Pretesti di scrittura testi

874 views
813 views

Published on

I testi che seguono sono stati scritti a partire da manufatti realizzati in classe (sulle modalità e gli obiettivi di questa attività, vedere sul blog Arringo, mentre i manufatti completi sono visibili al seguente link).
I testi appartengono al genere giallo e sono stati elaborati in gruppo dai ragazzi, applicando:
• tecniche di descrizione del luogo;
• tecniche di descrizione delle persone;
• diverse modalità di dialogo;
• dialogo finalizzato alla descrizione del personaggio.

Published in: Education
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
874
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
468
Actions
Shares
0
Downloads
4
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Pretesti di scrittura testi

  1. 1. www.arringo.wordpress.com Pretesti di scrittura I testi Classe IIA _a.s. 2013-2014 Ist. Compr. “San Vito”_ San Vito Romano(Rm)
  2. 2. www.arringo.wordpress.com I testi che seguono sono stati scritti a partire da manufatti realizzati in classe (sulle modalità e gli obiettivi di questa attività, vedere sul blog Arringo, mentre i manufatti completi sono visibili al seguente link). I testi appartengono al genere giallo e sono stati elaborati in gruppo dai ragazzi, applicando:     tecniche di descrizione del luogo; tecniche di descrizione delle persone; diverse modalità di dialogo; dialogo finalizzato alla descrizione del personaggio. Buona lettura!
  3. 3. www.arringo.wordpress.com ENRICO IV E GREGORIO VII in MISTERO NEL CASTELLO DI SASSONIA! (classe IIA) "Ma cosa vuoi? Sono il papa, un inviato da Dio!" "Ma quale Dio e Dio! Io sono l'imperatore, mica l'ultimo dei servi!" "Stai zitto! Non contano solo i soldi e le terre! Tutto questo è nulla a confronto dei poteri spirituali!" "Ti fa comodo è? Hai solo una piccola striscia di terra! Gregorio VII non mi fermerai!" "Lo vedremo Enrico IV dei miei feudi!"
  4. 4. www.arringo.wordpress.com La sala del trono di Enrico IV, quel giorno, aveva assistito ad una gran bella lite che, tuttavia non aveva scalfito la sua bellezza. Si potevano ammirare tutt'intorno, degli splendidi arazzi che rivestivano le pareti e che ritraevano numerose battaglie dei precedenti imperatori. Più in basso, dei mobili in legno di castagno e suppellettili in ambra e argento. Al centro della stanza, campeggiava un maestoso trono, che assomigliava all’estensione del Sacro Romano Impero Germanico. Intanto nel palazzo del papa… “Adesso avrai quel che ti meriti, caro il mio Enrico IV, ed ecco qui la tua seconda scomunica! Così nessuno ti seguirà più!” “Ma…” balbettò il messaggero “Siete proprio sicuri? Il si-si-signore non la prenderà molto bene…” “Ma cosa dici? Stai forse insinuando che Enrico IV sia più potente di me?” “Ma…io” “Esci! E non tornare senza consegna avvenuta!” Quella notte, buia e tempestosa, nel palazzo accadde l’impensabile. Con passo felpato, un uomo si aggirava furtivo in quei corridoi deserti e silenziosi simile a un gatto che sta per afferrare la sua preda, camminava rannicchiato e rasente al muro. Indossava
