• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
Sicurezza Cantieri Edili Con Sanzioni - ISPESL Ing Leonardi
 

Sicurezza Cantieri Edili Con Sanzioni - ISPESL Ing Leonardi

on

  • 13,417 views

 

Statistics

Views

Total Views
13,417
Views on SlideShare
13,352
Embed Views
65

Actions

Likes
6
Downloads
418
Comments
0

1 Embed 65

http://www.slideshare.net 65

Accessibility

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Sicurezza Cantieri Edili Con Sanzioni - ISPESL Ing Leonardi Sicurezza Cantieri Edili Con Sanzioni - ISPESL Ing Leonardi Presentation Transcript

    • LA SICUREZZA NEL CANTIERE EDILE ALLA LUCE DEL NUOVO TESTO UNICO MODENA 8 OTTOBRE 2008 Le novità e le criticità introdotte dal “Testo Unico” nei “Cantieri temporanei o mobili” D.Lgs. 81/2008 Titolo IV, capo I Dott. Ing. Antonio Leonardi Coordinamento delle Regioni per la prevenzione e sicurezza nei luoghi di lavoro Dir. A.USL 3 – Catania –SPRESAL Presidente Associazione Nazionale Ingegneria della Sicurezza
    • D. Lgs. 81/08 “Attuazione dell’articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro” (Testo Unico sulla Salute e Sicurezza nei luoghi di Lavoro) Titolo IV CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI Capo I Misure per la salute e sicurezza nei cantieri temporanei o mobili Dott. Ing. Antonio Leonardi Coordinamento delle Regioni per la Prevenzione e Sicurezza nei luoghi di lavoro Dirigente AUSL 3 – CT- Servizio Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro Presidente Associazione Nazionale Ingegneria della Sicurezza
    • CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI COSTRUZIONE COSTRUZIONE allegato X OPERE FISSE • MURATURA MANUTENZIONE OPERE FISSE • CEMENTO ARMATO MANUTENZIONE •• temporanee temporanee • METALLO •• permanenti permanenti • LEGNO RIPARAZIONE RIPARAZIONE • ALTRI MATERIALI LAVORI EDILI O LAVORI EDILI O DI INGEGNERIA DI INGEGNERIA DEMOLIZIONE DEMOLIZIONE CIVILE: CIVILE: DEFINIZIONI DEFINIZIONI CONSERVAZIONE • • LINEE ELETTRICHE LINEE ELETTRICHE ART.89 comma 11 CONSERVAZIONE ART.89 comma • • PARTI STRUTTURALI DI let. A let. A RISANAMENTO PARTI STRUTTURALI DI IMPIANTI ELETTRICI RISANAMENTO IMPIANTI ELETTRICI RISTRUTTURAZIONE RISTRUTTURAZIONE EQUIPAGGIAMENTO • • OPERE STRADALI OPERE STRADALI EQUIPAGGIAMENTO • • FERROVIARIE FERROVIARIE TRASFORMAZIONE TRASFORMAZIONE • • IDRAULICHE IDRAULICHE RINNOVAMENTO RINNOVAMENTO • • MARITTIME MARITTIME SMANTELLAMENTO SMANTELLAMENTO • • IDROELETTRICHE IDROELETTRICHE
    • CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI allegato X OPERE DI BONIFICA OPERE DI BONIFICA LIMITATAMENTE SISTEMAZIONE FORESTALE A LAVORI EDILI SISTEMAZIONE FORESTALE O INGEGNERIA LAVORI EDILI O LAVORI EDILI O CIVILE DI INGEGNERIA DI INGEGNERIA CIVILE: CIVILE: STERRO STERRO DEFINIZIONI DEFINIZIONI ART.89 comma 11 ART.89 comma lett. A lett. A SCAVI SCAVI MONTAGGIO MONTAGGIO ELEMENTI PREFABBRICATI SMONTAGGIO SMONTAGGIO
    • ATTIVITA’ ESENTI ATTIVITA’ ESENTI SOSTANZE ATTIVITA’ PERTINENZE PERTINENZE SOSTANZE ATTIVITA’ MINERALI MINERARIE DI MINIERA DI MINIERA MINERALI MINERARIE FUORI FUORI ENTRO ENTRO DEL DEL IL IL PERIMETRO PERIMETRO PERIMETRO PERIMETRO •PROSPEZIONE •PROSPEZIONE •RICERCA •RICERCA •COLTIVAZIONE IMPIANTI FISSI INTERNI O IMPIANTI FISSI INTERNI O •COLTIVAZIONE ••PERMESSO DI RICERCA ESTERNI ESTERNI PERMESSO DI RICERCA ••POZZI POZZI ••AUTORIZZAZIONE •• GALLERIE GALLERIE AUTORIZZAZIONE •• MACCHINARI, APPARECCHI E MACCHINARI, APPARECCHI E ••CONCESSIONE UTENSILI UTENSILI CONCESSIONE ••OPERE E IMPIANTI DESTINATI OPERE E IMPIANTI DESTINATI ALL’ ARRICCHIMENTO DEI ALL’ ARRICCHIMENTO DEI MINERALI MINERALI
    • ATTIVITA’ ESENTI ATTIVITA’ ESENTI PRODOTTI PRODOTTI DI CAVA IDROCARBURI IDROCARBURI LAVORI SVOLTI IN STUDI: LAVORI SVOLTI IN STUDI: DI CAVA •• TEATRALI TEATRALI •• CINEMATOGRAFICI CINEMATOGRAFICI •• TELEVISIVI TELEVISIVI •• ALTRI OVE SI EFFETTUINO ALTRI OVE SI EFFETTUINO RIPRESE RIPRESE PURCHE’ NON IMPLICHINO PURCHE’ NON IMPLICHINO L’ALLESTIMENTO DI UN L’ALLESTIMENTO DI UN CANTIERE TEMP. O MOBILE CANTIERE TEMP. O MOBILE •FRANTUMAZIONE •FRANTUMAZIONE •PROSPEZIONE •PROSPEZIONE •VAGLIATURA •VAGLIATURA •RICERCA •RICERCA LAVORI SVOLTI LAVORI SVOLTI •SQUADRATURA •SQUADRATURA •COLTIVAZIONE IN MARE •COLTIVAZIONE IN MARE •LIZZATURA •LIZZATURA •STOCCAGGIO •STOCCAGGIO •CARICAMENTO •CARICAMENTO
    • SOGGETTI INCARICATI DELLA SICUREZZA SOGGETTI INCARICATI DELLA SICUREZZA SOGGETTO PER CONTO DEL QUALE L’INTERA OPERA VIENE REALIZ- ZATA INDIPENDENTEMENTE DA EVENTUALI FRAZIONAMENTI NELLA SUA REALIZZAZIONE NELLA P.A. SOGGETTO CON POTERI DECISIONALI E DI SPESA NELLA GESTIONE DELL’APPALTO COMMITTENTE CANTIERI RESPONSABILE LAVORI SOGGETTO INCARICATO, DAL COMMITTENTE, DELLA PROGETTAZIONE O DEL CONTROLLO DELL’ ESECUZIONE DELL’ OPERA. COINCIDE CON IL PROGETTISTA PER LA FASE DI PROGETTAZIONE E CON IL DIRETTORE DEI LAVORI PER LA FASE DI ESECUZIONE NEI LAVORI PUBBLICI È IL REPONSABILE UNICO DEL PROCEDIMENTO
    • SOGGETTI INCARICATI DELLA SICUREZZA SOGGETTI INCARICATI DELLA SICUREZZA Contestualmente DESIGNATI DAL COMMITTENTE O incarico di DAL RESPONSABILE DEI LAVORI progettazione PROGETTAZIONE COORDINATORI ESECUZIONE DIVERSO Prima dell’affidamento DATORE DI LAVORO dei lavori SUO DIPENDENTE SUO RS.P.P.
