Informatore Coop Firenze gennaio 2013
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Like this? Share it with your network

Share

Informatore Coop Firenze gennaio 2013

on

  • 2,499 views

 

Statistics

Views

Total Views
2,499
Views on SlideShare
2,499
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
1
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Informatore Coop Firenze gennaio 2013 Document Transcript

  • 1. Informatore Nei punti vendita dal 28 dicembre 2012 5 pUnti premio per i soci che ritirano il giornale alla cassa1 Gennaio 2013 IL GUSTO E IL BELLO editoriale (pag. 3) e intervista a Philippe Daverio, nella foto (a pag. 6) TOSCANA AL LAVORO Volontà comune delle tre centrali cooperative per lo sviluppo (a pag. 4) ACQUA DI CASA MIA Guida ai dati che ne definiscono la qualità (a pag. 12)
  • 2. 1 – Gennaio 2013 Sommario 40 libri da ragazzi Informatore 12345678 Nei punti vendita dal 28 dicembre 2012 5 PUNTI PREMIO per i soci che ritirano il giornale alla cassa I 150 anni della casa editrice fiorentina Salani Mondo coop Pier Francesco Listri 1 Gennaio 2013 IL GUSTO 41 maestra per caso E IL BELLO 4 toscana al lavoro Sandra e Editoriale (pag. 3) e intervista a Philippe Daverio, nella foto (a pag. 6) TOSCANA A LAVORO Volontà comune delle tre centrali cooperative per lo sviluppo (a pag. 4) Una volontà comune i “suoi” bambini ACQUA DI CASA MIA Guida ai dati che ne definiscono la qualità (a pag. 12) delle tre centrali Silvia Amodio cooperative per 42 talento volgare Mensile di lo sviluppo 700 anni dalla UnICooP fIrenZe Sara Barbanera nascita di Boccaccio. Via Santa Reparata 43 La modernità del 50129 Firenze 18 il menù dell’inverno grande certaldeseTel. 05547801 - Fax 0554780766 I menù veloci per Riccardo Gatteschi informa@coopfirenze.it tutte le stagioni 10 il destino del vino Donatella Cirri Registraz. Trib. Firenze Com’è cambiato il 19 luovo e la gallina n. 1554 del 17/07/63 mondo del vino. Intervista a Marco Intervista a Leonardo Stabile, cuoco e Direttore Romanelli ristoratore fiorentino antonio Comerci Francesco Giannoni Leonardo Romanelli Segreteria di redazione 5 pelle vegetale 11 pesci di toscana marie Casarosa Dagli scarti di frutta La crescita delle imprese Coordinatrice di redazione e verdura nascono ittiche che forniscono rossana de Caro i prodotti con il i negozi Unicoop Direttore responsabile marchio AltreMani Laura D’Ettole Sara Barbanera Sara Barbanera 43 spettri e diavoli Grafica e impaginazione Guida Leggende e luoghiWalter Sardonini e Daniela Lotti Attualità alla spesa fiabeschi nei testi SocialDesign e nelle illustrazioni Prestampa 6 la rivoluzione 12 Acqua di casa mia di Matteo Cresti La Progressiva degli educati Guida ai dati che ne Rossana de Caro Stampa “Save Italy!” definiscono la qualità, 44 forme e colori Coptip di Philippe Daverio pubblicizzati nei Composizioni floreali. Antonio Comerci punti vendita Coop Varie I suggerimenti Questo numero è stato chiuso 7 Un tipo… giurassico Monica Galli e ed eventuali dell’esperto in tipografia il 13/12/2012. A Pistoia l’artista Alessandra Pesciullesi Càrola Ciotti Diffonde 660.000 copie. dei dinosauri 29 insieme è meglio 45 la colonna Rossana de Caro In Toscana gruppi di san zanobi di sostegno per Fra storia e leggenda affrontare insieme i Stefano Giraldi problemi del disagio 46 la maledizione dei Celti Rossana de Caro La rosacea, una 38 A rimirar le stelle malattia che porta A Firenze un planetario arrossamento e e una ricca collezione dilatazione dei capillari di strumenti scientifici. Alma Valente Laboratori e corsi per 47 scelta di vita tutta la famiglia Lo screening Rossana de Caro mammografico salva la vita, uno Trasmissione televisiva di studio lo conferma UnICooP fIrenZe Maria Vittoria Giannotti Sabato ore 14.00 su RTV 38, 14 profumo di arance ore 17.30 su Italia 7 Bionde e rosse, in Sicilia Rubriche Domenica ore 8.15 su Italia 7, un mercato ampio con ore 23.05 su RTV 38. piccole e grandi aziende 14 promozioni Melania Pellegrini a cura di USI e ConSUmI 15 “povero” di qualità Melania Pellegrini ogni lunedì dalle 21 alle 23 Prosegue il progetto 24 Attività su RTV38, approfondimento sul pesce dimenticato. delle sezioni soci su temi d’attualità con ospiti 8 l’amica degli animali I test. I nuovi 4 a cura di in diretta dallo studio e Giornalista televisiva, Sara Barbanera Valentina Vannini interventi dei telespettatori. Christiana Ruggeri ci 16 pere per ricostruire 30 lettere dei soci racconta la sua storia Fino al 31 marzo 39 la latteria dei ragazzi a cura di Silvia Amodio prosegue l’iniziativa di Piccoli imprenditori Antonio Comerci 9 vite offese solidarietà per l’Emilia a Pistoia 34 eventi a sconto Il Museo di Figline Laura D’Ettole Sara Barbanera per i soci informAtore di Prato sulla 39 parole in croce a cura di Edi Ferrari e informACoop deportazione e la Enigmistica per 36 segnalazioni sono sempre on line su resistenza in Toscana grandi e piccini a cura di www.coopfirenze.it Rossana de Caro Bruno Santini Rossana de Caro2 - Informatore - Gennaio 2013
  • 3. Punto e a capo Il gusto e il bello La ricetta anticrisi Il “bello” è considerato una mania da ricchi; seguendo il ragionamento, vista la crisi per la cooperativa economica, non sarebbe questo il periodo per considerare l’estetica un obiettivo da e il suo giornale perseguire. Anche le cose buone e fatte bene costano e quindi varrebbe anche per il “gusto” lo stesso ragionamento del “bello”. Eppure, è proprio partendo dal gusto che si può arrivare a ragionamenti diversi. Sono state la miseria e le povere cose a disposizione a creare – di prendiamo esempio dalla cucina contadina toscana - piatti gustosi, rimasti nel tempo. Antonio Comerci Pane raffermo, pomodori dell’orto e una pianticella rigogliosa di basilico, bastano per la pappa al pomodoro. Il sogno di Giamburrasca nei tetri giorni del collegio… La crisi economica si è fatta cupa negli ultimi mesi. Tutti gli indici elaborati dai sociologi indicano che la speranza nel futuro è scesa ai minimi termini, che il modello del consumo di massa, fine a se stesso, che l’ansia dell’avere a scapito dell’essere, non ci porta da nessuna parte. E allora occorre riscoprire il valore del lavoro, delle relazioni umane per riscoprire il valore della vita, dell’ambiente, delle cose utili, e anche la soddisfazione delle cose fatte bene, con creatività e senso del gusto. Con la consapevolezza che tutte queste cose hanno a che vedere anche con lo spread – la differenza degli interessi pagati sul debito fra i nostri titoli e quelli tedeschi – che tanto angustia economisti e governanti… e tanti soldi fa fare agli speculatori finanziari. Creatività, gusto, ingegnosità sono le “materie prime” di cui - misteriosamente - è ricco il nostro Paese e valorizzando queste, si può ridurre la differenza fra le economie forti e la nostra, insieme alla riduzione di sprechi, cose inutili, lavoro improduttivo. Noi, come cooperativa, nel nostro piccolo, stiamo perseguendo questa strada. In piena crisi dei consumi, abbiamo realizzato un punto vendita bello che vende qualità, grazie alla professionalità dei nostri colleghi e ai fornitori locali che credono in quello che fanno e cercano di farlo al meglio. E quello di Novoli a Firenze non è il solo supermercato “bello”. Sono “belli” anche gli altri grandi superstore e gli ipermercati di Montecatini e Sesto Fiorentino e i piccoli punti vendita di Montevarchi e Ponte a Ema ristrutturati nell’ultimo anno. Insomma, non si sta con le mani in mano a piangere sulla crisi, ma si crea lavoro e si fanno girare i soldi. Quest’anno che comincia ha un valore particolare. È “l’onomastico” dell’Unicoop Firenze: nel 1973 la cooperativa prese questo nome – la fondazione è datata 1891 – con l’unificazione delle tre grandi cooperative di Sesto, Bagno a Ripoli ed Empoli. È anche il compleanno dell’ “Informatore”, registrato in tribunale il 17 luglio 1963 come giornale della Cooperativa del Popolo di Empoli. Cercheremo da queste pagine di far diventare le due ricorrenze un’occasione di riflessione sul passato e sul futuro della cooperativa e della società. L’una non è scindibile dall’altra. Per noi, da sempre, i soci sono cittadini e non semplici consumatori.Le news più lette nel Web _Allievi/e capo reparto cercasi _Tutti i giorni de Il dì di festa _Il Cuore si scioglie con Caritas Le notizie più cliccate Offerta di lavoro novembre 2012 Visite guidate e animazioni a Progetto mense e punti d’ascolto dalla prima pagina del sito _Il Cuore in Compagnia novembre e dicembre della Fondazione www.coopfirenze .it Le iniziative di novembre _Salva il tuo pianeta! Il Cuore si scioglie Onlus della Compagnia del Cuore Raccolta di figurine del Wwf Gennaio 2013 - INFORMATORE - 3
  • 4. Mondo CoopN el marzo 2011 le tre centrali Alleanza Cooperative che anche le aree incolte di proprietà Toscana cooperative parlavano di “pro- pubblica siano destinate ai progettigettare il futuro”, con un documento di imprenditoria giovanile: questounitario firmato appena dopo la na- potenzierebbe l’attività della Banca al lavoroscita dell’Alleanza delle cooperative, della Terra, nata nel 2011 da un pro-l’unione siglata da Legacoop, Confco- getto di Legacoop Toscana e diventataoperative e Associazione generale co- poi un progetto nazionale per favorireoperative italiane, per dare maggiore il ricambio generazionale e impedirevigore all’azione nel territorio toscano. Una volontà comune l’abbandono dei terreni. Ci sembra Il 2012 ha aggravato la crisi e delle tre centrali cooperative giusto tutelare un grande patrimo-mutato il tessuto economico della per lo sviluppo nio, quello agricolo, che offre ancoranostra regione sbocchi remunerativi ma che oggiche oggi richiede rischiamo di perdere».anche interventistrutturali, ol- Utentitre a quelli che protagonistidal 2008 hanno Domandiamo a Claudia Fiaschi,cercato di difen- presidente di Confcooperative To-dere il reddito, il scana: nel documento comune silavoro e i servizi parla di beni pubblici e di coope-sociali. Dopo il razione d’utenza. Quali sono leprimo bilancio prospettive e i vantaggi?del luglio 2012 «Scontato dirlo: l’accesso e la qua-e a quasi due lità dei servizianni dal primo pubblici sonodocumento, La deter minantiToscana che vo- per il benesseregliamo, oggi le dei singoli e dellatre centrali si in- comunità: pensoterrogano sullo alla salute, alstato delle cose welfare e all’am-e rilanciano il percorso verso una imprenditoria- di biente, ma anche al settore idricoToscana solida e solidale. E, necessa- lità del mondo Sara Barbanera e dell’energia dove la cooperazioneriamente, sostenibile. cooperativo. Un sta già operando con iniziative nel I presidenti delle tre centrali ci quadro in forte fotovoltaico e nelle biomasse. Oggi lahanno illustrato azioni e impegni per cambiamento ri- Toscana deve trovare un nuovo modoun accordo con la Regione Toscana, il chiede anche un di produrre beni comuni e la coope-settore privato e i cittadini in veste di aggiornamento razione di utenza è la vera chiave diattori primari del futuro. della legge regio- svolta perché rimette le persone al nale (n° 73/2005) sulla Cooperazione, centro del meccanismo economico: i Le terre ai giovani perché promuova la costituzione di cittadini fanno un investimento che Cominciamo con Stefano Bassi, nuove imprese e la trasformazione di da un lato produce beni utili e dall’al-Legacoop Toscana. Quali sono le aziende in crisi. L’impegno maggiore tro valorizza professionalità e risorseazioni prioritarie che proponete nel punta sulle nuove generazioni, con del territorio. In gioco c’è una grossadocumento unitario? investimenti su casa e occupazione, partita perché energie alternative e «Oggi anche il mondo cooperativo in linea con il progetto “GiovaniSì” di territorio diventino un investimentoinizia a sentire il peso della crisi: pur sa- Regione Toscana. per la sostenibilità: in questo ambitopendo che alcuni problemi hanno ca- Per dare una mano ai giovani altri paesi europei stanno valoriz-rattere nazionale, il documento mette occorrono più fondi per affittare o zando gli strumenti cooperativi pera punto obiettivi di rilancio della coo- acquistare una casa e rendersi au- rilanciare l’economia. La Toscana haperazione, da sviluppare in collabora- tonomi. Per il lavoro si deve puntare esperienze e competenze che possonozione con Regione Toscana. La prima su settori ancora promettenti, come essere la base di modelli innovativi diquestione riguarda gli strumenti le- quello dei beni artistici e culturali e produzione dei servizi. Più in generale,gislativi e finanziari per sostenere le dell’agricoltura. Abbiamo proposto crediamo che la cooperazione debbafiliere fondamentali dell’economia essere a disposizione di uno sviluppotoscana: mi riferisco, ad esempio, a Terre incolte Info www.labancadellaterra.it economico orientato all’occupazioneFidi Toscana e Consorzi Fidi che garan- ai giovani Il video su locale e ai nuovi soggetti fragili, cometiscono l’accesso al credito e l’effettiva http://vimeo.com/20956386 gli over 50, le donne e i giovani. Pur- o4 - Informatore - Gennaio 2013
  • 5. Mondo Coopo troppo siamo abituati a pensare all’e- cooperative ble skin, una sorta di pelle vegetale con cui sono realizzati tutti i prodotti AltreMani. Pelle vegetale conomia come a un macro-sistema fuori dal nostro potere: al contrario, Un esperimento che ha funzionato e che noi proponiamo un modello coope- oggi conta 8 persone con inserimenti Dagli scarti di frutta lavorativi socio-terapeutici e di recupero rativo dove persone e comunità si con- e verdura nascono dello svantaggio». giungono, riconquistando possibilità i prodotti AltreMani Ma il futuro è di chi non si accon- di scelta a misura di contesto locale». tenta e si muove fra ricerca e sviluppo: Obiettivo di Sara Barbanera S corze di arance, foglie di cavoli, bucce di mele e tanti altri scarti vegetali sono i colorati ingredienti del marchio Al- «Dopo i paralumi a basso consumo, i complementi d’arredo e la cartotecnica, la produzione si sta allargando anche agli occupazione Infine Alessandro Giaconi, presi- treMani: un’idea nata nel 2007 da Mau- accessori d’abbigliamento e alle scarpe rizio Rossi, giovane presidente di Socia- pensate per alcune grandi firme della dente dell’Associazione generale coo- linrete, una cooperativa di ottanta dipen- moda fiorentina». perative italiane: sul piano operativo, denti che dal 2005 opera nel circondario Dalla Toscana le bucce di pomodoro e qual è lo stato dei lavori rispetto agli impegni assunti con il documento del luglio scorso? «Il nostro modello cooperativo è quello che meglio di altri ha resistito a questa tremenda crisi: non a caso, dai dati del Primo rapporto Censis sulla cooperazione, presentato lo scorso novembre, emerge che dal 2007 al 2011 il movimento cooperativo ha registrato un aumento dell’oc- cupazione di 103.000 unità, pari all’8%, con- centrato in parti- colare nel settore della coopera- zione sociale. Inoltre le nostre asso- fiorentino le foglie di cavolo sono arrivate a Miami e ciate hanno fatto un minor ricorso per creare New York, dove la società Mywave com- alla cassa integrazione rispetto alle opportunità mercializza i prodotti AltreMani: «Con altre imprese. Ciò significa garantire L’intervistata lavorative per persone in difficoltà. questa piccola quota di esportazioni e- qualità della vita ai nostri associati e Verusca Ancora prima dell’estro, la particola- stere – continua Verusca Valdambrini – soci lavoratori, ma anche non gravare Valdambrini, rità sta tutta nella tecnica di produzione speriamo di aumentare l’attuale fatturato delegata Co&So che parte dall’essiccazione di scarti di di 30.000 euro per rendere il laboratorio sull’economia statale. È indubbio però che questo modello non può più lavorazioni agricole assemblati fra loro autonomo dalla cooperativa madre So- con un film di resina fino a costituire una cialeinrete che, con un fatturato di circa resistere da solo e stiamo lavorando vera e propria pelle totalmente naturale: 2 milioni di euro, ha finora sostenuto il perché le tendenze positive non si pomodori, zucchine, cipolle, peperoni, laboratorio». arrestino. Con la Regione Toscana ab- insieme a scarti di giardinaggio, legno, Nel frattempo il laboratorio semina an- biamo aperto quattro tavoli di lavoro carta, stoffa e cordame sono le materie che sul terreno della responsabilità sociale su strumenti finanziari e legislativi, prime da cui nasce la pelle vegetale di d’impresa, come spiega la Valdambrini: revisione del welfare regionale, politi- tutti gli oggetti prodotti nel laboratorio di «Stiamo proponendo i prodotti AltreMani che per i giovani e beni comuni. Alcuni Fiesole. Il tutto anche grazie alle aziende alle imprese locali più sensibili, che adot- temi, come quello del sistema idrico locali che donano eccedenze produttive, tano criteri di basso impatto ambientale alimenti non più vendibili o scarti di lavo- e che spesso ci donano i loro scarti di integrato, hanno tempi di matura- razione industriale produzione: per queste stiamo pensando zione lunghi ma rimettono al centro Verusca Valdambrini, delegata di ad un bollino etico che sia il logo e il segno cittadini e utenti in un’ottica coope- Co&So, consorzio di cooperative sociali di un nuovo modo di fare impresa». rativa di ampio respiro. In questa fase della provincia di Firenze, racconta come AltreMani non è solo una stravagante dobbiamo misurarci con l’emergenza, da una scommessa si è arrivati a un vero invenzione di eco–artigianato ma una sempre però mantenendo lo sguardo e proprio marchio registrato che inizia a visione dove economia e società, profitto al futuro: in alcuni ambiti occorre farsi largo: «Dalla vecchia legatoria rile- e bene comune si fondono in una propo- vata da Socialeinrete 2006, si è sviluppato sta commerciale: quella di una linea di accelerare e rinforzare l’azione, in il laboratorio AltreMani, seguito dalla art prodotti esposti e in vendita nell’atelier di altri essere più audaci per cogliere la design Vega Donati e dall’architetto Mas- Fiesole dove si lavora a pieno ritmo perché riserva di energie ancora disponibile simo Moradei: dopo tanti esperimenti e lo scarto diventi opera d’arte, fatta di terra, sul nostro territorio». v tanto lavoro dei ragazzi, è nata la vegeta- di sole e d’ingegno. v Gennaio 2013 - Informatore - 5
  • 6. CulturaL’ Italia ha un patrimonio artistico, culturale e ambientale enorme,«ma in 150 anni di storia unitaria Cos’è il bello secondo Daverio? «Probabilmente il bello non esiste.abbiamo visto che da soli non ce la Esistono le cose condivise. Il “bello”faremo mai a salvarlo - dichiara Phi- è un concetto relativo: cambia neilippe Daverio -. Da qui l’idea di un secoli, anzi nel corso di un secolomovimento d’opinione internazio- muta più volte. Per esempio, i vecchinale, che ci aiuti a salvaguardare un immobili agresti dell’area sud dipatrimonio che non è solo nostro, ma Milano, 40 anni fa erano considerati dell’intera umanità». brutti, perché nati in una condizione Scrive sul sito saveitaly.info lo di miseria. Oggi vengono guardati stesso Daverio: «“Save Italy!” vuol con altri occhi, con una riscoperta dire ricordare chi eravamo e che cosa di valori di rapporto fra campagna e stiamo diventando. Eravamo un po- vita, fra sistemi ambientali e qualitàpolo di lavoratori e siamo diventati dell’esistenza. Molto spesso, poi, al-lo zimbello della finanza. Vuol dire cuni modelli passano da una classerestaurare un paesaggio che fu for- Philippe Daverio sociale all’altra». il gUsto del BelloLa rivoluzione degli educati La definizione è di Franca Valeri per “Save Italy!”, movimento dopinione di Philippe Daveriomidabile grazie al lavoro, documen- inquadrabile. Matato, ad esempio, nell’affresco Il Buon anche un espertogoverno di Lorenzetti a Siena. Un dotato di grandepaesaggio che ora si fa mesto nelle cultura e comu-periferie delle speculazioni immobi- nicativa.liari. È una battaglia convintamente Con Firenzeelitaria, e altra non potrebbe essere, ha un rapporto Foto D. tartagliaquella dove i consapevoli e gli educati particolare: è direttore della rivista di Come si fa a difendere il bello?intendono tornare a essere guida per “Arte e Dossier” del Gruppo editoriale antonio Comerci «Bisogna avere il coraggio di riattri-i disattenti e i distratti». Giunti, e a maggio abbiamo letto di buire a parte della società una funzione Philippe Daverio è un esperto d’arte, un trasferimento da Palermo alla fa- di guida, perché questa sorta di Caos ingiornalista e conduttore televisivo d’ori- coltà di Architettura di Firenze, della cui viviamo oggi è la conseguenza delgine francese - padre italiano e madre cattedra di Design Industriale dove lui caos della nostra democrazia. Chur-alsaziana - naturalizzato italiano. È insegna: «Purtroppo non è vero! - ci chill diceva che “la democrazia è ilun personaggio noto e controverso. dice rammaricato -. Era una proposta peggiore dei governi, esclusi tutti gliNoto per la trasmissione su RAI 3, la di amici, del resto a me molto gradita, altri”: pensava a Hitler che faceva ildomenica alle 13,25, nella quale av- perché l’Università di Firenze è oggi suo governo basato sul plebiscito. Lavicina un pubblico affezionato e vasto una piattaforma di alta qualità in Ita- vox populi allargata può essere laall’arte disseminata in ogni angolo lia. Ma, a causa di problemi normativi, voce della demenza. È la catastrofe sedella nostra penisola. Anche su Rai 5 il trasferimento per ora non si può fare». non si generano filtri che danno allala trasmissione Il capitale di Philippe A lui ci siamo rivolti per un viag- democrazia la capacità di elaborareDaverio sta registrando un notevole gio che l’“Informatore” inizia per un pensiero, in cui si fa passare “ilseguito. Un personaggio scomodo, non scoprire il bello che sta intorno a noi. bello, il modello dell’etica del bello». o Le piazze Seguici su L’Ultimo libro di Daverio del sapere InformaCooP Il museo immaginato. intervista Il secolo lungo della modernità Philippe Daverio Rizzoli, 39 euro6 - Informatore - Gennaio 2013
  • 7. Mondo Coopo Quali sono le emergenze sul Il personaggio Alpi Apuane, durante una scalata, che mi ha costretto a letto per molto tempo. Im- Un tipo… fronte dei beni culturali? «Soprattutto due sono le questioni mobile, potevo muovere solo le mani, ho iniziato a pensare di trasformare questo impellenti. La prima è l’Emilia del post-terremoto. Secondo me non si giurassico mio interesse in lavoro». Così Miche- langelo, (nomen omen, come dicevano tratta solo di restaurare quello che è A Pistoia l’artista i latini “il destino nel nome”), una volta stato distrutto, ma di approfittare della dei dinosauri ripresosi, con il mestiere dell’arte nelle situazione per riordinare il territorio. mani, avendo fatto la Scuola d’arte a Pi- Lo sviluppo fino a ora è stato una di sequela disordinata di case, accanto Rossana de Caro N ome: Michelangelo Ricci. Segni par- stoia e un corso di scenografia a Cinecittà ticolari: scultore pistoiese, 42 anni, a Roma, comincia a contattare studiosi di lunghe trecce rasta, e soprattutto appas- paleontologia presso i vari musei di Storia ai campi, accanto ai capannoni e via sionato di dinosauri e della preistoria. Una naturale sia in Italia che all’estero: Parigi, di seguito. Questa potrebbe essere l’oc- passione, che unita all’abilità artistica, lo Berlino, Francoforte. Riceve consulenze casione per un’unica area industriale ha portato a riprodurre in modo fedele, scientifiche e inizia a riprodurre modelli in per sette comuni, per ripristinare i pae- modellini di dinosauri e altri animali prei- scala di tirannosauri, triceratopi, mammut, saggi rurale e urbano con le loro diffe- storici, (oltre a crani di uomini primitivi, nonché crani degli uomini primitivi testi- renze. La seconda emergenza è quella come l’Australopiteco e la famosa Lucy), moni dell’evoluzione umana (dall’Austra- meridionale, partendo dal fatto che il in scala, realizzati in marmo compo- lopiteco al Sapiens sapiens), che hanno al 100% tutte le L’intervistato caratteristiche di Michelangelo Ricci, quelli veri e tutti scultore r ig o r o s amen t e made in Toscana. «Il procedimento – afferma Ricci - è sempre lo stesso: parto da un dise- gno e proseguo con il prendere le misure e con delle foto prospettiche nostro Sud non Torna a casa Arianna dell’originale da è solo crimina- È tornata nella Galleria degli Uffizi riprodurre. Quindi lità organizzata, dopo quasi 220 anni di si passa alla “co- ma che ci sono pellegrinaggio, l’Arianna struzione” con lo addormentata, copia romana del III élites consape- secolo a.C. di una scultura sito o in materiale Dinosauri a Pistoia stucco bicompo- plastico riciclabile, Dal 1° al 15 gennaio al punto vendita nente fino alla re- voli e oneste alle ellenistica. È nella Sala 35, detta di per collezionisti o Unicoop di Pistoia si terrà una alizzazione di uno quali dare fiato Michelangelo per via del celebre utilizzati a scopi mostra di Michelangelo Ricci: nel stampo». Miche- e importanza». Tondo Doni. didattici. corridoio, modelli di dinosauri e langelo adesso ha Come è nata animali preistorici e pannelli che uno studio a San- Quali criticità vede da questo questa idea? «La illustrano il percorso dalla nascita tomoro (Pt) e pro- punto di vista in Toscana? passione per la della terra ad oggi duce i suoi modelli preistoria l’avevo a Bagni di Lucca. «Ne avete poche, e in genere ci già da piccolo - ci racconta Michelangelo Attualmente sta “creando” una Ti- sono molte cose belle, ben valoriz- -, trasmessa da mio padre che era un gre dai denti a sciabola per la Galleria zate e mantenute. Semmai vedo dei ricercatore archeologico. Ma l’idea mi è dell’evoluzione di Parigi, insieme ad altri problemi nelle aree archeologiche per venuta dopo una disastrosa caduta sulle 8 animali preistorici. I suoi prossimi pro- l’eccessivo sfruttamento a fini turistici, getti prevedono la realizzazione di un che spesso non coincidono con le esi- il libro Parco della preistoria a Pistoia con animali genze della conservazione. Insomma, dell’era glaciale, mammut, cervi giganti, non si può trasformare la Tomba di Acqua e fuoco ippopotami e rinoceronti presenti in To- scana nel Pleistocene, 2 milioni di anni Ildebranda a Sovana, in una specie Il pompiere visto con gli occhi e le parole dei fiorentini. Non fa, con villaggi e uomini preistorici intenti di “percorso tirolese” dove si gira in solo in occasione di grandi calamità, ma nel silenzioso e a cacciare o a realizzare utensili per la lungo e largo, sopra e sotto, mentre prezioso operare per garantire sicurezza. Nelle case, per caccia, e le donne che accudiscono i figli. è un sito delicato e da proteggere. A strada, fuori dalle luci della cronaca. Ventuno episodi L’attività di Michelangelo si è ampliata parte queste considerazioni, si sta realmente accaduti, uno per ogni lettera dell’alfabeto, poi anche ai gadget richiesti dagli stessi bene in Toscana!». v tratti dal continuo lavoro al servizio della gente, con le bookshop dei musei: piccoli e divertenti testimonianze dei protagonisti e le loro riflessioni. Istanti dinosauri per bambini e magneti vari fra di vita che vedono coinvolti i cittadini di Firenze con i “loro” cui anche il cranio dell’Australopiteco, da Save Italy! pompieri: un’unica squadra che istintivamente si forma mettere magari in evidenza sui nostri www.saveitaly.info all’improvviso e che si consolida nel tempo. frigoriferi, giusto per ricordarsi… che il i Sandro Addario, Acqua e fuoco, tempo passa! Polistampa, pagg. 128, 12 euro i www.labottegadimichelangelo.it Gennaio 2013 - Informatore - 7
