Consumatori Coop aprile 2014

  • 382 views
Uploaded on

 

More in: Business
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
382
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
1
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. consumatori il mensile dei soci coop edizionecoopnordestemilia-lombardian°3aprile2014 ILCIBO DELMONDOProduciamo alimenti che basterebbero a nutrire tutti, ma milioni di persone soffrono la fame. Come cambiare pensando al futuro consumatori il mensile dei soci coop Scopri la nuova raccolta punti Lenovitàdelcatalogo2014chepremia conscontisullaspesa,piccolielettrodomestici, accessoriperlacucina,ricarichedeltelefono rivisteeviaggi NUOVI PUNTI DI VISTA premi risparmio opportunità La raccolta punti carta sociocoop e sociocoop+ dal 1° aprile 2014 al 31 marzo 2015 40
  • 2. Condizioni della promozione: L’ offerta “ChiamaTutti 360”, sottoscrivibile tra il 03/03/14 ed il 13/04/14, prevede 360 minuti di chiamate nazionali, verso numeri fissi e mobili, 360 SMS naziona- li e 1 Giga di traffico internet nazionale ogni 30 giorni. I minuti sono tariffati sugli effettivi secondi di conversazione e le connessioni internet a singolo kbyte. Al superamento del traffico voce ed SMS compreso verranno applicate le condizioni del piano tariffario sottostante per il traffico voce ed SMS, mentre il traffico internet sarà gratuito ma la velocità di connessione sarà limitata a 32 kb/sec. L’offerta ha un costo di 9,50€ al mese e si rinnova automaticamente ogni 30 giorni in caso di credito sufficiente. Se il credito residuo non è sufficiente, l’offerta risulterà sospesa per 7 giorni. Per riattivarla sarà necessario ricaricare entro la scadenza dei 7 giorni, altrimenti l’opzione verrà disattivata. I minuti, gli SMS ed i Mega non consumati nel mese, non si sommano con i minuti e gli SMS o il traffico internet del mese successivo. Per maggiori dettagli sulle compatibilità e su tutte le offerte visita il sito www.coopvoce.it Scopri le offerte CoopVoce su www.coopvoce.it Circondarsi di parole ChiamaTutti Circondarsi di parole ChiamaTuttiChiamaTutti 360 minuti + 360 SMS verso tutti Web 1 Giga senza limiti Per Sempre Passa a CoopVoce dal 3 marzo al 13 aprile 2014 9,50€ CONVENIENZA A360° CONCOOPVOCE: TELEFONATE,SMSEINTERNET ASOLI9,50€ ALMESE
  • 3. NUOVI PUN premi risparmio oppor La raccolta punti carta sociocoop e sociocoop+ dal 1° aprile 2014 al 31 marzo 2015 19 Cibo e farmaci DI EUGENIO DEL TOMA 23 L'energia del sole DI MARIO TOZZI 26 Salumi che nascono all'aria aperta 28 Il bello del wi-fi fatto in casa DI CLAUDIO STRANO 4 Lettere a Consumatori 6 Il cibo per tutti DI DARIO GUIDI 11 La vignetta DI ELLEKAPPA 14 L'economia della coesione sociale 25 Impronte firmate Patrizio Roversi 13 Oro e zafferano DI MASSIMO MONTANARI 30 Carni d'Emilia DI HELMUT FAILONI 34 Bambini tocca a voi DI GIUSEPPE ORTOLANO 36 Manzoni secondo Twitter DI M. CIRRI E F. SOLIBELLO 36 Mostre, libri e dischi Intervista a Diodato DI G. OLDRINI E P. PACODA Mensile della Cooperazione di Consumatori 40127 Bologna, Viale Aldo Moro,16 Tel. 051.6316911 | Telefax 051.6316908 redazione@consumatori.coop.it Reg.Trib. Bologna 3/8/82 n. 5005 Iscrizione Roc 29/8/01 n. 1040 Copia singola euro 0,34 Abbonamento annuo euro 3,10 Direttore responsabile Dario Guidi Redazione Daniele Moltrasio (vicedirettore) Daniela Dalpozzo, Silvia Fabbri, Alberto Martignone, Alessandro Medici, Andrea Pertegato, Silvia Pizzorno, Marisa Pecere, Silvia Sacchetti, Claudio Strano. Progetto grafico Glifo associati/Plumdesign Impaginazione e grafica Ilde Ianigro Responsabile della pubblicità Lorenza Corazzari Stampa Coptip (Modena) Coop Editrice Consumatori 40127 Bologna, Viale Aldo Moro,16 Tel. 051.6316911 | Telefax 051.6316908 C. F., P. IVA e Iscrizione al Registro delle Imprese di Bologna n. 03722150376 Iscrizione all’albo delle Cooperative a mutualità prevalente n. A108296 Coop Editrice Consumatori Consiglio di amministrazione: Massimo Bongiovanni (presidente) Enrico Migliavacca (vicepresidente) Gianna Brunelli, Mauro Bruzzone, Stefano Dalla Casa, Edwin Ferrari, Alberto Martignone, Alessandro Medici, Daniele Moltrasio. Consegnato alle poste a partire dal 03/04/2013. Il numero di marzo è stato stampato in 2.258.204 copie Associato USPI, Unione stampa periodica italiana Questa rivista è stata stampata su carta 100% ecologica che ha ottenuto il marchio Ecolabel dell’Unione Europea riservato ai prodotti a minor impatto ambientale Mangiareda star male Dalla bulimia all'anoressia, scopriamo il mondo dei disturbi alimentari che possono diventare una malattia Ilcibopertutti Ben 842 milioni di persone soffrono la fame, eppure ci sarebbero alimentiasufficienzapertutti.Comecambiarepensandoalfuturo 14 L'economiadellacoesionesociale Terzo settore, non profit, cooperazione: scopriamo le cifre di un arcipelago che vuole veder riconosciuto il proprio ruolo 6 20 S O M M A R I O consumatori sommario seguici su facebook e su www.consumatori.e-coop.it Le pagine diLe pagine di Ecco le novità della raccolta punti DI SILVIA SACCHETTI Coop Nordest Assemblee di bilancio Solidarietà Dona i punti a Gvc Vantaggi per la scuola DI VIVIANA MONTI coopnordest 40 43 44 47 Coop Nordest numero verde 800849085
  • 4. 4 consumatori aprile 2014 Risponde Claudio Mazzini responsabile sostenibilità, innovazione e valori di Coop Italia: Il tema sofisticazioni e frodi è sempre d'attualità. In più, la crisi economica, può spingere alcune aziende a pensare di risolvere in maniera sbrigativa le difficoltà. I dati del dossier “Italia a tavola 2013 rapporto sulla si- curezza alimentare”, pubblicato da Movimento difesa del Cittadino e Legambiente parlano chiaro: 500 mila controlli, 28 mila tonnellate di prodotti sequestrati, per un valore economico di oltre mezzo miliardo di euro. È chiaro che non si tratta di episodi sporadici: sappiamo che esiste un’economia sommersa, basata sulla frode. Inoltre la globalizzazione degli approvvigionamenti, unita a metodologie di indagine sempre più sofisticate, portano a sempre nuove scoperte di contaminanti inat- tesioprimadeltuttosconosciuti”.Lasituazione,così,si complica, in una continua rincorsa. È per quest’ultima ragione che scoppiano molti scan- dali veri, ma anche alcuni “mediatici”, nel senso che il clamore e la pressione dei media, spingono i consu- matori a preoccuparsi e a revocare la fiducia ad interi settori, ma non sempre a ragione. Come quando una frode è dovuta a dichiarazioni di caratteristiche di- verse dalle originali in un prodotto, ma senza che ci sia alcuna conseguenza per la salubrità del prodotto stesso. Ma, in una comunicazione che tende alla semplificazione, spesso non si distingue, come si do- vrebbe, tra frodi di natura commerciale e rischi effet- tivi per la salute. Ciò non vuol dire, tuttavia, che vada sottovalutato il problema o abbassata la guardia. Anzi vale il contrario. Certificazione, tracciabilità, qualità, garanzie igie- nico- sanitarie: questi gli elementi che in Italia come in Europa possono garantire la sicurezza e mettere all’angolo le falsificazioni. Come Coop, fin dai primi anni 2000 abbiamo deciso che occorreva rafforzare il presidio su alcune diret- trici importanti. Per questo motivo è stato creato un “gruppo rischi emergenti” col compito di pensare quali le possibili frodi e, di conseguenza, collaborare con le principali Università ed Enti di Ricerca, per trovare le contromisure. In una battuta, pensare come ladri per fare ancora meglio le guardie. La lotta alle frodi dipende da tutti Grazie a questo lavoro abbiamo definito regole e limiti vincolanti che finiscono nei nostri capitolati di forni- tura. In alcuni casi questi limiti sono anche diventati legge. Le nuove sfide? La tracciabilità delle materie prime e dei semilavorati, i materiali per gli imballi e le nuove micotossine. In testa all’elenco dei prodotti sotto la lente d’ingrandi- mento, ovviamente, tutti i principali prodotti agroali- mentari italiani: l’olio extravergine d’oliva, tradizional- mente tra i più esposti alle contraffazioni, il vino (è stata un’annata scarsa con il rischio di annacquamenti e adul- terazioni), iformaggi, leconservedipomodoro, ecc. Per questo, da anni, il Laboratorio Coop è impegnato nell'applicazione di tecniche in grado di leggere il dna di prodotti a rischio e di stabilire quindi se l'ingre- diente corrisponde a quello dichiarato o se vi è una sofisticazione. All'esperienza di biologi e chimici è affidato anche il compito di presidiare i rischi emer- genti e di combattere le frodi con tecniche innovative; per farlo, lo scorso anno, è arrivato dalla Francia He- racles. Tecnicamente si tratta di un gascromatografo evoluto, che permette di distinguere un alimento con- forme da uno adulterato. Appare inoltre chiaro che a volte, comprare i prodotti guardando solo al prezzo più basso, non verificando le informazioni, aumenta il rischio di frodi. Per citare l'economista Robert Reich: “La scomoda verità è che la maggior parte di noi ha due menti. Come consumatori puntiamo a fare grandi affari. Come cittadini disapproviamo le molte conse- guenze sociali che ne derivano“. Un prodotto “leale” è, in qualche misura, anche un prodotto sostenibile e in questo, noi cittadini, possiamo fare molto. Se col vostro smarphone o tablet volete vedere un filmato sul lavoro nei laboratori di analisi sulla qualità di Coop Ita- lia e sul funzionamento della macchina Heracles (di cui si parla in questo pezzo), utilizzate questo codice QR. Ho visto in Tv la puntata di "Presa diretta", di Riccardo Iacona, dedicata alle frodi alimentari e mi sono spaventata. Come Coop combatte e previene questo problema? renata serradibene - piacenza L’indirizzo per scrivere a questa rubrica è: redazione Consumatori, Viale Aldo Moro, 16, 40127 Bologna fax 051 6316908, oppure, redazione@consumatori.coop.it
  • 5. 5 L'etichetta delle uova Come si legge l'etichetta delle uova? Gianna bergonzini - Moglia (MN) Le uova fresche destinate ai consumatori sono indicate comecategoriaA.Primadiesseremesseinvenditanon devono essere nè lavate nè sottoposte a trattamenti di conservazione. La categoria extra indica una qualità particolare ed è valida solo entro 9 giorni dalla depo- sizione che per questo tipo di uova deve essere indi- cata anche sul guscio. Una lettera indica le dimensioni: S piccole (meno di 53 grammi), M medie (da 53 a 62 grammi), L (da 63 a 72 gr) e infine XL grandissime. L'indicazione del tipo di allevamento è obbligatoria: 0 biologico, 1 all'aperto, 2 a terra e 3 in gabbia. Segue la sigla della nazione, il comune dove l'alleva- mentoèsituatoèindicatoconilcodiceIstat,laprovin- cia e il codice identificativo del singolo allevamento. Vaccinazioni La vaccinazione ai neonati è obbligatoria? Teresa Pozzi - Cremona Dal 1991 in Italia sono obbligatorie per tutti i nuovi nati le vaccinazioni contro difterite, tetano, polio- mielite, epatite B. Di solito viene utilizzato il vaccino esavalente, che oltre a proteggere da queste malattie, previene anche la pertosse e le infezioni invasive da Haemophilus influenzae B. Se un genitore si rifiuta di far vaccinare il figliuo, viene chiamato per un colloquio informativo presso la Asl di appartenenza. Il rifiuto non compromette la scola- rità del bambino ma il genitore verrà richiamato pe- riodicamente dalle aurtorità sanitarie e il ragazzo al compimento del 18 anno verrà invitato ad atture di sua spontanea volontà le misure di prevenzione. Riso nero Ho visto sugli scaffali il riso nero. Vorrei saperne di più su questo prodotto? angelita bernabei - savona Il riso nero è arrivato in Italia solo nel ’97. E' origina- rio della Cina, viene chiamato riso proibito dell’Impe- ratore, ma ora è coltivato in pianura Padana per le sue proprietà nutrizionali abbastanza rare (qualcuno dice addirittura afrodisiache ma è solo questione di marke- ting). Dal punto di vista nutrizionale offre un signifi- cativo apporto di fosforo, magnesio e selenio. Inoltre trattandosi di un riso integrale, un piatto garantisce il 13% delle fibre alimentari raccomandate nella dieta giornaliera. Il prezzo di vendita è un po' più caro di quello di altri tipi di riso. Coptipperl'ambienteeilrisparmio energetico Coptip è la tipografia modenese dove vengono stampate le oltre 22 milioni di copie annue di Consumatori. Parliamo di un'azienda cooperativa con più di 90 dipendenti, impianti moderni con quattro rotative offset (tra cui una Lithoman da 80 pagine che è unica per dimensioni in Italia) capaci di stampa- re ciascuna 42.500 copie all’ora, certificazione etica SA8000 e certificazione ambientale ISO 14001 ed FSC sulla provenienza e lavorazione della carta nel rispetto delle foreste. Ora a tutte queste importanti caratteristiche Coptip ha aggiunto un nuovo impegno sul piano del risparmio energetico e del rispetto dell’ambiente, inaugurando una centrale di rigenera- zione in grado di fornire energia (sia elettrica che termica) per il funzionamento delle rotative e il riscaldamento degli ambienti. La centrale, realizzata da un'altra importante impresa cooperativa (la CPL di Concordia), è costituita da un cogeneratore installato in una cofanatura insonorizzata che produce una potenza elettrica di 245 kW (che servirà a raffreddare le macchine di stampa) e 344 kW di potenza termica a disposizione della struttura e dei processi produttivi. “Da anni siamo impegnati nell’ottimizzazione dei consumi energetici e nel rispetto del’ambiente – spiega il presidente di Copitp, Giancarlo Panini – Con questo impianto facciamo un ulteriore passo avanti che ci consente di ridurre i costi e di essere più autonomi nel reperimento di energia” Con quello installato in Coptip, gli impianti di cogenerazione e trigenerazione realizzati da CPL, in Italia e all’estero, arrivano a quota 500.
  • 6. 66 continua a pagina 8 > “Non c'è mai stato co- sì tanto cibo. Allora perché nel mondo 842 milioni di persone soffrono la fame? In termini stret- tamente quantitativi, c'è cibo a sufficienza per sfamare l'intera popolazione mondiale di oltre 7 miliardi di persone. Eppure, una personasu8èaffamata.Neipaesi inviadisviluppounbambinosu3 èsottopeso”. A sancire queste semplici verità è il World Food Programme, l’a- genzia delle Nazioni unite il cui scopo è proprio quello di com- battere la fame e attivare piani di contrasto a questo drammatico problema. Nel provare a fare un ragionamento sul tema del cibo, siamo partiti da questa semplice affermazioneperchégiàinessaso- no contenuti due punti fermi: ov- verochealmondoc’è(omeglioci sarebbe)ciboasufficienzapertut- ti, ma dall’altra parte ci sono 842 milioni di persone che soffrono la fame. Perché ci muoviamo tra queste due opposte verità? È quello che, nelnostropiccolo,vorremmopro- vareacapire,peravviareunarifles- sione che si proietta verso l’Expo 2015chesiterràaMilano,unama- nifestazione che è proprio dedica- taaltema“Nutrireilpianeta”. Intanto chiariamo che il cibo sa- rebbe sufficiente per tutti, se tutti avessimo diete uguali o simili, co- me apporto calorico. Invece nei paesi occidentali sono comuni diete che sfiorano le 5.000 calo- riealgiorno,mentredovesisoffre la fame si vive sistematicamente al di sotto delle 2.000, confron- tandosi quindi con le conseguen- ze che ne derivano. Si viaggia così sempretrapoliopposti:itantiche non hanno cibo da una parte e, dall’altra,piùdiunmiliardodiper- sone che soffre di problemi legati insieme a coop Verso l'Expo 2015 L'anno prossimo si svolegrà a Milano l'Expo 2015, una grande manifestazione che vedrà presenti quasi tutti i paesi del mondo e che sarà dedicata al tema "Nutrire il pianeta". In vista di questo appuntamento davvero straordinario, di cui Coop sarà uno dei protagonisti (con una propria presenza diretta), come rivista, vogliamo proporvi una serie di articoli che provano ad affrontare le complesse e affascinanti problematiche legate proprio al tema del cibo e della sua produzione, sia in chiave mondiale che più locale. Nelle pagine che seguono ecco la prima puntata. il cibo per tutti quali scelte per il futuro del nostro pianeta? di dario guidi Ben 842 milioni di persone al mondo soffrono la fame, eppure ci sarebbe cibo a sufficienza per nutrire ogni abitante. Tra disequilibri, sprechi e ingiustizie proviamo a capire perché. E soprattutto cosa c'è da correggere in vista di un futuro nel quale dai 7 miliardi attuali passeremo (nel 2050) a più di 9 miliardi economia
  • 7. 777 Un altro tema decisivo è quello dei modelli di consumo e degli sprechi che si incontrano lungo tutta la filiera del cibo. Si tratta di un'altra delle chiavi fondamentali da affrontare per il futuro. Secondo uno studio della Fao (Food and agri- colture organization delle Nazioni Unite) del 2013, ogni anno nel mondo si assiste alla strabi- liante perdita di 1,3 miliardi di tonnellate di ci- bo per un danno economico pari a 750 miliardi di dollari. Il 54 per cento degli sprechi alimentari si verificano "a monte", in fase di produzione, rac- colto e immagazzinaggio. Il 46 per cento avvie- ne invece "a valle", nelle fasi di trasformazione, distribuzione e consumo. In linea generale, nei paesi più poveri e in via di sviluppo le perdite di cibo avvengono maggior- mente nella fase produttiva (per inadeguatez- za degli impianti, dei sistemi di conservazione e trasporto), mentre gli sprechi alimentari a li- vello di dettagliante o di consumatore tendono ad essere più elevati nelle regioni a medio e alto reddito. Il rapporto della Fao fa notare che più avanti lungo la catena alimentare un prodotto va per- duto, maggiori sono le conseguenze ambientali, dal momento che i costi ambientali sostenuti durante la lavorazione, il trasporto, lo stoccag- gio ed il consumo devono essere aggiunti ai co- sti di produzione iniziali. Un tema su cui anche in Italia si sta prestan- do sempre più attenzione, come dimostra il re- cente svolgimento del Forum sulla Sostenibili- tà Ambientale. Anche se le stime non sono univoche, quel- le elaborate dal Politecnico di Milano indica- no uno spreco nazionale, lungo l'intera filiera, pari a 6 milioni di tonnellate di cibo all'anno, equivalenti all'8% della spesa. Il governo ha annunciato la volontà di definire un piano di contrasto e prevenzione contro lo spreco ali- mentare. Un tema su cui, del resto, Coop è al lavoro già da anni con i suoi progetti “Brutti ma buoni” e “A buon fine” che consentono di utilizzare prodotti invenduti, danneggiati o prossimi alla scadenza: i negozi coinvolti sono stati 544 nel 2012, con la partecipazione di 813 associazioni Onlus che hanno permesso di as- sistere oltre 140.000 persone in difficoltà, per un valore complessivo di merce donata pari a oltre 26 milioni di euro. Sprechi, nemico da combattere La Fao: ogni anno un danno da 750 miliardi, che riguarda in modo diverso il sud e il nord del mondo consumatori aprile 2014
  • 8. al sovrappeso e all’obesità (fattori scatenanti di malattie la cui cura diventa un costo enorme per i si- stemisanitari).Ovviamentenonè cheuncambiamentodidietadove si mangia troppo, basterà a far ar- rivare il cibo dove manca, perché ledistorsionieproblemisonoben piùcomplessi. Cereali,carne, pesce... Matorniamoaguardarepiùdavi- cino a qualche dato sull’agricoltu- ramondiale.Oggiilciboperilpia- netaèrappresentatoda2miliardi e 400 milioni di tonnellate di ce- reali (grano, mais, riso, ecc.) pro- dottiannualmente;poisiaggiun- gono, tra le voci principali, più di 300milioniditonnellatedicarne, 780 milioni di latticini e 160 mi- lionidipesce,500milionidisemi oleosi, 180 milioni di zucchero. Questaèla“montagna”chesareb- besufficienteperunaalimentazio- neadeguatadituttoilpianeta. Stiamo sulla voce più importante, quella dei cereali, per scoprire che la produzione complessiva, secon- do i dati costantemente aggiornati dellaFao(l’agenziaOnuchesioc- cupa di cibo e agricoltura), è cre- sciutainmodoabbastanzaregolare negli ultimi 5 anni, così come so- no aumentate le scorte (che i pae- si devono avere per fronteggiare le emergenze).Dunqueunasituazio- ne relativamente tranquilla, rispet- to a periodi recenti molto turbo- lenti sia per le quantità disponibili chepergliandamentideiprezzi. Ma è molto interessante andare a verificare come è ripartita questa enorme quantità di cereali. Infatti, secondolaFao,dei2miliardie400 milioni di tonnellate, meno del 50% serve direttamente all’ali- mentazione umana (per l’esattez- zasono1.080milioni).Poicisono 796 milioni di tonnellate che ser- vono a produrre gli alimenti per gli animali (da cui comunque de- rivano i 300 milioni di tonnellate dicarnechel’uomomangerà). Non producono invece nessun ti- po di alimento gli altri 450 milio- ni di tonnellate che servono pre- valentemente alla produzione dei biocarburanti, un fenomeno que- stochehaavutounarapidaespan- sionenegliultimianni. Già da questa macro osservazio- necomincianoademergerediver- si problemi che vanno a incidere sul punto di fondo che è come ga- rantire a tutti il cibo. Già perché è bene ricordare che parlare di dirit- to al cibo non è una enunciazione astratta. Il diritto al cibo è un dirit- tointrinsecodiogniuomo,donna o bambino ed è stato riconosciu- to come tale dalla Dichiarazione universaledeidirittiumaninel 1948. Un diritto sancito anche se poispessodimenticatonellaprati- cadiquestidecenni. Il cibo è solo una merce? Unesempiovienedaquantoacca- dutodaglianni’80delsecoloscor- so, quando il Fondo monetario 842milionisoffronolafame Madal2009lacifraèincalo Secondo i dati del World Food Programme, la percentuale di persone che soffre la fame è più alta nell’Africa orientale, centrale e australe. Circa tre quarti delle persone denutrite vivono in zone rurali povere dei paesi in via di sviluppo, soprattutto nelle aree agricole ad alto rischio. Tuttavia, il numero di persone che soffre la fame è in aumento anche nelle aree urbane. Oltre la metà degli 842 milioni di persone affamate nel mondo vive in Asia e circa un quarto si trova nell’Africa Sub-Sahariana. Negli ultimi venticinque anni del 20esimo secolo, l'umanità stava vincendo la lotta contro il suo nemico di sempre. Dal 1970 al 1997, il numero di 8 primo piano economia Dati World food programme 959 milioni 791 milioni 1 miliardo e 20 milioni 842 milioni 1970 1997 2009 2013 persone affamate è calato da 959 a 791 milioni, soprattutto grazie agli incredibili progressi nella riduzione della malnutrizione in India e in Cina. Eppure, a partire dalla fine degli anni 90, il numero degli affamati cronici nei paesi in via di sviluppo è tornato a salire a un ritmo di quasi 4 milioni di persone all'anno. Tra il 2001 e il 2003, il numero di persone malnutrite nel mondo è arrivato a 854 milioni. Gli ultimi dati registrano che, per la prima volta dopo 15 anni, il numero di persone che soffrono la fame nel mondo è diminuito, calando da 1,02 miliardi nel 2009 a 925 milioni nel 2010, fino ad arrivare ad 842 milioni nel 2013.
