Méthode d'italien pour débutants
Georges Ulysse
Laura Nosengo
Daniela Lombardo
Préface
Ciao a tutti est une nouvelle méthode d’italien pour débutants conforme aux programmes établis sur la
base des obj...
domande sul dialogo comunichiamo impariamo per parlare in Italiaintermezzo (lessico)
vai alla sezione grammaticale
fine li...
Ciao a tutti! - Ulysse | Nosengo | Lombardo
6 Pagina | Sei
7
ciao a tutti!
Ciao!
7Pagina | Sette
Vittoriano
Particolare di una statua
Palazzo Chigi
Palazzo Madama
Pagina | Otto8
Ciao a tutti! - Ulysse | Nosengo | Lombar...
9
CIAO A TUTTI!
Invito al viaggio in Italia!
Bandiere
È bella, la bandiera tricolore
e sboccia al sole come sboccia un fio...
Ciao a tutti! - Ulysse | Nosengo | Lombardo
10
1.
3.
4.
6.
7. 8.
9.
10.
11. 12. 13. 14.
15.
16.
17.
18. 19.
2.
5.
VIVA L’I...
11
2. En-dehors de ces éléments, que connais-tu de l’Italie ?
città calcio cinema persone famose del presente persone famo...
Ciao a tutti! - Ulysse | Nosengo | Lombardo
12 Pagina | Dodici
Lucia Ciao! Mi chiamo Lucia.
Sono italiana. Vivo a Milano.
...
13Pagina | Tredici
À toi ! Tocca a te!
Quand tu es en classe d’italien, c’est un peu comme si tu
étais en Italie. Tu peux ...
Ciao a tutti! - Ulysse | Nosengo | Lombardo
14 Pagina | Quattordici
Unità 1
Indice dell’unità
Ciao, di dove sei? 18-19
Comunichiamo 20-21
Intermezzo 22-23
In Italia 24-25
Impariamo per parla...
Palazzo della Signoria
Gli Uffizi
Gli Uffizi
Ponte Vecchio
Santa Maria del Fiore
Santa Maria del Fiore
Ciao a tutti! - Uly...
17
- Je salue : buongiorno, ciao, arrivederci
- Je me présente :
Sono Chiara / Mi chiamo Chiara
E tu come ti chiami?
- Je ...
Pagina | Diciotto18
Sì
NO
PRIMO TEMPO
CIAO, DI DOVE SEI?
La scena si svolge a Firenze, in piazza Duomo. Chiara è una ragaz...
19
CIAO, DI DOVE SEI?
5
3
8
4
6
7
9
1
2
Unità 1
10
Pagina | Diciannove
Ciao a tutti! - Ulysse | Nosengo | Lombardo
20 Pagina | Venti
COMUNICHIAMO
Salutare una persona / Saluer quelqu’un. Saluta...
Ringraziare. / Remercier.
Grazie
Prego = di niente
“Grazie per l’informazione!” “Prego”
Completa:
Per andare a Vecchio?
De...
Ciao a tutti! - Ulysse | Nosengo | Lombardo
Pagina | Ventidue22
SECONDO TEMPO
INTERMEZZO
Una bella passeggiata
Francesco, ...
via
della
Scala
via Palazzuolo
Borgo
O
gnissanti
Lung. Vespucci
via Panzani
viaMaggio
via
Rom
ana
piazza dei Pitti
viadeiF...
Ciao a tutti! - Ulysse | Nosengo | Lombardo
24 Pagina | Ventiquattro
Eros Ramazzotti
Nanni Moretti
Laura Pausini
Monica Be...
25Pagina | Venticinque
A VOCE ALTA
N.B. Les groupes de lettres imprimés en gras ne se
prononcent pas comme en français ( 1...
Ciao a tutti! - Ulysse | Nosengo | Lombardo
26 Pagina | Ventisei
1. L’auxiliaire essere
au présent de l’indicatif 15, A1.
...
27
Unità 1
27
4. Articles définis (début) 2, B.
il ponte (l.10) masculin féminin
la scena (l.1) la città (l. 2) il la
Comp...
Ciao a tutti! - Ulysse | Nosengo | LombardoCiao a tutti! - Ulysse | Nosengo | Lombardo
Pagina | Ventotto28
ciao a tutti!
Unità 2
Pagina | Ventinove
Indice dell’unità
Ti seguo 32-33
Comunichiamo 34
Intermezzo 35-36
In Italia 37-38...
Ciao a tutti! - Ulysse | Nosengo | Lombardo
Cellini
Negozio di antichità sul
Ponte Vecchio
Panorama del Ponte Vecchio
Ciao...
31
- J’observe mon environnement
guardare, vedere
- Je me déplace
camminare, tornare, andare, venire, seguire
- J’exprime ...
PRIMO TEMPO
TI SEGUO
Chiara ritrova Francesco a Ponte Vecchio.
Chiara: Ah! ciao, sei già qui?
Francesco: Oh! Ciao Chiara! ...
TI SEGUO
4
Unità 2
Pagina | Trentatré
2
1
4
5
6
7
8
33
3
10
Ciao a tutti! - Ulysse | Nosengo | Lombardo
34
COMUNICHIAMO
Collega le domande con le risposte.
N.B. In certi casi più ris...
35Pagina | Trentacinque
Unità 2
SECONDO TEMPO
INTERMEZZO
Ti piacciono i gioielli? Quali preferisci?
Quali non ti piacciono...
Ciao a tutti! - Ulysse | Nosengo | Lombardo
Prendiamo l‘autobus
Francesco: Per Piazzale Michelangelo,
che autobus si prend...
TERZO TEMPO
IN ITALIA
MUOVERSI IN CITTÀ
In Italia, solo alcune città hanno la metropolitana.
La metropolitana si trova a R...
Ciao a tutti! - Ulysse | Nosengo | Lombardo
A VOCE ALTA
1. Ascolta e ripeti ( I, A, B, C, D, E) .
anche sembra centro pren...
QUARTO TEMPO
IMPARIAMO PER PARLARE
1. Articles indéfinis (suite) 2A
Ho un’idea (l. 16)
se c’è un autobus d’accordo (l.21)
...
Ciao a tutti! - Ulysse | Nosengo | Lombardo
40
1. Compléter les phrases
città di Firenze è molto bella. piazze
sono bellis...
Unità 2
Pagina | Quarantuno 41
6. Présent de l’indicatif des verbes en – ire
15, A1
ti seguo (l. 12), se preferisci (l. 20...
Ciao a tutti! - Ulysse | Nosengo | Lombardo
Pagina | Quarantadue42
Pagina | Uno 43
Unità 3
Indice dell’unità
Da qui si vede tutta la città 46-47
Comunichiamo 48-49
Intermezzo 50-51
In Itali...
Ciao a tutti! - Ulysse | Nosengo | Lombardo
Ponte alle Grazie
e il Carmine
Il Marzocco
Cupola del Duomo di Firenze
Palazzo...
Je parle de mon cadre de vie et j’interroge les
autres sur leur cadre de vie:
- la ville
- le domicile
Je parle de mes loi...
Ciao a tutti! - Ulysse | Nosengo | Lombardo
SìNO
PRIMO TEMPO
DA QUI SI VEDE TUTTA LA CITTÀ
Domande sul dialogo.
1. Quali m...
4
Unità 3
3
6
5
DA QUI SI VEDE TUTTA LA CITTÀ
1
2
47Pagina | Quarantasette
7
COMUNICHIAMO
Dare e chiedere i dati personali a qualcuno. / Donner et demander ses coordonnées à quelqu’un.
Dove abiti? Ab...
Rispondi.
Che cosa fai nel tempo libero?
Es. vado al cinema
Andare al cinema / andare allo stadio / restare con la mia fam...
Ciao a tutti! - Ulysse | Nosengo | Lombardo
SECONDO TEMPO
INTERMEZZO
La giornata di Stefano.
La mattina mi alzo alle 7, mi...
Metti insieme il nome con la foto o il disegno corrispondente.
a. la pallacanestro
b. la pallavolo
c. la ginnastica
d. il ...
Ciao a tutti! - Ulysse | Nosengo | Lombardo
TERZO TEMPO
IN ITALIA
bianco
grigio marrone
arancione
viola
blu
azzurroverde
g...
Francesco e Chiara vogliono visitare il Duomo.
Questa chiesa, che è la cattedrale di Firenze, si
chiama Santa Maria del Fi...
Ciao a tutti! - Ulysse | Nosengo | Lombardo
1.Les articles indéfini et défini uno et lo (révision et fin) ( 2B)
uno sport ...
Unità 3
55Pagina | Cinquantacinque
1. Compléter les dialogues suivants.
1. “Elena, qual è sport preferito?”
“ sport prefer...
Ciao a tutti! - Ulysse | Nosengo | Lombardo
6. Présent de l’indicatif du verbe fare ( 16, I, A)
Faccio nuoto. (l.15)
Che c...
ciao a tutti!
Unità 4
Indice dell’unità
Sono qui per qualche giorno 60-61
Comunichiamo 62-63
Intermezzo 64-66
In Italia 67...
Ciao a tutti! - Ulysse | Nosengo | LombardoCiao a tutti! - Ulysse | Nosengo | Lombardo
Una famiglia
Lista di nozze
Fedi nu...
- Je parle de ma famille et je m’intéresse
à celle des autres
- Je m’intéresse aux activités professionnelles
- J’apprends...
Ciao a tutti! - Ulysse | Nosengo | Lombardo
Chiara Dimmi una cosa: come mai sei a
Firenze?
Francesco Sono venuto a trovare...
SONO QUI PER QUALCHE GIORNOSONO QUI PER QUALCHE GIORNO
Pagina | Sessantuno 61
Unità 4
1
22
3
44 55
66
777
88
9
10
Ciao a tutti! - Ulysse | Nosengo | Lombardo
COMUNICHIAMO
Chiedere e dare informazioni sulla famiglia / Demander et donner ...
A partire dalle risposte, crea le domande:
Es. … (madre)? “Fa la segretaria.”
> “Che lavoro fa tua madre?” “Fa la segretar...
Ciao a tutti! - Ulysse | Nosengo | Lombardo
SECONDO TEMPO
INTERMEZZO + = più - = meno x = per : = diviso
2+2 =
45-4 =
3x3 ...
Luigi è il nonno di Pietro, Filippo è lo zio di Pietro, Marta
è la suocera di Giovanna, Giovanna è la nuora di Marta
e di ...
Ciao a tutti! - Ulysse | Nosengo | Lombardo
A che ora?
Guarda le foto. Secondo te, quale momento della giornata è?
12 13-1...
TERZO TEMPO
IN ITALIA
Dal sito: www.trenitalia.it Te: Termini. Tib: Tiberina
Rispondi:
A che ora partono i treni da Roma?
...
Ciao a tutti! - Ulysse | Nosengo | Lombardo
Guarda il disegno della famiglia di Michela.
Secondo te, chi sono queste perso...
A VOCE ALTA
1. Ascolta e completa il dialogo:
La signorina Scusi, che è?
Il signore Mi dispiace. Non l’orologio.
Secondo m...
Ciao a tutti! - Ulysse | Nosengo | Lombardo
QUARTO TEMPO
IMPARIAMO PER PARLARE
1. Le possessif (adjectifs) avec les noms d...
Unità 4
Pagina | Settantuno 71
5. Pluriel des mots masculins en « - io »
( 3CN, B, 1)
Mio zio (l. 9) - i miei zii (l. 3) -...
Ciao a tutti! - Ulysse | Nosengo | Lombardo
Compléter les phrases :
1. “Quanti zii hai?” “Ho un solo z…”
2. “Sei entrata i...
ciao a tutti!
Unità 5
Indice dell’unità
Come stai? 76-77
Comunichiamo 78-79
Intermezzo 80
In Italia 81-83
Impariamo per pa...
Pagina | Settantaquattro74
Il David in Piazza Michelangelo
Ciao a tutti! - Ulysse | Nosengo | Lombardo
Non è Maria, però…
...
75
Mes relations avec les autres
- Je demande « comment ça va ? » et je réponds.
- Je parle du temps qui passe et du temps...
PRIMO TEMPO
COME STAI?
Sì
NO
Vero o falso?
1. Chiara è andata
a piazzale Michelangelo
per incontrare Maria.
2. A Francesco...
COME STAI?COME STAI?
Unità 5
1
22
3
6
4 5
7
88
9 1010
77Pagina | Settantasette
Ciao a tutti! - Ulysse | Nosengo | Lombardo
78
Chiedere “Come va?”e rispondere /
Demander “Comment ça va?” et répondre
Com...
79Pagina | Settantanove
Rispondi: (cfr. p.78, 80)
- Quali sono le quattro stagioni?
- Quando comincia la primavera? l’esta...
Ciao a tutti! - Ulysse | Nosengo | Lombardo
SECONDO TEMPO
INTERMEZZO
I numeri ordinali.
uno 1º primo undici 11º undicesimo...
TERZO TEMPO
IN ITALIA
Carnevale
Carnevale in filastrocca1,
con la maschera sulla bocca,
con la maschera sugli occhi,
con l...