  • 8. AttualitàQ uando Christiana era piccola, sua intervistA L’amica madre aveva notato che, per lastrada, camminava con uno stranoandamento dei piedini. A casa, invece, degli animalisi muoveva per bene. C’è voluta unabuona vista e una sana risata, percapire che la bambina si spostava inquesto modo per non schiacciare leformiche. Christiana Ruggeri ora è Giornalista televisiva, Christiana Ruggeriuna brava giornalista, nota al grande ci racconta la sua storiapubblico per aver condotto trasmis-sioni importanti come il Tg2 week di (www.codefelici.org), un’associazioneend e Tg2 Costume Società. I suoi Silvia amodio di volontariato cinofilo che attual-occhi azzurri bucano lo schermo e mente dà lavoro a quattro persone edietro un sorriso rassicurante e di cui la giornalista è stata presidentedolce Christiana, nella sua lunga e per 20 anni. «Gli animali ci rendonodensa carriera, si è mantenuta fedele la vita migliore, ci impongono unaagli ideali di quando era bambina: visione dal basso, naso-cane-naso-rispettare e difendere tutte le creature, gatto, che dovrebbe ridimensionare leanche le più piccole. nostre prospettive – ci spiega. Bambini Christiana ha sempre abitato a e animali non fingono, non tradi-Roma con i suoi genitori che lavora- scono. Se si comprende la semplicità evano moltissimo; per questa ragione il valore di un rapporto autentico conveniva spesso affidata ai nonni che loro, si comprende il segreto della vita.la portavano in campagna a pren- Sono giornalista da quando avevo 23dere l’aria buona; quando potevano, anni, attualmente sono redattrice alritornavano al loro piccolo paese di Tg2 Esteri e, grazie a questo impiego,origine, a Piano d’Arta Terme, a nord ho avuto il privilegio di girare, comedi Udine, al confine con l’Austria. Il inviata, tutto il mondo. Da semprenonno la ripescava sempre in qualche mi impegno per difendere i diritti deirecinto: fra caprette, mucche e cani da bambini e degli animali facendo cono-pastore. «È stato proprio mio nonno scere le loro storie. Cerco, soprattutto,a insegnarmi a leggere il quotidiano, di far capire come il nostro comporta-quando avevo solo quattro anni, se- mento si ripercuota dall’altra parte delduti in poltrona. È stato allora che ho mondo. Se noi buttiamo una bottigliadeciso di fare questo mestiere, e non di plastica in mare, la ritroviamo in CHi È CHriStiana ruGGEriho mai cambiato idea!». Africa. Il mondo è vicino più di quello code FeLici Ritratto di giornalista che pensiamo. Dobbiamo sviluppare un senso civico e un maggior rispetto L’elenco dei Un giorno, quando Christiana ha premi e dei verso l’altro. Faccio questo mestiere in18 anni, rientrando a casa dopo una riconoscimenti maniera propositiva e, anche quandoserata con gli amici, soccorre per la per i servizi racconto vicende drammatiche, cercostrada un cane che aveva una serie di realizzati è di trovare una soluzione. Non mi im-fratture multiple. Passa la prima notte lunghissimo, porta scioccare con una notizia, madal veterinario insieme al trovatello, “Haiti: grida tornarci su a distanza di tempo per ve-Tippi, dicendo ai genitori che dormiva dall’inferno”, “Il dere se, anche grazie all’informazioneda un’amica; da lì inizia un rapporto futuro della fatta, qualcosa è cambiato. Voglio mo- Sierra Leone”,speciale e fa a se stessa la promessa so- “Tibet: genocidio strare il problema per provare a risol-lenne che avrebbe aiutato gli animali silenzioso”, “Harry Wu: per la libertà”, “Tibet: verlo. Questo è il mio metodo. L’unicoa qualsiasi costo. Detto fatto. Quando un’oppressione lunga 50 anni”, “Mali: luci dal buio”, “Le giudizio che mi interessa è quello distava al liceo s’imbatte in un uomo che Streghette del Congo”, “Infanzia diversa”, “Bahati Congo”, mia figlia Grace, che ora ha quasi dueogni giorno attraversa Roma, con un gli ultimi speciali: “Fuochi e paura” e “La signora degli orsi”. anni. Se non reggi lo sguardo di unmotorino mezzo rotto, per sfamare 80 Solo per citarne alcuni. bambino, significa che c’è qualcosa ocani. Christiana fa una colletta fra i Ha iniziato a scrivere quando aveva vent’anni per “Ariel”, la rivista fondata da Pirandello e ripresa dall’Istituto studicompagni di scuola e riesce a comprar- pirandelliani, il suo primo romanzo, La lista di carbone Pipistrelligli un’Ape per agevolargli questo impe- (Mursia, 2008), finalista al “Premio Bancarella” 2008, nel Mugellogno. Poco dopo, da questa esperienza racconta in modo originale la tragedia dell’Olocausto. Nelnasce il Rifugio delle Code Felici Onlus 2013 uscirà il suo secondo libro.8 - Informatore - Gennaio 2013
  • 9. Mondo Coopo che non va. L’avventura più bella la Il giorno della memoria gli ebrei furono rastrellati soprattutto nelle province di Firenze, Lucca e Pistoia; i de- Vite offese sto vivendo proprio con lei. Vederla crescere e interagire con i nostri gatti portati politici a Firenze, Prato ed Empoli». è come vivere in un videogame». C’è una seconda sala, di forte impatto, Il Museo di Figline di Prato (curata dall’architetto Alessandro Pagliai), sulla deportazione allestita con espositori contenenti oggetti Ritornare e la resistenza in Toscana provenienti dai lager: «Il percorso muse- sulla notizia ale - afferma la direttrice - è stato conce- Nel 2006 la reporter firma un di servizio dove racconta di alcuni bam- Rossana de Caro I l valore della memoria. Ricordare per pito come un viaggio simbolico in un lager non dimenticare i misfatti dell’uma- nazista. Alcuni oggetti esposti sono origi- nità. Perché anche le nuove generazioni nali, altri sono stati ricostruiti: indumenti, bini iracheni, di Nassiriya, ustionati dalle bombe, venuti in Italia per rice- sappiano. È questo il senso della giornata oggetti da lavoro e di uso quotidiano, i letti della memoria rivolta agli orrori della a castello, che evocano la pena terribile di vere cure. Tutti erano accompagnati Shoah e della deportazione che ogni anno, quei giorni per i prigionieri». dalle mamme, tranne il più piccolino il 27 gennaio, data dellabbattimento dei Il museo è dotato anche di un ricco di 18 mesi, Ahmudi, in braccio al cancelli di Auschwitz, torna alla ribalta Centro di documentazione con fonti do- papà. Il bimbo non si calma e non con una serie di iniziative in tutta Italia. cumentarie e fotografiche, di sala video riesce a mangiare. Dopo aver man- In Toscana, a Figline di Prato, nel 2002 e di una biblioteca specializzata con oltre dato in onda il servizio, Christiana 2000 volumi. Viene svolta una intensa torna in ospedale ogni giorno per attività didattica con le scolaresche e con percorsi concordati sui temi della stargli vicino. Nasce un rapporto pro- deportazione e della resistenza, e ven- fondo, tanto che il piccolo la chiama gono organizzati viaggi della memoria ‘mamà’. Quando il gruppo rientra negli ex campi di concentramento come in Iraq, Christiana sente il dovere di Mauthausen, Ebensee e Dachau. Dal fare qualcosa e fonda l’associazione 2009 inoltre, il museo organizza per la I bambini di Nassiriya con Cristina Regione Toscana il Treno della Memoria Flavoni, l’attuale presidente. Riescono che porta oltre 750 persone, in gran parte studenti e insegnanti, ad Auschwitz, (dal a raccogliere 80.000 euro per costru- 27 al 31 gennaio in questa edizione 2013). ire una scuola seguendo i canoni All’evento, che si tiene ogni due anni, par- occidentali e offrendo anche un’ade- tecipano alcuni testimoni che raccontano guata preparazione agli insegnanti la loro storia di sopravvissuti. iracheni. Questa iniziativa è stata «Quest’anno a Prato ci sarà anche condivisa con le vedove dei militari una nuova iniziativa - racconta la dotto- assassinati a Nassiriya nel 2003. La ressa Brunelli -, promossa dal Comune di Prato e alla quale ha collaborato la scuola è frequentata sia dai bam- è stato realizzato il Museo e centro di nostra Fondazione. Si tratta delle pietre bini che dalle loro mamme, cresciute documentazione della deportazione e dell’inciampo, in tedesco Stolper steine. nell’analfabetismo. Ahmudi sta bene; resistenza, uno dei pochi esempi a livello È un progetto di respiro europeo elabo- la sua famiglia è ancora in contatto nazionale dedicato alla storia della de- rato dall’artista tedesco Gunter Demnig: con Christiana. portazione nei campi di concentramento vengono inseriti nei marciapiedi dei sam- e sterminio nazisti (dal 2008 diventato pietrini ricoperti di ottone, sui quali c’è Un anno da cani Fondazione di interesse regionale). un’iscrizione con il nome della vittima, in «Una struttura nata e voluta dall’Aned genere davanti alla casa dei deportati. A In linea con la sua sensibilità, Chri- (Associazione nazionale ex deportati) e Prato invece i sampietrini saranno collo- stiana ha dato ampio spazio al Tg2, al Lintervistata dal Comune di Prato, realizzata grazie cati nei luoghi dell’arresto e riguarderanno progetto della Fondazione Il Cuore si Camilla Brunelli, all’impegno di alcuni sopravvissuti pratesi soprattutto deportati politici». Lo scopo direttrice del Museo scioglie sulla condizione dei bambini di Figline di Prato ai campi di concentramento,- ci spiega la ovviamente è di attirare l’attenzione dei lavoratori in Perù e al progetto delle Bat direttrice del museo, Camilla Brunelli - e passanti su quello che è successo nella Box che Unicoop porta avanti insieme vorrei ricordare fra questi Roberto Ca- città in un periodo buio per l’umanità, per al Museo di storia naturale di Firenze. stellani e Dorval Vannini, e dei familiari non dimenticare. Perché senza passato, Sicuri di farle cosa gradita, prima delle vittime, insieme al Comune di Prato. non c’è futuro. Hanno voluto fortemente questo museo i Museo e centro di documentazione di congedarci le regaliamo il calenda- perché rimanesse un luogo della memoria della deportazione e resistenza. rio Un anno da cani realizzato dal dei fatti atroci avvenuti, una volta che i Luoghi della memoria toscana gruppo Soci Coop di Empoli in colla- testimoni saranno scomparsi. Figline di Via di Cantagallo, 250, Prato (Figline) borazione con il canile della zona e la Prato è un luogo simbolico, perché il 6 0574461655 ringraziamo per il suo modo garbato settembre del ‘44 furono impiccati 29 e professionale di fare giornalismo.v partigiani da ununità della Wehrmacht in ritirata». La struttura è composta da due sale: TG2 Costume e Società nella prima ci sono una serie di pannelli Il museo on line trasmissione del 28 novembre 2012 didattici con testi, documenti, foto e car- www.museodelladeportazione.it Servizio di Christiana Ruggeri tine sui lager nazisti. «In Toscana furono info@museodelladeportazione.it www.tg2.rai.it circa 2000 i deportati fra ebrei e politici: Gennaio 2013 - Informatore - 9
  • 10. Economia toscanaF orse mai come oggi il vino è argo- ulteriori cambiamenti: blocco del mer- Foto f. giannoni mento che sta a cuore a così tanti. cato americano, revisione dei consumi,Una riprova la troviamo nella fiori- basta prezzi folli, rivalutazione deitura di corsi per enologi, sommelier e prodotti del territorio, rinascita dellesemplici degustatori, di incontri con rivendite di vino sfuso (qualità a costifattorie più o meno illustri che presen- concorrenziali), rifiuto di quei vinitano i loro nettari più o meno prelibati. troppo strutturati, molto ricchi e “co-Eppure il tema di cui si parla è sempre di lorati”, caricati di elementi accessorie “solo” il vino, per secoli e millenni francesco (fra cui, magari, l’etichetta d’autore),uno degli elementi della nostra ta- Leonardo Romanelli Giannoni paragonabili a un atleta bravo ma che Il destinovola. L’approccio al vino è cambiato si dopa, o a una bella donna eccessi-parecchio negli ultimi decenni. Dalla vamente truccata. Il “di più” è statofine degli anni ’70, il vino non è più abbandonato. Oggi il consumatore ri- del vinoconsiderato un alimento: è stato pro-mosso a elemento edonistico. E siè iniziato a valutarne qualità ecaratteristiche prima igno-rate. I corsi di formazione Com’è cambiatolo analizzavano basandosi il mondo del vino.su tre sensi: vista, olfatto, Una chiacchieratagusto; lo si guardava nel con l’enogastronomobicchiere, lo si annusava, Leonardo Romanellilo si beveva. Corsi e ricorsi L’etÀ degLi YUppies Alla fine degli anni Finora i corsi di degustazione aula, lezioni teoriche che avranno’80, per il vino è iniziata sono stati organizzati il momento focale negli assaggi secondo un percorso alla cieca, senza l’influenza delleuna passione addirittura standard: stappi la bottiglia, fai etichette. «Il vino non è solo lasmodata: tutti volevano assaggiare, spieghi e racconti bevanda che stai per bere - ci dicecapirci qualcosa. Si creò quel vino e il territorio di Romanelli, tra i fautori del corso -;un gruppo di maniaci origine. In un secondo si vuol capire come nasce e cosa“eno-fissati” che com- momento, ai corsi si è significa. E questo lo sanno alpravano subito i vini aggiunta la visita in meglio i produttori. Li abbiamopremiati, che dovevano cantina. La novità scelti fra quelli che “si sporcano le del 2013 si chiama mani” tra le vigne e nelle cantineavere i vini rinomati o non “InVite”, ed è il e ci fanno conoscere la fatica pererano contenti (era una gara primo corso nel arrivare alla bottiglia». Il vinoa chi ne sapeva di più e a quale si parlerà di non nasce a caso, ma segue il corsochi poteva spendere di più); vino fra una vigna della natura ai cui ritmi l’uomodi fatto erano diventati e l’altra. In più, in deve adeguarsi.opinion leaders dei loroamici, convincendosi econvincendoli di una conosce e pretende la qualità, ma senzacertezza assoluta: l’esi- esagerazioni. «Io credo sia più utile berestenza di vini migliori meno – puntualizza Romanelli - senzadi quelli bevuti fino mettere in corpo alcool inutile, creandoallora. Rinacquero con il vino un rapporto sereno: è unle osterie, rivedute piacere da concedersi, eliminando glie corrette in wine elementi dannosi».bar: qui, a un :prezzo onesto, si po- gLi abbinamentiteva bere un bicchiere Insieme all’innalzamento delladi grande vino, introdotto e qualità del vino c’è stata quella delaccompagnato da formaggi, cibo. Di conseguenza, oggi il con-salumi e crostoni, senza sumatore medio di vino si rendecomprarne la bottiglia, per conto che non può cucinare un piattomolti troppo costosa. (magari elaborato) abbinandoci un Dopo le Torri Gemelle, vino qualunque. Ha capito che cibo o10 - Informatore - Gennaio 2013
  • 11. Mondo Coopo e vino devono camminare insieme. E eConomiA che fa girare tonnellate di prodotto, si tratta di un vero e proprio miracolo. Tanto Pesci il “problema” degli abbinamenti ha avvicinato al vino anche persone non più che il pesce toscano è un prodotto in sé abbastanza caro e molto conteso: tirato particolarmente interessate. Perciò, si è allargato il pubblico di Toscana a nord, dal mercato ligure dove è molto ricercato, e a sud, verso Roma, dove lo che del vino vuole una conoscenza La crescita delle imprese è altrettanto. anche solo basilare. Sono in tanti a ittiche che riforniscono cercare semplici “corsi base”, per ca- Unicoop Firenze. Un voLano pire qualcosa in 4-5 lezioni; vi si vede Il pesce a marchio Coop straordinario un pubblico veramente composito: da due anni è solo toscano Al fianco di Unicoop Firenze c’è stato un invisibile protagonista che ha tessuto, I giovani e meno giovani, uomini e l pesce a marchio Coop è solo ed esclu- ricomposto la rete e investito nel commer- donne, pensionati e pensionate; molti sivamente toscano da circa due anni cio del pesce toscano: Lorenzo Riparbelli, vogliono approfondire, «perché in ormai. In precedenza veniva pescato a professione armatore. «La Toscana è questa parte di mondo, grazie al cielo, una regione che ha piccole marinerie e ci sediamo a tavola tre volte al giorno, porti angusti», conferma Riparbelli, che in due possiamo bere vino e vogliamo dal 2008 gestisce Ittica golfo Follonica, farlo nel modo più consapevole pos- un allevamento offshore nell’area che va sibile». E anche in questi tempi di da Carbonifera a Perelli, davanti al parco naturale della Sterpaia (Li). È un’impresa crisi, tutti possono permettersi, per lo familiare, sottolinea, ma per dimensione meno una volta ogni tanto, un vino aziendale sono fra i primi tre-quattro in da 6-7 euro. Italia. In cifre, Ittica golfo Follonica ha 18 vasche da 60 tonnellate in mare, a due mi- L’aLtro mondo di glia da terra e una produzione che supera Già da qualche decennio arrivano Laura dettole le mille tonnellate di pesce nell’arco di 14 Foto c. valentini Alla fine di “InVite” i partecipanti avranno non solo rispetto per il lavoro dei produttori, ma un’altra consapevolezza e un’altra soddisfazione nel bere il vino. Eccoli i produttori, i magnifici sette che partecipano al corso (11 appuntamenti, 6 lezioni in aula e 5 in azienda): Cerbaiola Salvioni, Fattoria San Giusto a Rentennano, Badia a Coltibuono, Michele Satta, Podere 414, Poderi Boscarelli marchesi de Ferrari Corradi, Tenuta di Capezzana conte Contini Bonacossi. i tel. 0550946266; www.in-vite.it Pachino, in Sicilia. Oggi la filiera è corta mesi. Il loro allevamento è il secondo ad sul mercato europeo vini cileni, austra- davvero. I produttori toscani lavorano in aver ottenuto la certificazione biologica a liani, neozelandesi, sudafricani, alcuni quel braccio di mare che va da Orbetello livello nazionale. Hanno anche una flotta dei quali davvero interessanti. Dopo un a Follonica all’isola di Capraia. In poco più di 20/25 motobarche e pescherecci e con iniziale successo, dovuto anche a un’ef- di sette anni, ovvero dal 2003 quando è essi riforniscono Unicoop Firenze di pesce entrata in vigore la piattaforma ittica a marchio Pat (Pesce arcipelago toscano). fimera moda, c’è stato un ridimensio- refrigerata di Campi Bisenzio, gestita Guardiamo intanto le cifre. In Unicoop namento nelle vendite. «Dubito che direttamente da Unicoop Firenze, l’opera- Firenze il pesce acquistato da allevatori e possano tornare a sfondare e trovare zione “pesce toscano” è ormai… andata pescatori toscani in un anno equivale, in posto stabilmente sulle nostre tavole in porto. Questo centro logistico ha con- termini di fatturato, a circa il 12% del totale. - nota Romanelli -. Per più motivi. Il sentito che produzioni disperse riuscis- Il pesce a marchio Coop ha una percen- consumatore italiano è tradizionali- sero a convergere in un unico punto, per tuale più contenuta, che si aggira sul 7%. In sta; dispone di numerosi ed eccellenti poi razionalizzare la distribuzione verso sintesi, sugli allevatori e pescatori toscani vini nazionali; i vini extraeuropei non i singoli punti vendita. Considerando la oggi si riversano in un anno ben 5 milioni di storica frammentazione delle attività sul euro di acquisti da parte della cooperativa. rispondono ai nostri gusti: giocano territorio regionale, la vetustà più che Un volano straordinario dal punto di vista molto sull’uso del legno e su profumi trentennale dei pescherecci, e dunque economico che ha contribuito a rigenerare accesi; infine, hanno prezzi spesso la difficoltà di approvvigionamento per uno dei settori più duri e difficili dell’econo- elevati, determinati anche dai dazi». v un’impresa della moderna distribuzione mia regionale toscana. v Gennaio 2013 - Informatore - 11
  • 12. Guida alla spesaL’ Associazione nazionale coope- i Controlli Acqua di casa mia rative di consumatori (Ancc) e la federazione delle aziende che ge- stiscono gli acquedotti, hanno deciso di diffondere nei punti vendita Coop i dati della composizione delle acque di Guida ai dati che ne definiscono la qualità rubinetto. Ci saranno locandine nel e che sono pubblicizzati nei punti vendita Coop reparto acque minerali e nei video nello spazio soci dei super ed iper di periodici per accertare la qualità per la divulgazione, ma le analisi dell’Unicoop Firenze. Monica Galli dell’acqua distribuita. eseguite sono molte di più, tutte im- All’iniziativa hanno aderito gli e alessandra In caso di non conformità è pre- portanti sia per la valutazione della acquedotti che coprono buona parte Pesciullesi visto che siano presi provvedimenti salubrità dell’acqua che per il mo- del territorio. I risultati pubblicati per a salvaguardia della salute pubblica nitoraggio di eventuali improvvisi ora sono di 29 comuni e riguardano attuando un piano preventivato, ad cambiamenti nella sua composizione. le analisi di 10 I consumatori parametri di tipo possono valutare chimico per cia- Potabile ovvero da bere tutti i risultati scun acquedotto. L’acqua del rubinetto deve essere richiedendoli ai Della maggior potabile: questo significa che prima gestori, molti dei dell’erogazione è stata sottoposta a parte di questi si specifici controlli, condotti con quali da tempo hanno dati rela- analisi di parametri microbiologici, pubblicano i ri- tivi al 2011 e al chimici e chimico–fisici, e risulta sultati delle ana- primo semestre avere dei valori che rientrano in lisi mensili su siti del 2012, mentre quelli stabiliti dalla normativa. In web o addirittura di alcuni acque- sintesi, non deve in alcun modo in bolletta. dotti si hanno essere veicolo di malattie nell’immediato, ma anche avere valori medi re- caratteristiche che ne permettono i dati lativi ai singoli l’uso prolungato nell’alimentazione, Residuo fisso o mesi di ottobre o senza provocare alcun danno secco a 180°: è un settembre 2012. fisiologico. I parametri di legge e le indicatore della Oltre alla pubbli- quantità consigliate sono definiti dal quantità di sali cazione dei para- Decreto legislativo 31 del 2/2/2001, disciolti nell’ac- metri qualitativi in attuazione direttiva CE 98/83. qua e deriva dell’acqua, sa- principalmente ranno distribuiti dalla presenza opuscoli descrittivi del significato di degli ioni sodio, ciascun indice pubblicato. Insomma potassio, calcio, anche l’acqua di rubinetto avrà la sua magnesio, clo-“etichetta” come le acque in bottiglia. ruro, solfato e In questo articolo ripercorriamo il si- bicarbonato. La gnificato dei dati che saranno diffusi. Foto D. tartaglia legge indica un valore massimo i controLLi esempio analisi aggiuntive più appro- consigliato di 1500 mg/l. Sulla base Sono previsti due tipi di controllori, fondite, una modifica dei trattamenti di questo parametro si classificano lenell’acquedotto e fuori. L’ente gestore di potabilizzazione fino alla limita- acque come minimamente minera-dell’acquedotto effettua numerosi zione o addirittura all’interruzione lizzate (fino a 50 mg/l), oligomineralicontrolli di routine. Periodicamente dell’erogazione dell’acqua. Secondo o leggermente mineralizzate (fino aa questi controlli se ne aggiungono l’ultima normativa, si può richie- 500 mg/l), mediamente mineraliz-altri, definiti di verifica, su un numero dere, come cittadini, «la visione delle zate (fra 500 e 1500 mg/l) e ricchemaggiore di parametri. La frequenza analisi delle acque pubbliche, com- di sali (oltre 1500 mg/l). Valutando idi questi controlli è stabilita in base ai prese quelle dei laboratori del gestore risultati delle analisi, si è visto che ilmetri cubi di acqua fornita, calcolati dell’impianto». valore medio mensile di residuo fissosulla stima del consumo pro-capite Di seguito sono i parametri scelti delle acque analizzate si attesta su odi 200 litri al giorno. I controlli sonoeffettuati alla falda, all’uscita dell’ac- Dalla bolletta Ecco i gestori degli acquedotti www.acque.net, www.flora.it,quedotto e alle eventuali fontanelle. alletichetta delle zone in cui operiamo e nei www.publiacqua.it,Il controllore esterno sono le Asl di cui siti sono riportati tutti i dati www.nuoveacque.it,competenza, che eseguono controlli dell’acqua che beviamo: www.geal-lucca.it 12 - Informatore - Gennaio 2013
