Your SlideShare is downloading. ×
0
I genocidi del Congo
I genocidi del Congo
I genocidi del Congo
I genocidi del Congo
I genocidi del Congo
I genocidi del Congo
I genocidi del Congo
I genocidi del Congo
I genocidi del Congo
I genocidi del Congo
I genocidi del Congo
I genocidi del Congo
I genocidi del Congo
I genocidi del Congo
I genocidi del Congo
I genocidi del Congo
I genocidi del Congo
I genocidi del Congo
I genocidi del Congo
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

I genocidi del Congo

236

Published on

I genocidi del Congo, a cura di Giacomo Colaneri, IIIA, a.s. 2013-2014, Istituto Comprensivo "San Vito", San Vito Romano (Rm). Per far memoria e ricordo oggi. Nell'ambito dell'approfondimento dei …

I genocidi del Congo, a cura di Giacomo Colaneri, IIIA, a.s. 2013-2014, Istituto Comprensivo "San Vito", San Vito Romano (Rm). Per far memoria e ricordo oggi. Nell'ambito dell'approfondimento dei genocidi africani.
L'attività in cui è inserito il lavoro è al link: http://arringo.wordpress.com/2014/04/06/memoria-e-ricordo-oggi-i-genocidi-dimenticati_africa_iiia/