  5. 5. www.arringo.wordpress.com una lunga tunica nera, ampia e pesante. Il volto era coperto fin sopra la bocca da un inquietante cappuccio a bocca, che lasciava intravedere delle labbra serrate dalla concentrazione. In chiesa, nella cattedrale di Aquisgrana, Enrico IV sedeva tra i banchi insieme ai suoi più fedeli vassalli, d’un tratto, prima dell’ inizio dell’Eucarestia da dietro le tende di velluto uscì Gregorio VII. “Ma tu che ci fai qui?” chiese con stupore il papa. “Quello che faccio tutte le domeniche…” controbatté Enrico IV. “Ma non hai letto la scomunica?”. “Veramente non mi è arrivato nulla!”. “Qui c’è qualcosa che non va” disse con tono pensieroso il papa. Fu così che il papa chiese aiuto a Matilde di Canossa, donna di gran fiuto. “E così caro papa, la scomunica non è arrivata…occorre approfondire.”. Arrivati a palazzo del papa, cominciò a perquisire tutte le stanze, finché notò qualcosa di strano nel camino. “Buongiorno, Matilde sono a vostra disposizione” disse Abelardo a Matilde Di Canossa
  6. 6. www.arringo.wordpress.com “Da quanto vi occupate del riscaldamento del palazzo?”. “Da molti anni, quasi una vita!”. “E i rapporti tra voi sono stati sempre buoni?” “Ma certo, cosa vi salta in mente?” “Mi vieni in mente che…voi sappiate che ha fatto la scomunica di Enrico IV”. “Ma-ma-ma…io…non so nulla!” “E invece si! Perché da anni ti occupi anche del riscaldamento del palazzo”. “Cosa c’entra?”. “C’entra, c’entra…altrimenti, perché ci sarebbe della cera nel camino? Avete bruciato la lettera! Confessate!” “E va bene! Ogni giorno devo rischiare la vita! Vi sembra giusto?” E così Belardo andò in galera nella cella Enrico IV si prese la scomunica.
  7. 7. www.arringo.wordpress.com OMICIDIO IN FABBRICA Classe IIA Tutti dormivano quella notte a Palermo, nessuno immaginava quello che sarebbe successo nella grande fabbrica Chocolate. Lì, non c'era affatto tranquillità. Lungo l'ingresso principale, montagne di scatoloni rivolti su se stessi, sembravano le onde di un maremoto e dicevano che non era accaduto nulla di buono. Ad accogliere il perfetto scompiglio, una zaffata miasmatica che annunciava la morte. Alla fine del corridoio, tracce di sangue che qua e là diventavano impronte di scarponi da lavoro. Più in avanti, una lunga scia di sangue simile ad un boa, spingeva
  8. 8. www.arringo.wordpress.com gli occhi verso il centro della stanza. Nel bel mezzo della sala comandi, giaceva un corpo esanime, che a guardarlo sembrava morto da tempo. L'uomo aveva gli occhi sbarrati come se avesse visto la morte in volto. Più in basso, dei lividi violacei e bluastri erano stati testimoni di chissà quale violenza. Sotto di essi, una bocca spalancata nel tentativo di chiamare aiuto ma invano. Dietro, sulla schiena, nel bel mezzo di una camicia strappata, enormi macchie di sangue che coprivano dei grandi e profondi tagli tra le costole. "Buongiorno, signor Castellano" disse il commissario Montalbano, giunto sul luogo del delitto la mattina seguente. "Buongiorno signor Montalbano. Ha visto che sciagura ha colpito la mia fabbrica?". "Mi dispiace molto, ma bisogna fare chiarezza...Chi c'era quella sera in fabbrica?". "Ehm...non ricordo bene..." rispose tentennando il signor Castellano "Quella sera ero uscito prima, perché mia moglie che non si sentiva bene". "Allora sua moglie non avrà difficoltà a rispondere ad alcune domande...". "No...ehm...Faccia pure...". Così la Punto di Montalbano sfrecciò sulle montagne di Mondello, lasciandosi alle spalle il luogo del delitto. "Buongiorno, signora Castellano" "Buongiorno signor Montalbano, serve qualcosa?" "Si...gentilmente, potrebbe dirmi dov'era sua marito ieri sera?"
