Your SlideShare is downloading. ×
Ecstasy
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Ecstasy

1,578

Published on

Relazione di ricerca dei ragazzi di IIIA - Ist. Compr. "San Vito" San Vito Romano (RM) per Progetto Valeo, www.progettovaleo.blogspot.com

Relazione di ricerca dei ragazzi di IIIA - Ist. Compr. "San Vito" San Vito Romano (RM) per Progetto Valeo, www.progettovaleo.blogspot.com

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
1,578
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
9
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. La MDMA (metilenediossimetanfetamina),più comunemente nota come Ecstasy èuna metanfetamina dagli spiccati effettieccitanti ed entactogeni, anche se nonpropriamente allucinogeni. È uncomposto sintetico ottenuto dal safrolo,uno degli olii essenziali presenti nelsassofrasso, nella noce moscata, nellavaniglia, nella radice di acoro, e in diversealtre spezie vegetali. Esistono altriprecursori naturali dellMDMA, come ilpiperonale.
  • 2. LMDMA ha conquistato popolarità soltanto a partire dagli anni ottanta, principalmente negli Stati Uniti, grazie alla sua capacità di abbassare lo stato di ansia e la resistenza psichica dei soggetti, nonché per le sue proprietà sedative.
  • 3. Fino al momento in cui venne messa albando lMDMA è stata impiegata negliStati Uniti nelle cosiddette "terapie dicoppia“, come strumento enfatizzante conil quale affrontare, in apparenza piùfacilmente, i "nodi" dei rapporti di coppia,con la mediazione e supervisione di unanalista.
  • 4. Uno studio da parte del National Institute of MentalHealth ha rivelato che persone che facevano uso diecstasy e si stavano astenendo soffrivano di danni aineuroni nel cervello che trasmettono la serotonina,sostanza chimica importante in molte funzioni critiche,incluso il sonno, l’apprendimento e il bilanciamento delleemozioni. I risultati dello studio indicano anche checoloro che fanno uso di ecstasy sono a rischio nelsviluppare danni permanenti al cervello che si possonomanifestare sotto forma di depressione, ansietà, perditadi memoria ed altri disturbi neurologici.
  • 5. Luso può provocare stati depressivi latentiin soggetti predisposti e può indurredepressioni in soggetti che hanno assuntodosi rilevanti o che ne fanno usofrequente;
  • 6. Studi condotti negli ultimi 15 anni hannodimostrato che più alta è la dose e piùfrequente è luso, peggiori saranno glieffetti a lungo termine.
  • 7. Ipotermia: luso diMDMA può portarea ipertermia(innalzamento dellatemperaturacorporea)specialmente inconseguenza diperiodi di attivitàprolungati come ilballare;
  • 8. alcuni consumatoridi ecstasyesagerano nelconsumo di acquacon lo scopo dicompensare laperdita di liquidi elipotermia. È infattiimportante nonsolo reintegrare leriserve idriche maanche quelleminerali;
  • 9. Questa droga può causare cambiamentinella sintesi dellormone della diuresi cheha come conseguenza una suscettibilitàmaggiore alliponatremia.
  • 10. Nella classifica dipericolosità dellevarie droghestilata dalla rivistamedica Lancet,l‘ecstasy occupail diciottesimoposto.
  • 11. Lo stato euforico può durare da alcuniminuti fino a un’ora. Gli effetti gratificantidella droga vanno da individuo aindividuo e variano in base alla dose, lapurezza e l’ambiente in cui viene assunta.
  • 12. Può produrre effetti stimolanti come unaccentuato senso di piacere e di fiducia insé stessi, oltre a un aumento dell’energia,senso di tranquillità, accettazione edempatia verso gli altri.
  • 13. Dal momento che l’ecstasy suscitasentimenti amichevoli e di fiducia ed haunazione di durata breve, alcuni medicidichiarano che la droga ha un potenzialevalore come agente terapeutico.
  • 14. L’ecstasy può causare effetti negativicome: nausea allucinazioni brividi e sudorazione aumento della temperatura corporea tremore crampi muscolari offuscamento della vista
  • 15. Gli effetti cominciano dopo circa ventiminuti e possono durare per ore. Siprova: senso di fervore senso di calma essere a proprio agio acutizzarsi della percezione dei colori e dei suoni.
  • 16. Alcune persone provano: nausea irrigidimento di braccia, gambe e particolarmente della mascella sete insonnia paranoia moderato effetto allucinogeno
  • 17. Lavoro svolto da: Marta Flavia Costanza Gioele Angelo

×