Corte Grande N° 1 - Giugno 2005

359 views

Published on

Published in: News & Politics
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
359
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
53
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Corte Grande N° 1 - Giugno 2005

  1. 1. corte grandePERIODICO DI INFORMAZIONE MARTANESE ANNO I° - N. 1 – DISTRIBUZIONE GRATUITA Il giornale si chiamerà “Corte grande”. Per quanto IN QUESTO NUMERO semplice nei termini, la comunicazione di Salvatore Caracuta, diviene perentoria nel tono, tanto che - Discariche Abusive di Giuseppe Castrignanò riduce allo zero lo spazio di discussione. Sarà una - Politiche per linfanzia di Salvatore Caracuta seconda mamma, ho pensato. Comunque qualcosa - Quel "Comune" senso di... distacco di molto vicino ai suoi più profondi sentimenti. Mi di Francesca Sofia Stella viene da ridere ma mi trattengo. L’arcano, mica poi - Lavoro-Lavoro tanto, si libera dei suoi panni segreti per spiegare di Valentina Calò, Fabio Tarantino, Marco Termo che la “ Corte grande”è una delle eredità comuni a - Iena Ridens foto Silvestri Martano tutti i martanesi che costituisce una parte importante - Può l’agricoltura andar bene se l’economiadell’identità del paese, il senso dell’appartenenza. Erano abitazioni che si affacciavano su un cortile va male? di Paolo Saracinocomune. Hanno vissuto anni di completo abbandono. Ora, qualche lungimirante si sta adoperando - Nuova zona artigianale di Giancarlo De Santisper recuperarle. All’interno, le vecchie catapecchie stanno divenendo delle camere accoglienti e - Un anno di calcio di Agostino Castrignanòconfortanti. Ma i muri esterni portano incisi i segni della storia. Icone, come piazza Assunta e lasua festa. Come la “Candelora”, come quel pizzico di pazzia, “ o fiuro att’is’paccia ene s’Martana”(il fiore della pazzia è a Martano), ricordava lo studioso grico: costituiscono l’orgoglio e l’identitàdel popolo. Insomma uno di quei posti che costituiscono l’eredità e le radici dei martanesi , aricordo della loro storia. Era il posto in cui scorreva la vita quotidiana di un gruppo di poverefamiglie. In questa, si gioiva e si soffriva insieme. Si attingeva acqua, elemento preziosissimo,all’epoca, dal pozzo comune. Si apprendevano e si davano le notizie. Si confidavano segreti. Siviveva di quella solidarietà quotidiana spicciola, fatta di scambi in natura: di pane, di sale, di olio.I ragazzi crescevano forti, protetti ed accompagnati da valori semplici ma importanti, per la vita.Appunto:la corte era la vita. Soprattutto, è il posto in cui vorremmo- idealmente- farvi entrare,come fosse una piazza aperta. Dove tutti i martanesi, da protagonisti, sono invitati a guardare loscorrere quotidiano. Senza segreti, senza paravento. Invitando i ragazzi a curiosare. Per capire di Proiezione dipiù delle cose che li riguardano. Per dire loro che ci sono tante cose belle e pulite, per cui vale lapena di vivere intensamente. Per quanto non c’è da illudersi, perché oggi - per loro- è dura,veramente. Per raccontare alla gente delle cose che sfuggono ai ritmi di una vita sempre più COME PRIMAvorticosa e distratta. Per togliere i muri dal palazzo di città. Per scoprire quante sedie, di grande un film di Mirko Locatelliod infimo potere, sono occupate e da chi. Per scoprire quanta gente è in piedi, da sempre. Per far Vincitore del premio paesaggi Umani 2004posto a chi non ne chiede, ma la merita. Per fare tutto questo serve quel pizzico di follia della qualesi è detto. INGRESSO GRATUITOMa per Martano vale la pena.Ormai il paese è riconosciuto per la centralità che riveste in numerosi servizi, importanti. Ed altri MARTANOancora saranno dislocati sul territorio, a breve. Confluiranno molti altri dai paesi che fanno parte Sala Parrocchia del Rosariodell’Unione dei comuni della Grecìa Salentina. Ospita, da quando è stato istituito, il Distretto VENERDI’ 24 GIUGNO ore 21.00socio-sanitario dell’Ausl. Gli Istituti superiori che vi insistono sono riconosciuti fra i più qualificati.Sono un fiore all’occhiello per il paese. (Parteciperà il regista Mirko LocatelliD’altro canto manca il lavoro. Quello che c’è, rientra e la co-autrice Giuditta Tarantelli)per gran parte fra il precariato diffuso. Martano soffre E’ CONSIGLIATA PRENOTAZIONEdi queste piaghe, oggi. Con il suo più importante AL NUMERO 333/1334233settore edile in affanno. La filosofia napoletanadell’arrangiarsi, trova applicazione in ogni espressionedi sopravvivenza. Noi, per quanto privi di armi difronte a questa piaga, faremo il nostro dovere diinformare, di diffondere eventuali buone notizie. Conpassione ed attenzione. Ma, e qui viene il difficile, foto Silvestri Martanovorremmo farlo con simpatia e con garbo. L’uscita di un giornale è, di suo, un piacevole, quanto con il patrocinio dellaimportante evento. Che comprende, oltre ad un impegno economico notevole, anche tanto lavoro, PROVINCIA DI LECCEsacrifici, idee. Mutuando la frase più celebre di Martin Luther King, anche noi avremmo un sogno Assessorato Politiche Sociali e Educativeambizioso da realizzare: aiutare il paese a crescere, nel miglior modo possibile. Stimolare i giovaniad interessarsi del loro futuro, avvicinandoli alla Politica. La scrivo con la maiuscola perché mipiacerebbe dimostrare che non tutto è marcio. Perché è difficile ma non impossibile volare alto.Perché se non ci fosse bisognerebbe inventarla. Ragazzi! E’ importante.Voglio ringraziare tutti coloro che hanno collaborato a questa prima uscita ed a coloro che ne hannofinanziato il progetto. Un abbraccio ed un ringraziamento di cuore, a tutti. Proviamoci. Ad maiora. VIA CATUMEREA, 30 MARTANO (LE) Fernando Durante. www.cinemaindipendente.it
