Gestione Opere Pubbliche. Funzioni e compiti e responsabilità

5,890 views

Published on

Gestione Opere Pubbliche e sulle Funzioni e compiti e responsabilità.
Ing. Accursio Pippo Oliveri

Published in: Education, Business
0 Comments
4 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
5,890
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1,505
Actions
Shares
0
Downloads
276
Comments
0
Likes
4
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Gestione Opere Pubbliche. Funzioni e compiti e responsabilità

  1. 1. ORDINI DEGLI INGEGNERI DELLE PROVINCE Università degli Studi di Palermo DI Facoltà di Ingegneria AGRIGENTO, PALERMO E TRAPANI AVVIAMENTO ALL’ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI INGEGNERE • Stralcio normativo sulla gestione delle opere pubbliche • Funzioni e compiti e responsabilità del RUP, del Progettista, del Direttore dei Lavori, del Direttore Operativo, dei Collaudatori PALERMO 25 GIUGNO 2009 Aula Magna della Facoltà di Ingegneria Università di Palermo, Viale delle Scienze Ing. Accursio Pippo Oliveri
  2. 2. AVVIAMENTO ALL’ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI INGEGNERE PRINCIPI GENERALI Art. 1 L. 109/94: “ … l’attivita’ amministrativa in materia di opere e lavori pubblici deve garantirne la qualita’…” Art. 16 L. 109/94: “La progettazione si articola …secondo tre livelli di successivi approfondimenti tecnici …in modo da assicurare … la qualita’ dell’opera …” Qualificazione delle imprese di costruzione (art. 8) dei progetti (art. 30 comma 6) Da una imperfetta o non completa progettazione possono discendere sovracosti e ritardi nell’esecuzione e, correttamente, la legge 109/94 fa del progetto uno degli elementi focali del processo di costruzione PALERMO 25 GIUGNO 2009 Ing. Accursio Pippo Oliveri
  3. 3. AVVIAMENTO ALL’ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI INGEGNERE PRINCIPI GENERALI L’opera pubblica deve essere realizzata: nei tempi previsti nel rispetto delle previsioni definite in sede di progetto La normativa consente di variare secondo limiti assai rigorosi: i tempi di realizzazione i costi l’opera vera e propria PALERMO 25 GIUGNO 2009 Ing. Accursio Pippo Oliveri
  4. 4. AVVIAMENTO ALL’ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI INGEGNERE COSTI E BENEFICI Il contenzioso per carenze progettuali Indagini geognostiche Rilievi Sottoservizi Espropri I costi del contenzioso Ammontare del contenzioso = 30 – 50 % dei lavori Risoluzione delle riserve = 20 – 30 % delle riserve Maggiori costi dell’opera = 10 –15 % dei lavori Rapporto costi-benefici Maggiore costo dell’opera = 10 – 15 % dei lavori Costo della progettazione e direzione lavori = 10 % dei lavori Costo della validazione = 0,7 % dei lavori PALERMO 25 GIUGNO 2009 Ing. Accursio Pippo Oliveri
  5. 5. AVVIAMENTO ALL’ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI INGEGNERE D. LGS. 31 Luglio 2007, n.113 D. LGS. 26 Ulteriori gennaio 2007, n.6 disposizioni Diritto regionale degli appalti, dopo Disposizioni l'entrata in vigore del CODICE DEI correttive ed correttive ed CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, integrative......, integrative......, SERVIZI, FORNITURE (GU n. 176 del D.Lgs 11/09/2008, (GU n. 25 del 31-7-2007) n. 152 31-1-2007) Ulteriori disposizioni correttive ed Forniture Settori esclusi Lavori Servizi sopra soglia sopra e sotto soglia integrative......, sopra soglia sopra soglia (G.U. n. 231 del 2-10-2008) CODICE DEI CODICE CODICE Legge 11 febbraio 1994, n. 109 CONTRATTI PUBBLICI DEI CONTRATTI PUBBLICI DEI CONTRATTI PUBBLICI Legge quadro in materia di DI LAVORI, SERVIZI, DI LAVORI, SERVIZI, DI LAVORI, SERVIZI, lavori pubblici. FORNITURE FORNITURE FORNITURE Servizi SPECIALE Forniture sotto soglia sotto soglia Legge 21 dicembre 2001, n. 443 Decreto Legislativo 22 gennaio CODICE DEI CONTRATTI RD 23 maggio 1924, n. 2004, n.30 PUBBLICI DI LAVORI, 827 e RD 18 novembre CODICE DEI CONTRATTI SPECIALE Modificazioni alla disciplina SERVIZI, FORNITURE 1923, n. 2440 PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI, degli appalti di lavori pubblici FORNITURE concernenti i beni culturali. ECONOMIA ECONOMIA LAVORI IN ECONOMIA PER L’ADOZIONE DEL NUOVO Regolamento di REGOLAMENTO E’ STABILITO IL semplificazione dei TERMINE DI UN ANNO DAL 1° D.P.R. 21.1.1999, n. 554 procedimenti di spese in LUGLIO 2006 (ART.253, C.2, C.28 E “Regolamento di economia approvato con ART.17 C.8 CODICE) attuazione” D.P.R. 20 agosto 2001, n. 384 PALERMO 25 GIUGNO 2009 Ing. Accursio Pippo Oliveri
  6. 6. AVVIAMENTO ALL’ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI INGEGNERE La disciplina in materia di lavori pubblici in Sicilia LL. RR. 7/2002, Legge quadro sui LL.PP. 7/2003 e (11.2.1994, n. 109 e ss.mm.) 16/2005 20/2007 art.3, c.1 art.3, c.5 art.8 art.32 D.M.19.4.2000, n. 145 D.P.R. 25.1.2000, n. 34, D.M. 2.12.2000, n. 398, D.P.R. 21.1.1999, n. 554 "Regolamento recante il "Reg. istituzione del "Regolamento recante le “Regolamento di capitolato generale sistema di qualificaz. per norme di procedura del attuazione” d'appalto dei lavori gli esecutori di lavori giudizio arbitrale" pubblici" pubblici art.8, c.11-sexies DECRETI REGIONALI APPLICATIVI D.M. 3 agosto 2000, n. Art.9, c.1 L.R. 294, "Reg. requisiti di qualifi. 23.12.2000 n.32 dei lavori di restauro e manut. Recepimento D.A.LL.PP. 3.6.2003 D.A.LL.PP. 4-5-2006 dei beni mobili e delle D.A.LL.PP. 3.10.2003 superfici decorate di beni dinamico del Project Convez. Autorità- GURS N.25/2006 Programma trienn. architettonici" Financing (CODICE Regione Bandi tipo DEI CONTRATTI) PALERMO 25 GIUGNO 2009 Ing. Accursio Pippo Oliveri
  7. 7. AVVIAMENTO ALL’ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI INGEGNERE PRINCIPI GENERALI Scelta del procedimento per la realizzazione di un opera pubblica: il sistema di realizzazione dell’opera pubblica (appalto oppure concessione, ovvero esecuzione in economia); in caso di appalto, le prestazioni oggetto del relativo contratto (sola esecuzione dei lavori, ovvero progettazione esecutiva e realizzazione dell’intervento, ovvero progettazione definitiva, esecutiva e realizzazione); la procedura di affidamento (aperta, ristretta o negoziata); l’eventuale utilizzo di procedure particolari quali dialogo competitivo, accordo quadro, sistema dinamico di acquisizione, asta elettronica, ecc.; il criterio di aggiudicazione (prezzo più basso oppure offerta economicamente più vantaggiosa); le caratteristiche dei soggetti che possono candidarsi per la realizzazione dei lavori; la tipologia del contratto da stipulare (a corpo, a misura, misto), nonché gli elementi caratteristici del contratto stesso (tempi di esecuzione, penali, ecc.). PALERMO 25 GIUGNO 2009 Ing. Accursio Pippo Oliveri