  • 9. 9 internazionaleelaBancaMon- diale, ai paesi poveri e pieni di de- biti che chiedevano aiuti, hanno impostoriformeorientateafavori- re liberalizzazioni, privatizzazioni e un ridimensionamento dell’in- tervento pubblico in tutti i campi e quindi anche in agricoltura. Ri- sultato di questo è stato che que- sti paesi poveri sono diventati pri- ma esportatori di materie prime (destinate a chi aveva i soldi per comprarle), ma soprattutto sono diventati importatori di cibo pro- dotto e confezionato altrove (in una logica di mercato che certo nonhaaiutatoipiùpoveri). “Uno dei punti centrali nel dibat- tito rivolto al futuro – spiega Luca Colombo, autore del libro “Dirit- to al cibo” e segretario della Fon- dazioneperlaricercainagricoltura biologicaebiodinamica–èlasfida a considerare il miglior uso possi- biledellaterra,massimizzandol’u- so sociale del cibo come pilastro fondamentale su cui costruire la sopravvivenza degli uomini, anzi- ché considerare semplicemente il cibounamercedascambiare”. 2050,saremo9 miliardi Se di temi comunque importanti come il rapporto tra agricoltura e ambiente, e dei modelli di consu- mo e degli sprechi che si incon- trano lungo tutta la filiera parlia- monelleschede inquestepagine, restapoiuntemadiprospettiva. Se come abbiamo visto in parten- za,alnettodeiproblemicheabbia- mo provato almeno ad accennare, oggi la quantità di cibo prodot- to sarebbe sufficiente a nutrire i 7 miliardi di individui che abitano il nostro pianeta, quale sarà la situa- zione quando, nel 2050, a chie- dere cibo saremo in più di 9 mi- liardi? E come cambierà questa domanda anche alla luce del fatto che almeno l’aspirazione a poter- si avvicinare ai livelli di consumo dell’Occidente, da parte dei paesi inviadisviluppo(bastacitaresolo Cina e India che insieme fanno 2 miliardi e 500 milioni di persone) staproducendogiàoggiimpattiri- levantissimi? Poi c’è il terzo fatto- recheabbiamocitatocheèquello della sostenibilità ambientale. Co- sa succederà rispetto al problema del surriscaldamento del pianeta? Che impatti avrà sulla disponibili- tàdeiterrenicoltivabili? Certo nel provare a rispondere a questi enormi quesiti l’umanità potrà contare su evoluzioni tec- nologiche e scientifiche che tro- veranno applicazione anche nella produzione di cibo e alimenti. Il tema degli Ogm (gli Organismi geneticamente modificati) è da tempo al centro dell’attenzione e suscita posizioni decisamente contrastanti. Ma altre prospetti- vesiaprono,legateaicibibiotech, o alla possibilità di modificare le nostre diete, trovando le protei- ne necessarie magari negli insetti o nei crostacei, anziché nella car- ne (questi sono tutti aspetti cui anche il cibo nel mirino della finanza speculativa Se lo scopo fondamentale del cibo è che serve a nutrire le persone, questa semplice verità si deve scontrare sempre più con la logica dei mercati e della speculazione finanziaria per cui il cibo (come il petrolio o qualsiasi altra merce) serve a far soldi e nient’altro. Sulla nostra rivista ci siamo già occupati di raccontare come, specie 3 o 4 anni fa, i prezzi delle derrate alimentari a livello mondiale hanno subito variazioni fortissime. Frutto soprattutto di una speculazione forsennata per cui a comprare grano e mais, non erano operatori del settore, ma fondi d’investimento e banche d’affari. Basti ricordare che i cosiddetti futures(titoli nati come strumento per tutelare i produttori sulle variazioni di prezzo, tra momento della semina e della vendita), sono passati da un valore complessivo di 65 miliardi di dollari nel 2006 a 126 miliardi di dollari nel 2011. Ma la cosa impressionante è che alla Borsa merci di Chicago, nel 1996 l’88% di questi titoli era detenuto da operatori del settore agro-alimentare, mentre nel 2011 il 70% era detenuto da gruppi finanziari e speculativi. Un mondo ribaltato e cifre che rendono chiaro quanto pesi la finanza nel determinare, trattandosi di cibo, se e quanto potranno mangiare miliardi di persone. continua a pagina 10 > 9 Ogni anno nel mondo vengono prodotti 2miliardi e 400 milioni di tonnellate di cereali 300 milioni di tonnellate di carne 160 milioni di tonnellate di pesce 780 milioni di tonnellate di latticini Dati Fao su alcune delle principali categorie di prodotti alimentari consumatori aprile 2014
  • 10. continua a pagina 13 > dedicheremo approfondimenti nei prossimi numeri della nostra rivista). Ilimitidellosviluppo Resta però il fatto che comunque lestrategiefuturedevonoconfron- tarsi con un concetto di limite che è oggettivo. Sono passati più di 40 anni da quando il Club di Roma poseperlaprimavoltal’attenzione sul fatto che le risorse del pianeta non sono infinite e dunque l’idea che si possa continuare a crescere con una progressione geometrica non è una ipotesi realistica. Anzi, le elaborazioni più recenti e ag- giornate delle analisi del Club di Roma, non escludono scenari ca- tastroficirispettoallafuturasitua- zionealimentaredelpianeta. Nonacasoanchealivellopolitico, iverticidelG20(ipaesipiùsvilup- pati) hanno messo all’ordine del giorno il tema senza però assume- re impegni precisi. Ma, consape- volidellecrisilegateanchealruolo dellaspeculazionefinanziaria,igo- verni sanno che sul cibo si posso- noscatenareaspriconflitti. 10 primo piano economia Agricoltura sostenibile cercasi, tra allevamenti e stili di consumo Lo sviluppo futuro dell’agricoltura mondiale è strettamente connesso alle tematiche ambientali e di sostenibilità complessiva del nostro pianeta. E questo in un duplice senso. Da un lato l’agricoltura è vittima di determinati fenomeni e deve tener conto dei mutamenti climatici, del surriscaldamento del pianeta, dei rischi di desertificazione di aree sempre più estese e dell’impoverimento dei suoli. Ma dall’altro la stessa agricoltura è una delle cause che producono questi fenomeni. In particolare c’è la questione degli allevamenti di bestiame. Come spiega un rapporto della Fao, “l’allevamento di bestiame emerge come uno dei due o tre più significativi fattori nel determinare problemi ambientali, sia in sede locale che globale”. Tradotto in cifre il settore degli allevamenti vale il 40% del fatturato complessivo dell’agricoltura mondiale e, nel contempo, la carne è un fattore, ad oggi, fondamentale nel garantire proteine e nutrienti fondamentali a 1,3 miliardi di persone che vivono nelle aree rurali e più povere del pianeta. Visto con altre cifre, l’allevamento di bestiame, se si sommano le superfici coltivate per ricavare mangimi per gli animali e le aree destinate al pascolo degli animali stessi, occupa il 70% della superficie agricola totale. Sempre l’allevamento è responsabile del 18% delle emissioni complessive di gas serra. Dunque è chiaro che migliorare le tecniche, riuscire a ridurre questi impatti è un compito fondamentale che si unisce al definire livelli di consumo di carne che siano compatibili con una dieta salutare ed equilibrata. Nei paesi occidentali la percentuale di chi sceglie di essere vegetariano sta crescendo, per questi motivi ma anche per valutazioni più strettamente etiche. Resta però il fatto che, anche se siamo ancora assai lontani dai 123 chili di carne all’anno che mangia l’americano medio (dati Fao del 2006), i cinesi sono passati dai 25 chili di carne procapite del 1995 ai 53 chilogrammi del 2008. Sempre secondo la Fao dal 2000 al 2050 la produzione di carne al mondo è destinata a raddoppiare per raggiungere i 465 milioni di tonnellate. L’evoluzione del mondo è rapidissima e qui possiamo solo accennare alla complessità dei problemi. Nei paesi occidentali il consumo di carni come pollame, maiale (e pesce da acquacoltura) si sta espandendo, con prestazioni in termini di impatto energetico, molto più efficienti rispetto ai bovini. Cambiamenti costanti in corso. Resta poi il fatto che parlare di cibo e di modelli di agricoltura, di impatto sull’ambiente, è assai diverso se si è di fronte alle estensioni sterminate di migliaia di ettari del Canada, alle colture di qualità dell’Italia o a dei terreni semidesertici di paesi africani. Le caratteristiche geografiche, culturali e sociali, interferiscono pesantemente con quelle che possono o dovrebbero essere le caratteristiche ottimali dell’organizzazione agricola. Certo è che la sostenibilità ambientale e sociale delle scelte che si fanno deve diventare una costante chiave di valutazione. È in questo quadro che va quin- di definito il nodo sul modello di agricoltura che si vorrà sviluppare esostenere.Inquestiultimidecen- ni l’agricoltura intensiva ha pro- dotto risultati importanti, grazie all’evoluzione tecnica e tecnologi- ca. Come ha spiegato il direttore generale della Fao, Jos Graziano da Silva “il modello “della cosid- dettaRivoluzioneVerdedeglianni ’50 e ’60 ha sì fatto raddoppiare la produzione alimentare mondiale grazie all’applicazione della cono- scenza scientifica all’agricoltura,
  • 11. 1111 coop e i meloni del senegal Al via il terzo progetto virtuoso "Terra equa" Alcuni anni fa la comunità senegalese in Italia chiese a Coop di valorizzare le eccellenze agricole del proprio paese per contribuirne allo sviluppo. Coop chiese allora ai suoi migliori fornitori di lavorare a un progetto di produzione del melone – che è tra le migliori coltivazioni di quel paese – e oggi, dopo alcuni anni di test, il progetto Melone "Terra equa" del Senegal è giunto al via. I meloni si aggiungono così ai fagioli del Burkina Faso e ai datteri di Gerico arricchendo la linea a marchio "Terra equa". "Coop ha colto questa occasione – spiega Gianluca Schiassi di Coop Italia, di ritorno dal Senegal – anche per avere un’alternativa ai meloni delle multinazionali francesi Idhil e Azura che operano nei territori del Sahara Occidentale occupato dal regno del Marocco". Sono 160gliettarinellazonadiThiès,a40chilometrida Dakar,dovesistaproducendounottimofruttocheverrà commercializzatonelperiodoprimaverileneipunti vendita Coop.Vainfattiprecisatochelecaratteristiche climaticheediterrenodelSenegal(territoriovocatodove solo di recentesièpassatidalmelonepieldesapo,a polpa bianca,allevarietàpiùdiffusenelmercato italiano) risultanoottimalitrametàfebbraioefineaprile, periodo incuinonèancoramaturoilmeloneitaliano. Coop distribuiràperciòilprodottosenegalesedaquando inizia la raccoltainSenegalfinoaquandoinizieràla commercializzazionediquelloItaliano.Ediquestafiliera ha messoapuntoanchel'aspettoetico.Alpari,infatti, dell’aziendaFrancescon,diMantova–chehaportatonel paese africanolemacchineagricole,itrattori,leserre,i mezzi tecnicieilknowhownecessariallaproduzione –Coopdestinerà5 centesimidieuroalkg (peruntotaledunque di10centsalkg),di ognimelonevenduto allafondazioneGiovanni PaoloSecondodiFirenze,che realizzeràaTasset,apocadistanzadall’aziendaagricola, unpresidiomedico.Unservizioadoggipressoché inesistentemafondamentalepermigliorarelecondizioni divitadioltre20.000abitantichevivonopressola piantagioneechegrazieallafilieradelmelonehanno trovatolavoroefuturo:sonoquasi300glistagionali impiegatiaiqualivienegarantitounlivellodireddito decisamentepiùaltorispettoallostandarddell’area. Dalla vendita del melone Coop stima di raccogliere nel 2014 dai 20.000 ai 30.000 euro, una cifra importante da destinare al presidio medico di Tasset. consumatori aprile 2014 LA VIGNETTA DI ELLEKAPPA
  • 12. ma “si basava su un notevole im- piego di fattori produttivi come acqua,fertilizzantiepesticidi”. LanuovastrategiaFao Per questo ora la Fao ha lanciato una nuova strategia che va sotto il titolo di “Save and grow” (cioè “Salvare e crescere”). Questo per- ché “l'attuale paradigma di pro- duzione intensiva non riesce più a stare al passo con le sfide poste dal nuovo millennio. Per crescere l'agricoltura deve ora imparare a preservare”. Così il nuovo approc- cio, che punta a “produrre di più conmeno”,sirivolgesoprattuttoai piccolicontadinideipaesiinviadi sviluppo.Aiutarelefamiglierurali a basso reddito - circa 2,5 miliar- di di persone - ad economizzare sui costi di produzione e costru- ire prosperi sistemi agro-alimen- tari, li metterà nelle condizioni di massimizzarelereseedinvestirei risparmi nella salute e nella scola- rizzazione. Come questa agricol- tura su scala più ridotta, dove la proprietà è diffusa e legata al ter- ritorio si incrocerà con la presen- za delle grandi multinazionali del settore(bastapensareallaCargill che fattura 120 miliardi di dolla- ri commerciando in cereali, semi oleosi e alimenti, o ai colossi del biotech come Monsanto, Basf e Syngenta), è tutto da scoprire. Gli interessi in gioco son ovvia- menteenormi. Forse noi consumatori italiani, ci potremmo sentire lontani da que- ste riflessioni e da questi scenari. Giàanchesolocapireleproblema- tiche dell’agricoltura nella dimen- sione europea è piuttosto difficile. Ma come abbiamo visto le inter- connessioni e le ricadute di ogni sceltasonoglobali.Ilpuntocentra- le per una agricoltura come quella italiana,ilcuicuoresonotantipro- dotti e cibi di qualità, conosciuti e apprezzati in tutto il mondo, è con che idea di se stessa vuole essere protagonistanelfuturo.● 13 consumatori aprile 2014 Colorare di giallo le vivande – il riso, la pasta, le torte, le creme – era per i cuochi medievali un modo di portare in tavola la feli- cità e il calore del sole. Felicità e calore che in quella stessa epoca gli artisti portavano sulle tele, a illuminare e impreziosire gli sfondi delle immaginisacre.Colorarelevivandedigialloeralavariantegastronomica del gusto pittorico, una pratica di cui i grandi cuochi addirittura abusa- vano, tanto era il fascino di questo colore, che richiamava immagini di luce e di eternità. Se sfogliamo il ricettario di Maestro Martino, il cuoco di punta della cucina italiana del Quattrocento, restiamo stupiti dalla quan- tità di ricette che prevedono l’impiego di zafferano, esplicitamente indi- cato “per fare gialla la vivanda”. È in questo modo che nasce la tradizione del risotto giallo milanese e di tanti altri piatti celebri della nostra cucina. Non era un sogno solamente italiano: nel Medioevo il giallo dello zaffera- no compare nei ricettari di tutti i paesi europei. Anche il riso giallo com- pare fuori d’Italia, in particolare sulle tavole fiamminghe, come – fra l’al- tro – ci mostra Pieter Bruegel nel suo celebre dipinto delle “nozze contadine”, dove scodelle di vivanda bianca (la purezza) si alternano a scodelle di vivanda gialla (la gioia): non polenta di mais, come qualche commentatore si ostina a credere, ma minestre di riso colorato, servite a coronamento di un pranzo festivo per eccellenza. Che quel giallo sia l’im- magine di un giallo più prezioso ce lo assicura un proverbio, ancora oggi tramandato nelle campagne dei Paesi Bassi, secondo cui in questo mon- do siamo costretti ad accontentarci di riso e zafferano, ma nel felice aldilà potremo finalmente godere di riso e oro. Le gioie dell’aldilà, a dire il vero, qualcuno provava ad anticiparle: alcune ricette medievali prevedono proprio l’impiego dell’oro, a cui si attribuivano non solo spettacolari risultati cromatici ma anche (pagan- do) virtù magiche e improbabili qualità salutari. Anche cuochi del nostro tempo ci hanno provato: il “risotto oro e zafferano” di Gualtiero Mar- chesi, con una foglia d’oro di forma quadrata ben sistemata al centro del risotto giallo su sfondo nero, è un piatto che ha fatto epoca. Parrebbe una soluzione eccentrica, fatta solo per stupire l’ospite: ma dietro c’è tut- ta una storia che la spiega, la giustifica, la inquadra culturalmente. Molte invenzioni, molte ricette “firmate” (come appunto quella di Marchesi) nascono da una tradizione lunga, che combina il moderno con l’antico. Giocare con i colori e le forme, accompagnare le emozioni della vista a quelle del gusto non è una trovata dei cuochi contemporanei ma un’esigenza che l’arte della cucina ha sempre avuto. Perché gli uomini hanno sempre amato il bello oltre che il buono. ● Oro e zafferano Cucinare il bello di Massimo Montanari docente di Storia medievale e di Storia dell’alimentazione, Università di Bologna cibo è cultura
  • 13. 14 primo piano economia Ci sono le associazioni della più diversa natura e che si possono occupare di sport, di assistenza o di cultura (e sono quasi 270 mila). Ci sono le Fondazioni (che sono 6.200), ma ci sono anche enti morali ,istituti reli- giosi, mutue. E volendo ci so- no da aggiungere anche le ban- che popolari e quelle di credito cooperativo. Mondi anche molto diversi tra loro. Che però in questo nostro racconto vorremmo provare a proporre non tanto dal punto di vista della loro pur rilevantis- sima valenza sociale e culturale (secondo i dati del censimento Istat2011ivolontariinItaliaso- no 4 milioni e 758 mila), ma per la loro valenza economica. Cioè tutte queste sigle che abbia- mo raccontato, in modi diver- si e articolati, sono comunque un pezzo, molto più rilevante di quanto spesso si pensi, del “mitico" Pil e di quell’econo- mia che invece sembra sempre Siamol'economia della coesionesociale Terzo settore, cooperazione, non profit, società civile organizzata: scopriamo le cifre di un arcipelago che vuole vedersi riconosciuto un ruolo non solo sul piano culturale e dei valori. Perché oltre a 4 milioni e 800 mila volontari ci sono quasi 2 milioni di addetti e tanti servizi che vengono erogati di dario guidi Alleanza cooperative Versol'unicacentrale L’obiettivo, esplicitamente sancito nella quarta assemblea dell’Alleanza delle cooperative italiane svoltasi a fine gennaio a Roma, è quello di andare al superamento di Legacoop, Confcooperative e Agci per dar vita ad un’unica centrale di rappresentanza del movimento cooperativo. Dunque dal coordinamento delle attività, avviato con la nascita dell’Alleanza, il mondo cooperativo ora punta ad un passo più impegnativo, che in un paese dove divisioni e spaccature sono all’ordine del giorno assume ancora maggior significato. Il processo che porterà a dar vita a un’unica associazione di rappresentanza, assume una valenza particolare anche alla luce della volontà di riuscire a dar voce e far pesare sulle scelte politiche, l’intero mondo dell’economia sociale, del non profit di cui parliamo in queste pagine. La nascita del governo Renzi ha portato una importante e significativa novità con la nomina a Ministro del lavoro di Giuliano Poletti, da diversi anni alla guida di Legacoop nazionale e dell’Alleanza delle cooperative italiane. La nomina di Poletti rappresenta il riconoscimento, oltre che delle sue personali capacità, della competenza e della passione con cui ha svolto i suoi incarichi, anche di quei valori di democrazia, di partecipazione e di solidarietà sociale che sono propri della cooperazione italiana. Proprio questi valori, siamo certi, potranno essere una risorsa preziosa per contribuire ad affrontare i difficili problemi del paese. Economia sociale? Terzo settore? Non profit? Co- operazione? Società civile or- ganizzata? No, una definizio- ne chiara e omnicomprensiva non c’è, anche perché i confini di questo mondo sono mobili e in costante evoluzione. Ci so- no le cooperative, quelle grandi e quelle piccole, quelle di con- sumatori, quelle sociali, quelle che costruiscono case e via in un lungo elenco (e in tutto sono 77 mila imprese). nuovo governo poletti ministro
  • 14. 15 consumatori aprile 2014 più esaurirsi nella dimensione finanziaria, che misura profitti, ma dimentica le persone. Come spiega il professor Stefa- no Zamagani (vedi l’intervista qui a lato), economista da sem- pre in prima file nelle battaglie per promuovere il protagoni- smo dell’economia sociale, “il punto centrale è proprio quel- lo di veder riconosciuta la sog- gettività economica di questo mondo, che invece troppo spes- so è solo considerato come un qualcosa di meritorio ma asso- lutamente marginale”. Stando sempre ai dati del cen- simento Istat, le 301 mila isti- tuzioni non profit presenti oc- cupano direttamente 680 mila addetti e coinvolgono diretta- mente altre 280 mila risorse umane (senza contare i citati volontari che si integrano con i dipendenti nella gestione delle attività). Ma dati altrettanto si- gnificativi, che si aggiungono a questi vengono dall’indagi- ne fatta da Unioncamere che, partendo dagli elenchi delle Ca- mere di Commercio di tutta Ita- lia, ha analizzato i mondi della cooperazione e del non profit. “Solo la cooperazione, nel 2012, valeva 66 miliardi di valore ag- giunto, pari al 4,7% del reddito complessivo del paese. – spiega il responsabile del centro stu- di di Unioncamere, Domeni- co Mauriello - Parliamo di 77 mila imprese con oltre 1 mi- lioni e 200 mila occupati e che nel 2013 avevano programma- to altre 73.500 nuove assun- zioni. Guardando al capitolo più specifico delle imprese so- ciali, che non sono solo coo- perative, nei nostri registri ne La cooperazione in Italia continua a pagina 16 > 76.774 imprese 1 milione e 200 mila occupati 220 mila nuovi posti di lavoro (creati dal 2001 al 2011) 66 miliardi di valore aggiunto (4,7% del reddito complessivo del paese) Le imprese sociali 14.190 imprese oltre 434 mila occupati 35.460 assunzioni programmate nel 2013 Il mondo del non profit 301.191 istituzioni Dipendenti 680.811 +39,4 Volontari 4.758.622 +43,5 Altre risorse umane* 273.313 +165 Variazioni % 2001/2011 *(Lavoratori esterni e lavoratori temporanei) Fonte Unioncamere Fonte Istat Fonte Unioncamere
  • 15. 16 primo piano economia abbiamo trovate 14.190, di cui 7.120 operano nel campo della sanità e dell’assistenza e 2.490 nel campo della formazione e dell’istruzione. E qui parliamo di quasi 435 mila dipendenti”. Dunque numeri enormi, in mondi dove le figure dei dipen- denti, dei soci e dei volontari si mescolano, si scambiano e si sovrappongono virtuosamente (anche nelle Coop di consuma- tori c’è una presenza significa- tiva di soci volontari). Ma con un comune denominatore, pro- durre attività e servizi che pur avendo una valenza economica (spesso sottovalutata), spiega ancora Mauriello “propongono un modello di sviluppo sociale sostenibile che fa leva su valori e cultura che sono diffusi nel no- stro paese. Sono cioè realtà che propongono un modo diverso di fare impresa, che punta sul capitale umano, sulle relazioni e sui rapporti col territorio. In so- stanza è un modello che riesce ad abbinare la crescita con la co- esione sociale”. In tempi di crisi, con un paese provato e diviso e con una poli- tica debolissima, parlare di real- tà che difendono e promuovo- no la coesione sociale è parlare di una risorsa preziosa. Che può essere una leva strategica per fa- vorire l’uscita da questa difficile fase. Anche perché, come l’indagine di Unioncamere certifica, nel decennio 2001-2011, quindi Dare peso politico all’econo- mia sociale, a quella che lui chiama “la società civile che si organizza” e che “non ha una rilevanza solo culturale, ma economica”. Perché “se non si riconosce questa soggettività economica” non si va a incide- re sullo schema politico oggi imperante, quello di una so- cietà in cui ci sono solo Stato e mercato. “Uno schema che non funziona più, come questi anni di crisi hanno dimostrato, e che va superato”. Parola di Stefano Zamagni,docentedieconomiapoliticaaBologna, ma soprattutto appassionato promotore della battaglia per dar voce a quell’ampio arcipelago di mondi che spaziano dalla cooperazione, al non profit, dall’associazionismo all’economia sociale. “La crisi che stiamo ancora vivendo – spiega Za- magni – ha finalmente dato la stura a una pre- sa di coscienza diffusa sul fatto che il modello di ordine economico, basato sul dualismo Stato- mercato, pubblico-privato, non regge più. Per me era una cosa evidente da anni, ma oggi tutti si stanno rendendo conto che il sistema a due gam- be non sta in piedi. C’è bisogno della terza gam- ba, che è quella dell’economia sociale, o meglio ancora della società civile che si organizza e che è capace di dare risposte. Pensiamo al tema che sta emergendo dei beni comuni, e cioè parliamo di acqua, di ambiente, di conoscenza, di beni es- senziali che non possono essere distrutti e che in- vece oggi sono a forte rischio, proprio perché nel dualismo Stato-mercato si vede l’incapacità di gestirli edi tutelarli adeguatamente”. Per Zamagni dunque occorre voltar pagina e indi- care quella che lui chiama una terza via, perché le risposte che possono dare neo-statalisti da una parte, e neo-liberisti dall’altra non bastano. "Non basta cambiare lo Stato da una parte, o il mercato capitalistico dall’altra". Paradigmi economici e politici da modificare dun- que,macomefareadarepesopoliticoaquelpez- zo già oggi così importante (come abbiamo visto inquestepagine)dell’economiasociale,dellacoo- perazione e del non profit? “Questa è la domanda delle domande. Le rego- le del gioco vanno riscritte e bisogna incidere a questo livello. Le regole attuali favoriscono la speculazione finanziaria o, per fare un esempio che mi sta a cuore, favoriscono le imprese che gestiscono il gioco d’azzardo. Così non va pro- prio. Occorre costruire una proposta politica- mente spendibile e, per questo serve quella che io chiamo una minoranza profetica, capace di stefano ZAMAGNI economista, Università di Bologna “C'è da cambiare modello, Stato e mercato non bastano” Zamagni: "riconoscere il ruolo deLl'economia sociale. E la coop..."
