Corte Grande N° 12 - Giugno 2006

  • 414 views
Uploaded on

 

More in: News & Politics
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
414
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1

Actions

Shares
Downloads
0
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Progetto grafico di Stefania Costantini PERIODICO DI INFORMAZIONE MARTANESE ANNO I° - N. 12 – DISTRIBUZIONE GRATUITA Iscritto al Registro della Stampa presso il Tribunale di Lecce Direttore Responsabile Fernando Durante Buon CompleannoPer il compleanno del giornale intendiamo avviare una nuova rubrica. Proprio per rafforzare un rapporto sempre più intenso con la gente. Da questonumero, ospitiamo anche rubrica delle “ Lettere al Direttore”. Per chi volesse scrivere, l’indirizzo è: Redazione Corte Grande- “ Lettere al Direttore”via Mazzini 81- Martano-. Oppure attraverso una a-mail indirizzata a: redazionecortegrande@libero.it. C’è una famiglia disagiata che chiede aiuto. In essa un Nei rispetti dei padri costituenti ragazzo artistico ha bisogno di cure specialistiche presso NO ai referendum del 25 e 26 giugno centri specializzati. In particolare, si tratterebbe, fra l’altro, di accompagnare il ragazzo a Lecce, due tre volte al giorno, la carta costituzionale si cambia insieme per le indispensabili cure. La segnalazione a “ Corte Marco Castelluzzo Grande” è stata avanzata dl presidente delle “ Misericordie” di Martano Giovanni Caracuta. Allo scopo di rispettare Il 2 giugno 1946 gli Italiani, per la prima volta la privacy della famiglia l’Istituzione di volontariato ha anche con il voto delle donne, furono chiamati acceso un conto corrente, presso la Banca Popolare a pronunciarsi sulla forma di Stato (Monarchia Pugliese. Chiunque volesse dare il proprio contributo, è o Repubblica) da attribuire al Paese uscito pregato di fare un versamento sul Conto corrente che sconfitto e distrutto dalla guerra e, risponde al numero: 7777777 contemporaneamente, a scegliere i deputati che, in seno all’Assemblea Costituente, Dalle alpi alle piramidi i tre NO di avrebbero lavorato per dare all’Italia una "Terra del Fuoco" al referendum nuova Costituzione. La scelta cadde, come sappiamo, sulla forma di Stato repubblicana devolution: ovvero: ognuno per sè e nell’Assemblea Costituente vennero eletti principalmente rappresentanti dei cosiddetti NO, NO, NO! Il 25-26 Anna Tamborrino partiti di massa (Democrazia Cristiana 35,2%, luglio 2006 come il 2 La devolution deve essere Partito Socialista 20,7% , Partito Comunista giugno 1946.Si, perché a bocciata. Se passasse, 18,9%) e, in misura largamente minoritaria, discapito del silenzio e della verremmo trattati come rappresentanti del vecchio Partito Liberale noncuranza dei mass-media colonie, e già lo siamo. (6%), di una formazione politica neofascista sul prossimo referendum, Siamo una terra, che (5%) e del Partito d’Azione (1,2%). A quella Rondò la sua importanza è cruciale. continua ad emigrare, una data storica vengono fatti risalire i natali della li pagano i cittadini di Martano E sarà di cruciale terra in cui i possidenti nostra Repubblica e quest’anno si celebra il importanza votare NO a fanno vacanza comprano sessantesimo anniversario. Il 27 dicembreFranco Farì questo referendum com’è spazi ristrutturabili e 1947 l’Assemblea approvò a larghissima Esprimo compiacimento per tale stato fondamentale preferire investono nel turismo. maggioranza ( 453 voti contro 62) la nuova determina, che segna la Repubblica alla sabauda Risultato? Lavoriamo per Costituzione. Per una singolare coincidenza, l’attenzione, che ancora una monarchia.Varie sono le la Lombardia anche stando in una ricorrenza così carica di forza suggestiva volta, la Provincia riserva alle motivazioni che mi portano comodamente a casa. ed evocativa, tra giorni, gli italiani saranno istanze della collettività a questa presa di posizione. Emigrati a domicilio! nuovamente chiamati ad effettuare un’altra martanese. Mi dispiace- tuttavia- Certamente qualche La piaga del lavoro nero, scelta fondamentale: confermare o meno una dover precisare come, la benpensante mi starà che ancora devasta i figli, legge di ampia riforma della Costituzione che richiesta, inviata dal comune di bollando come di chi non si può permettere non essendo stata approvata da una qualificataMartano alla Provincia, riguardi uno solo dei ” E S T R E M I S TA ! ! ” . L a maggioranza parlamentare viene sottoposta, di non lavorare. Quanti3 rondò in fase di realizzazione e,- ai sensi dell’art. 138 Cost., al vaglio degli prima è di carattere sacrifici ancora dobbiamoprecisamente- quello di via Castrignano. Per elettori. Senza entrare nel merito della riforma, prettamente “storico”. La fare per essere derubati Segue a pagina 2gli altri due, invece, -nonostante varie nostra Carta Fondamentale ancora una volta, da chi sisollecitazioni che- il sindaco Pasquale Conte SOMMARIO nasce a seguito di una approfitta delle nostre Rondò li pagano i cittadini di Martano pag. 1-2non abbia ritenuto di chiedere il finanziamento. rovinosa guerra causata da mancanze? Spiego in breve di Franco Farì 50 anni di servizio per amore pag. 1-3 di Fernando Durante Segue a pagina 2 vent’anni di tremende il significato di devoluzione Dalle alpi alle piramidi i tre No di terra pag. 1-3 del Fuoco ai referendum barbarie. Firmata la pace e e ciò, che essa di Prometeo e Anna Tamborrino 50 anni di servizio per amore fatti i referendum, tutti gli implicherebbe: Il termine Nei rispetti dei padri costituenti NO ai referendum del 25 e 26 giugno pag. 1-2 il riconoscimento dei suoi fedeli esponenti eletti dei vari di Marco Castelluzzo Giornata dei diversamente abili pag. 2 di Maria Assunta Rizzo Segue a pagina 2 Segue a pagina 3 Pennelli e scalpelli pag. 4Don Cesare Palma di Fernando Durante Giovani band pag. 4festeggi ai suoi “ Nel numero precedente per un errore del computer di Fabio Tarantino e Marco Termo Raccolta differenziata pag. 5Primi” 50 anni di è stato messo in pagina l’articolo sulle valutazioni del di Fabio Tarantino e Marco Termosacerdozio. Ricordi voto politico della “ Rosa nel pugno”, a firma del Iena Ridens pag. 6 Speciale Sport pag. 7-8di una vita dedicata segretario locale, Luigi Moschettini, chiaramente di Fabio Tarantino, Marco Termo e Fernando Durante incompleto. In questa edizione lo pubblichiamo Il voto delle elezioni politiche del 9 e 10 aprile pag. 8alla comunità integralmente. Così come – per errore- è stato messo di Luigi Moschettini Zero Project pag. 9ecclesiale. sotto il logo del partito della “Rifondazione Piccoli imprenditori crescono pag. 9 gli alunni del corso cultura d’impresa a.s. 2005/06Auguri don Cesare. Le campane suoneranno Comunista” l’analisi di Donato Saracino, capogruppo Più solidarietà, più giustizia pag. 9 di Davide Bufanoa festa il 25 giugno per annunciare i 50 anni di “ Uniti per Martano” in Consiglio comunale. Ce Perrino Lucia - Associazione Don Bosco pag. 10 di Maristella Chiriattidi sacerdozio del parroco della Parrocchia ne scusiamo con gli autori ed i nostri lettori. Martano bilancio di una amministrazione di pag. 10 centro-destra dall’osservatorio di minoranza Segue a pagina 3 Il Direttore responsabile. di Donato Saracino
  • 2. PAG. 2 segue dalla prima paginasegue dalla prima pagina sul quale ritengo - confortato dalla più autorevole schiera di costituzionalisti - di poterResta da capire se si tratta di distrazione, ma risalta evidente fondatamente avanzare moltissime riserve e perplessità, mi limito semplicemente a rimarcareil segno di grave superficialità, oppure- più semplicemente- un aspetto che balza subito agli occhi ove si considerino due dati sopra forniti. L’Assemblea il primo cittadino di Martano non vuole che la Provincia costituente, nonostante la presenza di tradizioni politiche e ideologiche diametralmentefinanzi opere sul suo territorio. Ma questo comportamento opposte e configgenti ( la cultura cattolica, laico - liberale e quella social – comunista ), seppeevidenzierebbe il fatto che non si vorrebbe realizzare granparte dell’intervento, attraverso il finanziamento della raggiungere un compromesso di elevato profilo, favorito da un altissimo senso delle IstituzioniProvincia, perché di colore politico diverso dal suo. Segno e dalla consapevolezza che, sia pure nella distinzione dei ruoli, maggioranza e minoranzaquesto di inelegante provincialismo. Rimane- però- il fatto costituivano due modi diversi di lavorare per uno stesso obiettivo: il benessere, lo sviluppoche, nel frattempo, i cittadini martanesi dovranno farsi carico economico e sociale della Nazione. Gli ultimi due Parlamenti, nonostante le lunghissimedel mutuo di 200.000 euro, che l’amministrazione comunale discussioni e le innumerevoli proposte di riforma costituzionale, non hanno saputo raggiungereha dovuto accendere per pagare i lavori dei tre rondò. Che- una larga intesa tra le diverse forze politiche in essi rappresentate per una riforma seria einvece- potevano essere realizzati a costo zero per la comunità, condivisa della Costituzione. Entrambe le riforme licenziate dai parlamenti, sia la prima,sostenuti, per gran parte, dalla Provincia. Fa rabbia pensare voluta ed approvata dallo