia di portare di nuovo i risultatidella società moderna, con tutto il suo apparato automatizzato, burocratico e tecnologico, alservizio del ritmo che sostiene adeguatamente la vita corporea. Nove pagine prima, Gadamerosserva che è proprio quest’apparato di oggettivazione quello che produce il nostro violentoallontanamento da noi stessi.L’elenco degli esempi potrebbe riempire una piccola biblioteca e lo show dell’orrore continua. Undato tra migliaia è il sorprendente livello di dipendenza di questa società dalla droga tecnologica.Lavoro, riposo, ricreazione, non ansietà/depressione, funzione sessuale, attività sportive – cosamanca? Come esempio: l’uso degli antidepressivi sta aumentando tra i bambini in età prescolare(New York Times, April 2, 2004).Discutendo il consenso:Oltre il duplice linguaggio di non presentabili teorici semi-critici, comunque c’è il peso dell’inerzianon apologetica di innumerevoli voci che consigliano che la modernità sia semplicementeinevitabile e che dovremmo desistere dal metterla in discussione. Dicono che è certo che innessun luogo del mondo c’è una scappatoia dalla modernizzazione e che non può esserealterata. Tal fatalismo si apprezza bene nel titolo di Michel Dertourzos What Will Be: How theNew World of Information Will Change Our Lives (1997).Poco meraviglia che prevalga la nostalgia, il desiderio appassionato verso tutto ciò che ci è statosottratto dalle nostre vite. Le perdite si accumulano da tutte le parti, assieme alla protesta controil nostro sradicamento e gli appelli per un ritorno a casa. Come sempre, i partigianidell’incremento del nostro addomesticamento ci parlano di abbandonare i nostri desideri e dicrescere. Norman Jacobson (“Escape from Alienation: Challenges to the Nation-State,”Representations 84: 2004) avverte che la nostalgia, se abbandona il mondo dell’arte o dellaleggenda, diviene pericolosa, una minaccia allo Stato-Nazione. Questo pauroso uomo di sinistraconsiglia realismo, non fantasie: apprendere a vivere da alienato è equivalente, nella sferapolitica, a lasciare la sicurezza del proprio tetto nella nostra infanzia. La civilizzazione, come bensapeva Freud, deve essere difesa contro l’individuo e tutte le istituzioni sono parte di questadifesa.Come usciamo di qui, da questa barca della morte? La sola nostalgia è poco adeguata per unprogetto di emancipazione. Il maggior ostacolo per dare il primo passo è così ovvio quantoprofondo. Se prima si vuole capire, dovrebbe essere chiaro che non si può accettare la totalità eformulare al contempo una critica autentica e una visione qualitativamente diversa da questatotalità. Questa fondamentale inconsistenza viene fuori nella brillante incoerenza di alcuni deilavori precedentemente citati.Ritorno all’impatto dell’allegoria di Walter Benjamín sul significato della Modernità. Il suo volto ègirato verso il passato. Dove percepiamo una catena di eventi, egli vede una sola catastrofe chesi mantiene ammucchiando disastro su disastro ai suoi piedi. L’angelo avrebbe voluto rimanere,svegliare i morti e riparare ciò che era stato schiacciato. Ma una tempesta scende dal Paradisoed afferra le ali con tale violenza che l’angelo non riesce più a chiuderle. La tempesta lo spingeirresistibilmente al futuro, al quale volge le spalle, mentre il cumulo dei rifiuti davanti a lui crescefino al cielo. Questa tempesta noi la chiamiamo progresso (1940).C’è stato un tempo in cui questa tempesta non bramiva, quando la natura non era un avversarioda essere conquistato, addomesticato in ciò che è sterile e sostituto. Ma abbiamo viaggiato aduna velocità accelerata, sollevando raffiche di progresso alle nostre spalle, verso un maggiordisincanto, la cui impoverita totalità mette adesso in pericolo sia la vita che la salute.
  • La complessità sistematica frammenta, colonizza, oltrepassa la nostra vita quotidiana. Il suomotore, la divisione del lavoro, minimizza l’umanità nelle sue profondità, sottraendoci le facoltà epacificandoci. Questa specializzazione che rende stupidi, che ci dà l’illusione della competenza, ècentrale, in quanto permette di predicare l’addomesticamento.Ernest Séller (Sword, Plow and Book, 1989) ha evidenziato che prima dell’addomesticamentonon c’era la possibilità di una crescita comparabile in complessità alla divisione del lavoro e aldifferenziamento sociale. Naturalmente c’è un forte consenso sul fatto che una regressione dellacivilizzazione comporterebbe un costo elevato – appoggiato da spaventosi scenari fittizi, molti deiquali non riflettono altro che gli attuali prodotti della modernità.Le persone hanno iniziato a mettere in discussione la Modernità. Già uno spettro minaccia la suafacciata che si sta sgretolando. Nel 1980 Jurgen Habermas temeva che le idee contro lamodernità assieme ad un’aggiunta di premodernità avessero raggiunto una certa popolarità. Unagran marea di questo modo di pensare sembra inevitabile ed inizia a farsi sentire nei filmpopolari, nelle novelle, nella musica, nelle fanzine, negli show televisivi, ecc.E’ triste il fatto che il danno accumulato abbia causato una grande perdita di ottimismo e disperanza. Il rifiuto di rompere con la totalità corona e consolida questo pessimismo induttore disuicidio. Solo visioni completamente fuori dalla realtà corrente costituiscono il nostro primo passoverso la liberazione. Non possiamo permetterci di continuare ad operare nei termini del nemico.(Questa posizione può sembrare estrema; l’abolizionismo del secolo XIX pareva anch’essoestremo quando i suoi aderenti dichiararono che avrebbero accettato solo l’abolizione dellaschiavitù e che tutte le riforme fossero dalla parte dello schiavismo).Marx intese la società moderna come uno stato di rivoluzione permanente, in un perpetuomovimento rinnovatore. La postmodernità ci conduce oltre, nella misura in cui il cambiamentoaccelerato rende tutto ciò che è umano (come le nostre relazioni più vicine) fragile e disfatto. Larealtà di questo movimento e fluidità è stata elevata a virtù da pensatori postmoderni, checelebrano l’indecisione come condizione universale. Tutto è un fluire, fuori dal contesto; immaginie punti di vista sono effimeri e validi come tanti altri.Questo è il punto di vista della totalità postmoderna, la posizione dalla quale i postmodernicondannano qualsiasi altra prospettiva. Il fondamento storico della postmodernità è sconosciutoin sé, per avere una fondamentale avversione a descrizioni generali e alla totalità. Ignorandol’idea centrale di Kaczynski (Industrial Society and Its Future, 1996) che il significato e la libertàsiano progressivamente proscritte dalla moderna società tecnologica, ai postmoderni noninteresserà nemmeno il fatto che Max Weber scrisse la stessa cosa circa un secolo fa. O che ilmovimento della società, per dirla così, sia la verità storica che i postmoderni analizzano così inastratto, come fosse una novità che essi solo (parzialmente) capiscono.Evitando di cogliere la logica del sistema come un tutto, per via di un numero di aree del pensieroproibite, la posizione di questi ingannevoli turbatori dell’anti-totalità viene ridicolizzata da unarealtà che è più totalizzata e globale che mai. La resa dei postmoderni è un chiaro riflesso deisentimenti di abbandono che attraversano la cultura. L’indifferenza etica e l’auto-assorbimentoestetico si uniscono nella paralisi morale, nell’atteggiamento postmoderno di rifiuto dellaresistenza. Non sorprende che un non occidentale come Ziauddin Sardan (Postmodernism andthe Other, 1998) giudichi che la postmodernità preservi – anzi aumenti – tutte le struttureclassiche e moderne di oppressione e di dominio.La moda culturale predominante può darsi che non goda molto più della sua vita ritirata.Dopotutto è solo l’ultima offerta del mercato al dettaglio della rappresentazione. Per sua natura,la cultura simbolica genera distanza e mediazione, carichi evidentemente inesorabili dellacondizione umana. L’identità è stata solo una trappola del linguaggio, dice Althusser. Siamocondannati a non essere altro che i modi attraverso i quali il linguaggio progredisceautonomamente, ci informa Derrida
