Your SlideShare is downloading. ×
3 Marche alla ribalta
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×

Introducing the official SlideShare app

Stunning, full-screen experience for iPhone and Android

Text the download link to your phone

Standard text messaging rates apply

3 Marche alla ribalta

1,413
views

Published on


0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
1,413
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
102
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Marche alla ribalta. Il product placement cinematografico in Italia e la sua gestione manageriale Prof . Carlo Nardello L’approccio al product placement dell’azienda cameo
  • 2. La storia dell’azienda
    • cameo è una famosa azienda dolciaria, filiale italiana del gruppo tedesco Dr. Oetker fondato nel 1981 dal giovane farmacista Dottor August Oetker
    • Nel 1893 introdusse per la prima volta il lievito in bustina, dosato esattamente per mezzo chilo di farina.
  • 3. La storia dell’azienda
    • Nel 1903 venne creato il marchio che ancora oggi contraddistingue l’azienda: il profilo stilizzato di una giovane donna all’interno di una cornice ovale.
  • 4. La storia dell’azienda
    • Nel 1933 venne fondata la filiale italiana del gruppo, dapprima con sede a Milano e poi, nel 1958, a Desenzano del Garda.
    Nel 1953 nacque così il brand “Cammeo”, che rievocava la preziosità del gioiello, simbolo della femminilità per eccellenza, trasformato poi in cameo nel 1985 .
  • 5. La storia dell’azienda
    • Anni ‘70: crescita della notorietà della marca e grande diffusione sul mercato dei prodotti dell’azienda grazie all’uso incisivo della leva di comunicazione .
    • Anni ‘80: ulteriore sviluppo dell’azienda che, grazie alla continua innovazione , riesce a immettere sul mercato numerosi nuovi prodotti come Ciobar e le nuove varianti di preparati per dessert.
    • Negli anni ‘90 entra nel mercato delle pizze surgelate lanciando Big Amercians , la prima pizza americana sul mercato italiano, in tre differenti varianti di gusto.
    • Nel 2005 decide di entrare anche nel mercato dei prodotti freschi con le torte Versa e inforna ottenendo un immediato riscontro positivo.
    • Attualmente l’azienda occupa complessivamente 340 persone e sviluppa un fatturato di circa 220 milioni di euro.
  • 6. I marchi e prodotti
    • L’azienda gode di una vasta gamma di prodotti, sia a marchio cameo sia a marchio PANEANGELI e BERTOLINI .
    • La costante è rappresentata dal fatto che sono tutti prodotti dell’area alimentare , dolciaria e non: ingredienti e preparati per torte, biscotti, budini, dessert, pizze, muesli per la prima colazione, snack salati.
    • Prodotti ad elevato contenuto di servizio, di divertimento e soddisfazione.
    • Mission aziendale: “i nostri marchi aiutano a riscoprire il piacere del gusto in ogni momento della giornata, divertendosi in cucina in modo semplice e con idee sempre nuove”.
  • 7. I marchi e prodotti
    • Portafoglio prodotti
    • Prodotti da preparare in polvere
    • Prodotti da preparare freschi
    • Prodotti pronti per la prima colazione
    • Pizze pronte surgelate
    • Prodotti pronti freschi
    • Snack
    • Prodotti a marchio PANEANGELI
    • Ingredienti a marchio BERTOLINI
  • 8. La politica di comunicazione
    • cameo realizza un rapporto tra investimenti in comunicazione e fatturato tra i più alti del settore alimentare.
    • La maggior parte degli investimenti si concentra sul mezzo televisivo , ma l’azienda è attenta a ricercare e a investire anche sui quei canali di comunicazione considerati “nuovi e altenativi” .
    • L’attività di comunicazione viene sviluppata per prodotto o linea di prodotto : il marchio non viene veicolato “per sé” ma insieme e attraverso i suoi prodotti, ai quali è sempre intimamente legato sia sui pack sia in comunicazione.
  • 9. La strategia generale di product placement
    • Ricerca di nuovi punti d’incontro coi consumatori che consentano di qualificare e dare ulteriore valore alla marca.
    • L’intento è quello di conseguire non tanto la visibilità pubblicitaria dei prodotti quanto la sottolineatura di aspetti valoriali e relazionali .
    • L’azienda tenta inoltre di incrementare la portata comunicazionale dell’investimento attraverso varie operazioni di placement allargato (placement communication) .
