GESTIONE ORDINARIA
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Like this? Share it with your network

Share
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
391
On Slideshare
360
From Embeds
31
Number of Embeds
1

Actions

Shares
Downloads
0
Comments
0
Likes
0

Embeds 31

http://www.comune.udine.it 31

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. GESTIONE ORDINARIA 5
  • 2. 6
  • 3. GESTIONE ORDINARIASegreteriaCon riferimento alle funzioni di supporto e consulenza, è stato concluso l’iter (avviato nel 2009) per il nuovo regolamento dei Contratti integratocon le varie normative comunali già esistenti che, in tale contesto, sono state anche revisionate (Regolamento delle forniture e servizi in economia,Regolamento lavori in economia e quello per gli affidamenti con procedure telematiche di lavori, servizi e forniture).Il nuovo Regolamento è stato approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 33 del 29 marzo 2010.Per garantire uniformità nell’applicazione delle nuove norme, è stata fornita a tutti gli uffici comunali la necessaria consulenza; sono stati elaboratialcuni schemi riassuntivi e, in collaborazione con il Servizio Appalti del Dipartimento Infrastrutture, sono stati organizzati due incontri informativi(28 e 29 giugno), rivolti in particolare a tutti i Dirigenti e Funzionari.La ritardata emanazione del regolamento di attuazione del Codice dei Contratti (intervenuta a dicembre 2010 con il DPR 207/2010) ha comportatoil conseguente posticipo dell’attività di interpretazione e consulenza da fornire agli uffici comunali sul punto.L’entrata in vigore del D. Lgs. 20/03/2010 n. 53, (attuativo della cd. Direttiva Ricorsi e che modifica il Codice dei contratti) ha comportato inveceuna serie di problemi applicativi che hanno reso necessario ed urgente fornire agli uffici comunali alcune linee di indirizzo per l’applicazione dellanormativa (nonostante le incertezze interpretative riscontrate in dottrina). Lo studio svolto assieme al Servizio Avvocatura e al Servizio Appalti, haportato a elaborare una circolare esplicativa che è stata presentata a tutti i dirigenti e funzionari nel mese di maggio, ed è stata successivamente resadisponibile per i dipendenti, attraverso la sua pubblicazione in Intranos.Per l’applicazione della Legge n. 136 del 13/08/2010, Piano straordinario contro la mafia (tracciabilità dei flussi finanziari), e della sua successivamodifica (intervenuta con D.L. 187 del 12/11/2010), sono state fornite le prime indicazioni operative, anche attraverso uno specifico incontro condirigenti e funzionari, seguito poi dall’ulteriore circolare del 23 novembre, trasmessa a tutti gli uffici comunali.Per le difficoltà di interpretazione della nuova legge e la varietà di casistiche, è stato infine assicurata agli uffici, la propria consulenza, sia informaleche con pareri scritti.Per la revisione e l’adeguamento del Regolamento comunale sull’accesso agli atti (Ufficio per le Relazioni con il Pubblico), sono stati analizzati gliaspetti organizzativi connessi all’esercizio del diritto di accesso, sono state rilevate le criticità e valutate, sulla base delle risorse disponibili, le scelteorganizzative da attuare. La Giunta Comunale, nella seduta del 2/11/2010, ha approvato la bozza del Regolamento e avviato l’iter per la suaapprovazione da parte del Consiglio comunale. 7
  • 4. Nel 2010 l’URP è stato anche oggetto di rilevazione citizen satisfaction, con 82 questionari compilati ( di cui 7 scartati perché compilati in minimaparte o in maniera errata). L’analisi ha fatto emergere, in linea generale, risultati soddisfacenti sulla qualità del servizio erogato.Domanda: “Quanto è soddisfatto complessivamente per il servizio erogato dall’URP?”Frequenze relative cumulate soddisfazione complessiva. Per niente soddisfatto Poco Indifferente soddisfatto Abbastanza il 92% dei rispondenti è ampiamente soddisfatto Molto soddisfatto soddisfatto (“abbastanza/molto soddisfatto”) del servizio, con quasi il 50% di “molto soddisfatto”. 