  • 16. 17 consumatori aprile 2014 in un periodo segnato in larga parte dalla crisi, l’occupazione in questo mondo è cresciuta di oltre 220 mila unità. Il numero di cooperative registra un saldo positivo del 2% anche nel 2013, contro un saldo quasi a zero del totale delle imprese. “Guardando dentro ai dati del- la nostra indagine – prosegue Mauriello – si scoprono tanti altri elementi molto significati- vi. Pensando al sociale, certo il tema dell’assistenza agli anziani resta centrale, ma intanto c’è una capacità di questi mondi di adattarsi rapidamente a una do- manda di erogazione di servizi che cambia. In più molte impre- se, cooperative e non, si stanno affrancando dal legame col pub- blico, si punta ad esempio su forme di servizio erogate nella residenza delle persone. Stan- no poi nascendo esperienze in campo agro-alimentare che non riguardano solo la produzione, ma anche la trasformazione e commercializzazione dei pro- dotti. Ci sono esperienze nella gestione di beni comuni come l’acqua. Insomma c’è stata una capacità delle imprese sociali di dare risposte anche negli anni più duri della crisi. Certo, servo- no sempre più capacità manage- riali, anche in realtà che a volte sono di piccole dimensioni. Ma è innegabile che questo sia un pezzo della nostra economia che in questi anni ha retto bene ed ha continuato a crescere”. fare da catalizzatore di risorse che ci sono. Oggi, e basta pensare a un fenomeno come il grande successo elettorale di Grillo e del “Movimento 5 stelle”, non siamo un paese ossificato. Ci sono grandi energie in movimento e credo che, dal mondo dell’economia sociale, del volontariato, della cooperazione, possa venire una spinta per indirizzare queste energie verso un linguaggio positivo e di proposta. Ma c’è da combattere lo schema, dentro cui oggi è chiusa la politica ita- liana, divisa tra chi difende lo Stato e chi il mer- cato. E per far questo occorre che la società civile si organizzi, che si riconosca che questa realtà ha una valenza economica e non solo culturale o simbolica. Parliamo di una organizzazione di- versa della società che è possibile, coinvolgendo da protagonisti soggetti nuovi. Il recente regola- mento del Comune di Bologna sulla collabora- zione fra cittadini e amministrazione va in tale direzione.” E la cooperazione che ruolo può avere in questo processo? “Può avere un ruolo straordinario, può mettersi alla guida di un processo. Già la nascita, dopo oltre un secolo, dell’Alleanza cooperativa come soggetto unico, è una grande e positiva novità. La chiave di volta credo possa essere quella di dare vita a cooperative con governance multi- stakeholders, capaci di rappresentare non solo gli interessi di una sola categoria, quella dei soci, ma di una pluralità di soggetti, mirando al bene comune. Il passaggio dalla cooperativa mono-stakeholder a quella multi-stakeholder è oggi indispensabile se si vogliono affrontare gli immensi problemi dei beni comuni. In Italia, negli ultimi anni, sono già nate diverse coope- rative di comunità, che vanno proprio nel senso indicato. Ovviamente c’è molta strada da fare, anche sul piano dell’elaborazione, dei modelli di governance. Ma spero che la cooperazione italiana, e in particolare quella di consumatori, sappia porsi come elemento di traino di questo processo. Le condizioni per essere la punta di diamante di una trasformazione profonda ci so- no tutte. La qualità e la convenienza dei prodot- ti sono importanti, ma non bastano più a dare senso e nuovo slancio alla forma cooperativa di impresa”. continua a pagina 19 >
  • 17. 19 consumatori aprile 2014 primo piano economia Pochi giorni prima di diventa- re Ministro del lavoro, e quindi ancora nei panni di presidente dell’Alleanza delle cooperative italiane, Giuliano Poletti, ave- va proprio ribadito come le co- operative, partendo dalla loro identità, si sentano “parte es- senziale dell’economia sociale, un mondo cui, soprattutto in tempi di difficoltà, viene am- piamente riconosciuto un va- lore positivo da parte dell’eco- nomia e della politica, anche se poi sin qui non c’è stata una tra- duzione pratica nei comporta- menti e nelle scelte che la poli- tica compie. L’obiettivo, quindi, è che tutti i soggetti che fanno parte del mondo dell’econo- mia sociale si attivino per for- mare una “comunità”, per far sì che quei valori comuni, che ve- dono le persone protagoniste, trovino diffusione ed applica- zione concreta, sviluppando un confronto che parta dalla Co- stituzione. Dobbiamo afferma- re il “protagonismo sociale” dei cittadini, la partecipazione atti- va e responsabile alla vita delle comunità, alla gestione dei beni comuni: non si può continua- re a parlare sempre di Stato e di mercato come dei due pilastri che reggono il mondo, rispet- to ai quali c’è un “terzo settore”. L’obiettivo da perseguire, con il concorso di tutti i soggetti in- teressati, è quello di affermare che prima viene la società, poi lo Stato ed il mercato. Occorre ab- bandonare una strada che ci ha portato da un’economia di mer- cato ad una società di mercato, dove il valore è stato schiaccia- to sul prezzo. Occorre far capi- re che le varie realtà esistenti, a partire dalla cooperazione, pos- sono rappresentare una soluzio- ne utile a disposizione dei citta- dini che vogliano assumersi la responsabilità condivisa di tro- vare risposte ai loro problemi”. Quando le visite mediche erano meno affrettate, il medico di famiglia non dimenticava mai di dare delle raccomandazioni sul momento più adatto per ingerire i farmaci. La fretta e un po' di superficialità hanno appannato questa abitudine, al punto che talvolta è il paziente a dover chiedereseilfarmacoandràpresoastomacovuotoosubitodopounpasto. Purtroppo, le interferenze fra cibo e farmaci esistono (anche escludendo il ginepraio delle intolleranze!) e non vanno trascurate perché oltre ai problemi digestivi c’è in gioco l’inattivazione o comunque una diversa efficienza degli effetti auspicati. Non è un caso che il medico, quando deve fronteggiare un problema acuto egravepreferiscalasomministrazioneperviaintramuscolareoendoveno- sa, proprio perché la via orale non garantisce né la quantità del farmaco cheverràrealmenteassorbita,néinquantotempo.Quandounacompressa ounacapsulavengonopreseastomaco pieno,cioèentrounamezz’ora dalla fine del pasto, l’azione sarà più lenta ma lo stomaco soffrirà meno dell’eventuale danno irritativo. Inoltre, c’è il problema della contemporanea assunzione con gli alimenti o con integratori specifici di grandi quantità di fibre vegetali che possono ridurre la biodisponibilità di farmaci, vitamine e minerali. Si tratta di pro- blemi complessi e fortemente personalizzati, perciò limitiamoci ad allerta- re in primo luogo gli anziani, costretti ad utilizzare più di un farmaco prescritto a tempo indeterminato (anti-ipertensivi, statine), con maggior rischio, sia di problemi gastrointestinali, sia per la farmacodinamica dei principi attivi. Ad esempio, tutti coloro che debbono prendere giornalmente degli anti- coagulantidovrebberoricevereistruzioniadeguatesulcontemporaneo consumo di verdure a foglia larga, dotate di una discreta quantità di vita- minaKequindiingradodivanificarepartedell’azionechecisiattendereb- be dal farmaco. È certamente più semplice, ma troppo limitativo, conse- gnare ai pazienti uno stampato con l’elenco dei cibi sconsigliati o proibiti, piuttosto che concordare singolarmente una dieta che tenga conto della frequenza dei consumi e delle porzioni rispetto al dosaggio richiesto dalla terapia anticoagulante. Anche la frutta, in particolare il succo di pompelmo, inibendo l’attività enzimatica del CYP3A4 interferisce con statine, antiaritmici, agenti immu- nosoppressori e bloccanti dei canali del calcio. Perfino il latte riduce l’as- sorbimento di antibiotici orali (tetracicline), mentre i formaggi stagionati, ricchiditiramina,favorisconoepisodiipertensiviconalcunifarmaci(inibi- tori della MAO). Allora, occorre prudenza con l’auto-medicazione e più informazionisuquandoassumereifarmacirispettoaipastieadalcuni cibi a rischio. ● Cibo e farmaci attenzione alle interferenze di Eugenio del Toma presidente onorario dell’Associazione italiana di dietetica e nutrizione clinica alfabeto alimentare
  • 18. 20 primo piano salute Mangiaredastarmale Lasciarsi morire di fa- me. Mangiare fino a scoppiare. E poi camminare fino a sfinirsi. O prendere diuretici e lassativi per tentare quasi di scomparire. So- no alcuni dei sintomi – i più gravi – dei cosiddetti disturbi del com- portamento alimentare, prima causadimorteperledonnetragli 11 e i 35 anni. Disturbi che non sono solo bulimia e anoressia, forse più note, ma anche il binge eatingdisorder(BED)ovverodi- sturbo dell’alimentazione incon- trollata, legata all’obesità. Che, a differenza di bulimia e anoressia – tipicamente adolescenziali o post adolescenziali - coinvolge età diverse. E che si può presen- tare anche nella terza età. “La prima cosa da capire per af- frontare anoressia e bulimia – spiegaLauraCiccolini,presiden- te di Fida, Federazione italiana disturbi alimentari – è che non sono malattie dell’appetito. So- no sintomi di un disagio e di una sofferenza molto profonda che si esprimono attraverso la manipo- lazione del cibo nel tentativo di modificareilcorpo.Sonodeimo- diperesprimeresofferenza”. Le malattie legate al comportamento alimentare non solo sono bulimia e anoressia ma anche il disturbo dell'alimentazione incontrollata. Ne è affetto il 30% delle persone obese. E spesso nasce dal fallimento di ripetute diete di silvia fabbri Cos'è la Fida La Federazione Italiana Disturbi Alimentari riunisce associazioni senza scopo di lucro, attive in gran parte del territorio nazionale, costituite da psicoterapeuti, medici, nutrizionisti e psichiatri con esperienza nell’ambito della ricerca, della prevenzione, della formazione e della cura dei disturbi alimentari. Tutti i riferimenti delle associazioni presenti sul territorio si possono trovare sul sito www.fidadisturbialimentari.com
  • 19. 21 consumatori aprile 2014 Cos'è il BED (disturbo dell’alimentazione incontrollata) b compare a tutte le età, sia maschi che femmine b è correlata a obesità e spesso a depressione b può essere scatenata o dai fallimenti delle diete o dai cambiamenti in atto nella vita di una persona (come lutti, perdita del lavoro, separazioni, menopausa) b l’abbuffata è caratterizzata da perdita di controllo, velocità nel mangiare, sensazione di pienezza eccessiva, introduzione di grandi quantitativi di cibo senza fame, segretezza nel mangiare, disgusto verso sé stessi, stati di ansia e forte agitazione solosulcibo,maanchesulleemo- zioniesuirapporticonglialtri. Equandosiverifical’alternanza con la bulimia, cioè quello che lei ha chiamato circolo vizioso? Basta una leggera perdita di con- trollo e l’anoressia si rovescia nella bulimia: la persona inizia a divorare tutto in abbuffate ali- mentari che possono durare an- che ore. Allora si manifestano grande senso di colpa, senso di inadeguatezza, depressione. Il circolo vizioso nasce appunto dal fatto che la persona cerca di riac- quistare il controllo e quindi, do- po essersi abbuffata, si provoca il vomito o si spinge all’iperattivi- tà; o abusa di lassativi e purganti cercando di rimediare affannosa- mente ai danni dell’abbuffata. Ci sono cifre che ci indichino se bulimia e anoressia sono o me- no in aumento? I dati epidemiologici che riguar- dano l’anoressia sono abbastanza stabili. Sono un po’ in aumento per la bulimia, ma ciò che è dav- vero in crescita è il disturbo da alimentazione incontrollata. Che colpisce il 30% delle persone che soffrono di obesità. Diversamen- te dal bulimico la persona affetta da BED non mette in atto com- portamenti compensativi, come il procurarsi il vomito o consu- mare calorie con un’attività fisica estenuante, e quindi diventa rapi- damente obeso – mentre i buli- mici sono per lo più normopeso. Anche il disturbo da alimenta- zione incontrollata non è una patologiadell’appetito,dunque? È spesso legato a stati depressivi, e può essere il risultato dei falli- menti delle diete. Come anores- sia e bulimia colpisce più le don- ne che gli uomini e anche in età avanzata. Perché ci si ammala di queste malattie? È difficile individuare una sola causa. Sono patologie multifatto- riali, cioè risultano dall’interazio- ne di molti fattori: fisici, psicolo- gici, familiari, sociali… è difficile individuare una causa unica. In ogni caso, comunque, notiamo sempre all’interno della famiglia un’attenzione eccessiva attribuita Qualèladifferenzatraanoressia ebulimia? Sono due forme che ormai si al- ternano nella stessa persona pro- ducendo un circolo vizioso che difficilmente si spezza. Nell’ano- ressia la persona non mangia nul- la,nellabulimiainvecelapersona si abbuffa di tutto. L’esordio del disturbo è sempre l’anoressia. In entrambi i casi, però, accade che la persona cominci a sentire la necessità di restringere la quanti- tà di ciò che mangia o a limitare le tipologie di ciò che mangia… Poi siiniziaarifiutareilciboinsé, e a manifestare un’attenzione os- sessiva per il corpo e il suo peso. L’anoressia vera e propria ha co- me sintomi il rifiuto del cibo, l’os- sessione per l’immagine del cor- po, l’iperattività, il calo di peso, la dispercezione, cioè una percezio- nesbagliatadellapropriaimmagi- ne corporea. Infine l’amenorrea, cioèl’assenzadimestruazioni.Lo stato psicologico della paziente, quando si verificano questi sin- tomi, è di grande soddisfazione e contentezza, con forte senso di trionfo. Perché sperimenta il con- trollototalecheèilcontrollonon Cosa fare se un nostro familiare si ammala b non insistere nel somministrare cibo (anoressia) b non mettere sotto chiave dispense e frigoriferi (BED e bulimia) b rivolgersi subito agli specialisti continua a pagina 22 >
  • 20. 22 primo piano salute al cibo, un iper investimento... Che spesso diventa un sostituto affettivo, il canale attraverso cui i genitori mostrano il loro amore al bambino. E quindi il cibo vie- ne utilizzato come risposta a tut- te le esigenze del figlio. Poi – ed è il motivo per cui questi distur- bi colpiscono più le donne che gli uomini - viviamo in una so- cietà dell’immagine, in cui bel- lezza equivale a magrezza, in cui il corpo umano magro è l’unico che la moda rappresenti e questo certamente influenza moltissimo il gusto delle persone. Essere ma- gre significa essere belle, amate e desiderate. Si pensa che essere magre sia la strada maestra per la felicità. Ciò rende le ragazze e le donne in generale particolar- mente fragili perché hanno il ti- more di non andare mai bene, di essererifiutate–senoncisiomo- loga a un modello sociale domi- nantecheè,appunto,quellodella magrezza. Allo stesso tempo, pe- rò,inquestianni,sistadiffonden- do un’ossessione per il cibo che non ha precedenti. Interi canali tvnonparlanod’altro.Tuttoque- stometteindifficoltàlepersonee alimenta mercati ben precisi che sono quelli dei cibi light, degli in- tegratori, dei prodotti dimagran- ti. E alimenta i fallimenti. Cosa consigliare ai familiari del- le persone ammalate di anores- sia o bulimia? Bisogna cercare di accorgersi il più presto possibile dei disa- gi delle proprie figlie, dei pro- pri familiari in genere. Come? Il primo segnale è un crescente interesse per il cibo e per il suo contenuto calorico che si lega a un’ossessionante attenzione per il peso e la propria immagi- ne corporea. L’altro campanello d’allarme è la tendenza a diserta- re la tavola comune e non condi- videre più pranzi e cene. Un at- teggiamento che mette in risalto il rifiuto del cibo che accompa- gna questa patologia… Se una ragazza dice: ho mangiato fuori, cenodopoecc.,ecc.,bisognafare attenzione. Gli errori da non fare? Entrare nelle dinamiche del ci- bo, cercando ad esempio di pro- pinare cibi nutrienti, oppure mettendo sotto chiave dispense e frigorifero. Non pensare di po- ter fare da soli, perché si rischia di esasperare le dinamiche inter- ne e quindi peggiorare ancora la Benessere in Slovenia PAGHI 1 E PARTI IN 2 Vale nel periodo dal 01. 04. 2014. al 15. 05. 2014. Prezzo in Euro: 2 notti per 2 persone pernottamento e prima colazione HOTEL PARK *** Camera doppia 114 € HOTEL VITA **** Letto francese (150 x 200 cm) 137 € Incluso: 2 pernottamenti in prima colazione per 2 persone (ricco buffet tutti i pasti), ingresso illimitato alle piscine con acqua termale sia presso l’albergo Vita che alle Terme Secolari, acqua gym tutti i giorni, ginnastica mattutina, connessione Wi-Fi, animazione secondo il programma settimanale. Mezzapensione Hotel Park/persona/giorno 12,00 Pensione completa hotel Park/persona/giorno 21,00 Mezzapensione Hotel Vita, Vila Higiea/persona/giorno 13,00 Pensione completa hotel Vita, vila Higiea/persona/giorno 22,00 Tassa turistica/persona/giorno 1,01 Terme Dobrna, Dobrna, Slovenia t: 00386 3 78 08 110 / e: info@terme-dobrna.si www.terme-dobrna.si -15 % DI SCONTO sui tutti i trattamenti del centro massaggi e bellezza“Hisa na travniku”
