Your SlideShare is downloading. ×
Multimedia e Formazione - Prof. Masini
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Multimedia e Formazione - Prof. Masini

640

Published on

Presentazione tenuta dal prof. Maurizio Masini dell'Università degli Studi di Siena in occasione del Forum "Multimedia per la Cultura", tenutosi a Vigevano l'11 e 12 giugno 2010

Presentazione tenuta dal prof. Maurizio Masini dell'Università degli Studi di Siena in occasione del Forum "Multimedia per la Cultura", tenutosi a Vigevano l'11 e 12 giugno 2010

Published in: Business
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
640
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
7
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Dipartimento di Scienze della Comunicazione Maurizio Masini Vigevano 12 giugno 2010
  • 2. Formazione e multimedia
  • 3. INDICE PREMESSA Che cos’è la multimedialità ALCUNE RIFLESSIONI Multimedialità e molteplicità di linguaggi LA FORMAZIONE E IL MONDO DELLE PROFESSIONI Cosa ne pensa la rete Le professioni nel settore media e ICT TRASFERIMENTO TECNOLOGICO e NUOVE OPPORTUNITA’ DI LAVORO Le aziende spin-off LA RICERCA CREA IMPRESA Percorso di accompagnamento per l’autoimprenditorialità
  • 4. PREMESSA Che cos’è la multimedialità?
  • 5. http://www.youtube.com/watch?v=O_h5esiUtZM Cos’è la multimedialità (segui il link)
  • 6. http://www.youtube.com/watch?v=y5hzLi2IKs4 Cos’è la multimedialità (segui il link)
  • 7.  
  • 8. Possiamo individuare alcune peculiarità dei sistemi multimediali La molteplicità dei canali di comunicazione può aumentare la probabilità di comprensione. L’utente definisce attivamente il percorso a lui più congeniale.
  • 9. Livelli e ritmi del processo di apprendimento diventano autoregolabili Le modalità di esplorazione non lineare, avvicinandosi al modo in cui l’uomo pensa, rendono possibile considerare questi strumenti come un supporto ai processi di pensiero
  • 10. Fin dagli anni settanta si sono studiati sistemi informatici in grado di memorizzare un insieme di documenti che potessero essere esplorati secondo processi diversificati L’ipertesto
  • 11. 1945 Vannevar Bush scrive “ Come potremmo pensare ” nel quale descriveva un sistema di informazione interconnesso chiamato Memex.
  • 12. 1960 Ted Nelson progetta Xanadu il primo esempio di ipertesto
  • 13. 1967 Douglas Engelbart inventa il mouse
  • 14. La facilità di ricezione di un messaggio è maggiore quanto maggiore è la sua ridondanza e quanto differenti sono i modi attraverso cui viene trasmessa
  • 15. Riusciamo infatti a ricordare: Il 20 % di ciò che vediamo Il 30 % di ciò che udiamo Il 50 % di ciò che vediamo e udiamo l’ 80 % di ciò che vediamo, udiamo e facciamo
  • 16. Nel corso degli anni a fronte di una rapida evoluzione tecnologica l’ipertesto si è arricchito di nuovi ‘sensi’. Così al testo alla grafica e alle animazioni si sono aggiunti anche l’audio e il video L’ipermedia
  • 17. Accesso non lineare all'informazione struttura a rete Accesso variato all'informazione informazioni rappresentate da media diversi. Accesso integrato all'informazione poter accedere a informazioni relative a media diversi attraverso un'unica interfaccia. riassumiamo le caratteristiche dell’ipermedia Facilità di accesso all'informazione L'interesse dell'utente nei confronti di qualunque tipo di informazione è condizionato dallo sforzo speso per ottenere quell'informazione. Libertà di accesso all'informazione crearsi da soli il proprio percorso
  • 18. ALCUNE RIFLESSIONI
  • 19. Multimedialità e molteplicità di linguaggi I nuovi media sono strumenti in cui molto del “saper fare” acquisito con i mezzi tradizionali non può essere applicato direttamente ma deve essere ripensato, sperimentato, metabolizzato.
  • 20. LA FORMAZIONE E IL MONDO DELLE PROFESSIONI
  • 21. Ma quali sono le professioni del multimediale?
  • 22. http://www.youtube.com/watch?v=WLPq5VRA_fQ Le professioni del multimediale (segui il link)
  • 23. http://www.youtube.com/watch?v=y5hzLi2IKs4 Le professioni del multimediale (segui il link)
  • 24. La bottega multimediale ?
