• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
Globalizzazione della produzione: quando una globalizzazione dei diritti?
 

Globalizzazione della produzione: quando una globalizzazione dei diritti?

on

  • 564 views

Testo riflessivo di gruppo ...

Testo riflessivo di gruppo
a cura di Giulia Rossi, Andrada Barb, Diego Luzzi
Classe IIIA, a.s. 2013-2014_ ISt. Compr. “San Vito”, San Vito Romano (Rm)

www.arringo.wordpress.com

Statistics

Views

Total Views
564
Views on SlideShare
223
Embed Views
341

Actions

Likes
0
Downloads
1
Comments
0

7 Embeds 341

http://arringo.wordpress.com 315
http://www.stranaio.blogspot.it 16
http://stranaio.blogspot.it 4
https://arringo.wordpress.com 2
http://stranaio.blogspot.com 2
https://www.google.it 1
http://stranaio.blogspot.ru 1
More...

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft Word

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Globalizzazione della produzione: quando una globalizzazione dei diritti? Globalizzazione della produzione: quando una globalizzazione dei diritti? Document Transcript

    • GLOBALIZZAZIONE DELLA PRODUZIONE: QUANDO UNA GLOBALIZZAZIONE DEI DIRITTI? Testo riflessivo di gruppo a cura di Giulia Rossi, Andrada Barb, Diego Luzzi Classe IIIA, a.s. 2013-2014_ ISt. Compr. “San Vito”, San Vito Romano (Rm)
    • Fame da un lato, obesità dall’altro. Potere da un lato, povertà dall’altro. Benessere in alto, sofferenza in basso. Sembra strano, ma sono facce della stessa medaglia. L’alfa e l’omega dello stesso alfabeto. L’inizio e la fine della stessa storia. La globalizzazione, la lupa dantesca che ha sete di potere. Una storia che ha inizio con lo strapotere delle multinazionali del nord. L’avidità della Coca Cola, della Nike, della Nestlé…che rastrellano, depredano, ghermiscono i frutti di un sud affatto povero. Le multinazionali che iniziano col seminare fabbriche qua e là con l’aiuto dei governi locali e finiscono col raccogliere prodotti che hanno il marchio di mancanza di rispetto, sfruttamento e violenza. Dalla loro, queste aziende hanno l’analfabetismo, la disconoscenza dei diritti, la fame dei lavoratori. Al pari di Esaù, sono costretti a vendere loro stessi e i propri figli per un pugno di riso. Come la gleba ai tempi del colonialismo. Quando i dittatori manovravano intere popolazioni , gli stessi dittatori che si nascondono dietro le grandi marche. Come enormi polipi che con dei tentacoli schiavizzano il nord del mondo attraverso pubblicità e sfruttando l’infelicità di chi ha tanto. E, con altri tentacoli, allo stesso tempo, usano a proprio vantaggio l’ignoranza di chi ha poco. Disboscamento, monocultura, desertificazione. Sono altri problemi che vengono provocati all’ambiente. Infatti, i grandi del nord per il loro benessere, non tutelano il sud del mondo, disboscando il suo grande polmone verde. Mobili, abitazioni, energia, denaro è lo scopo delle grandi catene. Stessa erba, stessa piante, stesso frutto: è la monocultura che viene imposta ai cittadini del meridione. Un anno, due anni, tre anni di coltura senza sosta in nome del profitto, del guadagno, la voglia di avere sempre di più. Ed è così che cresce il deserto e, insieme ad esso, anche la povertà e la fame. Che cosa ha provocato tutto questo? Quali sono state le cause? E quali le conseguenze? Tutto ciò non è un fenomeno degli ultimi anni, ma bensì ha origini profonde. Infatti, ai tempi della neocolonizzazione le
    • potenze del nord si spartirono i territori del sud e cominciarono a esportare e commerciare schiavi. Da allora, la situazione non è cambiata. Ad oggi, infatti, il sud è schiavo del benessere del nord. Ma perché tutto questo? Avidità, egoismo, razzismo hanno fatto sì che con il passare del tempo il sud sia diventato sempre più povero, sfruttato e schiavizzato. Inoltre, ci sono anche altre problematiche che creano questo divario. In primo luogo, negli ultimi anni, si sta assistendo un crescente sviluppo nel nord per quanto riguarda la tecnologia e non sempre il sud riesce ad accedere in uguale misura alle conoscenze e agli strumenti, accentuando il divario nello sviluppo. In secondo luogo, le condizioni di vita sono molto differenti tra nord e sud. Mentre al nord si gode di un benessere sfrenato, al contrario, al sud la denutrizione, le carestie, l’analfabetismo e l’altissimo tasso di mortalità fanno sì che la qualità di vita sia pessima. In più, in questi paesi sottosviluppati è concentrata la maggior parte della popolazione, ciò significa che ci sono molte persone da sfamare con pochissime risorse. Nonostante ciò, la responsabilità di questa enorme forbice, non può essere attribuita solo alle multinazionali del nord, poiché anche i governi del sud contribuiscono al divario. Infatti, i governi locali del meridione del mondo ricavano profitto dall’esportazione dei prodotti delle loro terre: essi sono in accordo con le multinazionali del nord e, percependo una percentuale dalle vendite, tengono sotto ricatto la loro stessa popolazione. Inoltre, il sud, in via di sviluppo, preferisce spesso investire i propri fondi in