  • 21. 23 consumatori aprile 2014 situazione. È necessario che i ge- nitori o altri familiari si rivolgano subitoapersoneesperte. L’unica patologia in aumento è comunqueildisturbodaalimen- tazione incontrollata che, tra l’altrocolpisceatutteleetàean- cheinetàavanzata.Comemai? Ci sono varie ragioni. Una può essere quella legata al fatto che le persone che arrivano da noi hanno lottato con il cibo tutta la vita. E a una certa età si rendo- no conto delle conseguenze pe- santi, sia fisiche ed emotive, che questo ha portato nelle loro vi- te. Così cominciano a pensare di curarsi verso i 40 o 50 anni... non ètroppotardi.Maunavitaintera costruita attorno a un problema nei confronti del cibo è difficile da rimettere in sesto. Anche da un punto di vista fisico. Abitu- dini alimentari gravemente dise- quilibrate possono portare con- seguenze fisiche a lungo termine, quali problemi gastrointestinali, problemidimotilità,osteoporosi, facendo provare un senso di irre- parabile perdita per le opportu- nità di cura mancate in un tem- popassato.Supponiamopoiche, anche se con un equilibrio mol- to fragile, il paziente sia rimasto in piedi. A una certa età questo equilibrio salta, perché possono sopraggiungere cambiamenti: lutti, separazioni, divorzi o per- dita del lavoro. Anche semplice- mente il fatto di invecchiare o la menopausa possono distruggere un equilibrio faticosamente con- quistato, ma un po’ traballante. E allora ci si appoggia al cibo. So- vente anche all’alcol. Consigli per affrontare in modo corretto il problema? Anche in questo caso bisogna evitare il fai-da-te. E rivolgersi ai centri specializzati e ad équipe multidisciplinari, dove sono pre- senti varie professionalità che la- vorano insieme. Psicoterapeuti, nutrizionisti, psichiatri. ● Chi ha quesiti da porre a Mario Tozzi può scrivere a: Consumatori, viale Aldo Moro 16, 40127 Bologna o inviare una mail a redazione@consumatori. coop.it. Il Sole è democratico, ubiquo e, soprattutto, gratis: si può usare per usciredasituazionidipovertàsenzadipendereperforzadaqualcunochel’e- nergia te la vende. Con il Sole si può generare corrente elettrica, riscaldare appartamenti o piscine e accumulare energia in forme impensabili fino a pochiannifa.Oggituttoquestosistatramutandoinrealtà:l'estatescorsa,per la prima volta (anche se solo per alcune ore), l'intera produzione di energia elettricainItaliaèstatafornitadafontirinnovabili,perlamaggiorparte acquaeSole.Conbuonapacedichipensaancoracheciònonfossepossibile. L’energia elettrica prodotta attraverso il Sole ha un tasso di crescita medio annuo oltre il 40%. Però è concentrata in pochi Paesi, i due terzi in Giappone, Germania e Stati Uniti (l’Italia sta risalendo la china ma è lontana da queste nazioni).Secondoalcuneorganizzazioniambientaliste,entroil2050unquar- todell’interofabbisognomondialedielettricitàpotrebbeproveniredall’ener- giasolare.Ottantaduemilionidipersoneutilizzeranno276TWhdienergiapro- dottainquestomodoneiprossimivent’anni. Mailfotovoltaicononèutilesoloperleutenzeisolateinremotelandedi campagna o dove non c’è accesso alla rete elettrica. Anche perché, ormai, non ci sono solo pannelli, ma anche elementi integrati dentro le facciate delle costruzioni stesse, come ormai tendono a fare tutte le imprese che installano strumenti solari al mondo. È finito cioè il tempo degli spazi dedi- cati agli specchi inclinati, e non c’è bisogno di avere un tetto piatto e libero per sfruttare l’energia solare. Il potenziale fotovoltaico italiano sarebbe enorme: 47.000 miliardi di kWh/ anno, con una certa differenza fra il Trentino Alto Adige (3,5 kWh/mq/gior- no di energia solare disponibile) e la Sicilia (5,5 kWh/mq/giorno). Ad oggi è nellaprovinciadiBolzanochesisonoinstallatipiùpannellicheinqualsiasi altra parte d’Italia. In Italia il consumo medio di una famigliaè di circa 3.000 kWh/anno, con il fotovoltaico si potrebbe arrivare facilmente a coprirne fra 1.100 (Italia settentrionale) e 1.600 (Italia meridionale). Peraltrosevolessimodedicaresolol’1,5%delterritorionazionaleaipannelli solari, potremmo vedere soddisfatto l’intero fabbisogno energetico italia- no, sottraendo solo 4-5.000 kmq di territorio che potrebbero essere oppor- tunamentesceltiinareeabbandonateogiàdestinateadaltriusiindustriali e commerciali. Oppure montando serre fotovoltaiche, che non sprecano gli spazi agricoli. E si intende che non si tratta mai di sottrarre un territorio destinatoaparcoodiqualchepregioambientaleoculturale,madiunogià destinato ad altri usi. Piccoli impianti sempre più efficienti di autoprodu- zione domestica, pannelli per l'acqua calda: di questo è fatto il futuro, non più di grandi centrali. ● L'energia del sole Un futuro che è già cominciato di Mario Tozzi primo ricercatore Cnr - Igag e conduttore televisivo un pianeta da difendere
  • 22. sul nostro sito trovi un notiziario sempre aggiornato www.consumatori.e-coop.it clicca mi piace alla pagina www.facebook.com/ConsumatoriCoop seguici su Twitter.com/ConsumatoriCoop con smartphone o tablet scarica le App gratuite da App Store e Google play Questa rivista è un mensile. Ma su internet abbiamo novità ogni giorno “Consumatori”,tuttiisapori dell’informazione consumatori il mensile dei soci coop
  • 23. 25 consumatori aprile 2014 primo piano società il futuro stesso del Pianeta dipende dalle scelte del Consumatore!". E quindi dalle "impronte che la- scia",nelsensodell'impattoedelleconseguenzeche lesuesceltehanno. Eproprioaraccontareescoprirepiùdavicinoquali sonoquestescelte,qualisonoleresponsabilità,ada- re informazioni che aumentino la consapevolezza, saranno dedicati i racconti di Roversi. Piccole sto- rie che incorciano grandi problemi. Un contributo in più che come rivista vogliamo dare perché tutto ilnostrolavoro,sianegliarticolicherealizziamo,sia nellecollaborazionicheabbiamoattivato,ècertodi parlareediraccontarecosafaCoop,masoprattutto quello di aumentare la consapevolezza e la capacità di scelta delle persone, perché anche quando con- sumiamo,siamocittadinidiquestopianeta. Per la prima volta, visto il numero crescente di per- sone che ci segue esclusivamente dal Web (usando computer, smartphone e tablet), sperimentiamo di proporre un contenuto solo nella versione digitale. Èunsegnodeitempichecambiano,macercheremo ditenereaggiornatianchequellicheciseguonosolo sullacarta. "Consumatori"hatrovatounnuovocompa- gnodiviaggio.SitrattadiPatrizioRoversi,personag- giotelevisivo,conduttoreneglianniditantetrasmis- sioni (attualmente è impegnato con "Linea Verde"), masoprattuttocuriosoesploratoredimondisempre nuovi(nonsoloinsensogeografico),conlacapacità direndereisuoiraccontiintrigantieaccessibilianche ainonaddettiailavori,grazieaunaindispensabiledo- sediironia.Patrizioscriveràunarubricachepotrete seguire dal nostro sito www.consumatori.e-co- op.it,edallanostrapaginaFacebook(www.face- book.com/ConsumatoriCoop). Il titolo della rubrica sarà "Le impronte del consu- matore", questo perché come ha scritto lui stesso nella prima puntata, "se una volta c'era il Proletaria- to,adessoc'èilConsumariato.Eparadossalmenteè molto democratico, perché tutti – per forza – con- sumiamo, sia ricchi che poveri, sia pure in modo diverso. Una volta c'erano i nobili & notabili, ora ci sono gli altospendenti e i proletari di un tempo ora sonoiltargetbasso.Ma–premessoquesto–ilCon- sumatore si trova investito di altri ruoli e gravato di ulteriori grosse responsabilità. Oggi ci dicono che Improntediconsumatore firmatePatrizioRoversi Solo sul nostro sito internet e sulla pagina Facebook potrete seguire una nuova rubrica firmata dal noto personaggio televisivo. Spunti per riflettere e conoscere partendo dalla vita di tutti i giorni Claudio Strano, giornalista della redazione di "Consumatori", ha appena sfornato la sua ultima fatica editoriale. Si chiama "Il Papadoro" ed è un accattivante e vivace libro, per bambini e adulti curiosi, che nasce dalla sua esperienza di padre che racconta storie ai propri figli. Storie che non sono le favole ufficiali, quelle di Cenerentola e Biancaneve, sono storie dove la fantasia si mescola con situazioni della vita di tutti i giorni, anzi proprio da quella prende spunto, per arrivare a "qualche pillola d'insegnamento morale", anche in dosi omeopatiche, ma che si spera lascino traccia nel tempo. Il libro è corredato dalle belle illustrazioni di Chiara Barbaro. Per averlo basta andare sul sito www. lulu.com dove si può scaricare la versione e-book (2 euro), oppure ordinare la copia cartacea (8 euro) anche con immagini a colori (20 euro). "Il paPadoro" Un libro per bambini e... oltre
  • 24. 26 consumatori aprile 2014 prodotto coop Dalle colline del Chianti, dove i maiali crescono con migliaia di metri quadrati a disposizione, una serie di prodotti di grande qualità Salumichenascono all'ariaaperta Linea Fior Fiore con questo progetto, si fa un ulteriore passo avan- ti perché alla qualità che prosciutti, salami, mor- tadella e altri insaccati normalmente hanno, qui si aggiunge il valore derivante dall’allevamento all’a- perto. “Questa scelta – spiega il responsabile del progetto per Coop Italia, Fabrizio Vaccari – oltre all’attenzioneper glianimali, ha ancheuna ricaduta sulla bontà delle carni, perché c’è ovviamente una significativadifferenzatracrescereinunallevamen- to e potersi muovere in grandi spazi. Qui i tempi di allevamento sono più lunghi e l’ingrasso avviene in modo più naturale”. Partito già da qualche mese, questo progetto sta crescendo rapidamente. Il numero di punti vendi- ta in cui queste referenze sono disponibili è pas- sato rapidamente da 40 a 60 negozi, ora diventati 80, proprio per il gradimento mostrato da soci e consumatori. Lalistadisalumidisponibili,nellecomodevaschet- te contraddistinte dal marchio Fior Fiore e dalla scritta “Da suino allevato all’aperto”, include il pro- sciutto crudo stagionato, il salame, la pancetta, la mortadella, il prosciutto cotto stagionato alla sal- via e rosmarino, la coppa, il lardo, più una confe- zione di salumi misti. Dall’allevamento di Colle Val d’Elsa escono ogni mese 225 maiali che vengono inviati (anche qui Maiali che crescono liberi di muoversi, avendo a disposizione ciascuno mille metri qua- drati di terreno, nelle colline toscane del Chianti, vicino a Colle Val d’Elsa. Animali che si nutrono in primo luogo di bacche e ghiande del sottobosco e la cui alimentazione è integrata, solo per una mini- ma parte, con mangimi comunque naturali e senza Ogm. Nasce così, sulla base di una filosofia che mette al primo posto il benessere degli animali e la qualità del prodotto stesso, la linea di salumi a marchio CoopdellalineaFiorFiore,tuttafattaconsuinial- levati all’aperto. Dunque,segiàFiorFioresicaratterizzaperpropor- re le eccellenze della cultura gastronomica italiana,
  • 25. 27 con particolari cure durante il trasporto) a diversi artigiani che preparano i diversi tagli di carne con particolare cura. Come spiega Mauro Ziveri, titolare dell’azienda che alleva questi animali (che è la Sagem, con se- de principale a Traversetolo di Parma più l’appen- dice in Toscana), “questo progetto sugli animali al- levati all’aperto è un investimento sul futuro. Noi siamo un’azienda nata 50 anni fa che ha deciso di puntare sulla qualità dei prodotti, sulla loro salu- britàperchéc’èun’attenzionecrescentedeiconsu- matori, una consapevolezza che sta aumentando. Sono convinto che nei prossimi anni forse si con- sumerà un po’ meno, ma con più attenzione, con cura nella scelta di ciò che si mette nel piatto. Nei paesi del nord Europa credo siano già più avanti di noiinquestosenso.Inpiù,mipiacericordarechein altripaesieuropei,lacoltivazionedisuiniall’aperto, è molto più diffusa e radicata. In Spagna ci sono 2 milioni di maiali allevati così, in Italia siamo appe- na a 10 mila capi. Noi in Toscana facciamo crescere il maiale bianco, mentre a Parma stiamo puntando sulle razze nere, recuperando un’esperienza di alle- vamentodeimaialichenonc’erapiù.Maorasiamo moltocontentideirisultaticheilnostroesperimen- to sta ottenendo e del fatto che il nostro coraggio si sia incontrato con quello di Coop”. E nel fior fiore, in più ci sono... Se il progetto che vi abbiamo raccontato nell’articolo qui a fianco, che crediamo aiuti a capire la filosofia e l’innovazione con cui è nata e cresciuta la linea dei salumi Fior Fiore, è riferito a prodotti non ancora disponibili su tutta la rete di vendita Coop, comunque gli altri salumi Fior Fiore, quelli che vengono da allevamenti tradizionali (ma non meno controllati), sono presenti ovunque e riscontrano anch’essi un notevole apprezzamento. Sono prodotti che propongono le eccellenze della cultura gastronomica italiana che lungo la penisola vede la presenza di tanti salumi tutti di grande qualità e tradizione. Gli animali utilizzati rimangono in allevamento comunque almeno un mese più degli altri e hanno un peso mediamente superiore; i controlli partono dagli alimenti, che vengono concordati con i singoli allevatori. Ovviamente, questo controllo su tutta la filiera garantisce la totale assenza di Ogm. Venendo a scoprire quali sono nel dettaglio i salumi disponibili, si va dalla pancetta(salata a mano e stagionata per 8 mesi), alla coppa(anche questa salata, speziata e stagionata almeno 8 mesi), poi c'è la mortadella(più magra delle altre, senza aromi né glutammato e quindi più digeribile), il culatello(da suini particolarmente pesanti e stagionato almeno 1 anno), il salamefelino Igp (molto dolce e intenso e stagionato almeno 55 giorni), il prosciutto cotto (senza glutammato, polifosfati, derivati del latte e aromi. E quindi più dolce e delicato). Chiudono la carrellata i tre tipi di prosciutto, tutti Dop: si comincia con il San Daniele (stagionatura di 20 mesi supervisionata dal Consorzio del San Daniele), il Modena (stagionato in Appennino per almeno 20 mesi) e il Parma (anche questo con stagionatura di 20 mesi).
  • 26. di CLAUDIO STRANO È l'epoca dei collegamenti "senza fili" a Internet e dell'interconnessione tra diversi apparecchi. Aumenta, di conseguenza, l'importanza di una rete domestica che sia efficiente e sicura. Vediamo come costruirla Il bello del wi-fi 28 consumare informati tecnologia Una delle parole chiave dell'epoca in cui viviamo, l'epoca dell'accesso e della tecnologia ga- loppante, è senza dubbio "wi-fi" (da "wireless", senza fili, e "fideli- ty", fedeltà). Senza fili sono già il 25%delleabitazionimondialie–a quantostimaun'aziendaleaderdel settore,laCiscoSystems–sicolle- ga esclusivamente in questo mo- do, scavalcando i paletti dei piani tariffariditabletesmartphone,già il65%degliutenti. Nei prossimi anni si andrà indub- biamente in questa direzione. Ve- dremo dunque sempre più smart- tv, stampanti (già adesso quasi tuttecolwi-finativointegrato)eal- triapparecchicollegatiinreteloca- le (Lan), che risponderanno a co- mandi a distanza. È la cosiddetta "domotica" che avanza poggiando sul "networking", l'interconnessio- ne dei tanti apparecchi che affolla- nolenostrecase. Non a caso si assiste alla crescita a dismisura delle connessioni in mobilità, e Internet ormai ci ac- compagna (o ci perseguita...) du- rante tutte le ore della giornata. Ma il traffico-dati aumenta me- no del previsto, proprio perché nelle abitazioni, come nei luoghi pubblici (dove si moltiplicano gli hotspot), c'è quasi sempre un ac- cess point, un punto di accesso allaretemagariliberoegratuito. Lo streaming audio e dei video (visti dall'85% di chi naviga), oltre allepiùcomuniattivitàdigitaliese- guiteinmobilità,nerisultanofaci- litati perché – quando tutto fun- ziona e non si verificano ingorghi dideviceinoraridipuntachesgo- mitanoperavereunafettamaggio- redispazio,oqualcheinterferenza di cordless – il wi-fi, viaggiando su una banda di frequenza più am- pia (2.4 Ghz), o su una dual band (5 Ghz), è come una strada libera su cui correre. Già, ma per prova- re l'ebbrezza è necessaria una rete wi-fi domestica adeguata che, con l'aiutodiunespertodiCoopItalia, abbiamoprovatoaricostruire. Cosa serve per partire Anzitutto per partire serve una li- nea Adsl. Il contratto con un ope- ratore telefonico con funzioni di provider è sceso a pochi euro al mese. Se si dovesse cambiare ca- sa, invece, un consiglio utile che dà il settimanale "Salvagente" è quello di evitare il trasloco an- che dell'Adsl: è quasi sempre più conveniente attivare una nuova linea, considerati i forti sconti o addirittura la gratuità offerta dal- le compagnie telefoniche in gran- de concorrenza tra loro; in que- stomodosirisparmianoi70euro cheèlaspesamediadiuntrasferi- mentodilinea. Stipulato il contratto, riceverete in comodato d'uso o a noleggio un modem (acquistabile anche pri- vatamente)chefunzionadaaccess point, oppure un router. La dif- ferenza sostanziale tra i due è che con il modem (modultatore di se- gnale) si può collegare a Internet un solo pc; con il router (letteral- mente "instradatore") più termi- nali. Per il router lo standard più diffuso, in sostituzione del G, è lo standard N, che risulta retrocom- patibile con apparecchi preceden- ti.UnrouterNda150o300mbps (megabit per secondo) con il suo belmodemAdsl2+integrato(pri- vo di modem potrebbe funziona- re infatti soltanto "da ponte" tra apparecchi già in rete), è una scel- ta più che sufficiente. Non siamo negli Stati Uniti dove servono più fatto in casa
  • 27. le mani sul portafogli Router N 300 con modem Adsl tra 40 e 80 euro a una banda, tra 100 e 150 euro dual band Router N 300 senza modem Adsl tra 30 e 50 euro a una banda, tra 60 e 160 euro dual band Penna wireless Usb tra 20 e 40 euro Powerline intorno ai 50 euro Repeater sui 40 euro I prezzi sono indicativi e soggetti alle variazioni del mercato 29 consumatori aprile 2014 POWERLINE Unaspinanelmuro L'alternativa sicura si chiama "powerline", ovvero una spina nel muro che risolve il problema di una rete domestica efficiente e senza buchi. Acquistando con una modica spesa un kit powerline, composto da due spine Plc (spine-modem), si fa ricorso a una tecnologia vecchia ma sempre valida – nonché ingiustamente sottovalutata – che essendo via cavo garantisce peraltro un maggiore livello di sicurezza rispetto alle intrusioni di terzi e una minore dispersione del segnale. Una soluzione ottimale per televisori e per altre periferiche fisse (preferibile a una chiavetta wi-fi Usb) con il vantaggio di non riempire la casa di onde elettromagnetiche, a maggior ragione se la casa è ampia o disposta su più piani. Come funziona? Il segnale di Internet viene convogliato nella rete elettrica inserendo il primo plug nella presa a muro vicina al router. Il secondo plug (o terzo o quarto, ecc.) nei pressi di una periferica o dell'access point che saranno direttamente collegati al plug e così alla rete elettrica. megabit per scaricare video in full Hd o in 3D. Da noi con un rou- ter anche di velocità inferiore, un G 54 ad esempio, si può tranquil- lamente guardare la smart-tv col wi-fi posizionata nella sala accan- to. Ancora meglio poi se questa tv è collegata tramite una powerline (vedi cos'è nel box) che rende più stabileilsegnale. Barriere e repeater Primadiprocedereconlaconfigu- razione del router, scegliete bene dove metterlo. È un punto fonda- mentale: muri perimetrali, soffitti e altre barriere fisiche costituisco- no infatti un freno alle onde elet- tromagnetiche che raggiungono gli apparecchi in un raggio di una trentinadimetri.Laposizioneide- aleèpiùomenoalcentrodell'area da coprire. Ma se ciò non è pos- sibile e il segnale "rimbalza" la- sciandovi a secco, esistono a po- co prezzo dei repeater, cioè dei ripetitori wireless, che vanno si- stemati a metà strada tra il router primario e la stanza non raggiun- tadalsegnalediInternet. A questo punto configurate l'ac- cess point facendovi guidare dal libretto delle istruzioni che tro- vate nella confezione. Vi sarà suggerito un indirizzo del tipo http://192.168.1.1. Vi verranno anche richieste una username e una password, da cambiare poi a piacimento. Una buona norma è rinominare la rete (SSID). Il no- me scelto è infatti visibile a tutti e serve a distinguere la propria rete da quelle eventualmente presenti nelle immediate vicinanze. È im- portante questa messa in sicurez- za, che si ottiene soprattutto con il codice di criptatura wpa (più sicuro del wep), perché il tallone d'Achille del sistema è proprio la facilità, per i malintenzionati, di "intromettersi" nel vostro Ip muo- vendosi poi nel web con le vostre credenziali.Abilitata,infine,nelpc la scheda wi-fi, se siete stati bravi e un tantino fortunati, la rete dome- sticasaràfinalmentecreata. Restaunagrandeincognita,quella deipossibilidanniallepersoneche vivonoimmerseinuncampoelet- tromagnetico.Quiildibattitoresta aperto. Come per i telefonini, quel che è sicuro è che le microonde si concentrano vicino alle antenne dacuièmegliotenereledistanze.
