Corte Grande N° 9 - Aprile 2006

  • 149 views
Uploaded on

 

More in: News & Politics
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
149
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1

Actions

Shares
Downloads
0
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Progetto grafico di Stefania Costantini PERIODICO DI INFORMAZIONE MARTANESE ANNO I° - N. 9 – DISTRIBUZIONE GRATUITA Iscritto al Registro della Stampa presso il Tribunale di Lecce Direttore Responsabile Fernando DurantePesce dAprile CANTO DI UN´IDENTITA´ MINORITARIA Il racconto di un protagonista del tempo di Marystella Chiriatti Immagini e Versi di un tempo Se vuoi saper chi sono Settimana Santa. Per le pensa ad un biondo, strade di Martano il pensa ad un bruno canto della Passione certamente indovinerai giungeva forte. e dormendo mi sognerai Le “Coremme”, Ma per avermi devi lottare pendevano (pendono) nessun più devi guardare raccapriccianti dalle per conquistare questo mio cuore “lamie”. ci vuole amore... amore... amore La gente attendeva la combriccola dei cantori Un minuto permettete della Passione in grico il lavoro abbandonate ai crocicchi delle strade, fra voi parte capirete che uno scherzo non fa male all’uscita delle tabacchine dalle fabbriche, in piazza. L’arredamento era povero. Rime estratte da: Pesci dAprile anni 60 Segue a pagina 5 SOMMARIO Canto di unidentità minoritaria pag. 1-5 di Marystella Chiriatti Non ci resta che lautogestione... pag. 1-2 NON CI RESTA CHE L’AUTOGESTIONE disegno tratto da un Pesce dAprile del 1961 di Anna Tamborrino PER NON PIANGERE Giovanni Paolo II "Il Grande" pag. 2 di Cesare Caracuta Le proposte di Anna alla sua generazioneIl primo di aprile era il giorno della sorpresa: arrivava posta. di Anna Tamborrino LErbario Salentino pag. 3Anonima e tassata. Ma nessuna ragazza l’ha mai respinta. di Fernando Durante Cosa resta da fare nella mercificazione completa Ripuliamole pag. 4All’interno della lettera, oltre al disegno del pesce innamorato, di Fabio Tarantino e Marco Termo dell’uomo, che spacciato per individuo deve fare pag. 5una composizione in versi. Pennelli e scalpelli: Michele Palano la vita della massa per uno stipendio precario diNell’anonimato la gente semplice osava esprimere il proprio Iena Ridens pag. 6 sussistenza, senza speranza d’uscita dal rapportoamore per la ragazza. Interviste generazionali a spasso per il paese pag. 6 sodomitico di padrone e inserviente, messo inPiù che le parole, sono le immagini che vi proponiamo a di Marystella Chiriatti atto dall’attuale società capitalistica del libero pag. 7 Speciale Sport: Crediamoci fino mercato?documentare la genuina spontaneità dell’anonimo spasimante. alla fine di Fabio Tarantino e Marco Termo Segue a pagina 2Tempi passati, ma tanto cari. Messaggi elettorali autogestiti a pagamento pag. 3-4-7-8 IL VOTO DEI MARTANESI ALL’ESTEROCome molti sapranno, questa è la prima volta STATO MASCHI FEMMINE TOTALEche gli italiani residenti all’Estero possono Argentina 12 8 20votare per eleggere Deputati e Senatori, Australia 1 1 2direttamente dal loro luogo di residenza.In particolare, dovranno esprimersi sulle liste Austria 3 - 3di partito dei candidati italiani all’Estero, al Belgio 60 54 114di là della Regione di provenienza. Per Brasile 2 - 2esempio, esiste la Circoscrizione Europa con Canada 1 - 1i suoi candidati sui quali si esprimeranno gli Francia 57 36 93elettori residenti in Svizzera, Germania, Germania 92 56 148Belgio, ecc. Gran Bretagna 13 9 22Grazie al lavoro dell’Ufficio Elettorale del Grecia 2 3 5Comune di Martano, che ha ovviamente Paesi Bassi 3 2 5dovuto censire la popolazione votante Principato di Monaco 1 - 1martanese residente in Stati esteri, vi Singapore 1 - 1riportiamo il frutto di questo lavoro, con il Spagna 14 8 22numero di nostri concittadini che voterannoall’Estero. Svizzera 434 361 795A questi vanno aggiunti i quattro militari di Venezuela 4 - 4stanza allestero, che hanno chiesto di potervotare in loco. TOTALE 700 538 1238