  • 10. La strategia generale di product placement Tipologia di inserimenti desiderati
    • Gli inserimenti dei prodotti devono raggiungere indici di qualità non inferiori a OQ3. Tale obiettivo di performance qualitativa viene perseguito attraverso punteggi elevati di impatto che, a seconda dei prodotti, si realizza tramite:
    • inserimenti naturali, ma particolarmente rilevanti per la trama (per esempio: torte Versa e Inforna in Ho voglia di te );
    • inserimenti sorprendenti (per esempio: il LIEVITO PANE DEGLI ANGELI in Una moglia bellissima ).
  • 11. La strategia generale di product placement Tipologia di film desiderati
    • Film di cassetta dell’anno, dal tono garbato
    • Film d’autore con vocazione popolare
    • Film d’autore posizionanti
    • Prodotti in portafoglio ritenuti idonei per il product placement
    • Ciobar Muesli Vitalis PANEANGELI Torte Versa e Inforna
    • Preparati per torte e dessert Creme Delì Muu Muu
    • Speedy pizza Pizza Ristorante
  • 12. I placement realizzati
  • 13. Torta Versa e Inforna e Ho voglia di te
    • Posizionamento di marca
    • Le torte Versa e inforna cameo sono impasti freschi pronti da infornare, che danno la possibilità anche ai meno esperti di fare in casa e in poco tempo torte piene di sapore, fragranza e profumo, per “coccolare” le persone che si amano.
    • Il pack del prodotto ha una forma che ricorda la brocca del latte, un colore che richiama la preziosità dell’oro e tutti gli elementi della marca a contorno vogliono testimoniare la diversità e la superiorità del prodotto.
  • 14. Torta Versa e Inforna e Ho voglia di te
    • Brief specifico di product placement
    • Background: prodotto che si presta, per i suoi valori intrinseci, a essere inserito all’interno dell’opera filmica.
    • La marca/il prodotto: prodotti inerenti alla cura edonistica della famiglia, del piacere di condividere un momento all’interno del nucleo familiare.
    • Obiettivi di comunicazione di marca: creare un rito enfatizzando e sottolineando i valori delle torte cameo e nello specifico di quella al cioccolato.
    • Obiettivi specifici: rafforzare gli aspetti valoriali del brand, ma anche la notorietà della marca presso un pubblico più giovane e informato come quello cinematografico.
  • 15. Torta Versa e Inforna e Ho voglia di te
    • Brief specifico di product placement
    • “ Audience take out”: cameo è un’ottima marca, adatta alla mia vita di oggi, in quanto fa prodotti buoni e mi rende più semplice la vita. Può essere la mia!
    • Tipologie di film: film da almeno 7-8 milioni di euro di box office. Uscita primo o quarto trimestre dell’anno. Film di cassetta o autoriale destinato al largo consumo.
    • Tipologia di inserimento: un’integrazione naturale da realizzarsi con fattore di qualità pari a OQ3 .
    • Operazioni di placement allargato previste: attività di promo-comunicazione legate al film e al prodotto in store, su intenet e tramite concorsi. Attività sul trade nel periodo di uscita del film nelle sale. Attività d’impatto sulla forza vendita. Attività di comunicazione/PR in occasione delle anteprime. Attività in occasione dell’uscita del DVD sul mercato dell’home video.
    • Budget : non definito a priori.
  • 16. Torta Versa e Inforna e Ho voglia di te
    • Selezione del film
    • L’idea di fondo era quella di riuscire a connotare il prodotto in modo tale che desse la sensazione di “casa e famiglia” in una realtà contemporanea, moderna e non stereotipata.
    • La scelta ricade su Ho voglia di te, sequel del film Tre metri sopra al cielo.
    • La strategia di inserimento è stata quella di legare il prodotto con Paolo e di utilizzarlo come strumento di dialogo, intenso e molto articolato, con il fratello Step, vero protagonista della storia.
  • 17. Torta Versa e Inforna e Ho voglia di te
    • Il processo di product placement
    • In termini operativi sono state sviluppate tre scene di product placement: in una, quella centrale, il pack e il logo del prodotto sono chiaramente visibili; nelle altre due compaiono soltanto le torte cucinate.
    • Le tre scene sono ordinate in una sequenza logica: la prima prepara il contesto, la seconda lo espilicita e la terza lo ribadisce.