schieramento di centro – sinistra, sia l’ultima, sulla quale dovremoche sarebbe bastato solo avere l’accortezza di chiederlo con esprimerci i prossimi 25 e 26 giugno 2006, costituiscono un grave vulnus inferto se non allauna semplice domandina, che- peraltro- è stata sollecitata lettera della Costituzione, certamente al suo spirito. Come ogni Costituzione anche la nostradal sottoscritto. Franco Farì- Consigliere provinciale contiene dei meccanismi per così dire di difesa che servono a rendere più difficile rispetto all’iter di approvazione o modifica delle leggi ordinarie, l’iter approvativo e/o modificativo Giornata dei diversamente abili delle leggi costituzionali e di quelle di revisione costituzionale. Così l’art. 138 cost. ha stabilito che per la adozione e o modificazione delle leggi aventi rilievo costituzionale occorrano due incontro a Melpignano con Vendola deliberazioni successive ad intervallo non minore di tre mesi e, in seconda lettura, si richiedeMercoledì 24/05/2006 a Melpignano in Piazza San Giorgio si è la maggioranza assoluta dei componenti delle due Camere. Se la seconda deliberazione èsvolta "La Giornata Reginale del Diversamente Abile " , unintera votata da almeno i due terzi dei parlamentari la legge è senz’altro approvata ed efficace congiornata dedicata ai disabili.Al centro dellattenzione cerano i la promulgazione; in caso contrario, su iniziativa di un quinto dei parlamentari di ciascunaragazzi nella globalità dei loro bisogni, delle loro caratteristichee delle loro potenzialità, dove grazie alla disponibilità del Signor Camera o di cinque Consigli Regionali o ancora di cinquecentomila elettori, si può chiedereSindaco del Comune di Martano, che ha messo a disposizione la volontà confermativa del corpo elettorale. Ebbene, un siffatto meccanismo è stato introdottoil mezzo, alla sensibilità del Governatore,della Confraternita dai padri costituenti proprio per evitare da parte di qualunque maggioranza la tentazione diMisericordia di Martano, i disabili dei paesi limitrofi e di Martano fughe in avanti troppo precipitose nel voler porre mano alla Tavola dei Valori Fondamentalihanno preso parte, accompagnati dai volontari. Dalla mattina della Repubblica per usare l’efficace definizione data alla Costituzione dal neo-eletto Capofino a tarda sera è stato unincessante susseguirsi di eventi: la dello Stato. E’ evidente che la riforma sulla quale dobbiamo pronunciarci nei prossimi giorniCollettiva dArte dei ragazzi dellIstituto Comprensivo di Maglie, rappresenta una fuga in avanti voluta dall’ex premier Berlusconi per tenere a bada i riottosile partite di palla canestro e tennis da tavolo, infine musica comi gruppi "I Sale..." e i "Ladri di Carrozzelle" tutti volti a ribadire alleati della Lega Nord. Si è così introdotto nella seconda parte della Costituzione unancora una volta limportanza dellintegrazione sociale attraverso ordinamento della Repubblica su base Federale di cui gli italiani nella loro maggioranza nonlincontro e il confronto. ne avvertivano l’esigenza, sia perché non rappresenta una priorità sia perché va ad intaccare altri principi fondamentali della Costituzione: innanzitutto, il valore dell’unità ed indivisibilità della Repubblica sancito perentoriamente all’art. 5 Cost., nonché quello della eguaglianza non solo formale ma anche sostanziale di tutti i cittadini di cui all’art. 3 Costituzione. E’ bene evidenziare come questi principi siano stati ritenuti da plurime pronunce della Corte Costituzionale, alla pari della forma repubblicana dello Stato, non suscettibili di revisione costituzionale. Ora, che la Costituzione abbia bisogno di alcuni interventi per adeguarla all’evoluzione della nostra società, sempre più complessa, è fuor di dubbio e da tutti gli schieramenti politici emerge una volontà in tal senso. Ma occorre intraprendere il cammino di riforma da una base condivisa che è appunto la Costituzione vigente e non già quella che verrebbe fuori se, malauguratamente, venisse confermata con il referendum la riforma voluta da una maggioranza risicata. Non convince l’affermazione della maggioranza che ha voluto la riforma oggetto della imminente consultazione referendaria secondo la quale “se votiamo questa riforma, poi, si procederà tutti insieme a farne un’altra condivisa”, ossia, si farà la riforma della riforma. Ancora più capziosi, demagogici e, come tali pericolosi, sono altriSi è parlato di costruire dei percorsi finalizzati a proporre attività argomenti: con la riforma si ridurranno i parlamentari con notevole risparmio di spesa, senzache lavorino sul contatto, lo scambio, la relazione,che favoriscano tuttavia precisare che la riduzione dei parlamentari avverrà, se viene confermata la riforma,lincontro tra abili e diversamente abili, in un contesto che sappia solo nel 2016, ossia quando, per motivi anagrafici, gli improvvisati legislatori non sarannoaccoglierli, dove il gioco, lo sport, larte e la musica siano elementi rieleggibili e si potranno godere in tranquillità la considerevole pensione. A noi elettori ora,di aggregazione, che accomunino tutti. Allinterno, anche lincontrodibattito "Diversi da Chi?", dove hanno preso la parola il Presidente senza farci fuorviare da falsi argomenti che, a prescindere dalla malafede di chi li fa, certamentedella Regione Puglia Nichi Vendola, il Presidente della Provincia fanno a pugni con il più comune buon senso, non resta che esprimerci con un no pieno edi Lecce Giovanni Pellegrino, gli Assessori alle Politiche Sociali convinto. Le riforme, quelle vere e condivise, verranno dopo. Adesso teniamoci la nostraElena Gentile, Salvatore Capone, il Sindaco di Melpignano Sergio Costituzione che concordemente i nostri padri costituenti, nella diversità dei ruoli e delleBlasi, i Direttori Generali delle A.U.S.L. LE/01, LE/02 Luigi idee, hanno saputo donarci. A chiusura di queste brevi riflessioni mi piace ricordare che neiTrianni e Rodolfo Rollo e il Presidente della C.S.V. di Lecce lavori dell’Assemblea Costituente l’apporto di pensiero anche delle minoranze venne tenutoVincenzo Liaci. Finalmente, si è avvertita una certa sensibilitàpolitica-amministrativa verso queste tematiche scottanti, spesso in debito conto e, in vari passaggi, emerge la felice sintesi raggiunta dalle varie anime,dapprima archiviate e infine dimenicate. I nosti ragazzi sensibilità, culture ed ideologie presenti nell’autorevole consesso. Tra i contributi piùdiversamente abili hanno preso parte con entusiasmo alliniziativa, autorevoli al dibattito va ricordato quello del nostro concittadino On. Giuseppe Grassi iled è bastato poco per far trascorrere una giornata lieta,dove quale, eletto tra le file dei liberali, rivestì un ruolo di primissimo piano sia nell’Assembleaognuno di loro si è sentito partecipe dei vari eventi, ed è stato Costituente, sia nella Commissione per la Costituzione, composta da 75 deputati, sia, infine,bello vedere accendersi nei loro occhi quella luce che gli ha fatti nel Comitato di redazione della Costituzione o Comitato dei 18. A suggello dell’importantesentire "UGUALI". Ora, si spera di proseguire sulla strada del ruolo svolto nella stesura della Costituzione il destino offrì all’Onorevole salentino l’opportunitàdialogo, dellintegrazione del potenziamento e valorizzazionedelle loro qualità trovando sempre nuovi modi per sostenere di apporre la propria firma in calce alla Costituzione, nella qualità di Ministro Guardasigilli,questi percorsi ambiziosi. Occorre, unintesa a livello regionale insieme alle prestigiose firme del Capo Provvisorio dello Stato, Enrico De Nicola, dele locale, di due tipologie di coordinamento, una politica ed una Presidente del Consiglio dei Ministri, Alcide De Gasperi, del Presidente dell’Assembleatecnica, per poter realizzare luguaglianza delle opportunità e una Costituente, Umberto Terracini. Anche per un sano orgoglio campanilistico il 25 e 26 giugnocultura dellintegrazione e potenziamento, capace di personalizzare difendiamo la Nostra Costituzione votando no al quesito referendario. risposte concrete ai bisogni individuali. Maria Assunta Rizzo Marco Castelluzzo Iscrizione al Registro della Stampa del Tribunale di Lecce. Direttore Responsabile: Fernando Durante Natura Benessere Redazione: Salvatore Caracuta, Paolo Saracino, Giuseppe Castrignanò, Marco Termo, Fabio Tarantino, Cesare Caracuta, Maristella Chiriatti, Anna Tamborrino. e-mail: redazionecortegrande@libero.it Natural Essences & Cosmetics Per la pubblicità tel. 333 1334233. Stampato da Grafiche Chiriatti Martano www.benesserenatura.com Tamborrino Anna Tiratura 4.000 copie Distribuzione porta a porta 2
