antinfortunistica

1,271 views
1,131 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,271
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
219
Actions
Shares
0
Downloads
3
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

antinfortunistica

  1. 1. Istituto di istruzione secondaria superiore “IISS O. Notarangelo – G. rosati” Docente: Prof.ssa Leonarda Malgieri Alunna: Lucia Di Pierro Anno scolastico 2013/2014 Classe V C Economo Dietista
  2. 2. Prevenzione degli infortuni Gli infortuni possono causare menomazioni o determinare la morte dei lavoratori. Tutti i settori dell'economia ne sono colpiti, ma il problema è particolarmente grave nelle piccole e medie imprese (PMI).
  3. 3. 1. Effettuare una valutazione dei rischi I datori di lavoro devono intraprendere tutti i passi necessari per garantire la protezione della sicurezza e della salute dei lavoratori. Per prevenire gli infortuni, il datore di lavoro deve introdurre un sistema di gestione della salute e della sicurezza che comprenda la valutazione dei rischi, la gestione dei rischi e le procedure di monitoraggio.
  4. 4. I principi che dovrebbero essere considerati durante l'intero processo di valutazione dei rischi possono essere suddivisi in una serie di fasi: Fase 1. Individuare i pericoli e i rischi Verificare cosa può arrecare danno e individuare i lavoratori che potrebbero essere esposti ai pericoli. Fase 2. Valutare e attribuire un ordine di priorità ai rischi Valutare i rischi esistenti (la loro gravità, la probabilità che si verifichino, …) e attribuire loro un ordine di priorità in base all'importanza. È essenziale stabilire un ordine di priorità per ogni attività volta a eliminare o prevenire i rischi. Fase 4. Intervenire con azioni concrete Fase 3. Decidere l’azione preventiva Individuare le misure appropriate per eliminare o controllare i rischi. specificare le persone responsabili di attuare determinate misure e il relativo calendario d'intervento, le scadenze entro cui portare a termine le azioni previste e i mezzi messi a disposizione per realizzare le misure individuate. Fase 5. Controllo e riesame La valutazione deve essere rivista regolarmente, per garantire che sia sempre aggiornata.
  5. 5. Pericoli e rischi gravi Si devono prendere in considerazione tutti i pericoli individuati dalla valutazione dei rischi. Il tipo di pericolo, il grado di rischio posto e la gravità del danno che potrebbe derivare sono diversi a seconda del luogo di lavoro e del settore d'attività. Di seguito sono riportati solo alcuni degli aspetti da non sottovalutare.
  6. 6. Apparecchiature e impianti di lavoro: protezioni meccaniche inadeguate per evitare il contatto con oggetti pericolosi, assenza di interventi di manutenzione alle attrezzature e ai veicoli di lavoro, tagli e ferite procurati con lame, spigoli, lamiere metalliche, strumenti o estremità taglienti, pericoli elettrici.
  7. 7. Luogo di lavoro: igiene e pulizia scarse, disordine, controlli insufficienti, scarsa visibilità nelle aree in cui operano veicoli e macchinari per il sollevamento quali gru mobili, andirivieni di persone e veicoli, in particolare in prossimità di entrate e uscite di garage, magazzini e depositi.
  8. 8. Trasporto sul lavoro: movimenti incontrollati di oggetti come, per esempio, barili e altri carichi e contenitori fissati in maniera inadeguata durante il deposito, il trasporto, la distribuzione o la movimentazione. La possibilità che le persone siano colpite o investite da veicoli in movimento, cadano dai veicoli, siano colpite da oggetti che cadono dai veicoli o travolte da veicoli che si capovolgono.
  9. 9. Lavoratori: mancanza di informazioni, istruzioni, formazione, supervisione e insegnamento.
  10. 10. Lavoro in quota: su impalcature, scale a pioli, scale, rampe mobili; esiste inoltre il rischio che gli oggetti cadano dall'alto sulle persone che lavorano a terra.
