• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
Lezione 3   la scrittura prima tecnologia
 

Lezione 3 la scrittura prima tecnologia

on

  • 3,076 views

 

Statistics

Views

Total Views
3,076
Views on SlideShare
3,057
Embed Views
19

Actions

Likes
3
Downloads
126
Comments
0

3 Embeds 19

http://www.slideshare.net 16
http://www.gandhinarni.it 2
http://www.linkedin.com 1

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Lezione 3   la scrittura prima tecnologia Lezione 3 la scrittura prima tecnologia Presentation Transcript

    • Lezione 3 Il ritorno dell’iimagine Prima della scrittura La scrittura prima tecnologia della comunicazione Scritture pittografiche, ideografiche e fonetiche L’alfabeto La stampa, i media elettronici e i media di massa I media come nuovi sensi Prof. Giampaolo Rossi – Teorie e tecniche del linguaggio crossmediale - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASA
    • IL RITORNO DELLE IMMAGINI Prof. Giampaolo Rossi – Teorie e tecniche del linguaggio crossmediale - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASA
    • IL RITORNO DELLE IMMAGINI La rivoluzione digitale e lo sviluppo dei media, segnano un ritorno all’uso delle immagini come strumento di trasmissione del sapere e della conoscenza Si rovescia la gerarchia creata con l’introduzione della scrittura che relegò immagini e suoni nell’ambito esclusivo delle arti e della liturgia La cultura audiovisuale ha iniziato il suo recupero nel XX secolo con i mass-media (cinema, radio, televisione) La nuova integrazione di scrittura, immagine e suoni modifica la comunicazione umana totalmente Prof. Giampaolo Rossi – Teorie e tecniche del linguaggio crossmediale - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASA Norman Rockwell, The Connoisseur, 1962
    • PRIMA DELLA SCRITTURA Prof. Giampaolo Rossi – Teorie e tecniche del linguaggio crossmediale - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASA
    • PRIMA DELLA SCRITTURA
      • La nostra azione nel mondo passa attraverso rappresentazioni (immagini mentali). Il linguaggio è una delle fonti di rappresentazione
      • La scrittura è a tutti gli effetti una tecnologia della comunicazione , la cui invenzione ha modificato il linguaggio e il modo di rappresentare la realtà
      • Prima della scrittura, venivano usate immagini per rappresentare forme e contenuti con cui materializzare il contesto separando “il soggetto” dall’ambiente
      • Flusser :
      • Le immagini si creano dall’azione combinata di mani e occhi :
      • Le mani si estendono sul mondo ( creando l’azione )
      • Gli occhi vedono le connessioni necessarie e preparano alle azioni successive
      • mani e occhi – azione e vista – prassi e teoria
      • L’uomo astrae dall’ambiente la dimensione della profondità creando una regione immaginaria e bidimensionale: il mondo delle immagini
      Prof. Giampaolo Rossi – Teorie e tecniche del linguaggio crossmediale - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASA
    • GROTTA DEL GENOVESE 10000 a.C . (prime figure umane) Prof. Giampaolo Rossi – Teorie e tecniche del linguaggio crossmediale - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASA PIETRE DI MAS D’AZIL 9000 a.C. (primo codice grafico) GROTTE DI LASCAUX 16000 a.C. (prime immagini) PRIMA DELLA SCRITTURA
    • LA SCRITTURA: PRIMA TECNOLOGIA DELLA COMUNICAZIONE Prof. Giampaolo Rossi – Teorie e tecniche del linguaggio crossmediale - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASA
    • LA SCRITTURA: PRIMA TECNOLOGIA DELLA COMUNICAZIONE Platone nel Fedro definisce la scrittura una téchne ( τέχνή ) e ne attribuisce l’invenzione al dio egizio Teuth. Téchne rimanda all’idea di tecnica intesa come abilità, metodo ma anche insieme di regole, sistema atto a produrre un oggetto o ottenere un risultato. Quindi la scrittura è una tecnologia . La prima tecnologia della comunicazione David J. Bolter : “(…) la scrittura antica e quella moderna sono entrambe tecnologie, cioè sistemi di collocazione di idee verbali in uno spazio visivo” Walter J. Ong : “ Platone pensava alla scrittura come a una tecnologia esterna, aliena, nello stesso modo in cui oggi molte persone pensano al computer. Noi invece oggi l’abbiamo ormai interiorizzata così profondamente, l’abbiamo resa una parte tanto importante di noi stessi (9), che ci sembra difficile pensarla come tecnologia al pari della stampa e del computer. Ciò nonostante, la scrittura (e in special modo quella alfabetica) è una tecnologia ” Prof. Giampaolo Rossi – Teorie e tecniche del linguaggio crossmediale - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASA
    • LA SCRITTURA: PRIMA TECNOLOGIA DELLA COMUNICAZIONE “ Questa conoscenza, o faraone, renderà gli Egizi più sapienti e più capaci di ricordare : è stata infatti inventata come medicina per la memoria e per la sapienza ” Ma quello rispose : "Ingegnosissimo Theuth , c‘è chi è capace di dar vita alle arti, e chi invece di giudicare quale danno e quale vantaggio comportano per chi se ne avvarrà . E ora tu, padre della scrittura, per benevolenza hai detto il contrario di ciò che essa é in grado di fare. Questa infatti produrrà dimenticanza nelle anime di chi l'avrà appresa, perché non fa esercitare la memoria . Infatti, facendo affidamento sulla scrittura, essi trarranno i ricordi dall' esterno, da segni estranei, e non dall'interno, da se stessi (…) crederanno di essere conoscitori di molte cose, mentre non le sapranno (…) Prof. Giampaolo Rossi – Teorie e tecniche del linguaggio crossmediale - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASA
    • LA SCRITTURA: PRIMA TECNOLOGIA DELLA COMUNICAZIONE
      • GLI EFFETTI DELLA SCRITTURA
      • Modifica delle pratiche mnemotecniche (nuove forme di archiviazione e di trasmissione conoscenza)
      • Decontestualizza il contenuto verbale (testo e contesto uniti nell’oratore ora sono separati)
      • Distribuisce il sapere in nuovi contesti
      • Fissa il contenuto rendendolo immutabile (nasce la classe degli scriba, espressione di un sapere codificato a cui è riservata la tecnologia)
      • “ Parla da sola” , perché può fare a meno dell’oratore per mantenere il suo potere di trasmissione (Derrick De Kerckhove)
      • Organizza la società e l’attività umana , consentendo l’amministrazione e quindi la complessità sociale
      • Riconfigura anche la psicologia collettiva e individuale e l’immaginario simbolico
      Prof. Giampaolo Rossi – Teorie e tecniche del linguaggio crossmediale - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASA
    • SCRITTURE PITTOGRAFICHE, IDEOGRAFICHE, FONETICHE Prof. Giampaolo Rossi – Teorie e tecniche del linguaggio crossmediale - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASA SCRITTURA PITTOGRAFICA esprime oggetti orientamento verticale con lettura alto/basso partendo da destra esempio: geroglifico egizio SCRITTURA IDEOGRAFICA esprime concetti orientamento verticale con lettura alto/basso esempio: cinese SCRITTURA FONETICA esprime suoni orientamento orizzontale esempio: minoico
    • SCRITTURE PITTOGRAFICHE, IDEOGRAFICHE, FONETICHE Prof. Giampaolo Rossi – Teorie e tecniche del linguaggio crossmediale - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASA PITTOGRAFIA E IDEOGRAFIA ispirano una ri-mediazione di motivi grafici e creatività
    • L’ALFABETO Prof. Giampaolo Rossi – Teorie e tecniche del linguaggio crossmediale - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASA
    • L’ALFABETO Prof. Giampaolo Rossi – Teorie e tecniche del linguaggio crossmediale - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASA Intorno al 700 a.C., in Grecia prende forma la scrittura alfabetica. Un’invenzione fondamentale che permette di colmare la separazione tra linguaggio e scrittura. La riduzione della scrittura a fonemi (unità indivisibili) ha consentito di “atomizzare il linguaggio” permettendo di avere un’informazione il più possibile simile al linguaggio L’alfabeto dà forma alla “mente alfabetica” da cui l’Occidente sviluppa filosofia e scienza
