0
Ministero                           Ministero                 Il Ministro                 dello Sviluppo Economico        ...
MIMODUE - MOLFETTAhttp://www.youtube.com/watch?v=OVk77KnNuE8
C.A.S.T. Mobile                                                    Nel confronto che si        strumenti e                ...
Volendo estendere la co-valutazione dei         L’iniziativa agisce con l’obiettivo di formare competenze nella partecipaz...
MIMODUE - G.O.P.P.   MIMODUE - MOLFETTA                                          http://mimoparlante.wordpress.com/lavvio-...
Le Tecniche Tradizionali:e il PCM – Project Cycle Management                                                              ...
Facilitazione : Germana Pignatelli, Fedele Congedo                                                                        ...
Report Mi.Mo. - I cittadini Migliorano la Mobilità - 2012
Report Mi.Mo. - I cittadini Migliorano la Mobilità - 2012
Report Mi.Mo. - I cittadini Migliorano la Mobilità - 2012
Report Mi.Mo. - I cittadini Migliorano la Mobilità - 2012
Report Mi.Mo. - I cittadini Migliorano la Mobilità - 2012
Report Mi.Mo. - I cittadini Migliorano la Mobilità - 2012
Report Mi.Mo. - I cittadini Migliorano la Mobilità - 2012
Report Mi.Mo. - I cittadini Migliorano la Mobilità - 2012
Report Mi.Mo. - I cittadini Migliorano la Mobilità - 2012
Report Mi.Mo. - I cittadini Migliorano la Mobilità - 2012
Report Mi.Mo. - I cittadini Migliorano la Mobilità - 2012
Report Mi.Mo. - I cittadini Migliorano la Mobilità - 2012
Report Mi.Mo. - I cittadini Migliorano la Mobilità - 2012
Report Mi.Mo. - I cittadini Migliorano la Mobilità - 2012
Report Mi.Mo. - I cittadini Migliorano la Mobilità - 2012
Report Mi.Mo. - I cittadini Migliorano la Mobilità - 2012
Report Mi.Mo. - I cittadini Migliorano la Mobilità - 2012
Report Mi.Mo. - I cittadini Migliorano la Mobilità - 2012
Report Mi.Mo. - I cittadini Migliorano la Mobilità - 2012
Report Mi.Mo. - I cittadini Migliorano la Mobilità - 2012
Report Mi.Mo. - I cittadini Migliorano la Mobilità - 2012
Report Mi.Mo. - I cittadini Migliorano la Mobilità - 2012
Report Mi.Mo. - I cittadini Migliorano la Mobilità - 2012
Report Mi.Mo. - I cittadini Migliorano la Mobilità - 2012
Report Mi.Mo. - I cittadini Migliorano la Mobilità - 2012
Report Mi.Mo. - I cittadini Migliorano la Mobilità - 2012
Report Mi.Mo. - I cittadini Migliorano la Mobilità - 2012
Report Mi.Mo. - I cittadini Migliorano la Mobilità - 2012
Report Mi.Mo. - I cittadini Migliorano la Mobilità - 2012
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Report Mi.Mo. - I cittadini Migliorano la Mobilità - 2012

553

Published on

Report Mi.Mo. - I cittadini Migliorano la Mobilità - 2012

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
553
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
8
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Transcript of "Report Mi.Mo. - I cittadini Migliorano la Mobilità - 2012"

  1. 1. Ministero Ministero Il Ministro dello Sviluppo Economico dello Sviluppo Economico per la Coesione TerritorialeUNIONE EUROPEA
  2. 2. MIMODUE - MOLFETTAhttp://www.youtube.com/watch?v=OVk77KnNuE8
  3. 3. C.A.S.T. Mobile Nel confronto che si strumenti e In particolare, nel corso Ciclo di incontri realizzati fra gennaio e maggio 2011, è aperto tra Regio- luoghi messi a del 2011, è stato collegati all’esperienza delle Scuole di partecipazione C.A.S.T. ne, cittadini e disposizione realizzato un percorso - Cittadini e Amministrazioni per lo Sviluppo del Territorio - aziende è emerso dall’azienda articolato fatto di che hanno coinvolto cittadini, operatori, un aspetto critico (bagni, sedili, ascolto e di gestori di servizi di mobilità sui temi del trasporto pubblico, dei