  • 13. o acque generalmente di tipo oligomi- presi fra 6,5 e 9,5 (considerato che la dicazioni. Il valore del calcio non sem- nerale, con valore minimo di 182 ad neutralità è pari a 7). Tutti i valori pre è riferito. Per gli altri 3 sono invece Agliana nel 2011. In quattro acque- oscillano di poco, da 7,2 a 7,9, piena- indicati come valori massimi 200, 250 dotti i valori salgono fino a poco sopra mente nella norma. e 1,5 mg/l rispettivamente. Un eccesso 760 (Poggibonsi, settembre 2012), ri- Valori di calcio (Ca++), sodio di sodio può comportare ipertensione, sultando mediamente mineralizzate. (Na+), cloro (Cl-) e fluoro (F-): si mentre una carenza di fluoro è dan- Il residuo fisso è un parametro tratta di sali minerali importanti per nosa per la formazione di ossa e denti, importante per la scelta dell’acqua, l’organismo. Nel caso del calcio la ma un suo eccesso provoca la fluorosi, perché non caratterizza soltanto il normativa non indica alcun valore con formazione di macchie scure sui sapore: un eccessivo contenuto in sali limite; si ritiene che questo sale sia denti e alterazione nel processo di minerali può non essere adatto per consigliato sia durante le gravidanze calcificazione delle ossa. Un valore di tutte le diete. che in età avanzata per combattere l’o- cloro più alto di quello indicato nella Durezza dell’acqua: è espressa steoporosi; anche nel caso di malattie normativa, associato con un pH acido, in gradi francesi (°F) e valuta la cardiovascolari non ci sono controin- può comportare la corrosione delle quantità di ioni di calcio e magne- La fontana tubature. sio presenti. Il valore consigliato va di Folon Nei risultati di tutti gli acquedotti i da 15 a 50°F. Acque leggere o dolci in Lungarno valori sono molto al di sotto dei valori Aldo Moro a Firenze hanno durezza inferiore a 15°F, ac- richiesti come limite dalla normativa que mediamente dure compresa tra per tutti questi sali minerali, con 15 e 30°F, acque dure superiore a picchi più alti dei valori di sodio a 30°F. Una durezza superiore pro- Cascina e Santa Maria a Monte e di voca incrostazioni di calcare nelle cloro a Poggibonsi. tubazioni, in particolare negli im- pianti di riscaldamento, e richiede Come orientarsi nel lavaggio della biancheria un Per una lettura più critica e con- elevato consumo di detersivi, mentre sapevole di tutti i dati raccolti, è fon- al contrario un’acqua molto dolce damentale aggiungere che i parame- (meno 10°F) può diventare corrosiva tri delle acque potabili non possono per le tubazioni metalliche. Se l’ac- essere fissi e immutabili, subiscono quedotto eroga un’acqua molto dura anche discrete oscillazioni, perché si può optare per l’acquisto di un sono frutto della concomitanza di addolcitore. Fra le acque analizzate vari fattori, oltre che delle caratteri- quasi la metà risultano dure, mentre stiche di partenza, quali ad esempio i l’unica dolce risulta a Montemurlo. Foto c. valentini periodi di siccità o forti piogge. Oltre a Ioni ammonio, nitriti e nitrati: il questo, i dati relativi ad un solo mese Liniziativa loro aumento è spesso legato a unec- possono essere solo indicativi, hanno cessiva fertilizzazione del terreno: scarso valore statistico, mentre valori infatti, se non assorbito dalle piante Acqua trasparente che riferiscono la media di sei o dodici per la loro crescita, il fertilizzante I consumatori troveranno nei mesi sono più significativi. supermercati e ipermercati Coop, penetra nel terreno e contamina le tabelle informative con l’indicazione Le indicazioni sopra riportate non acque. Nel caso dei nitrati (NO3-) il dei valori dei parametri principali devono sembrare uno sterile elenco di valore limite ammissibile nell’acqua della qualità dell’acqua del rubinetto. numeri, ma vogliono favorire questa potabile è pari a 50 mg/l; tuttavia, per I parametri saranno periodicamente iniziativa per una lettura delle eti- l’alimentazione dei bambini di età in- aggiornati dai gestori degli chette delle acque dell’acquedotto più feriore ai 6 mesi si raccomanda di non acquedotti. chiara e familiare. usare acqua potabile con un tenore Unicoop Firenze ha firmato accordi Oggi, secondo la normativa Foto c. valentini con le aziende che gestiscono il di nitrati superiore a 10 mg per litro. servizio idrico nei comuni dove opera la cooperativa. Nel vigente, a ogni cittadino è data la I valori delle analisi pubblicate per reparto acque minerali saranno distribuiti opuscoli possibilità di valutare un prodotto questo parametro sono tutte inferiori descrittivi sul significato di ogni parametro. Informazioni importante come l’acqua che entra a 10 ad esclusione di Scandicci, Mon- sulla qualità dell’acqua del rubinetto saranno diffuse quotidianamente nelle nostre case. tevarchi, Sesto Fiorentino, Quarrata, anche attraverso gli schermi video, presenti in numerosi Per ragioni pratiche, i dati riportati Poggibonsi e Prato, con valori però punti vendita Unicoop Firenze. Una scelta di trasparenza, nei punti vendita sono di qualche sempre di molto inferiori al limite che consentirà a soci e clienti di scegliere ancora più tempo prima e non possono seguire consapevolmente e responsabilmente, in totale autonomia. stabilito dalla normativa. È un seguito della campagna “Acqua di casa mia” lanciata le variazioni repentine, che invece si Concentrazione di ioni idrogeno nel 2010, per promuovere un uso corretto e consapevole ritrovano nei siti internet degli enti. (o pH): in pratica è la misura dell’aci- dell’acqua del rubinetto, o di acque minerali provenienti da Ma servono al confronto con ciò che dità o alcalinità di un’acqua. I valori fonti vicine ai punti vendita, per contenere i costi è riportato nelle etichette delle acque previsti dalla normativa sono com- ambientali dei trasporti su gomma. in bottiglia. E questo è già utile. v Gennaio 2013 - Informatore - 13
  • 14. Promozioni & proposteD elle sue proprietà e qualità si Prodotti per raccoglierlo e metterlo nelle casse. Profumo parla molto a ogni inizio sta- I frutti vengono quindi portati nellegione, ma forse non tutti conoscono aziende e poi nei magazzini per es-l’origine delle arance dolci e cosa le sere mandati, nel giro di pochi giorni, di arancerende tanto speciali. in tutto il mondo. L’arancia viene Anche se già in epoca romana si raccolta matura e per questo è im-parla di una pianta detta melarancio portante l’esperienza e la conoscenzapresente in Sicilia, la coltivazione di del raccoglitore, perché a differenzaarance dolci pare sia cominciata dopo Bionde e rosse, in Sicilia un mercato di altri frutti non matura una voltache dei marinai portoghesi portarono ampio con piccole e grandi aziende levata dalla pianta.questa pianta in Foto c. valentini Una volta acquistata, si conservaItalia dalla Cina, di per diversi giorni soprattutto se tenutanel XIV secolo; Melania nella parte bassa del frigorifero, nellequi, soprattutto Pellegrini vaschette dedicate alla frutta e allanel Sud, trovò le verdura.condizioni ideali Una delle qualità più amate e ri-per la sua coltiva- chieste dal mercato in generale e daizione. In alcune toscani in particolare è quella Tarocco,Regioni italiane, un’arancia fragrante e dagli spicchidal Nord al Sud, caratterizzati da una pigmentazioneil termine dia- rossa molto accentuata, un colorelettale con cui naturale che si deve a condizioni cli-viene chiamata matiche particolari e all’escursionel’arancia ricorda termica tra il giorno e la notte. Inpr o pr io q u e - particolare nella provincia di Ca-sta sua origineportoghese, dalpurtualli usatoin alcune zonedella Pug lia,della Calabria edella Campania,al portugaj deldialetto piemon-tese o il portugaldi quello berga-masco e così via. L e arance Arancevengono pro - Nel 2011 in Unicoop Firenze sono stati vendutidotte nel Sud Ita- circa 17.000.000 kg di agrumi di provenienzalia, soprattutto in italiana, per un fatturato di 21.850.000 €. Le tania, alle pen-Sicilia. In questa arance tarocco hanno rappresentato il 40% di dici dell’Etna,regione ci sono queste vendite, per un valore di € 8.500.000 queste arance3-4 aziende più pari a circa 7.100.000 kg. assumono unagrandi che producono circa 250 mi- festa dell’Immacolata, l’8 pigmentazione piùlioni di chili a stagione, per azienda, dicembre. decisa grazie alla vi-e moltissime piccole aziende che con- I frutti arrivano a matu- cinanza del vulcano: intribuiscono ad ampliare il mercato di razione a maggio inoltrato e ora alcuni periodi si passa daquesto agrume. anche a giugno, perché ultimamente 0 gradi della notte agli oltre 30 L’arancio è un albero, alto fino è stata inserita nel mercato, proprio del giorno. Addirittura le arance delloa 12 metri, che produce anche 500 per le richieste dei consumatori, una stesso albero sono diverse se nasconofrutti l’anno. nuova varietà di arancia tarocco che nel lato rivolto al vulcano o in quello Inizia a fiorire a marzo e con l’ar- comincia a pigmentare, ad arrivare opposto, quelle verso l’Etna son più co-rivo dell’inverno i primi frutti comin- ad avere cioè il tipico colore rosso dello lorate. Per la loro particolarità, dovutaciano a maturare. Le prime sono le spicchio, solo verso aprile e viene colta appunto alla zona di appartenenza, learance Bionde, seguono quelle Rosse; quasi in estate. arance Tarocco hanno avuto il mar-la raccolta di queste seconde avviene Le maestranze procedono con chio Igp, Identificazione geograficapiù o meno nel periodo successivo alla delle forbicine a pinzettare il prodotto protetta. v14 - Informatore - Gennaio 2013
  • 15. Mondo CoopmArChio Coop pesCeUna garanziaper tutti! “Povero” di qualitàS ono oltre 3.500 le referenze a marchio Prosegue il progetto I dati incoraggianti sono che il Coop alimentari e non, circa 500 i for- sul pesce dimenticato. 65% degli intervistati è pronto ad ac-nitori che per il 90% sono italiani, mentre il I test. I nuovi 4 quistare specie non conosciute e l’80%35% proviene dal movimento cooperativo. è curioso di provare nuovi sapori di P Una vasta e diversificata proposta di overo sì, ma sempre ospite d’o- mare, in particolare se consigliatoche si fregia di valori quali convenienza, Sara Barbanera nore e benvenuto in ogni sta- al banco: «Il rapporto con Unicoopbontà, sicurezza, etica ed ecologia. Tuttii prodotti a marchio Coop hanno (per capi- gione: quello ormai conosciuto come Firenze - aggiunge Gambaccini –, dàtolato di produzione) un obbligo di controlli il “pesce dimenticato” sarà di nuovo al pesce povero una vetrina impor-chimici che sono affrontati con laboratori protagonista della campagna di pro- tante e un contatto con i soci e clienti,sul territorio nazionale, verificati e sorve- mozione che per il secondo anno vede anche grazie alla professionalità egliati dal laboratorio interno. Inoltre oggi promotore Unioncamere Toscana in al rapporto di fiducia con gli addettitutti i prodotti Coop al banco pesche-sono coperti da ria». Per soddi-una certificazioneesterna che veri- sfare i più curiosi,fica e attesta l’af- in questa se-fidabilità del me- conda edizionetodo di controllo. le specie propo-Il controllo della ste passerannofiliera produttiva dalle 11 delloè totale dagli anni scorso anno a 15,Ottanta per carnie ortofrutta, con- con l’aggiunta ditrollo arrivato poi murena, grongo,su quelle dell’olio torpedine e la-extravergine, dei certo, un pescesalumi, latte fre- azzurro detto an-sco, uova, derivati che pesce cavallo.del pomodoro, prodotti bio e i prodotti collaborazione Le specie Gli incontriecolabel extralimentari, i solidal. Dal 1980 Coop ha eliminato i coloranti con Legapesca, Pesce sciabola, Sugarello bianco, divulgativi con Unicoop Firenze Sugarello nero, Muggine, Muggine le sezioni socie ridotto l’uso di additivi, introducendo ramato, Acciuga, Sardina, Razza distandard di cautela per raggiungere livelli e la rete di risto- rimarranno un sabbia, Palamita, Potassolo, Polpo didi maggiore sicurezza. Standard che negli ratori di Vetrina sabbia, Murena, Grongo, Torpedine, appuntamentoanni si sono ampliati per far fronte a nuovi Toscana a Tavola. Lacerto. fisso del pro-rischi. Le relazioni con università e istituti Se il primo gramma, men-di ricerca, i contatti consolidati e specifici anno era sperimentale, ora si riparte tre i nuovi protagonisti sono 11 istituticonsentono a Coop di tracciare lineeguida sempre aggiornate rispetto a temi con le idee più chiare; anche grazie alberghieri toscani dove si terrannosensibili quali allergeni, ogm, micotossine. agli oltre 200 questionari compilati seminari pensati per i cuochi del do-La storia e il lavoro costante consentono dai soci che hanno partecipato alle mani: ogni istituto organizzerà undi avere sicurezza per i prodotti di oggi e serate informative e di assaggio della pranzo a base di pesce dimenticato eavere uno sguardo attento a domani. v prima edizione, come spiega Silvia ospiti d’onore e della giuria saranno i Gambaccini, biologa della Coopera- ristoratori della rete Vetrina Toscana. tiva Aplysia che dal 2011 coordina Per ogni pranzo verrà eletto il piatto FiORFiORE iN CUCiNA il progetto “Pesce dimenticato”: «I migliore tra i 5 presentati con un 100 pagine di ricetteO gni mese 100 pagine da sfogliare questionari ci hanno svelato dati ina- premio finale per l’istituto migliore e tante ricette gustose a solo 1 spettati: se mediamente il pesce viene come per ricetta, presentazione e ser-euro. In tutti gli ipercoop, nei super- consumato due volte a settimana, gli vizio. La stagione sarà all’insegna distore e nei super più grandi, una uomini lo cucinano più spesso delle ricette ad hoc, dalle classiche alicirivista mensile sulla cultura del cibo donne e sono maggiori consumatori marinate al meno noto ma apprezza-e del cucinare, ricca di ricette, infor- di specie non comuni nell’84% dei tissimo potassolo fritto, passando permazioni, suggerimenti e curiosità. casi contro il 70% delle donne. Oltre un appetitoso carpaccio di palamita. Un nuovo strumento di comu-nicazione per valorizzare l’espe- l’80% degli intervistati ha sentito par- Il tutto offerto fresco di giornata e,rienza e la competenza di Coop in lare di pesce povero, ma la familiarità naturalmente, innaffiato da un buoncampo alimentare e i valori che da con alcune specie come sugarello o il vino bianco!sempre la contraddistinguono. v potassolo è scarsa». i www.pescepovero.it Gennaio 2013 - Informatore - 15
  • 16. Guida alla spesaÈ stata la cooperativa agricola più Emilia seconda, devastante scossa, arrivò di Pere colpita del modenese: si chiama giorno. I soci stavano già cercandoItalfrutta, quasi 300 soci, oltre 5 di rimettere in sesto alcune strutturemilioni di danni, fortunatamente ma sono rimasti illesi. Poco distante, per ricostruirenessuna vittima. In questo grande un centinaio di metri più in là, inprogetto ci sono anche loro, accanto un’altra azienda, il crollo di un tetto ala tutti gli altri agricoltori mobilitati: contrario per qualcuno è stato fatale».si chiama “Pere Abate dell’Emilia,buone anche per ricostruire” ed è Fino al 31 marzo prosegue Pronti a ripartireun’iniziativa gestita da Coop in part- l’iniziativa di solidarietà Italfrutta è un ammasso di mace-nership con i produttori di pere dell’E- per la regione rie e capannoni che non stanno piùmilia. Fino al 31 marzo sugli scaffali di devastata dal terremoto in piedi. Perso anche l’impianto fo-tutti i punti vendita Coop acquistando tovoltaico messoqueste pere, soci e clienti potranno di da poco. Arri-contribuire ad alleviare il peso del Laura vano i Vigili deldisastro che ha colpito quella regione. DEttole fuoco, tolgonoIn particolare 0,30 centesimi (0,15 da l’agibilità. I sociparte dei fornitori e 0,15 da Coop) per sono lì, impietritiogni chilo venduto verranno devoluti e sgomenti peralle popolazioni colpite dal sisma per l’assenza di pro-contribuire nel più breve tempo possi- spettive. Ma dura poco. Le piante, la fonte del loro core business (cuore operativo dell’azienda), sono tutte salve. Si ricomincia da qui. «La solida- rietà è scattata Foto c. valentini subito, perché la cooperativabile al ripristino di luoghi di incontro e FIOR FIORE aveva strutture inagibili per acco-strutture di servizio delle zone colpite gliere la raccolta dei frutti ed era vitaledal terremoto (scuole, asili, case per A tutta birra garantire la continuità produttiva». Eanziani…). L’assortimento di birra a marchio allora ecco che la cooperativa vicina Coop, si è arricchita di due nuove ha messo a disposizione le proprie Il crollo proposte di Birre Speciali che celle frigorifere, quell’altra le sale per La prima scossa, quella della notte appartengono al mondo Fior la lavorazione, qualcun altro si sta oc-fra il 19 e il 20 maggio, non fece danni Fiore. Sono sempre prodotte da cupando adesso della commercializ- Pedavena, in provincia di Belluno,né vittime in quell’angolo di San Felice con caratteristiche di grande zazione e degli imballaggi. Italfruttasul Panaro nel modenese, dove ha qualità delle materie prime resta aperta, e i soci scaricano i lorosede Italfrutta. La seconda, una set- (l’acqua utilizzata, proveniente prodotti dentro una fitta, efficientis-timana dopo, ha devastato strutture, dal bacino delle Prealpi Venete, il sima rete creata da altri.capannoni, fatto crollare mura. «È la malto quasi esclusivamente Quella di Italfrutta è una dellecooperativa di riferimento di quell’a- italiano e i migliori luppoli tante storie esemplari dell’Emilia.rea, non ci sono state vittime solo per accuratamente selezionati e lavorati) e da Questa regione ha una specie di dna specifici processi di lavorazione.un caso, perché a fine maggio non c’è La birra doppio malto chiara Fior Fiore è infatti ottenuta tutto suo. Una forza collettiva quasiritiro dei prodotti raccolti», racconta con lunghi tempi di fermentazione e di maturazione. genetica, impostata per la ripartenza.Pier Giorgio Lenzarini, presidente del Questo lento affinamento le conferisce un sentore floreale «Questa è la risposta per la primaConsorzio Alegra, una presenza di di luppolo e malto, un corpo deciso e rotondo, un gusto campagna di raccolta – proseguegrande rilievo in regione. Quasi 6500 pieno ed equilibrato. Lenzarini -. Italfrutta si risolleveràsoci, la maggior parte dei quali (6000) Invece la birra doppio malto ambrata Fior Fiore Coop perché è finanziariamente solida e iorganizzati da Agrintesa di Faenza, affianca ai lunghi tempi di fermentazione e maturazione, soci ci credono, non verrà spezzata lutilizzo e la selezione dei migliori malti tostati. Questo leun fatturato di 160 milioni. Fra le tre dona un corpo deciso e rotondo, un gusto abboccato e da questi eventi». Insomma, su lecooperative che ne fanno parte c’è armonioso, in cui si fondono, creando un piacevole maniche e via a ricostruire. A questoproprio Italfrutta. La mancanza di equilibrio, note di miele e di malto d’ orzo. progetto collettivo vuole contribuirevittime è stata quasi un miracolo: «La Disponibile negli iper, superstore e super più grandi. anche il progetto Coop. v16 - Informatore - Gennaio 2013
  • 17. Mondo CoopformAggi novitÀ ferenziate aumenta la velocità dei liquidi garantendo così l’asciutto perfetto. UnGorgonzola e Pannolini ottimo comfort è dato anche dal tessuto esterno che è soffice e traspirante.Maccagno economici Si possono trovare nelle seguenti taglie: junior, da 4 a 9 chili, midi, da 7 a 18Fior fiore ed ecologici chili, maxi, dai 12 ai 25 chili ed extra large, adatti ai bimbi dai 15 ai 30 chili.I l gorgonzola dolce dop della linea Fior fiore è prodotto da Santi, un’aziendacasearia del Novarese specializzata nella S ugli scaffali si potranno tro- vare due nuove tipologie di pannolini. Una linea di panno- Gli Ecopiù sono il frutto della ricerca di un’azienda pratese, la Wip, che ha lo stabilimentoproduzione di questo formaggio. Nasce lini è di alta qualità ma molto produttivo nel Casentino. Lanel cuore della zona di produzione del economica, i Baby Pan, l’al- Wip realizza prodotti per usogorgonzola dop: Novara, Vercelli, Cuneo, di tra è composta da pannolini igienico-sanitario, ipoallerge- Melania ecologici e compostabili, gli Pellegrini Ecopiù. nici e biodegradabili. Le materie prime utilizzate per creare questi pannolini derivano da risorse rinnovabili, in particolare dagliBiella, Verbano Cusio Ossola e il territorio zuccheri complessi ottenuti dalladi Casale Monferrato per il Piemonte fermentazione di amido vegetale,e Bergamo, Brescia, Como, Cremona, alternativi alle plastiche otte-Lecco, Lodi, Milano, Monza, Pavia e Va- nute con il petrolio; le fibrerese per la Lombardia. Il prodotto Coop derivano dalla gestionesi distingue per la dolcezza e per una agricola o forestale diconsistenza estremamente cremosa, ri- tipo biologico; nessunsultato di una lavorazione attenta che prodot to contienerispetta la tradizione: dal taglio della ca- cloro. Sono panno-gliata alle operazioni manuali di messa in lini certificati sia dalforma (moulé à la louche) e salatura, tutti punto di vista dellepassaggi che, permettendo di trattare la allergie, dalla Astma-cagliata in modo dolce e senza traumi, Allergic Danmark, siamantengono le qualità del latte e garanti- come prodotto com-scono quel sapore unico e inconfondibile. postabile, dal Consor- Per godere al massimo della cremo- zio italiano compostatori,sità del gorgonzola dolce, è bene toglierlo Baby Pan è la garantendo così salubritàdal frigorifero almeno mezzora prima di nuova linea di per i bambini e rispetto perconsumarlo. pannolini di l’ambiente. Il formaggio maccagno rappresenta alta qualità e Il fatto che siano com-un cru di eccellenza della toma della mon- assorbenza a postabili non solo aiutatagna biellese. Prende il nome dallAlpe un prezzo con- l’ambiente guardando a unomonima che si trova sotto il Monte Cos- correnziale, sotto i 5 futuro ecosostenibile, masarello, a nord di Biella. La produzione del euro a confezione, in vendita in esclusiva aiuta anche le tasche dei genitori in queiMaccagno prese avvio nelle valli ad est del nei negozi di Unicoop Firenze (a gennaio Comuni dove la raccolta differenziataterritorio biellese, successivamente la pra- ancora più conveniente perché in promo- viene premiata e chi differenzia di piùtica si diffuse in tutta la provincia di Biella. zione). Il punto di forza di questi pannolini paga meno tasse sulla nettezza.Era il formaggio prediletto dalla regina è la loro alta assorbenza che lascia la I pannolini Ecopiù sono disponibiliMargherita di Savoia e da Quintino Sella, pelle dei bambini asciutta. Questo grazie nelle taglie mini, in confezione da 24 pezzi,ministro del Regno dItalia. Si caratterizza ai materiali da cui sono composti, dal junior, 18 pezzi, midi, 22 pezzi, maxi, 20per odore e aroma molto delicati di panna tampone assorbente, realizzato in fluff di pezzi. La confezione è trasparente e vuole e burro, con un sapore cellulosa vergine, al tessuto non tessuto rappresentare la filosofia aziendale della dolce e gradevole. v idrofilo usato per il rivestimento interno. completa “trasparenza” nei confronti dei Le nuove linguette elastiche, riposi- consumatori. zionabili, in velcro rivestite di tessuto non Per finire proprio sul tema della tra- tessuto, danno al pannolino una perfetta sparenza è molto interessante il progetto vestibilità e grande libertà di movimento, “Fabbrica Aperta”: chiunque voglia, potrà sensazione molto importante per i bam- visitare lo stabilimento della Wip e il suo bini che li indossano. Le barriere laterali centro didattico, visionare e toccare con pensano poi alla tenuta contro sgradite mano i materiali innovativi utilizzati per fuoriuscite. Il cuore assorbente a zone dif- produrre i pannolini compostabili. v Gennaio 2013 - Informatore - 17
