Il genocidio del Congo
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Il genocidio del Congo

on

  • 144 views

A cura di Georgi Dimitrov, IIIA, Ist. Compr. San Vito (Rm). Per far memoria e ricordo oggi

A cura di Georgi Dimitrov, IIIA, Ist. Compr. San Vito (Rm). Per far memoria e ricordo oggi
www.arringo.wordpress.com

Statistics

Views

Total Views
144
Views on SlideShare
143
Embed Views
1

Actions

Likes
0
Downloads
0
Comments
0

1 Embed 1

http://www.slideee.com 1

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Il genocidio del Congo Il genocidio del Congo Presentation Transcript

  • Quasi 125 anni fa, gli imperi europei entrarono in competizione uno contro l’altro per conquistare l’Africa e prendere le risorse. Il re del Belgio (Leopoldo II) cercò di ottenere il controllo del Congo,a causa del fatto che la richiesta di gomma era aumentata drammaticalmente e il Congo contenva alberi della gomma selvatici che potevano essere immediatamente sfruttati per andare incontro alla domanda. Si ottenne ciò forzando i maschi africani a lavorare, prendendo le loro famiglie in ostaggio fino a che non fosse stato raccolta una certa quantità di gomma, sarebbero state tagliate le mani degli africani che non fossero riusciti a raggiungere la loro quantità. Tutto ciò risultò nella morte di 10 milioni di persone tramite una combinazione di omicidi, fame, esaurimento fisico, malattia e crollo delle nascite. Leopoldo II
  • Nel 1996 sorse un nuovo conflitto che è tuttora in corso e che ha portato in 12 anni miglioni di morti.Il Congo fu invaso nel 1996 dalle truppe rulandesi agli ordini del presidente Tutsi Paul Kagame.Egli disse che gli Hutu oltre confine ponevano una minaccia alla sicurezza rulandese.L’esercito Kagame massacrò migliaia di Hutu non combattenti che avevano preso rifugio in Congo,quando Kagame era salito al potere in Rwanda.Il Brundi e lUganda mandarono nel 1997 truppe per aiutare il gruppo ribelle congolese,che stavano cercando di rovesciare il dittatore dello Zaire Mobutu .
  • Mobutu fu rovesciato nel 1997, e ciò portò Kabila, convinto alleato degli Usa, a diventare il nuovo leader dal pugno di ferro. Nel 1998, Kabila ottenne che le truppe ruandesi e ugandesi lasciassero il Congo . il Rwanda compì una nuova invasione affermando di avere bisogno di inseguire gli Hutu che minacciavano la sua sicurezza” e anche l'Uganda invase con la motivazione di dover combattere i gruppi ribelli ugandesi che avevano le loro basi nel Congo. L'Uganda e il Rwanda volevano controllare l'area del Congo orientale
  • Fu in quel momento che gli Stati Uniti iniziarono a finanziare entrambe le parti in conflitto dando denaro sia all'esercito congolese del presidente Kabila che agli avversari della Adunanza Congolese per la Democrazia. La crescita del conflitto destabilizzò il paese rendendolo più suscettibile all'influenza e al controllo straniero.
  • Le forze speciali USA che avevano addestrato Kagame e il RPF sin dal 1994 intrapresero il compito di addestrare l’Esercito Patriottico Rundese (RPA) di Kagame in tattiche quali il combattimento, le operazioni anti inssurrezionali ,operazioni psicologiche e diedero istruzioni su come combattere in Zaire. Venne rivelato che in agosto, prima di ordinare l'invasione del 1996, Kagame fece visita al Pentagono per ottenere l'approvazione USA e che soldati ruandesi e ugandesi che erano stati addestrati a Fort Bragg negli Stati Uniti (quartier generale delle forze speciali USA) parteciparono nell'invasione del 1996-97 per rovesciare Mobutu. Fu pure riferito che soldati USA furono avvistati in compagnia di truppe ruandesi in Congo il 23 e 24 luglio 1998 circa una settimana prima della seconda ‘ufficiale’ invasione ruandese del Congo. l’Esercito Patriottico Rundese
  • Durante il saccheggio del Congo da parte di re Leopoldo, “agenti della gomma” che agivano per conto tanto dell'impero belga che degli interessi dell'industria della gomma, si impegnarono attivamente in omicidi di massa, tortura e abusi sugli africani. Esistono ancora agenti della gomma in versione moderna. “La ditta appaltatrice militare Brown & Root, una sussidiaria della Halliburton, avrebbe costruito una base militare sul confine tra Congo e Rwanda dove è stato addestrato l'esercito ruandese. Similmente la Bechtel Corporation ha fornito mappe satellitari e foto di ricognizione a Kabila in modo che potesse monitorare i movimenti delle truppe di Mobutu.
  • Il Congo è estremamente ricco di risorse naturali. Il Rwanda, l'Uganda e l'Occidente hanno tutti lottato, in parte con campagne di destabilizzazione, per approfittare della ricchezza del paese. Il fratello del presidente ugandese Yoweri Museveni, Salim Saleh, ha prestato tre velivoli “all'esercito ugandese per trasportare truppe e rifornimenti in Congo. Con la collaborazione di ufficiali dell'esercito ugandese, di gruppi ribelli congolesi e di imprenditori privati, Saleh si assicurò che gli aerei ritornassero in Uganda carichi di oro, legname e caffè”. Durante lo stesso periodo, sebbene il Rwanda non abbia miniere di diamanti, “le sue esportazioni in diamanti aumentarono da 166 carati nel 1998 a 30.500 carati nel 2000” Il Congo è ricco di risorse naturali
  • Keith Harmon Snow, un investigatore indipendente per i diritti umani e corrispondente di guerra per le organizzazioni Survivors Rights International e Genocide Watch e per le Nazioni Unite, ha recentemente riferito che nell'ottobre del 1996 ci sono stati almeno 1,5 milioni di rifugiati ruandesi e del Burundi nello Zaire orientale (Congo). L'invasione a tutta scala è iniziata più formalmente quando le forze delegate dalla Rwandan Patriotic Army e dalla Ugandan Patriotic Defense bombardarono con l'artiglieria i campi profughi, uccidendo centinaia di migliaia di persone in un chiaro caso di genocidio.Il medesimo rapporto faceva anche notare che il numero di morti in Congo ha raggiunto livelli paragonabili a quelli del genocidio voluto dal re belga Leopoldo in Congo più di 100 anni prima, con oltre 10 milioni di morti in Congo dal 1996, e milioni in più in Uganda e Rwanda. Esso ha definito le morti come prodotti delle amministrazioni Bush- Clinton-Bush .