Pillole di web marketing 10(comunicazione integrata)
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Pillole di web marketing 10(comunicazione integrata)

on

  • 1,972 views

Oggi il nostro team ha deciso di focalizzare la propria attenzione sulla comunicazione integrata: partendo da alcune importanti osservazioni sulla comunicazione tradizionale e sulla produzione di ...

Oggi il nostro team ha deciso di focalizzare la propria attenzione sulla comunicazione integrata: partendo da alcune importanti osservazioni sulla comunicazione tradizionale e sulla produzione di conoscenza tramite il metodo SECI (Socializzazione, Esternalizzazione, Combinazione, Internalizzazione) si arrivano a delineare una serie di buone pratiche per la comunicazione online, pilastro fondamentale del Web Marketing.

Statistics

Views

Total Views
1,972
Views on SlideShare
1,486
Embed Views
486

Actions

Likes
0
Downloads
34
Comments
0

10 Embeds 486

http://www.d4bmarketing.it 295
http://stefanosalerno.blogspot.it 107
http://www.d4b.it 42
http://stefanosalerno.blogspot.com 35
http://stefanosalerno.blogspot.co.uk 2
http://stefanosalerno.blogspot.com.br 1
http://stefanosalerno.blogspot.fr 1
http://stefanosalerno.blogspot.de 1
http://stefanosalerno.blogspot.cz 1
http://translate.googleusercontent.com 1
More...

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Pillole di web marketing 10(comunicazione integrata) Pillole di web marketing 10(comunicazione integrata) Presentation Transcript

  • … e ora parliamo di Comunicazione 1 L’importanza di una Comunicazione integrata
  • 1. Premessa: il “ba” 2 «… il “ba” è un luogo, uno spazio condiviso che serve da fondamento per la creazione della conoscenza». (Nishida) Kanji ba Il “ba” può essere: •fisico (il luogo di lavoro) •mentale (esperienze condivise, ideali) •virtuale (mail, videoconferenza, spazi web)
  • 2. La Conoscenza 3 La conoscenza è di due tipi • Esplicita - può essere raccontata (sappiamo che) es. una ricetta Kanji ba • Tacita - “sappiamo più di quel che riusciamo a dire” es. come cucinare bene, come suonare il pianoforte View slide
  • 3. La creazione della Conoscenza 4 Secondo Nonaka e Takeuchi (1997, ed. it., cap. 3) la conoscenza (organizzativa) si crea attraverso un processo dinamico a spirale, la spirale della conoscenza che prevede l’interazione fra conoscenza tacita e esplicita View slide
  • 4. Il modello SECI 5 I due studiosi di Knowledge Management Nonaka e Takeuki hanno teorizzato una evoluzione della conoscenza a spirale che attraversa quattro fasi 1. Socializzazione 2. Esternalizzazione 3. Combinazione 4. Internalizzazione
  • 4. I Ba 6 Ai quattro processi della spirale corrispondono quattro tipi di “ba” : riginating ba: luogo fisico di interazioni tra individui, ambito di conversione della conoscenza tacita nteractive ba: in cui si generano i modelli comuni di conoscenza nell’interazione tra individui yber ba: luogo di interazione in un mondo virtuale in cui la conoscenza preesistente e la nuova conoscenza acquisita si diffondono attraverso le reti xercising ba: in cui ha luogo il processo di conversione della conoscenza da esplicita a tacita ormai interiorizzata dalla collettività
  • 5. Il web 2.0, ossia il cyber ba 7 Con la rivoluzione dell’ICT, il cyber ba si realizza nel web e attraverso il web 2.0 favorisce la viralità della conoscenza.
  • 6. Comunicazione efficace sul c-ba 8 Pochi semplici suggerimenti per migliorare di molto l'efficacia delle comunicazioni sul web
  • 7. I livelli della comunicazione 9 Verbale: Testo Non Verbale: Immagini Paraverbale: Colore
  • 8. Giochiamo 10 Pensate alla vostra ultima vacanza. Cosa vi viene in mente?
  • 9. La multisensorialità 11 IMMAGINI: modalità Visiva (V) SUONI o PAROLE: modalità UDITIVA (A)  SENSAZIONI: modalità cinestesica (K)
  • 10. Poche regole … molta efficacia 12 1. Definisci il target e scegli il linguaggio 2. Rendi agevole la lettura: font, colore 3. Sii educato … non gridare: maiuscole, colore 4. Ad ogni parola corrisponde l’evocazione di un pensiero 5. Guida verso un’azione
  • 11. Poche regole … molta efficacia 13 Un buon comunicatore …: 1. Definisci il target e scegli il linguaggio Chiama l’interlocutore con il C.a. Direttore Acquisti, proprio nome; Titolare, amministratore 2. Rendi agevole la lettura: font,per lui e non i Rivolge la comunicazione I vantaggi colore all’interlocutore nostri pregi 3. Sii espressioni negative gridare: maiuscole, colore Evita le educato … non Non mancate questa occasione Evita le espressioni dubitative Cerchiamo di farvi provare il 4. Ad ogni parola corrisponde l’evocazione di meglio un pensiero Evita i falsi appelli alla fiducia Assicuriamo che funziona! Evita frasi tappa buchi Azienda leader nel suo settore