Your SlideShare is downloading. ×
DOXA: Indagine sui pazienti con ipotiroidismo
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×

Introducing the official SlideShare app

Stunning, full-screen experience for iPhone and Android

Text the download link to your phone

Standard text messaging rates apply

DOXA: Indagine sui pazienti con ipotiroidismo

179
views

Published on

Why patients are not satisfied?

Why patients are not satisfied?

Published in: News & Politics

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
179
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
10
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. L’ipotiroidismo nel vissuto del paziente:le difficoltà a seguire la terapia e i suoi riflessi sullo stato di salute Milano, 27 Marzo 2013 Doxa – Milano, via Panizza 7 – per IBSA s.r.l.
  • 2. Obiettivi, metodologia e campione L’indagine è stata ideata da Doxa con lo scopo di monitorare la qualità di vita dei pazienti con ipotiroidismo, considerando il forte impatto di questa patologia cronica, causa di molti disturbi, e della terapia prevista per il controllo dei valori ormonali Campione: 243 pazienti affetti da ipotiroidismo Metodologia: i paziente sono stati invitati dai loro medici curanti (endocrinologi) alla compilazione in forma anonima e in autonoma di un questionario cartaceo della durata di circa 10 minuti Periodo di rilevazione: ultimo trimestre 2012 Struttura del questionario: una prima sezione è stata compilata a cura del medico (per la raccolta dei dati clinici relativi al paziente e come termine di confronto rispetto alle risposte del paziente) e la seconda ha raccolto la prospettiva diretta del paziente Sesso Età Fino a 34 anni 83 27 35-47 anni 17 21 29 48-60 anni 1 23 oltre 60 anni Uomini n= 202 % Non indica Donne In menopausa 43 Età media: 48 anni Non in menopausa 57Base:totale campione = 243 Valori % Doxa – Milano, via Panizza 7 – per IBSA s.r.l. 2
  • 3. 1 Il profilo del paziente nella prospettiva del medico Doxa – Milano, via Panizza 7 – per IBSA s.r.l. 3
  • 4. Tiroidite cronica Hashimoto con ipotiroidismo la forma più diffusa Da quale forma di patologia tiroidea è affetto il paziente? Valori % 2 12 21 5 60 Ipotiroidismo semplice Tiroidite cronica Hashimoto con ipotiroidismo Pregressa terapia con radioiodio Tiroidectomia Non indicaBase:totale campione = 243 Doxa – Milano, via Panizza 7 – per IBSA s.r.l. 4
  • 5. Un paziente complesso, che nella metà circa dei casi presenta comorbilità… Il paziente presenta comorbilità? Quali comorbilità? Ipertensione arteriosa 48 Diabete 10 55 Ipercolesterolemia 45 Quali? 8 Iperlipidemia/Dislipidemia 7 Obesità 5 Osteopenia 5 Pazienti che presentano comorbilità Osteporosi 5 Pazienti che non presentano comorbilità Asma 3 Celiachia 3 Psoriasi 3 Depressione 3 Cardiopatia 3 Carcinoma 3 Anemia 2 GERD 2 Gastrite 2 Policistosi ovarica 2 Valori %Base: totale campione = 243 Base: pazienti con comorbilità = 110 Doxa – Milano, via Panizza 7 – per IBSA s.r.l. 5
  • 6. …spesso poli-trattato con altri farmaci che possono contrastare l’efficacia della terapia per ipotiroidismo Il paziente è attualmente in trattamento anche con altre terapie (oltre L-tiroxina)? Antipertensivi 15 PPI 12 32 ACE inibitori 11 Statine 68 10 ASA 10 Metformina 9 In trattamento anche con altre terapie Vitamina D 7 In trattamento solo con L-tiroxina Calcio 7 Betabloccanti 7 Broncodilatatori 3 Antidepressivi 3 Insulina 3 Anticoncezionali 3 Valori %Base: totale campione = 243 Base: pazienti con comorbilità = 110 Doxa – Milano, via Panizza 7 – per IBSA s.r.l. 6
  • 7. …con una lunga storia terapeutica per ipotiroidismo alle spalle Da quanto tempo il/la paziente è in terapia sostitutiva con L-tiroxina? Valori % Fino a 5 anni 8 8 Da 6 a 10 anni 13 36 Da 11 a 15 anni 35 Oltre 15 anni Non ricorda In media da: 8 anniBase:totale campione = 243 Doxa – Milano, via Panizza 7 – per IBSA s.r.l. 7
  • 8. E con un livello di compliance che per 1 paziente su 2 non è buono Come considera la compliance del suo paziente? Valori % 1 SCARSA 18 MEDIA 52 29 BUONA Non saBase:totale campione = 243 Doxa – Milano, via Panizza 7 – per IBSA s.r.l. 8
  • 9. 2 Il vissuto della patologia nella prospettiva dei pazienti Doxa – Milano, via Panizza 7 – per IBSA s.r.l. 9
  • 10. Una patologia che incide sull’auto-percezione di più di 1 paziente su 3 Lei si sente diverso/a da quando soffre di ipotiroidismo? SI 37 60 NO 3 Non sapreiBase:totale campione = 243 Valori % Doxa – Milano, via Panizza 7 – per IBSA s.r.l. 10
  • 11. Anche in relazione alla necessità di dover assumere un farmaco a vita Lei è preoccupato dalla dipendenza a vita da un farmaco? SI 31 68 NO 1 Non saprei Si tratta infatti di una patologia cronica che determina l’assunzione quotidiana di un farmaco, andando ad impattare sulle normali abitudini dei pazientiBase:totale campione = 243 Valori % Doxa – Milano, via Panizza 7 – per IBSA s.r.l. 11
