L ambiente (2)
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Like this? Share it with your network

Share

L ambiente (2)

on

  • 802 views

Inquinamento ambientale

Inquinamento ambientale

Statistics

Views

Total Views
802
Views on SlideShare
718
Embed Views
84

Actions

Likes
0
Downloads
11
Comments
0

5 Embeds 84

http://igienicamente.blogspot.it 64
http://www.weebly.com 15
http://www.igienicamente.blogspot.it 3
http://igienicamente.blogspot.com 1
http://www.igienicamente.blogspot.de 1

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

L ambiente (2) Presentation Transcript

  • 1. L‟ambiente Padalino Giulia 3° C ED Anno 2011-2012 prof. Leonarda Malgieri
  • 2. AmbienteL‟ambiente è quella parte dell‟Universo con cui direttamente o indirettamente ognuno di noi è in relazione. In particolare, si può suddividere in 5 settori+1:
  • 3. 1° Ambientefisico Di cui fanno parte Il clima alterazioni geomorfologiche (frane, valanghe,terremoti ecc)
  • 4. 2° Ambientenaturale Di cui fanno parte Gli animali i vegetali i minerali (elementi geomorfologici)
  • 5. 3° Ambientebiologico Di cui fanno parte Acqua aria suolo etere
  • 6. 4° Ambientestorico l‟insieme di conoscenze e documenti del passato
  • 7. 5° Ambientesociale l‟insieme di relazioni e di regole in cui ognuno di noi si trova ad agire.
  • 8. +1 Ambiente arial‟insieme di Gas di cui si considera essere costituitalatmosfera terrestre è chiamata aria. Nome Proporzione molecolare Azoto 78,08 % Ossigeno 20,95 % Argon 0,934 % Anidride 0,03% carbonica Neon 0,0012% Elio 0,005% Kripton 0,00014%
  • 9. La suddivisione• Troposfera• Stratosfera dell‟atmosfera• Mesosfera• Termosfera• Esosfera
  • 10. Ci sono diverse tipologie di ariaL„aria secca:composta dal 78% da azoto 21% di ossigeno e 1% di argon.L‟aria umida:può contenere fino a un 7% di vapore acqueo. Proprietà fisiche dell‟aria• occupa spazio• pesa• é comprimibile• é elastica• si dilata
  • 11. Storiadell‟inquinamentoatmosfericoWilliamson (1973) ha proposto una distinzione tra inquinante e contaminanteI fenomeni di inquinamento sono il risultato di una complessa competizione tra fattori che portano ad un accumulo degli inquinanti ed altri che invece determinano la loro rimozione e la loro diluizione in atmosfera. Lentità e le modalità di emissione, i tempi di persistenza degli inquinanti, il grado di mescolamento dellaria, sono alcuni dei principali fattori che producono variazioni spazio-temporali della composizione dellaria. Dagli anni 70 sono state adottate delle politiche per la riduzione degli agenti chimici e di numerose altre sostanze particolari presenti nellaria. Queste politiche per una maggior salvaguardia dellambiente hanno dato dei risultati per alcuni inquinanti come ad esempio il biossido di zolfo, il piombo e il monossido di carbonio per altri come ad esempio il biossido di azoto, l‟ozono e le PM10 non hanno portato i risultati sperati, dei quali si è scoperto solo recentemente la loro criticità per quanto riguarda la salute
  • 12. Inquinamento atmosfericoDefinizione Inquinamento atmosferico è un termine che indica tutti gli agenti fisici,chimici e biologici che modificano le caratteristiche naturali dell‟atmosfera Gli inquinanti sono solitamente distinti in due gruppiprincipali: quelli di origine antropica, cioè prodotti dall‟uomo, e quelli naturali.