    • CASI DI NOMINA DEI COORDINATORI CASI DI NOMINA DEI COORDINATORI Nei cantieri in cui èèprevista la presenza di più imprese, anche non Nei cantieri in cui prevista la presenza di più imprese, anche non contemporanea, il committente, anche nei casi di coincidenza con contemporanea, il committente, anche nei casi di coincidenza con l’impresa esecutrice, o il R.L, l’impresa esecutrice, o il R.L, contestualmente all'affidamento dell'incarico di progettazione contestualmente all'affidamento dell'incarico di progettazione designa designa il coordinatore per la progettazione eeprima dell’affidamento dei lavori il coordinatore per la progettazione prima dell’affidamento dei lavori designa il coordinatore per l’esecuzione designa il coordinatore per l’esecuzione ARRESTO 33- -66mesi AMMENDA 2.500 - -10.000 ARRESTO mesi AMMENDA 2.500 10.000 In caso di lavori privati ,,non si applica ai lavori non soggetti a In caso di lavori privati non si applica ai lavori non soggetti a permesso di costruire. Si applica in ogni caso quanto disposto permesso di costruire. Si applica in ogni caso quanto disposto dall’art. 92, comma 2 dall’art. 92, comma 2
    • OBBLIGHI COMMITTENTE O RESP. LAVORI OBBLIGHI COMMITTENTE O RESP. LAVORI Il committente o il responsabile dei lavori, Il committente o il responsabile dei lavori, nella fase di progettazione dell'opera nella fase di progettazione dell'opera ed in particolare al momento delle scelte tecniche, ed in particolare al momento delle scelte tecniche, nell'esecuzione del progetto eenell'organizzazione nell'esecuzione del progetto nell'organizzazione delle operazioni di cantiere delle operazioni di cantiere si attiene si attiene ai principi alle misure generali di tutela (art. 15 Titolo ) ai principi eealle misure generali di tutela (art. 15 Titolo II) ARRESTO 33--66mesi AMMENDA 2.500 --10.000 ARRESTO mesi AMMENDA 2.500 10.000 COMUNICAZIONE A IMPRESE E L.AUTONOMI NOMINATIVO COORDINATORI COMUNICAZIONE A IMPRESE E L.AUTONOMI NOMINATIVO COORDINATORI CARTELLO DI CANTIERE CARTELLO DI CANTIERE
    • OBBLIGHI COMMITTENTE O RESP. LAVORI OBBLIGHI COMMITTENTE O RESP. LAVORI VERIFICA IDONEITA’ TECNICO – PROFESSIONALE DELL’IMPRESA VERIFICA IDONEITA’ TECNICO – PROFESSIONALE DELL’IMPRESA AFFIDATARIA , ,IMPRESE ESECUTRICI E L. A. CON LE MODALITÀ AFFIDATARIA IMPRESE ESECUTRICI E L. A. CON LE MODALITÀ allegato XVII. allegato XVII. NEL CASO DI LAVORI NON SOGGETTI A PERMESSO DI COSTRUIRE NEL CASO DI LAVORI NON SOGGETTI A PERMESSO DI COSTRUIRE MEDIANTE PRESENTAZIONE DA PARTE DELL’IMPRESA DEL CERTIFICATO MEDIANTE PRESENTAZIONE DA PARTE DELL’IMPRESA DEL CERTIFICATO DI ISCRIZIONE DI ISCRIZIONE ALLA CAMERA DI COMMERCIO, DURC, E ALLA CAMERA DI COMMERCIO, DURC, E AUTOCERTIFICAZIONE SUL POSSESSO DEGLI ALTRI REQUISITI AUTOCERTIFICAZIONE SUL POSSESSO DEGLI ALTRI REQUISITI ARRESTO 22- -44mesi - -AMMENDA 1.250 - -5.000 ARRESTO mesi AMMENDA 1.250 5.000 IDONEITÀ TECNICO -PROFESSIONALE POSSESSO DI CAPACITÀ ORGANIZZATIVE NONCHÉ DISPONIBILITÀ DI FORZA LAVORO, DI MACCHINE E DI ATTREZZATURE, IN RIFERIMENTO ALLA REALIZZAZIONE DELL’OPERA
    • OBBLIGHI COMMITTENTE O RESP. LAVORI OBBLIGHI COMMITTENTE O RESP. LAVORI ALLEGATO XVII ––IDONEITÀ TECNICO --PROFESSIONALE ALLEGATO XVII IDONEITÀ TECNICO PROFESSIONALE •• Iscrizione alla camera di commercio, industria ed artigianato con Iscrizione alla camera di commercio, industria ed artigianato con oggetto sociale inerente alla tipologia dell’appalto oggetto sociale inerente alla tipologia dell’appalto •• Documento di valutazione dei rischi o autocertificazione Documento di valutazione dei rischi o autocertificazione •• Specifica documentazione attestante la conformità di macchine, Specifica documentazione attestante la conformità di macchine, attrezzature eeopere provvisionali attrezzature opere provvisionali •• Elenco dei DPI forniti ai lavoratori Elenco dei DPI forniti ai lavoratori •• Nomina RSPP, degli incaricati dell’attuazione delle misure di Nomina RSPP, degli incaricati dell’attuazione delle misure di prevenzione incendi ee lotta antincendio, di evacuazione, di primo prevenzione incendi lotta antincendio, di evacuazione, di primo soccorso eegestione dell’emergenza, del medico competente soccorso gestione dell’emergenza, del medico competente •• Nominativo RLS Nominativo RLS •• Attestati inerenti la formazione Attestati inerenti la formazione •• Elenco dei lavoratori risultanti dal libro matricola ee relativa idoneità Elenco dei lavoratori risultanti dal libro matricola relativa idoneità sanitaria sanitaria •• Documento unico di regolarità contributiva Documento unico di regolarità contributiva •• Dichiarazione di non essere oggetto di provvedimenti di sospensione o Dichiarazione di non essere oggetto di provvedimenti di sospensione o interdittivi di cui all’art. 14 del D.lgs interdittivi di cui all’art. 14 del D.lgs
    • ALLEGATO XVII ––IDONEITÀ TECNICO --PROFESSIONALE ALLEGATO XVII IDONEITÀ TECNICO PROFESSIONALE II lavoratori autonomi dovranno esibire almeno: lavoratori autonomi dovranno esibire almeno: •• Iscrizione alla camera di commercio, industria ed Iscrizione alla camera di commercio, industria ed artigianato con oggetto sociale inerente alla artigianato con oggetto sociale inerente alla tipologia dell’appalto tipologia dell’appalto •• Specifica documentazione attestante la conformità Specifica documentazione attestante la conformità di macchine, attrezzature e opere provvisionali di macchine, attrezzature e opere provvisionali •• Elenco dei DPI in dotazione Elenco dei DPI in dotazione •• Attestati inerenti la propria formazione e la relativa Attestati inerenti la propria formazione e la relativa idoneità sanitaria idoneità sanitaria •• Documento unico di regolarità contributiva Documento unico di regolarità contributiva