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
51454272 ciao-a-tutti
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

51454272 ciao-a-tutti

2,655 views

Published on

0 Comments
3 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
2,655
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
7
Actions
Shares
0
Downloads
136
Comments
0
Likes
3
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

51454272 ciao-a-tutti

  1. 1. Méthode d'italien pour débutants Georges Ulysse Laura Nosengo Daniela Lombardo
  2. 2. Préface Ciao a tutti est une nouvelle méthode d’italien pour débutants conforme aux programmes établis sur la base des objectifs et des recommandations définis dans le Cadre européen commun de référence pour les langues vivantes. Ce manuel (et le matériel audio qui l’accompagne) correspond au palier 1 (niveaux A1, A2) et pourra donc être utilisé sur une durée et suivant le rythme qui seront jugés raisonnables en fonction des conditions de l’apprentissage (temps disponible, degré de préparation et de motivation des élèves). Publié par l’éditeur Guerra qui contribue à la diffusion de l’italien dans le monde entier, Ciao a tutti a vu le jour à Pérouse, centre bien connu des étrangers qui viennent y apprendre l’italien. La méthode comprend : - le livre de l’élève - deux CD pour la classe offrant de très nombreux enregistrements destinés à l’apprentissage de la compréhension et du réemploi de la langue italienne. - un cahier d’exercices et un CD pour l’entraînement individuel Les éléments constitutifs (enregistrements, textes dialogués ou non et autres documents authentiques, dossier iconographique…) se prêtent à une exploitation à la fois souple et ordonnée en vue de l’acquisition de connaissances linguistiques permettant la pratique de l’oral et de l’écrit, la découverte de la réalité sociale et culturelle italienne et conduisant à la réflexion et à l’expression personnelle. Après une étape initiale de prise de contact, douze unités sont construites sur le même schéma : - un dialogue est accompagné de dessins qui en facilitent l’élucidation et l’exploitation (description des images, exercices de mémorisation, création de dialogues, etc.) Même si la majorité des dialogues se situe en Toscane, à Florence et à Sienne, des fenêtres s’ouvrent sur un horizon italien plus large. - les questionnaires portant sur le dialogue ou la vie quotidienne des élèves, ne sont pas exhaustifs : utilisés et développés en classe, ils permettent aux élèves de revoir à domicile ce qui a été dit pendant le cours. - la partie comunichiamo qui suit le dialogue reproduit les répliques couramment employées dans la vie quotidienne et invitent à la rencontre et à l’échange. - le secondo (Intermezzo) et le terzo tempo (In Italia) enrichissent le champ lexical tout en éclairant sur la réalité italienne de nos jours avec des ouvertures sur certains aspects de la culture du passé (art et traditions). La reproduction de conversations incite à la pratique d’une langue fonctionnelle. Cette partie centrale peut être abordée au gré de l’utilisateur car on a pris soin de ne pas apporter d’éléments touchant aux bases fondamentales de l’italien (conjugaisons, syntaxe, construction de la phrase, tournures idiomatiques). Seul le lexique, restreint, est nouveau. À partir de l’unité 3, on pourra donc passer d’une unité à l’Intermezzo ou à la rubrique In Italia d’une autre unité, si on le juge bon. - le quarto tempo (Impariamo per parlare), avec ses exercices qui peuvent être faits à l’oral et à l’écrit, permet d’acquérir une connaissance précise des structures et des formes principales de la langue italienne. La présentation des phénomènes linguistiques et les exercices sont toujours contextualisés. Ces exercices d’entraînement et de consolidation favorisent la mémorisation et le réemploi. - Le lexique italien français réunit surtout les mots italiens dont la traduction n’est pas transparente. - Un Aide-mémoire grammatical ( ) présente, sous une forme synthétique, ce qui est distribué de façon plus fragmentée et souple, avec de nombreuses reprises et révisions tout au long des douze unités de Ciao a tutti, dans le quarto tempo («Impariamo per parlare») mais aussi dans les dialogues et les «Comunichiamo » qui suivent. 4 Ciao a tutti! - Ulysse | Nosengo | Lombardo Pagina | Quattro4
  3. 3. domande sul dialogo comunichiamo impariamo per parlare in Italiaintermezzo (lessico) vai alla sezione grammaticale fine libro esercizi ascolto Pour changer de support, éviter la monotonie et mieux faire connaître la vie sociale, les traditions et la culture italiennes, on pourra puiser dans une série variée de textes (écrits littéraires, comptines, poésies, articles journalistiques, publications sur le web, etc.) mais aussi dans un riche dossier iconographique offrant, au fil des pages, des illustrations de nature et d’origines diverses : photos, dessins humoristiques, publicité, affiches, etc. La documentation photographique qui agrémente le livre a toujours été choisie en pensant à son intérêt pédagogique. Fruit de l’expérience et nourri par les conseils donnés aux auteurs par de nombreux enseignants d’italien, Ciao a tutti veut être un instrument de travail à la fois attrayant et méthodique que les professeurs sauront adapter à leurs besoins spécifiques. Les auteurs sont à la disposition des utilisateurs dont ils souhaitent connaître les réactions et les suggestions (www.ciaoatutti.com). 5 Préface Pagina | Cinque 5
  4. 4. Ciao a tutti! - Ulysse | Nosengo | Lombardo 6 Pagina | Sei
  5. 5. 7 ciao a tutti! Ciao! 7Pagina | Sette
  6. 6. Vittoriano Particolare di una statua Palazzo Chigi Palazzo Madama Pagina | Otto8 Ciao a tutti! - Ulysse | Nosengo | Lombardo Quirinale Montecitorio Particolare di una statua
  7. 7. 9 CIAO A TUTTI! Invito al viaggio in Italia! Bandiere È bella, la bandiera tricolore e sboccia al sole come sboccia un fiore. Ma le bandiere sono tutte belle, fatte per sventolare insieme, come sorelle… mille più mille bandiere a braccetto! Gianni RODARI, Filastrocche per tutto l’anno, Editori riuniti. Drapeaux Il est beau, le drapeau tricolore et il resplendit au soleil comme une fleur épanouie. Mais tous les drapeaux sont beaux ; ils sont faits pour flotter au vent tous ensemble, comme des frères… des milliers et des milliers de drapeaux qui vont bras dessus bras dessous. e sboccia al sole come sboccia un fiore. Ma le bandiere sono tutte belle, fatte per Filastrocche per tutto l’anno Austria Francia Inghilterra Italia Svezia Portogallo Norvegia Spagna Slovacchia Grecia Germania Lussemburgo Belgio Finlandia Danimarca Repubblica Ceca Polonia Irlanda Malta Lituania popolazione abitante lingua Francia 59.900.000 abitanti un francese francese Germania 82.532. 000 ab. un tedesco tedesco Gran Bretagna 59.673.000 ab un inglese inglese Italia 57.888.000 ab. un italiano italiano Spagna 41.345.000 ab. uno spagnolo spagnolo Pagina | Nove Ciao!
  8. 8. Ciao a tutti! - Ulysse | Nosengo | Lombardo 10 1. 3. 4. 6. 7. 8. 9. 10. 11. 12. 13. 14. 15. 16. 17. 18. 19. 2. 5. VIVA L’ITALIA! Tout le monde a entendu parler de l’Italie, n’est-ce pas ? Pagina | Dieci 17.
  9. 9. 11 2. En-dehors de ces éléments, que connais-tu de l’Italie ? città calcio cinema persone famose del presente persone famose del passato letteratura arte cucina … … … … … … … … 3. Tu connais déjà quelques mots italiens : lesquels ? Regarde ces dessins et dis à quels mots ils te font penser. A toi ! 1. Rapproche l’image de sa définition. A. L’attore italiano Benigni. B. Il cappuccino e il caffè. C. Il Colosseo (Roma). D. Il Davide di Michelangelo.D. Il Davide di Michelangelo. E. Design italiano. F. Garibaldi. G. La Gioconda di Leonardo da Vinci. F. Garibaldi. H. Una gondola (Venezia). I. L’industria automobilistica. O. La squadra azzurra di calcio. R Il panettone. P. Laura Pausini L. La moda. D. Il Davide di Michelangelo.D. Il Davide di Michelangelo. O. La squadra azzurra di calcio. U. La torre pendente di Pisa. M. Le motociclette italiane. N. La Nutella. S. La pasta. T. Il gelato. Réponse: S……………… B……………… G……………… P……………… P……………… Ci…………… Buo…………… Gor……………… E……………… Q. Euro. A B C D E F G H I L M N O P Q R S T U 15 Pagina | Undici Ciao!
  10. 10. Ciao a tutti! - Ulysse | Nosengo | Lombardo 12 Pagina | Dodici Lucia Ciao! Mi chiamo Lucia. Sono italiana. Vivo a Milano. Michel Ciao, Lucia. Io non sono italiano. Sono francese. Mi chiamo Michel. Abito a Parigi. Studio l’italiano. Lucia Non parlo francese. Mi dispiace. Michel Conosco un po’ l’Italia ma non parlo ancora bene l’italiano. Lucia Ma sì! Parli bene! Bravo! VIA! Castello Sforzesco - Milano Teatro alla Scala - Milano
  11. 11. 13Pagina | Tredici À toi ! Tocca a te! Quand tu es en classe d’italien, c’est un peu comme si tu étais en Italie. Tu peux donc te comporter comme si tu étais Italien(ne). Adresse-toi à l’un(e) de tes camarades qui feint également d’être Italien(ne). Vous vous présentez l’un(e) à l’autre comme le font Lucia et Michel. Si vous le préférez, l’un(e) de vous joue le rôle d’un(e) Italien(n)e et l’autre celui d’un(e) Français(e). Exemple : Marcello Ciao. Mi chiamo Marcello. Sono italiano. E tu, sei francese? Silvia Ma no! Anch’io sono italiana. Mi chiamo Silvia. (Tu peux utiliser la traduction italienne de ton prénom ou en choisir un autre.) Questo signore è francese. Invece questa signora è italiana. Questa professoressa insegna il francese in Italia. Invece questo professore insegna l’italiano in Francia. « Piacere, Claudia. Io mi chiamo Paul Guichard. Anch’io sono professore. Insegno italiano a Nizza. » « Buongiorno, sono Claudia Guerra. Sono professoressa di francese a Napoli. » Castello Maschio Angioino - Napoli Piazza del Plebiscito - Napoli Ciao!
  12. 12. Ciao a tutti! - Ulysse | Nosengo | Lombardo 14 Pagina | Quattordici
  13. 13. Unità 1 Indice dell’unità Ciao, di dove sei? 18-19 Comunichiamo 20-21 Intermezzo 22-23 In Italia 24-25 Impariamo per parlare 26-27 15Pagina | Quindici
  14. 14. Palazzo della Signoria Gli Uffizi Gli Uffizi Ponte Vecchio Santa Maria del Fiore Santa Maria del Fiore Ciao a tutti! - Ulysse | Nosengo | Lombardo Pagina | Sedici16
  15. 15. 17 - Je salue : buongiorno, ciao, arrivederci - Je me présente : Sono Chiara / Mi chiamo Chiara E tu come ti chiami? - Je demande un renseignement : Scusa, dov’è …? Come ...? Chi è …? Le présent de l’indicatif singulier de - l’auxiliaire essere - des verbes en –are / –arsi - des verbes en -ere / –ersi - dovere La phrase négative L’article indéfini et défini (début) Le nom et l’adjectif (début) Pagina | Diciassette Unità 1
  16. 16. Pagina | Diciotto18 Sì NO PRIMO TEMPO CIAO, DI DOVE SEI? La scena si svolge a Firenze, in piazza Duomo. Chiara è una ragazza fiorentina. Francesco è un giovane romano che visita la città. Francesco: Ciao. Scusa, sei di Firenze? Chiara: Sì, sono fiorentina. Perché? 5 Francesco: Non trovo Ponte Vecchio sulla piantina: dov’è, per favore? Chiara: È facile. Devi prendere questa via a sinistra. Porta direttamente in piazza della Signoria. Poi devi continuare sempre dritto. 10 Quando arrivi al fiume il ponte è a destra. Francesco: Dunque, prendo la prima a sinistra, arrivo in una piazza e continuo fino all’Arno. Non è difficile. Grazie. Chiara: Prego. Ma, scusa, di dove sei? Francesco: Sono di Roma. Mi chiamo Francesco, e tu? 15 Chiara: Io sono Chiara. Buon soggiorno a Firenze! Vero o falso? Exemple : La scena si svolge a Firenze. Risposta: Sì, è vero, si svolge a Firenze. La scena si svolge a Milano. Risposta: No, non è vero, non si svolge a Milano. 1. La ragazza è romana. 2. Il ragazzo è fiorentino. 3. Il ragazzo chiede dov’è Ponte Vecchio. 4. Il ragazzo trova Ponte Vecchio sulla piantina. 5. È difficile trovare Ponte Vecchio. 6. Il ragazzo prende la via a sinistra. 7. Il fiume che passa a Firenze è l’Arno. Scusa, dov’è…? Per favore… Grazie. Prego = di niente Domande sul dialogo. 1. Dove si svolge la scena? 2. Chi è Chiara? 3. Chi è Francesco? 4. Che cosa chiede il ragazzo? 5. Che cosa cerca sulla piantina? 6. Che via prende Francesco per andare a Ponte Vecchio? 7. Dove porta questa via? 8. Se Francesco continua sempre dritto dove arriva? 9. Quando arriva al fiume dov’è il ponte? Parliamo un po’ di te. Il ragazzo si chiama Francesco. Invece la ragazza si chiama Chiara. E tu, come ti chiami? Francesco è di Roma. Invece Chiara è di Firenze. E tu, di dove sei? Ciao a tutti! - Ulysse | Nosengo | Lombardo
  17. 17. 19 CIAO, DI DOVE SEI? 5 3 8 4 6 7 9 1 2 Unità 1 10 Pagina | Diciannove
  18. 18. Ciao a tutti! - Ulysse | Nosengo | Lombardo 20 Pagina | Venti COMUNICHIAMO Salutare una persona / Saluer quelqu’un. Salutare prima di separarsi. / Prendre congé. TU Ciao Ciao Ciao, Francesco Ciao, Chiara LEI Buongiorno professore / professoressa Arrivederci (vous) Buonasera signor Giordani, signora Bianchi / signorina Luciani Presentarsi / Se présenter. Mi chiamo Chiara Sono Chiara Chiedere agli altri di presentarsi / Demander aux autres de se présenter. TU Come ti chiami? LEI Come si chiama? “Mi chiamo Lucia Bianchi” . “Come ti chiami?” “Giuseppe Giordani”. “E tu?” “Sono Lucia Bianchi”. “E Lei, professore, come si chiama?” “Gino Longhi”. “E Lei, professoressa, come si chiama?” “Margherita Gismondi”. Chiedere un’informazione su una persona / Demander un renseignement sur une personne. “Chi è questa ragazza?” “È Chiara.” “Chi è Chiara?” “È una ragazza fiorentina.” Chiedere informazioni / Demander des renseignements. Scusa! Dov’è... / Dove…? “Dov’è Ponte Vecchio?” “Dove porta questa via?” Dare informazioni / Donner des renseignements. Devi prendere a destra / a sinistra Devi continuare sempre dritto “Il ponte è a destra, Piazza della Signoria è a sinistra”. / Demander aux autres de se présenter.
  19. 19. Ringraziare. / Remercier. Grazie Prego = di niente “Grazie per l’informazione!” “Prego” Completa: Per andare a Vecchio? Devi prendere questa via a . Porta direttamente in Signoria. Poi devi continuare sempre . Quando arrivi al fiume il ponte è a . “Grazie per l’informazione!” “Prego” ECCO UNA PIANTINA DI FIRENZE. GRAZIE. Unità 1 BUONGIORNO, PROFESSORESSA! CIAO, LUCIA! CHIARA, E TU?COME TI CHIAMI? ARRIVEDERCI! Pagina | Ventuno 21
  20. 20. Ciao a tutti! - Ulysse | Nosengo | Lombardo Pagina | Ventidue22 SECONDO TEMPO INTERMEZZO Una bella passeggiata Francesco, che è romano, non conosce ancora Firenze. All’inizio, si trova in piazza del Duomo e cerca il celebre Ponte Vecchio. Chiede un’informazione a Chiara che conosce bene la città perché 5 abita a Firenze. Francesco prende a sinistra per via dei Calzaiuoli, arriva in Piazza della Signoria e passa davanti al Palazzo della Signoria. Non si ferma, continua lungo la galleria degli Uffizi e arriva al lungarno. 10 A destra vede il ponte. Gli Uffizi Santa Maria del Fiore Palazzo della Signoria Ponte Vecchio 1. Perché Francesco non conosce Firenze? 2. Dove si trova Francesco all’inizio? 3. Cosa cerca? 4. Come si chiama la ragazza che informa Francesco? 5. Perché questa ragazza conosce bene la città? 6. Quale via prende il ragazzo? 7. Dove porta questa via? 8. Dove passa Francesco dopo la piazza? 9. Come si chiama il più grande museo di Firenze? 10. Come si chiama il fiume che passa a Firenze? d.
