1 Scenario Ed Evoluzione Del Mercato

  • 1,341 views
Uploaded on

 

  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
1,341
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1

Actions

Shares
Downloads
67
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Scenario ed evoluzione del mercato Corso di finanza, tecniche di management e marketing: dal finanziamento pubblico al product placement Your picture here Your picture here Your picture here Prof. Carlo Nardello
  • 2. Key Concepts Scenario ed evoluzione del mercato Gli imperativi dello scenario Il mercato dello spettacolo La risposta allo scenario Commercializzazione ed intermediazione L‘offerta di spettacolo
  • 3. Gli imperativi dello scenario Scenario mercato dello spettacolo SOCIETA’ STATO GLOBALIZZAZIONE TEMPO LIBERO OFFERTA DOMANDA IMPRESA INFORMAZIONE INNOVAZIONE TECNOLOGICA COMUNICAZIONE INFORMATICA INTERNET POLITICA ED ECONOMIA CONCORRENZA
  • 4. La società in evoluzione
    • Contenuti, modalità, percorsi del tempo libero in funzione di:
    • Rallentamento crescita demografica
    • Abbassamento della natalità
    • Immigrazione interplanetaria
    • Svuotamento dei centri urbani
    • Crescita dei single
    • Innovazione tecnologica
    • Crescita delle disponibilità di reddito
    Forme moderne, efficaci e facilmente accessibili di spettacolo, in grado di migliorare la qualità della vita, la cultura, la vita sociale, di appagare bisogni di intrattenimento e di relax
  • 5. Lo stato
    • Rispondere in maniera concreta e moderna alle richieste artistico-culturali e di tempo libero dei cittadini e della collettività
    • Promuovere la formulazione di una valida politica artistico-culturale che coinvolga tutti i soggetti sul fronte dell’offerta e favorisca la richiesta della domanda
    • Assicurare sostegno economico e sociale alle imprese impegnate nell’offrire intrattenimento
    • Favorire le attività artistico-culturali
    • Promuovere l’interscambio di esperienze in ambito nazionale, comunitario, internazionale
    Creare e promuovere un ambiente favorevole alla produzione e alla diffusione dell’offerta di spettacolo
  • 6. La globalizzazione
    • La cultura globale, la comunicazione, l’evoluzione dei destinatari: utenti globali interessati ad un’offerta globale
    • Global music jukebox
    • Salvaguardia di tradizioni, localismi, nazionalismi
    Incontro di offerte locali e nazionali con riscontro dello spettatore globale; solidificazione dell’offerta locale cui vien dato un contesto mondiale
  • 7. Il tempo libero
    • Nel loisir si afferma la propria personalità, ci si realizza e ci si gratifica
    • Socializzazione, autoaffermazione, partecipazione
    • Intrattenimento educativo: eduinfotainment
    • Cultura, arte, turismo, eventi musicali, teatrali, sportivi
    Punto di riferimento per il miglioramento della qualità della vita e per la crescita culturale della cittadinanza
  • 8. L’offerta
    • Conduzione gestionale umanistico-culturale vs. efficienza, economia, marketing
    • Barriere all’entrata: sistema distributivo, concorrenza, alti costi, domanda di home entertainment
    • Pressioni e cambiamenti in termini di domanda, pirateria, concorrenza sleale, fundraising
    Risposta ricreativa, educativa e sociale alla domanda che al contempo da un contributo alla convivenza democratica, una dimensione moderna, umana e civile della società
  • 9. La domanda
    • Comprende spettatori abituali (fedeltà, frequenza, soddisfazione), spettatori occasionali, non spettatori
    • Domanda potenziale: capacità di avvicinare chi è ancora lontano, chi è standardizzato nelle scelte ricreative
    Conoscere, riscontrare, comunicare con lo spettatore e progettare per esso; rappresentarlo e soddisfarlo
  • 10. L’impresa
    • Il successo dell’impresa è assicurato se essa avrà la disponibilità di:
    • Target ben individuati da soddisfare
    • Prodotto/evento ben differenziato
    • Risorse proprie e fund raised
    • Strategia di marketing
    Fattori critici di successo: livello qualitativo, giusto prezzo, buona comunicazione, servizio allo spettatore
  • 11. L’impresa
    • Le trasformazioni di scenario per l’impresa di spettacolo riguardano:
    • Specializzazione
    • Qualità
    • Organizzazione
    • Territorialità
    • Globalizzazione
    • Marketing
    • Finanza
    • Management
    Il marketing aiuta l’impresa a porsi in discussione ed a riprogettarsi per soddisfare meglio il pubblico e valorizzare l’offerta
  • 12. L’informazione
    • Mezzo strategico per perfezionare l’offerta, per riscontrare la domanda, per ottenere il consenso
    • Ricerche di mercato, individuazione di segmenti target, ricerca di vantaggi competitivi, individuazione del giusto posizionamento
    Azione informativa per portare a conoscenza di spettatori, enti pubblici, stato, donatori/sostenitori e sponsor le offerte del settore
  • 13. L’innovazione tecnologica
    • Attivare nuovi processi produttivi, distributivi e divulgativi
    • Rivitalizzare l’offerta
    • Spettacolo di largo consumo
    • DVD, CD, VOD, Pay per view, 3D, enhanced tv
    Lo spettacolo deve sposare l’innovazione, offrendo prodotti rispondenti alle nuove sensibilità
  • 14. La comunicazione
