• Save
Globesity
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Globesity

on

  • 1,272 views

 

Statistics

Views

Total Views
1,272
Views on SlideShare
1,202
Embed Views
70

Actions

Likes
1
Downloads
10
Comments
0

3 Embeds 70

http://igienicamente.blogspot.it 56
http://igienicamente.blogspot.com 8
http://www.igienicamente.blogspot.it 6

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Globesity Globesity Presentation Transcript

    • PON IL LABORATORIO SCIENTIFICO DELLA SALUTE 2011/12 I.I.S.S. Notarangelo-RosatiALUNNA:LO MELE ADRIANATUTOR:Prof.ssa NAPPADOCENTE ESPERTO:Prof.ssa DINA MALGERI
    • L’obesità è una condizione patologica caratterizzatadall’accumulo di grasso nell’organismo.Laumento di peso in eccesso allinterno delle popolazioniprevede un aumento di numerose malattie, soprattuttomalattie cardiovascolari, diabete e tumori. Questapatologia cronica è causata da una combinazione difattori: ereditari, genetici, metabolici, alimentari, culturali,sociali e psicologici, con ripercussione nell’ingestioneesagerata di cibo.Semplici misurazioni antropometriche permettono distabilire lo stato nutrizionale dell’individuo il metodomaggiormente utilizzato è la plicometria, come ancheIMC (indice di massa corporea) che si esprime con laseguente formula:•IMC: Peso (kg) Altezza Mt2 Normogramma dell’IMC
    • risultato di questa formula dà un valore che bisogna confrontare in questa tabell Classificazione IMC (Kg/Mt) Rischio Basso peso < 18 Malnutrizione, anoressia Normale di peso 18,5 – 24,9 Nessun rischio Sovrappeso 25 – 29,9 Leve rischio Obesità grado I o 30 - 35 Moderato rischio moderata Obesità grado II o 36 – 40 Alto rischio severa Obesità Grado III o 41 - 45 Alto rischio morbigena
    • Età- sesso-Alimentazione inadeguata condizioni fisiologiche Vita sedentaria Condizione socio-culturale Genetico
    • Un ultimo fattore che causa l’obesità èstrettamente collegato ai neuroniipotalamici che sintetizzano ineurotrasmettitori coinvolti nel controllodell’assunzione del cibo, questi possonoessere distinti in base all’azionestimolante o inibente dell’appetito in:
    • •Neuropeptide Y •GALeNiNANeuropeptide a 36 aminoacidi appartenenti ai Neuropeptide a 29 aminoacidi, è presente nel SNCpolipeptide pancreatici. E’ il neurotrasmettitore anche se concentrazioni maggiori si trovanomaggiormente presente nel SNC dei mammiferi , nell’ipotalamo, è coinvolto nel rilascio dell’insulina edstudi accurati hanno portato alla conclusione che è un stimolatore dell’appetito.considera il NPY il neurotrasmettitore più potentestimolatore di appetito, somministrazioni ripetuteintracerebroventricolari hanno determinatofenomeni di IPERFAGIA con conseguente aumento di •LeptiNApeso. Leptina è un peptide secreto dal tessuto adiposo •SerotoNiNA bianco, in modo proporzionale alla massa di grasso corporeo. Sia leptina sia il suo recettore sono statiNelluomo la  5-HT è un neurotrasmettitore del sistema isolati nell’uomo a livello della mucosa gastrica. Lanervoso centrale, inoltre si trova nelle cellule Leptina ha un ruolo centrale nella regolazioneintestinali dei mammiferi, la 5-HT è presente nel dell’introito e nella spesa energetica.plasma tramite un trasporto attivo, viene liberata conun evento traumatico che lacera i tessuti.Il precursore della Serotonina è lamminoacido •GLp 1Triptofano. E’ un peptide di 30 aminoacidi derivato dallo stesso •iNSuLiNA precursore del glucagone, secreto dalle cellule endocrine della mucosa intestinale a livello dell’ileo eL’insulina è il principale ormone regolatore della del colon. GLP-1 mostraglicemia e gioca un ruolo fondamentale nel controllo diverse attività, tra cui la capacità di aumentare ladell’appetito. secrezione di insulina e di sopprimere quella diSe somministrata direttamente a livello centrale, i glucagone (secreto dal pancreas, regola il glucosiosui effetti sul SNC includono la soppressione nel sangue, da origine alla glicogenolisi).dell’introito di cibo e l’inibizione dellagluconeogenesi a livello epatico tramite un segnalea livello ipotalamico.