  21. 21. via della Scala via Palazzuolo Borgo O gnissanti Lung. Vespucci via Panzani viaMaggio via Rom ana piazza dei Pitti viadeiFossi P.teallaCarraia P.tealleGrazie v.deiSerragli P.teS.Trinitrinità via Vigna Nuova igna Nuova igna Nuova viadeiCalzaioli viaRoma viaTornabuoni Lungarno Corsini rsini Lungarno Gen. Diaz Lungarno delle Grazie Lungarno delle Grazie Lungarno d.Zecca Vecchia via Castellani via deiBenci via G.Verdi Lungarno Guicciardini Lungarno Guicciardini Lungarno Guicciardini Lungarno Guicciardini Lungarno Guicciardini Lungarno Lungarno Lungarno Lungarno Torrigiani orrigiani orrigiani orrigiani Torrigiani T LungarnLungarno Serristori Lungarno Soderini Borgo S.Frediano Borgo S.Frediano via Nazionale via Nazionale P.P.P.P.zzaIndipendenza zzaIndipendenza zzaIndipendenza zzaIndipendenza zzaIndipendenza zzaIndipendenza zzaIndipendenza v.S.CaterinadAlessandria viaC.Cavour viaC.Cavour viaA.Lamarmora vialeG.Matteotti piazzaDonatello piazzaDonatello piazzaDonatello piazzaDonatello piazzaDonatello piazzaDonatello piazzaDonatello vialeA.Gramsci S.Maria NovellaS.Maria NovellaS.Maria NovellaS.Maria NovellaS.Maria NovellaS.Maria NovellaS.Maria NovellaS.Maria NovellaS.Maria NovellaS.Maria NovellaS.Maria Novella S.MariaS.MariaS.Maria del Carminedel Carminedel Carminedel Carminedel Carmine S.Spirito p.zza d.Repubblicad.Repubblicad.Repubblicad.Repubblicad.Repubblica v.Strozzi piazzapiazzapiazzapiazza S. Giovanni piazza S. Giovanni piazza P.P.P.zza d.Signoriazza d.Signoriazza d.Signoriazza d.Signoriazza d.Signoriazza d.Signoria S.Miniato Biblioteca NazionaleNazionaleNazionaleNazionale S.CroceS.CroceS.Croce piazza Goldoni piazzapiazzapiazzapiazzapiazza S.S.S. Trinitrinitrinitàààààà piazza Duomopiazza Duomopiazza Duomopiazza Duomo Museo Naz.Museo Naz.Museo Naz.Museo Naz.Museo Naz.Museo Naz. d.Bargellod.Bargellod.Bargellod.Bargellod.Bargello Giardino di Boboli Porta RomanaPorta Romana P.le Michelangelole Michelangelole Michelangelo Forte di Belvedere Duomo Pal. Pitti Ponte Vecchio Gall.d.UffiziGall.d.UffiziGall.d.UffiziGall.d.UffiziGall.d.UffiziGall.d.UffiziGall.d.UffiziGall.d.Uffizi Pal. VPal. VPal. VPal. VPal. VPal. VecchioecchioecchioecchioecchioecchioPal. VecchioPal. V via Ghibellina via dell Agnolo via Pietrapiana SS.AnnunSS.AnnunSS.Annunziata Spedale dSpedale dSpedale dSpedale d. InnocentiInnocentiInnocentiInnocentiInnocentiInnocenti S.MarcoS.MarcoS.MarcoS.Marco P.P.zza della Libertà v.Guelfa v.degli Alfani v.Battisti Battisti via XXVII Aprile piazza piazza piazzaS.Croce piazza piazza piazzadellunità S.LorenzoS.LorenzoS.LorenzoS.Lorenzo Pal.MediciPal.MediciPal.MediciStaz.Centrale S.M.Novella F S.M.Novella F.S. Fortezza da Basso Fortezza da Basso Fortezza da Basso Fortezza da Basso Viale Filippo Strozzi ale Filippo Strozzi Viale Spartaco Lavagnini 3. Ascolta e indica se le frasi sono vere o false: vero falso 1. È difficile andare a Piazza della Signoria 2. Ponte Vecchio è a destra 3. Francesco è di Firenze 1. Descrivi la passeggiata di Francesco 2. Ascolta e completa con le parole citate: Francesco Ciao. Scusa, sei di Firenze? Chiara Sì, sono fiorentina. ? Francesco Non trovo Ponte sulla piantina: dov’è? Chiara Per andare a Ponte Vecchio? Devi prendere questa via Porta direttamente in piazza della Signoria. Poi devi continuare . E quando arrivi al fiume il ponte è . 4. Ascolta e indica l’itinerario: Perché // Vecchio // È facile // a sinistra // sempre dritto // a destra Santa Maria Novella Santa Croce Unità 1 Pagina | Ventitré 23
  22. 22. Ciao a tutti! - Ulysse | Nosengo | Lombardo 24 Pagina | Ventiquattro Eros Ramazzotti Nanni Moretti Laura Pausini Monica Bellucci Ornella Muti TERZO TEMPO IN ITALIA I NOMI E COGNOMI ITALIANI PIÙ DIFFUSI * Cognomi: Rossi, Russo, Ferrari, Esposito, Bianchi, Romano, Colombo, Ricci, Marino, Greco, Bruno, Gallo, Conti, De Luca, Costa, Giordano, Mancini, Rizzo, Lombardi, Moretti. * Nomi femminili di oggi: Giulia, Chiara, Francesca, Federica, Sara, Martina, Valentina, Alessia, Silvia, Elisa * Nomi femminili di ieri: Maria, Anna, Giuseppina, Rosa, Angela, Giovanna, Teresa, Lucia, Carmela, Francesca. * Nomi maschili di oggi: Andrea, Luca, Marco, Francesco, Matteo, Alessandro, Davide, Simone, Federico, Lorenzo * Nomi maschili di ieri: Giuseppe, Giovanni, Antonio, Mario, Luigi, Fabrizio, Angelo, Vincenzo, Pietro * Diminutivi: Gianna (Giovanna), Lina (Carolina), Rina (Caterina), Rita (Margherita), Sandra (Alessandra)… Beppe (Giuseppe), Cecco (Francesco), Gianni (Giovanni), Gigi / Gino (Luigi), Giò (Giorgio), Renzo (Lorenzo), Sandro (Alessandro)… Quale nome femminile e quale nome maschile preferisci?preferisci? Oggi è nato Edoardo! Che gioia! Come si chiama? Indica un nome presente nella lista Luciano PavarottiEros Ramazzotti Luciano Pavarotti Viva Gaia!
  23. 23. 25Pagina | Venticinque A VOCE ALTA N.B. Les groupes de lettres imprimés en gras ne se prononcent pas comme en français ( 1A, B, C, D). 1. Ascolta e ripeti le vocali. A E I O U /a/ /e/ /E/ /i/ /o/ /ç/ /u/ 2. Ascolta e ripeti le parole : - unità / tu / scusa / studiare / fiume / duomo - sei / Europa / euro / lei - automobile / Claudio - ciao / gioia - andare / piantina / quando / ancora / Francia / bambino - Firenze / fiorentino / prendo / prendere / sempre / esempio - insegnare / invitare / imparare - ponte / Gioconda / buongiorno / buonasera / buonanotte 3. Ascolta e ripeti. a) /tS / /dZ/ CE (tché) GE (djé) CI (tchi) GI (dji) città / Cina / cinese / facile / difficile / arrivederci / Francia / Lucia / francese / invece / cappuccino / cucina / Leonardo da Vinci / Sicilia / mi dispiace / arrivederci / Francesco / cercare gelato / si svolge / Germania / Luigi / Giappone / giovane / Gioconda / soggiorno / Giuseppe / parmigiano b) /k/ /g/ CHE (ké) GHE (gué) CHI (ki) GHI (gui) Chiara / chiamare / chiedere / vecchio / anch’io / maccheroni / Michele / macchina / Chi è? spaghetti / Margherita / laghi / ghiaccio / Inghilterra 4. Ascolta e ripeti. Z/ZZ /ts/ /tss / piazza / pizza / ragazzo / ragazza / grazie / Venezia mezzo / intermezzo / 5. Ascolta e poi leggi. SCIOGLILINGUA Buongiorno. Ciao. Arrivederci. Ciao. Buongiorno. Arrivederci. Buon soggiorno. Chi chiama Chiara? Che cosa cerca e che cosa dice? “Che cosa chiede Claudio a Chiara?” “Chiede a Chiara come si dice Claudio in francese.” Giuseppe è geniale ma anche Giorgio, Giulio e Luigi sono intelligenti. Francesco cerca la chitarra. 6. Ascolta e leggi questa poesia. Attention à la prononciation des groupes de lettres en gras. Eschimesi Strana gente, gli eschimesi; sono di ghiaccio1 i loro paesi, di ghiaccio, strade2 e stradette, sono di ghiaccio le casette3 , il soffitto e il pavimento4 sono di ghiaccio, non di cemento. Perfino5 il letto è di buon ghiaccio, tagliato e squadrato col coltellaccio6 . Ed è di ghiaccio, almeno pare, anche la pietra del focolare7 . Di non-ghiaccio, c’è una cosa, la più segreta, la più preziosa: il cuore degli uomini che basta da solo8 a scaldare9 perfino il Polo. Gianni RODARI 1 glace 2 routes 3 petites maisons 4 le plafond et le sol 5 même 6 dégrossi avec un grand couteau 7 aussi la pierre du foyer 8 suffit à lui tout seul 9 réchauffer Unità 1
  24. 24. Ciao a tutti! - Ulysse | Nosengo | Lombardo 26 Pagina | Ventisei 1. L’auxiliaire essere au présent de l’indicatif 15, A1. Io sono Chiara. Sei di Firenze? Dov’è Ponte Vecchio? (l.5). È facile (l.7). È a destra (l.9). Essere (io) sono Chiara (tu) sei di Firenze? (lui/lei) Chiara è fiorentina 1. Compléter les phrases. 1. “(tu) francese?” “Sì, (io) francese.” 2. “Chiara, romana?” “No, non romana, fiorentina.” 3. Francesco non francese, italiano. N.B. La phrase négative. No // non “Non è difficile.” “Francesco è francese?” “No, non è francese, è italiano. 2. Compléter les phrases. 1. “ Sei italiano?” “ , sono italiano, sono francese!” 2. Chiara è romana, è fiorentina. 3. “Sei di Roma?” “ , sono di Roma, sono di Firenze.» 2. Le genre des noms et adjectifs. 3, A, B. Sono fiorentina Chiara è una ragazza fiorentina Sono romano Francesco è un giovane romano Masculin Féminin Nom ragazzo O > A ragazza francese E > E francese Adjectif italiano O > A italiana giovane E > E giovane Francesco è un ragazzo. Chiara è una ragazza. Paul è francese. Anche Brigitte è francese. Francesco è un giovane italiano. Anche Chiara è una giovane italiana. Questo professore è fiorentino. Invece questa professoressa non è fiorentina. Questo signore francese visita Roma. Invece questa signora francese non visita Roma. Compléter les mots. 1. Questa ragazz si chiama Chiara. 2. Questo ragazz è italian . 3. Questo giovan ragazz è roman . 4. Questa giovan ragazz è fiorentin . 5. Questo pont si chiama Pont Vecchi . 6. Francesco non è frances , è italian . 7. Chiara non è frances , è italian . 8. Questo signor è roman . 9. È una signor francese. 10. Questo professor è italiano. 11. Questa professor è italiana. 3. Articles indéfinis (début) 2, A. Chiara è una ragazza fiorentina (l. 1). Francesco è un giovane romano (l. 2) Masculin Féminin un ragazzo una ragazza un fiorentino una fiorentina Compléter les phrases. 1. È scena interessante. 2. Piazza della Signoria è piazza fiorentina. 3. Chiara non è ragazza francese. 4. Chiara è giovane ragazza italiana. 5. Francesco guarda piantina di Firenze. 6. Ponte Vecchio è ponte fiorentino. 7. Francesco è giovane romano. 8. Paolo non è giovane francese. 9. Francesco non è professore di francese. 10. Chiara non è professoressa d’italiano. QUARTO TEMPO IMPARIAMO PER PARLARE
  25. 25. 27 Unità 1 27 4. Articles définis (début) 2, B. il ponte (l.10) masculin féminin la scena (l.1) la città (l. 2) il la Compléter les phrases. scena si svolge a Firenze. Chiara, ragazza, è fiorentina. Invece Francesco, ragazzo, è romano e visita città. Per andare al celebre Ponte Vecchio prende prima via a sinistra. 5. Présent de l’indicatif des verbes 15, A1. A en –are : non lo trovo (l.5), arrivo, continuo (l.11), - quando arrivi al fiume (l.10), - porta in Piazza della Signoria (l. 8) Arrivare (io) arrivo a Piazza della Signoria (tu) se continui a destra arrivi a Ponte Vecchio (lui/lei) Francesco arriva a Firenze Compléter les phrases. 1. Questo ragazzo non (parlare) italiano. 2. Perché Marcello non (parlare) a questa ragazza? 3. Io (continuare) a destra o a sinistra? 4. Questa via (portare) al Duomo o all’Arno? 5. “Non (trovare) il ponte?” “No, non lo trovo” 6. “Fabrizio non (trovare) il nome della ragazza?” “No, non lo (trovare) .” 7. “Chiara non (trovare) il nome del professore? “ No, non lo (trovare) .” 8. Francesco (continuare) fino al lungarno. B en –ere : Prendere (io) prendo a sinistra (l. 11) (tu) prendi la prima via a destra? (lui / lei) Chiara non prende a sinistra. Compléter les phrases. 1. “(prendere, tu) a destra o a sinistra?” “(prendere, io) a destra.” 2. Francesco (ripetere) le parole della ragazza. 3. Francesco (prendere) una via a destra e Chiara (prendere) una via a sinistra. 4. Francesco (chiedere) un’informazione a Chiara. 5. “Francesco, che cosa (chiedere) a Chiara?” “(Chiedere) un’informazione.” C en –arsi/ /-ersi (verbes pronominaux). “Mi chiamo Francesco. E tu?” (l. 14) La scena si svolge a Firenze (l.1) Chiamarsi (io) mi chiamo Daniela (tu) Come ti chiami? (lui/lei) Il ponte si chiama Ponte Vecchio 1. Compléter les phrases. 1. “Come ti chiam ?” “ Mi chiam “ (ton prénom) 2. “Ti chiam Chiara?” “No, non Chiara.” 3. (En désignant un élève de la classe près de toi): “Si chiam Fabrizio questo ragazzo?” “No, non si chiam Fabrizio, si (indiquer son prénom).” 4. (En désignant une élève de la classe près de toi) : “Si chiam Claudia questa ragazza?” “No, non Claudia, (indiquer son prénom).» 2. Tu te souviens du dialogue? 1. Dove si svol la scena?” “Questa scena in Italia.” 2. “Come chia la piazza dove passa Francesco?” “Si Piazza Duomo.” 3. Francesco chiede a Chiara dove trov Ponte Vecchio. 6 Verbe dovere devoir 16, B. Devi prendere questa via (1.7) Devi continuare sempre dritto (1.9) Dovere (io) Devo andare a piazza della Signoria (tu) Per andare in centro devi prendere questa via (lui/lei) Francesco deve continuare sempre dritto per andare a piazza della Signoria Compléter les phrases. 1. “Che via prendere Francesco?” “ prendere la via a sinistra”. 2. Francesco non prendere la via a destra. 3. “ prendere questa via per andare al Duomo?” “ Sì, (tu) prendere questa via”. 4. “Che cosa (io) fare per parlare bene in italiano?” “ studiare!” 5. “Dove andare Chiara?” “ andare in centro”. 6. (io) parlare italiano. 7. Dopo le vacanze Francesco tornare a Roma. 8. (Tu) continuare sempre dritto. Pagina | Ventisette
  26. 26. Ciao a tutti! - Ulysse | Nosengo | LombardoCiao a tutti! - Ulysse | Nosengo | Lombardo Pagina | Ventotto28
  27. 27. ciao a tutti! Unità 2 Pagina | Ventinove Indice dell’unità Ti seguo 32-33 Comunichiamo 34 Intermezzo 35-36 In Italia 37-38 Impariamo per parlare 39-41 29
  28. 28. Ciao a tutti! - Ulysse | Nosengo | Lombardo Cellini Negozio di antichità sul Ponte Vecchio Panorama del Ponte Vecchio Ciao a tutti! - Ulysse | Nosengo | Lombardo Statue sul Ponte Alla Carraia Pagina | Trenta30
  29. 29. 31 - J’observe mon environnement guardare, vedere - Je me déplace camminare, tornare, andare, venire, seguire - J’exprime mes envies et mes préférences. aver voglia di, preferire «aimer, ne pas aimer» (mi piace, non mi piace) L’article indéfini (suite) L’article défini (suite) Le pluriel des noms et des adjectifs. Les adverbes de lieu « qui / lì » La traduction de « on » et de « il y a » (début) Le présent de l’indicatif (singulier) - de l’auxiliaire Avere - des verbes en « –ire » (seguire, preferire) - de andare et venire Pagina | Trentuno Unità 2
  30. 30. PRIMO TEMPO TI SEGUO Chiara ritrova Francesco a Ponte Vecchio. Chiara: Ah! ciao, sei già qui? Francesco: Oh! Ciao Chiara! Grazie di nuovo per l’informazione. È vero, è facile trovare il ponte! 5 Chiara: Allora ti piace? Francesco: Sì, molto. È pieno di giovani, di turisti... Chiara: e di gioiellerie... Quando vengo qui, mi piace guardare le vetrine. Ho voglia di comprare tutto! Francesco: Veramente? A me invece i gioielli non piacciono molto! 10 Preferisco guardare l’Arno, i lungarni e gli altri ponti. Adesso torno a Piazza della Signoria. Vieni con me? Chiara: Perché no? Ti seguo. Francesco: Per favore, come si chiama la chiesa che si vede lì in cima alla collina? 15 Chiara: È San Miniato. Ho un’idea! Perché non andiamo a Piazzale Michelangelo per vedere il panorama? È splendido! Francesco: Veramente sono stanco, non ho voglia di camminare. Sembra lontano. 20 Chiara: Se preferisci, c’è l’autobus. Va bene? Francesco: Se c’è un autobus, d’accordo. Sì NO Vero o falso? Exemple: La scena si svolge a Ponte Vecchio. Risposta: Sì, è vero / Sì, è vero, si svolge a Ponte Vecchio. La scena si svolge a Roma. Risposta: No, non è vero. / No, non è vero, si svolge a Firenze. 1. La scena si svolge in piazza della Signoria. 2. Le informazioni di Chiara per andare a Ponte Vecchio sono false. 3. Il ponte non piace a Francesco. 4. Francesco preferisce guardare l’Arno e gli altri ponti. 5. A Chiara piacciono i gioielli. 6. A Francesco piacciono i gioielli. 7. Il ragazzo ha voglia di tornare in Piazza della Signoria. 8. La chiesa in cima alla collina si chiama San Miniato. 9. Francesco non è stanco. 10. C’è l’autobus per andare a Piazzale Michelangelo. 11. Francesco preferisce andare a piedi. 12. Francesco accetta di prendere l’autobus. - “Ti piace Firenze?” “Sì, mi piace” - “Ti piacciono i gioielli?” “No, non mi piacciono.” - “C’è l’autobus?” “Sì, il 23.” Ponte Vecchio è qui Domande sul dialogo. 1. Dove si trovano Chiara e Francesco? 2. Che cosa vede il ragazzo sul Ponte? 3. Chiara preferisce guardare l’Arno o le gioiellerie? 4. Che cosa preferisce guardare Francesco? 5. Che cosa vede Francesco in cima alla collina? 6. Che cosa chiede Francesco? 7. Che cosa risponde la ragazza? 8. Che idea ha Chiara? 9. Perché Francesco esita ad accettare? 10. Che cosa precisa Chiara per convincere Francesco? Parliamo un po’ di te. Nella città dove abiti qual è la via più animata? In quali vie sono le vetrine più belle? Ti piace guardare le vetrine? Quali? Pagina | Trentadue32 San Miniato è lì QUI LÌ Ciao a tutti! - Ulysse | Nosengo | Lombardo
  31. 31. TI SEGUO 4 Unità 2 Pagina | Trentatré 2 1 4 5 6 7 8 33 3 10
  32. 32. Ciao a tutti! - Ulysse | Nosengo | Lombardo 34 COMUNICHIAMO Collega le domande con le risposte. N.B. In certi casi più risposte sono possibili. Vieni al cinema con me? Prendiamo l’autobus? Perché non andiamo a piedi? Hai voglia di studiare? Preferisci andare a piedi o in bicicletta? Hai voglia di guardare un film in TV? A piedi. Sì, volentieri! No, non ho voglia di camminare. No, sono stanco! (stanca)! D’accordo. mi piace mi piacciono mi piace molto non mi piace non mi piacciono visitare i monumenti andare al cinema il panorama i gioielli le vetrine prendere l’autobus camminare venire qui Pagina | Trentaquattro Proporre qualcosa a qualcuno. / Proposer quelque chose à quelqu’un. Vieni con me? Hai voglia di andare a … ? Preferisci ... o ... ? Perché non torniamo a …? Esitare o rifiutare. / Hésiter ou refuser. No. Non mi piace. Non è interessante. Non ho voglia di … Mi dispiace, non posso. Sono stanco (stanca). Accettare più o meno volentieri. / Accepter plus ou moins volontiers. Sì. D’accordo. È una buona idea. Va bene. Perché no? Volentieri! Ti seguo. “Vieni con me?” “Perché no, ti seguo!” (l. 12) “Perché non andiamo a Piazzale Michelangelo?” “Veramente sono stanco.” (l. 17) “Prendiamo l’autobus, se preferisci.” “Va bene.” (l. 20) Proponi a un tuo compagno / una tua compagna di: Fare una passeggiata in centro Venire a casa per studiare Andare al cinema Guardare le vetrine E lui / lei risponde positivamente o negativamente. Dire le proprie preferenze. / Affirmer ses préférences. Preferisco... Mi piace il / la... Mi piacciono i / le... “Ti piace questo gioiello?” “Sì, ma preferisco il braccialetto.” “Ti piacciono questi anelli?” “No, preferisco la collana di perle.” “Ti piace guardare le vetrine?” “No, preferisco visitare i monumenti.” Rispondi come nell’esempio: Ponte Vecchio / San Miniato > “Ti piace Ponte Vecchio?” “Sì, ma preferisco San Miniato.” 1. cinema / teatro 2. anelli / collane 3. studiare a scuola / studiare a casa Collega le due colonne. N.B. In certi casi più risposte sono possibili.