  • 2. PAG. 2continua dalla prima pagina Ad un anno dalla scomparsa diLa soluzione al quesito è nell’unione delle forze giovani del paese, ununione, che non può essere meramente inserita nella regola del ritorno diprofitto. Il mondo è pieno di uomini pronti al guadagno, ciò che manca Giovanni Paolo II “Il Grande”è l’uomo pronto alla prova del mettersi in gioco. I ruoli, legati allo stipendioda proteggere sono i freni inibitori, che non consentono all’uomo di viverela pienezza ciclica dell’essere in vita. Ogni individuo, nell’arcodell’esistenza, non dovrebbe essere posto in suddivisioni sociali di stipendio.Ogni essere dovrebbe avere le medesime possibilità d’azione. Ma lapossibilità d’azione è relegata all’eredità paterna del cognome. S’assistequotidianamente all’incapacità dei figli di papà. Voi, cari lettori, obbietteretesiamo tutti figli di padre, come posso non darvi ragione, siamo nati da unpadre e da una madre, ma solo alcuni sono figli di papà, il resto dei figlie figlio di NN. Questa condizione disumana di sottomissione al poterecapitalistico deve terminare. Mi rivolgo a tutti coloro, che creano opered’arte o d’artigianato, mi rivolgo a coloro, che hanno l’indicibile nulla daesprimere, mi rivolgo a coloro, che sentono il fastidio dell’essere sempredipendenti dall’esterno capitale, anche per compiere le azioni più semplici,come desiderare la realizzazione di un progetto artistico, o semplicementetentare di soddisfare un sogno. L’arte è sempre stata puramente borghese,dalla rivoluzione francese in poi, l’arte è sempre stata la forma di rivoluzione-involuzione dei figli dei possidenti. Tutta la storia della letteratura, dell’artefigurativa, della cinematografia, del teatro è fatta dai figli di papà. Bastaleggere le biografie, per accorgersi, che la poesia, sui libri non è statafatta dai contadini, non perché i contadini non la facessero, ma perché lastoria normalizzatrice ed esecutrice del potere non concede spazio a chi Carissimo Giovanni Paolo II,è dalla parte dei vinti. Questa condizione d’arretratezza e di sfruttamento ad un anno dalla tua scomparsa hai lasciato per sempre un segno nelladell’uomo mi ha stancata. Invito i giovani lettori, a riprendersi gli spazi storia e nel cuore di tutti i cattolici, i laici e gli uomini di diverse cultured’azione. La gioventù e relegata alla sporca convivenza con l’apparire e e religioni.il possedere. Invito i giovani a prendere possesso delle proprie facoltà e Sei giunto a Roma da uomo ma con il cuore ancora giovane e l’occhiodella propria forza. Fino ad ora mi sono limitata teoricamente a contrastare trasparente della fede hai conquistato il cuore del mondo con la tua vita,un sistema fasullo di sfruttamento denominato società democratica. con la tua semplicità e non con il tuo ruolo…Con questo articolo pubblicamente invito i giovani della Grecia Salentina, Prima che Papa, eri Karol che soffriva, gioiva, sperava e lottava proprioa prendere parte ad un progetto, che sarà effettivo a partire da settembre come ognuno di noi…2006. Il progetto mira a ridare spazio ai giovani, secondo un articolo dello Questo tuo essere persona prima che istituzione ti ha fatto amare dalstatuto delle politiche giovanili, della regione, ogni sindaco è tenuto a mondo intero senza distinzione di razza, religione, credo politico… giovanegarantire uno spazio per la libera gestione degli interessi e delle attitudini o vecchio non importa, con la tua figura hai mosso gli animi più duri,della popolazione in fascia d’età non pensionabile. Credo, che molti con il tuo spirito giovane hai dato alla Chiesa un volto nuovo vivace,giovani, non ancora pensionati, vogliano come me creare a Martano i l’hai fatta uscire dalle chiese per incontrare il mondo, in particolare ipresupposti per uno sviluppo sociale, che non preveda rigassificatori o giovani…sottomarini nucleari, ma che preveda uno spazio di confronto e di crescita, Sì, proprio giovani di tutto il mondo che si sono mossi dietro di te nelleuno spazio gratuito usufruibile da tutti. Uno spazio, che dia la possibilità Giornate Mondiali Della Gioventù … hanno imparato a far uscire Diodi