armamenti militari piuttosto che investirli per il bene della società: qualora infatti le condizioni di vita migliorassero, crollerebbe il sistema di schiavitù e dittatura creato con il consenso delle grandi potenze. Per questo possiamo affermare che i governi preferiscono guadagnare anziché tutelare i diritti del cittadino, cosa che al nord accade meno di frequente, grazie ad una maggiore coscienza civica e alle carte costituzionali. Il Sud è sotto ricatto del nord: le multinazionali, infatti, traggono enorme profitto dai lavoratori del sud, perché, essendo poveri, cedono a qualsiasi ricatto pur di guadagnare un minimo. Cosa che non può avvenire nel nord, dove il guadagno sarebbe minore, viste le norme di legge che tutelano il lavoratore. Il sud resterà sottosviluppato finché i governi locali non daranno più importanza all’alfabetizzazione della società, unica vera arma di riscatto.
    • Sottosviluppo, povertà, malattia. Come già accennato, le condizioni di vita del sud sono pessime. Spesso si sente parlare di malattie, di bambini abbandonati o di orfani che non hanno niente da mangiare o dell’altissimo tasso di mortalità ogni giorno. Basti pensare che ogni 40 secondi muore un bambino nei paesi al di sotto dell’equatore. Malaria, AIDS, e molte altre sono le cause di morte. Mancanza di cibo, di acqua pulita, di igiene portano a queste malattie. Un bambino su 100 ce la farà. E se ce la farà, quale sarà il suo futuro? Un futuro fatto di sofferenza, schiavitù e sfruttamento a vita. Infatti, i pochi bambini che riescono a sopravvivere avranno un futuro affatto piacevole. Questi ragazzi saranno destinati a essere venduti sai loro stessi genitori, forse per un pugno di riso o per pochi spiccioli. O, nella maggior parte dei casi, finiranno in strada. Ed è qui che la loro vita sarà presa in mano dalla delinquenza, dalla prostituzione, dal vagabondaggio. Ma la pessima qualità della vita è stata resa tale anche per fattori ambientali, anch’essi, tuttavia, in parte correlati a fattori economici. Negli ultimi tempi, si sta registrando un aumento del deserto e ciò non solo per il surriscaldamento globale. Buona parte della desertificazione è stata causata, e lo è ancora, dalla monocultura sfrenata cui il terreno tutti gli anni viene sottoposto: pur di avere un’altra produzione e un massimo margine di profitto, il terreno non viene fatto riposare. L’assorbimento di acqua si riduce, come anche la quantità di sali minerali presente nel terreno, producendo un terreno inutilizzabile per almeno 100 anni. Con grave danno delle popolazioni locali, defraudate del territorio per l’autosostentamento e della popolazione mondiale, che dovrà far fronte sempre di più a problematiche relative l’emigrazione, in parte dovute anche a fattori ambientali ed economici come questo. Se questa è una faccia della medaglia, quella evidentemente sporca, l’altra appare luminosa e senza macchia. Eppure…Se le condizioni di vita del sud sono pessime, quelle del nord, a confronto, possono essere considerate ottime. Al di sopra dell’equatore, infatti, si gode di un benessere diffuso. Dal punto di vista sanitario, al sud si muore ogni giorno per malattie che al nord si curano. Quanto all’alimentazione, se da una parte si muore di fame, dall’altra la maggior parte della popolazione è in sovrappeso. In più, se da una parte si hanno tecniche sviluppate in tutti i campi, dall’altra ci sono tecniche molto arretrate. Infine, al
    • nord i diritti del cittadino sono intoccabili e tutelano ogni singolo, al contrario, al sud i cittadini non sono tutelati da nessuna carta e quindi possono essere sfruttati in qualsiasi modo. Eppure…Non è tutto oro quello che luccica: negli ultimi decenni lo sviluppo sfrenato, come un boomerang, si sta ritorcendo contro gli stessi artefici. La disoccupazione, infatti, è sempre più in crescita. Questo perché, le multinazionali, facendo lavorare, o meglio, sfruttando il sud, tolgono la possibilità di lavorare ai cittadini del nord. Possiamo infine concludere, che se le multinazionali continueranno a soddisfare esclusivamente i propri interessi, noncuranti delle persone e dell’ambiente, la situazione resterà tale che causerà problemi a tutti e due gli emisferi. E allora, che cosa si può fare per far sì che non ci siano differenze tra meridione e settentrione? Semplicemente, basterebbe essere meno egoisti, meno menefreghisti, meno avidi di quello che siamo. Basterebbe pensare, che mentre sopra l’equatore godiamo di un benessere a tutti gli effetti, al di sotto, molte persone e bambini muoiono tutti i giorni. Basterebbe che i potenti non pensino solo al guadagno, ma anche al modo in cui si guadagna. Altruismo, legalità, solidarietà sono la soluzione. Basterebbe rinunciare a un po’ di superfluo, per riscattare la vita di tanti , compresa la nostra, schiavizzata da bisogni indotti e manipolata dalla pubblicità. Basterebbe avere un consumo critico, attento alla provenienza dei prodotti. Basterebbe, al nord come al sud, maggiore coscienza di sé e dei propri bisogni reali. Basterebbe. Lottiamo perché basti.