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
236
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Genocidio del Congo
  • 2. Dove Il Congo è uno stato situato nel centro dell’Africa, uno stato ricco di risorse, dai minerali agli alberi di gomma.
  • 3. Il Congo subì due invasioni, una verso la metà del 1800 da parte di Leopoldo II, l’altra negli ultimi anni del 1900 ad opera di alcuni stati confinanti. Quando
  • 4. Prima invasione Verso la metà del 1800, l’Africa fu portata di nuovo alla ribalta europea dagli esploratori che vi si addentrarono per curiosità scientifica, scopi umanitari e missionari. I loro resoconti rivelarono pure le ingenti risorse naturali di cui era ricco il continente, scatenando tra le potenze europee, grandi e piccole, la corsa all’Africa. Ne è un esempio il giornalista Henry Morton Stanley che, tra il 1874 e 1877, diresse la prima spedizione africana da est a ovest, da Zanzibar all’Atlantico, discendendo tutto il corso Vi posso provare che la potenza che possiederà il Congo potrà assorbire in se stessa il commercio di tutto il suo enorme bacino.Il fiume è e sarà la grande autostrada per i traffici dell’Africa occidentale». Era proprio quello che cercava re Leopoldo II per realizzare le sue ambizioni coloniali. Per aggirare il governo belga, che non mostrava interesse né aveva risorse economiche e militari per un’avventura imperialista, nel 1876 il sovrano fondò l’Associazione internazionale dell’Africa (poi Associazione internazionale del Congo); nel 1878 prese Stanley al suo servizio e lo inviò nella regione congolese per stipulare contratti commerciali e diplomatici con le popolazioni dislocate nel bacino del fiume Zaire, ribattezzato Congo. In pochi anni l’agente Stanley firmò oltre 400 trattati di commercio o protettorato con i capi locali; con il sostegno dello schiavista araboTippuTip fondò diversi empori, tra cui Stanleyville e Léopoldville e avviò lo sfruttamento sistematico del paese.
  • 5. L’esempio di Leopoldo fu imitato dal cancelliere Bismarck, che si precipitò a procurare un posto al sole per la Germania. Ma la comparsa sulla scena di due nuove potenze coloniali, provocò le reazioni della Francia, Gran Bretagna e Portogallo, i cui interessi nella regione risalivano a un periodo molto anteriore. Per appianare le divergenze, fu convocata la Conferenza dell’Africa Occidentale, meglio conosciuta come Conferenza di Berlino, in cui parteciparono quasi tutti i paesi europei, più Turchia e Stati Uniti. Dal novembre 1884 al febbraio 1885, l’Africa fu spartita in zone di influenza, con confini che resistono a tutt’oggi. Le rivalità tra le varie potenze favorirono le mire di Leopoldo, sostenute dal Bismarck e l’antico regno del Congo fu diviso in tre parti: al Portogallo toccò l’Angola e Cabinda; alla Francia la fetta a nord del fiume Zaire; al monarca belga le terre esplorate da Stanley, cioè tutto il bacino del grande fiume e zone circostanti. Nasceva il Libero stato del Congo che il parlamento belga riconobbe come proprietà «esclusiva» di Leopoldo II, senza gravami sui contribuenti belgi. Non pago dell’immenso territorio, grande come l’Europa, re Leopoldo, con pretesti più o meno «scientifici», organizzò spedizioni per impadronirsi, a nord, delle regioni del Sudan orientale e, a sud, delle province del Kasai e Baluba: quasi 2,5 milioni di chilometri quadrati.
  • 6. Il Libero stato del Congo non fu mai né libero né uno stato, ma un privato dominio che il monarca gestì senza alcun controllo, neppure da parte del governo belga. Tutta la terra non coltivata fu dichiarata proprietà dello stato (cioè del re), che aveva il monopolio assoluto sulle sue risorse di valore immediato (avorio e caucciù) e sui minerali del sottosuolo, il cui sfruttamento fu concesso a varie compagnie, con accordi di affitto per 99 anni. La scoperta del processo di vulcanizzazione della gomma e il suo impiego industriale fecero di quella colonia uno dei più grandi serbatoi mondiali di questo prodotto fondamentale per l’industrializzazione dell’Occidente. Ma occorreva mano d’opera per raccoglierlo e trasportarlo fino al mare. Il problema fu subito risolto: tutti gli africani (ironicamente chiamati «cittadini») furono obbligati a raccogliere il caucciù senza alcun compenso e ogni villaggio doveva consegnare agli emissari del re-proprietario una certa quota del prezioso prodotto vegetale: chi si rifiutava, o consegnava quantità minori di quelle richieste, era punito duramente, fino alla mutilazione: a chi non produceva la quota di caucciù veniva tagliata una mano o un piede; alle donne le mammelle. Contro i ribelli si ricorreva all’assassinio, a spedizioni punitive, distruzioni di villaggi, presa in ostaggio delle donne. Cause e modalità
  • 7. In alto a sinistra: albero di caucciù con incisione e versamento. In alto a destra: bambini mutilati. A destra: l’asciugatura del caucciù