  9. 9. www.arringo.wordpress.com "Ehm...era a casa con me...perché stavo male". "Era per caso nervoso?" "Veramente...Calogero è stato sempre un grande lavoratore. Fin da quando era piccolo, è stato lui ad alzare i guadagni della sua famiglia! Lavorando duramente, ha contribuito moltissimo alla gloria di Palermo! Tutto grazie alla sua azienda! Ma, in questi ultimi tempi... sì, era un po nervoso... Stava ore e ore al telefono.". "La ringrazio mi è stata davvero utile!" Nel giro di poche ore, Salvo Montalbano fu di nuovo in fabbrica. DRIIIN "Pronto?...Ah sì Carmine...Mm...Molto bene, nel giro di pochi minuti lo farò confessare, grazie a presto". TOC TOC... "Cosa vuole ancora?" cominciò alterato Calogero. "Lei...non mi ha detto tutta la verità!". "Ma quale...ma quale verità vuole che le dica? Le ho già detto che ha le 9:30 ero a casa!". "E come fa a sapere che l'omicidio è avvenuto a quell'ora?". "Ma non so...Diamine! E va bene! Quel lurido verme! Ha avuto tutto quel che meritava!". "Bene così, signor Calogero. Mi racconterà tutto in macchina, con calma.".
  10. 10. www.arringo.wordpress.com E anche questa volta, la Punto di Salvo sgommò al carcere di Acireale.
  11. 11. www.arringo.wordpress.com MARTA Di Claudia Martinoli, Clarissa Ilari, Mara Pisaltu Quella sera, le strade della città erano tempestate di macchine e persone, dirette tutte alla festa di carnevale. Di sottofondo, si sentivano le urla di ragazzi entusiasti vestiti chi da Spider-Man chi da Trilli chi da zombie… All’ingresso della città c’era un cartellone di vari colori, che preannunciava qualche festa. Andando più avanti, c’erano due fabbriche, quella più avanti verde quella indietro nera, anch’esse felici della festa. Ai loro fianchi, i palazzi dalle serrande aperte regalavano il panorama di persone che si stavano preparando per l’avventura del Carnevale. Tutt’intorno, si davano la mano casette dai colori dell’arcobaleno, mentre l’unico super mercato della città era chiuso. Ad un certo punto…
  12. 12. www.arringo.wordpress.com -Aiuto! - urlò a squarciagola una ragazza. Accorsero in molti. Una persona regnava, appesa ad un corda…Era una ragazzina di circa 18-19 anni. Era molto pallida. Delle voci dicevano: -Chiamate un dottore! Sbrigatevi! -Eccomi! sono io sono un dottore! Ma, era troppo tardi. Era già morta da circa due ore. Aveva una camicia rosa ormai mischiata da colore rosso del suo sangue, i pantaloni sembravano nuovi, le scarpe non c’erano. Il collo non aveva nessun segno rosso:era stata strozzata o ammazzata e poi appesa la testa? Era piena di grandi bolle ed infine gli occhi sembravano che da un momento all’altro potessero uscire dalle orbite. Successivamente, arrivò l’investigatore: -Cosa è successo? -Noi non sappiamo- preoccupati sussurravano in coro i presenti. -Be, sgombrate, su sbrigatevi! La panda verde di De Santi sfrecciò in caserma: -Ma, è sicuro che si tratta di omicidio?- domandava a Sparta il suo segretario. -Bah, non saprei… -Ascolta, vammi a fare una ricerca su questa ragazza: voglio sapere tutto di lei! -Subito, ispettore! Poco dopo:
  13. 13. www.arringo.wordpress.com -Ecco! Questa è la ricerca che mi ha chiesto -Ok! Fantastico! Il13/02/13 ha compiuto 19 anni e po… -Ei aspetta, ma, è successo proprio il giorno della sua morte! E’ dal lì iniziarono i sospetti. E continuò a leggere. Ha una amica che frequenta da molto, odia stare con i ragazzi più grandi di lei,ha un fratellino più piccolo, non ha i genitori, vive in una fattoria. Ama stare con i bimbi, e questo spiega perché è andata alla festa, odia la pizza, ah ora si spiegano tutte quelle bolle, forse era allergica a qualcosa,odia la solitudine… -Ricapitolando. Ha compiuto gli anni nello stesso giorno della morte, ha delle bolle in faccia per allergia, forse sono stati alcuni ragazzi più grandi e forse ha delle brutte conoscenze. L’ispettore iniziò a pensare.“Se esploro meglio la casa, può darsi che trovo qualche indizio in più”. E tornò a casa della vittima. Avvicinandosi, intravide dei gruppi di ragazzi vicino l’abitazione: tra di loro, una sola ragazza. Allora scese per andare a vedere, - Salve ragazzi!Sono l’ispettore De Santi -E che vo da noi che t’avemo fatto? -Buono, ragazzo, le domande le faccio io. Chi siete? E chi è questa ragazza che è con voi? -Ficcanaso! Lei è n’amica nostra, fatte gli affari tuoi: C’ha 19 anni, è grande abbastanza! -Può bastare: però datemi i documenti. De Santi prese il cellulare e chiamò il segretario.
