Your SlideShare is downloading. ×
“Avvelenamento da ingestione di funghi tossici” Pag. 1“Avvelenamento cianidrico” Pag. 1“Avvelenamento solaninico” Pag. 2“A...
AVVELENAMENTO SOLANINICO: Nella pata-ta, sono presenti due alcaloidi: la solanina e latomatina, inibitori della colinester...
Molte specie di funghi contengono alcaloiditriptaminici: una di queste è la Copelandia cya-nescens. Questa sostanza psicoa...
LO “STRAMONIO”, L’ERBA DEL DIAVOLOConosciuto fin dai tempi degliAztechi, lo Stramonio era utiliz-zato in molte culture com...
COME UCCIDE?A causa degli alcaloidi contenuti (atropina, scopolamina eiosciamina), fiori, semi e foglie sono altamente tos...
Pagina 6 Titolo notiziarioD.S. Prof.ssa Maria Aida EpiscopoEsperto Prof. Antonio Michele RiccioTutor Prof.ssa Leonarda Mal...
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Tossicologia alimentare

448

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
448
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
4
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Transcript of "Tossicologia alimentare"

  1. 1. “Avvelenamento da ingestione di funghi tossici” Pag. 1“Avvelenamento cianidrico” Pag. 1“Avvelenamento solaninico” Pag. 2“Avvelenamento da senecio” Pag. 2“Composti psicoattivi” Pag. 2“Ammine pressorie” Pag. 2“Sindrome sgombroide” Pag. 2“Che cos’è la COPELANDIA CYANESCENS” Pag. 3“Lo Stramonio, l’erba del diavolo” Pag. 4Alcuni degli alimenti che consumiamo, oltre adapportare numerosi principi nutritivi, conten-gono sostanze che possono risultare tossicheper l’organismo, in quanto generano patologie.Il loro consumo ha origini storiche antiche poi-ché legate a pratiche esoteriche e mistiche.Particolari sostanze tossiche, presenti negli ali-menti, sono le principali cause di avvelenamen-ti:AVVELENAMENTO DA INGESTIONE DIFUNGHI TOSSICI: Molte specie di funghi con-tengono “amanitine”, un veleno citotossico con-siderato uno dei più letali responsabile della“sindrome falloidea”, che ha presentatonell’arco degli anni l’avvelenamento da funghicon più frequente esito mortale e un velenoneurotossico come la “muscarina”. Le amaniti-ne, che figurano tra i tossici a maggiore potereletale hanno come bersaglio il nucleo degli e-patociti e la dose letale corrisponde a 0,1 mg/Kg di peso corporeo, mentre la “muscarina” èuna tossina termolabile che stimola le termina-zioni nervose del parasimpatico, dove esercitaeffetti simili a quelli dell’acetilcolina, importan-te neurotrasmettitore con cui compete; è re-sponsabile della “sindrome muscarinica”. Ilquadro clinico è caratterizzato da ipersecrezio-ne ghiandolare, vomito, diarrea, dispnea dabroncocostrizione, ipotermia, insufficienza car-diaca, la terapia prevede la somministrazionedell’atropina, un antidoto specifico.AVVELENAMENTO CIANIDRICO: Nei semidi rosacee prunoidee quali mandorle amare,pesche, albicocche, ciliegie, prugne, mele,pere, nespole del Giappone, fagiolo di Lima,fagiolo di Graiz, tuberi di manioca, sono pre-senti dei glucosidi come amigdalina, prunasina,durrina, linamarina, vicianina, che liberano aci-do cianidrico, dal caratteristico odore di man-dorla amara. La dose letale di cianuro perl’uomo è compresa tra 0,5-3,5 mg/Kg di pesocorporeo e l’avvelenamento acuto è determinauna anossia istotossica (i tessuti non riescono autilizzare l’ossigeno del sangue) con convulsio-ni, arresto respiratorio, collasso e morte repen-tina,15-20 minuti dall’ingestione. In particola-re, nella manioca, che è un’importante sorgen-te di carboidrati per le popolazioni dell’Africae del Sudamerica, i componenti tossici vengo-no detossificati facendo bollire a lungo i tuberidi manioca e gettando via l’acqua, o facendolifermentare e macerare in acqua.LARITISMO: E’un disturbo neurologico, carat-terizzato da debolezza muscolare, paralisi agliarti inferiori, paraplegia spastica, tremori, alte-razioni scheletriche. E’ associato ad un eccessi-Edizione Maggio 2013 2013P O N “ S A L U T E , A M B I E N T E E T E R R I T O R I O ”I . I . S . S . “ O . N O T A R A N G E L O - G . R O S A T I ” F O G G I AObiettivo Azione F2Codice Progetto Nazionale F-2-FSE-2011-118Riferimenti Bando n. 4462-31/03/2011SOMMARIOAmanita phalloidesTOSSICOLOGIA ALIMENTARE” Pagina 1“TOSSICOLOGIA ALIMENTARE”