  • 18. Gastronomia menÙ per tUtte le stAgioni Il menù dell’inverno di donatella Cirri D a questo mese parte una nuova rubrica, “Menù per tutte le stagioni”, a cura di Donatella Cirri, con una caratteristica particolare: i menù presentati saranno com- Gli ingredienti, tutti stagionali, saranno reperibili con molta facilità in qualsiasi punto vendita di Unicoop; posti da ricette facili da preparare, adatte anche a chi ha le dosi si intendono sempre poca dimestichezza con i fornelli, veloci per chi non vuole per quattro persone. o non può stare tanto in cucina, ed economici, qualità apprezzatissima a questi “chiari di luna”.Antipasto Primo Secondo Dolce insaLata di i teMPi spaghetti con petto di poLLo Fette di pane Finocchi e arance Per ottimizzare cavoLo e patate con porri con Le meLe Ingredienti: un bel finocchio i tempi di Ingredienti: gr. 300 di e FUnghi Ingredienti: 4 fette di pane, con la sua infiorescenza; 2 preparazione di spaghetti del tipo più grosso; Ingredienti: gr. 300 di petto meglio se raffermo; 2 mele, arance di media grandezza; questo menù, gr. 100 di cavolo nero; 3 di pollo tagliato a bocconcini; preferibilmente del tipo tenete presente che sale, olio e pepe nero. il pollo potrà essere patate; 6 cucchiai di olio un bel porro; un cucchiaio “renette”; 2 cucchiai di uvetta; Sbucciare le arance, tagliarle preparato con largo extravergine di oliva (del di trito di aglio e prezzemolo; un cucchiaio di pinoli; 2 a fette e dividerle a metà; anticipo, anche il tipo per condire); gr. 50 di un sacchetto di funghi misti cucchiai di zucchero; gr. 20 di affettare finemente il giorno prima. Quindi parmigiano grattugiato; gr. 50 secchi; 6 cucchiai d’olio; un burro; un pizzico di cannella. finocchio, lasciando da iniziate preparando di pecorino grattugiato. cucchiaio di farina; sale e Tostare leggermente le fette parte l’infiorescenza, tritata l’antipasto e il dolce; Mettere sul fuoco l’acqua pepe nero. di pane, strusciarle con metà grossolana. Mescolare mentre si scalda per la pasta in una pentola Mettere i funghi a mollo in burro e disporle in una pirofila. arance e finocchi, condire con l’acqua della pasta, piuttosto capiente: quando una tazza di acqua calda. Disporre sopra ciascuna olio e sale e lasciar riposare preparate verdure bolle, oltre al sale, buttate le In un tegame, soffriggere delle fettine di mele (meglio e condimento; almeno 30 minuti: servire foglie di cavolo nero tritate e il porro tagliato finemente se sbucciate), dei fiocchetti quando siete al cospargendo con il trito di secondo, mettete le patate sbucciate e tagliate a fettine: quando sarà ben di burro, un po’ di zucchero, i infiorescenza e con una il dolce in forno per a fettine sottili, insieme agli insaporito, unire il trito di pinoli e l’uvetta sciacquata macinatina di pepe fresco. averlo pronto al spaghetti. Quando saranno aglio e prezzemolo e il pollo precedentemente in acqua Per questa ricetta scegliete momento giusto. cotti, scolare il tutto e condire leggermente infarinato calda e ben scolata. Passare un finocchio tra quelli più Buon appetito! in una zuppiera con l’olio e i facendolo indorare bene a nel forno a 180°C per 10/15“panciuti”, popolarmente formaggi: girare velocemente fiamma viva (attenzione a minuti, finché le mele non chiamati “femmine”. Per le e servire subito. non bruciarlo!); quindi unire si saranno ammorbidite, arance, sono preferibili le Per quel che riguarda il cavolo, i funghi con metà della loro spolverare con un po’ di“bionde”: se di buccia molto sono indicate le foglie più acqua, coprire e abbassare cannella e servire caldo. sottile, potrete anche usarle piccole, private del gambo e la fiamma, cuocendo per Questo dolce vi darà l’idea intere, naturalmente dopo sminuzzate grossolanamente, cinque minuti e facendo dello strudel, fatto con poca essere state accuratamente o le cimette se le trovate, attenzione che non attacchi spesa e poco tempo. Per quel lavate. quelle per intendersi da (se necessario, aggiungere che riguarda le mele, potrete mangiare in insalata. acqua). Servire ben caldo. comunque usare il tipo Il pecorino secco si trova già I funghi secchi sono un po’ che preferite o che avete a grattugiato in bustine. costosi: si trovano in vendita disposizione, anche se un po’ Questi spaghetti vanno delle bustine di funghi mesti, “passate”. Un consiglio: il pane mangiati subito; se avanzano, non solo porcini, ottimi avanzato, tagliatelo a fette e conservateli in frigorifero per questa e altre ricette. conservatelo nel freezer; al e, il giorno dopo, saltateli in L’aglio e il prezzemolo tritati momento di usarlo basterà padella con l’aggiunta di un po’ insaporiscono e valorizzano scongelarlo nel microonde o di olio e di formaggio. molte ricette: è conveniente nel forno normale (10 minuti averne sempre a disposizione a 50/100°C): lo avrete pronto per cui, quando vi avanza per questa e per molte altre un po’ di tempo, tritatene ricette (zuppe, crostoni ecc…). un bel po’ e conservatelo in frigorifero coperto di olio; se il gusto dell’aglio non dovesse piacere, preparare solo il prezzemolo.18 - Informatore - Gennaio 2013
  • 19. Mondo CoopM arco Stabile è il titolare, in- Intervista con lo chef Firenze a tavola: pregi e difetti Luovo sieme a Luca Bellandi, del risto- per chi fa il tuo lavoro…rante Ora d’Aria di Firenze, che si trova La città è conservatrice, ma si staadesso a due passi da Ponte Vecchio, aprendo. C’è molta ristorazione turi- e la gallinadopo i primi anni in via Ghibellina, stica, come potrebbe non esserci inda cui il nome che ricorda l’ex carcere una città meravigliosa come Firenze?delle Murate, che si trovava proprio La qualità si sta alzando, grazie anchedi fronte. Il locale ha conquistato lo al nostro sindaco che valorizza lascorso anno la prima stella, nella Marco Stabile, cuoco gastronomia, e ha capito che per la no-prestigiosa guida Michelin, un rico- e ristoratore fiorentino stra città è un patrimonio importante.noscimento che lo pone nel cerchioristretto della ristorazione italiana Quali sono idi qualità. Marco è stato, fra l’altro, piatti che più tiil primo cuoco a partecipare al rin- rappresentano?novato progetto di “Cene Galeotte”, Uno su tutti:che Unicoop Firenze sostiene, e che l’uovo e la gal-si svolge nel carcere di Volterra. In lina, i riti dellequesta intervista lo chef si racconta, nonne toscane.partendo dai ricordi di quando era Questo piattopiccolo, fino ai suoi progetti per il racconta i suc-futuro. culenti pranzi delle feste di mia Come è nata l’idea nonna dove al di fare il cuoco? centro di tutto Da piccolo, non ho potuto giocare era la gallinaa calcio con i miei compagni, per pro- (rigorosamenteblemi di salute; per questo, ho passato Marco Stabile Foto c. valentini allevata da lei!)giornate intere con mia mamma En- rischio quotidiano. Il mio lavoro non di e le sue interiora: fegatini, uova em-rica, grande cultrice del cibo, che mi termina mai, devi stare attento a Leonardo brionali, collo ripieno.ha trasmesso questa passione. Da lì tutto, anche all’espressione del tuo Romanellimi è venuta l’idea di sposare la cucina viso... Devi essere trascinatore, padre, La tua esperienzaper la vita. fratello, istigatore, ricercatore… alle Cene Galeotte… Volterra: una grande esperienza, Come ricordi gli anni Un aneddoto bello i carcerati mi hanno allietato con le della scuola alberghiera? della tua carriera… preparazioni dei loro paesi di origine. Bei tempi! Detto così sembra si- Il pranzo a Badia a Passignano È stato fenomenale condividere conano passati cento anni, ma i ricordi per l’allora presidente (in realtà solo persone così segnate dalla vita un’e-sono vivi e pieni di emozioni. Erano le la moglie) Bill Clinton. Emozionante sperienza culinaria, dove eravamoprime sfide ai fornelli, i primi contatti vedere il dispiegamento di forze, le tutti uniti, al di là dello stato sociale.con gli ingredienti. guardie del corpo che assaggiano le Isola della Gorgona: più difficile preparazioni. Fu molto divertente lavorarci, è stata dura. Ma ricordo con Quanto è importante quando, dopo aver preparato l’impos- affetto la grande volontà dei detenuti, per un cuoco cambiare posto sibile, la signora chiese un’insalata che si sono alzati alle sei di mattina, di lavoro per fare esperienza? caprese fuori carta... pur di fare un pranzo con i fiocchi. È importantissimo! Girare, viag-giare, avere esperienze all’estero, apre Cosa significa avere successo Prospettive e novità per il 2013…la mente, amplia la nostra “biblioteca” nella tua professione? Le nostre intenzioni sono molte-dei sapori e delle idee. Abbiamo sem- Vuol dire abbracciare il proprio plici, i progetti tanti. Intanto possopre da imparare da tutte le culture, le territorio, capire che stai valorizzando dirvi che c’è gran fermento nella miatradizioni gastronomiche sono tutte i produttori intorno a te, il turismo cucina. A breve ci saranno altri piatti,affascinanti per un cuoco. gastronomico della tua città; quindi toscani e moderni allo stesso tempo. crei lavoro per tutti, in una siner- Continua la marcia alla ricerca di una Cuoco e ristoratore: quali sono gia incredibile. È anche una grande nuova cucina toscana. v le differenze fra i due mestieri? responsabilità, non puoi sbagliare Enormi: ho fatto entrambe le perché sei sempre sotto i riflettori. La 14 ricette in video Nella playlistprofessioni, e adesso le faccio in con- più grande soddisfazione è avere il Seguici sul canale Le nostre ricettetemporanea! Essere ristoratore è una ristorante sempre pieno di persone di Unicoop Firenze Tante preparazioni seguitegrande responsabilità, oltre che un che ti salutano sorridendo! passo passo Gennaio 2013 - Informatore - 19
  • 20. SOCI conviene di più dal 1 al 15 gennaio40 ontaossa 40 ontaossa sc alla c sc alla c % %6,24€ al Kg - MASSIMO 3 PZ. PER CARTA SOCIO 2,10€ 0,42€ al Kg - MASSIMO 3 PZ. PER CARTA SOCIOROLLÈ BIS DI POLLO E TACCHINO PATATEAMADORI 5 Kgprezzo per i non soci: 10,40 € al kg prezzo per i non soci: 3,50 € - 0,70 € al Kg40 ontaossa 40 ontaossa sc alla c sc alla c % %3,96€ 2,14€ARACHIDI MADI VENTURA YOGURT YOMO1 Kg gusti assortitiprezzo per i non soci: 6,60 € 8x125 g prezzo per i non soci: 3,58 €40 ontaossa 40 ontaossa sc alla c sc alla c % %1,23€ 6,83€ al Kg 3,57€ 5,95€ al KgLO STRACCHINO MUKKI MOZZARELLA FIORDILATTE180 g TAKE AWAY REGINELLA D’ABRUZZOprezzo per i non soci: 2,05 € - 11,38 € al Kg 3x200 g reparto gastronomia prezzo per i non soci: 5,95 € - 9,91 € al Kg 2 CONVIENE - ESCLUSIVA SOCI COOP UNICOOP FIRENZE - THE REDUCED PRICE IS RESERVED FOR COOP MEMBERS ONLY
  • 21. Offerte valide in tutti i punti vendita Unicoop Firenze50 ontaossa 40 ontaossa sc alla c sc alla c % %2,49€ 3,77€ al Kg - MASSIMO 4 PZ. PER CARTA SOCIO 3,99€ 5,32€ al Kg - MASSIMO 4 PZ. PER CARTA SOCIO2 PIZZE MARGHERITA BELLA NAPOLI BUITONI MIELE MILLEFIORISURGELATE APICOLTURA CASENTINESE660 g 750 gprezzo per i non soci: 4,99 € - 7,56 € al Kg prezzo per i non soci: 6,65 € - 8,87 € al Kg50 ontaossa sc alla c %0,75€ 1,25€ al Litro - MASSIMO 12 PZ. PER CARTA SOCIO 7,50€BEVANDA DI FRUTTA ZUEGG ASCIUGATUTTO TENERELLAalbicocca, pera, pesca 2 rotoli, 800 strappi3x200 ml prezzo per i non soci: 9,10 €prezzo per i non soci: 1,50 € - 2,50 € al Litro50 ontaossa sc alla c %8,90€ - MASSIMO 4 PZ. PER CARTA SOCIODETERSIVO LAVATRICE DIXANpolvere: 76 misuriniliquido: 2x38 lavaggiprezzo per i non soci: 17,80 € ESCLUSIVA SOCI COOP UNICOOP FIRENZE - THE REDUCED PRICE IS RESERVED FOR COOP MEMBERS ONLY - CONVIENE 3
  • 22. DOPPIO VALORE AI TUOI PUNTISe acquisti questi podotti con il meccanismo euro+punti ogni puntospeso vale il doppio. NEI PUNTI VENDITA dal 1 al 31 gennaio B A MADE IN ITALY C 44,90€ + 500 PUNTI OPPURE 54,90€ A MOBILETTI IN PLASTICA RIPIANI E PORTASCOPE armadio portascope 172hx65x45 cm prezzo per i non soci: 64,90 € 44,90€ + 500 PUNTI 29,00€ + 650 PUNTI OPPURE 54,90€ OPPURE 42,00€ B MOBILETTI IN PLASTICA STENDIBIANCHERIA RIPIANI E PORTASCOPE STENDIMEGLIO JUNIOR armadio alto 4 ripiani 172hx65x42 cm in alluminio e resina speciale, prezzo per i non soci: 64,90 € 6 ripiani con bacchette in alluminio dimensioni aperto: cm 79x71,5x139 24,90€ + 500 PUNTI completo di ruote e sgocciolatoio prezzo per i non soci: 55,00 € OPPURE 34,90€ C MOBILETTI IN PLASTICA RIPIANI E PORTASCOPE armadio basso 2 ripiani 88hx65x45 cm prezzo per i non soci: 39,90 € 9,90€ + 300 PUNTI 9,90€ + 200 PUNTI OPPURE 15,90€ OPPURE 13,90€ CIABATTA DONNA INBLU LINEA COMFORT TAPPETO BAGNO sottopiede anatomico imbottito in pelle tessuto microfibra di poliestere, colori assortiti imbottitura con memoria di forma, colori assortiti numerata dal 36 al 41 dimensioni cm 50x80 prezzo per i non soci: 19,90 € prezzo per i non soci: 16,90 € 4 CONVIENE - ESCLUSIVA SOCI COOP UNICOOP FIRENZE - THE REDUCED PRICE IS RESERVED FOR COOP MEMBERS ONLY
  • 23. DOPPIO VALORE AI TUOI PUNTISe acquisti questi podotti con il meccanismo euro+punti ogni puntospeso vale il doppio. NEI PUNTI VENDITA dal 1 al 31 gennaio 59,90€ + 500 PUNTI I COLLEZIONABILI OPPURE 69,90€ da gennaio a marzo FORNO MICROONDE DE LONGHI MW200 WHITE I prodotti per la casa potenza forno: 700 watt potenza grill: 900 watt in 3 appuntamenti capacità: 20 litri diametro piatto: 24,5 cm 1° appuntamento timer: 35 minuti funzione scongelamento prezzo per i non soci: 89,00 € 69,90€ + 500 PUNTI OPPURE 79,90€ MACCHINA CAFFÈ 189,00€ + 500 PUNTI DE LONGHI EC220 CDB capacità serbatoio: 1 litro OPPURE 199,00€ potenza: 1100 wattTV LED 22” SAMSUNG pressione: 15 barUE22ES5000WXZT vaporizzatorerisoluzione: full HD funziona con caffècontrasto: mega dinamico in cialde e in polveresintonizzatore: digitale terrestre HD prezzo per i non soci: 109,00 €predisposto per modulo cam(pay per view): slot CI+classe efficienza energetica: Bconnessioni: HDMI, AV, component, 24,90€ + 250 PUNTIVGA, USB OPPURE 29,90€dimensioni: cm 51x16xh36 TOSTAPANEprezzo per i non soci: 239,00 € DE LONGHI CT022 potenza: 620 watt 89,00€ + 1000 PUNTI raccogli briciole estraibile funzione scongelamento OPPURE 109,00€ controlli elettroniciASPIRAPOLVERE regolazione elettronicaMULTICICLONICO della tostaturaNECCHI NH9058 SENZA prezzo per i non soci: 39,90 €SACCOmotore ad alta efficienza e bassiconsumi .. prossimamente..assorbimento: 1200 wattfiltrazione multiclonica a 9 conifiltro hepaturbospazzola per divani e imbottitispazzola parquetprezzo per i non soci: 199,00 € 119,00€ + 500 PUNTI OPPURE 129,00€ BIKE RICHIUDIBILE XD PLUS DIADORA resistenza magnetica peso volano: 5 kg display a cristalli liquidi computer: tempo, velocità, distanza, calorie bruciate, battito cardiaco regolazione sforzo manuale: 8 livelli rivelazione cardiaca hand pulse ruote trasporto - portata massima: 100 kg dimensioni: aperto cm 112x88x46 chiuso cm 132x48x46 prezzo per i non soci: 149,00 € ESCLUSIVA SOCI COOP UNICOOP FIRENZE - THE REDUCED PRICE IS RESERVED FOR COOP MEMBERS ONLY - CONVIENE 5
  • 24. a cura di valentina vannini Socialità Elena D’Anna, con tanto di canto in coroArezzo saggio finale. Il 14/1, dalle 16.30 alle 18, i Iscrizioni punto informazioni inizia il corso di canto coralearezzo Coop di via Salvi Cristiani con il maestro Ippolita NutiPomeriggi d’argento”, il laboratorio nella sala soci Coop di via V.Dei saPeri teatrale dedicato a tutte coverciano Emanuele 192/A. Il corso èCiclo d’incontri con il Gruppo le persone over 65 con la lezioni Di Pittura riFredi aperto a tutti. Costo diciottodi maniera e innovazione. A Libera accademia del teatro Corso di pittura con il Dagli etruschi lezioni euro 70.gennaio “L’amore per la di Arezzo. Un modo per stare maestro Gabriele Panerai al rinascimento viaggi Da socipittura”, cinque incontri insieme creativamente, e per apprendere le tecniche Corso di cucina “Dagli Etruschi Il 1°/2, alle 17, nei localisettimanali per conoscere un’ottima e divertente pittoriche secondo il al Rinascimento” con la cuoca della sezione soci Coop, inle basi della tecnica di ginnastica per la mente! Il metodo usato nelle vecchie storica Donatella Cirri, il 17- via V. Emanuele 192/A,pittura a olio, il lunedì e/o gruppo lavorerà su un tema botteghe d’arte fiorentine. 24-31/1 e il 7/2, ore 19-22, nei presentazione del programmamartedì, dalle 17 alle 19, specifico, collaborando con Presentazione il 14/1, alle locali di via V. Emanuele 192. dei viaggi per l’anno 2013nella sala soci dell’ipercoop danzatori, scrittori e musicisti. 20.30, nella saletta soci Coop, Costo 80 euro. promosso dalla sezione socidi viale Amendola. Incontro Il laboratorio, aperto a tutti, in via Del Clasio 15 (ang. via i Prenotazioni con Argonauta Viaggi. Alorganizzativo, solo per gli prevede un incontro di due ore del Bargeo). Il corso si terrà Gabriella 3398608399 termine della serata rinfresco.iscritti, l’8/1 alle 17, nella da gennaio a maggio, il lunedì, il lunedì e il mercoledì, dalle Telefonare ore pasti Ingresso libero.sala soci Coop di via Veneto. dalle 17.30 alle 19.30, oppureMax. 12 iscritti. Richiesto il mercoledì, dalle 10.30 alleun contributo di 35 euro che 12.30 (in base alle preferenzeandrà a sostegno de Il Cuore degli iscritti), nella sede dellasi scioglie. Libera accademia del teatro,i Iscrizioni punto soci in p.za SS. Annunziata 1, ad Arezzo Firenze Coverciano s.o.s. elettricitÀ Arezzo. Costo mensile 50 20.30 alle 22.30. Costo senza glutine i sezione soci 0554376343, Il 21/1 recupero dell’incontro euro; soci Unicoop Firenze 35. mensile per sedici ore euro Lezioni di cucina senza glutine, lun. e ven. 10-12;“Electric City: emergenza i Iscrizioni 3292249233- 120; soci Unicoop Firenze euro sala soci Coop, via V. Emanuele mar. e gio. 17-19 (è in funzione elettricità! Come si accendono 057526686. Segreteria Libera 100. Prima lezione gratuita. 194/A, il 4-11-18-25/2 e il 4/3, una segreteria telefonica); le lampadine?”, laboratorio accademia del teatro i Gabriele 3292198352 dalle 19.45 alle 21.45. sez.firenze-no@socicoop.it ludico-didattico dedicato ai lun., mar., mer., ven. 16.30-19; - Paolo 3388641798 i Iscrizioni Aic (Ass. italiana bambini dai 9 agli 11 anni con albedino@gmail.com; a teatro Da Piccoli celiachia) Toscana, ore 9-13, l’ass. Alcedo. Dalle 17 alle 19, info@liberaccademia.com Dal 10/1, nella sala soci 0558732792; Laura ore ponte a greve nella sala soci dell’ipercoop Coop di via Salvi Cristiani, 13-15.30, 3460050154; coord- la “firenze di viale Amendola. Iscrizione Firenze corso di avviamento al teatro firenze@celiachia-toscana.it romana” obbligatoria al laboratorio per bambini delle scuole i toscani Dal 26/1 al 3/2, nello spazio (max. 12 iscritti); ingresso Le piagge elementari. Il corso, a cadenza meno noti eventi del Centro*Ponte a libero per la prima parte Pesce in cucina settimanale, durerà cinque Il 25/1, alle 21, nella sala Greve, la mostra “Firenze dell’intervento. Richiesto un Posticipato a gennaio il corso mesi e sarà tenuto dall’attrice soci Coop in via V. Emanuele Romana” a cura del Gruppo contributo di 5 euro a bambino di cucina “Pesci, molluschi 194/A, serata dedicata ai vini archeologico fiorentino, partecipante al laboratorio che e crostacei nel nostro meno noti della Toscana con realizzata con la sezione andrà al progetto in Perù per il piatto” con il prof. Francesco degustazione guidata dai soci e il centro commerciale. Mantoch, movimento di auto- Lucibello. Appuntamento sommelier Sabrina e Simone, L’esposizione pone l’accento organizzazione di bambini dal 22, per i quattro martedì e stuzzichini del ristorante Il sulla storia della colonia e adolescenti lavoratori, consecutivi, alle 20.30, allo Maccherone di Doccia. Costo romana di Florentia e sostenuto da Il Cuore si spazio Reale di San Donnino. euro 20; max. 25 partecipanti. ricostruisce lo sviluppo della scioglie. Costo euro 70.  Parte del ricavato andrà a Il città fino agli inizi del Medioevo, i Iscrizioni punto soci Coop i Prenotazioni punto soci Cuore si scioglie. con particolare riferimento via Veneto 0575908475 Le Piagge 0553427372 i 3398426143 all’area di San Lorenzo a Greve. mar. e gio. 16.30-18,30; o Antonio, 3481624421 o punto soci Coop Nelle vetrine saranno esposte ipercoop v. le Amendola alcune riproduzioni di oggetti 0575328226 lun.-mer. usati all’epoca, fotografie con16.30/18.30; sab. 10/12 Dalla carta al web Lo sfogliabile del libro sulla storia della Cooperazione di ricostruzioni in 3D e plastici di teatro D’argento Consumo in valtiberina, a cura di Stefania Boschi, pubblicato alcune scene in miniatura. A gennaio partono gli per il 25° anniversario della Coop di Sansepolcro: i Lun.-ven. 15.30-18.30; appuntamenti del “teatro www.coopfirenze.it/sezionisoci/sezioni/38 sab.-dom. 10-12 e 15.30-18.30 o24 - Informatore - Gennaio 2013
  • 25. o Respira nel corpo ssa Benedetta Pazzagli, motoria di 5 km. Ritrovo, alle 8, Comunicare Dal 16/1, per cinque mercoledì, promuove sei incontri allo stadio di atletica E. Zatopek,Figline Valdarno/ in pubblico alle 21, nella sala soci Coop settimanali di gruppo, dalle 21 via di Gramignano 151/153, Rignano sullarno Aiutare le persone ad di Firenze, in viale Talenti alle 23, per conoscere meglio a Campi Bisenzio. Dettagli e A lezione affrontare efficacemente la 94/96, “Respira nel corpo”, il proprio stile comunicativo e iscrizioni: Stadio E. Zatopek, di computer comunicazione in pubblico. corso sensoriale per prendere valorizzare le proprie risorse fax 055891387-0558952507. Dopo il successo della I Questo lo scopo degli incontri consapevolezza del proprio comunicative. Sconto 10% Iscrizioni anche la mattina fino edizione, parte il 14/1 un nuovo di gruppo, il 7-14-21/1, dalle corpo attraverso il respiro. Il per i soci Unicoop Firenze. alle 8.45 al luogo di partenza. corso d’informatica al Circolo 20.45 alle 22.45, nella sala 10/1, alle 18.30, nello spazio Max. 15 persone. Per la classifica delle società a Arci di Rignano sull’Arno. Il soci Coop dell’ipermercato di Ops del Centro*Ponte a Greve, i Iscrizioni Sez.Barberino partecipanti, iscrizioni entro il corso sarà condotto dal dott. Lastra a Signa, via S. Maria presentazione del corso con delMugello@socicoop.it; 19/1, alle 23. Quota d’iscrizione Salvatore Paone e verterà su: Castagnolo 5, con la counselor aperitivo sensoriale. Gradita orianagamberini@gmail.com euro 4; una parte andrà a Il Word, funzionalità intermedie Anna Pecorini. Costo 35 euro. prenotazione. Costo del corso Cuore si scioglie. e avanzate; Power Point; i www.creative-counseling.it; 45 euro, 5 dei quali andranno a fotoritocco; effetti speciali, 3273282562 Il Cuore si scioglie. Borgo SAN Lorenzo estensioni per la stampa. Dieci i infoeaiuto@tiscali.it; Dolci per le feste Certaldo lezioni, il lunedì e giovedì, dalle Margherita 3393755580; Cucina senza glutine con la Primo soccorso 21 alle 23, con una pausa di 15 Scandicci Daniele 3933902949 chef Ornella Bagnoli al circolo La sezione soci con il comitato minuti. Costo euro 40; max. 12 Nella storia g.c. passion de tango Il Paese di Vicchio, viale locale della Croce rossa persone. e nell’arte Beato Angelico: il 12/1, dolci italiana (Cri), e il patrocinio i Iscrizioni bar circolo Arci Quattro incontri con lo storico di Carnevale; il 16/2 dolci di e la collaborazione del di Rignano, dalle 16 alle 23 dell’arte Marco Gamannossi. Pasqua. Dalle 15 alle 18. In Comune, l’Asl 11 dipartimento L’11/1, alle 17.30, nella sala ogni serata saranno cucinati emergenza urgenza 118 e la soci Coop di Scandicci, via anche pane e pizza. Il ricavato Le Signe Aleardi 1, incontro su “Breve andrà all’Associazione Conoscere Firenze storia di Scandicci, dalla italiana celiachia (Aic) onlus Il 19/1, alle 17, allo spazio tarda classicità all’Unità Toscana. soci dell’ipercoop di Lastra d’Italia. Dall’origine del suo i Iscrizioni Anna 3471104925; a Signa, incontro con la nome al 1870, dal suo primo Adelaide 3478120664; dott.ssa Cristina Bonavia in insediamento al trasferimento Aic 9-13, 0558732792; preparazione della visita del della sede comunale”. Il 19/1, Laura 13-15.30, 26/1 alla chiesa del Carmine, alle 18, visita all’Abbazia 3460050154 alla cappella Brancacci e alla di Badia a Settimo; alle 20, o coord-firenze@ chiesa di San Gaetano. cena medievale in Abbazia celiachia-toscana.it Certaldo Un’icona per Il Cuore – Il (costo euro 22, prenotazione obbligatoria entro il 15/1). Il 25/1, alle 17.30, sempre presso Sesto Fiorentino qualificati: un corso d’introduzione alla la sezione soci, “Le principali musica per bambini (dai 5/6 ai 10/11 chiese di Scandicci: San A scuola anni); corsi individuali di strumento (canto, chitarra, basso elettrico, tastiera e batte- Bartolo in Tuto, Santa Maria a Greve, San Martino a Scandicci, Ponte a Greve di musica ria); “Musica d’insieme”, un corso in cui i ragazzi potranno suonare insieme, con- San Giusto a Signano, San Giuliano a Settimo, San D Tango che passione Colombano, Sant’Alessandro Ogni due sabati al mese, all’esperienza del progetto “Coop frontarsi, e imparare, anche assistendo a Giogoli, Sant’Andrea a dalle 16.30 alle 18, lezioni in musica”, che in questi anni ha alle performance dei loro docenti e com- Mosciano, San Martino alla gratuite di tango argentino visto la partecipazione di numerose band pagni, come si sta sul palco e si suona dal Palma, San Zanobi a Casignano, al Centro*Ponte a Greve, giovanili, un’altra iniziativa dedicata ai vivo; un corso di tecnico del suono, figura San Vincenzo a Torri”. Il 1°/2, dedicate ai soci Unicoop giovani: Iper Music, la scuola di musica chiave nel mondo della musica. alle 17.30, si parlerà invece Firenze, con i maestri che partirà il prossimo 7 gennaio, nata i Centro Parsifal, via della Tonietta 32, di “Ville e Castelli di Scandicci. Giuseppe e Cristina Salerno, dalla collaborazione fra Coop e il Centro Sesto F.no, 055443751; Dai Pitti ai Davizzi, dai Rucellai direttori della scuola di ballo artistico Parsifal di Sesto Fiorentino. Tra info@parsifal-music.it; ai Riccardi, dai Poccianti ai Passion de Tango, Scuola Passerini, dagli Ximenes ai i corsi proposti, tutti condotti da docenti www.parsifal-music.it Stabile di Tango Argentino di Cadolingi, dai Torrigiani agli Scandicci, in via IV Novembre Altoviti: prestigiosi casati per 10/A. Prossime date: 19 - 23/1; Società della salute di Empoli, 9/1, alle 16, allo spazio soci prestigiose dimore”. 9 - 23/2; 9 - 23/3; 6 - 20/4; Campi Bisenzio propongono un corso base di dell’ipercoop di Lastra a i Iscrizioni punto soci Coop, 4 – 18/5. Per i soci Unicoop XXIV Trofeo Coop educazione sanitaria al primo Signa, incontro con la pittrice 055256746 Firenze che s’iscriveranno Il 20/1, alle 9, partenza per il soccorso, gratuito e aperto a Maria Grazia Moretti, autrice successivamente ai corsi XXIV trofeo Coop, nell’ambito tutti, per imparare cosa fare e dell’icona raffigurante presso la scuola, sconto di 10 del XX trofeo Martiri Valibona, non fare in caso di incidente. l’Arcangelo Gabriele, che sarà Sesto F.no/ euro sull’iscrizione annuale. XXXII trofeo Sanmartinese e Presentazione e inizio corso il consegnata al vincitore della Calenzano IX trofeo Enrico Camangi. La 10/1, alle 21.15, nella saletta lotteria organizzata nell’ambito Ad alta voce Provincia manifestazione comprende delle riunioni del Comune di delle iniziative per Il Cuore si Dal 7/1, alle 18, al di Firenze una gara podistica agonistica Certaldo, in via 2 giugno. scioglie, per illustrare la storia, Laboratorionove House, in via di 15 km a categoria unica i Iscrizioni Cri Certaldo, le tecniche e la simbologia Matteotti 88, corso di lettura interamente pianeggiante via XX settembre, 0571667034, relative a questa antica ad alta voce. Dieci incontri (2 Barberino e una passeggiata ludico- cl.certaldo@cri.it tecnica pittorica. ore ciascuno) per apprendere di Mugello i segreti della “lettura ad alta La buona voce” e poter poi così mettere a u comunicazione I soci in video Le attività delle sezioni soci sul canale Youtube disposizione la “propria arte” e Dall’ultima settimana di di Unicoop Firenze (http://www.youtube.com/unicoopfirenze)! il proprio tempo per un progetto gennaio a marzo la sezione Nella playlist “Socialità” di “letture solidali”, a gruppi soci Coop, con la dott. tanti video delle iniziative sul territorio. o a domicilio, per regalare o Gennaio 2013 - Informatore - 25