  8. 8. AVVIAMENTO ALL’ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI INGEGNERE FASI DI REALIZZAZIONE DI UN LAVORO PUBBLICO Programmazione Studio Studio di (art.128) Preliminare fattibilità Adempimenti Collaudo Acquisizione Finali (art.141) al patrimonio Elenco Programma annuale triennale PROGETTAZIONE Doc. Prelim. Progetto (artt.90->94 progettazione preliminare CODICE) Progetto esecutivo Progetto (art.90, c.3) definitivo AFFIDAMENTO ESECUZIONE Direzione DEI LAVORI APPALTO CONTRATTO Lavori CONTABILITA’ (art.130) PALERMO 25 GIUGNO 2009 Ing. Accursio Pippo Oliveri
  9. 9. AVVIAMENTO ALL’ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI INGEGNERE RUOLO DEI SOGGETTI INTERESSATI NELL'AMBITO DELL'ESECUZIONE DI UN LAVORO PUBBLICO Responsabile DIRETTORE DEI IMPRESA E DIRETTORE Unico PROGETTISTA COLLAUDATORI LAVORI TECNICO del Procedimento ASSICURA CHE Accertano la Sovrintende e L'ESECUZIONE DEI ASSICURA CHE IL regolare esecuzione Coordina tutto il PROGETTO E' REDATTO LAVORI AVVENGA IN ESEGUONO L'OPERA dell’opera e di tutte ciclo di IN CONFORMITA' ALLA CONFORMITA' AL IN CONFORMITA' AL PROGETTO le procedure realizzazione NORMATIVA VIGENTE ESECUTIVO, AL CONTRATTO ED ALLE tecnico- RISPONDE DEGLI DISPOSIZIONI DEL D.L. dell’opera ERRORI PROGETTUALI CONTRATTO ED ALLA amministrative ai pubblica NORMATIVA VIGENTE fini del collaudo CONTROLLA L'OPERATO DELL'APPALTATORE PALERMO 25 GIUGNO 2009 Ing. Accursio Pippo Oliveri
  10. 10. AVVIAMENTO ALL’ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI INGEGNERE Ambiti di applicazione, AUTORITA’ VIGILANZA definizioni ORGANI DEL PROCEDIMENTO: PROGRAMMAZIONE REGOLE PER AFFIDAMENTO RUP DEI LAVORI SERVIZI DI ING. E ARCH. Triennale, annuale PROGETTAZIONE: • progettazione preliminare Verifica e • progettazione definitiva Sistema di • progettazione esecutiva validazione dei Sistemi e qualificazione procedure di progetti aggiudicazione SISTEMI DI REALIZZAZIONE CONTRATTO dei lavori DEI LAVORI Aggiudicazione, appalti e DIREZIONE LAVORI ESECUZIONE DEI concessioni Direttore lavori, LAVORI Trattamento Direttore operativo Lavori ordinari, controversie Ispettore di cantiere varianti,subappalti, cottimo, economie, Contabilità lavori urgenti lavori COLLAUDO DEI LAVORI Verbale consegna PALERMO 25 GIUGNO 2009 Ing. Accursio Pippo Oliveri
  11. 11. AVVIAMENTO ALL’ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI INGEGNERE ITER PROCEDIMENTO FORMAZIONE PROGRAMMA TRIENNALE DELLE OPERE PUBBLICHE ED ELENCO ANNUALE STUDIO PRELIMINARE PROGRAMMAZIONE (Individuazione fabbisogni ELABORAZIONE FINANZIARIA E ed esigenze da soddisfare, identificazione degli PROPOSTA DI STRATEGICA interventi necessari per il PROGRAMMA loro soddisfacimento) (Interventi fattibili, PROGRAMMAZIONE Interventi già oggetto di DI SETTORE progettazione STUDI DI FATTIBILITA' (Urbanistica, P.U.T., etc) preliminare) DEGLI INTERVENTI Valutazione delle caratteristiche, analisi dello stato di fatto e della sostenibilità degli interventi individuati nello studio prelim. AVVIO DELLA PROGETTAZIONE PUBBLICAZIONE ADOZIONE SCHEMA DI PRELIMINARE ALBO PRETORIO PROGRAMMA (Lavori per importi > 1 (60 gg) mil. !.) EVENTUALE COMUNICAZIONE APPROVAZIONE PREINFORMAZIONE INFORMAZIONE UNITAMENTE AL per lavori d'importo ALL'OSSERVATORIO BILANCIO oltre soglia comunitaria e project financing PALERMO 25 GIUGNO 2009 Ing. Accursio Pippo Oliveri
  12. 12. AVVIAMENTO ALL’ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI INGEGNERE LA PROGETTAZIONE SI ARTICOLA IN TRE LIVELLI: I livelli di progettazione PROGETTO PROGETTO PROGETTO (art. 16 e ss.): PRELIMINARE DEFINITIVO ESECUTIVO P r o g e t t o preliminare (art.16, 1. Relazione generale comma 3, L. 109; 2. Relazioni specialistiche 3. Elaborati grafici comprensivi artt. 18-24 reg.) 1. Relazione illustrativa; 1. Relazione descrittiva anche di quelli delle strutture, 2. Relazione tecnica; 2. Relazione geologica, geotecnica, degli impianti e di ripristino e idrologica, idraulica, sismica miglioramento ambientale; Progetto definitivo 3. Studio di prefattibilità ambientale; 3. Relazioni tecniche specialistiche 4. Calcoli esecutivi delle strutture (art.16, comma 4, 4. Indagini geologiche, 4. Rilievi plano-altimetrici e studio e degli impianti; idrogeologiche e archeologiche di inserimento urbanistico 5. Piani di manutenzione L. 109; artt. 25-34 preliminari; 5. Elaborati grafici dell’opera e delle sue parti; reg.) 5. Planimetria generale e schemi grafici; 6. Studio di impatto ambientale 6. Piani di sicurezza e di coordinamento; ovvero studio di fattibilità 6. Prime indicazioni e disposizioni ambientale 7. Computo metrico estimativo Progetto esecutivo per la stesura dei piani di 7. Calcoli preliminari delle definitivo e quadro economico; sicurezza; 8. Cronoprogramma; (art.16, comma 5, 7. Calcolo sommario della spesa strutture e degli impianti 8. Disciplinare descrittivo e 9. Elenco dei prezzi unitari e L. 109; artt. 35-45 8. Capitolato speciale prestazionale degli elementi tecnici eventuali analisi; prestazionale (solo nel caso di 10. Quadro dell’incidenza reg.) progetto posto a base di gara di 9. Piano particellare di esproprio percentuale della quantità di un appalto concorso o di una 10. Computo metrico estimativo manodopera per le diverse concessione di lavori pubblici). 11. Quadro economico categorie di cui si compone l’opera o il lavoro; 11. Schema di contratto e capitolato speciale di appalto. PALERMO 25 GIUGNO 2009 Ing. Accursio Pippo Oliveri
  13. 13. AVVIAMENTO ALL’ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI INGEGNERE L’approvazione di progetti di opere pubbliche Ricezione progetto preliminare e verifica dei termini di progettazione Obbligatorietà della verifica Verifica del progetto preliminare ex art.46 REG Natura e modalità della verifica Accettazione del progetto preliminare Contesto temporale di approvazione - elenco annuale Approvazione amministrativa Approvazione del progetto preliminare Trasmissione al responsab. programmaz. Avvio dell’eventuale procedimento espropriativo Avvio procedimento e problem. connesse Necessità della conferenza Eventuale convocazione della conferenza dei servizi sul progetto preliminare Convocazione e norme procedurali Avvio progettazione definitiva PALERMO 25 GIUGNO 2009 Ing. Accursio Pippo Oliveri