  • 3. PAG. 3segue dalla prima paginadella Madonna del Rosario, il “prete della strada”, come lui stesso ama Cesare aveva deciso di finirla con quella dipendenza psicologica e, pianosentirsi. Quel sacerdote che, “ come Cristo, incontra l’uomo …nel posto più piano, giorno dopo giorno, ha riportato il suo “gregge” nell’ovile. I ragazziprecario, più esposto, senza sicurezze, dove ogni incontro si risolve tolti dalla strada crescono, anche calcisticamente, ed il loro parroco decidepositivamente, nonostante le delusioni”: la strada. Questo scrive su “ Il di iscrivere quella che era, intanto, diventata una squadra, al campionato diNostro seminario”, il buon don Cesare Palma. Il suo viaggio in compagnia terza categoria. Nasce la “ Virtus”. Sono rimaste alla storia le partite didei parrocchiani martanesi inizia nel lontano 1961, dopo una quinquennale- campionato contro l’altra squadra locale: la Polisportiva di Antonio Gaetani precedente- esperienza a Collepasso. A quel periodo è rimasto profondamente ( l’”Antoniu de le curve”, l’artista della forbice). Non era raro vedere il pretelegato. L’esperienza accanto a Monsignor Salvatore Miggiano gli spiana la seguire l’azione dei suoi, raccontano, inseguendola dall’esterno della rete.strada parrocchiale. “ E’ maturo”, sentenzia l’allora arcivescovo di Otranto, Sceglieva sempre di guardare la partita dalla parte opposta alle tribunemons. Gaetano Pollio. Ma, giunto a Martano paga il pedaggio del novizio. frequentate dalla gente. Nell’enfasi della partita poteva scappare qualcheSi sente abbandonato e depresso. “ In chiesa le presenze si potevano contare incontrollabile imprecazione. Più di qualcuno giura di averlo sentito. Quindi:sulla punta delle dita”, racconta. Quella non era una parrocchia. Bisognava meglio evitare. Gli sfottò del dopo partita, naturalmente, erano prassireagire, costruirla. Così, l’allora neo parroco decide di portare la chiesa fuori quotidiana. Proverbiali restano quelli fra i presidenti delle due squadre. Neldalle sue mura: in mezzo alla gente. Inizia il suo apostolato dalla strada. Ad 1984, esigenze di cassa consigliano ai due di addivenire a più miti consigli.inventarsi attività ed ad indebitarsi. Splendido! Raccoglie i ragazzi dalla Le due formazioni si sciolgono in una. Comunque il parroco non getta lastrada e li trasferisce sui campetti arsi ed impolverati di periferia. Un colpo spugna. Segue sempre, magari, un poco più in disparte i suoi ragazzi. Oggidi incoscienza lo porta ad acquistare un bel pezzo di terra, laddove- poi- fa parte del comitato disciplinare provinciale del Coni. Saranno giorni disorgerà l’attività ecclesiale di don Bosco. Oggi è una realtà frequentata, ma, festa e di preghiera quelli che i parrocchiani vogliono dedicare a quel parrocoall’epoca, si trattava di iniziativa che sfiorava la pazzia. Don Cesare- però- che ha ridato dignità alla loro chiesa. Quest’anno, per dire, ha deciso di è tipo “ tosto”. “ La gente mi ha sempre aiutato. Non mi ha mai abbandonato. festeggiare la Madonna del Rosario, a cui è dedicata la parrocchia, con laIn quella ho sempre riposto estrema fiducia. Ed in Dio”. Inizia con questo stessa imponente luminaria di quella del 15 di agosto, per la Madonnacolpo di testa il lungo cammino – ancor oggi in viaggio- insieme ai suoi dell’Assunta. “ Mi sono stancato di vedere considerata la madre di Dio inparrocchiani. Peraltro, la sua, all’epoca, era considerata dai martanesi una maniera differente. Con il tacito assenso, fra l’altro, della commissione“Parrocchia” di secondo ordine. I fedeli erano portati a considerare la chiesa delegata all’organizzazione. Ergo: festa, bande e fuochi d’artificio. E lamatrice, dedica a alla Madonna dell’Assunta, come unica esistente. Ma don gente – per l’ennesima volta-lo ha seguito. Buon compleanno don Cesare. segue dalla prima pagina Fe. Du.partiti italiani, eccetto quello fascista (ci mancherebbe!), si sedettero attorno ad un tavolo per redigere quella che è poi diventata la Costituzione Italiana.I Padri Costituenti andavano da Calamandrei a Togliatti, da De Gasperi a Nenni, da Moro a Terracini, e nonostante le loro ampie divergenze politicheunirono le loro forze per dare vita alla nuova Italia.Oggi, invece, si decide di modificare UN TERZO della Costituzione con i voti della sola maggioranza,e di sostituire ai grandi nomi precedentemente elencati quelli di Bondi, Bossi, e Calderoli. Se questa non è un’offesa all’intelligenza del popolo italianoditemi voi cos’è….Ma se passasse la riforma(facciamo gli scongiuri di rito) la frase appena scritta non avrebbe più significato. Mi riferisco infatti allacostruzione “popolo italiano”…ma a vedere la verde Devolution: la palese intenzione è quella di tornare ai vecchi Stati regionali, affidando alle Regionila legislazione esclusiva in materia di sanità,istruzione e polizia locale. Così le Regioni più ricche(guarda caso quelle del Nord!) potranno avere gliospedali migliori.“Nulla di nuovo all’orizzonte” mi verrà detto.. vero, ma oggi chiunque abbia problemi di salute può recarsi in Emilia Romagna o inLombardia e risolvere il tutto. Da domani con il “si” al referendum tutti coloro che sono costretti ad allontanarsi dalla propria regione per ricevere curemediche migliori, potranno comunque andare a prenotare una visita medica nel Nord Italia, ma verranno collocati in fondo alla lista d’attesa perché nonci saranno più cittadini Italiani, ma solo cittadini di quella o di quell’altra regione che nel loro territorio regionale avranno il diritto di usufruire dellecure mediche, prima di un qualsiasi altro cittadino proveniente da un’altra zona dello stivale. i … è lampante, dunque, la volontà di buttare via il sacroprincipio della SOLIDARIETA’ NAZIONALE. Il capitolo (d)Istruzione merita un approfondimento. Grande novità: le Regioni potranno decidere partedel programma scolastico. Il Senatùr Bossi festeggia con Castelli e Borghezio questo passo di civiltà, perchè l’inserimento curriculare del dialetto, e laconoscenza dei padani riti celtici, saranno realtà e soprattutto perché la distinzione Nord-Sud avrà inizio dalle scuole..Evviva…Anche il No alla Devolutionha una motivazione storica: gli U.S.A. decisero di diventare una federazione di Stati perché il loro territorio era troppo vasto e bisognava trovare unamaniera per poter unire la popolazione. Da noi invece si vuole introdurre la Devolution per sottostare ai ricatti dei celhoduristi padani e ,invece di unireil Nostro BelPaese lo dividiamo maggiormente.Due saranno poi i ruoli istituzionali che cambieranno radicalmente: il Presidente della Repubblica chenon avrà più la facoltà di nominare e revocare i ministri, perdendo in questo modo il potere di sciogliere le Camere, ed il Presidente del Consiglio cheavrà il titolo di Primo Ministro(denominazione ereditata dal Regime Fascista). Non dovrà ottenere la fiducia del Parlamento, ma nominerà e revocherài ministri. Potrà – quindi- sciogliere le Camere. Come si può notare il Presidente della Repubblica assumerà una valenza irrisoria: puramente rappresentativa.Il Primo Ministro-invece- potrà effettuare una vera e propria dittatura della maggioranza avendo dalla sua la possibilità di mandare a casa i parlamentari,se questi non si sottomettono al suo volere. Anche noi del “fronte del NO” crediamo che la Costituzione possa essere aggiornata e rivista. Ma metodi econtenuti devono essere diversi. La Costituzione si cambia INSIEME e soprattutto non si stravolge. Perché la Nostra Costituzione è la Nostra Casa, ecome tutte le abitazioni necessita di alcuni ritocchi, ma cambiare un terzo della Carta Fondamentale significa distruggere le fondamenta di tutto l’edificioe costruirne uno nuovo. Ma a noi questa casa costruita sulle colonne portanti della solidarietà nazionale, dell’equilibrio dei poteri, del ripudio della guerra,dell’istruzione e della sanità per tutti piace. E non la vogliamo cambiare. Prometeo.segue dalla prima paginadevoluzione (in devolution) viene usato per indicare la concessione di poteri Invece nel 2005 Berlusconi presentò un ampio disegno di legge di riformada parte di un governo centrale a favore di un governo a livello regionale della II parte della Costituzione, che, come si può leggere nel sito delo locale. Spesso i poteri devoluti sono temporanei e rimangono in ultima Governo, "rimodula l’assetto delle attuali competenze legislative: da un lato,analisi in capo al governo centrale. Qualsiasi assemblea devoluta può essere ritornano allo Stato alcune materie difficilmente frazionabili; dall’altro lato,abrogata dal governo centrale. I sistemi federali differiscono in quanto i si valorizza il ruolo delle autonomie regionali, attraverso l’attribuzione dipoteri e le funzioni delle entità federate sono garantiti dalla . Nel è stata competenze esclusive attinenti alla sanità, alla scuola ed alla sicurezzaapprovata una riforma della che ha notevolmente ampliato le competenze pubblica (devolution)." Ciò vuol dire che solo 4 delle 20 regioni sarebbero-regionali. Mentre prima della riforma della Costituzione, la competenza realisticamente- autonome. Le restanti sarebbero costrette a ricorrere allegislativa era di esclusiva pertinenza statale, con la riforma del 2001, si è privato. In sostanza il cittadino meridionale sarebbe costretto a prediligerecapovolta la prospettiva: lart. 117 ora prevede una lista tassativa di materie il privato al pubblico, impoverendo ancor più il cittadino. Quindi: Ospedalisoggette alla potestà legislativa statale ed elenco altrettanto tassativo, di privati, scuole private, pagamento di qualsiasi tipo di ricovero, che sia o nomaterie sottoposte alla legislazione, ma nel quadro dei principi fondamentali urgente. Chi è in grado di pagare sarà curato, chi no si accontenterà didella legge statale. Il primo governo Prodi, aveva quindi garantito morire. Questo in America già succede.un’autonomia, che non depenalizzasse le regioni. Anna Tamborrino C&C INFORMATICA Di Chiriatti Donato Via B. Croce, 30 - 73025 Martano (LE) INFORMATICA Tel./fax 0836 571599 Cell. 3284675229 3
