Preparazione 1 fase
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Like this? Share it with your network

Share
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
No Downloads

Views

Total Views
2,919
On Slideshare
2,831
From Embeds
88
Number of Embeds
4

Actions

Shares
Downloads
106
Comments
0
Likes
2

Embeds 88

http://pecchialab.blogspot.com 74
http://pecchialab.blogspot.it 10
http://www.pecchialab.blogspot.gr 3
http://www.slideshare.net 1

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Preparazione Fisica L’importanza dell’ adattamento Nella prevenzione degli infortuni Aspetti teorici e pratici Roberto De Filippis [email_address]
  • 2. -STUDI E RICERCHE DIMOSTRANO CHE NEGLI ULTIMI ANNI GLI INFORTUNI DEGLI ATLETI SONO NOTEVOLMENTE AUMENTATI. -NEL CALCIO PER ESEMPIO NELLA STAGIONE 2008/09 RISPETTO ALLA STAGIONE PRECEDENTE VI È STATO UN INCREMENTO DEL 28%. -A QUESTO PUNTO PER POTER RISALIRE ALLE CAUSE BISOGNA FARE ALCUNE CONSIDERAZIONI: -CONOSCENZA DELLA METODOLOGIA DI ALLENAMENTO -INDIVIDUARE I SOGGETTI CHE PRESENTANO PREDISPOSIZIONE AL’INFORTUNIO -CONTROLLO SCIENTIFICO ATTRAVERSO LA VALUTAZIONE DELLA SITUAZIONE INIZIALE MA, QUELLO CHE SECONDO NOI RAPPRESENTA IL FATTORE PIÙ IMPORTANTE È:
    • Studi sugli infortuni
  • 3. SECONDO IL NOSTRO PARERE… È PROPRIO QUESTA FASE CHE VIENE TRASCURATA!!!!! PASSANDO SUBITO A SOLLECITAZIONI MOLTO INTENSE SENZA AVER PRIMA STABILITO UN PERIODO DURANTE IL QUALE IL NOSTRO ORGANISMO POSSA METTERE IN ATTO TUTTA QUELLA SERIE DI RISPOSTE E ADATTAMENTI
    • La fase di adattamento
  • 4. L’adattamento del tessuto muscolare, osseo e connettivo
    • Il neurone di unità motoria a contrazione rapida innerva da 300 a 800 fibre muscolari rapide, presenta un corpo cellulare grande e un numero elevato di assoni.
    • Se si analizza l’adattamento dei muscoli dell’uomo al processo di allenamento, SI DEVE TENER CONTO DELLE PARTICOLARITA’ DELLE FIBRE MUSCOLARI IN UN MUSCOLO E IN MUSCOLI DIVERSI
  • 5. TRASFORMAZIONI STRUTTURALI
    • Negli organi
    • Nei tessuti
    • Ipertrofia neuroni motori
    • Ipertrofia muscolare
    • Ipertrofia del miocardio
  • 6. Un sistema funzionale in base ai carichi fisici include tre componenti
    • LA COMPONENTE AFFERENTE CHE RIUNISCE:
    • Recettori
    • Neuroni
    • Cellule afferenti sistema
    • nervoso centrale
  • 7. Obiettivi
    • Sviluppo ed attivazione della componente afferente ( recettori – neuroni – cellule nervose)
    • Sintesi afferente
    Propriocezione
  • 8. Come si realizza la sintesi afferente
    • Interazione tra memoria e motivazione
    • Attraverso un attivazione semplice o complessa del meccanismo funzionale
    • Attraverso la variazione delle SITUAZIONI
    Azioni psico-neuromuscolari In situazione di partita PSICOCINETICA N° 1-2-3 + COLORI Campi neurali e visivi reazione e adattamento allo stimolo
  • 9. La componente afferente del sistema funzionale rappresenta la condizione indispensabile DELL’ADATTAMENTO AI CARICHI FISICI
    • Gli impulsi afferenti che provengono dai sistemi somatici e vegetativi
    • Stimoli sensoriali esterni
    • Informano sulla posizione delle parti del corpo
  • 10. Adattamento del tessuto muscolare osseo e connettivo
    • La quantità di fibre lente supera leggermente quella delle fibre muscolari veloci varia 52-55% del totale delle fibre muscolari
    • Fibre muscolari rapide prevalgono quelle di tipo A 30-35%
    • Le fibre B rappresentano il 12-15%
    Sabbia
  • 11. Come cambia la struttura dei tessuti in base alla specializzazione sportiva
    • Gli atleti sono caratterizzati da un diverso rapporto tra i diversi tipi di fibre nei muscoli prevalentemente interessati nella realizzazione e del lavoro principale in una determinata disciplina sportiva.
    • I CAMBIAMENTI NELLE FIBRE AVVENGONO IN BASE AL TIPO DI CARICO UTILIZZATO
    • L’IPERTROFIA MUSCOLARE avviene principalmente all’aumento delle dimensioni delle MIOFIBRILLE E DEL NUMERO E LA DENSITàA’DEI MITOCONDRI, L’AUMENTO delle riserve di filamenti di actina e miosina e dei capillari.
    • Le fibre bianche consumano una maggiore quantità di energia rispetto alle fibre lente.
  • 12. ADATTAMENTO DEL TESSUTO OSSEO E CONNETTIVO
    • I CARICHI tipici dello sport determinano trasformazioni ADATTIVE DEL TESSUTO OSSEO e del TESSUTO FIBROSO.
