Your SlideShare is downloading. ×
0
Slides ottimizzazione-cardelli
Slides ottimizzazione-cardelli
Slides ottimizzazione-cardelli
Slides ottimizzazione-cardelli
Slides ottimizzazione-cardelli
Slides ottimizzazione-cardelli
Slides ottimizzazione-cardelli
Slides ottimizzazione-cardelli
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Slides ottimizzazione-cardelli

274

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
274
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
8
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Andrea Cardelli 10 Passi per essere nei TOP 10 di Google in 30 giornimartedì 30 novembre 2010
  • 2. Andrea Cardelli 15 Anni di esperienza SEO servono: la strategia più redditizia!  Seleziona tutte le keyword, raggruppale per radice comune, ordinale in base alla difficoltà e priorità  Ottimizza il tuo sito  Analizza e registra i posizionamenti  Scegli il primo gruppo di parole chiave per le quali il sito è in TOP45  Acquisisci Link  Analizza regolarmente e registra il cambio di posizionamentomartedì 30 novembre 2010
  • 3. Andrea Cardelli Perché questa strategia?  Per la nostra esperienza, è la strada migliore per dare valore e ritorno a qualunque investimento SEO  Posizionare il sito in TOP10 per parole chiave meno competitive ma con traffico  Posizionando le parole chiave del primo gruppo migliorano anche i posizionamenti delle keyword più competitive e redditizie  Solo dopo che si raggiungono i posizionamenti delle keyword del primo gruppo si possono promuovere quelle più competitive (più ricercate e quindi più redditizie)  Subito nella TOP 10 per ottenere traffico qualificato  Dopo questa prima fase si può aspirare a scalare posizionamenti sempre più competitivimartedì 30 novembre 2010
  • 4. Andrea Cardelli Strumenti base per il SEM  Google Suggestion Tool (https://adwords.google.com/select/ KeywordToolExternal)  Google Webmaster Tool (www.google.com/webmasters/tools/)  Google Analytics (www.google.it/analytics)  Google Wonder Wheel (www.google.it --> altri strumenti)  Google Suggest (www.google.it)  Goolge Alert (site:aperion.it) (www.google.com/alert)  Yahoo Site Explorer (siteexplorer.search.yahoo.com)  Seomoz Tools (www.seomoz.org)  SemRush.com (www.semrush.com)  RankChecker.com (www.rankchecker.com)  SEO Aperion / Webceo / IBP  Search Global (www.redflymarketing.com/internet-marketing-tools/google- global)martedì 30 novembre 2010
  • 5. Andrea Cardelli Scegliere le parole chiave  Seleziona tutte le keyword possibili e interessanti per gli obiettivi che desideri raggiungere  Suddividi le keyword in gruppi, scegliendole per radice comune  Recupera tutte le pagine del tuo sito, importale in un foglio Excel e associa ogni singolo gruppo di keyword alla pagina più pertinente per contenuto e/o importanzamartedì 30 novembre 2010
  • 6. Andrea Cardelli Ottimizzare il sito (ON-PAGE)  Obiettivo: ottenere nel minor tempo possibile posizionamenti e quindi traffico, e predisporre il sito affinché si possa continuamente aumentare il numero di parole chiave per cui si è posizionati  Inizia dalle parole chiave meno competitive  Sulla base di queste ottimizza il codice HTML di ogni pagina del sito: tag H1, H2, Title, Metatag, grassetti  Ricorda: il SEO non si concentra sullintero sito, ma sulle singole paginemartedì 30 novembre 2010
  • 7. Andrea Cardelli Assolutamente da NON FARE:  NON sovra-ottimizzare le pagine: concentra il Focus su massimo 3 o 4 keyword per pagina  NON scrivere testi o meta description per i motori: concentrati sugli utenti e sul Click Through Rate  NON riempire il sito con parole chiave irrilevanti o non attinenti al contenuto  NON posizionare testo non visibile tramite CSS  NON abusare dei link verso altre pagine del sito  Attenzione al testo duplicato allinterno del sito oppure in domini e sottodomini diversimartedì 30 novembre 2010
  • 8. Andrea Cardelli Scalare i Posizionamenti: è tutta una questione di LINK! Nella prossima lezione: Limportanza dei Link e delle strategie di Link Building per il posizionamento del sito sui motori di ricerca. Grazie per lattenzione! Andrea Cardelli cardelli@aperion.itmartedì 30 novembre 2010

×