  2. 2. AVVELENAMENTO SOLANINICO: Nella pata-ta, sono presenti due alcaloidi: la solanina e latomatina, inibitori della colinesterasi, che è unenzima responsabile della trasmissione nervosa eneuromuscolare. Il contenuto di solanina dipendeda numerosi fattori, quali l’esposizione alla lucedel sole, la varietà, il grado di maturazione, laquantità di fertilizzanti utilizzati nella coltura e lecondizioni di conservazione, preparazione e cot-tura e alla dose di 2mg/Kg di peso corporeo, lasolanina produce disturbi neurologici, nausea,vomito, depressione cardiovascolare e respirato-ria, e nei casi più gravi coma e morte.AVVELENAMENTO DA SENECIO: Diversepiante come la crotalaria, polmonaria, senecio,borrago officinalis, heliotropium, utilizzate comeinfusi o alimenti, contengono alcaloidi pirrolizidi-nici, che hanno dimostrato un notevole grado diepatotossicità, e causano cirrosi e ascite.COMPOSTI PSICOATTIVI: Nella noce moscata,nel pepe nero, nel prezzemolo e nella carota èpresente la miristicina, che a dosi elavate è eleva-te è un potente narcotico mentre a dosi modesteprovoca emicrania, nausea, ipotensione, depres-sione, acidosi. Nel caffè, nel the, nel cacao e nellacola sono presenti derivati della xantina, chesvolge un’azione stimolante.Pagina 2 “TOSSICOLOGIA ALIMENTARE”AMMINE PRESSORIE: Nella banana, nel succodi ananas e in altri frutti sono presenti delle so-stanze vasoattive come dopammina, epinefrina,norepinefrina, serotonina e tirammina, che innal-zano la pressione arteriosa. Inoltre nel cioccola-to, nei formaggi e nei vini rossi è stata trovata lafeniletilammina, ammina vasopressoria che puòrisultare tossica.SINDROME SGOMBROIDE : E’ un intossicazio-ne da istamina, infatti recente è un intossicazionea Palermo causata da tonno rosso con un eccessi-vo contenuto di istamina, generata da un inizialestato di decomposizione del pesce che è statolanciato sul mercato locale a basso costo (trattodall’articolo Il fatto alimentare).Crotalaria junceaMyristica fragrans (noce moscata)Thunnus thynnus (Tonno rosso)
  3. 3. Molte specie di funghi contengono alcaloiditriptaminici: una di queste è la Copelandia cya-nescens. Questa sostanza psicoattiva, che alterae stimola la mente, sembra che sia originariadellAsia, ma siccome si tratta di una varietà efacilmente ritrovabile nelle Hawaii, è conosciutacome "The Hawaiian". I funghi magici sono statiusati in Messico durante i secoli, ma oggigiornosono facilmente disponibili ed alla portata ditutti per la loro fama di sostanza psichedelicanaturale.Storia: Pitture rupestri risalenti al 9000 a.C., nel-la Piana di Tassili, nel nord dellAlgeria ritraggo-no figure antropomorfe con il corpo ricopertoda immagini di funghi. Ciò prova che i funghierano utilizzati per uno scopo spirituale mistico.La psilocibina e la psilocina, sono le principalisostanze psico-attive contenute nei funghi magi-ci e mentre la prima non è stabile e si decompo-ne quando i funghi sono essiccati, la seconda èstabile e si mantiene molto più a lungo. Entram-be le sostanze sono psicoattive sono capaci diaumentare il livello di dopamina nel cervello,quello che viene percepito dal nostro cervellocome "linizio del viaggio".CHE COS’È LA “COPELANDIA CYANESCENS?TOSSICOLOGIA ALIMENTARE” Pagina 3LO SAPEVI CHE...Dopo la loro importante diffusione nel"movimento psichedelico degli anni60",i funghi contenenti “psilocibina”sono, ancora oggi, tra le sostanzeallucinogene più usate con finalitàvoluttuaria.QUALI SONO I SUOI EFFETTI?Le reazioni più tipiche sul nostro corpo sono: pu-pille dilatate, muscoli rilassati e sensazioni difreddo negli arti e nelladdome. Dosi massicce difunghi magici sono capaci di "piegare" lo spazioed il tempo, dandoci pensieri profondi e visiona-ri (una comprensione completa di "come funzio-na lintero universo"); la creatività viene stimola-ta e si avranno allucinazioni.