creare liberamente senza essere sottoposti alla mercificazione dell’opera. dalle Chiese e portarlo nelle piazze senza paure, senza limiti … hannoInvito i lettori a contattare i seguenti recapiti: visto in te un Padre, un nonno, un amico, un compagno di viaggio… sìmail: unoetrino@fastwebnet.it - cell: 339-6712805 perché anche se eri provato duramente dalla malattia non ti sei maiper prendere parte attiva all’organizzazione e alla gestione di uno spazio, arreso... non ti sei chiuso nell’agio e nel lusso del Vaticano, hai continuatointeramente finanziato dalla regione che garantisca:-L’utilizzo di materiali per la creazione di opere di vario tipo: a viaggiare, a incontrare la gente, hai lottato per quello in cui credeviopere cinematografiche perché anche se il tuo fisico era provato lo spirito volava alto sempreopere teatrali verso nuove conquiste.opere d’arte figurativa Hai saputo interpretare un nuovo dialogo interreligioso: sei stato il primoopere letterarie Papa ad entrare in una Sinagoga, il primo Papa capace di parlare con-D’usufruire di laboratori d’arte, gratuiti ed autogestiti. i Musulmani, sicuramente tra gli uomini più grandi di questo secolo,-Di produrre opere d’artigianato, vendibili per l’auto finanziamento del dotato di un ecumenismo straordinario.centro giovanile. Il primo Papa non italiano cha hai unito l’Est all’Ovest, hai cambiato laContro una società, che ha ridotto l’uomo al pari della merce, trattandolo configurazione politica del mondo.come fosse un prodotto da super mercato. Chiunque abbia delle attitudini Nei 27 anni del tuo magistero ti sei donato, hai parlato della fede,o degli interessi nel campo dell’arte o dell’artigianato, può contattarmi. dell’umanità e dell’uomo, di tutti gli uomini, hai incarnato in té stessoL’unione di più capacità, può rendere concreta la possibilità di autogestione. la sofferenza e la misericordia, con l’amore incondizionato alla teologiaÈ giunto al termine il tempo delle lamentele, bisogna passare all’azione della creazione per ogni essere vivente e per la vita, in ogni suo aspetto,per riprendersi gli spazi di libera espressione. a difesa dei poveri e degli emarginati e dei diritti umani.Io metto a disposizione la mia persona, nel prossimo numero di corte Hai parlato soprattutto ai giovani: “NON ABBIATE PAURA”, “LA PACEgrande, avrete delle delucidazioni in merito alla disponibilità degli spazi E I GIOVANI CAMMINANO INSIEME”, ti sei sempre battuto contro leda gestire e delle attività da svolgere. È palese, che da sola non posso dittature per la pace e la comprensione tra i popoli in nome delladecidere per tutti i giovani, che dovrei rappresentare. misericordia e della bontà di DIO, donandoti con amore, chiedendoDa due anni a Torino, gestisco una rassegna d’arte indipendente e da due perdono anche, per gli errori, nella storia passata della chiesa, eanni progetto il modo per coinvolgere nell’attività dell’arte indipendente perdonando anche chi ha tentato di ucciderti (13 Maggio 1981).anche la realtà salentina. Oggi carissimo Karol Wojtyla ci sentiamo, molto soli, molto tristi , nonQuest’anno vi è la possibilità di realizzare un ponte tra realtà d’arte più protetti.differenti, uniamoci quindi a creare una cooperazione, per uscire dalla Con la tua grande serenità ci hai lasciato, hai saputo toccare i nostrisottomissione del Potere capitale. cuori, un abbraccio forte, ci mancherai tanto. Anna Tamborrino Cesare Caracuta Iscrizione al Registro della Stampa del Tribunale di Lecce. Natura Benessere Direttore Responsabile: Fernando Durante Redazione: Salvatore Caracuta, Paolo Saracino, Giuseppe Castrignanò, Marco Termo, Fabio Tarantino, Cesare Caracuta. e-mail: redazionecortegrande@libero.it Natural Essences & Cosmetics Per la pubblicità tel. 333 1334233. Stampato da Grafiche Chiriatti Martano Tamborrino Anna www.benesserenatura.com Tiratura 4.000 copie Distribuzione porta a porta 2