  • 4. PAG. 4 Pennelli e Scalpelli GIANNA STOMEO Muretti a secco, “ furnieddhi” di campagna, alberi secolari di ulivo, girasoli e spighe di grano tempestati da assordanti raggi di sole. E’ questo il documento pittorico di Gianna Stomeo. Frequenta per lo più le campagna nei dintorni del paese alla ricerca di nuova ispirazione. Opera nel suo studio di via Soleto al 158. Una presentazione di eccezione accompagna il percorso della Stomeo. Vi si legge: “ Il linguaggio pittorico è limpido e suadente; ella guarda con occhio affascinato e rapito la campagna in fiore del suo paese, l’intensità azzurrina del cielo, i rapidi voli delle rondini, l’immensa distesa pianeggiante degli ulivi carezzata dal vento, e…si bea delle messi dorate. I fiorid i Gianna sono intensamente profumati, sono…creature di un universo panico…ritrattocon compiaciuta, trepida tenerezza”, firmato: Michele Paone. La “carta di identità”firmatadal compianto Paone”nacque dall’innamoramento del critico per un quadro con spighe chinateda un alito di vento. Da quel momento, su ogni depliant di annuncio di una mostra, la pittricericorda la figura del critico riportandone l’appassionata definizione. Alla sua morte donò quelquadro alla pinacoteca dei monaci Cistercensi del monastero di “ Santa Maria dellaConsolazione”. Oggi è esposto all’interno della pinacoteca lasciata in dono da Paone almonastero. “ Io”, si descrive l’artista, “ sono nata pittrice. Da sempre ho amato quest’arte”.Alla fine degli studi superiori, che nulla hanno in comune con quella che lei chiama “unapredisposizione naturale”, decide di impegnarsi per valorizzarla. Frequenta lo “Studio d’Arte”del maestro, Luigi Corlianò, di Calimera, dal 1996 al 2002. La sua esperienza di vita matura,però, fra la casa dei nonni materni a Carpignano e la Svizzera, dove vive -insieme ai genitoriemigrati- per nove anni( dai 13 ai 21 anni). Al ritorno scoppia la passione per quelle pietre,per quei colori, che solo il Salento saprebbe dare. Presso lo studio di Corlianò, comincia acimentarsi con i colori, dipingendo volti esotici, affinando la tecnica pittorica. Ma è un iniziovissuto più come hobby che come sentimento, come arte vera. La spinta decisiva arriva dasuo marito. “ Quel sostegno è stato di fondamentale importanza. Un critico feroce e competente”,sostiene. Ma -poi- è tutta la famiglia ad avere il dna dell’arte. Il figlio è musicista, la figliafrequenta l’Accademia di Belle Arti. Nonostante abbia sprecato molto tempo nell’individuarela sua predisposizione artistica, Gianna Stomeo, brucia le tappe. E’ di questi giorni il ritornoda Firenze, dove ha esposto per la Galleria “ Mentana”. Un exploit impensabile, un motivodi grande soddisfazione. Tanto che, probabilmente esporrà nuovamente. “ Da sette anni lagalleria non aveva riscontri di presenze così elevate”, confida la Stomeo. Ma gli impegniprossimi la porteranno in Russia, a San Pietroburgo, dal 22 al 30 luglio. Il 24 settembreesporrà a nella “ Fiera internazionale” di Firenze. Ed ancora, Bruxelles, Parigi, Roma, infebbraio-marzo. Di lei ha parlato anche “ Arte”, un giornale specializzato della Mondadori. Fe. Du. Giovani Band Il nostro futuro musicale Apriamo questa nuova rubrica che ci porterà a scoprire i nuovi orizzonti musicali che si nascondono nelle “stanze” e nelle campagne martanesi . Iniziamo presentando il primo lavoro dal titolo “Andrà tutto bene” dei "Retalation Soic", al quale ha contribuito il giovane chitarrista martanese Antonio Mariano. Si tratta di una band, nata nel 2002 con un’impronta chiaramente ska- punk, composta da tre elementi. Negli anni si sono succeduti diversi componenti, fino ad arrivare, quest’anno, con una line-up definitiva: Kerry (chitarra-voce), Pan (chitarra),Poccio (basso), Emiliano (batteria), Simone (tromba), Dario (sax).In questo nuovo corso, i "Retalation Soic" danno vita ad un sound sperimentale, che unisce ska e post-hard-core-emo. La band ha condivisopalchi con affermati gruppi locali come "Shank", "Belintesta", "Seal-Skin" e con i più noti "Meat For Dogs".Potete ascoltarli visitando il sito: www.myspace.com/retalationsoic oppure: www.retalatiosoic.tk. F. T. e M.T. AGRICOLA nuova generazione SOC. COOP. Coop ng 73025 Martano (LE) Via Prov. Borgagne Km. 1 Tel. +39.0836.575223 - Fax +39.0836.574614 http://www.nuova-generazione.it e-mail: info@nuova-generazione.it 4
  • 5. Pag. 5 Raccolta differenziata Discariche abusive Non c’è peggior sordo… Nel numero di Novembre di Corte Grande, avevamo accolto con soddisfazione la novità della raccolta porta a porta dei rifiuti, rilevando l’importanza di questo sistema di raccolta, che permette il riciclaggio di rifiuti in un mondo di discariche che implodono. Con spirito costruttivo, ci era sembrato giusto far giungere ai gestori del servizio alcune segnalazioni dei cittadini che potevano rendere tale servizio più efficiente. E’ inutile aggiungere che quei disinteressati rilievi non sono stati presi in considerazione da amministratori e addetti ai lavori. Torniamo oggi più di ieri con lo stesso spirito, con la convinzione che la raccolta differenziata, se fatta con la dovuta attenzione e con il rigoroso rispetto delle norme e, nella fattispecie, del capitolato d’appalto, può portare i benefici che ad essa sottendono. Partiamo, innanzitutto, segnalando che non è stato istituito l’ecocentro, anello fondamentale del progetto di raccolta dei rifiuti. Ci chiediamo come possa essere fatta un’adeguata “seconda cernita” (o stoccaggio) dei rifiuti, se non esiste il luogo per effettuarla ? Intanto, a causa di uno scarso senso civico e al lassismo di determinati settori dell’amministrazione pubblica, riscontriamo un aumento esponenziale delle cosiddette “discariche abusive”, che costellano le zone rurali del nostro comune, soprattutto i terreni privi di recinzione. C’è sembrato doveroso, con queste foto, mostrarvi la singolare situazione del terreno adiacente la discarica ubicata sulla “ strada comunale vecchia di Lecce”. E’ piena di rifiuti della lavorazione edile, materassi e, finanche, di resti del materiale pirotecnico utilizzato per le ricorrenze locali. E’ mai possibile che nessuno degli addetti ai lavori si sia mai accorto di quella situazione, che gli sbatte ogni giorno sul muso, di degrado che circonda quella che dovrebbe essere la discarica comunale, o qualcosa di simile? Non è, a questo punto, necessaria una recinzione di questo terreno per evitare che si trasformi in una discarica permanente ? E mai possibile, ci chiediamo, che, senso civico a parte, i cittadini ritengano-oltretutto-più conveniente portare, in proprio, materiale ingombrante, anzichè far passare da casa gli addetti? Infine, dopo la collina che Berlusconi ha elevato artificialmente in una delle sue ville in Sardegna, anche a Martano è sorta, improvvisamente, un’ “altura”, già denominata “La Specchia delle lavatrici”, all’interno della suddetta discarica. Ma, per la gioia di cittadini e turisti supera abbondantemente i muri di cinta, in modo da poter essere ammirata e fotografata. Ma vi rendete conto...Ci chiediamo ancora, per quantaltro tempo questi rifiuti sosteranno lì? Non dovrebbe essere solo un deposito provvisorio? Ma, soprattutto, perché non ascoltate le segnalazioni dei cittadini ?!? F.T. e M.T.F.lliPERROTTA IMPRESA EDILE COSTRUZIONI E RESTAURIVia San Giorgio, 15 - MARTANO (Le) - Tel. 0836 575132Cell. 333 2233341 - 333 4373861E-mail: flliperrottasnc@libero.it 5
  • 6. IENA RIDENS PAG. 6 La notizia è una non notizia, probabilmente. Cesare Caracuta è stato soggiogato dalla bellezza di Gabriella De Luca, nel corso di una giornata che, definirla invernale, è già un eufemismo. E’ piovuto sempre. Le signore che avevano atteso l’appuntamento per sfoggiare le proprie abbondanze nude, e ce n’erano, agli sguardi vogliosi della pubblica piazza, che- peraltro- le attendeva, si sono dovute accontentare di farlo all’interno del locale del rinfresco( anche lui). Non si è fatto mancare nulla l’ex baldo giovanotto, più noto alle cronache parrocchiali come “ Presidente dell’Azione Cattolica”. A volte, se ci è permesso, ha esagerato. Procediamo con ordine. Ore 11. Cesare attende ( impaziente?) che arrivi Gabriella. E già, il tempo imperversa. Pensieri cupi attraversano la sua mente: “che fa, ci ripensa? Se tarda ancora me la svigno”. Poi l’arrivo, poi l’ingresso in chiesa, accompagnato dalla solita musica trionfale( La Svizzera- La Svizzera). Ormai non si scappa più. Otto, dico, otto preti( se è francu ungime tutto, recita l’antico adagio) celebrano la messa. Una persona normale, solo quando muore, capita- a volte- che siano tre i sacerdoti impegnati. Invece, per Cesare, otto, e da vivo. Altri quattro sarebbero stati pronti a sostituirli in caso di cedimento nel corso della cerimonia. E’ vero, li abbiamo contati dopo al ristorante. Un rito durato 2.503 ore: la vendetta. Molti degli amici “ laici”( altro che eufemismo), hanno pensato proprio a questa. Però, con dignità, hanno sofferto senza foto Silvestri Martano foto Silvestri Martano alcun cenno di cedimento. Alle 1.000 ore di celebrazione, dopo che don Cesare siera speso nelle elegie a Cesarino (per non fare confusione fra i due) per 63 minuti, la bambina delle fedi che era stata portata proprio per offrirle aglisposi, si rifiuta di farlo. “ Vaff…, portatevele da soli”, pare abbia sussurrato, esasperata dal prolungarsi della funzione, e si siede. Cesare( il nostro), sorridea denti stretti, ma la situazione non consente arrabbiature né toni di voce elevati, si alza dall’inginocchiatoio e se le va a prendere. Il gesto di stizza èstato represso, ma non è sfuggito ai più. Grazie alla presenza dello stuolo dei preti amici( sono note come “ buone forchette”) anche gli ospiti nel ristoranteapprofittano dell’abbondanza. Come si diceva, non si è fatto mancare niente. L’”irresponsabile”(come chiamare altrimenti, uno che – con determinazione-inguaia una figlia di famiglia?), in un momento di esaltazione canora ha tentato anche di cantare il Te Deum. Ha finito, più umanamente, per stonareuna serie di canzoni del malcapitato Renato Zero, di cui, pare sia noto fan. Non è mancato, in questo caso, l’appoggio del compare, Paolo Perrotta (meiula mannara). La gente ha battuto le mani espressione della pietà umana. E’ seguita l’abboffata di dolci. Per gli invitati è stata l’auspicata fine di unagiornata faticosissima. Il bello, però, per il Cesarino, doveva ancora venire: la sera, ragazzi, la sera. Abbiamo tentato di sapere: non abbiamo saputo.Noi auguriamo alla cara Gabriella di aver sentito, almeno lei. Perché i vicini di casa non hanno registrato né un urlo, né un mugugno, né un ah. Noi siamocerti che l’avranno fatto. Ma, come si farebbe( non siamo esperti) in casi di questo genere: in religioso silenzio. Auguri. Auguri. Auguri e figli…Un certificato per un voto. Ma portato a casa. Ma l’Assunta si arrabbia. paesana, lo aveva redarguito, “c…ma non capisci che pe na cazzata de stuGiochi mentali per truccare le carte genere. Perché non ti andava di aspettare cinque minuti, lu sindaco, poiL’Assunta era proprio “incazzata”, per dirla alla paesana. Per quanto il vene e te cerca lu votu?”. Il “ semplicione”, sorride ed aggiunge” spero chemarito, invece, era felice come una pasqua. Di ritorno dal municipio per quando verrà a portarlo nu lu aggredisci cusì”. “ Ah, percè vene puru cuordinare un stato di famiglia era incappato nelle ire della moglie. Cosa era te lu porta a casa?”, si infuria ancora più l’Assunta. A noi ha fatto ridereaccaduto di tanto grave. Il buon Antonio non riusciva a capacitarsene. Non l’episodio. Anche perché, se così fosse veramente( non vogliamo credere),si sarebbe mai aspettato tale reazione di fronte, peraltro, alla gentilezza del allora vuol dire che da almeno un anno la giunta è in campagna elettorale.sindaco Pasquale Conte di portargli personalmente il certificato a casa. E l’assessore Cesarino, allora, che porta le lettere tutti i giorni, sarebbe inLa consorte- certamente più navigata, almeno sotto l’aspetto della politica campagna elettorale da sempre. Già! Se no…chi ca…l’avrebbe votato. INDICE DI GRADIMENTONegli ultimi dieci anni negli Stati Uniti è stato adottato, dalla pubblica media degli americani pari a m. 1,70.amministrazione, un sistema denominato "Classifying selector" che ha E´ facilmente comprensibile come il valore del fattore "L"(selettorepermesso ai cittadini di misurare l´indice di gradimento naturale) restringe il numero di amministratori locali cui è applicabile la(I G), per gli amministratori della cosa pubblica. formula.Questo metodo nasceva dall´esigenza di individuare, in un´amministrazione Da ciò se ne deduce un vantaggio per gli attuali amministratori di maggioranzain cui tutti gli assessori e/o consiglieri si erano distinti per la risoluzione che, senza ricorrere alle primarie, potrebbero operare la scelta del prossimodei problemi teoricamente irrisolvibili, colui che impiegando le minime candidato sindaco utilizzando la semplice equazione americana.risorse mentali avesse centrato l´obiettivo. Certamente, a Martano, il "Classifying selector" non può non tenere contoAllo scadere dei quattro anni, nella nostra Martano ridente, rigogliosa e di alcune variabili incognite quali le prestazioni generose del primo cittadinosoddisfatta città della Grecìa Salentina, risulterebbe difficile individuare elargite ai secondi, terzi, quarti.....e.... .....ultimi cittadini, che vanno dall´amministratore più efficiente senza ricorrere alla formula del "Classifying disbrigo di una pratica di pensione alla prenotazione di una visita medica,selector". fino ad arrivare al rilascio di certificati di sana e robusta fede politica.Essa è di facile applicazione ed è così impostata: ( I G = L x N ). Altro che sportello unico!!!.Dove: Uomo Unico con la sportella unica.I = Indice;G = Gradimento; Quando si è allevati e svezzati bene da VecchiaL = Lunghezza (altezza dell´amministratore); Mamma D.C., si è baciati dalla Fortuna!!!!!!!!!!!N = Niente (fattore neutro di risorsa). (formula universale).La formula, purtroppo, è valida solo per L >= 1,70 m. essendo la statura Prov.le Martano - Soleto Km 1,500 - 73025 Martano (Le) Italy tel. 0836.571416 - fax 0836.572388 www.sprech.com - info@sprech.com 6
  • 7. PAG. 7 Speciale Sport Divorzio alla martanese! Licenziato Colagiorgio. La panchina va a Cesare CatalanoE’ cosi che, ironicamente, definiamo la fine del Colagiorgio di sedere al più presto su una nuova scorso anno. Anche se qualche innesto di esperienzarapporto tra Mister Colagiorgio e il Martano Calcio. panchina, per continuare a dimostrare tutto il suo potrebbe contribuire a far maturare la squadra,Non ci sono chiare le motivazioni che hanno portato valore. Intanto, la società muove i primi passi per qualità mancante e determinante nello scorsoa questa rottura, ma di una cosa siamo convinti: il affrontare al meglio il prossimo campionato. campionato per chiudere le partite, fattore che, aMister ha saputo guidare egregiamente la squadra Il primo tassello è proprio il nuovo allenatore: parer nostro, ha causato qualche problema in più.verso obiettivi che solo per un soffio non sono Cesare Catalano, di Soleto. Per quanto riguarda Per ora, non ci resta che augurare al nuovo misterstati raggiunti. E’ stata una stagione in cui il Martano l’allestimento della squadra, pare che il binario buon lavoro per la preparazione del prossimoha saputo esprimere bel gioco, facendo riscoprire scelto dai dirigenti martanesi sia quello della campionato che il Martano disputerà ancora inai martanesi la loro squadra. Auguriamo a Luigi riconferma di buona parte dell’organico dello Prima Categoria. F.T. e M.T. Gallipoli…stiamo arrivando !Il settore giovanile del Martano Calcio, dopo gli ottimi risultati raggiunti società e una prospettiva per tanti ragazzi. I dirigenti della squadra jonicaquest’anno, ha suscitato interesse e curiosità tra gli osservatori e i talent hanno puntato gli occhi su due giovanissimi martanesi, entrambi nati nelscout al servizio di club professionistici Infatti, il Gallipoli Calcio, dopo la 1990, che con la maglia gialloblè hanno disputato il campionato nellastorica promozione in C-1, e con, all’orizzonte, traguardi sempre più categoria Allievi. Si tratta di Davide Antonaci e Roberto Galiotta,ambiziosi, ha deciso di investire potenziando il suo vivaio, che con cura e rispettivamente attaccante e centrocampista.lungimiranza può diventare una risorsa fondamentale per tante piccole Facciamo loro un grandissimo in bocca al lupo… !!! Forza Ragazzi!!! F.T. e M.T.Il rinato calcio di MARTANO chiude il suo primo anno di attività Le considerazioni del presidente, Domenico Scordari Concluso il campionato, disputata l’ultima partita di chiare, e pensiamo di aver ridato a Martano la giusta visibilià da un punto coppa, ora il calcio va in ferie. Il rompete le righe è di vista sportivo, anche se tanto resta da fare. La nostra é una società sana, giunto dopo un anno che ha riservato tante determinata, decisa a raggiungere obiettivi di crescita, sia nel settore soddisfazioni. Si, perché per il presidente, Domenico giovanile che nella prima squadra. Scordari, al termine di un entusiasmante campionato, D. Di negativo? c’è tanta soddisfazione per un meritato secondo posto. R. Quando si crede fortemente in quello che si fa, vedere il negativo è molto Di tutto questo e di altro parla il presidente, anche a difficile. nome di un gruppo dirigenziale che ormai è una “ Ancor di più quando si condivide un impegno così grande con delle persone realtà splendida”. splendide come Giuseppe & Corrado Chiriatti, Antonio & Luigi Nocera,Luigi D. Presidente, allora, nessun rimpianto? Perrotta, Francesco Galiotta,Paolo Perrotta,Pasquale Rescio e ConsiglioR. Nessuno. Semmai qualche motivo di riflessione. Palano. Senza dimenticare l’importante aiuto ricevuto da tanti preziosiD. A cosa si riferisce? collaboratori , grazie ai quali sia nel campo che fuori abbiamo potutoR. Abbiamo impostato la nostra attività con l’idea di dare segnali positivi raggiungere tanti brillanti risultati.ai