servizi legato, macchinette, co-valutazione su con specifico riferimento ai processi di informazione e comunicazione. in modo particolare, ecc.). In particola- alcuni servizi di traspor- Mi.Mo. I cittadini migliorano la mobilità alla loro manuten- re si è detto cheRegione Puglia to regionali, con la zione e le aziende spesso sono ie Formez PA Nell’ambito della progettazione di azioni di miglioramento dei servizi di partecipazione attiva di trasporto pubblico locale, nei mesi di settembre-dicembre 2011 l’iniziativa hanno fatto notare ragazzi piùhanno realizzato utenti, associazioni e come questo giovani che nonnegli ultimi anni Mi.Mo. realizzata nell’ambito del progetto “E.T.ICA pubblica nel Sud” anche delle aziende ha avuto la finalità di produrre proposte operative a partire aspetto del servizio pensano allemolteplici attività che, per la Regione, abbia una doppia conseguenze deidi ascolto e dall’osservazione attiva dei cittadini sulla qualità oggettiva dei servizi gestiscono material- deltrasporto pubblico locale in Puglia (trasporto ferroviario). faccia, dato che, loro disegni suicoinvolgimento dei mente i servizi. non di rado, sono sedili o deicittadini pugliesi per Mi.MO 2011 in particolare ha riguardato l’osservazione diretta, Le principali attività da parte di cittadini volontari, dei treni regionali gli utenti che - possibili dannila programmazione e riguardanti il tema volontariamente - che arrecano allela valutazione delle e delle stazioni di tre tratte campione della mobilità sono (Mola di Bari-Molfetta, Foggia-Lucera, Foggia-Manfredonia). rovinano, imbratta- macchinettepolitiche state: no, sporcano obliteratrici o aglipubbliche ambienti delleregionali. C.A.S.T.Mobile - MI.MO stazioni. http://partecipazione.formez.it/ Mi.Mo è stato realizzato, in collaborazione con l’Assessorato alle Infrastrutture Strategiche e alla Mobilità della Regione Puglia, nell’ambito di “ETICA pubblica nel Sud”, un progetto gestito da Formez PA su incarico del Dipartimento della Funzione Pubblica e finanziato dal Programma Operativo Nazionale Governance e Assistenza Tecnica 2007-2013 (FESR) a titolarità del Ministero dello Sviluppo Economico.
  4. 4. Volendo estendere la co-valutazione dei L’iniziativa agisce con l’obiettivo di formare competenze nella partecipazione Il blog di Mi.Mo racconta l’esperienza,servizi al mondo dei trasporti su gomma, che, restando parte del patrimonio di capitale sociale locale e moltiplicandosi, attuata da settembre a dicembre 2012:si è dunque pensato di coinvolgere possano rappresentare uno strumento di miglioramento della qualità http://mimoparlante.wordpress.com/un’utenza particolare: gli studenti che ogni del servizio pubblico anche al di là dell’esperienza.giorno utilizzano i mezzi per spostarsi dal Il coinvolgimento delle aziende consente di responsabilizzare i ragazzi e,loro paese e raggiungere la scuola. contemporaneamente, di farli sentire ascoltati. Il Liceo “V. Fornari” di Molfetta, consueto osservatore 2Con questo intervento proposto ai ragazzi delle dinamiche socio-economiche del territorio, accoglie Mi.Mo .di un liceo, si intende creare un modello di In linea con la specificità degli indirizzi del Liceo, gli studenti sperimentano la Mi.Mo. Parlantericerca e co-valutazione, ma anche valutazione civica del trasporto pubblico locale, descrivendo la qualità I Cittadini MIgliorano la MObilitàun’esperienza che possa generare effettivamente erogata e sviluppano autonome missioni ispirate dai problemi è su facebook: http://www.facebook.com/MiMoMIglioriamoLaMObilitacittadinanza attiva. Il coinvolgimento offre della loro mobilità. La valutazione civica è infatti un processo di analisi critica eai giovani cittadini la possibilità