Your SlideShare is downloading. ×
1   Scenario Ed Evoluzione Del Mercato
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

1 Scenario Ed Evoluzione Del Mercato

1,398
views

Published on


0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
1,398
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
68
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Scenario ed evoluzione del mercato Corso di finanza, tecniche di management e marketing: dal finanziamento pubblico al product placement Your picture here Your picture here Your picture here Prof. Carlo Nardello
  • 2. Key Concepts Scenario ed evoluzione del mercato Gli imperativi dello scenario Il mercato dello spettacolo La risposta allo scenario Commercializzazione ed intermediazione L‘offerta di spettacolo
  • 3. Gli imperativi dello scenario Scenario mercato dello spettacolo SOCIETA’ STATO GLOBALIZZAZIONE TEMPO LIBERO OFFERTA DOMANDA IMPRESA INFORMAZIONE INNOVAZIONE TECNOLOGICA COMUNICAZIONE INFORMATICA INTERNET POLITICA ED ECONOMIA CONCORRENZA
  • 4. La società in evoluzione
    • Contenuti, modalità, percorsi del tempo libero in funzione di:
    • Rallentamento crescita demografica
    • Abbassamento della natalità
    • Immigrazione interplanetaria
    • Svuotamento dei centri urbani
    • Crescita dei single
    • Innovazione tecnologica
    • Crescita delle disponibilità di reddito
    Forme moderne, efficaci e facilmente accessibili di spettacolo, in grado di migliorare la qualità della vita, la cultura, la vita sociale, di appagare bisogni di intrattenimento e di relax
  • 5. Lo stato
    • Rispondere in maniera concreta e moderna alle richieste artistico-culturali e di tempo libero dei cittadini e della collettività
    • Promuovere la formulazione di una valida politica artistico-culturale che coinvolga tutti i soggetti sul fronte dell’offerta e favorisca la richiesta della domanda
    • Assicurare sostegno economico e sociale alle imprese impegnate nell’offrire intrattenimento
    • Favorire le attività artistico-culturali
    • Promuovere l’interscambio di esperienze in ambito nazionale, comunitario, internazionale
    Creare e promuovere un ambiente favorevole alla produzione e alla diffusione dell’offerta di spettacolo
  • 6. La globalizzazione
    • La cultura globale, la comunicazione, l’evoluzione dei destinatari: utenti globali interessati ad un’offerta globale
    • Global music jukebox
    • Salvaguardia di tradizioni, localismi, nazionalismi
    Incontro di offerte locali e nazionali con riscontro dello spettatore globale; solidificazione dell’offerta locale cui vien dato un contesto mondiale
  • 7. Il tempo libero
    • Nel loisir si afferma la propria personalità, ci si realizza e ci si gratifica
    • Socializzazione, autoaffermazione, partecipazione
    • Intrattenimento educativo: eduinfotainment
    • Cultura, arte, turismo, eventi musicali, teatrali, sportivi
    Punto di riferimento per il miglioramento della qualità della vita e per la crescita culturale della cittadinanza
  • 8. L’offerta
    • Conduzione gestionale umanistico-culturale vs. efficienza, economia, marketing
    • Barriere all’entrata: sistema distributivo, concorrenza, alti costi, domanda di home entertainment
    • Pressioni e cambiamenti in termini di domanda, pirateria, concorrenza sleale, fundraising
    Risposta ricreativa, educativa e sociale alla domanda che al contempo da un contributo alla convivenza democratica, una dimensione moderna, umana e civile della società
  • 9. La domanda
    • Comprende spettatori abituali (fedeltà, frequenza, soddisfazione), spettatori occasionali, non spettatori
    • Domanda potenziale: capacità di avvicinare chi è ancora lontano, chi è standardizzato nelle scelte ricreative
    Conoscere, riscontrare, comunicare con lo spettatore e progettare per esso; rappresentarlo e soddisfarlo
  • 10. L’impresa
    • Il successo dell’impresa è assicurato se essa avrà la disponibilità di:
    • Target ben individuati da soddisfare
    • Prodotto/evento ben differenziato
    • Risorse proprie e fund raised
    • Strategia di marketing
    Fattori critici di successo: livello qualitativo, giusto prezzo, buona comunicazione, servizio allo spettatore
  • 11. L’impresa
    • Le trasformazioni di scenario per l’impresa di spettacolo riguardano:
    • Specializzazione
    • Qualità
    • Organizzazione
    • Territorialità
    • Globalizzazione
    • Marketing
    • Finanza
    • Management
    Il marketing aiuta l’impresa a porsi in discussione ed a riprogettarsi per soddisfare meglio il pubblico e valorizzare l’offerta
  • 12. L’informazione
    • Mezzo strategico per perfezionare l’offerta, per riscontrare la domanda, per ottenere il consenso
    • Ricerche di mercato, individuazione di segmenti target, ricerca di vantaggi competitivi, individuazione del giusto posizionamento
    Azione informativa per portare a conoscenza di spettatori, enti pubblici, stato, donatori/sostenitori e sponsor le offerte del settore
  • 13. L’innovazione tecnologica
    • Attivare nuovi processi produttivi, distributivi e divulgativi
    • Rivitalizzare l’offerta
    • Spettacolo di largo consumo
    • DVD, CD, VOD, Pay per view, 3D, enhanced tv
    Lo spettacolo deve sposare l’innovazione, offrendo prodotti rispondenti alle nuove sensibilità