  • Il simbolico come impero:L’esito dell’imperialismo del simbolico è il triste luogo comune per il quale l’essere umanoconcreto non gioca alcun ruolo essenziale nel funzionamento della ragione o della mente. Anzi, èvitale per eliminare la possibilità che le cose siano state diverse una volta. La postmodernitàelimina risolutamente il soggetto all’origine, la nozione che non sempre siamo stati definiti ereificati dalla cultura simbolica. La simulazione su computer è l’ultimo avanzamento nellarappresentazione. Il suo potere di de-corporare fantasie è esattamente parallelo all’essenzacentrale della modernità.L’istanza postmoderna si rifiuta di ammettere la triste realtà, con le evidenti radici e la dinamicaessenziale. La tempesta del progresso di Benjamín spinge in avanti su tutti i fronti. Interminabilievasioni estetico-testuali si ammassano per la classificazione delle codardie. Thomas Lamarreoffre una tipica apologia postmoderna sul tema. La Modernità come un processo o rottura e re-inscrizione: le modernità alternative implicano un’apertura all’alterità all’interno della modernitàOccidentale, nello stesso processo di ripetizione o re-inscrizione. E’ come se la stessa modernitàfosse la decostruzione. (Impacts of Modernities, 2004).E’ solo che non è così, come se sottolinearlo fosse necessario. La decostruzione e la de-totalizzazione non hanno nulla in comune! La decostruzione gioca il suo ruolo nel mantenimentodi tutto il sistema, che è una vera e propria catastrofe, quella attuale, che sta avanzando.L’era della comunicazione virtuale coincide con l’abdicazione postmoderna, un’era diindebolimento della cultura simbolica. La connessione debilitata e al ribasso trova il suo analogonella feticizzazione del sempre cangiante, del significato senza base testuale. Inghiottito da unambiente che è più e più un aggregato di simboli, la decostruzione abbraccia la sua prigione edichiara di essere l’unico mondo possibile. Ma il deprezzamento del simbolico, includendol’analfabetismo e il cinismo riguardo la narrativa in generale, possono condurre verso la direzionedella messa in discussione di tutto il progetto civilizzatore. Il fallimento della civilizzazione al suolivello più fondamentale si rende così evidente come i suoi moltiplicatori effetti mortali a livellopersonale, sociale ed ambientale.Le preghiere devono essere confinate nei musei se persiste la vacuità della scrittura, così hapredetto Georges Bataille. Il linguaggio ed il simbolico sono le condizioni della possibilità dellaconoscenza, in accordo a Derrida ed altri. Tuttavia al contempo vediamo una diminuzionecostante nella comprensione. L’apparente paradosso di un’assorbente dimensione dirappresentazione e una diminuzione del significato fa finalmente in modo che la prima si rendasuscettibile – prima di dubbio, poi di sovversione.Husserl ha cercato di stabilire un’approssimazione al significato basandosi sul rispettodell’esperienza/fenomeno così come ci si presenta, prima di essere ri-presentata dalla logica delsimbolismo. Non è una piccola sorpresa che questo sforzo sia stato un obiettivo centrale dellapostmodernità, che ha capito la necessità di estirpare questa visione.Jean Luc Nancy succintamente esprime quest’opposizione decretando che Non abbiamo idea,né memoria, né presentimento di un mondo che sostenga (sic) l’uomo nel suo seno (The Birth toPresence, 1993). Quanto disperatamente coloro che collaborano con l’incubo dominanteresistono al fatto che, durante i due milioni d’anni precedenti alla nostra civilizzazione, questaterra fosse precisamente un luogo che non ci abbandonò e che ci sostenne nel suo seno.Minacciati dalla malattia dell’informazione e dalla febbre del tempo, la nostra sfida è quella diesplorare la continuità della storia, come si rese conto Benjamín nel suo ultimo e migliorepensiero. Il vuoto, l’omogeneità, l’uniformità devono dar luogo al presente non intercambiabile. Ilprogresso storico è fatto di tempo, che fermamente è divenuto una mostruosa materialità,regolando e misurando la nostra vita. Il tempo del non addomesticamento, del non tempo,
  • permetterà in ogni momento di essere pieno di coscienza, sentimento, saggezza e ritornoall’incanto. Si può restaurare la vera durata delle cose quando elimineremo il tempo e le altremisurazioni del simbolico. Derrida, nemico giurato di questa possibilità, basa il suo rifiuto nellaprovata esistenza eterna della cultura simbolica: la storia non può terminare, perché il giococostante del movimento simbolico non può terminare. Quest’”auto da fé” è un voto contro lapresenza, l’autenticità e tutto ciò che è diretto, concreto, particolare, unico e libero. Stareaggrappati al simbolico è solo la nostra attuale situazione, non una sentenza eterna.Un mondo di simulazioni:E’ il linguaggio quello che parla, nella frase di Heidegger. Ma è sempre stato così? Questo mondoè pieno di immagini, simulazioni – come risultato di scelte che possono apparire irreversibili. Unaspecie, in poche migliaia di anni, ha distrutto la comunità e creato un disastro. Un disastrochiamato cultura. I vincoli che ci legano alla terra ed agli altri – eccetto l’addomesticamento, lecittà, la guerra, ecc.- sono stati danneggiati, ma non possono essere curati?Sotto il segno della civilizzazione unitaria è stato tenuto sveglio il possibile attacco fatale controqualsiasi cosa viva e diversa, affinché tutti possiamo vederlo. La Globalizzazione, di fatto, ha solointensificato quanto era in marcia molto prima della modernità. La colonizzazione e l’uniformitàinstancabilmente sistematizzata poste prima in movimento per controllare e domare, hannoadesso nemici che le vedono così come sono e ciò conduce alla fine, a meno che non siasconfitto. La scelta all’inizio della storia è stata, come adesso, quella tra la presenza contro larappresentazione.Gadamer descrive la medicina, fondamentalmente, come la restaurazione di ciò che appartienealla natura. La cura, come la rimozione di tutto ciò che lavora contro la meravigliosa capacitàdella vita di rinnovarsi da se stessa. Ritengo che lo spirito dell’anarchia sia simile. Togliamo ciòche ostacola il nostro cammino ed è tutto lì, sperando in noi stessi.http://www.anarchaos.org/2008/08/il-moderno-antimondo-di-john-zerzan/Ma cè una Visione più romantica del primitivismo ed ritorna allargomento degli Ufo,è quanto diceRoger W.Wescott Preside di antropologia alla Drew University"io ritengo che essi si siano comportati verso i nostri antenati primordiali in questo modo:essiattesero finchè i nostri antenati preumani sviluppassero lintelligenza sufficiente,ed poi li istruironoper quanto fu possibile",I dischiani secondo Wescott avrebbero abitato fra gli uomini fino al Neolitico,ma dopo lo sviluppodellagricoltura quando luomo cominciò ad sviluppare modelli di comportamento sgradevoli,dalpunto di vista dei padrini extraterrestri (guerre,schiavitù),gli extraterrestri si sarebbero ritirati...Op cit:Maurizio Blondet ,Roberto Pinotti INTELLIGENZE EXTRATERRESTRI (OSCARMONDADORI)MARXISMO ED SOCIETA COMUNISTAMARX, LE CARATTERISTICHE DELLA FUTURA SOCIETA COMUNISTAImmaginiamoci in fine, per cambiare, unassociazione di uomini liberi che lavorino con mezzi diproduzione comuni e spendano coscientemente le loro molte forze-lavoro individuali come una