  • 3. PAG. 3 L’“Erbario Salentino” Il Monastero Cistercense ha presentato l’opera di fra Domenico Palombi. Nei giorni scorsi padre Ilario D’Ancora, priore del Monastero cistercense di Santa Maria della Consolazione, ha presentato il volume di fra Domenico Palombi: “Erbario Salentino- Erbe e piante medicinali del territorio di Martano e zone limitrofe”( edizioni Del Grifo, 690 pagine e 524 foto di erbe a colori). Una prestigiosa veste tipografica raccoglie la ricerca. La cerimonia si è tenuta presso la sala conferenze dell’eremo, alla presenza dello stesso autore e di insigni esperti della materia. Fra questi, Silvano Marchiori e PieroMedagli, titolari del Laboratorio di Botanica sistematica ed Ecologia vegetale dell’Università di Lecce. Gli stessi professori che hanno scritto la presentazionedel tomo. L’autore vive la sua esperienza martanese nel corso degli anni 90. Nel 1996 il Monastero pubblica anche un altro agile fascicolo dello stessoconfratello, dal titolo: “Piante medicinali- Proprietà, consigli, tisane”. Quelli martanesi, per il frate, sono stati anni di intensa attività. In continuo contattocon i contadini delle campagne del luogo, fra Domenico arricchisce quella sua passionaccia per le erbe e viene a conoscenza, anche, del nome in grico.Costruisce una vera e propria catalogazione delle erbe verdi esponendole in teche in cui, oltre al nome scientifico, figura il nome italiano, quello involgare, e le facili applicazioni per curare semplici malanni. Arricchisce l’esposizione con qualche proverbio e definizione in grico. Ospitata nel chiostrodel monastero, diviene presto meta di numerose comitive di turisti e studenti. Nella presentazione, i due studiosi universitari leccesi, scrivono che “ farela conoscenza di fra’ Domenico è- certamente- una esperienza gratificante”. Oltre ad essere un erborista finissimo, il frate possiede un carattere disponibile,arioso e gentile. La sua biografia viene affidata al priore del monastero, padre Ilario che, nel corso della serata porge il benvenuto agli invitati.Fra Domenico nasce a Morino nel 1935, in provincia dell’Aquila. A soli sedici anni fa il suo ingresso nell’abbazia di Casamari, presso cui prende i votimonastici. Luogo in cui apprende le prime nozioni sulle erbe e piante medicinali. Sua esperta guida è l’anziano padre Giacomo Verdelli, “ ultimo veroerede della millenaria tradizione farmaceutica del monastero”. All’inizio degli anni 80, è semprepadre Ilario ad informarci, frequenta la scuola del professore Bruno Anzalone, titolare della Facoltàdi Farmacologia e Botanica, presso l’Università, “ La Sapienza”, di Roma. Nel 1989 consegue ildiploma di Erboristeria, presso l’Università di Urbino. La sua permanenza a Martano non è passatainosservata. Non era difficile incontrarlo sulle strade sterrate, chino a raccogliere qualche “ ipotesi”di erba, in compagnia della sua inseparabile bicicletta. Attualmente vive presso il Monasterocistercense di Trisulti, in provincia di Frosinone, fra i monti Ernici.Alla cerimonia di presentazione sono intervenuti: il Presidente della Provincia, Giovanni Pellegrino;il suo vice, Loredana Capone; per il presidente della Camera di Commercio, il suo vice, PasqualeRescio. Sono stati presenti anche i professori Marchiori e Medagli. Moderatore della serata è statoLuigi Di Mitri. Oltre alla Provincia di Lecce ed alla Camera del Commercio, hanno partecipatoalla pubblicazione, alcune imprese locali: “ Natura e Benessere”, “Costruzioni e Restauri,dei f.lli Perrotta”,” Sprech-tendostrutture”, “ Palano-ferramenta”. Fernando Durante il 9 e 10 aprile COMUNICATO DELLA REDAZIONE alla CAMERA e al SENATO Nel rispetto della legge sulla Par Condicio, la nostra testata ha istituito spazi di propaganda autogestita a pagamento, per la pubblicità di liste e candidati per le Elezioni Politiche del 9 e 10 Aprile 2006. A mezzo fax e e-mail sono stati invitate tutte le Federazioni e Segreterie provinciali dei partiti di entrambe le coalizioni. Solo alcune hanno acquistato gli spazi elettorali a loro offerti, nella misura che hanno preferito, inserendo un messaggio elettorale. Altri, che non appaiono in queste pagine, non hanno ritenuto opportuno essere presenti sul nostro giornale. La Redazione il 9 e 10 aprile VOTA 3