  • 13. Piogge acideGli inquinanti, gassosi o pulviscolari, possono agire - sulla vegetazione,sugli animali, sulluomo - non solo direttamente ma ancheindirettamente, trasportati al suolo dalle acque piovane. È il fenomenodelle piogge acide, che cadono ormai in vaste zone del mondo, spessodanneggiando le foreste, talora causando la sterilità di laghi e fiumi.Oltre ad agire sulla chioma, cadendo al suolo lacqua acida raggiungelapparato radicale delle piante e può arrivare a distruggerle, comeminimo le indebolisce rendendole meno resistenti allazione del vento eal peso della neve.Il simbolo che indica lacidità è pH seguito da un numero da 1 a 14: pH 7indica il punto neutro, pH 1 il massimo di acidità, pH 14 il massimo dialcalinità.
  • 14. La rapida crescita della curva di concentrazione di CO2 si è avuta con la massiccia industrializzazione http ://www.google.it/imgres?q=global+atmospheric&um=1&hl=it&biw=1680&bih=959&tbm=isch&tbnid=qM0o-C1x55JL1M:&imgrefurl=http://maps.grida.no/go/graphic/global- atmospheric-concentration-of-co2&docid=8vrpOyeP8krPBM&imgurl=http://maps.grida.no/library/files/storage/global_atmospheric_concentration_of_co_003.png&w=1531&h=1049&ei=iMQaT42vE4voOcWJrbYL&zoom=1&iact=hc&vpx=366&vpy=165&dur=706&hovh=186&hovw=271&tx=161&ty=112&sig=117345736464785927980&page=1&tbnh=141&tbnw=188&start=0&ndsp=38&ved=1t:429,r:1,
  • 15. Inquinamento naturaleTra le cause naturali di inquinamento è significativo il contributo dell‟erosione da parte del vento dei materiali litoidi, con formazione di polveri aerodisperse• Dalle esalazioni vulcaniche, vengono emessi in atmosfera, oltre al vapor d‟acqua, diversi gas.• La decomposizione di natura batterica di materiale organico può generare sostanze maleodoranti.• La combustione di materiale ligneo riversa nell‟atmosfera, fumo composto da microparticelle di sostanza incombusta.• Un‟altra causa degna di nota, è la formazione di ossidi di azoto e di ozono per scariche elettriche in atmosfera che hanno origine in concomitanza di temporali.
  • 16. Inquinamento• prodotto dall‟uomo Con l‟avvento dell‟era industriale, l‟inquinamento atmosferico ha assunto caratteristiche tali da compromettere il complesso equilibrio della biosfera.• Il primo e più diffuso tipo di inquinamento è quello prodotto dai processi di combustione, ampiamente utilizzati dall‟uomo in attività industriali e artigianali o, più semplicemente, per riscaldamento e autotrazione.
  • 17. L‟ambiente e l‟uomo L‟ ambiente rappresenta uno dei DETERMINANTIfondamentali dello stato di salute e benessere degli individui Le modalità con cui si realizza l‟interazione ambiente – uomo sono molteplici e, spesso, di complicata identificazione.
  • 18. Effetto inquinanti sulla saluteGli effetti negativi del monossido di carbonio sulla salute umana sono legati alla capacità delCO di unirsi allemoglobina del sangue formando la carbossiemoglobina (COHb). In questomodo il CO occupa il posto normalmente occupato dallossigeno, così da ridurre la capacitàdel sangue di trasporto dellossigeno e di conseguenza la quantità di ossigeno che il sanguelascia nei tessuti. inoltre vi è la possibilità che il CO si unisca ad alcuni composti presenti neitessuti stessi riducendo la loro capacità di assorbire ed usare ossigeno (Horowitz, 1982). Laconcentrazione di COHb presente nel sangue è naturalmente legata alla concentrazione di COpresente nellaria che viene respirata (Cobrun et al., 1965). Molti sono gli studi fatti percapire il legame tra la percentuale di COHb nel sangue e gli effetti sanitari macroscopici. Idanni arrecati dal COHb alla salute umana sono legati essenzialmente agli effetti sul sistemacardiovascolare e sul sistema nervoso