  • 14. La comunicazione
    • In tempo reale, su vasta scala, interattiva, multimediale
    • Variabile strategica
    • Mezzi tradizionali + etere, cavo, satellite, digitale, web
    Interesse e volontà degli spettatori ad essere maggiormente informati sull’offerta di spettacoli
  • 15. L’informatica
    • Spettacoli via computer
    • Coinvolgimento diretto
    • Interattività
    • Possibili applicazioni
    Sensibile contributo al settore dello spettacolo, anche nel contesto della gestione, organizzazione, ricerca d’informazione, comunicazione, fundraising
  • 16. Internet
    • Offerta prodotti entertainment
    • Attività di ricerca di mercato
    • Ricerca spettatori, donatori, partnership
    • Riscontro di nuove esigenze
    • Prenotazione ed e-ticketing
    • Comunicazione e promozione
    Superare barriere geografiche, entrare in contatto interattivo con un’audience planetaria, offrire spettacoli dovunque e in qualsiasi orario, acquistare e ricevere info personalizzate
  • 17. La politica e l’economia
    • Condizionamento del raggio d’azione
    • Tassazioni sui prezzi e misure fiscali
    • Conseguimento del benessere dei cittadini
    Disponibilità di reddito, livello d’inflazione, tassi di interesse per chi chiede o per chi da denaro, disoccupazione, recessione
  • 18. La concorrenza
    • Qualità
    • Superiorità tecnica e/o tecnologica
    • Migliore servizio
    • Immagine
    • Prezzo
    • Ricerca utenti/donatori
    • Finanziamenti e contributi statali
    Disponibilità di reddito, livello d’inflazione, tassi di interesse per chi chiede o per chi da denaro, disoccupazione, recessione
  • 19. La risposta allo scenario RISPOSTA ALLO SCENARIO ORIENTAMENTO DI MARKETING QUALITA’ DELL’OFFERTA FLESSIBILITA’ VOLONTARIATO TECNOLOGIA SPECIALIZZAZIONE CUSTOMER SATISFACTION IMPRENDITORIALITA’ GLOCALIZZAZIONE MANAGEMENT E PERSONALE INNOVAZIONE EQUILIBRIO ECONOMICO NOTORIETA’ E IMMAGINE ALLEANZE STRATEGICHE
  • 20. L’orientamento di marketing
    • Privilegiare le richieste del mercato: progettare ed offrire un prodotto/evento spettacolo ad una specifica categoria di spettatori che lo richiede e ne manifesta il bisogno
    • Identificare e soddisfare la domanda di intrattenimento
    • Ottimizzare la posizione nel mercato dello spettacolo
    • Massimizzare la redditività sociale, educativa ed economica
    • Adattarsi ai cambiamenti ambientali
  • 21. L’imprenditorialità
    • Passione, volontà, competenza
    • Capacità creative, artistiche, organizzative, gestionali, tecniche, tecnologiche
  • 22. La qualità dell’offerta
    • Rappresenta il plus su cui il marketing basa la sua azione
    • Instaurare, sviluppare, consolidare il rapporto di fedeltà degli spettatori
    • Creatività, valenza artistica, migliore comunicazione, miglior servizio
    • Attenzione di donatori, sponsor, critica, media
  • 23. La glocalizzazione
    • Spettacoli rispettosi delle tradizioni, della territorialità, dei localismi e dei globalismi
    • Integrare storia e localismi nel villaggio globale rivitalizzando l’offerta di spettacolo locale
    • Ampliare il raggio d’azione dell’offerta
  • 24. La flessibilità
    • Modelli organizzativi, strutture operative, management e personale flessibili, efficaci e rapide
    • Complessità del mercato, esigenze della domanda, innovazione tecnologica
  • 25. Il management e il personale
    • Capaci di reagire al continuo cambiamento
    • Progettare ed immettere il prodotto/evento nel giusto circuito tra domanda e offerta
    • Preparazione professionale
  • 26. Il volontariato
    • Grazie ad esso molti organismi non profit dello spettacolo crescono ed assolvono la loro mission
    • Concretezza ed entusiasmo
    • Efficienza, responsabilità, preparazione
  • 27. L’innovazione
    • Prodotti, gestione, organizzazione, logistica, management
    • Integrazione con tradizione, storia, passato, localismo
    • Sostenibilità dal punto di vista finanziario, di attualità ed originalità
  • 28. La tecnologia
    • Produttiva, tecnica, telematica, informatica, comunicazionale, multimediale
    • Crescita produttiva ed economica
    • Maggior livello qualitativo
    • Riduzione dei costi
    • Miglior organizzazione/gestione
  • 29. L’equilibrio economico
    • Interventi quali:
    • Controllo di costi a livello di gestione, personale, logistica, marketing
    • Acquisti oculati
    • Innovazione tecnologica
    • Recupero di economie di scala
  • 30. La specializzazione dell’offerta
    • Posizionamento più vantaggioso
    • Leadership derivante da economie di scala gestionali, organizzative, logistiche, di marketing
  • 31. La notorietà e l’immagine
    • Riscontri su tutta l’azione di intrattenimento
    • Prodotto, valenza artistica, prezzo/tariffa, comunicazione
    • Fattore differenziale nel medio-lungo periodo
  • 32. La customer satisfaction
    • Centralità dello spettatore
    • Studio di esigenze ed aspettative
    • Relazione di fidelizzazione
  • 33. Le alleanze strategiche
    • Per conseguire migliori risultati produttivi, gestionali, economie di scala distributive, comunicazionali
    • Ridurre costi fissi su un maggior numero di spettacoli in collaborazione
    • Mancanza di risorse, convenienza, scelta strategica
    • Accordi di collaborazione, joint venture, consorzi, etc.

×