  • 25. La bottega rinascimentale La struttura della bottega era generalmente costituita, oltre che dal maestro, da apprendisti, operai salariati, assistenti e maestri “ospiti”
  • 26. La moderna bottega multimediale
    • progettazione e sistemi interattivi
    • sistemi informatici, elettronica e sensoristica
    • direttore amministrativo e produzione generale
    • audio, musica
    • grafica 2D - 3D e progettazione allestimenti
    • regia e progettazione
    • grafica
    • montaggio video
    • produzione e coordinamento
    • post-produzione video
    • sviluppo software
    • amministrazione
    • relazioni esterne
  • 27. TRASFERIMENTO TECNOLOGICO NUOVE OPPORTUNITA’ DI LAVORO
  • 28. Incubatori di imprese Le aziende spin-off
  • 29. Le aziende spin-off Studenti e docenti danno vita ad una iniziativa imprenditoriale, valorizzando le esperienze professionali e il know how maturato.
  • 30. Le aziende spin-off La costituzione di queste particolari tipologie di aziende, è un'importante strumento di trasferimento tecnologico che consente di diffondere sul mercato le conoscenze specifiche sviluppate nelle strutture di ricerca degli atenei.
  • 31. Le aziende spin-off Chiaramente, il percorso presenta alcune fasi critiche. L’università svolge attività di consulenza ai neo-imprenditori in modo da accompagnarli fino alla fase di start up per aumentare le probabilità di sopravvivenza della nuova azienda.
  • 32. LA RICERCA CREA IMPRESA PERCORSO DI ACCOMPAGNAMENTO PER L’AUTOIMPRENDITORIALITÀ REGIONE TOSCANA FSE POR OB. 2 CRO 2007/2013 – ASSE IV CAPITALE UMANO
  • 33. La ricerca crea impresa Per migliorare il livello di occupazione si è pensato di sviluppare le potenzialità imprenditoriali e le idee innovative di giovani laureandi/laureati/dottorandi/dottori di ricerca attraverso formazione in aula e consulenze per la strutturazione di un business plan o per la ricerca di una partnership aziendale l’idea
  • 34. La ricerca crea impresa
    • Analisi del curriculum vitae
    • Colloquio motivazionale con approfondimento del progetto imprenditoriale individuale o di gruppo o per l’individuazione di un’impresa quale partner del progetto.
    • Le Associazioni degli Industriali delle Province di Arezzo, Grosseto e Siena, forniscono il supporto per l’individuazione del partner industriale.
    • Nel caso di creazione di azienda vengono offerti due anni di associazione gratuita e la relativa assistenza
    la fase di preparazione
  • 35. 1) Processi di imprenditorialità, confronto con il mercato, creatività, innovazione 3) Introduzione alla compilazione della sezione “Organizzazione R&S” del BP 4) Pianificazione progetti di R&S, project management, team building, gestione gruppi di ricerca 2) Come si struttura un Business Plan La ricerca crea impresa i contenuti formativi
  • 36. La ricerca crea impresa 5) Introduzione alla compilazione della sezione “Marketing” del BP 6) Analisi previsionali , trend storici, competitor, posizionamento, ecc. 8) Finanziamenti di tipo pubblico (EU, nazionali, regionali) e privato (business angel, venture capital, banche) 7) Introduzione alla compilazione della sezione “Fondi /finanziamenti” del BP
  • 37. La ricerca crea impresa 9) Introduzione alla compilazione della sezione “Legale/contrattuale” del BP 10) Forme societarie, controllo, organizzazione, lavoro, responsabilità, rapporti contrattuali, gestione conflitti 12) Tecniche di comunicazione e marketing 11) Introduzione alla compilazione della sezione “Comunicazione” del BP
  • 38. La ricerca crea impresa 13) Introduzione alla compilazione della sezione “Amministrazione” del BP 14) Gestione finanziaria, sistema contabile, bilancio di esercizio, programmazione e bilancio previsionale 15) Compilazione definitiva del BP con accompagnamento specialistico per gruppi di allievi; Project work attraverso il quale si strutturano i piani di impresa basati sull’idea degli allievi
  • 39. “ creare impresa” Come molte altre iniziative formative e di trasferimento tecnologico è una sfida e una scommessa
  • 40. Speriamo di non perderla! Grazie per l’attenzione Nell’interesse di noi formatori, dei nostri allievi e dei nostri figli

×