IL RICICLO DEGLI IMBALLAGGIIN PLASTICA: UNA RISORSA OUNA SFIDA CONTINUA?
Presentazione del lavoroNelle successive slides vi presentiamoschematicamente come si struttura la gestione dei rifiutida ...
IL RICICLO DELLA                     PLASTICA IN ITALIA                    CHI FA CHE COSA?CONAI – COREPLA                ...
I RIFIUTI NON SONO TUTTI UGUALRIFIUTI DAIMBALLAGGIODOMESTICI SPECIALI• PRIMARI     • TERZIARI• SECONDARI
LA GESTIONE DEI        RIFIUTI DI PLASTICARicicloRecupero energeticoImmesso al consumo non recuperato 30%                 ...
LA NOSTRA FILIERA DELLA                     PLASTICA  Più di 1.200  occupati e             RACCOLTA    200mila tonnellate ...
GUIDA ALLA LETTURAI rifiuti da imballaggio si suddividono in due macro categorie: sono rifiuti domestici tutti quelli gest...
Gestione imballaggi plastica
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Gestione imballaggi plastica

754 views
638 views

Published on

La filiera della gestione dei rifiuti da imballaggio in plastica

Published in: Business
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
754
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
9
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Gestione imballaggi plastica

  1. 1. IL RICICLO DEGLI IMBALLAGGIIN PLASTICA: UNA RISORSA OUNA SFIDA CONTINUA?
  2. 2. Presentazione del lavoroNelle successive slides vi presentiamoschematicamente come si struttura la gestione dei rifiutida imballaggio di plastica in Italia. Per facilitare lacomprensione del sistema vi alleghiamo una breveguida per la lettura
  3. 3. IL RICICLO DELLA PLASTICA IN ITALIA CHI FA CHE COSA?CONAI – COREPLA CARPI E IL RICICLO INDIPENDENTERICICLO DEI “PRIMARI” E RICICLO DEI “TERZIARI”“SECONDARI”355.891 tonnellate nel 355.000 tonnellate nel2010* 2010* *Corepla, Relazione sulla Gestione 2010
  4. 4. I RIFIUTI NON SONO TUTTI UGUALRIFIUTI DAIMBALLAGGIODOMESTICI SPECIALI• PRIMARI • TERZIARI• SECONDARI
  5. 5. LA GESTIONE DEI RIFIUTI DI PLASTICARicicloRecupero energeticoImmesso al consumo non recuperato 30% 34% 36%
  6. 6. LA NOSTRA FILIERA DELLA PLASTICA Più di 1.200 occupati e RACCOLTA 200mila tonnellate diCO2 risparmiate 150.000 ton. di rifiuti gestiti e riciclati PRODUZIONE RICICLO
  7. 7. GUIDA ALLA LETTURAI rifiuti da imballaggio si suddividono in due macro categorie: sono rifiuti domestici tutti quelli gestiti dalservizio pubblico; vengono intesi come rifiuti speciali i rifiuti da imballaggio derivanti da superficie privata egestite da operatori indipendenti sul libero mercato. Le due categorie di rifiuti si suddividono ulteriormente se sipensa al loro utilizzo: sono primari tutti gli imballaggi che contengono direttamente la merce. Un tipicoesempio è la bottiglia d’acqua. Gli imballaggi secondari sono invece tutti quei manufatti che raggruppano uncerto numero di singoli prodotti pronti al consumo. Per esempio il film che contiene le sei bottiglie d’acquaminerale. Gli imballaggi terziari, invece, sono destinati alla protezione ed al trasporto delle merci.I primari, arrivando direttamente dentro casa del cittadino, diventeranno rifiuti urbani, mentre iterziari, diventando rifiuti presso le aziende, diventeranno rifiuti speciali. I secondari invece possono diventarerifiuti in entrambi i circuiti.La gestione dei rifiuti urbani spetta al Conai e, nel caso della plastica, al Co.Re.Pla. I rifiuti che si movimentanotramite questo sistema rappresentano circa il 60% del totale, mentre il rimanente 40% è rappresentato dairifiuti “speciali” del settore Commercio e Industria, gestiti dagli operatori indipendenti sul libero mercato.Tutti i tipi di imballaggi sono accomunati dal Contributo Ambientale Conai, un contributo oneroso che ilproduttore dell’imballaggio paga di conseguenza alla vendita del manufatto all’utilizzatore. L’importo delcontributo è di 120/t per tutti gli imballaggi di plastica, nonostante Conai si occupi direttamente solo dei primarie secondari.La quantità di imballaggi immessi al consumo è stata di 2.071.000 tonnellate nel 2010. Di questa quantità il34,3% è stato riciclato, il 35,9% è destinato a recupero energetico mentre il restante circa 30% è materiale nonrecuperato.E’ interessante sapere che esattamente la metà (355.000 tonnellate) degli imballaggi di plastica che vengonoriciclati in Italia è gestita dai cosiddetti riciclatori autonomi, di cui il Consorzio CARPI rappresenta una parteconsiderevole.

×