  • 28. 30 cucina Carni d'Emilia, due classici ricchidisapore Tocca a Carlo Alberto Borsarini che, da Castelfranco, ci propone due piatti della tradizione. Si comincia con un guanciale di vitello con cavolfiore e si prosegue con la cotoletta rifatta con gli arvàia, ovvero i piselli di Helmut Failoniun menu contro la crisi frutta e verdura aprile LA STAGIONE DI.. La primavera porta in tavola molta verdura di stagione. Asparagi, bietole, carote, cavolfiore, cipolle, fagiolini, fave, finocchi, indivia, porri, patate novelle, spinaci e piselli, di cui ci occuperemo il prossimo mese. Per quanto riguarda la frutta invece potrete optare soprattutto per le fragole. Allergie permettendo. A primavera inoltrata arriveranno anche le ciliegie. Benvenuti nella regione dove sembra che, a tavola almeno, le stagioni non esistano. Dove il legame con la terra è più forte che altrove, dove si portano ancora fieramente avanti dispute fra città sulla paternità di alcuni piatti tipici. Il tortellino se lo contendono da sempre Bologna e Modena, e, qualcuno in passato, per mettere a tacere le due città, ha "deciso" che l’ombelico di Venere è stato inventato proprio qui, a metà strada, a Castelfranco Emilia. Non vi proponiamo però l’ennesimo tortellino ma due classicissimi piatti di carne (e qui siamo nel regno della carne) ripensati da Carlo Alberto Borsarini. Il secondo/1 Guanciale di vitello con Hummus di cavolfiore Ingredienti per 4 persone: 4 guance di vitello di circa 2 etti l’una, 1 porro, 1 cavolfiore, 1 peperoncino habanero Procedimento «Metto – dice lo chef - le guance in una casseruola da arrosto con un mestolo d’acqua, sale grosso e pepe macinato. Incoperchio a fiamma bassa e faccio andare per circa un’ora e mezza. Aggiungo un po’ di liquido se serve (acqua, brodo vegetale o vino bianco dealcolizzato) e continuo la cottura per altri 20 minuti. Per l’hummus lesso il cavolfiore mentre metto a stufare il porro tagliato a rondelle con un po’ di peperoncino sminuzzato e un filo d’olio extra vergine. Quando il cavolfiore è tenero lo aggiungo agli altri ingredienti e con una ramina lo pesto alzando la fiamma sotto al composto per farlo asciugare. Con l’aiuto di un anello coppapasta formo un piedistallo di humus, sul quale adagio il guanciale e completo con aceto balsamico tradizionale». Il secondo/2 Cotoletta rifatta con l’arvàia (piselli) Ingredienti per 4 persone: 4 fette di lombo di maiale ben
  • 29. 31 consumatori aprile 2014 Anche se scientificamente è un agone, è co- nosciuta localmente come “sardina” proprio per la sua particolare forma, simile a quella del noto pesce marino. Ha un corpo allungato e piatto con un dorso verda- stroemacchienere,fianchieventrechiarieunapin- na dorsale molto breve; gli esemplari più comuni raggiungono una lunghezza di venti centimetri. La pesca si pratica tutto l’anno, tranne nei mesi pri- maverili della riproduzione, ma raggiunge il culmi- ne da novembre a marzo. I pescatori del lago di Iseo escono al tramonto e posizionano le reti di profondi- tà,lesardenere,inmezzoallago,adalmeno200me- tri dalla riva, ancorandole alle apposite boe. All'alba ritornano e le issano. Il pesce pulito e lavato, va per almeno 48 ore sotto sale. Dopo questo breve periodo di salatura le "sardine" sono poste a essiccare al sole e all'aria del lago per circatrentaoquarantagiorni.Peressiccarleutilizza- vanoinpassatoramidifrassinoocarpino,piegatiad arco e tenuti in posizione da fili tesi legati alle estre- mità: le sardine si infilavano, una ad una, in questi fili. Le strutture di essiccazione oggi si sono evolute, sono più grandi e sono poste su appositi terrazzi om- breggiati. Dopo l'essiccazione sono disposte in mo- do concentrico in contenitori di acciaio, oppure in legno, come era in passato, e sono pressate con un peso, o torchiate, per far uscire il grasso. Dopo que- sta operazione si ricoprono le sardine con olio di oli- va. Si conservano per alcuni mesi, ma durano anche fino a due anni. Dopo qualche mese di maturazione le sardine diventano dorate e si possono mangiare dopo averle cotte, per pochi minuti, sulla brace ar- dente. Sono quindi condite con olio, prezzemolo e aglio e servite con polenta: il piatto più tradizionale del lago, dal sapore intenso e particolare. Questometododiconservazionesecondolatradizio- neorale,risalirebbeadalmenomilleannifa,quando i pescatori della piscaria di Iseo ogni anno dovevano consegnare una precisa quantità di pesce essicca- to al monastero di Santa Giulia di Brescia. Il Presidio Slow Food si propone di valorizzare l’antica tecnica di essiccazione e conservazione e promuove la pro- duzione locale, differenziandola da quella di altra provenienza. Responsabili del Presidio: Fernando Soardi,soardi@inwind.it;PatriziaUcci,annapatrizia. ucci@gmail.com. Le sardine del Lago d'Iseo battute, 1 hg di Parmigiano Reggiano grattugiato, 3 uova, pane grattugiato, olio di semi per friggere. Per i piselli (arvàia): 300 gr di piselli freschi o surgelati, brodo vegetale, concentrato di pomodoro, olio di semi, burro, sale e pepe. Per il sugo di pomodoro: una bottiglia di “conserva” della nonna, oppure 1 kg di polpa o di pelati. Procedimento «In una ciotola larga - è ancora lo chef a spiegare - miscelare con la forchetta due o tre uova e un pugno di parmigiano (il composto deve risultare più lento rispetto ad una frittata), aggiungete un pizzico di sale ed immergetevi le fette di carne. Passatele poi nel pane grattugiato e impolveratele bene. In una padella di largo diametro si portino a 140 gradi 3 dita d’olio di semi di arachide e vi si immergano per una dolce frittura le fette di carne. (Se avete poca dimestichezza con l’operazione, friggetele una alla volta, ripulendo l’olio ad ogni cottura con una schiumarola). Quando ben dorate le cotolette sono cotte e si posano su carta assorbente ad asciugare. In un pentolino colmo di brodo vegetale si immergono i piselli e un cucchiaio di concentrato di pomodoro, si aggiungono una noce di burro e due cucchiai di olio di semi. Salare e pepare. Si porta poi a bollore e si lascia cuocere e restringere per una mezz’ora nel caso dei surgelati, un po’ meno se i piselli sono freschi. Se in casa abbiamo una bottiglia di conserva, di quelle che si usava cuocere in campagna sul “fugone” e chiudere a bagnomaria nei vasetti 4 stagioni, è il momento di usarla: in una padella abbastanza grande da contenere tutte le cotolette senza grandi sovrapposizioni versiamo la conserva, uniamo i piselli e infine le cotolette. Arricchiamo con un’ulteriore noce di burro ed incoperchiamo, facendo soffriggere a fiamma viva. Dopo due minuti capovolgiamo le cotolette e ripetiamo l’operazione. La cotoletta è Rifatta!». La Lumira, Castelfranco Emilia (Mo), Corso Martiri 74, tel. 059 926550. Chef: Carlo Alberto Borsarini Il secondo/1 Guanciale di vitello con Hummus di cavolfiore (costo per 4 persone, 12,50 euro) Il secondo/2 Cotoletta rifatta con l’arvàia (costo per 4 persone, 12 euro) Un menu contro la crisi
  • 30. EXPLORA IL MUSEO DEI BAMBINI Roma, via Flaminia, 82 Tel. 06.3613776 - www.mdbr.it Una città a misura di bambino, progettata secondo il principio dell’apprendimento sul campo, con attività ed allestimenti che stimolano la naturale curiosità dei bambini. Sconto 10% sul biglietto di ingresso al museo. Sconto 10% sul biglietto formula settimanale dei campus invernale, primaverile, estivo. Sconto 10% al Punto di ristoro interno e allo Shop su giochi, educationals e libri. Lo sconto è esteso ad un accompagnatore. CAMPI ESTIVI LEGAMBIENTE Legambiente Liguria Onlus – Genova, via Caffa, 3/5 sc b Tel. 010.319168 - www.legambienteliguria.org Ogni anno campi estivi per under 18. Un bosco da esplorare, una corsa su un prato, un tuffo dentro un’onda, un’esperienza diversa, lontano dai genitori ma seguiti da educatori nelle aree più belle della Liguria. Tantissimi giochi, laboratori ambientali, trekking e attività alla scoperta della flora, della fauna e dei fondali nella favolosa Area Marina Protetta delle Cinque Terre e del Parco Naturale Regionale di Portovenere, dove si osservano le ricchezze e le varietà di specie animali tra cui cetacei e delfini. I ragazzi del campo 15-17 anni di Vernazza saranno inoltre coinvolti in attività di volontariato ambientale svolte in collaborazione con l’amministrazione locale e il Parco Nazionale delle 5 Terre. Sconto 10% su tutte le quote di partecipazione comprensi- ve di assicurazione e tessera Legambiente. • Campo Isola Palmaria dal 27 giugno al 6 luglio, ragazzi 6/11 anni dal 6 al 15 luglio per ragazzi 11/14 anni Per i soci Coop quota di partecipazione: € 450 anziché € 500 • Parco delle 5 Terre - Campo Vernazza dal 18 al 27 luglio, per ragazzi 11/14 anni; dal 6 al 15 luglio per ragazzi 15/17 anni. Per i soci Coop quota di partecipazione: per ragazzi in età 11-14 anni € 405 anziché € 450 per ragazzi in età 15-17 anni € 315 anziché € 350. LE ORME Grosseto, via F. Ferrucci, 6 Tel. 0564.416276 - www.leorme.com Dal 22 al 28 giugno 2014 e dal 13 al 19 luglio 2014, una settimana di vacanza da domenica a sabato (7 giorni/6 notti) per ragazzi dai 10 ai 17 anni, (accettiamo anche bambini di 8-9 anni se in compagnia del fratello o sorella più grande) all’insegna dell’avventura e della conoscenza, presso l’agriturismo S. Caterina, sulle rive del fiume Ombrone, nella Maremma grossetana. Quota di partecipazione 414 euro anziché 460. iscrizione e assicurazione RCT obbligatoria 25 euro. Sconto del 5% sulla quota di partecipazione (esclusa quota iscrizione) per chi si iscrive con fratelli/sorelle. Per prenotare rivolgersi direttamente alla struttura. CAMPI AVVENTURA – VACANZE NATURA Panda Avventure - 00185 Roma, via dei Reti, 28a Tel. 06 44362315 - 0644291587 - Fax 0644262246 Attività turistiche ed educative realizzate da operatori di turismo responsabile e sostenibile associati ad AITR. Un'immersione totale nella natura per scoprirla, apprezzarla e viverla assieme a tanti compagni. I ragazzi sono guidati da animatori preparati che sono prima amici e poi educatori, ma soprattutto appassionati di natura e sensibili ai problemi ambientali. Le diverse proposte sostengono nel loro specifico progetti di tutela dei diritti dei minori in collaborazione con l’associa- zione “Save the Children Italia”. Sconto 10% sulla "quota" vacanza esposta al pubblico (sconto non cumulabile con altre promozioni). Per prenotare i soci Coop possono accedere all’apposito modulo di prenotazione online: www.campiavventura.it/sociocoop Indicare sempre il nome e il riferimento della carta socio Coop. Su richiesta dei Soci Coop può essere inviata la scheda di prenotazione cartacea, da rispedire a mezzo fax, posta. CENTRI ROUSSEAU Milano - Via Giovanola, 13/A Tel. 02 89400425 www.centrirousseau.org - info@centrirousseau.org Da oltre quarant'anni progetta vacanze consapevoli per favorire la crescita personale in una dimensione di grande gruppo. Attraverso giochi, animazioni, laboratori e gite alla scoperta del territorio i ragazzi hanno la possibilità di sperimentarsi e divertirsi insieme ai loro coetanei, svilup- pando senso critico e autonomia individuale. Con lo stesso spirito dal 2008 organizza vacanze per famiglie, anche con bimbi piccoli. Dal 23 giugno al 6 settembre 2014: • Campeggi al mare in Toscana (Donoratico), per ragazzi 6-13 anni; • Campeggi itineranti in Spagna-Portogallo e a Malta, per adolescenti 14-17 anni; • Vacanza in cascina in Emilia Romagna, per famiglie con bimbi da 0 a 13 anni; • Vacanza in Pinetina sulla costa toscana, per famiglie con bimbi da 0 a 13 anni; • Vacanza itinerante tra Umbria e Toscana, per famiglie con bimbi da 0 a 13 anni. Sconto del 10% su tutte le attività. Per prenotare rivolgersi direttamente alla struttura. SCHOOL AND VACATION Milano, viale Monza, 7 Tel. 02.433533 - vacanzestudio@schoolandvacation.it Corsi di lingua all'estero per tutte le età e durante tutto l'anno. Sconto 15% sull’acquisto una Vacanza Studio per ragazzi con partenze di gruppo o individuali e Soggiorni Studio per Adulti. Convenzioni Vacanze ragazzi 2014
  • 31. GIRA L’ESTATE CON GIRATLANTIDE Cervia (RA), via Bollana, 10 Tel. 0544.965801 – www.giratlantide.net Proposte di 7/15 giorni di vacanza in Italia: al mare, in montagna o al lago, personalizzate per fasce d’età (dai bambini agli adolescenti) con programmi per una vacanza attiva e ricca di vita in comune che include sport, escursionismo e natura. Sconto 8% sulle proposte di vacanza del catalogo "Gira L’estate 2014". Sconto 10% per iscrizione di 2 o più fratelli. IL MASTIO – SUMMER CAMP Villaggio per ragazzi da 8 a 14 anni Ufficio: Bresso (MI), via A. Strada, 33 Tel. 02.6100066 Villaggio: Diacceto (FI) - Tel. 055.8326738 www.mastio.it Un angolo di bosco, tra le dolci colline toscane, a due passi da Firenze! Una vacanza per ragazzi intelligente che coniuga il divertimento con apprendimento della lingua inglese con animatori e insegnanti madrelingua. Dal 15 giugno al 9 agosto 2014 quattro periodi di vacanze di due settimane (dalla domenica pomeriggio al sabato mattina). I percorsi: • Avventura per ragazzi dagli 8 ai 13 anni. All’insegna della natura, del gioco e della scoperta: 880 euro anziché 1.030. • English per ragazzi dagli 8 agli 11 anni, tre periodi diversi secondo la fascia di età. Il gioco e la vita in comune come stimolo ad ampliare la capacità linguistica. Un animatore-Insegnante madrelingua, lezione quotidiana di 75 minuti in aula: 940 euro anziché 1.100. • Special English per ragazzi dagli 11 ai 14 anni. Due animatori-insegnanti madrelingua, lezione quotidiana di 2 ore in aula: euro 990 anziché 1.160. Ulteriore sconto di 70 euro su tutti i programmi dal secondo fratello, il prezzo include la quota iscrizione di 30 euro. Per prenotare rivolgersi direttamente alla struttura. SUMMER SPORT Torino, via Maria Vittoria, 4 Tel. 011.19505116 - Cell. 335.8047091 - www.summersport.it Vacanze estive all’insegna dello sport, per ragazzi e ragazze dai 7 ai 18 anni a: • Sauze D’Oulx (TO) - Grand Hotel La Torre **** dal 22 giugno al 2 agosto 2014 con 7 tipologie di sport: calcio, tennis, volley, equitazione, danza, basket o multisport. • Roccaraso (AQ ) – Grand Hotel Europa *** 29 giugno al 12 luglio 2014 con 4 tipologie di sport: calcio, tennis, volley o multisport. Programma settimanale: 550 euro anziché 620. Programma bisettimanale: 930 euro anziché 1.050. Agriturismo di Libera Terra www.liberaterra.it È l’attività di turismo responsabile di Libera nata con lo scopo di valorizzare i beni confiscati alla mafia e gestiti dalle cooperative sociali del progetto Libera Terra. Un’attività turistica che permette di soddisfare ed arricchire viaggiatori di ogni età, un’opportuni- tà per vivere una vacanza ricca di emozione, piacere e relax, alla scoperta di un patrimonio prezioso di saperi e tradizioni. Sconto 8%, esclusi i giorni festivi, su tutti i servizi dei seguenti agriturismi. Lo sconto è esteso agli accompagnatori. PORTELLA DELLA GINESTRA Cooperativa Placido Rizzotto Libera Terra Palermo SP 34 km 5 - Piana degli Albanesi Tel. 091.8574810 - www.liberaterra.it TERRE DI CORLEONE Cooperativa Pio La Torre - Libera Terra contrada Drago - SS 118 km 25+100 - Corleone (PA) cell. +39.333.7993291 email: terredicorleone@liberaterramediterraneo.it Informazioni più dettagliate sulle convenzioni e su tutti i vantaggi riservati ai soci le trovi sul sito www.e-coop.it. Ricorda di portare sempre con te la Carta Socio Coop.
  • 32. 34 vivere bene viaggi Bambini, tocca a voi Tante idee vacanza pensate per i più piccoli Questa volta vi parliamo di tante belle possibilità per una domenica o una piccola vacanza di inizio primavera a misura di bambini e ragazzi. Cominciamo dallo spettacolare Forte di Bard (www.fortedibard.it), all'ingresso della Valle d'Aosta, che ospita alcuni interessanti musei per tutte le età e lo spazio ludico interattivo "le Alpi dei ragazzi", che simula la scalata del Monte Bianco. Muniti di vere imbragature e corde, i piccoli visitatori sono coinvolti in prima persona nell'organizzazione di un'escursione sulla vetta più alta d'Europa. Il nuovissimo MUSE - Museo delle Scienze di Trento (www.muse.it) non si accontenta di incantare bambini e ragazzi con i suoi giochi interattivi e gli ambienti dove possono sperimentare in prima persona e scoprire le meraviglie dell’ambiente alpino e della natura che ci circonda. Qui, una volta al mese, fino a maggio, i più piccoli (5-12 anni) possono trascorrere le ore notturne, accompagnati dai loro genitori o in autonomia, dentro le mura del museo, tra dinosauri, lupi e orsi. Novità anche all'Acquario Village di Genova(www. acquariovillage.it). Galata Museo del Mare ha recentemente inaugurato la Sala della Tempesta in 4D, dove il visitatore si ritrova a bordo di una scialuppa in balia del mare in burrasca a Capo Horn. Mentre le onde e i piovaschi che si alternano alle raffiche di vento forte lo coinvolgono in un’esperienza multisensoriale, intorno alla barca passano, come fantasmi, albatros, orche e balene. Da vedere anche il nuovo Padiglione Cetacei dell’Acquario. Composto da quattro vasche a cielo aperto – vasca espositiva principale, nursery, vasca medica e vasca curatoriale - permette al pubblico di ammirare gli animali sia dall’alto, sia da una prospettiva subacquea. E attraverso Castelli, musei scientifici, miniere, acquari, avventure virtuali e fiabe: ecco un elenco di proposte dove spendere qualche giorno per la gioia e la curiosità dei figli. Ma anche per gli adulti sarà facile divertirsi con loro di Giuseppe Ortolano
  • 33. 35 consumatori aprile 2014 Una gita a Milano e Roma per visitare gli originali musei a misura di bimbo. Nel capoluogo lombardo ha recentemente aperto, all'interno della Rotonda della Besana, il Museo dei Bambini (www.muba.it). Lo spazio ospita ogni anno tre grandi mostre, diversi laboratori per le famiglie, un bookshop con un'attenta selezione di libri e giochi e la caffetteria Rotonda Bistro, con le specialità “for kids”. Due i musei romani. Explora - Il Museo dei Bambini, (www.mdbr.it) non propone visite guidate delle vere e proprie carte d’identità, i visitatori possono conoscere i sei esemplari, quattro femmine e due maschi, qui ospitati. In primavera torna a risplendere, tra profumi e colori, Isola del Garda(www.isoladelgarda.com), piccolo tesoro che affiora dalle limpide acque dell’omonimo lago, nella sponda bresciana a pochi passi da San Felice del Benaco. Un luogo magico, che, dal 20 maggio, ospiterà la mostra “Un’Isola da favola: Ecce Pinocchio”, dove si avvicenderanno artisti di fama che con le loro opere e creazioni reinterpreteranno la celebre fiaba di Collodi. Ci si trasforma in piccoli minatori nel Parco Archeominerario di San Silvestro(www. parchivaldicornia.it), in Toscana, dove si visitano la miniera del Temperino e il suggestivo villaggio medievale di minatori e fonditori della Rocca di San Silvestro, si osservano i minerali e si scoprono i diversi metodi di estrazione. Il Parco dinosauri le Pietre del Drago di Matelica(www. lepietredeldrago.it), in provincia di Macerata, ospita diverse ricostruzioni di dinosauri a grandezza naturale e l’interessantissimo Museo Paleontologico, ricco di reperti fossili. E i Castelli del Ducato di Parma e Piacenza(www. castellidelducato.it) festeggiano la Pasqua con le Magiche Uova del Drago Bianco (Castello di Gropparello), gli enigmi del Coniglio Pasquale (Castello di Scipione dei Marchesi Pallavicino), la merenda con il Bianconiglio (Rocca Sanvitale di Fontanellato), la mostra del gioco antico (Castello di Rivalta), un'esposizione dei burattini storici tra i più famosi d'Italia (Castello Pallavicino di Varano de' Melegari) e tanti laboratori creativi. I parchi divertimento sono la gioia di bambini e ragazzi, un po' meno del portafoglio di chi li accompagna, visti i costi non proprio contenuti dei biglietti d'ingresso. Ma per fortuna, anche in questo caso, i soci Coop possono usufruire di tanti sconti e promozioni. Mirabilandia (www. mirabilandia.it), il parco divertimenti più grande d'Italia situato nel comune di Savio, vicino alla Riviera romagnola, offre uno sconto di 2,5 € a persona, mentre i bambini sotto il metro d'altezza entrano gratis. Italia in Miniatura (www.italiainminiatura.com), a Viserba di Rimini, propone 3 euro di sconto e altre facilitazioni, oltre alla possibilità di rientrare gratuitamente e senza limiti ogni giorno di apertura del 2014, facendosi personalizzare il biglietto con la propria foto. Fino a 6 euro di sconto al Parco Oltremare (www. oltremare.org) di Riccione, noto per la Laguna dei Delfini e gli spazi dedicati al mare e alla natura. Ulteriori riduzioni a chi acquista il biglietto cumulativo Oltremare + Aquafan (www.aquafan.it), divertente parco acquatico situato nella stessa località marina. Sconto di 3 euro nel rinnovato Minitalia Leolandia (www.minitalia.com) di Capriate S.Gervasio, tra Milano e Bergamo, dove i soci che acquistano i biglietti a data fissa sul sito possono risparmiare fino a 15 €, inserendo il codice 170 e fino ad esaurimento disponibilità. Nel Parco della Preistoria (www. parcodellapreistoria.it) di Rivolta d'Adda, a 25 km da Milano, si ammirano 50 ricostruzioni, a grandezza naturale, di 31 specie preistoriche immerse in una vasta area naturale ed i soci Coop pagano il biglietto intero 9,50 € anziché 11,50. Sconto di almeno 2 € al Carrisiland Resort (www.carrisiland. it) di Cellino S.Marco (Br), parco naturalistico, tematico, acquatico e dei divertimenti in un grande bosco. perché sostiene il valore della scelta autonoma dei piccoli ospiti, fino ai 12 anni. Che hanno a disposizione circa due ore per girovagare nella città a misura di bambino, tra banche, fontane, supermercati, uffici postali, orti e area del riciclo, dove l'unica regola è toccare, giocare e sperimentare. Technotown (www.technotown.it) è una ludoteca scientifica destinata ai ragazzi tra gli 8 e i 17 anni, dove è possibile partire per un viaggio intergalattico tra i pianeti, recitare all’interno di un vero set cinematografico o programmare, assemblare e realizzare robot. Tanti sconti per i soci coop Tra Milano e Roma ecco cosa c'è da scoprire