  14. 14. AVVIAMENTO ALL’ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI INGEGNERE L’approvazione di progetti di opere pubbliche Ricezione progetto definitivo e verifica dei termini di progettazione Natura non obbligatoria della verifica Controllo del progetto definitivo Modalità del controllo Convocazione della conferenza dei servizi se Progetti d’importo inferiore a 5.000.000 il parere tecnico è competenza del RUP DSP Conferenza speciale dei servizi in alternativa: invio progetto alla conferenza Importo lavori < 15.000.000 DSP speciale dei servizi o alla Comm. Reg.le Commissione regionale lavori pubblici Importo lavori ≥ 15.000.000 DSP Avvio dell’eventuale procedimento espropriativo Avvio procedimento e problem. connesse Approvazione progetto definitivo Eventuale appalto integrato Avvio progettazione esecutiva PALERMO 25 GIUGNO 2009 Ing. Accursio Pippo Oliveri
  15. 15. AVVIAMENTO ALL’ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI INGEGNERE Il parere tecnico siciliano della Merloni PARERI TECNICI Responsabile del Procedimento Importo • Inferiore alla soglia comunitaria (5.000.000 DSP) • Procede alla validazione del progetto esecutivo Principali attività • Esprime parere in linea tecnica su progetti e perizie Art. 22 della legge regionale 22 dicembre 2005 n. 19 10. Qualora ricorrano le condizioni di carenze di organico o di adeguate professionalità all'interno dell'ente, previste dall'articolo 7, comma 5, secondo periodo, della legge regionale 11 febbraio 1994, n. 109, come recepita dalla legge regionale 2 agosto 2002, n. 7 e successive modifiche ed integrazioni, il parere in linea tecnica è espresso dall'Ufficio del Genio civile competente per territorio o dall'Ispettorato tecnico dei lavori pubblici o dall'Ispettorato tecnico regionale dell'Assessorato regionale dei lavori pubblici. Detto parere è espresso mediante una conferenza dei servizi, convocata con le modalità e le procedure di cui all'articolo 7, comma 7, dall'organo competente ad esprimere il parere. PALERMO 25 GIUGNO 2009 Ing. Accursio Pippo Oliveri
  16. 16. AVVIAMENTO ALL’ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI INGEGNERE Il parere tecnico siciliano della Merloni PARERI TECNICI Responsabile del Conferenza Partecipano: Procedimento Speciale di servizi • Ing. Capo Genio Civile - Presidente • Il responsabile del • Superiore alla soglia Importo procedimento comunitaria (5.000.000 DSP) e fino a 3 volte tale soglia • I responsabili degli uffici delegati ad • Viene convocata dall’Ingegnere Capo del esprimere il parere di Principali attività Genio Civile sulla base del progetto competenza definitivo o esecutivo delle opere inviato dal Responsabile del procedimento • Un dirigente del Genio Civile • A c q u i s i s c e t u t t e l e i n t e s e , p a r e r i , concessioni, autorizzazioni, licenze, nulla- osta e assensi comunque denominati • PER LE ISTRUZIONI VEDERE CIRCOLARE LL.PP. 3-4-2003 • La richiesta di parere va inoltrata all’Ingegnere Capo del Genio civile • Elaborati progettuali in duplice copia • La richiesta deve recare l'indicazione di tutti i soggetti competenti al rilascio di intese, pareri, concessioni, autorizzazioni, licenze, nulla-osta ed assensi previsto dalla normativa vigente. • I progetti dovranno essere corredati dal documento preliminare all'avvio della progettazione, redatto, ai sensi dell'art. 15 del regolamento n. 554/99, dal responsabile del procedimento, che dovrà verificare e validare i progetti ai sensi degli artt. 46, 47 e 48 del predetto regolamento. PALERMO 25 GIUGNO 2009 Ing. Accursio Pippo Oliveri
  17. 17. AVVIAMENTO ALL’ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI INGEGNERE Il parere tecnico siciliano della Merloni PARERI TECNICI Commissione Composizione: Responsabile del Conferenza Regionale dei • Dirigenti generali dei Procedimento Speciale di servizi lavori pubblici dipartimenti regionali dei lavori pubblici, • Superiore a 3 volte la soglia comunitaria Ispettorato tecnico e Importo Ispettorato tecnico e su progetti d’interesse ultraprovinciale regionale • Avvocato generale della • E’ istituita quale Organo consultivo della Regione Principali attività Regione • Ing. Capo Genio civile • Esprime parere nei casi di appalto competente per concorso territorio • Svolge attività di consulenza tecnica per la Regione e per consulenze di • N.5 consulenti tecnico particolare complessità anche per gli Enti giuridici nominati di cui alla lettera a) del comma 2 dell’art.2 dall’Assessore • Viene attivata dal Responsabile del Regionale ai LL.PP. procedimento o dal soggetto privato attuatore di interventi • PER LE ISTRUZIONI VEDERE CIRCOLARE LL.PP. 16-1-2003 • La richiesta di parere va inoltrata al dirigente generale del dipartimento ispettorato tecnico • Elaborati progettuali in duplice copia • La richiesta deve recare l'indicazione di tutti i soggetti competenti al rilascio di intese, pareri, concessioni, autorizzazioni, licenze, nulla-osta ed assensi previsto dalla normativa vigente. • I progetti dovranno essere corredati dal GIUGNO 2009 all'avvio della progettazione. PALERMO 25 documento preliminare Ing. Accursio Pippo Oliveri
  18. 18. AVVIAMENTO ALL’ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI INGEGNERE L’approvazione di progetti di opere pubbliche D.P.R. 327/2001 Durata e decadenza dei vincoli finalizz. esproprio T.U. in materia di espropri Inserimento norme di Obbligo indennizzo in carattere urbanistico caso di reitera dei vincoli ricognizione e Tranne determ. indennità - Giurisd. esclusiva del riordino della G.O. unico grado (Corte giudice amministrativo normativa d'App.) precedente D. Lgs. 27.12.2002 n. 302 Principio "Prima ammette ancora occup. l'esproprio poi l'opera" prima del Decr. Esprop. Obiettivi Principali T.U. innovazioni D.Lgs. 302)2002 semplifica Valorizz. esigenze di avviso ex L.241/90 in casi partecipazione particolari tenere conto dei fondamentali principi stabiliti dalla giurisprudenza RESPONSABILE costituzionale e di PROCEDIM. ESPR. legittimità Ufficio per le espropriazioni PALERMO 25 GIUGNO 2009 Ing. Accursio Pippo Oliveri