    • OBBLIGHI COMMITTENTE O RESP. LAVORI OBBLIGHI COMMITTENTE O RESP. LAVORI CHIEDE ALLE IMPRESE ESECUTRICI: CHIEDE ALLE IMPRESE ESECUTRICI: Una dichiarazione dell'organico medio annuo, distinto per Una dichiarazione dell'organico medio annuo, distinto per qualifica, corredata dagli estremi delle denunce a INPS, qualifica, corredata dagli estremi delle denunce a INPS, INAIL e casse edili INAIL e casse edili Una dichiarazione relativa al contratto collettivo stipulato, Una dichiarazione relativa al contratto collettivo stipulato, applicato ai lavoratori dipendenti. applicato ai lavoratori dipendenti. Nei casi di lavori non soggetti a permesso di costruire (comma 11) Nei casi di lavori non soggetti a permesso di costruire (comma 11) le imprese presentano certificato iscrizione CCIA, le imprese presentano certificato iscrizione CCIA, documento unico di regolarità contributiva e documento unico di regolarità contributiva e autocertificazione relativa al contratto collettivo applicato autocertificazione relativa al contratto collettivo applicato
    • OBBLIGHI COMMITTENTE O RESP. LAVORI OBBLIGHI COMMITTENTE O RESP. LAVORI Trasmette all’amministrazione competente, oggetto del permesso Trasmette all’amministrazione competente, oggetto del permesso di costruire o della denuncia di inizio attività: di costruire o della denuncia di inizio attività: NOMINATIVO imprese esecutrici con verifica dell’idoneità tecnico NOMINATIVO imprese esecutrici con verifica dell’idoneità tecnico professionale professionale DICHIARAZIONE SU ORGANICO medio annuo ee contratto collettivo DICHIARAZIONE SU ORGANICO medio annuo contratto collettivo stipulato stipulato Anche in caso di lavori eseguiti in economia mediante affidamento Anche in caso di lavori eseguiti in economia mediante affidamento delle singole lavorazioni a lavoratori autonomi, ovvero di lavori delle singole lavorazioni a lavoratori autonomi, ovvero di lavori realizzati direttamente con proprio personale dipendente senza ricorso realizzati direttamente con proprio personale dipendente senza ricorso all’appalto. all’appalto. In assenza del documento unico di regolarità contributiva, In assenza del documento unico di regolarità contributiva, l’efficacia del titolo abilitativo èèsospesa.. l’efficacia del titolo abilitativo sospesa SANZIONE AMMINISTRATIVA PECUNIARIA 2.000 - -6.000 SANZIONE AMMINISTRATIVA PECUNIARIA 2.000 6.000 In assenza del PSC o del fascicolo o in assenza di notifica preliminare, In assenza del PSC o del fascicolo o in assenza di notifica preliminare, quando prevista, èèsospesa l’efficacia del titolo abilitativo. L’organo di quando prevista, sospesa l’efficacia del titolo abilitativo. L’organo di vigilanza comunica l’inadempienza all’amministrazione concedente vigilanza comunica l’inadempienza all’amministrazione concedente
    • OBBLIGHI DEL COORDINATORE PROGETTAZIONE OBBLIGHI DEL COORDINATORE PROGETTAZIONE DURANTE PROGETTAZIONE DURANTE PROGETTAZIONE ESECUTIVA ESECUTIVA TEMPI TEMPI PRIMA DELLA RICHIESTA DI PRIMA DELLA RICHIESTA DI PRESENTAZIONE DELLE OFFERTE PRESENTAZIONE DELLE OFFERTE PIANO SICUREZZA EE PIANO SICUREZZA COORDINAMENTO COORDINAMENTO COORDINATORE COORDINATORE PROGETTAZIONE PROGETTAZIONE INFORMAZIONI UTILI AI FINI INFORMAZIONI UTILI AI FINI DELLA PREVENZIONE EE DELLA PREVENZIONE PROTEZIONE PROTEZIONE SPECIFICHE NORME DI BUONA SPECIFICHE NORME DI BUONA TECNICA TECNICA FASCICOLO FASCICOLO ALLEGATO II DOCUMENTO U EE ALLEGATO II DOCUMENTO U 26/ 55/ /93 26/ 93 DOCUMENTO CONSIDERATO IN CASO DI DOCUMENTO CONSIDERATO IN CASO DI LAVORI SUCCESSIVI ALL’OPERA LAVORI SUCCESSIVI ALL’OPERA
    • F. E. Sanzioni a carico del Coordinatore per la Progettazione Il non rispetto del seguente obbligo comporta una sanzione a carico del Coord. Prog. Redazione del Piano di Sicurezza e Coordinamento ARRESTO 33- -66mesi - -AMMENDA 3000 - -12.000 ARRESTO mesi AMMENDA 3000 12.000 questi documenti vanno preparati durante la progettazione dell’opera e comunque prima della richiesta di presentazione delle offerte
    • OBBLIGHI COORDINATORE ESECUZIONE OBBLIGHI COORDINATORE ESECUZIONE a) VERIFICA, TRAMITE OPPORTUNE AZIONI DI COORDINAMENTO E CONTROLLO, a) VERIFICA, TRAMITE OPPORTUNE AZIONI DI COORDINAMENTO E CONTROLLO, L’APPLICAZIONE DELLE DISPOSIZIONI CONTENUTE NEL P.S.C. : : L’APPLICAZIONE DELLE DISPOSIZIONI CONTENUTE NEL P.S.C. ••Il Coordinatore per l’esecuzione concorda, in una riunione preliminare, con il Il Coordinatore per l’esecuzione concorda, in una riunione preliminare, con il rappresentante legale dell’impresa, o delle imprese, l’attivazione delle rappresentante legale dell’impresa, o delle imprese, l’attivazione delle procedure previste dai piani di sicurezza. In tale sede il rappresentante legale procedure previste dai piani di sicurezza. In tale sede il rappresentante legale comunica ii nominativi dei propri responsabili del Servizio di Prevenzione ee comunica nominativi dei propri responsabili del Servizio di Prevenzione Protezione eedei rappresentanti per la sicurezza; Protezione dei rappresentanti per la sicurezza; ••Il Coordinatore per l’esecuzione in accordo con ii responsabili del Servizio di Il Coordinatore per l’esecuzione in accordo con responsabili del Servizio di Prevenzione eeProtezione, stabilisce iitempi eele modalità di verifica eecontrollo Prevenzione Protezione, stabilisce tempi le modalità di verifica controllo in modo da accertare in cantiere l’applicazione delle misure di sicurezza in modo da accertare in cantiere l’applicazione delle misure di sicurezza previste; previste; ••Il Coordinatore per l’esecuzione richiederà in maniera puntuale ai datori di Il Coordinatore per l’esecuzione richiederà in maniera puntuale ai datori di lavoro ed ai lavoratori autonomi l’osservanza delle prescrizioni del Piano di lavoro ed ai lavoratori autonomi l’osservanza delle prescrizioni del Piano di Sicurezza Sicurezza ••Il Coordinatore per l’esecuzione dovrà assicurare la presenza nei momenti più Il Coordinatore per l’esecuzione dovrà assicurare la presenza nei momenti più delicati della realizzazione dell’opera. delicati della realizzazione dell’opera.