  • 19. Alcune malattie che causal‟inquinamento sull‟uomo
  • 20. Malattie respiratorie:• L‟asma• La bronchite• La polmonite
  • 21. Malattie provocate al sistema cardiovascolareMonossido di carbonio - Organi come cuore e cervelloIn soggetti esposti per lungo tempo a piccole percentuali di CO, sono stati riscontrati effetti come astenia, cefalea, vertigini, nevriti, aritmie e crisi anginose. Le esposizioni ad alte percentuali di monossido di carbonio (70-80%) possono portare alla morte per intossicazione.Fumo di tabacco ambientale Gli effetti principali dovuti all‟esposizione acute al fumo di tabacco, includono una diminuzione della capacità di trasporto. Molte persone sono esposte al fumo passivo e quindi il numero di individui che possono essere affetti da patologie cardiovascolari è potenzialmente molto elevato.
  • 22. Malattie provocate al sistema nervoso:Gli inquinanti chimici= effetti neurosensoriali, che determinano condizioni dimalessere, diminuzione del comfort e percezione negativa della qualità dell‟aria.Per gli effetti neurosensoriali, è da tener presente che non solo tatto, vista, udito eodorato sono soggetti a pressioni ambientali, ma anche dei particolari recettori situatisulla pelle e sulle mucose della bocca e degli occhi..Gli effetti sensoriali a lungo termine, collegati ad un disagio prolungato, si manifestanocome irritabilità, depressione, incapacità di concentrazione, ansia, problemi didigestione, mal di testa ed insonnia.
  • 23. Effetti dell‟inquinamento sull‟ambienteI principali effetti che gli inquinanti provocano nellambiente sono leffettoserra, e le piogge acide poi naturalmente comportano anche altri problemi comeil buco dellozono ed altri problemi meno visibili sulla flora e fauna .
  • 24. http://www.google.it/imgres?q=contatti+URP+ARPAT+1%C2%B0+SEMESTRE+2011+per+argomento+in+dettaglio&um=1&hl=it&biw=1680&bih=959&tbm=isch&tbnid=6m_Qaw6uA- k2QM:&imgrefurl=http://www.arpat.toscana.it/notizie/arpatnews/2011/162-11/162-11-i-contatti-con-il-pubblico-dellurp-arpat-nel-primo-semestre- 2011&docid=zpzla4SyBvKotM&imgurl=http://www.arpat.toscana.it/notizie/arpatnews/2011/162-11/argomento.jpg&w=1089&h=791&ei=Rs4aT9uIIMueOty1magL&zoom=1&iact=rc&dur=317&sig=117345736464785927980&page=1&tbnh=141&tbnw=197&start=0&ndsp=35&ved=1t:429,r:0,s:0&tx= 183&ty=58
  • 25. L‟inquinamento radioattivoLinquinamento radioattivo può avere diverse origini:• industriale• militare• accidentale Vittime inquinamento radioattivo Totale morti di cancro 1,2 milioni Totale cancri non mortali 2,3 milioni Mortalità infantile 1,6 milioni Scorie Le scorie radioattive sono costituite dal combustibile esaurito proveniente dai reattori nucleari.
  • 26. Attualità Disastro Fukushima I sopravvissuti del terremoto e dello tsunami dovranno fare i conti con un nuovo problema: le perditeradioattive che danneggeranno la loro salute. Vediamo in che modo.Presso la centrale di Fukushima sono stati registrati livelli di radiazioni molto pericolosi, i livelli sono inaumento anche a Tokyo, a 140 km a sud di Fukushima e ad un centinaio di km a nord, dove “alloggiano” lebasi navali statunitensi. Anche il Giappone, il popolo dalla stoicità più celebre, sta iniziando a farsi prendere dal panico e il governoha evacuato i cittadini spingendoli a 12 miglia di distanza dalla catastrofe, in più li ha invitati a rimanere incasa ed uscire solo se strettamente necessario.