  • sola forza-lavoro sociale. Qui si ripetono tutte le determinazioni del lavoro di Robinson, peròsocialmente invece che individualmente. Tutti i prodotti di Robinson erano sua produzioneesclusivamente personale, e quindi oggetti duso, immediatamente per lui. La produzionecomplessiva dellassociazione è una produzione sociale. Una parte, serve a sua volta da mezzodi produzione, Rimane sociale. Ma unaltra parte viene consumata come mezzo di sussistenzadai membri dellassociazione. Quindi deve essere distribuita fra di essi. Il genere di taledistribuzione varierà col variare del genere particolare dello stesso organismo sociale diproduzione e del corrispondente livello storico di sviluppo dei produttori. Solo per mantenere ilparallelo con la produzione delle merci presupponiamo che la partecipazione di ogni produttore aimezzi di sussistenza sia determinata dal suo tempo di lavoro. Quindi il tempo di lavororappresenterebbe una doppia parte. La sua distribuzione. compiuta socialmente secondo unpiano, regola lesatta proporzione delle differenti funzioni lavorative con i differenti bisogni. Daltraparte, il tempo di lavoro serve allo stesso tempo come misura della partecipazione individuale delproduttore al lavoro in comune, e quindi anche alla parte della produzione comune consumabileindividualmente. Le relazioni sociali degli uomini coi loro lavori e con i prodotti del loro lavororimangono qui semplici e trasparenti tanto nella produzione quanto nella distribuzione. Per unasocietà di produttori di merci, il cui rapporto di produzione generalmente sociale consistenellessere in rapporto coi propri prodotti in quanto sono merci, e dunque valori, e nel riferire ipropri lavori privati luno allaltro in questa forma oggettiva come eguale lavoro umano, ilcristianesimo col suo culto delluomo astratto, e in ispecie nel suo svolgimento borghese, nelprotestantesimo, deismo, ecc., è la forma di religione più corrispondente. Nei modi di produzionedella vecchia Asia e dellantichità classica, ecc., la trasformazione del prodotto in merce, e quindilesistenza delluomo come produttore di merci, rappresenta una parte subordinata, che purediventa tanto píú importante, quanto più le comunità saddentrano nello stadio del loro tramonto.Popolí commerciali veri e propri esistono., solo negli intermondi del mondo antico, come gli dèi diEpicuro, o come gli ebrei nei pori della società polacca. Quegli antichi organismi sociali diproduzione sono straordinariamente più semplici e più trasparenti dellorganismo borghese, mapoggiano o sulla immaturità delluomo individuale, che ancora non sè distaccato dal cordoneombelicale del legame naturale di specie con altri uomini, oppure su rapporti immediati dipadronanza e di servitù. Sono il portato di un basso grado di svolgimento delle forze produttivedel lavoro, e di rapporti fra gli uomini chiusi entro il processo materiale di generazione della vita, equindi fra loro stessi, e fra loro e la natura: rapporti che sono ancora impacciati, in corrispondenzaa quel basso grado di svolgimento. Tale impaccio reale si rispecchia idealmente nelle antichereligioni naturali ed etniche. Il riflesso religioso del mondo reale può scomparire, in genere,soltanto quando i rapporti della vita pratica quotidiana presentano agli uomini giorno per giornorelazioni chiaramente razionali fra di loro e fra loro e la natura. La figura del processo vitalesociale, cioè del processo materiale di produzione, si toglie il suo mistico velo di nebbie soltantoquando sta, come prodotto di uomini liberamente uniti in società, sotto il loro controllo cosciente econdotto secondo un piano. Tuttavia, affinché ciò avvenga si richiede un fondamento materialedella società, ossia una serie di condizioni materiali di esistenza che a loro volta sono il prodottonaturale originario della storia di uno svolgimento lungo e tormentoso.(Il capitale, Libro I).http://www.filosofico.net/Antologia_file/AntologiaM/Marx_13.htmIL COMUNISMOPARTE PRIMALA DOTTRINA COMUNISTA- Che cosa il marxismo dice di essere
  • - Il Materialismo- Che cosи la materia?- Il materialismo dialettico- Il materialismo storico- La storia interpreta materialisticamente- La storia interpreta dialetticamente- La dittatura del proletariato e il deperimento dello stato- Il comunismo nega: religione, famiglia e proprietаPARTE SECONDAIL COMUNISMO IN AZIONE· Il leninismoPARTE PRIMALA DOTTRINA COMUNISTAChe cosa il marxismo dice di essere"Il marxismo leninismo и una concezione unitaria del mondo".Quale "concezione del mondo"? "Il materialismo dialettico и la concezione del mondo propria delpartito marxista leninista"."Il marxismo, come concezione del mondo e preso in tutta la sua ampiezza, si chiamamaterialismo dialettico. Questa denominazione di materialismo dialettico si addice alla dottrinacosм designata meglio del termine abituale di marxismo. "Il marxismo non и unastratta teoriaFilosofica nй un semplice metodo storiografico, e neppure un limitato campo di dottrineeconomiche e politiche, ma una completa concezione del mondo poggiante sul materialismodialettico e storico - in cui tutti questi aspetti sono presenti organicamente fusi". Il marxismo non иuna somma di dottrine giustapposte che possono essere giudicate separatamente, ma и un tuttoorganico che deve essere considerato sempre nel suo insieme. Considerazioni del tipo "accettolanalisi economica del Marxismo ma non la filosofia", "accetto questa singola parte e rifiutoquestaltra", denunciano una fondamentale incomprensione del carattere globale del marxismo.Il Materialismo"La filosofia del marxismo и il materialismo… la filosofia di Marx и il materialismo filosoficointegrale".Che cosa и il materialismo? Il materialismo и la dottrina secondo cui la materia и lunica realtа:
  • non cи Dio, non cи anima, non ci sono valori e fini spirituali che trascendono luomo, ma tutto ciтche esiste и un prodotto della materia. "Il materialismo… considera come dato primordiale lamateria e come dato secondario la coscienza, il pensiero, la sensazione". Il marxismo distinguedue soli tipi di filosofia: - il materialismo, secondo cui tutto ciт che esiste proviene dalla materia: -lidealismo, che ammette lesistenza di qualcosa che non proviene dalla materia.Idealista, per i marxisti, и dunque non solo Hegel, secondo il quale lidea и lunica realtа, machiunque affermi lesistenza di realtа non materiali (Dio, lanima, ecc…).Che cosи la materia?Il marxismo evita per lo piщ di impelagarsi in questioni scientifiche sullessenza della materia(atomi o energia, corpuscoli o onde, ecc.). La materia и una "categoria filosofica" (Lenin): inquesto senso и semplicemente definita "ciт che agendo sugli organi dei nostri sensi produce lasensazione". Le proprietа della materia sono leternitа e linfinitа: in ogni sua parte non ha nйprincipio nй fine". "Eternitа nel tempo ed infinitа nello spazio consistono giа originariamente esecondo il semplice senso letterale delle parole nel non avere un termine, alcuna direzione, nй sunй giщ, nй a destra nй a sinistra". Lo spirito, il pensiero, la coscienza derivano dalla materia: nonche il pensiero siamateriale, ma "la nostra coscienza, il nostro pensiero, per quanto appaiano sovrasensibile, sono ilprodotto di un organo materiale corporeo: il cervello". La materia non и un prodotto dello spirito,ma lo spirito stesso, non и altro che il prodotto piщ alto della materia. Questo, naturalmente, иmaterialismo puro".Il materialismo dialetticoIl materialismo marxista si distingue da tutti quei materialismi che hanno concepito la realtа comeoggetto: non invece come attivitа sensibile, prassi. Il materialismo illuministico (Helvetius,dHolbach, Diderot), il materialismo positivistico (Moleschott, Buchner) sono materialismi statici,Marx aggiunge una nota dinamica, la dialettica. La materia non и statica, ma и in movimento: "ilmovimento и il modo di esistere della materia" . Come la materia, il movimento и infinito edeterno: "non si puт nй creare nй distruggere" e "quando noi diciamo che materia e movimentosono increati e indistruttibili, noi diciamo che il mondo esiste come progresso infinito, e abbiamocon ciт compreso tutto ciт che cи da comprendere". Non un qualunque movimento, ma ilmovimento dialettico, la dialettica. Per Hegel la dialettica era il movimento dellunica realtа che elIdea, lo Spirito, il Pensiero ("Panlogismo"; tutto и Idea). Tale movimento avveniva attraverso lacontinua nascita, dalla rotta di due termini che si urtano, di un terzo termine sintetico che superagli altri due e che subito diventa il primo membro di una nuova triade. Il processo del reale иsempre un processo triadico: il primo termine si chiama tesi, il secondo antitesi, il terro - chesupera gli altri due - sintesi.Ogni sintesi diventa la tesi di una nuova triade, e cosм via allinfinito.Il materialismo storicoIl materialismo storico и lapplicazione del materialismo dialettico alla storia della societа: "Ilmaterialismo storico estende i principi del materialismo dialettico allo studio della vita sociale…allo studio della storia e della societа". Non si tratta di unaltra componente dissociabile dalmaterialismo dialettico: la stessa evoluzione della materia, che ha prodotto luomo mediante illavoro primordiale, prosegue, sempre avanzando dialetticamente, mediante il lavoro organizzato.Lavorando, luomo si trasforma, la natura si muta, levoluzione continua:"cambiare la societа" significa allora "cambiare luomo".La storia interpretata materialisticamente
