• Save
Ba2015
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Ba2015

on

  • 679 views

 

Statistics

Views

Total Views
679
Slideshare-icon Views on SlideShare
678
Embed Views
1

Actions

Likes
0
Downloads
0
Comments
0

1 Embed 1

http://www.slideshare.net 1

Accessibility

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Ba2015 Ba2015 Presentation Transcript

    • Turi Circa 12.000 abitanti 77 kmq superficie Dal 1993 al 2006 la popolazione è cresciuta del 3,9%
    • Turi Assi portanti delle progettualità: 1. Cultura e Turismo 2. Sistema delle risorse naturali sistemazione della lama 2 giotta riqualificazione delle strade 3 rurali riqualificazione di alcune vie 4 del centro storico realizzazione dell'impianto di 5 recupero delle acque reflue a scopi irrigui
    • Turi: riqualificazione del Centro storico Già candidato ai primi finanziamenti comunitari Progetto definitivo - 1,5 Milioni di euro
    • Turi: riqualificazione del centro storico (1) L’intervento, nel pieno rispetto della normativa urbanistica prevista dal vigente Programma di Fabbricazione ed in particolare dal Piano Particolareggiato del Centro Storico, consisterà nel valorizzare la città storica attraverso: 1. Rifacimento pavimentazione del nucleo storico: - svellimento della vecchia pavimentazione e rifacimento della stessa con basole calcaree; - predisposizione dell’interramento linee elettriche e telefoniche; - elementi di arredo urbano La scelta tecnologica di maggior rilievo riguarda l’utilizzazione di materiali naturali tipici delle tecniche costruttive locali, messi in opera secondo moderne tecniche. 2. Recupero ambienti piano terra ex Convento delle Clarisse: - gli interventi saranno rivolti al recupero di ambienti ritornati nella disponibilità dell’ente ed in completo stato di abbandono come la grande sala a cui si accede da Piazza F. Curzio e che si collega, attraverso piccoli ambienti, con il chiostro interno, e quelli ritrovati perché murati durante i passati lavori. Considerando la complessità degli interventi, l’Amministrazione comunale intende procedere al recupero dell’intera struttura ma programmando la realizzazione degli interventi in tre anni, avanzando per lotti sulla base di un unico ed organico progetto. I lavori da prevedere per la prima annualità riguarderanno essenzialmente il consolidamento dei cedimenti del primo piano ed il recupero del piano terra.
    • Turi: riqualificazione del centro storico (2) Il comune ha inteso elaborare una strategia di sviluppo del territorio incentrata sul recupero e la riqualificazione del centro storico in linea con le indicazioni del piano particolareggiato di recupero e rispondente agli obiettivi di sviluppo sostenibile del piano strategico di area vasta Agli interventi già realizzatiLa strategia posta in essere è volta a fare dei caratteri e delle peculiarità del territorio ben preservati nel nucleo antico e imprescindibile testimonianza della civiltà passata, strumento di sviluppo culturale e turistico del territorio, in un’ottica di valorizzazione di percorsi turistici tipici all’interno dell’area vasta In continuità con restauro del Palazzo Marchesale, dell’ex Convento delle Clarisse divenuto Centro polifunzionale per le attività culturali, il recupero ad Edilizia residenziale pubblica di numerosi alloggi, il restauro della Chiesa Madre e della Chiesetta di S. Rocco nonché la riqualificazione della villa comunale si intende aggiungere ulteriori opere di rifacimento e importanti interventi infrastrutturali miranti a favorire l’insediamento civile e commerciale nel centro storico con l’obiettivo di ripopolarlo, riqualificarlo e valorizzarlo sia in termini urbanistici che in termini socio culturali. Valorizzare la città storica e i centri urbani Riqualificare gli spazi e i luoghi pubblici dei nuclei storici urbani
    • Turi: sistema delle risorse naturali 2. Sistemazione della Lama Giotta: Studio di Fattibilità - 900.000 Euro
    • Turi: sistemazione della Lama Giotta L’intervento, consistente nella sistemazione del Ponte di Via Conversano, consentirà di ampliarne la sezione trasversale con l’aggiunta di due nuove campate, evitando rischi naturali Bonifica dell’area Ripristino assetto idrogeologico
    • Turi: sistema delle risorse naturali 3. riqualificazione delle strade rurali Riqualificare i Tratturi Migliorare la qualità della vita nelle strade rurali Favorire accessibilità alle aziende ed al sistema produttivo locale Progettazione definitiva 1,03 Milioni di euro
    • Turi: sistema delle risorse naturali Affinamento e riuso delle acque depurate: Progetto definitivo - 5,1 Milioni Euro L’intervento prevede la realizzazione di un impianto di affinamento e di una rete di distribuzione della risorsa idrica da utilizzare a fini irrigui Obiettivi: ridurre i problemi connessi alla scarsità di risorsa idrica da utilizzare per fini irrigui e il sovrasfruttamento della falda sotterranea.
    • Progetti di rete MTB di interesse per il Comune di Turi già candidati per i primi finanziamenti comunitari
    • ‘OCTOPUS’
    • Risanamento e bonifica delle lame
    • Rete dei Laboratori per la valorizzazione della Città storica Il progetto è il primo di una strategia che prevede l’attivazione di cantieri-scuola per la formazione di maestranze specializzate (“Scuola artigiana” – € 840.000 in 7 anni) e incentivi in conto capitale per interventi di recupero e trasformazione d’uso compatibile conformi ai manuali (“Patto per il recupero della Città storica”, € 84 mln in 7 anni) Al progetto nel Luglio 2008 hanno espresso la propria manifestazione di interesse 12 Comuni di MTB (Bari, Bitetto, Capurso, Casamassima, Cassano, Cellamare, Conversano, Corato, Gioia del Colle, Noicattaro, Polignano a Mare, Turi).
    • Urban center per l’architettura del fronte costiero metropolitano Dopo diversi incontri di lavoro collegiali sul tema organizzati con maggiore frequenza a partire da maggio 2008, nel settembre 2008 quattro Comuni su cinque hanno ufficialmente manifestato il proprio interesse al progetto, individuando le aree di intervento e le funzioni da allocare. Il Comune di Molfetta si è riservato di dichiarare in seguito su quale area intende intervenire.
    • TURISTI CON IL CHIP