  2. 2. CORTE GRANDE PORTA.2 Occhio di bue. Chiariamo subito l’obiettivo primario di questo nuovo progetto editoriale: DISCARICHE ABUSIVEcreare una rivista che si occupi in maniera specifica ed esclusiva, di Martano. Martano circondato da rifiuti: le foto Tra passato, presente e futuro che inesorabilmente si incrociano in unavitale ed eterna danza, ricca di storia, di storie, di persone, di eventi, proveremo Occuparsi dell’AMBIENTE ossia del luogo dove viviamo. Puòad utilizzare “Corte Grande” come un occhio di bue. Un occhio di bue puntatosu Martano, in grado di mettere a fuoco, luoghi, persone, fatti della nostra città. sembrare banale doverlo ribadire, ma spesso chi si prodiga In questo tentativo di puntare uno sguardo vivisezionante su Martano, per questa causa viene considerato come un pazzo che sici piace l’idea di avere i rioni come punto di riferimento. Quali e quanti sono i occupa di un luogo fittizio, quasi irreale.rioni di Martano? Quelli “riconosciuti” sono quattro: “L’Acquareddhe”, “Casermette”, Siamo coscienti che occorre un cambiamento culturale per“Costantino”, “Centro”. Sappiamo bene che questa suddivisione è soggetta a creare coscienze verdi e quindi ancora tempo, molto. Le difficoltàcontestazioni e possibili variazioni…..c’è chi dice “S. Lucia”, chi “Teofilo”, chi“Madonnella”, chi “la Persia”, chi “S.Vito”, c’è chi dice “167”, e un anziano parlava maggiori sono registrate proprio in chi dovrebbe realizzare il “di “Saria”… sogno”: mancanza di progetto. Purtroppo nel nostro paese, Sui rioni forse non c’è una definizione assoluta ma sicuramente esiste come in tante altre realtà, più che soluzioni ci si è limitati adun’ampia letteratura, tanti percorsi storici, culturali, urbanistici di cui Martano è urlare slogans. Ma con questi, i problemi restano. Ci auguriamoricca. Per questo dal prossimo numero di “Corte Grande” vorremmo che fosseroi rioni il fulcro del nostro giornale, nel raccontare Martano e i suoi umori, odori, che possa maturare l’idea che bisogna affrontare di petto larumori, sapori…che a volte sono dolci e riconcilianti, altre volte sono agrodolci, situazione. Occorre dire BASTA ed ricominciare ad indignarsi.altre volte ancora sono acidi o del tutto rancidi. Un livello di sdegno che, purtroppo, si è abbassato, tanto che- Questo numero invece è sicuramente imperfetto. È il nostro “Numero passano allegramente sotto gli occhi di tutti- situazioni che0”, che non abbiamo voluto testare su un campione ristretto di persone, ma cheabbiamo voluto condividere con tutti. Pubblicamente. invece dovrebbero immediatamente far scattare proteste,Ci sembrava giusto così. richiamo alla legge e al senso civico. Chi, delle Istituzioni, assiste passivamente allo scempio che si CORTE GRANDE sta consumando sotto i suoi occhi è il maggiore responsabile In corso di iscrizione al Tribunale di Lecce Sez. Stampa del disastro. Non ci vuole molto per notarlo. Una qualsiasi campagna diviene facilmente una discarica a cielo aperto, a DIRETTORE RESPONSABILE pochi passi da casa. Ci si chiede come si possa rimanere Fernando DURANTE insensibili. Perché non si utilizzano tutti gli strumenti legislativi che ci sono? Non basta- però- applicare misure punitive. Occorre REDAZIONE ovviamente avere un programma educativo, un indispensabile Salvatore Caracuta (coordinatore), Valentina Calò, Giancarlo De Santis, coordinamento da parte di tutti gli Enti, associazioni, singoli: Fabio Tarantino, Marco Termo un lavoro in RETE. Metodologia fondamentale per chi deve costituire un punto di riferimento costante. Iniziare una raccolta HANNO COLLABORATO: differenziata porta a porta senza unopportuna campagnaCesare Caracuta, Ippazio Coluccia, Franco Farì, Luigi Perrotta, Salvatore Zacheo, Enzo Cito informativa profonda e- soprattutto- non inserendola in progettoPaolo Saracino, Francesca Sofia Stella, Salvi Greco, Giuseppe Castrignanò, Agostino Castrignanò più organico, non crediamo possa avere risultati concreti. Ci vogliono anni per poterne ottenere, e più tempo passa più STAMPATO PRESSO: diviene complessa la risoluzione del problema. La sensibilità Grafiche Chiriatti – Martano (Le) ambientale non può essere relegata a piccole dichiarazioni, Per contattarci: redazionecortegrande@libero.it piccoli interventi, ci vogliono fatti e progetti concreti. Tel. 333/1334233 Giuseppe Castrignanò Circolo “Il Carrubo“ Legambiente Martano Lo scorso febbraio, a seguito della denuncia del Circolo Legambiente “Il Carrubo” di Martano, il Comando di Polizia Provinciale ha effettuato una verifica sul nostro territorio, presentando una situazione a dir poco drammatica (Prot. N. 323/PP del 16/02/2005). Ben diciannove siti risultano inquinati da rifiuti urbani non pericolosi, e speciali pericolosi e non pericolosi. Le località coinvolte sono: la vicinale Guidini, la vicinale Traglia, la vicinale Bosco, la vicinale Foderà, la vicinale Capasa, vicinale Persia, via Veccia Lecce e Via Vecchia Corigliano. Con un tono abbastanza perentorio, il Comando di Polizia Provinciale invitava il Comune di Martano ha intraprendere iniziative concrete per la bonifica dell’area. L’indicazione è stata ripresa dal locale circolo di Legambiente nella sua seconda conferenza annuale sull’ambiente. In quella circostanza, il Sindaco Pasquale Conte, pressato da più parti, ha comunicato l’intenzione di impegnare circa diecimila euro del bilancio comunale per la bonifica delle aree segnalate (S.C.). SYSTEM Via Castrignano, 106/A concessionaria IMPIANTI 73025 MARTANO (Lecce) ITALY 2000 s . r . l . Tel. e Fax 0836/572339 2
  3. 3. CORTE GRANDE PORTA.3 POLITICHE PER LINFANZIA Non è assolutamente facile parlare di “politiche dell’infanzia” senza rischiare di sembrare retorici o quanto meno stucchevoli e noiosi. Probabilmente perché sembra strano che la politica si occupi di queste cose, e si compie spesso l’errore di ritenere attenzioni verso l’universo infantile come semplice propaganda. Ma il buon amministratore, il buon governo, si confrontano ogni giorno con le problematiche che interessano il mondo dei nostri figli, e la risoluzione di esse non può certamente improvvisarsi né nascondersi dietro le note difficoltà di bilancio a cui sono sempre più costretti gli enti locali. Né tantomeno basta infilare dentro lo zaino degli ignari bambini un volantino pretenzioso e ipocrita che offende l’intelligenza dei genitori. Sono altre le cose che interessano le famiglie martanesi, che ancora si stanno chiedendo come sia possibile dover far fronte all’acquisto della carta igienica, dell’acqua e quest’anno anche di qualche fotocopia. Sono altre le tematiche da affrontare per rendere questo mondo, questa società, vivibile per una delle categorie più svantaggiate, i bambini appunto. Definire