sistematica dell’azione delle amministrazioni pubbliche che coinvolgedi esprimere il disagio del disservizio in direttamente i cittadini e le associazioni nelle varie fasi di gestione dei servizi.prima persona, con la propria ‘voce’, La valutazione si basa sul reperimento di dati oggettivi attraverso i qualiattraverso azioni circostanziate viene formulato un giudizio sui servizi, punto di partenza per eventualie informazioni precise, utili alle istituzioni miglioramenti degli stessi. Rispetto alla customer satisfaction, che si concentrapubbliche e agli stessi fornitori dei servizi. sulla qualità percepita, nella valutazione civica ci si focalizza sugli elementi di qualità tecnica del servizio, cioè sulla qualità effettivamente erogata. Vai alla pagina dell’iniziativa Valutazione civica Portale PAQ: Per una Pubblica Amministrazione di Qualità http://www.qualitapa.gov.it/archivio/valutazione-civica/ MIMODUE - MOLFETTA- MOLFETTA MIMODUE
  5. 5. MIMODUE - G.O.P.P. MIMODUE - MOLFETTA http://mimoparlante.wordpress.com/lavvio-dei-lavori/
  6. 6. Le Tecniche Tradizionali:e il PCM – Project Cycle Management il metodo GOPP – Goal I Analisi dei problemi http://issuu.com/mimoparlante/docs/gopp__progettare_per_obiettivi Il primo vero passo consiste in una identificazione - in maniera generica o astratta; Il metodo GOPP privilegia l’identificazione dei 17-18 settembre 2012 dei problemi che esistono in una determinata - in termini di giudizi personali (es. "Inefficienza della problemi a quella dei bisogni, tipica della cultura situazione o, per meglio dire, relativamente all’entità Pubblica Amministrazione"). formativa e progettuale tradizionale, giacché il prescelta. E’ importante chiarire i due termini-chiave Oriented Project Planning problema fotografa una situazione negativa attuale Liceo V. Fornari di Molfetta che si usano in questa fase di analisi (problema e E’ quindi importante che i problemi siano formulati a e oggettiva mentre il bisogno esprime un desiderio obiettivo): partire dalla realtà, non sulla base di idee, teorie o soggettivo e sottintende già una soluzione. - un problema è una situazione attuale negativa, prefigurando soluzioni, seppure auspicabili. Quanto - un obiettivo è una situazione positiva futura. più l’identificazione dei problemi è basata sugli Una corretta individuazione dei problemi e una loro aspetti concreti e tangibili della realtà, tanto più il giusta gerarchizzazione in termini di causa-effetto Può accadere, specialmente quando la lavoro di progettazione sarà di qualità. costituisce un elemento fondamentale dell’attività progettazione è effettuata “a tavolino” da un esperto di progettazione. o da un progettista, che i problemi siano formulati: Le caratteristiche che devono avere i problemi - in forma positiva (es., "il problema è trovare forme identificati in questa fase: Una volta identificati i problemi, questi si collocano efficaci di …”, o “il problema è il coordinamento"); in un diagramma ad albero costruito secondo delle - di "mancanza" di una certa soluzione (es. - reali, basati cioè su fatti concreti e non su idee o relazioni di causa-effetto dal basso verso l’alto. "mancanza di strutture di supporto per.."); è questo opinioni, L’albero dei problemi è la raffigurazione sintetica Il primo passo verso l’analisi delle criticità che i ragazzi, l’errore più tipico che una progettazione effettuata - oggettivi, basati su fatti certi e, se possibile, della realtà attuale con tutti i suoi aspetti negativi. da un esperto può comportare; l’esperto è portato, in dimostrabili, modo naturale, a “vedere” subito la soluzione o - espressi in termini negativi, che rappresentino come utenti del servizio di trasporto, vivono quotidianamente è stato