  19. 19. AVVIAMENTO ALL’ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI INGEGNERE L’approvazione di progetti di opere pubbliche Ricezione progetto esecutivo e verifica dei termini di progettazione Supporto interno VALIDAZIONE del progetto esecutivo Supporto esterno Accettazione del progetto esecutivo Comunicazione al progettista dell’accettazione degli elaborati progettuali Verifica finanziamento dell’opera Verifiche amministrative di procedibilità Verifica procedure espropriative e attestazione disponibilità aree Presentazione della Polizza assicurativa da parte del progettista Approvazione del progetto esecutivo PALERMO 25 GIUGNO 2009 Ing. Accursio Pippo Oliveri
  20. 20. AVVIAMENTO ALL’ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI Analisi: - fabbisogni INGEGNERE PROGETTO PRELIMINARE ADEGUAMENTO - patrimonio esistente - disponibilità risorse ISPEZIONE NO STUDI DI FATTIBILITA' SI PROGETTO DEFINITIVO ADEGUAMENTO CAUSA PROGETTO PROGRAMMAZIONE PRELIMINARE TRIENNALE ISPEZIONE NO D.P.P. - DOCUMENTO CAUSA PROGETTO PRELIMINARE DI SI DEFINITIVO PROGETTAZIONE PROGETTO ESECUTIVO ADEGUAMENTO NO ISPEZIONE SI CAUSA PROGETTO ESECUTIVO INDIVIDUAZIONE ISPEZIONE NO LE VERIFICHE DEL CAUSA PROGETTO (art.30, c.6 SI della Legge 109/1994 e PROGETTO ESECUTIVO 46, 47 del VALIDATO Regolamento 554/1999) SI AFFIDAMENTO DEI LAVORI PALERMO 25 GIUGNO 2009 Ing. Accursio Pippo Oliveri
  21. 21. AVVIAMENTO ALL’ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI INGEGNERE La scelta della procedura per l’individuazione del contraente: appalti di lavori in Sicilia Appalto concorso art.20, c.4 ORDINARIA SPECIALI Legge 11 febbraio 1994, n. 109, come introdotta dalla L.R. 2 agosto Cottimo appalto art.24 bis 2002, n. 7 e s.m.i. Pubblico Incanto Trattativa privata (oggi procedura aperta) ( oggi procedura negoziata) art.20 c.1 art.24 PALERMO 25 GIUGNO 2009 Ing. Accursio Pippo Oliveri
  22. 22. AVVIAMENTO ALL’ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI INGEGNERE Mediante ribasso Contratti a misura sull’elenco prezzi posto a base di gara LA QUALITA' Mediante ribasso AL PREZZO PIU' BASSO In alternativa mediante Contratti a corpo sull’importo dei lavori (ART.82 CODICE) offerta a prezzi unitari posto a base di gara IL PREGIO TECNICO Mediante offerta a prezzi Contratti a corpo e a misura LE CARATTERISTICHE unitari ESTETICHE E FUNZIONALI CRITERI DI AGGIUDICAZIONE (ART.81 CODICE) LE CARATTERISTICHE AMBIENTALI OFFERTA ECONOMICA (RIBASSO SUL PREZZO) IL COSTO DI OFFERTA UTILIZZAZIONE E ECONOMICAMENTE MANUTENZIONE PIU' VANTAGGIOSA (ART.83 CODICE) LA REDDITIVITA' OFFERTA TECNICA IL SERVIZIO SUCCESSIVO ALLA VENDITA IN CASO DI CONCESSIONI L'ASSISTENZA TECNICA CRITERI DI AGGIUDICAZIONE DEL In caso di concessioni, la LA DATA DI CONSEGNA CODICE DEI CONTRATTI O DI ESECUZIONE durata del contratto, le modalità di gestione, il livello e i criteri di aggiornamento delle L'IMPEGNO IN MATERIA DI PEZZI DI RICAMBIO tariffe da praticare agli utenti. LA SICUREZZA DI APPROVVIGIONAMENTO PALERMO 25 GIUGNO 2009 Ing. Accursio Pippo Oliveri
  23. 23. AVVIAMENTO ALL’ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI INGEGNERE REQUISITI RICHIESTI PER PARTECIPARE ALLE GARE SERVIZI E LAVORI FORNITURE ! 150.000 " Art.8 L.109/94 REQUISITI DI ORDINE >150.000" Art.40 CODICE GENERALE D.P.R.34/2000 (MORALITA') ART.38 CODICE Certificato di iscrizione, da almeno due anni, al rispettivo albo camerale imprese artigiane Attestazione di qualificazione SOA Capacità economico-finanziaria Imprese cooperative iscritte al (Per le imprese straniere devono art.41 CODICE registro prefettizio , (oggi albo delle possedere i medesimi requisiti) Società Cooperative,presso la Camera di Commercio) sezione produzione e lavoro, da almeno due anni > 20.658.276 " Requisiti dell'articolo 28, nel quinquennio antecedente la comma 1, lettera a), del D.P.R. pubblicazione del bando, una Capacità tecnico-organizzativa 25 gennaio 2000, n. 34 ridotti cifra d’affari, # a tre volte art.42 CODICE del cinquanta per cento l’importo a base di gara PALERMO 25 GIUGNO 2009 Ing. Accursio Pippo Oliveri
  24. 24. AVVIAMENTO ALL’ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI INGEGNERE NOVITA’ 3° DECRETO CORRETTIVO DEL CODICE DEI CONTRATTI Obbligo di indicare il consorziato (che non può partecipare alla a) le imprese individuali, anche artigiane, le gara) per cui il consorzio concorre. E' vietata la partecipazione società commerciali, le società cooperative alla medesima procedura di affidamento del consorzio e dei consorziati se si procede all'esclusione automatica; in caso di inosservanza di tale divieto si applica l'art.353 del codice penale. b) i consorzi fra società cooperative diproduzione Soggetti che ai fini della e lavoro costituiti a norma della legge 25 partecipazione utilizzano la Assoc. orizzontali giugno 1909, n.422, e del decreto legislativo qualificazione da essi stessi Nei LAVORI si intende una riunione di concorrenti del Capo provvisorio dello Stato 14 dicembre posseduta finalizzata a realizzare i lavori della stessa categoria 1947, n. 1577, e successive modificazioni, e i Nelle FORNITURE E SERVIZI quella in cui gli operatori consorzi tra imprese artigiane di cui alla legge economici eseguono il medesimo tipo di prestazione 8 agosto 1985, n. 443; c) i consorzi stabili costituiti anche in forma di Assoc. verticali Nel caso di lavori, per raggruppamento temporaneo di Soggetti ammessi società consortili ai sensi dell'articolo 2615-ter del codice civile, tra imprese individuali, anche tipo verticale si intende una riunione di concorrenti Art.34 D.Lgs. artigiane, società commerciali, società nell'ambito della quale uno di essi realizza i lavori della 163/2006 cooperative di produzione e lavoro categoria prevalente. Nel caso di forniture o servizi, per raggruppamento di tipo verticale si intende un raggruppamento di concorrenti in cui il mandatario d) le associazioni temporanee di concorrenti, esegua le prestazioni di servizi o di forniture indicati costituite dai soggetti di cui alle lettere a), b) e come principali anche in termini economici, i mandanti c) quelle indicate come secondari Soggetti che, ai fini della partecipazione, utilizzano le e) i consorzi