La comunicazione della scienza. Sociale e professionale, occasionale e programmata
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

La comunicazione della scienza. Sociale e professionale, occasionale e programmata

on

  • 3,400 views

Slide del seminario svolto a Marino il 30/11/2009 e il 2/12/2009 per conto dell'INFN sui temi della comunicazione della scienza

Slide del seminario svolto a Marino il 30/11/2009 e il 2/12/2009 per conto dell'INFN sui temi della comunicazione della scienza

Statistics

Views

Total Views
3,400
Slideshare-icon Views on SlideShare
3,280
Embed Views
120

Actions

Likes
4
Downloads
70
Comments
0

3 Embeds 120

http://www.tecnoetica.it 116
http://www.slideshare.net 3
http://tecnoetica.tumblr.com 1

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    La comunicazione della scienza. Sociale e professionale, occasionale e programmata La comunicazione della scienza. Sociale e professionale, occasionale e programmata Presentation Transcript

    • La comunicazione della scienza Sociale e professionale, occasionale e programmata Davide Bennato Università di Catania dbennato@unict.it
    • Indice • La scienza e i suoi pubblici • La scienza come prodotto e come processo • Le forme di comunicazione della scienza di nuova concezione Davide Bennato | La comunicazione della scienza
    • La scienza e i suoi pubblici il rapporto fra scienza e società • Big Science: dal Progetto Manhattan al progetto Genoma Politiche pubbliche Investimenti pubblici Investimenti privati La collettivizzazione della scienza • La scienza in una società democratica: Partecipazione dei cittadini Condivisione dei valori Sostegno politico Sostegno economico Davide Bennato | La comunicazione della scienza
    • Davide Bennato | La comunicazione della scienza
    • La scienza e i suoi pubblici Comunicare la scienza • Perché comunicare la scienza?: Partecipazione dei cittadini a scelte collettive Legittimare scelte politiche Riallacciare la fiducia tra il sistema scienza e la società civile Reagire alle tendenze antiscientifiche Dare dignità culturale e intellettuale alla scienza • Comunicare la scienza o comunicare la ricerca? Davide Bennato | La comunicazione della scienza
    • La scienza e i suoi pubblici Gli attori coinvolti • Gli stakeholder della comunicazione scientifica e i loro ruoli Advocacy Gruppi scientifici (pubblici, privati) Gruppi industriali Gruppi sociali (portatori di valore) Governance Istituzioni Politici Legislatori Audience Pubblico/opinione pubblica Media Informazione Intrattenimento Davide Bennato | La comunicazione della scienza
    • POST, 2000, The Great GM Food Debate, House of Commons Pubblico PR Risonanza Opinione Pubblica Gruppi: scientifici, PR Mass Media industriali, sociali Lobbying Attenzione Istituzioni, politici, legislatori Davide Bennato Davide Bennato | La comunicazione della scienza (POST, 2000)
    • La scienza e i suoi pubblici Gli elementi del rapporto comunicativo (modello di Lasswell) • Chi dice: Chi è il soggetto che comunica? • Cosa: Quale messaggio comunica il soggetto? • A chi: Chi è il destinatario della comunicazione? • Con quale canale: Con quale strumento comunica? • Con quale effetto: Quali i risultati della relazione? Davide Bennato | La comunicazione della scienza
    • Le scienza e i suoi pubblici Le teorie sociologiche del rapporto pubblico/media • Flusso di comunicazione a due fasi: il quadro generale Idea centrale I contenuti dei media non sono sempre veicolati direttamente ma sono mediati dai legami sociali Elementi chiave Opinion leader: fruiscono direttamente dei contenuti e filtrano le informazioni Rete sociale: consente la propagazione delle informazioni Processi comunicativi Fase 1: gli opinion leader si espongono ai media Fase 2: gli opinion leader diffondono l’informazione nella propria rete di riferimento Indicazioni per la comunicazione scientifica Valorizzare l’aspetto narrativo della comunicazione Un linguaggio chiaro ma non banale Davide Bennato | La comunicazione della scienza
    • Comunicazione scientifica tramite mass-media Opinion Leader Opinion Leader Pubblico Pubblico Davide Bennato | La comunicazione della scienza
