• Like
  • Save
Ecstasy
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
Uploaded on

Relazione di ricerca dei ragazzi di IIIA - Ist. Compr. "San Vito" San Vito Romano (RM) per Progetto Valeo, www.progettovaleo.blogspot.com

Relazione di ricerca dei ragazzi di IIIA - Ist. Compr. "San Vito" San Vito Romano (RM) per Progetto Valeo, www.progettovaleo.blogspot.com

More in: Education
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
1,482
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
8

Actions

Shares
Downloads
0
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. La MDMA (metilenediossimetanfetamina),più comunemente nota come Ecstasy èuna metanfetamina dagli spiccati effettieccitanti ed entactogeni, anche se nonpropriamente allucinogeni. È uncomposto sintetico ottenuto dal safrolo,uno degli olii essenziali presenti nelsassofrasso, nella noce moscata, nellavaniglia, nella radice di acoro, e in diversealtre spezie vegetali. Esistono altriprecursori naturali dellMDMA, come ilpiperonale.
  • 2. LMDMA ha conquistato popolarità soltanto a partire dagli anni ottanta, principalmente negli Stati Uniti, grazie alla sua capacità di abbassare lo stato di ansia e la resistenza psichica dei soggetti, nonché per le sue proprietà sedative.
  • 3. Fino al momento in cui venne messa albando lMDMA è stata impiegata negliStati Uniti nelle cosiddette "terapie dicoppia“, come strumento enfatizzante conil quale affrontare, in apparenza piùfacilmente, i "nodi" dei rapporti di coppia,con la mediazione e supervisione di unanalista.
  • 4. Uno studio da parte del National Institute of MentalHealth ha rivelato che persone che facevano uso diecstasy e si stavano astenendo soffrivano di danni aineuroni nel cervello che trasmettono la serotonina,sostanza chimica importante in molte funzioni critiche,incluso il sonno, l’apprendimento e il bilanciamento delleemozioni. I risultati dello studio indicano anche checoloro che fanno uso di ecstasy sono a rischio nelsviluppare danni permanenti al cervello che si possonomanifestare sotto forma di depressione, ansietà, perditadi memoria ed altri disturbi neurologici.
  • 5. Luso può provocare stati depressivi latentiin soggetti predisposti e può indurredepressioni in soggetti che hanno assuntodosi rilevanti o che ne fanno usofrequente;
  • 6. Studi condotti negli ultimi 15 anni hannodimostrato che più alta è la dose e piùfrequente è luso, peggiori saranno glieffetti a lungo termine.
  • 7. Ipotermia: luso diMDMA può portarea ipertermia(innalzamento dellatemperaturacorporea)specialmente inconseguenza diperiodi di attivitàprolungati come ilballare;
  • 8. alcuni consumatoridi ecstasyesagerano nelconsumo di acquacon lo scopo dicompensare laperdita di liquidi elipotermia. È infattiimportante nonsolo reintegrare leriserve idriche maanche quelleminerali;
  • 9. Questa droga può causare cambiamentinella sintesi dellormone della diuresi cheha come conseguenza una suscettibilitàmaggiore alliponatremia.
  • 10. Nella classifica dipericolosità dellevarie droghestilata dalla rivistamedica Lancet,l‘ecstasy occupail diciottesimoposto.
  • 11. Lo stato euforico può durare da alcuniminuti fino a un’ora. Gli effetti gratificantidella droga vanno da individuo aindividuo e variano in base alla dose, lapurezza e l’ambiente in cui viene assunta.
  • 12. Può produrre effetti stimolanti come unaccentuato senso di piacere e di fiducia insé stessi, oltre a un aumento dell’energia,senso di tranquillità, accettazione edempatia verso gli altri.
  • 13. Dal momento che l’ecstasy suscitasentimenti amichevoli e di fiducia ed haunazione di durata breve, alcuni medicidichiarano che la droga ha un potenzialevalore come agente terapeutico.
  • 14. L’ecstasy può causare effetti negativicome: nausea allucinazioni brividi e sudorazione aumento della temperatura corporea tremore crampi muscolari offuscamento della vista
  • 15. Gli effetti cominciano dopo circa ventiminuti e possono durare per ore. Siprova: senso di fervore senso di calma essere a proprio agio acutizzarsi della percezione dei colori e dei suoni.
  • 16. Alcune persone provano: nausea irrigidimento di braccia, gambe e particolarmente della mascella sete insonnia paranoia moderato effetto allucinogeno
  • 17. Lavoro svolto da: Marta Flavia Costanza Gioele Angelo