di concorrenti di cui all'articolo qualificazioni possedute dai Assoc. miste 2602 del codice civile, costituiti tra i soggetti loro associati o consorziati Sono consentiti raggruppamenti orizzontali sia nella di cui alle lettere a), b) e c) del presente categoria prevalente che nella scorporabile comma anche in forma di società ai sensi dell'articolo 2615-ter del codice civile f) i soggetti che abbiano stipulato il contratto di Obbligo di indicare il consorziato (che non può gruppo europeo di interesse economico (GEIE) partecipare alla gara) per cui il consorzio concorre. ai sensi del decreto legislativo 23 luglio 1991, E' vietata la partecipazione alla medesima procedura di n. 240 affidamento del consorzio stabile e dei consorziati se si procede all'esclusione automatica; in caso di f-bis) operatori economici, ai sensi dell’articolo 3, inosservanza di tale divieto si applica l'articolo 353 del comma 22, stabiliti in altri Stati membri, codice penale. costituiti conformemente alla legislazione vigente nei rispettivi Paesi. SOGGETTI AMMESSI DOPO IL TERZO CORRETTIVO PALERMO 25 GIUGNO 2009 Ing. Accursio Pippo Oliveri
  25. 25. AVVIAMENTO ALL’ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI INGEGNERE CATEGORIE GENERALI Categorie di qualificazione: OPERE GENERALI OG1 Edifici civili e industriali OG2 Restauro e manutenzione dei beni immobili OG3 Strade, autostrade, ponti, viadotti e relative opere complementari OG4 Opere d'arte nel sottosuolo OG5 Dighe OG6 Acquedotti, gasdotti, oleodotti, opere di irrigazione e di evacuazione OG7 Opere marittime e lavori di dragaggio OG8 Opere fluviali, di difesa, di sistemazione idraulica e di bonifica OG9 Impianti per la produzione di energia elettrica OG10 Impianti per la trasformazione alta/media tensione e per la distribuzione di energia elettrica in corrente alternata e continua OG11 Impianti tecnologici OG12 Opere ed impianti di bonifica e protezione ambientale OG13 Opere di ingegneria naturalistica PALERMO 25 GIUGNO 2009 Ing. Accursio Pippo Oliveri
  26. 26. AVVIAMENTO ALL’ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI INGEGNERE NOVITA’ 3° DECRETO CORRETTIVO DEL CODICE DEI CONTRATTI IL PROBLEMA DELLE SIOS Il Regolamento sui Lavori Pubblici (d.P.R. 21 dicembre 1999 n.554) all’art. 1, lett. g), sotto il titolo "Definizioni" prevede che sono "strutture, impianti e opere speciali previste dall’art. 13, comma 7, della Legge: quelli elencati all’art. 72, comma 4" del Regolamento stesso. L’art. 72, comma 4, del Regolamento così individua le strutture, impianti e opere speciali "Si considerano strutture, impianti e opere speciali, le seguenti opere specializzate se di importo superiore a quelli indicati all’art. 73, comma 3: a) il restauro, la manutenzione di superfici decorate di beni architettonici, il restauro di beni mobili, di interesse storico, artistico ed archeologico; b) l’installazione, la gestione e la manutenzione di impianti idrosanitari, del gas, antincendio, di termoregolazione, di cucina e di lavanderia; c) l’installazione, la gestione e la manutenzione di impianti trasportatori, ascensori, scale mobili, di sollevamento e di trasporto; d) l’installazione, gestione e manutenzione di impianti pneumatici, di impianti antintrusione; e) l’installazione, la gestione e la manutenzione di impianti elettrici, telefonici, radiotelefonici, televisivi e simili; f) i rilevamenti topografici speciali e le esplorazioni del sottosuolo con mezzi speciali; g) le fondazioni speciali, i consolidamenti di terreni, i pozzi; h) la bonifica ambientale di materiali tossici e nocivi; i) i dispositivi strutturali, i giunti di dilatazione, e gli apparecchi di appoggio, i ritegni antisismici; l) la fornitura e posa in opera di strutture e di elementi prefabbricati prodotti industrialmente; m) l’armamento ferroviario; n) gli impianti per la trazione elettrica; o) gli impianti di trattamento rifiuti; p) gli impianti di potabilizzazione". PALERMO 25 GIUGNO 2009 Ing. Accursio Pippo Oliveri
  27. 27. AVVIAMENTO ALL’ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI INGEGNERE CATEGORIE SPECIALI OS1 Lavori in terra OS2 Superfici decorate e beni mobili di interesse storico e artistico OS3 Impianti idrico-sanitario, cucine, lavanderie Categorie di qualificazione: OPERE SPECIALIZZATE Superspecializzate OS4 Impianti elettromeccanici trasportatori OS5 Impianti pneumatici e antintrusione OS6 Finiture di opere generali in materiali lignei, plastici, metallici e vetrosi OS7 Finiture di opere generali di natura edile OS8 Finitura di opere generali di natura tecnica OS9 Impianti per la segnaletica luminosa e la sicurezza del traffico OS10 Segnaletica stradale non luminosa OS11 Apparecchiature strutturali speciali OS12 Barriere e protezioni stradali OS13 Strutture prefabbricate in cemento armato OS14 Impianti di smaltimento e recupero rifiuti OS15 Pulizia di acque marine, lacustri, fluviali OS16 Impianti per centrali produzione energia elettrica Qualificazione obbl. OS17 Linee telefoniche ed impianti di telefonia OS18 Componenti strutturali in acciaio e metallo OS19 Impianti di reti di telecomunicazione e di trasmissioni e trattamento... OS20 Rilevamenti topografici OS21 Opere strutturali speciali OS22 Impianti di potabilizzazione e depurazione OS23 Demolizione di opere OS24 Verde e arredo urbano OS25 Scavi archeologici OS26 Pavimentazioni e sovrastrutture speciali OS27 Impianti per la trazione elettrica OS28 Impianti termici e di condizionamento OS29 Armamento ferroviario OS30 Impianti interni elettrici, telefonici, radiotelefonici e televisivi OS31 Impianti per la mobilità sospesa OS32 Strutture in legno OS33 Coperture speciali OS34 Sistemi antirumore per infrastrutture di mobilità PALERMO 25 GIUGNO 2009 Ing. Accursio Pippo Oliveri