  • 12. Da non trascurare i problemi di compliance: 2 pazienti su 3 non rispettano le indicazioni d’uso e 1 su 3 fatica ad assumere correttamente il farmaco Solitamente, dopo l’assunzione E questo tempo di attesa prima di L-tiroxina, quanto tempo della colazione è sempre aspetta prima di fare colazione? costante? Meno di 15 47 minuti SI 64 19 Tra 15 e 29 34 minuti 36 30 minuti e NO oltre Il 66% dei pazienti fa colazione entro i 30 minuti dall’assunzione del farmaco mettendone a rischio l’ efficaciaBase:totale campione = 243 Valori % Doxa – Milano, via Panizza 7 – per IBSA s.r.l. 12
  • 13. Per quanto semplici, le regole di assunzione impattano sulla quotidianità e risultano difficili da accettare (per più di 1 paziente su 3) Le pesa attendere questo tempo? Valori % SI 36 64 NO E i pazienti meno complianti sono proprio quelli che più faticano ad adattarsi alle costrizioni legate all’assunzione della terapia Pazienti con Pazienti con Pazienti con scarsa compliance media compliance buona compliance (n=44) (n=71) (n=125) Sì 59% 39% 26% No 41% 61% 74%Base:totale campione = 243 Doxa – Milano, via Panizza 7 – per IBSA s.r.l. 13
  • 14. I pazienti riconosciuti dal medico come meno complianti, sono anche i più preoccupati dalla dipendenza a vita da un farmaco… Lei è preoccupato dalla dipendenza a vita da un farmaco? 100 90 SI 25 80 41 35 70 60 NO 50 40 61 75 30 59 20 Non sa rispondere 10 0 4 Compliance scarsa Compliance media Compliance buona (n=44) (n=71) (n=125)Base:totale campione = 243 Valori % Doxa – Milano, via Panizza 7 – per IBSA s.r.l. 14
  • 15. …e i meno soddisfatti dal proprio stato di salute (probabilmente a causa della scorretta, e quindi meno efficace, assunzione della terapia) In generale si ritiene soddisfatto/a del suo stato di salute? 100 90 SI 80 70 55 60 72 90 NO 50 40 30 20 45 Non sa 10 27 rispondere 10 0 1 Compliance scarsa Compliance media Compliance buona (n=44) (n=71) (n=125)Base:totale campione = 243 Valori % Doxa – Milano, via Panizza 7 – per IBSA s.r.l. 15
  • 16. In conclusione  Nella prospettiva del medico, 1 paziente su 2 non è aderente alla terapia, dato che trova conferma nel comportamento reale del paziente (medici e pazienti concordano dunque nella valutazione di questo aspetto)  Il 36% dei pazienti fatica a seguire correttamente le indicazioni di assunzione del farmaco e quanto più il paziente si discosta da queste regole, tanto più risulta insoddisfatto del proprio stato di salute  Il tema della compliance è dunque rilevante: è dimostrato che le complicanze assuntive incidano sull’aderenza con un impatto rilevante, e questo è l’aspetto più preoccupante, sulla reale efficacia della terapia assunta.. Doxa – Milano, via Panizza 7 – per IBSA s.r.l. 16
  • 17. In conclusione«Perché una prescrizione non viene seguita? La terapia di un pazientecronico richiede una serie di comportamenti che incide su tutti gliaspetti della vita di una persona: lavoro, amici, tempo libero, abitudinialimentari e di vita. Al paziente cronico il medico proibisce alcuneattività e ne impone altre. Chiede di prendere numerose pillole, aorari definiti e quotidianamente. E per tutta la vita. Il medico fa ilsuo dovere, spesso senza rendersi conto che nel poco temponecessario per scrivere la sua prescrizione è contenuta la richiesta, alpaziente, di un profondo mutamento del proprio modo di pensarsi e divivere la vita da ora in poi.Forse sarebbe importante che il medico riuscisse – qualche volta – amettersi davvero nei panni del suo paziente!» Jean Philippe Assal Doxa – Milano, via Panizza 7 – per IBSA s.r.l. 17
  • 18. In conclusioneNell’ottica di migliorare lo stato di benessere del paziente attraverso una migliorecompliance, un ruolo molto importante è giocato dalla buona relazione medico-paziente, soprattutto quando parliamo di una patologia cronica come l’ipotiroidismo:è il medico che deve trasferire il valore di una corretta adesione alla curaprescritta, informandolo sui benefici a lungo termine che questa comporta, in modoche il paziente possa aderire, in modo più cosciente, al processo di cura.Se il paziente si sente sostenuto dal medico e si convince dell’importanza e delbenessere che può derivare dall’assunzione della terapia, risulterà più semplice unacorretta adesione al modello terapeutico con evidenti conseguenze migliorativesulla sua qualità di vita. Doxa – Milano, via Panizza 7 – per IBSA s.r.l. 18
  • 19. In conclusione Qualità di vita Aderenza Rapporto medico-paziente Nel quadro delineato è possibile presumere che un farmaco chesemplifichi la vita del paziente imponendo meno vincoli e alterando il meno possibile la sua quotidianità, posso facilitare la sua aderenza, migliorando lo stato complessivo del paziente. Doxa – Milano, via Panizza 7 – per IBSA s.r.l. 19
  • 20. Grazie per l’attenzione Giuseppe Venturelli Doxa – Milano, via Panizza 7 – per IBSA s.r.l. 20