    • •Malattie del Cuore;•Ipertensione;•Diabete;•Problemi articolari;•Artrosi;•Cancro;•Malattie respiratorie (apnea del sogno, insufficienza respiratoria);•Ernia Iatale;•Fegato Grasso(Steatosi);•Poca Autostima;•Problemi dinserimento lavorativo e sociale;•Problemi nel rapporto di coppia;•Depressione;•Suicidio;•Ipercolesterolemia.
    • In correlazione all’Obeità c’è il “BED” (Binge EatingDisorder).E’ un disturbo caratterizzato dalla presenza di “abbuffate”,le persone che manifestano questo disturbo assumonoquantità esagerate di cibo, perdendo il controllo dell’attodel mangiare.Il problema fondamentale consiste nella difficoltà acontrollare l’impulso ad alimentarsi.Il BED è presente nel 30% dei casi di soggetti obesi,l’abbuffata viene vista come perdita di controllo, senso dicolpa e sfogo dei pensieri negativi.Nei soggetti obesi BED i disturbi dell’umore e altri fattoripsicopatologici sono presenti nell’80% dei casi.
    • L’obesità è una delle patologie più diffuse, al punto da essere considerata quasi un’epidemia. I tassi di incidenza sono infatti in rapida crescita e raggiungono anche il 70% della popolazione adulta. È riconosciuta come una malattia ad andamento cronico ed uno dei maggiori fattori determinanti in molte malattie non trasmissibili come il Diabete mellito non insulino- dipendente e Malattie coronariche, ma anche incrementa il rischio di Disturbi biliari, di alcuni tipi di Cancro, di Disordini muscolo scheletrici e Respiratori.Il problema dell’obesità, soprattutto nell’età infantile, assume particolare rilevanza perla salute fisica, psicologica e sociale del bambino , perché talicondizioni rappresentano un fattore di rischio per l’insorgenza di gravi patologiecronico-degenerative in età adulta.
    • Sovrappeso e obesità neibambiniDopo un indagine epidemiologica mirata ai bambini e ailoro genitori, i dati raccolti mostrano un quadropreoccupante:• il 23,0% dei bambini risulta in sovrappeso;• l’11,2% in condizioni di obesità, con percentuali piùalte nelle regioni del centro e del sud dove il livellod’istruzione risulta essere più basso.Il fenomeno è stato approfondito ulteriormente chiedendo aigenitori di riferire il proprio peso, altezza e titolo di studio perverificare come sia possibile questo.Dalle analisi emerge come i livelli di obesità del bambinoaumentino al cresceredel peso dei genitori e al diminuire del loro livello di istruzione. Un altro grafico indica la relazione tra obesità e titolo di studio:
    • Lex ASL BA/5, in collaborazione con il Centro Nazionale di Epidemiologia ha promosso un’indagine conoscitiva sullo stato nutrizionale e le abitudini alimentari dei bambini delle classi terze delle scuole primarie nel territorio.Cosa si è scoperto: Solo 1 bambino su 4 va a scuola a piedi o in bicicletta1 bambino su 10 non fa colazione Scarsa attività fisica-lunghe ore alla TV
    •  LObesity Day, è la giornata dedicata alla sensibilizzazione del problema che colpisce anche i bambini.Questo evento ha avuto luogo il 10 Ottobre 2011 avendo come scopo:•Sensibilizzare lopinione pubblica nei confronti dei rischi dellobesità ;•Spostare lattenzione sullobesità da problema estetico a problema disalute;•Dare visibilità ai Servizi di Dietetica e Nutrizione Clinica ospedalieri eterritoriali sia allinterno sia allesterno delle strutture di appartenenza;•Creare rapporti stabili tra i vari Servizi di Dietetica e tra i centri ADI chesi occupano di obesità e sovrappeso;•Fare crescere nella popolazione la consapevolezza di poter disporreattraverso i centri ADI di validi punti di riferimento tecnico nella cura diobesità e sovrappeso;•Identificare punti critici dellattuale modalità di approccio e trattamentodi obesità e sovrappeso;