  • 8. A fare il lavoro sporco erano circa 2.000 agenti bianchi, disseminati nei punti più importanti del paese: molti di essi erano malfamati in patria e malpagati in Congo. Ogni agente comandava un certo numero di nativi armati (capitani), presi da etnie diverse e dislocati nei singoli villaggi, per assicurare che la gente facesse il proprio dovere. Se la quota era inferiore a quella stabilita, anche i «capitani» subivano fustigazioni o mutilazioni. Era il metodo del terrore, tanto efficace quanto diabolico. In 23 anni di esistenza, nel libero stato del Congo morirono circa 10 milioni di persone, direttamente per la repressione o indirettamente per epidemie o fame, dovuta alla distruzione punitiva dei raccolti. Fu un vero genocidio, in cui perì quasi metà della popolazione congolese, stimata a circa 20-25 milioni di abitanti nel 1880. A ciò si aggiunga la caduta del tasso di natalità: un missionario giunto in Congo nel 1910 fu stupito dall’assenza quasi totale di bambini tra i 7 e i 14 anni, nati cioè tra il 1896 e il 1903, periodo in cui la raccolta di caucciù raggiunse il suo apice. In seguito nel 1908 il Congo venne annesso al Belgio.
  • 9. Seconda invasione Nel 1996, due anni dopo gli omicidi di massa avvenuti in Rwanda, sorse un nuovo conflitto che è tuttora in corso e che ha portato in questi ultimi 12 anni a milioni di morti. Il Congo, che precedentemente portava il nome di Zaire, fu invaso nel 1996 dalle truppe ruandesi agli ordini del presidenteTutsi Paul Kagame. Egli disse che “gli Hutu oltre confine ponevano una minaccia alla sicurezza ruandese”. L'esercito di Kagame “massacrò migliaia di Hutu non combattenti che avevano preso rifugio in Congo quando Kagame era salito al potere” in Rwanda. Il Burundi, che anche aveva un governoTutsi, e l'Uganda, mandarono nel 1997 truppe per aiutare il gruppo ribelle congolese di Laurent Kabila, che stava cercando di rovesciare il dittatore dello Zaire Mobutu Sese Seko. Mobutu fu rovesciato nel 1997, e ciò portò Kabila, convinto alleato degli Usa, a diventare il nuovo leader dal pugno di ferro. Nel 1998, Kabila ottenne che le truppe ruandesi e ugandesi lasciassero il Congo, poi però il Rwanda compì una nuova invasione appoggiata anche dall’Uganda. Dal 1996 a oggi milioni di persone dovettero abbandonare le proprie case, la maggior parte della popolazione venne usata per la raccolta del coltan, un minerale molto abbondante in Congo.
  • 10. Cause E' anche per mettere le mani sul forziere diamantifero congolese che dal 1998 è esplosa la prima guerra africana che vede coinvolte più nazioni. Una società con sede nelle isole Cayman - la Oryx - e una di proprietà del governo dello Zimbabwe - la Osleg - per lo sfruttamento di una zona diamantifera nella Repubblica Democratica del Congo, il cui governo ha naturalmente una parte nell'accordo. Dall'estrazione e dalla vendita di pietre preziose i due regimi alleati sul campo militare e ora anche in quello minerario contano di ripagarsi quantomeno delle altissime spese militari. Le miniere di Kisangani fanno gola a tutti. Lo fanno a tal punto che due eserciti alleati, quelli di Uganda e Ruanda, per conquistare Kisangani si sono invece ferocemente combattuti, finendo soprattutto con il distruggere la città. E la tregua appena raggiunta non ha ancora dato prova di poter reggere davvero. Come ha scritto il 'NewYorkTimes' i militari di Congo,Angola, Namibia, Zimbabwe - da una parte - Ruanda, Burundi e Uganda - dall'altra - sono riusciti soprattutto a trasformare il maggior centro dell'est congolese in una "orrenda rovina". Sono scomparse le auto, la manifattura è chiusa, il porto fermo. Lavorano solo quelli che hanno qualcosa a che fare con i diamanti
  • 11. Estrazione dei diamanti
  • 12. Dopo anni di guerra civile, la Repubblica Democratica del Congo è un Paese attualmente in transizione, dove persistono cause di insicurezza soprattutto nella parte orientale. La presenza dei ribelli Hutu delle Fdlr (Forze Democratiche di Liberazione del Rwanda) sostenute durante la guerra dal governo congolese, è un ulteriore fattore di instabilità per il paese. Nel corso dell'ultimo anno sono stati compiuti lenti progressi per garantire la sicurezza, la giustizia e il rispetto dei diritti umani dopo quasi un decennio di guerra: decine di migliaia di persone sono morte a causa dei continui conflitti, per la fame o per malattie prevenibili. In tutto il Paese sono pervenute notizie di esecuzioni extragiudiziali e uccisioni illegali, arresti arbitrari, detenzioni illegali, tortura o maltrattamenti e condizioni carcerarie tali da costituire un rischio per la vita stessa. Oggi il Congo vive una nuova emergenza, legata all’estrazione del coltan. Questo è il minerale utilizzato per costruire i circuiti dei cellulari e di altri apparecchi. Nei territori di estrazione le milizie lottano per il controllo di queste zone e schiavizzano la popolazione, obbligandola a lavorare nelle malsane miniere, in condizioni disumane, e ad oggi è difficile fare una stima precisa dei morti, ma si sa che il numero è molto alto. Il minerale estratto è comprato da intermediari delle multinazionali delle comunicazioni, comeWipro, Hp e Nokia, che lasciano solo le briciole ai congolesi. Il paradosso della ricchezza che genera miseria sembra non risolversi mai in Congo. Oggi: il coltan
  • 13. Congolesi sfruttati nella raccolta del coltan
  • 14. Gli effetti della guerra civile
  • 15. Giacomo Colaneri Classe 3A

×