  14. 14. www.arringo.wordpress.com -Sparta, segnati questi nomi e appena puoi, dimmi quanto più possibile. Mi interessa soprattutto la ragazza. Mentre perlustrava la casa, squillò il cellulare: -Ispettore, ho quello che cerca: la ragazza, in particolare, ha un dato che ci interessa. Indovini? Compie gli anni il 13/02/13 ama la pizza ha un fratello più grande, ultimamente ha litigato con una sua amica…Abbiamo controllato i tabulati telefonici: le cose tra le due non funzionavano. -Ma è proprio tutto l’opposto della sua amica! Forse anche lei può entrarci qualcosa nell’omicidio di Marta! Dobbiamo escogitare un piano. -Possiamo mandare una lettera alla sua amica, da parte di Marta e vedere che reazione avrà! -All’opera. Ciao amica mia. Sai ti scrivo una lettera perché non ho soldi al telefono…Ho bisogno di parlarti. Puoi venire domani a casa mia? Marta E la lettera volò alla casa dell’amica di Marta. -Corri! Andiamo vieni con me so dove andare! -esclamò felice l’investigatore . Aspettarono fuori dall’abitazione e quando videro uscire la ragazza a tutta velocità da casa, la bloccarono. -Dove va, signorina? -Perché ce l’avete con me? Marta non l’ho uccisa io!
  15. 15. www.arringo.wordpress.com -Ma noi non abbiamo parlato di Marta…Perché dice questo? E perché corre fuori casa? -Basta! -Signorina, le conviene parlare, abbiamo prove a sufficienza- azzardò l’ispettore. -Basta, si, si, l’ho uccisa io! Marta non voleva mai andare a grandi feste e quella sera era il mio e il suo compleanno! Io volevo andare a casa sua a festeggiare ma lei preferiva stare alla festa di carnevale e diceva che voleva restare un pochino a mangiar qualcosa. -Ma che motivo c’era di ucciderla? -Marta era povera e il giorno prima aveva rubato a casa mia. Io e ei miei facemmo finta di niente, ma poi glielo dimmo, ma niente da fare. Lei negò tutto e non ci diede indietro i soldi…Quello che aveva preso a casa valeva molto di più di 2 colpi di pistola. Le sparai e l’ appendemmo e… -E poi è scappata…anzi, siete scappati: avrà avuto di sicuro dei complici…Sparta sai cosa devi fare… E da quel giorno, Marta poté finalmente riposare in pace e per sempre..
  16. 16. www.arringo.wordpress.com DELITTO ALL' HOTEL KIME Leonardo Cianfriglia (e gruppo) Era un giorno tipico d' inverno a Los Santos: il cielo era coperto da tristi nuvole grigie a mo' di mantello; sul monte Zac troneggiava un maestoso hotel a 5 stelle di nome Kime. Il palazzo era di color bianco panna: conteneva al suo interno ottocento stanze, ma solo una era la più lussuosa. Già dalla hall si poteva sentire il profumino del pollo arrosto preparato dalla cucina e tutte le stanze dei clienti avevano due smart TV e tutti i letti erano originari della Francia. Le case, dalla più grande alla più piccina, erano variopinte da tinte rosso, blu, verde, giallo e sembravano ''ruotare'' intorno al Kime; erano irregolari e l'unico edificio ''solitario'' era la triste e cinerea fabbrica, che ''sputava'' ogni giorno fumo nero dalla sua ciminiera. La strada principale era Wall Street ed era popolata da migliaia di persone: auto che all'ora di punta si riunivano in piazza. Clacson, grida di bambini, rumori di motori erano per strada le tre parole principali.