ragazzi, valori di vita. Sin dalle prime battute ad Agosto, abbiamo sempre D. Corrono voci che alcuni ragazzi della Scuola Calcio Martano sianochiesto a tutti di essere sempre corretti,sportivi, e soprattutto di divertirsi passati al Gallipoli. E’vera la notizia?giocando a calcio. Perché alla fine , questo è il calcio,puro divertimento. R. Si è vera. Siamo felici che qualche nostro ragazzo cominci a spiccareE probabilmente fino a quando c’è stato il divertimento , la ns. squadra ha il volo. E’ uno degli obiettivi più importanti che ci siamo proposti. Laespresso in assoluto un gran bel calcio, spesso anche di categoria superiore. società gallipolina ci ha chiesto inoltre una stretta collaborazione a livelloD. Cosa è accaduto nel girone di ritorno alla squadra? di scuola calcio che non può che inorgoglirci.. Quest’anno la Scuola CalcioR. Nel girone di ritorno , probabilmente la tensione ha avuto la meglio sul Martano, ha visto oltre 170 ragazzi iscritti, dai 5 ai 15 anni, oltre a 20divertimento e qualche defaillance si è registrata. Ma va bene così. ragazzi del gruppo degli Allievi.Tutti hanno ottenuto dei brillanti risultatiNon dobbiamo dimenticare che la ns. squadra era probabilmente la più nelle diverse categorie . E’ sempre più forte la ns. volontà di far cresceregiovane del campionato, e quello che abbiamo portato a casa è un ottimo una Scuola Calcio ed una prima squadra che diventino un punto di riferimento,risultato: secondo posto in campionato e finale di coppa. Per essere una sia educativo che sportivo, per i giovani di Martano e dei paesi vicini. ESocietà al primo anno di attività non è poco. questi risultati non possono che incoraggiarci a continuare nel nostroD. Però vincere la finale di coppa avrebbe potuto costituire la giusta impegno. Peraltro la proposta del Gallipoli Calcio , è molto seria, quindiricompensa ad una bella stagione. Cosa è accaduto in quella partita? a partire dal prossimo anno di Scuola Calcio inseriremo tantissime novitàR. Un poco è mancata la cattiveria necessaria, ma è mancato anche un interessanti.pizzico di fortuna. In diverse occasioni abbiamo avuto la possibiltà di D. La cerimonia dell’altra sera con don Cesare è stata molto partecipata.chiudere la partita. Purtroppo la squadra avversaria è riuscita a centrare il R. Si, è stata una festa a conclusione di un bellissimo anno di Sport apareggio che ci ha portato ai rigori, a 10 secondi dalla fine. E li, purtroppo, Martano. E’ stata una serata dedicata a tutti i ragazzi della Scuola Calcioè una roulette. Ci è andata male. Ma va riconosciuto ai ragazzi l’impegno ed a tutti genitori che ci hanno premiato con la loro fiducia. La loroprofuso. E’ stata una bellissima esperienza ed una grande partita la finale partecipazione è stata fortissima , ed attraverso un questionario abbiamodi Fasano,seguita da circa 150 tifosi che ringraziamo per il loro prezioso raccolto molti suggerimenti utili che utilizzeremo per migliorare la Scuolasostegno. Calcio il prossimo anno.Molti genitori ci hanno comunicato la loroD. Bruciante delusione, quindi? disponibilità a collaborare con noi per il prossimo anno, eR. No nessuna delusione, forse solo un gran dispiacere vedere tanta amarezza noi li ringraziamo tutti Una splendida festa coronata dai festeggiamenti insul volto dei ns.ragazzi.E quella loro tristezza è degna di tutto il ns. rispetto. onore dei cinquant’anni di sacerdozio di don Cesare ,che peraltro è unAd essere onesti avrebbero meritato la vittoria . Però il calcio è uno sport punto di riferimento storico per lo sport e per le famiglie a Martano..e tale deve rimanere in ogni caso. Rispettando gli avversari e non facendo D. Vuole lanciare un ultimo messaggio?un dramma per una sconfitta, anche se può sembrare immeritata. E’ lo sport. R. Credo che Sport e Famiglia possa essere il nostro slogan per il prossimoD. Cosa è rimasto di questa prima esperienza? anno. Quest’anno abbiamo visto molte famiglie avvicinarsi allo sport,siaR. E’ rimasto tanto. Innanzitutto si è risvegliato l’interesse per il calcio a al campo durante le partite, e gli allenamenti, che per la Scuola Calcio.Martano. Non era un obiettivo scontato in partenza. La società ha fatto Ed al di là dei gratificanti risultati ottenuti a livello sportivo, da un puntocorpo unico nelle decisioni importanti. Abbiamo dimostrato di avere le idee di vista sociale questo mi sembra il più bel successo. Fe.Du. 7
  • 8. PAG. 8 Speciale Sport Campioni di pattini a Martano La passione fa boom grazie alle performance di Giovanni Russo Non basta la sola passione. Ci vuole anche tanto sacrificio L’istruttore atletico, invece, è Franco D’Elia. Russo appartiene alla società per raggiungere obiettivi importanti. Coinvolgere in sportiva Pgs San Domenico Savio, di Lecce, condotta dal tecnico federale questi anche la famiglia che si mette a disposizione per Raffaella Leone. Nonostante la sua giovane età, il suo curriculum è già coronare il sogno del figlio. E’ il caso del “ nostro” pieno di importanti conquiste sia in campo nazionale che internazionale. giovane pattinatore artistico, Giovanni Russo, di- appena- Fra i più prestigiosi trofei aggiudicati figurano: il titolo italiano Aics, a diciassette anni. Senza tema di smentita, il migliore Misano Adriatico, nel 2004, nell’aprile dell’anno successivo, si aggiudica pattinatore pugliese. Uno dei migliori in campo nazionale. il trofeo internazionale, “Alexamar”, a Santander, in Spagna, particolarmente Si sta imponendo anche in quello internazionale. L’unico ambito. La stagione in corso si presenta particolarmente intensa. Dopo il in campo regionale a far parte della nazionale under 18. campionato italiano, lo attende Monza, dal 23 al 29 luglio, per il campionato Lo ha chiamato il responsabile della Fihp (Federazione europeo. In novembre( dall’1 al 4) si esibirà ad Issy Moulineaux ( in Francia,italiana hockey e pattinaggio), Antonio Merlo. E’, fra l’altro, il primo vicino Parigi) per la “ Coppa Europa”, per finire in Spagna dove spera dipugliese a varcare i cancelli della nazionale. Il ragazzo sta scrivendo, in partecipare al campionato mondiale. 3 al 29 dello stesso mese, passa asilenzio, la storia del pattinaggio in Puglia. Siamo a livelli altissimi, quindi. Monza per il campionato europeo. In novembre( dall’1 al 4) si esibirà adE’ di questi giorni, a conferma della qualità dell’atleta, il prestigioso secondo Issy Moulineaux ( in Francia, vicino Parigi) per la “ Coppa Europa”, perposto nei campionati nazionali. Chiaramente, questo fa parte di quegli sport, finire in Spagna dove spera di partecipare al campionato mondiale. Domenica-cosiddetti, minori. Cioè privi di qualsivoglia sostegno economico. Ovvero: però- Russo si esibirà a Lecce nel corso della manifestazione per la finese qualcuno ha la i mezzi e la volontà di impegnarsi, si arrangi. Così accade dell’anno agonistico. Ospiti d’onore, oltre a Giovanni Russo, ci sarà laa Giovane Russo. Oltre ad allenarsi per ¾ ore al giorno, lo deve fare a coppia campione del mondo della specialità, composta da Sara VenerucciLecce, presso il centro sportivo dei Salesiani, dove esiste una pista accettabile. e Matteo Guarini. Giovanni Russo ha iniziato tardi, per la disciplina, a noveInsieme a lui, come dicevamo, tutta la famiglia si sacrifica. A cominciare anni. Le difficoltà maggiori, comunque, sono costituite dalla mancanza didalla madre, Teresa Fuso, è stata lei a spingere il figlio verso questo sport, impianti. E’ l’”impotente” denuncia delle tecniche che” anche pagando”,per una passione propria che ha trasferito-poi- al figlio. Giovanni avrebbe dichiarano, “ non ce lo danno”. Per potersi allenare e partecipare a qualchefatto quello che fanno tutti i ragazzi della sua età: giocare al calcio. E ci ha stage, è costretto a raggiungere gli impianti di Monopoli o Giovinazzo, nelanche provato, con scarsi risultati. Poi, appunto, la mamma che lo spinge barese. Nonostante tutto, il ragazzo è seguito nel suo ietr di progressi daverso il pattinaggio artistico. Oggi si scopre un campione, poco conosciuto, tutto il mondo della specialità nazionale. Per questo rivolge i ringraziamenticertamente, ma con tanta determinazione di arrivare in alto. A prepararlo all’istruttrice nazionale, supervisore, Sara Locando, di Pescara.sono altre giovani e determinate allenatrici leccesi: Raffaella e Pina Leone. Fe.Du. Il voto delle elezioni politiche del 9 e 10 aprile Le valutazioni del segretario cittadino della “ Rosa nel Pugno- Sdi”, Luigi Moschettini.Nelle elezioni del 9 e 10 aprile i Socialisti ed i Siamo per superare il meccanismo medievale degli Le forze dell’area di centro-sinistra di MartanoRadicali, per la prima volta si sono presentati ordini professionali, che impediscono a tanti hanno ottenuto complessivamente gli stessiinsieme per qualcosa che è molto di più di una ragazzi di intraprendere una professione. risultati conseguiti nelle ultime elezioni regionali.semplice alleanza elettorale. Siamo per il “ reddito di cittadinanza”, cioè dare Pensiamo, però, che il 54% dei suffragi conseguitiIl progetto che la “Rosa nel Pugno” porta avanti un sostegno economico a chiunque sia senza in queste occasioni non debbano farci