    • OBBLIGHI COORDINATORE ESECUZIONE OBBLIGHI COORDINATORE ESECUZIONE b) VERIFICA L’IDONEITA’ DEL P.O.S., ASSICURANDONE b) VERIFICA L’IDONEITA’ DEL P.O.S., ASSICURANDONE LA COERENZA CON IL P.S.C. E ADEGUA IIP.S.C. ED IL LA COERENZA CON IL P.S.C. E ADEGUA P.S.C. ED IL FASCICOLO ALL’EVOLUZIONE DEI LAVORI E ALLE FASCICOLO ALL’EVOLUZIONE DEI LAVORI E ALLE EVENTUALI MODIFICHE INTERVENUTE IN CORSO EVENTUALI MODIFICHE INTERVENUTE IN CORSO D’OPERA: D’OPERA: ••In caso di modifica sostanziale delle lavorazioni il responsabile/i In caso di modifica sostanziale delle lavorazioni il responsabile/i del Servizio di Prevenzione ee Protezione, dovrà informare in del Servizio di Prevenzione Protezione, dovrà informare in tempo utile il Coordinatore per l’esecuzione che dovrà predisporre tempo utile il Coordinatore per l’esecuzione che dovrà predisporre le integrazioni ai piani della sicurezza ed al fascicolo. Rimane le integrazioni ai piani della sicurezza ed al fascicolo. Rimane esclusiva responsabilità aacarico del Coordinatore per l’esecuzione esclusiva responsabilità carico del Coordinatore per l’esecuzione la vigilanza sulla introduzione ee sulla ammissibilità di eventuali la vigilanza sulla introduzione sulla ammissibilità di eventuali modifiche; modifiche;
    • OBBLIGHI COORDINATORE ESECUZIONE OBBLIGHI COORDINATORE ESECUZIONE c) ORGANIZZA TRA IIDATORI DI LAVORO, IVI COMPRESI c) ORGANIZZA TRA DATORI DI LAVORO, IVI COMPRESI IILAVORATORI AUTONOMI, LA COOPERAZIONE ED IL LAVORATORI AUTONOMI, LA COOPERAZIONE ED IL COORDINAMENTO DELLE ATTIVITA’ NONCHE’ LA COORDINAMENTO DELLE ATTIVITA’ NONCHE’ LA LORO RECIPROCA INFORMAZIONE: LORO RECIPROCA INFORMAZIONE: ••Presa visione dei Piani di sicurezza, in accordo con il Presa visione dei Piani di sicurezza, in accordo con il responsabile/i del Servizio di Prevenzione ee Protezione responsabile/i del Servizio di Prevenzione Protezione dell’impresa, stabilisce le procedure di controllo ee verifica del dell’impresa, stabilisce le procedure di controllo verifica del rispetto della corretta successione delle fasi lavorative. Nei casi rispetto della corretta successione delle fasi lavorative. Nei casi più particolari, ad esempio, mediante l’impiego di Fogli di più particolari, ad esempio, mediante l’impiego di Fogli di Lavoro, promuove lo scambio di informazioni; Lavoro, promuove lo scambio di informazioni;
    • OBBLIGHI COORDINATORE ESECUZIONE OBBLIGHI COORDINATORE ESECUZIONE d) VERIFICA L’AVVENUTO COORDINAMENTO TRA II d) VERIFICA L’AVVENUTO COORDINAMENTO TRA VARI RAPPRESENTANTI PER LA SICUREZZA VARI RAPPRESENTANTI PER LA SICUREZZA e) SEGNALA AL COMMITTENTE E AL RESPONSABILE e) SEGNALA AL COMMITTENTE AL RESPONSABILE DEI LAVORI LE INOSSERVANZE ALLE PRESCRIZIONI DEI LAVORI LE INOSSERVANZE ALLE PRESCRIZIONI DEL PSC E ALLE DISPOSIZIONI DEGLI ARTT, 94,95,96 DEL PSC E ALLE DISPOSIZIONI DEGLI ARTT, 94,95,96 E PROPONE AL COMMITTENTE LA SOSPENSIONE DEI E PROPONE AL COMMITTENTE LA SOSPENSIONE DEI LAVORI, L’ALLONTANAMENTO DELLE SINGOLE LAVORI, L’ALLONTANAMENTO DELLE SINGOLE IMPRESE E RISOLUZIONE DEL CONTRATTO :: IMPRESE E RISOLUZIONE DEL CONTRATTO ••In caso di reiterate omissioni ed inadempienze, già segnalate In caso di reiterate omissioni ed inadempienze, già segnalate mediante O.d.S. ai soggetti interessati, può proporre al mediante O.d.S. ai soggetti interessati, può proporre al Committente gli interventi sanzionatori più gravi quali appunto Committente gli interventi sanzionatori più gravi quali appunto l’allontanamento delle singole imprese e/o la risoluzione del l’allontanamento delle singole imprese e/o la risoluzione del contratto; contratto;
    • OBBLIGHI COORDINATORE ESECUZIONE OBBLIGHI COORDINATORE ESECUZIONE f) f) COMUNICA LE INADEMPIENZE ALLA A.USL E ALLA D.P.L., SE IL COMUNICA LE INADEMPIENZE ALLA A.USL E ALLA D.P.L., SE IL COMMITTENTE NON ADOTTA ALCUN PROVVEDIMENTO IN MERITO COMMITTENTE NON ADOTTA ALCUN PROVVEDIMENTO IN MERITO ALLA SEGNALAZIONE, NON FORNENDO IDONEA MOTIVAZIONE ALLA SEGNALAZIONE, NON FORNENDO IDONEA MOTIVAZIONE g) SOSPENDE IN CASO DI PERICOLO GRAVE ED IMMINENTE, g) SOSPENDE IN CASO DI PERICOLO GRAVE ED IMMINENTE, DIRETTAMENTE RISCONTRATO, LE SINGOLE LAVORAZIONI FINO DIRETTAMENTE RISCONTRATO, LE SINGOLE LAVORAZIONI FINO ALLA VERIFICA DEGLI EVENTUALI ADEGUAMENTI DA PARTE ALLA VERIFICA DEGLI EVENTUALI ADEGUAMENTI DA PARTE DELLE IMPRESE INTERESSATE :: DELLE IMPRESE INTERESSATE ••Laddove vengano rilevate inadempienze di rilievo, mediante l’emissione di Laddove vengano rilevate inadempienze di rilievo, mediante l’emissione di O.d.S., da comunicare contestualmente alla Direzione Lavori, il Coordinatore O.d.S., da comunicare contestualmente alla Direzione Lavori, il Coordinatore per l’esecuzione potrà richiedere gli interventi di adeguamento e/o nei casi che per l’esecuzione potrà richiedere gli interventi di adeguamento e/o nei casi che riterrà più gravi, la sospensione delle singole lavorazioni. Rimane responsabilità riterrà più gravi, la sospensione delle singole lavorazioni. Rimane responsabilità aa carico del Coordinatore per l’esecuzione il controllo ee la vigilanza carico del Coordinatore per l’esecuzione il controllo la vigilanza sull’avvenuto rispetto delle disposizioni impartite; sull’avvenuto rispetto delle disposizioni impartite; ••In analogia aaquanto di competenza del Direttore dei Lavori, il Coordinatore per In analogia quanto di competenza del Direttore dei Lavori, il Coordinatore per l’esecuzione istituirà eecurerà la tenuta eela compilazione di un proprio manuale l’esecuzione istituirà curerà la tenuta la compilazione di un proprio manuale sul quale verranno annotate le varie circostanze influenti sull’andamento del sul quale verranno annotate le varie circostanze influenti sull’andamento del cantiere sotto il profilo della sicurezza. cantiere sotto il profilo della sicurezza.
    • OBBLIGHI COORDINATORE ESECUZIONE OBBLIGHI COORDINATORE ESECUZIONE h) REDIGE IL P.S.C. ED IL FASCICOLO SE DOPO L’AFFIDAMENTO DEI h) REDIGE IL P.S.C. ED IL FASCICOLO SE DOPO L’AFFIDAMENTO DEI LAVORI AD UNA SOLA IMPRESA, L’ESECUZIONE DEI LAVORI VIENE LAVORI AD UNA SOLA IMPRESA, L’ESECUZIONE DEI LAVORI VIENE AFFIDATA A PIU’ IMPRESE. AFFIDATA A PIU’ IMPRESE. • Si rapporta con le imprese ed i lavoratori autonomi, non con i singoli lavoratori il cui controllo circa il rispetto dei comportamenti di sicurezza spetta (uso attrezzature, DPI, ecc…) all’impresa. • Interviene certamente in caso di evidente e diffusa irregolarità
    • Sanzioni a carico del Coordinatore per l’Esecuzione dei Lavori Il non rispetto dei seguenti obblighi comporta una sanzione a carico del Coord. Esec. Lavori Il Coordinatore per l’Esecuzione in assenza del CSP redige il PSC e predispone il fascicolo Arresto 3 - 6 mesi o Ammenda 3.000 - 8.000 Verifica rispetto di accordi tra le parti sociali per assicurare il coordinam. tra i Rappr. Sicur. Arresto 2 -4 mesi o Ammenda 1.250 - 5.000
    • E. F. Sanzioni a carico del Coordinatore per l’Esecuzione dei Lavori Il non rispetto dei seguenti obblighi comporta una sanzione a carico del Coord. Esec. Lavori Verificare l’applicazione Verificare l’idoneità dei Piani del Piano di Sicurezza e Operativi di Sicurezza Coordinamento Organizzazione di: Segnala al Committente e R.L. le •Cooperazione inosservanze e propone la •Coordinamento sospensione dei lavori •Recipr. informazione tra i datori di lavoro Sospensione lavorazioni pericolose Arresto 3 - 6 mesi o Ammenda 3.000 - 12.000
    • RESPONSABILITÀ DEI COMMITTENTI E DEI RESPONSABILI DEI LAVORI RESPONSABILITÀ DEI COMMITTENTI E DEI RESPONSABILI DEI LAVORI Il committente èèesonerato dalle responsabilità connesse Il committente esonerato dalle responsabilità connesse all’adempimento degli obblighi limitatamente all’incarico all’adempimento degli obblighi limitatamente all’incarico conferito al responsabile dei lavori conferito al responsabile dei lavori In ogni caso Non esonera il committente dalle responsabilità connesse alla verifica degli adempimenti degli obblighi di cui agli art. 90, 92 c1 lett.e), 99 La designazione del CSP eeCSE ,, La designazione del CSP CSE non esonera il R.L. dalle responsabilità connesse alla verifica dell'adempimento degli dalle responsabilità connesse alla verifica dell'adempimento degli obblighi di cui art. 91 c.1, 92 c. 1 lett. a,b,c,d. obblighi di cui art. 91 c.1, 92 c. 1 lett. a,b,c,d.
