Il mercato del caffè nei pubblici esercizi in Italia

2,789
-1

Published on

Published in: Business
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
2,789
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
21
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Il mercato del caffè nei pubblici esercizi in Italia

  1. 1. IL CAFFE’ NEI PUBBLICI ESERCIZI IN ITALIA NEL 2010Giandomenico De Franco, Amministratore Unico Competitive Data Milano, 15 giugno 2011 Linea Competitive Analysis
  2. 2. Scenario competitivo La competizione fra le imprese è ulteriormente cresciuta, ed è sempre più difficile attuare strategie di “lock-in” degli esercenti, in quanto sempre più rapida è diventata la rotazione nella gestione degli esercizi. Le torrefazioni leader impegnate in un processo di trasformazione multinazionale tendono a mantenere la propria posizione e concentrano gli sforzi maggiori in termini di sviluppo del fatturato aziendale puntando su mercati esteri e sistemi monoporzionato. Le torrefazioni medie hanno a loro volta intrapreso la via dell’internazionalizzazione e fanno fronte al difficile scenario competitivo stringendo rapporti più stretti con gli esercenti. Chi, negli anni passati, aveva già intrapreso questa direzione, realizzando corsi di formazione per baristi, ridisegnando il merchandising e rivitalizzando i propri prodotti, ha potuto godere di un lieve vantaggio competitivo che le ha permesso di contenere i cali del settore e in alcuni casi crescere in controtendenza rispetto al mercato. Altre torrefazioni dello stesso gruppo ne stanno emulando le iniziative introducendo miscele esclusive di fascia alta e coinvolgendo maggiormente i baristi. Le torrefazioni minori, a carattere provinciale, continuano a giocare sulla leva prezzo e la tentata vendita.2 ©Competitive Data – diritti registrati
  3. 3. Andamento dell’attività Il 2010 rappresenta ancora un anno di flessione per i consumi di caffè all’interno dei pubblici esercizi. Le vendite in volume fanno registrare un calo complessivo dell’ 1,4%, passando dalle 57.800 tonnellate del 2009 alle 56.970 tonnellate del 2010. Rispetto al biennio passato, dove il vending contribuiva a spostare i consumi di caffè dai bar verso altri luoghi di fruizione, nel 2010 il calo lo si può ascrivere alle condizioni generali dell’economia che spingono i consumatori a propendere verso una maggiore parsimonia nei confronti dei consumi fuori casa, e alla contrazione del potere di acquisto delle famiglie, pari al 9,6% dal 2007 ad oggi, mentre continua ad essere in ascesa il fenomeno monoporzionato sia tra le mura domestiche, sia negli uffici, contribuendo, anche nel 2010, a drenare consumi dai bar.3 ©Competitive Data – diritti registrati
  4. 4. Fattori critici di successo Contenimento dei costi Il progressivo innalzamento dei corsi azionari del caffè verde, che hanno subìto una forte accelerazione nella seconda parte del 2010, proseguita nei primi mesi del 2011, genera un incremento, critico, dell’incidenza del costo delle materie prime sui bilanci aziendali che eroderà i margini operativi soprattutto nel 2011. Prezzo – Innovazione In conseguenza di quanto scritto sopra le aziende si troveranno costrette a ritoccare verso l’alto i prezzi di listino, e saranno maggiormente agevolate in questo le torrefazioni che riusciranno ad accompagnare il nuovo pricing con una nuova proposta di valore, come una nuova miscela pregiata, nuovo merchandising, miglioramento dell’assistenza, riportando in auge una innovazione che negli anni passata aveva perso di criticità.4 ©Competitive Data – diritti registrati
  5. 5. Minacce e opportunità5 ©Competitive Data – diritti registrati
  6. 6. Il settore in sintesi INDICATORI VALORI Numero di imprese 570 Numero di addetti specifici 2.900 Numero medio di addetti per impresa 5,1 Valore del mercato a prezzi di fabbrica (Mn. Euro) 868,0 Variazione media annua del mercato a valore 2010/2006 (%) -1,1 Fatturato per addetto (000 euro) 299,3 Valore aggiunto (Mn. Euro) 247,4 Valore aggiunto per addetto (000 Euro) 85,3 Quota di mercato delle prime 4 imprese a valore (%) 26,76 ©Competitive Data – diritti registrati
  7. 7. Indice 1. CONTESTO AMBIENTALE 4.3 Fatturati aziendali 1.1 Identificazione del settore 4.4 Mappa dei gruppi strategici 1.2 Scenario competitivo 4.5 Profili dei principali player 1.3 Fattori critici di successo 4.6 Marketing mix 1.4 Trend dei costi e del fatturato di settore 4.6.1 Strategie di prodotto 2 L’ANDAMENTO DELL’ATTIVITA’ 4.6.2 Condizioni di vendita e strategie di 2.1 Import-Export di caffè verde e torrefatto e produzione prezzo ottenuta 4.6.3 Strategie distributive e reti di vendita 2.2 Dimensioni e trend del mercato del caffè pubblici 4.6.4 Strategie di comunicazione esercizi 4.6.5 Strategie di presenza su internet nel triennio 2008-2010 4.6.6 Web 2.0 2.3 Il mercato per area geografica 4.7 Quote di produzione + import 2.4 Mercati internazionali del caffè 4.8 Quote export 3 STRUTTURA DELLA DOMANDA 4.9 Quote di mercato 3.1 Clienti intermedi: pubblici esercizi, attività ricettive 4.10 Competitive Sectorial Indicator 3.2 Clienti finali 5 PREVISIONI DI MERCATO 3.3 Scenari internazionali: la ristorazione in Europa 5.1 Prospettive di sviluppo a breve termine 3.3.1 Caratteristiche dei consumi alimentari fuori casa in 5.2 Prospettive di sviluppo e opportunità della Europa domanda potenziale 4 STRUTTURA DELL’OFFERTA 5.3 Prospettive di sviluppo a medio termine 4.1 Principali player presenti sul mercato (filiali, 5.4 Minacce e opportunità stabilimenti, unità produttive, ecc.) 4.2 Partecipazioni azionarie, gruppi, e variazioni rilevanti negli assetti proprietari7 ©Competitive Data – diritti registrati
  8. 8. Contatti Via Aurispa, 7 20122 Milano Email: info@compedata.com www.compedata.com Tel. 02 45477751 ©Competitive Data – diritti registrati

×