  • 34. mostre La città nuova di Léger Èstatoilpittorecheforseper primohacapitoche,all’inizio del'900,ilmutaredelritmo dellavitadovutoaiprogressi dellascienzaeall’irrompere deinuovimezzidi locomozione,daltrenoall’automobile,stavacambiando senzarimedioilmododivedereeglistessipaesaggi, quindil’arteelesueregole.Perquestoharaccontato "ilnasceredellacitta"contemporanea,dellametropoli. OrailMuseoCorrerdiVeneziaproponelaprimagrande mostraitalianadiFernandLéger.Insiemeallesuetele,una sessantina,nevengonomesseinmostraaltrequarantadi contemporaneicomeDuchamp,Picabia,PietMondrian, RobertDelaunayeLeCorbusier.Ilpezzopiùpregiatoèlo straordinariodipinto"LaVille",realizzatonel1919,cheèil manifestosullacittàcontemporaneaalqualesiispireranno poimoltialtriartisti.L’esposizionesiarticolaincinque sezioni:lametropoliprimadellaGrandeGuerra,Ilpittore dellacittà,lapubblicità,lospettacolo,lospazio. Léger. La visione della città contemporanea 1910-1930 Museo Correr, Venezia Fino al 2 giugno Ingresso: 13 euro, soci Coop 11 euro (se possessori del Museum pass) Info: Tel. 041.2405211, www.mostraleger.it Giacometti davanti ai classici Nella straordinaria Galleria Borghese di Roma, tempio della scultura classica, per la prima volta vengono esposte le opere di Alberto Giacometti, l’interprete della drammaticità nella scultura contemporanea. Con l’Alto patrocinio della Presidenza della Repubblica, le opere di Giacometti vengono messe in dialogo con le sculture classiche che sono patrimonio tradizionale della Galleria Borghese. Così la "Femme couché qui rêve" (1929) rimanda immediatamente alla "Paolina" di Canova (1805-08); "l’Homme qui marche" (1947) si confronta con "Enea che porta sulle spalle il padre Anchise"; "la Femme qui marche" (1932-36) è a confronto con le sfingi di basalto esposte nell'adiacente Sala egizia. Sono ben 40 le opere di Giacometti che si possono ammirare in questa mostra, realizzate con tecniche e materiali diversi, che compongono un percorso che via via ci mostra figure umane sempre più drammaticamente ridotte all’osso, ad una loro essenza tragica. Giacometti, la scultura Galleria Borghese, Roma Fino al 25 maggio Ingresso: 16 euro Info: Tel. 06.69994294, www.galleriaborghese.it a cura di Giorgio Oldrini Pensate al pomodoro. Nasce in America ma finché resta lì è una pianta tra le tante. Solo quando arriva in Italia esplode la sua potenza: diventa sugo, salsa, pappa al pomodoro, base di una cucina, iden- titàdiunpaese,civiltà.Pensateallascrittura:l'hanno inventata i Sumeri, siamo nel 3200 a.C., ma loro scrivevano per tenere i conti, amministrare, ricordar- si chi ha pagato e chi è in ritardo con i versamenti. Una cosa da commercialisti, con tutto il rispetto per lacategoria.PoiDantecompone"LaDivinaComme- dia". È sempre scrittura, ma c'è sentimento, narrazio- ne, umanità. Scrittura alla massima potenza: altro chelibricontabili.TuttoquestoperarrivareaTwitter. È un servizio gratuito per inviare messaggi brevi ad altri utenti che hanno scelto di riceverli. È anche lui un'invenzione americana ed è veloce, facile da utilizzare, semplice ed immediato. Quando va beneserveperdiffonderenotizie.Quelladelterre- Manzoni secondo Twitter La grande letteratura condivisa in 140 caratteri di Massimo Cirri e Filippo Solibello conduttori radiofonici Italiani brava gente 36 vivere bene cultura e oltre
  • 35. L'arte secondo Mondrian tra l'Europa e il Boogie woogie Chi deciderà di visitare la mostra su Léger a Venezia, può prepararsi leggendo il bel volume che riunisce tutti gli scritti di Piet Mondrian, uno dei padri indiscussi dell’immaginario contemporaneo occidentale, nonché interlocutore importante di Léger stesso. Si ripercorre in questo volume il cammino che questo pittore olandese ha percorso partendo dal simbolismo, passando dal naturalismo post impressionista fino ad arrivare alla progressiva astrazione geometrica e quindi a diventare uno dei padri fondatori del movimento avanguardistico De Stijl. Mondrian ormai in tarda età lascerà l’Europa, preda del nazismo, per vivere gli ultimi anni della sua vita a New York dove studierà con particolare attenzione il movimento. La Grande Mela sarà per lui il luogo ideale per osservare attentamente il dinamismo, visto che qui tutto si muove molto rapidamente. E, lui calvinista austero, scoprirà negli Stati Uniti la follia del boogie woogie come ballo esemplare del movimento, ma anche del divertimento trasgressivo. Piet Mondrian Mondrian. Tutti gli scritti Mimesis Editore - 448 pagine, 32,30 euro Pier Paolo Pasolini, l'attualità di una vita piena di passioni Sono passati decenni da quando il critico inglese Jon Halliday ha intervistato Pier Paolo Pasolini, ma la ripubblicazione oggi di quel testo ci fa toccare con mano la straordinaria attualità e la profondità dell’intellettuale italiano che ha segnato un’epoca del pensiero del nostro Paese. L’intervista riguarda prima di tutto il cinema, quindi il Pasolini regista di alcuni dei film più problematici di quegli anni. E il discorso si sviluppa sull’analisi delle sceneggiature, sulle trame e sui protagonisti di quelle opere. Ma dal “cinema d’autore” intervistatore ed intervistato passano a discutere della vita di Pasolini, della sua gioventù, del natío Friuli, della scoperta di Roma, del nascere delle sue amicizie. E da lì il passo diventa breve per approfondire il tema della religione, del rapporto tra fede e Chiesa, tra cultura e politica, in un’epoca in cui cominciavano ad entrare in crisi le ideologie che avevano guidato buona parte del secolo scorso. Un volume che viene da lontano per parlarci del presente e del futuro, dandoci una dimensione precisa di un intellettuale come Pasolini, scomparso troppo presto. Pasolini su Pasolini. Conversazione con Jon Halliday Editore Guanda - 210 pagine, 14 euro libri moto in Abruzzo, ad esempio, la danno gli utenti di Twitter molto prima dei media tradizionali. Ma nel 99% dei casi serve a cose meno nobili: sapere cosa dice di sé un personaggio famoso o mandare a quel paese un avversario politico. A Twitter, anche se è quotato alla borsa di New York e vale un mucchio di miliardi, mancava finora il balzo evolutivo. Quello che hanno avuto il pomodoro e la scrittura cambiando la vita di tutti noi che possiamo goderci gli spaghetti al sugo mentre leggiamo un romanzo. E anche qui l'innovazione viene dall'Italia. Si chiama Twitteratura, la trovate sul sito Twittera- tura.it e l'hanno inventata Paolo Costa, Edoardo Monte- negro e Pierluigi Vaccaneo. Il primi due sono docenti universitari, il terzo fa il presidente della Fondazione Pavese. La Twitteratura funziona così: si sceglie un libro e poi la comunità di chi ne ha voglia lo legge e lo commenta – uncapitoloallavolta,inbaseauncalendariocondiviso –“riscrivendolo”suTwitter.Conunsolotweet-provate il brivido di condensare I Promessi Sposi in 140 caratteri – o con molti. Si riscrive, si fanno variazioni, commenti liberi; si interpreta, si aggiunge e si sottrae. Si divaga, si dissacra l'originale, si cambia registro linguistico, si contamina. Quando Twitteratura ha messo le mani su "I Promessi sposi" ogni personag- gio del romanzone si è ritrovato con un proprio profi- lo Twitter che diceva la sua. AncheLaProvvidenzaeLaPestetwittavanocomefor- sennati. E poi ogni singolo messaggio, il tweet, può a sua volta essere commentato, aggiunto, replicato. Alla fine ne esce una specie di libro, si chiama twe- etbook, che contiene i tweet migliori. Sono stati twit- terletterati testi di Pavese, Manzoni, Queneau, Calvi- no e Pasolini. Ora è la volta di Emilio Lussu con "Un anno sull'altipiano". La twitteratura piace nelle scuole: educa alla lettura e al piacere di scrivere quanto è bello leggere; insegna le regole della scrit- tura sintetica e l’uso intelligente delle nuove tecnolo- gie. Lo dice la professoressa Elisa Lucchesi, che inse- gna italiano e latino al Liceo Fermi di San Marcello Pistoiese: "Twitter assicura condivisione, gusto della sfida e possibilità di sbizzarrirsi con ironia e sarca- smo. Oggi nelle mie classi ogni studente conosce a menadito testi che altri si sognano". Ora Twitter è maturo. Come un pomodoro. ● 37 consumatori aprile 2014
  • 36. 38 consumatori aprile 2014 Certo, il paragone con Billie Holiday può apparire azzardato per segnalare il disco di una giovane cantante belga, diplomata al Conservatorio di Bruxelles. Ma "No Deal" ci porta, subito, al centro di un universo bellissimo e oscuro, dove Melanie de Biasio usa la voce come se fosse l’unica maniera possibile per far arrivare in superficie un intreccio di sentimenti dove l’amore si confonde con la passione e la paura. Emozioni che incalzano l’ascoltatore, con troppa esuberanza persino, che ci illudono di essere in un piccolo jazz club perduto nel cuore di Harlem. Di fronte, una artista che canta come se il blues riuscisse a toccare le nostre anime. Uno dei dischi dell’anno. Melanie de Biasio No Deal -PIAS Il nostro giudizio: RRRRR Se ti piace ascolta: Sade, Laura Mvula Melanie De Biasio, scoprire una grande voce Fresu, 30 anni di musica Un disco per celebrare i trent’anni del quintetto di Paolo Fresu. Un suono, sin dai primi solchi, fluido e coinvolgente, fatto di fraseggi bop che affidano alla musica una storia di culture che dialogano, con gli straordinari virtuosismi dei solisti che restituiscono alla musica il suo ruolo, meraviglioso, di compagna di viaggio. Paolo Fresu Quintet 30! - Tuk Il nostro giudizio: RRRR Se ti piace ascolta: Don Cherry, Fabrizio Bosso La West Coast di Beck Artista che non conosce percorsi omologati, Beck torna sulle scene con un disco che, come lui stesso ha detto, è dedicato alla musica della sua giovinezza. L’album suona così come uno stralunato omaggio alla West Coast di Crosby, Stills, Nash and Young. Un suono del quale Beck ha conservato (esasperato, persino), l’anima visionaria. BECK The Morning Phase - Universal Il nostro giudizio: RRRR Se ti piace ascolta: David Crosby, Allman Brothers Band Ritorna Made in Japan Ristampa del mese. Nuova vita per uno dei dischi "classici" del rock internazio- nale, ripubblicato in diversi formati, dal vinile al cofanetto con un libro. Si tratta della registrazione di un live che docu- menta tre giorni di concerti della band inglese tra Osaka e Tokyo nel 1972. Un frammento di rock di travolgente energia che proprio nella dimensione live trovava la sua celebrazione. deep purple Made In Japan -Universal Il nostro giudizio: RRR Se ti piace ascolta:LedZeppelin,Black Keys musica da sentire... ... da leggere R da dimenticare - RRsufficiente - RRRbuono - RRRRottimo - RRRRR capolavoro Artistidelpopolo,storiadeiCccp È, come dice il sottotitolo, la "storia di Giovanni Lindo Ferretti e Massimo Zamboni", i due artisti emiliani che, con i CCCP prima e con i CSI dopo, hanno portato nel rock una miscela di citazioni, frammenti di vita, sogni, come in Italia non era mai accaduto. Raccontando una provincia dove l’"Ortodossia", per citare il titolo di un loro disco, è stata la fonte di ispirazione per una generazione che amava alla stessa maniera il punk e le tradizioni popolari, la pianura emiliana e Berlino. Ne nacque una musica originale, fatta di identità in mutamento e che però mantenevano solide radici in una terra che si sentiva al tempo stesso "sovietica" e internazionale. Michele Rossi Quello che deve accadere, accade GiuntiEditore Scrivere una canzone II libro è uscito da qualche tempo, ma è tornato in libreria in questi giorni perché uno degli autori (con Mogol) è Anastasi, il paroliere che ha scritto il testo di "Controvento", la canzone di Arisa che ha vinto il festival di Sanremo. Si tratta di un manuale che cerca di divulgare le tecniche di narrazione in maniera semplice e ricca di esempi. Qui si passa dall’analisi delle diverse forme poetiche, alla maniera più efficace per unire le parole con la musica, sino allo studio della metrica. Usando molti esempi e testimonianze di artisti come Laura Pausini, Mario Lavezzi e la stessa Arisa, che arricchiscono il libro di suggerimenti utili. Mogol e Giuseppe Anastasi Scrivere una canzone ZanichelliEditore a cura di Pierfrancesco Pacoda
  • 37. 39vivere bene cultura e oltre Diodato l’intervista il tour Rivelazione del Festival di Sanremo, al quale ha partecipato con la canzone Babilonia nella sezione giovani, Diodato è un cantautore che unisce il sentimentalismo alle suggestioni che arrivano dalla strada. Un cd uscito di recente, E forse sono pazzo, la colonna del film di Daniele Luchetti, "Anni felici" e la partecipazione ogni domenica al programma tv "Che tempo che fa" dove interpreta un classico della canzone d’autore italiana. Andiamo a scoprirlo. Che dischi hai ascoltato di recente? Ascolto musica molto diversa, e cerco di andare alla ricerca di nomi nuovi della scena italiana, della quale mi sento parte. E le sorprese sono tante. Ci sono artisti che, senza passare dai media televisivi, conquistano un pubblico sempre più vasto. Come la coppia di cantautori Francesco Forni e Ilaria Graziano, che hanno una sensibilità narrativa davvero ben definita. Li ascolti nel cd Come 2 me e scopri aspetti della tua vita che ti erano ignoti. Lo stesso vale per Il Mondo È Come Te Lo Metti In Testa, di un altro giovane, Giovanni Truppi, che ha una caratteristica unica, la "femminilità" delle sue composizioni. Infine, The Morning Phase, il nuovo cd di Beck, uno dei miei artisti preferiti. Questo disco segna un ritorno alle origini, a suoni folk, che ti restituiscono una "pacificazione" che appariva perduta. E i libri? Ho letto La simmetria dei desideri,di Eshkol Nevo, una storia di amicizia ambientata in Israele, nella quale, lentamente e all’inizio impercettibilmente, irrompe l’intifada e i movimenti palestinesi. E tutto cambia. E il lettore si ritrova in un mondo dove i valori dell’essere umano sono spazzati via. Mi ha affascinato Trilogia della città di K di Agota Kristof. Anche qui il racconto si trasforma sotto il nostro sguardo, invitandoci a trovare, ognuno, una diversa chiave di lettura. Poi ho letto Dance Dance Dance, di Haruki Murakami. Non conoscevo i suoi libri e quello che narra è esattamente quello che mi succede in questi mesi. Ho imparato a accettare il fatto che le cose accadono e che, quando questo avviene, noi dobbiamo assecondare il flusso e ‘ballare’, come dice Muratami. Chiudiamo con i film... Ho avuto poco tempo per andare al cinema. Ho rivisto a casa alcuni film che avevo amato come The Fighter di David O. Russell e Shutter Island di Martin Scorsese. Al cinema ho visto soltanto La mafia uccide solo d’estate di Pif. Un piccolo esercizio di poesia che ci ricorda quanto necessario sia coltivare l’impegno civile. Rufus Wainwright È uno dei cantautori più interessanti e controversi dell’ultima generazione, Rufus Wainwright. La sua voce melodica, così ricca di influenze soul, racconta il versante meno appariscente dei sentimenti, ma riesce, sempre, a scuotere le coscienze. Il grande pubblico lo ha conosciuto in occasione della sua esibizione all’ultimo Sanremo, ma la sua creatività ha già contagiato star del pop, come Elton John che lo ha definito "il più grande songwriter sul pianeta". E proprio la capacità di scrittura, in bilico tra drammatica intensità e la soavità delle sue ballate, è la caratteristica che lo ha portato al successo. Adesso arriva in Italia per due concerti in cui presenterà le canzoni di "Vibrate. The Best Of", una raccolta che contiene le opere più significative della sua carriera. Le date: 4 aprile Brescia, 8 aprile Bologna Per informazioni: tel 02 48194128
  • 38. coopnordest le pagine di 40 Iniziative di convenienza sulla spesa e sui servizi, offerte Coop Voce, buoni viaggio e ingressi nei parchi di divertimento più noti d'Italia, piccoli elettrodomestici, libri, riviste e gli apprezzatissimi sconti immediati sulla spe- sa: tante le opportunità della nuova raccolta punti che torna dal 1° aprile 2014 al 31 mar- zo 2015 offrendo ai soci di Coop Nordest la possibilità di massimizzare il risparmio negli acquisti di tutti i giorni. Il catalogo di questa nuova edizione sarà alle- gato al prossimo numero di Consumatori ma, fin da ora, vi diamo alcune anticipazioni. Come accumulare i punti? Le carte Sociocoop e Sociocoop+ sono indi- spensabili per partecipare alla raccolta Nuovi punti di vista: presentale alla cassa prima di pa- gare la spesa e, giorno dopo giorno, accumule- rai i punti maturati con gli acquisti. Non è solo facendo la spesa che potrai raccogliere punti, vediamo quali altre opportunità di raccolta potrai utilizzare per ottenere i tuoi premi. mPunti spesa: un punto ogni euro di spesa tutti i giorni per 12 mesi. mPunti esclusivi per i soci prestatori che utilizzano la carta Sociocoop+ come carta di pagamento: 10 punti per una spesa superiore ai 10€. mPunti Brico Io: un punto ogni 2€ di spesa DI SILVIA SACCHETTI presso i punti vendita aderenti all'iniziativa. mPunti circolari: potrai raccogliere punti in tutti i supermercarti e ipercoop di altre coope- rative che aderiscono all'iniziativa. mPunti Planetario Viaggi: un punto ogni 5€ di spesa sulle proposte viaggio delle agenzie. mPuntiYou&Eni: potrai convertire i punti You&Eni in punti Coop. mPunti Pirelli: da 1.400 a 4.000 punti per ogni acquisto di nuovi pneumatici. mPunti Linear: fino a 2.000 punti per ogni nuova polizza RC auto e molto altre opportunità. mPunti per acquisti su www.cooponline.it: un punto ogni euro di spesa. Come utilizzare i punti? Risparmiare Tante le iniziative per poter risparmiare tutti i giorni sulla tua spesa. Puoi scegliere di usa- re i punti accumulati sulla tua carta Sociocoop per acquistare dodici prodotti di uso comune (sei prodotti acquistabili solo con i punti e al- tri 6 sei aggiungendo un piccolo contributo). I prodotti saranno individuabili a punto vendita grazie una comunicazione specifica e cambie- ranno ogni 15 giorni. Sarà, inoltre, possibile utilizzare sconti sulla Catalogo2014 Inuovipuntidivista Le novità della raccolta di quest'anno: iniziative di convenienza sulla spesa, piccoli elettrodomestici, accessori per la cucina, ricariche telefoniche, riviste e viaggi da scegliere fra tanti premi
  • 39. 41 consumatori aprile 2014 spesa al raggiungimento di una determinata soglia di punti (1.500 punti per 10€, 3.000 punti per 25€ e 5.000 punti per 50€). In tutti i negozi, con 1.400 punti, potrai sce- gliere di ottenere uno sconto del 15% su una spesa a scelta in un periodo che sarà comuni- cato durante l'anno. Ancora, negli ipercoop raggiunti i 500 punti, in occasione dello sconto 20% sull’acquisto di un prodotto extra alimentare, sarà possibile ottenere uno sconto del 25%. Premiarti Potrai scegliere uno o più premi per i tuoi bambini o per la tua cucina da ritirare intera- mente con i punti o aggiungendo un piccolo contributo. mSei piccoli elettrodomestici Severin per fa- cilitarti la vita quotidiana: set frullatore a im- mersione, tritatutto, tostapane, bollitore, bi- lancia digitale e forno a microonde. Severin produce piccoli elettrodomestici con standard qualitativi elevati da oltre 60 anni: prestazio- ni, qualità e design per snellire l’organizzazio- ne familiare. mSempre per la tua cucina, barbecue da cam- peggio, portapane, taglieri di vari tipi e un pra- ticissimo leggio per consultare comodamente le ricette dal tablet. mPer i tuoi bambini, la Luna della buonanotte: una mezza luna che gira e suona una musica tranquillizzante, con tre libretti di storie del- la buonanotte, per giocare e addormentarsi al suono della ninnana. Per imparare l'alfabeto e i primi calcoli, le Valigette di Topo Tip e, in- fine, un DVD con libro illustrato delle fiabe più belle. Per i più grandicelli, un biliardino da tavolo e le carpette moda di Carla Gozzi per una full immersion nel mondo della moda. Telefonare Se scegli Autoricarica con la spesa di Coop Vo- ce i punti Coop accumulati diventano auto- maticamente traffico telefonico gratuito: rice- verai una ricarica bonus da 5€ ogni 250 punti Sociocoop. Il servizio è riservato agli utenti di Coop Vo- ce che vogliono trasformare la loro "spesa" in traffico telefonico con un sistema diretto e semplice. Sempre disponibile è poi la Ricarica premiata da 5€ con 350 punti da 10€ con 650. Viaggiare Potrai utilizzare i buoni viaggio delle agenzie Planetario non solo per i soggiorni ma anche per acquisti di biglietteria aerea, ferroviaria e marittima. I buoni viaggio saranno da 35€ (70€ per Eden NUOVI PUNTI DI VISTA premi risparmio opportunità La raccolta punti carta sociocoop e sociocoop+ dal 1° aprile 2014 al 31 marzo 2015 continua a pagina 42 >