le politiche dell’infanzia assolutamente non è facile, questo bisogna ammetterlo. Come anche per le cosiddette “politiche giovanili”, il campo d’azione degli interventi politici ed amministrativi è talmente vasto da toccare ogni settore delle attività di un ente locale. Si entra nel campo dei servizi sociali, della cultura, foto Silvestri Martano del bilancio, dell’urbanistica, dell’edilizia scolastica, dei servizi a domanda individuale, dell’ambiente e del verde pubblico. Come è facilmente comprensibile, si tratta in particolare di una “sensibilità”, di una volontà immanente, di guidare Quel "Comune" senso di... distacco un’amministrazione, locale, provinciale, regionale e centrale, tenendo sempre Incredibile! Ufficio Relazioni con il pubblico: aperto. presente una fascia della nostra popolazione che ancora oggi viene dimenticata. Come l’Araba Fenice, che ci sia lo dicon tutti, dove sia nessun lo sa. Ma non bastano le buone intenzione, non bastano i proclami. Come sempre ci vogliono i fatti, ci vogliono scelte precise, azioni concrete. Il partito dei Democratici Il processo di decentramento amministrativo rappresenta un notevole passo avanti di Sinistra, in questi giorni, sta conducendo una campagna nazionale di raccolta nell’organizzazione e gestione dei rapporti tra i cittadini e le istituzioni, ma la sua firme per il riconoscimento di queste politiche, soprattutto attraverso la definizione utilità, seppure universalmente riconosciuta, sembra essersi smarrita nell’intricato degli asili nido non più come strutture esterne al percorso educativo, ma come primo labirinto delle ragioni politiche, burocratiche ed economiche. passo del viaggio che ogni italiano dovrà compiere attraverso l’istituzione scolastica, Nel nostro Paese questo aspetto appare particolarmente esasperato dalle condizioni certi che i bambini abbiano bisogno dei loro luoghi e dei loro spazi. Gli asili nidi in cui opera il sistema pubblico, il quale risente di alcune debolezze e lacune di non dovrebbero essere solo supporto alla coppia che lavora, ma parte integrante del natura economica, strutturale e politica, che compromettono in parte l’efficienza e settore scolastico. E pertanto non più a carico quasi esclusivo delle famiglie, ma il l’efficacia dell’azione amministrativa: ovvero il perseguimento della soddisfazione Pubblico deve sopperire a tali esigenze e necessità. Vi basti pensare all’esempio dell’Asilo Nido Comunale di Martano. Dal 1994 al 2002 il Comune contribuiva dei cittadini. La constatazione dell’esistenza di tali disfunzioni ha determinato la coprendo una percentuale delle spese a carico delle famiglie che iscrivevano i figli necessità di introdurre importanti interventi legislativi, con lo scopo di innovare all’asilo nido, in maniera proporzionale al reddito. Dal 2003, si è cambiata rotta, profondamente la pubblica amministrazione. Alle riforme di carattere strettamente escludendo la fascia di reddito più bassa, e diminuendo il contributo comunale. Vi organizzativo, che hanno segnato gli anni ’90, si è aggiunta quella modifica del Titolo porto il mio esempio personale per capire quali differenze ha provocato tale scelta. V della Costituzione che attribuisce un ruolo centrale ai Comuni, in virtù del loro Il canone mensile che pagavo nel 1999 per mandare il mio primo figlio al nido, in stretto legame con il territorio e la comunità di riferimento. Il Comune rappresenta, base al mio reddito, era di 120000 lire. Oggi, nonostante il mio reddito sia lo stesso, dunque, l’istituzione pubblica che, nell’ordinamento amministrativo, meglio è in grado per iscrivere la mia seconda figlia dovrei pagare 105 euro al mese. Praticamente il di interpretare e soddisfare le esigenze ed i bisogni locali. doppio! E purtroppo una cifra che incide notevolmente su un bilancio familiare. Tuttavia, tale rinnovamento, se da un lato costituisce un notevole e necessario Come me, purtroppo, la pensano molti altri, tant’è che la quota di iscritti dell’Asilo progresso dell’apparato pubblico, dall’altro non appare essere sufficiente per risolvere Nido Comunale di Martano è passata da circa 70 nel 2002 a poco più di una ventina la crisi nel rapporto tra cittadino e amministrazione. Lo “strappo” è, infatti, ancora nel 2003 e nel 2004, incidendo anche nella perdita di due unità lavorative della lontano dall’essere ricucito, poiché riguarda la mancata percezione, da parte del cooperativa che gestisce la struttura. E questo solo per il risparmio di pochissime cittadino, della funzione sociale di cui ogni ente pubblico è, per sua natura, investito. migliaia di euro? Oppure è anche questo un problema di sensibilità? E’ evidente La diffusa sensazione sulla “improduttività” delle risorse impiegate e spese dalla che ci ha fatto questa scelta non ne è assolutamente dotato. Pubblica Amministrazione contribuisce ad incrementare il malcontento derivante Prego gli attuali amministratori, e in particolare il sindaco, di evitare in dalla convinzione che tali risorse siano sottratte allo sviluppo delle imprese e delle futuro bollettini propagandistici negli zainetti dei nostri figli. Sarebbe meglio qualche famiglie. Il problema è certamente dovuto anche all’incapacità delle istituzioni, in fatto in più, anche noi dell’opposizione plaudiremmo. Vedo per esempio con piacere generale, di comunicare le scelte strategiche e politiche sottostanti all’uso delle che sono partiti i lavori di adeguamento della scuola “F. Galiotta”, progetto risorse ed i relativi risultati ottenuti. Un peso rilevante va altresì attribuito ad un dell’amministrazione precedente, e questo vale una soddisfazione e un commento disinteresse da parte dei cittadini che, se può apparire di facile comprensione per positivo. ciò che riguarda le cause che lo determinano, non è, tuttavia, giustificabile né Per mia natura, preferisco essere propositivo più che critico. E quindi, come auspicabile come atteggiamento nel quale perseverare. Il rischio è, infatti, di adagiarsi primo passo per il riconoscimento delle politiche dell’infanzia a Martano, ho da su posizioni di distacco (che, talvolta possono assumere il carattere dell’ostilità) e fare una proposta, che meglio formulerò in sede di approvazione