  • 4. PAG. 4 R i p u l i a m o l eLe immagini parlano da sole. Le Fontane di Martano, quelle costate centinaia di milioni di vecchie lire, quelle che dovrebbero essere le cartoline delnostro paese da dare ai turisti, versano nell’incuria e nel degrado. Ci chiediamo perché, quella che dovrebbe essere la normale manutenzione dell’arredourbano, non viene fatta.Com’ è possibile che un’amministrazione, così dinamica e così attenta all’abbellimento della città, non si accorga della sporcizia che intacca questeopere d’arte?Convinti che si tratta solo di una svista, confidiamo nella proverbiale solerzia dell’amministrazione, e rassicuriamo tutti i cittadini, soprattutto coloroche ci hanno segnalato questa situazione, che si provvederà immediatamente alla pulizia e al ripristino del funzionamento delle fontane. Fontana degli angeli Tempio della pace Giardino della conoscenza Monumento dacqua Fabio Tarantino e Marco Termo il 9 e 10 aprile VOTA alla CAMERA www.margheritaonline.it al SENATO LUIGI PROTOPAPA, candidato alla camera dei deputati nelle elezioni alla Camera dei Deputati politiche del 9 e 10 aprile, 35 anni, è agrotecnico, figlio di agricoltori. Attualmente conduce lazienda di famiglia. VOTA Sin dalla prima giovinezza milita nella Destra salentina. Nel 2002 viene eletto Consigliere Comunale nella lista del Sindaco in carica Pasquale Conte, che gli assegna la Delega Consigliare allAgricoltura, allo Sport e allarea cimiteriale. Assolve a tali deleghe con impegno politico e passione civica. Nel gennaio 2005, lEuroparlamentare On. Luca Romagnoli lo nomina componente del proprio Staff di Collaboratori presso il Parlamento Europeo. Cura tale incarico presso il Comitato Centrale in Roma, di cui è Componente effettivo. Nel maggio 2005 è eletto Presidente del Consiglio del Comune di Martano, per la prima volta nella storia del paese. Luigi Oggi è candidato al NUMERO 3 della Lista alla Camera dei Deputati per la FIAMMA TRICOLORE, aderente alla coalizione di PROTOPAPA centro-destra. (si vota crociando solo il simbolo) QUESTA VOLTA UN VOTO PIÙ UTILE 4
  • 5. Pag. 5 Pennelli e scalpelli Artisti a Martano MICHELE PALANO Un caffè d artista Una circostanza casuale ha dato vita alla sua pittura “Il caffè è un piacere”, dichiara una nota marca della bevanda nazionale. Un caffè da Michele Palano ancor più: si trasforma in arte. Si, perché chi lo conosce sa che le sue opere d’arte sono realizzate a “colpi” di caffè. I suoi pennelli attingono nella gradevole bevanda, e definiscono, concludendole, espressioni pittoriche con le biro. Michele nasce a Martano nel 1958. Frequenta l’”Istituto d’Arte”, a Lecce. Abita sempre in paese, alla via Giudeca al 79. Come per ogni buon artista, la sua originale avventura con il caffè nasce per caso, fra amore ed esperimento. La caduta del caffè su un foglio di carta, il diluirsi della bevanda, l’essiccarsi successivo, lasciano forme ed impressioni nell’animo sensibile di Palano, pronto a farle risaltare e sottolinearle. Il passaggio successivo è quello dei colori, con penna a sfera. Necessariamente, come spiega lo stesso pittore, non può essere la tela, ma la carta,ad accogliere l’espressione artistica rivelata. Dal primo momento, la tecnica si è andata sempre più affinando fino a sfidareil giudizio del mercato.Oggi affronta anche il giudizio all’estero. Proprio in questi giorni è in programma, per la seconda volta nel giro di pochimesi, una mostra in Grecia. Dal 2 al 30 aprile presenterà le sue opere d’arte a Larissa, nella regione della Tessaglia, anord del paese. E’ una iniziativa inserita fra quelle in programma per il congresso internazionale, “ Arte e Scienza”,organizzata dall’” Unione dei fisici”, dal Ministero della Pubblica Istruzione, in collaborazione con le Università diJoannina, Atene. Nella terra che fu di Omero, l’artista martanese viene identificato come “ L’artista degli aromi”.La sua carriera inizia nel 1980 con la sua personale, presso la Galleria civica del paese. Nell’87 è a Roma, dove conosceil compianto, noto