  • 40. 42 consumatori aprile 2014primo piano coop nordest Viaggi), 50€ (100€ per Alpitour, Francorosso e villaggi Bravo), 75€ (150€ per Veratour) e 120€ (240€ per Costa Crociere). Per gli appassionati dello sci ritornano i buo- ni skipass da utilizzare nelle stazioni sciistiche della Val di Fiemme, 110 km di piste tra le mon- tagne più belle del mondo e del comprensorio Adamello Ski: il caraosello sciistico che si sno- da tra Lombardia e Trentino. Potrai inoltre utilizzare i tuoi punti per viaggia- re con Italo, il treno più moderno d’Europa e per soggiornare in suggestive località d’Italia con i pacchetti “Emozione 3” e le convenzioni con i Boscolo Hotel. Divertirti Non mancheranno, per la gioia di tutti i bam- bini, buoni ingresso per parchi divertimento come Mirabilandia: attrazioni e show per tutta la famiglia che in estate si arricchisce di Mira- beach, un angolo di Caraibi, un parco acquati- co con una laguna cristallina, giochi d'acqua e sabbia bianca. Anche gli scivoli e l'immensa piscina a onde di Aquafan aspettano bambini, ragazzi e adulti, mentre la meraviglia della natura incanterà tut- ti a Oltremare, la laguna dei delfini più grande d'Europa, e all’Acquario di Cattolica, il più im- portante dell'Adriatico con più di 3.000 esem- plari di 400 specie diverse. Leggere Se ami leggere, tante le possibilità di scelta: mBuoni da 10 e 15€ da spendere nelle Libre- rie Coop. mCon 100 punti potrai leggere ogni mese fior- fiore in Cucina, la rivista di ricette e cultura ga- stronomica del mondo Coop. mAbbonamento a Vanity Fair e Donna Moder- na: fatti, tendenze e personaggi del momento. mAbbonamento a l'Espresso, Focus e National Geographic, la più importante rivista di viaggi e avventure. mPotrai scegliere letture-premio anche per i bambini con Focus Junior, L'atlante per i più pic- coli, Il mio primissimo dizionario e l'immancabi- le Topolino. Donare Puoi donare i tuoi punti a favore dei progetti di solidarietà locale o internazionale (pag. 44): Co- op Nordest convertirà i punti in denaro e trasfe- rirà interamente la somma raccolta alle organiz- zazioni che realizzano i progetti da te indicati. FASHION COOK FINO AL 30 APRILE Prorogato fino al 30 aprile il collezionamento dei coltelli Frabosk, strumenti di alta qualità che permettono di realizzare piatti straordinari, rendendone facile la preparazione e il taglio. Lama in ceramica, leggeri, maneggevoli, affilatissimi e semplici da pulire, disponibili in diversi formati per ogni esigenza. IL CAFFÈ DELLA DOMENICA OGNI DOMENICA, CON UN EURO, UNA TAZZINA IN CRISTALLO Fino al 27 aprile solo la domenica (esclusa la domenica di Pasqua) per ogni spesa di 20€ e multipli, soci e clienti, aggiungendo un solo euro di contributo, riceveranno una tazzina da caffè in cristallo RCR. Con una linea contemporanea e un design squadrato, le tazzine RCR della linea “fusion” sono normalmente in vendita a un prezzo di 12€ a coppia. ALL RIGHTS RESERVED RCR. Tazzina in vetro con piattino • Luxion • Confezione in cartoncino singolo • Master 12 • Made in Italy
  • 41. ASSEMBLEEDIBILANCIO2014 ORDINE DELGIORNO Salvo integrazioni e approvazione del Consiglio di Amministrazione di Coop Consumatori Nordest 1) Bilancio di esercizio al 31/12/2013, Relazione del Consiglio di Amministrazione sulla gestione, Relazione dei Sindaci, Relazione della Società di certificazione; lettura, discussione e relative deliberazioni. 2) RapportosullaResponsabilitàEticaeSociale dellaCooperativaredattodallaCommissioneValorieRegole. 3) Conferimento incarico per il controllo contabile e determinazione del corrispettivo. 4) Nomina di un Consigliere di Amministrazione. 5) Rinnovo della Commissione Valori e Regole e determinazione degli emolumenti. 6) Nomina dei delegati all’Assemblea Generale Ordinaria dei Soci. 7) Varie ed eventuali. Nome socio................................................................................. codice socio ............................... Al presidente dell'Assemblea separata di ........................................................................................ Egregio presidente, essendo impossibilitato/a a partecipare all’assemblea parziale ordinaria dei soci che si terrà il .......................... a ..................................................................................... ho incaricato il/la socio/a ....................................................................................................... a rappresentarmi, affidandogli/le i più ampi poteri e approvando fin d’ora il suo operato. Data ............................... Firma leggibile ................................................................................. Il buono omaggio e l’accredito sono riconosciuti al socio che partecipa personalmente all’assemblea, non spettano a chi delega un altro socio a rappresentarlo. DELEGA PER PARTECIPARE ALL’ASSEMBLEA OCCORRE PRESENTARE LA PROPRIA CARTA SOCIOCOOP • Si ricorda che la carta Sociocoop è un documento personale e la partecipazione all’assemblea è riservata al titolare della carta. • Il buono omaggio e l’accredito sono riconosciuti al socio che partecipa personalmente all’assemblea, non spettano a chi delega un altro socio a rappresentarlo. • Chi vuole prendere visione del bilancio consuntivo 2013, può rivolgersi alle sedi di Reggio Emilia e Pordenone, a partire dal quindicesimo giorno antecedente la prima convocazione delle assemblee separate. Al socio che partecipa all’assemblea verrà consegnato un buono omaggio per ritirare una bottiglia di olio extravergine Coop Vivi Verde e quattro pacchi di pasta di semola Vivi Verde da 500 g a scelta tra i formati presenti in negozio. Inoltre verranno accredi- tati 150 punti Sociocoop. m ASSEMBLEEDIBILANCIO2014 6) Nomina dei delegati all’Assemblea Generale Ordinaria dei Soci. PER PARTECIPARE ALL’ASSEMBLEA
  • 42. 44 primo piano coop nordest Cambiapuntodivista DonalatuaraccoltaaGVC Gvc (Gruppo di Volon- tariato Civile) è in Burkina Faso da circa 15 anni. Negli ultimi an- ni in particolare, si è concentrato sullagravecrisialimentarecheha colpito il Paese. La malnutrizio- ne, infatti, è diventata la princi- pale causa di mortalità, specie tra i più piccoli: il 12% dei bambini nasce già malnutrito. Per far fronte a questa crisi, Gvc ha realizzato un progetto di lot- ta alla malnutrizione rivolto ai bambini,cheformaancheopera- tori sanitari locali, sensibilizza le mamme in tema di alimentazio- ne e sostiene gli agricoltori. Grazie ai punti donati dai soci di Coop Consumatori Nordest si è realizzato tanto: è stato amplia- to il progetto, comprendendo un Grazie ai punti dei soci Coop, Gvc in Burkina Faso ha realizzato un progetto di lotta alla malnutrizione e costruito un nuovo Centro Medico Pediatrico. Nel 2014 si lavorerà per favorire uno sviluppo agricolo sostenibile DI SILVIA SACCHETTI
  • 43. 45 consumatori aprile 2014 IN NICARAGUA Grazie al sostegno di Coop Consumatori Nordest, GVC ha realizzato e ampliato la Casa del Giovane Volontario di Chinandega, in Nicaragua. Il centro ha accolto più di 5mila bambini e le loro famiglie, ed è sede di due importanti progetti: uno a sostegno dei bambini lavoratori e l’altro di sensibilizzazione degli adolescenti sui loro diritti sessuali e riproduttivi. Grazie a borse di studio, laboratori e percorsi personalizzati centinaia di bambini non abbandonano più la scuola e non diventano vittime di sfruttamento, mentre l’uso del teatro e della danza ha informato moltissimi ragazzi sul tema della prevenzione e sui loro diritti. DONA I TUOI PUNTI Con 600 punti manderai a scuola un adolescente in Nicaragua. Per sostenere questo progetto comunica il codice 409 alla cassa del tuo punto vendita Coop. Burkina Faso: “Ci erano stati se- gnalati dei casi di malnutrizione nel villaggio di Boulewando, do- ve ho chiesto di incontrare il ca- po locale. Sono stato accompa- gnato da una donna vecchissima: Madame Rabiatou Ouedrago è l’autorità e solo lei poteva auto- rizzarmi a visitare i bambini. Mi ha invitato a sedermi e mi ha det- to di avere duecento anni; sape- va già del progetto e ci ha ringra- ziato. Omar e Yssaka, 3 e 4 anni, erano davvero magrissimi e la lo- rofamigliaeratralepiùpovere.Il trattamento della malnutrizione è semplice: bastano alimenti ad altocontenutonutritivobilancia- to, contenuti in sacchetti che non si deteriorano. Abbiamo lasciato ilnutrimentospecialeallamadre, ricordandole di portare i bambi- ni al Centro di Salute per il con- trollodopoduesettimane.Prima di ripartire sono passato a saluta- re Madame Ouedrago, ci siamo scambiati alcuni cerimoniosi in- chini e si è raccomandata di tor- nare a trovarla". nuovo Distretto Sanitario oltre ai due realizzati nel 2012, ed è sta- to costruito un nuovo Centro Medico Pediatrico. Con quello già esistente ora vengono offerti 24 posti letto, accogliendo sia le mamme che i bambini in cura. Si sono poi realizzate 13 campagne di ricerca di casi di malnutrizio- ne grave nei villaggi, raggiungen- do nel solo 2013 circa 450mi- la bambini e curandone più di 2.500. Il 2014 vedrà Gvc impegnato an- cheincampoagricolo,gettandole basi per creare uno sviluppo agri- colo sostenibile e duraturo e per- mettendocosìallecomunitàlocali direggersisullepropriegambe. La parola a Franco De Giorgi, medico e capo progetto Gvc in STOP ALLA FAME Col codice 267 e 600 punti Con 600 punti garantirai le cure ospedaliere necessarie a salvare un bambino in Burkina Faso. Per sostenere questo progetto comunica il codice 267 alla cassa del tuo punto vendita Coop.
  • 44. CARATTERISTICHE PRINCIPALI L’incentivo è rivolto a tutti i soci di Coop Consumatori Nordest e verrà applicato nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2014 e il 31 dicembre 2014. INCENTIVO PER I RAPPORTI DI PRESTITO SOCIALE APERTI DAL 01/01/2014 Ai rapporti di prestito sociale aperti nell’anno 2014 saranno applicate per lo stesso periodo le maggiorazioni ai tassi d’interesse annui nominali, in aggiunta ai tassi d’interesse previsti tempo per tempo per le corrispondenti quote di deposito. INCENTIVO PER I RAPPORTI DI PRESTITO SOCIALE ESISTENTI AL 31/12/2013 Ai rapporti di prestito sociale esistenti al 31/12/2013, per l’anno 2014, limitata - mente alla frazione di giacenza media eccedente la giacenza media calcolata nel secondo semestre dell’anno precedente, il calcolo interessi verrà effettuato appli- cando le maggiorazioni ai tassi d’interesse annui nominali previsti. Inoltre, verrà accreditato un incentivo forfettario al lordo d’imposta dell’importo di € 75, per ogni semestre dell’anno 2014, in cui la giacenza media del rapporto di prestito abbia ecceduto € 33.000 (al massimo si potrà accumulare perciò un valore di bonus annuo pari a 150 euro lordi), da corrispondersi in un’unica soluzione in coincidenza dell’accredito degli interessi relativi all’anno 2014. MAGGIORAZIONI AI TASSI D’INTERESSE SUL PRESTITO SOCIALE Per la frazione fino a• € 3.000,00, il tasso nomi - nale annuo lordo previsto nel periodo di applica - zione dell’incentivo sarà aumentato di 0,50%. Per la frazione eccedente• € 3.000 fino a € 16.000, il tasso nominale annuo lordo previsto nel periodo di applicazione dell’incentivo sarà aumentato di 1,00%. Per la frazione eccedente• € 16.000 fino a € 27.000, il tasso nominale annuo lordo previsto nel periodo di applicazione dell’incentivo sarà aumentato di 1,00%. Per la frazione eccedente• € 27.000, il tasso no - minale annuo lordo previsto nel periodo di appli - cazione dell’incentivo sarà aumentato di 1,00%. CAUSE DI ESCLUSIONE DALL’INCENTIVO I tassi d’interesse della promozione e l’incentivo forfettario saranno applicati a condizione che il rapporto di prestito sociale sia attivo al 1° gennaio 2015 Ai rapporti di prestito sociale estinti precedentemente al 1° gennaio 2015, sa - ranno applicati esclusivamente i tassi d’interesse tempo per tempo vigenti privi di maggiorazione, rilevabili dai fogli informativi analitici del prestito sociale esposti nei locali della cooperativa. 1. Ammontare complessivo della raccolta di risparmio: entro il limite triplo del patrimonio risultante dall’ultimo bilancio approvato. 2. Ammontare complessivo del deposito per ciascun socio : € 36.000,00. 3. Titolarità: intestati esclusivamente al socio prestatore. 4. Forma tecnica: deposito non vincolato. 5. Calcolo interessi: gli interessi vengono calcolati con riferimento all’anno civile, dal giorno del versamento al giorno antecedente la data del prelevamento. Nel caso di estinzione del prestito in corso d’anno gli interessi vengono liquidati il giorno stesso dell’interruzione del rapporto. 6. Capitalizzazione: gli interessi calcolati a tutto il 31 dicembre di ogni anno vengono accreditati il 1° gennaio dell’anno successivo. 7. Tassi di interesse: interessi calcolati sui saldi relativi a ciascun movimento come sotto descritto: * Aliquota di tassazione pari a 20% prevista dalla normativa vigente al momento della stampa. 8. Valute e disponibilità: 9. Costi e spese: le operazioni e le comunicazioni relative al rapporto di prestito sono gratuite. 10. Variazioni: eventuali variazioni in senso sfavorevole al socio dovranno essergli comunicate presso l’ultimo domicilio reso noto, anche tramite la rivista “Consumatori”. 11. Il foglio informativo non costituisce offerta al pubblico a norma dell’art. 1336 del codice civile. La raccolta è rivolta esclusivamente ai soggetti iscritti nel libro soci. Il rapporto di prestito da soci è disciplinato dall’apposito regolamento disponibile presso questo ufficio. 12. Il bilancio della Cooperativa, che deve essere certificato annualmente, non- chè le attività della stessa, sono soggetti alle ispezioni annuali ordinarie e straordi- narie di virtù della legislazione Cooperativa in materia di vigilanza. Condizioni approvate dal Consiglio di Amministrazione con delibera del 21/02/2014 Condizioni applicate alla Raccolta di Risparmio presso i Soci Foglio informativo analitico in vigore dal 1° aprile 2014 Quota di deposito fino a 3.000,00 euro 3.000,00 € Quota di deposito da 3.000,01 euro e fino a 16.000,00 euro 16.000,00 € 3.000,01 € Quota di deposito da 16.000,01 euro e fino a 27.000,00 euro 27.000,00 € 16.000,01 € Quota di deposito da 27.000,01 euro e fino a 36.000,00 euro 36.000,00 € 27.000,01 € +2,48% netto* +3,10%lordo +1,68% netto* +2,10%lordo +0,88% netto* +1,10%lordo € € € €+0,56% netto* +0,70%lordo €€ €€ Versamenti Valute Disponibilità Contanti Stesso giorno operazione Immediata Assegni bancari e circolari Stesso giorno operazione 15 giorni successivi Assegni postali Stesso giorno operazione 45 giorni successivi www.coopnordest.com +1,00% 16.000-27.000 +1,00% 3.000-16.000 +0,50% fino a 3.000 +1,00% oltre 27.000 Incentivo sui rapporti di Prestito Sociale 800849085 CARATTERISTICHE PRINCIPALI L’incentivo è rivolto a tutti i soci di Coop Consumatori Nordest e verrà applicato nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2014 e il 31 dicembre 2014. INCENTIVO PER I RAPPORTI DI PRESTITO SOCIALE APERTI DAL 01/01/2014 Ai rapporti di prestito sociale aperti nell’anno 2014 saranno applicate per lo stesso periodo le maggiorazioni ai tassi d’interesse annui nominali, in aggiunta ai tassi d’interesse previsti tempo per tempo per le corrispondenti quote di deposito. INCENTIVO PER I RAPPORTI DI PRESTITO SOCIALE ESISTENTI AL 31/12/2013 Ai rapporti di prestito sociale esistenti al 31/12/2013, per l’anno 2014, limitata - mente alla frazione di giacenza media eccedente la giacenza media calcolata nel secondo semestre dell’anno precedente, il calcolo interessi verrà effettuato appli- cando le maggiorazioni ai tassi d’interesse annui nominali previsti. Inoltre, verrà accreditato un incentivo forfettario al lordo d’imposta dell’importo di € 75, per ogni semestre dell’anno 2014, in cui la giacenza media del rapporto di prestito abbia ecceduto € 33.000 (al massimo si potrà accumulare perciò un valore di bonus annuo pari a 150 euro lordi), da corrispondersi in un’unica soluzione in coincidenza dell’accredito degli interessi relativi all’anno 2014. MAGGIORAZIONI AI TASSI D’INTERESSE SUL PRESTITO SOCIALE Per la frazione fino a• € 3.000,00, il tasso nomi - nale annuo lordo previsto nel periodo di applica - zione dell’incentivo sarà aumentato di 0,50%. Per la frazione eccedente• € 3.000 fino a € 16.000, il tasso nominale annuo lordo previsto nel periodo di applicazione dell’incentivo sarà aumentato di 1,00%. Per la frazione eccedente• € 16.000 fino a € 27.000, il tasso nominale annuo lordo previsto nel periodo di applicazione dell’incentivo sarà aumentato di 1,00%. Per la frazione eccedente• € 27.000, il tasso no - minale annuo lordo previsto nel periodo di appli - cazione dell’incentivo sarà aumentato di 1,00%. CAUSE DI ESCLUSIONE DALL’INCENTIVO I tassi d’interesse della promozione e l’incentivo forfettario saranno applicati a condizione che il rapporto di prestito sociale sia attivo al 1° gennaio 2015 Ai rapporti di prestito sociale estinti precedentemente al 1° gennaio 2015, sa - ranno applicati esclusivamente i tassi d’interesse tempo per tempo vigenti privi di maggiorazione, rilevabili dai fogli informativi analitici del prestito sociale esposti nei locali della cooperativa. 1. Ammontare complessivo della raccolta di risparmio: entro il limite triplo del patrimonio risultante dall’ultimo bilancio approvato. 2. Ammontare complessivo del deposito per ciascun socio : € 36.000,00. 3. Titolarità: intestati esclusivamente al socio prestatore. 4. Forma tecnica: deposito non vincolato. 5. Calcolo interessi: gli interessi vengono calcolati con riferimento all’anno civile, dal giorno del versamento al giorno antecedente la data del prelevamento. Nel caso di estinzione del prestito in corso d’anno gli interessi vengono liquidati il giorno stesso dell’interruzione del rapporto. 6. Capitalizzazione: gli interessi calcolati a tutto il 31 dicembre di ogni anno vengono accreditati il 1° gennaio dell’anno successivo. 7. Tassi di interesse: interessi calcolati sui saldi relativi a ciascun movimento come sotto descritto: * Aliquota di tassazione pari a 20% prevista dalla normativa vigente al momento della stampa. 8. Valute e disponibilità: 9. Costi e spese: le operazioni e le comunicazioni relative al rapporto di prestito sono gratuite. 10. Variazioni: eventuali variazioni in senso sfavorevole al socio dovranno essergli comunicate presso l’ultimo domicilio reso noto, anche tramite la rivista “Consumatori”. 11. Il foglio informativo non costituisce offerta al pubblico a norma dell’art. 1336 del codice civile. La raccolta è rivolta esclusivamente ai soggetti iscritti nel libro soci. Il rapporto di prestito da soci è disciplinato dall’apposito regolamento disponibile presso questo ufficio. 12. Il bilancio della Cooperativa, che deve essere certificato annualmente, non- chè le attività della stessa, sono soggetti alle ispezioni annuali ordinarie e straordi- narie di virtù della legislazione Cooperativa in materia di vigilanza. Condizioni approvate dal Consiglio di Amministrazione con delibera del 21/02/2014 Condizioni applicate alla Raccolta di Risparmio presso i Soci Foglio informativo analitico in vigore dal 1° aprile 2014 Quota di deposito fino a 3.000,00 euro 3.000,00 € Quota di deposito da 3.000,01 euro e fino a 16.000,00 euro 16.000,00 € 3.000,01 € Quota di deposito da 16.000,01 euro e fino a 27.000,00 euro 27.000,00 € 16.000,01 € Quota di deposito da 27.000,01 euro e fino a 36.000,00 euro 36.000,00 € 27.000,01 € +2,48% netto* +3,10%lordo +1,68% netto* +2,10%lordo +0,88% netto* +1,10%lordo € € € €+0,56% netto* +0,70%lordo €€€€ €€€€ Versamenti Valute Disponibilità Contanti Stesso giorno operazione Immediata Assegni bancari e circolari Stesso giorno operazione 15 giorni successivi Assegni postali Stesso giorno operazione 45 giorni successivi www.coopnordest.com +1,00% 16.000-27.000 +1,00% 3.000-16.000 +0,50% fino a 3.000 +1,00% oltre 27.000 Incentivo sui rapporti di Prestito Sociale 800849085 CARATTERISTICHE PRINCIPALI L’incentivo è rivolto a tutti i soci di Coop Consumatori Nordest e verrà applicato nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2014 e il 31 dicembre 2014. INCENTIVO PER I RAPPORTI DI PRESTITO SOCIALE APERTI DAL 01/01/2014 Ai rapporti di prestito sociale aperti nell’anno 2014 saranno applicate per lo stesso periodo le maggiorazioni ai tassi d’interesse annui nominali, in aggiunta ai tassi d’interesse previsti tempo per tempo per le corrispondenti quote di deposito. INCENTIVO PER I RAPPORTI DI PRESTITO SOCIALE ESISTENTI AL 31/12/2013 Ai rapporti di prestito sociale esistenti al 31/12/2013, per l’anno 2014, limitata - mente alla frazione di giacenza media eccedente la giacenza media calcolata nel secondo semestre dell’anno precedente, il calcolo interessi verrà effettuato appli- cando le maggiorazioni ai tassi d’interesse annui nominali previsti. Inoltre, verrà accreditato un incentivo forfettario al lordo d’imposta dell’importo di € 75, per ogni semestre dell’anno 2014, in cui la giacenza media del rapporto di prestito abbia ecceduto € 33.000 (al massimo si potrà accumulare perciò un valore di bonus annuo pari a 150 euro lordi), da corrispondersi in un’unica soluzione in coincidenza dell’accredito degli interessi relativi all’anno 2014. MAGGIORAZIONI AI TASSI D’INTERESSE SUL PRESTITO SOCIALE Per la frazione fino a• € 3.000,00, il tasso nomi - nale annuo lordo previsto nel periodo di applica - zione dell’incentivo sarà aumentato di 0,50%. Per la frazione eccedente• € 3.000 fino a € 16.000, il tasso nominale annuo lordo previsto nel periodo di applicazione dell’incentivo sarà aumentato di 1,00%. Per la frazione eccedente• € 16.000 fino a € 27.000, il tasso nominale annuo lordo previsto nel periodo di applicazione dell’incentivo sarà aumentato di 1,00%. Per la frazione eccedente• € 27.000, il tasso no - minale annuo lordo previsto nel periodo di appli - cazione dell’incentivo sarà aumentato di 1,00%. CAUSE DI ESCLUSIONE DALL’INCENTIVO I tassi d’interesse della promozione e l’incentivo forfettario saranno applicati a condizione che il rapporto di prestito sociale sia attivo al 1° gennaio 2015 Ai rapporti di prestito sociale estinti precedentemente al 1° gennaio 2015, sa - ranno applicati esclusivamente i tassi d’interesse tempo per tempo vigenti privi di maggiorazione, rilevabili dai fogli informativi analitici del prestito sociale esposti nei locali della cooperativa. 1. Ammontare complessivo della raccolta di risparmio: entro il limite triplo del patrimonio risultante dall’ultimo bilancio approvato. 2. Ammontare complessivo del deposito per ciascun socio : € 36.000,00. 3. Titolarità: intestati esclusivamente al socio prestatore. 4. Forma tecnica: deposito non vincolato. 5. Calcolo interessi: gli interessi vengono calcolati con riferimento all’anno civile, dal giorno del versamento al giorno antecedente la data del prelevamento. Nel caso di estinzione del prestito in corso d’anno gli interessi vengono liquidati il giorno stesso dell’interruzione del rapporto. 6. Capitalizzazione: gli interessi calcolati a tutto il 31 dicembre di ogni anno vengono accreditati il 1° gennaio dell’anno successivo. 7. Tassi di interesse: interessi calcolati sui saldi relativi a ciascun movimento come sotto descritto: * Aliquota di tassazione pari a 20% prevista dalla normativa vigente al momento della stampa. 8. Valute e disponibilità: 9. Costi e spese: le operazioni e le comunicazioni relative al rapporto di prestito sono gratuite. 10. Variazioni: eventuali variazioni in senso sfavorevole al socio dovranno essergli comunicate presso l’ultimo domicilio reso noto, anche tramite la rivista “Consumatori”. 11. Il foglio informativo non costituisce offerta al pubblico a norma dell’art. 1336 del codice civile. La raccolta è rivolta esclusivamente ai soggetti iscritti nel libro soci. Il rapporto di prestito da soci è disciplinato dall’apposito regolamento disponibile presso questo ufficio. 12. Il bilancio della Cooperativa, che deve essere certificato annualmente, non- chè le attività della stessa, sono soggetti alle ispezioni annuali ordinarie e straordi- narie di virtù della legislazione Cooperativa in materia di vigilanza. Condizioni approvate dal Consiglio di Amministrazione con delibera del 21/02/2014 Condizioni applicate alla Raccolta di Risparmio presso i Soci Foglio informativo analitico in vigore dal 1° aprile 2014 Quota di deposito fino a 3.000,00 euro 3.000,00 € Quota di deposito da 3.000,01 euro e fino a 16.000,00 euro 16.000,00 € 3.000,01 € Quota di deposito da 16.000,01 euro e fino a 27.000,00 euro 27.000,00 € 16.000,01 € Quota di deposito da 27.000,01 euro e fino a 36.000,00 euro 36.000,00 € 27.000,01 € +2,48% netto* +3,10%lordo +1,68% netto* +2,10%lordo +0,88% netto* +1,10%lordo € € € €+0,56% netto* +0,70%lordo €€ €€ Versamenti Valute Disponibilità Contanti Stesso giorno operazione Immediata Assegni bancari e circolari Stesso giorno operazione 15 giorni successivi Assegni postali Stesso giorno operazione 45 giorni successivi www.coopnordest.com +1,00% 16.000-27.000 +1,00% 3.000-16.000 +0,50% fino a 3.000 +1,00% oltre 27.000 Incentivo sui rapporti di Prestito Sociale 800849085