  11. 11. Ustioni: ustioni termiche provocate da attività condotte con superfici calde, liquidi, vapori o gas bollenti, o sistemi di riscaldamento; ustioni chimiche causate da sostanze corrosive, in particolare da acidi e basi forti utilizzati, per esempio, per la pulizia.
  12. 12. Incendi ed esplosioni: causati dalla concomitanza di tre fattori: combustibile, ossigeno e una sorgente d'accensione.
  13. 13. Sostanze pericolose: possono essere letali se inalate; per esempio, il monossido di carbonio, il cosiddetto "assassino silenzioso", generato da una combustione incompleta, come nel caso dei fumi di scarico.
  14. 14. Asfissia: alcune attività comportano l'esposizione al rischio di asfissia, ossia a una mancanza di ossigeno vitale. Può essere il caso, per esempio, di spazi limitati come vasche, cisterne, reattori o tubature.
  15. 15. Fattori psicosociali: lo stress può accrescere il rischio di infortuni sul lavoro.
  16. 16. 3. Scivolamenti, inciampate e cadute Il maggior numero di infortuni in tutti i settori, dall'industria pesante al lavoro d'ufficio, è dovuto agli scivolamenti, alle inciampate e alle cadute. Per ridurre il rischio di infortunio sarebbe tuttavia sufficiente adottare semplici accorgimenti.
  17. 17. Una prevenzione efficace Ordine Pulizia e manutenzione Illuminazione Periodicamente si dovrebbe controllare che i pavimenti non siano danneggiati e si dovrebbero effettuare gli interventi di manutenzione necessari. Scale Fuoriuscite accidentali di liquidi Ostacoli Cavi penzolanti Calzature I luoghi di lavoro all'aperto devono essere allestiti in modo da ridurre al minimo i rischi;
  18. 18. 4. Edilizia — la macchia nera degli infortuni L'edilizia è uno dei settori lavorativi più pericolosi nell'UE. Lavorare in quota Lavori di scavo Movimentazione di carichi Pulizia generale del cantiere e accesso sicuro
  19. 19. La formazione deve concentrarsi su: -i principi del sistema di gestione della sicurezza e le responsabilità dei lavoratori; -i pericoli e i rischi specifici presenti sul lavoro; -le competenze necessarie per svolgere le attività lavorative; -le procedure da seguire per evitare qualsiasi rischio; -le misure di prevenzione da adottare prima, durante e dopo l'attività di lavoro; -istruzioni specifiche concernenti la sicurezza e la salute per i lavoratori alle prese con apparecchiature tecniche e sostanze pericolose; -informazioni sui dispositivi di protezione collettivi e individuali; -fonti di informazione sulla sicurezza e la salute che sono a disposizione dei lavoratori; -informazioni sulle persone da contattare per segnalare i rischi emergenti e le emergenze. -La formazione deve essere pertinente e comprensibile, anche per i lavoratori che parlano una lingua diversa.
  20. 20. Assumere lavoratori che possono essere maggiormente a rischio Lavoratori con disabilità Giovani lavoratori Lavoratori anziani Donne Lavoratori migranti Lavoratori precari Manutentori
  21. 21. -Istruzione di figure nuove in ambito aziendali, quali: Responsabile del servizio di prevenzione e protezione Rappresentante dei lavori per la sicurezza -Obligo di elaborare un documento contenente “la valutazione dei rischi” in campo lavorativo - Indivuìiduazione dlle misure di prevenzione e attuazione - Predisposizione di un programma di informazione e formazione Un intervento attivo, responsabile ed integrato a tutti i soggetti interessati alla sicurezza, coinvolge i lavoratori e i loro rappresentanti a individuare il rischio fino alla scelta della soluzione, per prevenirli o ridurli.