  28. 28. AVVIAMENTO ALL’ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI INGEGNERE CATEGORIE DEI LAVORI CATEGORIA PREVALENTE Subappaltabile al 30% CATEGORIE DIVERSE DALLA PREVALENTE SPECIALIZZATE (OS...) GENERALI (OG...) A QUALIFICAZIONE A QUALIFICAZIONE S.I.O.S. NON OBBLIGATORIA OBBLIGATORIA SE > AL 10% O > 150.000 ! E' >15% ? INDICARE NEL BANDO NO SE > AL 10% O > 150.000 ! SE > AL 10% O > 150.000 ! INDICARE NEL BANDO INDICARE NEL BANDO SI SE > AL 10% E < 150.000 ! SE > AL 10% E < 150.000 ! OBBLIGO DI REQUISITI INDICARE NEL BANDO IN PROPRIO PER INDICARE NEL BANDO ASSUMIBILI IN PROPRIO SE IN ALMENO IL 70% POSSESSO DEI REQUISITI DELLA OPPURE OBBLIGO DI PREVALENTE PER L'INTERO A.T.I. VERTICALE CON IMPORTO (SUBAPPALTABILI AL 100%) SE < AL 10% E < 150.000 ! MANDANTE IN SE < AL 10% E < 150.000 ! POSSESSO DI ALMENO IL 70% DEI REQUISITI ASSUMIBILI IN PROPRIO SE IN POSSESSO DEI REQUISITI DELLA SUBAPPALTABILE PREVALENTE PER L'INTERO AL 30% IMPORTO (SUBAPPALTABILI AL 100%) OBBLIGO DI REQUISITI IN PROPRIO O DI MANDANTE IN LE CATEGORIE NEL BANDO VERTICALE O OBBLIGO DI SUBAPPALTO DOPO IL 3° DECRETO CORR. PALERMO 25 GIUGNO 2009 Ing. Accursio Pippo Oliveri
  29. 29. AVVIAMENTO ALL’ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI INGEGNERE Suddivisione dell’opera in gruppi di lavorazioni omogenee e i casi di lavori extracontrattuali COMPUTO METRICO LAVORI REGOLATI A LAVORI REGOLATI A CORPO MISURA CATEGORIE OG CATEGORIE OS CATEGORIE OG CATEGORIE OS CORPO CORPO CORPO CORPO CORPO CORPO CATEG. DI CATEG. DI CATEG. DI CATEG. DI CATEG. DI CATEG. DI D'OPERA D'OPERA D'OPERA D'OPERA D'OPERA D'OPERA LAVORO LAVORO LAVORO LAVORO LAVORO LAVORO I Corpi d’Opera hanno un importo definito ed invariabile. Categorie di Lavoro da appaltare a misura: possono Es. corpi d’opera per un edificio: variare la quantità di ogni singola Lavorazione prevista in 1 - movimenti terra; progetto, possono variare d’importo in fase di esecuzione 2 - strutture di fondazione; rispetto a quanto previsto in fase progettuale 3 - strutture in elevazione; 4 - tamponamenti e tramezzi; 5 - intonaci, pavimenti e rivestimenti; Il comma 8 dell’articolo 45 del Regolamento di 6 - infissi, opere in ferro e diversi; Attuazione chiarisce che “ai fini della disciplina delle 7 - sistemazioni esterne; varianti e degli interventi disposti dal direttore dei lavori 8 - impianto idrico-sanitario; 9 - impianti elettrici e di sollevamento; ai sensi dell’articolo 25, comma 3, primo periodo della 10 - impianto di condizionamento; Legge, la verifica dell’incidenza delle eventuali variazioni 11 - impianto antincendio. è desunta dagli importi netti dei gruppi di lavorazione ritenuti omogenei”. PALERMO 25 GIUGNO 2009 Ing. Accursio Pippo Oliveri
  30. 30. AVVIAMENTO ALL’ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI INGEGNERE PROGRAMMA DEI LAVORI PROGRAMMA DEI LAVORI A CURA DELLA STAZIONE APPALTANTE A CURA DELL'APPALTATORE PROGETTAZIONE PRELIMINARE: CRONOPROGRAMMA DELLE FASI PRIMA DELL'INIZIO DEI LAVORI: ATTUATIVE DEL PROGETTO FA PARTE PROGRAMMA ESECUTIVO DELLA RELAZIONE ILLUSTRATIVA (C.10 ART.45 REG.) (C.1 ART.19 REG.) PROGETTAZIONE ESECUTIVA: SONO RIPORTATI PER OGNI FA PARTE DEL PROGETTO E VA LAVORAZIONE: ALLEGATO AL CONTRATTO 1 - LE PREVISIONI CIRCA IL PERIODO DI (ART.35 E C.1 ART.110 REG.) LORO ESECUZIONE NONCHE' L'AMMONTARE PARZIALE E PROGRESSIVO DELL'AVANZAMENTO CON UNA PREVISIONE CIRCA LA E' REDATTO AL FINE DI INDIVIDUARE PRODUTTIVITA' CONVENZIONALMENTE GLI IMPORTI 2 - I TEMPI DI EMISSIONE DEI SAL E DEI ESEGUITI NEL TEMPO CERTIFICATI DI PAGAMENTO C.1 ART.42 REG. PALERMO 25 GIUGNO 2009 Ing. Accursio Pippo Oliveri
  31. 31. AVVIAMENTO ALL’ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI INGEGNERE PROGRAMMA DEI LAVORI PALERMO 25 GIUGNO 2009 Ing. Accursio Pippo Oliveri
  32. 32. AVVIAMENTO ALL’ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI INGEGNERE PROGRAMMA DEI LAVORI IL PROLUNGAMENTO DEI TERMINI PUO' ESSERE: DOVUTO A FATTI CAUSATO DA FATTI CAUSATO DA FATTI EFFETTO DI UNA ESTRANEI AI DUE IMPUTABILI ALLA IMPUTABILI DECISIONE DI COMUNE CONTRAENTI STAZIONE APPALTANTE ALL'APPALTATORE ACCORDO - FORZA MAGGIORE GESTIONE DELLE PENALI - OMESSE O TARDIVE - SOSPENSIONE (ART.22 DEL C.G.A. ED APPROVAZIONI E PARZIALE LEGITTIMA ART.117 REG.) DETERMINAZIONI ESECUZIONE DI - AVVERSE CONDIZIONI L'AMMONTARE VIENE - DIFETTO DI ATTI DA MAGGIORI LAVORI CLIMATICHE STABILITO NEL C.S.A COOPERAZIONE (PERIZIE DI VARIANTE E (CONTRATTUALI) SULLA BASE DEI LIMITI - AVVERSE CONDIZIONI SUPPLETIVE) - CAUSE ESTERNE FISSATI DAL CLIMATICHE OGGETTIVE (ES. REGOLAMENTO (C.3 (EXTRACONTRATTUALI) SCIOPERO TRASPORTI) ART.117) PROTRAZIONE DEL NOVAZIONE DEL PROROGA RITARDO SANZIONATO TERMINE TERMINE PALERMO 25 GIUGNO 2009 Ing. Accursio Pippo Oliveri
  33. 33. AVVIAMENTO ALL’ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI T INGEGNERE FINE DEI LAVORI RILEVAZIONE VERBALE DI FINE CONTO FINALE LAVORI FINALE T3 ATTI DI RILEVAZIONI S.A.L. n SOTTOMISSIONE ORDINI DI SERVIZIO T2 RILEVAZIONI S.A.L. 2 VERBALI DI T1 SOSPENSIONE E RILEVAZIONI S.A.L. 1 RIPRESA VERBALE DI INIZIO DEI LAVORI CONSEGNA DEI LAVORI STATO DI RILEVAMENTO LIBRETTO DELLE REGISTRO DI SOMMARIO DEL AVANZAMENTO LAVORAZIONI MISURE CONTABILITA' REGISTRO DEI LAVORI CONTABILIZZARE QUANTIFICARE CLASSIFICARE LIQUIDARE STIMARE PALERMO 25 GIUGNO 2009 Ing. Accursio Pippo Oliveri
  34. 34. AVVIAMENTO ALL’ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI INGEGNERE Il sistema delle cauzioni e delle garanzie CLASSIFICAZIONE TIPOLOGICA DELLE VARIANTI Art.25 Legge COLPEVOLI O LEGITTIME MIGLIORATIVE NON VARIANTI ILLEGITTIME Comma 1 Comma 3 - 2ª parte Comma 3 - 1ª parte Comma 1 a) Sopravvenute normative Miglioramento dell'opera e alla sua funzionalità, sempreché Per risolvere aspetti di dettaglio e regolamentari non comportino modifiche - non devono comportare un b) - Cause impreviste e aumento dell'importo del sostanziali e siano motivate da imprevedibili obiettive esigenze derivanti da d) Per il manifestarsi di contratto stipulato per la - Innovazioni di materiali circostanze sopravvenute e errori o di omissioni del realizzazione dell'opera e tecnologie imprevedibili al momento della progetto esecutivo che VARIAZIONI DELLE b-bis) - Eventi verificatisi in stipula del contratto pregiudicano, in tutto o CATEGORIE DI LAVORO: c.o. inerenti la natura e IMPORTO IN AUMENTO: in parte, la realizzazione - importo !10 % per i lavori di la specificità dei beni; - !10 % per i lavori di dell'opera ovvero la sua recupero, ristrutturazione, - Per rinvenimenti recupero, ristrutturazione, utilizzazione manutenzione e restauro manutenzione e restauro - importo ! 5% per tutti gli altri imprevisti e imprevedib. - ! 5% per tutti gli altri lavori lavori delle categorie di c)Sorpresa geologica (art. delle categorie di lavoro lavoro dell'appalto 1664) dell'appalto la mancata od erronea il mancato rispetto dei la violazione delle norme di l'inadeguata valutazione identificazione della requisiti funzionali ed diligenza nella dello stato di fatto normativa tecnica vincolante economici prestabiliti e predisposizione degli PALERMO 25 per la progettazione GIUGNO 2009 risultanti da prova scritta Ing.elaborati progettuali. Oliveri Accursio Pippo