  • 27. In situazioni come indicate precedentemente è utile attuare una prevenzioneLa profilassi vede la rimozione dei vestiti e una doccia per rimuovere la polvere radiattiva.Restare in casa ed indossare mascherine offre solo una protezione dalle grandi particelle di polvere radiattive.Invece per i cibi:il materiale radioattivo finisce nel suolo o in mare econtaminano colture, la vita marina e anche l‟acqua potabile.I cibi più a rischio sono il pesce e il latte. Il latte è particolarmente vulnerabile solo se lemucche pascolano sull‟erba esposta alle radiazioni, ma considerato che gli allevamentiindustriali tengono le mucche da latte chiuse in un box di pochi metri, sono rari gli allevatorinaturali!
  • 28. Inquinamento acustico Definizione: Linquinamento acustico è un problema che non va sottovalutato: può provocare stress, disturbi del sonno, ritardi nell‟apprendimento e predisposizione all‟ansia. Oltre a ciò il rumore danneggia l’udito e di conseguenza il fisico e la mente. Infatti ciò che danneggia l‟udito finisce per arrecare danni al nostro equilibrio generale esponendoci addirittura a disturbi e a malattie. Per questo motivo è importante difendersi dai rumori eccessivi specie per chi vive nelle grandi cittàGli effetti del rumore sul sonno sono diversificati. Il .•incubi e sogni con componente ansiosa;•un allungamento dei tempi di addormentamento;•risvegli nel corso della notte;•una diminuzione temporale di certi stadi del sonno;•la degradazione della qualità del sonno per il cambiamento di stadi profondi in stadi leggeri;
  • 29. Differenza tra suono e rumore
  • 30. Inquinamento elettricoIn natura esiste un elettromagnetismo di fondo generato dalla Terra e dalla sua atmosfera che, nel corso dellevoluzione, ha consentito lo sviluppo degli organismi viventi coesistendo con tutti i sistemi biologici. Altra forma di energia elettromagnetica, fondamentale a tutte le forme di vita, è la luce solare. L inquinamento elettromagnetico o elettrosmog è quindi una forma di inquinamento dovuta alla presenza indesiderata di radiazioni elettromagnetiche nellambiente, prodotte da elettrodotti, dispositivi elettronici e impianti radiotrasmettitori.
  • 31. ProfilassiIn città:• Ridurre il più possibile le uscite nei giorni e nelle ore di maggior traffico;• · Scegliere percorsi a minore intensità di traffico motorizzato, in qualunque modo ci si muova;• · Scegliere percorsi nei parchi e nei giardini, se ci si muove a piedi o in bicicletta;• · Evitare attività sportive (tipo jogging) in zone con intenso traffico motorizzato;• · Evitare di portare i bambini più piccoli, particolarmente a piedi o con il passeggino, nelle strade a maggior intensità di traffico motorizzato e nei portici che le fiancheggiano;• · Spegnere il motore e chiudere i finestrini in caso d‟ingorgo o blocco della circolazione stradale; in tali occasioni gli abitacoli delle auto sono dei veri e propri concentrati di gas di scarico.• Per limitare i danni da SMOG FOTOCHIMICO (ozono) nei giorni e nelle ore di massimo soleggiamento nei mesi estivi è consigliabile:• · Evitare di svolgere attività fisica intensa;• Evitare le uscite nelle ore critiche (h 12- 17) per i soggetti a rischio.