    • OBBLIGHI LAVORATORI AUTONOMI OBBLIGHI LAVORATORI AUTONOMI II LAVORATORI AUTONOMI CHE ESRCITANO LA PROPRIA LAVORATORI AUTONOMI CHE ESRCITANO LA PROPRIA ATTIVITÀ NEI CANTIERI ,, FERMO RESTANDO GLI OBBLIGHI ATTIVITÀ NEI CANTIERI FERMO RESTANDO GLI OBBLIGHI DI CUI AL D.lgs, SI ADEGUANO ALLE INDICAZIONI FORNITE DI CUI AL D.lgs, SI ADEGUANO ALLE INDICAZIONI FORNITE DAL COORDINATORE PER L’ESECUZIONE DEI LAVORI, AI DAL COORDINATORE PER L’ESECUZIONE DEI LAVORI, AI FINI DELLA SICUREZZA FINI DELLA SICUREZZA ARRESTO sino a un mese --AMMENDA 500 --2.000 ARRESTO sino a un mese AMMENDA 500 2.000
    • OBBLIGHI DATORI DI LAVORO DIRIGENTI E PREPOSTI OBBLIGHI DATORI DI LAVORO DIRIGENTI E PREPOSTI DD ACCESSO E MODALITÀ VISIBILE EE ACCESSO E MODALITÀ VISIBILE AA RECINZIONE INDIVIDUABILE INDIVIDUABILE RECINZIONE TT O Arresto 33mesi - -66- -Ammenda Arresto mesi Ammenda O R 3.000 - -12.000 per D.L.e Dirig 3.000 12.000 per D.L.e Dirig R EE CROLLO ACCATASTAMENTO DI ACCATASTAMENTO DI CROLLO MATERIALI O MATERIALI O DD ATTREZZATURE ATTREZZATURE RIBALTAMENTO II RIBALTAMENTO LL AA VV PROTEZIONE DEI LAVORATORI O PROTEZIONE DEI LAVORATORI O CONTRO LE INFLUENZE CONTRO LE INFLUENZE RR ATMOSFERICHE O ATMOSFERICHE O Arresto sino aa22mesi - -Ammenda 500 - -2.000 Arresto sino mesi Ammenda 500 2.000
    • OBBLIGHI DATORI DI LAVORO DIRIGENTI E PREPOSTI OBBLIGHI DATORI DI LAVORO DIRIGENTI E PREPOSTI PREPOSTO PREPOSTO DD MISURE Arresto sino aa22mesi A MISURE CONFORMITÀ ALL. XIII Arresto sino mesi A SICUREZZA CONFORMITÀ ALL. XIII Ammenda 500 - -2.000 T SICUREZZA Ammenda 500 2.000 T DATORE DI LAVORO DATORE DI LAVORO OO Arresto 33mesi - -66 Arresto mesi RR Ammenda 3.000 - -12.000 Ammenda 3.000 12.000 EE DD MATERIALI MATERIALI CURA CONDIZIONI RIMOZIONE CURA CONDIZIONI RIMOZIONE II PERICOLOSI PERICOLOSI LL AA VV LO STOCCAGGIO E L’EVACUAZIONE DEI DETRITI E DELLE LO STOCCAGGIO E L’EVACUAZIONE DEI DETRITI E DELLE OO MACERIE DEVONO AVVENIRE CORRETTAMENTE MACERIE DEVONO AVVENIRE CORRETTAMENTE RR OO REDAZIONE REDAZIONE Arresto 33mesi - -66 Arresto mesi P.O.S. P.O.S. Ammenda 3.000 - -12.000 Ammenda 3.000 12.000 IL P.O.S • NON PUÒ ESSERE SOSTITUITO DALL’AUTOCERTIFICAZIONE • VÀ REDATTO ANCHE IN PRESENZA DI UN’UNICA IMPRESA ANCHE CON MENO DI 10 DIPENDENTI
    • OBBLIGHI DATORI DI LAVORO DIRIGENTI E PREPOSTI OBBLIGHI DATORI DI LAVORO DIRIGENTI E PREPOSTI DD AA TT OO RR EE DD PIANI SICUREZZA PIANI SICUREZZA REDAZIONE P.O.S. + REDAZIONE P.O.S. + II COORDINAMENTO ACCETTAZIONE P.S.C. COORDINAMENTO ACCETTAZIONE P.S.C. LL AA ART.17 comma 1 lett. a VV OO ART. 18 comma 1,lett z, ART. 26 comma 1,lett. b, e 3b, e 3 ART. 26 comma 1,lett. RR OO L’ ACCETTAZIONE DEL P.S.C. E LA REDAZIONE DEL P.O.S COSTITUISCONO LIMITATAMENTE AL SINGOLO CANTIERE INTERESSATO, ADEMPIMENTO ALLE DISPOSIZIONI DI CUI ALL’ART.17 comma 1,lett.a, ART.18 comma 1, lett. z , ART. 26 comma 1, lett. b, e 3
    • OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO DELL’ IMPRESA AFFIDATARIA OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO DELL’ IMPRESA AFFIDATARIA IMPRESA AFFIDATARIA IMPRESA TITOLARE DEL CONTRATTO DI APPALTO CON IL COMMITTENTE CHE, NELL’ESECUZIONE DELL’OPERA APPALTATA, PUÒ AVVALERSI DI IMPRESE SUBAPPALTATRICI O DI LAVORATORI AUTONOMI IL DATORE DI LAVORO DELL’IMPRESA AFFIDATARIA VIGILA SULLA IL DATORE DI LAVORO DELL’IMPRESA AFFIDATARIA VIGILA SULLA SICUREZZA DEI LAVORI AFFIDATI E SULL’APPLICAZIONE DELLE SICUREZZA DEI LAVORI AFFIDATI E SULL’APPLICAZIONE DELLE DISPOSIZIONI E DELLE PRESCRIZIONI DEL PSC DISPOSIZIONI E DELLE PRESCRIZIONI DEL PSC ARRESTO 3- 66MESI ARRESTO 3- MESI AMMENDA 3.000 ––12.000 AMMENDA 3.000 12.000
    • OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO DELL’ IMPRESA AFFIDATARIA OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO DELL’ IMPRESA AFFIDATARIA GLI OBBLIGHI DERIVANTI DALL’ ART. 26 (tranne c. 1 lett.b ee 3) SONO GLI OBBLIGHI DERIVANTI DALL’ ART. 26 (tranne c. 1 lett.b 3) SONO RIFERITI ANCHE AL DATORE DI LAVORO DELL’IMPRESA RIFERITI ANCHE AL DATORE DI LAVORO DELL’IMPRESA AFFIDATARIA. AFFIDATARIA. PER LA VERIFICA PER LA VERIFICA DELL’IDONEITÀ DELL’IDONEITÀ TECNICO-PROFESSIONALE TECNICO-PROFESSIONALE ALLEGATO XVII ALLEGATO XVII DEVE INOLTRE DEVE INOLTRE •• COORDINARE GLI INTERVENTI DI CUI AGLI ART. 95, 96 COORDINARE GLI INTERVENTI DI CUI AGLI ART. 95, 96 (misure generali di intervento, obblighi dei datori di lavoro) (misure generali di intervento, obblighi dei datori di lavoro) •• VERIFICARE LA CONGRUENZA DEI POS DELLE IMPRESE VERIFICARE LA CONGRUENZA DEI POS DELLE IMPRESE ESECUTRICI RISPETTO AL PROPRIO, PRIMA DELLA ESECUTRICI RISPETTO AL PROPRIO, PRIMA DELLA TRASMISSIONE AL CSE TRASMISSIONE AL CSE ARRESTO sino aa22mesi - -AMMENDA 500 - -2.000 ARRESTO sino mesi AMMENDA 500 2.000
    • REQUISITI COORDINATORI REQUISITI COORDINATORI •INGEGNERIA •INGEGNERIA C •ARCHITETTURA- ING. EDILE LAUREA •ARCHITETTURA- ING. EDILE 11ANNO DI O LAUREA ANNO DI MAGISTRALE •SCIENZE : : ATTIVITÀ R MAGISTRALE •SCIENZE ATTIVITÀ •AGRARIE •AGRARIE S •FORESTALI •FORESTALI O •GEOLOGICHE •GEOLOGICHE D •INGEGNERIA I •INGEGNERIA •CIVILE E AMBIENTALE •CIVILE E AMBIENTALE •DELL’ INFORMAZIONE •DELL’ INFORMAZIONE 1 22ANNI DI ANNI DI LAUREA •INDUSTRIALE •INDUSTRIALE LAUREA ATTIVITÀ ATTIVITÀ 2 •SCIENZE DELL’ARCHITETTURA •SCIENZE DELL’ARCHITETTURA 0 •SCIENZE E TECNICHE DELL’EDILIZIA •SCIENZE E TECNICHE DELL’EDILIZIA O GEOMETRA R GEOMETRA PER. INDUSTR. PER. INDUSTR. 33ANNI DI ANNI DI E DIPLOMA DIPLOMA ATTIVITÀ PER AGRARIO PER AGRARIO ATTIVITÀ AGROTECNICO AGROTECNICO