  • 26. So un sorriso o essere di aiuto a chi un libro o un articolo di recapito al punto informativo delle rispettive sezioni soci Siena Sono come tu mi vuoi di cucina “Pesce povero in tavola”. Quattro incontri, il giornale lo può solo ascoltare. Coop. Un responsabile della e provincia Il 18/1, alle 17, nella sala martedì dal 19/2, dalle 19.30 In collaborazione con la sezione Compagnia consegnerà soci Coop di Siena Grondaie alle 23, presso l’Istituto soci Coop, la Biblioteca E. i biglietti a domicilio agli Siena incontro con Perla Mansholt e alberghiero. Costo soci Ragionieri e la Società per la interessati. Il teatro Giammarco Bonsanti, psicologi Unicoop Firenze euro 100; Biblioteca Circolante. della memoria clinici e psicoterapeuti del non soci euro 125. Min. 30 Info: 055445041 Continua la rassegna di Centro psicologico e logopedico partecipanti. Mercatino Tavarnelle V.d.P. teatro civile “Il Teatro Oltreleparole, per riflettere sulle i Iscrizioni box solidale Ci si a Tavarnelle! della Memoria”, proposta tematiche dell’individuo nella informazioni Coop via delle Dal 3 al 6/1, al Centro*Sesto, Il 13/1, dalle 15, l’associazione da Aresteatro con le coppia e sulla vita di relazione, Pleiadi 11/13, 0574547999 mercatino solidale dei Ciincontriamo con Pitstop Stanze della memoria di che possano influenzare PC e internet giocattoli usati. Il ricavato Modellismo organizzano una Siena - Istituto storico della l’autostima e il concetto di sé. Corsi d’informatica con andrà a Il Cuore si scioglie. In gara con modellini di auto Resistenza senese e dell’età il Laboratorio Archimede collaborazione con la sezione da corsa, Mini 4wd Tamiya, contemporanea, Anpi e nella saletta soci Coop del soci Coop e il patrocinio di nei locali del centro giovani la sezione soci Coop. Gli Colle di Val d’Elsa Parco*Prato. Corso base SestoIdee. Rovai a Tavarnelle, di fronte spettacoli andranno in scena Foto che passione d’informatica: sei lezioni Dolci lezioni all’inCoop. Partecipazione l’11, il 24 e il 25 gennaio e l’8 Nuova edizione del corso il giovedì, dalle 10 alle 12, Il 7-14-21 e 28/1, dalle 21 alle gratuita. Merenda con pane e febbraio nelle stanze della base di fotografia tenuto dal 28/2. Corso di Internet: 23, corso base di pasticceria cioccolato! Memoria, via Malavolti 9, da Càrola Ciotti e Federico sei lezioni il giovedì, dal a cura del pasticcere Antonio Magonio, fotografi 7/3, dalle 14.30 alle 16.30. Pistoia con la direzione artistica di Sozzi nei locali del ristorante Francesco Burroni. professionisti e collaboratori Max. 12 persone per corso. pizzeria La Giara, presso la Per ricordare episodi dell’“Informatore”. Sei lezioni Costo (compreso materiale Casa del popolo di Calenzano. Pistoia Costo euro 50, di cui 10 I Caffè andranno a Il Cuore si scioglie. della riparazione i La Giara, via Puccini 79, Il 25/1, dalle 9 alle 12 e dalle 0558876494; 15 alle 18, all’ingresso della Simona 3398742430, Coop di Pistoia, in viale Adua, simonasquilloni@virgilio.it dimostrazione dei lavori realizzati dalle socie della cooperativa sociale Manusa, Coverciano/ una quindicina di donne Rifredi (Firenze) che creano capi di moda Buonumore partendo dall’utilizzo e dalla in scena  riparazione di materiale usato. Le sezioni soci Coop di Nell’occasione le signore Firenze nord est e Firenze presenteranno i loro Caffè della nord ovest presentano la riparazione, i laboratori creativi Compagnia teatrale amatoriale di riparazione manuale che si "La Banda del Buonumore", terranno nello spazio soci Coop un gruppo di persone fra il 6-20/2 e il 6-20/3, dalle 16 attori, cantanti e tecnici, che alle 18. Durante gli incontri, i hanno deciso di unire la partecipanti potranno portare loro passione per il teatro un loro capo e, con l’aiuto delle Colle di Val dElsa G.c. studio underground teorico-pratiche, dal 14/1, il didattico) soci Unicoop lunedì, alle 21, nella sala soci Firenze euro 80; non soci 120. in via Diaz 31, a Colle. Costo i Iscrizioni Laboratorio euro 140 soci Unicoop Firenze Archimede, via Roncioni 4 Prato, (150 non soci). In programma 0574607985, a primavera anche corsi dal martedì al giovedì, introduttivi all’elaborazione 10-12 e 16.30-18.30. delle immagini digitali e corsi Per lo sconto presentare di camera oscura tradizionale. la propria tessera socio i Iscrizioni 0577920684 Unicoop Firenze (mar.-ven. 18-19.30) o 0558076411, ore ufficio; Lucca www.studiounderground.it Lucca Firenze Coverciano Rifredi alla solidarietà. Il loro nuovo Pistoia signore di Manusa, ripararlo della storia più recente e, Prato Lezioni di cucito Parte il 15/1 il corso di cucito spettacolo di beneficenza in modo originale, unendo alle attraverso di essi, ripensare Prato nella sala soci alla Coop di via comico-musicale dal titolo tecniche tradizionali metodi e epoche e situazioni irrisolte, Povero in tavola Romana, loc. Arancio, con "Ridendo e scherzando Show idee innovative. ricordando gli uomini e le La sezione soci Coop, con l’ass. Over 50, per principianti 2013" si terrà domenica 27 i punto soci Coop donne protagoniste di storie l’Istituto alberghiero F. Datini ed esperti che vogliano gennaio, alle 16.30, presso il sez.pistoia@socicoop.it locali e della storia nazionale. di Prato, organizza il corso migliorare la loro competenza. Teatro Don Vigano, in via Manni, Il corso proseguirà fino a e domenica 24 febbraio, alle marzo, con orario: I gruppo, 16.30, presso il Teatro Sancat, Foto in tutte le pose Sul nostro sito gallerie fotografiche martedì 15.30-17.30; II gruppo, in via del Mezzetta, a Firenze. delle ultime iniziative delle sezioni soci Coop martedì 17.30-19.30. Per prenotare i biglietti: lasciare www.coopfirenze.it/sezionisoci/sezioni i 0583316316; il proprio nome, cognome e 3398990810 26 - Informatore - Gennaio 2013
  • 27. DomEniCa 20 GEnnaioPisa cascina monumentale alla pittura da salotto. Al Museo Fattori i quadri di Fattori e di altri Macchiaiolie provincia lezioni e Post-Macchiaioli. La visita Di fotografia iL compLesso prosegue con la mostra “Unpisa Dal 22 gennaio al 26 marzo, domenicano livornese al servizio dell’arte. Isi balla! XI corso base di fotografia Prezzi, info e prenotazioni di santa maria ritratti di Mario Borgiotti”.Da gennaio, alla scuola per i soci Unicoop Firenze 0555001495 noveLLaBigdanceschool, al Circolo nella sede di 3c Cinefoto info@ttctoscana.com. ore 14 • Basilica MontecatiniArci di Putignano Pisano, in Club Cascina Silvio Barsotti, dal lunedì al venerdì di Santa Maria Novella Terme (Pt)p.za XXV aprile, sconto per i in via Lungo le Mura 155. Il ore 9-17 (attivo Il complesso domenicanosoci Unicoop Firenze per tutti corso si svolgerà il martedì, anche sabato 19 gennaio) di Santa Maria Novella, uno Una nUova “casa”i corsi di ballo compreso un dalle 21.30 alle 23.30, e dei più importanti e ricchi per mirÒ & cocorso per bambini. prevede anche due momenti Firenze della città, in cui è possibile ore 15.45 • Gradinatai Paola 3486533679, di ripresa in esterno in luoghi ammirare i lavori dei maggiori del Municipio, Viale Verdi3358142429; www.bigdance.it da definire. Costo euro 70, gironzoLando artisti fiorentini del ‘300. Visita al nuovissimo MOCA più un contributo di euro 10 tra Le coLLine Montecatini Contemporary che andranno a favore delle ore 9 • piazza delle Signoria, iL mUseo Art, la prima galleria civicacaLci attività de Il Cuore si scioglie. sotto al Perseo Ferragamo dedicata interamente all’artecorsa Per il cuore I partecipanti dovranno A piedi dal centro di Firenze marYLin monroe contemporanea.Forte del successo dello possedere un apparecchio gironzolando tra le colline ore 15 • Hard Rock Cafescorso anno (ben 1800 fotografico possibilmente intorno al Piazzale, fino a via Brunelleschi 1, presso Pisapartecipanti!), si rinnova il munito di libretto d’istruzioni. piazza Santo Spirito e “La piazza della Repubblica20/1 l’appuntamento con la All’inizio del corso sarà Fierucolina”. La mostra documenta l’intero miracoLo a pisa: arco di attività di Salvatore iL medioevo iL paLazzo Ferragamo e il suo rapporto ore 10.30 • Sotto la Lupa davanzati con la grande diva. (dietro la Torre pendente) ovvero Una casa Percorso in forma ludica sulle di 600 anni Fa Una scULtrice tracce della Pisa medievale, ore 9.45 • Hard Rock Cafe romantica letta attraverso il celebre via Brunelleschi 1, presso da parigi a Firenze complesso di monumenti sorti piazza della Repubblica ore 17 • Libreria delle Donne intorno alla Cattedrale. Visita affabulata per bambini via Fiesolana 2/B su usi e costumi dell’abitare Félicie de Fauveau: una Prato nei secoli. scultrice romantica da Parigi a Firenze. Conferenza di Silvia doLce prato casa bUonarroti: Mascalchi, con proiezione di ore 13 • Teatro Magnolfi iL genio materiale iconografico. Nuovo via Gobetti, 79 di micheLangeLo Con tutta la famiglia al ore 12 • via Ghibellina 70 Livorno Magnolfi Nuovo, gustando Luogo della memoria e della piatti di cucina tradizionale celebrazione del genio di L’acQUario toscana e divertendosi a Michelangelo. Due celebri di Livorno preparare con i bambini i capolavori: la Madonna della sveLa i segreti cantuccini di Prato. scala e la Battaglia dei centauri. ore 14.45 • Acquario di Calci Livorno, Terrazza Mascagni Siena L’accademia deLLa (Viale Italia) crUsca e i segreti Acquario di Livorno: un tuffo iL santa maria degLi accademici virtuale alla conoscenza di deLLa scaLa Una ore 11 • Accademia della mondi sommersi. A fine tour la cittÀ neLLa cittÀ Crusca, Villa Medicea di “merenda del surfista”. ore 11 • Complesso Museale Castello - Via di Castello 46 di Santa Maria della Scala Una visita guidata nella visita aL mUseo piazza Duomo 1 sede dell’Accademia della ebraico YeshivÀ Un grande complesso Crusca che si concluderà nel marini di Livorno che conserva integre le meraviglioso giardino della ore 16 • via Micali, 21 testimonianze di più di mille Villa Medicea di Castello. In attesa del Giorno della anni di storia, restituendo una Memoria, visita al Museo splendida sintesi della città. anni ‘30 arti ebraico Yeshivà Marini di in itaLia sotto Livorno che, durante le leggi Volterra (Pi) iL Fascismo razziali del 1938, si trasformò Cascina Foto c. valentini ore 12 • Palazzo Strozzi in una scuola ebraica. maestroV edizione del trofeo Il Cuore consegnata la tessera Piazza Strozzi d’aLabastrosi scioglie, la manifestazione d’iscrizione al Club per l’anno Tutti gli stili e tutte le tendenze mUseo Fattori per Un giornopodistica ludico-motoria di 2013, mentre al termine dell’Italia degli anni 30: dal e granai ore 15 • Teatro Romanokm 6-12-18, che si svolgerà sarà consegnato un diploma classicismo al futurismo, di viLLa mimbeLLi piazza Caduti Martiriancora a Calci, con partenza di partecipazione. Max. 20 dall’espressionismo ore 16.30 • Museo G. Fattori dei Lager Nazistidal municipio, lungo un partecipanti. all’astrattismo, dall’arte via S. Jacopo in Acquaviva 71 A contatto con l’alabastro e lapercorso che toccherà i i Iscrizioni box informazioni sua tradizione attraverso unprincipali monumenti del ipercoop di Navacchio o tour tra le botteghe artigianeterritorio. Arrivo nel centro del Coop di Cascina, Casciavola, Seguici sul sito Tutto il programma su del centro storico. Divertentepaese, in via Roma. Il ricavato Calci, Uliveto Terme entro www.ildidifesta.it il laboratorio e degustazionedelliscrizione andrà alla il 15/1. Prevista anche una dell“osso di morto”, il tipicoFondazione Il Cuore si scioglie. seconda edizione nel 2013 dolce volterrano. Gennaio 2013 - Informatore - 27
  • 28. _Audioclinic_Informatore_Adattamento_21x28.7.indd 1 07/12/12 10.12
  • 29. SolidarietàE laborazione del lutto. Dipendenze Auto Aiuto sizione spesso da un circolo o dalla Insieme da droghe, da internet, shopping parrocchia, ma anche da associa-compulsivo, salute mentale, stress, zioni, dagli stessi comuni o ospedali.ansia e panico. Sono alcuni dei pro- In Toscana ci sono circa duecento è meglioblemi che vengono affrontati dai gruppi di auto aiuto, la maggiorgruppi di auto aiuto toscani. Sono parte dei quali operano nella pro-gruppi informali che si creano in vincia di Firenze (anche a Pisa c’èmodo spontaneo per affrontare delle una importante realtà sul disagioproblematiche diffuse. Gli incontri Gruppi di sostegno per affrontare mentale, l’Associazione l’Alba di Pisa,avvengono separatamente fra i por- insieme i problemi di dipendenza e salute nata all’interno della clinica psichia-tatori del problema e i familiari. mentale e del disagio in generale. trica), che coinvolgono circa 1600 «Sono gruppi formati da 12-15 In Toscana una rete che riunisce 200 gruppi persone. Dal 1996 si sono uniti inpersone - spiega Prossimi appuntamenti incontri anche di rete dando vita all’Associazione co-la dottoressa Il 26 gennaio, a Firenze, si svolgerà la semplicemente Rossana de Caro ordinamento regionale toscano deiRomina Raspini, giornata sull’auto aiuto, presso per ascoltare le gruppi di auto aiuto che ha il compitodel Coordina- l’Accademia Colombaria in via esperienze altrui di sensibilizzazione e di promozionemento Regio- Sant’Egidio 23. A Montevarchi, il 9 senza parlare. dei gruppi, oltre che di rappresentarli marzo, alle 16, presso il Centronale dei gruppi Sociale La Bartolea, in via dei Mille 3, «L’auto aiuto ci e tutelarli. La rete serve inoltre adi auto aiuto in si terrà un incontro su “Stress e riporta in una di- veicolare informazioni su iniziativeToscana -; gli in- ansia”, in collaborazione con Unicoop mensione spazio- e incontri.contri durano in Firenze, sezione soci di Montevarchi temporale che i Coordinamento regionale toscanogenere un’ora e spesso la nostra dei gruppi di auto aiutomezza e le persone si confrontano e società ci toglie - afferma la dottoressa L’inteRvistata 0552741519 – 3470460767condividono esperienze comuni. Non Raspini -, ridando valore al silenzio, Romina Raspini, info@autoaiutotoscana.orgesiste una figura professionale che all’ascolto dell’altro, al prendersi cura psicologa www.autoaiutotoscana.orgguida gli altri, ma solo un “facilita- delle nostre fragilità, con piccoli passi,tore” che può essere anche un profes- con delicatezza e premura. Sono co- Auto Aiutosionista, ma non esercita al momento munque percorsi individuali che unodegli incontri, ha solo il compito di inizia e finisce quando vuole, in piena Nel Valdarnofacilitare la comunicazione. Infatti libertà. Un percorso spesso lungo e Dal 2008 il Coordinamento regionale dei gruppi di autonon si seguono metodologie psico- difficile, che restituisce alle persone aiuto è attivo nel territorio del Valdarno con azioni di sensibilizzazione, formazione, avvio di nuovi gruppi dilogiche o regole particolari. Ognuno fiducia in se stessi. E alla fine si può auto aiuto. Negli ultimi 3 anni, grazie al sostegno delracconta la propria esperienza di vita decidere di mettere a disposizione Comune di Montevarchi e di molte associazioni e gruppiquotidiana. Le tematiche sono tante e degli altri la propria esperienza per- del territorio, sono stati attivati un gruppo per caregiverstoccano tutti i settori del disagio: dalle sonale. Facciamo anche dei corsi di di persone non autosufficienti, un gruppo per familiari didipendenze alla salute mentale, alla formazione, una volta l’anno, per persone con disagio mentale, un gruppo per l’elaborazionedisabilità, alle malattie croniche alle facilitatori di comunicazione». del lutto. In Valdarno, oltre a questi, esiste un gruppopatologie del dolore». Condivisioni Gli incontri possono avvenire da sull’ansia e depressione a Figline Valdarno, uno per genitori con figli tossicodipendenti a San Giovannisemplici, e in cambio si ha un sostegno una volta alla settimana a una volta Valdarno, uno per familiari di persone disabili a Figlinepratico come uno scambio d’informa- al mese a seconda delle possibilità e Valdarno, uno sui disturbi d’ansia e attacchi di panico azioni, o essere accompagnati a una delle esigenze dei partecipanti. E si Montevarchi, uno per famiglie affidatarie a Figlinevisita medica. Si può partecipare agli svolgono nelle stanze messe a dispo- Valdarno. Gennaio 2013 - Informatore - 29
  • 30. a cura di Antonio Comerci Le letterePer un giorno Da un’indagine condotta negli tra correre il rischio di urtare lain meno… ultimi anni nelle scuole italiane sensibilità di persone attenteIeri sera ho fatto la spesa dal Ministero del lavoro e da o arrivare con un’immaginepresso il negozio Coop. quello della Salute, coordinata chiara alla massa di genitori,Avevo in testa l’offerta di line i prodotti sprint? limiti del commercio equo e dall’Istituto superiore di sanità, propendiamo per quest’ultimouno dei numerosi volantini Maria Luisa Cevolani - solidale, che speriamo di poter nell’ambito del progetto “Okkio comportamento. Inoltre ladelle promozioni e ricordavo Firenze superare con il tempo.  alla salute”, è risultato che scelta di un’immagine di unquella sulla pasta Gragnano 4 genitori su 10 di bambini gioco di movimento ha lo(cofanetto al 50% di sconto). Queste iniziative costano e Tonno rosso sovrappeso, non ritengono scopo di stimolare soprattuttoMetto il cofanetto nel carrello, cerchiamo di fare di tutto Si sente parlare in che il proprio figlio abbia un i genitori a favorire giochi attivicompleto i miei acquisti, perché non pesino troppo continuazione del rischio peso eccessivo e sembrano per i loro figli».pago ed esco dal punto sulla gestione. Inoltre la nostra d’estinzione, ma si continua avendita. Oggi dò un’occhiata iniziativa “Salva il tuo pianeta” vedere il tonno sui banchi deiallo scontrino e vedo che comprende la realizzazione supermercati, Coop compresa.il cofanetto di pasta è a di progetti per l’ambiente, in È possibile una moratoriaprezzo pieno. Faccio le mie questo caso con il Wwf, che unilaterale da parte vostraverifiche e scopro che è tutto hanno un costo e bisogna con conseguente blocco Solidarietà in festacorretto: l’offerta comincia da mettere in conto anche questo. delle vendite del tonno fresco Ecco alcune immagini dell’incontro aoggi!! Desidero però rilevare Nella precedente iniziativa perlomeno nei supermercati novembre presso l’Obi Hall di Firenze. Cielementi di “scorrettezza”. abbiamo versato 200.000 Coop? Se il tonno continuerà a sono le delegazioni della Compagnia delNon credo che Unicoop abbia euro per “l’ospedale degli essere consumato con questi Cuore, che hanno incontrato la nostrabisogno di questi mezzucci animali” di Semproniano del ritmi, si estinguerà entro il gente in numerosi incontri in tutta lae sono propenso a credere Wwf. Comunque nel decidere secolo. Toscana. Ed è stata presentata lain una concomitanza di il minimo di spesa di 15 euro, Walter P. – campagna di raccolta fondi per i sostegnidisattenzioni... abbiamo valutato che la Castiglion Fiorentino (AR)Giuliano Leoni – Firenze gran parte di clienti avrebbe a distanza e i progetti della Fondazione Il ricevuto in due mesi tutte le Dal 2004 Unicoop Firenze non Cuore si scioglie Onlus.Come dice il socio c’è stata figurine, senza forzare sugli vende nelle proprie pescherie iluna concomitanza di problemi acquisti. I prodotti sprint sono tonno rosso (Thunnus thynnus),(non disattenzioni). L’offerta è già on line: nella prima pagina pesce a rischio estinzione, diun “Sottocosto” e per legge del sito, sulla colonna di destra, provenienza mediterranea.può essere fatta solo per ci sono i depliant “Conviene” di Unicoop Firenze vende filettidieci giorni effettivi. Dato super e ipermercati; cliccando di Tonno pinne gialle di altreche le nostre offerte sono di “sfoglia on line” oppure provenienze che non hanno15 giorni c’è una differenza “scarica pdf”, si può sapere questo problema.di date che purtroppo non quali sono ogni 15 giorni idipende da noi. Per poter prodotti sprint. Bimbi offesiaprire la domenica mattina Ho fatto caso all’immagineabbiamo disponibilità limitate Senza zucchero che avete scelto come simbolod’orario e personale, quindi Da diverso tempo aspetto di per consigliare ai bambini unalcuni supermercati sono ritrovare fra gli scaffali dei uso moderato di certi prodotticostretti ad avvantaggiarsi punti vendita lo zucchero di che possono comportare unil sabato pomeriggio. Nel canna integrale a marchio rischio di obesità. Il simbolo Foto m. DAmatocaso delle offerte normali, si Solidal Coop. A mia richiesta, il in questione è un bambinoprogrammano le casse con i personale di due punti vendita, grasso stilizzato dalla parte sottovalutare il problema. Per Meglio alla cassaprezzi dell’offerta, già il giorno dopo essersi informato, mi bassa di un’altalena, all’altro questo abbiamo voluto dare Con la presente vorreiprima. In modo che un cliente ha riferito che per il momento lato della quale (quella che sta un contributo alla lotta contro segnalare che l’“Informatore”disattento comunque abbia il vi erano “problemi” con il in alto) ci sono due bambini obesità e sovrappeso infantile spesso mi arriva in ritardo;prezzo dell’offerta. Nel caso fornitore ma presto il prodotto “normali”. Non so se avete con le etichette dei prodotti questo non mi permette didel Sottocosto, dato che c’è sarebbe ritornato sugli scaffali. un’idea di cosa voglia dire per Club 4-10 Coop destinati ai poter usufruire delle varieuna legge da rispettare, non Purtroppo sono trascorsi molti un bambino essere grasso bambini. La nostra iniziativa è offerte ivi riportare a tempopossiamo dare questo anticipo. mesi e lo zucchero integrale, a ed essere preso in giro dai stata condivisa da un Comitato debito. Penso che il giornalinoComunque la soluzione è cui faccio riferimento, non è compagni. Spesso i bambini scientifico con due autorevoli dovrebbe pervenirci alcunisemplice: basta riportare ancora reperibile. Premesso grassi nemmeno vanno a società scientifiche di livello giorni precedenti il mese cuila confezione integra al box quanto appena detto, chiedo giocare sull’altalena per evitare internazionale e nazionale, fa riferimento. Pensate che siainformazioni e si avrà un buono di sapere se (e quando) scene come quella raffigurata che supervisiona l’intero possibile ottimizzare i tempiper l’importo speso, dopodiché effettivamente sarà di nuovo con relative risate generali. progetto. Alla dottoressa di invio?si può comprare la pasta con acquistabile tale prodotto. Non vi sembra crudele usare Marina Cammisa, pediatra e Antonella Stefanacci –lo sconto. Anna Gennaro – un’immagine del genere? Dal membro della Commissione Campi Bisenzio (FI) Monsummano Terme (PT) momento che le merendine abbiamo chiesto un parereTroppa spesa le comprano i genitori (che si riferito alla mail della socia. È tanto che non ricevevamoProtesto perché date le La produzione di questo tipo spera sappiano leggere), non «Abbiamo pensato molto, lettere di questo genere! Lafigurine con ben 15 euro di zucchero non è sufficiente basta una semplice avvertenza prima di adottare l’immagine nostra rivista viene portatadi spesa, quando altri a garantire con continuità la scritta senza tante illustrazioni sulla confezione di alcuni alla posta alcuni giorni primasupermercati le danno con 10 presenza nei nostri scaffali umilianti? prodotti destinati all’infanzia. del mese di diffusione: ineuro. Inoltre potete mettere on durante tutto l’anno. Sono i Daniela Giani – E mail Anche noi abbiamo temuto questo caso il numero di di mancare di rispetto ai settembre è stato portato alla Errata corrige. 19 e non 18 è nato nel nostro Paese può anno dal compimento dei 18 bambini. Alla fine abbiamo posta il 24 agosto. L’arrivo è optato per una immagine determinato dall’efficienza Nell’“Informatore” di ottenere la cittadinanza anni. Ci scusiamo con Charo e che, attraverso l’invito al gioco, dell’ufficio postale di zona. dicembre a pag. 5 nell’articolo italiana, richiedendola entro i lettori e ringraziamo il socio fosse di impatto per i genitori Per questo abbiamo attivato Il Cuore anche in Toscana, il diciottesimo anno d’età. In Marco Chietti di Calci che ci (responsabili di acquisto). anche la distribuzione presso Charo Galura dichiara che chi realtà lo si può fare entro un ha segnalato l’inesattezza. Quando dobbiamo scegliere i nostri supermercati, potendo30 - Informatore - Gennaio 2013