  • Lelemento fondamentale dellevoluzione storica и lelemento materiale, economico: "La formafondamentale dellattivitа degli individui и naturalmente quella materiale, dalla quale dipende ognialtra forma intellettuale, politica, religiosa, ecc.". "Le relazioni fondamentali di ogni societа umanasono quindi i rapporti di produzione" che costituiscono la "struttura essenziale" la "infrastruttura"su cui si impianta la "sovrastruttura" ideologica (morale, diritto, arte, religione, ecc.) che non ne иche il riflesso. "Non и la coscienza delluomo che determina la sua maniera di essere, ma и, alcontrario, la sua maniera di essere sociale che determina la sua coscienza".I rapporti di produzione determinano le classi sociali, che si presentano come dato costante dellastoria da quando esiste la proprietа privata.La storia, dunque, и storia di classi.La storia interpretata dialetticamenteLe classi entrano necessariamente in conflitto fra di loro: "la lotta di classe… и un fenomenoassolutamente necessario e inevitabile". La conflittualitа storica che si esprime nella lotta diclasse и diretta conseguenza della conflittualitа filosofica della dialettica. Nella storia cи unnecessario processo dialettico, che si fonda sulla contraddittorietа del reale e sulla lotta degliopposti. Da questa lotta, attraverso il processo triadico tesi-antitesi-sintesi, scaturisce ilprogresso."La storia di ogni societа finora esistita и storia di lotta di classe. Liberi e schiavi, patrizi e plebei,baroni e servi della gleba… in una parola, oppressori e oppressi sono sempre stati in contrastofra di loro, hanno sostenuto una lotta ininterrotta… una lotta che finм sempre o con unatrasformazione rivoluzionaria di tutta la societа o con la rovina comune delle classi in lotta" . E latesi mentale del "Manifesto del partito comunista". Allo stadio attuale in cui и giunta, la lotta diclasse si и semplificata, al punto che non esistono piщ che due classi: borghesi e proletari."Lepoca nostra, lepoca della borghesia, si distingue… perchй ha semplificato i contrasti fra ledue classi. La societа intera si va sempre piщ scindendo in due grandi campi nemici, in duegrandi direttamente opposte luna allaltra: borghesia e proletariato". La borghesia и la classesfruttatrice, il proletariato и la classe sfruttata. Lo sfruttamento consiste in questo: che il proletariocon il suo lavoro crea nella merce che produce un "valore" che solo parzialmente и coperto dalsalario che percepisce, mentre per il rimanente и accumulato dal capitalista, il quale si arricchiscegrazie a questo plusvalore ingiustamente sottratto al lavoratore. Di qui laggravarsi dellecondizioni del proletariato, che necessariamente condurrа alla rivoluzione e alla "dittatura delproletariato", insieme esito necessario e termine della lotta di classe in quanto chй, dopo lavittoria del proletariato, non si potrа piщ parlare di classi distinte. La lotta di classe, cioи, "ha oraraggiunto un punto in cui la classe sfruttata e oppressa (il proletariato) non puт piщ liberarsi dallaclasse che la sfrutta e la opprime (la borghesia) senza liberare anche a un tempo, e per sempre,la societа tutta dallo sfruttamento, dalloppressione e dalla lotta fra le classi". Occorre notare chela teoria economica del valore-lavoro, che и il nucleo del "Capitale" di Marx, non puт esserestaccata dal quadro filosofico generale del marxismo. Non si puт "accettare lanalisi economica diMarx rifiutando la sua filosofia", come alcuni dicono: agli economisti che criticavano la nebulosateoria del valore-lavoro, il marxista Rudolf Hilferding rispose nel 1904 (ne "La critica di Bohm-Bawerk a Marx") che "il problema non si pone a livello semplicemente economico". Lanalisimaterialista delleconomia non si puт giudicare indipendentemente dal materialismo dialettico,anzi и lapplicazione del materialismo dialettico alleconomia.La dittatura del proletariato e il deperimento dello StatoLa dittatura del proletariato (socialismo) и un momento di transizione verso la societа senzaclassi (comunismo): e poichй lo Stato и la traduzione storica degli antagonismi di classe,macchina repressiva, strumento di dominazione, la scomparsa delle classi porterа con sй lascomparsa dello Stato. Il fine и analogo a quello anarchico. In termini giuridici si avranno:
  • 1°) - un periodo di super-diritto (la dittatura del proletariato) in cui il diritto regolerаminuziosamente la vita dellindividuo in tutti i minimi particolari, cioи di massimo potere possibiledello Stato sulla persona. (SOCIALISMO)2°) - un periodo di non-diritto, in cui non ci sarа piщ bisogno di codici nй di leggi perchй le masseseguiranno spontaneamente il meglio. "Il proletariato non ha bisogno dello Stato che per un certotempo. Non siamo affatto in disaccordo con gli anarchici quanto allabolizione dello Stato, comefine. Affermiamo che, per respingere gli avversari e raggiungere questo scopo, и necessarioutilizzare provvisoriamente gli strumenti… del potere dello Stato contro gli sfruttatori, cosм come,per la soppressione delle classi, и indispensabile la dittatura provvisoria della classe oppressa".Come finirа la dittatura del proletariato, lo Stato proletario? Non in maniera violenta, come и finitolo Stato borghese, ma, secondo Lenin, in modo naturale, per deperimento. Ci sarа, cioи, unospontaneo passaggio dalla fase inferiore alla fase superiore della societа comunista. Allora "tuttala societа non sarа piщ che un grande ufficio ed una grande fabbrica con eguaglianza di lavoroed eguaglianza di salario". Dittatura degli operai armati che secondo Lenin determinerаlassuefazione al lavoro spontaneo: e, mentre il capitalismo borghese remunerava secondo lecapacitа, la societа senza classi remunererа ognuno secondo i suoi bisogni. "Da: ognunosecondo le sue capacitа, a: ognuno secondo i suoi bisogni". Questo passaggio dal capitalismoalla fase inferiore del comunismo (socialismo) in cui tutti sono coercitivamente uguali, e dalla faseinferiore a quella superiore (comunismo) in cui luguaglianza и invece il risultato delle liberevolontа, и secondo Lenin inevitabile, e dunque non и utopistico, ma scientifico. Si ignorano itempi dello sviluppo, ma abbiamo la certezza di questo "deperimento": levoluzione storicatravolgerа la religione, la famiglia, la proprietа.Religione, famiglia e proprietаA) Religione Il marxismo, presentandosi come materialismo e negando quindi lesistenza di Dio,nega di conseguenza la religione come rapporto necessario che lega, attraverso il rito, luomo aDio.La religione и una sovrastruttura: "Luomo fa la religione e non la religione luomo… (la religione)и la realizzazione fantastica dellessenza umana", "essa и loppio del popolo". "La religione -aggiunge Lenin - и una specie di acquavite spirituale, nella quale gli schiavi del capitaleannegano la loro personalitа umana e le loro rivendicazioni di una vita in qualche misura degna diuomini". Secondo la Grande Enciclopedia Sovietica, la religione "и antisocialista per definizione,costituendo il prodotto dellimpotenza e dellignoranza: и loppio del popolo, secondoquellaffermazione di Marx che Lenin definм la base della dottrina marxista in materia". Lareligione и dunque un male sociale che la rivoluzione comunista deve combattere: "la nostrapropaganda comprende necessariamente anche la propaganda dellateismo".Secondo lart. 124 della Costituzione Sovietica: "La libertа di culto e la libertа di propagandaantireligiosa sono riconosciute per tutti i cittadini".Marx, come poi Gramsci, distingue:- una religione "progressiva" (la "protesta contro la miseria") che esprime utopisticamente, informa confusa e mitica, legualitarismo rivoluzionario che solo il marxismo esprimerаscientificamente. Questa "religione" va dunque "demistificata" e "inverata": il credenteprogressista, seguendo la sua stessa linea di pensiero, va condotto coerentemente allateismomarxista;- una religione "tradizionale" ("espressione della miseria") che va totalmente sradicata e distrutta.