  33. 33. 35Pagina | Trentacinque Unità 2 SECONDO TEMPO INTERMEZZO Ti piacciono i gioielli? Quali preferisci? Quali non ti piacciono? anello braccialetto orologio collana piercing Cosa manca nel secondo disegno? Unisci gli aggettivi alle foto: caro, economico, rapido, lento, pubblico, privato E tu? Quale mezzo di trasporto preferisci? Perché? Come vai a scuola ? Come ti muovi abitualmente in città? Che cosa prendi quando vai in centro città? Ti piace andare in bicicletta? orecchini Autobus Motorini Taxi Bicicletta
  34. 34. Ciao a tutti! - Ulysse | Nosengo | Lombardo Prendiamo l‘autobus Francesco: Per Piazzale Michelangelo, che autobus si prende? Chiara: Il 23. Francesco: Dove si fa il biglietto? Chiara: Come in tutte le città: compriamo i biglietti dal tabaccaio o in edicola. Francesco: Ma io, il biglietto non ce l’ho. Come faccio? Chiara: Non c’è problema. Ecco un biglietto. Serve anche per il ritorno. È valido un’ora. Francesco: Grazie. Chiara: Che fortuna! Arriva il 23. 3. A coppie: uno studente è Francesco, l’altro è Chiara: recitate il dialogo. E tu? Tocca a te! In questa classe chi ha il motorino? Di che marca è? Il motore è inferiore o superiore ai 50 centimetri cubi? Qual è il limite di velocità in città? Trenta? Quaranta? Cinquanta chilometri ora? Chi ha i roller? Chi ha la bicicletta? Pagina | Trentasei36 1. Ora ascolta il dialogo. Quali sono le differenze con il testo? 2. Ascolta e indica se le affermazioni sono vere o false. 1 2 3 4 5
  35. 35. TERZO TEMPO IN ITALIA MUOVERSI IN CITTÀ In Italia, solo alcune città hanno la metropolitana. La metropolitana si trova a Roma, a Milano, a Genova, a Palermo, a Torino. Firenze non ha la metropolitana. Tutte le città hanno gli autobus e solo alcune hanno il tram. Le macchine provocano l’inquinamento dell’aria. A Firenze il centro storico è vietato alle automobili private, quindi* la gente è obbligata ad andare a piedi o a prendere l’autobus o un taxi. I giovani preferiscono il motorino. Quando non hanno il casco o vanno troppo forte prendono la multa. I più sportivi vanno in bicicletta. N.B. hanno, provocano, preferiscono, hanno, vanno, prendono: 3° personne du pluriel de avere, provocare, prendere, preferire, andare ( 15A, 1, 16, 1A). * Quindi: donc, par conséquent. Rispondi: Quali città italiane hanno la metropolitana? Quali città italiane hanno l’autobus? È possibile prendere la macchina per andare nel centro di Firenze? Che cosa deve fare la gente? Quale mezzo di trasporto preferiscono i giovani? Perché devono mettere il casco in testa? Che cosa fanno i più sportivi? In questa città c’è il tram? In questo paese quali città hanno la metropolitana? La metropolitana In Francia: Parigi / Lione / Marsiglia / Nizza / Strasburgo / Tolosa In Svizzera: Ginevra / Zurigo / Losanna In Belgio: Liegi Quali sono i mezzi di trasporto a Firenze? Cosa si prende se non si va a piedi? Quali sono i mezzi di trasporto più ecologici? E i meno ecologici? Quali sono i mezzi di trasporto più cari? E i più economici? Dal sito: www.firenzeturismo.it Unità 2 Pagina | Trentasette 37
  36. 36. Ciao a tutti! - Ulysse | Nosengo | Lombardo A VOCE ALTA 1. Ascolta e ripeti ( I, A, B, C, D, E) . anche sembra centro prendiamo facilmente direttamente monumenti ponti con me 2. Ascolta e ripeti. /dZ / GIA (dja) GIO (djo) GIU (djou) già gioielli Giovanni Giulio 3. Ascolta e ripeti. a) /g/ GUA (goua) GUE (goué) GUI (goui) GUO (gouo) guardare seguire seguo segui segue Guerra guida b) /k/ QUA (Koua) QUE (Koué) QUI (Koui) questo questa qui quando dunque squadra quaderno qualità quantità liquido quindi 4. Ascolta e ripeti. /¥/ GLI (li i) «presque comme dans millier ou huilier.» biglietto gli autobus Marsiglia famiglia figlio figlia 5. Ascolta e ripeti. a) /sk/ SCA (ska) SCO (sko) SCU (skou) SCHE (ské) SCHI (ski) preferisco disco scuola Francesco maschile schema scusa Scozia b) /S/ SCE (ché) SCI (chi) SCIA (cha) SCIO (cho) finisci preferisci capisci capisce preferisce finisce scena lo sci lo sciatore la stazione sciistica 6. Ascolta e ripeti. Attenzione all’accento tonico! pagina, grammatica, Michelangelo, piacciono, autobus, seguo, vecchio, immagine, macchina, America, Africa Lucia, Lombardia // Lucie, Lombardie Giulia, Silvia, Italia, Emilia, Liguria, Campania // Julie, Sylvie, Italie, Emilie, Ligurie, Campanie 7. Ascolta e poi leggi. Scioglilingua. Marcello capisce perché Lucia preferisce scegliere da sola ciò che le piace. C’è l’imbarazzo della scelta: le cinesi e le giapponesi scelgono gioielli meravigliosi nelle gioiellerie chic segnalate dagli alberghi. Che traffico! Perché i vigili non sorvegliano le macchine e gli autobus che circolano in centro? Secondo i miei figli non fischiano quando gli automobilisti passano col rosso o col giallo. lio Pagina | Trentotto38
  37. 37. QUARTO TEMPO IMPARIAMO PER PARLARE 1. Articles indéfinis (suite) 2A Ho un’idea (l. 16) se c’è un autobus d’accordo (l.21) masculin Féminin UN autobus UN’idea Compléter les phrases. 1. Ho amico italiano. Si chiama Fabrizio. 2. Fabrizio ha amica che abita a Firenze. 3. Non è idea originale. 4. Roma è città famosa nel mondo intero. 5. La Ferrari è automobile molto bella. 6. Non è esercizio difficile. 7. Palazzo Vecchio è monumento celebre. 8. Dante Alighieri è autore famoso. 9. C’è autobus per andare a piazzale Michelangelo? 10. Il David è bella statua. 11. L’Arno è fiume toscano masculin singulier masculin pluriel féminin singulier féminin pluriel il gioiello i gioielli la vetrina le vetrine il francese i francesi la francese le francesi l’italiano gli italiani l’italiana le italiane il ragazzo italiano i ragazzi italiani la ragazza italiana le ragazze italiane il giovane romano i giovani romani la giovane romana le giovani romane l’italiano gentile gli italiani gentili l’italiana gentile le italiane gentili il turista i turisti la turista le turiste l’artista gli artisti l’artista le artiste l’autobus gli autobus la città le città il computer i computer le attività le attività 3. Le pluriel des noms, des adjectifs et des articles définis 3C, 2B i gioielli (l. 9), i lungarni (l.10), gli altri ponti (l.10) le vetrine (l. 8) 2.L’article défini au singulier (révision et suite) 2B Masculin Féminin Il ponte La chiesa L’autobus L’informazione Compléter les phrases. 1. Preferisco guardare Arno. 2. Grazie per informazione! 3. ragazzo che parla a Chiara è Francesco. 4. professoressa è italiana. 5. statua del David è a Firenze. 6. Francesco prende autobus. 7. professore è francese. 8. esercizio non è difficile. 9. chiesa in cima alla collina è San Miniato. 10. insegnante di francese si chiama Paul Durand. 11. insegnante d’italiano si chiama Anna Rossi. Unità 2 Pagina | Trentanove 39
  38. 38. Ciao a tutti! - Ulysse | Nosengo | Lombardo 40 1. Compléter les phrases città di Firenze è molto bella. piazze sono bellissime. ragazzi e ragazze si incontrano in Piazza della Signoria dove statue sono numerose. principale ponte di Firenze si chiama Ponte Vecchio. fiume che passa sotto il ponte è Arno. Sul ponte turisti guardano con curiosità gioielli che si trovano nelle vetrine. A Firenze chiese sono numerose e in cima a una collina si vede chiesa San Miniato. 2. Transformer les phrases au pluriel Questo museo è interessante. > questi musei sono interessanti. 1. È il monumento che preferisco. > Sono che preferisco. 2. Seguo l’idea di Fabrizio. > Seguo di Fabrizio. 3. La frase non è difficile. > sono 4. La piazza è immensa. > sono 5. L’altro ponte è a destra. > sono a destra. 6. Marco segue l’altra via. > Marco segue 3. Compléter les réponses: 1. “È difficile la prima frase?” “Eh sì! Tutte sono difficili.” 2. “Capisci l’informazione di Chiara?” “Sì, capisco tutte di Chiara.” 3. “Com’è la piazza? È grande?” “Sì, in questa città tutte sono grandi.” 4. “È il monumento che preferisci?” “No, preferisco romani.” 4. Emploi du verbe piacere, aimer 18A - ti piace questo ponte? (l. 5) - mi piace molto (l. 6) - a me i gioielli non piacciono molto (l. 9) - Mi piace guardare le vetrine (l. 7) Pagina | Quaranta Compléter 1. “Ti piace Firenze?” “Sì, mi moltissimo”. 2. “Ti queste statue?” “Sì, mi molto.” 3. “Perché questa piazza non ti ?” “Non mi perché non è animata.” 4. “Non ti queste ragazze?” “No, non mi perché non sono gentili.” 5. “Ti guardare la TV?” “Sì, mi soprattutto guardare i film.” 6. “Ti piace questo ponte?” “Sì, tutti i ponti sull’Arno mi ” 7. “Ti piace questa statua?” “Sì, tutte le statue di Michelangelo mi ” 8. “Ti piace andare al cinema?” “Sì, mi molto.” 5. L’auxiliaire avere au présent de l’indicatif 15, A1 Avere Ho un’idea. Hai ragione. Il professore ha un’automobile italiana. Remettre en ordre les éléments : - un’ / Paola / nuova / italiana / ha / amica - di / mangiare / ho / voglia / pizza / una - Firenze / piantina / hai / di / una / ? - ho / andare / non / di / voglia / scuola / a - una / molto / collana / bella / hai - Chiara / amico / un / ha / italiano
  39. 39. Unità 2 Pagina | Quarantuno 41 6. Présent de l’indicatif des verbes en – ire 15, A1 ti seguo (l. 12), se preferisci (l. 20) Seguire Seguo con piacere la lezione di italiano. Segui i film italiani in tv? Francesco segue Chiara al Piazzale. Preferire Preferisco andare a Genova. Preferisci la pasta o la pizza? Francesco preferisce prendere l’autobus. 1. Compléter les phrases : 1. (seguire) “Perché mi ?” “Ma no, non ti ”. 2. (dormire) “Dove questo turista?” “ a casa di un amico.” 3. (preferire) “Marta, tu andare a Roma o a Firenze?” “Quest’anno andare a Roma.”. 4. (preferire) “Francesco, che cosa ? Il francese o l’inglese?” 5. (preferire) Marta il francese. 6. (capire) “Pietro, mi quando parlo francese?” 2. Construire des phrases avec les éléments suivants : 1. Dormire in un hotel a Firenze. 2. Partire per l’Italia in treno. 3. Prendere la macchina per andare a Napoli. 4. Non capire l’esercizio d’italiano. 5. Vedere gli amici italiani per parlare in italiano. 6. Telefonare a un’amica spagnola. 7. Présent de l’indicatif des verbes Andare et Venire ( 16, 1A, 16, 1C) Andare Vado a piazza della Signoria Vai a piedi o in autobus? Il turista va a Ponte Vecchio Venire Vengo con te Vieni con me? Chiara viene al cinema con me 1. Former des phrases : Paolo va al cinema Tu vai a piazza della Signoria Lui vado a casa in autobus Lei a scuola Chiara a San Miniato Io in centro 2. Compléter les phrases avec venire : 1. “ con me al cinema?” “Sì, con te volentieri.” 2. “ anche tu?” “No, mi dispiace, non ”. 3. “Francesco con Chiara?” “No, non perché è stanco.” 3. Compléter les phrases : 1. (Tu / venire) con me o (andare) con Marco? 2. Chiara (andare) a scuola a piedi o (prendere) l’autobus? 3. (Tu / preferire) la pasta o la pizza? 4. Chiara (seguire) un corso di francese. 5. (Io / venire) al cinema con te. 8. Comment traduire “on” et “il y a” (début) A On ( 18G) Come si chiama la chiesa che si vede…? (l. 13) Remplacer le verbe à l’infinitif par la forme impersonnelle : 1. “I fiorentini parlano bene.” “È vero, a Firenze (parlare) bene l’italiano.” 2. La via di destra porta al Piazzale. Con questa via (tornare) in centro. 3. Prendo il 23. Con questo autobus (arrivare) facilmente a Piazzale Michelangelo. 4. “Mi piace il David.” “Eh sì! Quando (guardare) questa statua (ammirare) il genio di Michelangelo.” 5. Chiara conosce bene la città. Se (seguire) il consiglio di Chiara (trovare) facilmente Ponte Vecchio. 6. San Miniato è lì. (vedere) in cima alla collina. B Il y a (début) 18F C’è l’autobus (l. 20) C’è una chiesa in cima alla collina.