di Bilancio “apatia”, che non possono che accrescere il divario tra amministratori e amministrati. Consuntivo. Propongo, infatti, di destinare alle attività infantili (in particolare asilo nido e ludoteca) le risorse derivanti dal canone di gestione del Parco Giochi Per fornire un esempio significativo del problema, nei comuni di piccole dimensioni, Comunale. Come tutti sapete, lo spazio è stato affidato interamente a privati, con come il nostro, il numero dei cittadini che si rivolgono all’Ufficio Relazioni con il la conseguenza di un risparmio gestionale e di un’entrata per le casse comunali. Pubblico, che pure è stato istituito, come evidenzia lo stesso sito del Comune di Penso che questa richiesta non rimarrà inascoltata, e che il sindaco dimostri davvero Martano, “ per avvicinare il comune ai cittadini” e costituire “una sede di dialogo tra di avere rispetto per le proposte della minoranza. Sarebbe un “fatto”, non una l’Amministrazione e la Città”, attraverso la possibilità di ottenere numerose informazioni “chiacchiera”. e consulenze su organi, servizi, regolamenti e atti, pagamenti, stato delle pratiche, Salvatore Caracuta richiesta e rilascio di certificati, semplificazione dei procedimenti amministrativi, è pressocchè nullo. Tanto da determinare la quasi totale inattività dell’ufficio. Ciò ostacola la possibilità di costruire con l’ Ente un rapporto di partecipazione diretta e di critica costruttiva, che si basi sulla conoscenza effettiva del funzionamento della macchina comunale. Affinchè la riforma ed il rinnovamento della pubblica amministrazione si compiano, producendo sul piano pratico gli effetti sperati e voluti, è necessario recuperare la dimensione civica dell’essere cittadino, con i diritti e doveri reali e morali che questo foto Silvestri Martano comporta. foto Silvestri Martano Francesca Sofia StellaCOSTRUZIONI E RESTAURI Impresa Edile F.lli PERROTTAs.n.c. di Perrotta Paolo & Pantaleo Via Persia, 17 Via San Giorgio, 15 - 73025 MARTANO (Le) MARTANO (Le) Tel. 0836 575505 CONSEGNA Cell. 333 2233341 333 4373861 TELEFONATA GRATUITA A DOMICILIO E-mail: flliperrottasnc@libero.it Numero Verde 800-33 33 46 3
  4. 4. CORTE GRANDE LAVORO - LAVORO PORTA.4 Il continuo discutersi e il continuo susseguirsi di politiche e governi, con la loro illusoria presa di coscienza di un problema tanto imminente e preoccupante , non è servito né a risolverlo, né a placarlo minimamente. Quella della disoccupazione è una dura piaga che affligge il Mezzogiorno, parallelamente all’emigrazione; è una realtà insita nella nostra storia e nella nostra terra, conseguenza e causa al tempo stesso di miseria e sottosviluppo. Che la mancanza di posti di lavoro sia frutto di contingenze storiche sfavorevoli, e di politiche sbagliate è un presupposto imprescindibile, così come sono testimoni di una condizione precaria e vacillante, treni sempre più affollati di giovani che partono alla ricerca di un’occupazione e di un futuro dignitoso; perché sono proprio i giovani a subirne maggiormente le conseguenze: in bilico tra precariato e lavoro nero, non hanno che da scegliere tra il male minore. Valentina Calò ...e a Martano? IL LAVORO CHE ….. AH!AH!AH!...CERCASI! ANNUNCI DI LAVORO…E NON SOLO Ormai, la laurea per i ragazzi è diventata come il Il lavoro che…. Oggi no … domani forse… ma matrimonio: anni e anni di fidanzamento, fatto di dopodomani sicuramente! Quest’estate? Faccio il precario… vacanze alle statini, libretti, bocciature, “salti d’appello”; qualche Il lavoro che…. Non lo trovi mai come vuoi tu! porte, occasioni di “lavoro” in arrivo! Il Salento, promozione, qualche litigio con i professori, qualche Il lavoro che….fai per due mesi il co.co.co. (collaboratore condannato alla corrosione)! terra di turismo e di divertimento, ma anche di “scazzo” con la segreteria. Il lavoro che…. cos’è? occupazione per le schiere di giovani che nelle Studiare, studiare, studiare e… ancora studiare. Il lavoro che…. Dalla padella alla brace (dal vassoio prossime settimane si riverseranno nei pub, sulle Questo è quello che dovrebbe fare un giovane di un pub al telefono di un call-center)! spiagge, nei ristoranti in cerca di sole, mare, “sfigato” nella media nel Sud. E’ l’unico modo per Il lavoro che….dopo aver studiato ma chi me lo ha spensieratezza. rinviare il più possibile l’ingresso nella spirale fatto fare! Per esempio, facendo il bagnino potrai abbronzarti, Il lavoro che….il diploma, la laurea, il master, la agghiacciante di problemi che il mondo del lavoro anche troppo, ed eliminare le tossine accumulate Madonna di Lourdes! rappresenta. Il lavoro che….a trent’anni è ancora casa dolce nel lungo e faticoso inverno. Già, proprio così, conviene continuare a fare esami, casa! magari ripeterli sette, otto volte, per allungare i Il lavoro che….non resta che San Precario…Pregare LA CARICA DEI PRECARI! tempi, perché quando arriva quel fatidico giorno, ragazzi, pregare! la laurea, in cui ognuno pensa di essere uscito da - Cerchiamo volontari con esperienza in contabilità un calvario, immagina che ora la sua vita potrebbe aziendale per lavoro debilitante, zona Maglie- LA COSTITUZIONE….DEI PRECARI solo migliorare perché, come dicono i nostri Galatina. Massima serietà, no perditempo. ART.1 - Società leader nel suo settore ricerca personale “vecchi” <<tene nu pezzu de carta>>, invece finisce L’Italia è una Repubblica delle banane, fondata sul per vendità prodotti telefonici. Si richiede una il sogno ed inizia la dura realtà. Perché non può precariato. più usare la scusa di dover studiare, non può più scarsa predisposizione ai diritti umani, assenza di ART.3 rapporti sociali, ottima propensione al caporalato, dire di trovarsi nella, non meglio identificata, E’ compito della Repubblica inserire ostacoli di max 30 anni, diplomato con il massimo dei voti. condizione mistica di “sotto esame”. Deve mettere ordine economico e sociale che rendano ancora più - Successo dei siti che simulano la realtà: dal mutuo da parte quel gran bagaglio di giustificazioni che “sfigati” i cittadini. da pagare senza fare tre lavori contemporaneamente ha accumulato negli anni e che, in tante occasioni, ART.4 al lavoro che ti piace…! lo hanno salvato da discorsi pesantissimi e impegni La Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto Il “futurologo”: presto il gioco sarà la regola, il logoranti e deve tuffarsi in quel mare pieno di pesci a digiunare e promuove la condizioni che rendano effettivo questo diritto. lavoro un optional! disoccupati che attendono vogliosi di abboccare ART. 35 alla prima opportunità eo presa in giro di qualche ESCLUSI E INCLUSI La Repubblica assicura ai lavoratori il precariato pescatore “esperto”. Silvia, 21anni, studentessa: “Ho creato il mio alter in tutti i modi e forme possibili.