  • B) Famiglia- La famiglia и una sovrastruttura La famiglia, come la religione e la proprietа, и per il comunismouna realtа di storia e non di natura: quindi" che labolizione delleconomia separata siainseparabile dallabolizione della famiglia и cosa che sintenda da sй". Secondo Marx ilcomunismo finirа per introdurre "una forma superiore del rapporto tra i due sessi" fondata sulla"composizione del personale operaio combinato con individui dambo i sessi e delle etа piщdifferenti".- Lorigine della famiglia Secondo Engels (nella nota opera "lorigine della famiglia, della proprietаprivata e dello Stato", fondata peraltro sugli studi delletnologo americano Morgan, oggi caduti nelpiщ completo discredito) la famiglia monogamica и nata con la proprietа privata e col diritto delpadre di trasmettere il capitale.Nellepoca primitiva lorda originaria viveva non solo nel comunismo primitivo, ma anche nellacompleta promiscuitа sessuale. Soltanto successivamente nella societа di classi nata con laproprietа privata, nasce la famiglia, dove la donna и vittima e luomo sfruttatore: anzi, cи unrapporto fra lalienazione familiare e lo sfruttamento della classe oppressa, il proletariato. Ilpassaggio al comunismo comporterа dunque la "liberazione della donna" mediante lasoppressione della famiglia.- La soppressione della famiglia Secondo Engels il comunismo sopprimerа "la duplice basedellodierno matrimonio - la dipendenza della donna dalluomo e dei figli dai genitori". Le duesoppressioni sono collegate: emancipare la donna per il marxismo vuol dire emanciparla dallavoro domestico e toglierle leducazione dei figli, che sarа effettuata dallo Stato socialista: "Colpassaggio dei mezzi di produzione in proprietа comune la famiglia singola cessa di essere lunitаeconomica della societа.Lamministrazione domestica privata si trasforma in una industria sociale. La cura e leducazionedei fanciulli diventa un fatto di pubblico interesse; e la societа ha cura in eguale modo di tutti ifanciulli". Tutto questo dovrebbe portare allabolizione del matrimonio e al libero amore: I rapportidei due sessi diventeranno rapporti del tutto privati che riguardano soltanto le personedirettamente interessate e nei quali la societа non avrа minimamente di che immischiarsi.C) proprietа"I comunisti possono riassumere la loro dottrina in questa unica espressione: abolizione dellaproprietа privata".Anche la proprietа privata и per il marxismo una realtа storica e non naturale; per Engels sonoesistite diverse forme di proprietа che corrispondono ai diversi stadi di sviluppo della divisione dellavoro: la proprietа della tribщ, la proprietа della cittа antica, la proprietа feudale, infine laproprietа privata basata sul capitale e sullindustria moderna. La proprietа privata и per Marxconseguenza del lavoro alienato e, nello stesso tempo, mezzo in cui il lavoro si aliena.La proprietа и la tesi di cui la classe operaia и lantitesi: producendo il proletariato, la proprietа hasegnato la sua fine.La Rivoluzione sarа un atto di appropriazione, labolizione di ogni proprietа. "La proprietа privatadovrа essere abolita e sostituita dalluso in comune di tutti i mezzi di produzione e dalladistribuzione di tutti i prodotti secondo unintesa generale, cioи dalla comunanza dei beni.Labolizione della proprietа privata й anzi la piщ significativa sintesi della trasformazionedellintero ordinamento sociale, come necessariamente deriva dallo sviluppo dellindustria, ed иquindi a ragione messa innanzi dai comunisti quale rivendicazione principale". И importantenotare che secondo Engels labolizione della Proprietа privata "non potrа essere effettuata in un
  • colpo solo" ma "solo gradatamente", mediante varie tappe, tra cui: "limitazione della proprietаprivata per mezzo dimposte progressive, imposte sullereditа, ecc. graduale espropriazione dellaproprietа fondiaria, dei proprietari di fabbriche e di ferrovie e degli armatori di navi, accentramentodel credito nelle mani dello Stato per mezzo di una banca nazionale con capitale di stato esoppressione di tutte le banche private… Concentrazione dei mezzi di trasporto sotto il controllodello Stato. Queste misure non possono, naturalmente essere adottate tutte in una volta. Maluna trarrа con sй laltra. Appena dato il primo radicale assalto alla proprietа privata, il proletariatosi vedrа costretto ad andare piщ avanti ed a concentrare sempre di piщ il capitale, tuttalindustria, tutti i mezzi di comunicazione e di scambio nelle mani dello Stato". Nella prassi degliattuali partiti comunisti queste tappe non iniziano necessariamente nel momento in cui ilcomunismo va al potere ma giа prima, costringendo i governi non comunisti a una "politica diriforme" che attacchi la proprietа con pressioni fiscali, nazionalizzazioni, ecc.http://trucheck.it/storia/34902-la-dottrina-comunista-e-il-comunismo-in-azione.htmlTutto giusto ed ben accetto,ma mi pare che la concezione di Marx sulla religione abbia fatto unpò acqua,in quanto non si può relativizzare ed sminuire un fenomeno che ha ad che fare con ilpensiero della morte,che anche nella società più ricca ed felice esiste,in quanto luomo,altrimenti"transumano" deve fare i conti con il degrado del suo corpo ed con la morte fisica ed forse anchementale,Marx cerca di relativizzare ed sminuire questo processo di ricerca,MArx intendiamoci èstato un grande studioso,ma non aveva capito che proprio la società felice,liberata,edugualitaria,avrebbe portato i "proletari" ad interessarsi non più della propria semplicesoppravivenza tra mille affanni,ma della cultura,del pensiero,della morte ed di ciò che forse cisarà dopo essa.ROGHI DI LIBRI A PARTEDate importanti nella storia del rogo di libriIl rogo di libri e la distruzione di biblioteche furono pratiche piuttosto comuni nel passato, causatispesso da guerra, censura o più semplicemente dalla necessità di cancellare informazioni o ideepericolose per il contesto storico in cui furono attuati. Questi sono alcuni degli eventi documentati: Il rogo dei libri e lassassinio di accademici nella Cina di Qin Shi Huang nellanno 212 a.C.;molti intellettuali che disobbedirono allordine furono sepolti vivi. La distruzione delle opere di Cremuzio Cordo. I libri di alchimia dellenciclopedia di Alessandria furono bruciati nel 292 dallimperatoreDiocleziano. Nellanno 367, Atanasio, il vescovo ribelle di Alessandria, edittò una Lettera di Pasqua nellaquale esigeva che i monaci egiziani distruggessero tutti quegli scritti inaccettabili, ad eccezione diquelli che egli stesso etichettò come canonici ed accettabili. Questa lista è quella che attualmentecostituisce il Nuovo Testamento. I testi eretici non apparirono come palinsesto, cancellati osovrascritti come i testi pagani; in questo modo molti testi del principio dellera cristiana si perserocome fossero stati pubblicamente bruciati. Il Vangelo di Giuda recentemente ritrovato in Egitto, fuun libro che si perse mediante questa pratica di distruzione privata dellinformazione. Alla fine del secolo XV si produsse in Firenze un importante rogo di libri e opere artistiche diconsiderabile valore, essendo ritenuto materiale immorale, nel conosciuto come "Falò dellevanità", promosso da Girolamo Savonarola. Il rogo dei manoscritti Maya ed Aztechi a causa dellinquisizione in Messico, per ordine diDiego de Landa. Agli inizi del secolo XVI, gli Andalusi della penisola iberica avevano lobbligo di consegnare alleautorità castigliane i libri scritti in arabo, venendogli poi restituiti quelli riguardanti medicina,filosofia e storia e bruciati tutti gli altri[1].