    • Michelle Obama contro l’obesità.Michelle Obama, la moglie del presidente Barackamericano, è stata limmagine e la principale portavocedella nuova campagna contro lobesità .Liniziativa prevede una campagna informatica peroffrire consigli ai cittadini, come mangiare più frutta everdura, e lintroduzione nelle scuole di programmi dieducazione fisica di alto livello.La first lady ha aiutato a far conoscere la bozza delprogetto, su quello che si può fare a casa, a scuola e alavoro per invertire sugli effetti di questa epidemia.Michelle ha sottolineato come la soluzione a questoproblema "non può venire solo dal Governo. Tutti devonofare la loro parte per porre fine alla crisi della salutepubblica.
    • Dieta ipocalorica è bilanciata in base al MB e ai LAF(Livelli di Attività Fisica). ESEMPIO DI DIETA (obesità)Kcal 1230 gProtidi 55 g 18%Lipidi 39 g 29%Glucidi 162g 53% ALIMENTI al g netto: Latte scremato 150g Fette biscottate 30g Carne 120g Pasta 70g Pane 40g Verdure 600g Frutta 400g Olio 20g
    • La dieta si prefigge un decrementoponderale graduale, con un regime ipocaloricobilanciatoDieta ipocalorica è bilanciata in base al MBe ai LAF(Livelli di Attività Fisica). Variatasu modello di riferimento della dietamediterranea secondo le abitudini alimentaridel soggetto.Alimenti vietati:Salumi, carni grasse, insaccati, inscatolati,bevande alcooliche, dolci, cioccolato, snack,formaggi grassi - molli o semiduri -stagionati - fermentati - piccanti, latteintero, crema di latte, creme, frutta seccae oleosa, frattaglie, pesci grassi, ,maionese, panna, mascarpone, caffè, tè,liquori, spumanti, aperitivi.
    • Il dato è allarmante: 9 italiani su 10 assumono dieci grammi di sale algiorno, il doppio della dose giornaliera raccomandata dall’OMS percondurre una vita sana. In pratica, se risparmiassimo un cucchiaino dacaffè di sale ogni giorno dalla dieta, in Italia si potrebbero evitare67.000 casi di infarto all’anno e 40.000 di ictus.Dice Andrea Favara, specialista in chirurgia apparato digerente edendoscopia digestiva chirurgica presso l’Ospedale S. Antonio Abate diCantù (Co).“Il problema obesità in Italia sta riproducendo quanto è successo annifa negli Stati Uniti e che sta interessando anche paesi nei quali unalarga quota di popolazione è sottopeso, quali ad esempio l’India o laCina.L’allarme si rivolge quindi al singolo, ma soprattutto al sistemaeducativo (scuola e famiglia)", che suggerisce di "affrontare il problemaall’origine, ovvero in età prescolare, per evitare ai bambini normopeso didiventare adulti obesi , con le conseguenze che tutti conosciamo.
    • CONSIDERAZIONI PERSONALI Personalmente apprezzo tutti gli eventi, le manifestazioni e le indagini epidemiologiche fatte allo scopo di far conoscere al mondo questo problema, questa epidemia, ma ritengo siaopportuno far toccare con mano, a tutte le persone che oggi sono in sovrappeso e quindi a rischio obesità il problema, lo stile di vita di un soggetto obeso è deprimente e lui stesso ne è consapevole. Ciò che si ama può davvero portati alla morte?! A quanto pare si… e allora perchè non prendiamo in mano la situazione? Diventiamo più alti di un hamburger!
    • •http://www.epicentro.iss.it/okkioallasalute/studi/pdf/Relazione%20Bari.pdf•http;//www.piusanipiubelli.it/salute/prevenzione/obesity-day-meta-degli-italiani-sono-grassi.htm•http://www.epicentro.iss.it/problemi/obesita/pdf/okkio2011.pdf•http://www.epicentro.iss.it/problemi/obesita/pdf/HBSC.pdf•http://www.epicentro.iss.it/problemi/obesita/ObesityDay2011.asp•http://www.thelancet.com/journals/lancet/article/PIIS0140- 6736(11)60813-1/abstra•http://www.alimentazione-salute.it/alimentazione/271/i-disturbi-del-comportamento-a•http://www.smp1993.it/index.php?pg=notizia&notiziaID=35•Google immagini