(vedi legge Treu e Perché, dal giorno dopo, le sue chiappe, che prima legge 30 del 2003) ego: Volevo una donna in carriera, invece lavora erano a terra, ora sono esattamente un metro sotto Prevede il massimo disinteresse per la formazione in un fast-food e ha sposato un ladro” (Messaggero e l’elevazione professionale dei lavoratori (vedi terra e si accorgerà di avere “ un pezzo di carta”, del 09052005). legge regionale sulla formazione professionale). uguale a quello di tanti altri, utile per tanti ed ART.36 Attenzione!!!!!!!! inimmaginabili scopi, forse anche per trovare lavoro! Il lavoratore, qualora presti la propria opera, ha Forza Italia cerca 1000 giovani in tutta Italia che MA COME SI FA diritto ad una retribuzione inversamente vadano nelle case a ripetere il verbo berlusconiano. proporzionale alla quantità e qualità del suo lavoro Lavoro umiliante, ma ben pagato! A NON ESSERE e in ogni caso sufficiente a garantire un esistenza marginale ed indegna. OTTIMISTI?!? Il lavoratore lavora tutti i giorno e si paga le ferie, a volta le fa, ma non è detto. a cura di ART.37 Fabio Tarantino La donna lavoratrice… ha diritti. (Che culo…) Marco Termo 4
  5. 5. CORTE GRANDE IENA RIDENS PORTA.5 UFFICIO DI COLLOCAMENTO Un giorno il Sindaco Pasquale Conte “Ci penso io. Parlerò con un mio “E tu”, chiede rivolto all’ultimo si trova di passaggio nell’Ufficio di amico”. Il secondo interviene: disoccupato, “a cosa aspiri?”. L’uomo Collocamento. Tre disoccupati fanno “Sindaco, mi aiuti. lo guarda, e, candidamente gli la coda allo sportello. In un momento Io vorrei fare l’impiegato!”. risponde: “Sinceramente, sindaco di magnanimità, chiede loro cosa “Benissimo” risponde ancora il primo io…non vorrei fare un cazzo!”. Un vorrebbero fare. Il primo: “vorrei cittadino, “ci penso io. attimo di imbarazzo. Poi:” mi arruolarmi in Aeronautica!”. Ti farò assumere subito!”. Il terzo dispiace, ma i posti di assessore sono “Benissimo” risponde il Sindaco. rimane in silenzio. tutti occupati”. CONFERENZA STAMPA L’Amministrazione Comunale convoca una conferenza vorrei dirvi è che stiamo facendo una cosa….” Il stampa. Una notizia bomba sta per essere lanciata a sindaco è costretto ad interrompersi. Tutti i giornalisti tutte le testate giornalistiche. Molti cronisti, curiosi, si alzano e si dirigono verso l’uscita. vi partecipano. Prende la parola il Sindaco. “Grazie, “Scusate…signori…dove andate? Ho appena signori per la partecipazione. Vi abbiamo convocato cominciato…”. “Mi scusi, sindaco, ma per noi è qui, presso il Comune, per annunciare una notizia sufficiente così!”. “Cosa?” si chiede il Sindaco. Il importantissima, per comunicarvi un’iniziativa giornalista si spiega: “Per noi è già uno scoop che determinante di questa amministrazione…quello che questa amministrazione stia facendo una cosa!!!” EDIZIONE STRAORDINARIA Il Quotidiano di Lecce uscirà domani a Martano in un’edizione straordinaria. La scelta è obbligata. Quello che doveva essere una articolo di un quarto di pagina, occupa circa sei pagine! Non può che essere pubblicato così questo atteso articolo, in cui saranno riportati tutti i nomi dei papabili candidati a sindaco del centrosinistra! Il consigliere comunale Donato Saracino, non essendo stato incluso in questo lunghissimo elenco, annuncia che farà “ricorso”, come d’abitudine! Un comitato spontaneo di cittadini martanesi annuncia che faranno ricorso loro se il nome di Donato Saracino dovesse comparire in quell’elenco. Intanto si raccolgono adesioni al comitato. Raccolte finora circa 3071 firme. Cè la flora. Cè la fauna. Arriva Er Cicoria, al secolo Rutelli Francesco. Il LO DICON TUTTI leader della Margherita ospite alla Sagra della Cecora resta. “ Basta, con il turismo religioso fai da Appena arrivato gli presentano sotto gli occhi un piatto di quella verdura!! te”, avrebbe urlato il presule otrantino, Amica del fegato e nemica dellUlivo: il bello guaglione sostiene di averne mons. Donato Negro. “ Da domenica ingoiato in grande quantità, pur di non farsi venire il mal di pancia. prossima partirà un pullman di fedeli diretti a Martignano per la messa di don Italiani in recessione: Renato Delos”. Gli orari saranno- Rutelli: "basta mangiare pane e cicorie" infatti di questi tempi, o pane o prevedibilmente- in coincidenza di quelli cicorie. delle messe. Fassino propone la dieta mediterranea. Va bene pubblicizzare, soprattutto Prodi: "Si va avanti anche senza i vegetariani". quando il prodotto è personale. Ma è sembrato esagerata- comunque- la I DS cercano psicologo in grado di convincere Fassino a non mangiare solo pubblicità dell’ultimo best-seller nella verdura. libreria, “ I Naufraghi”: “ Torno subito”. E’ opera della stessa titolare, Sara Il Polo vince a Catania e a Bolzano... è proprio vero, è lelettorato che sta Saracino. Mentre andiamo in pagina "al centro" non li vota più!!! apprendiamo che il volume è stato sostituito da una edizione più recente: LUDC è divisa: Follini non condivide pienamente la sua stessa linea. “ Spingere”. 5