  35. 35. AVVIAMENTO ALL’ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI INGEGNERE Il sistema delle cauzioni e delle garanzie CALCOLO ED ESCUSSIONE DEL DANNO DOVUTO ERRORE Art.105 Regolamento PROGETTUALE MAGGIORI COSTI ED NUOVE SPESE DI ONERI DELL'OPERA PROGETTAZIONE a) Costi per demolizioni di porzioni di opera eseguite a) Di regola non sussistono perchè ai sensi del 3° inutilmente comma dell'art.105 del Reg. deve essere b) Costi per l'esecuzione di opere accessorie per rendere obbligatoriamente inserita una clausola nei utilizzabile o ricondurre a conformità le opere disciplinari con i progettisti in forza della progettate ed eseguite quale gli stessi sono tenuti a riprogettare c) Costo dell'indennità dovuta all'appaltatore (10 per cento l'opera senza oneri e costi per la stazione dei lavori non eseguiti, fino a quattro quinti dell'importo appaltante nel caso di errori od omissioni del contratto) b) se per motivate ragioni si procede con d) Costo per l'indizione di una nuova gara d'appalto e per progettista diverso (nella misura massima del la differenza del ribasso compresi oneri fiscali costo di progettazione iniziale) c) Eventuali costi dimostrati diretti ed indiretti e) Costi diretti e indiretti (di tipo amministrativo, che gravano sull'ente (supporti giuridici, economico e sociale) dovuti al maggior termine di procedure, approvazioni, ripubblicazioni) realizzazione dell'opera la mancata od erronea il mancato rispetto dei la violazione delle norme di l'inadeguata valutazione identificazione della requisiti funzionali ed diligenza nella dello stato di fatto normativa tecnica vincolante economici prestabiliti e predisposizione degli per la progettazione risultanti da prova scritta Ing. Accursio Pippo Oliveri elaborati progettuali. PALERMO 25 GIUGNO 2009
  36. 36. AVVIAMENTO ALL’ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI INGEGNERE Il sistema delle cauzioni e delle garanzie POLIZZA DI ASSICURAZIONE Ai sensi dellʼart. 30, comma 5, della legge n. 109/94 “LEGGE MERLONI” COPERTURA ASSICURATIVA DELLA RESPONSABILITAʼ CIVILE PROFESSIONALE DEI PROGETTISTI LIBERI PROFESSIONISTI O DELLE SOCIETAʼ DI PROFESSIONISTI O DELLE SOCIETAʼ DI INGEGNERIA SCHEMA TIPO 2.2 Art. 3 - Condizioni di validità dell’assicurazione Art. 1 - Oggetto dellʼassicurazione La copertura opera esclusivamente per le nuove spese di La Società si obbliga a tenere indenne lʼAssicurato/ progettazione e per i maggiori costi, per varianti di cui allʼart. 1, Contraente di quanto questi sia tenuto a pagare, quale lett. a) e b), sostenuti dalla Stazione appaltante durante il periodo civilmente responsabile ai sensi di legge, a titolo di di efficacia dellʼassicurazione, riportato nella Scheda Tecnica, in risarcimento danni (capitale, interessi e spese), conseguenza di errori od omissioni non intenzionali del progetto esclusivamente per: esecutivo manifestatisi e notificati allʼAssicurato durante il a) nuove spese di progettazione dellʼopera o di parte di medesimo periodo e denunciati alla Società nei modi e nei termini di cui allʼart. 17. essa; La presente copertura non è efficace nel caso in cui: b) maggiori costi per le varianti di cui allʼart. 25, comma a) lʼattività di progettazione dellʼopera progettata venga affidata 1, lett. d), della Legge resesi necessarie in corso di con procedura giudizialmente riconosciuta viziata da violazione esecuzione dellʼopera o della parte di opera progettata, delle specifiche norme in materia dettate dalla Legge o da sostenuti dalla incompetenza o da eccesso di potere; Stazione appaltante dei lavori in conseguenza di errori b) la realizzazione dellʼopera progettata venga affidata con od omissioni non intenzionali del progetto esecutivo procedura giudizialmente riconosciuta viziata da violazione delle imputabili a colpa professionale dellʼAssicurato e/o dei specifiche norme in materia dettate dalla Legge o da professionisti della cui opera egli si avvale. incompetenza o da eccesso di potere; PALERMO 25 GIUGNO 2009 Ing. Accursio Pippo Oliveri
  37. 37. AVVIAMENTO ALL’ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI INGEGNERE La direzione dei lavori: compiti, natura, organizzazione, responsabilità UFFICIO DI DIREZIONE DEI LAVORI (Art.123 REG.) Art. 27 LEGGE Le amministrazioni aggiudicatrici sono obbligate ad istituire un ufficio di direzione dei lavori costituito da un direttore dei lavori ed eventualmente da assistenti. UN DIRETTORE UNO O PIU' DEI LAVORI ASSISTENTI L'Ufficio della direzione dei lavori è preposto alla direzione e al controllo tecnico, contabile e CON FUNZIONI DI CON FUNZIONI DI amministrativo dell'esecuzione dell'intervento, nel rispetto della DIRETTORE ISPETTORE DI vigente normativa e delle OPERATIVO CANTIERE condizioni contrattuali. PALERMO 25 GIUGNO 2009 Ing. Accursio Pippo Oliveri
  38. 38. AVVIAMENTO ALL’ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI INGEGNERE La direzione dei lavori: compiti, natura, organizzazione, responsabilità verifiche ed interventi finalizzati all'esecuzione dei lavori a regola d'arte e in conformità al progetto e al contratto coordinamento e supervisione dell'attività dell'Ufficio di direzione dei lavori rapporti con l'appaltatore in merito agli aspetti tecnici ed economici del contratto FUNZIONI D.L. accettazione dei materiali e relativi controlli ART.124 REG qualitativi e quantitativi verifica periodica del rispetto da parte dell'appaltatore della normativa vigente in materia di obblighi nei confronti dei dipendenti verifica costante della validità dei programmi di manutenzione, dei manuali d'uso e dei manuali di manutenzione, aggiornandone il relativo contenuto a lavori ultimati svolgimento delle funzioni di coordinatore per l'esecuzione dei lavori, qualora provvisto dei relativi requisiti PALERMO 25 GIUGNO 2009 Ing. Accursio Pippo Oliveri