3% 5% 8% 53% 100%Per quanto riguarda l’attività di gestione e deposito documentale, la Segreteria Generale ha seguito, in collaborazione con il Servizio SistemiInformativi e Telematici, alcuni processi operativi diretti ad un maggiore sviluppo del sistema di registrazione telematica dei dati: - decentramento dell’attività di protocollo: è stata completata lestensione del sistema informatico di gestione documentale ad alcuni Uffici periferici (ex circoscrizioni), ed è stato predisposto quanto di competenza dellufficio centralizzato per introdurre il sistema decentrato anche al Servizio Entrate (avvenuto il 20 settembre); - posta elettronica certificata: con lattivazione della Casella Istituzionale PEC (novembre 2009), gli uffici hanno curato la gestione/registrazione di n. 3 603 messaggi di posta elettronica in entrata e la trasmissione di n. 642 messaggi a soggetti esterni; - scansione dei documenti: nell’ottica di semplificare e razionalizzare i flussi documentali, è stato introdotto il processo di scansione dei documenti in entrata: dopo la fase preparatoria e l’installazione della strumentazione nelle singole postazioni di lavoro, da novembre i documenti da smistare a più uffici non sono più fotocopiati, ma scannerizzati (previa associazione delle immagini di registrazioni di protocollo), con un “risparmio” medio settimanale di circa 600 pagine fotocopiate; dal 15 dicembre la procedura è estesa anche ai documenti smistati ad un unico ufficio; - dematerializzazione dei documenti: per ridurre l’uso della carta in un’ottica di contenimento dei costi, è stato avviato un processo di sensibilizzazione degli uffici, affinché la c.d. “corrispondenza interna” sia trasmessa unicamente tramite posta elettronica. Per favorire il 8
  • 5. consolidamento della nuova procedura, la Segreteria Generale ha diramato apposite istruzioni, affiancando gli uffici anche nell’analisi e risoluzione di problemi operativi; con l’obiettivo di ridurre la produzione di materiale cartaceo, dal 15 dicembre è stato reso operativo un archivio elettronico che ha eliminato la stampa e lo smistamento degli elenchi dei documenti registrati dal Protocollo: il “risparmio” medio settimanale è di circa 450 pagine stampate.Particolare attenzione è stata posta alla formazione del personale, al fine di ridurre al minimo i tempi di operatività degli uffici nell’uso delle nuovemodalità. Oltre ai quotidiani interventi di affiancamento e assistenza diretta a favore degli utenti, sono state assunte le seguenti iniziative: - diffusione di specifiche istruzioni operative: oltre alle Circolari del 29 dicembre 2009 e dell11 giugno 2010, dirette a sensibilizzare gli uffici sul tema della dematerializzazione documentale, una particolare attenzione è stata riservata allattivazione della Casella Istituzionale PEC: a questo tema sono state dedicate le Circolari dell11 febbraio, 11 giugno, 19 luglio, 9 agosto 2010 e, in particolare, quella del 18 ottobre “Validità giuridico - amministrativa dei documenti presentati al Comune di Udine per via telematica", con cui si è inteso offrire un’illustrazione generale della normativa e alcune indicazioni applicative, per agevolare gli uffici nella valutazione giuridico - amministrativa dei documenti informatici e nella predisposizione delle conseguenti attività; - organizzazione di incontri formativi: in collaborazione con lUnità Operativa Formazione sono stati organizzati il 13 gennaio 2010 l’incontro formativo “P.E.C. istruzioni per luso” e il 27 gennaio 2010 il seminario “La validità del documento informatico: ricezione, produzione e archiviazione dei documenti informatici”, a ciascun incontro hanno partecipato circa 150 dipendenti; è inoltre proseguita l’abituale attività formativa propedeutica al rilascio delle abilitazioni SiDoc, che ha interessato 58 dipendenti.Infine, l’Ufficio Archivio e Protocollo è stato oggetto di rilevazione “Citizen Satisfaction 2010”, con una buona adesione degli utenti e larilevazione di 105 questionari (di cui 5 scartati perché compilati in minima parte o in maniera errata). L’analisi ha fatto emergere, in linea generale,risultati soddisfacenti sulla qualità del servizio erogato.Domanda: Quanto è soddisfatto complessivamente per il servizio erogato dal Protocollo?Frequenze relative cumulate soddisfazione complessiva. Poco soddisfatto Il 93% delle valutazioni è Indifferente positiva (abbastanza/ molto Abbastanza soddisfatto Molto soddisfatto soddisfatto). 1% 6% 52% 100% 9