  • 45. 47 consumatori aprile 2014 vita di cooperativa coop nordest presso il Cinema Al Corso di Reggio Emilia, hanno partecipato i ragazzi dell’Istituto Com- prensivo Amedeo D’Aosta, che, grazie ai punti raccolti lo scorso anno, hanno realizzato corto- metraggi all'interno del "progetto Cinema"; gli studenti dell’Istituto Leonardo Da Vinci hanno invece seguito un corso di teatro. Sono stati intervistati anche i ragazzi dell’Istitu- to d’Arte Chierici che si sono cimentati nel diffi- cile compito di creare la comunicazione per l’i- niziativa "Vantaggi per la scuola", utilizzata per la campagna 2013/2014. Tutte le informazioni sull'iniziativa si possono trovare su www.vantaggiperlascuola.it. Fino al 30 aprile è ancora possibile do- nare i punti di carta Sociocoop a favore delle iniziative di solidarietà locale collegate a "Nuo- vi punti di vista", il catalogo premi 2013-2014. A Reggio Emilia continua un’esperienza che ha ottenuto molti consensi e permette ai soci di do- nare liberamente i punti alle scuole primarie e secondarie del territorio reggiano per finanziare “ore” di attività extrascolastiche per gli alunni. Le scuole aderenti sono più di duecento, ognu- na con un codice specifico di riconoscimento da comunicare alla cassa e con una proposta didat- tica differente per i propri alunni. All’evento di lancio, tenutosi il 27 febbraio DI VIVIANA MONTI VANTAGGI perlascuola Impararechepassione C’è ancora tempo per sostenere il progetto Coop che finanzia attività extrascolastiche nelle scuole reggiane Nelle loro azioni di solidarietà locale i soci Coop hanno sempre un occhio di riguardo per le scuole, se si pensa che le campagne di "Vantaggi per la Comunità" sono nate proprio da un intervento per le scuole realizzato negli anni '90 che si chiamava "Computer per la scuola". I progetti più numerosi di "Vantaggi per la Comunità" sono infatti rivolti alle scuole per supportare la programmazione didattica: educazione alimentare, ambientale, inclusione scolastica, ma anche fotografia e storia locale. Molti istituti utilizzeranno i fondi raccolti per l’acquisto di materiale didattico o strumenti tecnologici. Promotori dei progetti non sono solo scuole ma anche associazioni culturali, cooperative sociali e associazioni di genitori. In alcuni casi una parte della somma raccolta è destinata a buoni acquisto per materiale scolastico, contributi per la mensa scolastica, gite e altre attività che per molte famiglie sono ormai poco sostenibili. I progetti locali legati al proprio territorio sono esposti nei supermercati Coop e fino al 30 aprile è possibile sostenerli donando i punti alla cassa. VANTAGGI PER LA COMUNITÀ arriva nelle aule
  • 46. 48 consumatori aprile 2014 Correggio(Re) Coop,legalitàeinclusione allafiera"Utilenetto" Domenica 16 marzo durante l’annuale fiera “Utile netto” promossa dal comune di Correggio e dedicata ai temi del consumo critico, il presidio locale Coop di Correggio ha allestito uno spazio per presentare le iniziative sociali tra cui la campagna "Vantaggi per la scuola", la Colletta alimentare del 29 marzo e la promozione delle marmellate biologiche prodotte in Bosnia dalla cooperativa "Insieme" . Durante la fiera i volontari del presidio Coop, la Cooperativa sociale "Il bettolino" e le associazioni "Donne nel mondo" e "Libera" hanno collaborato: con le marmellate bosniache "Frutti di pace" le donne dell’associazione "Donne nel mondo", hanno cucinato e degustato torte tipiche dei loro paesi di provenienza, mentre la Cooperativa sociale "Il bettolino" ha venduto i suoi prodotti agricoli per sostenere l’integrazione di cittadini disabili e svantaggiati. Anche "Libera" ha venduto prodotti provenienti dalle coltivazioni dei terreni confiscati per sensibilizzare i consumatori nella lotta alle mafie. Fidenza-Salsomaggiore(Pr) Promuoverelalegalità Il Distretto Sociale Coop promuove un percorso sulla legalità in collaborazione con "Libera" e Parco Regionale dello Stirone e del Piacenziano, coinvolgendo le scuole locali. L’iniziativa si inserisce nell’ambito del Progetto Regionale “conCittadini” e ha il patrocinio del Comune di Salsomaggiore Terme. Da alcuni anni il Parco Regionale dello Stirone e del Piacenziano ha in gestione un’area confiscata alla criminalità e affidata al Comune di Salsomaggiore Terme, il podere Millepioppi. ll Parco e l’associazione "Libera" hanno utilizzato questo terreno per promuovere la legalità con incontri, campi di volontariato e iniziative informative rivolte ai cittadini. L’obiettivo è coinvolgere anche le scuole locali, gli insegnanti e i genitori con incontri in aula e visite. Per dare risalto al progetto, sabato 12 aprile alle 16 presso la Sala Civica Mainardi di Salsomaggiore Terme si terrà un incontro pubblico dal titolo "Promuovere la legalità" a cura dell’Assemblea Legislativa dell’Emilia- Romagna. Interverranno tra gli altri, il Sindaco di Salsomaggiore Filippo Fritelli, Agstino Maggiali, Presidente dell’Ente Parchi Emilia Occidentale, il referente del progetto per il Parco, Sergio Tralongo, Alessia Frangipane di Libera Parma, Pierluigi Fedele del Corpo Forestale dello Stato, Daniele Borghi, Referente Regionale di Libera-Emilia Romagna e Gabriele Ferrari, Consigliere Regionale. Durante l’incontro verrà presentato il video "Insieme per (e)sistere" realizzato per "Antimafia Libera" nel 2013 e si terrà un approfondimento da parte del distretto sociale Coop sui temi della legalità. Sabato 12 aprile una mattinata di festa per i soci volontari Coop, i volontari delle associazioni benefiche e i ragazzi delle scuole che hanno partecipato alle attività del "supermercato della montagna" nel 2013. Presso il Teatro Bismantova sarà presentato un video realizzato con il contributo e la testimonianza di tutti, per raccontare il rapporto fra Coop e il territorio, il legame di comunità che lega i volontari Coop alla cittadinanza. Dopo la proiezione a cui parteciperanno oltre cento studenti delle scuole primarie e secondarie, si terrà una lezione di cittadinanza e infine un concerto del Coro "Mundura" di Montalto. Calstelnovone'Monti(Re) Comebatteilcuoredellamontagna IL CUORE DELLA MONTA INCONTRO PUBBLICO sabato 12 aprile - o Presso il Teatro Bisma di Castelnovo ne’ Monti
  • 47. 49vita di cooperativa coop nordest Pegognaga (Mn) Riciclare e non sprecare a partire dagli imballaggi All’interno della rassegna “Il benessere fa scuola” del Comune di Pegognaga, mercoledì 16 aprile alle ore 21 presso il Centro Culturale Livia Bottardi Milani, in Piazza Vittorio Veneto 14, si terrà l'incontro L’impronta ecologica dell’imballaggio degli alimenti, una serata per approfondire il tema degli imballaggi, del loro riciclo e riuso nella vita quotidiana. L’intervento è a cura di Paola Tarasconi, architetto ed educatrice che sviluppa progetti culturali, sociali e ambientali con la cooperativa "Maia Ambiente e Comunicazione". Per informazioni: tel. 0376/5546401 www.centroculturalepegognaga.it Luzzara (Re) ScontiaisociCoopperl'ingresso aForestavventura "Forestavventura" è un parco molto speciale situato vicino a Luzzara (Re), all’interno dell’area naturale del fiume Po in un magnifico bosco di querce secolari. Dispone di otto percorsi acrobatici sugli alberi con diverso grado di difficoltà, adatti a grandi e piccini, realizzati in tutta sicurezza e nel completo rispetto della natura. Le strutture sono fruibili da parte degli adulti e dei bambini di almeno 4 anni e con statura non inferiore al metro. A tutti i soci di Coop Consumatori Nordest muniti di carta Sociocoop sarà praticato un prezzo fisso di 15 euro anziché 18 per i percorsi adulti e di 10 euro anziché 12 per i percorsi baby. Per informazioni: tel. 342/7947297 (Andrea Chierici) luzzara@forestavventura.it - www.forestavventura. com/luzzara. Gattatico(Re) LamemoriadellaResistenza aportatadiclick In occasione dell’anniversario della scomparsa di Alcide Cervi il 27 marzo, l’Istituto Alcide Cervi di Gattatico (Re) ha invitato tutti i cittadini e gli appassionati di storia locale e Resistenza a una nuova fruizione dei suoi spazi espositivi, dei progetti e dei servizi, per scoprire materiali fino ad ora poco conosciuti e stimolare la conoscenza del ‘dopo’, ovvero dell’eredità lasciata dalla storia dei Cervi. Per l’occasione è stato presentato un riallestimento dell’esposizione della Sala della Memoria. Per informazioni: info@memorieincammino.it www.memorieincammino.it
  • 48. territori.COOP B astano poco più di tre euro per bere un otti- mo Sangiovese-Merlot del Rubicone, direttamen- te dalla Romagna. O ancora uno Chardonnay delle Vene- zie dal Veneto. Ma anche vini particolari come un Pecorino Cococciola dall’Abruzzo. Vini di qualità, che solitamente si trovano sugli scaffali del su- permercato a un prezzo deci- samente superiore. Tutto partì tre anni fa quan- do Coop Italia coinvolse alcu- ne delle migliori realtà coope- rative vitivinicole per creare il progetto “Vini Assieme”. Di no- me e di fatto. Oggi le etichette prodotte sono diciotto, le can- tine coinvolte nove e presto se ne aggiungeranno altre da tut- ta Italia. “Il nostro obiettivo”, spiega Sergio Soavi, responsabile pro- dotti tipici Coop Italia “è stato quello di realizzare una filiera tutta nostra, che controllia- mo in ogni passaggio. Una pro- duzione vinicola raccontata in modo dettagliato al consuma- tore, che dia vita a una nuova concezione: un vino quotidia- ILVINO BUONO STA NEL PREZZO GIUSTO no di qualità”. Per un utilizzo intelligente durante il pasto, secondo le migliori tradizioni della tavola italiana, che lo ha sempre considerato un alimen- to tanto quanto il cibo. Il consumo pro capite di vino è in continuo calo: con il tem- po, si è persa l’idea che si può bere vino buono tutti i giorni, spendendo il giusto. La strate- gia è chiara: restituire digni- tà e soddisfazione ai viticol- tori, creando una nuova filiera insieme a loro, aumentandone così i guadagni e le gratifica- zioni, affermando in tal modo il principio fondante della coo- perazione che consiste nel met- tere il proprio meglio a disposi- zione degli altri. E, allo stesso tempo, dare vita a vini otti- mi, riuscendo a tenere i prez- zi più bassi, abbattendo i co- sti di produzione e acquistando in gruppo. La mortadella IGP è croccante e con- sistente, gustosa e con un sapore puro senza retrogusti. Per scoprirne i segreti abbiamo fatto visita all’azienda Bonfatti, che ha fatto scelte ancora più restrittive rispetto a quanto previsto dal disciplinare IGP. “Abbiamo scelto di impiegare carne di suini nati e alleva- ti in Italia e alimentati con mangimi no Ogm”, spiega Dino Negrini, responsabi- le commerciale di Negrini Salumi, a cui fa capo il marchio Bonfatti. La concia è composta da ingredienti naturali, fi- nemente tritati, mentre l’impasto viene insaccato in vesciche di bovino legate a mano. Proprio come avveniva al tem- po dei nonni. IL PROFUMO NATURALE DELLA MORTADELLA A Renazzo (FE) scopriamo un salume fatto con spezie e budelli naturali
  • 49. Connettiti al tuo territorio. Territori.Coop è anche su Ogni giorno nuovi articoli, video e foto per saperne di più sui prodotti di origine raccontata www.territori.coop.it Sergio Soavi ci spiega la forza del progetto “Assieme”, vantaggioso per i consumatori e sostenibile per il viticoltore Da questo approccio è nata an- che l’idea di comunicare al con- sumatore in modo diverso. “In alcuni campi” racconta Soa- vi, “abbiamo installato web- cam che mostrano i vigneti da cui provengono le uve. O cartel- li che identificano il podere de- dicato al progetto. Tutti i primi lotti hanno un’etichetta pie- ghevole che racconta la storia del vitigno e dei viticoltori che han dato vita a quel vino”. La linea si compone di diverse etichette, provenienti da altrettante zone vocate. Ecco, regione per regione, l’elenco delle cooperative che “assieme” producono queste piccole eccellenze: PIEMONTE Tre Secoli • Barbera Piemonte Doc LOMBARDIA Canneto • Bonarda Oltrepò Pavese Doc • Pinot nero (vinificato in bianco) Oltrepò Pavese Doc VENETO Folonari (Gruppo Italiano Vini) • Chardonnay delle Venezie Igt • Merlot delle Venezie Igt Maschio (Gruppo Italiano Vini) • Prosecco Doc (in uscita sul mercato a fine marzo) EMILIA-ROMAGNA Riunite (Gruppo Italiano Vini) • Lambrusco Reggiano Doc Civ & Civ (Gruppo Italiano Vini) • Lambrusco di Sorbara Doc Cevico • Pignoletto • Sangiovese-Merlot Rubicone Igt TOSCANA Le Chiantigiane • Merlot-Ciliegiolo Maremma Toscana Igt • Vermentino Maremma Toscana Igt MARCHE Moncaro • Sangiovese-Cabernet Sauvignon Marche Igt • Trebbiano-Passerina Marche Igt UMBRIA Spoleto Ducale • Rosso Umbria Igt • Grechetto Umbria Igt ABRUZZO Cantina Tollo • Cococciola-Pecorino Terre di Chieti Igt • Rosato Terre di Chieti Igt La lista dei vini In questa terra ricca di allevamenti bovini e di materia prima a km zero, Bustaffa da più di novant’anni si dedica ai formaggi bianchi. Ogni anno sono circa 95 mila le tonnellate di latte raccolto sul territorio e lavorate nello stabilimento di Mantova. Con questo latte si produce anche la robiola, che aggiunge un tocco di cremosità alle tradizioni casearie padane. FORMAGGIO RICCHISSIMO DI FERMENTI LATTICI VIVI, VIENE PRODOTTO DA UN’AZIENDA STORICA Robiola di Mantova, cuore tenero della pianura padana MADE IN MANTOVA Un momento della lavorazione del formaggio nello stabilimento Bustaffa
  • 50. N A T I P E R F A R V I V I A G G I A R E . www.planetarioviaggi.it LEQUOTESIINTENDONOPERPERSONA ESONOCOMPRENSIVEDI:sistemazioneinappartamentiodammusiohotelincameradoppia,trattamentocomeindicato. Perlaformularoulette:ilnomedellastrutturaverràcomu- nicato3giorniprimadellapartenza,eventualecauzionedapagareinloco.VACANZEINFAMIGLIAALPITOUR:Lapromozioneriferitaall’abbuonodellaquotaindividualedigestionepraticaperibambini,èapplicabilepermini- mo 2 persone prenotate nella stessa pratica e per l’acquisto di pacchetti viaggio comprensivi di volo I.T.C. o linea charterizzata+hotel (min.7 notti) e per la destinazione Italia anche solo hotel (min.7 notti), alle quote individuali pubblicatenelcatalogoAlpitour“VacanzeinFamiglia”(edizioneMaggio-Dicembre2014)entroilimitidietàdeibambiniindicatiperciascunastruttura.Lapromozionenonècumulabileconloscontotessera“You&Sun”,conqual- siasialtraoffertaopromozioneextracatalogo,nonèapplicabileperprenotazionigiàeffettuateeperprenotazionidisolovolo.Leprenotazionisarannoaccettatefinoadesaurimentodeipostidisponibili.Pertuttiidettaglirelati- vi alle offerte (supplementi, spese accessorie, tasse, visti, riduzioni, quote di iscrizione e coperture assicurative) si rimanda ai programmi di viaggio reperibili presso le agenzie PlanetarioViaggi e sul sito www.planetarioviaggi.it ESTATE DEL ESTATEESTATEESTATEESTATEESTATEESTATEESTATE NELLE ISOLE DELDEL NELLE ISOLENELLE ISOLENELLE ISOLENELLE ISOLENELLE ISOLENELLE ISOLENELLE ISOLENELLE ISOLENELLE ISOLENELLE ISOLENELLE ISOLENELLE ISOLENELLE ISOLENELLE ISOLENELLE ISOLENELLE ISOLENELLE ISOLENELLE ISOLENELLE ISOLENELLE ISOLENELLE ISOLENELLE ISOLENELLE ISOLENELLE ISOLENELLE ISOLENELLE ISOLENELLE ISOLENELLE ISOLENELLE ISOLENELLE ISOLENELLE ISOLENELLE ISOLENELLE ISOLENELLE ISOLENELLE ISOLE sole Organizzazione tecnica: Imperatore Travel Tasse aeroportuali: da € 90 LAMPEDUSA E PANTELLERIA8 giorni/7 notti VACANZE IN FAMIGLIA ALPITOUR Il catalogo pensato per grandi e piccini LAMPEDUSA Formularoulette Voli da Bergamo,Verona, Bologna,Venezia (sabato) Hotel3* Volo + mezza pensione dal 31/5 al 13/6 € 595 dal 14/6 al 1/8 e dal 6 al 19/9 € 625 dal 2/8 al 5/9 € 795 Appartamenti Monolocali / bilocali/ trilocali + volo + pernottamento dal 31/5 al 13/6 € 365 dal 14/6 al 1/8 e dal 30/8 al 19/9 € 385 dal 2/8 al 29/8 € 585 Possibilità di noleggio scooter per 2 persone per 1 settimana da € 185 PANTELLERIA Formularoulette Voli da Bergamo, Bologna (sabato), Venezia (domenica Hotel3* Volo + mezza pensione dal 7/6 al 1/8 e dal 30/8 al 19/9 € 595 dal 2 al 29/8 € 790 Dammusi 2/3/4 persone - volo + pernottamento dal 7/6 al 1/8 e dal 30/8 al 19/9 € 380 dal 2 al 29/8 € 520 Possibilità di noleggio scooter per 2 persone per 1 settimana da € 120 Organizzazione tecnica: Imperatore TravelOrganizzazione tecnica: Imperatore Travel Prima prenoti, meno paghi: potrai risparmiare fino a € 400! Negli hotel che prevedono questa promozione, il primo bambino che viaggia con 2 adulti ha VOLO + SOGGIORNO COMPLETAMENTE GRATUITI per la prima settimana Solo con PlanetarioViaggi sconto pari all'importo della quota d'iscrizione prevista per i bambini. Prenotazioni effettuate dal 1 al 31 maggio 2014 per partenze entro il 17/12/2014
  • 51. N A T I P E R F A R V I V I A G G I A R E . www.planetarioviaggi.it LE QUOTE SI INTENDONO PER PERSONA E SONO COMPRENSIVE DI: sistemazione hotel in camera doppia, trattamento come indicato. *Il servizio spiaggia è escluso dal 10 al 31 agosto. Per la formula roulette: il nome della struttura verrà comunicato 7 giorni prima della partenza. Per tutti i dettagli relativi alle offerte (supplementi, tasse, visti, riduzioni, quote di iscrizione e coperture assicurative) si rimanda ai programmi di viaggio reperibili presso le agenzie Planetario Viaggi e sul sito www.planetarioviaggi.it ISCHIA8 giorni/7 notti (domenica/domenica) Hotel3/4* invarielocalitàdell'isola Mezza pensione dal 8/6 al 28/6 € 290 dal 29/6 al 26/7 e dal 14/9 all'11/10 € 320 dal 27/7 al 2/8 e dal 31/8 al 13/9 € 340 dal 3/8 al 9/8 € 470 HotelParcodelleAgavi****,Forio Pensione completa con bevande dal 1/6 al 14/6 e dal 14/9 al 27/9 € 415 dal 15/6 al 2/8 e dal 31/8 al 13/9 € 475 dal 3/8 al 9/8 e dal 24/8 al 30/8 € 530 dal 10/8 al 16/8 € 750 dal 17/8 al 23/8 € 565 Servizio spiaggia* + 1 ingresso al parco termale: inclusi Bambino gratis (escluso 10-24 agosto) HotelBaiadelleSirene****,Forio Pensione completa con bevande dal 1/6 al 21/6 € 380 dal 22/6 al 2/8 e dal 14/9 al 27/9 € 455 dal 3/8 al 16/8 € 620 dal 17/8 al 30/8 € 550 dal 31/8 al 13/9 € 480 1 ingresso al parco termale: incluso Possibilità di bus da/per Ischia da Brescia, Cremona, Piacenza, Fidenza, Parma, Reggio Emilia e Mantova € 140 p.p. con pranzo incluso. ESTATE DEL ESTATEESTATEESTATEESTATEESTATEESTATEESTATE NELLE ISOLE DELDEL NELLE ISOLENELLE ISOLENELLE ISOLENELLE ISOLENELLE ISOLENELLE ISOLENELLE ISOLENELLE ISOLENELLE ISOLENELLE ISOLENELLE ISOLENELLE ISOLENELLE ISOLENELLE ISOLENELLE ISOLENELLE ISOLENELLE ISOLENELLE ISOLENELLE ISOLENELLE ISOLENELLE ISOLENELLE ISOLENELLE ISOLENELLE ISOLENELLE ISOLENELLE ISOLENELLE ISOLENELLE ISOLENELLE ISOLENELLE ISOLENELLE ISOLENELLE ISOLENELLE ISOLENELLE ISOLENELLE ISOLE sole Organizzazione tecnica: Nitrodi viaggi 1 ingresso al parco termale: incluso. Possibilità di noleggio scooter per 2 persone per 1 settimana con consegna in hotel: da € 199 Trasferimento dall'aeroporto o dalla Stazione FS di Napoli all'hotel a Ischia (trasporto marittimo incluso) da € 94 pp a/r