  • 32. ProfilassiA tavola:• mangiare molta frutta e verdura, alternando quelle con colore diverso perché contengono diverse vitamine e oligoelementi. Le vitamine combattono i radicali liberi, che le sostanze inquinanti fanno aumentare.• mangiare molti cavoli e broccoli, cibi antitumorali per eccellenza. limitare il sale.• abituare i bambini ai gusti di aglio, cipolla e porro, ortaggi che contengono zolfo e che quindi proteggono le mucose dellapparato respiratorio.• bere molta acqua, che aiuta i reni a smaltire le scorie;• evitare di acquistare frutta e verdura dai camion ai bordi delle strade o dai negozi che espongono la merce su strade trafficate, perché raccolgono le polveri inquinanti.
  • 33. ProfilassiA casa• Anche lappartamento ha i suoi inquinanti, dalla formaldeide (sostanza che esala dai mobili in truciolato) ai detersivi utilizzati per la pulizia della casa.• umidificare laria, per contrastare leffetto del riscaldamento interno, che rende laria troppo secca e irritante per le vie respiratorie.• usare meno detersivi possibili per la pulizia della casa, perché le particelle di detergente ristagnano a lungo negli ambienti chiusi e sono nocive. Da preferire i detergenti con formulazioni più semplici (come il sapone di marsiglia) e gli elettrodomestici a vapore, che igienizzano senza lutilizzo di sostanze chimiche.• areare bene la casa (ma non nelle ore di traffico!).• NON FUMARE MAI in casa, specie in presenza di bambini.• Esposizione a FUMO Dl TABACCO assunto direttamente o frequentando locali dove si fuma. Il fumo, sia attivo che passivo, è sempre nocivo alla salute ed è in grado di potenziare notevolmente lazione dannosa degli inquinanti atmosferici;
  • 34. ConclusioniSecondo me per la salute di tutti, sarebbe utile attuare almeno una parte dellaprofilassi indicata precedentemente… Inoltre sarebbe utile aumentare le orescolastiche dell‟educazione ambientale in modo tale da predisporre i giovani aquesto importantissimo problema inquinante
  • 35. Bibliografia http://www.google.it/imgres?q=ambiente&um=1&hl=it&biw=1680&bih=959&tbm=isch&tbnid=ULzp7H03NQXwYM:&imgrefurl=http://www.finanzaediritto.it/articoli/convegno-quot-fisco-e-ambiente-dalla- tarsu-alla-tia-al-sistri-l%25E2%2580%2599urgenza-delle-decisioni-quot-- 5427.html&docid=aRU3flOICsEGIM&imgurl=http://www.finanzaediritto.it/upload/approfondimenti/ambiente.jpg&w=406&h=455&ei=xMkaT_PiO8eVOtWyzbEL&zoom=1&iact=hc&vpx=321&vpy=163&dur=75 5&hovh=238&hovw=212&tx=95&ty=96&sig=117345736464785927980&page=1&tbnh=133&tbnw=119&start=0&ndsp=41&ved=1t:429,r:1,s:0 http://www.tecnologia-ambiente.it/disastro-fukushima-tutto- quello-che-ce-da-sapere-sui-rischi-per-la-salute http://www.sqtradiometeo.it/images/glossario/index.html http://www.google.it/imgres?q=radioattivit%C3%A0&um=1&hl=it&sa=N&biw=1680&bih=959&tbm=isch&tbnid=hBSzoOirhHZaaM:&imgrefurl=http://www.nanopress.it/cucina/2011/03/22/l-allarme- radioattivita-nel-cibo-non-interessa-l-italia-controlli-in-giappone_P951277.html&docid=kmnjpnA5vk6- uM&imgurl=http://static.nanopress.it/images/339x223/4d87c836.jpg&w=339&h=223&ei=X88aT9WgGMOI4gS95M3QDQ&zoom=1&iact=rc&dur=439&sig=117345736464785927980&page=1&tbnh=111&tbnw =169&start=0&ndsp=42&ved=1t:429,r:17,s:0&tx=95&ty=47 http://it.wikipedia.org/wiki/Inquinamento_atmosferico http://digilander.libero.it/brepbrep/2-230.htm