  • 6. Servizi demograficiDal 1° gennaio 2010 è stato riattivato, a distanza di alcuni anni, il Servizio Demografico e Decentramento, nel senso che gli uffici demograficicentrali e gli sportelli decentrati delle circoscrizioni sono stati riunificati in un punto unico di coordinamento e indirizzo; questa scelta organizzativaha la finalità di potenziare e qualificare le attività di front office e di favorire il coordinamento degli operatori, a fronte di una normativa in costanteevoluzione e della necessità di assicurare continui e tempestivi aggiornamenti delle procedure amministrative e informatiche.Per la sede centrale di via Beato Odorico, che dovrà sempre più rappresentare un punto di riferimento per il cittadino, è in previsione l’ampliamentonel tempo di competenze e attività. Al momento, oltre al settore demografico, sono attivi: - lo Sportello Net, che lavora in stretta collaborazione con gli uffici comunali - lo Sportello per gli stranieri, che fornisce informazioni e rilascio di documenti (codice fiscale, attestazione abitabilità ecc..) per la successiva iscrizione anagrafica - lo “Sportello polifunzionale” che, in coordinamento con gli sportelli delle circoscrizioni, è riferimento per informazioni su Carta famiglia, servizi comunali e di altri enti pubblici, oltre che per il rilascio di autorizzazioni per la sosta per persone disabili; - lo Sportello QuiEnel che, in fasce orarie limitate, permette ai cittadini di effettuare operazioni commerciali (es. verifica di consumi e pagamenti, apertura, modifica o disdetta di contratti, richiesta di domiciliazione bancaria, ecc.).Nel 2010 particolare attenzione è stata dedicata agli aspetti logistici e di comunicazione della sede di via Beato Odorico: sono stati realizzati alcunimiglioramenti con ridotto impegno economico, sono stati attivati monitor informativi, è stata realizzata una segnaletica più chiara e accattivante esono stati tradotti in più lingue avvisi e informazioni, per migliorare la qualità dell’accoglienza e facilitare l’accesso agli uffici. Di pari passo vienecurato il costante aggiornamento delle informazioni pubblicate sul sito web del Comune.Altro obiettivo importante realizzato nel 2010 è la dematerializzazione di alcune procedure che interessano in particolare l’Unità OperativaInformazioni e Notifiche: attraverso la creazione di un software dedicato, è stata introdotta una nuova metodologia di lavoro che ha portato a unanotevole semplificazione del processo interno di comunicazione fra l’Unità Operativa Anagrafe e l’Unità Operativa Informazione e notifiche,relativamente agli accertamenti svolti a seguito di iscrizioni/cancellazioni/variazioni anagrafiche, con una completa eliminazione dei documenticartacei prodotti e con risparmio di tempo lavorativo.Studi e statisticaNel 2010 sono state condotte, rispettando le periodicità previste, le attività di rilevazione dei prezzi al consumo finalizzati al calcolo degli indiciNIC e FOI per il monitoraggio, locale e nazionale, delle dinamiche inflazionistiche da parte di ISTAT ed EUROSTAT.Gli ultimi mesi del 2010, diversamente rispetto a quanto avveniva gli anni precedenti, l’ufficio è stato coinvolto in diverse operazioni in vistadelle attività annuali di ribasamento che, oltre all’aggiornamento del paniere dei prodotti, ha avuto per la prima volta come risultato anche un 10