  • 18. Torta Versa e Inforna e Ho voglia di te Esiti e prospettive 4,00 4,50 4,30 4,60 4,04 3,74 4,00 4,10 5 5 4 4 3 2 1 0 Valore intrinseco dell’opera Valore indotto dall’opera Qualità dell’opera cinematografica Movie/brand fit Integrazione Impatto Qualità dell’inserimento Qualità overall
    • Valutazione dell’inserimento al momento della presentazione del progetto da parte dell’agenzia a cameo
  • 19. Torta Versa e Inforna e Ho voglia di te Esiti e prospettive Valore intrinseco dell’opera 4,00 Valore indotto dell’opera 4,50 Qualità dell’opera Cinematografica 4,30 Movie/brand Fit 4,60 Integrazione 4,04 Impatto 3,74 Qualità dell’inserimento 4,10 Qualità 4,20 Incasso in sala 16.500.000 euro Valore del placement 302.000 euro
    • Valutazione dell’inserimento a posteriori
  • 20. Torta Versa e Inforna e Ho voglia di te Esiti e prospettive Fattori critici di successo: incassi della pellicola al botteghino, riscontro del pubblico cinematografico e non, approccio basato su una strategia precisa realizzata attraverso la collaborazione di tutte le parti in gioco, inserimento riuscito in termini di integrazione.
    • Operazioni di marketing interno
    • anteprima dedicata ai dipendenti
    • presentazione alla forza vendita del placement durante la convention annuale
    • posti riservati ai manager all’anteprima vip
    • Operazioni di marketing esterno
    • ufficio stampa dedicato in occasione del lancio de film
    • operazione di coinvolgimento dei buyer della GD
    • operazioni promozionali in-store, on pack e Web
    • operazioni di co-marketing con Warner Bros legata all’uscita del DVD
    Placement allargato
  • 21. PANEANGELI e Una moglie bellissima Posizionamento di marca
    • Il LIEVITO PANE DEGLI ANGELI è da sempre il “magico” alleato delle donne che amano preparare i dolci e vedono in questa attività una dimostrazione d’amore verso la propria famiglia nonché una sorta di soddisfazione personale che esalta la loro abilità e fantasia.
    • La marca, nell’immaginario del suo pubblico, evoca dolcezza, tenerezza, giocosità, leggerezza, sofficità e fantasia.
  • 22. PANEANGELI e Una moglie bellissima Brief specifico di product placement Background: massima competenza nel fare dolci in casa, derivante da più di 70 anni di esperienza al servizio della donna che utilizza ingredienti semplici e genuini. Obiettivi di comunicazione di marca : enfatizzare valori positivi coma la vita familiare, l’affetto, la semplicità e la serenità di tutti i giorni associati al piacere di coccolare e sorprendere i propri cari con un dolce fatto con le proprie mani. Obiettivi specifici: raccontare in modo nuovo e diverso i valori di marca. Rafforzare l’immagine di PANEANGELI come marca appartenente alla nostra vita quotidiana, anche presso un pubblico giovane come quello cinematografico.
  • 23. PANEANGELI e Una moglie bellissima Brief specifico di product placement “ Audience take out” auspicato: PANEANGELI è il perfetto alleato in cucina, è sempre con te e garantisce un risultato perfetto grazie alla magia dei suoi angeli. PANEANGELI è al passo coi tempi! Una marca di tradizione, in continua innovazione. Tipologie di film desiderate: film da almeno 20 milioni di euro di box office. Finestra d’uscita: periodi di alto consumo del lievito, per esempio Carnevale e Natale. Genere: commedia popolare/ autore di largo consumo. Tipologia suggerita di inserimento: integrazione sorprendente nel film da realizzarsi con un fattore di qualità di almeno 4. Operazioni di placement allargato : attività di promo-comunicazione legate al film e al prodotto in store-promotion, Web e tramite concorsi. Attività di comunicazione in occasione dell’anteprima, attività sul trade. Budget: 250.000 euro.
  • 24. PANEANGELI e Una moglie bellissima
    • Selezione del film
    • Prodotto che, proprio per la sua familiarità, rischiava di sparire nella trama
    • Necessità di inserire il prodotto in un ambito diverso rispetto a quello di normale utilizzo
    • Trattare il lievito PANE DEGLI ANGELI come marca di culto che può permettersi un’esibizione fuori contesto
    • Esigenza di selezionare una pellicola che garantisse una buona performance in termini di box office
  • 25. PANEANGELI e Una moglie bellissima
    • Il processo di product placement