    • • Newsmaking: la selezione della notizia Idea centrale Non tutto ciò che accade nel mondo ha le caratteristiche per diventare notizia Elementi chiave Valori notizia: criteri di selezione delle notizie Rispetto al contenuto: importanza, interesse Rispetto al prodotto: brevità, ideologia, novità Rispetto al mezzo: buon materiale (foto, immagini) Rispetto al pubblico: ideologia/protezione del pubblico Rispetto al concorrenza: aspettative reciproche Processi comunicativi La selezione degli eventi notiziabili è frutto di routine produttive e ideologie professionali Indicazioni per la comunicazione scientifica Contenuto: legare i risultati a fenomeni di interesse comune Prodotto: capacità di raccontare in breve tempo una storia Mezzo: fornire prodotti visivi affascinanti (immagini, infografiche, filmati) Pubblico/concorrenza: stabilire contatti con giornalisti di testate “sensibili” Davide Bennato | La comunicazione della scienza
    • Davide Bennato | La comunicazione della scienza
    • • Framing: la costruzione della notizia Idea centrale Il modo con cui le notizie vengono comunicate dai giornalisti crea una cornice di senso che orienta la comprensione del fatto Elementi chiave Metafora: tipologia di figure retoriche usate dai giornalisti Immagini: commento grafico a illustrazione del fatto scientifico Collocazione: posizionamento del fatto nella struttura del giornale Processi comunicativi Tipologie possibili di frame Conflitto Interesse umano/personalizzazione Conseguenze previste/ipotizzabili Incorniciamento morale Responsabilità Indicazioni per la comunicazione scientifica Uso di comunicati stampa molto strutturati Pianificare le metafore con cui spiegare il fatto scientifico (ricerca, scoperta, brevetto) Davide Bennato | La comunicazione della scienza
    • Davide Bennato | La comunicazione della scienza
    • Areva, campagna 2006 http://energyexperts.areva.com/areva_us.html Davide Bennato | La comunicazione della scienza
    • • Agenda setting: la circolazione della notizia Idea centrale I media non dicono alle persone che opinione avere, ma su cosa avere un’opinione La comprensione che le persone hanno della realtà è in gran parte mutuata dai media Elementi chiave Agenda: scaletta dei temi che viene veicolati dalla stampa Soglia: è la distanza percepita dei temi (alta se lontana dalla vita quotidiana, bassa se vicina alla vita quotidiana) Processi comunicativi I media nel determinano/ordinano gerarchicamente la presenza dei temi nell’agenda L’agenda degli individui viene costruita come conseguenza dell’agenda dei media Indicazioni per la comunicazione scientifica Controllare gli elementi con cui il messaggio viene veicolato dai giornalisti Utilizzare strategie di conferma del messaggio (per esempio un sito web ad-hoc) Davide Bennato | La comunicazione della scienza
    • Davide Bennato | La comunicazione della scienza
    • The Ten Most Important Satellites Orbiting Earth Now Davide Bennato | La comunicazione della scienza
    • La scienza come prodotto e come processo Dal PUS al PEST • Gli anni 80: Il Public Understanding of Science Le persone acquisiscono o sono preparate ad acquisire solo le informazioni scientifiche di cui hanno bisogno in determinate circostanze L’enfasi è sulla relazione (sociale) e non sulla semplice comunicazione (della scienza) Il complessivo fallimento dell’impostazione • Gli anni 2000: Il Public Engagement with Science and Technology Obiettivi: dalla scienza “da capire” alla scienza che coinvolge Strategie: favorire il dialogo fra la scienza e il pubblico Segmentazione: la scienza non è tutta uguale non si comunica nello stesso modo Davide Bennato | La comunicazione della scienza
    • Public Understanding of Science Comprensione Volgarizzazione della scienza scientifica alfabetizzazione divulgazione Partecipazione - Percezione della Processo scienza Decisionale consapevolezza Comunicazione pluridirezionale Davide Bennato | La comunicazione della scienza
    • Davide Bennato | La comunicazione della scienza