  • Il rogo dei libri di autori ebrei durante lepoca nazista, dal 1930 fino al 1945 in Germania. Ilregime nazista divenne molto noto per i roghi delle opere di oppositori politici e scrittoriconsiderati sconvenienti ed immorali, per il contenuto delle loro opere, le loro opinioni politiche ole loro origini etniche. Tra i Bücherverbrennung più noti svoltosi durante il ed a causa del regimenazista nella Germania di Hitler si annovera quello avvenuto nella Bebelplatz di Berlino il 10maggio 1933. In Cile dopo il colpo di Stato dell11 settembre del 1973 i militari cileni sequestrarono ebruciarono migliaia di libri di politica, anche se nel febbraio del 1987 il Ministero dellInterno cilenoammise solo di aver bruciato 15.000 copie di Le avventure di Miguel Littin clandestino in Chile il28 di novembre del 1986 in Valparaíso sotto lordine del dittatore Augusto Pinochet. Il 29 di aprile del 1976, Luciano Benjamín Menéndez, capo del III Corpo dellEsercito a caricodella riorganizzazione Nazionale (Colpo di stato Argentino) con sede in Córdoba, ordinò un rogocollettivo di libri, tra i quali si trovavano opere di Proust, Garcia Márquez, Cortázar, Neruda,Vargas Llosa, Saint-Exupéry, Galeano... Disse che lo faceva "con il fine che non rimanganessuna parte di questi libri, opuscoli, riviste... perché con questo materiale non continuiingannando i nostri figli". Ed aggiunse: "Nello stesso modo in cui distruggemmo con il fuoco ladocumentazione perniciosa che influisce lintelletto e la nostra cristianità, saranno distrutti i nemicidellanima argentina". (Diario La Opinion, 30 aprile 1976) Il 15 febbraio 2012, è avvenuto un rogo metaforico di libri, quando il lavoro congiunto di unatask force internazionale (cui ha preso parte anche la Aie), chiude library.nu, un portalespecializzato in manualistica. Allinterno del portale erano presenti diversi milioni di libri di ognigenere, molti dei quali non più reperibili attraverso la rete commerciale, tuttavia ancora coperti dacopyright.Certo non voglio essere paragonato ad chi brucia libri per ideologia,od perchè essi hanno veritàscomode,a volte ci pensa il Mercato dellEditoria ad censurare certi autori od farli sparire dagliscaffali,il mio in formato ebook è disponibile invece al download libero.Però vorrei per altri motivi,bruciare tutti i libri,tutta la cultura che è esistita fino ad adesso,perevolverci partendo da un foglio bianco,sul quale si scrive la poesia migliore,parafrasandoMao,Zedong,insomma non ne possiamo più in questa epoca gretta che vive ancora ancorata allaStoria,alla vecchie storia,alle vecchie ideologie,ed non produce nulla di nuovo,tranne chedepauperizzare i lavoratori di industria ed agricoltura.Tutto questo studiare,istruzione pubblica per tutti,ed tutto questo nullismo ad livello di produzionedi qualcosa di rivoluzionario ed innovativo,come furono le macchine per lindustria inventatespesso da non professionisti durante la rivoluzione industriale inglese.Vorrei dunque bruciare i libri,perchè spesso gli inteleettuali che scrivono i libri non si preoccupanodi dire la Verità nuda ed cruda,ma cercano solo di Guidare la gente alle loro proposizioniintelettuali,quindi il libro non diventa più conoscenza ma guida,manuale,per dirigere il pensiero.Io spero invece con questa umile opera di raccolta,di aver sfatato un pò di "riti di ancoraggio"intelettuale ed spero che dopo di me ci siano molti innovatori che inventino soluzioni nuove aiproblemi dellesistenza in grado di evolvere la società,la nostra società che è sempre più staticaed stantia.Quindi voglio dedicare questa pubblicazione ad chi ha Evoluto veramente lUmanità,dando essacibo ed servizi ogni santo giorno,dal contadino sfruttato nellEuropa medievale nei feudi,albarbiere,al postino,al lattaio,alloperaio,al muratore.Persone che costituiscono la massa,senzanome,identità,che non viene ricordata dalla storia nel più delle volte,non ha statue,non ha santinida vendere nelle piazze.Penso che ciò che chiede la Chiesa cioè adorare Gesù è un atto diprofonda umiltà ed coraggio,ma più di tutto di umiltà,perchè chi non passera alla storia comeGesù ha fatto,è profondamente umile,ad credere nellAltro ed essere in comunione conLui,piuttosto che credere solo in se stesso,ma io vorrei che questa società fosse radicalmente
  • cambiata,vorrei polpottianamente che i titoli,gli encomi,venissero aboliti.Dedico quindi questo ebook alla maggioranza silenziosa del mondo,sperando che le concezioniche si affermerranno nel futuro non siano più il prodotto di elite od individui,come ci ricorda con isuoi studi Wilfredo Pareto,ma laffermazione della Massa in quanto tale,però nei suoi aspetti piùpositivi ed di Bene,piuttosto che di Male.Vilfredo Federico Damaso Pareto (Parigi, 15 luglio 1848 – Céligny, 19 agosto 1923) è stato uningegnere, economista e sociologo italiano.BiografiaNacque a Parigi da padre italiano, Raffaele Pareto (1812-1882), un ingegnere esiliato per motivipolitici appartenente a unantica famiglia nobile genovese, e da madre francese, Marie Métenier(1813-1889). Nel 1863 la famiglia si trasferì a Torino[1]. Qui frequentò il Regio Istituto Tecnico,approdando poi al biennio di Scienze Matematiche presso lUniversità e laureandosi infine pressola Scuola di Applicazione per Ingegneri nel 1870, con una tesi sui "Principi fondamentali dellateoria della elasticità dei corpi solidi e ricerche sulla integrazione delle equazioni differenziali chene definiscono l’equilibrio".Dopo un periodo trascorso come ingegnere straordinario, a Firenze, presso la Società anonimadelle strade ferrate, nel 1880 divenne direttore generale della Società delle ferriere italiane, a SanGiovanni Valdarno. In questo stesso periodo, frequentò i circoli culturali fiorentini e, con articoli suriviste italiane ed europee, partecipò intensamente al dibattito politico su posizioni liberiste e anti-protezionistiche.Nel 1880 e nel 1882 presentò la propria candidatura come deputato, prima nel collegio diMontevarchi, poi nel collegio Pistoia-Prato-San Marcello, ma non fu eletto. Intanto, coltivò i suoiinteressi culturali, approfondendo leconomia, la sociologia, gli studi letterari classici.Nel 1890 conobbe il già insigne economista Maffeo Pantaleoni, cui restò legato da sinceraamicizia per il resto della sua vita. Anche grazie a Pantaleoni, nel 1894 fu nominato professoreordinario di economia politica allUniversità di Losanna, dove prima di lui aveva insegnato LéonWalras. Lavorò allo sviluppo e alla sistemazione della teoria dellequilibrio economico tenendo,nel 1901, alcune conferenze a Parigi, invitato da Georges Sorel, con il quale fu in ottimi rapporti.In questo periodo ereditò una grossa fortuna da uno zio e fu abbandonato dalla moglie, una russadi nome Bakounin (non imparentata con lanarchico rivoluzionario), sposata durante gli annifiorentini. Si legò more uxorio con Jeanne Régis, una giovane parigina conosciuta tramiteuninserzione su un giornale. Intanto, diventava sempre più vivo linteresse per la teoriasociologica. Abbandonò progressivamente linsegnamento, anche per ragioni di salute, e sidedicò alla redazione del grande Trattato di sociologia generale. Nel 1910 Pareto pubblicò Il mitovirtuista e la letteratura immorale, uno scritto mordace e satirico sul fenomeno Virtuista, nel qualelautore demitizza in maniera irriverente tutte le razionalizzazioni degli uomini bigotti e ipocriti delsuo tempo. Frattanto proseguì lattività pubblicistica, che sintensificò dopo la pubblicazione delTrattato, avvenuta nel 1916. Alla fine del 1922 accettò linvito fattogli dal Capo del Governo,Benito Mussolini, di rappresentare lItalia nella commissione per la riduzione degli armamentipresso la Società delle Nazioni. Il 1º marzo del 1923, su proposta dellallora governo fascista, funominato Senatore del Regno. La nomina non poté essere convalidata a termine perché Paretorifiutò di consegnare alla presidenza del Senato i documenti richiestigli. Il 19 giugno dello stessoanno sposò Jeanne Régis. Morì il 19 agosto successivo.Nel corso della sua vita, oltre alle personalità già menzionate, intrattenne rapporti damicizia e discambi culturali, spesso polemici, con Galileo Ferraris, Ubaldino ed Emilia Peruzzi, ErnestNaville, Yves Guyot, Gustave de Molinari, Antonio De Viti De Marco, Domenico Comparetti,Augusto Franchetti, Arturo Linaker, Ernesto Teodoro Moneta, William Ewart Gladstone, Filippo