  • 7. cambio nella base di riferimento (l’anno base è diventato il 2010), l’introduzione di un nuovo sistema di classificazione dei prodotti el’introduzione di una nuova metodologia di calcolo e rilevazione per i prodotti stagionali.Nel pieno rispetto delle modalità e tempistiche dettate dall’ISTAT, si sono concluse le indagini: Consumi delle Famiglie (indagine annuale, aconduzione mensile), Sperimentale sui Consumi delle Famiglie, Aspetti della vita quotidiana, Eusilc – Condizioni di vita. Le indagini hannocoinvolto circa 300 famiglie.Nel corso dell’anno sono stati raccolti ed elaborati, anche con la collaborazione di due stagisti, in condivisione con l’Ufficio Comunicazione, idati per la redazione dell’Annuario Statistico 2010. Anche quest’anno l’Annuario ha riportato alcune novità rispetto agli anni precedenti: unanuova impaginazione, un’analisi più approfondita dei capitoli sulle imprese, sul lavoro e sulla giustizia, un nuovo capitolo dedicato ai datisull’ambiente. Nel 2010 sono state anche pubblicate due brochure di aggiornamento sui dati demografici e socio-economici (UdinEnumeri);inoltre, sono stati redatti quattro numeri di Utinum-Informazione statistica di città, approfondendo le tematiche legate agli indici dei prezzi, allascolarizzazione, ai quartieri e ai censimenti. A cadenza mensile sono state pubblicate le principali dinamiche demografiche e inflazionisticherilevate per Udine, con diffusione on-line del Notiziario Statistico. Tutti i dati e le pubblicazioni citate sono state tempestivamente resedisponibili sul sito web del Comune.Ad ottobre è terminato il progetto, in collaborazione con i Servizi Demografici, di numerazione degli appartamenti situati nella PrimaCircoscrizione del Comune (con la collaborazione di due lavoratori socialmente utili); a conclusione del progetto, sono state percorse quasi uncentinaio di sezioni di censimento e numerati circa 7 000 appartamenti.Nel 2010 sono state avviate le diverse attività di preparazione al Censimento della Popolazione e delle Abitazioni, che inizierà a ottobre 2011; inparticolare, l’ufficio ha chiuso le operazioni di revisione delle basi territoriali, anche con la collaborazione dei SIT, e ha partecipato all’indaginesperimentale sull’invio delle Liste Anagrafiche di Censimento. A settembre si sono attivate le operazioni di organizzazione della RilevazioneISTAT dei numeri civici e degli edifici (prevista per i comuni capoluogo di provincia e con oltre 20 000 abitanti). L’indagine, che ha coinvolto28 rilevatori coordinati dall’ufficio, è iniziata il 15 novembre; le rilevazioni sul campo si sono concluse il 31 gennaio 2011, mentre l’invio deidati ad ISTAT per la validazione degli stessi terminerà a marzo 2011. 11
  • 8. SPESA PER PROGRAMMI E PROGETTI - ANNO 2010 PREVISIONI INIZIALI PREVISIONI ATTUALI IMPEGNI MANDATIPROGRAMMA 0 75.684.828,00 75.687.741,08 23.723.507,68 22.487.216,69 TITOLO I SPESE CORRENTI 12.737.375,00 12.743.788,08 11.780.587,03 10.564.041,74INTERVENTO 1 - PERSONALE 5.611.460,00 5.570.060,00 5.397.767,13 5.226.284,10INTERVENTO 2 - ACQUISTO DI BENI DI CONSUMO E/O MATERIE PRIME 294.650,00 358.072,00 308.312,53 233.443,46INTERVENTO 3 - PRESTAZIONI SERVIZI 4.034.500,00 4.054.830,00 3.747.880,40 2.983.971,74INTERVENTO 4 - UTILIZZO DI BENI DI TERZI 1.473.600,00 1.480.300,00 1.419.810,13 1.367.945,81INTERVENTO 5 - TRASFERIMENTI 92.000,00 95.000,00 85.897,86 76.326,03INTERVENTO 6 - INTERESSI PASSIVI E ONERI FINANZIARI DIVERSI 98.400,00 95.400,00 95.023,42 94.699,19INTERVENTO 7 - IMPOSTE E TASSE 480.965,00 516.665,00 495.977,78 373.537,11INTERVENTO 8 - ONERI STRAORDINARI DELLA GESTIONE CORRENTE 95.000,00 240.601,08 229.917,78 207.834,30INTERVENTO 9 - AMMORTAMENTI DI ESERCIZIO - - - -INTERVENTO 11 - FONDO DI RISERVA 556.800,00 332.860,00 - - TITOLO II SPESE IN CONTO CAPITALE 51.023.000,00 51.032.000,00 31.867,92 22.237,16INTERVENTO 1 - ACQUISIZIONE DI BENI IMMOBILI 1.000.000,00 1.000.000,00 - -INTERVENTO 5 - ACQUISIZIONE DI BENI MOBILI, MACCHINE EATTREZZATURE TECNICO-SCIENTIFICHE 23.000,00 32.000,00 31.867,92 22.237,16INTERVENTO 6 - INCARICHI PROFESSIONALI ESTERNI - - - -INTERVENTO 7 - TRASFERIMENTI DI CAPITALE - - - - INTERVENTO 10 - CONCESSIONI DI CREDITI E 50.000.000,00 50.000.000,00 - - TITOLO III SPESE PER RIMBORSO DI PRESTIT 11.924.453,00 11.911.953,00 11.911.052,73 11.900.937,79INTERVENTO 3 - RIMBORSO DI QUOTA CAPITALE DI MUTUI E PRESTITI 10.307.300,00 10.294.800,00 10.294.031,83 10.294.031,83INTERVENTO 4 - RIMBORSO DI PRESTITI OBBLIGAZIONARI 1.607.000,00 1.607.000,00 1.606.905,96 1.606.905,96INTERVENTO 5 - RIMBORSO DI QUOTA CAPITALE DI DEBITI PLURIENNALI 10.153,00 10.153,00 10.114,94 - 12