    • • Il ruolo delle metafore nel discorso scientifico Le due famiglie principali Metafore costitutive: servono per creare modelli mentali di una disciplina/teoria Metafore illustrative: servono per rappresentare alcune concettualizzazioni Livelli di utilizzo delle metafore Intrametaforico: metafore assimilate dall’uso (codice genetico) Metaforico: metafore “rischiose” (interruttore chimico) Supermetaforico: metafore modello di una disciplina (la cellula “decide”) Davide Bennato | La comunicazione della scienza
    • Usi della metafora individuo colleghi pubblico Metafora Metafora Metafora Metafora Davide Bennato | La comunicazione della scienza
    • Metafore e analogie usate per raccontare la Fusione Fredda (Bucchi 1998) • Metafore delle scienze naturali • Metafore dell’economia Il cuore della terra Bilancio energetico I muoni come elettroni grassi • Metafore della vita quotidiana La fame di energia Deuterio ospite Sciami di muoni Metalli mangiaidrogeno Neutroni che sbocciano Acqua pesante Migrazione degli ioni Padri della fusione • Metafore della tecnologia Bottiglie magnetiche Il palladio come pompa che Atomi genitori assorbe deuterio Matrimonio tra atomi Il tunnel che si crea nelle barriere Deutoni intrappolati tra deutoni Il palladio come spugna Davide Bennato | La comunicazione della scienza
    • La scienza come prodotto e come processo I modelli della comunicazione scientifica • Il deficit model (Royal Society 1985) Idea centrale "una trasmissione di conoscenza scientifica ad un pubblico cosiddetto 'profano', finalizzata a scopi di educazione, legittimazione e apprendimento" [Whitley 1985, p. 3]. "il pubblico spesso difetta di una comprensione di base dei concetti, delle teorie e delle metodologie scientifiche. Da questo punto di vista sarebbe l'inadeguatezza delle forme di tale comprensione a dare origine alle controversie pubbliche su questioni tecniche" [Borgna, 2001, p. 36]. Elementi chiave Lo scienziato: protagonista, fonte, attivo Il pubblico: comprimario, inerte/inerme, passivo Scienza: pacificata, non conflittuale e priva di controversie Processi comunicativi Lineari: dall’emittente al ricevente senza intoppi Unidirezionali: dalla scienza al pubblico La divulgazione come strategia Davide Bennato | La comunicazione della scienza
    • + SCIENZIATI comunicazione Livello di cultura scientifica PUBBLICO - Davide Bennato | La comunicazione della scienza
    • Davide Bennato | La comunicazione della scienza
    • • Il modello prometeico (Nelkin 1987) Idea centrale Lo scienziato come un novello Prometeo portatore di conoscenza La stampa come portatrice del verbo scientifico (mero connettore con il pubblico) Elementi chiave Lo scienziato come figura mitologica La comunicazione come verità scientifica Il comunicatore – per es. il giornalista – come portavoce Processi comunicativi Relazione pedagogica Rapporto asimmetrico Davide Bennato | La comunicazione della scienza
    • Christian Griepenkerl, il furto del fuoco, (1880) Davide Bennato | La comunicazione della scienza
    • • Il modello della traduzione (o canonico o tradizionale o specchio sporco) (Bettetini e Grasso 1988) Idea centrale "L'attività scientifica è diventata troppo specializzata e complicata per essere compresa dal pubblico in generale…È quindi necessaria una forma di mediazione per rendere le conoscenze scientifiche più adatte e accessibili al pubblico. Questa mediazione richiede l'intervento di una nuova figura professionale: una 'terza persona' (generalmente il giornalista scientifico) che riesca a colmare il dislivello tra gli scienziati e il pubblico non specializzato, comprendendo i primi e comunicando le loro idee al secondo" [Bucchi, 2000, p. 3] Elementi chiave La scienza come complessa Il ruolo dei mediatori come traduttori Il pubblico come tabula rasa Processi comunicativi La comunicazione come divulgazione Da chi sa a chi non sa Davide Bennato | La comunicazione della scienza
    • Scienza Media Pubblico Davide Bennato | La comunicazione della scienza