  • Turati, James Bryce, Alfred de Foville, Francis Ysidro Edgeworth, Adrien Naville, Ettore Ciccotti,Arturo Labriola, Benedetto Croce, Luigi Einaudi, Giovanni Papini, Giovanni Vailati, Tullio Martello,Luigi Amoroso, Joseph Schumpeter, L. V. Furlan, Napoleone Colajanni, Gaetano Salvemini,Vittore Pansini, Olinto Barsanti, Robert Michels, Corrado Gini, Dino Grandi e Carlo Placci.Fu in rapporti di amicizia anche con Benito Mussolini, che conobbe ai tempi in cui lagitatoresocialista era rifugiato in Svizzera e frequentava le lezioni delleconomista. Mussolini fece suoi iprincipi della "filosofia della vita" di Pareto, che considererà Mussolini "un grande statista".Nellottobre 1922 Pareto, dalla Svizzera, con un acceso telegramma in cui si diceva "ora o maipiù", inviò il proprio incoraggiamento a Benito Mussolini a dare il via alla Marcia su Roma eprendere il potere[2].Il resoconto giornalistico di una sua conferenza, tenuta nel giugno del 1891, e sciolta dautoritàper lintervento della polizia, dice: «La scienza economica non considera la proprietà come undogma, non ne nega i difetti, la riconosce variabile nel tempo e nello spazio; ma seguendo ilmetodo sperimentale crede che la sua disparizione farebbe oggi più danni che vantaggi».Il pensiero economico e socialeIl contributo al marginalismoRiguardo al suo contributo alla teoria economica, egli, assieme a Johann Heinrich von Thünen,Hermann Heinrich Gossen, Carl Menger, William Jevons e il già nominato Léon Walras, è statotra i maggiori rappresentanti dellindirizzo marginalistico o neo-classico, in contrapposizione allascuola classica dei primi economisti che ha in Adam Smith e in David Ricardo i suoi capostipiti. Aquesta impostazione, fondata sul tentativo di trasferire nella scienza economica il metodosperimentale delle scienze fisiche, con il conseguente uso delle matematiche, e che poi hadominato lungo tutto il Novecento, si possono ricondurre concetti tipicamente paretiani come lacurva della distribuzione dei redditi, il concetto detto poi di ottimo paretiano, le curve diindifferenza, il concetto di distribuzione paretiana.Restando al concetto della curva della distribuzione dei redditi, o legge di Pareto, essa èlestrapolazione statistica operata da Pareto del fatto che, non solo il numero di percettori direddito medio è più elevato del numero di coloro che percepiscono redditi molto sopra e moltosotto la media, ma anche del fatto che, man mano che si considerano livelli di reddito sempre piùalti, il numero dei percettori diminuisce in un modo che è allincirca uguale in tutti i paesi e in tuttele epoche. Tale legge è stata poi variamente affinata e modificata sia nella sua base empirica chenella formalizzazione matematica, ma è rimasto il problema di sapere se la distribuzione deiredditi è probabilistica, e dunque risultante dalle abilità naturali umane distribuite casualmente inuna popolazione, oppure influenzata da fattori ambientali che quindi generano ingiustizie.In definitiva, come si vede, dal marginalismo, e in particolare dagli sviluppi apportati da Pareto,viene fuori una metodologia utile, al di là dei regimi economici preferiti, ad affrontare problemi diremunerazione e di allocazione delle risorse. Lindice di Pareto è tuttora una misura delleineguaglianze della distribuzione dei redditi. Tuttavia, negli ultimi decenni del secolo scorso,limpostazione marginalistica, e quindi anche quella di Pareto, è stata soggetta a critichestringenti. Si è infatti obiettato che non sempre ciò che lagente sceglie è ciò che egli preferisce,nel senso che lagente economico non è quellattore perfettamente razionale che lapprocciomarginalista presuppone. I neoclassici rispondono che il loro modello non si applica ad ogniindividuo ma solo al consumatore rappresentativo o medio. Per quanto concerne lottimoparetiano, una critica particolarmente incisiva è stata quella di Amartya Sen che, tra laltro in unsuo lavoro del 1970, argomenta, sulla scorta del Teorema di Arrow, limpossibilità matematica delliberismo paretiano.Dalleconomia alla sociologiaProprio sul terreno delle costanti della natura umana e della razionalità dellagente avviene ilpassaggio di Pareto dalleconomia alla sociologia. Lo studio statistico della distribuzione deiredditi gli aveva fornito una prima evidenza della stabilità della natura umana pur nel variare delle
  • situazioni storico-geografiche. Daltra parte, losservazione del comportamento non soloeconomico, ma più generalmente sociale, lo portava a constatare come lindividuo sociale agiscasolo raramente secondo una razionalità strumentale di mezzi adeguati al fine. A suo modo,Pareto anticipa la critica antimarginalista, ma invece di rispondervi restando nel recinto dellanalisieconomica, passa a fondare quella che egli chiamava la «sociologia scientifica».Il punto di partenza di questa nuova sociologia che, secondo Pareto, né Auguste Comte néHerbert Spencer erano stati in grado di concepire, è che nella maggior parte dei casi, lindividuosociale si comporta in maniera non logica, ovvero senza uno scopo apparente e, comunque,senza una chiara coscienza dello scopo perseguito. Un marinaio dellantica Grecia che,apprestandosi a navigare, sacrifica agli dei, compie unazione in nulla adeguata, o utile, al suoscopo di navigare. E quando parliamo, non abbiamo nessuna coscienza esplicita dellecompetenze grammaticali che utilizziamo per raggiungere lo scopo di enunciare frasi benformate. Il problema è però che lindividuo sociale, pur agendo in modo non logico, cosa che loaccomuna alle specie animali, rispetto a queste ultime presenta la caratteristica di accompagnarei propri comportamenti con delle formulazioni verbali, la cui funzione è quella di fornire un motivodel comportamento stesso. Si muore in combattimento per qualcosa che chiamiamo patria, e allostesso tempo si sottoscrive al motto che vuole che sia dolce e meritevole di lode il morire per lapatria. La sociologia scientifica dovrà allora spiegare quali sono le costanti del comportamentosociale non logico, e quali sono le caratteristiche e la funzione del discorso sociale.Da questo nucleo di problemi nasce la sociologia di Pareto, costituita da quattro grandicontrafforti: la teoria dellazione non logica, la teoria dei residui e delle derivazioni, la teoria delleélites, la teoria dellequilibrio sociale.Quanto alla teoria dellazione non logica, oltre a ciò che si è già anticipato, si può aggiungere cheessa costituisce una classificazione dei comportamenti sociali nei suoi aspetti percettivo-motori elinguistico-cognitivi. Un particolare interesse è rivolto verso i comportamenti linguistici. PerPareto, il linguaggio in quanto competenza grammaticale è il tipo puro di azione non logica.La teoria dei residui e delle derivazioni intende spiegare natura e funzionamento dellemanifestazioni simboliche, o derivate, che accompagnano il comportamento sociale, e inparticolare natura e funzionamento del discorso sociale. I motivi che lindividuo sociale adduce agiustificazione dei suoi comportamenti, sono, secondo Pareto, arbitrari rispetto alle effettivemotivazioni dellagire. Nonostante ciò, dalla grande varietà di essi, è possibile risalire alle costantidella natura umana - in termini più attuali, della mente sociale. Dai discorsi è possibile, dunque,risalire ai residui, o motivazioni costanti dellagire, e alle tecniche verbali, o derivazioni, tramite lequali vengono prodotti i discorsi. In questo senso, la teoria dei residui e delle derivazioni è, altempo stesso, una teoria della cognizione sociale e una teoria delle tecniche argomentative chelindividuo sociale adopera nella costruzione dei suoi discorsi.Questo schema analitico non sempre è perseguito in maniera limpida. E ciò soprattutto per iresidui. Tuttavia, ciò che emerge abbastanza chiaramente è che la cognizione sociale, nei suoiscambi con lambiente, incorpora una tendenza alle combinazioni e una tendenza agli aggregati.La prima genera le novità. La seconda assicura la stabilità. Questo livello psicologico è duplicatoda un livello normativo che, a sua volta, presenta due tendenze, il mantenimento dellordine e lasua trasformazione sulla base di istanze di giustizia. In questo modo, il comportamentodellindividuo sociale, anche nei suoi aspetti più minuti e ripetitivi, appare sempre cognitivamentemarcato e normativamente orientato. Uno dei difetti di questo sofisticato modello della cognizionesociale è, tuttavia, quello di operare con un concetto di norma assai ristretto, che nega lincidenzapratica di ciò che Pareto chiama gli «equilibri ideali», ovvero ciò che un filosofo come Kantchiamerebbe gli ideali della ragione universale. Lagire dellindividuo sociale appare così rinchiusoentro un rapporto costrittivo di conformismo e di eterodirezione.Venendo alla teoria delle élite, essa è unulteriore conseguenza dellipotesi di Pareto circa, nonsolo la costanza della natura umana, ma anche di una sua preminenza sui fattori ambientali. In