  40. 40. Ciao a tutti! - Ulysse | Nosengo | Lombardo Pagina | Quarantadue42
  41. 41. Pagina | Uno 43 Unità 3 Indice dell’unità Da qui si vede tutta la città 46-47 Comunichiamo 48-49 Intermezzo 50-51 In Italia 52-53 Impariamo per parlare 54-56 43Pagina | Quarantatré 43
  42. 42. Ciao a tutti! - Ulysse | Nosengo | Lombardo Ponte alle Grazie e il Carmine Il Marzocco Cupola del Duomo di Firenze Palazzo Medici-Riccardi Ciao a tutti! - Ulysse | Nosengo | Lombardo Pagina | Quarantaquattro44
  43. 43. Je parle de mon cadre de vie et j’interroge les autres sur leur cadre de vie: - la ville - le domicile Je parle de mes loisirs et j’interroge les autres sur leurs loisirs et notamment le sport. Je parle de ma journée et de mes activités : alzarsi, fare colazione, andare a scuola, mangiare a casa o alla mensa, studiare, incontrare gli amici Les articles (fin) L’adjectif possessif Traduction de « il y a » (suite et fin) Les prépositions da et a L’adjectif et l’adverbe molto Le présent de l’indicatif singulier - fare - (ri) conoscere, potere, volere Unità 3 Pagina | Quarantacinque 45
  44. 44. Ciao a tutti! - Ulysse | Nosengo | Lombardo SìNO PRIMO TEMPO DA QUI SI VEDE TUTTA LA CITTÀ Domande sul dialogo. 1. Quali monumenti famosi vedono Chiara e Francesco? 2. Perché Francesco non riconosce il Duomo? 3. Che cosa interessa particolarmente Francesco? 4. Qual è la sua squadra preferita ? 5. Francesco va allo stadio per la partita di calcio o la guarda in tv? 6. Quale sport fa Francesco? 7. Perché Chiara si alza presto la mattina? 8. Perché Francesco non vuole andare a correre con lei la mattina? 9. Dove abita Chiara? Parliamo un po’ di te. 1. Sei sportivo (sportiva)? 2. Che sport fai? (vai a p. 48 e 51) 3. Segui uno sport in tv? Quale? 4. Dove abiti? 5. In vacanza ti alzi presto o tardi? Vero o falso? 1. Francesco riconosce il Duomo ma non riconosce Ponte Vecchio. 2. Da Piazzale Michelangelo si vede lo stadio di Firenze. 3. Chiara non conosce le squadre di calcio di Roma. 4. Francesco guarda la partita in tv ma non va allo stadio. 5. Francesco è d’accordo per andare a fare jogging al Parco delle Cascine con Chiara. 6. Francesco chiede a Chiara dove abita. 7. Chiara e Francesco sono vicini di casa. Da qui si vede tutta la città Ci sono molti monumenti da scoprire Chiara e Francesco sono a piazzale Michelangelo. Francesco Com’è bello! Da qui si vede tutta la città. Riconosco Ponte Vecchio. E si vede anche una grande cupola. Che cos’è? Chiara Come? Non riconosci il Duomo? Francesco Non posso conoscere tutto. Non sono fiorentino, io! 5 Chiara Scusami! Hai perfettamente ragione. Non puoi conoscere tutta Firenze. Ci sono molti monumenti da scoprire! Francesco E lo stadio, si vede da qui? Dov’è? Chiara Da qui non si vede. Perché? Ti interessa il calcio? Francesco Certo! M’interessa molto! 10 Quando posso vado allo stadio. Se no guardo la partita in tv. Chiara Sei un vero tifoso, allora. Qual è la tua squadra preferita, la Roma o la Lazio? Francesco La Roma, che domanda! Tutta la mia famiglia tifa per la Roma! Chiara E fai anche uno sport? 15 Francesco Faccio nuoto. È il mio sport preferito. E tu, sei sportiva? Chiara Sì, abbastanza. Ogni mattina mi alzo presto e vado a correre al Parco delle Cascine. A proposito, vuoi venire con me domani? Dopo, si può visitare il Duomo insieme. Francesco Ma tu sei matta! Sono in vacanza! 20 La mattina voglio dormire e fare colazione tardi! Chiara Allora dopo il jogging posso passare da te. Dove abiti? Francesco In centro, vicino a Palazzo dei Medici. Chiara Ma allora siamo vicini di casa! Ciao a tutti! - Ulysse | Nosengo | Lombardo Pagina | Quarantasei46
  45. 45. 4 Unità 3 3 6 5 DA QUI SI VEDE TUTTA LA CITTÀ 1 2 47Pagina | Quarantasette 7
  46. 46. COMUNICHIAMO Dare e chiedere i dati personali a qualcuno. / Donner et demander ses coordonnées à quelqu’un. Dove abiti? Abito a Roma / a Nizza. Abito in centro. Mi puoi dare il tuo indirizzo? Abito in via Garibaldi 3 Via Cavour al numero 2. “Dove abiti?” “In centro, vicino al Palazzo dei Medici.” (l. 22) Chiedi a un tuo compagno / a una tua compagna il suo indirizzo. Parlare della propria città / Parler de sa ville Cosa c’è nella tua città? C’è il Duomo C’è uno stadio C’è una piscina Ci sono molti monumenti Ci sono molte chiese Cosa si vede da qui? Si vede il Duomo Si vede lo stadio Si vede la piscina “Non puoi conoscere tutta Firenze. Ci sono molti monumenti da scoprire!” (l. 6) “Da qui si vede tutta la città.” (l. 2) “E lo stadio, si vede da qui?” (l. 7) Rispondi. Che cosa c’è nella tua città? un museo interessante uno stadio moderno una piscina un centro commerciale un’università un parco pubblico una biblioteca molto grande un ristorante italiano un cinema con film in lingua originale Parlare del tempo libero / Parler de ses loisirs Faccio nuoto / calcio / tennis. Gioco a tennis, a calcio, a carte. Vado a correre / faccio jogging ogni giorno... La mattina dormo / mi alzo presto. Vado allo stadio ogni week end. Guardo la TV ogni sera. “Faccio nuoto. È il mio sport preferito.” (l. 15) “Ogni mattina mi alzo presto e vado a correre al Parco delle Cascine.” (l. 17) “Quando posso vado allo stadio. Se no guardo la partita in tv.” (l. 10) un parco pubblico un ristorante italiano Ci sono molti monumenti Ciao a tutti! - Ulysse | Nosengo | Lombardo Pagina | Quarantotto48
  47. 47. Rispondi. Che cosa fai nel tempo libero? Es. vado al cinema Andare al cinema / andare allo stadio / restare con la mia famiglia / guardare la TV / dormire molto / fare uno sport / andare a correre / studiare l’italiano / telefonare a un amico (a un’amica) / mangiare un gelato Interrogare gli altri sul loro tempo libero e in particolare sullo sport / Interroger les autres sur leurs loisirs et notamment le sport Ti interessa il calcio? Sì / No / molto / poco. Qual è la tua squadra preferita? La Roma / il Milan / la Juventus... Tifo per la Roma / il Milan / la Juventus... Fai uno sport? Faccio nuoto / calcio / tennis / pallavolo / pallamano / pallacanestro / ginnastica… Sei sportivo / sportiva? Sì, abbastanza / molto. Sei tifoso / tifosa? No, lo sport non m’interessa. Chiedi a un compagno se è sportivo e quali sport pratica. Parlare delle attività della giornata / Parler de sa journée et de ses activités Faccio colazione tardi / presto Ogni mattina vado a scuola La mattina mi alzo presto / tardi Unità 3 Forma delle frasi. Es. In / colazione / vacanza / fare / tardi => In vacanza faccio colazione tardi. • la mattina / al parco / correre / andare a • andare / al cinema / mi piace / con / la mia famiglia • alzarsi / in vacanza / tardi • la sera / dormire / andare a / presto • in / dormire / andare a / tardi / vacanza Pagina | Quarantanove 49
  48. 48. Ciao a tutti! - Ulysse | Nosengo | Lombardo SECONDO TEMPO INTERMEZZO La giornata di Stefano. La mattina mi alzo alle 7, mi lavo, faccio colazione e vado a scuola. A mezzogiorno mangio alla mensa o a casa. Di pomeriggio ho molte cose da fare: studio, gioco a calcio con gli amici o navigo su internet. Di sera ceno a casa, guardo la tv, o passo molto tempo al telefono. Leggo un po’ e vado a dormire. 1. Rispondi alle domande 1. Quando si alza Stefano? 2. Che cosa fa prima di andare a scuola? 3. Che cosa fa la mattina? 4. Dove mangia a mezzogiorno? 5. Che cosa fa quando torna a casa? 6. Perché si può dire che Stefano è molto attivo? 2. Completa: La giornata di Marta. La si alza alle sette, si , fa e va a . A mezzogiorno alla mensa. Il pomeriggio molte cose fare: studia, la tv o gli amici. La sera a casa, passa molto tempo al con una sua amica e a dormire. 3. Com’è la tua giornata? 1. La mattina ti alzi: a) alle sette b) alle otto c) alle nove 2. A mezzogiorno mangi: a) a casa b) alla mensa della scuola c) in una trattoria 3. Il pomeriggio: a) studi b) navighi su internet c) fai sport 4. La sera: a) guardi la tv b) telefoni c) incontri gli amici 4. Descrivi la tua giornata. La mattina mi alzo A mezzogiorno Il pomeriggio La sera Stefano scrive alla sua corrispondente francese Hélène che vuole sapere come funziona la scuola italiana. Vuoi sapere come funziona la scuola in Italia? Ecco. Quando hanno 3 anni, i bambini possono andare all’asilo poi a 6 anni entrano alla scuola elementare per 5 anni. A 11 anni passano alla scuola media e poi a 14 anni vanno al liceo o alla scuola professionale dove restano 5 anni per preparare il diploma di maturità. Dopo possono andare all’Università. C’è una grande differenza tra la giornata di uno studente italiano di scuola media e quella di un giovane francese: generalmente le lezioni sono solo la mattina dal lunedì al sabato compreso*. Come vedi, noi siamo liberi nel pomeriggio e quindi possiamo fare sport, incontrare gli amici, andare al cinema o … fare i compiti e imparare le lezioni. Io preferisco il sistema italiano. E tu? Ti piace il sistema italiano o preferisci il sistema francese? Aspetto la tua risposta. Ciao, Stefano. * In alcune regioni italiane i ragazzi non vanno a scuola il sabato ma hanno più corsi durante la settimana. Pagina | Cinquanta50
  49. 49. Metti insieme il nome con la foto o il disegno corrispondente. a. la pallacanestro b. la pallavolo c. la ginnastica d. il calcio e. la danza f. il nuoto g. il tennis h. la scherma i. lo sci j. il pattinaggio E tu? 1. Quali sport puoi fare nella tua scuola? nella tua città? 2. Quali sport preferisci? 3. Quali attività sportive non ti piacciono? 4. Quali sport è possibile fare - in città - al mare - in montagna? 5. Quali sport possono praticare i giovani? 6. Quali possono praticare gli anziani? 7. Quali attività sono piuttosto femminili? Quali sono piuttosto maschili? 1. Ascolta il dialogo: Luciana e Maria sono compagne di scuola. Oggi hanno voglia di andare in piscina insieme. Luciana suona al citofono. Marta Sì. Chi è? Luciana Ciao. Sono Luciana. Marta Ti apro. Luciana Non è necessario. Ti aspetto qui. Marta No. Sei in anticipo. Non sono ancora pronta. Puoi salire? Luciana D’accordo. A che piano sei? Marta All’ultimo. L’ascensore è in fondo al corridoio a destra. Ti apro. 2. Ora ascolta il secondo dialogo e indica qual è la differenza con il primo. Nel secondo dialogo: a. Luciana preferisce aspettare giù b. Luciana è in ritardo c. Luciana preferisce prendere le scale. 3 .Francesco chiede l’indirizzo e il numero di telefono a Chiara. Dove abita? Qual è il suo numero di telefono? 1. 2. 3. 4. 5. 6. 8. 7. 9. 10. Unità 3 Pagina | Cinquantuno 51
  50. 50. Ciao a tutti! - Ulysse | Nosengo | Lombardo TERZO TEMPO IN ITALIA bianco grigio marrone arancione viola blu azzurroverde giallorossorosa nero Conosci il calcio italiano? La Juventus ha una maglia di colore La Roma ha una maglia di colore La Lazio ha una maglia di colore Il Milan ha una maglia di colore La Fiorentina ha una maglia di colore L’Inter ha una maglia di colore Quali sono i colori della maglia della Fiorentina? della Lazio? della Roma?… Qual è il colore della maglia della nazionale italiana? E quello della maglia della nazionale francese? Alcune città o regioni italiane hanno due squadre importanti. Per esempio la Roma e la Lazio sono due squadre della stessa regione. Generalmente gli abitanti della capitale tifano per la Roma e gli abitanti della provincia tifano per la Lazio. Le due squadre sono avversarie e i tifosi della Lazio considerano nemici i “vicini” della Roma e viceversa. Anche Torino ha due squadre: la Juventus e il Torino. Come a Torino e a Roma anche a Milano ci sono due squadre famose in rivalità. Quali sono? 1. Quali sono le prime dieci squadre del campionato italiano? 2. In quali città si trovano? 3. In quale provincia si trovano queste città? (carta d’Italia) 4. Come si chiamano le due squadre di Roma? 5. Come si chiamano le due squadre di Milano? (www.gazzetta_dellosport.it) Qual è la situazione nella tua città ? 1. C’è una squadra di calcio? 2. Come si chiama? 3. Quali sono i colori della tua squadra? 4. Quale posto occupa nella classifica?4. Quale posto occupa nella classifica? Pagina | Cinquantadue52
  51. 51. Francesco e Chiara vogliono visitare il Duomo. Questa chiesa, che è la cattedrale di Firenze, si chiama Santa Maria del Fiore. È un monumento gigantesco. La cupola è molto grande: solo la cupola di San Pietro di Roma disegnata da Michelangelo è più grande. La facciata è coperta di marmo. A destra si alza il campanile di Giotto e di fronte al Duomo c’è il battistero. Lo sai che ?… A Piazzale Michelangelo ci sono delle statue di bronzo. Riproducono alcuni capolavori di Michelangelo Buonarroti: il David, il Giorno, il Crepuscolo, la Notte. Michelangelo è uno scultore famoso nel mondo intero. L’originale del David sta nel museo dell’Accademia. La statua che si vede davanti al Palazzo della Signoria è una copia. Unità 3 Pagina | Cinquantatré 53