    • CONTENUTI-MODALITÀ-DURATA DEI CORSI CONTENUTI-MODALITÀ-DURATA DEI CORSI ALLEGATO XIV ALLEGATO XIV Modulo giuridico per complessive 28 ore Modulo giuridico per complessive 28 ore •• La legislazione di base in materia di sicurezza eedi igiene sul lavoro; la normativa contrattuale La legislazione di base in materia di sicurezza di igiene sul lavoro; la normativa contrattuale inerente gli aspetti di sicurezza eesalute sul lavoro; la normativa sull’assicurazione contro gli inerente gli aspetti di sicurezza salute sul lavoro; la normativa sull’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro eele malattie professionali; infortuni sul lavoro le malattie professionali; •• Le normative europee eela loro valenza; le norme di buona tecnica; le direttive di prodotto; Le normative europee la loro valenza; le norme di buona tecnica; le direttive di prodotto; •• Il presente decreto in materia di salute ee sicurezza nei luoghi di lavoro con particolare Il presente decreto in materia di salute sicurezza nei luoghi di lavoro con particolare riferimento al Titolo I. IIsoggetti del Sistema di Prevenzione Aziendale: i icompiti, gli obblighi, le riferimento al Titolo I. soggetti del Sistema di Prevenzione Aziendale: compiti, gli obblighi, le responsabilità civili eepenali. Metodologie per l’individuazione, l’analisi eela valutazione dei responsabilità civili penali. Metodologie per l’individuazione, l’analisi la valutazione dei rischi; rischi; •• La legislazione specifica in materia di salute eesicurezza nei cantieri temporanei oomobili eenei La legislazione specifica in materia di salute sicurezza nei cantieri temporanei mobili nei lavori in quota. Il titolo IV del Testo Unico in materia di salute ee sicurezza nei luoghi di lavori in quota. Il titolo IV del Testo Unico in materia di salute sicurezza nei luoghi di lavoro; lavoro; •• Le figure interessate alla realizzazione dell’opera: i icompiti, gli obblighi, le responsabilità civili Le figure interessate alla realizzazione dell’opera: compiti, gli obblighi, le responsabilità civili eepenali; penali; •• La legge quadro in materia di lavori pubblici ed i iprincipali decreti attuativi; La legge quadro in materia di lavori pubblici ed principali decreti attuativi; •• La disciplina sanzionatoria eele procedure ispettive. La disciplina sanzionatoria le procedure ispettive.
    • ALLEGATO XIV ALLEGATO XIV Modulo tecnico per complessive 52 ore Modulo tecnico per complessive 52 ore •• Rischi di caduta dall’alto. Ponteggi eeopere provvisionali Rischi di caduta dall’alto. Ponteggi opere provvisionali •• L’organizzazione in sicurezza del Cantiere. Il cronoprogramma dei lavori L’organizzazione in sicurezza del Cantiere. Il cronoprogramma dei lavori •• Gli obblighi documentali da parte dei committenti, imprese, coordinatori per la sicurezza Gli obblighi documentali da parte dei committenti, imprese, coordinatori per la sicurezza •• Le malattie professionali ed ililprimo soccorso Le malattie professionali ed primo soccorso •• Il rischio elettrico eela protezione contro le scariche atmosferiche Il rischio elettrico la protezione contro le scariche atmosferiche •• Il rischio negli scavi, nelle demolizioni, nelle opere in sotterraneo ed in galleria Il rischio negli scavi, nelle demolizioni, nelle opere in sotterraneo ed in galleria •• IIrischi connessi all’uso di macchine eeattrezzature di lavoro con particolare riferimento agli rischi connessi all’uso di macchine attrezzature di lavoro con particolare riferimento agli apparecchi di sollevamento eetrasporto apparecchi di sollevamento trasporto •• IIrischi chimici in cantiere rischi chimici in cantiere •• IIrischi fisici: rumore, vibrazioni, microclima, illuminazione rischi fisici: rumore, vibrazioni, microclima, illuminazione •• IIrischi connessi alle bonifiche da amianto rischi connessi alle bonifiche da amianto •• IIrischi biologici rischi biologici •• IIrischi da movimentazione manuale dei carichi rischi da movimentazione manuale dei carichi •• IIrischi di incendio eedi esplosione rischi di incendio di esplosione •• IIrischi nei lavori di montaggio eesmontaggio di elementi prefabbricati rischi nei lavori di montaggio smontaggio di elementi prefabbricati •• IIdispositivi di protezione individuali eela segnaletica di sicurezza dispositivi di protezione individuali la segnaletica di sicurezza
    • ALLEGATO XIV ALLEGATO XIV Modulo metodologico/organizzativo per complessive 16 ore Modulo metodologico/organizzativo per complessive 16 ore •• II contenuti minimi del piano di sicurezza ee di coordinamento, del piano sostitutivo di contenuti minimi del piano di sicurezza di coordinamento, del piano sostitutivo di sicurezza eedel piano operativo di sicurezza. sicurezza del piano operativo di sicurezza. •• IIcriteri metodologici per : : criteri metodologici per •• l’elaborazione del piano di sicurezza ee di coordinamento ee l’integrazione con i i piani l’elaborazione del piano di sicurezza di coordinamento l’integrazione con piani operativi di sicurezza ed ililfascicolo; operativi di sicurezza ed fascicolo; •• l’elaborazione del piano operativo di sicurezza; l’elaborazione del piano operativo di sicurezza; •• l’elaborazione del fascicolo; d) l’elaborazione del P.I.M.U.S. la stima dei costi della l’elaborazione del fascicolo; d) l’elaborazione del P.I.M.U.S. la stima dei costi della sicurezza sicurezza •• Teorie eetecniche di comunicazione, orientate alla risoluzione di problemi eealla cooperazione; Teorie tecniche di comunicazione, orientate alla risoluzione di problemi alla cooperazione; teorie di gestione dei gruppi eeleadership teorie di gestione dei gruppi leadership •• II rapporti con la committenza, i i progettisti, la direzione dei lavori, i i rappresentanti dei rapporti con la committenza, progettisti, la direzione dei lavori, rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza lavoratori per la sicurezza
    • ALLEGATO XIV ALLEGATO XIV PARTE PRATICA per complessive 24 ore PARTE PRATICA per complessive 24 ore •• Esempi di PSC: presentazione dei progetti, discussione sull’analisi dei rischi legati Esempi di PSC: presentazione dei progetti, discussione sull’analisi dei rischi legati all’area, all’organizzazione del cantiere, alle lavorazioni ed alle loro interferenze all’area, all’organizzazione del cantiere, alle lavorazioni ed alle loro interferenze •• Stesura di PSC con particolare riferimento aa rischi legati all’area, Stesura di PSC con particolare riferimento rischi legati all’area, all’organizzazione del cantiere, alle lavorazioni ed alle loro interferenze. Lavori di all’organizzazione del cantiere, alle lavorazioni ed alle loro interferenze. Lavori di gruppo gruppo •• Esempi di POS eedi PSS Esempi di POS di PSS •• Esempi eestesura di fascicolo basati sugli stessi casi dei PSC Esempi stesura di fascicolo basati sugli stessi casi dei PSC •• Simulazione sul ruolo del Coordinatore