  39. 39. AVVIAMENTO ALL’ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI INGEGNERE La direzione dei lavori: compiti, natura, organizzazione, responsabilità DIRETTORI OPERATIVI I direttori operativi collaborano direttamente col Direttore dei lavori nel verificare che le singole lavorazioni siano eseguite regolarmente e nell'osservanza delle clausole contrattuali. In particolare l'articolo 125 del Regolamento consente di affidare ai direttori operativi i seguenti compiti : a. verificare che l'appaltatore svolga tutte le pratiche di legge relative alla denuncia dei calcoli delle strutture; b. programmare e coordinare le attività dell'ispettore dei lavori; c. curare l'aggiornamento del cronoprogramma generale e particolareggiato dei lavori e segnalare tempestivamente al direttore dei lavori le eventuali difformità rispetto alle previsioni contrattuali, proponendo i necessari interventi correttivi; d. assistere il direttore dei lavori nell'identificare gli interventi necessari ad eliminare difetti progettuali o esecutivi; e. individuare ed analizzare le cause che influiscono negativamente sulla qualità dei lavori e proponendo al direttore dei lavori le adeguate azioni correttive; f. assistere i collaudatori nell'espletamento delle operazioni di collaudo; g. esaminare e approvare il programma delle prove di collaudo e messa in esercizio degli impianti; h. controllare, quando svolge anche le funzioni di coordinatore per l'esecuzione dei lavori, il rispetto dei piani di sicurezza da parte dei direttori di cantiere; i. collaborare alla tenuta dei libri contabili. Taluni di questi compiti, ad esempio quelli richiamati ai paragrafi d) e) g) h), evidenziano la necessità che i direttori operativi possiedano una adeguata preparazione professionale, per cui di norma dovranno essere in possesso della laurea o di un diploma tecnico. In sostanza i direttori operativi si configurano come dei vice direttori dei lavori. PALERMO 25 GIUGNO 2009 Ing. Accursio Pippo Oliveri
  40. 40. AVVIAMENTO ALL’ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI INGEGNERE La direzione dei lavori: compiti, natura, organizzazione, responsabilità ISPETTORI DI CANTIERE Gli ispettori di cantiere sono invece sostanzialmente degli esecutori, addetti alla sorveglianza continua del cantiere, per cui devono essere presenti a tempo pieno durante lo svolgimento dei lavori che richiedono controllo quotidiano, durante i collaudi e durante gli interventi di manutenzione. L'articolo 126 del Regolamento consente di affidare agli ispettori di cantiere i seguenti compiti : a. la verifica dei documenti di accompagnamento delle forniture di materiali per assicurare che siano conformi alle prescrizioni ed approvati dalle strutture di controllo in qualità del fornitore; b. la verifica, prima della messa in opera, che i materiali, le apparecchiature e gli impianti abbiano superato le fasi di collaudo prescritte dal controllo di qualità o dalle normative vigenti o dalle prescrizioni contrattuali in base alle quali sono stati costruiti; c. il controllo sulle attività dei subappaltatori; d. il controllo sulla regolare esecuzione dei lavori con riguardo ai disegni ed alle specifiche tecniche contrattuali; e. l'assistenza alle prove di laboratorio; f. l'assistenza ai collaudi dei lavori ed alle prove di messa in esercizio ed accettazione degli impianti; g. la predisposizione degli atti contabili quando siano stati incaricati dal direttore dei lavori. Gli ispettori in genere dovrebbero essere in possesso di un diploma tecnico o comunque di una certa professionalità tecnica. L'articolo 5 del Capitolato generale d'appalto attribuisce alla Stazione appaltante la facoltà di mantenere sorveglianti (di norma ispettori di cantiere) in tutti i cantieri, sui galleggianti e sui mezzi di trasporto utilizzati PALERMO 25 GIUGNO 2009 Ing. Accursio Pippo Oliveri
  41. 41. AVVIAMENTO ALL’ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI INGEGNERE Sommario 2. Le operazioni preliminari all'esecuzione e l'organizzazione della P.A. 1. La consegna dei lavori 2. Le operazioni preliminari (il verbale di consegna, il programma dei lavori e l'organizzazione del cantiere PALERMO 25 GIUGNO 2009 Ing. Accursio Pippo Oliveri
  42. 42. AVVIAMENTO ALL’ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI INGEGNERE La consegna dei lavori IL RUP DOPO LA STIPULA DEL CONTRATTO (ENTRO 45 GG) O SUBITO DOPO L'AGGIUDICAZIONE IN CASO DI URGENZA AUTORIZZA IL DL ALLA CONSEGNA DEI LAVORI (ART.129 DEL REG.) CONSEGNA PARZIALE CONSEGNA URGENTE CONSEGNA TOTALE (SOTTO LE RISERVE DI SE PREVISTA DAL C.S.A. (ART.130, C.6° E 7° DEL REG.) LEGGE) ART.129 C.4° E 130 C.3 DEL REG. A - PER LA NATURA O IMPORTANZA DEI LAVORI O DELL'OPERA QUALORA RAGIONI D'URGENZA B - TEMPORANEA PREVISTA IMPONGANO UN IMMEDIATO INDISPONIBILITA' DEGLI IMMOBILI INIZIO DEI LAVORI NELLE MORE DELLA STIPULA DEL CONTRATTO NEL CASO B: L'APPALTATORE E' TENUTO A PRESENTARE UN PROGRAMMA DI ESECUZIONE DEI IL DL INDICA NEL VERBALE DI LAVORI CHE PREVEDA LA PRIORITA' CONSEGNA I MATERIALI DA DEI LAVORI SUGLI IMMOBILI APPROVIGG. E L'ORDINE DI DISPONIBILI ESECUZIONE DEI LAVORI (ART.130, C.3° DEL REG.) LA DATA DI CONSEGNA SARA' QUELLA DELL'ULTIMO VERBALE DI NELL'IPOTESI DI MANCATA CONSEGNA STIPULA DEL CONTRATTO LE INDICAZIONI DEL D.L. SARANNO UTILIZZATE PER RIMBORSARE L'APPALTATORE (ART.129, C.4 E 109 C.4 DEL REG.) PALERMO 25 GIUGNO 2009 Ing. Accursio Pippo Oliveri
  43. 43. AVVIAMENTO ALL’ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI INGEGNERE La consegna dei lavori L'APPALTATORE PUO' SOTTOSCRIVERE CON RISERVA IL VERBALE DI CONSEGNA NEI CASI DI: RINVENIMENTO DI SITUAZIONI RITARDATA CONSEGNA Il RUP LO DIVERSE RISPETTO A QUELLE COMUNICA PRECEDENTEMENTE RILEVATE ALL’AUTORITA’ DI (ART.131 E 165 REG.) VIGILANZA (IN SICILIA ALL’OSSERVATORIO) ART.129 C.11 REG IL DL E' RESPONSABILE DELLA IL RITARDO SUPERA RISPONDENZA DEL VERBALE DI META' DEL TEMPO CONSEGNA ALLO STATO CONTRATTUALE? EFFETTIVO DEI LUOGHI SI NO SE RISCONTRA DIFFERENZE: SE L'APPALTATORE SE L'APPALTORE NON DEVE PROCEDERE ALLA CHIEDE IL RECESSO LA CHIEDE IL RECESSO: CONSEGNA DEI LAVORI STAZIONE APPALTANTE LA STAZIONE SI NO DEVE INFORMARE IL RUP NON PUO' OPPORSI APPALTANTE ACCETTA? INDICANDO CAUSE E RILEVANZA DELLE DIFFERENZE DEVE RICONOSCERE LE SPESE PONE IN CAPO CONTRATTUALI E QUELLE ALL'APPALTATORE L'OBBLIGO DOCUMENTALMENTE DI FORMULARE RISERVE AL DIMOSTRATE (ART.9, C.1 VERBALE (ART.9, C.2 CAP.GEN.) CAP.GEN) PALERMO 25 GIUGNO 2009 Ing. Accursio Pippo Oliveri

×