  52. 52. Ciao a tutti! - Ulysse | Nosengo | Lombardo 1.Les articles indéfini et défini uno et lo (révision et fin) ( 2B) uno sport (l. 14) lo stadio (l. 7) masculin singulier masculin pluriel masculin singulier masculin pluriel il monumento i monumenti un monumento dei monumenti l’italiano gli italiani un italiano degli italiani lo studente gli studenti uno studente degli studenti féminin singulier féminin pluriel féminin singulier féminin pluriel la chiesa le chiese una chiesa delle chiese l’italiana le italiane un’italiana delle italiane la studentessa le studentesse una studentessa delle studentesse QUARTO TEMPO IMPARIAMO PER PARLARE 1. Complèter les phrases avec les articles définis 1. Da piazzale Michelangelo si vede Duomo e Arno ma non si vede stadio. 2. squadra di calcio di Firenze non è famosa come squadre di Roma di Torino o di Milano. 3. A Francesco interessa molto sport. Tutta sua famiglia tifa per Roma. Quando può va al stadio, se no guarda partita in TV. 4. italiani amano sport in TV. 5. Tutti studenti di questa scuola tifano per una squadra. 6. principali città italiane hanno uno stadio gigantesco. 7. spettatori che vanno al stadio sono numerosi ma sportivi che guardano partite in tv sono ancora più numerosi. 2. Complèter les phrases avec les articles indéfinis 1. Francesco è vero tifoso. Ha squadra preferita, la Roma. Tutta la sua famiglia ha abbonamento allo stadio. 2. In questa città ci sono: musei, chiese, piscine, e supermercati. 3. Tutti i ragazzi devono fare sport. È attività necessaria per essere in forma. 4. “In questa scuola si sono studenti o studentesse inglesi?” “No, ci sono americani e italiane.” 5. In piazza Duomo Carla incontra americano e americana. 6. Durante le vacanze vado al mare con amico spagnolo e amica tedesca. Masculin singulier Masculin pluriel Féminin singulier Féminin pluriel il mio professore i miei professori la mia professoressa le mie professoresse il tuo compagno i tuoi compagni la tua compagna le tue compagne il suo libro i suoi libri la sua piantina le sue piantina il nostro professore i nostri professori la nostra professoressa le nostre professoresse il vostro compagno i vostri compagni la vostra compagna le vostre compagne il loro libro i loro libri la loro piantina le loro piantine 3. L’adjectif possessif ( 6A) il mio sport preferito (l. 15) - la mia famiglia (l. 13) – la tua squadra (l.11) lo stadio > gli stadi lo studio > gli studi lo sport > gli sport il gioco > i giochi il luogo > i luoghi Pagina | Cinquantaquattro54
  53. 53. Unità 3 55Pagina | Cinquantacinque 1. Compléter les dialogues suivants. 1. “Elena, qual è sport preferito?” “ sport preferito è il calcio.” 2. “Gianni, quali sono calciatori preferiti?” “ giocatori preferiti? Non lo posso dire. Sono molto numerosi.” 3. “Con chi fai sport?” “Gioco a tennis con vicini di casa. E tu? ” “Io gioco a calcio con compagni di scuola.” 4. “Cosa fai, Lidia?” “Gioco con compagne di scuola.” 5. “E i compagni di scuola, con chi giocano a calcio?” “Giocano con amici del quartiere.” 2. Transformer au pluriel : 1. Qual è il tuo calciatore preferito? 2. Qual è il tuo sport preferito? 3. Come si chiama il tuo vicino? 4. Come si chiama la tua vicina? 5. Il mio cantante preferito non è italiano. 6. La mia automobile preferita non è giapponese. 3. Mettre l’adjectif possessif au pluriel à la place des pointillés. 1. Conosci il nostro professore? Conosci … … professori? 2. Non conosci la nostra professoressa? Non conosci … … professoresse? 3. La loro automobile è vecchia. … … automobili sono vecchie. 4. Il loro scooter è giapponese. … … scooter sono giapponesi. 5. È la vostra squadra preferita? Sono … … squadre preferite? 6. Non è il vostro libro d’italiano? Non sono … … libri d’italiano? 4.Présent de l’indicatif de (ri)conoscere ( 15, 1, NBC) Conoscere - Riconoscere Conosco bene Firenze Non riconosci il Duomo? (l.6) Chiara conosce il Parco delle Cascine. Compléter les dialogues. 1. Dino a Gianna: “Non questo ragazzo. Come si chiama?” “Ma sì che lo . È un amico di Paolo.” 2. Paola a Maria. “Posso chiedere l’indirizzo di Paolo a Marta?” “No. È inutile. Marta non l’indirizzo di Marco. Invece Franco lo ” 3. Paolo a Carla: “ la mia amica Michela?” “Sì, la bene.” 5.Présent de l’indicatif des verbes: Potere ( 16B) et Volere ( 16B) Potere Posso passare da te Mi puoi dare il tuo indirizzo? Francesco può visitare il Duomo con Chiara. Volere La mattina voglio dormire Vuoi venire con me? Chiara vuole andare a correre al parco. Compléter les phrases. 1. Potere 1. Scusa, mi dire dov’è via dei Calzaiuoli? 2. Francesco non andare a Ponte Vecchio perché non lo trova sulla piantina. 3. Carlo, mi dare il tuo numero di telefono? 4. Francesco non andare a correre al Parco con Chiara perché deve studiare. 5. Paolo, venire da me domani? 2. Volere 1. Io non andare a Pisa, andare a Roma. 2. Anna, perché non studiare l’italiano? È una bella lingua. 3. Che cosa questa ragazza? 4. Carla continuare a studiare l’italiano e fare un soggiorno in Italia. 5. Francesco non fare jogging al Parco con Chiara perché preferisce dormire.
  54. 54. Ciao a tutti! - Ulysse | Nosengo | Lombardo 6. Présent de l’indicatif du verbe fare ( 16, I, A) Faccio nuoto. (l.15) Che cosa fai la mattina? Francesco fa nuoto. Compléter les phrases. 1. La mattina (io) un’ora di ginnastica. 2. Chiara la guida per Francesco. 3. Che cosa (tu) la sera? 4. Vado al cinema o una partita a tennis. 5. Francesco colazione tardi. 6. Io molti esercizi d’italiano per conoscere le coniugazioni. 7. Carlo pallavolo e la sua ragazza tennis. 7. Emplois de la préposition « da » ( 12, 3) da qui si vede... (l. 7) / da qui non si vede (l. 8) ci sono molti monumenti da scoprire (l. 5) - posso passare da te (l. 21) Compléter avec la préposition “da”. 1. Firenze a Roma ci sono 200 chilometri. 2. Non posso venire con te perché ho molte cose fare. 3. Ho ancora molte lezioni studiare. 4. lla mia casa si vede una bella piazza. 8. Comment traduire « il y a » (suite et fin) 18F c’è un monumento > ci sono molti monumenti da scoprire (l. 6) 1. Compléter : A Firenze molti monumenti da scoprire. il Palazzo della Signoria, il Duomo, molte chiese e molti musei da visitare. Qui dei libri d’italiano e un CD d’inglese. 2. Former des phrases : un libro d’italiano dei musei interessanti c’è degli studenti inglesi ci sono una ragazza italiana un cellulare molto recente una guida turistica 9A Molto adjectif indéfini ( 10, 2). Ci sono molti monumenti da scoprire (l. 6) Compléter les phrases. 1. In Italia ci sono spettatori allo stadio. 2. A Firenze Francesco vuole visitare musei. 3. Anche a Roma ci sono cose da vedere. 4. Paolo fa sport. 5. In Francia ci sono squadre di calcio. 6. Carla ha piantine di città italiane. 7. In Italia ci sono città grandi. 8. In Italia ci sono stadi. 9B Molto adverbe. 13, 4 Mi interessa molto. (l. 9) I gioielli non mi piacciono molto. Compléter avec molto, molta, molti ou molte 1. Ogni mattina Chiara corre . 2. Francesco mangia gelati. 3. A Chiara piacciono i gioielli. 4. In Italia ci sono squadre di calcio famose. 5. Questo ragazzo dorme 6. Sui lungarni ci sono macchine. 7. In questa scuola studenti hanno lo scooter. 8. Nell’edicola di Piazza Duomo ci sono giornali. 9. Questa professoressa non è severa. 10. Il David di Michelangelo è una statua celebre. 11. Questi autobus sono alti e lenti. 12. Sotto il ponte non passa acqua. Pagina | Cinquantasei56
  55. 55. ciao a tutti! Unità 4 Indice dell’unità Sono qui per qualche giorno 60-61 Comunichiamo 62-63 Intermezzo 64-66 In Italia 67-68 Impariamo per parlare 70-72 Pagina | Cinquantasette 57
  56. 56. Ciao a tutti! - Ulysse | Nosengo | LombardoCiao a tutti! - Ulysse | Nosengo | Lombardo Una famiglia Lista di nozze Fedi nuziali Informazioni sugli orari dei treni Montepulciano. La torre di Pulcinella Pagina | Cinquantotto58
  57. 57. - Je parle de ma famille et je m’intéresse à celle des autres - Je m’intéresse aux activités professionnelles - J’apprends à compter et à dire l’heure - Je demande à quelqu’un pourquoi il fait quelque chose Les adjectifs possessifs (révision et fin, emploi avec les noms de parenté) L’emploi de qualche Quelques emplois des prépositions a et da Le participe passé et le passé composé Pluriel des noms masculins se terminant par –io (révision) Unità 4 Pagina | Cinquantanove 59
  58. 58. Ciao a tutti! - Ulysse | Nosengo | Lombardo Chiara Dimmi una cosa: come mai sei a Firenze? Francesco Sono venuto a trovare i miei zii. Sono qui da ieri. Sono arrivato nel 5 pomeriggio verso le cinque. Sono qui per qualche giorno. Chiara Scusa la curiosità, cosa fanno i tuoi zii a Firenze? Francesco Mio zio, il fratello di mio padre, si è 10 stabilito qui l’anno scorso. Ha aperto una salumeria. Francesco Mia zia lavora in Comune. E i tuoi, cosa fanno? Chiara Mio padre è medico e mia madre è 15 infermiera. Ho un fratello che studia al liceo. È in campeggio con i suoi amici in Calabria. E tu, hai fratelli o sorelle? Francesco Sì, ho due sorelle. Chiara Ti hanno accompagnato? 20 Francesco No, non hanno potuto. La mia sorella maggiore è in Inghilterra. È stata invitata dalla sua corrispondente. Così può parlare inglese. E l’altra sta dai nostri nonni in campagna. 25 Chiara Allora sei venuto con i tuoi genitori? Francesco No, sono qui da solo. I miei non sono ancora in ferie. Mio padre fa il tassista e la mia mamma lavora in un supermercato. Forse vengono a 30 prendermi la settimana prossima. PRIMO TEMPO SONO QUI PER QUALCHE GIORNO NOSì Vero o falso? 1. Francesco è venuto a Firenze per vedere suo fratello. 2. È arrivato a Firenze la mattina. 3. Deve restare a Firenze per tutto il mese. 4. Francesco viene a trovare gli zii ogni anno. 5. Lo zio del ragazzo è medico e la zia infermiera. 6. La zia di Francesco lavora in un ospedale. 7. Chiara ha una sorella. 8. Il fratello di Chiara studia al liceo. 9. Francesco ha due sorelle. 10. Le sue sorelle sono venute con lui a Firenze. 11. La sorella minore di Francesco è in Inghilterra con la sorella maggiore. 12. I nonni di Francesco sono in campagna. Dimmi, come mai...? Sono venuto a trovare i miei zii. Sono qui da solo Domande sul dialogo 1. Perché Francesco è venuto a Firenze? 2. Da quanto tempo sta a Firenze? 3. Quanto tempo deve restare a Firenze? 4. Da chi abita Francesco a Firenze? 5. Che cosa fanno suo zio e sua zia a Firenze? 6. Da quanto tempo gli zii abitano a Firenze? 7. Che cosa fanno i genitori di Chiara? 8. Dove studia il fratello della ragazza? 9. Dove passa le vacanze? 10. Quante sorelle ha Francesco? 11. Perché la sua sorella maggiore è andata in Inghilterra? 12. Chi ha invitato la sorella minore? 13. Come mai i genitori di Francesco non sono venuti a Firenze? Parliamo un po’ di te. 1. Hai informazioni sulle famiglie dei tuoi amici? 2. Se tu hai degli zii, dei cugini o dei nonni, dove abitano? 3. Vai spesso a trovare i membri della tua famiglia? 4. Quanti fratelli e sorelle hai? Che cosa fanno? 5. Passi tutte le vacanze con la tua famiglia? Dove? 6. La sorella maggiore di Francesco è andata in Inghilterra per studiare l’inglese. E tu, che lingue studi? 7. Sei già andato (andata) nel paese dove si parlano? 8. Ti piace guardare dei film o ascoltare delle canzoni in lingua originale? 9. Per guardare un film in versione originale preferisci 10. andare al cinema, guardare la tv o un dvd? 11. Quando vai al cinema, preferisci vedere il film in lingua originale con i sottotitoli o in traduzione francese? Pagina | Sessanta60
  59. 59. SONO QUI PER QUALCHE GIORNOSONO QUI PER QUALCHE GIORNO Pagina | Sessantuno 61 Unità 4 1 22 3 44 55 66 777 88 9 10
  60. 60. Ciao a tutti! - Ulysse | Nosengo | Lombardo COMUNICHIAMO Chiedere e dare informazioni sulla famiglia / Demander et donner des renseignements sur sa famille Come si chiama tua madre? tuo padre? tuo fratello? tua sorella? Hai fratelli o sorelle? Quanti fratelli hai? Quanti zii hai? Come si chiamano i tuoi fratelli? Hai molti cugini? Quanti anni ha tua sorella? Dove abitano i tuoi zii? La mia mamma si chiama Marta e il mio papà si chiama Luigi. Sì, ho una sorella. No, sono figlio unico / figlia unica Due. Un fratello e una sorella. Tre. Mio padre ha una sorella e mia madre ha due fratelli. Il mio fratello maggiore si chiama Paolo e il mio fratello minore Luca. Ho tre cugine: sono le figlie del fratello di mio padre, mio zio Carlo. Ha 18 anni. A Milano. “ E tu hai fratelli e sorelle?” “Sì ho due sorelle.” (l. 18) “ La mia sorella maggiore è in Inghilterra. ” (l. 21) Chiedi a un(a) tuo(a) compagno(a) tre informazioni sulla sua famiglia. Chiedere e dare informazioni sull’attività professionale di qualcuno / Demander et donner des renseignements sur l’activité professionnelle de quelqu’un. Che lavoro fa tuo padre? Che lavoro fa tua madre? Cosa fa tuo zio? Che cosa fa il signor Rossi? Cosa fa tua sorella? Che cosa fa tuo nonno? È medico / dentista / operaio / insegnante / meccanico / impiegato Fa la segretaria / la farmacista / l’infermiera / la casalinga / l’insegnante / l’impiegata Lavora in banca / in Comune… / È disoccupato Lavora in una salumeria / farmacia / biblioteca… Non lavora, studia al liceo / all’Università. Non lavora più, è in pensione da due anni. “E i tuoi, cosa fanno?” “ Mio padre è medico e mia madre è infermiera” (l. 15) “ Mio padre fa il tassista e la mia mamma lavora in un supermercato” (l. 27) Pagina | Sessantadue62