per la Sicurezza in fase di esecuzione Simulazione sul ruolo del Coordinatore per la Sicurezza in fase di esecuzione VERIFICA FINALE DI APPRENDIMENTO ––MODALITÀ DI SVOLGIMENTO VERIFICA FINALE DI APPRENDIMENTO MODALITÀ DI SVOLGIMENTO La verifica finale di apprendimento dovrà essere effettuata da una commissione La verifica finale di apprendimento dovrà essere effettuata da una commissione costituita da almeno 33docenti del corso, tramite: costituita da almeno docenti del corso, tramite: ● Simulazione al fine di valutare le competenze tecnico ––professionali ● Simulazione al fine di valutare le competenze tecnico professionali ● Test finalizzati aaverificare le competenze cognitive ● Test finalizzati verificare le competenze cognitive Numero massimo di partecipanti per ogni corso 30. Numero massimo di partecipanti per ogni corso 30. Obbligo di aggiornamento aacadenza quinquennale della durata complessiva di 40 ore Obbligo di aggiornamento cadenza quinquennale della durata complessiva di 40 ore
    • ESONERO CORSO DI SICUREZZA ESONERO CORSO DI SICUREZZA NO COLORO CHE, NON PIÙ IN SERVIZIO, ABBIANO SVOLTO ATTIVITÀ COLORO CHE, NON PIÙ IN SERVIZIO, ABBIANO SVOLTO ATTIVITÀ TECNICA IN MATERIA DI SICUREZZA NELLE COSTRUZIONI, PER ALMENO TECNICA IN MATERIA DI SICUREZZA NELLE COSTRUZIONI, PER ALMENO 55 ANNI IN QUALITÀ DI PUBBLICI UFFICIALI O DI INCARICATI DI ANNI IN QUALITÀ DI PUBBLICI UFFICIALI O DI INCARICATI DI PUBBLICO SERVIZIO PUBBLICO SERVIZIO COLORO CHE SONO IN POSSESSO DELLA LAUREA MAGISTRALE –– COLORO CHE SONO IN POSSESSO DELLA LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA DELLA SICUREZZA INGEGNERIA DELLA SICUREZZA COLORO COLORO CHE CHE PRODUCONO PRODUCONO UN UN CERTIFICATO CERTIFICATO UNIVERSITARIO UNIVERSITARIO ATTESTANTE IL SUPERAMENTO DI UN ESAME RELATIVO AD UNO ATTESTANTE IL SUPERAMENTO DI UN ESAME RELATIVO AD UNO SPECIFICO INSEGNAMENTO DEL CORSO DI LAUREA NEL CUI SPECIFICO INSEGNAMENTO DEL CORSO DI LAUREA NEL CUI PROGRAMMA SIANO PRESENTI II CONTENUTI MINIMI DI CUI ALL’ PROGRAMMA SIANO PRESENTI CONTENUTI MINIMI DI CUI ALL’ ALLEGATO XIV, O ATTESTATO DI PARTECIPAZIONE AD UN CORSO DI ALLEGATO XIV, O ATTESTATO DI PARTECIPAZIONE AD UN CORSO DI PERFEZIONAMENTO UNIV. CON IIMEDESIMI CONTENUTI MINIMI PERFEZIONAMENTO UNIV. CON MEDESIMI CONTENUTI MINIMI
    • NOTIFICA PRELIMINARE NOTIFICA PRELIMINARE INVIO: A.S. L. E DIREZIONE INVIO: A.S. L. E DIREZIONE PROV. DEL LAVORO PROV. DEL LAVORO CANTIERI CON PRESENZA DI PIÙ CANTIERI CON PRESENZA DI PIÙ PRIMA INIZIO A A IMPRESE, art. 90 cc33 PRIMA INIZIO IMPRESE, art. 90 LAVORI LAVORI COMMITTENTE COMMITTENTE UNA SOLA IMPRESA UNA SOLA IMPRESA O R.D.L. B B >= 200 UOMINI --GIORNO O R.D.L. >= 200 UOMINI GIORNO C CANTIERI CHE IN CORSO CANTIERI CHE IN CORSO C D’OPERA RICADONO NEL D’OPERA RICADONO NEL CONTENUTI: CASO “A” CASO “A” CONTENUTI: ALL.III° ALL.III° AFFISSA E VISIBILE AFFISSA E VISIBILE IN CANTIERE IN CANTIERE
    • PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO CONTIENE: CONTIENE: •• Una relazione tecnica ee prescrizioni correlate alla complessità Una relazione tecnica prescrizioni correlate alla complessità dell'opera ed alle eventuali fasi critiche, atte a prevenire o ridurre ii dell'opera ed alle eventuali fasi critiche, atte a prevenire o ridurre rischi per la sicurezza eela salute dei lavoratori, rischi per la sicurezza la salute dei lavoratori, •• La stima dei costi della sicurezza. La stima dei costi della sicurezza. •• Tavole esplicative di progetto, relative agli aspetti della sicurezza, Tavole esplicative di progetto, relative agli aspetti della sicurezza, comprendenti almeno una planimetria sull’organizzazione del comprendenti almeno una planimetria sull’organizzazione del cantiere e, ove la particolarità dell'opera lo richieda, una tavola cantiere e, ove la particolarità dell'opera lo richieda, una tavola tecnica sugli scavi tecnica sugli scavi CONTENUTI MINIMI INALLEGATO XV CONTENUTI MINIMI INALLEGATO XV •• IL PSC È PARTE INTEGRANTE DEL C. DI APPALTO IL PSC È PARTE INTEGRANTE DEL C. DI APPALTO
    • PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO SANZIONI PER IL DATORI DI LAVORO SANZIONI PER IL DATORI DI LAVORO Arresto 33- -66mesi Arresto mesi I I DATORI DI LAVORO DELLE IMPRESE DATORI DI LAVORO DELLE IMPRESE Ammenda 3.000 - -12.000 Ammenda 3.000 12.000 ESECUTRICI E I IL.A. SONO TENUTI AD ATTUARE ESECUTRICI E L.A. SONO TENUTI AD ATTUARE SANZIONI PER IIL. AUTONOMI SANZIONI PER L. AUTONOMI QUANTO PREVISTO NEL PSC E POS Arresto 22- -44 mesi Arresto mesi QUANTO PREVISTO NEL PSC E POS Ammenda 1.000 - -5.000 Ammenda 1.000 5.000 SANZIONI PREPOSTO SANZIONI PREPOSTO Arresto sino aa22mesi Ammenda 500 ––2.000 Arresto sino mesi Ammenda 500 2.000 I I DATORI DI LAVORO DELLE IMPRESE DATORI DI LAVORO DELLE IMPRESE ESECUTRICI METTONO A DISPOSIZIONE DEI ESECUTRICI METTONO A DISPOSIZIONE DEI SANZIONE AMMINISTRATIVA SANZIONE AMMINISTRATIVA RAPPRESENTANTI PER LA SICUREZZA PECUNIARIA PECUNIARIA RAPPRESENTANTI PER LA SICUREZZA 1.200 - -3.600 1.200 3.600 COPIA DEL PSC E POS ALMENO 10 GIORNI COPIA DEL PSC E POS ALMENO 10 GIORNI PRIMA DELL’INIZIO DEI LAVORI PRIMA DELL’INIZIO DEI LAVORI
    • PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO •• L'impresa che si aggiudica ii lavori ha facoltà di presentare al L'impresa che si aggiudica lavori di presentare al coordinatore per l'esecuzione proposte di integrazione al PSC coordinatore per l'esecuzione proposte di integrazione al PSC ove ritenga di poter meglio garantire la sicurezza nel cantiere ove ritenga di poter meglio garantire la sicurezza nel cantiere sulla base della propria esperienza. In nessun caso le eventuali sulla base della propria esperienza. In nessun caso le eventuali integrazioni possono giustificare modifiche o adeguamento dei integrazioni possono giustificare modifiche o adeguamento dei prezzi pattuiti. prezzi pattuiti. •• Le disposizioni non si applicano ai lavori la cui esecuzione Le disposizioni non si applicano ai lavori la cui esecuzione immediata èè necessaria per prevenire incidenti imminenti o immediata necessaria per prevenire incidenti imminenti o per organizzare urgenti misure di salvataggio. per organizzare urgenti misure di salvataggio.