http://www.sapere.it/sapere/strumenti/studiafacile/scienza/Il-clima/Atmosfera/La-suddivisione- dell-atmosfera.html http://digilander.libero.it/panetti/adp/adp3D_99/pioggeacide.htm http://www.arpa.fvg.it/index.php?id=190 http://www.scienzemfn.unisalento.it/c/document_library/get_file?folderId=928770&name=DLFE-68950.ppthttp://www.google.it/imgres?q=contatti+URP+ARPAT+1%C2%B0+SEMESTRE+2011+per+argomento+in+dettaglio&um=1&hl=it&biw=1680&bih=959&tbm=isch&tbnid=6m_Qaw6uA- k2QM:&imgrefurl=http://www.arpat.toscana.it/notizie/arpatnews/2011/162-11/162-11-i-contatti-con-il-pubblico-dellurp-arpat-nel-primo-semestre- 2011&docid=zpzla4SyBvKotM&imgurl=http://www.arpat.toscana.it/notizie/arpatnews/2011/162- 11/argomento.jpg&w=1089&h=791&ei=Rs4aT9uIIMueOty1magL&zoom=1&iact=rc&dur=317&sig=117345736464785927980&page=1&tbnh=141&tbnw=197&start=0&ndsp=35&ved=1t:429,r:0,s:0&tx=183&ty =58 http://www.google.it/imgres?q=global+atmospheric&um=1&hl=it&biw=1680&bih=959&tbm=isch&tbnid=qM0o-C1x55JL1M:&imgrefurl=http://maps.grida.no/go/graphic/global-atmospheric-concentration- of- co2&docid=8vrpOyeP8krPBM&imgurl=http://maps.grida.no/library/files/storage/global_atmospheric_concentration_of_co_003.png&w=1531&h=1049&ei=iMQaT42vE4voOcWJrbYL&zoom=1&iact=hc&vpx=3 66&vpy=165&dur=706&hovh=186&hovw=271&tx=161&ty=112&sig=117345736464785927980&page=1&tbnh=141&tbnw=188&start=0&ndsp=38&ved=1t:429,r:1,s:0 H ttp://www.google.it/imgres?q=radioattivit%C3%A0&um=1&hl=it&sa=N&biw=1680&bih=959&tbm=isch&tbnid=Cc9-WHCG3GnaeM:&imgrefurl=http://blogeko.iljournal.it/2011/fukushima-livello-7-come- chernobyl-latte-radioattivo-alle-hawaii/60164&docid=e5jq17aguDee2M&imgurl=http://www.blogeko.it/wp- content/uploads/2011/04/fukushima12.jpg&w=152&h=200&ei=X88aT9WgGMOI4gS95M3QDQ&zoom=1&iact=hc&vpx=1122&vpy=696&dur=465&hovh=152&hovw=121&tx=54&ty=76&sig=117345736464785 927980&page=2&tbnh=144&tbnw=120&start=42&ndsp=48&ved=1t:429,r:21,s:42 http://www.google.it/imgres?q=mondo+inquinato&um=1&hl=it&sa=X&biw=1680&bih=959&tbm=isch&tbnid=0pXkdizM5Y_-oM:&imgrefurl=http://www.ilsostenibile.it/2010/12/07/greenpeace-e-medici-per- lambiente-aumentano-nel-mondo-le-malattie-da-inquinamento-atmosferico/mondo-inquinato/&docid=VZrbB41B_Hv-pM&imgurl=http://www.ilsostenibile.it/wp-content/uploads/2010/12/mondo- inquinato.jpg&w=375&h=400&ei=AtAaT5qLG- zR4QTZ_PmPDQ&zoom=1&iact=hc&vpx=170&vpy=160&dur=3777&hovh=232&hovw=217&tx=132&ty=124&sig=117345736464785927980&page=1&tbnh=122&tbnw=116&start=0&ndsp=44&ved=1t:429,r:0,s: 0 http://www.pacioli.net/ftp/def/inquinamento1/inquinamentoatmosf2.htm http://www.google.it/imgres?q=albero+a+forma+di+uomo&um=1&hl=it&biw=1680&bih=959&tbm=isch&tbnid=qTfnQJkbb3i5FM:&imgrefurl=http://www.nellomusumeci.it/%3Ftag%3Delezioni&docid=l71hyj BpY8qk1M&imgurl=http://www.nellomusumeci.it/wp-content/uploads/2008/03/albero-forma-di- persona.jpg&w=320&h=321&ei=wtAaT4GqI8uVOuSSyaYL&zoom=1&iact=rc&dur=371&sig=117345736464785927980&page=1&tbnh=137&tbnw=137&start=0&ndsp=43&ved=1t:429,r:0,s:0&tx=93&ty=14 http://www.google.it/imgres?q=cuore&um=1&hl=it&sa=N&biw=1680&bih=959&tbm=isch&tbnid=EX_j6DOdtyl3IM:&imgrefurl=http://www.sportmedicina.com/il_cardiofrequenzimetro.htm&docid=9C1HvHY eUUqVxM&imgurl=http://www.sportmedicina.com/CARDIO/Cuore%252520fatica.jpg&w=382&h=345&ei=F9EaT9eiCZSL4gT_pfmpDA&zoom=1&iact=rc&dur=533&sig=117345736464785927980&page=1&tbnh =144&tbnw=157&start=0&ndsp=46&ved=1t:429,r:17,s:0&tx=63&ty=22