  61. 61. A partire dalle risposte, crea le domande: Es. … (madre)? “Fa la segretaria.” > “Che lavoro fa tua madre?” “Fa la segretaria.” 1. (padre)? “Fa il medico.” 2. (nonna)? “È in pensione.” 3. (cugino)? “Si chiama Giorgio.” 4. (zii)? “Sì, tre.” 5. (nonni)? “A Roma.” 6. ? “Mio padre 45 e mia madre 41”. 7. ? “Sì, ho due sorelle.” 8. ? “La mia sorella maggiore studia al liceo e la mia sorella minore è alla scuola elementare.” Chiedere e dire l’ora / Demander et donner l’heure Che ora è ? è mezzogiorno Che ore sono? mezzanotte è l’una sono le due sono le tre e un quarto sono le quattro e mezza (mezzo) sono le cinque e venticinque sono le sei meno un quarto sono le sette meno cinque Chiedere a qualcuno perché fa qualcosa / Demander à quelqu’un pourquoi il fait quelque chose Come mai tua sorella è in campagna? Perché è andata a trovare i nonni. Come mai ti sei trasferito a Ventimiglia? Perché mio padre ha trovato un lavoro qui. Perché studi l’italiano? Per avere una corrispondente italiana / Così posso parlare con la mia corrispondente. Perché sei venuto a Firenze? Per visitare il Museo degli Uffizi la mia famiglia è di origine italiana Chiedi a un tuo compagno perché studia l’italiano. l’italiano è una bella lingua L’Italia è bella andare in Italia corrispondere con italiani leggere libri italiani vedere film italiani ascoltare canzoni italiane 12 6 39 12 6 39 12 6 39 12 6 39 12 6 39 12 6 39 12 6 39 12 6 39 12 6 39 Unità 4 Pagina | Sessantatré 63
  62. 62. Ciao a tutti! - Ulysse | Nosengo | Lombardo SECONDO TEMPO INTERMEZZO + = più - = meno x = per : = diviso 2+2 = 45-4 = 3x3 = 10:5 = 10+1 = 89-1 = 6x3 = 60:3 = 20+1 = 109-6 = 3x7 = 80:4 = 30+3 = 789-89 = 6x8 = 75:5 = 40+8 = 2006-7 = 9x9 = 1000:4 = I numeri uno due tre quattro cinque sei sette otto nove dieci undici dodici tredici quattordici quindici sedici diciassette diciotto diciannove venti ventuno ventidue ventitré ventiquattro venticinque ventisei ventisette ventotto ventinove trenta quaranta cinquanta sessanta settanta ottanta novanta cento duecento mille duemila un milione un miliardo 1. Come si leggono questi numeri ? 31, 33, 38, 41, 43, 48, 61, 63, 68, 1988. 2. Scrivi gli anni in lettere. La rivoluzione francese è scoppiata nel (1789) > millesettecentoottantanove Per la prima volta l’uomo è andato sulla luna nel (1969) ... Cristoforo Colombo ha scoperto l’America nel (1492) ... Il terzo millennio è cominciato nel (2000) ... Il secondo millennio è terminato nel (1999)... 3. Puoi aggiungere altre frasi di questo tipo? – Cosʼè riuscito a fare il mio tesoro con la super-colla di papà? Nell’elenco seguente indica i mobili e gli oggetti che: 1. sono stati incollati al soffitto con la “super-colla” 2. non sono incollati al soffitto 4. Un po’ di matematica! Fai queste operazioni: il televisore l’aspirapolvere il lampadario la poltrona un bicchiere un piatto il computer il tappeto il cane il gatto la sedia il tavolino le posate il telefono il divano LaSettimanaEnigmistica15/04/2006 Pagina | Sessantaquattro64
  63. 63. Luigi è il nonno di Pietro, Filippo è lo zio di Pietro, Marta è la suocera di Giovanna, Giovanna è la nuora di Marta e di Luigi, Andrea è il genero di Paolo. Nelle famiglie Martini e Romano, chi è sposato? Chi non è sposato? Chi è divorziato? Chi non lavora? Chi sono i genitori di Paola?…. Fai delle domande ai compagni sulle famiglie Martini e Romano. Es. Chi è la moglie di Luigi? 1. Nell’albero genealogico sono indicati molti mestieri. È difficile imparare a memoria in una sola volta tutte quelle parole. Scegli tre professioni che hai l’occasione di citare. (cfr. unità 8, p.125) 2. Anche se la lista è lunga, molte attività non sono citate. Chiedi all’insegnante la traduzione italiana di tre parole che ti sembrano indispensabili. Esempio: Professoressa, per favore, come si dice “avocat” (“maçon”, etc.) in italiano? (cfr. p.125) Unità 4 Pagina | Sessantacinque 65
  64. 64. Ciao a tutti! - Ulysse | Nosengo | Lombardo A che ora? Guarda le foto. Secondo te, quale momento della giornata è? 12 13-18 18-21 21-6 24 la mattina mezzogiorno il pomeriggio la sera la notte mezzanotte A che ora sei arrivato(a) a scuola stamattina? Alle 8? A che ora sei andato(a) a dormire ieri sera? A che ora hai cominciato a fare l’esercizio? Marta racconta la sua giornata di ieri. Ieri mattina mi sono svegliata alle 7. Mi sono alzata e mi sono lavata, poi ho fatto colazione: ho mangiato qualche biscotto con burro e marmellata d’arancia, ho preso uno yogurt e ho bevuto un tè. Mi sono vestita e ho preparato i miei libri. Sono uscita alle 8 meno venti e sono andata alla fermata dell’autobus. Lì ho incontrato qualche compagno di scuola. Siamo saliti sull’autobus e siamo arrivati a scuola alle 8 meno dieci. Alle 8 le lezioni sono cominciate. Sono durate dalle 8 alle 13. Sono tornata a casa e ho pranzato. Ho fatto i compiti dalle tre alle cinque e, verso le cinque e mezza ho fatto merenda e ho continuato a fare i compiti. Poi ho guardato un po’ la TV. Alle otto ho cenato con la mia famiglia, ho navigato un po’ su Internet e poi sono andata a dormire. Cosa ha fatto Marta ieri mattina? Cosa ha fatto Marta ieri pomeriggio? Cosa ha fatto Marta ieri sera? E tu? Cosa hai fatto ieri? Racconta ai compagni. Le lezioni sono cominciate alle 8. Sono durate dalle 8 alle 13. Fai tre frasi simili: usa « durare » e « cominciare » al passato prossimo. ( 17, 1) Pagina | Sessantasei66
  65. 65. TERZO TEMPO IN ITALIA Dal sito: www.trenitalia.it Te: Termini. Tib: Tiberina Rispondi: A che ora partono i treni da Roma? 1. alle otto e trenta 2. 3. 4. 5. A che ora arrivano a Firenze? 1. 2. 3. 4. 5. Qual è la durata di ogni viaggio? 1. 2. 3. 4. 5. Unità 4 Pagina | Sessantasette 67
  66. 66. Ciao a tutti! - Ulysse | Nosengo | Lombardo Guarda il disegno della famiglia di Michela. Secondo te, chi sono queste persone? Quanti anni hanno? Indica una persona del disegno e chiedi a un compagno. nonno ziononna zia madre padre figlionipote figlia fratello sorella cuginacugino Ecco i mestieri preferiti da ragazzi e ragazze italiani. E tu, quale preferisci? (cfr. p.150) Top 10 professioni I dieci mestieri preferiti dal complesso di studenti e studentesse delle scuole secondarie superiori Professione Voto desiderabilità (da 0 a 10) 1. Manager di un’azienda discografica 6,2 2. Attore/attrice teatrale o di cinema 6,2 3. Manager di un’impresa multinazionale 5,8 4. Capo ufficio studi di una grande banca 5,8 5. Esperto/a di grafica computerizzata 5,7 6. Regista televisivo 5,6 7. Giornalista per un quotidiano nazionale 5,5 8. Progettista di siti internet 5,4 9. Stilista di moda 5,4 10. Allenatore/trice di squadra sportiva 5,4 Fonte> Istituto Cattaneo 8 ottobre 2005 Pagina | Sessantotto68
  67. 67. A VOCE ALTA 1. Ascolta e completa il dialogo: La signorina Scusi, che è? Il signore Mi dispiace. Non l’orologio. Secondo me, non sono ancora le . La signora Ma no, sono già le quattro e un . La signorina Grazie, signora. Come si fa per andare alla ? Il mio treno parte alle cinque un quarto. Forse mi conviene prendere un taxi. La signora queste parti non passano molti taxi. A piedi ci vuole un quarto d’ per andare alla stazione. Non è lontana. La signorina Allora ci a piedi. Arrivederci. . 2. Ascolta e leggi: Il sole Il mattino fa ogni giorno il giro del mondo a destare1 le nazioni, gli uccelli, i boschi, i mari, i maestri e gli scolari. Da Oriente a Occidente il sole apre le scuole, i gessetti2 cantano sulle lavagne3 nere le parole più bianche di tutte le lingue. Si fa un po’ per uno4 a studiare: quando a Pechino i ragazzi vanno a giocare entrano in classe quelli di Berlino, e quando vanno a letto ad Alma Ata5 suona la sveglia a Lima e a Bogotà6. Si fa il turno: così non va perduto nemmeno un minuto. Gianni Rodari Don… Don… E mi dicono, Dormi! Mi cantano, Dormi! sussurrano, Dormi! bisbigliano1, Dormi! Là, voci di tenebra azzurra… Mi sembrano canti di culla2, che fanno ch’io torni com’ero3… sentivo mia madre… poi nulla… sul far della sera4. Giovanni Pascoli, Canti di Castelvecchio, Mondadori. 1 destare : réveiller 2 il gessetto : la craie 3 la lavagna : le tableau 4 per uno : chacun son tour 5 capitale du Kazakstan 6 capitales du Pérou et de la Colombie 1 bisbigliare : chuchoter 2 la culla : le berceau 3 ero: j’étais 4 à la tombée du jour 3. Ascolta le frasi e indica se sono affermative o interrogative. 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. 8. 9. 4. Ascolta e leggi: Unità 4 Pagina | Sessantanove 69
  68. 68. Ciao a tutti! - Ulysse | Nosengo | Lombardo QUARTO TEMPO IMPARIAMO PER PARLARE 1. Le possessif (adjectifs) avec les noms de parenté ( 6A). mio zio, mio padre (l. 9, l. 9, l. 14) – mia madre (l. 12) - mia zia (l. 12) - i miei zii (l. 3) - i tuoi zii (l. 7) la mia sorella maggiore (l. 20) - dai nostri nonni (l. 24) - la mia mamma (l. 28) mio figlio il mio fratello minore il loro nonno mia zia la mia sorella maggiore la loro nonna biondo malato in vacanza dinamico bruna simpatica dinamica è i miei figli i miei fratelli minori i loro nonni le mie zie le mie sorelle maggiori le loro nonne biondi malati in vacanza dinamici brune simpatiche dinamiche sono Compléter le tableau en indiquant l’adjectif possessif correspondant à la personne. Es : io - nonno - cellulare - sorellina - amici - fratello minore - famiglia > mio nonno - il mio cellulare - la mia sorellina - i miei amici - il mio fratello minore - la mia famiglia nonno cellulare cognome cugini fratelli sorellina madre amici fratello minore famiglia io • • • • tu • • • • lui • • lei • • • noi • • • • voi • • • loro • • • 2. Qualche ( 10, 1) Sono qui per qualche giorno (l. 5) Sei Siete qui a Firenze in Italia per molti mesi quindici giorni molto tempo tre settimane ? No, solo No, soltanto per qualche mese giorno ora Pagina | Settanta70
  69. 69. Unità 4 Pagina | Settantuno 71 5. Pluriel des mots masculins en « - io » ( 3CN, B, 1) Mio zio (l. 9) - i miei zii (l. 3) - il pomeriggio (l. 5), i pomeriggi 71 1. Relier les questions et les réponses : 1. Da quanto tempo abiti in questa città? 2. Il treno delle 11,30 parte da Roma o da Firenze? 3. Questo autobus viene dal centro? 4. Da quanto tempo studi l’italiano? 5. Da quanto tempo non mangi? 6. Da chi sei andato ieri sera? 7. Sei stato a casa da solo ieri? 8. Da dove arriva questo treno? 9. Dove vai in vacanza? Sì, arriva dal centro. Da sei anni. Da ieri. Da sei mesi. Da Roma. Sì, sono stato da solo perché i miei genitori sono usciti. Da Paolo. Dalla Francia. Dai nonni, in campagna. Donner les réponses aux questions, sur le modèle : “Sei a Firenze da molte settimane (giorno)?” “No, soltanto da qualche giorno.” 1. Aspetti da molto tempo? (minuto) 2. Siete tornati con molte ore di ritardo? (minuto) 3. Hai visitato molte città in Italia? (città d’arte) 4. Avete bevuto molto al bar? (coca cola) 5. Avete pagato molto? (euro) 6. Hai mangiato in molti ristoranti? (pizzeria) 7. Molti negozi sono aperti il lunedì? (negozio di alimentari) 8. Ci sono molti mezzi di trasporto nel tuo quartiere? (autobus) 9. In questo quartiere passano molte automobili? (motorino) 10. Hai ancora molti parenti a Roma? (cugino) 11. Hai scritto a molte amiche? (corrispondente) 12. Hai visto molti negozi sul Ponte Vecchio? (gioielleria) 13. Chiara ha molti gioielli? (collana) 2. 1. Demande à un(e) camarade si le bus qui arrive vient du centre. 2. Demande à un(e) camarade si le train de 11.30 (il treno) part de Rome ou de Florence. 3. Demande à un(e) camarade si tous les élèves habitent par ici ou s’ils viennent de loin (lontano). 4. Dis que tu étudies l’italien depuis deux mois. 5. Dis que hier tu n’as pas mangé de midi à minuit. 6. Dis que le texte a été lu (letto) par le professeur. 7. Dis que le dialogue a été joué (recitato) par tes camarades. 8. Dis que tu vas manger la pizza « Chez Mario ». 9. Dis que tu as fait le devoir (il compito) tout seul. Lo zio Gli zii Il pomeriggio I pomeriggi 3. Emplois de la préposition « a » ( 12,1,A,C) Sono venuto a trovare i miei zii (l. 3) Donner la réponse aux questions sur le modèle : “Perché sei entrata nel negozio? per chiedere il prezzo della collana?” “Sì, sono entrata a chiedere il prezzo.” 1. Perché sei venuto a Firenze? Vuoi visitare il museo degli Uffizi? 2. Perché siete andati a Napoli? Volete vedere il Vesuvio? 3. Perché sei tornata? Vuoi salutare Luigi? 4. Perché Carla è andata in Sicilia? Vuole andare a trovare sua nonna? 5. Perché Paul è venuto in Italia? Per visitare Roma? 4. Emplois de la préposition « da » ( 12, 3) Sono qui da ieri (l. 4) - sta dai nostri nonni (l. 24) - è invitata dalla sua corrispondente (l. 22) – sono qui da solo (l. 26)