  17. 17. www.arringo.wordpress.com Nella suite del Kime successe l'improbabile, quando un'impiegata entrò nella 94 e i suoi occhi si sbarrarono dall'orrore. La vittima era piuttosto pallida: la testa presentava dei tagli sulla fronte. La pancia era ricoperta dai lividi.Le gambe possedevano dei solchi di proiettili. Le mani legate con un fil di ferro e trafitte da siringhe. Sotto i piedi, c'erano dei buchi molto piccoli che erano stati sicuramente dei chiodi. La faccia bianca come il latte e il sangue formava una coperta. La schiena aveva dei grandi, larghi e numerosi tagli e sembrava che avesse lasciato la sua firma sul corpo della vittima. L'ispettor Lonk si incamminò verso il team con il suo aiutante Roger. Sul luogo del delitto Lonk incominciò a formulare domande a raffica. -Come si chiamava la vittima?. -Christian- rispose la cameriera Maria. -Dove si trovava il giorno 10 settembre 2001? -A festeggiare con Christian e i miei amici- rispose convinta Maria. -Era un po’ strano quel giorno… Roger esclamò: -Conosce il nome di qualche suo amico? -Ehm sì rispose insicura Maria. Sandro e Luigi: il primo, alto e robusto; il secondo; un po’ mingherlino… - Dove lavorava Christian? domandò Lonk. -Si svegliava sempre presto…per andare a lavorare in quella cupa fabbrica. -Ok, grazie signora! esclamarono in coro i due investigatori.
  18. 18. www.arringo.wordpress.com Un giorno, Roger andò a comprare il pane al supermercato, che era situato vicino alla fabbrica accennata dalla cameriera. Ad un certo punto, Lonk notò in lontananza due tipi che sembravano quelli descritti da Maria: -Ehi, Roger, non ti sembrano due facce sconosciute? -E chi sono? si incuriosisce l’aiutante. -Gli amici di Christian! -Ah, giusto! esclamò Roger. I due investigatori sfrecciarono con la loro Panda. Destinazione hotel Kime. Andarono alla stanza 94 e scoprirono delle foto di Christian, abbracciato insieme a Luigi e Sandro e dietro di questi, disegni molto particolari come la svastica, la L e la S. Ritornarono al supermercato e li notarono di nuovo con quei segni particolari sul giubbotto e sulle braccia. Successivamente Lonk e Roger non esitarono a inseguirli e con la loro squadra anticrimine. Li arrestarono, portandoli in carcere.
