Etichettatura

2,708
-1

Published on

0 Comments
6 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
2,708
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
5
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
6
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Etichettatura

  1. 1. INDICELe etichette … Prodotti sfusi,preincartati e preconfezionatiLa denominazione di venditaElenco degli ingredienti / Additivialimetari / AllergeniNormativa per etichettatura deiprodotti alimentariEtichettaturadegli alimentiDefinizione di etichettaL’etichetta può considerarsi come la carta d’identità di un prodotto alimentare,essa fornisce tutte le indicazioni utili per un consumo consapevole eresponsabile.Attraverso una sua attenta lettura il consumatore ha gli strumenti per scegliereil prodotto che maggiormente corrisponde alle proprie esigenze e per valutareil rapporto qualità/prezzo.L’etichetta deve garantire trasparenza evitando di:Indurre in errore lacquirente sulle effettive caratteristi-che, qualità, composizione, e luogo di origine del prodot-to;Evidenziare caratteristiche come particolari, quando tutti iprodotti alimentari analoghi le possiedono;Attribuire allalimento proprietà atte a prevenire o curaremalattie, o ancora accennare proprietà farmacologiche.
  2. 2. I prodotti alimentari sfusisono alimenti non preconfe-zionati o venduti previo fra-zionamento (prodotti dipasticceria, panetteria, gastro-nomia etc etc).Su questi non è possibile ap-porre un’etichetta, ma i reci-pienti che li contengono o icomparti nei quali sono e-sposti devono avere bene invista le indicazioni diobbligo:Prodotti preconfezionatiProdotti preincartatiSono gli alimenti chiusi inun involucro o in un incar-to negli esercizi di venditaper la consegna direttaall’acquirente o per la ven-dita a libero servizio (comequelli esposti al banco osugli scaffali), a prescinderedal sistema di chiusura piùo meno sigillante.Tali prodotti comprendo-no:“chiusi in uninvolucro o in unincarto”Le etichette, prodotti sfusi, preconfezionati epreincartati* Denominazione di vendita;* Elenco degli ingredienti (ove sia-no presenti);* Data di scadenza per la pasta fre-sca semplice o con ripieno;* Modalità di conservazione nelcaso di prodotti altamente deperi-bili;* La percentuale di glassatura, con-siderata tara, per i prodotti conge-lati glassati;* Il prezzo per carni, ortofrutta eprodotti lattiero-caseari.Prodotti sfusi* Gli alimenti venduti sfusi;* I cibi confezionati allinterno delluogo di vendita in presenza e arichiesta del consumatore finaleacquirente;* I prodotti confezionati in un mo-mento precedente latto dellacqui-sto, ma comunque destinati ad unavendita "immediata" e sempre allin-terno dei locali dove i prodotti sonostati preparati.Sono quelli avvolti, totalmente o in parte,in un imballaggio ed il cui contenuto nonpuò essere modificato senza che la confe-zione sia aperta o alterata.2
  3. 3. Per i prodotti preconfezionati e per tutti glialimenti destinati al consumatore finale,compresi quelli forniti dalle e alle collettività(ristoranti, mense, ospedali, catering) sulleconfezioni o su apposite etichette devonofigurare, alcune indicazioni obbligatorie:* La denominazione di vendita;* Elenco degli alimenti;* Qualsiasi ingrediente che provochi aller-gie e intolleranze;* La quantità di ingredienti;* Il termine minimo di conservazione o la* Il paese di origine;* Le istruzioni per l’uso, ove necessario;* Una dicitura che consenta di identifica-re il lotto di appartenenza del prodotto;* Le modalità di conservazione.La denominazione non può essere mai sostituita da un nome di fantasia o da un marchiodi fabbrica e va sempre letta con cura perché può