  70. 70. Ciao a tutti! - Ulysse | Nosengo | Lombardo Compléter les phrases : 1. “Quanti zii hai?” “Ho un solo z…” 2. “Sei entrata in un solo negozio?” “No, sono entrata in tutti i n…” 3. “Il primo episodio non mi è piaciuto.” “A me invece tutti gli e… sono piaciuti.” 4. “Secondo me, tutti i p… del dialogo sono simpatici.” “Non sono d’accordo con te. A me piace soltanto il personaggio del contadino (paysan).” 5. “Vuoi un foglio di carta?” “Sì, anzi (et même) mi servono almeno cinque f…” 6. Le participe passé et le passé composé ( 15, A5) Sono arrivato (l. 4) - è stata invitata (l. 21) - si è stabilito (l. 10) - non hanno potuto (l. 20) Verbes réguliers Ieri ho parl-ATO con i miei amici al telefono ho ripet-UTO la lezione di storia ho dorm-ITO 8 ore (Io) sono andato / andata a casa alle otto (Noi) siamo andati / andate al cinema sabato pomerig- gio (io) mi sono lavato / lavata (tu) ti sei lavato / lavata (lui/lei) si è lavato / lavata (noi) ci siamo lavati / lavate (voi) vi siete lavati / lavate (loro) si sono lavati / lavate Verbes irréguliers: “venire”, aprire”. ( 16, 4) Sono venuto (l. 3) - ha aperto (l. 10) Venire > Sono venuto / venuta subito Aprire > Ho aperto la finestra 1. Compléter les phrases. 1. Francesco è (arrivare) a Firenze alle 5. 2. Il ragazzo ha (volere) visitare la città. 3. È romano, quindi non ha (trovare) facilmente Ponte vecchio. 4. Chiara lo ha (aiutare). 5. Lo zio di Francesco si è (stabilire) a Firenze. 6. Francesco ha (accettare) di andare a Piazzale Michelangelo. 7. A che ora è (cominciare) la passeggiata?” “È (cominciare) alle 13 ed è (finire) alle 18. È (durare) cinque ore.” 8. Il ragazzo ha (seguire) la sua nuova amica. 9. Io ho (fotografare) il David di Michelangelo. 10. Perché non hai (ripetere) la frase ad alta voce? 2. Mettre les verbes au passé composé. 1. Paolo (ricevere) una lettera da Martina. 2. Tu (finire) di fare l’esercizio? 3. Carlo ed io (avere) una giornata terribile. 4. I miei genitori (passare) le loro vacanze in Sicilia. 5. Luca (dormire) dalle 22 alle 10. 6. Io non (potere) fare tutti gli esercizi. 7. I tuoi fratelli (arrivare) a scuola in ritardo. 8. Ieri Carla (andare) a Firenze. 9. Mauro e Michela (uscire) alle 7 stamattina. 10. Le vostre sorelle (tornare) a casa alle 20. 11. Io (stare) a casa per guardare la tv. 12. Questa mattina Carla (alzarsi) alle 7. 13. Ieri sera io (addormentarsi) a mezzanotte. 14. Lei (svegliarsi) presto. 15. Lo zio di Francesco (stabilirsi) a Firenze. 16. Guglielmo (divertirsi) molto alla festa. Pagina | Settantadue72 D. Ghirlandaio. La nascita di Giovanni
  71. 71. ciao a tutti! Unità 5 Indice dell’unità Come stai? 76-77 Comunichiamo 78-79 Intermezzo 80 In Italia 81-83 Impariamo per parlare 84-86 Pagina | Settantatré 73
  72. 72. Pagina | Settantaquattro74 Il David in Piazza Michelangelo Ciao a tutti! - Ulysse | Nosengo | Lombardo Non è Maria, però… Panorama di Firenze da Piazza Michelangelo
  73. 73. 75 Mes relations avec les autres - Je demande « comment ça va ? » et je réponds. - Je parle du temps qui passe et du temps qu’il fait. - J’exprime la surprise, la satisfaction, le plaisir ou la déception et le mécontentement. Les adjectifs numéraux ordinaux. L’emploi de stare qualche, molto / molta, poco / poca, alcuno / alcuna L’adjectif (révision) et le pronom possessifs Le passé composé (suite) Pagina | Settantacinque Unità 5
  74. 74. PRIMO TEMPO COME STAI? Sì NO Vero o falso? 1. Chiara è andata a piazzale Michelangelo per incontrare Maria. 2. A Francesco piace Firenze ma trova che fa troppo caldo. 3. Chiara e Maria si sono viste recentemente. 4. Francesco dà a Chiara il suo numero di cellulare. - “Come stai?” “Sto bene, e tu?” - Benvenuto! Benvenuta! - Che sorpresa! - Non ci vediamo da un sacco di tempo. - È andato a casa cinque minuti fa. Pagina | Settantasei76 Maria Oh, ciao Chiara! Come stai? Chiara Ciao, Maria! Sto bene, e tu? Che sorpresa! Cosa fai a Piazzale Michelangelo? Maria Ho fatto un giro con Pietro in motorino. Lui abita da queste parti. È tornato a casa cinque minuti fa. E tu? 5 Chiara Sono venuta a mostrare la città a Francesco. È arrivato ieri da Roma. Sta qui per qualche giorno. Francesco Ciao, Maria. Maria Ciao, Francesco. Benvenuto a Firenze! Francesco Grazie! È una città meravigliosa. Ma fa sempre così caldo? 10 Maria D’estate, sì. Chiara Maria, sono proprio felice d’incontrarti. Non ci vediamo da un sacco di tempo. Maria Sai, da quando siamo in vacanza, vado sempre in giro. Chiara Eh! Lo so, con il tuo famoso motorino... 15 Ma adesso puoi restare un po’ con noi? Maria Eh, no. Purtroppo, sono le sei. Sono già in ritardo. Devo tornare a casa. Francesco Peccato! Maria Se vuoi, ti lascio il mio numero di cellulare. Francesco Grazie. Ti do’ il mio. Ci sentiamo, d’accordo? 20 Maria Ci conto! Restate ancora un po’ qui? Chiara Sì, una mezz’oretta. Adesso andiamo a visitare San Miniato. Maria Beh! Io vado. Ciao! Domande sul dialogo 1. Perché Maria è venuta a Piazzale Michelangelo? 2. Come ci è venuta? 3. Con chi e perché? 4. A che ora si svolge la scena? 5. La conversazione tra Maria Francesco e Chiara non dura molto. Perché? 6. Perché Francesco e Maria si scambiano il numero di telefono? 8. Come reagisce Chiara? È molto soddisfatta o è un po’ gelosa? (guarda il disegno) 9. Come si chiude la scena? 10. Che cosa fa Maria? 11. Cosa vogliono fare Chiara e Francesco? Ciao a tutti! - Ulysse | Nosengo | Lombardo Parliamo un po’ di te 1. Maria e Pietro hanno il motorino. Chi ha un motorino in questa classe? 2. Da quando tempo? 3. Quanto costa un motorino? 4. Quanti litri di benzina consuma? 5. Qual è la velocità massima del tuo motorino? 6. A che cosa ti serve il motorino? 7. Quali consigli ti danno i tuoi genitori? 8. Maria ha un casco. Anche tu rispetti sempre l’obbligo di portare il casco? 9. Quanto costa una multa se non porti il casco? E se superi i limiti di velocità? 10. Tu continui a frequentare i compagni di scuola durante le vacanze? Che cosa fate insieme? 11. Chiara approfitta dell’occasione per visitare San Miniato. Quali monumenti, musei o luoghi pittoreschi ci sono nella tua città? 12. Li hai visitati tutti? Quali non hai mai visitato? 13. Hai il telefonino? Qual è il tuo numero?
  75. 75. COME STAI?COME STAI? Unità 5 1 22 3 6 4 5 7 88 9 1010 77Pagina | Settantasette
  76. 76. Ciao a tutti! - Ulysse | Nosengo | Lombardo 78 Chiedere “Come va?”e rispondere / Demander “Comment ça va?” et répondre Come va? Bene. Tutto bene. Non c’è male. Pagina | Settantotto COMUNICHIAMO Chiedere “Come stai?”e rispondere. / Demander: «Comment vas-tu?» et répondre. Come stai? (Sto) benissimo, grazie. (Sto) bene. E tu? Bene, grazie. Non c’è male, grazie. Non sto bene / Non sto molto bene “Oh, ciao Chiara, come stai?“ “ Ciao, Maria! Sto bene, e tu?” (l. 2) Chiedi a un tuo compagno come sta oggi. Esprimere sorpresa, delusione, contentezza, scontentezza / Exprimer la surprise, la déception, la satisfaction, le mécontentement Che sorpresa! Cosa fai qui? Che fortuna! Domani cominciano le vacanze! (Che) peccato! Marco non può venire in piscina con noi perché deve studiare. Che sfortuna! Ho perduto il treno. “Che sorpresa! Cosa fai a Piazzale Michelangelo ? “ (l. 2) “ Devo tornare a casa” “ Peccato!” (l. 16) “Ci sentiamo, d’accordo?” “ Ci conto!” (1. 20) A partire dalle frasi, usa l’esclamazione giusta: 1. ! Cosa fai qui a Roma? 2. ! Il professore mi ha interrogato. 3. ! Non posso venire al cinema con voi. Mia madre non vuole. 4. ! Oggi non abbiamo compiti. 5. ! Non abbiamo il tempo di prendere qualcosa al bar con voi. 6. ! Ho trovato 10 euro per terra. 7. ! Abbiamo perduto la partita. 8. ! Ciao, Paolo! Cosa fai qui davanti alla mia scuola? Completa: “Ciao, Pietro, stai?” “ , grazie. E ? “Non c’è . Scusa, ma devo andare. Mio padre mi aspetta. Ci !” “Va bene, a .” - Le stagioni: la primavera (21 marzo), l’estate (21 giugno), l’autunno, (21 settembre), l’inverno (21 dicembre) Salutare e promettere di restare in contatto / Prendre congé et promettre qu’on gardera le contact. Ci sentiamo! Ci conto! Ti chiamo! D’accordo! Ti scrivo! A presto! Alla prossima! Parlare del tempo atmosferico e delle stagioni / parler du temps qu’il fait et des saisons d’inverno? Fa freddo, piove o nevica. In certe regioni c’è la nebbia. in primavera? Fa ancora fresco ma c’è il sole. Che tempo fa d’estate? Fa molto caldo. C’è sempre il sole. in autunno? Non fa ancora molto freddo ma piove spesso “Ma fa sempre così caldo?” “D’estate sì”. (1. 9)
  77. 77. 79Pagina | Settantanove Rispondi: (cfr. p.78, 80) - Quali sono le quattro stagioni? - Quando comincia la primavera? l’estate? l’autunno? l’inverno? - Che tempo fa nella tua regione in primavera? - D’estate? In autunno? D’inverno? - Quanti giorni ci sono in un anno? E in un mese? - Che tempo fa oggi? Chiedere informazioni sulla date / Demander des renseignements sur la date Che giorno è oggi? Oggi è sabato. Quanti ne abbiamo oggi? 17 ( Ne abbiamo 17). il tuo compleanno? Il 12 maggio. Quando è Natale? Il 25 dicembre. Pasqua, quest’anno? Il 16 aprile. Rispondi: La settimana Quali sono i giorni della settimana? Quanti giorni ci sono nella settimana? Quando vai a scuola? Quale giorno della settimana preferisci? Quanti mesi e quante settimane ci sono in un anno? Le vacanze scolastiche. Quali sono i periodi delle vacanze scolastiche? Quanto durano le vacanze natalizie? Quando cominciano e quanto durano le vacanze estive? Quali vacanze preferisci e perché? Completa la tabella. Siamo nel 2 - Sono nato nel 19 - Ho anni Conosci la data di nascita e il giorno del compleanno o onomastico dei tuoi amici o dei membri della tua famiglia? (i genitori, i nonni, i fratelli e le sorelle, ecc.)? Puoi fare qualche esempio? Unità 5 I giorni della settimana: Iunedì La settimana martedì Il mese mercoledì Il trimestre giovedì La stagione venerdì L’anno sabato domenica
  78. 78. Ciao a tutti! - Ulysse | Nosengo | Lombardo SECONDO TEMPO INTERMEZZO I numeri ordinali. uno 1º primo undici 11º undicesimo ventuno 21º ventunesimo due 2º secondo dodici 12º dodicesimo ventidue 22º ventiduesimo tre 3º terzo tredici 13º tredicesimo ventitré 23º ventitreesimo quattro 4º quarto quattordici 14º quattordicesimo ventiquattro 24º ventiquattresimo cinque 5º quinto quindici 15º quindicesimo venticinque 25º venticinquesimo sei 6º sesto sedici 16º sedicesimo ventisei 26º ventiseiesimo sette 7º settimo diciassette 17º diciassettesimo ventisette 27º ventisettesimo otto 8º ottavo diciotto 18º diciottesimo ventotto 28º ventottesimo nove 9º nono diciannove 19º diciannovesimo ventinove 29º ventinovesimo dieci 10º decimo venti 20º ventesimo trenta 30º trentesimo 1. Come si dice 100°?, 1000°?, 1.000.000°? 2. Come si scrive 43°? 46°? 48° ? 73° ? 76°? 78°? 83°? 88°? 86°? 3. Ci sono 6 persone nell’ascensore di un grattacielo. Premono i pulsanti 3, 7, 8, 13, 21, 28. A che piano salgono? Le festività religiose e civili. Quali sono le principali feste religiose e civili in Italia e in Francia? Quando sono? Le feste private. Quali sono le feste familiari che non vuoi dimenticare (compleanno o onomastico...)? A casa tua, in quali occasioni si fanno i regali? Fai delle domande ai tuoi compagni: es. «Che cosa hai fatto sabato scorso?» «Sono uscito con i miei amici, e tu?» l’estate scorsa in vacanza / ieri / a Pasqua / il primo maggio / a Natale / a Ferragosto / a Carnevale / dieci minuti fa / lunedì scorso a scuola / due sere fa L’anno. Le stagioni. I mesi. Le festività religiose e civili. GENNAIO 1. Capodanno 6. Epifania FEBBRAIO Carnevale MARZO 8. Giornata della donna 19. Festa del papà 20. Primavera APRILE Pasqua (data variabile) 25. Festa della Liberazione MAGGIO 1. Festa del lavoro Festa della mamma (data variabile) GIUGNO 2. Festa della Repubblica 21. Estate LUGLIO AGOSTO 15. Ferragosto SETTEMBRE 23. Autunno OTTOBRE NOVEMBRE 1. Ognissanti DECEMBRE 21. Inverno 25. Natale 26. Santo Stefano Pagina | Ottanta80
  79. 79. TERZO TEMPO IN ITALIA Carnevale Carnevale in filastrocca1, con la maschera sulla bocca, con la maschera sugli occhi, con le toppe2 sui ginocchi: sono le toppe d’Arlecchino, vestito di carta, poverino. Pulcinella è grosso e bianco, e Pierrot fa il saltimbanco. Pantalon dei Bisognosi “Colombina,” dice, “mi sposi?” Gianduia lecca3 un cioccolatino e non ne da’ niente a Meneghino, mentre Gioppino col suo randello4 mena botte5 a Stenterello. Per fortuna il dottor Balanzone gli fa una bella medicazione6, poi lo consola: “È Carnevale, e ogni scherzo7 per oggi vale.” Gianni Rodari da: www.filastrocche.it 1 la filastrocca: la comptine. 2 la toppa: la pièce, le rapiéçage. 3 leccare: lécher. 4 il randello: le gourdin. 5 menar botte: donner des coups. 6 una medicazione: una medicina, un médicament. 7 lo scherzo: la plaisanterie, le bon (ou le mauvais...) tour. Carnevale e commedia dell’arte Le maschere della commedia dell’arte Durante il carnevale tutti i bambini italiani si travestono e, a Venezia, anche gli adulti. I travestimenti sono vari, più o meno ricchi ed eleganti o invece fantasiosi, divertenti o grotteschi. Tra la folla si riconoscono talvolta certe maschere che appartengono alla grande tradizione italiana della Commedia dell’arte. È una forma teatrale che ha influenzato la storia della commedia in tutta Europa e che continua ad essere recitata con successo. Molière ha subito all’inizio della sua carriera parigina la concorrenza dei comici italiani e, più tardi, Marivaux ha scritto, nel 1720, un Arlequin poli par l’amour. Forse hai già visto in fotografia o nei quadri, oppure a teatro, i personaggi più noti e non ne da’ niente a Meneghino, mentre Gioppino col suo randello influenzato la storia della commedia essere recitata con successo. Molière ha subito all’inizio della sua carriera parigina la concorrenza dei comici Arlequin poli par Forse hai già visto in fotografia o nei quadri, oppure a teatro, i personaggi Sei invitato a Venezia per il Carnevale. Che tipo di travestimento scegli? Che cos’è la Commedia dell’arte? Guarda le illustrazioni. Chi sono questi personaggi? Quali sono le loro caratteristiche? Unità 5 Pagina | Ottantuno 81

×