critico d’arte Giulio Carlo Argan.In Palano riconosce l’artista fuori dagli schemi, giudicandolo “ ottimo” per la spiccata originalità della sua pittura. ”Espone,poi, al “Kursal” di Montecatini Terme. Nel 1994 è a Milano ed a Verona. Nel 2002,con “ Biro e caffè”, inizia il suo ciclodi mostre per argomenti. Espone a Corigliano d’Otranto: un successo. Poi è la volta di “ Donna e caffè”. Siamo nel 2004ed affronta il giudizio della gente di Conegliano Veneto( Tv), passa- poi- a Guagnano( Le), ed al “Triestexpresso expo”, in cui caratterizza la fiera.Ma, anche nella collana (era il 2002) “ Donna caffè”, Francesco Pizzuto, di lui scrive: “ riesce a dare libero sfogo ad unacreatività assoluta…dal coinvolgimento di elementi di Turner a tutta la semplicità e naturalezza di Contestabile, fino allavivacità colorativa di Kandisky”.A chiamarlo ed organizzare l’esposizione è una associazione di leccesi “ in esilio” in terra veneta, “ Salentini te marca”.Nel 2005, la collezione viene ospitata ad Atene, presso la fondazione del Planetario, in occasione dell’” Internationalinterdisciplinary conference”, dal titolo: “ Science and Art”. La sua opera, “ Donna Madonna”, diviene la foto copertinadella mostra. Fernando Durantecontinua dalla prima pagina Un ramoscello di ulivo arricchito di qualche i cantori. santino e nastrino benedetto. Ascoltava La loro voce era sostituita dal rumore della “ trozzula”. Che rimpiazzava attonita, si commuoveva, partecipava. quella delle campane “ legate” per il lutto della morte di Cristo. Anche perché, quella strana lingua era (è?) "Se facessimo ora una cosa di questo tipo", continua l´anziano cantore, compresa solo in queste contrade, fra la povera senza nascondere un velo di tristezza, "non mancherebbero di deriderci. gente. Grandi e bambini si disponevano in La gente ha dimenticato il suo passato e, con esso, la sua cultura. Il mondo rispettoso silenzio. Erano altri tempi, epoche è cambiato". di semplicità, in cui la rappresentazione L’attuale processo globalizzazione ed omologazione che ci ha travolti sta costituiva spettacolo unico ed atteso. disintegrando ogni individualità, ogni identità culturale minoritaria. E tutto si evolveva sulle note della fisarmonica Ma un popolo che rinnega le proprie radici, ignorando il proprio passato,di Raffaele De Santis. Salvatore Russo e Pantaleo Stomeo cantavano può avere un futuro?narrando, in grico, gli ultimi istanti della vita di Cristo. Le coremme osservano dall´alto dei loro comignoli la vita che scorre.La componente più espressiva di un´intera cultura, fatta di canto, di poesia, La credenza popolare vede in queste la metafora della vita: creano, svolgonodi teatro. e recidono il filo dell’esistenza.Che partecipava al dramma umano- divino rappresentando l’estremo omaggio I sette taralli che portano legati alla cintola contano il tempo delle settedi Dio all’uomo: del suo destino di morte. settimane di Quaresima (una per ogni settimana del periodo)."La gente si commuoveva sinceramente", ricorda Raffaele De Santis, ultimo “Le coremme” erano pronte ad essere bruciate, le loro ceneri ad esseresuperstite di quell´antica tradizione di cantori, "ci cercava, attendeva con disperse al vento, in un estremo atto propiziatorio di rinascita e rinnovoansia di vederci per le strade". della vita.La passione di Cristo spingeva la gente a riflettere sul proprio destino, "a Erano, nel bene e nel male, i valori, punti di riferimento per la gente d’allora.stento trattenevano le lacrime". Anche perché, un popolo che non riconosce le proprie radici, che rinnegaPoi dal Venerdì Santo tutto cessava: per le strade non si incontravano più o, addirittura, ignora il proprio passato, può avere un futuro? M. C. F.lli PERROTTA IMPRESA EDILE COSTRUZIONI E RESTAURI Via San Giorgio, 15 - MARTANO (Le) - Tel. 0836 575132 Cell. 333 2233341 - 333 4373861 E-mail: flliperrottasnc@libero.it 5