  • 31. garantire così la massima è il caso della socia e ce ne con il comandante della Polizia eccezione dei cani guida dei bella confezione si presentapuntualità: il numero di dispiace. municipale, il quale mi ha non vedenti e i cani di piccola bene per il produttore (tantosettembre, ad esempio, è assicurato che non è vero. taglia contenuti all’interno la paga il consumatore), mastato distribuito dal 27 agosto Ancora sui cani Non sono per nulla concorde di apposito trasportino. Tale spesso il contenitore costae in tre giorni è stato quasi Devo esprimere il mio sull’essere permissivo. Chiedo indicazione è stata comunicata quanto il contenuto, e poi c’ètutto consegnato. Con questa rammarico per quanto visto pertanto che sia aumentata anche ai sindaci dei comuni lo smaltimento. So bene chedistribuzione sono migliorate stamattina alla Coop: un la vigilanza in maniera che gli dove siamo presenti. Questo dietro al settore imballaggianche le consegne per posta, signore stava uscendo con animali non entrino nemmeno episodio ci rafforza nell’idea c’è un’industria, ma oraperché i postini hanno meno al guinzaglio un cane di in galleria. che non ha senso dividere i mi sembra che esagerino.copie da portare a casa. media/piccola taglia che, Roberto Casini – clienti fra amici dei cani e non, Quando torniamo dalla spesa,Evidentemente questo non fermatosi alla porta, ha fatto Pontedera (PI) ma fra educati e maleducati. il volume dei contenitori è ben superiore ai prodotti utili. Fotocopie no Roberto Borghi – E mail Alcuni giorni fa sono stato come di consuetudine a fare Che l’imballaggio sia uno un po’ di spesa e, essendomi dei punti strategici su cui dimenticato di passare la carta intervenire in un’ottica di socio, sono andato al bancone sostenibilità ambientale, visti centrale per l’accredito dei i notevoli volumi interessati, è punti. La signora adibita a ben noto a Coop. La nostra questa mansione mi ha preso strategia sull’ambiente si letteralmente a pesci in faccia snoda lungo due direttrici perché avevo la “copia” della strategiche: la riduzione a tessera socio. Gli spiegavo monte del consumo di risorse che l’originale era in borsa (materiali, consumo di energia) della mia signora e che spesso e la riduzione a valle della anche lei fa la spesa. Non mi produzione di rifiuti. Ovviamente, sembra di avere rubato niente non sempre è possibile, ma va per una fotocopia; è solo per individuata la migliore soluzione Foto m. DAmato una questione di praticità. in funzione delle caratteristiche Giacomo Ferro – Arezzo del prodotto, partendo dalla progettazione del prodotto La carta socio è personale, stesso. utilizzabile unicamente dal Chiaramente nel prodotto socio di Unicoop Firenze. Non a marchio Coop possiamo è ammesso l’utilizzo delle ottenere i migliori risultati. A carte fotocopiate, neppure da oggi infatti sono circa 800 i parte del titolare. Comunque ci prodotti Coop in assortimento siamo scusati con il socio per che si distinguono per il loro non essere stato trattato con la plus ambientale e fra questi dovuta cortesia. circa un centinaio sono prodotti sui quali sono stati effettuatiFoto m. DAmato Foto m. DAmato Confezioni interventi sull’imballaggio. una spruzzatina di urina L’ingresso dei cani nei locali extra large Altrettanto impegno andremo sull’anta scorrevole ed è aperti al pubblico (galleria Ho acquistato le pizze di a investirlo nei prodotti dei subito tornato indietro verso commerciale) è consentito e Cereitalia. Le pizze erano fornitori locali con i quali la galleria. Mi sono fermato noi non possiamo impedirlo. buone, però il peso/volume vorremmo in futuro raggiungere al box accoglienza, ma mi è Mentre per i supermercati, dei contenitori era ben gli stessi risultati. Il problema stato riferito che il comune la cooperativa ha deciso superiore al contenuto!!! Così sono i grandi fornitori nazionali permetteva l’ingresso ai cani di vietare l’ingresso ai cani in genere è per i cioccolatini che difficilmente si fanno di piccola taglia. Ho parlato all’interno dei propri locali, ad e i prossimi dolci natalizi. Una condizionare da noi. Gli articoli più letti nel web _ Regali con giudizio _ Dalla parte degli animali Dall’Informatore on line di dicembre Idee e proposte per Natale Il calendario 2013 di Unicoop Firenze www.coopfirenze.it/informazioni/informatori _ Sei un mito _ Pranzo di Natale Tradizione e curiosità sull’albero di Natale Un menu economico con prodotti in offerta Gennaio 2013 - Informatore - 31
  • 32. EventiC ostruito nel 1911 dai soci della firenze nota negli anni ’70 e con la quale Un teatro centenaria Società di Mutuo Savelli e altri hanno lavorato), è ilSoccorso di Rifredi, che ne sono tut- direttore stabile del Teatro di Rifredi, etora i proprietari, ha attraversato il un pezzo della sua storia. «Rifredi ha di gusto!fascismo (non senza qualche danno), sempre fatto un teatro molto comuni-è stato importante luogo d’aggrega- cativo, legato al contemporaneo – rac-zione giovanile dedicato al cabaret conta - si è sempre occupato di temie alla pantomima (dai Giancattivi forti, anche dal punto di vista sociale ea Dario Fo, a Carlo Verdone, a Yves L’SMS Rifredi, una lunga storia. politico; ma ha sempre avuto la vogliaLebreton), ha conosciuto una fase di Spettacoli per tutti e prezzi popolari di far ridere, di divertire, di raccontaredeclino trasformandosi in discoteca storie che arrivassero a tutti, e questae luogo di intrattenimento danzante, nomico, arrivano a darci quanto ci di poetica della compagnia non è maied è infine rinato, alla metà degli arriva dagli incassi, parliamo di oltre edi ferrari cambiata. Sono cambiati i tempi sto-anni ’80, grazie a radicali lavori di ri- 260/270.000 euro l’anno. Non sono rici quindi i temi si sono adeguati: mastrutturazione e all’affidamento della pochi proprio perché facciamo tanto lo spirito, l’idea di un teatro non comedirezione artistica ed organizzativa pubblico e la politica è sempre stata letteratura, chiacchiera ma comealla compagnia Pupi e Fresedde. quella di far sì che il costo del biglietto evento, è sempre rimasto. E un pub- blico curioso di questo tipo di te- atro, c’è sempre stato: c’era 30-35 anni fa quando siamo nati e c’è ancora oggi. Noi c ont i nu ia mo a parlare a chi vuole, al di là delle etichette, un teatro piace- Giancarlo Mordini vole che però non sia futile, che Il fiorentino Teatro di Rifredi oggi parli dell’uomo,vanta circa «33.000 spettatori l’anno, del mondo che ciil che vuol dire che è uno dei teatri ai sta intorno e loprimi posti nelle classifiche dell’Agis a faccia senza pre-livello nazionale, rispetto ovviamente clusioni inven-alla capienza della sala, cioè 300 po- Ultimo Harem tandosi di voltasti», sottolinea con soddisfazione il in volta le forme i SoCi UniCooPdirettore artistico Giancarlo Mordini. firenZe e i modi per raccontare». Una stagione, quella in corso hanno diritto A gennaio (dal 17, e fino al 3 feb-all’insegna del «piacere del teatro, all’ingresso ridotto braio) va in scena uno degli spettacoliquel ‘gusto’ che si prova ad uscire di per gli spettacoli ai quali entrambi sono più affezionati, domenicali disala soddisfatti, appagati nei sensi tutta la stagione. L’ultimo Harem. Un vero e proprioprima ancora che nel cuore e nella cult, «lo spettacolo più rappresentatomente, senza rimpianti per aver tra- a Firenze dal dopoguerra» dice Mor-dito il divano di casa, essere usciti e a- dini, 9 anni di repliche e migliaia diver pagato un biglietto, desiderosi solo spettatori, «gente che viene da tuttadi ripetere il prima possibile un’espe- Italia, qualcuno lo ha visto 3-4-5 volte.rienza simile», dice ancora Mordini. A volte in questa città c’è un po’ di sno- A proposito di biglietti, quelli di bismo, sembra che manchino le coseRifredi sono veramente prezzi popo- Angelo Savelli importanti: invece questo successo,lari, come fate ad andare avanti? «È una grande attrice internazionaleda sempre la nostra politica culturale e, non diventasse un ostacolo». come Serra Yilmaz che torna appostanonostante i prezzi bassi, il nostro pub- Angelo Savelli, uno dei fondatori tutti gli anni, sono la dimostrazioneblico è il più importante contributore della Compagnia Pupi e Fresedde che anche piccoli teatri possono pro-del teatro. Né il Ministero né la Regione (trasposizione in pugliese di “Bread durre qualcosa di importante».Toscana, che sono i due più importanti and Puppet” - ossia “pane e pupazzi” – i 0554220361,sostenitori da un punto di vista eco- compagnia teatrale americana molto www.teatrodirifredi.it34 - Informatore - Gennaio 2013
  • 33. Mondo Coop dro Furiesi, direttore della Cattaneo, e musiche originali media Che banda alla locanda SCANDiCCi Pinacoteca e museo civico, eseguite dal vivo da Enrico dove il locandiere Arturo tiene aUroradisera Fabrizio Burchianti, direttore Fink. Per i soci Unicoop Firenze testa a una combriccola diD al 26 gennaio al 21 marzo torna al Teatro Aurora diScandicci la rassegna “Au- del Museo etrusco Guarnacci. La serie di piccoli semi- nari avrà inizio, mercoledì 6 biglietto ridotto agli spettacoli, euro 10. Inoltre, con la sezione soci Coop: nel foyer del teatro faccendieri in una serie infinita di gag. La rassegna si chiude con Missione da i’ paradiso,roradisera”, IX ed. Quattro febbraio per concludersi nella lo scaffale del bookcrossing, una commedia dal sottofondospettacoli all’insegna dell’in- seconda metà di aprile. Sa- dove ognuno potrà portare o misterioso per la ricomparsatelligenza e del divertimento. ranno ammessi al massimo prendere un libro, un modo dell’anima del consorte dellaProtagonisti, Veronica Pivetti, 50/55 partecipanti. diverso per promuovere il pia- protagonista. All’ingressosabato 26 gennaio con Tête Grazie alla disponibilità cere della lettura; prima dello sarà offerta una degustazioneà tête passioni stonate, URGE dei relatori e al contributo spettacolo serale, cena a tema a cura dei fornitori di Unicoopdi Alessandro Bergonzoni della Unicoop Firenze – se- al ristorante pizzeria La Giara Firenze.(sabato 23 febbraio), La belle zione soci Volterra, la parteci- presso la Casa del popolo di Biglietti presso il Box Of- pazione è gratuita. Agli iscritti Calenzano al prezzo speciale fice: 10 € - 5 € ragazzi fino a 12 verrà richiesto un contributo di euro 15. anni. www.ilcuoresiscioglie.it di euro 10, in occasione del i Teatro Manzoni, primo incontro, da devolvere via Mascagni 18, interamente in solidarietà alla Calenzano, prenotazioni FiRENZE Caritas diocesana di Volterra 0558877213; teatro. mUseo, mUsica per il tramite della Fondazione donne@libero.it. e sapori Il Cuore si scioglie Onlus. Le iscrizioni al corso po- tranno essere raccolte presso Prevendita circuito box office, www.boxol. it o Teatro Manzoni C ontinua l’appuntamento con il “Tempio delle Muse”, la rassegna di concerti che si l’Ufficio informazioni della Pro svolgono la domenica mat- dal lun. al ven., 10-14. Alessandro Bergonzoni Volterra, in piazza dei Priori Orario biglietteria tina a ingresso libero pressojoyeuse con Anna Bonaiuto 10 o tramite il sito Internet del teatro: dalle 20 le varie sezioni del Museo di(sabato 9 marzo) e L’Ottimista G.A.V.V. – www.gruppoarche- storia naturale dell’Universitàdi Leonardo Manera (giovedì ologicovelathri.org. di Firenze. A gennaio i concerti21 marzo). FiRENZE sono programmati per il 13 e il Biglietti per i soci Coop a iL cUore 27, (sala Strozzi di via La Pira13 euro e abbonamenti per i CALENZANO aL pUccini 4, ore 11).soci Coop a 38 euro. Prevendita presso il teatro iL teatro deLLe donne Una banda di curiosi per- Per i soci Coop riduzione sonaggi, quelli portati di € 3 sul costo del bigliettoe presso i Box Office presentinei magazzini Coop di Ponte aGreve e Lastra a Signa. N uova stagione del Tea- in scena al Teatro Puccini di di ingresso e visita gratuita tro delle donne al Tea- Firenze dalle compagnie Le guidata alle Sezioni di Paleon- tro Manzoni di Calenzano. A maschere di Tegolaia e Ne- tologia (il 13/1) e alla Sezionei 0552571735; 055740677; gennaio: il 1°, alle 17, Café arteneparte, per gli ultimi due di Mineralogia (il 27/1) dopo il www.fts.toscana.it Leonardo Manera Chantant, concerto lirico con il spettacoli della rassegna a concerto. Chantant vOLtERRA archeoLogia in corsoI l Gruppo archeologico Ve- lathri – Volterra organizzaun nuovo corso, “Gli Etruschie Velathri”. Sarà dedicatauna particolare attenzionealla realtà dell’antica Velathrie del suo comprensorio, af- Balkan Burgerfrontando i vari aspetti e le Cantiere musicale di Toscana,tante particolarità che hanno ingresso su offerta; il 24, alle Che banda alla locandacontraddistinto l’antica città 21.15, il Teatro delle donnenel più ampio contesto della centro nazionale di dramma- favore del Cuore si scioglie. i 3318762068civiltà etrusca e delle sue “Lu- turgia presenta Balkan Burger, Dopo il successo dei pre- (ore 15-18 dal lun. alcumonie”. Il corso si artico- la storia di Razna che visse cedenti 5 spettacoli, con oltre ven. e ore 10-12 sab.);lerà in 12 incontri a cadenza più volte, scritto e diretto da 1000 persone presenti, si ri- tempiodellemuse@gmail.settimanale – dalle 17.15 alle Stefano Massini con Luisa prende il 9 gennaio con la com- com; spettacolo@unifi.it19.15 del mercoledì – e saràsuddiviso in quattro sezionicurate da: Claudio Gazzarri, Gli eventi più visti nel web _ 50 Giorni di Cinema Internazionale a firenzeresponsabile del Gruppo Le schede di eventi e spettacoli più cliccati su _ Gli archivi alinari e la sintassi del mondoarcheologico Velathri, Lisa www.coopfirenze.it/eventi/eventi _ anni trenta. arti in Italia oltre il fascismoRosselli, ricercatrice presso _ Il millenario di Sansepolcrol’Università di Pisa, Alessan- _ turandot Gennaio 2013 - Informatore - 35
  • 34. a cura di rossana de Caro Segnalazioni Paolo Uccello, Filippo Lippi, Firenze/prato Agnolo Gaddi e il pulpito del Firenze misteri Rossellino e Mino da Fiesole a corso Pittura e tesori forma di calice. e scultura Tornano con l’anno nuovo le i Costo delle visite € 8 a firenze Per bambini visite a cura dell’associazione persona (esclusi eventuali Al Centro Commerciale delle Fede e Arte. Sabato 19 biglietti di ingresso ai siti gennaio (ore 10) visita guidata visitati); 055.2302477“Il mistero delle tombe dei o info@firenzefedearte.it I magi a cavallo Piagge giovedì 3 e venerdì 4 gennaio, dall 15 alla 19, si tiene un corso gratuito di primi Medici in San Lorenzo”: alla scoperta della simbologia“occulta” (decorazione, forme, Firenze A nche quest’anno per celebrare il giorno dell’Epifania, domenica 6 gennaio, a Firenze ci sarà la rievocazione storica della “Cavalcata dei Magi”. La manifestazione, giunta pittura e scultura per bambini presso la sala espositiva ANRAC. Il corso è tenuto dal materiali) sui sepolcri di memoria in teatro alla XVII edizione dell’epoca “moderna”, è nata nell’ambito dei maestro Reza Tei Moorkani. Piero e del figlio Lorenzo. La Il 25/26/27 gennaio, in festeggiamenti per i 700 anni dalla posa della prima pietra della Materiale occorrente: 1 presenza di Leonardo da Vinci occasione delle “Giornate tavoletta di compensato durante la costruzione del della Memoria”, la compagnia Cattedrale e della fondazione dell’Opera. Il (30x40), acquerelli, sepolcro di Cosimo il Vecchio, teatrale L’Araba Felice mette in solenne corteo con in testa i Re Magi a pennelli piccoli. l’assenza di segni sopra la scena al teatro di Cestello una cavallo, in sontuosi abiti di seta ispi- L’Associazione rati a quelli dell’affresco di Benozzo fornirà la creta. Gozzoli, sarà composto da circa 700 figuranti, tra cui quelli della Repub- blica fiorentina. Dopo la partenza, alle ore 14, da piazza Pitti, il corteo si snoderà lungo le strade del centro di Firenze fino ad arrivare in piazza Duomo, dove sul sa- grato della Catte- drale saranno de- posti i doni dei Magi ai piedi del Presepe vivente. Quest’anno per la seconda volta prenderanno parte al corteo i rappresentanti di alcune comunità etni- Foto coURtESY oPera santa maria Del fiore Prato, porta del Duomo Foto coURtESY oPera santa maria Del fiore. Foto becattinisua tomba, quasi a fare della Trilogia di opere: La Schiuma che presenti a Firenze nei loro abiti tradizionali. La “Cavalcata pratochiesa intera il monumento Della Terra; Una Commedia dei Magi” trae origine da una tradizione già esistente nel XV il fascinofunebre, e i posizionamenti Nera; Thea. Le opere sono secolo, quando a Firenze una compagnia di laici intitolata ai Del vissutodelle altre tombe, grate ambientate nella Germania, Santi Re Magi, che seguiva determinate regole di carattere Al Museo Del Tessuto di Pratomisteriose, ed altri nel periodo che va dal 1933 religioso, organizzava una festosa rappresentazione detta fino al 30 maggio la grandeaffascinanti segreti. Sabato al 1946: dall’affermazione “Festa de’ Magi” che, con periodicità inizialmente triennale e mostra “Vintage. Lirresistibile29 gennaio, ore 10, la visita di Adolf Hitler e del partito fascino del vissuto”, dedicata dal 1447 ogni cinque anni, sfilava per le vie di Firenze con laè incentrata su “Il Duomo nazionalsocialista, fino alla al racconto di un fenomenodi Prato e i suoi gioielli”: loro caduta e al processo di cosiddetta “Cavalcata dei Magi”. La “Cavalcata” era compo- che sempre più coinvolge efra cui la reliquia del Sacro Norimberga. Testo e regia di sta da tre diversi cortei che si riunivano davanti al Battistero influenza la modaCingolo, il pulpito di Donatello Luca Palli. e proseguivano uniti fino alla Basilica di San Marco, dove con contemporanea. None le altre straordinarie opere i Ingresso 14 euro, canti e preghiere adoravano Gesù Bambino. dimentichiamo che Prato è lad’arte: i cicli sorprendenti di ridotto Soci Coop 12 euro i www.operaduomo.firenze.it storica capitale dell’abito o36 - Informatore - Gennaio 2013
  • 35. della struttura ospedaliera che Firenze Firenze LUcca comprendono le cucine con gli la Dimora arte manicomio ampi soffitti in vetro, i chiostri Delle nevi e movimento Di maggiano delle divisioni maschile e “Alla riscoperta della Dimora L’Associazione Arte e Proseguono anche nel femminile, una corsia, la sala delle Nevi” è una mostra movimento-Tango delle civiltà mese di gennaio le aperture radiologica, la sala dell’arte- fotografico-documentaria, realizza una serie di corsi, straordinarie al pubblico terapia e le “antiche scale”. Le illustrata da preziosi materiali seminari, laboratori di senza prenotazione del visite sono consentite tutto originali, organizzata Danzamovimentoterapia e le percorso museale “Stanze l’anno il giovedì pomeriggio dall’Archivio storico di Arti in genere (principalmente con vista sull’umanità” e il venerdì mattina, con Firenze, del centenario della danza, teatro e musica), con visita guidata all’ex prenotazione obbligatoria spedizione De Filippi nel per la promozione 1913-14 in Asia Centrale, dell’integrazione fisica, (Palazzo Bastogi, via emotiva, cognitiva e dell’Oriuolo 33), aperta fino al relazionale della persona. I 15 marzo. corsi sono rivolti a bambini, Cento anni fa Filippo De adolescenti, adulti, soggetti Filippi organizzava una diversamente abili, anziani. Gli grandiosa spedizione interventi possono svolgersi in Asia Centrale, la in gruppo o individualmente. I più importante corsi si terranno in via Pisana fra tutte, per il 179. Sono previsti sconti progresso della per i soci Coop. conoscenza, i Prenotazioni Foto a. moggi specialmente e iscrizioni 3339676658 scientifica, del - 3388602457; Karakorum. iltangodellecivilta Oggi il @gmail.com Ex ospedale psichiatrico, Maggiano Karakorum, catena montuosa mAremmA riodo l’insediamento si specializzò situata nel nella produzione di oggetti in osso (una materia prima che ora non si Officine Pakistan settentrionale usa quasi più), come spilloni, flauti che ospita il e cerniere da mobilia, mentre fu- K2, seconda vetta al mondo, e altre cime di eccezionale romane rono installate delle cucine per quelli che lavoravano nelle botteghe: in una stanza A rilevanza, è anche una meta ll’interno del Parco regionale della sono stati rinvenuti due grandi focolari, Maremma si è conclusa la terza cam- con ceramiche da fuoco e una padella. Non pagna di scavi archeologici nel sito dello mancava il lararium, ovvero una piccola Spolverino, dove sono state rinvenute im- zona votiva dedicata al culto domestico portanti testimonianze di età romana. L’a- degli antenati protettori. Verso la fine del rea interessata dalle ricerche (condotte da III secolo nel sito dello Spolverino viene Soprintendenza per i beni archeologici della realizzato anche un atelier per produrre Toscana in collaborazione con Associa- oggetti in bronzo e ferro. Poi la crisi, legata zione culturale “Progetto archeologico Al- alle vicende generali dell’impero romano berese” di Grosseto) coincide con un antico ormai in fase di dissoluzione. Così, a partire insediamento produttivo in attività per circa dalla metà del V secolo, sulle rovine di quello i primi cinquecento anni della nostra era, cui che era stato un insediamento fiorente si affiancava un approdo per il rifornimento furono impiantate delle sepolture e l’area e lo smistamento di merci nei pressi della si trasformò in una piccola necropoli. In foce del fiume Ombrone. Le indagini hanno seguito, il limo del vicino Ombrone accumu- permesso di identificare un impianto degli latosi al di sopra dei depositi archeologici inizi del I secolo d.C., probabilmente per la sigillò l’insediamento, permettendone una lavorazione del vetro che proprio in quell’e- straordinaria conservazione. poca ebbe una grande diffusione. Questo Articolo pubblicato sul numero Karakorum, grandi seracchi primo impianto fu sostituito da un altro di di gennaio/febbraio di “Archeologia Viva”o usato, una stagione famosa tra gli alpinisti e i più grandi dimensioni nel III secolo al tempo (Giunti Editore). all’insegna del vintage e dello trekker, e si conferma, come della dinastia dei Severi. Nello stesso pe- i www.archeologiaviva.it stile d’epoca. In 800 metri ai tempi di De Filippi e del quadri di esposizione e con Duca degli Abruzzi, uno oltre cento oggetti tra capi straordinario campo d’azione ospedale psichiatrico. Le attraverso il sito internet. d’abbigliamento, accessori e per la ricerca scientifica. date interessate sono Sabato 19 e domenica 20 tessuti, “Vintage. i Ingresso libero; sabato 19 e domenica 20 gennaio l’accesso è senza i mar-ven 10-18; sab-dom lunedì 9-15.30, gennaio. La visita riguarda la prenotazione con tre turni 10-19; chiuso lun. Biglietti intero martedì-giovedì 9-18, Palazzina Medici con le due di ingresso: alle 15, alle 16 e € 8; ridotto € 5 per soci Coop. venerdì 9-15.30, “stanzette” dove ha vissuto alle 17. 0574 611503; sabato e domenica Mario Tobino e il percorso i Ingresso con contributo www.museodeltessuto.it; chiuso. 055.2616527; espositivo “Stanze con vista libero di 5 euro. 0583327243 info@museodeltessuto.i http://filippodefilippi.it/ sull’umanità”, ed alcune aree www.fondazionemariotobino.it Gennaio 2013 - Informatore - 37
  • 36. Grandi & picciniS i spenge la luce, nella stanza cala Scienza A rimirar il buio ed ecco che appaiono le Attivitàstelle, la volta celeste, i pianeti, le co- Giocarestellazioni, il sole e la luna. Siamo al con la scienza le stelleplanetario della Fondazione scienza La Fondazione svolge da un decen-e tecnica di Firenze, in via Giusti a nio un’opera di divulgazione, in parti-Firenze, una realtà cittadina impor- colar modo per le scuole, con attivitàtante per la conservazione, la promo- didattiche, dal lunedì al venerdì, nelzione e la divulgazione della cultura A Firenze un planetario e una ricca Planetario e nel Gabinetto di fisica. Dascientifica. La Fondazione, istituita collezione di strumenti scientifici. quest’anno è stato ampliato l’orario dinel 1987, oltre alla collezione di stru- Laboratori e corsi per tutta la famiglia apertura, con nuove proposte rivolte alle famiglie, agli esperti e agli appas- di sionati. Il sabato il Gabinetto di fisica è Rossana de Caro aperto al pubblico (ore 10-12 e 15-18). Le visite alla collezione, accompagnati da operatori, si tengono a intervalli di 30 minuti. Sarà possibile assistere a conferenze di ap- profondimento su temi inerenti l’astronomia, la storia della fisica, la tecnologia e le scienze naturali, oltre che a pre- sentazioni di libri. Sempre il sabato pomeriggio si Salone del Gabinetto di Fisica. Firenze, Fondazione Scienza e Tecnica Planetario potrà inoltre fe-menti scientifici (considerata tra le steggiare il compleanno all’internopiù complete e importanti d’Europa), della Fondazione: con amici e parentisvolge molteplici attività fra cui corsi per partecipare a una fra le tante atti-e laboratori per bambini e ragazzi. vità proposte fra Planetario, laboratori Le collezioni, create nel corso didattici ed esperimenti presso il Ga-dell’Ottocento a supporto della di- binetto di fisica. Per i più piccoli saràdattica, e oggetto a partire dagli anni possibile giocare o costruire strumentiOttanta del secolo scorso, di un lungo scientifici come l’astrolabio, inventaree paziente lavoro di restauro e ca- e proiettare la propria costellazione edtalogazione, si compongono di due infine spegnere le candeline in unanuclei fondamentali provenienti dal sala dedicata. Tutte le domeniche alleGabinetto di fisica e dal Gabinetto di ore 15.30 e alle ore 17 nel Planetariostoria naturale con annesso il Museo le famiglie, guidate dagli astrofisicitecnologico, un patrimonio unico e lo studio della fisica dell’Ottocento. dell’Osservatorio di Arcetri, scopri-prezioso nel campo della storia della Ma il fiore all’occhiello, nonché ranno il “Cielo del Mese” imparandoscienza, della tecnologia e dell’inse- maggiore attrazione, è il Planetario, a riconoscere le costellazioni e ad o-gnamento tecnico-scientifico. inaugurato nel 2002. All’interno di rientarsi nella volta celeste, oppure una cupola di 8 metri di diametro è approfondire i moti del sole, della luna, La macchina possibile rivivere la meraviglia di un dei pianeti durante gli appuntamenti del tempo cielo stellato con più di 6000 astri. tematici “Astrotalk”. Il calendario pre- Una rara e incredibile mac- C’è anche una ricca biblioteca vede, fra le numerose attività, anche ilchina del tempo è Il Gabinetto di tecnico-scientifica che raccoglie più laboratorio “Science Attack: Scienza,fisica, completamente restaurato di 20.000 pezzi tra volumi, opuscoli riuso, manualità!” per realizzare in-e aperto al pubblico nel 2007: rac- e periodici. sieme creazioni scientifiche con ma-coglie oltre 3000 macchine e appa- teriali di riciclo su temi che spazianorecchi originali e costituisce la più Informacoop Bambini a tavola a cura di dalla luce al suono, all’elettricità, allagrande collezione in Italia e una 19 e 20 gennaio Servizio Asl 10 Firenze natura e all’astronomia.delle più complete in Europa, per sull’alimentazione e linea Coop i 0552343723; iscrizioni@fstfirenze.it.quanto riguarda gli strumenti per per i più piccoli “Club 4 – 10” Sconto per i soci Coop38 - Informatore - Gennaio 2013