il GOPP. l’azione di cui è convinto portatore piuttosto che le quindi delle condizioni negative attuali e non delle cose negative che accadono oggi in una determinata soluzioni, situazione o territorio; “mancanza di ..”, carenza di …” - chiari, comprensibili quindi da tutti, Organizzati in tre gruppi, gli studenti hanno lavorato sulla domanda: o assenza di …” sono dunque “soluzioni assenti” e possono a volte costituire un freno a una analisi più oggettiva dei problemi della realtà e influire non - specifici, riferiti cioè a aspetti o elementi precisi (persone, luoghi, tempi, quantità, ecc.). “Per andare dove devo andare, che problemi incontro?” positivamente sulla qualità della progettazione; Hanno costruito gli alberi dei problemi della mobilità, Bassi redditi familiari Donne escluse dal mondo del lavoro tti effe in bus e in treno, su due ruote e a piedi. Le donne non Le donne non riescono Le imprese non Le donne non Le donne hanno posseggono adeguate a costruire imprese effettuano sanno a difficoltà a raggiungere competenze professionali individuali nuove assunzioni chi lasciare i figli il posto di lavoro Hanno raccolto le questioni e le hanno ordinate, Il sist. formativo non Le donne Le donne Il costo La Programmazione Le donne fornisce preparazione non Infrastrutture non del lavoro pressione territoriale non adeguata alle esigenze sono viarie hanno è fiscale dei hanno del mondo del lavoro Informate poco accesso troppo è servizi la sulle poss. sviluppate al credito elevato elevata inadeguata patente di se autoimpiego cau dal basso verso l’alto: dalle cause agli effetti. Hanno ribaltato i problemi, rendendo visibili gli alberi degli obiettivi, ordinati, dal basso verso l’alto: dai mezzi ai fini. Analisi degli obiettivi Questa fase consiste nel trasformare in positivo la sicurezza stradale”) o un sostantivo (“aumento Di norma, infatti, ciò che da origine a un progetto o a l’immagine della realtà attuale (negativa) ottenuta dell’occupazione”, “stabilità monetaria”) indica un una serie di progetti o interventi è una volontà con l’albero dei problemi. azione che è in divenire, che può essere quindi politica (es. un programma o una legge) che mette a Sono emerse molte criticità legate, Tecnicamente è molto semplice: basta trasformare all’inizio o in punto qualsiasi del suo percorso, cosa disposizione di determinati enti o istituzioni o ogni condizione attuale negativa (problema) in una più simile a una attività che a un obiettivo (inteso organizzazioni una serie di mezzi e di risorse condizione positiva futura (obiettivo). Così facendo si come condizione positiva raggiunta). (finanziari, o tecnici). Grazie a questi, le più in generale, alla loro mobilità e a quella delle famiglie ottiene l’albero degli obiettivi . E’ importante rilevare che questa semplice organizzazioni realizzano delle attività che offrono L’operazione è semplice ma può esser fatta in modo trasposizione dei problemi in obiettivi non servizi ai beneficiari finali del progetto, ovvero a impreciso, se non si ha familiarità con il meccanismo. costituisce l’individuazione degli obiettivi del quelle persone i cui problemi hanno in sostanza dato (dalle piste ciclabili occupate dalle auto all’assenza di parcheggi). E frequente che le persone, anziché riformulare la progetto. Essa semplicemente descrive una vita all’intervento stesso. condizione negativa (problema) in una condizione raffigurazione positiva della realtà (della situazione) Utilizzando i servizi, i beneficiari finali di norma positiva futura (obiettivo), la riformulino come qualora tutti i problemi fossero risolti. il progetto conseguono un beneficio in termini di reddito, di La maggior parte delle questioni critiche è