    • Ossa – tendini – legamenti: sono molto sensibili ai carichi meccanici reagendo ad essi con adeguati cambiamenti STRUTTURALI E FUNZIONALI.
    • Aumento densità dei minerali
    • Aumento della massa ossea
    • Variano anche nell’arto dominante rispetto a quelli non dominanti
    • L’utilizzazione di un lavoro di resistenza di grande volume porta ad una diminuzione della densità ossea
  • 13. NEI TENDINI E NEI LEGAMENTI
    • COMPRENDE UN NUMERO ELEVATO DI ADATTAMENTI DI NATURA BIOCHIMICA E MORFOLOGICA
    • L’ALLENAMENTO DI RESISTENZA FAVORISCE L’INTENSIFICAZIONE DELLA SINTESI DEL COLLAGENE NEI TENDINI
    • L’ALLENAMENTO DI FORZA FAVORISCE L’AUMENTO DEL CONTENUTO DI COLLAGENE NEI LEGAMENTI E DI QUELLO TOTALE NELLE GUAINE DI TESSUTO CONNETTIVO DEI MUSCOLI
    • L’AUMENTO DI FORZA AVVIENE ANCHE GRAZIE ALL’ALLUNGAMENTO E ALL’ELASTICITà DEI TENDINI
  • 14. Effetto dei carichi di allenamento sull’organismo di atleti di livello e preparazione diversa
    • Un lavoro dello stesso volume e della stessa intensità può provocare reazioni diverse a secondo del livello tecnico e fisico degli atleti.
    • Esempio i soggetti allenati sono caratterizzati da una REAZIONE NOTEVOLMENTE MAGGIORE del sistema SIMPATICO-ADRENERGICO rispetto ai soggetti non allenati.
    • Negli atleti allenati si ha:
    • MAGGIORE VASCOLARIZZAZIONE dovuta all’aumento di capillari nel tessuto muscolare e apertura dei vasi collaterali con conseguente aumento del flusso sanguigno durante un lavoro di elevata intensità.
    • Durante l’esecuzione di CARICHI STANDARD si ha una diminuzione dell’afflusso di sangue ai muscoli NON INTERESSATI AL LAVORO.
  • 15. Cosa avviene nei muscoli dopo una gara es di fondo nel gastrocnemio
    • Lesioni dell’apparato contrattile (lesione dei dischi Z)
    • Lisi delle miofibrille
    • Contratture dei mitocondri
    • Gonfiore e intrusione dei cristalli
    • Lacerazioni del sarcolemma
    • Necrosi delle cellule
    • Infiammmazioni
    • QUESTI SINTOMI SPARISCONO NON PRIMA DI 10 GIORNI DOPO LA COMPETIZIONE
  • 16. Tenendo conto di queste considerazioni dobbiamo impostare Un allenamento di RECUPERO E PREVENZIONE
    • Prima considerazione è che un lavoro dello stesso volume e della stessa intensità può provocare REAZIONI DIVERSE.
    • Carichi tipici dello sport moderno, spesso, causano la diminuzione della possibilità di adattamento, LIMITANO LA LONGEVITA’ SPORTIVA A LIVELLI DI VERTICE.
    • Ma soprattutto PROVOCANO LO SVILUPPO DI STATI PREPATOLOGICI E PATOLOGICI NELL’ORGANISMO.
    • Dobbiamo procedere verso l’individualizzazione E LA PREVENZIONE dell’allenamento
  • 17. UNA DELLE CAUSE DI INFORTUNIO E’ L’ECCESSIVO AFFATICAMENTO
    • DIMINUZINE DELLE RISORSE ENERGETICHE
    • DELL’ORGANISMO
    • DIMINUZIONE DELL’ATTIVITA’ DEGLI ENZIMI DOVUTA ALL’ACCUMULO DI PRODOTTI INIBITORI METABOLICI NEI TESSUTI
    • ALTERAZIONE DELL’INTEGRITA’ DELLE STRUTTURE FUNZIONALI DOVUTA ES. AL CAMBIAMENTO DELLA REGOLAZIONE NEURO-ORMONALE DELLE FUNZ.
  • 18. PRINCIPI DIDATTICI NEL SISTEMA DI PREPARAZIONE i motivi del perché allenare il movimento principio della concretezza mentale percettiva Principio della pianificazione e della gradualità
    • Sottolinea l’importanza dell’immagine visiva,ma anche la rappresentazione mentale globale e comprende:
    • Informazione sensoriale sul movimento che deriva dal campo propriocettivo interessato al movimento.
    • Percezioni cinestetiche-sensibilità tattiche – vestibolari e dell’udito
    Un esercizio complesso deve avvenire secondo gradualità,
  • 19. Principio dell’eccedenza funzionale e della sicurezza Principio dell’eccedenza funzionale e della sicurezza -Libertà nei vari movimenti, -Eseguire movimenti anche in condizioni di tensione elevata -mobilitazione delle risorse motorie e psichiche Grazie a questo principio l’atleta dispone di una riserva motoria che, in generale, gli permettono di avere LIBERTA’ DI MANOVRA nel controllo motorio. E nell’apprendimento.
  • 20. Principio della stabilità e della flessibilità Principio dell’insegnamento individualizzato nel gruppo È noto che una caratteristica di una abitudine motoria consolidata è rappresentata DALL’AUTOMATIZZAZIONE di una parte di movimenti. Tale condizione è soggetta ad “abitudine” quindi occorre mantenere la necessaria FLESSIBILITA’ ATTRAVERSO UN ALLENAMENTO VARIABILE Individualizzazione del lavoro a secondo delle problematiche e delle potenzialità individuali