  • ogni ramo dellattività sociale, sostiene Pareto, vi sono individui che, sulla base di determinateabilità, eccellono. Pertanto, in forza di questo fatto, costoro entrano a far parte dellélitecorrispondente, pur in presenza di fattori distorsivi. Lattenzione di Pareto si appunta sullélitepolitica, ma la sua teoria delle élite non è solo una teoria del rapporto tra governanti e governati,ma più generalmente una teoria della stratificazione sociale su base naturale. Questo èsicuramente ciò che la differenzia dalla coeva teoria della classe governante di Gaetano Mosca,fra i fondatori della moderna scienza politica, cui lo si associa ormai acriticamente, benchéPareto, a ragione, abbia sempre rivendicato lautonomia della sua teorizzazione. Tuttavia, comeaffermato, vi è in Pareto una particolare attenzione per il rapporto tra lélite di governo, cioè coloroche eccellono nellarte del comando politico, e i governati. La storia, egli afferma, è un cimitero diélite, ovvero un susseguirsi di sempre nuovi ma, nella loro struttura, sempre immodificabilirapporti unilaterali di rispetto tra governanti e governati.Infine, a coronamento di questo grandioso edificio, sta la teoria dellequilibrio sociale. La quale,tuttavia, è la parte più debole di tutta la sua costruzione. Pareto è conscio dellimpossibilità di unaformalizzazione matematica. Inoltre, la scelta di un concetto di equilibrio come equilibriomeccanico, rende questa parte della sua sociologia una faticosa argomentazione intorno aivincoli sistemici dellagire degli individui sociali. Di notevole vi è sicuramente il tentativo di Paretodi spiegare il divenire sociale senza rinunciare al presupposto della costanza della natura umana.Ne deriva un pessimismo "ondulatorio" che non riesce però a conciliare il susseguirsi dei ciclisociali con il fatto, pur riconosciuto, del progressivo stabilirsi della «ragione» nelle attività umane.Pur con questo e altri limiti, che si sono venuti man mano segnalando, Pareto, nel suo tentativo diuna «sociologia scientifica», desta ammirazione anzitutto per la creatività e la grandezza divedute con cui ha saputo districarsi dalle difficoltà del paradigma economico marginalistico, allacui piena ma problematica maturità aveva contribuito egli stesso; in secondo luogo, per averciassicurato una fra le più originali indagini intorno alla mente dellindividuo sociale, la cui portata èancora in larga parte da valutare e sfruttare.Il pensiero politicoRiguardo al suo pensiero politico, Pareto fu il primo a introdurre il concetto di élite, che trascendequello di classe politica e comprende lanalisi dei vari tipi di élite. È un liberista, insegna per uncerto periodo economia politica alluniversità di Losanna.La sua teoria delle élites trae origine da unanalisi delleterogeneità sociale e dalla constatazionedelle disuguaglianze, in termini di ricchezza e di potere, presenti nella società. Pareto intendestudiare scientificamente queste disuguaglianze, percepite da lui come naturali. Nel corso del suosviluppo, ogni società ha dovuto di volta in volta misurarsi con il problema dello sfruttamento edelle distribuzione di risorse scarse. Lottimizzazione di queste risorse è quella che vieneassicurata, in ogni ramo di attività, dagli individui dotati di capacità superiori: lélite. È interessatoin particolar modo alla circolazione delle élites: "la storia è un cimitero di élites". A un certo puntolélite non è più in grado di produrre elementi validi per la società e decade; nelle élites siverificano due tipi di movimenti: uno orizzontale (movimenti allinterno della stessa élite) e unoverticale (ascesa dal basso o declassamento dallélite).Altro punto cardine della teoria paretiana è che lumanità agisce principalmente secondo azioninon logiche. Tali azioni non logiche (si badi, è una cosa diversa da illogiche) prendono il nome diresidui: manifestazione di qualcosa di non razionale che condiziona la nostra vita. Fra le seiclassi di residui individuate da Pareto due sono fondamentali: listinto delle combinazioni(propensione al cambiamento) e la persistenza degli aggregati (tendenza alla conservazionedelle tradizioni). Se in unélite prevale listinto delle combinazioni essa sarà aperta, propensaallavvento di nuovi ingressi; se, viceversa, prevale la persistenza degli aggregati sarà chiusa,propensa a scarsa circolazione, ecc. Per giustificare a posteriori le proprie azioni e difendere ipropri interessi si fa ricorso alle derivazioni: attribuiscono allagire politico la connotazione dioggettiva necessità sociale (sono perciò, per sommi capi, assimilabili alla nozione di formulapolitica di Gaetano Mosca). Pareto si dichiara realista e seguace di Machiavelli, la sua è una
  • descrizione della realtà con sfondi piuttosto pessimistici. È conservatore, teme il suffragiouniversale, in economia ha fiducia nel liberismo e nel libero mercato; è antisocialista, anche allaluce di quanto accade nella Russia della rivoluzione dottobre.Analizzando alcuni brani tratti da "I sistemi socialisti" si possono trarre alcune considerazionisullimpianto teorico di Pareto: Chi è al potere è anche, necessariamente, il più ricco: chi sta in alto non gode solo di poterepolitico, ma di tutta una serie di privilegi, Lélite svetta per le sue qualità, che possono essere sia buone che cattive, Le élites sono tutte colpite da una decadenza piuttosto rapida, Una élite che non si rigenera è destinata a perire brevemente (traspaiono, qui, retaggi tipici deldarwinismo sociale), Elementi di ricambio per le élites possono provenire dalle classi rurali, le quali subiscono unaselezione più forte rispetto alle classi agiate; le classi agiate tendono a salvare tutti i loro figli,facendo si che rimangano in vita anche elementi deboli e non adatti. Questo significa che lélite alpotere avrà in sé anche gli elementi peggiori e ciò la destina a peggiorare, Ricorso alla metafora del fiore: lélite è come un fiore, appassisce, ma se la pianta, cioè lasocietà, è sana, essa farà subito nascere un altro fiore.La filosofia della storia di Pareto si fonda sulla circolazione continua delle élites. Non esiste perPareto unidea trionfante in politica, vede la storia come un moto ondoso: lidea che trionfa oggidomani decade, ma dopodomani potrà tornare in auge.Analizzando alcuni brani tratti da "Trattato di sociologia generale" si possono trarre alcuneconsiderazioni sul pensiero di Pareto: Non cè netta separazione tra azione logica e azione non logica: unazione concreta presentain misura differente tratti di entrambe le categorie, I residui fanno si che i comportamenti umani si differenzino e non vi siano piattezza eomologazione: permettono, quindi, la circolazione, Chi studia leticità e la morale di un popolo lo fa sempre con interesse: egli dà una qualifica allamorale perché la vuole imporre.In realtà la morale è qualcosa di molto difficile da qualificare e da imporre: la morale non è logicama residuale (questo è certamente un discorso libertario). Chi governa non lo fa per il bene dellacollettività ma esclusivamente per il proprio interesse: la necessità di giustificarsi agli occhi deigovernati lo fa ricorrere alle derivazioni. Le clientele in democrazia hanno un ruolo simile a quellodei vassalli nel feudalesimo. La democrazia così come la intendono i teorici (cioè come governopopolare) non è altro che un "pio desiderio". Clientelismo e consorterie non sono unadegenerazione della democrazia: sono invece la realtà della democrazia: non è mai esistita unademocrazia non interessata da questi fenomeni e la storia lo dimostra. Ci sarà sempre chi,stringendo un patto con le elites al potere, ne trae personale beneficio a scapito degli altri. "Ilgovernare è larte di adoperare i sentimenti esistenti", questa frase dimostra il pragmatismo diPareto.http://it.wikipedia.org/wiki/Vilfredo_ParetoEDOARDO BUSO,blogger,collabora ad diversi forum su internet,perinfo:caffedelletre@gmail.com