    • Prof. Giampaolo Rossi – Teorie e tecniche del linguaggio crossmediale - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASA L’ALFABETO L’alfabeto ha consentito la riproduzione totale del linguaggio , non più legato al contesto della parola (come avveniva per esempio per la scrittura fonetica sillabica) Questo ha consentito la totale liberazione della parola La FINZIONE (dal teatro al romanzo), nata con la scrittura, si sviluppa in maniera completa con l’alfabeto, fino a diventare “il nostro mezzo principale per organizzare e inventare il reale” (Derrick De Kerckhove) Se gli altri sistemi di scrittura servivano soprattutto all’archiviazione, la scrittura alfabetica ha introdotto e sviluppato la capacità di elaborazione finzionale La scrittura alfabetica ha anche sviluppato la dimensione individuale . Essendo fonetica la scrittura e la sua lettura si pongono come voce individuale Testo e pensiero s’intrecciano in un rapporto che genera l’espansione dell’io e la possibilità di creare
    • Prof. Giampaolo Rossi – Teorie e tecniche del linguaggio crossmediale - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASA LA STAMPA
    • Prof. Giampaolo Rossi – Teorie e tecniche del linguaggio crossmediale - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASA
      • Nel 1450 Johannes Gutenberg inventa la stampa a caratteri mobili Con la stampa si completano i processi iniziati con l’alfabeto: Il testo scritto come sistema coerente, autosufficiente e finito Lo sviluppo di un pensiero lineare e sequenziale legato alla linearità della scrittura La fissazione del testo (scompare la figura del copista che spesso svolgeva anche una funzione di rielaborazione del testo) L’aumento della diffusione del sapere
      LA STAMPA
    • Prof. Giampaolo Rossi – Teorie e tecniche del linguaggio crossmediale - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASA I MEDIA ELETTRONICI
    • Prof. Giampaolo Rossi – Teorie e tecniche del linguaggio crossmediale - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASA I MEDIA ELETTRONICI
      • Nell’800 una serie di invenzioni fondamentali accelera il cambiamento della società La nascita dei primi apparati di comunicazione a distanza e delle prime tecnologie dell’immagine e del suono Sganciamento dello spazio dal tempo (possibilità di trasmettere contenuti simbolici a distanza Simultaneità despazializzata (la contemporaneità si sgancia dallo stesso spazio)
      TELEGRAFO: la prima comunicazione a distanza Samuel Morse FOTOGRAFIA: le prime immagini riprodotte meccanicamente Louis Daguerre TELEFONO: la prima comunicazione vocale a distanza Graham Bell FONOGRAFO: i primi suoni riprodotti meccanicamente Thomas Edison
    • Prof. Giampaolo Rossi – Teorie e tecniche del linguaggio crossmediale - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASA I MEDIA ELETTRONICI IL CINEMA Nel 1895 i fratelli Lumière a Parigi, sviluppano il sistema per la riproduzione di immagini in movimento. Nasce il cinema e con esso la prima forma di industria dello spettacolo L'uscita dalle officine Lumière di Lione fu il primo film proiettato dai fratelli Lumiére il 28 dicembre 1895. Da qui parte la storia del cinema….
    • Prof. Giampaolo Rossi – Teorie e tecniche del linguaggio crossmediale - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASA I MEDIA DI MASSA: LA RADIO
    • Prof. Giampaolo Rossi – Teorie e tecniche del linguaggio crossmediale - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASA I MEDIA DI MASSA Il ‘900 segna l’esplosione dei media di massa e la trasformazione della società plasmata ora dai nuovi mezzi di comunicazione: radio e televisione 1920 Le prime sperimentazioni di Guglielmo Marconi dagli Stati Uniti, sulla trasmissione di suoni a distanza grazie alle onde elettromagnetiche. La Radio è il primo medium di massa Fin dall’inizio assume importanza commerciale e poi dagli anni ’30 un fondamentale ruolo politico, nella capacità di informare e formare