    • La modalità di inserimento è sorprendente rispetto alla comunicazione istituzionale del Lievito PANE DEGLI ANGELI, che in questo modo viene messo in assoluta evidenza.
    • Elevato grado di integrazione nella trama dell’opera filmica
  • 26. PANEANGELI e Una moglie bellissima Esiti e prospettive Valore intrinseco dell’opera 3,16 Valore indotto dell’opera 3,85 Qualità dell’opera Cinematografica 3,50 Movie/brand Fit 2,40 Integrazione 4,20 Impatto 4,06 Qualità dell’inserimento 3,70 Qualità 3,70 Incasso in sala 20.900.000 euro Valore del placement 290.000 euro
    • Valutazione dell’inserimento a posteriori
  • 27. PANEANGELI e Una moglie bellissima Esiti e prospettive
    • Operazioni di placement communication: il regista/produttore non ha ritenuto opportuno concedere la liberatoria di utilizzo del titolo per realizzarle.
    • L’azienda non ha comunque rinunciato a effettuare alcune operazioni di promo-comunicazione in occasione del lancio del film, seppur non citando il titolo e in maniera autonoma da esso:
    • Concorso con in palio un viaggio esotico;
    • Biglietti per andare al cinema
  • 28. Ciobar e Caos Calmo (Grimaldi 2008) Posizionamento di marca
    • Ciobar è una cioccolata calda densa e
    • cremosa, con un gusto avvolgente,
    • che mette calore e allegria anche nei
    • momenti più freddi. Si può
    • preparare a casa o chiederla al bar. E’
    • un prodotto per tutti, giovani, adulti,
    • anziani perché fatto con ingredienti
    • semplici e genuini.
  • 29. Ciobar e Caos calmo Brief specifico di product placement Background: il brand Ciobar, nato come trasposizione in ambito casalingo della classica cioccolata in tazza è divenuto ormai sinonimo di quest’ultima, raggiungendo un altissimo grado di notorietà e l’assoluta leadership di mercato. Obiettivi di comunicazione di marca : enfatizzare valori positivi caratterizzanti gusto, dolcezza, calore fisico, calore umano. Claim: il gusto che scalda l’inverno. Obiettivi specifici: inserire il prodotto con i suoi valori in un contesto coerente. Rafforzare l’immagine Ciobar come prodotto appartenente alla vita quotidiana “ Audience take out” auspicato : Ciobar è giovane e dinamico, al passo coi tempi, il prodotto ideale per trascorrere una giornata in allegria insieme agli amici
  • 30. Ciobar e Caos calmo Brief specifico di product placement Tipologie di film desiderate: film compreso tra 8 e 10 milioni di euro di box office. Finestra d’uscita: da Ottobre a Febbraio. Genere: film d’autore. Tipologia suggerita di inserimento: integrazione naturale nell’opera cinematografica. Operazioni di placement allargato : attività di promo-comunicazione legate al film e al prodotto in store-promotion, Web e tramite concorsi. Attività di comunicazione in occasione dell’anteprima, attività sul trade. Budget: 150.000 euro.
  • 31. Ciobar e Caos calmo Selezione del film
    • Esigenza di selezionare un film che potesse consolidare l’aspetto del consumo quotidiano del prodotto; un consumo rassicurante dal punto di vista sia fisico che simbolico.
    • I film che sembravano più coerenti con tale esigenza erano quelli che trattavano storie vere , fortemente legate alla quotidianità, alla vita di tutti i giorni, in tutti i suoi risvolti.
  • 32. Ciobar e Coas calmo
    • Caso “non riuscito” di product placement
    • Al momento della realizzazione del film, la produzione ha sottoposto le scene di placement all’attore, interpellato solo in quel momento, che ha posto il veto rifiutandosi di girarle.
  • 33. Ciobar e Coas calmo Esiti e prospettive Valore intrinseco dell’opera 4,36 Valore indotto dell’opera 2,95 Qualità dell’opera Cinematografica 3,70 Movie/brand Fit 3,00 Integrazione 4,35 Impatto 3,59 Qualità dell’inserimento 3,80 Qualità 3,70 Incasso in sala 7.500.000 euro Valore del placement 150.000 euro
    • Valutazione dell’inserimento al momento della presentazione del progetto
  • 34. Ciobar e Coas calmo Esiti e prospettive Valore intrinseco dell’opera 4,36 Valore indotto dell’opera 2,95 Qualità dell’opera Cinematografica 3,70 Movie/brand Fit 3,00 Integrazione 1,75 Impatto 2,57 Qualità dell’inserimento 2,30 Qualità 2,50 Incasso in sala 6.600.000 euro Valore del placement 60.000 euro
    • Valutazione dell’inserimento a posteriori