rilevare immediatamente la qualità delprodotto! Talvolta, infatti, alcune raffigurazioni in etichetta possono confondere il consuma-tore ed indurlo a credere che il prodotto sia in possesso di caratteristiche che invece non ha.La denominazione di venditaLa denominazione divendita comportaun’indicazionerelativa allo ….TORRONE COTECHINO PANETTONE PANDOROPer denominazione di vendita di un prodotto alimentare si intende ladenominazione legale del prodotto o il nome consacrato dagliusiESEMPIOLa denominazione di vendita comporta un’indicazione relativa allo statofisico in cui si trova il prodotto alimentare o al trattamento specifico daesso subito (esempio: in polvere, concentrato, liofilizzato, surgelato,affumicato).3
  4. 4. NOVITA’Se l’alimento è stato congelato o surgelato prima della vendi-tae viene venduto scongelato, la denominazione di venditadeve essere accompagnata dalla dicitura“DECONGELATO” Elenco degli ingredientiAdditiviAllergeniL’elenco degli ingredienti è obbligatorio su tutti i prodotti preconfezionati. Gli ingredienti sono ripor-tati in ordine decrescente di peso: il primo ingrediente è quello presente in maggiore quantità.L’elenco degli ingre-dienti non èobbligatorio su alcunetipologie di prodotto:Acqua gassata Frutta frescainteraLatte e derivatiAlimenti contenenteun solo ingredienteVino e birra4
  5. 5.  Additivi alimentariGli additivi alimentari sono delle sostanze estranee all’alimentoche vengono aggiunte intenzionalmente con lo scopo di preservare idiversi cibi o far loro acquisire determinate caratteristiche gradite alconsumatore.Gli additivi sono indicati con:La lettera E (che indica l’additivo è riconosciuto e permesso in tutti i Paesidell’Unione Europea) seguita da un numero che indica la categoria.Gli additivi alimentari possono essere classificati in categorie in base alla loro funzioneprincipale in:Antiossidanti ConservantiAdditivi che esaltano o accentuano le caratteristiche sensorialiEmulsionanti Coloranti Stabilizzanti AllergeniLa lettura dell’elenco degli ingredienti diventa particolarmente importante per le persone che sof-frono di allergie o intolleranze alimentari...“Per questo motivo c’è l’obbligo da parte dei produttori di indicare in etichet-ta tutti gli ingredienti che possono creare allergie o intolleranze alimentari,anche se presenti in tracce”.5
  6. 6.  Termine minimo di conservazioneLa dicitura "Da consumarsi preferibilmente entro il ..."è il termine entro il quale il prodotto alimentare conserva le suespecifiche proprietà in adeguate condizioni di conservazione. Tale indicazionerappresenta un consiglio per il consumo ottimaledel prodotto.Non c’è l’obbligo di indicare la scadenza per…Prodotti ortofrutticoli;Vini;Aceti;Prodotti di panetteria e pasticceria;Bevande analcoliche;Sale da cucinaGomme da masticare e prodotti analoghi. Nuova normativa per l’Etichettatura dei prodotti alimentariIl nuovo Regolamento modifica tutte le Direttive europee precedenti, e nello stesso tempo anche le nor-mative nazionali, compreso il Decreto Legislativo 109/92 e successive modifiche, che sta alla base della nor-mativa generale sull’etichettatura degli alimenti; il compito del regolamento è quello di armonizzare tutte lenorme dei paesi UE su tre fronti:la presentazione e la pubblicità degli alimenti,l’indicazione corretta dei principi nutritivi e del relativo apporto calorico, nonché le informazioni sullapresenza di ingredienti che possono provocare allergie.L’intento primo è quello di rafforzare la salvaguardia e tutela della salute dei consumatori, senza intaccare lalibera circolazione delle merci, e garantendo la massima trasparenza nelle operazioni commerciali. Vengonostabiliti