    • Prof. Giampaolo Rossi – Teorie e tecniche del linguaggio crossmediale - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASA I MEDIA DI MASSA In Italia la prima trasmissione radio dell’Uri viene trasmessa alle ore 21 del 6 ottobre 1924
    • Prof. Giampaolo Rossi – Teorie e tecniche del linguaggio crossmediale - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASA I MEDIA DI MASSA: LA TV
    • Prof. Giampaolo Rossi – Teorie e tecniche del linguaggio crossmediale - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASA I MEDIA DI MASSA LA TELEVISIONE Nel 1930, dopo che l cinema introduce il sonoro, si attivano le prime sperimentazioni di televisione Nel 1936 la BBC inaugurò a Londra il primo servizio di trasmissioni televisive Nel 1959 le prime sperimentazioni di Tv a colori che rimodellano l’immaginario visivo
    • Prof. Giampaolo Rossi – Teorie e tecniche del linguaggio crossmediale - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASA I MEDIA DI MASSA La televisione, in breve tempo, modifica il sistema di relazioni e i modelli sociali dell’intero Occidente, divenendo il medium centrale e creando una nuova “galassia della comunicazione” . La Tv costringe gli altri media a riorganizzarsi attorno alla centralità dello schermo e a tagliarsi nuovi spazi e funzioni. Con la Tv la società dei mass media raggiunge la sua forma più compiuta Con la Tv nasce il concetto di cultura di massa La TV diviene in pochi anni “l’epicentro culturale della società” (M. Castells), per la simulazione sensoriale della realtà che consente, sia per la facile comunicabilità Con la Tv, la cultura inizia a interrogarsi sul ruolo trasformativo dei media
    • Prof. Giampaolo Rossi – Teorie e tecniche del linguaggio crossmediale - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASA I MEDIA DI MASSA INTELLETTUALI E TV PASOLINI e l’omologazione
    • Prof. Giampaolo Rossi – Teorie e tecniche del linguaggio crossmediale - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASA I MEDIA DI MASSA INTELLETTUALI E TV POPPER e la libertà
    • Prof. Giampaolo Rossi – Teorie e tecniche del linguaggio crossmediale - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASA I MEDIA DI MASSA LA TV COME “QUINTO POTERE”
    • Prof. Giampaolo Rossi – Teorie e tecniche del linguaggio crossmediale - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASA I MEDIA COME NUOVI SENSI
    • Prof. Giampaolo Rossi – Teorie e tecniche del linguaggio crossmediale - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASA I MEDIA COME NUOVI SENSI I media digitali rimodellano il rapporto tra immagine, suono e scrittura. Modificano quindi il linguaggio. Come una sorta di “oralità di ritorno” (Havelock) Lo aveva compreso alla metà degli anni ’90 Ernst Junger : “credo che stiamo vivendo una rivoluzione simile a quella vissuta da Platone ma in direzione opposta . Platone esperì la transizione da una cultura orale (…) a una cultura che fissa le sue epsressioni mediante la scrittura (…). Oggi con le nuove tecnologie di comunicazione, la scrittura tradizionale, fissa, sta diventando nuovamente fluida, mobile e trasformabile come nell’oralità
    • Prof. Giampaolo Rossi – Teorie e tecniche del linguaggio crossmediale - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASA I MEDIA COME NUOVI SENSI Il treno a La Ciotat, fu proiettato dai fratelli Lumiére, il 6 gennaio 1896 a Parigi. A questo episodio è legata la famosa fuga degli spettatori spaventati e convinti che il treno li travolgesse. Il segno di un cambiamento epocale dell’immaginario simbolico indotto dai nuovi mezzi tecnici Ma la pervasività dei nuovi media modifica non solo la capacità espressiva e di linguaggio ma anche il senso della realtà e le funzioni sensoriali
    • Prof. Giampaolo Rossi – Teorie e tecniche del linguaggio crossmediale - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASA I MEDIA COME NUOVI SENSI Come in TOTAL RECALL (1990)