    • In tempo reale, su vasta scala, interattiva, multimediale
    • Variabile strategica
    • Mezzi tradizionali + etere, cavo, satellite, digitale, web
    Interesse e volontà degli spettatori ad essere maggiormente informati sull’offerta di spettacoli
  • 15. L’informatica
    • Spettacoli via computer
    • Coinvolgimento diretto
    • Interattività
    • Possibili applicazioni
    Sensibile contributo al settore dello spettacolo, anche nel contesto della gestione, organizzazione, ricerca d’informazione, comunicazione, fundraising
  • 16. Internet
    • Offerta prodotti entertainment
    • Attività di ricerca di mercato
    • Ricerca spettatori, donatori, partnership
    • Riscontro di nuove esigenze
    • Prenotazione ed e-ticketing
    • Comunicazione e promozione
    Superare barriere geografiche, entrare in contatto interattivo con un’audience planetaria, offrire spettacoli dovunque e in qualsiasi orario, acquistare e ricevere info personalizzate
  • 17. La politica e l’economia
    • Condizionamento del raggio d’azione
    • Tassazioni sui prezzi e misure fiscali
    • Conseguimento del benessere dei cittadini
    Disponibilità di reddito, livello d’inflazione, tassi di interesse per chi chiede o per chi da denaro, disoccupazione, recessione
  • 18. La concorrenza
    • Qualità
    • Superiorità tecnica e/o tecnologica
    • Migliore servizio
    • Immagine
    • Prezzo
    • Ricerca utenti/donatori
    • Finanziamenti e contributi statali
    Disponibilità di reddito, livello d’inflazione, tassi di interesse per chi chiede o per chi da denaro, disoccupazione, recessione
  • 19. La risposta allo scenario RISPOSTA ALLO SCENARIO ORIENTAMENTO DI MARKETING QUALITA’ DELL’OFFERTA FLESSIBILITA’ VOLONTARIATO TECNOLOGIA SPECIALIZZAZIONE CUSTOMER SATISFACTION IMPRENDITORIALITA’ GLOCALIZZAZIONE MANAGEMENT E PERSONALE INNOVAZIONE EQUILIBRIO ECONOMICO NOTORIETA’ E IMMAGINE ALLEANZE STRATEGICHE
  • 20. L’orientamento di marketing
    • Privilegiare le richieste del mercato: progettare ed offrire un prodotto/evento spettacolo ad una specifica categoria di spettatori che lo richiede e ne manifesta il bisogno
    • Identificare e soddisfare la domanda di intrattenimento
    • Ottimizzare la posizione nel mercato dello spettacolo
    • Massimizzare la redditività sociale, educativa ed economica
    • Adattarsi ai cambiamenti ambientali
  • 21. L’imprenditorialità
    • Passione, volontà, competenza
    • Capacità creative, artistiche, organizzative, gestionali, tecniche, tecnologiche
  • 22. La qualità dell’offerta
    • Rappresenta il plus su cui il marketing basa la sua azione
    • Instaurare, sviluppare, consolidare il rapporto di fedeltà degli spettatori
    • Creatività, valenza artistica, migliore comunicazione, miglior servizio
    • Attenzione di donatori, sponsor, critica, media
  • 23. La glocalizzazione
    • Spettacoli rispettosi delle tradizioni, della territorialità, dei localismi e dei globalismi
    • Integrare storia e localismi nel villaggio globale rivitalizzando l’offerta di spettacolo locale
    • Ampliare il raggio d’azione dell’offerta
  • 24. La flessibilità
    • Modelli organizzativi, strutture operative, management e personale flessibili, efficaci e rapide
    • Complessità del mercato, esigenze della domanda, innovazione tecnologica
  • 25. Il management e il personale
    • Capaci di reagire al continuo cambiamento
    • Progettare ed immettere il prodotto/evento nel giusto circuito tra domanda e offerta
    • Preparazione professionale
  • 26. Il volontariato
    • Grazie ad esso molti organismi non profit dello spettacolo crescono ed assolvono la loro mission
    • Concretezza ed entusiasmo
    • Efficienza, responsabilità, preparazione
  • 27. L’innovazione
    • Prodotti, gestione, organizzazione, logistica, management
    • Integrazione con tradizione, storia, passato, localismo
    • Sostenibilità dal punto di vista finanziario, di attualità ed originalità
  • 28. La tecnologia
    • Produttiva, tecnica, telematica, informatica, comunicazionale, multimediale
    • Crescita produttiva ed economica
    • Maggior livello qualitativo
    • Riduzione dei costi
    • Miglior organizzazione/gestione
  • 29. L’equilibrio economico
    • Interventi quali:
    • Controllo di costi a livello di gestione, personale, logistica, marketing
    • Acquisti oculati
    • Innovazione tecnologica
    • Recupero di economie di scala
  • 30. La specializzazione dell’offerta
    • Posizionamento più vantaggioso
    • Leadership derivante da economie di scala gestionali, organizzative, logistiche, di marketing
  • 31. La notorietà e l’immagine
    • Riscontri su tutta l’azione di intrattenimento
    • Prodotto, valenza artistica, prezzo/tariffa, comunicazione
    • Fattore differenziale nel medio-lungo periodo
  • 32. La customer satisfaction
    • Centralità dello spettatore
    • Studio di esigenze ed aspettative
    • Relazione di fidelizzazione
  • 33. Le alleanze strategiche
    • Per conseguire migliori risultati produttivi, gestionali, economie di scala distributive, comunicazionali
    • Ridurre costi fissi su un maggior numero di spettacoli in collaborazione
    • Mancanza di risorse, convenienza, scelta strategica
    • Accordi di collaborazione, joint venture, consorzi, etc.