    • • Il modello del continuum (Cloitre e Shinn 1985) Idea centrale Non c’è una rigida distinzione fra comunicazione scientifica interna ed esterna La differenza negli stili comunicativi è data dai contesti comunicativi Elementi chiave Forme codificate di comunicazione: paper, articolo, manuale, articolo popolare Narrazioni metaforiche: presenza consistente nei livelli comunicativi più vicini al pubblico Processi comunicativi I livelli della comunicazione: intraspecialistico, interspecialistico, pedagogico, popolare Il passaggio da un livello all’altro può non essere possibile (cristallizzazione), oppure i mezzi non lo rendono possibile Una comunicazione può saltare a piè pari uno o più livelli (deviazione) Davide Bennato | La comunicazione della scienza
    • Periodici Manualistica Articoli scientifici interdisciplinari pedagogico Media intraspecialistico Interspecialistico popolare Davide Bennato | La comunicazione della scienza
    • Davide Bennato | La comunicazione della scienza
    • La nuova comunicazione della scienza Dallo scienziato chiuso allo scienziato “open access” • Il nuovo ruolo della rete Il ricercatore sempre più a contatto diretto con il pubblico e le sue curiosità Da un modello push a un modello pull di comunicazione Il fenomeno dello scientific blogging Nuovi strumenti di comunicazione interna/esterna della scienza Motori specializzati (Medline/PubMed) Nuovi servizi (Connotea Nature Publishing Group) La crescita dei lay-expert Le riviste scientifiche e la loro controparte online Scientific American PopSci New Scientist Davide Bennato | La comunicazione della scienza
    • La nuova comunicazione della scienza Gli strumenti della comunicazione della scienza 2.0 • Il web 2.0 Da un web da leggere a un web da usare Informazione, comunicazione, partecipazione La crescita costante del web 2.0 Facebook: 505 milioni di persone Twitter: 50 milioni di persone • La tassonomia dei social media Blog: il contenuto come chiave della comunicazione Microblog: la condivisione di stati emotivi (ma non solo) Video/Photosharing: la distribuzione di contenuti audiovisivi Mediasharing: lo sviluppo di un docuverso partecipativo Social network site: interfacce per la gestione dei contatti sociali Wiki: forme collaborative di costruzione del contenuto Davide Bennato | La comunicazione della scienza
    • NSF, 2008, Science and Technology Indicators Davide Bennato | La comunicazione della scienza
    • NSF, 2008, Science and Technology Indicators Davide Bennato | La comunicazione della scienza
    • La nuova comunicazione della scienza Alcuni effetti collaterali • Anthony Garrett Lisi Laurea in Fisica e matematica alla UCLA Dottore di ricerca in Fisica alla UCSD Ricercatore indipendente non-accademico • An Exceptionally Simple Theory of everything Una teoria del tutto che mette insieme la fisica delle particelle con la descrizione relativistica della gravitazione, in competizione con la teoria delle superstringhe Ha ricevuto diversi apprezzamenti e critiche feroci dalla comunità scientifica internazionale Molto commentato dai blog-scienziati di fisica • Uno scienziato naif La sua teoria pubblicata su arXiv Nessuna rivista accademica lo ha ancora pubblicato Davide Bennato | La comunicazione della scienza
    • • Wolfram Alpha (http://www.wolframalpha.com/) Motore di ricerca dal concept innovativo Computational Knowledge Engine Sviluppato da Steven Wolfram Padre del software Mathematica Autore del libro A New Kind of Science • Caratteristiche Domande espresse con linguaggio naturale Risposte date rispetto al sapere codificato e reso computazionale • La vision del progetto “Wolfram|Alpha aims to bring expert-level knowledge and capabilities to the broadest possible range of people—spanning all professions and education levels” Davide Bennato | La comunicazione della scienza
    • Concludendo • Le dimensioni della nuova immagine della scienza e della ricerca Contenuti: sempre meno per specialisti Linguaggi: metafore e narrazioni, la prevalenza della dimensione visiva Strategie: dall’informazione alla condivisione Strumenti: dal broadcast dei media mainstream al narrowcast dei social media Davide Bennato | La comunicazione della scienza
    • Grazie dell’attenzione Skype davide.bennato Blog www.tecnoetica.it www.puntobeta.net www.processiculturali.it Social media http://www.linkedin.com/in/davidebennato http://twitter.com/tecnoetica http://friendfeed.com/davidebennato http://www.facebook.com/davide.bennato Davide Bennato | La comunicazione della scienza