  • 37. Mondo CoopLa latteria dei ragazzi al futuro: «La latteria è la scuola che vor- OPS remmo: abbiamo imparato la passionePiccoli e l’amore per le cose vicine e la respon- sabilità di prendere decisioni da soli. Sì, Parole in croceimprenditori siamo imprenditori e non per gioco: siamo partiti in piccolo e ci stiamo impegnando Enigmistica per adulti e bambinia Pistoia perché altri ci seguano in un progettoI l racconto ha il sapore di una favola moderna, invece è la storia vera degli così speciale e utile per noi e per il futuro dell’ambiente». I traguardi raggiunti effettivamente di Bruno Santini La prima raccolta di enigmi in lingua italiana pare risalire al 1538 e fu cu- rata da un maniscalco senese, Angioloimprenditori agricoli più giovani d’Italia: sono grandi: dopo il riconoscimento come Cenni, fondatore della Congrega dei Rozzi.dopo il campo estivo del 2010 alla fattoria “Progetto di eccellenza europea” inserito A Leonardo da Vinci, invece, è attribuitadidattica dell’Oasi di Baugiano, venti gio- nelle rete rurale europea e la partecipa- l’invenzione dei rebus, mentre è risaputovani tra i 10 e i 18 anni, quasi tutti toscani, zione dei ragazzi al festival “Cibi d’Italia” che già Galileo Galilei usasse gli ana-hanno deciso di diventare produttori di di Coldiretti, lo scorso dicembre Stefania, grammi per indicare le priorità delle sueyogurt e formaggi. Oggi producono con un titolare dell’Oasi, è stata premiata dal scoperte di corpi celesti. Rebus e parole crociate: ecco la nuova iniziativa curata da Rosaria Costantini di Sicrea, all’OpS (lo spazio multimediale situato all’interno del Centro*Ponte a Greve), dove sabato 26 gennaio e sabato 2 febbraio sono previsti due pomeriggi dedicati all’enigmistica. «L’idea – spiega - è nata perché mi ha sempre incuriosito immaginare il la- voro che comporta la preparazione degli schemi, dei rebus e degli enigmi. Così ho pensato che sarebbe stato interessante proporre delle lezioni agli innumerevoli appassionati di tali giochi. Subito ho tro- vato grande disponibilità da parte dell’E- ditore Corrado Tedeschi di Firenze (una I ragazzi della Latteria delle aziende leader nel settore, presente da oltre 50 anni nel campo dell’editoria marchio, e la loro associazione “Latteria Ministro dell’agricoltura con il premio di enigmistica e del mistero). Saranno loro dei ragazzi” compie 3 anni il 19 gennaio. “De@Terra” come eccellenza nazionale Sara Barbanera a preparare i giochi e a proporci il colla- A dare il la è stato il progetto “Cam- di imprenditoria agricola femminile. E per boratore più adatto a svolgere le lezioni». pagna Amica” di Coldiretti Pistoia che ha finire, due ragazzi rappresentanti dell’as- Ogni appuntamento (con inizio alle sostenuto l’attività dei mini-imprenditori, sociazione sono stati invitati al congresso 17) prevede infatti un’ora circa di lezione valorizzando gli obiettivi di filiera corta e mondiale sull’educazione ambientale che tenuta da un esperto che spiegherà la tec- del Made in Italy, rispetto dell’ambiente e si terrà a Marrakech dal 9 al 13 giugno nica delle parole crociate. Seguiranno poi qualità dei prodotti. L’esperimento è riu- 2013: “Siamo piccoli, sì – commenta dei momenti di gioco. A ogni partecipante scito ed è stato realizzato il primo yogurt Anna – ma sogniamo in grande!”.  v sarà consegnata una busta contenente con il marchio Campagna Amica, dal 2011 uno schema libero: i più abili e rapidi nel inserito nel menù a km zero che il Comune appuntamenti completarlo, saranno premiati. di Quarrata distribuisce due volte al mese Che tipo di partecipanti prevedete di ai 1200 alunni della zona. coinvolgere? Fondamentale è stato anche il soste- Diventare genitori «Penso che l’enigmistica sia praticata gno di Stefania e Luca, titolari dell’Oasi Come diventare genitori, un compito non facile da in maniera trasversale e in tutte le età, da Agrituristica, che hanno messo a dispo- imparare passo dopo passo. È questo il tema dei 4 incontri giovani e meno giovani, e non sarebbe sizione strutture e conoscenze: «A metà organizzati dalla sezione soci di Campi Bisenzio male se attraverso questa iniziativa si fra gioco e lavoro - racconta Stefania “Passodopopasso… genitori in divenire”. Gli appuntamenti riuscisse a coinvolgere anche i giova--, abbiamo seguito i ragazzi in tutte le sono condotti da Emanuela Eboli, psicologa e mediatrice nissimi. È ormai provato che la mente attività, dalla mungitura alla pulizia delle familiare, per affrontare insieme il tema della per non invecchiare ha bisogno di fare stalle, alla formazione teorica: così hanno genitorialità e si tengono il mercoledì nella saletta Soci, ginnastica. L’enigmistica è uno dei sistemi imparato cosa significa “fare impresa”, P.ale Coop angolo via Tesi, ore 21/23, con inizio il 20 più piacevoli per tenersi allenati, perché inventandosi ogni giorno il lavoro, con il febbraio. Si parte con “Da coppia a triade… da spazio oltre a farci lavorare, diverte e rilassa. E sacrificio e la soddisfazione di chi poi sa mentale a spazio reale”; si prosegue con “Genitori non ha effetti collaterali». cosa mangia. Futuro sostenibile? Loro ne sufficientemente buoni: i no e i sì che aiutano a crescere” e Sempre nell’ambito dell’iniziativa, sono un esempio presente». “L’adolescenza tra Separazione/Individuazione e bisogno domenica 3 febbraio, alle ore 10.30, si Alessia, 11 anni, nel 2012 si è diplo- di Accudimento”. Si conclude con “Affettività e sessualità… tiene “Indovina indovinello – giochi, rebus mata come la mungitrice più giovane un equilibrio precario”. Massimo 20 partecipanti. e cruciverba per i più piccoli”, con tanti d’Italia, dopo che nel 2011 l’Associazione È richiesto un contributo di € 40 (€ 60 per coppia), che premi per gli ‘abili’ solutori in erba. Lezioni Allevatori Toscana aveva diplomato altre 4 sarà devoluto alle iniziative di solidarietà della e giochi sono gratuiti. Iscrizioni presso ragazze dell’associazione. Fondazione Il Cuore si scioglie. OpS, Centro*Ponte a Greve a partire da Come racconta Anna, la presidente i box soci lun. / ven. ore 17 / 19. lunedì 21 gennaio. sedicenne dell’associazione, già si pensa Tel 0558964223; 3393207292; sez.campibisenzio@socicoop.it i www.opscentro.it; 0558953651 Gennaio 2013 - Informatore - 39
  • 38. CulturaA guidare la danza della cultura AnniversArio Tacco. Nel caotico ma interessante ca- Libri popolare in Italia nei primi cin- talogo di quegli anni spiccano accantoquant’anni del Novecento fu Firenze, a una Divina Commedia, parafrasatagrazie a due personaggi (che avevano in prosa, anche i truculenti romanzi di da ragazziall’attivo sì e no la terza elementare) un’autrice già allora famosa, Carolinache fondarono e fecero crescere due Invernizio. Più tardi è la volta dei ro-case editrici oggi entrate nella storia manzi popolari parigini da I misterianche letteraria. Furono Giuseppe di Parigi di Eugéne Sue (che con pocaNerbini e Adriano Salani (va da I 150 anni della casa fortuna il fiorentino Collodi riprenderàsé che intanto alla cultura alta editrice fiorentina Salani nei suoi I misteri di Firenze fino a Firenze)serviva un altro editore, vedi Il padrone delle ferriere di Ohnet,caso anche lui di Firenze, che nonché romanzoni di Dumas e gioielliera Attilio Vallecchi). di Jules Verne. Cattolico fervente, Ettore Quest’anno cade il cen- Salani (che avrà una decina di figli) sitocinquantenario della fon- fregia anche di curiose incursioni nelladazione della Casa editrice cultura alta, pubblicando per esempioSalani; Milano – con qual- tutte le opere di San Tommaso.che indispettita delusionedi Firenze – ha dedicato (si geniaLe editorechiude il 6 gennaio 2013) una Chi scrive ricorda ancora lagrande mostra degli archivi grande tipografia che dava su vialedella casa editrice. Una mostra dei Mille ma aveva anche una picco-importante, perché gli archivi lissima porta sul parallelo viale Voltasono in buona parte formati da dove non di rado si poteva incon-migliaia di illustrazioni che i trare la robusta figuragrandi ‘figurinai’ dell’epoca alle- con grandi occhiali distirono soprattutto per i libri da ra- tartaruga di questo sem-gazzi; fra questi spicca il grandissimo Fiorentino doc plice ma geniale editore. Poi, venneroCarlo Chiostri. Quanto a Nerbini, fra Figlio di un ortolano e senza studi, di giorni difficili e il dopoguerra. Salaniun paio d’anni cadranno i centoventi dopo aver lavorato come tipografo Pier francesco continuava ad avere un suo pubblicoanni dalla fondazione della casa edi- presso Le Monnier, fondò, era il 1862, Listri con i ‘romanzi per le signorine’ e contrice. Di Nerbini basta aggiungere che, una sua piccola tipografia in via San le collane per ragazzi, nonché congiornalaio in piazza Madonna e poi in Niccolò. Allora le classi popolari, senza una serie economica e non volgare divia Martelli, ebbe l’intelligente uzzolo cinema né televisione, avevano pochi classici. Ma ormai l’industria cultu-di tentare di offrire alle classi popolari svaghi e nulla che avesse un lontano rale incalzava ed erano già apparse legiornali e riviste scritti per loro. Maz- profumo di cultura. Pensò quindi di prime fortunate dispense dei milanesiziniano, poi a lungo socialista, con stampare fogli volanti o opuscoletti fratelli Fabbri e la televisione facevaun approdo finale al fascismo, diresse con storie di miracoli, avventure di il resto.giornalini come ‘La frusta’ e ‘Il lam- eroi o cronache di delitti: il successo fu Negli anni Ottanta, uno dei piùpione’; poi pubblicò i primi libri, uno dei immediato. Ecco Salani trasferirsi nel sagaci editori italiani, Mario Spagnol,quali era La redenzione della donna viale dei Mille, quando ad accompa- rilevò la ormai defunta casa editricenel socialismo. Seguirono opuscoli e gnare il suo lavoro entrò anche il figlio annettendola alla sua Longanesi. Iltesti proletari firmati da autori impor- Ettore. Fra le opere di grande successo frutto più goloso di questa annessionetanti come Paolo Valera, Andrea Costa pubblica Il canzoniere dei fanciulli e fu l’acquisto dello straordinario archi-e perfino Proudhon. In un decennio Il canzoniere del popolo, nonché for- vio di disegni e illustrazioni conservatipubblicò più di trecento volumi, e più tunatissimo un Segretario galante e dalla Salani e che rappresentavano etardi ebbe il merito di introdurre in Ita- perfino un trattato di Magia prestigio e rappresentano un patrimonio visivo elia il fumetto (nel ’32 stampò a Firenze giochi di famiglia che facevano strana narrativamente rilevante. Soprattuttoil disneyano ‘Topolino’), facendo poi compagnia alle biografie dei fratelli un illustratore come Chiostri, già daseguire il fortunatissimo settimanale Bandiera e di Ciro Menotti. Fiorentino noi citato, è senza dubbio uno di quegliper ragazzi ‘L’avventuroso’. doc, Salani pubblica anche una col- artisti per il popolo e per i bambini Uno stuolo di grandi illustratori, lezione stenterellesca di oltre sessanta le cui fantasia e genialità sono unocome Scarpelli, Sarri, Scagliarini, farse e commedie della maschera fio- specchio dell’Italia di mezzo secolo.Moro, e perfino il giovanissimo Fede- rentina. Il successo aumentava al giro Salani è stato proposto dunque arico Fellini, popolò di geniali disegni di boa del secolo, rafforzato anche da Milano; peccato che questa occasionele opere e anche i giornali fra cui il numerosi libri dedicati al banditismo e non sia toccata a Firenze dove Salanicelebre umoristico ‘420’. Ma oggi qui ai briganti meridionali: le storie di Ste- ha vissuto e dove ha così bene lavorato,è di Salani che si vuol parlare. fano Pelloni, di Musolino, di Ghino di quando l’editoria era un’altra cosa. v40 - Informatore - Gennaio 2013
  • 39. Mondo CoopC he ne pensate dei versi qui sotto? il personAggio testi. Qualche volta da soli, altre in Maestra Non male vero, soprattutto dopo gruppo. I risultati sono sempre ri-avervi svelato che i poeti in questione gorosamente tutta farina del lorofanno la quarta elementare… sacco. E quando chiediamo a Sandra per caso Queste poesie sono raccolte in un quale sia il trucco, ci risponde moltolibro, Alla Voce del cuore (ed. Nicomp di semplicemente che «la passione èL. E.), curato da Sandra Dallai, e illu- Silvia amodio il motore di ogni cosa. L’apprendi-strate con alcune mento parte sempre dalle emozioni Sandra e i “suoi bambini” “fotografie di Pa- e dall’affettività. Se non c’è il gustoola Camiciottoli.I bambini si sonoconfrontati con La poesiatemi apparente- La poesia mi avvolgemente più grandi E mi prende la mentedi loro, la morte, Mi fa volarela paura, la soli- E mi riappoggia dolcementetudine, l’amore, Capisco che non devo cercare:la violenza rive- la poesia mi è venuta a trovare.lando la capa-cità di scrivere Io sonoin versi pensieri Io sono tutti i tuoi pensieriprofondi e non Le tue azioni.banali. Certo, Io sono tutti i tuoi dolorinon tutte le 106 E le tue gioie.poesie contenute Io sono tutto ciònel libro hanno che per te è amore. ”lo stesso spessore,ma ciò è testimo-nianza dell’one- Foto s. amoDiostà di questo lavoro. Sandra Dallai è L’interviStata sul suo aspetto emotivo e psicologico, di insegnare, non c’è il piacere dila maestra che ha seguito il progetto. Sandra Dallai, dando il via ad un circolo vizioso dal apprendere. Non ho mai esercitato maestra scuolaCiclicamente lo ripropone quando i elementare quale sembrava impossibile uscire. un ruolo rigido e autoritario, piutto-“suoi” bambini arrivano in quarta Giotto, Firenze Ho trovato una chiave d’accesso al sto cerco di essere comprensiva e dielementare, meravigliandosi ogni suo mondo; ora quella bambina è instaurare un rapporto basato sullavolta di come i “piccoli” sappiano un famoso architetto. Quell’anno fiducia. Questo approccio consente ALla Vocedestreggiarsi in un genere letterario Questa raccol ta di poesie è un viagg alla scoperta ho capito che l’insegnamento era la io, come ogni di quanto buon libro si nasconda die- la voce ai miei alunni di sentirsi più liberi di IL CuOre si avvertetutt’altro che semplice. mia missione e da allora non ho mai esprimersi, quindi anche più creativi. di essere, : tra le righe ere coscienza di si propone di un’emozione a prend tro l’apparire i bambini i che, dell’insegna nte che guida lo sguardo degli alunn si percepisce , si sforzano di ritorn are i a cura di interiore e allai un mondo ordinarie incom benze in divertiment o e impegno a godere Sandra D svestiti delle sono, liberi bambini che . La maestra Sandra, come tutti la smesso». A scuola la maestra stimola Ogni bambino ha i propri tempi e i d’ogni giorno le sensazioni a cura di Sandrchiamano, è originaria di Scarperia e i ragazzi con molte letture e solo dopo propri ritmi; bisogna rispettarli. Non a Dallaiha alle spalle una grande esperienza. che questo percorso didattico è stato foto d i Paola Cam iciottoli sempre i genitori capiscono questoDa vent’anni è di ruolo alla scuola interiorizzato e discusso insieme, i metodo e si aspettano che i propri Nicom p L.E.elementare Giotto di Firenze. bambini iniziano a scrivere i loro Nicom p L.E. figli imparino a leggere e a contare A dire il vero, ci racconta, «non tutti nello stesso momento. Non è € 12,00ho mai pensato di fare la maestra; il bambini nEl tEmpo sempre facile far capire quanto ali-mio desiderio era diventare avvocato mentare la fantasia e dargli spazioper difendere le persone deboli; però, Sani ed equilibrati sia un investimento importante per ila ben pensarci, quando ero bambina Lo psicanalista austriaco Bruno Bettelheim diceva «di un futuro. Per fortuna la nostra preside,avevo costruito una piccola scuola uomo datemi i suoi primi sette anni e poi tenetevi il resto»; Maria Cristina Tundo, mi sostiene edove insegnavo alle bambole». Una sottolineava così l’importanza degli stimoli che si ricevono mi lascia molto libera nell’approcciovocazione che è rimasta sopita finché da bambini e che contribuiscono a formare individui sani didattico. Le sono molto grata perun episodio ben preciso ha determi- ed equilibrati. questo» Una fiducia ben riposta, vistonato la sua strada. «Quando avevo Un’attenzione spesso teorica quella riservata ai più piccoli che il libro è stato presentato con suc-vent’anni – prosegue –, facevo il do- nella nostra società dove gli spazi e i tempi per giocare sono cesso in molte occasioni, tra le qualiposcuola ad alcuni bambini del paese sempre più ridotti. La televisione e l’elettronica hanno sostituito passatempi più tradizionali e i modelli proposti a Palazzo Medici Riccardi di Firenze,per guadagnare qualche soldino. imitano i comportamenti dei grandi. Purtroppo spesso con alla presenza di autorità importanti,Un anno mi affidarono un’alunna un certo compiacimento di alcuni genitori che non ed è stato premiato al “Festival Nazio-che aveva tantissimi problemi sco- capiscono che vivere da bambini è un sano investimento nale di Poesia per e dei Bambini Sanlastici che si ripercuotevano anche per il futuro. (S.A.) Pellegrino” lo scorso dicembre. v Gennaio 2013 - Informatore - 41
  • 40. ToscanaS ull’opera di Boccaccio possiamo L’anniversario progetto è la pubblicazione di un libro Talento dire di conoscere tutto o quasi: al- (curato dall’ex presidente dell’Entecuni suoi lavori sono giunti fino a noi Boccaccio, Massimo Gennari) che, innella versione originale e autografa. forma di racconto, ripercorre i luoghi volgarePossiamo ripercorrere quasi passo toscani della vita e delle opere delper passo la sua produzione letteraria, poeta certaldese. È prevista anchedai primi lavori poetici in latino e in un’opera multimediale che prendevolgare, scritti a Napoli, alle ultime spunto da quello che è considerato ilriflessioni esistenziali nel suo ritiro di 700 anni dalla nascita di Boccaccio. primo romanzo psicologico Elegia diCertaldo. Dobbiamo questa profonda La modernità del linguaggio Madonna Fiammetta, per proporreconoscenza dell’opera boccacciana del grande certaldese un “viaggio pittorico, fotografico egrazie soprattutto allo studio e alle performativo”, curato dall’artista Cin- Foto g.c. U. Montanoricerche di Vittore Branca, il grande zia Fiaschi. Il Museo Pecci di Pratofilologo e studioso (nato nello stesso organizza alcune mostre nelle quali,anno di Boccaccio ma seicento anni fra l’altro, verranno esposte opere pit-più tardi), che ha dedicato gran parte toriche realizzate fra il 1967 e il 1997della sua esistenza a fare luce e stabi- da artisti quali Campigli, Guttuso,lire punti fermi sulle creazioni dell’au- Levi, Manzù, Maccari, Mafai, Sassu…tore del Decamerone. Saranno esposti anche i lavori di gio- Invece, come per contrappasso, vani artisti chiamati a cimentarsi supoco sappiamo del suo passaggio ter- temi boccacciani.reno. Sulla sua nascita conosciamo Si è inoltre organizzato un conve-solo l’anno, appunto il 1313, ma ci gno internazionale che riunirà i mag-sono ignoti il giorno, il mese e perfino giori studiosi di musica medievale.il luogo. Ancora gli studiosi sono a Nell’occasione si eseguiranno anchedomandarsi se sia nato a Firenze op- concerti di musica medievale e rinasci-pure a Certaldo o addirittura a Parigi, mentale. Per tutto il 2013, con cadenzafrutto di una fugace relazione fra mensile, si organizzeranno nei locali disuo padre Boccaccio (o Boccaccino) Casa Boccaccio, letture tratte dal Deca-di Chellino e una aristocratica della merone a cura dell’Oranona Teatro.corte francese. Anche sulla donna Continuerà anche – ormai si ripete dadella sua vita, la leggiadra Fiammetta, quindici anni – uno spettacolo che “sipoco si sa. Potrebbe essere stata una ispira alle opere del poeta e porta ingiovane vissuta alla corte napoletana scena attraversodi Roberto d’Angiò (forse una sua tutte le arti del te- Boccaccio, affresco. Palazzo Arte Giudici e Notai, Firenzefiglia illegittima?), come una pura atro, recitazione,creazione dell’immaginazione del spoglie vennero “trasportate e sparse danza, musica,Boccaccio; nessuno può affermarlo nel cimitero della chiesa prioria”. Nei combattimenticon certezza. Del resto tutto o quasi primi anni del secolo scorso si credette eccetera, circatutto della sua vita affettiva e senti- di aver ritrovato il suo teschio celato in 180 fra attori,mentale è avvolto in una fitta nebbia una parete della casa che aveva abitato acrobati e figu-nella quale è difficile separare il vero negli ultimi anni, ma ulteriori esami ranti” e che coin-dal falso, ciò che è provato dai do- hanno escluso questa eventualità. Fra volge l’Associa-cumenti da quello che è frutto della le informazioni inoppugnabili resta zione culturalefantasia dei posteri. Che si sia sposato comunque l’anno della sua nascita, Elitropia. Ultimanon esistono le prove; sembra però ed è su questa certezza che si è lavo- iniziativa – mache nel 1358 sia morta una sua figlia rato per alcuni mesi nell’intento di non per impor-di nome Violante, e questo lascerebbe commemorare in maniera consona tanza – è la costi-supporre che Boccaccio abbia in qual- il grande concittadino. P. Benvenuti, Boccaccio nel suo studio, XIX sec. tuzione, nell’am-che periodo della sua vita, costituito bito del “Premioun nucleo familiare. Le iniziative di letterario Giovanni Boccaccio”, di una Anche sulla sua esistenza oltre Un comitato - composto da rap- Riccardo sezione riservata agli studenti del cir-la vita sussistono vari punti oscuri. presentanti di Regione e Provincia, dei Gatteschi condario Empolese-Valdelsa e del Co-Sappiamo che morì a Certaldo il 21 di- Comuni di Firenze, Certaldo e Fiesole, mune di Firenze che saranno invitati acembre del 1375 e che fu sepolto nella dell’Ente Boccaccio -, è stato incaricato elaborare un proprio racconto sulla fal-chiesa oggi intitolata ai santi Jacopo e di stilare una serie di iniziative che sariga delle novelle del Decamerone.Filippo; ma sappiamo anche che, con copriranno tutto l’arco dell’anno per La speranza e l’auspicio è che si palesila riforma leopoldina del 1783, le sue l’anniversario di Boccaccio. Un primo un nuovo Boccaccio del XXI secolo. v42 - Informatore - Gennaio 2013