inevitabilmente legata alla loro soluzione del problema stesso (attività). potrà o dovrà scegliere di raggiungere solamente salute, di performance o di benessere in generale. Esempio: se il problema è "Impiegati comunali non a alcuni degli obiettivi così raffigurati. Questo, a sua volta, è capace di generare benefici di conoscenza della normativa X", una riformulazione medio-lungo periodo nel resto della società, esperienza di viaggiatori. Molti ragazzi, infatti, arrivano ogni giorno inesatta sarebbe "Corsi di aggiornamento per gli Identificazione degli ambiti d’intervento generando quello che si chiama in termini generali impiegati comunali sulla normativa X" anziché, come Costruito l’albero degli obiettivi, è opportuno “sviluppo socio-economico”. corretto, "Impiegati comunali informati sulla individuare in esso gli ambiti o aree di obiettivi a Molfetta da altri paesi (principalmente Bisceglie e Giovinazzo, normativa X". (cluster) affini a seconda delle competenze E’ anche consigliabile esprimere gli obiettivi usando il tecnico-professionali e/o istituzionali necessarie per participio passato (es. occupazione giovanile raggiungerli. L’albero degli obiettivi, permette di alcuni da Bari Palese). Dal GOPP è nato un parco di ‘missioni’ potenziali: aumentata”, “stabilità monetaria raggiunta”, “sicurezza ricostruire la scansione logica con cui determinati stradale garantita”), perché così si esprime una obiettivi (quelli nella parte alta dell’albero) possono condizione positiva effettivamente raggiunta, essere raggiunti. Esso infatti, se sufficientemente ricco azioni per analizzare in modo più approfondito i servizi e capirne le criticità. mentre usare, come il più delle volte accade, un verbo e se ben costruito dal punto di vista logico, si articola all’infinito (es. “aumentare l’occupazione”, “garantire in diversi livelli, da leggere dal basso verso l’alto. Con gli alberi dei problemi, i ragazzi evidenziano Redditi familiari aumentati Redditi familiari aumentati Donne inserite nel mondo del lavoro fini Donne inserite nel mondo del lavoro AMBITO D’INTERVENTO alcune difficoltà che vivono, anche a causa Donne in posseggono di adeguate competenze professionali Donne assistite nella creazione di impresa Nuove assunzioni facilitate Servizi materno infantili disponibili Mobilità delle donne aumentata Donne in posseggono di adeguate competenze professionali Formazione Donne assistite nella creazione di impresa Imprenditoria Nuove assunzioni facilitate Politica Servizi materno infantili disponibili Servizi Mobilità delle donne aumentata Trasporti dei comportamenti degli adulti, come nel caso Industriale sociali Sistema formativo Sistema formativo zzi adeguato Donne Adeguata adeguato Donne Adeguata Accesso Costo Pressione Infrastrutture Donne Accesso Costo Pressione Infrastrutture Donne me alle esigenze informate del lavoro territoriale informate del lavoro territoriale al credito fiscale viarie con alle esigenze al credito fiscale viarie con del mondo del lavoro sulle poss. dei sulle poss. dei garantito ridotto ridotta sviluppate patente del mondo del lavoro garantito ridotto ridotta sviluppate patente di servizi di servizi dell’occupazione delle piste ciclabili da parte delle auto. autoimpiego autoimpiego Una guida utile su Formez.it: Le Tecniche Tradizionali: il metodo GOPP Goal Oriented Project Planning e il PCM – Project Cycle Management http://db.formez.it/guideutili.nsf/1bac62e165abd03cc12570bd002a765b/a31f3d13f24d0349c12570bc0036d103?OpenDocument