  4. 4. LO “STRAMONIO”, L’ERBA DEL DIAVOLOConosciuto fin dai tempi degliAztechi, lo Stramonio era utiliz-zato in molte culture comepianta necessaria per la divina-zione. Lo stregone, dopo averingerito foglie o semi triturati, ca-deva in uno stato di trance duran-te il quale veniva posseduto daglispiriti. Al risveglio, poteva an-nunciare a tutta la popolazione imessaggi che gli erano stati sve-lati durante il sonno allucinato-rio. Durante riti di iniziazione, lostramonio era utilizzato comemezzo per ottenere visioni dellavita futura dei ragazzi che passa-vano dalla giovinezza alla vita a-dultaIn alcuni riti notturni africani, lostramonio veniva fatto ingerire aragazze filatrici di cotone, cheriuscivano poi a essere sedatesolo da un battitore di tamburoche le induceva a ballare unadanza liberatoria.In Europa lo stramonio, simbolodi inganno viene anche chiamato"erba delle streghe", a causa del-le proprietà narcotiche e alluci-nogene per avere visioni e com-piere riti. Alcune credenze popo-lari narrano di come lo stramo-nio possa essere utilizzato perriconoscere streghe e stregoni:se venisse posta una pianta confiore e frutto sul davanzale di unafinestra, la strega che si trovassea passar da quelle parti, non riu-scirebbe più ad allontanar-si, catturata dall’odore irresisti-“TOSSICOLOGIA ALIMENTARE”
  5. 5. COME UCCIDE?A causa degli alcaloidi contenuti (atropina, scopolamina eiosciamina), fiori, semi e foglie sono altamente tossici se inge-riti. Gli effetti collaterali si manifestano dopo circa 30-45minuti dallingestione, i più comuni sono: secchezza dellefauci, prurito della pelle, ipersensibilità verso la luce degli oc-chi e dilatazione estrema delle pupilla. Altre reazioni nella fasepiù critica dellavvelenamento, sono: crisi di panico, capogiri evertigini, eccitazione, delirio, comportamento aggressivo, diffi-coltà a urinare, ipotermia, follia, delirio, allucinazioni e, nei casipiù gravi, depressione dei centri bulbari,ipotensione e coma.La durata degli effetti a seconda della quantità di sostanza in-gerita e variano da alcune ore a 5-10 giorni. Negli avvelena-menti più gravi, la morte solitamente sopraggiunge per parali-si dellapparato respiratorio.TOSSICOLOGIA ALIMENTARE” Pagina 5
  6. 6. Pagina 6 Titolo notiziarioD.S. Prof.ssa Maria Aida EpiscopoEsperto Prof. Antonio Michele RiccioTutor Prof.ssa Leonarda MalgieriFacilitatore Prof.ssa Sonia ManuppelliReferente per la valutazione Prof.ssa Marigilda TibolloCorsista Adriana MuraniSITOGRAFIAwww..anestit.unipa.itwww.idoctors.itwww.oltresalute.comwww.micomedicina.comwww.medicinetradizionali.comwww.psiconautica.inwww.agraria.unimi.itwww.eganerd.comwww.zamnesia.itPer visualizzare questo lavoro effettuato nel PON “SALUTE, AM-BIENTE E TERRITORIO”, potete visitare il BlogWww.igienicamente.blogspot.com.

×