dei requisiti supplementari in tema di etichettatura, con lo scopo di agevolare i consumatori a compie-re scelte più sane e informate.109/92, art. 5 Designazione degli aromiETICHETTATURA NUTRIZIONALEAttualmente dichiarare i componenti nutrizionali è facoltativo, a meno che non vengano introdotte particolaridiciture quali ”senza zucchero” a tal punto implicano l’indicazione di tutti i componenti nutrizionali stessi. Aisensi del nuovo Regolamento, L’ETICHETTATURA NUTRIZIONALE DIVENTA OBBLIGATORIAE DOVRANNO ESSERE INDICATI IN ETICHETTA 7 ELEMENTI: IL VALORE ENERGETICO,IGRASSI, I GRASSI SATURI, I CARBOIDRATI, GLI ZUCCHERI TOTALI, LE PROTEINE E IL SA-LE, riferiti a 100g. o 100ml di prodotto, che potrà essere affiancata da dati riferiti ad una porzione. NON SIAPPLICA ad alcuni prodotti alimentari NON TRASFORMATI, quali le carni fresche, mele pesche, ecc.. eprodotti che non hanno un valore energetico alto come per esempio le spezie, il caffè, il the, e le bevandealcoliche.6
  7. 7. SCADENZALa data di scadenza DEVE ESSERE RIPORTATA, oltre che sulla scatola, ANCHE SULL’INCARTO IN-TERNO DEL CIBO. LA CARNE, LE PREPARAZIONI A BASE Dl CARNE, I PRODOTTI ITTICI SUR-GELATI O CONGELATI NON LAVORATI, DEVONO INDICARE IL GIORNO, IL MESE E L!ANNODELLA SURGELAZIONE O CONGELAMENTO.Art. 9 Elenco delle indicazioni obbligatorieConformemente agli articoli da 10 a 35 e fatte salve le eccezioni previste nel presente capo, sono obbliga-torie le seguenti indicazioni:1. la denominazione dell’alimento;2. l’elenco degli ingredienti;3. qualsiasi ingrediente o coadiuvante tecnologico elencato nell’allegato II o derivato da una sostanzao un prodotto elencato in detto allegato che provochi allergie o intolleranze usato nella fabbricazio-ne, o nella preparazione di un alimento e ancora presente nel prodotto finito, anche se in formaalterata;4. la quantità di taluni ingredienti o categorie di ingredienti;5. la quantità netta dell’alimento;6. il termine minimo di conservazione o la data di scadenza;7. le condizioni particolari di conservazione e/o le condizioni d’impiego;8. il nome o la ragione sociale e l’indirizzo dell’operatore del settore alimentare;9. il paese d’origine o il luogo di provenienza ove previsto all’articolo 26;10. le istruzioni per l’uso, per i casi in cui la loro omissione renderebbe difficile un uso adeguatodell’alimento;11. per le bevande che contengono più di 1,2 % di alcol in volume, il titolo alcolometrico volumicoeffettivo;12. una dichiarazione nutrizionale.DIVIENE OBBLIGATORIA LA DICHIARAZIONE NUTRIZIONALE;L’INDICAZIONE DELLA QUANTITA’ NOMINALE RIMANE POSSIBILE; ILMARCHIO DEPOSITATO NON E’ PIU’ UTILIZZABILE PER INDICAREL’OSA; L’INDICAZIONE DEL LOTTO RIMANEOBBLIGATORIA.7
  8. 8. Obiettivo Azione F2Codice Progetto Nazionale F-2 FSE-2011-118Titolo Progetto Salute, ambiente e territorioRiferimento Bando n. 4462 - 31/03/2011D. S. Prof.ssa Maria Aida EpiscopoEsperto Prof. Antonio Michele RiccioTutor Prof.ssa Leonarda MalgieriFacilitatore Prof.ssa Sonia ManuppelliReferente per la valutazione Prof.ssa Marigilda TibolloCorsista Roberta MegliolaSITOGRAFIAhttp://www.orsacampania.ithttp://www.chiediloqui.ithttp://www.dietagratis.comhttp://www.sanifarmasorbara.ithttp://www.scienziatodelcibo.ithttp://www.spaziodieta.comhttp://www.ciemmetecnica.ithttp://www.google.ithttp://www.pianetamamma.ithttp://www.cookaround.comhttp://news.klikkapromo.ithttp://pezzidimerda.wordpress.comhttp://www.sicurezzalimentare.nethttp://www.culturaeculture.ithttp://www.comunikafood.ithttp://www.carabinieri.ithttp://www.corporatestudio.cohttp://www.iperbaricoravenna.itTutti i prodotti del nostro lavoro sono pubblicati suhttp://igienicamente.blogspot.it

×