stareè la costruzione di una nuova identità tale da lavoro, diverso dalla cassa integrazione attuale tranquilli sull’esito delle elezioni amministrativepoter arricchire prima di tutto il centro-sinistra che garantisce solo una minoranza di lavoratori. locali del 2007.e poi contribuire alla costruzione del nuovo Peccato, veramente peccato che questi temi non La “ Rosa nel Pugno” auspica, pertanto, la ripresaPartito Democratico. abbiano ricevuto il giusto consenso dal corpo del dialogo fra le forze dell’Unione ed un rilancioNon si è trattato, pertanto, di una sommatoria elettorale. dell’azione politica.obbligata dalle circostanze elettorali, ma dalla Siamo però convinti che Prodi non potrà non Siamo perciò convinti che, nelle prossimenecessità di voler rilanciare la tradizione inserire nell’agenda di governo i temi da noi portati settimane, e comunque entro l’estate, debbariformatrice del nostro Paese, dando un contributo avanti. essere individuato il metodo da seguire per laessenziale per farlo uscire dalla grave situazione Onestamente, pensavamo che l’alleanza di centro- scelta della persona più adatta a ricoprire la caricadi crisi in cui si trova dopo cinque anni di governo sinistra ricevesse un maggior consenso elettorale, di candidato Sindaco, il programma per il rilanciodi centro-destra. per dare al nuovo la forza giusta per la realizzazione del paese, la squadra per la realizzazione di dettoNoi siamo per migliorare ed innovare il nostro del proprio programma; fidiamo però nel senso programma.sistema di istruzione: dare alla scuola pubblica di responsabilità di tutte le forze dell’Unione per Per quanto ci riguarda, ci impegneremo affinchéle giuste risorse, premettere alle nuove il raggiungimento degli obiettivi in esso fissati. l’Unione possa presentarsi unitagenerazioni di raggiungere la migliore formazione A livello cittadino la “ Rosa nel Pugno”ha all’appuntamento, superando personalismi epossibile. riconfermato le percentuali che solitamente gli tatticismi vari.Siamo per garantire un pieno riconoscimento dei ultimi appuntamenti elettorali avevano assegnatodiritti alle coppie di fatto. all’area laico-socialista. “ La Rosa nel Pugno-sez. S. Pertini-Martano. La New Medical Network ricerca persone di successo per creare una partnership commerciale per la promozione e distribuzione dei propri prodotti (Casalinghi, Benessere e Salute), di alta qualità ed a basso costo, al cliente finale tramite la vendita diretta. L’inserimento di nuove unità non prevede alcun impegno economico da parte del nuovo consulente. Per tutti coloro che si apprestano a formare una squadra di lavoro, offriamo corsi professionali quali: corso vendite; corso vendite avanzato; leadership base; direttore vendite. Con un impegno minimo di 3 ore giornaliere, si possono raggiungere guadagni che superano € 1.000,00 mensili. Il nostro motto è VIVERE PER LAVORARE e non LAVORARE PER VIVERE!!! NEW MEDICAL NETWORK ha inaugurato lo scorso 5 aprile la propria Filiale a Martano, in Via Verdi n° 106, dove gli interessati possono chiedere informazioni sulle possibilità di lavorare presso questa azienda. 8
  • 9. PAG. 9 Produzioni cinematografiche "Zero project" gira a Martano Nei giorni scorsi sono state effettuate a Martano le riprese del video musicale della canzone “Madri” degli Abash. Il brano fa parte del nuovo album del gruppo salentino, “Madri senza terra”, che uscirà a metà luglio, in tutta Italia, abbinato a “Il Manifesto”. La produzione esecutiva del videoclip è stata affidata a Zero Project, e la regia a Gianfranco Protopapa. Grande impressione ha suscitato, in particolare, una scena girata a Largo Santa Sofia, che ha visto la partecipazione di numerose comparse e una preparazione complessa. La produzione approfitta per ringraziare quanti hanno prestato la propria collaborazione, la ConfraternitaMisericordia, il Comune di Martano, il Comando di Polizia Municipale e la Cooperativa Concordia.Da diverso tempo Zero Project si occupa di produzioni esecutive e di supporto logistico ad altreproduzioni.Nei prossimi giorni sarà impegnata con le riprese del cortometraggio “Quasisia” diretto da GianniDe Blasi, e del cortometraggio “Caroll” di Valentino Curlante.Chiunque sia interessato a collaborare, può inviare i suoi dati all’indirizzo di posta elettronicaac_zeroproject@libero.it oppure chiamare il numero 329-3351641. PICCOLI IMPRENDITORI CRESCONOPresso L’I.I.S.S. “ Salvatore Trinchese” di Martano nel periodo Aprile- Russo Alberto (IV C ITC); FANTASY TOUR S.r.l., agenzia di viaggi, diGiugno si è svolto il corso “Cultura D’impresa” in collaborazione con Conte Chiara, De Vito Melania, Esposito Giorgio, Mariano Paola, Eleonoral’Ordine dei Dottori Commercialisti di Lecce, come avviene ormai da cinque Rinaldi e Sicuro Eleonora (IV C ITC); BAR COCCINELLA di Ireneanni. Cocciolo (IV C LS); R S DESIGN s.n.c. specializzata nella produzione eQuesto corso, tenuto dalla dott.ssa Antonella Tremolizzo, ha permesso ad vendita di mobili, di Rosato Antonio e Sprò Antonio (IV C LS); BLUEun gruppo di alunni dell’Istituto Tecnico Commerciale, del Liceo Scientifico DRY S.r.l., disco-pub di Montinaro Antonio, Maniglio Antonio, Ferillie del Istituto Professionale di addentrarsi nel mondo dell’impresa. Riccardo, Palma Marcello ((IV C ITC), disco pub di Greco Massimiliano,Noi ragazzi abbiamo simulato, di buon grado, le varie fasi della vita di Luperto Lucia, Marti Veronica, Patella Elena, Specchia Elisa (IV Bun’impresa: dalla nascita alla dichiarazione dei redditi, passando per la Professionale); VILLAGE, villaggio turistico di Murciano Angelica e Rosatocreazione dei business plain, delle strategie di marketing, potendoci cimentare, Cinzia (IV B ITC), AMORE E PASSIONE s.n.c., negozio di biancheriacosì, nelle situazioni che affronta quotidianamente un imprenditore. intima di Matteo Roberta e Scordari Eliana (IV C ITC).Sono nate, in tal modo, varie imprese simulate: CRAZY DREAMS S.p.A. A conclusione del corso sono stati invitati due imprenditori di Martano,specializzata in produzione e vendita di abbigliamento intimo, di Rizzo Consiglio Palano e Luigi Matteo, con i quali, dopo aver illustrato i nostriValerio, De Carlo Marco, Montinaro Paolo, Santoro Roberta, Sciurti Angelica progetti, abbiamo potuto discutere in merito alle loro idee di impresa.(IV D ITC); SALCREDIT S.p.a. specializzata nell’intermediazione C’è tra noi chi spera, al termine degli studi, di avviare l’attività simulata…finanziaria, di De Marianis Graziano, De Pascalis Pasquale, Nuzzo Danilo, Piccoli imprenditori crescono! GLI ALUNNI DEL CORSO CULTURA D’IMPRESA A.S. 2005/06 Più solidarietà, più giustizia.Su questo giornale si è spesso parlato di tanta farli entrare nel commercio, se gli Africani gravità del problema, soprattutto (lo ripeto) ai piùattualità e di tante vicende ma non è mai stato riuscissero a commerciare l’1% in più riceverebbero piccoli.toccato un tema che io ritengo di fondamentale cinque/sei volte quello che ricevono ogni anno in Ognuno può farle da sé le iniziative, ma per dareimportanza, l’Africa. aiuti esterni. un segnale forte è necessario unire le forze e farMio umilissimo intento è soprattutto quello di far Con il “semplice” aumento dell’1% del commercio capire a tutti che essere uniti per l’Africa è unacapire ai più piccoli di meche ci sono luoghi del nel continente entrerebbero circa 70/80 miliardi grande prova di maturità e responsabilità.pianeta in cui è difficile vivere addirittura un di dollari. Ovviamente ogni cosa ha i suoi tempi ma vorreisecondo. Aggiungo ancora qualche cifra: “Per ogni dollaro che ci fosse un’unica associazione che si occupasseIn Africa circa 700000 muoiono ogni giorno di speso in aiuto allo sviluppo 10 vengono destinati solo d’Africa cercando nel nostro piccolo di dareAIDS che sta falcidiando un’intera razza; non alle imprese militari”. un senso di giustizia a questo mondo facendoparliamo poi dei tanti debiti che si trovano a dover “In Darfur dal 2003 al 2006 sono stati 2 milioni presente a tutti che il diritto alla vita deve esserepagare questi poveri paesi perché anche dopo che circa gli sfollati”(Amnesty International). riconosciuto anche ai neri.il debito è stato parzialmente cancellato, altri stanno Tirando le somme cosa dire? In africa c’è gente Se invece di investire in guerre (vedi Iraq costataancora pagando alla Banca Mondiale più di quanto che vede l’alba ma non il tramonto, c’è gente che oltre a una perdita di numerose vite anche tantoinvestono in sanità e istruzione. non beve neanche un goccio d’acqua. denaro) si investisse in più aiuti per l’Africa nonGli Africani sono nella maggior parte dei casi presi Cosa fare? si risolverebbe certo il problema ma forse siin giro, sfruttati dalle grandi potenze internazionali; Occorre un atto di responsabilità da parte di tutti incomincerebbe a invertire la rotta.per farli uscire dalla crisi è necessario i paesi occidentali, occorre far capire a tutti la Davide Bufano inserto al numero dodici di Corte Grande