  22. 22. -Tutela estesa a collaboratori di ogni tipo (autonomia, a domcilio, ecc..) - Concetto di salute come stato di completo benessere fisico, mentale e sociale -Rappresentanze delle prerogative delle rappresentanze dei lavoratori - Revisione delle sanzioni - Semplificazione degli obblighi formali - Il lavoratore - Il datore di lavoro - Il preposto Uniformità delle tutele, mediante il rispetto dei livelli essenziali delle prestazioni del sistema di sicurezza, età e condizioni di lavoratori immigrati
  23. 23. https://www.google.it/search?q=persone+che+scivolano+o+cadono&espv=210&es_sm=93&source=lnms&tbm=isch&sa=X&ei=LQBwUrySOorv4gTC g4HIDA&ved=0CAcQ_AUoAQ&biw=1280&bih=933#facrc=_&imgdii=wawZJwIvaSaygM%3A%3BUcewgNYt07Xl3M%3BwawZJwIvaSaygM%3A&imgrc =wawZJwIvaSaygM%3A%3B4G1CW15FMBjNaM%3Bhttp%253A%252F%252Fwww.carabinieri.it%252FInternet%252FImageStore%252Fcittadino%2 52Fconsigli%252Ftematici%252Fimg%252Fcasa19.jpg%3Bhttp%253A%252F%252Ffrecciatricolore.wordpress.com%252Ftag%252Fcasa%252F%3B25 0%3B259 https://www.google.it/search?q=prevenzione+lavoro&espv=210&es_sm=93&source=lnms&tbm=isch&sa=X&ei=TUFtUtP4N6mo4gSo7oHgCg&ved=0CA cQ_AUoAQ&biw=1280&bih=933#facrc=_&imgdii=_&imgrc=oa_AQ3ug99TsmM%3A%3Bc9EpXBun83mzUM%3Bhttp%253A%252F%252Fwww.cislbresci a.it%252Fwp-content%252Fuploads%252F2013%252F07%252Fsicurezza-sullavoro.jpg%3Bhttp%253A%252F%252Fwww.cislbrescia.it%252F2013%252F07%252F30%252Fsicurezza-sul-lavoro-e-prevenzione-siglata-unintesaregionale%252F%3B300%3B300 https://www.google.it/search?q=IMMAGINI+TAGLI+E+FERITE&espv=210&es_sm=93&source=lnms&tbm=isch&sa=X&ei=MSBxUuTuO4WV0AWa 44HQAg&ved=0CAcQ_AUoAQ&biw=1280&bih=890#es_sm=93&espv=210&q=IMMAGINE+DISORDINE+IN+CAMPO+LAVORATIVO&tbm=isch&facr c=_&imgdii=_&imgrc=6ZmO5QYGRpsm4M%3A%3BAUk909nm4lMGLM%3Bhttp%253A%252F%252Fvocearancio.ingdirect.it%252Fwpcontent%252Fuploads%252F2010%252F12%252Forologio.jpg%3Bhttp%253A%252F%252Fvocearancio.ingdirect.it%252Ffocus%252Fe-guerraallo-stress-da-ufficio%252F%3B300%3B435 https://osha.europa.eu/it/topics/accident_prevention/index_html/risks https://www.google.it/search?q=persone+che+scivolano+o+cadono&espv=210&es_sm=93&source=lnms&tbm=isch&sa=X&ei=LQBwUrySOorv4gTCg4HID A&ved=0CAcQ_AUoAQ&biw=1280&bih=933#facrc=_&imgdii=_&imgrc=7vhWPxWZwvlupM%3A%3BU6N3GgvwPZsT0M%3Bhttp%253A%252F%252Fus.12 3rf.com%252F400wm%252F400%252F400%252Fbestemedienwerbeagentur%252Fbestemedienwerbeagentur1204%252Fbestemedienwerbeagentur120 400201%252F13146984-una-figura-che-scivola-su-una-pozzanghera--segnale-di-pericolo-giallo.jpg%3Bhttp%253A%252F%252Fi

×