  • 6. IENA RIDENS PAG. 6 Progetto grafico Alberto GiammarrucoOrmai è ufficiale.Nessuno meglio di lei poteva fare questo passo. PESCE D‘APRILESolo lei non fa mai retromarcia. SE UN PESCE VIVO LEI VORRA’ MA……… SE CONTINUARE LEI VORRA’Durante unafollata conferenza stampa la sindaca di Lecce ha dichiarato, NELL’AZZURRO MAR LO TROVERA’ A GESTIRE QUESTA CITTA’tra lo stupore di tutti i giornalisti, che si adeguerà al nuovo trend. I SUOI ASSESSORI CERCHERA’Dopo esser stata a Martano, ospite di un assessore del suo stesso SE UNO FRESCO CERCHERA’ ED AHIME’ NESSUNO TROVERA’ IN PESCHERIA ANDAR DOVRA’partito, questi gli ha voluto mostrare il frutto di quattro anni di lavoro. DEI GRAN LUNGHI MANCHERA’ SE AL RISTORANTE SI RECHERA’ ANCHE L’OMBRA…….. SPARIRA’ ALLA CARTA L’ORDINERA’ DEI MEDIANI CI SARA’ MA SE GENTILE LEI SARA’ UN FUGGI FUGGI AL DI LA’ QUESTO PESCE GRADIRA’ CHE ALLA CARTA LO E’ GIA’ DEI PIU’ PICCOLI RITROVERA’ SOLO QUALCUNO CHE NON VI CA***RA’ E DI VOI RACCONTERA’ LE STR****TE FATTE GIA’ AI CONSIGLIERI INFINE SI RIVOLGERA’ E PURE ALTRE CHE FARA’ MA NESSUNO AL GIOCO CI STARA’ DALLE PORTE ALLA CITTA’ IL SUO STAFF D’AVVOCATI INVOCHERA’ CHE RIVOLTARE LEI DOVRA’ E LA LORO DEGNA FIFA PROVOCHERA’ PERCHE’ GUARDANO DI QUA’ E TI ACCOLGONO DI LA’ PER DISPERAZIONE I CITTADINI SUPPLICHERA’ E FINALMENTE VERI PESCI IN FACCIA PRENDERA’ AI RONDO’ CHE OGGI FA CON FELICE INGENUITA’ SOLO LA MADONNA……..La sindaca ne è rimasta folgorata, cosicchè ha dato lannuncio a tutti. E CHE DOMANI RIFARA’ IL GRANDE SACRIFICIO FATTO TI RICONOSCERA’A maggio cominceranno i lavori a Lecce per smontare Porta Napoli, PER INFAUSTA INGEGNOSITA’ ED IN RITIRO SPIRITUALEPorta San Biagio e Porta Rudiae. Saranno così ricollocate al contrario, AL VECCHIO SEMINARIO TI RICONDURRA’.rivolte verso la città, per assecondare quanto lamministrazione ALLE FONTANE CHE MARTANO PERDERA’comunale di Martano ha fatto con la Porta di Via Castrignano!!! SE LEI COSI’ PERSEVERANDO TRATTERA’ INTERVISTE GENERAZIONALI A SPASSO PER IL PAESEChe la vita giovanile martanese sia priva di interessi e (quasi) del tutto Nota amara di fondo: il Comune accetta, a volte, tollera, le varie iniziative,inesistente, è un luogo comune. Passeggiate generazionali, in giro per il purché non richiedano contributi.paese, portano a rilevare presenze importanti, che vivono in sordina. L´età Nuova tappa, nuova sorpresa: dieci ragazzi, dai diciotto ai venticinque anni,è varia, l´ideologia costante: che i giovani diano sfogo alle loro attitudini. tutti martanesi, che sostengono e promuovono le iniziative di "Emergency".Perché tutti abbiano la possibilità di esprimersi e anche, se non soprattutto, Obiettivo: sviluppare una cultura di pace e sostenere le vittime dei conflittiperché la componente giovanile partecipi entusiasticamente ad attività socio- bellici e degli effetti post- bellici (v. mine anti-uomo, uranio impoverito). culturali. E, fra queste, registriamo iniziative anti- mafia, di solidarietà e Francesco Tarantini, membro della sezione martanese ha voluto far presentedi sostegno culturale locale. Il nostro incontro inizia con l´associazione "la che, nonostante la giovane vita della sezione, le iniziative sono state numerose.Carovana", prosegue con "Emergency" e si conclude con "la Terra del Fra queste, la partecipazione alle manifestazioni scolastiche, con l´obiettivoFuoco". Un viaggio che ha mosso i primi passi quando ci siamo resi conto di coinvolgere il maggior numero di ragazzi nella raccolta di fondi cheche le potenzialità dei giovani erano immense ma, assolutamente, non prese saranno interamente devoluti a favore della creazione di un ospedale inin considerazione. "La Carovana" nasce quasi quattro anni fa e, subito, Sudan. Questa, insieme alle altre iniziative, mira a stimolare l’entusiasmoseguono progetti ed obiettivi ritenuti ambiziosi che però, vengono raggiunti. dei giovani e, contemporaneamente, creare una coscienza collettiva che miri"Volevamo che i giovani avessero l´opportunità di esprimersi. Soprattutto alla difesa della pace e ad un intervento di solidarietà costante. Ulterioreper dare la possibilità di manifestare il proprio pensiero, a chi non ne avrebbe tappa, ulteriore sorpresa. Faccia a faccia con l´associazione "la Terra delavuto modo. Ci abbiamo provato", commenta Fausto Griffini, presidente Fuoco". Gruppo di ragazzi il cui scopo è la creazione di una sensibilità anti-dell´associazione. “Volevamo che tutti i giovani musicisti martanesi avessero mafia, la tutela e promozione della cultura territoriale. Gli interventi e lel’opportunità di uno spazio. Ora, abbiano una sala prove, si trova in Via manifestazioni sono frequenti e costanti. Ma anche qui, di fondo, una notaAtene, dove poter provare, crescere, confrontarsi". Il sodalizio non ha scopi dolente. "Dei diversi comuni con cui abbiamo avuto modo di collaborare,di lucro, "le entrate bastano giusto per le spese", continua Griffini. Tra le il comune di Martano è stato sicuramente quello meno partecipativo",varie iniziative organizzate dalla “ Carovana” in paese:"la Canzonissima" commenta Paolo Paticchio, presidente dell´associazione.e, per due anni di seguito, l´"Agorà". Ma, soprattutto, un entusiasmante In conclusione, bisognerebbe chiedersi a cosa sia dovuto questa insensibilità,viaggio in camper, per l´Italia, rimasto impresso nella mente dei suoi da parte della nostra amministrazione comunale, alle richieste dei giovani.componenti. Hanno organizzato spettacoli, con l’obiettivo principale di far Soprattutto, bisognerebbe sperare che non sia dovuto alla considerazione,conoscere e valorizzare la cultura dell´intero territorio grico. Tra i prossimi che questo tipo di iniziative producano poco a livello di economia reale.obiettivi figurano, l´organizzazione di una "Giornata dell´Arte". Vi potranno Allora, dovremmo concludere che la cultura in paese non avrebbe alcunpartecipare tutti gli ipotetici artisti e quegli affermati, esponendo le loro futuro. Nonostante tutto, le attività giovanili del paese resistono e dimostrano,piccole o grandi opere. se mai ce ne fosse bisogno, che la voglia di credere in un futuro miglioreA rimarcare il principio- guida dell´associazione, secondo cui tutti debbano non è ancora venuta meno. Sarebbe, forse, il caso di provvedere ad incentivarla.avere l’opportunità di esprimersi. Ma… M. C. C&C INFORMATICA Di Chiriatti Donato Via B. Croce, 30 - 73025 Martano (LE) INFORMATICA Tel./fax 0836 571599 Cell. 3284675229 LAVORI DI FALEGNAMERIA ARCHITETTURA DINTERNI MOBILI DI ARTIGIANATO Zacheo & FigliVia Zimbalo - Zona Artigianale MARTANO (Le) Tel. 0836 571186 6
  • 7. Speciale Sport PAG. 7 Crediamoci fino alla fine Alla fine lo speravamo un po’ tutti : un aiuto dai rivali della Grecìa (Sternatia) che doveva fermare il Veglie, e il Martano che espugna il campo del Leverano riaprendo la corsa per il primo posto nel campionato di Prima Categoria. Purtroppo, non sempre i sogni si avverano E la nostra squadra, nella penultima partita, non è andata oltre uno sbiadito pareggio, consegnando definitivamente ai biancazzurri del Veglie la corona di reginetta del campionato. Ma, per i gialloblè, la possibilità di Foto di Antonio Tarantino compiere il salto in promozione non è ancora svanita. Ci sono ancora i play- off: uno spareggio fra la seconda, la terza, la quarta, la quinta classificate. Per conoscere quali saranno bisognerà attendere il 2 Aprile, giorno in cui si disputa l’ultima giornata di campionato. A questo punto, per la compagine allenata da Mister Colagiorgio, è importantissimo mantenere alta la concentrazione, per evitare di vanificare quanto di buono è stato fatto durante tutto il campionato. Ed arrivare sia ai play-off, sia alla finaledi Coppa Puglia con la consapevolezza di poter fare bottino pieno su tutti e due i fronti.Di eguale importanza per il raggiungimento di questi traguardi è che i tifosi continuino atrascinare i ragazzi alla vittoria, imprimendo quella marcia in più che ha fatto la differenzadurante tutto il campionato. FORZA GIALLOBLE’!!! Fabio Tarantino e Marco Termo il 9 e 10 aprile CASINI VOTA LIBERTAS alla CAMERA e al SENATO UDC VUOI VEDERE A NDAZIO CHE LITALIA FO E CAMBIA OP NE RA EUR RI DAVVERO. ® IL 9 e 10 APRILE N IST PA RT VOTA COMUNISTA® TA SI ITO COMUNIS ® VOTA RIFONDAZIONE 7
  • 8. PAG. 88