  • 10. PAG. 10 Perrino Lucia: 98 anni ma non li dimostra Perrino Lucia nasce a Martano, il 22 maggio 1908. Il padre le morì la costringe su una sedia a rotelle. Ma la sua mente è lucida e pronta in guerra che lei aveva sette anni. Le due guerre mondiali le ricorda e trascorre intere giornate a ripetere poesie e filastrocche, che le bene. I tempi non erano certo dei migliori. Comincia a lavorare da ricordano i bei tempi andati. Nel 2005 le è stata assegnata una bambina, a servizio di diverse famiglie. Poi un matrimonio da cui targhetta come cittadina più anziana. Attende ora i 100 anni per una nacquero ben sei figli. Quarantanni di lavoro in fabbrica, ogni seconda riconoscenza. Un augurio da Corte Grande perchè li giorno, come tante sue concittadine. Una delle figlie fa presente che raggiunga. non è, dunque, il lavoro ad uccidere luomo. Ora losteoporosi Maristella Chiriatti Associazione "Don Bosco": un impegno costante verso i giovaniL´Associazione "Don Bosco" da diversi anni garantisce la sua presenza a Martano, una presenza costante, attiva, che rende l´associazione punto diincontro di ragazzi e ragazze di ogni età. Tra i numerosi animatori ed educatori impegnati nelle attività ludico- formative e il folto gruppo di bambini eragazzi di età varia le iniziative sono costanti. Il presidente dell´associazione, Paolo Surdo, è stato disponibile a rispondere ad alcune domande.D. Qual è l´obiettivo primario che l´associazione si pone? quella sportiva, promossa dalla P.G.S., "polisportiva giovanile salesiana",R. Innanzitutto garantire la presenza, in un paese come Martano, di un che permette lo svolgimento di un torneo, sia di pallavolo che di calcio.luogo di incontro tra ragazzi di età varia, che insieme hanno modo di crescere Quest´anno è stata anche istituita una nuova categoria, nella quale rientravanoe sviluppare attitudini alla socievolezza e all´interscambio, e poi preservare i bambini delle scuole elementari.temi fondamentali come l´amicizia e la collaborazione, per cui sono D. Pensa che l´Associazione possa costituire, effettivamente, una realtàcostantemente impegnati i nostri animatori/ educatori. importante nel paese?D. Quali sono i prossimi obiettivi che l´Associazione si propone? R. Penso che un punto di incontro giovanile sia imprescindibile, soprattuttoR. Intanto, imminenti, il "Torneo di S. Vito", con delle quadrangolari di in una realtà quale Martano. I giovani hanno bisogno di punti di incontrocalcio e pallavolo, e poi, a seguire, l´ "Estate Ragazzi" che, come ogni anno, e l´Associazione Don Bosco ne costituisce uno. E poi un luogo dove ciprevede un mese intero dedicato ad attività ludiche e laboratori formativi. sono giovani che, in vesti diverse, si mostrano disposti alla crescita e alloQuest´anno sarà anche svolta una commedia, in data da stabilire e in agosto scambio ha sempre il dovere di essere tutelato.il campo- scuola per gli animatori, a conclusione della loro attività nell´ambito L´attività estiva dell´Associazione sta per iniziare. Sperando che l´interessedell´ "estate Ragazzi" e in attesa della ripresa delle attività invernali cittadino e giovanile sia garantito e costante, auguriamo a tutti i ragazzidell´oratorio. Va, oltretutto, ricordata l´attività invernale dell´oratorio e impegnati in attività sociali di questo genere buon lavoro. Maristella Chiriatti MARTANO BILANCIO DI UNA AMMINISTRAZIONE DI CENTRO-DESTRA DALL’OSSERVATORIO DI MINORANZAQuattro anni sulle spalle e uno ancora da un netto incremento finalizzato allo stimolo varie di Assessori e Vicesindaco, presa di distanzepercorrere; questi i tempi dell’Amministrazione dell’educazione allo sport mediante cooperazioni di partiti politici e consiglieri) avrebbero causatoComunale di Centro-Destra al governo della città con le strutture formative e con le associazioni ulteriori ed irreparabili danni se non ci fosse statadi Martano, guidata dal Sindaco Pasquale Conte. presenti sul territorio. Lo sviluppo del settore la vigile attenzione del Gruppo di minoranzaPer un’analisi attenta e puntuale della situazione commerciale era così sintetizzato:” la rivalutazione fortemente preoccupato delle ricadute negativepolitico – amministrativa della Città è obbligatorio “di alcune parti della città “oggi di fatto per la Città. Gli esempi di incisività sono numerosiil riferimento al programma di governo, con il abbandonate, pensiamo al centro storico” e valgano per tutti: la convocazione del Consiglioquale la coalizione di Centro-Destra ha ottenuto, riconsegnandole ad una frequentazione giornaliera Comunale per l’approvazione del Nuovo Pianoseppur di misura, la fiducia dei cittadini Martanesi. che le rivitalizzi, magari destinandole alla Regolatore Generale, la denuncia e conseguenteI punti programmatici si sviluppavano attraverso commercializzazione dei prodotti locali, correzione degli errori di calcolo degli indici dila valorizzazione territoriale della città e inserendoli fra gli spazi fruibili anche dal flusso fabbricabilità territoriale, gli interventi e lecomprendevano argomenti corrispondenti turistico”. Per il mercato Agorà era prevista segnalazioni per la sistemazione della viabilitàall’assetto assessorile dell’Amministrazione. addirittura l’istituzione di un “Ente Fieristico”. cittadina, la correzione di alcuni errori e il ritiroLa valorizzazione dell’isola “Grika” avrebbe Il programma di governo, nel settore dedicato alla di delibere che compromettevano la realizzazionedovuto costituire l’obiettivo primario del famiglia prevedeva,tra l’altro, l’impegno a reperire della fognatura nera, la richiesta di attivazioneprogramma amministrativo, da tradursi in obiettivi operatori pubblici e privati che contribuissero alla immediata della procedura di approvazione delconcreti quali il” Museo della Grecia Salentina e realizzazione di strutture ricettive finalizzate allo Piano per l’Edilizia Economica e Popolare, lala Biblioteca della Cultura e tradizioni Grike”, scopo”. L’organizzazione del personale avrebbe bocciatura di Piani Territoriali che avrebberoinsieme alla qualificazione del territorio mediante visto la rielaborazione della pianta organica in compromesso l’assetto urbanistico cittadino.la realizzazione di “piste ciclabili, percorsi guidati una Casa Comunale completamente ristrutturata. Dal bilancio come sopra tracciato deriva lae varie linee di collegamento tra i Comuni della Il capitolo dedicato alla cultura, infine, prevedeva paradossale, ma reale, conclusione che lo stimoloGrecìa”. Lo sviluppo dell’economia martanese la “realizzazione di un centro culturale e l’impegno del gruppo di minoranza ha pungolatosarebbe avvenuto, nelle intenzioni degli attuali polifunzionale, postazioni internet gratuite, l’amministrazione perché quel poco che la stessaamministratori, attraverso “l’incentivazione del realizzazione di un moderno centro polifunzionale ha realizzato corrispondesse di fatto ad una partesistema artigianale mediante la “riattivazione degli e, per concludere, “un progetto organico per del programma del gruppo di minoranza rispettoantichi laboratori” e l’incremento della agricoltura l’educazione alla democrazia”. Dell’azzardato alle faraoniche previsioni del programma dicon la tutela della produzione totale agricola e faraonico programma elettorale, sommariamente maggioranza.mediante un sistema di tipizzazione dei prodotti riassunto, l’amministrazione Conte ha, a tutt’oggi, Se a ciò si aggiungono considerevoli sprechi dicon particolare attenzione alle attività connesse portato a compimento soltanto una minima parte, risorse, più volte denunciati anche con pubblicidi trasformazione e commercializzazione”. alla cui realizzazione il Gruppo di minoranza manifesti, il cui impiego alternativo avrebbeLa tutela ambientale avrebbe dovuto, tra l’altro, “Centro-Sinistra Unito per Martano”, composito, costituito un valido contributo alla penuria ormaicomportare la chiusura di tutte le discariche abusive coeso e con il contributo di precedenti esperienze storica di trasferimenti statali, il quadroe i siti di deturpamento del territorio con amministrative, per dar fede agli impegni assunti complessivo della compagine di Governo diconseguenti opere di bonifica raccordate e con pubblico comizio all’inizio del mandato e non Centro-destra risulta piuttosto deludente rispettofunzionali. Il programma di pianificazione deludere le aspettative dei propri elettori (quasi alle aspettative dei cittadini che, oltre a votare gliurbanistica privilegiava il centro storico il cui la metà del totale) ritiene di aver contribuito uomini, hanno posto piena fiducia nella possibilitàPiano Particolareggiato doveva essere il punto di fattivamente, a volte stimolando la maggioranza che questi ultimi attuassero in buona parte quantopartenza per la sua rivalutazione e il cui “nucleo e a volte correggendo decisamente i suoi “errori”, promesso con le linee programmatiche.antico era visto come luogo di “incontro culturale tempestivamente scoperti, per evitare chee storico della comunità, memoria materiale e portassero a danni irreparabili e compromettessero Donato Saracino“spirituale dell’identità cittadina”. la realizzazione delle relative opere pubbliche. Capogruppo ConsiliareLe attività sportive avrebbero dovuto registrare D’altra parte, gli incidenti di percorso (dimissioni “CENTRO-SINISTRA UNITO PER MARTANO” inserto al numero dodici di Corte Grande