  6. 6. CORTE GRANDE PORTA.6Può l’agricoltura andar bene se l’economia va male?In un momento come quello che stiamo dell’ambiente che investe anche DA PALAZZOvivendo, in cui la velocità dei cambiamenti l’Amministrazione Comunale, visto che haimpone agli imprenditori e agli operatori battezzato Martano ‘’Città Sostenibile’’. DEI CELESTINIeconomici a vario titolo adeguamenti continui, E’ il caso di ricordare che nel nostro territorio Nuovo importante tassello dell’attività dell’assessorato alleoccuparsi di agricoltura risulta particolarmente l’attività agrituristica, con la fruizione del Poltiche Comunitarie della Provincia di Lecce: nell’ambitocomplesso. variegato patrimonio rurale, ha come scopo del programma comunitario Leonardo da Vinci, ha principale quello di promuovere ed incentivare presentato la proposta “UE - Government Exchange ofIl mondo agricolo meridionale, legato Experience” candidando il progetto della “Rete degli Urp”.all’immagine di ‘’settore assistito’’ e alle tutte le attività volte a favorire lo sviluppo e L’esperienza è stata considerata innovativa per la messadifficoltà naturali di modificare le scelte il riequilibrio del territorio, agevolando la in rete di servizi, per la costruzione di una struttura piùproduttive, è più restìo alle ristrutturazioni permanenza dei produttori agricoli nelle zone efficiente al servizio dei cittadini e delle imprese, tanto daaziendali mirate e funzionali al mercato di rurali, attraverso l’integrazione dei redditi ottenere il finanziamento comunitario. Il progetto finanziato prevede la possibilità di scambi diquanto si possa immaginare. aziendali ed il miglioramento delle condizioni esperienze, competenze e buone prassi tra i referenti delLa parcellizzazione fondiaria rappresenta di vita, nonché valorizzando i prodotti tipici progetto “Rete degli Urp” e i responsabili di progetti simili,sicuramente un punto di debolezza. e le tradizioni locali. nonchè incontri con esperti in materia di e-government deiLe piccole dimensioni delle aziende limitano Il quadro sin qui delineato evidenzia che due paesi di accoglienza individuati: la città di Turku infortemente le possibilità competitive, sia perché l’agricoltura già oggi, ma ancor più nel futuro, Finlandia e la città di Siviglia in Spagna.aumentano i costi e sia perché la produzione si trova a dover operare, analogamente ad ogniè poco concentrata con la conseguenza che altro settore di attività economica, in un In occasione della Fera del Levante, inaugurata a Tiranadiventa difficile da commercializzare. ambiente caratterizzato da una complessità di dal presidente della Regione, Nichi Vendola, le ProvinceIn un’ottica di trasformazione e di problemi con i quali essa si deve confrontare. di Lecce, Brindisi e Bari, hanno presentato congiuntamente il progetto “TWR – Reference net”, nell’ambito del protocollopotenziamento dell’imprenditorialità agricola Vedi per esempio i mancati trasferimenti agli di cooperazione “Interreg 3”, riguardante la costituzione diè necessario e utile un forte impegno delle enti locali che hanno aggravato la già critica una rete per la valorizzazione delle zone umide.Amministrazioni locali, delle Associazioni di situazione del Mezzogiorno. “Salento d’amare” in mostra alla 9^ borsa del turismo dellecategoria, dei Consorzi, delle Cooperative e La soppressione di tali misure d’incentivazione cento citta darte di ferrara in programma da giovedì 26degli operatori del settore. da parte di questo governo, ha completamente sino a domenica 29 maggio.L’agricoltura biologica costituirebbe una tolto la speranza di poter crescere e agire inrisposta adeguata al problema. regime di competitività con le altre zone d’Italia Accordo Provincia - Universita’ per la nascita di iniziativeL’obiettivo è quello di integrare i prodotti e d’Europa. Senza questi interventi mirati, imprenditoriali con l’utilizzo di nuove tecnologie. Conclusabiologici nel concetto di alimenti naturali privi l’agricoltura rimarrà in una condizione di la prima serie di incontri di ascolto della Vice Presidente Loredana Capone: il programma strategico della Provinciadi residui chimici e, di affrontare i problemi inferiorità. di Lecce entra nella sua fase attuativa.che derivano dal riorientamento dell’attività L’intera agricoltura del Salento, quale settoreagricola, in particolare dalla diversificazione importante e primario del Sud, subisce, comedelle colture, nel contesto più generale e e più degli altri, la mancanza di politiche mirate Il consigliere dott. Francesco Farì ha presentato in datapressante della conservazione e salvaguardia a fronteggiare la grave crisi che investe l’area odierna al presidente della Provincia ed al presidente del Consiglio provinciale, un proposta di "delibera di indirizzo"dell’ambiente. e favorisce l’ingresso di prodotti per ridurre i tempi finali di realizzazione delle opere pubblicheEssa infatti, intende garantire la produzione extracomunitari poco controllati. appaltate dalla Provincia di Lecce. Lo stesso consiglieredi prodotti alimentari mediante l’utilizzo Daltronde poco è stato fatto contro le frodi dichiara: <<ho solo raccolto le giuste lamentele che tuttiesclusivo di risorse ottenute all’interno che rappresentano la più forte turbativa del noi facciamo quando siamo costretti a vivere i disagi provenienti dai "lavori interminabili". Un esempio, tra glidell’azienda agricola, riducendo al massimo mercato, favorendo in questo modo gli interessi altri, la strada "da Caprarica sino alla Martano-Otranto nelgli additivi, in particolare gli antiparassitari e degli industriali e mortificando quelli della tratto della cosiddetta circonvallazione di Martano" per lai concimi chimici e garantendo la diversità produzione. quale in oltre un anno dalla cantierizzazione dei lavori sibiologica e l’impiego di varietà adatte ad un Il mercato parla chiaro, per questo è importante è effettivamente lavorato per soli tre mesi e mezzo e perdeterminato ambiente e resistenti per loro insistere su tutto quanto è riconducibile alla il resto vi sono state varie sospensioni dei lavori con svariate e non sempre inappuntabili motivazioni>>.natura ai parassiti e alle malattie. qualità:Si assicurerebbe la conservazione di un DOP (Denominazione di Origine Protetta),patrimonio genetico importante per il futuro biologico, tipicità, agriturismo, tracciabilità, La Provincia di Lecce intende conferire al complessodei prodotti agricoli, offrendo certificazioni ed altro. immobiliare "Masseria Torcito" in agro di Cannole un ruolo di primo piano nello sviluppo complessivo del Salento, siacontemporaneamente al consumatore alimenti Sono obiettivi sui quali è indispensabile puntare in termini turistici che di reale sviluppo per il territorio.naturali caratteristici e modificati dalla natura se non si vuole disperdere la nostra produzione