  • 41. Mondo Coopl’intervistA si potrebbero riassumere nel concetto tosCAnA dA leggere Spettri di «cortesia»), e insieme diventa ilDalla poesia paladino di una sostanziale parità fraalla prosa uomo e donna. Presenta un’umanità fortemente radicata nella sua con- e diavoli creta carnalità, vista con un occhioQ Le magiche leggende uest’anno il poeta e letterato di spesso divertito e sempre indulgente. e i luoghi fiabeschi Certaldo verrà ricordato con una nei testi e nelle illustrazioniserie di iniziative in tutta la Toscana (al- Molte saranno le celebrazioni di Matteo Cresticune anche fuori). Ne parliamo col pro- per questo anniversario.fessor Stefano Zamponi, ordinario diPaleografia latina all’università degli Quale sarà dunque il fil rouge che unirà questi eventi? di rossana de Caro D opo il successo del primo volume (Fate e folletti della Toscana, ed. Il Pozzo di Micene), arriva sugli scaffali distudi di Firenze e presidente dell’Ente Sicuramente la volontà di far fruire Toscana da leggere Draghi, streghe eNazionale Giovanni Boccaccio. Boccaccio a tutti i livelli: dal coinvolgi- fantasmi della To- scana, il nuovo libro scana di Matteo Cosimo Cresti, che pro- segue idealmente nella scoperta dei luo- ghi di fiabe e leggende che popolano la nostra regione. Ai testi si affiancano fantasti- che illustrazioni, realizzate dall’autore, un incredibile bestiario figurativo rap- presentato con grande efficacia. E così, scorrendo le pagine, davanti ai nostri occhi si parano perso- naggi inquietanti, d a l B a s ili s c o all’Arcidiavolo Belfagor, al ma- linconico fantasma di Pia de Tolomei, leg- gendaria nobildonna senese, che si manifesta durante Certaldo alto le notti di plenilunio su Qual è stata l’importanza mento delle scuole, al territorio (con gli un ponte medie- di Giovanni Boccaccio itinerari), alle manifestazioni popolari, i vale nel comune per la nostra lingua? alla ricerca storica, linguistica, filolo- di Sovicille, chia- Matteo Cosimo mato per l’appunto «Boccaccio è il letterato che ha gica, con un nuovo esame approfondito Cresti, Draghi, “il ponte della Pia”.dato piena dignità letteraria alla prosa di tutti i manoscritti più significativi. streghe e fantasmi Per non par- i tel. 0571661265 della toscana,italiana: prima di lui la grande lettera- ed. Il Pozzo di lare poi di draghi,tura in volgare era soprattutto poesia, info@boccaccio2013.it Micene; euro 13,50 serpenti e spaven-si pensi a Dante con la Commedia e www.boccaccio2013.it (scontato 11,50) tevoli ranocchie.Petrarca con il Canzoniere. Inoltre Va da sé che sonoBoccaccio ha inventato una prosa CaSa boCCaCCio leggende ma, nonostante ciò, si rimanericca di sfumature, anche linguisti- rapiti dai racconti di antichi fantasmi, case stregate e ombre erranti, tasselliche, con l’uso di forme dialettali». Il meglio del Decameron di una cultura popolare e contadina così Venerdì 11 gennaio, ore 21.30, parte il progetto speciale viva in Toscana. Qual è il suo valore “Si racconta le novelle del Boccaccio”, con la lettura integrale Sapevate ad esempio che un fanta- culturale e sociale? della prima novella della prima giornata del Decameron, sma di donna si affaccia da una finestra Boccaccio è il narratore di un quella di Ser Ciappelletto, una beffa che fa sì che un uomo nella piazza fiorentina della Santissimanuovo ceto sociale molto ampio (da di malaffare riesca, in punto di morte, a farsi credere e Annunziata? O che un gigantesco ser-quella che oggi chiameremmo «bor- adorare come santo. Il progetto è ideato da L’Oranona pente è intrappolato sotto la fortezza di Teatro, regia di Carlo Romiti. Le letture si svolgeranno ogni San Piero a Sieve? Se poi siete proprioghesia degli affari», fino ai piccoli secondo venerdì del mese a Certaldo, in Casa Boccaccio, da coraggiosi, sappiate che in una chiesa diartigiani, ovvero gli uomini liberi gennaio a ottobre, ogni mese una novella di una diversa Lucca c’è una botola che conduce diret-all’interno dei liberi comuni), esalta i giornata, dalla prima alla decima, una sorta di “il meglio tamente… all’Inferno. Buon viaggio e “alvalori spirituali più alti dell’uomo (che del Decameron”. diavolo” tutte le paure! v Gennaio 2013 - Informatore - 43
  • 42. Mondo verdeS ono frequenti le occasioni in cui si ricorre ai fiori e alle piante per au-gurare, celebrare, festeggiare i piccoli una riserva d’acqua; la seconda, del medesimo materiale, ma di consi- stenza più dura e secca, va bene per io grandi eventi della vita. Ogni volta fiori secchi o artificiali, è economicache doniamo fiori o abbiamo a che e si può riutilizzare più volte. «Quellafare con essi, esprimiamo emozioni per fiori recisi – spiega Adriana – vae sentimenti che sono rappresentati immersa in una bacinella con moltadalla loro bellezza, dalle loro forme acqua per circa cinque minuti, sul latoe dai colori. Accostare insieme questi di orizzontale. Una volta impregnata, sielementi richiede sensibilità, gusto e Càrola Ciotti Foto f. magonio sagoma facilmente con un coltellino. Forme e colori Un’altra possi- bilità è quella di incapsulare il gambo reciso Come comporre nelle apposite fialette: l’acqua che con- mazzi e addobbi decorativi. tengono assicurerà il giusto apporto I suggerimenti dell’esperto idrico alle piante; anche del semplice FormaLe o “natUraLe” I tipi fondamentali di composizione sono quella formale, compatta e ton- deggiante, quella decora-Foto f. magonio tiva in cui predominano elementi non vegetalinon ultima la conoscenza di alcune (carta, candeline, stoffa, na-regole specifiche per ottenere risultati stri…) e quellaadeguati. In tali occasioni i fiorai sono vegetativa in cuipreziosi alleati: con la loro professio- prevale l’aspetto elleBori Rose Foto f. magonionalità sono in grado di soddisfare i “naturale”. Tuttenostri desideri. Tuttavia, chiunque le composizioni partengono alla famiglia delle– con un minimo di pazienza e dedi-zione – potrà cimentarsi nel comporre floreali hanno come caratteri- di Natale Raniculacee e, comunemente, sono conosciute come Rose diun mazzo di fiori recisi, un centro stica principale Fioriscono Natale. Si tratta di piante erba-tavola o un addobbo decorativo: è quella di essere da gennaio a marzo cee perenni e la loro fioritura,divertente, rilassante e creativo. Ne con una grande inserite in un varietà di colori che va da gennaio a marzo, ha una lunga persistenza; iparliamo con Adriana Callaioli, una contenitore in fiori hanno cinque petali di Gsimpatica ed esperta fioraia che da cui è posta, quale li Ellebori sono una specie colori che variano dal biancooltre vent’anni gestisce un bel negozio, base, la cosid- di piante molto apprez- al crema, dal giallo al rosa, alper farci svelare le regole d’oro e… detta spugna zate dagli appassionati per la porpora e, addirittura, al nero!qualche piccolo segreto del mestiere. dove si confic- bella fioritura invernale; ap- Sono di facile coltivazione, non«Le composizioni floreali possono es- cano gli steli dellesere strutturate in molti modi diversi piante scelte. Ve ne sono due tipi: la cotone idrofilo imbevuto e poi avvolto L’interviStata– spiega Adriana –, veri e propri stili Adriana Callaioli, prima, ideale per fiori recisi, consiste in pellicola da cucina svolge bene que-di realizzazione, scelti a seconda dello titolare di Ikebana in un mattoncino di poliuretano in sto compito». In commercio esistonoscopo che si vuole ottenere. Si possono a Poggibonsi (SI) grado di trattenere al suo interno svariate tipologie di contenitori, il cuiutilizzare, indifferentemente, sia fiori costo minimo si aggira intorno a otto-coltivati sia spontanei, magari rac- Fiori rECiSi dieci euro: plastica, metallo, vetro,colti durante una passeggiata. Utili ceramica, vimini sono i materiali piùcomplementi sono: bacche, ghiande, In gambi! utilizzati e ce ne sono di tutte le forme,piccole pigne, rametti o cortecce che, Quando si manipolano i fiori, si avrà cura di afferrarli, con colori e dimensioni. Tutti questi og-inseriti nella composizione, donano delicatezza, a circa metà del gambo, per evitare rotture. getti si trovano in vendita dai fiorai oun tocco di originalità. Deve sempre Per meglio conservarli all’interno della composizione, si nei garden. «Ma – suggerisce Adriana devono tagliare e trattare in modi diversi: lo stelo di unessere presente, inoltre, un elemento anemone esige un taglio obliquo; alla ginestra si usa – è possibile, oltre che più divertenteverde – rami o fronde con piccole sbollentare il gambo; alle azalee e alle dalie – la cui corolla ed economico, riciclare contenitori difoglie – cha servirà da sfondo alla va anche immersa brevemente in acqua – si usa schiacciare altre merci, trasformandoli con un po’composizione». il gambo e carbonizzarlo. di fantasia». o44 - Informatore - Gennaio 2013
  • 43. Mondo Coopo iL pUnto v(egetativo) come le felci, che ben si legano con CUriositÀ e leggende La colonna I criteri di scelta dei fiori e degli tutte le altre forme». I fiori si classifi- altri componenti accessori, dovreb- cano anche secondo criteri di “peso” bero concorrere alla ricerca di un equilibrio tra colori e forme. «Una compositivo: un lilium avrà un ruolo primario in una composizione, poi- di San Zanobi T rosa e una gerbera convivono bene ché dominerà con la sua struttura ra la fine del IV e l’inizio del V secolo in una composizione poiché hanno importante, mentre fiori con strut- dell’era cristiana, quando Firenze era forma diversa – spiega l’esperta – tura semplice, quali i tulipani e i sotto l’assedio dei Goti, vescovo di Firenze ma non altrettanto una gerbera ac- garofani, raggiungono il massimo era Zanobi che diventò santo senza aver canto a un girasole, considerato che effetto quando sono raggruppati tra subito nessun martirio. La ragione si trova di Stefano Giraldi Foto s. giralDi in alcuni fatti della vita di Zanobi che ci Foto f. magonio sono stati tramandati già dall’anno Mille. Uno dei più mirabili è la risurrezione di un fanciullo in Borgo San Piero, l’attuale temono il gelo e anche se può pianto. Se coltivati in vaso, è fusto ramificato alto circa 50 Borgo degli Albizi: in un punto preciso capitare di vederli completa- bene considerare che le loro cm. con foglie picciolate e fiori di questa strada per secoli è rimasta mente abbattuti dalla morsa radici rizomatose si svilup- campanulati di colore verde, infatti una pietra detta “geniculum” che del freddo, basta che la tem- pano in profondità: si utilizzerà, marginato di un rosso-bruno ricordava ai passanti il luogo dove Zanobi peratura risalga sopra le zero, per questo motivo, un conteni- e, come suggerisce il nome, si era inginocchiato a pregare perché il durante la giornata, per vederli tore adeguato. Gli Ellebori che ha un odore… non proprio fanciullo rivivesse. risorgere come se nulla fosse troviamo in commercio, sono gradevole! Come tutte le altre Un episodio miracoloso avvenne alla accaduto. Si adattano meglio ibridi della specie Orientalis, specie botaniche (spontanee), sua morte: a quell’epoca la cattedrale alla coltivazione in piena terra sempreverdi, ma esistono è decidua, cioè perde le foglie vescovile di Firenze era la chiesa di San (prediligono una collocazione anche specie spontanee che durante la stagione calda. Una Lorenzo, allora fuori le mura cittadine; il semiombreggiata), in un sub- facilmente possiamo indivi- caratteristica sia degli ellebori corpo di Zanobi era sepolto in quella chiesa. strato umido e ben drenato; duare nei nostri boschi. Quella coltivati che degli esemplari In seguito si pensò di spostare la sede per uno sviluppo rigoglioso, forse più diffusa è l’Helleborus spontanei è la loro tossicità: vescovile all’interno delle mura cittadine e occorre concimarli con letame foetidus che ama i luoghi sas- obbligatorio lavarsi sempre le precisamente in Santa Reparata, ora sotto maturo al momento dell’im- sosi e cespugliosi: presenta un mani, dopo averli toccati. la cattedrale di Santa Maria del Fiore. Fu spostato anche il corpo di Zanobi. Il popolo entrambi possiedono la medesima loro. Al pari delle forme, anche i seguì numeroso la traslazione della bara di forma tondeggiante». È bene gio- colori devono essere accostati con ar- legno del loro vescovo che passò accanto care, invece, col contrasto di forme e monia: quelli scuri, si pongono sem- al battistero di San Giovanni, dove era un olmo ormai secco che segnava, come vo- colori, selezionando e abbinando le pre al centro della composizione, il leva un’antica usanza germanica, il punto piante in base alle loro caratteristi- cosiddetto punto vegetativo: qui, tutti dove il popolo cittadino doveva radunarsi che estetiche; per questo i fiori sono gli elementi presenti s’incontrano e per le adunanze pubbliche. Al passaggio catalogati secondo le loro forme. convergono. Un altro consiglio utile del corteo, l’olmo, sfiorato dalla cassa «I crisantemi delle varietà Turner riguarda il modo in cui trattare gli mortuaria, improvvisamente si riempì di hanno forma sferica, un gladiolo steli: in genere si devono ripulire da foglie e di fiori. La gente gridò al miracolo e ha forma a spiga, i rametti del pino tutte le foglie, spine, germogli, fino si accalcò intorno all’albero per strapparne o acero sono di forma spezzettata – al punto massimo d’immersione; dal almeno un ramoscello. Otto secoli dopo in ricordo dell’evento, mentre spiega, la nostra fioraia ci fiore si asportano anche eventuali fu eretta una colonna romana di marmo mostra alcuni esemplari -. Esistono petali sciupati, malformati o rotti. cipollino, di fronte alla porta nord del fiori con forma rigida, come il Liatris, i http://fioristi.altervista. Battistero, che segnala ancora oggi ai e piante con portamento morbido, org/pagine/fiori.htm passanti il miracolo di San Zanobi. v Gennaio 2013 - Informatore - 45
  • 44. SaluteD ella Rosacea, come spiega la LA rosACeAlA ROSACEA La maledizione dei Celti Donatella Lippi, professoressa Donatella Lippi,storica della medicina, «Si ha ha no- della medicina, «Si notiziatizia dal quadro Il vecchio col nipotefino fino dal quadro Il vecchio col del Ghirlandaio (1449-1494), con-nipote del Ghirlandaio (1449-1494),conservato al museo del Louvre di Una malattia caratterizzata servato al museo del Louvre di Parigi,Parigi, doveritratto un vecchio e un da arrossamento dove viene viene ritratto un vecchioe un bambino ed il primo presenta e dilatazione dei capillaribambino ed il primo presenta unauna malformazionenaso,naso, dettamalformazione del del detta rino-rinofima, interpretata conseguenza della congiuntiva epalpebre, dellafima, interpretata come come conse- ressamento delle della cornea. contemori di una verosimile rosacea di cui congiuntiva e della cornea. Risultaguenza di una verosimile rosacea di Risulta dunque evidente che lacui l’uomo doveva soffrire». Ma questa rosacea evidente che la rosacea èl’uomo doveva soffrire». Ma di di que- dunque è malattia cronica, e ipatologia si hanno anche tracce più malattia cronica, e i rimedi hannosta patologia si hanno anche tracce rimedi hanno effetto solo tem-più antiche in quanto a essere parti- poraneo». temporaneo».antiche in quanto a essere particolar- effetto solomente interessati sono individui concolarmente interessati sono individui logico dunque che quanto È logico dunque che quantocon carnagione e capelli chiari; da più è avanzato lo stadio della ma- carnagione e capelli chiari; da qui la lo stadio della denominazione Maledizione dei Celti, lattia, meno saranno le possibilitàqui la denominazione Maledizione dei malattia, meno saranno le pos-Celti, utilizzata a per indicarla. terapeutiche definitive. In generale,utilizzata a volte volte per indicarla. sibilità terapeutiche definitive. cos’è la rosacea? È una ma- gli elementi che scatenano questo Ma cos’è la rosacea? È una malat- In generale, gli elementi che sca-tia benigna ad andamento cronico tenano questo problema sono dalattia benigna ad andamento cro- problema sono rappresentaticaratterizzata in tutte le suele sue fasi rappresentati da che inducononico caratterizzata in tutte fasi dalla tutti quegli stimoli tutti queglipresenza di arrossamento del volto con stimoli che inducono momenti dalla presenza di arrossamento del vasodilatazione: da vasodila-dilatazione patologica dei capillari tazione: daemozione,volto con dilatazione patologica dei di intensa momenti(telangectasie). Il professor professor di intensaalcoolici o capillari (telangectasie). Il Giuliano all’uso di emozione,Giuliano Zuccati,Zuccati, derma-tologo a t olo g o Alimenti da evitare d e r m dell’Uni-versità di Firenze, La rosacea è una delle poche malattie in cui dell’Università fare attenzione agli alimenti è davvero utile, di Firenze, cici chiarisce che soprattutto nelle prime fasi. Gli alimenti da«la patologiache evitare sono quelli che scatenano il flush chiarisce in-«la patologia in- (arrossamenti accessionali, vampate di calore)sorge per lo più insoggetti dilo più fra i quali, al primo posto, gli alcoolici, quindi, in sorge per sessofemminile che ordine di importanza, il vino e la birra, i cibi troppoin soggetti dipresentano una caldi, i cibi piccanti (le spezie),spezie), il caffè,la sesso femminile troppo caldi, i cibi piccanti (le il caffè, il thè e iltendenza costitu- cioccolata. SembraSembra che il pane, la pasta che presentano thè e la cioccolata. che il pane, la pasta e gli zuccheri, da sempre sconsigliati al paziente e gli zuccheri, da sempre sconsigliati aluna tendenza paziente affetto da rosacea, abbiano menozionale ad avere affetto da rosacea, abbiano meno influenza costituzionale influenza sullaun rilasciamento sulla malattia. malattia.del tessuto un so-ad avere di ri-lasciamento del tessuto vasi, carat- caffè o di cibi piccanti e caldi,stegno degli organi e deidi sostegno all’uso di alcoolici o caffè o diterizzato anche da emorroidi, vene cibi piccanti etemperatura, so- degli organi e dei vasi, caratterizzato agli sbalzi di caldi, agli sbalzi più avanzate della malattia, ivaricose e dilatazionevene varicose e di temperatura, soprattutto ilanche da emorroidi, dei capillari». prattutto il passaggio da freddo a risultati saranno buoni, ma par- dilatazione dei capillari». malat- passaggio da freddo a caldo, fino Secondo la gravità della caldo, fino all’esposizione al sole ziali e seguiti facilmente parziali e se- ranno buoni, ma da recidiva.tia, Secondo la identificare vari stadi, all’esposizione al sole che crea un di si possono gravità della malattia, che crea un danno vascolare di- In questi casi è da recidiva. In questi guiti facilmente utile associare unail più lieve si manifestavari stadi, il danno mediato dal calore.o mediato alma valente si possono identificare con rossore retto o vascolare diretto di terapia fisica, che permetta di fisica, casi è utile associare una terapia agiredelle guance e fini telangectasie; nel dal«Se le attenzioni iniziano fin dalle Alma Valentepiù lieve si manifesta con rossore delle calore. in maniera più agire in maniera più che permetta di decisa sulla vascola-secondo sono presenti nella pelle an- prime fasi della malattia - continuaguance e fini telangectasie; nel secondo «Se le attenzioni iniziano fin dalle decisa sulla vascolarizzazione, ridu- rizzazione, riducendo in modo impor-che piccole papule pelle anche piccole prime fasisidella interrompere la sua sono presenti nella (rilievi solidi delle Zuccati -, può malattia - continua cendo in modo importante l’eritema». tante l’eritema».pelle) e (rilievi solidi delledi pus); nel Zuccati -, sicon soddisfacenti risultati,papule pustole (raccolte pelle) e pu- evoluzione può interrompere la suaterzo(raccolte di pus); nel terzo le lesioni evoluzione contrattamento, sia locale stole le lesioni sono più evidenti e com- ma quando il soddisfacenti risultati, TERAPIA terapiapaiono anche nei noduli sottocutanei. ma sistemico, si instaura nelle fasi più sono più evidenti e compaiono anche che quando il trattamento, sia locale Sono quattro le opzioni per tenere «L’American National Rosacea che sistemico, malattia, i risultati sa-nei noduli sottocutanei. avanzate della si instaura nelle fasi sotto controllo la rosacea: la terapia «L’American National Rosacea So-Society nel 2002 - prosegue Zuccati topica, che si avvale di un discreto- ha nel 2002 - prosegue Zuccati - ha FIRENZE ciety definito più forme di rosacea FirEnzE numero di farmaci rappresentati dain base allaforme di rosacea in base definito più manifestazione clinica e lozioni con attività anti- creme, gel e lozioni con attività anti-prevalente, mettendo clinica preva- Corsi di yoga e tai ji quanalla manifestazione in rilievo sia batterica antiinfiammatoria, ed èège- ed ge-quellamettendo(rinofima), per la pro- All’Istituto di Yoga (via G. Lanza 65), si tengono corsi dilente, del naso in rilievo sia quella del dai pazienti. neralmente ben tollerata dai pazienti.liferazione delle per la proliferazione yoga e tai ji quan per tutte le età (giovani, adulti, etànaso (rinofima), ghiandole sebacee, La terapia sistemica trova una delle ghiandole sebacee, che dei vasiche dei vasi nasali e quella oculare, libera). Iscrizioni dal 7 gennaio. sua utilità soprattutto nelle fasi piùcon l’interessamento dellecon l’inte- i 0552479080; 3281726224nasali e quella oculare, palpebre, della malattia. Nella rosa- avanzate della malattia. Nella rosa- o46 - Informatore - Gennaio 2013 INFORMATORE
  • 45. Mondo Coopo cea papulo-pustolosa trova un suo tUmore Al seno ma anche l’opinione pubblica. I risultati dello studio, pubblicati in un supplemento Scelta di vita utile impiego la terapia con antibiotici come le tetracicline, i macrolidi e del “Journal of Medical Screening”, mo- l’ampicillina, gli antiparassitari e gli strano che ogni 1000 donne dai 50 ai 69 Lo screening mammografico anni che si sottopongono allo screening antifungini. Nello stadio più avanzato salva la vita mammografico ogni due anni, tra le 7 e della malattia, quello dell’elefantiasi le 9 donne hanno avuto la vita salvata, e facciale (o fima, come il rinofima) può dare un qualche vantaggio l’iso- tretinoina. di Maria vittoria L o screening mammografico riduce la mortalità per tumore al seno e salva molte vite. A confermarlo anche uno studio che 4 casi di tumore della mammella (a fronte delle 67 donne che si ammalano di tumore mammario in assenza di scre- Trattamento fisico e chirur- Giannotti promosso dall’Osservatorio nazionale ening) potrebbero essere “sovradiagnosi” gico. Giovamento si può trovare con screening, la rete di coordinamento nazio- (riconoscimento di tumori a bassa ca- nale degli screening oncologici del Mini- pacità evolutiva e quindi potenzialmente l’utilizzo di sorgenti luminose non a- non pericolosi). I blative come il Dye Laser (Pdl) o la luce benefici osser- pulsata (Ipl). Il rinofima e le altre forme vati rafforzano la fimatose possono essere ridotte utiliz- necessità di con- zando il Laser CO2 o il Laser a Erbium. tinuare a promuo- Trattamento cosmetico. Que- vere i programmi di sta patologia può avere importanti screening. «Que- sto studio europeo risvolti psicologici, soprattutto tra le – dichiara Eugenio donne, per lo più in giovane età, per gli Paci, dell’Ispo di Fi- aspetti estetici che comporta. I cosme- renze, uno dei coor- tici da usare devono essere: specifici dinatori del gruppo per la malattia; idratanti e lenitivi; ben Euroscreen – per- tollerati; privi di mette alle donne profumi. Quelli stero della salute, che ha sede presso l’Ispo, una scelta informata e basata su solide l’Istituto per lo studio e la prevenzione on- evidenze scientifiche. Nella realtà fioren- più utili devono cologica della Regione Toscana. Lo studio, tina è stata stimata una riduzione di quasi proteggere dai L’interviStato realizzato da ricercatori di nove Paesi eu- il 40% del numero di donne decedute per raggi UV-B e cre- professor Giuliano Zuccati, ropei, rappresenta un fondamentale con- tumore della mammella, tra le donne 50- are un film che dermatologo tributo scientifico in una controversia pro 69 anni che hanno partecipato dal 1990 attenui gli sbalzi dell’Università e contro lo screening mammografico, che al programma di screening: circa 200 vite termici. Devono di Firenze ha coinvolto non solo la stampa scientifica, salvate». «La scelta fatta dal servizio sani- inoltre contenere sostanze capillaro- tario della Regione Toscana di investire nel arEzzo programma di screening mammografico protettrici come i bioflavonoidi, la e di affidare a Ispo il coordinamento e la vitamina C, gli antocianosidi simili sorveglianza del programma regionale sta ai flavonoidi che sono contenuti in ottenendo importanti risultati – commenta abbondanza nel mirtillo, o sostanze l’assessore al diritto alla salute Luigi Mar- ad azione antiflogistica e deconge- roni –. Il programma è esteso oggi a tutte stionante come le saponine contenute le aziende toscane, e ogni anno vengono nell’ippocastano, nell’edera e nel ru- pubblicati dal Centro di riferimento regio- nale dati di attività che fanno prevedere sco. Anche le sostanze detergenti, da che risultati simili a quelli ottenuti a Firenze usare a temperature né troppo alte né saranno osservati prossimamente anche troppo basse, devono essere prive di sa- nelle altre realtà della regione. La Regione pone, di profumi e non irritare, come Toscana vuole proseguire in questa linea quelli cationici, anionici e anfoteri. operativa – sottolinea l’assessore – e per Tutte le volte che i pazienti si espon- questo ha mantenuto l’esenzione dal ticket gono al sole, devono proteggersi con per tutti gli screening oncologici. Questi dati testimoniano l’importanza dell’azione filtri solari ad alto Spf (Sun protection di sanità pubblica, che garantisce gratui- factor) e largo spettro (Uvb-Uva). Re- Incontri e passeggiate tamente queste prestazioni di prevenzione centemente nel trattamento estetico Per il ciclo di appuntamenti “I colori della salute. La secondaria alle donne interessate». «Con- della rosacea è stato introdotto il Ca- piramide alimentare toscana”, il 14/1, dalle 17.30 alle 19, fermo l’impegno a migliorare ulteriormente mouflage o maquillage protettivo nella sala soci Coop al centro commerciale ipercoop di viale la nostra offerta di screening mammo- che, con metodiche precise, utilizza Amendola si parlerà de “Il pollame e le carni bianche”. grafico - assicura il direttore generale sostanze coprenti per mascherare gli i punto soci. Ingresso libero. dell’Ispo Gianni Amunni -. Uno stimolo a inestetismi della malattia. Passeggiate della salute alla scoperta della città di Arezzo. nuovi sviluppi, in particolare a migliorare la Le proposte di gennaio: il 6, via San Lorentino e il Museo di qualità del lavoro, oggi possibile anche per È importante comunque sottoli- arte medievale e moderna; il 20, via Ricasoli fra arte, le potenzialità dell’uso della mammografia neare che il “fai da te” non va bene storia e scienza. Partecipazione libera. digitale, e all’allargamento dell’offerta dello e bisogna sempre ricorrere ad uno i Prenotazioni per la visita al museo: punto soci screening alle donne in età 45-49, con specialista. v Coop via Veneto e ipercoop v.le Amendola modalità innovative». v Gennaio 2013 - Informatore - 47