LEZIONE 1: Leadership e comunicazione

928 views
605 views

Published on

Come trasmettere le proprie potenzialità
attraverso la comunicazione

LEADERSHIP E COMUNICAZIONE

Published in: Education
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
928
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
22
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

LEZIONE 1: Leadership e comunicazione

  1. 1. COMUNICARE E INFLUENZARE GLI ALTRI Come trasmettere le proprie potenzialità attraverso la comunicazione 1° incontro: la leadership e la comunicazione: Dr. Ettore Galanti Ettore Galanti
  2. 2. I temi di questo corso • La Leadership e la Comunicazione • Parlare in pubblico • Vendere le proprie idee ? • Una buona comunicazione aiuta trovare lavoro • La PNL e le tecniche di assertività ?
  3. 3. I temi di questo corso • La Leadership e la Comunicazione • Parlare in pubblico • Vendere le proprie idee ? • Una buona comunicazione aiuta trovare lavoro • La PNL e le tecniche di assertività ?
  4. 4. LEADERSHIP COMUNICAZIONE
  5. 5. Un primo postulato della comunicazione LA CREDIBILITA’ DELLA FONTE QUALIFICA IL MESSAGGIO LEADERSHIP LEGATA ALLA CREDIBILITA’ DELLA FONTE
  6. 6. Il tempio della credibilità CREDIBILITÀ “la fonte qualifica il messaggio” EXPERTISE RELAZIONE COMPETENZA ASCOLTO ESPERIENZA EMPATIA RUOLO MOTIVAZIONE STATUS COERENZA 6
  7. 7. Le 2 dimensioni della credibilità • Expertise: – Il livello della nostra comprensione dell’argomento trattato e le nostre esperienze in merito • Relazione: – La percezione che generiamo negli altri e che dipende in gran parte dalla nostra capacità di creare rapporti basati su fiducia e benefici reciproci (ascolto, empatia, …) 7
  8. 8. FORTE Quadrante della Credibilità Expertise Forte / Relazione Debole Expertise e Relazione Forte Expertise e Relazione Debole 5 Expertise Debole/ Relazione Forte EXPERTISE 4 3 2 DEBOLE 1 1 DEBOLE 2 3 RELAZIONE 4 5 FORTE Source: Jay Conger, Winning ‘Em Over 8
  9. 9. Come aumentare la propria credibilità FORTE • • • • DEBOLE EXPERTISE • • Analizzare le preoccupazioni dell’altro prima cominciare il processo di influenzamento Utilizzare il proprio network per dare forza alla propria posizione Coinvolgere coloro che hanno rapporti più solidi e che possono aiutarci a persuadere Coinvolgere coloro che hanno più expertise e rapporti più solidi e che possono aiutare nel’influenzamento Coinvolgere esperti esterni o referenti autorevoli per rafforzare la credibilità Trovare esempi di successo/prove prima di procedere con l’influenzamento per affermare la propria posizione • Influenzare rettamente, dimostrando flessibilità, utilizzando prove convincenti e connettendoti emotivamente • Coinvolgere esperti esterni o referenti credibili per rafforzare la tua posizione Utilizzare prove esterne (es, ricerche di mercato, consulenti) Creare progetti pilota/ mini-successi che rinforzino la propria posizione • • FORTE DEBOLE RELAZIONE 9
  10. 10. La comunicazione in pratica Esercitazione di presentazione a gruppi:  2 gruppi Ciascuno si presenta al portavoce  40’ di preparazione Si decidono le modalità di presentazione collettiva Si prepara una presentazione collettiva di max 10 minuti  10’ max di presentazione collettiva da parte di ciascun gruppo
  11. 11. I principi base della comunicazione
  12. 12. Etimologia del termine “comunicazione” COMMUNIS AGERE… CUM MOENIA… CUM MUNERA…
  13. 13. Il processo di comunicazione (Shannon 1952) CONTESTO CODICE FONTE MESSAGGIO PERCEZIONE DESTINATARIO EFFETTI MEZZO CANALE (META-MESSAGGIO) FEED-BACK
  14. 14. La comunicazione per Paul Watzlawic (1967) PROCESSO DI SCAMBIO DI INFORMAZIONE E DI INFLUENZAMENTO RECIPROCO CHE AVVIENE IN UN DETERMINATO CONTESTO
  15. 15. Modello comunicazionale del “Mental Research Institute” di Palo Alto (Watzlawick, 1967) INPUT INPUT INDIVIDUO A PERSONALITÀ INDIVIDUO relazione B PERSONALITÀ BISOGNI BISOGNI OUTPUT OUTPUT CONTESTO
  16. 16. Gli assiomi della comunicazione di Paul Watzlawick 1. Non si può non comunicare 2. Ogni comunicazione ha un aspetto di contenuto e un aspetto di relazione 3. La natura di una relazione dipende dalle sequenze di comunicazione tra i comunicanti ed è in grado di influenzarle 4. Gli esseri umani comunicano sia con il linguaggio verbale sia con il linguaggio non-verbale 5. Tutti gli scambi di comunicazione sono simmetrici o complementari a seconda che siano basati sull’eguaglianza o sulla differenza: One up One up One up One down
  17. 17. 1. Non si può non comunicare
  18. 18. 2. Ogni comunicazione ha un aspetto di contenuto e un aspetto di relazione
  19. 19. 3. La natura di una relazione dipende dalle sequenze di comunicazione tra i comunicanti ed è in grado di influenzarle
  20. 20. 4. Gli esseri umani comunicano sia con il linguaggio verbale sia con il linguaggio non-verbale
  21. 21. 5. Tutti gli scambi di comunicazione sono simmetrici o complementari a seconda che siano basati sull’eguaglianza o sulla differenza:
  22. 22. Per il prossimo incontro: 30 ottobre “Parlare in pubblico” servono 4 volontari che abbiano voglia di preparare un breve/semplice discorso (7~10 min)

×