L’idea principale, intorno a cui si sta lavorando insieme aie non dall’uomo. nell’anonimato. tecnici del settore preposto dell’Ente, è quella di favorirePer un’azienda agricola tradizionale, la Occorrono garanzie a difesa della qualità, ma l’insediamento di un "ecovillaggio mediterraneo" daconversione a metodi di produzione biologici soprattutto occorre una diversa attenzione per sviluppare nel tempo senza creare danni all’ambiente, un insediamento in armonia con la natura.comporta certamente un considerevole quanto riguarda le sofisticazioni che sono la Tutto muove da tre principi di fondo:impegno tecnico ed economico ma incontra fonte prima del malessere generale del settore. - massima e rigorosa conservazione del territorio (intesod’altro canto, da parte dei consumatori, un E’ questa la cartina al tornasole sulla quale si come patrimonio naturalistico e come bene culturale),interesse sempre più marcato per i prodotti di misura una reale volontà politica a difesa dei - massima fruibilità (anche sociale) nel rispetto del territorio e del suo patrimonio naturalistico,qualità; domanda questa, che si inserisce in produttori. - pareggio di bilancio nella gestione di questo "ecovillaggio".un movimento più ampio di protezione Paolo Saracino OFFICINA METALMECCANICA INFISSI IN ALLUMINIO E LEGNO-ALLUMINIO FACCIATE CONTINUE SMA di Stomeo Giuseppe & C. s.a.s. Zona artigianale - Martano (Le) - Telefono e Fax 0836 571954 6
  7. 7. CORTE GRANDE PORTA.7 NUOVA ZONA ARTIGIANALE: GATTINA FRETTOLOSA? Storia di un ritardo annunciato. Dal 1994, si insedia la prima azienda. Eppur si muove! Quando sembrava che i impresa la nuova destinazione urbanistica Il progetto per la realizzazione di strade e la nostri imprenditori dovessero definitivamente produttiva dal nuovo Piano ), suddivisi in tre dotazione di rete di pubblica illuminazione abbandonare l’idea di investire a Martano per tipologie di intervento (artigianale, industriale per un importo di 350.000,00 euro, pronto l’insediamento dei loro opifici, il nuovo Piano e commerciale), costituiscono una straordinaria per essere appaltato ( la gara è prevista per il per gli Insediamenti Produttivi (Pip 2) prende opportunità di sviluppo per la nostra comunità. prossimo 17 giugno e il tempo contrattuale a muovere i suoi primi, faticosi, passi. Ad oggi dell’intera superficie del PIP, di esecuzione è di 180 gg.), invero, non Dal 1994, epoca dell’adozione della variante l’Amministrazione Comunale, quella guidata soddisfa l’esigenza di dotare le imprese di al Piano Regolatore Generale da parte del dal sindaco Vincenzo Saracino, ed in parte una moderna ed efficiente zona industriale. Consiglio Comunale di Martano, al 22 marzo dall’attuale Sindaco, ha acquistato circa dieci Pensiamo –inoltre- che costi complessivi 2005, data in cui è stato rilasciato il primo ettari. ipotizzati dall’amministrazione comunale permesso di costruire alla “Merino Service – Ad oggi, sono stati assegnati 20 lotti. Di questi siano fin troppo ottimistici. linea natura – s.n.c.”, sono trascorsi ben undici 4 hanno richiesto l’autorizzazione a costruire, Il nostro suggerimento è quello di avviare le anni. Troppi, per fermare la necessità degli ma solo uno quella dell’impianto produttivo pratiche per recuperare fondi dalle Istituzioni imprenditori martanesi di investire ed ( permesso di costruire N° 71/04 del 22/03/05). e privati disponibili. Se l’operatore locale, allargarsi. In questo modo molte aziende sono Il costo del terreno è stato determinato in circa infatti, anche per un senso di radicamento “emigrate” altrove e al proprio territorio, altre esterne, in cerca potrebbe accettare un di condizioni zona PIP dotata di favorevoli, hanno infrastrutture minime scelto altre soluzioni. (strada, acqua e luce), Alla Regione Puglia la stessa cosa non vale sono stati necessari sei per gli operatori anni- degli undici- esterni. E’ un problema perché licenziasse, con che è stato approvazione sottovalutato dai nostri definitiva e amministratori. Il costo pubblicazione sul dei lotti a mq, infatti, BURP (bollettino è passato dalle ufficiale della Regione originali 280.000 delle Puglia), nel dicembre vecchie lire a 19 euro, del 2000, il cosiddetto circa. E’ logico questo Pip 2. Il precedente abbattimento del foto Silvestri Martano Piano (Pip 1) è andato costo? completamente esaurito nel 1992. 19,00 euro a mq. Le rimanenti richieste hanno Il comune di Martano- oggi- si scopre Ma tant’è! La ricerca di responsabilità e di avuto l’assegnazione con riserva, poiché i frettoloso. E, per dare immediato corso alle responsabili dell’abissale ritardo è inutile e suoli non sono stati ancora completamente opere di urbanizzazione primaria, ha proceduto sterile. Il nostro auspicio è che la nuova acquisiti alla proprietà comunale. all’esecuzione del picchettamento delle strade Amministrazione Regionale del Presidente Non è facile comprendere le motivazioni con relativa spianatura, la realizzazione della Vendola sappia dare seguito alle istanze delle secondo cui solo in così pochi hanno chiesto rete AQP. Per giorno 17/06/2005 è prevista comunità locali, affinchè si attuino appieno di costruire. Tentiamo di dare una nostra la gara di pubblico incanto per la realizzazione i principi di sussidiarietà anche nel settore interpretazione. Rivestono certamente grande di altre parti delle opere mancanti di urbanistico. Solo i Comuni e le Province importanza due fattori: la scarsa propensione urbanizzazione primaria: realizzazione delle possono rispondere immediatamente alle all’investimento, ed, ancor più, l’insicurezza strade, pubblica illuminazione con annessa esigenze del territorio su cui operano. Mai di trovare soluzioni immediate a dotare il cabina di trasformazione, fra le altre. Importo più i tempi dello sviluppo locale debbono Piano delle indispensabili infrastrutture. Per del progetto : 350000,00 Euro. Tempo per essere espropriati alle amministrazioni del quanto il rischio faccia parte del mestiere, un l’esecuzione delle opere di luogo. Mai più si deve correre il rischio di imprenditore, non può acquisirlo al punto tale urbanizzazione:180gg . Non vorremmo che, perdere altri treni per lo sviluppo. Trentatré da superare la evidenza scarsità di un a questo punto, la gattina frettolosa facesse i ettari di zona per gli insediamenti produttivi, programmazione urbanistica , che si rivela - gattini ciechi. E’ un lusso che non ci possiamo (tanta è la superficie agricola a cui è stata poi-inadeguata ed approssimativa. permettere. Giancarlo De Santis V I D E O T E C A 2 4 h Studio di Fisiokinesiterapia di Giannoccolo Mauro A. & C. Via Mazzini, 81 73025 MARTANO (Le) Tel. 0836 575410 Via Marconi, 59 - MARTANO (LE) - TEL. 0836/575668 E-MAIL: babele.point@libero.it 7