  7. 7. Facilitazione : Germana Pignatelli, Fedele Congedo 18.9.2012 il viaggio si complicapoche alternative rispetto al trasporto pubblico il servizio non è adeguato rispetto al costo non si hanno la bici è poco nei treni serali non c’è non c’è comfort non ci sono adeguati l’autobus non non si riesce informazioni immediate utilizzata sufficiente sicurezza negli autobus servizi serali fa scendere ad essere puntuali sugli imprevisti si perdono gli ultimi non si riesce a autobus scendere alla fermata non sono coperte non tutte le corse il cambio a Lecce FS-FSE le biglietterie il numero degli autobus i cassonetti si trovano i sottopassaggi non tutte le fasce orarie la chiamata di discesa la fermata non è alto affollamento si perde tempo i polivalenti non nel bus piove rispettano gli non è agevole dei treni non sono non è adeguato sulle piste ciclabili sono sorvegliati più importanti non funziona visibile alle fermate nel controllo dei biglietti arrivano in orario orari tabellati (la biglietteria FSE è lontana) sempre aperte all’utenza studentesca non ci sono sufficienti i mezzi non sono le macchine non di sera le stazioni nel bus collegamenti diretti non si scende l’autobus non passa non si può fare sul bus le obliteratrici rispettano le piste ciclabili sistematicamente non sono sicure non stiamo comodi fra le città sul marciapiede sempre il biglietto online sono danneggiate in orario la chiusura il personale viaggiante non è sicuro lasciare c’è utenza a rischio nel bus non delle biglietterie è diffidente le bici in giro per i viaggiatori viaggiamo seduti complica il viaggio verso gli studenti negli spostamenti i diversamente abili in treno il controllo quotidiani il traffico ci sono episodi non hanno facile non è sempre è il problema maggiore di bullismo accesso ai mezzi se rituale sui siti web l’informazione non è cau chiara non c’è informazione sul bici/treno il viaggio si semplificamaggiori alternative rispetto al trasporto pubblico il servizio è adeguato rispetto al costo si hanno la bici è molto nei treni serali c’è c’è comfort ci sono adeguati l’autobus si riesce informazioni immediate utilizzata sufficiente sicurezza negli autobus servizi serali fa scendere e ad essere puntuali sugli imprevisti azion ata on selezi non si perdono gli ultimi si riesce a e azion ata autobus scendere alla fermata on Tra.Info&App selezi L’alternativa fa centro sono coperte tutte le corse le biglietterie il numero degli autobus i cassonetti non si trovano i sottopassaggi tutte le fasce orarie la chiamata di discesa la fermata è basso affollamento il cambio a Lecce FS-FSE non si perde tempo i polivalenti nel bus non piove rispettano gli dei treni sono è adeguato sulle piste ciclabili sono sorvegliati più importanti funziona visibile alle fermate è agevole nel controllo dei biglietti arrivano in orario orari tabellati sempre aperte all’utenza studentesca ci sono sufficienti i mezzi sono le macchine di sera le stazioni nel bus collegamenti diretti si scende l’autobus passa si può fare sul bus le obliteratrici rispettano le piste ciclabili sistematicamente sono sicure stiamo comodi fra le città sul marciapiede sempre il biglietto online non sono danneggiate in orario l’apertura il personale viaggiante è sicuro lasciare non c’è utenza a rischio nel bus delle biglietterie non è diffidente le bici in giro per i viaggiatori viaggiamo seduti semplifica il viaggio verso gli studenti negli spostamenti i diversamente abili in treno il controllo quotidiani il traffico non non ci sono episodi hanno facile è sempre di bullismo zzi è il problema maggiore accesso ai mezzi rituale sui siti web l’informazione è me E ICI GH I ILE ZIO N chiara NE B ZZA T LUN FAC A ZIO ITA’ URE FOR ARI TA ORM ZA SIC COM OR MA INF c’è informazione sul NIZ TUAL FER bici/treno GA N OR A PU L PER
  1. A particular slide catching your eye?

    Clipping is a handy way to collect important slides you want to go back to later.

×