    • OBBLIGHI DI TRASMISSIONE OBBLIGHI DI TRASMISSIONE Il committente o il R.L. trasmette il PSC aatutte le imprese invitate Il committente o il R.L. trasmette il PSC tutte le imprese invitate aapresentare offerte per l'esecuzione dei lavori. presentare offerte per l'esecuzione dei lavori. In caso di appalto di opera pubblica si considera trasmissione la In caso di appalto di opera pubblica si considera trasmissione la messa aa disposizione del piano aa tutti ii concorrenti alla gara di messa disposizione del piano tutti concorrenti alla gara di appalto appalto COMMITTENTI E R.L. COMMITTENTI E R.L. SANZIONE AMMINISTRATIVA PECUNIARIA 1.200 -3. 600 SANZIONE AMMINISTRATIVA PECUNIARIA 1.200 -3. 600 Prima dell'inizio dei lavori l'impresa affidataria trasmette il PSC Prima dell'inizio dei lavori l'impresa trasmette il PSC alle imprese esecutrici eeai lavoratori autonomi alle imprese esecutrici ai lavoratori autonomi DATORI DI LAVORO-DIRIGENTI DATORI DI LAVORO-DIRIGENTI SANZIONE AMMINISTRATIVA PECUNIARIA 1.200 -3. 600 SANZIONE AMMINISTRATIVA PECUNIARIA 1.200 -3. 600
    • OBBLIGHI DI TRASMISSIONE OBBLIGHI DI TRASMISSIONE Prima dell'inizio dei rispettivi lavori ciascuna impresa esecutrice Prima dell'inizio dei rispettivi lavori ciascuna impresa esecutrice trasmette il proprio POS all’impresa affidataria, la quale, previa trasmette il proprio POS all’impresa affidataria, la quale, previa verifica della congruenza rispetto al proprio, lo trasmette al C.S.E. verifica della congruenza rispetto al proprio, lo trasmette al C.S.E. II lavori hanno inizio dopo l’esito positivo delle suddette verifiche lavori hanno inizio dopo l’esito positivo delle suddette verifiche che sono effettuate tempestivamente eecomunque non oltre 15 giorni che sono effettuate tempestivamente comunque non oltre 15 giorni dall’avvenuta ricezione. dall’avvenuta ricezione. DATORI DI LAVORO-DIRIGENTI DATORI DI LAVORO-DIRIGENTI SANZIONE AMMINISTRATIVA PECUNIARIA 1.200 -3. 600 SANZIONE AMMINISTRATIVA PECUNIARIA 1.200 -3. 600
    • Consultazione e coordinamento RLS --Lavoratori Consultazione e coordinamento RLS Lavoratori PRIMA DELL’ACCETTAZIONE DEL P.S.C. IL PRIMA DELL’ACCETTAZIONE DEL P.S.C. IL DATORE DI LAVORO CONSULTA IL R..L.S.. DATORE DI LAVORO CONSULTA IL R..L.S IL R.L.S. PUO’ FORMULARE PROPOSTE AL IL R.L.S. PUO’ FORMULARE PROPOSTE AL RIGUARDO RIGUARDO
    • Modalità di previsione dei livelli di emissione sonora Modalità di previsione dei livelli di emissione sonora L’emissione sonora di attrezzature di lavoro, macchine ee L’emissione sonora di attrezzature di lavoro, macchine impianti può essere stimata in fase preventiva facendo impianti può essere stimata in fase preventiva facendo riferimento a livelli di rumore standard individuati da studi ee riferimento a livelli di rumore standard individuati da studi misurazioni la cui validità èèriconosciuta dalla Commissione misurazioni la cui validità riconosciuta dalla Commissione consultiva permanente di cui art. 6, riportando la fonte consultiva permanente di cui art. 6, riportando la fonte documentale cui si èèfatto riferimento documentale cui si fatto riferimento
    • LAVORI COMPORTANTI LAVORI COMPORTANTI all. RISCHI PARTICOLARI RISCHI PARTICOLARI XI SEPPELLIMENTO-SPROFONDAMENTO PROF >>1,5 m PROF 1,5 m CONDIZIONI CADUTA H>2 m H>2 m AMBIENTALI PARTICOLARI SORV. SANITARIA •CASSONI AD ARIA COMPR. •CASSONI AD ARIA COMPR. ANNEGAMENTO •POZZI •POZZI LUOGHI PARTICOLARI •GALLERIE •GALLERIE PROSS. LINEE ELETTRICHE •STERRI SOTTERRANEI •STERRI SOTTERRANEI COND. NUDI IN TENSIONE •CHIMICI •CHIMICI RISCHI PARTICOLARI •BIOLOGICI •BIOLOGICI SUBACQUEI CON RESPIRATORI •RAD. IONIZZANTI •RAD. IONIZZANTI IMPIEGO ESPLOSIVI
    • PONTEGGI FISSI 1. Ponteggi metallici o non 2. Attestazione di rispondenza del ponteggio già autorizzato alle norme europee 3. Rinnovo dell’Autorizzazione Ministeriale ogni 10 anni 4. Il MLSPS si avvale anche dell’ISPESL per i controlli delle caratteristiche tecniche dei ponteggi presso le sedi di produzione 5. La circ. 25/2006, relativa ai “Contenuti minimi del Pi.M.U.S.”, altro non è che l’ALLEGATO XXII
    • PONTEGGI FISSI 6. La circ. 46/2000, relativa alle “Verifiche di sicurezza dei ponteggi metallici fissi”, altro non è che l’ALLEGATO XIX 7. Parapetto del ponteggio, altezza corrente superiore: Hp ≥ 95 cm 8. Parapetto del ponteggio, altezza tavola fermapiede: Hf ≥ 15 cm 9. Distanza del ponteggio dall’opera servita: dos ≤ 30 cm 10.Altezza montante di sommità del ponteggio: Hms ≥ 100 cm