  8. 8. CORTE GRANDE ULTIMA PORTA CINQUE COSE PER CUI VALE LA PENA A ESSERE MARTANESI! ER ATTIV on iron ia, con INT a Voi. C AREA edicare me un f orum Riprendiamo una vecchia iniziativa di una testata storica della satira italiana, l’indimenticata inteso d heca, co “Cuore”. he abbia come un a bac mentele pazio c zioni, la Ques to è lo s ues to spazio de , segnala ive. Inviateci, all’indirizzo 5cose.cortegrande@libero.it, i vostri personali cinque argomenti ità. In q , doman iniziat ta critic mmenti nostre per cui varrebbe la pena essere martanesi. la dovu iarci co re alle otete inv rtecipa Sarà stilata una speciale classifica aggiornata numero per numero. Intanto, abbiamo raccolto su in ternet, p che pa Oltre altro. le impressioni della redazione. Chi non possedesse casella di posta elettronica, può mandare e quant’ un sms al numero 334/1253388 con le proprie cinque preferenze. Si garantisce il totale anonimato. Vedrete che il gioco vi entusiasmerà, e farete il tifo per i vostri “candidati”. INTERVISTA TRIPLA Qualsiasi lettore, qualsiasi cittadino, può rappresentare un punto di vista. Ci sembra importante dare la possibilità a chiunque ne abbia voglia, di essere intervistato come quelli che hanno l’obbligo, politico o istituzionale, di dare risposte alle domande che gli vengono poste. Abbiamo pensato di formulare 5 domande fisse, a cui chiunque potrà rispondere autonomamente, attraverso l’invio di una email all’indirizzo commenti.cortegrande@libero.it. Le stesse domande saranno poste anche ai rappresentanti del mondo politico, istituzionale, sociale, culturale di Martano (Le). COME CONSIDERI IL LIVELLO DELLA QUALITA’ DELLA VITA DI MARTANO? COME RITIENI SIA CONSIDERATO MARTANO NELL’AMBITO DEL SUO COMPRENSORIO? COSA PENSI DELL’UNIONE DEI COMUNI DELLA GRECIA SALENTINA? CITA QUALCOSA CHE TU CREDI MANCHI A MARTANO. CITA UN COMUNE SALENTINO CHE APPREZZI E UN MOTIVO PER CUI INVIDIARLO. Nel prossimo numero le risposte di un esponente del centro-destra, di uno del centro-sinistra e di un lettore, per mettere a confronto le diverse idee di città. un anno di calcio Storia di una rinascitaDurante l’estate, i dirigenti della Polisportiva Virtus giorni dalla chiusura delle iscrizioni per il campionato disputate al “San Pasquale”. La squadra allestita,Martano, viste le enormi difficoltà nel sostenere il provinciale di terza categoria, quel gruppo d’amici sicuramente competitiva, ha suscitato l’interessecampionato di Promozione, hanno ceduto il titolo ha iscritto una nuova squadra: il nome scelto è stato della comunità, dopo le titubanze dell’inizio. Lacalcistico, alla squadra del Leverano. Prima che tutto A.S.A. Calcio Salento Martano. A quel punto squadra ha iniziato la sua avventura nel torneo, conquesto accadesse, si è cercato di trovare una bisognava trovare i calciatori che avrebbero dovuto buoni risultati, e ha lottato fino alla fine per la conquistasoluzione, coinvolgendo anche l’Amministrazione disputare il campionato. Interpellati ragazzi residenti del primo posto. Purtroppo, al termine del campionato,Comunale, che si è disinteressata al problema. La nel nostro comune, alcuni hanno dato la loro la squadra si è classificata al terzo posto. Si potrebbecittadina di Martano quindi era costretta a non essere disponibilità. Il fatto di essere partiti in ritardo, si affermare che, come prima esperienza, non siarappresentata da nessuna squadra di calcio, in nessun potrebbe dire in zona Cesarini, ha comportato non andata male, anzi, a detta degli esperti, la nostracampionato dilettantistico. Il tutto, sinceramente poche difficoltà. Dopo aver allestito la squadra, squadra ha espresso il gioco migliore del torneo.sembra non interessare la comunità martanese, servivano le strutture per potersi allenare e giocare. Laspetto più gradificante è stata la presenza deglicapace solo di criticare, l’operato degli altri. Infatti il campo comunale di Martano non poteva ultrà. Eravamo lunica squadra ad avere un gruppoL’Associazione Sportiva Amatori Calcio Salento di essere utilizzato, perchè già impegnato. Quindi , per di tifosi, che lha seguita anche in trasferta, incitandolaMartano, visto l’evolversi della questione, ha deciso poterci allenare, siamo dovuti "emigrare" a Carpignano e sostenendola dappertutto.di far rinascere il calcio nella nostra cittadina. A pochi Salentino, mentre le gare di campionato le abbiamo Agostino Castrignanò SOCIETÀ: Presidente Agostino CASTRIGNANO’ Allenatore Francesco DONATEO CLASSIFICA 2004 - 2005 Vice Presidente Luigi PERROTTA Segretario Luigi DE SANTIS Punti Gio Vin. Nul. Pers Fat. Sub Consiglieri Osvaldo SICURO, Pantaleo NOCCO, Roberto TROVE’ Pro Patria LE 51 22 16 3 3 47 22 HANNO COLLABORATO CON LA SOCIETÀ Struda’ 50 22 16 2 4 57 22 Pasquale RESCIO, Domenico SCORDARI, Antonio NOCERA, Luigi NOCERA Martano 47 22 14 5 3 65 19 SQUADRA 47 22 14 5 3 59 29 Fiamma LE Portieri Antonio CHIRIATTI (85), Daniele GAETANI (84) Grassi LE 32 22 9 5 8 48 49 Frigole 31 22 7 10 5 38 39 Difensori Paolo DE MARIANIS (86), Omar DE NICOLA (85), Andrea LUCERI (85), Melpignano 28 22 8 4 10 41 33 Gianluca LUPERTO (87), Antonio MADARO (83), Riccardo SCHITO (81), Fabio( SICURO82), Marco SICURO (87), Maurizio TROVE’ (75) Melendugno 25 22 7 4 11 47 56 Centrocampisti Surbo 18 22 4 7 11 30 45 Massimo CARRA (74), Andrea GAETANI (82), Claudio GAETANI (85), Damiano GRIFFINI (87), Emanuele MONTI (83), Jonathan QUARTA (87) Borgo Pace 17 22 2 11 9 31 44 Attaccanti Vernole 10 22 2 4 16 33 86 Fedele ANTONACI (79), Salvatore CHIRIATTI (69), Francesco COLUCCIA (86), Gabriele GALIOTTA (87), Valentino MURCIANO (83), Carpignano Sal. 8 22 2 2 18 31 82 Giacomo PERROTTA (86), Massimo TARANTINO (76)

×