  19. 19. www.arringo.wordpress.com SULLA LAMA DI UN COLTELLO Federica Ceci (e gruppo) Era sera, una tranquilla sera, o cosi sembrava nella caotica Hollywood: vicino alla vecchia fabbrica, passeggiavano persone importanti come Selena Gomez e Demi
  20. 20. www.arringo.wordpress.com Lovato. La fabbrica era affiancata da un hotel a 5 stelle chiamato “Lady Diana” e da misteriosi palazzi, alti e bassi: un piccolo supermercato ma ampio e una vecchia enoteca del signor Testa. Da li uscivano ed entravano persone di ogni genere, compresi i vip. Con questo viavai, non si sapeva mai quello che succedeva. Le automobili correvano all’impazzata alzando polvere e fuliggine, suonando clacson e facendo un rumore terribile con le loro urla tanto che nessuno riusciva a dormire. Tra queste persone, c’era la moglie del signor Testa che andò in cucina a prendere dell’acqua, dove il marito preparava le bottiglie del vino, da vendere ai clienti. Entrò e vide una scena atroce: suo marito steso sul tavolo, inanime. Provò a chiamarlo in ogni modo ma niente non si svegliava. Provò a girarlo e vide un coltello conficcato nella schiena. Era un coltello di classe che sembravano da collezione. Il signor Testa indossava un paio di occhiali sporchi di sangue, un grembiule che aveva l’odore del vino avariato, una camicia con tagli profondi sulla schiena che dicevano che non era morto per natura. Sui pantaloni, c’erano gocce di sangue, qua e la. Il viso era pieno di lividi neri e viola, le labbra esangui e sottili e gli occhi sbarrati come se avesse visto la morte in faccia. La signora chiamò subito i carabinieri e l’ambulanza anche se sapeva che non sarebbe servito a niente. Il giorno seguente, il paese era pieno di volanti della polizia . dalla signora Testa, si presentò un commissario chiamato “la volpe” per la sua incredibile astuzia. Bussarono alla porta eee … -Toc, Toc! -Chi è? – rispose la signora Testa, affranta per la tragedia appena accaduta- Sono il commissario “la volpe”- esclama
  21. 21. www.arringo.wordpress.com -Certo vengo subito-Salve! -Buongiorno! -Vorrei farle alcune domande riguardo suo marito. -Certamente! Venga pure! Si accomodi! -Grazie. Senta lei sapeva se per caso suo marito aveva dei nemici? -No. A quanto ne so io, no! Credo di no! -Come sarebbe “credo”? - “Credo”, perché ultimamente c’era un signore che veniva spesso e qualche volta lo sentivo che alzava la voce. -Mmm… interessante … Sa per caso come si chiama questo signore? -Certo. Si chiama … Smith. Carl Smith. -Grazie mille. Andremo subito a parlargli. -Grazie a lei e spero che mi porti delle buone notizie. Il commissario la volpe sfrecciò con la sua Mercedes a casa del signor Smith in via Wall Street, 32. Il commissario bussò con forza alla porta: -E lei chi è scusi? -Sono il commissario la Volpe. Lei è il signor Carl Smith? -Certo sono io! Entri pure si accomodi. -Grazie. Entrati il commissario cominciò con le domande.
  22. 22. www.arringo.wordpress.com -Dove si trovava ieri sera, tra le 22 e le 23? -Ero a lavoro. -Da solo, senza nessuno che gli faceva compagnia? - Si erano tutti usciti! - Questa è una bugia. Abbiamo controllato nell’azienda dove lavora e lei ha lasciato lì’azienda alle 21. E aveva tutto il tempo di tornare a casa e uccidere il signor Testa!! – sbraitò. -Questo non è vero. Si sono uscito alle 21 è vero. Ma perché mai dovrei averlo ucciso? -Perché il signor Testa aveva mandato suo figlio a lavorare nella sua azienda e ha scoperto che lo faceva lavorare in nero. Cosi lei è andato nel pomeriggio nell'enoteca e ha scoperto che il signor Testa aveva capito tutto. Se la notizia si fosse diffusa in giro, l’azienda avrebbe chiuso e lei sarebbe andato in rovina! -Non è vero! Non è vero! Non è vero! Il commissario guardò nella credenza e vide dei coltelli. -Lei colleziona dei coltelli? -Si perché? -Perché l’arma che ha ucciso il signore è identica ai suoi coltelli e qui si vede a occhio nudo che ne manca uno! Non ci vuole tanto a confrontare le sue impronte con quelle che abbiamo trovato sul coltello! -E va bene! Sono stato io! L’ho ucciso io quell'idiota non volevo che mi mandasse in rovina! -Ma in rovina ci va ugualmente perché passerà un po’ di tempo al fresco.
  23. 23. www.arringo.wordpress.com Cosi il commissario portò in carcere il signor Carl Smith, ringraziò la signora e lasciò Hollywood trionfante.

×